La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/ AGEMAS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS"

Transcript

1 Comune di Feltre Comune di Pedavena Comune di Comune di Belluno Ponte nelle Alpi Comune di La Valle Progetto LIFE 04 EN/IT/ AGEMAS Integrazione di Agenda 21 ed EMAS in un ambito rurale e naturalistico omogeneo di rilevante valore ecologico Bologna 14 Settembre 2007 Valter Bonan coordinatore AGEMAS 1

2 2

3 Buone Pratiche: Progetto Carta qualità Progetto finanziato dall Unione Europea Fondo FEAOG - Programma Leader II 3 GAL 2 Prealpi e Dolomiti Bellunesi e Feltrine

4 Come funziona la carta 1. Disciplinari: a. fissano i criteri di qualità ed ecocompatibilità b. requisiti: obbligatori/facoltativi c. Definiscono le procedure di controllo e mantenimento 2. Assegnazione del Marchio 3. Promozione a. Giornale del Parco b. Pieghevoli - Pubblicazioni c. Fiere d. Sito Internet 4

5 Le adesioni a carta qualità ( 2007) N Aziende aderenti /08/ /10/ /12/ /02/ /04/ /06/ /08/ /10/ /12/ /02/ /04/ /06/ /08/ /10/ /12/ /02/ /04/ /06/ /08/ /10/ /12/ /02/ /04/ /06/ /08/ /10/2006 5

6 Le adesioni a carta qualità (2007) menù del Parco 14% artigianato 7% eventi 5% ed. ambientale 1% commercio 10% ospitalità 31% agroalimentare 32% 6

7 parco nazionale dolomiti bellunesi Il Parco: qualità certificata ISO 9001: 2000 ISO 14001: 1996 Registrazione EMAS Registrazione EMAS 7

8 ettari:la superficie 15: i Comuni interessati 5: le Comunità montane del territorio 88: i residenti entro i confini : i residenti dei 15 Comuni (48,5% della provincia) _ Limiti Comunali _ PPES _ PNDB 8

9 Comune di Feltre Comune di Pedavena Comune di Comune di Belluno Ponte nelle Alpi Comune di La Valle AGEMAS gli obiettivi di progetto Registrazione Emas di un terzo dei comuni del parco Validazione modello area vasta Integrazione Agenda 21 Valorizzazione Carta Qualità evoluzione in Ecolabel 9

10 Un idea di futuro di qualità Dalle politiche settoriali alle politiche di sistema Governo del territorio e processi partecipativi Agenda 21 EMAS 10

11 Piani territoriali Piano del Parco PPES Piano Strategico Prov. P.T.C.P. Pati- Program.Comunale EMAS Politica Ambientale Dichiarazione Ambientale Analisi Ambientale Iniziale Programma Ambientale Audit Agenda 21 Forum Istituzionale Forum Civico Rapporto sullo Stato dell Ambiente Piano di Azione Comitato di monitoraggio Strumenti comunicativi 11

12 AGEMAS: gli obiettivi strategici Integrazione politiche ambientali Governance territoriale Consolidamento dei metodi partecipativi ed estensione dei processi di qualificazione Trasparenza dei momenti decisionali Definizione e valorizzazione di un marchio territoriale dei prodotti e dei servizi di qualità Competizione virtuosa e connessione con reti affini 12

13 Partners e Collaborazioni Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Comuni di Belluno-Feltre-La Valle Agordina-Pedavena-Ponte Nelle Alpi Comunità del Parco Istituto Ambiente Italia Ente Provincia di Belluno 13

14 Comune di Feltre Comune di Pedavena Comune di Comune di Belluno Ponte nelle Alpi Comune di La Valle Schema di attivazione Costituzione Comitato Promotore Politica ambientale Analisi ambientale iniziale Programma ambientale Sistema gestione ambientale Audit Dichiarazione ambientale Verifica Registrazione 14

15 I temi considerati nell A.A.I A.A.I. ed il numero di indicatori Aspetti socio economici (4) Agricoltura (6) Industria e Servizi (3) Turismo (4) Insediamenti e Urbanizzazione (2) Aria (2) Acqua (9) Suolo (9) Biodiversità (6) Rifiuti (4) Energia (4) Rumore (2) Mobilità (4) 57 indicatori 13 Capitoli tematici 15

