Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia"

Transcript

1 1. Che c os è? La Po sta Ele ttro nic a Ce rtific a ta (PEC) è un siste ma di po sta e le ttro nic a (c he utilizza i pro to c o lli sta nda rd de lla po sta e le ttro nic a tra dizio na le ) me dia nte il q ua le a l mitte nte vie ne fo rnita, in fo rma to e le ttro nic o, la pro va le g a le de ll'invio e de lla c o nse g na di do c ume nti info rma tic i. 2. A c osa se rve? Alla tra smissio ne di me ssa g g i, c he po sso no c o nte ne re q ua lsia si tipo lo g ia di info rma zio ne e d a lle g a to, di c ui si vuo le a ve re la c e rte zza de lla c o nse g na. La PEC è na ta pe r so stituire, a ttra ve rso i mo de rni me zzi di c o munic a zio ne, la Ra c c o ma nda ta po sta le c o n ric e vuta di rito rno, o ra c c o ma nda ta AR. Co sì c o me a vvie ne pe r la ra c c o ma nda ta AR, a l mitte nte vie ne invia ta una ric e vuta c he a tte sta la c o nse g na a l de stina ta rio de l pro prio me ssa g g io. 3. In c he modo si ha la c e rte zza de lla c onse g na de l me ssa g g io di PEC? Ne l mo me nto in c ui l ute nte invia il me ssa g g io, ric e ve, da pa rte de l pro prio Ge sto re di PEC, una ric e vuta di a c c e tta zio ne c o n re la tiva a tte sta zio ne te mpo ra le (da ta e o ra ). Ta le ric e vuta c o stituisc e pro va le g a le de ll a vve nuta spe dizio ne de l me ssa g g io. Allo ste sso mo do, q ua ndo il me ssa g g io pe rvie ne ne lla c a se lla de l de stina ta rio, il suo g e sto re di PEC invia a l mitte nte la ric e vuta di a vve nuta (o ma nc a ta ) c o nse g na, c o n l indic a zio ne de lla da ta e de ll o ra, a pre sc inde re da lla visua lizza zio ne de l me ssa g g io da pa rte de l de stina ta rio. 4. Ha va lore le g a le? Si. Ha lo ste sso va lo re le g a le de lla tra dizio na le ra c c o ma nda ta c o n a vviso di ric e vime nto g a ra nte ndo, q uindi, l o ppo nib ilità a te rzi de ll a vve nuta c o nse g na (va lo re le g a le sa nc ito c o n il DPR n.68 de ll 11 fe b b ra io 2005). 5. Chi può utilizza rla? Chiunq ue sia Tito la re di una Ca se lla di Po sta Ele ttro nic a Ce rtific a ta (Priva ti, Azie nde, Pub b lic a Amministra zio ne, e c c.). 6. Si possono invia re me ssa g g i PEC tra ute nti c he utilizza no diffe re nti Ge stori di PEC? Si, la no rma tiva impo ne a tutti i g e sto ri di PEC di g a ra ntire la pie na inte ro pe ra b ilità de i se rvizi o ffe rti. 7. Si possono invia re me ssa g g i PEC a d un de stina ta rio c he a bbia una c a se lla tra diziona le? Si, ma in q ue sto c a so no n si po trà a ve re la c e rte zza de ll a vve nuta c o nse g na e d i me ssa g g i no n a vra nno va lo re le g a le. L invio e la ric e zio ne di me ssa g g i di PEC

2 ha nno va lo re le g a le so lo ne l c a so in c ui sia il mitte nte c he il de stina ta rio sia no do ta ti di una c a se lla di Po sta Ele ttro nic a Ce rtific a ta. 8. Come si a ttiva una c a se lla di PEC? Pe r l a ttiva zio ne di una c a se lla di po sta e le ttro nic a c e rtific a ta si de vo no se g uire i se g ue nti pa ssi: a. Ric hie sta di a ttiva zione Compila re la ric hie sta di a ttiva zione c he può e sse re sc a ric a ta da l sito g ronomi.it o pre c ompila ta da l pe rsona le de ll Ordine qua lora l isc ritto si re c hi dire tta me nte a lla propria Se de provinc ia le pe r e ffe ttua re la ric hie sta di a ttiva zione. Il modulo de ve e sse re c ompila to in tutti i da ti ric hie sti e sottosc ritto. Il c lie nte de ve inoltre da re il proprio c onse nso a ffinc hé Na miria l S.p.A. possa e ntra re in posse sso e g e stire i suoi da ti pe rsona li (a i fini de ll e rog a zione de l se rvizio) b. Invio c onfe rma di a ttiva zione e d informa zioni a g g iuntive Qua lora non si sia re c a to pre sso la Se de provinc ia le de ll Ordine l isc ritto, dopo a ve r firma to e c ompila to le c ondizioni di fornitura, le invia a ll Ordine provinc ia le di a ppa rte ne nza. L'invio de ve a vve nire o re c a pita ndolo a ma no o in forma to e le ttronic o pe r e ma il de l doc ume nto pa ssa to a llo sc a nne r c on firma o via fa x. c. Inse rime nto da ti L Ordine provinc ia le, dopo a ve r ve rific a to la c orre tte zza e la c ong ruità a l proprio da ta ba se de lle informa zioni invia te da ll a ssoc ia to, proc e de c on la ric hie sta di a ttiva zione de lla c a se lla. d. Attiva zione Il g e store, sulla ba se de lla ric hie sta de ll Ordine, proc e de a ll a ttiva zione. e. Me ssa g g io di be nve nuto Il g e store invia a l c lie nte una e ma il di be nve nuto ne lla qua le ve ng ono forniti tutti i de tta g li de l se rvizio e rog a to. In pa rtic ola re ve ng ono invia ti i pa ra me tri di a c c e sso a l siste ma : log in, pa ssword se rve r stmp, se rve r pop, indirizzo we b ma il, e tc. 9. Come si a c c e de a l se rvizio? La c a se lla di PEC no n è a ltro c he una c a se lla di po sta c he può e sse re utilizza ta sia a ttra ve rso i più diffusi c lie nt di po sta (Thund e rb ird, Eudo ra, Outlo o k Expre ss, Outlo o k, e tc.), c he a ttra ve rso un siste ma di we b ma il. All a ttiva zio ne de lla c a se lla PEC, ll g e sto re invia a l c lie nte una e ma il di b e nve nuto ne lla q ua le ve ng o no fo rniti tutti i de tta g li de l se rvizio e ro g a to e d, in pa rtic o la re, i pa ra me tri di a c c e sso a l siste ma :

