PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali"

Transcript

1 PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA LE DISPOSIZIONI DI LEGGE NAZIONALI E REGIONALI CON LE IPOTESI SANZIONATORIE DELL ART. 10 DEL CDS

2 INDICE: 1 - Premessa, pag Le principali caratteristiche costruttive e funzionali ed i requisiti dei mezzi d opera, pag I mezzi d opera, pag Complessi di veicoli classificabili mezzi d opera, pag Le domande di autorizzazione, pag L autorizzazione, pag L Elenco delle strade percorribili dai trasporti eccezionali e mezzi d opera L Autoatlante, pag L indennizzo d usura della strada, pag La scorta ai mezzi d opera, pag Le violazioni al codice della strada ed alle altre norme regionali sulla circolazione dei mezzi d opera, pag Conclusioni, pag. 23 1

3 LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1. PREMESSA Con queste pagine, si è voluto trattare, senza la pretesa di farlo a titolo esaustivo, il tema della circolazione dei veicoli classificati mezzi d opera con particolare riferimento a quanto avviene in Provincia di Bologna e nel restante territorio della Regione Emilia-Romagna. In particolare, abbiamo cercato di fare un quadro riassuntivo sulle disposizioni di legge, nazionali e regionali, attualmente in vigore e, sulle principali ipotesi sanzionatorie di cui all art. 10 del C.d.S. Mentre in passato i mezzi d opera sono stati dispersi nel groviglio di tante disposizioni oggi, si può affermare che, con l ultima legge regionale del 21 aprile 1999, n. 3 e sue modalità di esercizio, si è fatto un passo importante ai fini della loro regolamentazione sulle strade della nostra regione. Già con la precedente legge regionale 4 giugno 1986, n. 17 e sue modalità di esercizio (ora, superate) si era arrivati a pubblicare un primo elenco delle strade percorribili per i mezzi d opera (Bur regionale , n. 76) consentendo di delineare un certo reticolo stradale idoneo al passaggio di tali mezzi nella nostra provincia e regione; successivamente, con la promulgazione della citata legge regionale del 21 Aprile 1999, n. 3 e sue modalità di esercizio, l elenco è stato implementato e migliorato (Bur regionale 4 giugno 1999, n. 72) fino alla pubblicazione dell Autoatlante (Bur regionale 21 ottobre 2004, n. 142), quale ultima evoluzione. Per ogni strada è descritta dettagliatamente la percorribilità in riferimento al peso complessivo del mezzo d opera. Sono state considerate le categorie fino a 33, 40, 56, 75 e 100 tonnellate di portata. Pertanto, queste strade, risultano inserite nel Bur regionale e nell Autoatlante in quanto ritenute strutturalmente idonee al passaggio dei mezzi d opera nei limiti di portata indicati salvo, i casi di interruzione e/o sospensione della circolazione sulle stesse per esigenze gravi ed indifferibili, o per accertate necessità (es. un movimento franoso in atto, ecc..). Infatti, in un territorio come quello bolognese, dove si concentrano intensi flussi di traffico, diventa particolarmente importante, in termini di impatto ambientale e sicurezza della circolazione che queste norme, oltre ad essere diffuse e conosciute a tutti gli autotrasportatori, trovino poi, pratica attuazione e siano rispettate. 2

4 2. LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE E FUNZIONALI ED I REQUISITI DEI MEZZI D OPERA I mezzi d opera, di cui all art. 54, comma 1, lett. n) del C.d.S., sono: veicoli o complessi veicolari dotati di particolari attrezzature per il carico ed il trasporto di materiale di impiego o di risulta dell attività edilizia, stradale, di escavazione mineraria e materiali assimilabili, ovvero che completano, durante la marcia, il ciclo produttivo di specifici materiali per la costruzione edilizia (ad es. le autobetoniere). Per materiali assimilabili rientrano: quelli impiegati nel ciclo produttivo delle imprese forestali e quelli derivanti dalla raccolta e compattazione di rifiuti solidi urbani e dallo spurgo di pozzi neri effettuati mediante idonee apparecchiature installate sui mezzi d opera. Quelli dell industria siderurgica compresi i coils e i laminati grezzi, trasportati mediante idonee selle di contenimento installate sui mezzi d opera. Con i mezzi d opera è consentito trasportare anche delle piccole macchine utensili non semoventi. I mezzi d opera possono trainare: rimorchi: anche eccedenti le masse massime e realizzati per il trasporto esclusivo di macchine operatrici, spandisabbia, spandisale e similari; semirimorchi: anche eccedenti le masse massime ma con almeno due assi reali e realizzati per il trasporto esclusivo di macchine operatrici. Le sagome limite dei mezzi d opera sono (art. 61 del C.d.S): larghezza massima: 2,55 m (escluso gli specchi retrovisori purchè movibili); altezza massima: 4,00 m; lunghezza massima: 12,00 m (compresi gli organi di traino per i veicoli isolati, escluso i semirimorchi); Per gli autoarticolati la lunghezza massima consentita è di 16,50 m (compresi gli organi di traino) purchè vengano rispettate le seguenti condizioni: a) l avanzamento dell asse della ralla, misurato orizzontalmente, rispetto alla parte posteriore del semirimorchio, sia massimo 12,00 m; b) l avanzamento dell asse della ralla, misurato orizzontalmente, rispetto ad un punto qualsiasi della parte anteriore del semirimorchio, sia massimo 2,04 m. Nel caso anche una sola delle due condizioni citate non si verifichi, l autoarticolato non potrà superare la lunghezza massima di 15,50 m. Per gli autotreni la lunghezza massima consentita è di 18,75 m purchè vengano rispettate le seguenti condizioni: a) la distanza misurata tra l estremità anteriore della zona di carico dietro l abitacolo e l estremità posteriore del rimorchio, non deve superare i 16,40 m; b) la distanza misurata tra l estremità anteriore della zona di carico dietro l abitacolo e l estremità posteriore del rimorchio, meno la distanza tra la parte posteriore del veicolo a motore e la parte anteriore del rimorchio stesso, non deve superare 15,65 m. Nel caso anche una sola delle due condizioni citate non si verifichi, l autotreno non potrà superare la lunghezza massima di 18,00 m. 3

