Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi"

Transcript

1 A BELLUNO Comune di Belluno Settore Interventi sul Territorio Unità Organizzativa Opere Pubbliche Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi Arch. Loredana Facchin Belluno 13 Ottobre 2008

2 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO A BELLUNO con i bambini delle quinte classi della scuola primaria LA E' IL RISULTATO DI UN PERCORSO COMPLESSO CHE SI E' ARTICOLATO IN DUE FASI DISTINTE MA CORRELATE, IDEATE E CURATE DALL'ARCHITETTO IRMA VISALLI: 1. CONOSCERE PER ABITARE 2. GIOCHIAMO A PROGETTARE SUL SERIO L INIZIATIVA HA RIGUARDATO LA RIQUALIFICAZIONE DI TRE ZONE A CASTION, TISOI E LAMBIOI

3 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO LE ESPERIENZE PROGETTUALI SONO CARATTERIZZATE DA UN PROCESSO METODOLOGICO GENERALE COSTITUITO DA TRE FASI: 1 - FASE PRELIMINARE E CONCETTUALE (identità locale, senso e significato dell'abitare, viene introdotto il concetto di progettazione partecipata).

4 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO 2 - FASE ANALITICA (Analisi del contesto specifico, individuazione dell'identità del luogo, quale insieme di relazioni fra uomo, natura e artificialità e delle esigenze dei futuri fruitori: I BAMBINI HANNO ASCOLTATO ESPERTI LOCALI, PERSONE DISABILI, ABITANTI, HANNO INTERVISTATO PARENTI E AMICI DI OGNI ETA').

5 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO 3 - FASE PROGETTUALE (Vengono affinate le scelte progettuali: localizzazione delle funzioni, scelta delle specie arboree, definizione degli spazi per il gioco. Le scelte progettuali sono state quindi inserite in un disegno che appare come un collage di immagini).

6 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO IL COORDINAMENTO DEL LAVORO SVOLTO A SCUOLA CON LE STRUTTURE DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA COINVOLTE HA CONDOTTO I BAMBINI AL CONFRONTO CON PROBLEMATICHE ECONOMICHE E TECNICHE LEGATE ALLA FATTIBILITA' DEI PROGETTI: CON LA E' STATO ELABORATO UN INSIEME DI PRESCRIZIONI E INDIRIZZI DA CONSEGNARE ALL'AMMINISTRAZIONE PER PROCEDERE CON LA PROGETTA- ZIONE ESECUTIVA DI TRE AREE A VERDE PUBBLICO ATTREZZATO

7 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO

8 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO Descrizione PARCO BASILISCO del progetto A CASTION L'INTERVENTO PROGETTUALE L'AMBITO D'INTERVENTO E' QUELLO DELLA FRAZIONE DI CASTION (SISTEMA URBANO). Il Parco è ubicato vicino al centro dell'insediamento: a confine si trova la scuola primaria in cui si è svolto il lavoro di progettazione, oltre alla scuola materna e a un edificio destinato a residenza per anziani. L'attenzione dei bambini, dato il contesto, è stata focalizzata sulle possibilità di fruizione diretta del Parco da parte delle strutture limitrofe: bambini dai 3 ai 10 anni, adulti, anziani. Il nome deriva dal disegno di una bambina per la pavimentazione raffigurante un basilisco a due teste (tratto da una leggenda locale) che gioca a nascondersi dietro a un cespuglio.

9 Descrizione del progetto PROGETTO DEI BAMBINI DELLA CLASSE QUINTA

10 L AREA PRIMA DELL INTERVENTO

11 SCHEDA TECNICA COSTI Importo di progetto: Importo di aggiudicazione: ,82 +IVA ,12 +IVA MATERIALI calcestruzzo armato per scala, legname per scala, percorsi in ghiaino bianco lavato, cordonate in calcestruzzo, lastre di porfido per scale, recinzione in legno MATERIALI VEGETALI siepe (Carpino bianco, Maggiociondolo, Pallon di maggio, Viburno, Nocciolo), Tiglio, Frassino, alberi da frutta (Pero, Susino) AREE GIOCO/SOSTA sono presenti aree per la sosta e per il gioco DATI DIMENSIONALI Superficie di progetto m² Superficie realizzata m² 4.250

12 Le scelte progettuali possono essere ricondotte ai seguenti interventi principali: demolizione e rimozione di alcuni manufatti spianamento, modellazione e vagliatura del terreno; realizzazione di un percorso pedonale e di aree per la sosta; realizzazione di due scalinate di accesso all'area (di cui una in calcestruzzo rivestita in porfido, l'altra realizzata in stabilizzato e legno); sistemazione e rinverdimento delle aree interessate dai movimenti di terra (scavi, rilevati, ecc.); realizzazione di recinzione in legno; realizzazione dell'impianto di illuminazione pubblica e dell'impianto idrico.

13 PLANIMETRIA GENERALE DELLO STATO DI PROGETTO

14 LA REALIZZAZIONE DEI PERCORSI

15 COMUNE DI BELLUNO - Settore Interventi sul Territorio - Unità Organizzativa Opere Pubbliche PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO IL PARCO ALLO STATO ATTUALE

16 PARCO FILO' DEL RICORDO A TISOI L'INTERVENTO PROGETTUALE L AMBITO DI INTERVENTO SI INSERISCE NEL SISTEMA DELLE AREE DI PREPARCO. L'area era costituita da un grande prato delimitato da strade, in corrispondenza di un incrocio sul quale insistono riferimenti importanti per la vita del paese: la chiesa, il campo da calcio, il bar. La scuola coinvolta raggruppa i bambini di più centri minori (Tisoi, Bolzano, Vezzano, Gioz) dotati di un forte senso di appartenenza ai luoghi di abitazione. Accolte le istanze degli abitanti e unite alle proprie, i bambini hanno elaborato le scelte progettuali che sono state tradotte nella realizzazione di un luogo aggregativo per metà Piazza e per metà Parco.

