TeleMobility Forum Centro Lingotto Torino, 27/28 settembre 2012 Certificazione di qualità ed interoperabilità nei sistemi di e-ticketing

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TeleMobility Forum Centro Lingotto Torino, 27/28 settembre 2012 Certificazione di qualità ed interoperabilità nei sistemi di e-ticketing"

Transcript

1 TeleMobility Forum Centro Lingotto Torino, 27/28 settembre 2012 Certificazione di qualità ed interoperabilità nei sistemi di e-ticketing Marco Magnarosa C.E.O. CUBIT

2 Certificazione di qualità ed interoperabilità nei sistemi di e-ticketing CUBIT - Consortium Ubiquitous Technologies nasce nel 2007 per volontà di: Dipartimento di Ingegneria dell Informazione dell Università di Pisa Polo Tecnologico di Navacchio innovation Imprese del settore ICT con l obiettivo di costituire un nuovo modello di cooperazione rivolto all accelerazione del processo di filiera del trasferimento tecnologico nel settore delle telecomunicazioni. market knowledge transfer research

3 Certificazione di qualità ed interoperabilità nei sistemi di e-ticketing Il Wireless Innovation Lab nasce dall esperienza e dalle competenze specifiche presenti all interno di CUBIT, del Polo Tecnologico di Navacchio e del Dipartimento di Ingegneria dell'informazione dell'università di Pisa con l obiettivo di creare un centro avanzato per la progettazione, la simulazione, il testing e le certificazioni delle soluzioni tecnologiche innovative nel campo dell elettronica e dell ICT. Sviluppo di attività di ricerca integrata Know how Telecomunicazioni, ICT, EMC, Networking, IEEE Wireless Innovation Lab KBC

4 Certificazione di qualità ed interoperabilità nei sistemi di e-ticketing CUBIT dispone di un parco strumentazione in grado di rispondere a specifiche esigenze di certificazione e testing di sistemi elettronici ed a radio frequenza, dal debug di problemi elettronici e di signal integrity, alla qualifica di prodotto e marcatura CE. Certificazione RINA 9001:2008 Laboratorio elettromagnetico e sviluppo prototipi - ISO (Certificazione procedura qualifica 14443)

5 Gli standard RFID e la certificazione 14443

6 RFID: Classificazione per Frequenze e Applicazioni

7 Stack protocollare RFID HF Livello applicativo Layer International Standard 7 Security Management and Architecture 6 Terminal Applicative Software 5 Data Model 4 Card and Security Mechanism 3 Card Data Structure CEN EN Card OS and Files Structure & Commands ISO Communication Interface ISO A/B 1-4

8 Caratteristiche degli standard Ruolo degli standard RFID Punti chiave Interoperabilità Protocolli Proprietari Tecniche di interrogazione Modulazione Tecniche anti collisione Codifica dei dati Protocolli di Comunicazione Non Interferenza Potenze R.F. Bande di Frequenza Emissione di spurie Larghezza di Banda

9 Caratteristiche degli standard Ruolo degli standard RFID Interoperabilità Omissioni Opzioni Standard Proprietari Prodotti Differenti Criticità Protocolli Proprietari Regolamentazione Non Interferenza Potenze Differenti Eccezioni nazionali Frequenze Differenti

10 Certificazione di qualità card Prove elettromagnetiche: ISO/IEC First edition Identification cards Contactless integrated circuit(s) cards Proximity cards Part 1: Physical characteristics ISO/IEC First edition Identification cards Contactless integrated circuit(s) cards Proximity cards Part 2: Radio frequency power and signal interface ISO/IEC Identification cards Contactless integrated circuit(s) cards Proximity cards Part 3: Initialization and anticollision ISO/IEC Identification cards Test methods Part 6: Proximity cards Prove meccaniche: ISO/IEC parte 1 - Caratteristiche meccaniche delle smartcard Prove effettuate su 20 campioni stadard prodotti da almeno 10 giorni e opportunamente documentati

11 Certificazione di qualità card Attività Normativa Descrizione Alternating magnetic field test Minimum operating field measurement Capacity of reception test Load modulation amplitude measurement Misura della Frequenza di risonanza Misura del Coefficiente di merito (Q) Class 1 maximum loading effect Effect of type A command on type B card ISO Cap. 4.3 ISO Cap. 6.2 ISO AM 02 Cap. 7.2 ISO Cap. 8.2, 9.2 ISO Cap.6.1, 6.3 ISO Cap. 6.1, 6.3 ISO Cap 7.4 ISO AM1 Cap. 5.2 Lettura del campo magnetico a 0 A/m e 12 A/m rms Misurazione del campo H sul PICC da Hmin=1.5 A/m a Hmax=7.5 A/m Verifica dell abilità di un PICC di rispondere ad un comando di richiesta inviato dal PCD con una certa forma d onda Il load modulation deve essere 30/H1,2 mvpp TX rate = 106 Kbps Fsubcarrier = 847 KHz Misura dell impedenza e della frequenza Misura dell impedenza e della frequenza (massimizzazione della parte Re) Questa misura permette di valutare se il loading effect che caratterizza il PICC (Hp) sotto esame non supera il valore di riferimento Hr. Analizzare il comportamento di un PICC di tipo B in presenza di comandi di tipo A Prove meccaniche ISO Stress reiterati di flessione, Stress reiterati di torsione, Stabilità meccanica in temperatura ed umidità, Adesione bloccaggio meccanico

12 L interoperabilità nei sistemi di bigliettazione elettronica

13 Interoperabilità per l e-ticketing La questione di fondo Differenti Enti Pubblici hanno adottato carte contactless con differenti scopi e obiettivi (Carta Sanitaria, Carta dei servizi, Biglietto elettronico, Carte di pagamento e simili); I sistemi sono spesso pensati e collaudati per il funzionamento con reader specifici e per il medesimo servizio; Vi è sempre più la necessità di rendere interoperabili questi sistemi, dal mondo dei trasporti pubblici (biglietto unico) all integrazione tra la Carta Sanitaria ed i servizi al cittadino; I sistemi attualmente in uso, per buona parte, non sono interoperabili, ma esistono le condizioni perché lo diventino.

14 Requisiti tecnici dei lettori: Interoperabilità per l e-ticketing Requisiti per l Interoperabilità Conformità alle norme ETSI EN , ETSI EN , ETSI EN relativamente ai requisiti di emissione del front end a radiofrequenza; Conformità allo standard ISO relativamente alle caratteristiche elettromagnetiche ed al protocollo di comunicazione a radiofrequenza per la garanzia di compatibilità sia con smart card ISO 14443/A e ISO 14443/B; Connessione ad internet real time (oppure offline) al fine di accedere al server di storage delle chiavi, che condivide le chiavi di accesso ed autenticazione tra i vari sistemi italiani; Possibilità di aggiornamento dei firmware al fine di rendere possibile la validazione di titoli di viaggio rilasciati da società diverse;

15 Interoperabilità per l e-ticketing Requisiti per l Interoperabilità (segue) Requisiti tecnici delle card: Conformità allo standard ISO relativamente alle caratteristiche meccaniche Conformità allo standard ISO relativamente alle caratteristiche elettromagnetiche ed al protocollo di comunicazione a radiofrequenza Disponibilità di utilizzo di aree della card per nuovi dati Utilizzo di java card ed NFC

16 Interoperabilità per l e-ticketing Privacy Security Communication Interface Architecture Data Interface ISO (conceptual frame work) EN (logical level, abstract interface, security) EN 1545 (data elements) ISO/IEC (command, security) ISO/IEC /4 (physical, data link, trasmission protocol) ISO EN : descrive la struttura di una piattaforma interoperabile nell ambito dei sistemi di trasporto, i suoi attori, i flussi e gli scambi di informazioni. Si basa sull esistenza di un supporto che ospiti un applicazione software comune. I prodotti sono ospitati all interno dell applicazione. Ogni applicazione e ogni prodotto, pur potendo essere venduti da rivenditori diversi, hanno un proprietario univocamente identificato. EN 15320: definisce la struttura logica dei dati memorizzati sulla card, specifica l interfaccia astratta per l interazione tra card e terminale e tratta della sicurezza demandata ad un sottosistema apposito di sicurezza. Per quanto riguarda la Protocollo/Procedura privacy, la norma obbliga all utilizzo condivisa un di interoperabilità: meccanismo di controllo degli accessi e di meccanismi di encryption per la protezione dei dati personali, e più in generale di tutti i dati sensibili. EN : definisce la struttura base data element sulla card, espressa in accordo alla ASN.1 (Abstract Modo comune di interazione dei sistemi Syntax Notation 1). EN : definisce le strutture dati che (titolo risiedono interoperante) sulla carta accordo ai requisiti di un sistema di trasporto interoperabile. e utilizzo di tecnologie ad-hoc per gestire l esistente ISO/IEC : definisce le regole di scambio dei comandi. Sicurezza e privacy devono essere garantite (Java/NFC/Online Protocol) attraverso metodi di Secure Messaging e un sistema di sicurezza che definisca i permessi di accesso ai file e ai dati sulla card. ISO (1-4): specifica i requisiti per effettuare una connessione tra card e terminale, copreso il protocollo di trasmissione.

17 Grazie per l attenzione! Marco Magnarosa C.E.O. Cubit Consortium Ubiquitous Technologies innovation knowledge transfer market research

Ing. Marco Magnarosa CEO CUBIT Il Nuovo Mondo, Bologna 29/11/2011

Ing. Marco Magnarosa CEO CUBIT Il Nuovo Mondo, Bologna 29/11/2011 Internet delle cose: la questione dell interoperabilità e dell integrazione dei sistemi contactless Ing. Marco Magnarosa CEO CUBIT Il Nuovo Mondo, Bologna 29/11/2011 CUBIT Consortium Ubiquitous Technologies

Dettagli

Interoperabilità dei sistemi di identificazione RFID e Contactless. P&STech Genova 22/11/2010

Interoperabilità dei sistemi di identificazione RFID e Contactless. P&STech Genova 22/11/2010 Internet of Things: Interoperabilità dei sistemi di identificazione RFID e Contactless P&STech Genova 22/11/2010 Marco Magnarosa CUBIT CUBIT Consortium Ubiquitous it Technologies nasce nel 2007 per volontà

Dettagli

Internet delle Cose: Un primo paradigma per le città intelligenti. GCE Med Bari 12_11_2012

Internet delle Cose: Un primo paradigma per le città intelligenti. GCE Med Bari 12_11_2012 Internet delle Cose: Un primo paradigma per le città intelligenti GCE Med Bari 12_11_2012 Cubit CUBIT - Consortium Ubiquitous Technologies nasce nel 2007 per volontà di: Dipartimento di Ingegneria dell

Dettagli

Sistema di qualificazione di fornitori di smart card

Sistema di qualificazione di fornitori di smart card Sistema di qualificazione di fornitori di smart card Verifiche di compatibilità per carte di bigliettazione elettronica con il sistema ACTV IMOB Versione 1.0 del 30 Marzo 2011 Capitolo 1 Introduzione 1.1

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Regole tecniche per l adozione di sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili nel territorio nazionale, in attuazione dell art. 8, comma 1, del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito,

Dettagli

Interoperabilità ed integrazione tecnologica per i sistemi di bigliettazione elettronica

Interoperabilità ed integrazione tecnologica per i sistemi di bigliettazione elettronica Organizzato da: Interoperabilità ed integrazione tecnologica per Marco Magnarosa C.E.O. Cubit Consortium Ubiquitous Technologies Roma 29 e 30 marzo 2011 CUBIT - Consortium Ubiquitousit Technologies nasce

Dettagli

Specifica tecnica della smartcard

Specifica tecnica della smartcard (allegato n. 1) Sistema di qualificazione 5t srl Periodo 2015-2018 Specifica tecnica della smartcard The authors of this Specification make no other representation or warranty regarding whether any particular

Dettagli

Progettazione di sistemi basati su tecnologie RFID: potenzialità tecnologiche e casi applicativi reali

Progettazione di sistemi basati su tecnologie RFID: potenzialità tecnologiche e casi applicativi reali Progettazione di sistemi basati su tecnologie RFID: potenzialità tecnologiche e casi applicativi reali Prof. Giuliano Manara Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Pisa Presidente CUBIT

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria dell Informazione dell Università di Pisa Polo Tecnologico di Navacchio

Dipartimento di Ingegneria dell Informazione dell Università di Pisa Polo Tecnologico di Navacchio CUBIT Consortium Ubiquitous Technologies CUBIT - Consortium Ubiquitous Technologies nasce nel 2007 per volontà di: Dipartimento di Ingegneria dell Informazione dell Università di Pisa Polo Tecnologico

Dettagli

PRESENTAZIONE. Firenze, 4 Aprile 2013. Alessandro Conti BASSILICHI

PRESENTAZIONE. Firenze, 4 Aprile 2013. Alessandro Conti BASSILICHI PRESENTAZIONE INSeT Firenze, 4 Aprile 2013 Alessandro Conti BASSILICHI 1. 2. PRESENTAZIONE INSeT - Progetto INSeT PRESENTAZIONE INSeT - Progetto INSeT Progetto INSeT Ambito Primario: Trasporti e mobilità

Dettagli

Un sistema RFID si basa sui due seguenti elementi:

Un sistema RFID si basa sui due seguenti elementi: La RFID LA RFID (RADIO FREQUENCY IDENTIFICATION) È UNA TECNOLOGIA DI IDENTIFICAZIONE CHE RICORRE AD UN SEGNALE IN RADIOFREQUENZA QUALE SUPPORTO DI DIALOGO TRA L OGGETTO DA IDENTIFICARE E IL DISPOSITIVO

Dettagli

Prodotti e Applicazioni ICT

Prodotti e Applicazioni ICT Prodotti e Applicazioni ICT Prodotti e Applicazioni ICT Indice Chi Siamo 1 Applicazioni ICT Soluzione Nemoticon PA Soluzione software e hardware per la rilevazione soddisfazione utente nella PA : Progetto

Dettagli

PRIMA GIORNATA DELL INNOVAZIONE

PRIMA GIORNATA DELL INNOVAZIONE PRIMA GIORNATA DELL INNOVAZIONE LIVORNO - 5 Dicembre 2008 Dott. Luca Cattermol General Manager DAXO DAXO è una società operante nel settore delle Information and Communication Technologies (ICT), specializzata

Dettagli

Introduzione (2/3) A seconda dei casi, l elemento di accoppiamento è costituito da una spira o da una antenna

Introduzione (2/3) A seconda dei casi, l elemento di accoppiamento è costituito da una spira o da una antenna Introduzione (1/3) Radio Frequency IDentification (RFID) = possibilità di acquisire informazioni su di un oggetto per mezzo della radio-comunicazione ( contactless) fra un Tag ( etichetta ) fisicamente

Dettagli

La visione di Oberthur sull'evoluzione del Mobile Payment e soluzioni di convergenza

La visione di Oberthur sull'evoluzione del Mobile Payment e soluzioni di convergenza La visione di Oberthur sull'evoluzione del Mobile Payment e soluzioni di convergenza Clara Santambrogio Business Development& Field Mktg Manager Torino, 28 settembre 2012 1. Company overview 2. L offerta

Dettagli

SISTEMI DI COMUNICAZIONE A CORTO RAGGIO: ANALISI SPERIMENTALE CON DISPOSITIVI NFC.

SISTEMI DI COMUNICAZIONE A CORTO RAGGIO: ANALISI SPERIMENTALE CON DISPOSITIVI NFC. ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA CAMPUS DI CESENA SCUOLA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA E DELLE TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI COMUNICAZIONE A CORTO RAGGIO:

Dettagli

Total Security Knowledge Management Solution

Total Security Knowledge Management Solution Total Security Knowledge Management Solution Gestione Integrata della Sicurezza Aziendale ID Credential Overview OnGuard ID CredentialCenter è un prodotto che integra, sull esistente tecnologia ID di Lenel,

Dettagli

WAVECOMM S.r.l. Partner tecnologico per l'innovazione. Profilo. Mission

WAVECOMM S.r.l. Partner tecnologico per l'innovazione. Profilo. Mission WAVECOMM S.r.l. Partner tecnologico per l'innovazione Profilo Wavecomm S.r.l. è una azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di sistemi elettronici avanzati, focalizzata nei settori dell'elettronica

Dettagli

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Torna al programma Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Tecnologie e sistemi di comunicazione per il controllo di generatori distribuiti e reti L. Capetta Definizione

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Descrizione generale della tecnologia Le funzionalità tecniche Sintesi dello scenario generale delle carte La CNS

Descrizione generale della tecnologia Le funzionalità tecniche Sintesi dello scenario generale delle carte La CNS SMART CARD: tecnologie ed applicazioni nella PA Giovanni Manca (manca@cnipa.it) Centro Nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione AGENDA Descrizione generale della tecnologia Le funzionalità

Dettagli

26.11.2012. Gianni Becattini CARTE ELETTRONICHE. Un riepilogo

26.11.2012. Gianni Becattini CARTE ELETTRONICHE. Un riepilogo 26.11.2012 Gianni Becattini CARTE ELETTRONICHE Un riepilogo 1 Courtesy of AEP Ticketing Solutions Questo sono io Gianni Becattini A.D. di AEP Ticketing Solutions Gianni Becattini AD di AEP Ticketing Solutions

Dettagli

Costanzo Fabrizio. Facoltà di Ingegneria. La tecnologia RFID : Aspetti di sicurezza. Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni

Costanzo Fabrizio. Facoltà di Ingegneria. La tecnologia RFID : Aspetti di sicurezza. Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Tesi di Laurea di Primo Livello La tecnologia RFID : Aspetti di sicurezza Laureando: Costanzo Fabrizio Matricola : 801491 Relatore

Dettagli

Mobile Payment. Aspetti tecnici ed interoperabilità dei sistemi. Alice Moroni CATTID Sapienza Università di Roma

Mobile Payment. Aspetti tecnici ed interoperabilità dei sistemi. Alice Moroni CATTID Sapienza Università di Roma Mobile Payment Aspetti tecnici ed interoperabilità dei sistemi Alice Moroni CATTID Sapienza Università di Roma I Laboratori del CATTID All'interno del CATTID, diretto dal Prof. Ugo Biader Ceipidor, operano

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

NFC: Il Nuovo Traguardo del Mobile

NFC: Il Nuovo Traguardo del Mobile NFC: Il Nuovo Traguardo del Mobile Tecnologia e scenari applicativi in ambito trasporti e pagamenti Alice Moroni CATTID Sapienza Università di Roma I Laboratori del CATTID All'interno del CATTID, diretto

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL ORGANIZZAZIONE GIUDIZIARIA, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI DIREZIONE GENERALE PER I SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI AREA CIVILE POLISWEB Piano delle verifiche

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

Capitolo 1. RFID in generale. 1.1 Introduzione ai sistemi RFID

Capitolo 1. RFID in generale. 1.1 Introduzione ai sistemi RFID Sommario Il lavoro proposto da Iuzzolino Giacomo è una tesi sperimentale per il conseguimento della laurea specialistica al Politecnico di Torino in Ingegneria Elettronica (Nuovo Ordinamento). La tesi

Dettagli

SMART CARD tecnologie ed applicazioni nella PA

SMART CARD tecnologie ed applicazioni nella PA SMART CARD tecnologie ed applicazioni nella PA Ing. Giovanni Manca Dirigente CNIPA Centro Nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione AGENDA Descrizione generale della tecnologia Le funzionalità

Dettagli

Elaborazione Numerica dei Segnali per Telecomunicazioni. Software Defined Radio e Campionamento Passa-Banda

Elaborazione Numerica dei Segnali per Telecomunicazioni. Software Defined Radio e Campionamento Passa-Banda Elaborazione Numerica dei Segnali per Telecomunicazioni Anno Accademico 2008/2009 Software Defined Radio e Campionamento Passa-Banda Francesco Benedetto (fbenedet@uniroma3.it) Digital Signal Processing,

Dettagli

Architetture di Ticketing e Strumenti bancari

Architetture di Ticketing e Strumenti bancari Organizzato da: Architetture di Ticketing e Strumenti bancari Gianluigi Di Lorenzo Responsabile Gestione e Sviluppo Sistema di Bigliettazione Elettronica Atac S.p.A. Roma 29 e 30 marzo 2011 Il contesto:

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

SBME (Sistema di Bigliettazione Magnetica ed Elettronica) Specifica Tecnica Carte Contactless e Dual Interface

SBME (Sistema di Bigliettazione Magnetica ed Elettronica) Specifica Tecnica Carte Contactless e Dual Interface SBME (Sistema di Bigliettazione Magnetica ed Elettronica) Specifica Tecnica Carte Contactless e Dual Interface codice: SBME.Spec.TSC rev.: 3.01 data: 31/01/2010 REVISIONI Revisione Data Autore Firma Note

Dettagli

NFC I sistemi avanzati di pagamento

NFC I sistemi avanzati di pagamento NFC I sistemi avanzati di pagamento Giacomo Buonanno Mauro Mezzenzana Lab#ID - LIUC Università Cattaneo Economia C.so Matteotti, 22 Castellanza (VA) www.liuc.it Ingegneria Industriale Giurisprudenza Laboratorio

Dettagli

Genova, Port & Shipping Tech 2011 Smart city & city logistics: soluzioni tecnologiche per una smart governance della città. I casi di Pisa e Parma.

Genova, Port & Shipping Tech 2011 Smart city & city logistics: soluzioni tecnologiche per una smart governance della città. I casi di Pisa e Parma. Genova, Port & Shipping Tech 2011 Smart city & city logistics: soluzioni tecnologiche per una smart governance della città. I casi di Pisa e Parma. Paolo Lanari / CEO paolo.lanari@infomobilitysuite.com

Dettagli

Il Centro Regionale Information Communication Technology CeRICT scrl. Dott. Sergio Betti Direttore Generale CeRICT

Il Centro Regionale Information Communication Technology CeRICT scrl. Dott. Sergio Betti Direttore Generale CeRICT Il Centro Regionale Information Communication Technology CeRICT scrl Dott. Sergio Betti Direttore Generale CeRICT Storia CeRICT Il CeRICT nato nel 2002 come Progetto per la realizzazione di un centro di

Dettagli

ProCurve Radio Port 230

ProCurve Radio Port 230 La ProCurve Radio Port 230, con integrato il supporto per le funzioni wireless IEEE 802.11a e IEEE 802.11g, è in grado di lavorare congiuntamente ai moduli ProCurve Wireless Edge Services xl e zl, per

Dettagli

3145/20. Analizzatore cerca disturbi. Sensore per la ricerca dei disturbi 9754. Misura facilmente i disturbi sul cavo di terra

3145/20. Analizzatore cerca disturbi. Sensore per la ricerca dei disturbi 9754. Misura facilmente i disturbi sul cavo di terra 3145/20 Analizzatore cerca disturbi Progettato per misure dei disturbi in campo Localizza i disturbi e aiuta a sviluppare le contromisure contro le interferenze. Misure senza contatto per semplicità e

Dettagli

IoT Security & Privacy

IoT Security & Privacy IoT Security & Privacy NAMEX Annual Mee8ng 2015 CYBER SECURITY E CYBER PRIVACY, LA SFIDA DELL INTERNET DI OGNI COSA Rocco Mammoliti, Poste Italiane 17 Giugno 2015 Agenda 2 1 Ecosistema di Cyber Security

Dettagli

Un sistema di identificazione basato su tecnologia RFID

Un sistema di identificazione basato su tecnologia RFID tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ch.mo prof. Massimo Ficco candidato Alessandro Ciasullo Matr. 831/166 Obiettivo Progettazione ed implementazione

Dettagli

TMAS G 120 / G100 / G80 Terminale Multifunzionale Accessi e Sicurezza

TMAS G 120 / G100 / G80 Terminale Multifunzionale Accessi e Sicurezza TMAS G 120 / G100 / G80 Terminale Multifunzionale Accessi e Sicurezza Unità elettronica di identificazione per: Rilevazione presenze Controllo produzione Controllo accessi Gestione mensa Gestione parcheggi

Dettagli

Controllo accessi La sicurezza va in porto

Controllo accessi La sicurezza va in porto 06 garzia - porti:layout 1 1-03-2011 12:27 Pagina 26 Trasporti Controllo accessi La sicurezza va in porto Fabio Garzia Docente di Sistemi di Sicurezza Anticrimine, SAPIENZA Università di Roma Enzo Sammarco,

Dettagli

Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui

Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Sistemi Operativi per Ubiquitous Computing Palm OS Symbian OS

Dettagli

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN)

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN) WLAN 802.11 1 Local Area Network (LAN) Ethernet Server Hub Internet 2 1 Wireless Local Area Network (WLAN) Ethernet Server Access Point Internet 3 Perchè le Wireless LAN Riduzione costi di manutenzione

Dettagli

xfid an open RF Library identification system

xfid an open RF Library identification system FrancoRicci Maggio2010 franco.ricci@phys.uniroma1.it xfid an open RF Library identification system IlDipartimentodiFisica,insiemealCASPURhaavviatopiùdidueannifalosviluppodiunsistemadiauto prestito per

Dettagli

Un Sistema Operativo di Rete nasconde all utente finale la struttura del calcolatore locale e la struttura della rete stessa

Un Sistema Operativo di Rete nasconde all utente finale la struttura del calcolatore locale e la struttura della rete stessa LE RETI INFORMATICHE Un calcolatore singolo, isolato dagli altri anche se multiutente può avere accesso ed utilizzare solo le risorse locali interne al Computer o ad esso direttamente collegate ed elaborare

Dettagli

Una nuova soluzione per una semplice ed automatica Gestione di Pratiche

Una nuova soluzione per una semplice ed automatica Gestione di Pratiche & l i li Una nuova soluzione per una semplice ed automatica Gestione di Pratiche Il piccolo grande terminale Possibili utilizzi : Gestione pratiche Tracciatura di documenti fiscali Gestione manutenzione

Dettagli

Milano, 20 Ottobre 2006

Milano, 20 Ottobre 2006 Milano, 20 Ottobre 2006 Un nuovo modello di collaborazione Messaggio / Documento Persona Reti private Connessioni discontinue Sistemi e tecnologie proprietarie Web globale "Always on" Sistemi Open Le opzioni

Dettagli

CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEL PREMIO INNOVATION CONCEPT

CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEL PREMIO INNOVATION CONCEPT Art. 1 PREMESSE SECO srl nasce nel 1979 dalla creatività e dallo spirito imprenditoriale dei due soci fondatori Daniele Conti e Luciano Secciani. Nel corso degli anni SECO sviluppa un know-how altamente

Dettagli

Studio della sicurezza in OMA SUPL e di una sua implementazione in Java

Studio della sicurezza in OMA SUPL e di una sua implementazione in Java tesi di laurea Studio della sicurezza in OMA SUPL e di una sua implementazione in Java Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Massimo Ficco candidato Nicola Costagliola Matr. 831/165 Obiettivi

Dettagli

pic32obd wireless scanner soluzioni per «meccanici» dell era digitale

pic32obd wireless scanner soluzioni per «meccanici» dell era digitale pic32obd wireless scanner soluzioni per «meccanici» dell era digitale Il progetto: cos è uno scanner diagnostico? Il sistema realizzato permette al meccanico di ottenere rapidamente e in modo centralizzato

Dettagli

Innovazione nelle strategie d azienda e nelle tecnologie

Innovazione nelle strategie d azienda e nelle tecnologie Innovazione nelle strategie d azienda e nelle tecnologie Graziella Spinelli Telecom Italia Lab, tema.mobility Consortium Andrea Bragagnini Telecom Italia Lab, Enabling Technologies for Innovation Nuovi

Dettagli

Forum ICT Security. Sandro Fontana, CISSP CEO Secure Edge sfontana@secure-edge.com s.fontana@computer.org. Roma 4 Novembre 2003

Forum ICT Security. Sandro Fontana, CISSP CEO Secure Edge sfontana@secure-edge.com s.fontana@computer.org. Roma 4 Novembre 2003 Forum ICT Security Sandro Fontana, CISSP CEO Secure Edge sfontana@secure-edge.com s.fontana@computer.org Roma 4 Novembre 2003 Premessa Ich Sunt Leones/1 Ich Sunt Leones/2 Laptop TELCO Partner Offices Firewall

Dettagli

I NUOVI FORMATI DELLA FIRMA DIGITALE

I NUOVI FORMATI DELLA FIRMA DIGITALE I NUOVI FORMATI DELLA FIRMA DIGITALE Giovanni Manca Ufficio Standard e tecnologie d identificazione AGENDA Il quadro normativo di riferimento. I principi base dell interoperabilità. La verifica del documento

Dettagli

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE Introduzione alle reti 1 2 Perché... All inizio degli anni 80 sono nati i PC, in contrapposizione ai grossi sistemi presenti allora nelle aziende che collegavano terminali

Dettagli

Prodotti e Soluzioni. Dispositivi Crittografici HSM 8000

Prodotti e Soluzioni. Dispositivi Crittografici HSM 8000 Prodotti e Soluzioni Dispositivi Crittografici HSM 8000 Contesto di riferimento Funzioni di Base e Funzioni RSA Funzioni Microcircuito La decisione di introdurre sul mercato carte a Microchip, in sostituzione

Dettagli

RFID La RFID (Radio Frequency Identification) è una tecnologia di

RFID La RFID (Radio Frequency Identification) è una tecnologia di RFID La RFID (Radio Frequency Identification) è una tecnologia di identificazione che ricorre ad un segnale in radiofrequenza quale supporto di dialogo tra l oggetto da identificare e il dispositivo di

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 1. INTRODUZIONE La grande proliferazione delle potenziali sorgenti di inquinamento elettromagnetico (stazioni radio-televisive,

Dettagli

Tel. +41 (0)58 666 65 11 Fax +41 (0)58 666 65 17 mail: tthf@supsi.ch. Tecnologie per la comunicazione e sistemi RF/ wireless. A.

Tel. +41 (0)58 666 65 11 Fax +41 (0)58 666 65 17 mail: tthf@supsi.ch. Tecnologie per la comunicazione e sistemi RF/ wireless. A. 1 Introduzione Oggi la tecnologia ci permette forme sempre più avanzate di comunicazione e ci stiamo muovendo verso la realizzazione di un mondo dove sia possibile e necessario Comunicare con chiunque,

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Modello di riferimento OSI Descrizione dei livelli

Modello di riferimento OSI Descrizione dei livelli Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Principali organismi di standardizzazione Modello di riferimento OSI Descrizione dei livelli 6.2 User N+1_Layer User REQUEST RESPONSE CONFIRMATION

Dettagli

25 26 giugno 2014. Anna Villani. Responsabile SALTO Systems Italia

25 26 giugno 2014. Anna Villani. Responsabile SALTO Systems Italia I NUOVI SISTEMI DI CONTROLLO ACCESSI SU PIATTAFORMA WIRELESS ACCESS POINT Anna Villani Responsabile SALTO Systems Italia CHI SIAMO SIAMO ISPIRATI DALL INNOVAZIONE Sin dal 2001, abbiamo ridefinito il mondo

Dettagli

Il candidato svolga, a sua scelta, una delle due tracce proposte.

Il candidato svolga, a sua scelta, una delle due tracce proposte. M86 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Sessione ordinaria 004 Seconda prova scritta CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: TELECOMUNICAZIONI (Testo valevole

Dettagli

SISTEMI ORGANIZZATIVI PER SMART CITIES

SISTEMI ORGANIZZATIVI PER SMART CITIES Convegno Internet of Things ed efficienza energetica: elementi indispensabili per le Smart City - dalla teoria alla pratica SISTEMI ORGANIZZATIVI PER SMART CITIES Relazione di Chiesa Edoardo AICQ Centronord

Dettagli

Global Sensing Srl - www.globalsensing.it

Global Sensing Srl - www.globalsensing.it RFID (Radio Frequency IDentification) è la tecnologia per l'identificazione automatica di oggetti, persone, animali che permette l'acquisizione dati e l'identificazione a distanza con la totale automazione

Dettagli

RFID. Giuseppe Tetti

RFID. Giuseppe Tetti RFID Giuseppe Tetti Un po di storia Un primo impiego militare nel settore aeronautico, già prima della seconda guerra mondiale, l IFF (Identification Friend or Foe). L aereo si dichiarava amico al sistema

Dettagli

Scenari tecnologici e prospettive di business per l operatore

Scenari tecnologici e prospettive di business per l operatore BLOG 3 Business e Tecnologia Scenari tecnologici e prospettive di business per l operatore, Telecom Italia Lab Sommario Tecnologia RFID Principali caratteristiche Standard Scenari tecnologici Mercato Tecnologia

Dettagli

L esperienza della Regione Lazio

L esperienza della Regione Lazio - GOVERNMENT L esperienza della Regione Lazio Ing. Vincenzo Bianchini Amministratore Unico Laziomatica Piano di E-Government Il Piano di Azione di E-government, Nazionale e Regionale, rappresenta una proposta

Dettagli

SPECIALIZZAZIONE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Articolazione INFORMATICA

SPECIALIZZAZIONE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Articolazione INFORMATICA ALLEGATO N.8_e 1 Dipartimento Articolazioni degli insegnamenti anno @ Sistemi e Reti Dipartimento MATERIE TECNICHE dell indirizzo INFORMATICA @ Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni

Dettagli

RedWave Short Range Reader UHF USB (EPC Class 1 Gen 2 - ISO 18000-6C) in case for 2 external multiplexed UHF antennas.

RedWave Short Range Reader UHF USB (EPC Class 1 Gen 2 - ISO 18000-6C) in case for 2 external multiplexed UHF antennas. ID RED.MRU80-M2 Installation Manual RedWave Short Range Reader UHF USB (EPC Class 1 Gen 2 - ISO 18000-6C) in case for 2 external multiplexed UHF antennas. Powered by Features Operating frequency: 860 to

Dettagli

Titolo: È gradita una competenza base in Matlab. Conoscenze linguistiche: padronanza della lingua inglese

Titolo: È gradita una competenza base in Matlab. Conoscenze linguistiche: padronanza della lingua inglese Titolo: Studio e sviluppo di applicazioni innovative basate su tecnologia di sensori indossabili Descrizione: Le body sensor networks (BSN) sono costituite da piccoli dispositivi che posti sul corpo umano

Dettagli

Schede tecniche Infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici

Schede tecniche Infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici Schede tecniche Infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici Indice Stazioni di ricarica pubbliche 3 Caratteristiche generali 4 Stazioni di ricarica quick recharge Dimensioni 5 Caratteristiche elettriche

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Gianfranco Pensili Data di nascita 24/06/1964 Qualifica Funzionario Tecnico A3F3 Amministrazione Ministero

Dettagli

Le Aziende del Distretto Green & High Tech presentano i loro progetti. Valorizzare le sinergie della rete per creare valore aggiunto

Le Aziende del Distretto Green & High Tech presentano i loro progetti. Valorizzare le sinergie della rete per creare valore aggiunto Le Aziende del Distretto Green & High Tech presentano i loro progetti Valorizzare le sinergie della rete per creare valore aggiunto SEM Communication Maurizio Colombo Presidente CdA 10-15 Aprile 2014 APA

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

managing complexity Research & Innovation Work Place as a Service Safe Plant Solutions www.akhela.com

managing complexity Research & Innovation Work Place as a Service Safe Plant Solutions www.akhela.com managing complexity Research & Innovation Work Place as a Service Safe Plant Solutions www.akhela.com Azienda Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni di altissima qualità,

Dettagli

AP 677 SPLITTER ADSL/POTS

AP 677 SPLITTER ADSL/POTS AP 677 SPLITTER ADSL/POTS MONOGRAFIA DESCRITTIVA EDIZIONE Settembre 2006 MON. 205 REV. 2.1 1 di 9 INDICE 1.0 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL APPARATO 3 2.0 CARATTERISTICHE TECNICHE 3 2.1 CARATTERISTICHE

Dettagli

Ugo Contino 1, Franco Ricci 2

Ugo Contino 1, Franco Ricci 2 SCIRES-IT SCIentific RESearch and Information Technology Ricerca Scientifica e Tecnologie dell'informazione Vol 1, Issue 1 (2011), 145-158 e-issn 2239-4303, DOI 10.2423/i22394303v1n1p145 CASPUR-CIBER Publishing,

Dettagli

54Mbps Wireless Network PCI Adapter

54Mbps Wireless Network PCI Adapter 54Mbps Wireless Network PCI Adapter GUIDA PER L UTENTE AVVERTENZE Abbiamo fatto di tutto al fine di evitare che nel testo, nelle immagini e nelle tabelle presenti in questo manuale, nel software e nell'hardware

Dettagli

Internet for Things. www.apio.cc info@apio.cc +39 071-2803115. site email phone. Soluzioni hardware e software per l Internet delle Cose

Internet for Things. www.apio.cc info@apio.cc +39 071-2803115. site email phone. Soluzioni hardware e software per l Internet delle Cose Internet for Things Soluzioni hardware e software per l Internet delle Cose site email phone www.apio.cc info@apio.cc +39 071-2803115 Mercato di riferimento della Internet of Things: numeri e tendenze

Dettagli

IL PROGETTO BIP IN PIEMONTE il ruolo del Centro Servizi Regionale nelle politiche di interoperabilità e integrazione

IL PROGETTO BIP IN PIEMONTE il ruolo del Centro Servizi Regionale nelle politiche di interoperabilità e integrazione IL PROGETTO BIP IN PIEMONTE il ruolo del Centro Servizi Regionale nelle politiche di interoperabilità e integrazione Claudio Giacobbe, 5T Piano Regionale dell Infomobilità Nel 2008, la Regione Piemonte

Dettagli

PROCEDURA. progetto pyou card e abbonamento musei MANUALE OPERATORE POS

PROCEDURA. progetto pyou card e abbonamento musei MANUALE OPERATORE POS PROCEDURA progetto pyou card e abbonamento musei MANUALE OPERATORE Vers. 2.0 del 12/05/2015 VERSIONI Versione Data Autore Modifiche Apportate 0.1 25/10/2012 Fabio Bachetti Prima stesura 0.2 13/11/2012

Dettagli

N. EDV 18260 WLAN PCC 54 05/04. Adattatore WLAN Cardbus

N. EDV 18260 WLAN PCC 54 05/04. Adattatore WLAN Cardbus N. EDV 18260 WLAN PCC 54 05/04 Adattatore WLAN Cardbus Note di carattere normativo e dichiarazioni Wireless LAN, sicurezza e autorizzazione all'uso I dispositivi Wireless LAN emettono energia elettromagnetica

Dettagli

Specifiche Tecniche CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI MINIME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Specifiche Tecniche CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI MINIME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO Specifiche Tecniche CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI MINIME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO 1. Caratteristiche Generali I buoni pasto sono di tipo elettronico e si devono utilizzare attraverso carte elettroniche

Dettagli

Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui

Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Sistemi Operativi per Ubiquitous Computing Palm OS SymbianOS

Dettagli

Tracciamento e localizzazione per il mercato consumer: elementi costitutivi e prospettive

Tracciamento e localizzazione per il mercato consumer: elementi costitutivi e prospettive Tracciamento e localizzazione per il mercato consumer: elementi costitutivi e prospettive BAMES Group Vimercate Technology Park Ottobre 2008 Struttura Societaria Bartolini After Market Electronics Services

Dettagli

Protezione delle informazioni in SMart esolutions

Protezione delle informazioni in SMart esolutions Protezione delle informazioni in SMart esolutions Argomenti Cos'è SMart esolutions? Cosa si intende per protezione delle informazioni? Definizioni Funzioni di protezione di SMart esolutions Domande frequenti

Dettagli

per Global Sensing Srl RFID Asset Management - 1

per Global Sensing Srl RFID Asset Management - 1 per Global Sensing Srl RFID Asset Management - 1 La tecnologia RFID è la soluzione per aumentare l efficienza e ridurre i costi delle attività di Asset Management permettendo di ottenere: Aumento sostanziale

Dettagli

Ambienti Intelligenti a supporto della Sicurezza Personale

Ambienti Intelligenti a supporto della Sicurezza Personale , Smart Tech & Smart Innovation - La strada per costruire futuro Torino, 15-16-17 Novembre 2011 Ambienti Intelligenti a supporto della Sicurezza Personale L esperienza di Unicam Francesco De Angelis Scuola

Dettagli

CISA esigno. The future is on air. Contactless Wireless Seamless

CISA esigno. The future is on air. Contactless Wireless Seamless CISA esigno The future is on air Contactless Wireless Seamless Serratura contactless CISA esigno amplia la gamma di soluzioni dedicate al settore alberghiero e comunitario. Il design elegante e compatto

Dettagli

Fima Card Manager Proxy Contact & Contactless Card Solutions. pluscard.it

Fima Card Manager Proxy Contact & Contactless Card Solutions. pluscard.it Fima Contact & Contactless Card Solutions pluscard.it 1 2 3 ACQUISIZIONE DELLE IMMAGINI E DELLE FOTOGRAFIE FIMA CARD MANAGER PROXY importa ed acquisisce i principali formati grafici per l inserimento e

Dettagli

SMART CARD-APPLICAZIONI

SMART CARD-APPLICAZIONI SMART CARD-APPLICAZIONI Le applicazioni pratiche delle Smart Card possono essere suddivise in 3 categorie principali: 1- Trasporto Dati: la Smart Card e usata come mezzo per memorizzare informazioni; 2-

Dettagli

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento Bando di concorso per la concessione di contributi alle pmi per favorire lo sviluppo di progetti, prodotti, servizi, processi e modelli organizzativi innovativi nonche l adozione di tecnologie e servizi

Dettagli

Portfolio Lettori di smart card Gemalto compatibili con la carte Regionali dei Servizi. Presentazione Prodotti e Caratteristiche Tecniche

Portfolio Lettori di smart card Gemalto compatibili con la carte Regionali dei Servizi. Presentazione Prodotti e Caratteristiche Tecniche Portfolio Lettori di smart card Gemalto compatibili con la carte Regionali dei Servizi Il portfolio di lettori Gemalto, leader mondiale del settore, riconoscibili per il loro design innovativo d avanguardia

Dettagli

ALLEGATO N. 32. livinglabs.regione.puglia.it SMART WALLET. Impresa capofila: Clio SpA

ALLEGATO N. 32. livinglabs.regione.puglia.it SMART WALLET. Impresa capofila: Clio SpA ALLEGATO N. 32 livinglabs.regione.puglia.it Impresa capofila: Clio SpA SMART WALLET Laboratorio PRISCO Sperimentazione di servizi mobile di pagamento, punti fedeltà e coupon basati sulle tecnologie NFC

Dettagli