5 Le masse limite dei mezzi d opera sono (c. 8 dell art. 10 del C.d.S.): per i mezzi d opera isolati: a due assi: 20 T; a tre assi: 33 T; a quattro o più assi, con i due anteriori direzionali: 40 T; per i mezzi d opera complessi di veicoli: a quattro assi: 44 T; a cinque o più assi: 56 T; a cinque o più assi, per il trasporto di calcestruzzo in betoniera: 54 T; In ogni caso, l asse più caricato non deve superare le 13 T (viene riconosciuta dal Codice della Strada una tolleranza massima del 5%, arrotondando ai 100 kg superiori), al quale non vengono applicate sanzioni. Sulla carta di circolazione viene annotata la specifica dicitura classificati mezzo d opera e per essere considerati tali, devono avere specifiche caratteristiche costruttive e funzionali (Appendice III - art. 10 del Regolamento del C.d.S.) e determinati requisiti: sono utilizzabili su percorsi misti (su strada e fuori strada); hanno l altezza minima dal suolo di tutti gli organi, escluso i dispositivi di frenatura posti in corrispondenza di ciascuna ruota, a pieno carico, non inferiore a 250 mm; hanno la velocità massima per costruzione di 80 km/h; sono dotati di dispositivo per il bloccaggio del differenziale; hanno le sospensioni realizzate in modo da evitare moti anomali in fase di frenatura; la massa rimorchiabile, che comporta una massa complessiva dell autotreno o dell autoarticolato non inferiore a 44 T, viene assegnata per potenze del motore dell autoveicolo trainante non inferiore a 259 Kw; hanno la massa aderente minima: - non inferiore al 60% della massa complessiva per gli autoveicoli a due o tre assi (50% in caso di quattro assi); - non inferiore al 28% della massa complessiva per gli autoarticolati a quattro assi e 40% se a cinque o più assi; per gli autotreni deve essere verificato che, per le condizioni di carico utilizzate, il rapporto tra la massa del rimorchio e quella del veicolo trattore non superi il valore di 1,45 (o in alcuni casi di 3); hanno la massa minima (per i veicoli isolati) sull asse direttivo non inferiore al 20% della massa complessiva per i veicoli a due o a tre assi (17,5% per ciascun asse, in caso di due assi direttivi); hanno tara minima: - dell autoveicolo di 9 T se a due assi; 12 T se a tre assi; 14 T se a quattro o più assi; - dell autoarticolato di 16 T se a quattro assi; di 17,6 T se a cinque o più assi; i limiti massimi di velocità a pieno carico sono: 40 km/h nei centri urbani e 60 km/h fuori dai centri abitati; sono dotati di segnalazione luminosa di pericolo costituita dall accensione simultanea di tutti gli indicatori di direzione (blinker); ogni qual volta sia prescritto l uso delle luci di posizione è obbligatorio l uso contemporaneo dei proiettori anabbaglianti; sono dotati di una o più luci lampeggianti gialle che devono sempre essere accese anche quando non è prescritto l uso delle luci; per poter circolare devono essere muniti dell elenco delle strade percorribili pubblicato dalla Regione Emilia-Romagna o di specifica autorizzazione qualora il transito interessi strade non inserite in tale elenco (vedi cap. n. 3 e 4); devono essere muniti di idoneo contrassegno comprovante l avvenuto pagamento di un indennizzo di usura, poiché si tratta di veicoli eccezionali, cioè eccedenti le masse massime (vedi cap. n. 8); se circolano in autostrada devono pagare un ulteriore pedaggio ad integrazione dell indennizzo di usura (vedi cap. n. 8); non possono essere usati per trasporti di merci o attrezzature diverse da quelle per le quali siano stati destinati, salvo che ciò sia espressamente consentito nelle rispettive licenze al trasporto di cose in conto proprio ed autorizzazioni al trasporto di cose per conto di terzi. 4