17 PROGETTO DEI BAMBINI DELLA CLASSE QUINTA PARTICOLARE

18 L AREA PRIMA DELL INTERVENTO

19 SCHEDA TECNICA COSTI Importo di progetto: Importo di aggiudicazione: ,00 + IVA ,36 + IVA MATERIALI percorsi in stabilizzato bianco, cordonate in legno, pavimentazione piazza in pietra locale (rosso secca) MATERIALI VEGETALI Alberi da frutta: Ciliegio selvatico, Susino, Acero campestre; Carpino Bianco (retro monumento) AREE GIOCO/SOSTA E SPAZI SPORTIVI sono presenti giochi e arredi (panchine, cestini portarifiuti, fontanella) DATI DIMENSIONALI Superficie di progetto m² Superficie realizzata m² 1.250

20 Le scelte progettuali possono essere ricondotte ai seguenti interventi principali: - demolizione e rimozione di alcuni manufatti (muretti, area monumento, pali illuminazione pubblica); - realizzazione di un percorso pedonale pavimentato lungo i lati prospicienti la viabilità esistente; - realizzazione di una rientranza per la fermata dell'autobus; - realizzazione di alcune aree per il ritrovo, la conversazione e la sosta; - realizzazione di una fascia di parcheggi pubblici; - formazione di alcuni percorsi pedonali interni all'area; - realizzazione di uno spazio destinato ad "Angolo della memoria"; - realizzazione parziale dell'impianto di illuminazione pubblica e dell'impianto idrico.

21 PLANIMETRIA GENERALE DELLO STATO DI PROGETTO

22 FASI DEI LAVORI

23 LA REALIZZAZIONE DELLA PIAZZA

24 PARTICOLARI ESECUTIVI PAVIMENTAZIONE DELLA PIAZZA

25 LA PIAZZA E L AREA DI FERMATA AUTOBUS

26 IL PARCO ALLO STATO ATTUALE

27 PARCO EMILIO A LAMBIOI L'INTERVENTO PROGETTUALE L AMBITO DI INTERVENTO FA PARTE DEL SISTEMA FLUVIALE. I bambini hanno studiato gli aspetti legati al mondo della natura e alla vocazione dell'area. Dallo studio dell'area, considerata anche la collocazione, ne è derivata la definizione di Parco di transito. Parco destinato agli sportivi, da chi va e viene dal centro, dai genitori dei bambini che frequentano i corsi di nuoto, dai turisti, ma anche dai bambini/ragazzini alla ricerca di spazi adatti per giochi di avventura e per chi, sia alla ricerca di luoghi tranquilli e ombreggiati. Sono state individuate due zone a differente vocazione: a ovest uno spazio verde più controllato, con caratteristiche ludico-ricreative, a est un'area sportivo-ricreativa. L'analisi dei bisogni ha comportato una particolare attenzione per le esigenze delle persone con problemi di deambulazione. Significativo il ruolo del Sig. Emilio che abitava nelle immediate vicinanze e al quale è stato intitolato il Parco.

28 PROGETTO DEI BAMBINI DELLA CLASSE QUINTA che appare come un collage di immagini

29 L AREA PRIMA DELL INTERVENTO

30 SCHEDA TECNICA COSTI Importo di progetto: Importo di aggiudicazione: ,64 + IVA ,92 + IVA MATERIALI percorsi in stabilizzato bianco, cordonate in legno trattato in autoclave, recinzione in legno MATERIALI VEGETALI Maggiociondolo, Carpino bianco, Nocciolo, Acero campestre, Viburno AREE GIOCO/SOSTA E SPAZI SPORTIVI: sono presenti attrezzature per il gioco e l'attività ludico sportiva (percorso vita) e aree per la sosta DATI DIMENSIONALI Superficie di progetto m² ,00 Superficie realizzata m² ,00

31 Le scelte progettuali possono essere ricondotte ai seguenti interventi principali: - interventi selvicolturali sulla vegetazione arborea e arbustiva esistente - sistemazione e rinverdimento delle scarpate e di alcune aree; - formazione di un percorso pedonale e di alcune aree per la sosta; - realizzazione di un'area destinata ad "angolo della memoria"; - realizzazione di due zone per il pic-nic; - realizzazione di un orto delle piante aromatiche; - realizzazione di un tratto di recinzione; - realizzazione dell'impianto di illuminazione pubblica; - realizzazione dell'impianto idrico per la collocazione di idrante e di due fontanelle.

32 PLANIMETRIA GENERALE DELLO STATO DI PROGETTO

33 FASI DEI LAVORI

34 FASI DEI LAVORI QuickTime e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine. QuickTime e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine.

35 GLI ARREDI

36 IL PARCO ALLO STATO ATTUALE

37 GIARDINO DIDATTICO INTERVENTO PROGETTUALE Le scelte progettuali sono state elaborate: - sulla base della esercitazione svolta dagli allievi delle classi quarta A e quarta B della scuola primaria L.Dal Pont di Quartier Cadore; -sulla base dello studio e della valutazione delle caratteristiche e delle risorse dell area d intervento.