16 Aria valutazione sintetica AR1 AR2 IND TEN GIU Adeguatezza ed efficienza della rete di rilevamento S Immissioni Anidride solforosa SO2 S Immissioni Biossido di azoto NO2 S Immissioni Monossido di carbonio CO S Immissioni Particelle fini PM10 S Benzene C6H6 S Ozono O3 S NV 16

17 ACQ1 ACQ2 AC Q3 ACQ4 ACQ5 AC Q6 Acqua valutazione sintetica IND TEN GIU Qualità ambientale corsi d acqua superficiali S Qualità biologica corsi d acqua superficiali S Qualità ambientale dei laghi S Qualità ambientale delle acque sotterranee S Portate dei corsi d acqua ed efficacia del Deflusso Minimo Vitale S-R Prelievi idrici P ó NV NV NV AC Q7 Consumi e perdite idrici P NV ACQ8 ACQ9 Efficienza del sistema di raccolta delle acque reflue R Efficienza del sistema di trattamento delle acque reflue R NV NV NV 17

18 Prelievi idrici nei Comuni del PNDB - Volume medio captato - Anno 2005 Captazioni di soggetti pubblici - fonti di approvvigionamento degli acquedotti Sovramonte Sospirolo Sedico S. Giustina B. S. Gregorio nelle Alpi Rivamonte A. Ponte nelle Alpi Pedavena Longarone stesso Comune altro Comune PNDB C.M. Bellunese La Valle Agordina Gosaldo Forno di Zoldo Feltre Cesiomaggiore Belluno m3/anno x

19 La Politica Ambientale: assi Asse 1: Acque, Paesaggio e Habitat Conservare l identità culturale e la biodiversità naturale del nostro territorio Asse 2: Mobilità sostenibile per migliorare l accessibilità e la qualità della vita Asse 3: Investire nelle produzione di qualità, creare imprese ed economia diversificate, favorire l autoimprenditorialità giovanile Asse 4: Puntare all eccellenza e all efficenza nella gestione delle risorse le politiche ambientali come marchio di qualità e riconoscibilità del territorio 19

20 Comune di Feltre Comune di Pedavena Comune di Comune di Belluno Ponte nelle Alpi Comune di La Valle Forum di AGEMAS Forum istituzionale Forum socioeconomico Forum civico Forum generali Tematici: energia,mobilità, qualità aria,rifiuti 42 incontri settoriali, oltre 100 partecipanti a ciascun Forum Generale video conferenze tv locali 20

21 21

22 _ Mobilità: : azioni del programma Coordinamento piani di azione per la riduzione inquinamento aria (p.a.g.) Integrazione intermodale Percorsi ciclabili, mappatura e connessioni (Belluno-Feltre / Dobbiaco-Ve) Studio fattibilità treno navetta Feltre-Longarone Miglioramento offerta trasporto pubblico su gomma (Pronto bus) Conversione parco veicoli 22

23 Energia: azioni del programma Piano operativo per il risparmio energetico e uso fonti rinnovabili Efficienza energetica telecontrollo consumi energetici strutture pubbliche Certificazione energetica degli edifici Estensione rete distribuzione metano per autotrazione Regolamento edilizio tipo Sportello Energia 23

24 Integrazione delle politiche e degli strumenti Oltre i confini del Parco Le visioni di riferimento Agenda 21 Comunità Connessioni reti 6 programma per l ambiente affini UE Strategie per lo sviluppo sostenibile in Italia Convenzione Aarhus Oltre i confini normativi Convenzione delle Alpi Politiche di sistema rete Natura Verso EMAS III

25 Riconoscere e valorizzare le azioni volontarie di certificazione e sostenibilità Premialità nell accesso ai fondi strutturali, delle politiche nazionali e regionali di settore Semplificazioni procedurali Allentamenti motivati ai vincoli di bilancio Agevolazioni fiscali ed assicurative 25

26 Coesione sociale, identità e innovazione per la qualità territoriale 26

CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DEL TERRITORIO E DELLE ATTIVITA TURISTICHE DELL AREA DEL METAPONTINO

CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DEL TERRITORIO E DELLE ATTIVITA TURISTICHE DELL AREA DEL METAPONTINO CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DEL TERRITORIO E DELLE ATTIVITA TURISTICHE DELL AREA DEL METAPONTINO Programma operativo Matera, 20 marzo 2008 Consulenza scientifica 1 Presentazione di Ambiente Italia Ambiente