3 lo g in, pa sswo rd, se rve r stmp, se rve r po p, indirizzo we b ma il, e tc. Le istruzio ni pe r la c o nfig ura zio ne di un c lie nt di po sta e pe r l utilizza zio ne de lla we b ma il so no pre se nti ne l sito a lla se zio ne Do c ume nta zio ne. 10. Ci sono de lle diffe re nze tra l utilizzo de lla c a se lla a ttra ve rso we bma il o tra mite un c lie nt? Il va nta g g io de l We b ma il è c he pe rme tte di a c c e de re a lla pro pria c a se lla di po sta da q ua lsia si c o mpute r e no n ric hie de c o nfig ura zio ni. We b ma il pe rò, a l c o ntra rio de i c lie nt, no n pe rme tte di sc a ric a re i me ssa g i ne l pro prio c o mpute r, ma so lo di c a nc e lla rli pe r lib e ra re spa zio. I c lie nt di po sta so no strume nti più c o mple ti, ma ric hie da no una c o nfig ura zio ne inizia le. In o g ni c a so si po sso no utilizza re e ntra mb i c o nte mpo ra ne a me nte a se c o nda de lle e sig e nze de l mo me nto. 11. Cosa si de ve fa re in c a so di sma rrime nto de lle c re de nzia li di a c c e sso a l siste ma? In c a so di sma rrime nto de lle c re de nzia li di a c c e sso a l siste ma il tito la re di una c a se lla di PEC po trà ric hie de rle nuo va me nte a l g e sto re. Pe r fa r q ue sto de ve invia re una ric hie sta via fa x o ra c c o ma nda ta A/ R ne lla q ua le de vo no e sse re ripo rta te le se g ue nti info rma zio ni: Nome e c og nome o Ra g ione Soc ia le Indirizzo (Via, Città, CAP, Na zione ) Codic e fisc a le o pa rtita IVA E- ma il va lida (pe r e ve ntua li c omunic a zioni) Ino ltre de ve e sse re invia ta una fo to c o pia di un do c ume nto di ide ntità va lido. Il pe rso na le de l se rvizio di he lp de sk di Na miria l S.p.A., una vo lta re c upe ra te le info rma zio ni ric hie ste, le c o munic a a l c lie nte via po sta e le ttro nic a o c o n me zzi a lte rna tivi. 12. Se si sma rrisc e una ric e vuta a c hi c i si de ve rivolg e re pe r otte ne rne una c opia va lida a fini le g a li? Oc c o rre rivo lg e rsi a l pro prio Ge sto re di PEC il q ua le, pe r le g g e, è o b b lig a to a re g istra re e d a rc hivia re pe r 30 me si tutte le o pe ra zio ni re la tive a lle tra smissio ni e ffe ttua te. La ric hie sta può e sse re e ffe ttua ta invia ndo via po sta c e rtific a ta le se g ue nti info rma zio ni: no me e c o g no me de l tito la re indirizzo PEC de l mitte nte indirizzo PEC de l de stina ta rio da ta di rife rime nto de l me ssa g g io da ric e rc a re o g g e tto de l me ssa g g io da ric e rc a re (o pzio na le ) ide ntific a tivo de l me ssa g g io (o p zio na le )

4 La c a se lla di po sta c e rtific a ta, utilizza ta da l g e sto re pe r la ra c c o lta de lle ric hie ste de i lo g da pa rte de g li ute nti, ve rrà c o munic a ta a g li ute nti ste ssi a ll'inte rno de l me ssa g g io di b e nve nuto invia to a se g uito de ll'a ttiva zio ne. Ne l c a so in c ui il tito la re sia impo ssib ilita to a d e ffe ttua re la ric hie sta via PEC, può fa rlo via fa x o ra c c o ma nda ta A/ R invia ndo, o ltre a lle sudde tte info rma zio ni, a nc he una fo to c o pia di un do c ume nto di ide ntità va lido. Il pe rso na le de l se rvizio di he lp de sk di Na miria l S.p.A., una vo lta re c upe ra te le info rma zio ni ric hie ste, le c o munic a a l c lie nte via po sta e le ttro nic a c e rtific a ta o c o n me zzi a lte rna tivi. 13. Si può ric hie de re la c a nc e lla zione di una c a se lla PEC? Il tito la re può ric hie de re a l pro prio g e sto re la c a nc e lla zio ne de lla pro pria c a se lla di PEC. Pe r fa r q ue sto de ve invia re una ric hie sta via fa x o ra c c o ma nda ta A/ R ne lla q ua le de vo no e sse re ripo rta te le se g ue nti info rma zio ni: No me e c o g no me o Ra g io ne So c ia le Indirizzo (Via, Città, CAP, Na zio ne ) Co dic e fisc a le o pa rtita IVA e ma il va lida (pe r e ve ntua li c o munic a zio ni) Ino ltre de ve invia re una fo to c o pia di un do c ume nto di ide ntità va lido. La ric hie sta di c a nc e lla zio ne può e sse re fa tta so la me nte da l tito la re de lla c a se lla. Il g e sto re e ffe ttua una se rie di c o ntro lli do po dic hé pro vve de a lla c a nc e lla zio ne. Al te rmine de ll'o pe ra zio ne c o nfe rma via e ma il l'a vve nuta e limina zio ne. 14. E pre se nte un se rvizio di a ssiste nza a c ui rivolg e rsi in c a so di ne c e ssità re la tive a ll utilizzo de l se rvizio? Na miria l S.p.A. ha pre dispo sto uno spe c ific o c a na le di c o munic a zio ne (he lp de sk) c o n l ute nza fina le, pe r q ua nto c o nc e rne la g e stio ne di pro b le ma tic he re la tive a l se rvizio di po sta e le ttro nic a c e rtific a ta. L he lp de sk è c o stituito da uno sta ff di pe rso ne individua te e pre po ste a ll a ssiste nza c lie nti pe r il se rvizio di po sta e le ttro nic a c e rtific a ta e rispo nde a l nume ro di se le zio ne a uto ma tic a, dura nte l o ra rio di uffic io da lle 9.00 a lle e da lle a lle 19.00, da l lune dì a l ve ne rdì. Le ric hie ste di a ssiste nza po sso no e sse re invia te 24 o re su 24, tra mite po sta e le ttro nic a a ll'indirizzo c a llc e nte sic ure zza po sta le.it o a ttra ve rso a ppo site pa g ine we b pre se nti sul sito ure zza po sta le.it. In q ue st'ultimo c a so l'ute nte ha la po ssib ilità di invia re una se g na la zio ne g e ne ric a o ppure di e ffe ttua re una do ma nda dire tta a d uno spe c ific o o pe ra to re. Le ric hie ste e ffe ttua te tra mite po sta e le ttro nic a o a ttra ve rso il po rta le, se pe rve nute fuo ri da ll o ra rio la vo ra tivo o ne i g io rni fe stivi, so no pre se in c a ric o a pa rtire da l primo g io rno la vo ra tivo suc c e ssivo.

5 Il c lie nte de l se rvizio ha la po ssib ilità di o tte ne re info rma zio ni g e ne ra li sulla po sta e le ttro nic a c e rtific a ta (c o me funzio na, po ssib ili usi de l c a na le, va lidità le g a le de i me ssa g g i di PEC, e tc ) e de tta g li spe c ific i sul se rvizio e ro g a to q ua li, a d e se mpio : c o me c o nfig ura re il c lie nt di po sta c o me a c c e de re e c o me utilizza re la we b ma il c o me o tte ne re nuo va me nte le c re de nzia li di a c c e sso in se g uito a l lo ro sma rrime nto c o me o tte ne re un e stra tto de i file di lo g q ua li so no le g a ra nzie di sic ure zza de l se rvizio c o me ve ng o no tra tta ti i da ti pe rso na li Il c lie nte po trà se g na la re e ve ntua li pro b le mi risc o ntra ti dura nte l'invio e la ric e zio ne de i me ssa g g i sia a ttra ve rso i c lie nt di po sta c he a ttra ve rso la we b ma il. Tutte le se g na la zio ni ve ng o no g e stite a ttra ve rso un siste ma di tro ub le tic ke ting c he se g na la via e ma il o g ni a g g io rna me nto fino a lla riso luzio ne de finitiva. 15. Cos è il Trouble tic ke ting? Attra ve rso il siste ma di tro ub le tic ke ting, Na miria l S.p.A. tie ne tra c c ia di tutte le se g na la zio ni e ffe ttua te da i pro pri c lie nti. Il siste ma si b a sa su un'a pplic a zio ne we b - b a se d a ttra ve rso la q ua le il pe rso na le He lp De sk è in g ra do di: c re a re un nuo vo tic ke t a se g uito di una se g na la zio ne da pa rte de l c lie nte se g uire la vita de l tic ke t ne l c o rso de g li a g g io rna me nti e c a mb i di sta to fino a lla riso luzio ne fina le a g g io rna re il tic ke t a nno ta ndo g li inte rve nti fa tti e le c o munic a zio ni c o n il c lie nte a tting e re a d una kno wle dg e b a se c o nte ne nte le g uide a i se rvizi, le do ma nde più fre q ue nti (F.A.Q.), i c a si più sig nific a tivi ric e rc a re i tic ke t in b a se a d una se rie di info rma zio ni q ua li la da ta di c re a zio ne, la c a te g o ria, l'ide ntific a tivo de ll'o pe ra to re c he se g ue la se g na la zio ne, e tc. Tutte le mo dific he di sta to ve ng o no no tific a te a ll'ute nte c he ha e ffe ttua to la se g na la zio ne a ttra ve rso un me ssa g g io di po sta e le ttro nic a. 16. C è un limite a l nume ro di me ssa g g i c he posso ric e ve re ne lla mia c a se lla? Pe rc hé q ua ndo la c a se lla è pie na, e q uindi no n c è più spa zio ne l disc o, i me ssa g g i in a rrivo ve ng o no rifiuta ti e pe rsi, la c a se lla di po sta de ve e sse re q uindi lib e ra ta da una pa rte de i me ssa g g i c he c o ntie ne. Se si utilizza un c lie nt c he no n ma ntie ne i me ssa g g i sul se rve r è suffic ie nte le g g e re i nuo vi me ssa g g i in a rrivo. Ne l c a so in c ui si utilizzi un c lie nt c he ma ntie ne i me ssa g g i sul se rve r si de ve pro vve de re a sc a ric a re sul pro prio c o mpute r (o a c a nc e lla re ) una p a rte de i me ssa g g i re side nti su se rve r. Utilizza ndo We b ma il è po ssib ile la so la c a nc e lla zio ne de i me ssa g g i. 17. Come si fa a sc a ric a re i me ssa g g i da lla propria c a se lla?

6 Pe r sc a ric a re i me ssa g g i e q uindi lib e ra re spa zio ne l disc o b iso g na a prire il c lie nt di po sta utilizza to e da lla b a rra de g li strume nti c lic c a re sulla vo c e "strume nti" e suc c e ssiva me nte su "a c c o unt". Ne lla fine stra "Ac c o unt" se le zio na re "pro prie tà " e di se g uito "impo sta zio ni a va nza te ". In q ue st ultima fine stra ne lla se zio ne re c a piti si do vrà disa ttiva re la vo c e c o nse rva una c o pia de i me ssa g g i sul se rve r. Pe r c o nfe rma re la sc e lta c lic c a re su "a pplic a " e "o k". Se l o pzio ne è g ià disa ttiva ta, p e r lib e ra re lo spa zio de lla c a se lla è suffic ie nte le g g e re i me ssa g g i. 18. Come posso c onte sta re un de stina ta rio c he a sse risc e di non a ve r ric e vuto una e - ma il invia ta a lla sua c a se lla PEC? Co n la po sta c e rtific a ta po sso o ppo rg li la ric e vuta di c o nse g na. Que sta ric e vuta a tte sta, c o n firma de l pro vide r sc e lto da l de stina ta rio, la da ta e l o ra in c ui il me ssa g g io g li è sta to c o nse g na to ne lla c a se lla. Se il de stina ta rio no n e ra in c o pia c o no sc e nza CC la ste ssa ric e vuta a tte sta a nc he tutto il c o nte nuto de l me ssa g g io c he è sta to re c a pita to. 19. Che c osa è il Log? Il Lo g file è un re g istro info rma tic o a ll inte rno de l q ua le ve ng o no me mo rizza te tutte le o pe ra zio ni re la tive a lle tra smissio ni e ffe ttua te (invio, ric e zio ne, e tc.) utile pe r la ric o struzio ne de lle ric e vute, ne l c a so di e ve ntua le sma rrime nto de lle ste sse. 20. Si possono invia re me ssa g g i utilizza ndo il c a mpo CCN e / o BCC c he na sc ondono l indirizzo de l de stina ta rio in un invio multiplo? In b a se a l ma nua le sulle Re g o le te c nic he de l se rvizio di tra smissio ne di do c ume nti info rma tic i me dia nte po sta e le ttro nic a c e rtific a ta rispe ttiva me nte a i c a pito li 6.1 e si sta b ilisc e c he : Ai fini de lla de te rmina zio ne de i da ti di c e rtific a zio ne fa nno fe de, pe r il siste ma, g li e le me nti utilizza ti pe r l e ffe ttivo instra da me nto de l me ssa g g io ve rso i de stina ta ri (c a mpi To e Cc ). I da ti di indirizza me nto pre se nti ne l c a mpo Cc n o Bc c no n so no c o nside ra ti va lidi da l siste ma in q ua nto na sc o ndo no l indirizzo de l de stina ta rio. Qua lo ra il me ssa g g io no n supe ri i c o ntro lli (ne l c a so ve ng a utilizza to il c a mpo Cc n o Bc c ), il punto di a c c e sso no n do vrà a c c e tta re il me ssa g g io a ll inte rno de l siste ma di po sta c e rtific a ta e me tte ndo il re la tivo a vviso di no n a c c e tta zio ne. INOLTRE: CONCETTO DI EQUIPARAZIONE ALLA RACCOMANDATA CARTACEA A/ R

7 1) Una e -ma il invia ta tra mite a c c o unt PEC a d un a ltro a c c o unt PEC ha va lo re di ra c c o ma nda ta c o n ric e vuta di rito rno (ric e vute di ACCETTAZIONE e CONSEGNA) 2) Una e -ma il invia ta tra mite a c c o unt PEC a d un a c c o unt NON PEC ha va lo re di ra c c o ma nda ta se mplic e (so lo ric e vuta di ACCETTAZIONE) 3) Una e -ma il invia ta tra mite a c c o unt NON PEC a d un a c c o unt PEC no n ha, inve c e, spe c ific o va lo re le g a le ta nto c he i GESTORI c he a b ilita no g li a c c o unt PEC a lla ric e zio ne di ma il no n c e rtific a te, so no o b b lig a ti a c la ssific a rli c o me me ssa g g i di ANOMALIA. 4) Co n rife rime nto a lla situa zio ne de sc ritta a l punto 3, il GESTORE NAMIRIAL S.p.A. ha de c iso di o pta re pe r una so luzio ne fo rma lme nte più c o rre tta e q uindi, c o me ripo rta to ne lla e -ma il di b e nve nuto : La po sta c e rtific a ta Sic ure zza Po sta le ric e ve so lo me ssa g g i pro ve nie nti da a ltre c a se lle di po sta c e rtific a ta. Pe r e vita re la pe rdita di me ssa g g i, a b b ia mo pre dispo sto un se rvizio di re dire c t. All'inte rno de l no stro sito ure zza po sta le.it è pre se nte una fine stra "Mo dific a Pa sswo rd" (https:/ / pro visio ning.sic ure zza po sta le.it/ pro v/ a uthe ntic a tio n.c g i) a ll'inte rno de lla q ua le si tro va lo spa zio "Ab ilita ino ltro me ssa g g i no n c e rtific a ti" do ve po te r inse rire un indirizzo di po sta tra dizio na le pe r ric e ve re le e ma il no n c e rtific a te invia te a l vo stro indirizzo di PEC.

8 1. Cosa si de ve fa re ne l c a so in c ui si sma rrisc a no le c re de nzia li di a c c e sso a ll a c c ount di posta e le ttronic a c e rtific a ta. Ne l c a so di sma rrime nto de lle c re de nzia li di a c c e sso a l pro prio a c c o unt di po sta e le ttro nic a c e rtific a ta il tito la re po trà ric hie de rle nuo va me nte a l g e sto re invia ndo una ric hie sta via fa x o ra c c o ma nda ta A/ R ne lla q ua le de vo no e sse re ripo rta te le se g ue nti info rma zio ni: Nome e c og nome o Ra g ione Soc ia le Indirizzo (Via, Città, CAP, Na zione ) Codic e fisc a le o pa rtita IVA E- ma il va lida (pe r e ve ntua li c omunic a zioni) Il tutto unita me nte a d una c o pia di un do c ume nto in c o rso di va lidità de l tito la re de lla c a se lla PEC. Ste sso dic a si pe r la c o munic a zio ne de lle va ria zio ni de i da ti pe rso na li no n pe rma ne nti c o me l indirizzo di re side nza, il te le fo no, il fa x, il c e llula re e la e ma il di a ppo g g io. Pe r a g e vo la re q ua nto ripo rta to so pra Na miria l S.p.A. in c o lla b o ra zio ne c o n il CONAF me tte a dispo sizio ne i se g ue nti pre sta mpa ti da c o mpila b ili a vide o : Mo dulo di ric hie sta nuo ve c re de nziali di ac c e sso Mo dulo di ric hie sta di mo dific a dati pe rso nali Il pe rso na le de l se rvizio di he lp de sk di Na miria l S.p.A., una vo lta re c upe ra te le info rma zio ni ric hie ste, le c o munic a a l c lie nte via po sta e le ttro nic a o c o n me zzi a lte rna tivi c o me a d e se mpio la e ma il di a ppo g g io (c o munic a ta in fa se di ric hie sta di a ttiva zio ne ) o il fa x.

9 2. Cosa si de ve fa re ne l c a so in c ui il Titola re de side ri ric hie de re la c a nc e lla zione di una c a se lla PEC? Il tito la re può ric hie de re a l pro prio g e sto re la c a nc e lla zio ne de lla pro pria c a se lla di PEC. Pe r fa r q ue sto de ve invia re una ric hie sta via fa x o ra c c o ma nda ta A/ R ne lla q ua le de vo no e sse re ripo rta te le se g ue nti info rma zio ni: No me e c o g no me o Ra g io ne So c ia le Indirizzo (Via, Città, CAP, Na zio ne ) Co dic e fisc a le o pa rtita IVA e ma il va lida (pe r e ve ntua li c o munic a zio ni) Ino ltre de ve invia re una fotoc opia di un doc ume nto di ide ntità va lido. La ric hie sta di c a nc e lla zio ne può e sse re fa tta so la me nte da l tito la re de lla c a se lla. Il g e sto re e ffe ttua una se rie di c o ntro lli do po di c hé pro vve de a d a vve rtire il tito la re de lla c a se lla c he la ste ssa sa rà c hiusa do po 48 o re la vo ra tiva da lla c o munic a zio ne. Anc he in q ue sto c a so la mo dulistic a pre sta mpa ta vie ne me ssa a dispo sizio ne da Na miria l S.p.A. e d a CONAF: Mo dulo di ric hie sta c anc e llazio ne mail pe c Le ric hie ste e ffe ttua te tra mite po sta e le ttro nic a o a ttra ve rso il po rta le, se pe rve nute fuo ri da ll o ra rio la vo ra tivo o ne i g io rni fe stivi, so no pre se in c a ric o a pa rtire da l primo g io rno la vo ra tivo suc c e ssivo. 3. Come proc e de re pe r il pa ssa g g io da una c a se lla a dominio

10 e pa p.c ona fpe c.it a d una a dominio c ona fpe c.it (o vic e ve rsa ). Ne l c a so in c ui un isc ritto Co na f a ve nte a c c o unt pe c e pa p.c ona fpe c.it inte nda c a nc e lla rsi da ll Ente EPAP do vrà pro vve de re a ric hie de re la c hiusura de l Suo ve c c hio a c c o unt e l a pe rtura di uno a do mino c ona fpe c.it in so stituzio ne di e sso. Ste sso dic a si se a se g uito di isc rizio ne a ll Ente EPAP si de side ra a ttiva re una c a se lla a do minio e pa p.c ona fpe c.it e si è g ià tito la ri di c a se lla pe c a do minio c ona fpe c.it. In e ntra mb i i c a si la pro c e dura risulte rà la se g ue nte : Co mpila re il mo dulo pe r la ric hie sta di a ttiva zio ne de lla nuo va c a se lla Co mpila re il mo dulo di ric hie sta c a nc e lla zio ne e ma il pe c Invia re la mo dulistic a c o mpila ta e firma ta a l pro prio Ordine e / o a Na miria l spa Alla ric e zio ne de lla mo dulistic a Na miria l pro vve de rà a lla re g istra zio ne de lla nuo va c a se lla c o n invio di c o nfe rma e c re d e nzia li di a c c e sso a l Tito la re, a ll a g g io rna me nto de l Da ta Ba se Co na f, a lla c hiusura de lla pre c e de nte c a se lla pre via c o munic a zio ne a l Tito la re de lla ste ssa c o me indic a to ne lla pro c e dura a l punto 2. Co rdia lità

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA Luana Gasparini Michela Soldati Multicentro CEAS RA21 Comune di Ravenna C è un m o ndo m is te rio s o c he è pre s e nte

Dettagli

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1 1 Consultazione con il mondo del lavoro Proposta della Facoltà Nucleo di Valutazione Senato accademico Comitato di coordinamento regionale Consiglio di amministrazione 2 Raggiungere un MODELLO EUROPEO

Dettagli

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca La delocalizzazione delle università statali italiane Presentazione dei risultati della ricerca Obiettivi conoscitivi Descrivere il fenomeno della delocalizzazione universitaria; Analizzare il processo

Dettagli

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013 Il degli Alberghi e delle SPA più belle del mondo isola d Ischia 8-13 luglio HOTEL MEANS LIFESTYLE bando di concorso 2013 Il P re m io Is c h ia In te rn a z io n a le d i A rc h ite ttu ra è fru tto d

Dettagli

Incentivi finanziari alle imprese

Incentivi finanziari alle imprese Incentivi finanziari alle imprese Delibera della Giunta regionale n. 208 del 2 aprile 2012 Programma Attuativo Regionale (PAR) a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007-2013 Asse I Linea

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale IN F O R M A Z IO N I P E R S O N A L I Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale V a le n tin a B e c c h i E S P E R IE N Z E L A V O R A T IV E D

Dettagli

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Isabella Menichini - C om une di P a rm a B a ri, 18 febbra io 2011 P a rm a c ittà a m is ura di fa m ig lia O b ie ttiv o

Dettagli

Manifesto Arci Servizio Civile 2007

Manifesto Arci Servizio Civile 2007 Manifesto Arci Servizio Civile 2007 Cesenatico, 24 25 Novembre 2006 1 Premessa Il Manifesto 2000 è sta ta la base di rife rimento idea le e sta tuta ria de ll azione di Arci Se rvizio C ivile in questi

Dettagli

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA ROBERTO MEDEGHINI - Pedagogista Gruppo di Ricerca Inclusione e Disability Studies gridsitaly.com milieu.it IN S E G N A

Dettagli

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO L a p p a re c c h io S w a tc h C o rd le ss II IS D N è u n c o rd le ss c h e c o m b in a le fu n z io n i tip ic h e d e lla te le fo n ia se n z a fili c o n il c o

Dettagli

LEGGE 26 APRILE 1982 N 181 (LEGGE FINANZIARIA 1982)

LEGGE 26 APRILE 1982 N 181 (LEGGE FINANZIARIA 1982) LEGGE 26 APRILE 1982 N 181 (LEGGE FINANZIARIA 1982) DISPOSIZIO NI DI C AR ATTER E FINANZIARIO Art. 1. Il limite massimo del saldo netto da finanziare per l anno 1982 resta determinato, in te rm ini di

Dettagli

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Sci en zapert u tti im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Luigi Benussi (lu ig i.b e n u s s i@ ln f.in fn.it) Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Laboratori Nazionali di Frascati

Dettagli

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile V a lte r C a n tin o 1 7 n o v e m b re 2 0 1 0 Università degli Studi di Scienze Gastronomiche: mission

Dettagli

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale Piercarlo Salari P E D IA T R A C O N S U LT O R IA L E M ila n o V ig e v a n o (P V )) Siena, 1 giugno 2009 L errore in Pediatria

Dettagli

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva L esperienza del Comune di Cesena Camillo Acerbi Resp.le Servizio Informativo Gestionale Comune di Cesena acerbi_c@comune.cesena.fc.it Robert Ridolfi

Dettagli

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze Mo d ulo 2 Valutare gli apprendimenti o valutare l apprendimento? Il senso della relazione educativa tra curricolo

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE: PROGETTAZIONE GRAFICA classe Quarta Classe IV Modulo 1 RETORICA E PUBBLICITA Tempi: Settembre/Ottobre Conoscenza delle figure retoriche da applicare al messaggio pubblicitario

Dettagli

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma e ss.mm.ii. Il sottoscritto Codice Fiscale Nato a il Residente in Via/P.zza

Dettagli

SCHEDA DI PRENOTAZIONE ALBERGHIERA Da completare in modo leggibile, firmare ed inviare VIA E-MAIL entro il 15 giugno 2015 a: raffaele@effegiviaggi.

SCHEDA DI PRENOTAZIONE ALBERGHIERA Da completare in modo leggibile, firmare ed inviare VIA E-MAIL entro il 15 giugno 2015 a: raffaele@effegiviaggi. SCHEDA DI PRENOTAZIONE ALBERGHIERA Da completare in modo leggibile, firmare ed inviare VIA E-MAIL entro il 15 giugno 2015 a: raffaele@effegiviaggi.it Il sottoscritto Via COMUNE CODICE FISCALE (obbligatorio)

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE: PIANIFICAZIONE PUBBLICITARIA classe Quarta Classe V Modulo 1 LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA TEMPI: settembre, ottobre Cono sce le teo rie della comunicazione pubblicitaria (attenzione

Dettagli

I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri. S ec c o Freddo. C a ldo P a s s ività. A ttività C ons erva zione

I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri. S ec c o Freddo. C a ldo P a s s ività. A ttività C ons erva zione C ONDIV IS ION E I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri Fem m inile M a s c hile U m ido S ec c o Freddo C a ldo P a s s ività A ttività C ons erva zione M uta m ento C ontra zio ne E

Dettagli

i i i: i I i i!i!, i i i

i i i: i I i i!i!, i i i S I D RA D red g i n g, M a r i n e & E n v i ro n m e n ta l C o n t ra ct o r i i i: i I i i!i!, i i i P ro g ett a e d e s e g u e d a p i ù d i 3 0 a n n i o p e re m a r i tt i m e i n I t a l i a

Dettagli

LEGGE 22 DICEMBRE 1984 N 887 (LEGGE FINANZIARIA 1985)

LEGGE 22 DICEMBRE 1984 N 887 (LEGGE FINANZIARIA 1985) LEGGE 22 DICEMBRE 1984 N 887 (LEGGE FINANZIARIA 1985) TITOLO I DISPOSIZIO NI DI C AR ATTER E FINANZIARIO Art. 1. Il limite massimo del saldo netto da finanziare per l anno 1985 resta determinato in te

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE: TECNOLOGIE TESSILI classe Terza Le lezioni di Tecnologie Tessili hanno come scopo la conoscenza delle fibre tessili, dei filati e dei L o bbiettivo è que llo di co lle ga re

Dettagli

s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità am bie n tale de l te rrito rio C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di

s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità am bie n tale de l te rrito rio C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di + P rogetto C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di B e llu n o A zio n i c o n g iu n te e s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità e n e rg e tic a e am bie n tale de l te rrito

Dettagli

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8 OKkio alla S ALUTE per la S CUOLA: ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 8 Re g io n e To s c a n a Are a Va s ta No rd - Ove s t ( Pro v in c e di Lu c ca, Liv o rn o, Ma s s a, Pis a e Via re g g io )

Dettagli

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Tesi di Laurea L accompagnamento delle istituzioni nell inserimento e integrazione del minore straniero nel nucleo adottivo.

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

PERDITA DELLA QUALIFICA DI COOPERATIVA "'

PERDITA DELLA QUALIFICA DI COOPERATIVA ' DIRITTO SOCIETARIO varie SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PERDITA DELLA MUTUALITA PREVA LENTE BILANCIO STRAORDINARIO RIACQUI SIZIONE DELLE CONDIZIO NI DI PREVALE NZA PERDITA DELLA QUALIFICA DI COOPERATIVA "'

Dettagli

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 28 ottobre 1999.

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 28 ottobre 1999. Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 28 ottobre 1999. Modificazioni e integrazioni alle tabelle A e B annesse alla L. 29 ottobre 1984, n. 720, riguardante l'istituzione del s istema di tesoreria

Dettagli

SISTEMA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE COMUNALE E PIANO DELLA FORMAZIONE

SISTEMA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE COMUNALE E PIANO DELLA FORMAZIONE SISTEMA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE COMUNALE E PIANO DELLA FORMAZIONE 1 SISTEMA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE COMUNALE Per la prima volta si intreccerà stretta mente con tre importanti

Dettagli

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE VIVONO IN S ITUAZIONI DI MAR G INALITÀ E VIOLENZA Il p r o g e tto n a s c

Dettagli

Le diverse tipologie di oli prodotti a pa rtire da lle olive

Le diverse tipologie di oli prodotti a pa rtire da lle olive Le diverse tipologie di oli prodotti a pa rtire da lle olive Comprendere le differenze tra le diverse tipologie di olio in commercio, aiu ta ad orientarsi nella giu ngla dei prezzi e delle etich ette.

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica POR FESR 2 0 0 7-2 0 1 3 A r t.ii.1.1 Prod e n e r g ie rinn (M isura 2 ) "INCENTIVAZIONI ALL'INSEDIAMENTO DI LINEE DI PRODUZIONE DI SISTEM I E COMPONENTI

Dettagli

ppunti ed esercizi del corso di I nf orm a tica B I ng eg neria M ecca nica, P ia cenza I nf orm a tica C I ng eg neria dei T ra sporti, P ia cenza lg eb ra di B ool, b locch i f unziona li, ta b ella

Dettagli

LAVORO. (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

LAVORO. (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) LAVORO (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: VILLASPECIOSA Opera Edile PROGETTO ISCOL@ - LAVORI DI

Dettagli

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Palermo, 14 giugno 2007 AGENDA 15.15 Apertura dei lavori Moderatore dei

Dettagli

LEGGE 27 DICEMBRE 1983 N 730 (LEGGE FINANZIARIA 1984)

LEGGE 27 DICEMBRE 1983 N 730 (LEGGE FINANZIARIA 1984) LEGGE 27 DICEMBRE 1983 N 730 (LEGGE FINANZIARIA 1984) TITOLO I DISPOSIZIO NI DI C AR ATTER E FINANZIARIO Art. 1. Il limite massimo del saldo netto da finanziare per l anno 1984 resta determ inato, in te

Dettagli

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i Il caso di Cleo U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i ANAM NESI FAM ILIARE: n o n s i rile v a n o p a to lo g ia d e g n e d i n o ta. ANAM NESI PERSONALE: p rim o g e n ita d i g e n ito ri n o n

Dettagli

DOCUMENTI PROGRAMMATORI E DI BILANCIO PER L ANNO 2005 E BILANCIO PLURIENNALE 2005/2007

DOCUMENTI PROGRAMMATORI E DI BILANCIO PER L ANNO 2005 E BILANCIO PLURIENNALE 2005/2007 Allegato Sub B)ALLA DELIBERAZIONE DELLA CONFERENZA DELL'AUTORITA' D'AMBITO N. 2 n. 108 del 2.5.2005 IL SEGRETARIO DELLA CONFERENZA (Dott. Piero Gaetano Vantaggiato) DOCUMENTI PROGRAMMATORI E DI BILANCIO

Dettagli

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica L.R 7 / 1 9 8 8 in se d ia m e n ti p ro d u ttiv i In c e n tiv i a c o n so r z i di im p r e se in d u stria li ed a r tig ia n e o p e r a n ti

Dettagli

La Programmazione regionale delle politiche per la prima infanzia

La Programmazione regionale delle politiche per la prima infanzia La Programmazione regionale delle politiche per la prima infanzia Lug lio 2010 A rea politic he per la prom ozione della s a lute, delle pers one e delle pa ri opportunità S ervizio P olitic he di B enes

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULL ANDAMENTO TECNICO-GESTIONALE DELL EROGAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

RELAZIONE ANNUALE SULL ANDAMENTO TECNICO-GESTIONALE DELL EROGAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DELLA CONFERENZA DELL'AUTORITA' D'AMBITO N. 2 n. 111 del 2.5.2005 IL SEGRET ARIO D ELLA CONFERENZ A (Dott. Piero Gaet ano Vantaggiato) RELAZIONE ANNUALE SULL ANDAMENTO TECNICO-GESTIONALE

Dettagli

SOLUZIONI WEB. per il BUSINESS. www.italiainfiera.it. www.italiainfiera.it

SOLUZIONI WEB. per il BUSINESS. www.italiainfiera.it. www.italiainfiera.it SOLUZIONI WEB per il BUSINESS Italiainfiera, società di consulenza per il marketing e la comunicazione on line, opera profe ssiona lmente dal 1999 fornendo competenze altamente qua lifica te a lle aziende

Dettagli

LEGGE 28 DICEMBRE 1995 N 549 (COLLEGATO ALLA FINANZIARIA 1996)

LEGGE 28 DICEMBRE 1995 N 549 (COLLEGATO ALLA FINANZIARIA 1996) LEGGE 28 DICEMBRE 1995 N 549 (COLLEGATO ALLA FINANZIARIA 1996) Art. 1. 1. Il Governo della Repubblica è delegato ad emanare, entro cinque mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, uno

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE Art. 1 Oggetto 1. L Ente parco nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito, locatore), come rappresentato,

Dettagli

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1 C O M U N E D I C H I O G G IA REGOLAMENTO PER L "APPLICAZIONE DELLA TAR FA DI IGL NE AMB1-ENTALE Approvato con deli'bera delcommissario STR IORDINARIO assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69

Dettagli

V651, una nuova equilibratrice completamente automatica, semplice da utilizzare e sicura offre un ampio e chiaro display e diverse

V651, una nuova equilibratrice completamente automatica, semplice da utilizzare e sicura offre un ampio e chiaro display e diverse L EQUILIBRATURA DEI PNEUMATICI PER TUTTE LE AUTO L occhio attento Con Fasep V651 la ruota con o senza cerchi in lega non creerà p iù p ro b le m i agli addetti ai lavori. Quest innovativa equilibratrice

Dettagli

CONTRATTO TRA PARTNER DI CANALE INDIRETTO - v. EM EA. 2 5. 0 4. 0 7 Pe r r e g i s t r a r s i c o m e Pa r t n e r d i Ca n a l e In d i r e t t o ( In d i r e c t Ch a n n e l Pa r t n e r ) d i Ci s

Dettagli

LEGGE 23 DICEMBRE 1992 N 498 (COLLEGATO ALLA FINANZIARIA 1993)

LEGGE 23 DICEMBRE 1992 N 498 (COLLEGATO ALLA FINANZIARIA 1993) LEGGE 23 DICEMBRE 1992 N 498 (COLLEGATO ALLA FINANZIARIA 1993) Art. 1. 1. La facoltà di contrarre mutui con il concorso anche parziale dello Stato, prevista dalle leggi sotto indicate, è sospesa fino al

Dettagli

Decreto Ministeriale del 29 maggio 2007

Decreto Ministeriale del 29 maggio 2007 Decreto Ministeriale del 29 maggio 2007 A pprovazione delle Istruzioni sul Servizio di Tesoreria dello Stato. IL MINISTRO DELL'ECO NO MIA E DELLE FINANZE Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440,

Dettagli

d.ssa Maria Grazia Virga

d.ssa Maria Grazia Virga A S S E S S O R A TO P A R I O P P O R TU N ITA FE D E R A Z ION E ITA LIA N A D O N N E A R TI P R O FE S S IO N I A FFA R I S E Z IO N E D I C A C C A M O (P A ) Caccamo, 9 gennaio 2010 Infoday AGEVOLAZIONI

Dettagli

Ricerca e mapp atu ra impi an ti d i riscald amento e sanitari. Dispersio ni en ergetiche po nti termici isol amento muffe e cond en se

Ricerca e mapp atu ra impi an ti d i riscald amento e sanitari. Dispersio ni en ergetiche po nti termici isol amento muffe e cond en se Rilevamenti Termografici allinfrarosso per edilizia Ispezioni t ecniche e perizie legali Ricerca e mapp atu ra impi an ti d i riscald amento e sanitari Dispersio ni en ergetiche po nti termici isol amento

Dettagli

VDS-EX4 VDS-EX8 KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS. Istruzioni INSTALLAZIONE. Ma nua le n 17540 Rev. -

VDS-EX4 VDS-EX8 KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS. Istruzioni INSTALLAZIONE. Ma nua le n 17540 Rev. - KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS VDS-EX4 VDS-EX8 Istruzioni INSTALLAZIONE Ma nua le n 17540 Rev. - Le informazioni presenti in questo manuale sostituiscono quanto in precedenza pubblicato. Sicep si riserva

Dettagli

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 COMUNE di TONARA (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 88 Prot. n. 4956 del 14-07-2009 OGGETTO: Indirizzi

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO. Il giorno 25/9/2015. tra. POSTE ITALIANE S.p.A.

IPOTESI DI ACCORDO. Il giorno 25/9/2015. tra. POSTE ITALIANE S.p.A. IPOTESI DI ACCORDO Il giorno 25/9/2015 tra POSTE ITALIANE S.p.A. e SLC-CGIL, SLP-CISL, UILposte, FAILP-CISAL, CONFSAL-COMUNICAZIONI e UGL-COMUNICAZIONI Premesso che Il servizio postale universale si caratterizza

Dettagli

Il medico del pneumatico

Il medico del pneumatico LA REALTÀ D I U N C E N T R O G O M M E P E R V E IC O L I IN D U S T R IA L I Il medico del pneumatico Circolare in sicurezza significa anche montare pneumatici perfettamente funzionanti; un problema

Dettagli

PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA

PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA a cura di Anna Bonini F o rn ire se rv iz i sa n ita ri d i a lta q u a lità, a d e g u a ti in te rm in i d i v o lu m i e d i tip o lo g ie d i p re

Dettagli

Light & Dream Spring 2015

Light & Dream Spring 2015 Light & Dream Spring 2015 Sommario San Valentino pag. 4 Carnevale pag. 6 Festa della Donna pag. 8 Cari amici e amiche, Dopo un lungo inverno la primavera è ormai alle porte. Abbiamo tutti voglia di sole,

Dettagli

I numeri del pubblico impiego

I numeri del pubblico impiego I numeri del pubblico impiego! "$#%'&()*)+-, Fonte: elaborazione Dipartimento della Funzione Pubblica su dati OCSE/PUMA22 I numeri del pubbl i co i mpi ego Occu pazione nel settore pubblico in alcuni paes

Dettagli

Innovazione e competitività delle imprese dell industria alimentare

Innovazione e competitività delle imprese dell industria alimentare 18 ottobre 2011 CIBUS TEC - Fiere di Parma - Sala Plenaria - Padiglione 7-18 ottobre 2011 Convegno Inaugurale - L innovazione tecnologica come leva di competitività per l industria alimentare Innovazione

Dettagli

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente M_INF.CGCCP.REGISTRO UFFICIALE.U.0028447.13-03-2015 R om a. P.d.c.: 0659084196 r8l cgcp@ pec.m it.gov.it M inistero delle Infrastrutture e dei Trasporti C om ando G enerale del C orpo delle C apitanerie

Dettagli

callneet CATALOGO FORMATIVO www.callneet.it - info@callneet.it via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184

callneet CATALOGO FORMATIVO www.callneet.it - info@callneet.it via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184 assicuriamo ascolto,garantiamo opportunità. via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184 www.callneet.it - info@callneet.it CATALOGO FORMATIVO ti N. B. Il catalogo formativo potrà subire delle modifiche a

Dettagli

1. C A RA TTERISTIC HE G ENERA LI

1. C A RA TTERISTIC HE G ENERA LI NEW PRO J EC T REQ UEST C O NTRO LLO RE PER FERMA LIEV ITA ZIO NE C O N DISPLA Y G RA FIC O E TELEC O MA NDO C O DE: 8931008 PRO G ETTO NUO V O = PN MO DIFIC A DI PRO G.= MP PN. PRO G ETTISTI SW : HW :

Dettagli

Ver.1.11 MANUALE OPERATIVO DEI SERVIZI

Ver.1.11 MANUALE OPERATIVO DEI SERVIZI Ver.1.11 MANUALE OPERATIVO DEI SERVIZI Indice : - Destinatari del manuale - Tempi di pubblicazione - Acquisizione dei dati - Tipologia e formato dei dati - Predisposizione cartella procedurale in formato

Dettagli

Gioielli dell'antichità dalla Turchia alla Grecia

Gioielli dell'antichità dalla Turchia alla Grecia Gioielli dell'antichità dalla Turchia alla Grecia 15 giorni, 14 notti QUOTE DA: 1690 ITINERARIO SPECIFICHE GALLERY Paesi visitati: GRECIA - Il pae se - doc&info TURCHIA - Il pae se - doc&info Un viaggio

Dettagli

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO G A Z Z E T T A S E T T I M A N A L E SCIENZA ECONOMICA, FINANZA, COMMERCIO, BANCHI, FERROVIE INTERESSI PRIVATI Anno X!V - Voi. XVI I Domenica 27 Marzo 1887 N. 878 L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A

Dettagli

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica U NIVERSITÀ DEGLI STUDI DI F ACOLTÀ D IPARTIMENTO DI DI P ALERMO I NGEGNERIA I NGEGNERIA I NFORMATICA CORSO DI I N GEG N ERIA AT GE GN ERI A I N FORM FO RMA TIICA CA LAUREA PER PE R I IN S I ST EMI LIIG

Dettagli

CASSAZIONE CIVILE 2010: CONDOMINIO

CASSAZIONE CIVILE 2010: CONDOMINIO 1 di 11 15/01/2014 17.50 15/01/114 17:50 CASSAZIONE CIVILE 2010: CONDOMINIO CASSAZIONE CIVILE 2010: CONDOMINIO GENNAIO In mate ria di condo minio di edi fici, la legittima zio ne passiva nel giudizio ave

Dettagli

PRO SPETTO INFORMA TI VO PER L E EMISSIONI DI OBBL IGA ZIONI BA NCA RIE c. d. PL A IN VA NIL LA

PRO SPETTO INFORMA TI VO PER L E EMISSIONI DI OBBL IGA ZIONI BA NCA RIE c. d. PL A IN VA NIL LA @ B A N CA D I C R E D I TO CO O P E R AT I VO D I A L B E R O B E L LO E S AMM I C H E L E D I B A R I S e d e l e g a l e e a m m i n i s t ra t i v a i n A l b e ro b e l l o V i a l e B a r i n. 1

Dettagli

GIUSEPPE TARDIVO L ECONOMIA CUNEESE: IL CORAGGIO DI INVESTIRE E LA CAPACITA DI INNOVARE

GIUSEPPE TARDIVO L ECONOMIA CUNEESE: IL CORAGGIO DI INVESTIRE E LA CAPACITA DI INNOVARE GIUSEPPE TARDIVO L ECONOMIA CUNEESE: IL CORAGGIO DI INVESTIRE E LA CAPACITA DI INNOVARE 1 La provincia di Cuneo ricca di IMPRESE DI CRISTALLO Estremamente preziose Estremamente fragili qualità potenzialità

Dettagli

LABO RATO RIO D I INFO RM ATICA CLASSI 3 A E 3 B ANNO SCO LASTICO 2 0 0 8-0 9

LABO RATO RIO D I INFO RM ATICA CLASSI 3 A E 3 B ANNO SCO LASTICO 2 0 0 8-0 9 LABO RATO RIO D I INFO RM ATICA CLASSI 3 A E 3 B ANNO SCO LASTICO 2 0 0 8-0 9 Q ue st a nno, d ura nt e il la b o ra t o rio d i inf o rm a t ica, a b b ia m o o sse rva t o d ip int i d i VINCENT VA N

Dettagli

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A Alle g a t o (A) all a Deli b e r a z i o n e Dir e t t o r e G e n e r a l e n 144 d el 23/ 0 5/ 2 0 11 Co m p o s t o d a n 6 p a g i n e SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O

Dettagli

MANUTENZIONE DEI MANUFATTI IMBOTTITI ESCLUSIVAMENTE CON PIUMUNI E/ O PIUME

MANUTENZIONE DEI MANUFATTI IMBOTTITI ESCLUSIVAMENTE CON PIUMUNI E/ O PIUME MANUTENZIONE DEI MANUFATTI IMBOTTITI ESCLUSIVAMENTE CON PIUMUNI E/ O PIUME Genera lità La ma nutenzione d egli a rtic oli imb ottiti in p iumino e/ o p iuma p uò essere d efinito c ome il tra tta mento

Dettagli

LEGGE 30 MARZO 1981 N 119 (LEGGE FINANZIARIA 1981)

LEGGE 30 MARZO 1981 N 119 (LEGGE FINANZIARIA 1981) LEGGE 30 MARZO 1981 N 119 (LEGGE FINANZIARIA 1981) DISPOSIZIO NI IN MAT ERIA FISC ALE Art. 1. In deroga all articolo 1, quarto comma, lettera d), del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre

Dettagli

R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b

R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b licità V ia C u s to z a 8 V e rc e lli M IC H Y 'S H

Dettagli

Decreto Legislativo del 31 dicembre 1992, n. 546.

Decreto Legislativo del 31 dicembre 1992, n. 546. Decreto Legislativo del 31 dicembre 1992, n. 546. Disposizioni sul processo tributario in attuazione della delega al Governo contenuta nell'art. 30 della L. 30 dicembre 1991, n. 413 (1) (2) (3). (1) Si

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE FINANZIARIA AL 31 DICEMBRE 213 PAGINA BIANCA 3/58 Indice Organi Sociali... 6 Consiglio di Amministrazione... 6 Collegio Sindacale... 6 Società di Revisione... 6 Specialist... 6 Nomad... 6 Struttura

Dettagli

M a nu a le p er l a sic urezz a e d il c orre tto tra tt a m e nto d ei d a ti p erso n a li n el C o nsiglio N a zio n a le d elle Ric erc h e

M a nu a le p er l a sic urezz a e d il c orre tto tra tt a m e nto d ei d a ti p erso n a li n el C o nsiglio N a zio n a le d elle Ric erc h e M a nu a le p er l a sic urezz a e d il c orre tto tra tt a m e nto d ei d a ti p erso n a li n el C o nsiglio N a zio n a le d elle Ric erc h e (D.lgs. 196/2003) 1 SOMMARIO PREMESSA OBBLIGHI DI SICUREZZA

Dettagli

Il mercato del gas naturale Prof. Carlo Andrea Bollino Regulatory Lectures 18 marzo 2002 The Adam Asmith Society

Il mercato del gas naturale Prof. Carlo Andrea Bollino Regulatory Lectures 18 marzo 2002 The Adam Asmith Society Il mercato del gas naturale Prof. Carlo Andrea Bollino Regulatory Lectures 18 marzo 2002 The Adam Asmith Society CONSUNTIVO DEI CONSUMI DI GAS NATURALE PER SETTORI DI DOMANDA NEL 2001 settore produz.ne

Dettagli

Secondo Piano di Azione per le famiglie. Famiglie al futuro

Secondo Piano di Azione per le famiglie. Famiglie al futuro Secondo Piano di Azione per le famiglie Famiglie al futuro Aprile 2011 Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità Servizio Programmazione Sociale e Integrazione Sociosanitaria Le priorità

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Corso di formazione AUSL di Lucca I I FACILITATORI DEL SISTEMA DI GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO FONTI DI INFORMAZIONE PER LA IDENTIFICAZIONE DEL RISCHIO CLINICO LUCCA 25-05-2009 A cura del dott. G. Puntoni

Dettagli

Il sistema di tassazione a Malta. Lugano International Fiscal Forum 23 Maggio 2012

Il sistema di tassazione a Malta. Lugano International Fiscal Forum 23 Maggio 2012 Il sistema di tassazione a Malta Lugano International Fiscal Forum 23 Maggio 2012 Malta: efficienza fiscale (i) Sistema fiscale molto vantaggioso Tariffe fiscali speciali per i professionisti nei vari

Dettagli

I principali reati tributari (normativa in vigore dal 17/9/2011)

I principali reati tributari (normativa in vigore dal 17/9/2011) I principali reati tributari (normativa in vigore dal 17/9/2011) 1. Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o di altri documenti per operazioni inesistenti (art. 2, commi 1 e 2, Dlgs 74/2000)

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 27 dicembre 1947

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 27 dicembre 1947 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 27 dicembre 1947 Principi fondamentali. 1. L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La so vranità appa rtiene a l popo lo, che la e se rcita nelle

Dettagli

Azienda USL di Piacenza

Azienda USL di Piacenza Azienda USL di Piacenza Aziende Sanitarie ed utenti Internet cambia il lavoro Le tecnologie della comunicazione cambiano anche i lavori tradizionali. Come cogliere le opportunità Roma, 19 maggio 2011 1

Dettagli

DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE

DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE Cosa è Digicult Il portale web Il magazine online Il podcast e la newsletter L'agenzia D i gi C U L T è u n a p i a t t a f o r m a c u l t u r al e It alia n a o n li

Dettagli

Equilibrio perfetto DESCRIZIONE DEGLI ANGOLI CARATTERISTICI E DELLA MODIFICA DELL ASSETTO DELL AUTO

Equilibrio perfetto DESCRIZIONE DEGLI ANGOLI CARATTERISTICI E DELLA MODIFICA DELL ASSETTO DELL AUTO DESCRIZIONE DEGLI ANGOLI CARATTERISTICI E DELLA MODIFICA DELL ASSETTO DELL AUTO Equilibrio perfetto Alle volte è s u ffic ie n te modificare, anche di un solo grado, uno degli angoli caratteristici delle

Dettagli

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html Pagina 1 di 5 Blow Photofinish up sul mondo della fotografia AP R 0 9 8 Mo s tre, m o s t re e a n c o ra m o s t re! Pu b b lic a t o d a Fra n c e s c a D e Me is a lle 1 2 :3 3 in Mo s t re Si intitola

Dettagli

DIOCESI DI CONCORDIA-PORDENONE a cura della Commissione Pastorale sociale e del lavoro, giustizia e pace, salvaguardia del creato

DIOCESI DI CONCORDIA-PORDENONE a cura della Commissione Pastorale sociale e del lavoro, giustizia e pace, salvaguardia del creato DIOCESI DI CONCORDIA-PORDENONE a cura della Commissione Pastorale sociale e del lavoro, giustizia e pace, salvaguardia del creato 1 laboratorio L impresa cooperativa guarda al futuro sabato 16 novembre

Dettagli

Osservatorio del Mercato del Lavoro RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE NELLA PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA - TRANI

Osservatorio del Mercato del Lavoro RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE NELLA PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA - TRANI Osservatorio del Mercato del Lavoro RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE NELLA PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA - TRANI 1 Indice generale A n a li si di c o n t e s t o p a g. 3 L off e rt a d i f or m a z

Dettagli

I l p re se n te p ro s petto a d i s po s i z ion e d e l pu bb l ico g ra tu i tame n te p re s s o la S e d e Lega l e e p re sso

I l p re se n te p ro s petto a d i s po s i z ion e d e l pu bb l ico g ra tu i tame n te p re s s o la S e d e Lega l e e p re sso BAN CA D I C R E D I TO CO O P E R AT I VO D I A L B E R O B E L LO E SAMMICH E L E D I BAR I Sed e le ga le e a m m i n i s t ra t iva i n A l be ro b e l lo V i a l e Ba r i n. 1 0 I sc r i t ta a l

Dettagli

Sviluppo Lazio S.p.A.

Sviluppo Lazio S.p.A. Sviluppo Lazio S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2012 1 BILANCIO CIVILISTICO AL 31.12.2012 2 PARTECIPANTI AL CAPITALE REGIONE LAZIO C.C.I.A.A. DI ROMA 3 ORGANI SOCIALI Consiglio di Amministrazione PRESIDENTE

Dettagli

M a r i n e S u r v e y o r Y a c h t C o n s u l t a n t

M a r i n e S u r v e y o r Y a c h t C o n s u l t a n t Perizie Tecniche e per Recupero Danni Assicurativi - Direzione Lavori di Costruzione, Ristrutturazione e Riparazione - Assistenza Tecnica e Tecnico-Legale nelle Controversie Assicurative Consulenza Preventiva

Dettagli

Dichiarazioni Conformità Piatti Cellulosa Dei materiali e degli oggetti destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari

Dichiarazioni Conformità Piatti Cellulosa Dei materiali e degli oggetti destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari DC0100 Piatti cellulosa Cellulose plates 20131014 rev.06 Logo ECOZEMA.doc Dichiarazioni Conformità Piatti Cellulosa Dei materiali e degli oggetti destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari

Dettagli

PROCEDURA PR. 07/03. Progettazione ed erogazione corsi di formazione. Duofin Art S.r.l. STATO DI REVISIONE

PROCEDURA PR. 07/03. Progettazione ed erogazione corsi di formazione. Duofin Art S.r.l. STATO DI REVISIONE PROCEDURA PR. 07/03 STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da Direttore Didattico Verificato da RD Approvato da AU DESCRIZIONE AGGIORNAMENTI 0 31/03/2004 Prima Edizione 1 11/04/05 Modificato paragrafo

Dettagli