38 DISEGNO DELL ESERCITAZIONE DEI BAMBINI

39 DISEGNO ELABORATO DALL INSEGNANTE

40 L AREA PRIMA DELL INTERVENTO

41 SCHEDA TECNICA COSTI Importo di progetto: Importo di aggiudicazione: ,00 + IVA ,10 + IVA MATERIALI Percorsi in stabilizzato a calce e cemento bianco, cordonate in legno, recinzione metallica, staccionata in legno trattato in autoclave MATERIALI VEGETALI Siepe in Carpino bianco, macchie arbustive colorate e/o profumate (Forsizia, Pallon di maggio, Lillà, Caprifoglio, Nocciolo, Corniolo) AREE GIOCO/SOSTA E DIDATTICHE Arredi (panchine, cestini portarifiuti, fontanella, casette nido), stagno, orto DATI DIMENSIONALI Superficie di progetto m² 1200 Superficie realizzata m² 1200

42 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO Le scelte progettuali possono essere ricondotte ai seguenti interventi principali: - realizzazione di un percorso pedonale in stabilizzato a calce e cemento bianco; - rimozione della recinzione esistente e collocazione di nuova recinzione in acciaio plasticato; - schermatura con arredo verde con essenza autoctona lungo la recinzione lato strada; - collocazione di attrezzature e arredi (panchine, fontanella, cestini portarifiuti, casette nido); - realizzazione di zona per la coltivazione di aiuole; - realizzazione di uno stagno; - realizzazione di un orto botanico con piantumazione di essenze aromatiche; - interventi vegetazionali con formazione di aiuola e messa a dimora di arbusti profumati e colorati; - impianto idrico per la una fontanella, per l irrigazione e per l alimentazione dello stagno.

43 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO ESTRATTO DI MAPPA CATASTALE

44 PLANIMETRIA GENERALE DELLO STATO DI FATTO

45 PLANIMETRIA GENERALE DELLO STATO DI PROGETTO

46 PLANIMETRIA GENERALE DELLO STATO DI PROGETTO PARTICOLARE DELLO STATO DI PROGETTO

47 FASI DEI LAVORI

48 LO STAGNO

49 LO STAGNO La riduzione degli habitat è la prima causa di scomparsa di specie animali Le zone umide sono dotate di grande biodiversità Gli anfibi sono particolarmente sensibili alle bonifiche e alla sparizione di zone palustri È sufficiente una pozza di 100 litri d acqua per richiamare insetti, piccoli anfibi e rettili

50 IL TEMA DI UN ALUNNA PER IL PROGETTO GIARDINO

51 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi Grazie per l attenzione! Arch. Loredana Facchin Belluno 13 Ottobre 2008

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE COMUNE DI NOVEDRATE (Co) "Area verde attrezzata per cani con percorso agility" PROGETTO PRELIMINARE Stato di fatto Relazione Note preliminari per la sicurezza Arch. Elena Magi Arch. Emanuela Muzi Arch.

Dettagli

Spazio di uso pubblico

Spazio di uso pubblico Spazio di uso pubblico numero scheda J64_ località san Giuliano a Se localizzazione parcheggio via della Pieve CTR J64 quota altimetrica 35,8 UTOE numero Aree prevalentemente non edificate integrative

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. P. z z a V i t t o r i o E m a n u e l e I I - 4 5 1 0 0 R O V I G O. Tel. 0425/2061 Fax 0425/206200

COMUNE DI ROVIGO. P. z z a V i t t o r i o E m a n u e l e I I - 4 5 1 0 0 R O V I G O. Tel. 0425/2061 Fax 0425/206200 Premessa Il progetto interessa parte dell area pertinenziale dell Ex Ospedale sanatoriale U. Maddalena sito in Piazza Europa, catastalmente censita al Fg. 10, mapp. 190 e 917, per la quale è stata accertata

Dettagli

PROGETTAZIONE DEL PARCO PAPA GIOVANNI PAOLO II DI VALMORA

PROGETTAZIONE DEL PARCO PAPA GIOVANNI PAOLO II DI VALMORA PROGETTAZIONE DEL PARCO PAPA GIOVANNI PAOLO II DI VALMORA RELAZIONE DESCRITTIVA IL PERCORSO PARTECIPATO La partecipazione è in prima istanza un sentimento che spesso anima e abita i pensieri di chi viene

Dettagli

1. PREMESSA. Settore Tutela Ambiente

1. PREMESSA. Settore Tutela Ambiente 1. PREMESSA L Amministrazione Comunale di Casale Monferrato ha piu volte espresso la volontà di intervenire in modo significativo per la riqualificazione del quartiere Ronzone. Tale attivita e stata particolarmente

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA Sistemazione ed adeguamento del complesso cimiteriale di Pieve. Allegato D STIMA SOMMARIA DELLE OPERE

STUDIO DI FATTIBILITA Sistemazione ed adeguamento del complesso cimiteriale di Pieve. Allegato D STIMA SOMMARIA DELLE OPERE COMUNE DI CURTAROLO - Provincia di Padova STUDIO DI FATTIBILITA Sistemazione ed adeguamento del complesso cimiteriale di Pieve Allegato D STIMA SOMMARIA DELLE OPERE Committente COMUNE DI CURTAROLO Progettista

Dettagli

PARCO DEI POGGI IN VIA DONNE PARTIGIANE (lettera A) VOTAZIONI NEL PARCO IL 10 SETTEMBRE DALLE 20:30 ALLE 22:30 IN OCCASIONE DELL EVENTO DI KARAOKE

PARCO DEI POGGI IN VIA DONNE PARTIGIANE (lettera A) VOTAZIONI NEL PARCO IL 10 SETTEMBRE DALLE 20:30 ALLE 22:30 IN OCCASIONE DELL EVENTO DI KARAOKE PARCO DEI POGGI IN VIA DONNE PARTIGIANE (lettera A) VOTAZIONI NEL PARCO IL 10 SETTEMBRE DALLE 20:30 ALLE 22:30 IN OCCASIONE DELL EVENTO DI KARAOKE Per un parco più vivibile per ragazzi e ragazze, bambini

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

HEALING GARDEN un giardino terapeutico in Italia

HEALING GARDEN un giardino terapeutico in Italia HEALING GARDEN un giardino terapeutico in Italia Percorso Storico Sensoriale Percorso Fisioterapeutico Terrazza verde Orto dei Semplici ortoterapia Frutteto d Euclide - ortoterapia Arch. Monica Botta HEALING

Dettagli

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi Il G.S. è inoltre lo strumento più idoneo con cui attivare un insieme di servizi quali: - reperibilità (24h/24h per 365 gg/anno) e pronto intervento (rimozione situazioni

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di GIOIA DEL COLLE Provincia di BARI DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO:

Dettagli

Birdgarden Un giardino biologico

Birdgarden Un giardino biologico Birdgarden Un giardino biologico - Progettazione del giardino - Scelta delle piante ed essenze vegetali - Creazione di laghetti e/o piccoli stagni - Installazione di nidi e mangiatoie - Come attirare le

Dettagli

Riva Grande - l'area si trova sul colle di Medea. Riva Grande - l'area si trova sul colle di Medea

Riva Grande - l'area si trova sul colle di Medea. Riva Grande - l'area si trova sul colle di Medea 1 20 2 20 3 37 4 53 5 25 Parcheggio vicino chiesa Sant'Antonio-si tratta di un parcheggio delimitato con staccionate in legno e con il fondo in ghiaia Sant'Antonio - il parcheggio si trova sul colle di

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

SAGRATO S. BERTILLA E ADIACENZE

SAGRATO S. BERTILLA E ADIACENZE RELAZIONE TECNICA 1 PROVINCIA DI VENEZIA Comune di Spinea SAGRATO S. BERTILLA E ADIACENZE IL SAGRATO Lo spazio antestante la Chiesa di S. Bertilla, oggi si configura come una spianata con aiuole incolte

Dettagli

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.2 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 78 Art.27 Progetto Strategico Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto Il Progetto

Dettagli

ripristino e riqualificazione dei percorsi pedonali esistenti con pavimentazione in pietrame a secco e scalinate con alzata in assi di legno

ripristino e riqualificazione dei percorsi pedonali esistenti con pavimentazione in pietrame a secco e scalinate con alzata in assi di legno QUANTIFICAZIONE DI MASSIMA DELLE SPESE PER AMBITI TEMATICI I dati economici riportati si riferiscono al costo effettivo, IVA compresa AT.p1 ACCESSIBILITA' E DISTRIBUZIONE PEDONALE ALE LIRE 9.181.856.000

Dettagli

Comune di Genzone. (Provincia di Pavia) PIANO per il GOVERNO del TERRITORIO. Piano dei Servizi. Ai sensi della L.R. n 12/2005 e s.m.i.

Comune di Genzone. (Provincia di Pavia) PIANO per il GOVERNO del TERRITORIO. Piano dei Servizi. Ai sensi della L.R. n 12/2005 e s.m.i. Comune di Genzone (Provincia di Pavia) PIANO per il GOVERNO del TERRITORIO Piano dei Servizi Ai sensi della L.R. n 12/2005 e s.m.i. ALLEGATO CONTRODEDUZIONI O relazione di osservazioni, pareri e controdeduzioni

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani ALLEGATO B Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani Questa parte è dedicata alla presentazione della fase analitica e valutativa della qualità degli spazi verdi

Dettagli

Amministrazione per la realizzazione delle suddette opere e rilascio del Permesso di Costruire. Il Comparto risulta in aderenza con i lato Sud-Ovest

Amministrazione per la realizzazione delle suddette opere e rilascio del Permesso di Costruire. Il Comparto risulta in aderenza con i lato Sud-Ovest RELAZIONE L immobile in oggetto è situato in Loc. Borgatello, frazione del Comune di Colle di Val d Elsa, lato Sud-Ovest dell abitato esistente, all inizio della frazione stessa, provenendo dalla viabilità

Dettagli

COMUNE DI COSIO VALTELLINO RILEVAMENTO DEI SERVIZI

COMUNE DI COSIO VALTELLINO RILEVAMENTO DEI SERVIZI Servizi per l istruzione Scuola Materna Raggio di Sole Regoledo, via Roma, 27 n. S1 - Numero bambini 101 - Numero assistenti educatrici 10 - Numero personale assistente 3 B - CONSISTENZA EDILIZIA - Superficie

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO AREA EX AMGA INDIVIDUAZIONE PLANIMETRICA DELL ORGANIZZAZIONE TIPOLOGICA DEGLI SPAZI APERTI

PIANO PARTICOLAREGGIATO AREA EX AMGA INDIVIDUAZIONE PLANIMETRICA DELL ORGANIZZAZIONE TIPOLOGICA DEGLI SPAZI APERTI INDIVIDUAZIONE PLANIMETRICA DELL ORGANIZZAZIONE TIPOLOGICA DEGLI SPAZI APERTI scala 1:2500 1 - SPAZI PERTINENZIALI, PUBBLICI E PRIVATI Nome tipologia Spazi di relazione tra sazio pubblico e privato Localizzazione

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

L ADOZIONE DI AREE VERDI

L ADOZIONE DI AREE VERDI Presentazione del REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE VERDI DA PARTE DI SOGGETTI PRIVATI O PUBBLICI NEL COMUNE DI ANZIO studio realizzato in collaborazione tra Aprile 2015 1 di 10 REGOLAMENTO PER L ADOZIONE

Dettagli

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi (Criteri esaminati dal Cds con procedura scritta n. 2/2012) Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi Azione a) - Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario Ripristino

Dettagli

CAPITOLO QUARTO IL PROGETTO

CAPITOLO QUARTO IL PROGETTO CAPITOLO QUARTO IL PROGETTO 4.1 Le Proposte Progettuali per la Riqualificazione del Territorio L intero lavoro portato avanti con i ragazzi e lo studio approfondito del territorio mi hanno suggerito le

Dettagli

COMUNE DI PARMA LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE DELLE AREE VERDI PUBBLICHE. Principi generali di riferimento

COMUNE DI PARMA LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE DELLE AREE VERDI PUBBLICHE. Principi generali di riferimento COMUNE DI PARMA LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE DELLE AREE VERDI PUBBLICHE 1 Principi generali di riferimento La progettazione di un parco è un espressione creativa che si avvale di strumenti tecnici

Dettagli

RELAZIONE. - Premessa. Questo lavoro si pone l'obiettivo di far ritornare piazza Campedel centro economico e culturale della città.