Dettagli

Porretta Terme 29 settembre 2007. Valter Bonan Federparchi ECOAPENNINO. La montagna un ritorno al futuro

Porretta Terme 29 settembre 2007. Valter Bonan Federparchi ECOAPENNINO. La montagna un ritorno al futuro Valter Bonan Federparchi Porretta Terme 29 settembre 2007 La montagna un ritorno al futuro ECOAPENNINO Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Montagne in movimento Ritorno al futuro

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Bisaccia del Viandante

Bisaccia del Viandante PROGETTO DI COOPERAZIONE INTERTERRITORIALE I CAMMINI D EUROPA RETE EUROPEA DI STORIA, CULTURA E TURISMO Richiesta di adesione alla Bisaccia del Viandante Prodotti AGRO-ALIMENTARI Al fine di richiedere

Dettagli

Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte

Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte Convegno MONITORAGGIO, INFORMAZIONE E CONTROLLI AMBIENTALI PER LO SVILUPPO DELLA GREEN ECONOMY Roma, 23 novembre 2010 Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte Ing. Silvano Ravera Direttore Generale

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

M. Mengoli Monselice 14 novembre 2008

M. Mengoli Monselice 14 novembre 2008 M. Mengoli Monselice 14 novembre 2008 1 La proposta di EMAS III individua per gli stati membri una serie di obblighi (Capo VII): Assistenza alle organizzazioni ai fini del rispetto degli obblighi normativi

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO EMAS

PROGRAMMA FORMATIVO EMAS PROGRAMMA FORMATIVO EMAS Tipo di FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 (16 h) Generale Elementi di Diritto civile e Diritto amministrativo Ecologia Risparmio energetico e di materie

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

TURISMO E TUTELA DEL TERRITORIO

TURISMO E TUTELA DEL TERRITORIO TURISMO E TUTELA DEL TERRITORIO CROATTI Gabriele ARPA Sezione di Rimini Perché il nostro corso Obiettivo del nostro corso è cercare di spiegare come le presenze turistiche influiscano sulle matrici ambientali

Dettagli

CARTA QUALITA PNDB. Agroalimentare. Richiedente:. Riservato all Ufficio. Codice:. SGA - SGQ ISO 14001:1996 EN ISO 9001:2000. Pag.

CARTA QUALITA PNDB. Agroalimentare. Richiedente:. Riservato all Ufficio. Codice:. SGA - SGQ ISO 14001:1996 EN ISO 9001:2000. Pag. Pag. 1 di 7 CARTA QUALITA PNDB Richiesta della concessione d uso del marchio Settore AGROALIMENTARE Richiedente:. Riservato all Ufficio Codice:. Pag. 2 di 7 INDICE REQUISITI PER LA CONCESSIONE D USO DEL

Dettagli

Progetto CARBOMARK Il target delle aziende potenzialmente interessate all acquisto delle quote di CO2

Progetto CARBOMARK Il target delle aziende potenzialmente interessate all acquisto delle quote di CO2 Progetto CARBOMARK Il target delle aziende potenzialmente interessate all acquisto delle quote di CO2 Dr. Federico Balzan Divisione Ricerca & Sviluppo Castellavazzo, 10 marzo 2010 Certificazioni La certificazione

Dettagli

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05 NEWSLETTER n. 41 a cura dell Ufficio del Portavoce Ufficio Stampa di ARPA Lombardia Giovanni Galgano Tel. 02.69666.362 Grafica ProgettoWEB ARPA Lombardia Sommario CHE ARIA TIRA A VARESE 2 IL CENTRO DI

Dettagli

PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT VERBALE

PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT VERBALE COMUNE DI CASSINA DE PECCHI Provincia di Milano PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT 16 OTTOBRE 2008 VERBALE Il giorno 16 ottobre 2008 alle ore 10,30 si è riunita presso la Sede Municipale

Dettagli

Sessione: CONTI FISICI, INDICATORI E REPORTING PER LA SOSTENIBILITA LOCALE Introduzione e conclusioni di Maria Berrini (Ambiente Italia)