6 3. I MEZZI D OPERA I mezzi d opera di tipo isolato quando superano i limiti di massa stabiliti dall art. 62 del C.d.S. sono considerati veicoli eccezionali e soggetti a specifica autorizzazione. Il Codice prevede anche un caso particolare e cioè, quello che se il mezzo d opera pur superando i limiti di massa stabiliti dall art. 62 rispetta le condizioni sotto riportate e di cui all art. 10, comma 7 del C.d.S., lo stesso può ritenersi esonerato dall'autorizzazione sopra citata: a) non superare i limiti di massa indicati nel comma 8 dell'art. 10 del C.d.S. (vedi cap. n. 2), ovvero i limiti dimensionali previsti dall'art. 61 del C.d.S. (vedi cap. n. 2); b) circolare nelle strade risultanti transitabili per detti mezzi nell'archivio di cui all'art. 226 del C.d.S. (vedi cap. n. 7); c) verificare, da parte del conducente che lungo il percorso non vi siano limitazioni di massa totale o per asse segnalate da appositi cartelli; d) effettuare il pagamento dell indennizzo di usura per l'adeguamento delle infrastrutture stradali stabilito dall'art. 34 del C.d.S.,da versare a favore della Tesoreria Provinciale dello Stato di Viterbo (vedi cap. n. 8). La Provincia di Bologna ed i suoi Comuni hanno individuato le strade (o tronchi di esse) provinciali e comunali transitabili dai mezzi d opera in funzione della loro massa massima a pieno carico e cioè: fino a 33 t., 40 t., 56 t., 75 t. e 100 t. Dette strade, sono inserite nell Elenco delle strade percorribili dai veicoli e trasporti eccezionali pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione e nell Autoatlante. L Archivio di cui alla sopra citata lettera b), per espresso parere del MINISTERO LAVORI PUBBLICI, può ritenersi equiparato all'elenco delle strade percorribili pubblicato nel Bollettino della Regione, con la conseguenza che in presenza di tale elenco si intende esclusa la necessità del rilascio dell'autorizzazione. L Elenco, deve conservarsi su ogni veicolo al fine di consentire eventuali attività di controllo. In assenza dei requisiti di cui alle lettere a), b) e c), i mezzi d opera per circolare dovranno avere l'apposita autorizzazione come tutti gli altri trasporti eccezionali, senza dover corrispondere nessun indennizzo d usura supplementare oltre a quello già disposto dall art. 34 del C.d.S. e da versare nelle casse della Tesoreria dello Stato di Viterbo così, come chiarito nella Circolare n del 20 dicembre 2001 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di seguito allegata. 5

7 6

8 4. COMPLESSI DI VEICOLI CLASSIFICABILI MEZZI D OPERA Gli autotreni e gli autoarticolati di massa a pieno carico non superiore a 56 tonnellate con motrice classificata mezzo d opera o dichiarata idonea a formare autoarticolati mezzi d opera, di cui all art. 13, comma 2, lett. B), sublett. b) del Regolamento sono da considerarsi assimilati agli stessi mezzi d opera; detti veicoli sono destinati al trasporto esclusivo di macchine operatrici da cantiere. I Mezzi d Opera, ivi compresi quelli sopra considerati, non sono soggetti all autorizzazione alla circolazione se rispettano tutte le condizioni previste all art. 10, comma 7 del C.d.S. (vedi cap. n. 3). Tale esenzione, vige unicamente entro gli ulteriori limiti di massa e di condizioni di circolazione nonché alla sussistenza di elenco, come in Regione Emilia - Romagna, di strade percorribili. In caso contrario, è rilasciata un autorizzazione periodica per una durata massima di 12 mesi, rinnovabile per un periodo uguale a quello autorizzato, purchè rientri in 2 anni, come indicato dalle modalità di esercizio della legge regionale vigente. A titolo esemplificativo, il complesso mezzo d opera che trasporta sul rimorchio una macchina operatrice e che eccede in larghezza i limiti legali, deve, per circolare, essere specificatamente autorizzato perché non rispetta la condizione stabilita all art. 10, comma 7, lettera a) del C.d.S. All indennizzo di usura di cui all art. 34 del C.d.S. dovrà aggiungersi, ad eccezione di quanto fin ora detto, limitatamente al veicolo non classificato M.O., anche quello di maggiore usura della strada di cui all art. 18 del Regolamento del C.d.S., agli Enti che rilasciano l autorizzazione (Provincia ed A.N.A.S. Spa) così, come chiarito nella Circolare n. 657/2006 del del Ministero Infrastrutture e Trasporti di seguito allegata. L autorizzazione verrà rilasciata sulla base dell elenco strade percorribili fino a 56 tonnellate pubblicato dalla Regione Emilia - Romagna ovvero su percorso definito, non inserito in elenco, previo le opportune verifiche per valutare l ammissibilità o meno del transito in condizioni di sicurezza. La Provincia di Bologna ed i suoi Comuni hanno individuato le strade provinciali e comunali (o tronchi di esse) transitabili dai complessi di veicoli mezzi d opera con massa massima a pieno carico fino a 56 t. Dette strade, sono inserite nell Elenco delle strade percorribili dai veicoli e trasporti eccezionali pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione e nell Autoatlante. L Elenco, deve conservarsi su ogni veicolo al fine di consentire eventuali attività di controllo. 7

