Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi"

Transcript

1 A BELLUNO Comune di Belluno Settore Interventi sul Territorio Unità Organizzativa Opere Pubbliche Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi Arch. Loredana Facchin Belluno 13 Ottobre 2008

2 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO A BELLUNO con i bambini delle quinte classi della scuola primaria LA E' IL RISULTATO DI UN PERCORSO COMPLESSO CHE SI E' ARTICOLATO IN DUE FASI DISTINTE MA CORRELATE, IDEATE E CURATE DALL'ARCHITETTO IRMA VISALLI: 1. CONOSCERE PER ABITARE 2. GIOCHIAMO A PROGETTARE SUL SERIO L INIZIATIVA HA RIGUARDATO LA RIQUALIFICAZIONE DI TRE ZONE A CASTION, TISOI E LAMBIOI

3 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO LE ESPERIENZE PROGETTUALI SONO CARATTERIZZATE DA UN PROCESSO METODOLOGICO GENERALE COSTITUITO DA TRE FASI: 1 - FASE PRELIMINARE E CONCETTUALE (identità locale, senso e significato dell'abitare, viene introdotto il concetto di progettazione partecipata).

4 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO 2 - FASE ANALITICA (Analisi del contesto specifico, individuazione dell'identità del luogo, quale insieme di relazioni fra uomo, natura e artificialità e delle esigenze dei futuri fruitori: I BAMBINI HANNO ASCOLTATO ESPERTI LOCALI, PERSONE DISABILI, ABITANTI, HANNO INTERVISTATO PARENTI E AMICI DI OGNI ETA').

5 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO 3 - FASE PROGETTUALE (Vengono affinate le scelte progettuali: localizzazione delle funzioni, scelta delle specie arboree, definizione degli spazi per il gioco. Le scelte progettuali sono state quindi inserite in un disegno che appare come un collage di immagini).

6 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO IL COORDINAMENTO DEL LAVORO SVOLTO A SCUOLA CON LE STRUTTURE DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA COINVOLTE HA CONDOTTO I BAMBINI AL CONFRONTO CON PROBLEMATICHE ECONOMICHE E TECNICHE LEGATE ALLA FATTIBILITA' DEI PROGETTI: CON LA E' STATO ELABORATO UN INSIEME DI PRESCRIZIONI E INDIRIZZI DA CONSEGNARE ALL'AMMINISTRAZIONE PER PROCEDERE CON LA PROGETTA- ZIONE ESECUTIVA DI TRE AREE A VERDE PUBBLICO ATTREZZATO

7 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO

8 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO Descrizione PARCO BASILISCO del progetto A CASTION L'INTERVENTO PROGETTUALE L'AMBITO D'INTERVENTO E' QUELLO DELLA FRAZIONE DI CASTION (SISTEMA URBANO). Il Parco è ubicato vicino al centro dell'insediamento: a confine si trova la scuola primaria in cui si è svolto il lavoro di progettazione, oltre alla scuola materna e a un edificio destinato a residenza per anziani. L'attenzione dei bambini, dato il contesto, è stata focalizzata sulle possibilità di fruizione diretta del Parco da parte delle strutture limitrofe: bambini dai 3 ai 10 anni, adulti, anziani. Il nome deriva dal disegno di una bambina per la pavimentazione raffigurante un basilisco a due teste (tratto da una leggenda locale) che gioca a nascondersi dietro a un cespuglio.

9 Descrizione del progetto PROGETTO DEI BAMBINI DELLA CLASSE QUINTA

10 L AREA PRIMA DELL INTERVENTO

11 SCHEDA TECNICA COSTI Importo di progetto: Importo di aggiudicazione: ,82 +IVA ,12 +IVA MATERIALI calcestruzzo armato per scala, legname per scala, percorsi in ghiaino bianco lavato, cordonate in calcestruzzo, lastre di porfido per scale, recinzione in legno MATERIALI VEGETALI siepe (Carpino bianco, Maggiociondolo, Pallon di maggio, Viburno, Nocciolo), Tiglio, Frassino, alberi da frutta (Pero, Susino) AREE GIOCO/SOSTA sono presenti aree per la sosta e per il gioco DATI DIMENSIONALI Superficie di progetto m² Superficie realizzata m² 4.250

12 Le scelte progettuali possono essere ricondotte ai seguenti interventi principali: demolizione e rimozione di alcuni manufatti spianamento, modellazione e vagliatura del terreno; realizzazione di un percorso pedonale e di aree per la sosta; realizzazione di due scalinate di accesso all'area (di cui una in calcestruzzo rivestita in porfido, l'altra realizzata in stabilizzato e legno); sistemazione e rinverdimento delle aree interessate dai movimenti di terra (scavi, rilevati, ecc.); realizzazione di recinzione in legno; realizzazione dell'impianto di illuminazione pubblica e dell'impianto idrico.

13 PLANIMETRIA GENERALE DELLO STATO DI PROGETTO

14 LA REALIZZAZIONE DEI PERCORSI

15 COMUNE DI BELLUNO - Settore Interventi sul Territorio - Unità Organizzativa Opere Pubbliche PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO IL PARCO ALLO STATO ATTUALE

16 PARCO FILO' DEL RICORDO A TISOI L'INTERVENTO PROGETTUALE L AMBITO DI INTERVENTO SI INSERISCE NEL SISTEMA DELLE AREE DI PREPARCO. L'area era costituita da un grande prato delimitato da strade, in corrispondenza di un incrocio sul quale insistono riferimenti importanti per la vita del paese: la chiesa, il campo da calcio, il bar. La scuola coinvolta raggruppa i bambini di più centri minori (Tisoi, Bolzano, Vezzano, Gioz) dotati di un forte senso di appartenenza ai luoghi di abitazione. Accolte le istanze degli abitanti e unite alle proprie, i bambini hanno elaborato le scelte progettuali che sono state tradotte nella realizzazione di un luogo aggregativo per metà Piazza e per metà Parco.

17 PROGETTO DEI BAMBINI DELLA CLASSE QUINTA PARTICOLARE

18 L AREA PRIMA DELL INTERVENTO

19 SCHEDA TECNICA COSTI Importo di progetto: Importo di aggiudicazione: ,00 + IVA ,36 + IVA MATERIALI percorsi in stabilizzato bianco, cordonate in legno, pavimentazione piazza in pietra locale (rosso secca) MATERIALI VEGETALI Alberi da frutta: Ciliegio selvatico, Susino, Acero campestre; Carpino Bianco (retro monumento) AREE GIOCO/SOSTA E SPAZI SPORTIVI sono presenti giochi e arredi (panchine, cestini portarifiuti, fontanella) DATI DIMENSIONALI Superficie di progetto m² Superficie realizzata m² 1.250

20 Le scelte progettuali possono essere ricondotte ai seguenti interventi principali: - demolizione e rimozione di alcuni manufatti (muretti, area monumento, pali illuminazione pubblica); - realizzazione di un percorso pedonale pavimentato lungo i lati prospicienti la viabilità esistente; - realizzazione di una rientranza per la fermata dell'autobus; - realizzazione di alcune aree per il ritrovo, la conversazione e la sosta; - realizzazione di una fascia di parcheggi pubblici; - formazione di alcuni percorsi pedonali interni all'area; - realizzazione di uno spazio destinato ad "Angolo della memoria"; - realizzazione parziale dell'impianto di illuminazione pubblica e dell'impianto idrico.

21 PLANIMETRIA GENERALE DELLO STATO DI PROGETTO

22 FASI DEI LAVORI

23 LA REALIZZAZIONE DELLA PIAZZA

24 PARTICOLARI ESECUTIVI PAVIMENTAZIONE DELLA PIAZZA

25 LA PIAZZA E L AREA DI FERMATA AUTOBUS

26 IL PARCO ALLO STATO ATTUALE

27 PARCO EMILIO A LAMBIOI L'INTERVENTO PROGETTUALE L AMBITO DI INTERVENTO FA PARTE DEL SISTEMA FLUVIALE. I bambini hanno studiato gli aspetti legati al mondo della natura e alla vocazione dell'area. Dallo studio dell'area, considerata anche la collocazione, ne è derivata la definizione di Parco di transito. Parco destinato agli sportivi, da chi va e viene dal centro, dai genitori dei bambini che frequentano i corsi di nuoto, dai turisti, ma anche dai bambini/ragazzini alla ricerca di spazi adatti per giochi di avventura e per chi, sia alla ricerca di luoghi tranquilli e ombreggiati. Sono state individuate due zone a differente vocazione: a ovest uno spazio verde più controllato, con caratteristiche ludico-ricreative, a est un'area sportivo-ricreativa. L'analisi dei bisogni ha comportato una particolare attenzione per le esigenze delle persone con problemi di deambulazione. Significativo il ruolo del Sig. Emilio che abitava nelle immediate vicinanze e al quale è stato intitolato il Parco.

28 PROGETTO DEI BAMBINI DELLA CLASSE QUINTA che appare come un collage di immagini

29 L AREA PRIMA DELL INTERVENTO

30 SCHEDA TECNICA COSTI Importo di progetto: Importo di aggiudicazione: ,64 + IVA ,92 + IVA MATERIALI percorsi in stabilizzato bianco, cordonate in legno trattato in autoclave, recinzione in legno MATERIALI VEGETALI Maggiociondolo, Carpino bianco, Nocciolo, Acero campestre, Viburno AREE GIOCO/SOSTA E SPAZI SPORTIVI: sono presenti attrezzature per il gioco e l'attività ludico sportiva (percorso vita) e aree per la sosta DATI DIMENSIONALI Superficie di progetto m² ,00 Superficie realizzata m² ,00

31 Le scelte progettuali possono essere ricondotte ai seguenti interventi principali: - interventi selvicolturali sulla vegetazione arborea e arbustiva esistente - sistemazione e rinverdimento delle scarpate e di alcune aree; - formazione di un percorso pedonale e di alcune aree per la sosta; - realizzazione di un'area destinata ad "angolo della memoria"; - realizzazione di due zone per il pic-nic; - realizzazione di un orto delle piante aromatiche; - realizzazione di un tratto di recinzione; - realizzazione dell'impianto di illuminazione pubblica; - realizzazione dell'impianto idrico per la collocazione di idrante e di due fontanelle.

32 PLANIMETRIA GENERALE DELLO STATO DI PROGETTO

33 FASI DEI LAVORI

34 FASI DEI LAVORI QuickTime e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine. QuickTime e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine.

35 GLI ARREDI

36 IL PARCO ALLO STATO ATTUALE

37 GIARDINO DIDATTICO INTERVENTO PROGETTUALE Le scelte progettuali sono state elaborate: - sulla base della esercitazione svolta dagli allievi delle classi quarta A e quarta B della scuola primaria L.Dal Pont di Quartier Cadore; -sulla base dello studio e della valutazione delle caratteristiche e delle risorse dell area d intervento.

38 DISEGNO DELL ESERCITAZIONE DEI BAMBINI

39 DISEGNO ELABORATO DALL INSEGNANTE

40 L AREA PRIMA DELL INTERVENTO

41 SCHEDA TECNICA COSTI Importo di progetto: Importo di aggiudicazione: ,00 + IVA ,10 + IVA MATERIALI Percorsi in stabilizzato a calce e cemento bianco, cordonate in legno, recinzione metallica, staccionata in legno trattato in autoclave MATERIALI VEGETALI Siepe in Carpino bianco, macchie arbustive colorate e/o profumate (Forsizia, Pallon di maggio, Lillà, Caprifoglio, Nocciolo, Corniolo) AREE GIOCO/SOSTA E DIDATTICHE Arredi (panchine, cestini portarifiuti, fontanella, casette nido), stagno, orto DATI DIMENSIONALI Superficie di progetto m² 1200 Superficie realizzata m² 1200

42 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO Le scelte progettuali possono essere ricondotte ai seguenti interventi principali: - realizzazione di un percorso pedonale in stabilizzato a calce e cemento bianco; - rimozione della recinzione esistente e collocazione di nuova recinzione in acciaio plasticato; - schermatura con arredo verde con essenza autoctona lungo la recinzione lato strada; - collocazione di attrezzature e arredi (panchine, fontanella, cestini portarifiuti, casette nido); - realizzazione di zona per la coltivazione di aiuole; - realizzazione di uno stagno; - realizzazione di un orto botanico con piantumazione di essenze aromatiche; - interventi vegetazionali con formazione di aiuola e messa a dimora di arbusti profumati e colorati; - impianto idrico per la una fontanella, per l irrigazione e per l alimentazione dello stagno.

43 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO ESTRATTO DI MAPPA CATASTALE

44 PLANIMETRIA GENERALE DELLO STATO DI FATTO

45 PLANIMETRIA GENERALE DELLO STATO DI PROGETTO

46 PLANIMETRIA GENERALE DELLO STATO DI PROGETTO PARTICOLARE DELLO STATO DI PROGETTO

47 FASI DEI LAVORI

48 LO STAGNO

49 LO STAGNO La riduzione degli habitat è la prima causa di scomparsa di specie animali Le zone umide sono dotate di grande biodiversità Gli anfibi sono particolarmente sensibili alle bonifiche e alla sparizione di zone palustri È sufficiente una pozza di 100 litri d acqua per richiamare insetti, piccoli anfibi e rettili

50 IL TEMA DI UN ALUNNA PER IL PROGETTO GIARDINO

51 PARCO DI CASTION PARCO DI TISOI PARCO DI LAMBIOI GIARDINO DIDATTICO Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi Grazie per l attenzione! Arch. Loredana Facchin Belluno 13 Ottobre 2008

1. PREMESSA. Settore Tutela Ambiente

1. PREMESSA. Settore Tutela Ambiente 1. PREMESSA L Amministrazione Comunale di Casale Monferrato ha piu volte espresso la volontà di intervenire in modo significativo per la riqualificazione del quartiere Ronzone. Tale attivita e stata particolarmente

Dettagli

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi Il G.S. è inoltre lo strumento più idoneo con cui attivare un insieme di servizi quali: - reperibilità (24h/24h per 365 gg/anno) e pronto intervento (rimozione situazioni

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA Sistemazione ed adeguamento del complesso cimiteriale di Pieve. Allegato D STIMA SOMMARIA DELLE OPERE

STUDIO DI FATTIBILITA Sistemazione ed adeguamento del complesso cimiteriale di Pieve. Allegato D STIMA SOMMARIA DELLE OPERE COMUNE DI CURTAROLO - Provincia di Padova STUDIO DI FATTIBILITA Sistemazione ed adeguamento del complesso cimiteriale di Pieve Allegato D STIMA SOMMARIA DELLE OPERE Committente COMUNE DI CURTAROLO Progettista

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

PARCO DEI POGGI IN VIA DONNE PARTIGIANE (lettera A) VOTAZIONI NEL PARCO IL 10 SETTEMBRE DALLE 20:30 ALLE 22:30 IN OCCASIONE DELL EVENTO DI KARAOKE

PARCO DEI POGGI IN VIA DONNE PARTIGIANE (lettera A) VOTAZIONI NEL PARCO IL 10 SETTEMBRE DALLE 20:30 ALLE 22:30 IN OCCASIONE DELL EVENTO DI KARAOKE PARCO DEI POGGI IN VIA DONNE PARTIGIANE (lettera A) VOTAZIONI NEL PARCO IL 10 SETTEMBRE DALLE 20:30 ALLE 22:30 IN OCCASIONE DELL EVENTO DI KARAOKE Per un parco più vivibile per ragazzi e ragazze, bambini

Dettagli

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.2 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 78 Art.27 Progetto Strategico Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto Il Progetto

Dettagli

SAGRATO S. BERTILLA E ADIACENZE

SAGRATO S. BERTILLA E ADIACENZE RELAZIONE TECNICA 1 PROVINCIA DI VENEZIA Comune di Spinea SAGRATO S. BERTILLA E ADIACENZE IL SAGRATO Lo spazio antestante la Chiesa di S. Bertilla, oggi si configura come una spianata con aiuole incolte

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani ALLEGATO B Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani Questa parte è dedicata alla presentazione della fase analitica e valutativa della qualità degli spazi verdi

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

Comune di Robecchetto con Induno Provincia di Milano. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2009 Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12.

Comune di Robecchetto con Induno Provincia di Milano. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2009 Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12. Comune di con Induno Provincia di Milano PIA DI GOVER DEL TERRITORIO 29 Legge Regionale 11 marzo 25, 12 Piano dei Servizi SA.3 Catalogo delle attrezzature pubbliche di uso pubblico Modificato a seguito

Dettagli

Comune di Calliano Provincia di Trento

Comune di Calliano Provincia di Trento Comune di Calliano Provincia di Trento Ufficio Tecnico Comunale Edilizia Pubblica Calliano, lì 13 febbraio 2015 n prot. Spett. le Agenzia del Lavoro della Provincia Autonoma di Trento Via R.Guardini, 75

Dettagli

3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!"#$%&'%()*%)+#,#-&(

3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!#$%&'%()*%)+#,#-&( 3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!"#$%&'%()*%)+#,#-&( '()*+(,-.*/%( %&!"#$!!"#"$"%"&!"#$%&"'()'("&)$"#%*)+,"'("&&% 0*1%2-!3/41%-)( +--.//01',()! 7"&!,*81-)*9*3-.*/%(! 1,+-%-! '()! 3(%2,/! 52/,*3/!

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI SAINT-DENIS

REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI SAINT-DENIS REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI SAINT-DENIS MISURA 313 INCENTIVAZIONE AD ATTIVITÀ TURISTICHE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (P.S.R.) 2007-2013 DELLA REGIONE VALLE D AOSTA RELATIVA ALLA VALORIZZAZIONE

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

Comune di MERATE PROVINCIA DI LECCO

Comune di MERATE PROVINCIA DI LECCO via Mazzini 17 24034 Cisano B.sco - BG tel.035.4381312. fax.035.4381875 P.IVA 03415090160 - email: dbmassociati@gmail.com Comune di MERATE PROVINCIA DI LECCO Progetto ESECUTIVO art. 33 e seguenti del D.P.R.

Dettagli

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2 COMUNE di S. STEFANO BELBO Provincia di CUNEO Proprietà: - signor GATTI LUIGI residente in S. Stefano Belbo (CN) Via Moncucco n. 5 - signora CHIRIOTTI GIOVANNA residente in Abbazia n. 2 - signor TEALDO

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MANZANO

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MANZANO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MANZANO Intervento di riqualificazione urbana e dell'illuminazione pubblica nel borgo rurale di Manzinello (art. 4 comma 55 L.R. 22 febbraio

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE CITTA' DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII Provincia di Bergamo Committenti: Avv. Gabriele Terzi Gestimont srl Ghisleni Alberto e Belotti Emanuela Costruzioni Agazzi srl Rossi Luca Opera Diocesana San Narno

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

Trasformiamo il cortile!

Trasformiamo il cortile! Trasformiamo il cortile! Laboratorio interdiscipinare per il miglioramento degli spazi esterni della Scuola Media Alessandro Antonelli di Torino Anno Scolastico 2014/2015 3. RIFLETTERE SULLE PROPRIE ESIGENZE

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b

Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b Regolamento ai sensi dell art. 9.2 delle Disposizioni di attuazione del Piano dei Servizi Comune di Cernusco sul Naviglio Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b

Dettagli

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP)

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP) 1) PREMESSA Il sottoscritto Arch. Stefano MARCHIONNI, è stato incaricato dai sig.ri SCENDONI Paolo, Legale Rappresentante della Ditta Agroalimentare Cariaci di Scendoni Paolo & C. con sede ad Ortezzano

Dettagli

TrEttari Concorso di idee per la riqualificazione paesaggistica ed urbanistica del sistema dei parchi urbani Ciriè ACGSTSCG Lo sviluppo del progetto proposto prende le mosse dallo studio del territorio

Dettagli

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO 1 PREMESSA Con delibera di CC n 46 del 25/07/2007 il Comune di Coriano acquistava, per 30 anni, il diritto di superficie, sulla casa Santa Marta, per la realizzazione

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

2009 Concorso di idee per la riqualificazione dell ex discarica della Frazione di Cereie Trivero (BI)

2009 Concorso di idee per la riqualificazione dell ex discarica della Frazione di Cereie Trivero (BI) 2009 Concorso di idee per la riqualificazione dell ex discarica della Frazione di Cereie Trivero (BI) Incipit progettuale L idea progettuale per la definizione dell intervento per la riqualificazione dell

Dettagli

PROGETTO PER LA MESSA IN SICUREZZA PERMANENTE E SISTEMAZIONE AMBIENTALE DELL AREA INTERNA AL SITO FI 117 ARGINGROSSO LE ISOLE

PROGETTO PER LA MESSA IN SICUREZZA PERMANENTE E SISTEMAZIONE AMBIENTALE DELL AREA INTERNA AL SITO FI 117 ARGINGROSSO LE ISOLE PROGETTO PER LA MESSA IN SICUREZZA PERMANENTE E SISTEMAZIONE AMBIENTALE DELL AREA INTERNA AL SITO FI 117 ARGINGROSSO LE ISOLE RELAZIONE TECNICA GENERALE E QUADRO ECONOMICO Ubicazione e caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO 1 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO PIANO DI LOTTIZZAZIONE Area di Via Giuliano Da Sangallo Zona C 3 P di P.R.G. PROGETTO PRELIMINARE OPERE DI URBANIZZAZIONE Proprietà delle aree: COMUNE DI SANSEPOLCRO,

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 6 Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 15 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della

Dettagli

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono)

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) Progetto per la creazione di un bosco planiziale, di uno stagno per la riproduzione degli anfibi e di siepi, con valenza di corridoio ecologico,

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE SOMMARIO

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE SOMMARIO C O M U N E D I O S S I P R O V I N C I A D I S A S S A R I OGGETTO: Lavori di realizzazione del parco comunale Rio e S Adde PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE SOMMARIO Sommario... 1 PREMESSA... 2 CARATTERISTICHE

Dettagli

PIANO DI RECUPERO DELL'AREA EX MATTATOIO

PIANO DI RECUPERO DELL'AREA EX MATTATOIO COMUNE DI GAVORRANO - PROVINCIA DI GROSSETO PIANO DI RECUPERO DELL'AREA EX MATTATOIO (Scheda 24.Ri GAVORRANO PR MATTATOIO) Proprietà: Bonvicini Maria Caterina C.F.: BNCMCT53R67F677U Progettista: Arch.

Dettagli

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA Relazione tecnica ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI E DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE PREMESSA Il Comune di Sotto

Dettagli

I N D I C E. 1. INTRODUZIONE... pag. 2. 2. I RILIEVI E LE INDAGINI SVOLTE... pag. 5

I N D I C E. 1. INTRODUZIONE... pag. 2. 2. I RILIEVI E LE INDAGINI SVOLTE... pag. 5 I N D I C E 1. INTRODUZIONE... pag. 2 2. I RILIEVI E LE INDAGINI SVOLTE... pag. 5 3. LA VIABILITA... pag. 12 3.1. La nuova Via Regaldi... pag. 14 3.2 La nuova Via Pacini... pag. 18 3.3 Il controviale di

Dettagli

Dr. Arch. Giuliano Visconti. Dr. Arch. Flavia Visconti. Desenzano d/g. 26 settembre 2011

Dr. Arch. Giuliano Visconti. Dr. Arch. Flavia Visconti. Desenzano d/g. 26 settembre 2011 PROGETTO NUOVA PASSEGGIATA A LAGO DAL VICOLO DELLE LAVANDAIE AL CENTRO BALNEARE DEL DESENZANINO ED AMPLIAMENTO ARENILE PROGETTO DEFINITIVO DEFINIZIONE DEI MATERIALI, DELLE FINITURE, DEL VERDE E DELL ARREDO

Dettagli

Val.Ma.Co. Val.Ma.Co.

Val.Ma.Co. Val.Ma.Co. La gestione delle aree prative È stato redatto un Piano di Gestione agro-silvo-pastorale, coerente con le esigenze di tutela delle specie di uccelli e degli habitat di interesse comunitario, basato sui

Dettagli

PROGETTAZIONE. Non è un gioco. Testo di Valeria Pagliaro, architetto. A cura di Sabrina Fazio, architetto (società Land)

PROGETTAZIONE. Non è un gioco. Testo di Valeria Pagliaro, architetto. A cura di Sabrina Fazio, architetto (società Land) Non è un gioco In alto, l area gioco con pavimentazione antitrauma dei giardini della Guastalla (MI). Sotto, la colorata pavimentazione antiurto dell area gioco dei giardini Pirelli Bicocca a Milano. La

Dettagli

Il verde. su misura. Progettare il giardino

Il verde. su misura. Progettare il giardino Progettare il giardino Il verde Progettare il proprio giardino, grande o piccolo che sia, è fondamentale per la futura fruibilità dell area. Occorre quindi razionalità e fantasia, valutazione attenta della

Dettagli

Premessa. Gli obiettivi

Premessa. Gli obiettivi Comune di Roma Sportello di Informazione Ambientale-Laboratorio Municipale Casilino Gruppo di lavoro: Riqualificazione dei piccoli spazi di quartiere Riqualificazione area di via Columella Quadraro Premessa

Dettagli

COMUNE DI URAS. 1) Relazione Tecnica Illustrativa. Geom. Pietro Carboni. Ing. ir. Mattia Concas

COMUNE DI URAS. 1) Relazione Tecnica Illustrativa. Geom. Pietro Carboni. Ing. ir. Mattia Concas Via P. Togliatti n 14 09099 URAS (OR) Cell. 3492973068 OGGETTO: LAVORI DI COSTRUZIONE LOCULI CIMITERIALI -progetto definitivo-esecutivo- COMMITTENTE: COMUNE DI URAS ELABORATO: 1) Relazione Tecnica Illustrativa

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA Prot.3430 OGGETTO: COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE DI INIZIATIVA PRIVATA DENOMINATO DIOLA. 1. VERBALE

Dettagli

STIMA DI MASSIMA DEI COSTI PER OPERE DI ADEGUAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DI VIALE AMERIGO VESPUCCI E DELLA FASCIA AD OVEST DEL VIALE

STIMA DI MASSIMA DEI COSTI PER OPERE DI ADEGUAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DI VIALE AMERIGO VESPUCCI E DELLA FASCIA AD OVEST DEL VIALE STIMA DI MASSIMA DEI COSTI PER OPERE DI ADEGUAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DI VIALE AMERIGO VESPUCCI E DELLA FASCIA AD OVEST DEL VIALE parte integrante dell'elaborato grafico allegato al presente Elaborato

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME PER LA PRESA IN CARICO DELLE URBANIZZAZIONI Allegato B alla delibera di Consiglio Comunale n. 69 del 30/11/2011 Comune

Dettagli

P r o g _ O c c u p a ti I n iz ia li. So gg Be nl eg _P ro v. Dom_ Nume ro_pro tocoll o. Pro g_d urat a. Prog_Preven tivototalea mmesso

P r o g _ O c c u p a ti I n iz ia li. So gg Be nl eg _P ro v. Dom_ Nume ro_pro tocoll o. Pro g_d urat a. Prog_Preven tivototalea mmesso Denominazione sede legale Dom_Data_ Protocollo Dom_ Nume ro_pro tocoll o So gg Be nl eg _P ro v Prog_Titolo Prog_Descrizione Pro g_d urat a P r o g _ O c c u p a ti I n iz ia li Prog_Preven tivototalea

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

RELAZIONE - NORME DI ATTUAZIONE

RELAZIONE - NORME DI ATTUAZIONE VIA MAFALDA DI SAVOIA Variante urbanistica al P.R.G. vigente Legge regionale n. 71 del 27-12-1978 RELAZIONE - NORME DI ATTUAZIONE 1 PREMESSA Con nota prot. n. 345299 del 14/11/2011 il sig. Russo Vincenzo,

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Area Programmazione e Gestione del Territorio Accordo quadro con un unico operatore economico per l affidamento dei lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria del verde

Dettagli

Profilo Professionale

Profilo Professionale Profilo Professionale Addetto alla Manutenzione del verde Roma 21 Luglio 2015 Organizzazione Sviluppo Risorse Umane e Qualità Certificata ISO 9001:2008 Certificata OHSAS 18001:2007 Finalità L addetto alla

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo ***** CAP 90024 Via Salita Municipio, 2 tel. 0921644076 fax 0921644447 P. Iva 00475910824 - www.comune.gangi.pa.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO

Dettagli

Relazione paesaggistica

Relazione paesaggistica Relazione paesaggistica TIPOLOGIA DELL OPERA E/O DELL INTERVENT0 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICA VIABILITA OPERA CORRELATA A: X edificio X area di pertinenza

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ VILLAGGIO DEL SOLE

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ VILLAGGIO DEL SOLE TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ VILLAGGIO DEL SOLE INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati nei quartieri interessati

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI CASTIGLIONI DI LIMBIATE LETTERA

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI CASTIGLIONI DI LIMBIATE LETTERA 486 Ed. 8 del 11/09/2012 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI CASTIGLIONI DI LIMBIATE LETTERA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Statale Luigi Castiglioni

Dettagli

L evoluzione del nostro ospedale

L evoluzione del nostro ospedale L evoluzione del nostro ospedale A cura di: Geom. Giuseppe Arduca P.I. Massimo Magnani Ing. Enzo Mazzi Servizio Attività Tecniche Il Servizio Attività Tecniche e la Direzione Medica di Presidio a partire

Dettagli

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO GENERALE Il progetto nasce dalla volontà di riqualificare Piazza Carmelitani attraverso un insieme sistematico di interventi

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli S ERVIZIO E COLOGIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO MANUTENZIONE ORDINARIA DEL PATRIMONIO VEGETALE E DISERBO STRADALE SUL TERRITORIO DI PROPRIETA COMUNALE

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE PIANO ATTUATTIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA N.46 DI VIALE TREVISO OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA Pordenone lì, Il

Dettagli

Bando FONDAZIONE CARIPLO 2011 QUALIFICARE GLI SPAZI APERTI IN AMBITO URBANO E PERI-URBANO FACCIAMO SPAZIO

Bando FONDAZIONE CARIPLO 2011 QUALIFICARE GLI SPAZI APERTI IN AMBITO URBANO E PERI-URBANO FACCIAMO SPAZIO Bando FONDAZIONE CARIPLO 2011 QUALIFICARE GLI SPAZI APERTI IN AMBITO URBANO E PERI-URBANO FACCIAMO SPAZIO Descrizione degli studi di fattibilità di quattro aree significative Giugno 2011 Aree interessate

Dettagli

Scheda n. 09 DISSUASORI ELETTRONICI DI VELOCITA

Scheda n. 09 DISSUASORI ELETTRONICI DI VELOCITA PROVINCIA DI TORINO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Progetto Strade più belle e sicure Scheda n. 09 DISSUASORI ELETTRONICI DI VELOCITA Descrizione e caratteristiche

Dettagli

INDICE. 1. Introduzione. 2. Linee guida del Progetto. 3. Organizzazione degli spazi e funzioni. 4. Scelta dei materiali/sostenibilità. 5. Vegetazione.

INDICE. 1. Introduzione. 2. Linee guida del Progetto. 3. Organizzazione degli spazi e funzioni. 4. Scelta dei materiali/sostenibilità. 5. Vegetazione. 1 INDICE. 1. Introduzione. 2. Linee guida del Progetto. 3. Organizzazione degli spazi e funzioni. 4. Scelta dei materiali/sostenibilità. 5. Vegetazione. 6. Progettazione partecipata. 7. Gestione. 2 1.INTRODUZIONE.

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO, DEMANIO E PATRIMONIO. Oggetto: Proposta di riqualificazione su Piazza Leonardo da Vinci

COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO, DEMANIO E PATRIMONIO. Oggetto: Proposta di riqualificazione su Piazza Leonardo da Vinci Al Sindaco Moratti Agli Assessori Cadeo, Croci, Simini e Terzi Al settore pianificazione mobilità e trasporti E p.c. ai Consiglieri comunali tutti COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA. Premessa

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA. Premessa Premessa Il Piano Esecutivo Convenzionato che riguarda l area a tal fine assoggettata dal vigente Piano Regolatore Generale della Città di Biella in via Fratelli Rosselli è stato elaborato ai sensi e per

Dettagli

PRODUZIONE ELEMENTI AUTOBLOCCANTI PER MURI A SECCO

PRODUZIONE ELEMENTI AUTOBLOCCANTI PER MURI A SECCO PRODUZIONE ELEMENTI AUTOBLOCCANTI PER MURI A SECCO BLOCCO RUSTICO Muri di contenimento Recinzioni contro terra Aiuole Per il cliente che vuole ottenere un'estetica che assomigli al sasso a vista, questo

Dettagli

Stefano Lin e Francesco Cacciato, Sustenia srl Workshop TRE ANNI DI GIAPP Il Punto della situazione sulla conservazione della natura di pianura

Stefano Lin e Francesco Cacciato, Sustenia srl Workshop TRE ANNI DI GIAPP Il Punto della situazione sulla conservazione della natura di pianura Stefano Lin e Francesco Cacciato, Sustenia srl Workshop TRE ANNI DI GIAPP Il Punto della situazione sulla conservazione della natura di pianura Casa della Natura, San Giovanni in Persiceto - 28 novembre

Dettagli

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento L agricoltura trentina prende quota! I 5 passi per consultare facilmente online il PSR

Dettagli

Cortina d Ampezzo, lì 20 giugno 2013 SE.AM.

Cortina d Ampezzo, lì 20 giugno 2013 SE.AM. SE.AM. SERVIZI AMPEZZO UNIPERSONALE S.R.L. Servizio Automobilistico Urbano Loc. Sacus, 4 Tel. 0436.4571 Fax 0436.879791 e-mail: amministrazione@serviziampezzo.it pec: seam@pec.serviziampezzo.it 32043 Cortina

Dettagli

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria Città di Biella Provincia di Biella Regione Piemonte PIANO PARTICOLAREGGIATO DI COMPLETAMENTO DEL COMPARTO ZONA SUD COMPRESO TRA VIA PER CANDELO E LA STRADA TROSSI U.I.2 GARDENVILLE - STRADA TROSSI 27/A,

Dettagli

PREVENTIVO DI SPESA Condominio Sant'Alberto - Via 4 Rusteghi - Via Molinara - Verona Computo per la sistemazione del giardino.

PREVENTIVO DI SPESA Condominio Sant'Alberto - Via 4 Rusteghi - Via Molinara - Verona Computo per la sistemazione del giardino. PREVENTIVO DI SPESA Condominio Sant'Alberto - Via 4 Rusteghi - Via Molinara - Verona Computo per la sistemazione del giardino 1 2 3 4 5 6 ALLESTIMENTO ED INSTALLAZIONE DEL CANTIERE, recinzioni e segnalazioni

Dettagli

Assessorato Ambiente. S e r v i z i o C o n s e r v a z i o n e d e l l a n a t u r a e V I A. Provincia di Campobasso

Assessorato Ambiente. S e r v i z i o C o n s e r v a z i o n e d e l l a n a t u r a e V I A. Provincia di Campobasso REGIONE MOLISE Assessorato Ambiente S e r v i z i o C o n s e r v a z i o n e d e l l a n a t u r a e V I A COMUNE DI JELSI Provincia di Campobasso PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI PER L EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBLITA

Dettagli

PGT. 16 PdS. Piano dei Servizi. Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA

PGT. 16 PdS. Piano dei Servizi. Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 16 PdS Piano dei Servizi Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI

Dettagli

Ambienti rurali costieri

Ambienti rurali costieri Lo Specchio rurale A cura di Sandro Gentilini Paesaggio rurale Appunti didattici (Coltivi ai margini della laguna di Grado in località Belvedere) Introduzione Aspetti ecologici Aspetti paesaggistici Aspetti

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

DIREZIONE INTEGRAZIONE PROCESSI MANUTENTIVI E SVILUPPO DEI MUNICIPI. Orti urbani. Situazione e prospettive

DIREZIONE INTEGRAZIONE PROCESSI MANUTENTIVI E SVILUPPO DEI MUNICIPI. Orti urbani. Situazione e prospettive Situazione e prospettive Situazione orti urbani anno 2015 0 AREE Totale orti 413 (bandi e locazioni patrimoniali) Normativa locale vigente in materia di Orti Urbani e Documenti di Indirizzo 1) Regolamento

Dettagli

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà;

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà; LE SIEPI Le siepi sono esseri viventi che appartengono al mondo vegetale; le loro foglie infatti contengono la clorofilla e altre sostanze. Le siepi possono essere fogliose, lisce, verdi, spinose, diramate,

Dettagli

Singoli capitoli CPN Edilizia

Singoli capitoli CPN Edilizia Titoli generali (solo in forma cartacea) 1001I/99 Istruzioni per l uso CPN gratuito 1003I/15 Elenco dei capitoli CPN con indice analitico 79.00 1004I/92 Informazioni per l utenza 49.00 1010I Schede tecniche

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

L accesso al terreno attualmente avviene da Via F.lli Kennedy, sul lato posto a sud, e dalla strada agricola di Via Valle, sul lato a est.

L accesso al terreno attualmente avviene da Via F.lli Kennedy, sul lato posto a sud, e dalla strada agricola di Via Valle, sul lato a est. Rellaziione Tecniico IIllllusttrattiiva IInnt I t eeggrraazz iioonnee i aa lllaa rri iicchhi eesst taa ddi ii PPeerrmeessssoo ddi ii CCoosst trruui iirr ee ddeel ll 0055/ //0022/ 220011 33 pprroot t...00772233

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PROPRIETARIO: Supermercati Martinelli srl Via Don Fumano 3, Villafranca di verona PROGETTISTA: Zanolli Arch. Luciano, (VR) UBICAZIONE: Località Piazzilli, comune di Cavaion Veronese (VR) RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi.

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi. Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico Piazza verdi Progetto degli arredi Relazione PIAZZA VERDI: UTILIZZAZIONE, TUTELA E ARREDO Descrizione tecnica

Dettagli

Tangenziale Nord. Insediamento urbano lineare. SUB-AMBITO 22S6 PSC- Foglio 7. Parte I: Stato di fatto scala 1:5000. Legenda

Tangenziale Nord. Insediamento urbano lineare. SUB-AMBITO 22S6 PSC- Foglio 7. Parte I: Stato di fatto scala 1:5000. Legenda Insediamento urbano lineare Tangenziale Nord SUB-AMBITO 22S6 PSC- Foglio 7 CTG 01- Tutele e Vincoli Ambientali CTG 02- Emergenze culturali, storiche e paesaggistiche CTG 03- Rispetti e Limiti all'edificabilità

Dettagli

COMUNE DI PONTELATONE RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

COMUNE DI PONTELATONE RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA COMUNE DI PONTELATONE Provincia di Caserta Permesso di Costruire, in variante allo strumento urbanistico, per la realizzazione di una struttura commerciale nel Comune di Pontelatone alla località Barignano,

Dettagli

P.G.T. PS 06 SERVIZI DI INTERESSE PUBBLICO. Comune di. Villa Biscossi (PV) FASE: Adozione. Sindaco: Rag. Giuseppe Fassardi

P.G.T. PS 06 SERVIZI DI INTERESSE PUBBLICO. Comune di. Villa Biscossi (PV) FASE: Adozione. Sindaco: Rag. Giuseppe Fassardi P.G.T. Comune di PS 06 Villa SERVIZI DI INTERESSE PUBBLICO FASE: Adozione Ing. Riccardo Tacconi Sindaco: Rag. Giuseppe Fassardi Autorità procedente: Rag. Giuseppe Fassardi Autorità competente: Viganò Rino

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. carattere Times new roman grassetto. carattere Times new roman barrato evidenziato. Art. 0 Indice

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. carattere Times new roman grassetto. carattere Times new roman barrato evidenziato. Art. 0 Indice NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Testo originario adottato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 21.05.2004, modificato da parte comunale a seguito di accoglimento di talune osservazioni (deliberazione

Dettagli

ESSENZA DEL TERRITORIO Una rete per le vie sabaude dei profumi e dei sapori

ESSENZA DEL TERRITORIO Una rete per le vie sabaude dei profumi e dei sapori Parco archeologico di Augusta Bagiennorum: corte interna della Cascina Ellena. Realizzazione di GIARDINO DOMESTICO DELLA CASA ROMANA DIARIO DEL PROGETTO n.1 WORKS IN PROGRESS a cura dell Associazione Culturale

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1680-28 APRILE 2004 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi Allegato F Relazione Tecnica Novembre 2014_Gennaio 2015_Luglio 2015 Pietro Giulio Malvezzi Architetto Paola Cambiaghi

Dettagli

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra Comune di Ceggia arco della MEMORIA Analisi dei siti proposti Dott. Stefano Roman - aesaggista Società Terra 05 ottobre 2012 Simbologia Come spesso si è avuto modo di sottolineare, il progetto arco della

Dettagli

RELAZIONE DI VARIANTE al P.R.G.

RELAZIONE DI VARIANTE al P.R.G. RELAZIONE DI VARIANTE al P.R.G. allegata a progetto definitivo per la realizzazione di un AREA MUSEALE sita in via del Lavoro Il sottoscritto arch. Silvino MAZZUCATO iscritto all Ordine degli Architetti

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

COMUNE DI SANTENA Provincia di Torino. REGOLAMENTO Cascine Pallavicini via San Salvà 56/58

COMUNE DI SANTENA Provincia di Torino. REGOLAMENTO Cascine Pallavicini via San Salvà 56/58 COMUNE DI SANTENA Provincia di Torino REGOLAMENTO Cascine Pallavicini via San Salvà 56/58 Premessa La ristrutturazione delle Cascine Pallavicini è frutto di una scelta convinta della proprietà di far coesistere

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

02 20.07.2015 Pag. 0 / 9

02 20.07.2015 Pag. 0 / 9 02 20.07.2015 Pag. 0 / 9 INDICE OGGETTO... 2 UBICAZIONE GEOGRAFICA... 2 AMBITO DI INTERVENTO... 2 Perimetro del Piano di Recupero... 2 DATI DEL PIANO... 2 Zonizzazione... 2 Verifica degli standards...

Dettagli