RELAZIONE. - Premessa. Questo lavoro si pone l'obiettivo di far ritornare piazza Campedel centro economico e culturale della città. RELAZIONE - Premessa. Questo lavoro si pone l'obiettivo di far ritornare piazza Campedel centro economico e culturale della città. - Edificio Piave. La piazza oggi offre un apertura verso la Valbelluna

Dettagli

TRANIVIVA IL PORTALE DI TRANI WWW.TRANIVIVA.IT

TRANIVIVA IL PORTALE DI TRANI WWW.TRANIVIVA.IT Inquadramento generale Gli interventi di urbanizzazione primaria e secondaria da realizzarsi con risorse dei Soggetti Privati attuatori del C.d.Q.II nel Quartiere Sant Angelo sono sintetizzati nei seguenti

Dettagli

1. Attrezzature scolastiche DATI GENERALI PLANIMETRIA FOTOGRAFIE DATI URBANISTICI DATI UTENZA E ATTREZZATURE ATTREZZATURE E SICUREZZA VINCOLI

1. Attrezzature scolastiche DATI GENERALI PLANIMETRIA FOTOGRAFIE DATI URBANISTICI DATI UTENZA E ATTREZZATURE ATTREZZATURE E SICUREZZA VINCOLI 1. Attrezzature scolastiche N SCHEDA 84 DATI GENERALI TIPOLOGIA 1.1 asilo nido PROPRIETA' pubblica SPECIFICA PROP comunale LOCALITA' PONTECCHIO GESTIONE mista INDIRIZZO via Porrettana 197 DENOMINAZIONE

Dettagli

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

ESSENZE PRESENTI ASPETTI POSITIVI CRITICITA SOLUZIONI POSSIBILI

ESSENZE PRESENTI ASPETTI POSITIVI CRITICITA SOLUZIONI POSSIBILI AREA VERDE 1 2 ESSENZE PRESENTI ASPETTI POSITIVI CRITICITA SOLUZIONI POSSIBILI tre Quercus Rubra gruppo di Pinus Pinea n.34 alberature di cui 18 a foglia persistente a sud-est, quelle a foglia caduca sono

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Comune di Robecchetto con Induno Provincia di Milano. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2009 Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12.

Comune di Robecchetto con Induno Provincia di Milano. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2009 Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12. Comune di con Induno Provincia di Milano PIA DI GOVER DEL TERRITORIO 29 Legge Regionale 11 marzo 25, 12 Piano dei Servizi SA.3 Catalogo delle attrezzature pubbliche di uso pubblico Modificato a seguito

Dettagli

QUANTIFICAZIONE DI MASSIMA DELLE SPESE PER AMBITI COMPLESSI

QUANTIFICAZIONE DI MASSIMA DELLE SPESE PER AMBITI COMPLESSI QUANTIFICAZIONE DI MASSIMA DELLE SPESE PER AMBITI COMPLESSI I dati economici riportati si riferiscono al costo effettivo dell'intervento IVA compresa TOTALE LIRE 9.181.856.000 AC.p1 RIQUALIFICAZIONE AREA

Dettagli

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ELABORATO N. 14 2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - NORME GENERALI Le presenti

Dettagli

STUDIO GEOLOGICO DI SUPPORTO AL PROGETTO PER L ACCESSIBILITÀ E LA SOSTA DELLA CERTOSA DI CALCI. Luglio 2013

STUDIO GEOLOGICO DI SUPPORTO AL PROGETTO PER L ACCESSIBILITÀ E LA SOSTA DELLA CERTOSA DI CALCI. Luglio 2013 STUDIO GEOLOGICO DI SUPPORTO AL PROGETTO PER L ACCESSIBILITÀ E LA SOSTA DELLA CERTOSA DI CALCI Luglio 2013 Dott. Geol. Alessandra Buscemi Dott. Geol. Roberto Balatri PDF created with pdffactory Pro trial

Dettagli

Trasformiamo il cortile!

Trasformiamo il cortile! Trasformiamo il cortile! Laboratorio interdiscipinare per il miglioramento degli spazi esterni della Scuola Media Alessandro Antonelli di Torino Anno Scolastico 2014/2015 3. RIFLETTERE SULLE PROPRIE ESIGENZE

Dettagli

Oggetto: Relazione illustrativa Lavori di ristrutturazione centro sportivo di via Verdi. Relazione

Oggetto: Relazione illustrativa Lavori di ristrutturazione centro sportivo di via Verdi. Relazione Oggetto: Relazione illustrativa Lavori di ristrutturazione centro sportivo di via Verdi. 1. PREMESSA: Relazione Il Centro sportivo di via Verdi occupa un'area compresa tra via Verdi, via Dante, via Pucci

Dettagli

Allegato A AREA DI PIAZZALE DONATELLO. stralcio Aerofotogrammetrico dell area di piazzale Donatello DESCRIZIONE. L area comprende i seguenti elementi:

Allegato A AREA DI PIAZZALE DONATELLO. stralcio Aerofotogrammetrico dell area di piazzale Donatello DESCRIZIONE. L area comprende i seguenti elementi: Allegato A AREA DI PIAZZALE DONATELLO stralcio Aerofotogrammetrico dell area di piazzale Donatello DESCRIZIONE L area comprende i seguenti elementi: a) fabbricato, adiacente all area mercatale di quartiere,

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DI AREE VERDI

DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DI AREE VERDI DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DI AREE VERDI Art. 1 Finalità L Amministrazione comunale, nella consapevolezza che il verde urbano si inserisce nel contesto più ampio di bene paesaggistico da

Dettagli

TrEttari Concorso di idee per la riqualificazione paesaggistica ed urbanistica del sistema dei parchi urbani Ciriè ACGSTSCG Lo sviluppo del progetto proposto prende le mosse dallo studio del territorio

Dettagli

Comune di Calliano Provincia di Trento

Comune di Calliano Provincia di Trento Comune di Calliano Provincia di Trento Ufficio Tecnico Comunale Edilizia Pubblica Calliano, lì 13 febbraio 2015 n prot. Spett. le Agenzia del Lavoro della Provincia Autonoma di Trento Via R.Guardini, 75

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA Costo di massima dell intervento espresso in macro categorie di spesa

CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA Costo di massima dell intervento espresso in macro categorie di spesa CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA Costo di massima dell intervento espresso in macro categorie di spesa Dati dimensionali dell intervento: STRALCI PRINCIPALI: - STRALCIO A Piazzale Rangoni e aree limitrofe

Dettagli

BREVE PRESENTAZIONE DI ALCUNI PROGETTI

BREVE PRESENTAZIONE DI ALCUNI PROGETTI BREVE PRESENTAZIONE DI ALCUNI PROGETTI Arch. Carmine Pietrapertosa 1) Arredo Urbano. Villetta in onore dei Caduti. La Villetta è ubicata su un terrapieno nel centro di Genzano di Lucania. L intervento,

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono)

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) Progetto per la creazione di un bosco planiziale, di uno stagno per la riproduzione degli anfibi e di siepi, con valenza di corridoio ecologico,

Dettagli

Comune di MERATE PROVINCIA DI LECCO

Comune di MERATE PROVINCIA DI LECCO via Mazzini 17 24034 Cisano B.sco - BG tel.035.4381312. fax.035.4381875 P.IVA 03415090160 - email: dbmassociati@gmail.com Comune di MERATE PROVINCIA DI LECCO Progetto ESECUTIVO art. 33 e seguenti del D.P.R.

Dettagli

PROGETTO AMBITO DI TRASFORMAZIONE "AC4"

PROGETTO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AC4 CITTA' DI MEDA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PROGETTO AMBITO DI TRASFORMAZIONE "AC4" TAVOLA RIEPILOGO COSTI OPERE DI URBANIZZAZIONE NUMERO TAVOLA DATA 10/11/2014 VARIAZIONE CONSULENTE RESPONSABILE PROCEDIMENTO

Dettagli

GEN COMUNE DI BOLOGNA PROVINCIA DI BOLOGNA PROGETTO LAVORI DI SISTEMAZIONE PARTI ESTERNE E REALIZZAZIONE NUOVO PARCHEGGIO DELLA SEZIONE DI BOLOGNA

GEN COMUNE DI BOLOGNA PROVINCIA DI BOLOGNA PROGETTO LAVORI DI SISTEMAZIONE PARTI ESTERNE E REALIZZAZIONE NUOVO PARCHEGGIO DELLA SEZIONE DI BOLOGNA ing. Mirko Cioni ing. Saverio Lenzi ing. Sara Melotti ing. Alberto Peri Via Mazzini n 146 40046 Porretta Terme (BO) Tel./Fax 0534 22122 e-mail: info@aistudioassociato.191.it arch. Francesca Chiari COMUNE

Dettagli

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP)

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP) 1) PREMESSA Il sottoscritto Arch. Stefano MARCHIONNI, è stato incaricato dai sig.ri SCENDONI Paolo, Legale Rappresentante della Ditta Agroalimentare Cariaci di Scendoni Paolo & C. con sede ad Ortezzano

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE PUBBLICHE COMUNE DI CASTRI DI LECCE C.A.P. 73020 - PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE PUBBLICHE INDICE ARTICOLO 1. PRINCIPI GENERALI ARTICOLO 2. FINALITA ARTICOLO 3. AREE AMMESSE ARTICOLO 4. SOGGETTI

Dettagli

3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!"#$%&'%()*%)+#,#-&(

3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!#$%&'%()*%)+#,#-&( 3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!"#$%&'%()*%)+#,#-&( '()*+(,-.*/%( %&!"#$!!"#"$"%"&!"#$%&"'()'("&)$"#%*)+,"'("&&% 0*1%2-!3/41%-)( +--.//01',()! 7"&!,*81-)*9*3-.*/%(! 1,+-%-! '()! 3(%2,/! 52/,*3/!

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. Inquadramento urbanistico pag. 1. La consultazione pubblica della Città pag. 3. I tre lotti funzionali di intervento pag.

RELAZIONE GENERALE. Inquadramento urbanistico pag. 1. La consultazione pubblica della Città pag. 3. I tre lotti funzionali di intervento pag. C1726001 Relazione Generale RELAZIONE GENERALE INDICE Inquadramento urbanistico pag. 1 La consultazione pubblica della Città pag. 3 I tre lotti funzionali di intervento pag. 5 Il progetto pag. 7 Quadro

Dettagli

OPERE IN PRIMO STRALCIO

OPERE IN PRIMO STRALCIO La stima sommaria dei lavori previsti in progetto è stata desunta attraverso la redazione di un computo metrico di massima, i cui importi a corpo sono divisi per categorie di lavorazioni e intervento,

Dettagli

REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI SAINT-DENIS

REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI SAINT-DENIS REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI SAINT-DENIS MISURA 313 INCENTIVAZIONE AD ATTIVITÀ TURISTICHE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (P.S.R.) 2007-2013 DELLA REGIONE VALLE D AOSTA RELATIVA ALLA VALORIZZAZIONE

Dettagli

Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b

Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b Regolamento ai sensi dell art. 9.2 delle Disposizioni di attuazione del Piano dei Servizi Comune di Cernusco sul Naviglio Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b

Dettagli

Relazione Paesaggistica

Relazione Paesaggistica Relazione Paesaggistica RIFERIMENTI DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE Proponente Secchi Federico, quale legale rappresentante della società PEA V.L.I., (p. iva 03930060235) srl. con sede a Zevio (VR) in

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala Comune di Villaricca Provincia di Napoli Progetto per la realizzazione di un'area parcheggio pubblico e completamento impianto sportivo al Corso Italia con struttura polifunzionale PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

Relazione di variante al P.G.T.

Relazione di variante al P.G.T. Comune di GENIVOLTA Vi a Mar c or a Relazione di variante al P.G.T. Proprietà : DELMA s.r.l. Agosto 2015 RELAZIONE DI VARIANTE PROPRI ETA : Ditta DELMA s.r.l con sede in Genivolta CR Via Martora n 6. OGGETTO

Dettagli

Gli interventi realizzati possono riassumersi come di seguito indicato.

Gli interventi realizzati possono riassumersi come di seguito indicato. RELAZIONE TECNICA-ILLUSTRATIVA 1. PREMESSA L intervento in esame ha come oggetto il completamento delle dotazioni funzionali del parco di Is Pranus, che sorge a nord del centro abitato di Escalaplano.

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MANZANO

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MANZANO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MANZANO Intervento di riqualificazione urbana e dell'illuminazione pubblica nel borgo rurale di Manzinello (art. 4 comma 55 L.R. 22 febbraio

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G. Rodari di CERBAIA Anno scolastico 2008/2009

SCUOLA PRIMARIA G. Rodari di CERBAIA Anno scolastico 2008/2009 SCUOLA PRIMARIA G. Rodari di CERBAIA Anno scolastico 2008/2009 Il progetto Vivi il giardino Primaria di Cerbaia vede come protagonisti la Cooperativa Le Rose, il Comune di San Casciano, i docenti, gli

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

2009 Concorso di idee per la riqualificazione dell ex discarica della Frazione di Cereie Trivero (BI)

2009 Concorso di idee per la riqualificazione dell ex discarica della Frazione di Cereie Trivero (BI) 2009 Concorso di idee per la riqualificazione dell ex discarica della Frazione di Cereie Trivero (BI) Incipit progettuale L idea progettuale per la definizione dell intervento per la riqualificazione dell

Dettagli

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2 COMUNE di S. STEFANO BELBO Provincia di CUNEO Proprietà: - signor GATTI LUIGI residente in S. Stefano Belbo (CN) Via Moncucco n. 5 - signora CHIRIOTTI GIOVANNA residente in Abbazia n. 2 - signor TEALDO

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE, STRUTTURE E IMPIANTI PUBBLICI INTERVENTI A FAVORE DEGLI ENTI LOCALI DANNEGGIATI DA EVENTI CALAMITOSI DEL 30.08.2007 INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

COMUNE DI CAFASSE Provincia di Torino

COMUNE DI CAFASSE Provincia di Torino COMUNE DI CAFASSE Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FRUIZIONE DELLE AREE GIOCO PUBBLICHE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 18 del 29/05/2015 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO 1 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO PIANO DI LOTTIZZAZIONE Area di Via Giuliano Da Sangallo Zona C 3 P di P.R.G. PROGETTO PRELIMINARE OPERE DI URBANIZZAZIONE Proprietà delle aree: COMUNE DI SANSEPOLCRO,

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 6 Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 15 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della

Dettagli

COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI PARCHI COMUNALI

COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI PARCHI COMUNALI COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI PARCHI COMUNALI Art. 1 Oggetto 1. Le rme del presente regolamento han lo scopo di promuovere la funzione sociale, ricreativa e didattica

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ FERROVIERI SAN GIORGIO SANT AGOSTINO

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ FERROVIERI SAN GIORGIO SANT AGOSTINO TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ FERROVIERI SAN GIORGIO SANT AGOSTINO INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO Città di Paderno Dugnano

BILANCIO PARTECIPATIVO Città di Paderno Dugnano BILANCIO PARTECIPATIVO Città di Paderno Dugnano Assemblea I turno PADERNO Emersione del bisogno Paderno Dugnano, consiglio di Quartiere Paderno 10 maggio 2007, ore 20.30 Partecipanti Cittadini: 40 Obiettivi

Dettagli

COMUNE DI BOTTANUCO Provincia di Bergamo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE, ADEGUAMENTO FUNZIONALE E MESSA A NORMA PARCHI PUBBLICI COMUNALI

COMUNE DI BOTTANUCO Provincia di Bergamo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE, ADEGUAMENTO FUNZIONALE E MESSA A NORMA PARCHI PUBBLICI COMUNALI COMUNE DI BOTTANUCO Provincia di Bergamo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE, ADEGUAMENTO FUNZIONALE E MESSA A NORMA PARCHI PUBBLICI COMUNALI Premesse Il presente progetto si prefigge l obiettivo di accrescere

Dettagli

LA DIVERSITÀ METTE RADICI

LA DIVERSITÀ METTE RADICI LA DIVERSITÀ METTE RADICI Presso l area verde di Casa Macanno si intende realizzare uno spazio all aperto dove l inclusione diventa un segno tangibile e concreto e non solo teorico, dove gli spazi sono

Dettagli

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO 1 PREMESSA Con delibera di CC n 46 del 25/07/2007 il Comune di Coriano acquistava, per 30 anni, il diritto di superficie, sulla casa Santa Marta, per la realizzazione

Dettagli

Roma - Via Libero Leonardi, 130 scala B int. 18 piano 5 (appartamento) Piano Terra, numero 46 (posto auto)

Roma - Via Libero Leonardi, 130 scala B int. 18 piano 5 (appartamento) Piano Terra, numero 46 (posto auto) Roma - Via Libero Leonardi, 130 scala B int. 18 piano 5 (appartamento) Piano Terra, numero 46 (posto auto) 2. Descrizione e identificazione dell unità immobiliare 2.1 Caratteristiche estrinseche dell immobile

Dettagli

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE Descrizione dell ambito L area denominata Cava Castagnole è un ambito estrattivo formato da due cave, posto lungo via Toti tra gli abitati di Castagnole e Porcellengo;

Dettagli

Le aree adibite a verde pubblico del Comune di Modena si distinguono in: Art. 196 - CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PRESENTE REGOLANENTO -

Le aree adibite a verde pubblico del Comune di Modena si distinguono in: Art. 196 - CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PRESENTE REGOLANENTO - - REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA - - TITOLO 11 - "REGOLAMENTO PER L'USO E LA SALVAGUARDIA DEI PARCHI E DEI GIARDINI PUBBLICI E LA CONSERVAZIONE DEL VERDE PUBBLICO ART. 195 Le aree adibite a verde pubblico

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ VILLAGGIO DEL SOLE

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ VILLAGGIO DEL SOLE TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ VILLAGGIO DEL SOLE INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati nei quartieri interessati

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE RELATIVO ALL ESERCIZIO VENATORIO NEGLI APPOSTAMENTI FISSI DI CACCIA

REGOLAMENTO PROVINCIALE RELATIVO ALL ESERCIZIO VENATORIO NEGLI APPOSTAMENTI FISSI DI CACCIA I REGOLAMENTI REGOLAMENTO PROVINCIALE RELATIVO ALL ESERCIZIO VENATORIO NEGLI APPOSTAMENTI FISSI DI CACCIA Approvato con delibera di Consiglio Provinciale n.59 del 10 luglio 2000 INDICE CAPO I Art. 1 FINALITA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Il progetto di Variante al Piano Urbanistico Particolareggiato PUA con l isolato "D2.1 2118" prevede l'adeguamento del P.P.E. già convenzionato alle previsioni urbanistiche

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Il Piano Attuativo in progetto concerne gli immobili situati in Tavernerio Via Giovanni XXIII contraddistinti al Catasto Terreni Foglio 9 dai mapp. n. 668 (parte), 1329, 1327,

Dettagli

scheda tecnica per pubblico concorso DI progettazione

scheda tecnica per pubblico concorso DI progettazione PROGETTO: RIQUALIFICAZIONE DELLA PIAZZA GIOVANNI XXIII, SPOSTAMENTO PARCO GIOCHI, REALIZZAZIONE PARCHEGGIO PUBBLICO E GARAGE INTERRATO, SISTEMAZIONE CIMITERO CON REALIZZAZIONE NUOVO ACCESSO, SISTEMAZIONE

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

Il giardino metamorfico sull Ile Seguin, Parigi

Il giardino metamorfico sull Ile Seguin, Parigi GIARDINI PERIFERICI Michel Desvigne Il giardino metamorfico sull Ile Seguin, Parigi L Ile Seguin, isola situata sulla Senna, non lontano dal centro di Parigi, è stata sede di un importante industria automobilistica.

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

MANUTENZIONE AREE VERDI ANNO 2014 RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA GENERALE

MANUTENZIONE AREE VERDI ANNO 2014 RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA GENERALE MANUTENZIONE AREE VERDI ANNO 2014 RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA GENERALE Tra gli obbiettivi programmatici dell Amministrazione Comunale è prevista la riqualificazione di alcune aree verdi del territorio

Dettagli

3.1 INTERVENTI ORDINARI DI MANUTENZIONE DELLE AREE A VERDE DEGLI EDIFICI AD USO SCOLASTICO/EDUCATIVO

3.1 INTERVENTI ORDINARI DI MANUTENZIONE DELLE AREE A VERDE DEGLI EDIFICI AD USO SCOLASTICO/EDUCATIVO SCHEDA TECNICA N. 3 SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE AREE A VERDE DELLE SCUOLE DELL INFANZIA, DEI SERVIZI SPERIMENTALI PER L INFANZIA E DELLE SCUOLE D ARTE E DEI MESTIERI DEL COMUNE

Dettagli

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE CITTA' DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII Provincia di Bergamo Committenti: Avv. Gabriele Terzi Gestimont srl Ghisleni Alberto e Belotti Emanuela Costruzioni Agazzi srl Rossi Luca Opera Diocesana San Narno

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

FORUM DI BORGATA II Ciclo di incontri

FORUM DI BORGATA II Ciclo di incontri FORUM DI BORGATA II Ciclo di incontri Borgate Paradiso e Quaglia DOVE ERAVAMO RIMASTI? Al termine del ciclo di incontri estivi si è potuto avere un quadro complessivo dei problemi maggiormente sentiti

Dettagli

I N D I C E. 1. INTRODUZIONE... pag. 2. 2. I RILIEVI E LE INDAGINI SVOLTE... pag. 5

I N D I C E. 1. INTRODUZIONE... pag. 2. 2. I RILIEVI E LE INDAGINI SVOLTE... pag. 5 I N D I C E 1. INTRODUZIONE... pag. 2 2. I RILIEVI E LE INDAGINI SVOLTE... pag. 5 3. LA VIABILITA... pag. 12 3.1. La nuova Via Regaldi... pag. 14 3.2 La nuova Via Pacini... pag. 18 3.3 Il controviale di

Dettagli

CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ED URBANISTICA DEL SISTEMA DEI PARCHI URBANI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ( 33684495 )

CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ED URBANISTICA DEL SISTEMA DEI PARCHI URBANI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ( 33684495 ) CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ED URBANISTICA DEL SISTEMA DEI PARCHI URBANI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ( 33684495 ) Comune di Ciriè TRE ETTARI concorso di idee 2 SPIEGAZIONI DELLE SCELTE

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA 1 Obiettivo Restituire agli abitanti di Prà l accesso alla Fascia di Rispetto. A questo si legano le esigenze di alleviare il peso di un traffico eccessivo

Dettagli