Sessione: CONTI FISICI, INDICATORI E REPORTING PER LA SOSTENIBILITA LOCALE Introduzione e conclusioni di Maria Berrini (Ambiente Italia) Sessione: CONTI FISICI, INDICATORI E REPORTING PER LA SOSTENIBILITA LOCALE Introduzione e conclusioni di Maria Berrini (Ambiente Italia) Introduzione: Quali indicatori per l attuazione della Strategia

Dettagli

CALENDARIO TURNAZIONE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI. Periodo di validità: dal 01.07.2015 al 30.06.2016

CALENDARIO TURNAZIONE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI. Periodo di validità: dal 01.07.2015 al 30.06.2016 QUESTURA DI BELLUNO Ufficio Prevenzione Generale Soccorso Pubblico Centro Operativo Telecomunicazioni tel. 0437-945731- 945732 COORDINATORE 0437/945736 fax 0437 945737 upgsp.bl@poliziadistato.it CALENDARIO

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia Comune di Sant'Ilario d'enza Provincia di Reggio Emilia L.1150/1942 - L.R. 20/2000 e s.m.i PIANO URBANISTICO COMUNALE Capoluogo Calerno Sindaco Assessore all'urbanistica Segretario Comunale Ufficio Tecnico

Dettagli

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Workshop AIDAP: Classificare per Innovare la Gestione delle Aree Protette Torino 19 Maggio 2008 Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Andare oltre i confini L esperienza del Parco

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

provincia di mantova

provincia di mantova IL MONITORAGGIO NELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PROVINCIALE Pistoia - giovedì 10 febbraio 2011 tavola rotonda sulle esperienze delle province PROVINCIA DI MANTOVA Lavori in corso per l attuazione del

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

Progetto Bike Tourism per la valorizzazione e la promozione sostenibile delle risorse endogene transfrontaliere

Progetto Bike Tourism per la valorizzazione e la promozione sostenibile delle risorse endogene transfrontaliere Progetto co-finanziato attraverso il Programma Interreg IV Italia-Austria (FESR) Progetto Bike Tourism per la valorizzazione e la promozione sostenibile delle risorse endogene transfrontaliere Istituzione

Dettagli

SUPPORTO ALLE DECISIONI PER LA PROMOZIONE DEL RISPARMIO ENERGETICO E DELLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI

SUPPORTO ALLE DECISIONI PER LA PROMOZIONE DEL RISPARMIO ENERGETICO E DELLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI SUPPORTO ALLE DECISIONI PER LA PROMOZIONE DEL RISPARMIO ENERGETICO E DELLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI Il Consorzio dei Comuni del Bacino Imbrifero Montano del Piave appartenenti alla Provincia di Belluno

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

Circuito turistico integrato

Circuito turistico integrato ospiti di valore Circuito turistico integrato Terre di Siena Ospiti di Valore Codice di comportamento Art. 1 - Valori delle Terre di Siena Lo sviluppo economico delle Terre di Siena dipende dalla capacità

Dettagli

rispetta il presente per avere un

rispetta il presente per avere un rispetta il presente per avere un domani STUDIO MASTER ECOLOGY CONSULTING crede che una qualsiasi organizzazione, pubblica e privata, possa trarre proficui vantaggi dalla impostazione interna di risorse,

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

Date OTTOBRE 2008 GIUGNO 2010

Date OTTOBRE 2008 GIUGNO 2010 Romagna; caratterizzazione e analisi della filiera del settore delle energie rinnovabili ed efficienza energetica nell ambito del rapporto green economy. - attività di gestione e monitoraggio dell Osservatorio

Dettagli

FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA. Appendice al Piano d'azione Le Priorità

FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA. Appendice al Piano d'azione Le Priorità di Mantova - Assessorato Ambiente FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA Appendice al Piano d'azione Le Priorità Agenda 21 Mantova - via Roma 39 46100 MANTOVA - @mail:agenda21lmantova@domino.comune.mantova.it

Dettagli

Sede Legale: Piazza della Vittoria, 21 32036 Sedico (BL) Tel. (+39)-0437-838586 - Fax (+39)-0437-443916 - e-mail: info@gal2.it - www.gal2.

Sede Legale: Piazza della Vittoria, 21 32036 Sedico (BL) Tel. (+39)-0437-838586 - Fax (+39)-0437-443916 - e-mail: info@gal2.it - www.gal2. SCHEDA PROGETTO Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 - Asse 4 LEADER Programma di Sviluppo Locale PRE.D.I.R.E. Prealpi e Dolomiti per l Innovazione e il Rilancio dell Economia Misura 323/a

Dettagli

4. FATTORI DI RISPOSTA AMBIENTALE

4. FATTORI DI RISPOSTA AMBIENTALE 4. FATTORI DI RISPOSTA AMBIENTALE La gravità delle condizioni ambientali ha sollecitato il territorio milanese ad approntare misure di tutela, di mitigazione degli impatti, di ripristino della qualità

Dettagli

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020 Pierpaolo Pallara Mesagne, 7 marzo 2014 In quale contesto si inserisce il nuovo processo di programmazione della politica di sviluppo rurale

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

L Agenda 21 Locale di Formia: esperimento di partecipazione Massimo Leone Q&A srl Formia, 23 settembre 2009 www.qeasrl.it Cos è l Agenda 21 Locale L Agenda 21 Locale, secondo la Guida Europea all Agenda

Dettagli

PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014. Obiettivo Traguardo Scadenza Azioni Indicatore Risorse

PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014. Obiettivo Traguardo Scadenza Azioni Indicatore Risorse PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014 N 2010_ 45,72% 2011_ 48,55% 2012_ 48,52% 2013_ 51,32% 2014_ 53,02% 1 Incremento raccolta differenziata nella Provincia di Prato

Dettagli

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Santarcangelo di Romagna 19 Febbraio 2015 Le politiche energetiche in Europa

Dettagli

Indicatori chiave nella Pubblica Amministrazione : gli elementi emersi alla conferenza internazionale di Brussels

Indicatori chiave nella Pubblica Amministrazione : gli elementi emersi alla conferenza internazionale di Brussels EMAS: performance, credibility, transparency Mara D Amico D ISPRA Indicatori chiave nella Pubblica Amministrazione : gli elementi emersi alla conferenza internazionale di Brussels Bologna 02 febbario 2011

Dettagli

La Macchina del Clima

La Macchina del Clima Il Piano Energetico Ambientale della Provincia di Bologna Emanuele Burgin - Porretta, 18 marzo 2006 Evaporation Precipitation Sea Ice Oceans Biosphere Run-off Soil Moisture La Macchina del Clima Radiazione

Dettagli

PROGETTO MONITOR La condivisione dei dati a supporto delle valutazioni ambientali Esperienze nei comuni

PROGETTO MONITOR La condivisione dei dati a supporto delle valutazioni ambientali Esperienze nei comuni PROGETTO MONITOR La condivisione dei dati a supporto delle valutazioni ambientali Esperienze nei comuni Condivisione dei dati per il governo del territorio e per il monitoraggio dello stato dell ambiente

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO CANTONALE (PEC)

IL PIANO ENERGETICO CANTONALE (PEC) IL PIANO ENERGETICO CANTONALE (PEC) Il ruolo dei Comuni nell attuazione del PEC Pomeriggio SvizzeraEnergia sui nuovi mezzi finanziari per la politica energetica comunale 10.9.2014 Giovanni Bernasconi Sezione

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

(VHPSLGLLQGLFDWRULFKLDYHDSSOLFDELOLDL&RPXQLDLVHQVLGHOSXQWR/HWW&$//,9 'DWLSUHOLPLQDULSHUODFRVWUX]LRQHGHOO LQGLFDWRUHHGDULSRUWDUHLQ'$

(VHPSLGLLQGLFDWRULFKLDYHDSSOLFDELOLDL&RPXQLDLVHQVLGHOSXQWR/HWW&$//,9 'DWLSUHOLPLQDULSHUODFRVWUX]LRQHGHOO LQGLFDWRUHHGDULSRUWDUHLQ'$ LINEA GUIDA CERTIQUALITY SULL APPLICAZIONE DI INDICATORI CHIAVE E ALTRI INDICATORI DI PRESTAZIONE AMBIENTALE PER I COMUNI (SETTORE PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - NACE 84.11), AI SENSI DELL ALLEGATO IV, LETTERA

Dettagli

Certificazioni e strumenti volontari di turismo sostenibile e responsabile: i trend internazionali e l esperienza del Trentino

Certificazioni e strumenti volontari di turismo sostenibile e responsabile: i trend internazionali e l esperienza del Trentino Certificazioni e strumenti volontari di turismo sostenibile e responsabile: i trend internazionali e l esperienza del Trentino PAOLO GRIGOLLI DIRETTORE SCUOLA MANAGEMENT DEL TURISMO DI TSM RIMINI, 19 FEBBRAIO

Dettagli

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Comune di Bologna Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Giovanni Fini Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città Settore Ambiente UI Valutazioni e Controllo

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 ASSE 4 LEADER ATTUAZIONE STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 ASSE 4 LEADER ATTUAZIONE STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 ASSE 4 LEADER ATTUAZIONE STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE Approvato con deliberazione dell Ufficio di Presidenza del Gal SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Alto Bellunese

Dettagli

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici Europa, sostegno ed Partecipazione e reti ecomusei Interessa? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione europea In che ambiti? Con chi? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione

Dettagli

Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde. Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello

Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde. Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello Febbraio 2006 Premessa Il seguente Piano di Azioni scaturisce da un articolato processo

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

TRIBUNALE DI BELLUNO

TRIBUNALE DI BELLUNO TRIBUNALE DI BELLUNO ELENCO CONVENZIONI PER LAVORI DI PUBBLICA UTILITA - Art. 54 del D. L.vo 28.08.2000 n. 274 e 2 del D.M. 26.03.2001 - COMUNI SCADENZA N CONDANNATI ATTIVITA Taibon Agordino 19.06.2017

Dettagli

Cos è un APEA? Una nuova opportunità per le imprese insediate. Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata IL POLO AGROALIMENTARE FILAGNI

Cos è un APEA? Una nuova opportunità per le imprese insediate. Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata IL POLO AGROALIMENTARE FILAGNI Cos è un APEA? IL POLO AGROALIMENTARE FILAGNI L AREA PRODUTTIVA ECOLOGICAMENTE ATTREZZATA (APEA) Una nuova opportunità per le imprese insediate Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata Elevati standard

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL TERRITORIO: BANCHE DATI E SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI IL CENTRO SERVIZI TERRITORIALE DI BELLUNO

LA CONOSCENZA DEL TERRITORIO: BANCHE DATI E SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI IL CENTRO SERVIZI TERRITORIALE DI BELLUNO CONSORZIO DEI COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL PIAVE APPARTENENTI ALLA PROVINCIA DI BELLUNO LA CONOSCENZA DEL TERRITORIO: BANCHE DATI E SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI IL CENTRO SERVIZI TERRITORIALE

Dettagli

Calendario delle fiere 2016

Calendario delle fiere 2016 Calendario delle fiere 2016 Data Località Denominazione 14 febbraio Limana Mostra dell artigianato e vecchie tradizioni 13 marzo Antica Fiera della Madonna Addolorata 13 marzo Lentiai Fiera di Primavera

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA Redatto in collaborazione con la Società Techne Consulting S.r.l. di Roma 2007 1. PREMESSA Il Piano è stato redatto in

Dettagli

Tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante ed essenziale del presente atto, si sancisce il presente accordo:

Tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante ed essenziale del presente atto, si sancisce il presente accordo: PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO PILOTA DI RICONVERSIONE COLTURALE, CON FINALITÁ ECOLOGICHE E PAESAGGISTICHE, DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE DEI COMUNI DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI STAGNO LOMBARDO

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI STAGNO LOMBARDO COMUNE DI STAGNO LOMBARDO PROVINCIA DI CREMONA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI STAGNO LOMBARDO VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA SINTESI NON TECNICA (Allegato del Rapporto Ambientale) 26

Dettagli

Neighborhood Sustainability Assessment: la sostenibilità delle isole per l abitare. Prof. Giovanni Zurlini

Neighborhood Sustainability Assessment: la sostenibilità delle isole per l abitare. Prof. Giovanni Zurlini Lab. di Ecologia del Paesaggio, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche ed Ambientali, Università del Salento Neighborhood Sustainability Assessment: la sostenibilità delle isole per l abitare

Dettagli

Le linee strategiche del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020

Le linee strategiche del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA Le linee strategiche del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 Lorenzo Bisogni Incontro con i Sindaci delle 5 Province settembre 2015 1 I temi della relazione Le strategie

Dettagli

Struttura gerachica degli indicatori

Struttura gerachica degli indicatori Struttura gerachica degli indicatori TURISMO Flussi turistici Tempi di permanenza dei turisti Arrivi Presenze Tempo di permanenza medio Arrivi medi giornalieri (lungo tutto l'anno) Presenze medie giornaliere

Dettagli

Secondo Forum territoriale di Agenda 21 Corbetta 19 ottobre 2007. Report integrale

Secondo Forum territoriale di Agenda 21 Corbetta 19 ottobre 2007. Report integrale Secondo Forum territoriale di Agenda 21 Corbetta 19 ottobre 2007 Report integrale ABCittà società cooperativa sociale onlus www.abcitta.org Azioni Forum 02 Breve descrizione dei programmi e degli obiettivi

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006.

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006. Direzione e Uffici Alla cortese attenzione di Dott.ssa ELISA BIANCHI Ufficio Tecnico Comune di Mesero Via San Bernardo 41 20010 MESERO (MI) PEC: comune.mesero@pec.regione.lombardia.it OGGETTO: Trasmissione

Dettagli

da misura e gestione delle performance ambientali a comunicazione certificata eccellenza: basata sul confronto tramite l informazione

da misura e gestione delle performance ambientali a comunicazione certificata eccellenza: basata sul confronto tramite l informazione 1 Strumenti Volontari evoluzione dal 2003 da misura e gestione delle performance ambientali certificazione di gestione: miglioramento continuo a comunicazione certificata eccellenza: basata sul confronto

Dettagli

espressione pareri / relazioni tecniche vigilanza processi primari analisi e monitoraggio Quale ruolo nel contesto degli strumenti volontari?

espressione pareri / relazioni tecniche vigilanza processi primari analisi e monitoraggio Quale ruolo nel contesto degli strumenti volontari? Agenzia per l Ambientel espressione pareri / relazioni tecniche processi primari vigilanza analisi e monitoraggio Quale ruolo nel contesto degli strumenti volontari? Cosa dice la L.R. 44/95 s.m.i.?.? L'ARPA.in

Dettagli

Energia dall acqua acqua in montagna

Energia dall acqua acqua in montagna Energia dall acqua acqua in montagna Solaro ((MI MI) ) 13 giugno 2009 La montagna come risorsa energetica? Riferimento Biogeografico 1 o STEP Acquisizione di informazioni e competenze tecniche adeguate:

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia

La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia Tavola rotonda: L ISPRA e il Sistema Paese sui temi della Biodiversità La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia Obiettivo strategico: tutelare la Biodiversità

Dettagli

Bergamo Agricoltura Energia Industria Trasporti Rifiuti Aria Acqua

Bergamo Agricoltura Energia Industria Trasporti Rifiuti Aria Acqua 13-Province01.qxd 5-04-2007 9:23 Pagina 161 I territori provinciali - Bergamo Il territorio provinciale di Bergamo delimitato a ovest dal fiume Adda e ad est dal fiume Oglio si estende per una larghezza

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

LA CONTABILITA AMBIENTALE della comunita montana unione comuni PARMA EST

LA CONTABILITA AMBIENTALE della comunita montana unione comuni PARMA EST LA CONTABILITA AMBIENTALE della comunita montana unione comuni PARMA EST LA MONTAGNA DA I NUMERI ALL AMBIENTE Siamo fieri di presentarvi la prima Comunità Montana in Italia che ha realizzato un bilancio

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI

PROFILI PROFESSIONALI A S S O C I A Z I O N E I T A L I A N A S C I E N Z E A M B I E N T A L I C O M I T A T O S C I E N T I F I C O S E G R E T E R I A S O C I O L A U R E A T O E S P E R T O PROFILI PROFESSIONALI I profili

Dettagli

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO 65 66 Ecologia e ambiente Linee programmatiche o Promuovere e potenziare azioni ed interventi volti a migliorare la qualità dell aria, dell acqua e del suolo o Incentivare

Dettagli

Percorso Energia in A21L

Percorso Energia in A21L Percorso Energia in A21L Comunità Montana Valtellina di Tirano (So) Comune di Grosio (So) Milano, 27 Giugno 2005 Enti promotori Comunità Montana Valtellina di Tirano (Assessore Territorio Ambiente e Sviluppo

Dettagli

PROPOSTA PIANO DI GESTIONE 2007

PROPOSTA PIANO DI GESTIONE 2007 Parco PROPOSTA PIANO DI GESTIONE 2007 PREMESSA Nel corso del 2006 il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi si è attivato svolgendo un intensa azione di comunicazione e sensibilizzazione dell opinione pubblica

Dettagli

Agenda Digitale del Veneto E le linee di finanziamento FESR 2014-20

Agenda Digitale del Veneto E le linee di finanziamento FESR 2014-20 Agenda Digitale del Veneto E le linee di finanziamento FESR 2014-20 Elvio Tasso Regione del Veneto - Sezione Sistemi Informativi 29 aprile 2016 Belluno L Agenda Digitale del Veneto #ADVeneto Documento

Dettagli

Analisi delle dinamiche e delle criticità

Analisi delle dinamiche e delle criticità Tabella A. area tematica: INNOVAZIONE E QUALITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistenti prelievi di risorse idriche a usi industriali nell area della Conca

Dettagli

Figura 17 stato di fatto: uso suolo, stralcio tavola A5 del PGT di Casnigo con ubicazione dell area di intervento

Figura 17 stato di fatto: uso suolo, stralcio tavola A5 del PGT di Casnigo con ubicazione dell area di intervento Figura 17 stato di fatto: uso suolo, stralcio tavola A5 del PGT di Casnigo con ubicazione dell area di intervento Figura 18 area di progetto vista verso SW: sullo sfondo si nota il primo cavedio da coprire;

Dettagli

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009 Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna 9 gennaio 2009 1 COS È EMAS Acronimo inglese per : Eco Management and Audit Scheme Significa: Sistema di Gestione Ambientale basato sulla Ecogestione

Dettagli

Comune di Bovolenta PIANO DI ASSETTO DEL TERRITORIO. Valutazione Ambientale Strategica PARTE IV - VERIFICA DEL PIANO

Comune di Bovolenta PIANO DI ASSETTO DEL TERRITORIO. Valutazione Ambientale Strategica PARTE IV - VERIFICA DEL PIANO Comune di Bovolenta PIANO DI ASSETTO DEL TERRITORIO Valutazione Ambientale Strategica PARTE IV - VERIFICA DEL PIANO 7 8. ANALISI DEGLI INDICATORI DI STATO/IMPATTO A SEGUITO DELLA ATTUAZIONE DEL PIANO In

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE Nella colonna viene indicato con una sigla il sistema ed il settore a cui fa riferimento l'indicatore (es. SE.POP.1= (SE) Sistema socioeconomico, (POP) settore popolazione,

Dettagli

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Regione Lombardia Milano LOMBARDIA: UNA REGIONE IN EUROPA Ridurre

Dettagli

I vantaggi di una impresa eco - efficiente

I vantaggi di una impresa eco - efficiente I vantaggi di una impresa eco - efficiente Diminuiscono Impatti ambientali Incidenti Rischi di contenziosi Costi assicurativi Costi di smaltimento Aumentano Coinvolgimento operatori Immagine per le parti

Dettagli

Manifestazione d interesse Progetti Chiave

Manifestazione d interesse Progetti Chiave PROGRAMMA DI SVILUPPO LOCALE (PSL) 2014-2020 Manifestazione d interesse Progetti Chiave (Scheda SOLO per PRIVATI) Adesione ai Progetti Chiave nell ambito del Programma di Sviluppo Locale Leader 2014-2020

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Bologna green un nuovo verde urbano

Bologna green un nuovo verde urbano Bologna green un nuovo verde urbano Bologna, 17 giugno 2015 Gli orti a Bologna una storia che viene da lontano e che si rigenera in termini di : - sostenibilita - coinvolgimento di nuovi cittadini e formazione

Dettagli

Le misure del nuovo PSR

Le misure del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani ARIA- SUOLO: NOVITA' PER IL PSR 2014-2020 Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia

Dettagli

IL CICLO DELLE RISORSE ALIMENTARI Sostenibilità ambientale della produzione alimentare: trasformazione,trasporto,distribuzione 14 maggio 2009 Massimo Mauri ARPA Lombardia Indice: 1. Sostenibilità e salubrità

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli