Azione 2. Database BP parchi LIFE08-ENV IT/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azione 2. Database BP parchi LIFE08-ENV IT/000388 1"

Transcript

1 Azione 2 Database BP parchi LIFE08-ENV IT/

2 Fossil Free Parco nazionale dolomiti Bellunesi n.d. i principi del progetto sono in continua applicazione Ente parco e gestori strutture presenti Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi - Piazzale Zancanaro, Feltre (BL) Il Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi ha ideato e realizzato il progetto Fossill Free L DEA DEL PROGETTO: Liberare il Parco dall'uso dell'energia fossile: è questo l'obiettivo di "Parco Fossil Free". L'idea alla base del progetto è che un'area protetta, oltre a svolgere le sue funzioni primarie di conservazione, ricerca ed educazione ambientale può e deve proporsi come un vero e proprio "laboratorio di sviluppo sostenibile", realizzando applicazioni-pilota di tecnologie alternative per: - la produzione e l'uso dell'energia - la gestione del ciclo dei rifiuti - il trattamento delle acque reflue - la mobilità Il Parco diventa così una "vetrina tecnologica" alla quale possono ispirarsi amministratori e cittadini, per applicare tecnologie innovative e rispettose dell'ambiente anche all'esterno dei confini dell'area protetta. Grazie al progetto "Fossil free" le infrastrutture del Parco (rifugi, bivacchi, malghe, centri visitatori, punti informazione) sono state dotate di impianti di approvvigionamento energetico che utilizzano: - le biomasse (cippato, pellet, legna da ardere tal quale) - il gasolio vegetale (biodiesel) per usi di riscaldamento, micro-cogenerazione e alimentazione alternativa dei motori diesel - l'energia solare termica e fotovoltaica - l'energia micro-idroelettrica Gli impianti sono stati realizzati sia nelle aree interne del Parco che nelle zone antropizzate prossime al perimetro, per trasformare il Parco in un'area dimostrativa completamente "libera" dalle fonti fossili di energia e che quindi non contribuisce al cambiamento del clima globale del pianeta attraverso l'emissione di gas ad effetto serra. Il potenziale di sostituzione di energia fossile in un'area naturale protetta poco antropizzata come il Parco è limitato dal punto di vista quantitativo; elevato è però l'impatto comunicativo e pedagogico del progetto, che permette ad alpinisti e escursionisti, turisti e residenti, classi scolastiche in visita al Parco di vedere e toccare con mano esempi concreti di utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. GLI INTERVENTI REALIZZATI - Piano di "solarizzazione" (con energia fotovoltaica, micro-idraulica, microcogenerazione a biodiesel) delle infrastrutture in quota: malghe, rifugi, bivacchi, con l'obiettivo di eliminare il più possibile l'impatto ambientale in ambiti di elevata sensibilità ecologica: - Piano di applicazioni dimostrative di energia solare termica e fotovoltaica e di riscaldamento a biomasse forestali in bassa quota, in particolare nelle strutture di interfaccia con i turisti (centri visitatori, foresterie, ostelli) per massimizzare l'impatto comunicativo e dimostrativo di tali soluzioni alternative LIFE08-ENV IT/

3 RIEPILOGO DEGLI IMPIANTI REALIZZATI STRUTTURA Foresteria e Centro culturale - Agre Foresteria e centro di educazione ambientale al Frassen - Val Canzoi Centro di educazione ambientale alla Santina - Val Canzoi Centro Visitatori Val Imperina - Rivamonte Punto vendita e area picnic - Candaten Rifugio C.A.I. Pian de Fontana Rifugio C.A.I. Bianchet Rifugio C.A.I. Dal Piaz Rifugio C.A.I. Boz Malga Erera Malga Vette Grandi Malga Casere dei Boschi Rifugio di sorveglianza e bivacco Alvis Rifugio di sorveglianza Brendol Rifugio di sorveglianza e bivacco Le Prese Rifugio di sorveglianza e bivacco Monsampian Rifugio di sorveglianza Le Mandre Rifugio di sorveglianza Vette piccole Rifugio di sorveglianza Vescovà Bivacco Campotorondo Edificio principale area ricreativa Pian Falcina Edificio di servizio area camper Pian Falcina IMPIANTO Caldaia a biomassa 50 KW e teleriscaldamento Caldaia biomassa 25KW, fotovoltaico 1KWp, generatore biodiesel Caldaia a biomassa e impianto solare termico da 3,5 mq Teleriscaldamento a biodiesel Tetto fotovoltaico in rete 1,5 KWp e stufa a biomassa Microidroelettrico 5KW Microidroelettrico 0,5 KW Generatore biodiesel 20 KWA, Fotovoltaico 1,5 KWp Generatore biodiesel 22KWA Generatore e caldaia caseificio biodiesel e fotovoltaico 150 Wp Generatore e caldaia caseificio biodiesel Caldaia a biomassa 95 KW e caldaia caseificio biodiesel e stufa a legna e stufe a legna e stufa a legna Solare termico e stufa a biomassa Solare termico LIFE08-ENV IT/

4 RIEPILOGO DEGLI IMPIANTI IN FASE DI PROGETTAZIONE O REALIZZAZIONE STRUTTURA IMPIANTO Centro culturale "Piero Rossi" - Belluno Sede Ente Parco - Feltre Ristorante Antica Torre - Col dei Mich Riscaldamento con pompe di calore con sonde geotermiche alimentate da impianto fotovoltaico 3,3 KWp (in costruzione) Pensilina fotovoltaica 6,05 KWp (in costruzione) Stufe a legna e fotovoltaico 3,36 KWp (in progettazione) LIFE08-ENV IT/

5 Progetto pilota per la raccolta delle batterie Parco Nazionale del Gran Paradiso 2008 Cobat, Pro- Natura ed Ente Parco Attraverso l indagine nel web è stato rilevato il Progetto pilota per la raccolta delle Batterie promosso nel 2008 da Cobat, Pro-Natura ed Ente Parco. E stato avviato un progetto pilota della durata di 12 mesi avente come obiettivo la raccolta ed il successivo riciclo delle batterie portatili provenienti dai cittadini, attraverso l attivazione di punti di raccolta opportunamente distribuiti nelle aree individuate nel Parco Nazionale del Gran Paradiso. LIFE08-ENV IT/

6 Applicazione di sistemi di prevenzione e riduzione della produzione dei rifiuti nelle aree protette Parco nazionale D Abruzzo, Lazio e Molise 2010 Parco nazionale D Abruzzo, Lazio e Molise Regione Abruzzo La Regione Abruzzo, attraverso il servizio Gestione Rifiuti e L osservatorio regionale dei rifiuti in colascione di Europarch 2010, ha elaborato uno specifico protocollo di Intesa con Il Parco nazionale D Abruzzo, Lazio e Molise con la finalità di sperimentare forme concrete di prevenzione e riduzione della produzione dei rifiuti da adottare durante l organizzazione della conferenza stessa. I due enti durante la manifestazione hanno collaborato per sviluppare: la diffusione delle informazioni, educazione e sensibilizzazione dei cittadini, dei partecipanti alla conferenza, turisti ed operatori del turismo (albergatori) verso il contenimento ed una effettiva prevenzione e riduzione della produzione dei rifiuti e verso acquisti veri, frutto di scelte più consapevoli; attività di formazione di operatori pubblici ed altri soggetti interessati sui temi della prevenzione e riduzione della produzione dei rifiuti; scambio di esperienze e di buone pratiche tra gli enti, le associazioni ed altri soggetti competenti e/o interessati. Ciò ha consentito di sperimentare sistemi di riduzione della produzione dei rifiuti durante l evento internazionale. Tra le misure adottate vi sono: produzione di eco gadget realizzati con materiali ecologici; riduzioni al minimo delle produzioni cartacee a favore di quelle digitali (i documenti sono stati forniti ai partecipanti su pen drive realizzate in materiale riciclato); l utilizzo di prodotti ottenuti da materiale riciclato (acquisti verdi); l attivazione di convenzioni con le strutture di riduzione della produzione dei rifiuti e di minimizzazione dell impatto ambientale Dall esperienza applicativa del protocollo sono scaturite apposite linee guida alla riduzione della produzione dei rifiuti in eventi organizzati in aree protette. LIFE08-ENV IT/

7 Progetto A.G.I.R.E. POR Aree Protette Fossil Free Parco Nazionale del Pollino 2008 Parco nazionale del Pollino Ministero dello Sviluppo Economico Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi L'ente Parco in tale ottica ha promosso nel 2008 il progetto A.G.I.R.E. POR Aree Protette Fossil Free. L iniziativa è stata finanziata dal Ministero dello Sviluppo Economico. Il progetto si è sviluppato attraverso un trasferimento di conoscenze e pianificazioni sul tema energia sostenibile. E stato attivato un gemellaggio con il Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, si sono valutate ed impostate delle bozze di ipotesi progettuali per interventi che interessano direttamente i consumi energetici del Parco in tema di energia rinnovabile (fotovoltaico, biomasse, mini-idrico ). In particolare gli interventi progettati sono i seguenti: intervento 1 fonti rinnovabili: pensiline fotovoltaiche nel parcheggio dell ente; intervento 2 Mobilità sostenibile: Servizio di ricarica mezzi elettrici e punto noleggio biciclette (da promuovere con brochure e pannelli informativi che saranno realizzati nell ambito della terza iniziativa e che saranno rendicontati unitamente alla stessa); intervento 3 Attività comunicazione, formazione e divulgazione ambientale: - manuale Produrre e consumare energia in modo sostenibile con cd-rom applicativo; - brochure e pannelli informativi. Allo stato attuale il progetto è fermo per carenza di risorse economiche però si sta dando una normativa al settore attraverso il redigendo Piano del Parco. Per quanto riguarda l attivazione di particolari progetti sulla raccolta differenziata l'argomento verrà trattato nel redigendo Piano del Parco Per quanto riguarda la gestione delle biomasse derivanti dalle attività agricole l'argomento verrà trattato nel redigendo Piano del Parco. LIFE08-ENV IT/

8 SOLE PARCO Parco nazionale dell Appennino tosco-emiliano n.d. i principi del progetto sono in continua applicazione CNA e imprese del settore fotovoltaico Il Parco Nazionale ha contribuito alla del Progetto SOLE PARCO con CNA e imprese del settore fotovoltaico, tale progetto a visto la sul territorio del PARCO di impianti fotovoltaici per complessivi 350KW installati. Altre realizzazioni sono: Caserma di Corfini KW 3. Attualmente è in fase di approvazione un impianto fotovoltaico integrato, sulla Sede di Sassalbo per un totale di KW 40. Per quanto riguarda la raccolta differenziata il Parco esegue solo la raccolta dell'attrezzatura informatica non più utilizzata. Il Parco sta progettando un impianto a biomassa per alimentare la Sede di Sassalbo ed alcuni fabbricato limitrofi. LIFE08-ENV IT/

9 Caldaia a biomassa impiegata per riscaldare uffici del parco nazionale dello Yorkshire (Inghilterra) Grassington n.d. Parco Nazionale di Yorkshire Standards-and- Publications/Newsletters-- press/latestnews/sustainabledevelopment-newshomepage/biomass-boileremployed-to-heat-nationalpark-offices-/ Una caldaia a biomassa è stata installata presso la sede di Grassington del parco nazionale di Yorkshire, la caldaia produrrà calore da utilizzare per riscaldare gli uffici. Il sistema utilizza cippato locale di provenienza da boschi della regione dello Yorkshire gestiti in modo sostenibile FONTE: PROGETTO BEST4VARIOUSE Best4VarioUse è un progetto che ha come oggetto la ricerca di buone pratiche e tecnologie innovative per lo sviluppo dell utilizzo dei rifiuti verdi (biomasse di scarto) in diversi settori. L obiettivo del progetto è dimostrare la trasferibilità di progetti sperimentali (con tecnologie sia convenzionali che innovative) per il trattamento delle biomasse di scarto derivanti dalla manutenzione del territorio, dalle attività agricole e dalle attività forestali. Attraverso il progetto si mira a produrre materie prime da materiale tradizionalmente considerato rifiuto (biomasse), costruendo delle filiere per la produzione di energia e materiali economicamente ed ecologicamente efficienti. FONTE: LIFE08-ENV IT/

Porretta Terme 29 settembre 2007. Valter Bonan Federparchi ECOAPENNINO. La montagna un ritorno al futuro

Porretta Terme 29 settembre 2007. Valter Bonan Federparchi ECOAPENNINO. La montagna un ritorno al futuro Valter Bonan Federparchi Porretta Terme 29 settembre 2007 La montagna un ritorno al futuro ECOAPENNINO Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Montagne in movimento Ritorno al futuro

Dettagli

La convenienza economica di produrre energia termica con il legno

La convenienza economica di produrre energia termica con il legno La convenienza economica di produrre energia termica con il legno Vittorio Rossi Compagnia delle Foreste Arezzo vittoriorossi@compagniadelleforeste.it Combustibili a confronto Tipo di combustibil e Prezzo

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI

PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, art. 10 PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI pag. 1 PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 Premessa: il presente Piano della Performance

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

www.progettoscer.it PROGETTO PILOTA per Poli Industriali PRIMO in ITALIA

www.progettoscer.it PROGETTO PILOTA per Poli Industriali PRIMO in ITALIA nuovo S istema di C limatizzazione di edifici artigianali in ambito urbano basato sulle fonti Energetiche Rinnovabili PROGETTO PILOTA per Poli Industriali PRIMO in ITALIA www.progettoscer.it Il progetto

Dettagli

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene.

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene E un progetto con il quale Banca Popolare di Bergamo contempera l esercizio della propria attività

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Contenuto della lezione 1. Le fonti energetiche... 2 1.1. Le fonti energetiche dopo la rivoluzione industriale... 2 1.2. L energia elettrica... 3 2. Principali

Dettagli

CENTRO PER L ENERGIA L LEGNO E BIOMASSE RINNOVABILI

CENTRO PER L ENERGIA L LEGNO E BIOMASSE RINNOVABILI CENTRO PER L ENERGIA L DA LEGNO E BIOMASSE RINNOVABILI FILIERA PELLETS IMPIANTI TECNOLOGICI INNOVATIVI AD ALTA EFFICIENZA Per la produzione di ENERGIA RINNOVABILE PRODOTTI RETE ELETTRICA ENEL ENERGIA TERMICA

Dettagli

ALLEGATO 3 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO. 1. Requisiti in capo ai Responsabili ambientali (docenti e studenti)

ALLEGATO 3 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO. 1. Requisiti in capo ai Responsabili ambientali (docenti e studenti) ALLEGATO 3 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO 1. Requisiti in capo ai Responsabili ambientali (docenti e studenti) 1.1 Generale O1 O2 O3 O4 O5 O6 O7 O8 O9 O10 O11 O12 O13 Definizione delle

Dettagli

due tecnologie a confronto Lino Calligaro

due tecnologie a confronto Lino Calligaro due tecnologie a confronto Energy Service Company E.S.CO meccanismo certificati bianchi FINANZIA INTERVENTI di efficientamento energetico in ambito residenziale industriale agricolo pubblica amministrazione

Dettagli

28 settembre 2007. Ing. Filippo Marini

28 settembre 2007. Ing. Filippo Marini 28 settembre 2007 Ing. Filippo Marini Utilizzo del legno forestale Per poter essere utilizzato in un impianto per la produzione di energia il legno deve essere cippato; ridotto cioè in una forma facilmente

Dettagli

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi?

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi? QUESTIONARIO A) Risparmio energetico e fonti rinnovabili nelle abitazioni residenziali. Indagine conoscitiva ai fini dello sviluppo del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 1.Quale tipo di abitazione

Dettagli

Politiche per la promozione delle fonti rinnovabili termiche: ruolo degli incentivi e obiettivo 2020

Politiche per la promozione delle fonti rinnovabili termiche: ruolo degli incentivi e obiettivo 2020 Politiche per la promozione delle fonti rinnovabili termiche: ruolo degli incentivi e obiettivo 2020 Tommaso Franci Convegno FIPER Biomasse il futuro dell energia e dell ambiente! Il ruolo delle biomasse

Dettagli

Sistemi energetici di piccola taglia, gassificazione e uso di motori Stirling

Sistemi energetici di piccola taglia, gassificazione e uso di motori Stirling Sistemi energetici di piccola taglia, gassificazione e uso di motori Stirling Biomasse: prospettive di uso energetico in Emilia-Romagna e sistemi di calcolo e monitoraggio su GIS Ing. Filippo Marini La

Dettagli

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Energia da Biomasse Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Accordo di Programma Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Regione Abruzzo Iris Flacco Energy Manager Regione

Dettagli

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1 ANNO ANNO SCOLASTICO SCOLASTICO 2012 2013 2012 2013 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Energie rinnovabili caratteristiche energia eolica energia idrica energia elettrica energia geotermica biomassa energia solare

Dettagli

Programma per una visita didattica di 2 giorni / 3 notti a Friburgo e nella Foresta Nera

Programma per una visita didattica di 2 giorni / 3 notti a Friburgo e nella Foresta Nera Settore Formazione Innovation Academy Programma per una visita didattica di 2 giorni / 3 notti a Friburgo e nella Foresta Nera Kyoto Club in collaborazione con Innovation Academy e.v., propone alle scuole

Dettagli

Stato Attuale e Prospettive nella Produzione di Energia da Biomassa

Stato Attuale e Prospettive nella Produzione di Energia da Biomassa Uno Sviluppo Energetico Sostenibile per la Provincia di Oristano Stato Attuale e Prospettive nella Produzione di Energia da Biomassa Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli

Dettagli

Pro r d o u d zi u on o e n e di d Ene n r e g r i g a a da d a fo f n o t n i t ri r nn n o n va o b va i b li o o altamente efficienti

Pro r d o u d zi u on o e n e di d Ene n r e g r i g a a da d a fo f n o t n i t ri r nn n o n va o b va i b li o o altamente efficienti Produzione di Energia da fonti rinnovabili o altamente efficienti Una buona formula per spendere meno Ridotte esigenze energetiche degli edifici Alta efficienza delle pompe di calore con COP minimi secondo

Dettagli

Bioenergia Fiemme SpA

Bioenergia Fiemme SpA Bioenergia Fiemme SpA Cavalese dr. Andrea Ventura Amministratore Delegato Trento, giovedì 12 ottobre 2006 22/03/2007 1 Chi siamo? Prima Società a realizzare un impianto di teleriscaldamento a biomassa

Dettagli

ANCE. Associazione Nazionale Costruttori Edili Seminario su Efficienza energetica e Fonti rinnovabili Pescara, 19 febbraio 2010

ANCE. Associazione Nazionale Costruttori Edili Seminario su Efficienza energetica e Fonti rinnovabili Pescara, 19 febbraio 2010 ANCE Associazione Nazionale Costruttori Edili Seminario su Efficienza energetica e Fonti rinnovabili Pescara, 19 febbraio 2010 Produzione di energia termica da biomasse: tecnologie ed esperienze Dott.

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

SunergySOL soluzioni per l energia ENERGETICO PER LE NOSTRE ABITAZIONI 11/04/2013

SunergySOL soluzioni per l energia ENERGETICO PER LE NOSTRE ABITAZIONI 11/04/2013 SunergySOL soluzioni per l energia RISPARMIO ENERGETICO PER LE NOSTRE ABITAZIONI 11/04/2013 L agenda Perché le nostre case hanno costi energetici elevati? L importanza della diagnosi energetica Nuove energie

Dettagli

"Efficienza energetica, rinnovabili, mobilità sostenibile: ricette per la riduzione integrata di CO2 e NOx in ambito urbano"

Efficienza energetica, rinnovabili, mobilità sostenibile: ricette per la riduzione integrata di CO2 e NOx in ambito urbano "Efficienza energetica, rinnovabili, mobilità sostenibile: ricette per la riduzione integrata di CO2 e NOx in ambito urbano" Organizzato dal Kyoto Club nell ambito della Campagna di sensibilizzazione del

Dettagli

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE DELLA BIOMASSA LEGNOSA

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE DELLA BIOMASSA LEGNOSA ENERGIA, ACQUA, LEGNO: TECNOLOGIE E TUTELA AMBIENTALE NELL'AMBITO DEL PROGETTO STRATEGICO RENERFOR TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE DELLA BIOMASSA LEGNOSA Ing. Roberta ROBERTO UTTS ENEA C.R. Saluggia roberta.roberto@enea.it

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica Arch. Lea Quintavalle Arch.

Dettagli

PERCHE SCEGLIERE CITIS

PERCHE SCEGLIERE CITIS CONSEGNA NELLE MANI DI TUO FIGLIO UN PIANETA VIVIBILE L attenzione al territorio circostante è indispensabile per capire il nuovo scenario delle fonti energetiche rinnovabili. CITIS da più di 35 anni si

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

Scheda sintesi dei progetti bando di ricerca

Scheda sintesi dei progetti bando di ricerca Scheda sintesi dei progetti bando di ricerca Azienda Progetto Totale investito (contributo concesso) Enel Realizzazione e sperimentazione nelle città di Milano, Pisa e Roma di un infrastruttura di ricarica

Dettagli

Impianti eolici (produzione di energia elettrica)

Impianti eolici (produzione di energia elettrica) Autorizzazioni BOZZA Le procedure autorizzative da seguire per richiedere l installazione di un impianto, anche se semplificate al massimo, variano in base alla tipologia, alla sua grandezza e alla sua

Dettagli

PROGRAMMA DI INIZIATIVA COMUNITARIA INTERREG III A ITALIA AUSTRIA 2000-2006

PROGRAMMA DI INIZIATIVA COMUNITARIA INTERREG III A ITALIA AUSTRIA 2000-2006 Belluno, martedì 7 febbraio 2006 PROGRAMMA DI INIZIATIVA COMUNITARIA INTERREG III A ITALIA AUSTRIA 2000-2006 RIDUZIONE ED OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI DEGLI IMPIANTI PUBBLICI DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

La filiera Legno-Energia Come valorizzare le risorse di biomassa del nostro territorio Marino Berton Direttore generale AIEL

La filiera Legno-Energia Come valorizzare le risorse di biomassa del nostro territorio Marino Berton Direttore generale AIEL La filiera Legno-Energia Come valorizzare le risorse di biomassa del nostro territorio Direttore generale AIEL Associazione di filiera Associazione di filiera. dal bosco al camino Produzione/distribuzione

Dettagli

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti Progetto Aniene Green Net Quadro generale e aggiornamenti Una ricchezza del nostro territorio: I boschi Produzione stimata totale annua: 35 121 tonnellate di massa legnosa (stima dell Università della

Dettagli

Argomenti. Quali sono solare termico solare fotovoltaico eolico minieolico biomasse geotermia mare e moto ondoso

Argomenti. Quali sono solare termico solare fotovoltaico eolico minieolico biomasse geotermia mare e moto ondoso ENERGIE RINNOVABILI Argomenti Quali sono solare termico solare fotovoltaico eolico minieolico biomasse geotermia mare e moto ondoso Argomenti Perché le energie rinnovabili? Vantaggi Incentivi Esempi Formazione

Dettagli

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE In Lombardia le seguenti tipologie di apparecchi rientrano nell ambito di applicazione della normativa

Dettagli

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE PROGETTO CLIMA Nel definire gli interventi da inserire nel progetto CLIMA

Dettagli

3) Se un motore da 100 kw lavora per 4000 ore/anno al 100% della potenza nominale, in occasione di un suo fuori servizio:

3) Se un motore da 100 kw lavora per 4000 ore/anno al 100% della potenza nominale, in occasione di un suo fuori servizio: 28 QM 3 1) Quali sono i vantaggi della cogenerazione? Capacità di inseguire contemporaneamente la richiesta elettrica e termica. Maggiori rendimenti derivanti dalla produzione separata di energia elettrica

Dettagli

Presentazione di esperienze virtuose degli Enti Locali. Rimini, 4 Novembre 2010

Presentazione di esperienze virtuose degli Enti Locali. Rimini, 4 Novembre 2010 Presentazione di esperienze virtuose degli Enti Locali Rimini, 4 Novembre 2010 Ministero dell Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare BANDO FONTI RINNOVABILI, RISPARMIO ENERGETICO E MOBILITÀ

Dettagli

IL PETROLIO DI CASA NOSTRA

IL PETROLIO DI CASA NOSTRA IL PETROLIO DI CASA NOSTRA Le fonti dienergiadabiomassasono costituite dalle sostanze di origine animale e vegetale, non fossili, che possono essere usate come combustibili per la produzione di energia.

Dettagli

- ALLEGATO - INTERVENTI PRIVATI CONSIDERAZIONI ECONOMICHE E SPECIFICHE TECNICHE DELLE AZIONI COMUNE DI QUINTO VICENTINO

- ALLEGATO - INTERVENTI PRIVATI CONSIDERAZIONI ECONOMICHE E SPECIFICHE TECNICHE DELLE AZIONI COMUNE DI QUINTO VICENTINO - ALLEGATO - INTERVENTI PRIVATI CONSIDERAZIONI ECONOMICHE E SPECIFICHE TECNICHE DELLE AZIONI COMUNE DI QUINTO VICENTINO INDICE 1 PREMESSA 3 2 SETTORE RESIDENZIALE 4 INTERVENTI DEL SETTORE 4 CONSIDERAZIONI

Dettagli

Norme tecniche per le biomasse

Norme tecniche per le biomasse La Lombardia verso il 2020: il progetto BioEnerGIS per lo sviluppo di produzione di energia da biomasse Norme tecniche per le biomasse Giovanni Riva Milano, 19 Ottobre 2011 Il ruolo del CTI Ente di normazione

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI PRESENTAZIONE DI: BUSSETTI TAGLIABUE

ENERGIE RINNOVABILI PRESENTAZIONE DI: BUSSETTI TAGLIABUE ENERGIE RINNOVABILI PRESENTAZIONE DI: BUSSETTI & TAGLIABUE 1 LE ENERGIE RINNOVABILI La definizione di energia rinnovabile è spesso legata al termine ecologia. Infatti vengono spesso definite come energie

Dettagli

Impianti di teleriscaldamento a biomasse: un esempio concreto di sostenibilità economica e ambientale della bioenergia

Impianti di teleriscaldamento a biomasse: un esempio concreto di sostenibilità economica e ambientale della bioenergia Impianti di teleriscaldamento a biomasse: un esempio concreto di sostenibilità economica e ambientale della bioenergia Bioenergia: quali prospettive per l agricoltura e l impresa italiana Walter Righini-

Dettagli

Come nasce MaranoSolar

Come nasce MaranoSolar APPROCCIO ECOSISTEMICO L approccio di MaranoSolar alle tecnologie per le fonti rinnovabili intende offrire ai nostri partner il miglior punto di equilibrio tra salvaguardia dell ambiente e sviluppo economico

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO: UN GRANDE VALORE CON UN PICCOLO INVESTIMENTO

RISPARMIO ENERGETICO: UN GRANDE VALORE CON UN PICCOLO INVESTIMENTO RISPARMIO ENERGETICO: UN GRANDE VALORE CON UN PICCOLO INVESTIMENTO Contributi fino al 65% destinati alle imprese trentine che decidono di investire nei settori dell efficienza energetica e dell energia

Dettagli

Casi di studio SUPSI. Autori: Paola Caputo

Casi di studio SUPSI. Autori: Paola Caputo Casi di studio Autori: Paola Caputo Fonti: Strategie e modelli di efficienza energetica alla scala urbana Report 2 Casi di Studio A cura del Dip. BEST del Politecnico di Milano 1 Introduzione Sommario:

Dettagli

La strutturazione di filiere foresta energia economicamente efficienti

La strutturazione di filiere foresta energia economicamente efficienti 18 maggio 2012 Università degli Studi di Firenze Biomasse agro-forestali e energie alternative La strutturazione di filiere foresta energia economicamente efficienti Claudio Fagarazzi Filiera biomassa

Dettagli

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Sindaco Assessore all Urbanistica R.U.P. Energy Manager Coordinamento Avv. CUOMO Nicola Arch. D AURIA Alessio Arch. QUINTAVALLE Lea Arch. SCOGNAMIGLIO Antonella Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Gruppo di

Dettagli

SOMMARIO BEST PRACTICES : CASI DI SUCCESSO DELLA FILIERA DELLA BIOMASSA IN ITALIA. CONTROVALORE ECONOMICO 2,5 Miliardi di Euro

SOMMARIO BEST PRACTICES : CASI DI SUCCESSO DELLA FILIERA DELLA BIOMASSA IN ITALIA. CONTROVALORE ECONOMICO 2,5 Miliardi di Euro BEST PRACTICES : CASI DI SUCCESSO DELLA FILIERA DELLA BIOMASSA IN ITALIA Valter Francescato AIEL SOMMARIO Legna da ardere in moderne caldaie: benefici energetici e ambientali Legna da ardere in moderne

Dettagli

Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso del Lazio

Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso del Lazio Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso del Lazio Biomasse forestali tra istituzioni e impresa Roma 18 ottobre 2013 Regione Lazio Dr. Vanessa Gallo FIPER FIPER in

Dettagli

9. PARCO AUTOSUFFICIENTE E FONTE ENERGETICA

9. PARCO AUTOSUFFICIENTE E FONTE ENERGETICA 9. PARCO AUTOSUFFICIENTE E FONTE ENERGETICA Dal punto di vista energetico si prevede che il Centroparco oltre ad essere autosufficiente, sia anche fonte di energia per i nuovi insediamenti residenziali

Dettagli

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA DA REALIZZARSI IN COMUNE DI VATTARO (TN) Massimo Cerani www.energ-etica.eu QUADRO PROGETTUALE La scelta di adottare tale tipologia impiantistica

Dettagli

Il Progetto Fiera di Roma

Il Progetto Fiera di Roma Green Utility S.p.A. Via G. Mercalli 80 00197 Roma Phone +39 06 8077668 Fax +39 06 8075225 P. IVA 02886140546 Capitale Sociale: 1.000.000,00 i.v. Il Progetto Fiera di Roma Alcune immagini dell impianto

Dettagli

Gli ambiti di intervento

Gli ambiti di intervento Le imprese del Club Eccellenza Energetica di OMEGA S.r.l. di OMEGA ASSOCIATI società cooperativa RAGIONE SOCIALE:OMEGA S.r.l. DATA DI COSTITUZIONE: Bologna 23/01/2006 SEDE: Via Isonzo n. 14/3 40033 CASALECCHIO

Dettagli

VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA

VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA Vercelli fiere CARESANABLOT (VC) 27-29 settembre 2013 VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA Dott. Domenico Coaloa CRA-PLF Unità di Ricerca per le Produzioni Legnose fuori

Dettagli

PROGETTO DI UN NUOVO DISTRIBUTORE CARBURANTI ECO-SOSTENIBILE CLASSE A+

PROGETTO DI UN NUOVO DISTRIBUTORE CARBURANTI ECO-SOSTENIBILE CLASSE A+ Modena Fiere, 9-10- PROGETTO DI UN NUOVO DISTRIBUTORE CARBURANTI ECO-SOSTENIBILE CLASSE A+ Progettazione e realizzazione di un distributore carburanti in classe energetica A+ premiato dalla Regione Toscana

Dettagli

The GREEN TEAM: la community

The GREEN TEAM: la community The GREEN TEAM: la community Abbiamo parlato di: Il fotovoltaico conviene sempre I nostri servizi Partner: Rothoblaas, Sunpower e Buderus The Green Team Il fotovoltaico conviene sempre Il fotovoltaico

Dettagli

Sostenibilità energetica settore terziario: turismo. Claudia Carani Modena, 08-09 Maggio 2013

Sostenibilità energetica settore terziario: turismo. Claudia Carani Modena, 08-09 Maggio 2013 Sostenibilità energetica settore terziario: turismo Claudia Carani Modena, 08-09 Maggio 2013 1 Il progetto RELACS Il turismo è uno dei principali settori economici Circa il 50% degli hotel sono situati

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

Il risparmio energetico e le energie alternative. Oppeano, 19 ottobre 2007

Il risparmio energetico e le energie alternative. Oppeano, 19 ottobre 2007 Il risparmio energetico e le energie alternative Oppeano, 19 ottobre 2007 1 L Italia: un paese energivoro 500 450 Consumo di energia elettrica Energia elettrica (in TWh) importata in Italia dall estero

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O.

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Azioni e Monitoraggio Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Qualità dell Aria 2 Le azioni Le azioni discendono dalle strategie di Mitigazione

Dettagli

Agevolazioni Fiscali e Incentivi. Guida PRODOTTI Emmeti IT 03. Idee da installare

Agevolazioni Fiscali e Incentivi. Guida PRODOTTI Emmeti IT 03. Idee da installare Agevolazioni Fiscali e Incentivi IT 03 Guida PRODOTTI Emmeti Idee da installare La forza di un gruppo Emmeti nasce nel 1976 commercializzando componenti per impianti di riscaldamento. Il passaggio alla

Dettagli

SCHEDA questionario da compilarsi dall Ente competente

SCHEDA questionario da compilarsi dall Ente competente SCHEDA questionario da compilarsi dall Ente competente COMUNE DI Provincia di Nome e qualifica del funzionario che compila il questionario Ufficio/Ente/Servizio che compila il questionario Indirizzo CAP

Dettagli

Efficienza energetica e sistemi di imprese della Regione

Efficienza energetica e sistemi di imprese della Regione Efficienza energetica e sistemi di imprese della Regione 7 OTTOBRE 2010 ore 9,30 University Club - Ponte P. Bucci Università della Calabria Arcavacata di Rende -CS Ing. Leonardo Sblendido Delegato Energia

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli Regione Lazio

Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli Regione Lazio Le azioni strategiche della Regione Lazio per le Energie Intelligenti RISORSE IN CAMPO Il piano per le rinnovabili della Regione Lazio è articolato in macroazioni: su ricerca e sviluppo e su azioni concrete

Dettagli

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Aziende / Professionisti / Commercianti / Istituti di Credito. L impegno verso un futuro sostenibile.

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Aziende / Professionisti / Commercianti / Istituti di Credito. L impegno verso un futuro sostenibile. Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Aziende / Professionisti / Commercianti / Istituti di Credito Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica

Dettagli

Gli impatti sul territorio del sistema di incentivi alla produzione di energia rinnovabile in ambito agricolo

Gli impatti sul territorio del sistema di incentivi alla produzione di energia rinnovabile in ambito agricolo Milano, 20 luglio 2015 Gli impatti sul territorio del sistema di incentivi alla produzione di energia rinnovabile in ambito agricolo Davide Valenzano Milano, 20 Luglio 2015 Ringraziamenti Si ringraziano

Dettagli

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili.

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Per creare una sensibilità e maggior conoscenza di questa

Dettagli

Produzione di calore ad alto rendimento

Produzione di calore ad alto rendimento Produzione di calore ad alto rendimento Negli edifici di nuova costruzione e in quelli in cui è prevista la completa sostituzione dell'impianto di riscaldamento o del solo generatore di calore, è obbligatorio

Dettagli

PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO

PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO MONITORAGGIO DELL USO DELLE RISORSE NATURALI E DELLE MATERIE PRIME Si riporta di seguito un sintetico compendio dei dati quantitativi disponibili relativamente al flusso di

Dettagli

Inchiesta sul Tema Energia in Primiero. Realizzata sulla base d interviste a 12 testimoni locali.

Inchiesta sul Tema Energia in Primiero. Realizzata sulla base d interviste a 12 testimoni locali. Trentino Sviluppo SpA Inchiesta sul Tema Energia in Primiero. Realizzata sulla base d interviste a 12 testimoni locali. Aprile 2012 Documento di discussione da sottoporre al tavolo di confronto incaricato

Dettagli

FOTOVOLTAICO E AGRICOLTURA

FOTOVOLTAICO E AGRICOLTURA FOTOVOLTAICO E AGRICOLTURA Nuove opportunità legate al Quarto Conto Energia e agli incentivi per le bonifiche dei tetti di amianto 28 luglio 2011 ore 9:00 Camera di Commercio Industria Agricoltura e Artigianato

Dettagli

CRESCERE. Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi CON EFFICIENZA. Massimo Filippi Matteo Manica

CRESCERE. Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi CON EFFICIENZA. Massimo Filippi Matteo Manica CRESCERE CON EFFICIENZA Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi Massimo Filippi Matteo Manica DM 21 dicembre 2015 Contributi alle PMI per diagnosi energetiche e certificazione ISO 50001 Finalità

Dettagli

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS è una realtà aziendale italiana, con sistema di qualità certificato ISO 9001:2008, che opera nell impiantistica meccanica e termoelettrica industriale, realizza costruzioni

Dettagli

Efficientamento e biomasse. Investimenti intelligenti per aumentare la competitività delle imprese

Efficientamento e biomasse. Investimenti intelligenti per aumentare la competitività delle imprese Efficientamento e biomasse nelle serre Abbattere il costo energetico in serra è possibile Con cippato e pellet si risparmia dal 30 al 60% rispetto al gasolio agricolo Il costo di riscaldamento rappresenta

Dettagli

IMPIANTI A FONTI ENERGETICHE

IMPIANTI A FONTI ENERGETICHE Gorle, 15 maggio 2013 IMPIANTI A FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI RELATORE: Gianluigi Piccinini Presidente Ressolar s.r.l. Alessio Ronchi Marco Vitali SOCIETA : Ressolar srl s.r.l. PRINCIPALI ATTIVITÀDIRESSOLAR

Dettagli

DOMANDA D ADESIONE AL GRUPPO D ACQUISTO SOLARE TERMICO (G.A.S.T.) PER RESIDENTI DEI COMUNI DELL AREA LEADER MEDIO MOLISE E FORTORE

DOMANDA D ADESIONE AL GRUPPO D ACQUISTO SOLARE TERMICO (G.A.S.T.) PER RESIDENTI DEI COMUNI DELL AREA LEADER MEDIO MOLISE E FORTORE P.S.R. Regione Molise - Misura 4.2 - Azione 4.2.1 Cooperazione interterritoriale e transnazionale - Progetto Territori che fanno la cosa giusta - Fase 2 Sviluppo di interventi per la diffusione della sostenibilità

Dettagli

Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it

Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it Vallarsa, lì 10 dicembre 2013 Oggetto: questionario relativo ai consumi energetici

Dettagli

Qui gli interventi finanziabili, chi può richiedere il finanziamento, quando richiederlo, e a chi rivolgersi.

Qui gli interventi finanziabili, chi può richiedere il finanziamento, quando richiederlo, e a chi rivolgersi. Il Fondo Kyoto per la riduzione delle emissioni di gas serra DISPONIBILI PRESSO LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI I FINANZIAMENTI ALLO 0,50% ANNUO PER PRIVATI E AZIENDE Qui gli interventi finanziabili, chi

Dettagli

IL RISCALDAMENTO NEI CONDOMINI LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE LA TERMOREGOLAZIONE LA COGENERAZIONE LA MICRO-COGENERAZIONE DIFFUSA

IL RISCALDAMENTO NEI CONDOMINI LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE LA TERMOREGOLAZIONE LA COGENERAZIONE LA MICRO-COGENERAZIONE DIFFUSA 1. 2. 3. IL RISCALDAMENTO NEI CONDOMINI LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE LA TERMOREGOLAZIONE LA COGENERAZIONE LA MICRO-COGENERAZIONE DIFFUSA PAUSA LA BIOMASSA LE CALDAIE A CIPPATO LE CALDAIE A PELLET LE

Dettagli

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L utilizzo delle biomasse in chiave ecologica Vito Pignatelli ENEA - Dipartimento Tecnologie

Dettagli

SCHEDA PROGETTO Misura 313 Incentivazione delle attività turistiche Azione 2 Accoglienza Contesto di riferimento

SCHEDA PROGETTO Misura 313 Incentivazione delle attività turistiche Azione 2 Accoglienza Contesto di riferimento SCHEDA PROGETTO Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 - Asse 4 LEADER Programma di Sviluppo Locale PRE.D.I.R.E. Prealpi e Dolomiti per l Innovazione e il Rilancio dell Economia Misura 313

Dettagli

SETTIMANA DELL ENERGIA ENERGIA DELLA PROVINCIA DI SIENA

SETTIMANA DELL ENERGIA ENERGIA DELLA PROVINCIA DI SIENA SETTIMANA DELL ENERGIA ENERGIA DELLA PROVINCIA DI SIENA POLO SCIENTIFICO, TECNOLOGICO E PRODUTTIVO DELLE ENERGIE RINNOVABILI E DELL EFFICIENZA EFFICIENZA ENERGETICA ANALISI PROPOSTE PERVENUTE AL 20 GENNAIO

Dettagli

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO SOSTENIBILE ED ECONOMICO Magnifica Comunità di Fiemme Massimo NEGRIN m.negrin@mcfiemme.eu Hotel Lagorai Cavalese 20 Gennaio 2012 Progetto BIO-EN-AREA

Dettagli

per la STORICITA del distretto, documentata dalla presenza di centri di documentazione sulla cultura locale del prodotto e del lavoro

per la STORICITA del distretto, documentata dalla presenza di centri di documentazione sulla cultura locale del prodotto e del lavoro IL DISTRETTO DELLE ENERGIE RINNOVABILI La Regione Veneto, con Deliberazione della Giunta nr. 1373 del 12 maggio 2009, ha approvato il Patto di sviluppo per il Distretto delle Energie Rinnovabili,e ha individuato

Dettagli

- Energy Parking Faravelli -

- Energy Parking Faravelli - - Energy Parking Faravelli - PROGETTAZIONE DI UN SISTEMA DI PRODUZIONE E STOCCAGGIO DI ENERGIA ELETTRICA DA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO INTEGRATO NELLA COPERTURA DI UN PARCHEGGIO MULTIPIANO ASSERVITO ALLA

Dettagli

SCALDARE CASA E COME RIEMPIRE UN RECIPIENTE D ACQUA

SCALDARE CASA E COME RIEMPIRE UN RECIPIENTE D ACQUA SCALDARE CASA E COME RIEMPIRE UN RECIPIENTE D ACQUA VENTILAZIONE CON RECUPERO CALORE CAPPOTTO ESTERNO QUANTO COSTA PRODURRE CALORE PER RISCALDARE CASA? FONTI ENERGIA U.M. Q.tà Potere Cal.inf U.M. Costo

Dettagli

Le rinnovabili termiche: i dati, gli obiettivi e il potenziale al 2020

Le rinnovabili termiche: i dati, gli obiettivi e il potenziale al 2020 Le rinnovabili termiche: i dati, gli obiettivi e il potenziale al 2020 Dossier per la stampa a cura dell uff. Studi Amici della Terra Italia Onlus www.amicidellaterra.it 1 2 Il Piano d azione nazionale

Dettagli

Regione Abruzzo. Risparmio ed efficienza energetica in edilizia

Regione Abruzzo. Risparmio ed efficienza energetica in edilizia Regione Abruzzo Direzione Affari della Presidenza, Politiche Legislative e Comunitarie, Programmazione, Parchi, Territorio, Valutazioni Ambientali, Energia Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria,

Dettagli

Partner locale coinvolto: AGIRE Agenzia Europea per l Energia

Partner locale coinvolto: AGIRE Agenzia Europea per l Energia Progetto Europeo DANUBENERGY Programma di Finanziamento europeo: CENTRAL EUROPE Budget di progetto assegnato : 1'777'824,90 Budget su Mantova: 200'802,00 Partner locale coinvolto: AGIRE Agenzia Europea

Dettagli

CENTRAL PARK Soluzioni per il Risparmio Energetico e la Salvaguardia Ambientale previste nell ambito del Piano Attuativo di iniziativa mista pubblico-privata dell area Officine Franchi- Bastia Umbra L

Dettagli