9 8

10 5. LE DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE Ai sensi di quanto richiamato dall art. 3 della legge regionale n. 4 maggio 2001 n. 12 a modifica di quella del 21 aprile 1999 n. 3, l autorizzazione è rilasciata dalla Provincia in cui ha sede legale la ditta richiedente o, qualora la ditta abbia sede legale fuori dal territorio regionale, dalla prima Provincia attraversata. In relazione a quanto sopra, si precisa che la ditta fuori regione deve richiedere l autorizzazione sulla base dell Elenco del Bur regionale e dell Autoatlante alla Provincia che dal punto di vista della viabilità principale (autostrade e/o strade extraurbane principali) risulta essere la più vicina alla stessa e pertanto la prima ad essere attraversata al momento dell ingresso in Emilia-Romagna. Il legislatore, con questa norma, ha cercato di agevolare sia la ditta che si rivolge in tal modo all Ente più prossimo a lei, sia le Province emiliano romagnole che così, si ripartiscono, più omogeneamente, il carico delle domande da evadere provenienti da tutta Italia. Qui, si allegano i relativi fac-simili di domanda di autorizzazione da presentare all Amministrazione Provinciale competente con l elenco della documentazione di legge da unire alla stessa sia per i mezzi d opera, sia per complessi di veicoli classificabili mezzi d opera (56 tonn.) per trasporto esclusivo di macchina operatrice indivisibile da cantiere. 9

11 Fac - Simile domanda di autorizzazione per MEZZI d OPERA Marca da bollo del vigente valore Spett.le Amministrazione Prov.le di BOLOGNA Ufficio Trasporti Eccezionali Via Malvasia n BOLOGNA La sottoscritta DITTA con sede in Via tel. fax. P. IVA / C.F. CHIEDE IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE per un numero di transiti eccezionali definiti da effettuarsi dal al 1 per il trasporto di sulle seguenti strade (o tronchi di esse), non inserite nell Elenco di quelle percorribili della Regione Emilia-Romagna: Il trasporto sara effettuato con il seguente mezzo: MARCA E TIPO TARGA LUNGH. m. LARGH. m. ALTEZZA m. che dalla relativa carta di circolazione risulta classificato MEZZO D OPERA con la massa complessiva di TONN.. SI ALLEGA ALLA PRESENTE DOMANDA: nel caso che il trasporto sia eccezionale per dimensioni: schema grafico di carico del veicolo (con dimensioni di ingombro, distribuzione di peso sugli assi e distanze interasse) timbrato e sottoscritto dalla ditta; nel caso che il trasporto sia eccezionale per dimensioni: una dichiarazione sulla percorribilità di tutto l itinerario da parte del veicolo, a firma del titolare o legale rappresentante della ditta, con particolare riferimento all inscrivibilità in curva del veicolo, in caso di eccedenza rispetto a quanto previsto dall articolo 61 del Codice (art. 14, comma 6, del Reg. 495/92); una dichiarazione di aver verificato che sull intero percorso non esistono linee elettriche che determinano un franco inferiore a 0,40 m. ed opere d arte con franco inferiore a 0,20 m. rispetto all intradosso, a firma del richiedente l autorizzazione (art. 13,comma 6, del Reg. 495/92), qualora il veicolo sia eccezionale per altezza; copia dell autorizzazione della Trenitalia Spa o dell ente concessionario per l attraversamento di passaggi a livello su linee ferroviarie elettrificate, qualora il veicolo sia eccezionale per altezza; fotocopia dei documenti di circolazione del veicolo in forma autenticata o con autocertificazione (allegando il documento di riconoscimento valido del dichiarante). In sostituzione di questa documentazione e possibile presentare all Ufficio fotocopia semplice, esibendo contestualmente l originale del documento stesso (che sara immediatamente restituito dopo averne preso nota); fotocopia semplice della polizza assicurativa, in corso di validita, o dichiarazione sostitutiva della copia della polizza assicurativa rilasciata da parte della compagnia assicuratrice del veicolo; ricevuta di versamento di. 35,00 (oneri di procedura) + il valore vigente della marca da bollo da applicare sull autorizzazione da rilasciare, da effettuarsi sul c/c/p n intestato a: Provincia di Bologna - Servizio Tesoreria Bologna (causale: Autorizzazione trasporto eccezionale e veicolo targato: ) ; fotocopia della ricevuta di versamento dell indennizzo di usura effettuata a favore della Tesoreria Provinciale dello Stato di Viterbo; nel caso, busta adeguata per il ritorno dell autorizzazione a mezzo corriere od affrancata per invio postale a scelta: espresso, ordinaria, prioritaria, non raccomandata. Data Timbro e Firma 1 Periodo massimo concesso: n. 12 mesi. 10

12 Fac - Simile domanda di autorizzazione per complessi di veicoli CLASSIFICABILI M E Z Z I D O P E R A per trasporto di macchina operatrice indivisibile da cantiere marca da bollo del vigente valore Spett.le Amministrazione Prov.le di BOLOGNA Ufficio Trasporti Eccezionali Via Malvasia n BOLOGNA La sottoscritta DITTA con sede in Via tel. fax. P. IVA / C.F. CHIEDE IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE per un numero di transiti eccezionali illimitati a partire dal 2 per il trasporto di macchina operatrice indivisibile da cantiere sulle strade provinciali e comunali contenute nell Elenco delle strade percorribili dai veicoli e trasporti eccezionali e pubblicate dalla Regione Emilia - Romagna, ai sensi della L.R. n. 3/99 3, OPPURE sulle strade di seguito indicate (percorso definito): Il trasporto sara effettuato con il seguente complesso classificabile mezzo d opera: TRATTORE: MARCA E TIPO TARGA Tara ton. Portata ton. Peso lordo ton. n. assi n. ruote Lungh. m. Largh. m. che dalla relativa carta di circolazione risulta classificato MEZZO D OPERA con la massa complessiva di TONN. RIMORCHIO/SEMIRIM.: MARCA E TIPO TARGA Tara ton. Portata ton. Peso lordo ton. n assi n. ruote Lungh. m. Largh. m. DIMENSIONI MASSIME CONVOGLIO CARICO COMPRESO: Largh. m. Lungh. m. Altezza m. Peso ton. SI ALLEGA ALLA PRESENTE DOMANDA: schema grafico longitudinale, trasversale e planimetrico riportante la configurazione del complesso di veicoli; una dichiarazione sulla percorribilità di tutto l itinerario da parte del complesso di veicoli, a firma del titolare o legale rappresentante della ditta, con particolare riferimento all inscrivibilità in curva del complesso di veicoli, in caso di eccedenza rispetto a quanto previsto dall articolo 61 del Codice (art. 14, comma 6, del Reg. 495/92); una dichiarazione di aver verificato che sull intero percorso non esistono linee elettriche che determinano un franco inferiore a 0,40 m. ed opere d arte con franco inferiore a 0,20 m. rispetto all intradosso, a firma del richiedente l autorizzazione (art. 13,comma 6, del Reg. 495/92); copia dell autorizzazione della Trenitalia Spa o dell Ente concessionario per l attraversamento di passaggi a livello su linee ferroviarie elettrificate, qualora il complesso di veicoli sia eccezionale per altezza; fotocopia dei documenti di circolazione di ogni veicolo in forma autenticata o con autocertificazione (allegando il documento di riconoscimento valido del dichiarante). In sostituzione di questa documentazione e possibile presentare all Ufficio fotocopia semplice, esibendo contestualmente l originale del documento stesso (che sara immediatamente restituito dopo averne preso nota); 2 3 Periodo concesso: da 1 a 12 mesi; Non deve essere presentata alcuna dichiarazione sulla percorribilità dell itinerario da parte del veicolo quando l autorizzazione è rilasciata sulla base dell Elenco Strade Percorribili della Regione Emilia-Romagna. 11

13 fotocopia semplice della polizza assicurativa, in corso di validita, o dichiarazione sostitutiva della copia della polizza assicurativa rilasciata da parte della compagnia assicuratrice per ciascun veicolo; ricevuta di versamento di. 35,00 (oneri di procedura) + il valore vigente della marca da bollo da applicare sull autorizzazione da rilasciare, da effettuarsi sul c/c/p n intestato a: Provincia di Bologna - Servizio Tesoreria Bologna (causale: Autorizzazione trasporto eccezionale e convoglio targato: ; ricevuta di pagamento dell indennizzo di maggiore usura stradale in base alle tabelle vigenti dell importo equivalente al peso del mezzo non classificato mezzo d opera (rimorchio o semirimorchio) e della durata richiesta di validita dell autorizzazione. Nella causale del versamento dovra essere indicato: indennizzo d usura stradale per mesi + caratteristiche veicolo e targa; fotocopia della ricevuta di versamento dell indennizzo di usura del mezzo d'opera (trattore) effettuata a favore della Tesoreria Provinciale dello Stato di Viterbo; nel caso, busta adeguata per il ritorno dell autorizzazione a mezzo corriere in porto assegnato od affrancata per invio postale a scelta : espresso, ordinaria, prioritaria, non raccomandata. Inoltre: Per disporre sul veicolo dell Elenco delle strade percorribili dai veicoli e trasporti eccezionali pubblicato dalla Regione Emilia-Romagna (obbligo di legge) si può acquistare il BUR n. 142 del ovvero l Autoatlante dell Emilia-Romagna - Viabilità trasporti eccezionali e mezzi d opera edito dal Touring Club Italiano; in alternativa: una copia di detto Elenco scaricabile dal sito Internet della Regione o la fotocopia dei suddetti materiali. Data Timbro e Firma 12

14 6. L AUTORIZZAZIONE Si allega, a puro esempio esplicativo, un provvedimento di autorizzazione rilasciato per la circolazione di un mezzo d opera che deve, necessariamente, transitare su di una strada non compresa nell Elenco di quelle percorribili. Il dover necessariamente transitare va inteso che per accertate necessità (es. sussistenza di un cantiere stradale per ripristino ambientale) al richiedente i transiti viene accordato, per un periodo consono, una deroga al divieto di circolazione su quella strada: in caso contrario, la circolazione del mezzo d opera può avvenire solo sulle strade indicate in Elenco. Dopo aver acquisito il nulla osta dell Ente proprietario della strada (in questo esempio è il Comune di Gaggio Montano), l Ufficio provinciale rilascia l autorizzazione comprensiva sia delle prescrizioni generali sia di quelle specifiche, quest ultime, se indicate nel nulla osta stesso, per il periodo strettamente indicato e necessario. PROVINCIA Settore Viabilità Ufficio Via Malvasia, Bologna DI BOLOGNA Servizio Manutenzione Strade Trasporti Eccezionali Tel Fax / In esecuzione della delega di cui alla L.R. 21 Aprile 99, n. 3, come modificata dalla L.R. 4 Maggio 2001, n. 12. Vista la domanda pervenuta in data dalla Ditta ROSSI CARLO con sede in Via Del Pelago, BOLOGNA BO Visto il D.lgs. n. 285, del 30 Aprile 1992, recante il C.d.S., visto il D.P.R. n. 495, del 16 Dicembre 1992, recante Regolamento del C.d.S. e successive integrazioni e modificazioni. Richiamato quanto disposto relativamente alle competenze dei Dirigenti dall art. 107 del D.lgs 18 Agosto 2000, n. 267 e dagli artt. 47 dello Statuto e 23 del Regolamento di Organizzazione dell Ente. SI AUTORIZZA la Ditta di cui sopra con il seguente MEZZO D OPERA: MOTRICE TARGA AH311FW N. 4 ASSI MATERIALE TRASPORTATO: Materiali di impiego o di risulta come previsto dall'art. 54 del Nuovo Codice della Strada. Il veicolo dovrà avere le seguenti caratteristiche tecniche complessive: lunghezza m ; larghezza m ; altezza m ; peso lordo t ; La presente autorizzazione è valida per il periodo dal al e per N. ILLIMITATO DI TRANSITI e può essere revocata o sospesa in qualsiasi momento qualora obiettive esigenze di sicurezza del transito lo richiedano. Il transito potrà essere effettuato sulla seguente strada: Comunali del Comune di Gaggio Montano: Via Cavalieri di Vittorio Veneto 13

15 La presente autorizzazione è concessa alle seguenti condizioni: 1) Il veicolo dovrà essere segnalato come previsto dalla normativa vigente. Durante il transito è obbligatorio l uso contemporaneo delle luci di posizione, dei proiettori anabbaglianti e dei dispositivi supplementari di segnalazione visiva a luce lampeggiante gialla o arancione. 2) La velocità del veicolo a pieno carico non dovrà superare i Km/h 40 nei centri abitati e i Km/h 60 fuori dai centri abitati. La velocità dovrà essere ulteriormente ridotta nei tratti di strada a visibilità limitata, nelle curve e quando ricorrono le condizioni indicate dall art. 141 del C.d.S.. 3) La presente autorizzazione non esime dal possesso dei regolari documenti di circolazione rilasciati dal competente Ispettorato della M.C.T.C. 4) Durante il transito dovranno essere osservati gli obblighi e le limitazioni localmente imposti e risultanti dalla segnaletica stradale e dalle disposizioni in vigore. L autorizzazione non è valida nei giorni e periodi indicati annualmente da apposite direttive del Min. LL.PP. e relativi decreti prefettizi. In caso di neve, ghiaccio, nebbia o visibilità di norma inferiore a m. 70 (settanta), ), l'ente autorizzante può prescrivere che il veicolo venga tempestivamente allontanato dalla sede stradale e condotto alla più vicina area disponibile. 5) Il conducente dovrà essere munito del presente documento da esibire a richiesta del personale di cui all art. 12 del C.d.S. 6) NON E PRESCRITTA LA SCORTA. 7) PRESCRIZIONI PARTICOLARI: - La Ditta dovrà comunicare con congruo anticipo al Comando di Polizia Municipale del Comune di Gaggio Montano la data, l ora, le strade su cui sarà effettuato il transito e gli estremi dell autorizzazione rilasciata dalla Provincia di Bologna; 8) E vietata la circolazione e la sosta sulle banchine stradali e in aree esterne alla carreggiata. 9) La Ditta è obbligata a risarcire per intero i danni eventualmente arrecati al Demanio stradale su semplice presentazione da parte della Provincia, del conto spese per le riparazioni. 10) Resta a carico della Ditta ogni responsabilità per danni arrecati a sé, a terzi, o cose per effetto della presente autorizzazione, rimanendo sempre la Provincia rilevata ed indenne. 11) Ogni spesa relativa alla presente autorizzazione, dipendente sia da accertamenti istruttori eccezionali che dalle prescrizioni in essa contenute, è a carico della Ditta. 12) Il veicolo dev essere munito, ai fini della circolazione, della ricevuta comprovante l avvenuto pagamento dell indennizzo di usura stradale per il trattore/motrice alla Tesoreria Provinciale dello Stato di Viterbo. IL DIRETTORE (Dott. Ing. Pietro Luminasi) 14

16 7. L ELENCO DELLE STRADE PERCORRIBILI DAI TRASPORTI ECCEZIONALI E MEZZI D OPERA L AUTOATLANTE L Elenco delle strade percorribili dai trasporti eccezionali e mezzi d opera, deve conservarsi su ogni veicolo al fine di consentire eventuali attività di controllo e, potrà essere detenuto nelle seguenti forme: Bollettino Ufficiale della Regione n. 142 del ; fotocopia del citato Bollettino Ufficiale della Regione; Autoatlante dell Emilia-Romagna, Viabilità trasporti eccezionali e mezzi d opera, recante il logo identificativo della Regione Emilia-Romagna; Elenco delle strade percorribili scaricato dal sito Internet della Regione Emilia-Romagna; ogni altro materiale, che sarà oggetto di eventuale equiparazione con atto formale della Regione. Il Bollettino Ufficiale della Regione, è acquistabile presso la sede regionale di Via Aldo Moro n. 52 Bologna; L Autoatlante, è reperibile, anche per corrispondenza, presso il punto di vendita della Regione Emilia-Romagna: MAP SERVICE srl - Cartografia Gestione Archivi - Via dello Scalo 3/2 Bologna. L indirizzo Internet della Regione Emilia-Romagna è: IN RELAZIONE A QUANTO SOPRA, SI PRECISA E SPECIFICA CHE PER CONSERVARE L'ELENCO IN OGGETTO SU OGNI VEICOLO NON E' COMUNQUE NECESSARIO ACQUISTARE OBBLIGATORIAMENTE IL B.U.R. O L AUTOATLANTE MA, PIU' SEMPLICEMENTE, DISPORRE DELL'ELENCO. A questo fine la Regione Emilia Romagna ha promosso due modalità alternative: 1) stampare l'elenco delle strade percorribili dai veicoli e trasporti eccezionali dal sito Internet della Regione Emilia-Romagna, alla pagina: 2) fotocopiarlo nel numero necessario di copie dal Bur regionale o dall Autoatlante. è possibile scaricare detto Elenco anche dal sito Internet dell Ufficio Trasporti Eccezionali della Provincia di Bologna, all indirizzo: e poi Trasporti Eccezionali Elenco strade. QUESTE MODALITA' SONO ASSOLUTAMENTE GRATUITE ED ASSOLVONO PIENAMENTE AGLI OBBLIGHI DI LEGGE. Resta fermo che acquistare l Autoatlante ed il suo CD-rom, vuole dire acquisire anche le carte tematiche della Regione e delle aree urbane dei capoluoghi di provincia, le piante delle principali località, lo stradario ed una serie di informazioni utili sulla viabilità dei trasporti eccezionali e dei mezzi d opera. Di seguito, si inserisce, a dimostrazione, una pagina dell Elenco strade percorribili dai trasporti eccezionali e mezzi d opera tratto dall Autoatlante con le principali voci della legenda. 15

17 Una pagina dell Elenco delle strade percorribili dai trasporti eccezionali e mezzi d opera pubblicato nell Autoatlante del Touring Club Italiano. Ecco come leggerlo: Tipo strada (prov/com) Limite di portata in tonnellate per i mezzi d opera Strada o tratto percorribile (intero tratto, dal Km al Km) Ente proprietario della strada Provincia di appartenenza Identificazione strada (n.ro e nome) L Elenco strade della Regione Emilia-Romagna è attualmente operante in mancanza degli elenchi delle strade non percorribili dai mezzi d opera del Ministero dei Lavori Pubblici. Tali elenchi, a loro volta in attesa dell attivazione dell archivio nazionale delle strade, sono da pubblicarsi annualmente nella Gazzetta Ufficiale, sulla base dei dati trasmessi dalle società concessionarie, per le autostrade in concessione, dall A.N.A.S. Spa, per le autostrade e le strade statali, dalle Regioni, per la rimanente viabilità (c. 4 dell art. 226 del C.d.S.). 16

18 8. L INDENNIZZO D USURA DELLA STRADA L articolo 34 del C.d.S. dispone che i mezzi d opera devono essere muniti, ai fini della circolazione, di apposito contrassegno comprovante l avvenuto pagamento di un indennizzo di usura, per un importo pari alla tassa di possesso, da corrispondere contestualmente alla stessa e per la stessa durata; il versamento di questo onere deve essere effettuato a favore della Tesoreria dello Stato di Viterbo che, assegna poi i proventi agli Enti proprietari delle strade ad esclusiva copertura delle spese per le opere connesse al rinforzo, all adeguamento ed all usura delle infrastrutture. Per le Autostrade è previsto il pagamento di un ulteriore somma ad integrazione di quella già versata;tale somma è equivalente alla tariffa autostradale applicata al veicolo in condizioni normali, maggiorata del 50%, e deve essere versata insieme alla normale tariffa alle porte dell Autostrada controllate manualmente. Gli autotreni ed autoarticolati di massa complessiva a pieno carico non superiore a 56 tonnellate, formati con motrice classificata mezzo d opera o dichiarata idonea a formare autoarticolati mezzi d opera, e con rimorchio o semirimorchio destinato al trasporto esclusivo di macchine operatrice da cantiere sono assimilati a tutti gli effetti ai mezzi d opera e pertanto sono soggetti anch essi allo stesso versamento dell indennizzo di usura del citato articolo 34, compresa la quota della massa rimorchiabile ove prevista. Caso speciale è quello dove il complesso da 56 tonnellate è soggetto ad un autorizzazione specifica, parimenti ad un trasporto eccezionale, perché non rispetta tutti i limiti indicati nel comma 7 dell articolo 10 del C.d.S. (vedi cap. 3), ad es. supera i limiti dimensionali in larghezza ovvero circola su strade non comprese nell Elenco tra quelle percorribili; qui, all indennizzo convenzionale di usura di cui all art. 34 del C.d.S. da versarsi alla Tesoreria dello Stato di Viterbo deve aggiungersi per il rimorchio o semirimorchio anche l indennizzo di cui all articolo 18, comma 5, lett. b) del Regolamento del Codice da corrispondersi agli Enti che rilasciano il provvedimento stesso di autorizzazione (come indicato nella già citata Circolare Ministeriale allegata a pag. 8). Un esempio: complesso formato da motrice classificata mezzo d opera da 33 tonnellate con agganciato un rimorchio per il trasporto di una macchina operatrice avente un peso complessivo a pieno carico di 56 tonnellate Per la motrice da 33 tonnellate che paga un bollo annuale di Euro 466,88 si dovrà versare un importo pari a quest ultimo alla Tesoreria della Stato di Viterbo e cioè, altri Euro 466,68; per la rimanente massa rimorchiabile pari a 23 tonnellate si dovrà versare l indennizzo di maggiore usura stradale, di cui all art. 18, comma 5), lett. b) del Regolamento del C.d.S., pari ad Euro 444,76 (vedi tabella di sintesi di seguito allegata), da ripartirsi in ragione di 7/10 alla Provincia e 3/10 all ANAS all atto delle domande di autorizzazione. 17

19 18

20 9. LA SCORTA AI MEZZI D OPERA Le disposizioni sull applicazione della scorta, di cui all art. 16 del Regolamento del C.d.S. e s.m.i. (D.P.R. n. 235 del ), per la fattispecie dei mezzi d opera, si possono così schematicamente riassumere: NON OCCORRE LA SCORTA PER I MEZZI D OPERA DI TIPO ISOLATO, IN QUANTO NON ECCEDONO I LIMITI DIMENSIONALI PREVISTI (Art. 61 C.d.S.) MA SOLO QUELLI RIGUARDANTI LE MASSE MASSIME AMMISSIBILI (Art. 62 C.d.S.) E NECESSARIA LA SCORTA PER I MEZZI D OPERA COMPLESSI DI VEICOLI QUANDO: - ECCEDONO I LIMITI DIMENSIONALI (Art. 61 C.d.S); - LA FASCIA DI INGOMBRO DEL TRASPORTO E SUPERIORE ALLA LARGHEZZA DELLA CORSIA DECURTATA DI 20 CM. DI FRANCO L ESECUZIONE DELLA SCORTA È AFFIDATA SIA AD IMPRESE PRIVATE SPECIFICATAMENTE AUTORIZZATE E MUNITE DI PERSONALE ABILITATO (SCORTA TECNICA) E SIA ALLA SPECIALITÀ POLIZIA STRADALE DELLA POLIZIA DI STATO SECONDO LE MODALITA E NEI CASI STABILITI DAL REGOLAMENTO DEL C.d.S. E S.M.I. (D.P.R. n. 235/2004). 19

Aggiornato con D.P.R. 16 settembre 1996, n. 610 (G.U. 4 dicembre 1996, n. 284, s.o. n. 212) e successive integrazioni e modifiche.

Aggiornato con D.P.R. 16 settembre 1996, n. 610 (G.U. 4 dicembre 1996, n. 284, s.o. n. 212) e successive integrazioni e modifiche. Decreto del Presidente della Repubblica 16 Dicembre 1992, N. 495 Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada (G.U. 28 dicembre 1992, n. 303, s.o. n. 134) Aggiornato con D.P.R.

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE PROINCIA DI TARANTO Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE A0001 A0002 A0003 A0004 A0005 A0006 Sono classificati veicoli secondo il CDS 1 le macchine uso bambini 2 i ciclomotori 3 le macchine uso disabili

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada

Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada (Decreto Presidente della Repubblica 16 Dicembre 1992 nr.495 aggiornato al D.P.R. 6 marzo 2006, n.153) TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne SCHEMI OPERATIVI COPIA AGGIORNATA 07.04.2013 Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne Indice:. Pagina 2: Equiparazione delle patenti rilasciate fino al 18.01.13 alle nuove categorie previste dal19.01.13;.

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 324 / 2008 Oggetto : DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE Visto l atto deliberativo del Consiglio Comunale n

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 luglio 2002 (Pubblicato sulla GU n. 226 del 26-9-2002- Suppl. Straordinario) Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009)

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 - CAMPO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE - SERVIZIO NUCLEI SPECIALI PRONTUARIO AL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE. Riferimento normativo

CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE - SERVIZIO NUCLEI SPECIALI PRONTUARIO AL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE. Riferimento normativo Piazza del Comune n. 2-59100 Prato Telefono (+39) 0574 18361 - www.comune.prato.it Codice Fiscale 84006890481 Partita IVA 00337360978 CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE - SERVIZIO NUCLEI SPECIALI PRONTUARIO AL

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE MODULARIO TRASPORTI 29OTT010046 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE DOMANDA PER IL RILASCIO DELLA PATENTE DI GUIDA

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli