REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AL WELFARE SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA E ACCREDITAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AL WELFARE SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA E ACCREDITAMENTO"

Transcript

1 REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AL WELFARE SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA E ACCREDITAMENTO CONVENZIONE TRA LA REGIONE PUGLIA (Destinatario Istituzionale) e l Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna, Policlinico S. Orsola Malpighi U.O. di Genetica Medica, a cui afferisce il responsabile scientifico Prof.ssa Daniela Turchetti, per lo svolgimento del progetto di ricerca ordinario denominato Meeting Seniors members in the search for new associates of the exclusive hamartomatous gene club, Area RF Biomedica. Anno Finanziario PREMESSO - che l art.12 e art. 12 bis del D.Lgs.502/92, come modificato e integrato dal D.Lgs. 229/99, concernente il finanziamento a carico del Ministero della Salute dei progetti di ricerca presentati dai Destinatari istituzionali, individuati dalla normativa stessa, si rende necessario ai fini dello svolgimento dei programmi di ricerca finalizzata per il biennio , approvati dalla Commissione Nazionale per la Ricerca Sanitaria nella seduta del 23 gennaio 2014, disciplinare i conseguenti rapporti di collaborazione e finanziari; - che il Ministro della Salute, di concerto con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, su proposta della competente Commissione Nazionale per la Ricerca Sanitaria e sentita la Conferenza Stato Regioni, nell ambito del Programma per la Ricerca Sanitaria ha emanato in data 7 Novembre 2012 il Bando della Ricerca Finalizzata ; - che con Decreto Direttoriale del 28 dicembre 2012, registrato dall U.C.B. del Ministero della Salute con decreti n e 9336 del 21 Gennaio 2013, è stata autorizzata la spesa della somma complessiva di ,00= sul Cap. 3398, p. g.1 Spese per la ricerca finalizzata in attuazione degli obiettivi prioritari, biomedici e sanitari del Piano Sanitario Nazionale per la ricerca finalizzata ; - che con D.D. del 5/3/2014, registrato dall Ufficio Centrale del Bilancio con visto n. 508 del 12 marzo 2014, sono state approvate le graduatorie relative alle specifiche aree di finanziamento con contestuale ripartizione dei fondi assegnati ai progetti di ricerca finalizzata per il biennio , per complessivi ,00, così come approvati dalla Commissione Nazionale per la Ricerca Sanitaria nella seduta del 13 Gennaio 2014, tra cui è previsto lo svolgimento del Progetto codice RF/ presentato dal Destinatario Istituzionale Regione Puglia. Per il predetto progetto è stato autorizzato un finanziamento complessivo da parte del Ministero della Salute pari a ,16;

2 - che la Regione Puglia ha stipulato la convenzione n. 63/RF con il Ministero della Salute per la regolamentazione dello svolgimento del Progetto ordinario sopra descritto; - che la Regione Puglia in qualità di destinatario istituzionale del progetto ha la responsabilità del coordinamento metodologico ed organizzativo degli altri Destinatari Istituzionali che concorrono a realizzare il progetto di ricerca finalizzata di che trattasi ; - che la Regione Puglia in qualità di Destinatario Istituzionale è tenuto, a norma dell art. 5 del Bando di Ricerca Finalizzata , dal titolo Procedure amministrative che recita E necessario inoltre allegare, nel caso vi sia la necessità, una copia della convenzione tra il D.I. e altri Enti o Imprese al fine di consentire al ricercatore di svolgere l attività di ricerca presso il D.I.; l incarico formale al ricercatore per lo svolgimento del progetto di ricerca, debitamente sottoscritto dall interessato. (.) a stipulare a sua volta apposite convenzioni che disciplinino i rapporti con le UU.OO. collaboranti qui di seguito indicate: - U.O. n. 1 Università degli Studi di Bari Dipartimento di Scienze Mediche ed Oncologia Umana - Laboratorio di Genetica Medica c/o A.O.U. Consorziale Policlinico Bari, responsabile Prof. ssa Nicoletta Resta - U.O. n. 2 Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna, Policlinico S. Orsola Malpighi U.O. di Genetica Medica, responsabile D.ssa Daniela Turchetti - U.O. n. 3 - Università degli Studi di Bari Dipartimento di Scienze Mediche ed Oncologia Umana - Laboratorio di Genetica Medica c/o A.O.U. Consorziale Policlinico Bari, responsabile Prof. Cristiano Simone LA REGIONE PUGLIA rappresentata da l Assessore al Welfare delegato, Dott. Donato Pentassuglia e l Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna, Policlinico S. Orsola Malpighi con sede legale in Bologna, Via Albertoni 15 P.IVA U.O. di Genetica Medica, rappresentata dalla D.ssa Elisa Casadio - Dirigente Struttura Ricerca ed Innovazione su delega del Direttore Generale Dott. Sergio Venturi, nella qualità di legale rappresentante Stipulano e convengono quanto segue Art. 1 La presente convenzione regola l affidamento da parte della Regione Puglia Assessorato al Welfare e l Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna, Policlinico S. Orsola Malpighi U.O. di Genetica Medica, che è obbligata a concorrere con le modalità previste nel piano esecutivo di progetto presentato ed approvato dal Ministero della Salute, alla realizzazione del progetto di ricerca finalizzata Meeting Seniors members in the search for new associates of the exclusive hamartomatous gene club che viene finanziato dal Ministero della Salute per un importo complessivo di ,16 affidato alla Regione Puglia, adeguandosi a tutte le prescrizioni contenute nella convenzione tra il Ministero della Salute e la Regione Puglia ed in ottemperanza a quanto previsto dal bando per la ricerca sanitaria ;

3 Il Piano esecutivo del progetto stabilisce il Principale Investigator del progetto Prof.ssa Nicoletta Resta ed il programma di svolgimento delle ricerche, ripartendo gli interventi affidati alla Regione Puglia e quelli posti a carico delle UU.OO. collaboranti che concorrono alla realizzazione del progetto di ricerca finalizzata in parola e le relative spese da sostenere. Sono allegati alla presente convenzione e ne costituiscono parte integrante, il predetto piano esecutivo, le dichiarazioni indicanti le Unità Operative coinvolte nel progetto, il crono programma, unitamente alle schede finanziarie rimodulate. Qualora, su motivate esigenze, si apportino rilevanti modifiche al piano esecutivo il progetto sarà nuovamente sottoposto alla Commissione Nazionale per la Ricerca Sanitaria per il parere di competenza. Art. 2 La ricerca avrà la durata di tre anni e dovrà avere inizio entro trenta giorni dalla ricezione del D.I. Regione Puglia della nota con la quale il Ministero della Salute Direzione Generale della ricerca sanitaria e Biomedica e della Vigilanza sugli Enti comunicherà l avvenuta approvazione e registrazione della Convenzione tra Regione Puglia e Ministero della Salute. A tal proposito si fa presente che tale Convenzione è stata registrata da parte dell Ufficio centrale di Bilancio del Ministero ed è stata comunicata da parte del D.I. la data di inizio attività del progetto di ricerca al 01/12/2014. La Regione Puglia, quale destinatario istituzionale del finanziamento e responsabile del coordinamento metodologico ed organizzativo, è impegnata a presentare al Ministero della Salute, Commissione Nazionale per la Ricerca Sanitaria, allo scadere dei 18 mesi dall inizio della ricerca e non oltre 60 giorni dalla scadenza prevista, una relazione sullo stato d attuazione complessivo della ricerca sottoscritta dal Principal Investigator Coordinatore Scientifico della Ricerca e dal Legale rappresentante del D.I. della ricerca, oltre a contenere la descrizione dell attività svolta dalle singole Unità Operative che partecipano a realizzare gli obiettivi del progetto. Tale relazione, oltre a contenere la descrizione dell attività svolta dalle singole Unità Operative dovrà essere preceduta da una sintesi, a cura del Responsabile Scientifico della Ricerca, che descriva nella globalità lo stato di avanzamento dei lavori della ricerca. Per quanto sopra la suddetta Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna, Policlinico S. Orsola Malpighi U.O. di Genetica Medica, per il tramite del Coordinatore Scientifico di progetto Prof.ssa Nicoletta Resta e nei tempi e modi sopra descritti, si impegna a presentare alla Regione Puglia e, per essa, all Assessorato al Welfare, Servizio Programmazione Assistenza Ospedaliera e Specialistica e Accreditamento Via Gentile n Bari, la predetta relazione inerente le attività del progetto di ricerca. A conclusione del progetto, entro 60 giorni dalla data fissata per il termine delle attività di ricerca, la azienda Ospedaliero Universitaria U.O. n. 2, si impegna a presentare una relazione conclusiva che dimostri esaustivamente la coerenza dell attività svolta con il programma esecutivo approvato, gli obiettivi raggiunti e i documenti prodotti e le relative pubblicazioni realizzate, nonché il resoconto economico complessivo delle spese sostenute con

4 i fondi ministeriali, unitamente ad una relazione dettagliata inerente la partecipazione del cofinanziatore secondo gli impegni assunti, in funzione di quanto richiesto dal Bando. Contestualmente all invio della relazione finale del Progetto di ricerca e del resoconto economico complessivo, dovrà essere trasmessa la documentazione sull attività svolta dall inizio dei lavori ed i relativi prodotti realizzati anche su formato elettronico (CD) nonché la rendicontazione finale delle spese della Università/Azienda, dove opera il responsabile scientifico, unitamente ad una dettagliata relazione sulle spese sostenute con i fondi ministeriali. La predetta relazione oltre a contenere la descrizione dell attività svolta dalle singole UU.OO. dovrà essere preceduta da una sintesi a cura del Responsabile scientifico di progetto che descriva nella globalità il risultato della ricerca. Nel caso in cui la relazione finale non sia considerata, dalla Commissione Nazionale per la Ricerca Sanitaria, idonea a dimostrare lo stato di avanzamento della ricerca, il Ministero della Salute attiverà le procedure previste dal successivo art. 7. L Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna, Policlinico S. Orsola Malpighi U.O. di Genetica Medica, U.O. n. 2, si impegna a produrre le relazioni ed il resoconto economico complessivo secondo le procedure e la modulistica che il M.S. predisporrà e metterà a disposizione tramite il Workflow della ricerca. Il monitoraggio del progetto è affidato alla Commissione Nazionale per la Ricerca Sanitaria che si riserva la facoltà di effettuare controlli diretti sullo stato di avanzamento del progetto di ricerca, sulla conformità dei risultati ottenuti dal programma presentato e sulla documentazione giustificativa delle spese sostenute. Art. 3 La Regione Puglia si impegna a corrispondere alla suddetta Azienda Ospedaliero Universitaria S. Orsola Malpighi di Bologna, la somma complessiva di ,00, quale finanziamento ministeriale per l attività che verrà espletata durante lo svolgimento del progetto sopra descritto secondo le seguenti modalità: - La prima rata anticipata sarà pari al 40,86 % dell importo del finanziamento ministeriale che verrà corrisposto successivamente alla stipula della presente Convenzione con contestuale richiesta del pagamento; - La seconda rata pari al 39,14% sarà erogata al primo anno di attività previa approvazione della relazione di cui all art. 2 della presente convenzione; - La terza rata pari al 20% sarà erogata a conclusione del progetto previa approvazione della relazione di cui all art. 2 della presente convenzione; Si specifica che il finanziamento complessivo da corrispondere di ,00 è destinato come da scheda finanziaria allegata. L Azienda Ospedaliero Universitaria, inoltre, si impegna a presentare, unitamente alle relazioni di cui al precedente art. 2, la documentazione relativa alle spese sostenute per le somme cofinanziate così come riportate nel piano esecutivo di progetto e nelle schede finanziarie allegate.

5 Art. 4 E ammessa la proroga per un periodo di norma non superiore a sei mesi e comunque non oltre un anno dalla data di scadenza, a seguito di formale, motivata e documentata richiesta inoltrata dal responsabile scientifico e dal Legale Rappresentante del D.I. alla Commissione Nazionale della Ricerca Sanitaria non oltre i novanta giorni precedenti la data di scadenza della presente convenzione previo parere. Le comunicazioni inerenti le eventuali richieste di proroga dovranno essere quindi trasmesse all Assessorato al Welfare, Servizio Programmazione Assistenza Ospedaliera e Specialistica e Accreditamento, Via Gentile n. 52, Bari, entro e non oltre settantacinque giorni precedenti la scadenza della Convenzione. Art. 5 Nel caso in cui lo svolgimento del progetto non sarà completato alla data della scadenza della Convenzione o della eventuale proroga, il Destinatario Istituzionale potrà trattenere esclusivamente le somme relative alle spese sostenute e documentate sino al momento della risoluzione. Art. 6 Il Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Sanitaria e Biomedica e Vigilanza sugli Enti, sentita la Commissione Nazionale per la Ricerca Sanitaria, ha facoltà di chiedere chiarimenti e può disporre verifiche durante lo svolgimento della ricerca. Durante lo svolgimento della ricerca potranno essere richieste modifiche al piano esecutivo. Tali modifiche, comunque, non dovranno stravolgere l impianto complessivo del documento originario allegato al presente accordo. Nel caso in cui lo svolgimento del progetto non sarà conforme a quanto stabilito nel piano esecutivo del progetto stesso e dalla presente convenzione (impossibilità, ritardi, carenze di documentazione ecc.) la Regione Puglia, previo parere del Ministero competente, potrà ridurre o sospendere il finanziamento, anche con riferimento alle singole UU.OO. partecipanti al progetto. Art.7 Nel caso in cui non si provveda ad inviare le relazioni di cui al precedente art. 2, il Ministero sospenderà l erogazione del finanziamento. La sospensione del finanziamento sarà disposta anche a seguito della mancata o irregolare attuazione del programma di ricerca. In tal caso il Ministero chiederà la restituzione delle somme erogate, previa verifica delle cause che hanno portato alla mancata o irregolare attuazione del programma di ricerca. A tal fine la Regione provvederà, eventualmente, al recupero delle quote già stanziate da restituire al Ministero. Art. 8 La proprietà degli studi, dei prodotti e delle metodologie sviluppati nell ambito del progetto è regolamentata dalla normativa vigente in materia, salvo particolari accordi stipulati tra le parti firmatarie del presente atto, ferma restando la possibilità dei soggetti istituzionali del

6 S.S.N. di fruirne, previa richiesta alle parti firmatarie. Nel caso il contraente intenda trasferire ad altri soggetti qualsiasi diritto, anche parziale, relativo alla ricerca in questione, ai risultati della stessa o ad eventuali brevetti derivati deve farne esplicita richiesta al Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Sanitaria e Biomedica e della Vigilanza sugli Enti. Qualsiasi documento o prodotto, ivi comprese le pubblicazioni scientifiche, inerenti al progetto deve contenere l indicazione che gli stessi sono stati ottenuti con il finanziamento del Ministero della Salute. Il Ministero della Salute applicherà una decurtazione pari al 5% (cinque per cento) del finanziamento complessivo, qualora dalle verifiche effettuate risultasse non attuata la precedente disposizione. Il Ministero della Salute potrà dare direttamente diffusione pubblica, anche attraverso il proprio sito web, dei risultati della ricerca sia in forma completa che sintetica e delle pubblicazioni scientifiche da essa derivate. Art. 9 Le parti stabiliscono, altresì, che di comune accordo potranno essere apportate modifiche al piano esecutivo del progetto ma che dette modifiche non dovranno stravolgere il programma originario, e dovranno essere sottoposte alla approvazione della Commissione Nazionale per la Ricerca Sanitaria. Art. 10 I beni e gli strumenti necessari per l esecuzione del presente progetto, possono essere posti a carico dei fondi ministeriali qualora acquisiti a mezzo leasing, noleggio ovvero in comodato d uso, per un periodo pari alla durata originale del progetto. E fatto divieto di utilizzare i fondi del Ministero della Salute per l acquisto diretto di apparecchiature e materiale inventariabile e per il pagamento di quote parte stipendiali a favore del personale dipendente. Per il tempo strettamente necessario alla esecuzione del progetto sono ammessi unicamente contratti di lavoro subordinato o parasubordinato legati alla convenzione in questione. Ogni diversa regolamentazione al riguardo, deve essere adottata con apposito atto scritto fra le parti firmatarie della presente convenzione, da recepire con motivato decreto da sottoporre al visto di competenza degli Organi di Controllo. Art. 11 Le parti si impegnano all osservanza, per quanto di rispettiva competenza, delle disposizioni inerenti la tracciabilità dei flussi finanziari contenute nell art. 3 della Legge 13 Agosto 2010 n. 136 e s.m.i. Si richiama particolare attenzione, al disposto del comma 5 ove si fa esplicito riferimento al Codice Unico di Progetto (CUP), di cui alla Legge 16/1/2003, n. 3 che, per il progetto in questione, è il seguente: B36D Art. 12

7 La presente Convenzione impegna le parti firmatarie dalla comunicazione di inizio delle attività. Per ogni altra questione non esplicitamente menzionata nel presente documento, si rinvia all atto di convenzione stipulato tra la Regione Puglia ed il M.S. qui allegata in copia. Le parti sottoscrivono l accordo con firma digitale, ai sensi di legge. Per l Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico S. Orsola Malpighi U.O. n. 2 Il Legale Rappresentante delegato D.ssa Elisa Casadio Per la Regione Puglia l Assessore al Welfare Legale Rappresentante delegato Dr. Donato Pentassuglia Bari lì Documento sottoscritto dalle parti con firma digitale ai sensi dell art. 21 del D.Lgs. 7 Marzo 2005, n.82.

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/7 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RICERCA FINALIZZATA STRATEGICO PMS 49/08/P5 Integrazione fra Sistemi di Gestione sul tema

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Criteri per la concessione da parte del Dipartimento della Protezione Civile dei contributi per il finanziamento di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile nel triennio

Dettagli

TITOLO I Disposizioni Generali. Articolo 1 Oggetto e finalità

TITOLO I Disposizioni Generali. Articolo 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI RICERCA, AI SENSI DELL ARTICOLO 22 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 (emanato con Decreto Rettorale del 29 marzo 2011, numero

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Servizio Programmazione, Gestione, Monitoraggio e Controllo della Formazione BANDO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI CORSI

Dettagli

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Visto l articolo 14 della legge 17 febbraio 1982, n. 46 e successive modifiche e integrazioni; Visto il decreto

Dettagli

SCADENZA TERMINE UTILE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Ore 12.00 del 4.2.2014 È INDETTO N. 1 POSTO

SCADENZA TERMINE UTILE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Ore 12.00 del 4.2.2014 È INDETTO N. 1 POSTO SCADENZA TERMINE UTILE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Ore 12.00 del 4.2.2014 In applicazione: dell art. 30 Passaggio diretto di personale tra amministrazioni diverse del d.lgs. n. 165/2001 (e, s.m.i.)

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra

PROTOCOLLO DI INTESA. tra Prefettura di Torino Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO DI INTESA Il Prefetto di Torino nella persona del Dott. Alberto Di Pace tra e il Dirigente dell Ufficio di Ambito Territoriale per la provincia

Dettagli

PROGETTI DI RICERCA DELL ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI - REGOLAMENTO -

PROGETTI DI RICERCA DELL ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI - REGOLAMENTO - ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA Bruno Ubertini ------------------------------------- BRESCIA Via Bianchi, 9 25124 BRESCIA Tel. 030-22901 Fax: 030-2290264 PROGETTI

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEI PRELIEVI E DELLE RELATIVE PROCEDURE SULLE ATTIVITA DI RICERCA E DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEI PRELIEVI E DELLE RELATIVE PROCEDURE SULLE ATTIVITA DI RICERCA E DI FORMAZIONE REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEI PRELIEVI E DELLE RELATIVE PROCEDURE SULLE ATTIVITA DI RICERCA Emanato con D.R. n. 418 del 20/12/2013; modificato ed integrato con D.R. n. 305 del 07/07/2015. TITOLO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI BORSA DI STUDIO

AVVISO PUBBLICO DI BORSA DI STUDIO AVVISO PUBBLICO DI BORSA DI STUDIO In esecuzione della determinazione n. 128/P del 14.07.2015 ed in attuazione del regolamento aziendale in materia di istituzione ed attribuzione delle borse di studio

Dettagli

BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI

BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI REGIONE BASILICATA Dipartimento Presidenza della Giunta BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE CREATIVE ALLEGATO E ATTO DI IMPEGNO NUOVI FERMENTI Progetti per la realizzazione

Dettagli

Articolo 8. Articolo 8. (Piani di rientro, tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico-terapeutici)

Articolo 8. Articolo 8. (Piani di rientro, tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico-terapeutici) Sezione IV Sezione IV Salute Salute Articolo 8. Articolo 8. (Tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico terapeutici) (Piani di rientro, tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico-terapeutici)

Dettagli

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S.

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regolamento aziendale per la disciplina delle procedure comparative per il conferimento di incarichi di collaborazione a norma dell articolo 7,

Dettagli

FONDO PENSIONE FUTURA

FONDO PENSIONE FUTURA FONDO PENSIONE FUTURA REGOLAMENTO INDICE PARTE I - IDENTIFICAZIONE E SCOPO DEL FONDO Art. 1 - Denominazione, fonte istitutiva, durata, sede Art. 2 - Istituzione del Fondo ed esercizio dell attività Art.

Dettagli

REGIONE CAMPANIA PROGETTO CIG PIU

REGIONE CAMPANIA PROGETTO CIG PIU REGIONE CAMPANIA PROGETTO CIG PIU AVVISO REGIONALE WELFARE TO WORK Azione di Sistema per le politiche di Re-Impiego Formazione finalizzata al reintegro per lavoratori in Cigs in deroga AVVISO PUBBLICO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

le parti concordano e stipulano quanto segue

le parti concordano e stipulano quanto segue Logo Prefettura Logo Ufficio Scolastico Regionale BOZZA PROTOCOLLO DI INTESA tra Il Prefetto di.. nella persona del dott.. e il Direttore dell Ufficio Scolastico Regionale di.,. nella persona del dott....,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Allegato al D.R. n. 172 del 23.12.2011 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle rispettive sedute del

Dettagli

IL DIRIGENTE. Visto l art. 26, co. 3 e 3 bis, Legge n. 448/1999 e s.m.i.;

IL DIRIGENTE. Visto l art. 26, co. 3 e 3 bis, Legge n. 448/1999 e s.m.i.; REGIONE PIEMONTE BU4 29/01/2015 Codice DB0506 D.D. 28 novembre 2014, n. 236 D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i.. C.I.G. n. ZC711B57C5. Iniziative per la formazione, la qualificazione e l'aggiornamento delle Polizie

Dettagli

OGGETTO: Applicazione Legge n. 190 del 23/12/2014 legge di stabilità 2015. Adeguamento indennità di esclusività Dott.ssa Daniela Soro.

OGGETTO: Applicazione Legge n. 190 del 23/12/2014 legge di stabilità 2015. Adeguamento indennità di esclusività Dott.ssa Daniela Soro. AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 386 DEL 16/09/2015 OGGETTO: Applicazione Legge n. 190

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU35 29/08/2013

REGIONE PIEMONTE BU35 29/08/2013 REGIONE PIEMONTE BU35 29/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 29 luglio 2013, n. 14-6180 Disciplinare per il conferimento degli incarichi di direzione di struttura complessa per la dirigenza medica

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A. ASSESSORATO REGIONALE MEDITERRANEO, CULTURA e TURISMO SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO

R E G I O N E P U G L I A. ASSESSORATO REGIONALE MEDITERRANEO, CULTURA e TURISMO SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO R E G I O N E P U G L I A ASSESSORATO REGIONALE MEDITERRANEO, CULTURA e TURISMO SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO FONDO DI SVILUPPO E COESIONE 2007-2013 ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO BENI ED ATTIVITA CULTURALI

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO:

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO: REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO 7 SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI SETTORE 2 Procedure FESR, attività economiche: programmazione ed attuazione DECRETO DEL DIRIGENTE

Dettagli

CONFERIMENTO INCARICO LAVORO AUTONOMO PRESTAZIONE OCCASIONALE AVVISO PUBBLICO Rif. DMCC/OCCASIONALE/12/2015

CONFERIMENTO INCARICO LAVORO AUTONOMO PRESTAZIONE OCCASIONALE AVVISO PUBBLICO Rif. DMCC/OCCASIONALE/12/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Medicina Clinica e Chirurgia Direttore Prof. Giovanni Di Minno CONFERIMENTO INCARICO LAVORO AUTONOMO PRESTAZIONE

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI BOLOGNA POLICLINICO S. ORSOLA - MALPIGHI E I DIPARTIMENTI DI PSICOLOGIA E DI

CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI BOLOGNA POLICLINICO S. ORSOLA - MALPIGHI E I DIPARTIMENTI DI PSICOLOGIA E DI CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI BOLOGNA POLICLINICO S. ORSOLA - MALPIGHI E I DIPARTIMENTI DI PSICOLOGIA E DI MEDICINA SPECIALISTICA, DIAGNOSTICA E SPERIMENTALE (DIMES) - UNIVERSITÀ

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA Allegato 2 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI CUI ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

PER IL FINANZIAMENTO DI UN PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA DESTINATO AI

PER IL FINANZIAMENTO DI UN PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA DESTINATO AI All. 1 ACCORDO PER IL FINANZIAMENTO DI UN PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA DESTINATO AI CITTADINI EXTRACOMUNITARI REGOLARMENTE PRESENTI IN ITALIA.

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

AVVISO PUBBLICO (rif. Dipemi/Cococo/01/2015/Master)

AVVISO PUBBLICO (rif. Dipemi/Cococo/01/2015/Master) Bando di selezione pubblica, per titoli e colloquio, presso il Dipartimento di Economia Management, Istituzioni per il conferimento di n. 1 incarico di collaborazione coordinata e continuativa da espletarsi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO (rif. Dipemi/Occ/04/2015/Master)

AVVISO PUBBLICO (rif. Dipemi/Occ/04/2015/Master) Bando di selezione pubblica, per titoli, presso il Dipartimento di Economia Management, Istituzioni per il conferimento di n. 1 incarico di lavoro autonomo, per prestazione occasionale, da svolgere nell

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER FORMAZIONE DI UN ELENCO DI ESPERTI

AVVISO PUBBLICO PER FORMAZIONE DI UN ELENCO DI ESPERTI AVVISO PUBBLICO PER FORMAZIONE DI UN ELENCO DI ESPERTI In attuazione della Direttiva in materia di contratti di lavoro autonomo approvata con deliberazione del Direttore Generale n. 6 del 18.1.2010 e della

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: il D.M. n.13294 del 18 novembre 2009, registrato dall Ufficio Centrale di Bilancio Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in data 21 dicembre 2009 n. 2945, nonché

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Programma di ricerca corrente anno 2013 Progetto Elaborazione di una linea guida su: prevenzione, diagnosi e cura dell osteoporosi CUP I85I13000260001

Dettagli

ART. 3 DEFINIZIONI Ai fini del presente regolamento si intendono:

ART. 3 DEFINIZIONI Ai fini del presente regolamento si intendono: REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI DELL AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI BOLOGNA POLICLINICO S. ORSOLA MALPIGHI ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina le

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE DEI MEDICI SPECIALIZZANDI E L ATTUAZIONE DEI CONTRATTI DI FORMAZIONE SPECIALISTICA

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE DEI MEDICI SPECIALIZZANDI E L ATTUAZIONE DEI CONTRATTI DI FORMAZIONE SPECIALISTICA Allegato A) LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE DEI MEDICI SPECIALIZZANDI E L ATTUAZIONE DEI CONTRATTI DI FORMAZIONE SPECIALISTICA 1. Programmazione didattica e strutture della formazione specialistica a. Programmazione

Dettagli

CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA

CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA A l l e g a t o A ) CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA L'anno... il giorno... del mese di... presso la sede della Comunità Montana dei Monti Sabini Tiburtini Cornicolani Prenestini, in

Dettagli

DECRETO RETTORALE N. 380/2014 IL RETTORE

DECRETO RETTORALE N. 380/2014 IL RETTORE DECRETO RETTORALE N. 380/2014 IL RETTORE Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, emanato con Decreto Rettorale n. 138/2012 del 2 aprile 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI. Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004.

Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI. Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004. Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004. 1 Indice PROVINCIA DI PRATO INDICE Art. 1 Oggetto del

Dettagli

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta (B. U. Regione Basilicata N. 58

Dettagli

Contratto per la Verifica Triennale di mantenimento dei Requisiti di Qualificazione ai sensi del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207

Contratto per la Verifica Triennale di mantenimento dei Requisiti di Qualificazione ai sensi del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 Contratto per la Verifica Triennale di mantenimento dei Requisiti di Qualificazione ai sensi del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 Regolamento di esecuzione del Decreto Legislativo 12 Aprile 2006, n. 163.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4. REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.2015) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le procedure

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 27 dicembre 2012, n. 2954

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 27 dicembre 2012, n. 2954 4444 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 27 dicembre 2012, n. 2954 Finanziamento, mediante l utilizzo delle risorse liberate di cui al P.O.R. Puglia 2000-2006, delle borse di studio ADISU. L Assessore

Dettagli

PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA per.. in esecuzione della Determinazione n. PREMESSO che:

PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA per.. in esecuzione della Determinazione n. PREMESSO che: PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA per.. in esecuzione della Determinazione n PREMESSO che: vista la Delibera di Giunta Provinciale n. 198 del 04/12/2008 recante: Modifiche

Dettagli

Capitolato Amministrativo

Capitolato Amministrativo ALLEGATO C Capitolato Amministrativo Relativo al bando di gara per l affidamento del Servizio di realizzazione, personalizzazione, erogazione, monitoraggio e rendicontazione dei voucher sociali del valore

Dettagli

IL RETTORE. la Legge 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari ;

IL RETTORE. la Legge 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari ; Prot.5187-V/2 Data 2/03/2015 Rep. D.R.n.253-2015 Il Direttore Prof. Agostino Sevi Settore Didattica, Servizi agli Studenti Responsabile: Dott.ssa Valente Filomena Ufficio Segreteria Didattica Management

Dettagli

Atto 7202.2010/D.00529 08/07/2010 DIR. GEN. SICUREZZA E SOLIDARIETA' SOCIALE 7202

Atto 7202.2010/D.00529 08/07/2010 DIR. GEN. SICUREZZA E SOLIDARIETA' SOCIALE 7202 DIPARTIMENTO SALUTE,SICUREZZA E SOLIDARIETA' SOCIALE,SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' DIR. GEN. SICUREZZA E SOLIDARIETA' SOCIALE 7202 7202.2010/D.00529 08/07/2010 AVVISO PUBBLICO di selezione comparativa

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI SASSARI

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI SASSARI AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Michele Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 375 DEL 01/09/2015 OGGETTO: Adesione alla Convenzione

Dettagli

4602699B5C CUP: F23H11000130001

4602699B5C CUP: F23H11000130001 ALLEGATO 3 SCHEMA DI CONTRATTO Oggetto: Affidamento per l esecuzione delle indagini geognostiche, geotecniche e di caratterizzazione ambientale per l attuazione del Piano di Caratterizzazione dell area

Dettagli

CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO IN REGIME DI COLLABORAZIONE A PROGETTO D. Lgs. 276/03, artt. 61-69 TRA

CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO IN REGIME DI COLLABORAZIONE A PROGETTO D. Lgs. 276/03, artt. 61-69 TRA CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO IN REGIME DI COLLABORAZIONE A PROGETTO D. Lgs. 276/03, artt. 61-69 TRA Il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare, di seguito indicato come CoNISMa,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DELLA FAMIGLIA Avviso di finanziamento relativo all anno 2011 per progetti a valere sull articolo 9 della legge 8 marzo 2000 n. 53, così

Dettagli

nota informativa aggiornata al 12/01/2009

nota informativa aggiornata al 12/01/2009 nota informativa aggiornata al 12/01/2009 Oggetto: Legge n. 68 del 12 marzo 1999, art. 13, sostituito dall art. 1, comma 37, lett.c) della Legge 24 dicembre 2007, n. 247: Incentivi alle assunzioni regolamentazione:

Dettagli

art. 1 oggetto e finalità Art. 2 definizioni

art. 1 oggetto e finalità Art. 2 definizioni Direttive tecniche in tema di istruzione e formazione professionale (IeFP) di cui al capo III del Decreto Legislativo 17 ottobre 2005, n. 226. Standard regionali in materia di accreditamento degli enti

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri IL MINISTRO PER LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E L INTEGRAZIONE VISTO il decreto legge 16 maggio 2008, n. 85, recante «Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione

Dettagli

CONVENZIONE PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI CONTI CORRENTI VINCOLATI PREVISTI DALL ART. 9, COMMA 3, DEL D.M.

CONVENZIONE PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI CONTI CORRENTI VINCOLATI PREVISTI DALL ART. 9, COMMA 3, DEL D.M. CONVENZIONE PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI CONTI CORRENTI VINCOLATI PREVISTI DALL ART. 9, COMMA 3, DEL D.M. 24 SETTEMBRE 2014 IN MERITO AL RIORDINO DEGLI INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA NASCITA E ALLO SVILUPPO

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE. Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE. Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante DELLA PUGLIA 2 LEGGE REGIONALE Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante Il Consiglio regionale

Dettagli

Circolare N.47 del 29 Marzo 2012. Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori

Circolare N.47 del 29 Marzo 2012. Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori Circolare N.47 del 29 Marzo 2012 Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n.

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. 240 ART. 1 Finalità 1. L Università degli Studi di Teramo, nell

Dettagli

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche Regolamento per la concessione dei contributi a favore delle organizzazioni di volontariato, di cui agli articoli 9, 10 e 28 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina organica sul volontariato

Dettagli

AVVISO DI GARA PER LA RICHIESTA DI AMMISSIONE ALL EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER LA REALIZZAZIONE DI AREE DI SOSTA PER VEICOLI PESANTI

AVVISO DI GARA PER LA RICHIESTA DI AMMISSIONE ALL EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER LA REALIZZAZIONE DI AREE DI SOSTA PER VEICOLI PESANTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI COMITATO CENTRALE PER L ALBO NAZIONALE DELLE PERSONE FISICHE E GIURIDICHE CHE ESERCITANO L AUTOTRASPORTO DI COSE PER CONTO DI TERZI AVVISO DI GARA PER LA

Dettagli

Scatti di anzianità e posizioni economiche ATA. Conclusa la trattativa all Aran sui due accordi

Scatti di anzianità e posizioni economiche ATA. Conclusa la trattativa all Aran sui due accordi Scatti di anzianità e posizioni economiche ATA. Conclusa la trattativa all Aran sui due accordi La FLC ha sottoscritto la pre-intesa sul riconoscimento degli emolumenti al personale ATA, mentre non ha

Dettagli

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA UFFICIO ASSISTENZA SCOLASTICA U.O. Affari Generali

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA UFFICIO ASSISTENZA SCOLASTICA U.O. Affari Generali COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA UFFICIO ASSISTENZA SCOLASTICA U.O. Affari Generali CAPITOLATO D ONERI Il presente documento disciplina le modalità per la predisposizione dell offerta. Art. 1 Oggetto

Dettagli

DETERMINA N. 515 / 11 DEL 23/12/2011

DETERMINA N. 515 / 11 DEL 23/12/2011 COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) SETTORE ECONOMATO CODICE SERVIZIO ALTRI SERVIZI GENERALI DETERMINA N. 515 / 11

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO SERVIZI ISTITUZIONALI E ALLE IMPRESE UFFICIO GARE,ASSICURAZIONI,CONTRATTI E LEGALE Tel 0583 428707 Fax 0583 428589 e-mail GARE@COMUNE.CAPANNORI.LU.IT Piazza Aldo Moro, 1-55012 Capannori (LU) (www.comune.capannori.lu.it)

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità

Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità 25313 ALLEGATO A R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità Legge regionale

Dettagli

Contratto per la Verifica Triennale di mantenimento dei Requisiti di Qualificazione ai sensi del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207

Contratto per la Verifica Triennale di mantenimento dei Requisiti di Qualificazione ai sensi del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 Contratto per la Verifica Triennale di mantenimento dei Requisiti di Qualificazione ai sensi del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 Regolamento di esecuzione del Decreto Legislativo 12 Aprile 2006, n. 163.

Dettagli

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1 Legge regionale 26 maggio 1980, n. 10 Norme regionali in materia di diritto allo studio. 1 Quando le disposizioni della presente legge menzionano un Assessorato, la menzione si intende riferita alla Direzione

Dettagli

Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul BURP ai sensi dell art. 6, lettera H della legge regionale n. 13 del 12.4.1994.

Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul BURP ai sensi dell art. 6, lettera H della legge regionale n. 13 del 12.4.1994. 438 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 6 del 12-1-2006 Via La Sorte (lato nord-ovest): da via Piemonte a Viale Gramsci (lato ovest): da via La Sorte a via Cantore; Via Cantore (lato sud-est):

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA F

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA F Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA F Avviso AVVISO PUBBLICO DI MOBILITÀ NAZIONALE, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER LA COPERTURA DI N. 2 POSTI A TEMPO INDETERMINATO, DI COLLABORATORE PROFESSIONALE

Dettagli

Protocollo di intesa. tra

Protocollo di intesa. tra Protocollo di intesa tra L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) con Sede in Roma, Via IV Novembre, 144 (CF 01165400589), rappresentato dal Presidente Massimo De

Dettagli

PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015)

PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015) PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015) AVVISO PER L ATTUAZIONE DELLE MISURE DI ACCESSO ALLA GARANZIA, ORIENTAMENTO

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2011 Modifica ed abrogazione del decreto 4 febbraio 2010 concernente i criteri e le modalita' di ripartizione delle disponibilita' del

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU31 31/07/2014

REGIONE PIEMONTE BU31 31/07/2014 REGIONE PIEMONTE BU31 31/07/2014 Codice DB0506 D.D. 3 giugno 2014, n. 114 l.r. n. 58/1987 e s.m.i., l.r. n. 57/1991 e s.m.i. e l.r. n. 44/2000 e s.m.i. C.I.G. n. ZCF0ECA035. Servizi di assistenza on-line

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA Servizio Risorse Umane AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA REGIONALE E INTERREGIONALE, TRA AZIENDE ED ENTI DEL COMPARTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO

Dettagli

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti)

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti) TESTO UNIFICATO AS 3236 1928-1645 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l istituzione

Dettagli

Commissione preposta all accertamento delle condizioni ambientali che caratterizzano

Commissione preposta all accertamento delle condizioni ambientali che caratterizzano CONVENZIONE PER ATTIVITA PROFESSIONALE nell ambito di quanto previsto dal D.Lgs. 230/95 e s.m.i. e come consulente del Datore di lavoro, all interno della Commissione preposta all accertamento delle condizioni

Dettagli

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Generali Italia S.p.A. VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione (Art. 13 del Decreto Legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005) Regolamento Pagina 2 di 14 - Pagina

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO Con la presente scrittura privata, redatta in tre esemplari, di cui uno, in caso d uso, sarà depositato

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO Con la presente scrittura privata, redatta in tre esemplari, di cui uno, in caso d uso, sarà depositato CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO Con la presente scrittura privata, redatta in tre esemplari, di cui uno, in caso d uso, sarà depositato presso il competente Ufficio del registro di Bologna che ne

Dettagli

CONSORZIO AREA SVILUPPO INDUSTRIALE CASERTA Viale E. Mattei, n.36-81100 Caserta

CONSORZIO AREA SVILUPPO INDUSTRIALE CASERTA Viale E. Mattei, n.36-81100 Caserta CIG: 6354327C83 CONSORZIO AREA SVILUPPO INDUSTRIALE CASERTA Viale E. Mattei, n.36-81100 Caserta SERVIZIO TRIENNALE DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Art. 1 Finalità

Dettagli

Dispositivo 3 Interventi a supporto della riqualificazione dei lavoratori in CIGS o in mobilità legge 223/91

Dispositivo 3 Interventi a supporto della riqualificazione dei lavoratori in CIGS o in mobilità legge 223/91 Dispositivo 3 Interventi a supporto della riqualificazione dei lavoratori in CIGS o in mobilità legge 223/91 1. Obiettivi e priorità Il dispositivo 1 è finalizzato a sostenere la realizzazione di interventi

Dettagli

IL DIRIGENTE. Per questi motivi si è ritenuto necessario acquistare la seguente oggettistica:

IL DIRIGENTE. Per questi motivi si è ritenuto necessario acquistare la seguente oggettistica: REGIONE PIEMONTE BU36 04/09/2014 Codice DB0506 D.D. 17 luglio 2014, n. 154 D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i.. C.I.G. nr. Z43101E737. Iniziative per la formazione, la qualificazione e l'aggiornamento delle Polizie

Dettagli

IL DIRIGENTE. Visto l art. 26 commi 3 e 3 bis della legge 448/1999 e s.m.i.;

IL DIRIGENTE. Visto l art. 26 commi 3 e 3 bis della legge 448/1999 e s.m.i.; REGIONE PIEMONTE BU2 15/01/2015 Codice DB0506 D.D. 12 novembre 2014, n. 223 D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i.. C.I.G. nr. ZA61138690. Interventi per la Polizia Locale di promozione all'educazione alla sicurezza

Dettagli

AFFIDAMENTO FORNITURA ENERGIA ELETTRICA ANNO 2015. - Alto Calore Servizi S.p.A. quale committente - avente sede legale in Corso Europa, 41

AFFIDAMENTO FORNITURA ENERGIA ELETTRICA ANNO 2015. - Alto Calore Servizi S.p.A. quale committente - avente sede legale in Corso Europa, 41 CONTRATTO REP. N. DEL AFFIDAMENTO FORNITURA ENERGIA ELETTRICA ANNO 2015 CIG : _5950531585 Con la presente scrittura privata a valere tra i contraenti: - Alto Calore Servizi S.p.A. quale committente - avente

Dettagli

CAPITOLATO - PARTE AMMINISTRATIVA

CAPITOLATO - PARTE AMMINISTRATIVA DIPARTIMENTO D MATEMATICA PURA E APPLICATA OGGETTO: Fornitura di n.253 (duecentocinquantatre) Personal Computer per i laboratori informatici di via Belzoni, n.7 piano terzo e in Torre Archimede, via Trieste,

Dettagli

LOTTO N. 1 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

LOTTO N. 1 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO LOTTO N. 1 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO 1. OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio

Dettagli

SCHEMA di CONTRATTO per l AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVI DELL A.S.P. GIOVANNI CHIABÀ.

SCHEMA di CONTRATTO per l AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVI DELL A.S.P. GIOVANNI CHIABÀ. SCHEMA di CONTRATTO per l AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVI DELL A.S.P. GIOVANNI CHIABÀ. L anno ( ) il giorno ( ) del mese di ( ) Premesso che l Azienda Pubblica per i Servizi

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL DECRETO DIRETTORIALE N. 1709\Segr D.G.\2014

VERSIONE CONSOLIDATA DEL DECRETO DIRETTORIALE N. 1709\Segr D.G.\2014 Direzione Generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione VERSIONE CONSOLIDATA DEL DECRETO DIRETTORIALE N. 1709\Segr D.G.\2014 (Il Decreto Direttoriale n. 1709\Segr D.G.\2014

Dettagli

Comune di Villa di Tirano

Comune di Villa di Tirano Comune di Villa di Tirano! "" #$% &' ( CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO 1. OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio

Dettagli

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori stranieri non accompagnati e di giovani migranti MODALITA DI ATTUAZIONE Art. 1 NORME REGOLATRICI La partecipazione

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Prot. n Spett.le. Cod. Comm: MAT 111 Cod. Prog.: MATTM/GAS/1/FSE/5.5./11015/001

Prot. n Spett.le. Cod. Comm: MAT 111 Cod. Prog.: MATTM/GAS/1/FSE/5.5./11015/001 Cod. Comm: MAT 111 Cod. Prog.: MATTM/GAS/1/FSE/5.5./11015/001 Prot. n Spett.le Raccomandata A/R Anticipata via fax al n.. Oggetto: Affidamento ai sensi dell art. 125, comma 11, ultimo periodo, del D. Lgs.

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA TITO SCHIPA. Istituto Superiore di Studi Musicali LECCE

CONSERVATORIO DI MUSICA TITO SCHIPA. Istituto Superiore di Studi Musicali LECCE CONSERVATORIO DI MUSICA TITO SCHIPA Istituto Superiore di Studi Musicali LECCE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE SPESE DI RAPPRESENTANZA; L USO DELLE CARTE DI CREDITO E DEI TELEFONI CELLULARI;DEL TAXI E DEL

Dettagli

DISCIPLINARE PER L ACCETTAZIONE DI DONAZIONI E PER L ACQUISIZIONE DEI BENI IN COMODATO D USO GRATUITO E IN PROVA/VISIONE

DISCIPLINARE PER L ACCETTAZIONE DI DONAZIONI E PER L ACQUISIZIONE DEI BENI IN COMODATO D USO GRATUITO E IN PROVA/VISIONE DISCIPLINARE PER L ACCETTAZIONE DI DONAZIONI E PER L ACQUISIZIONE DEI BENI IN COMODATO D USO GRATUITO E IN PROVA/VISIONE Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti e per

Dettagli

OBIETTIVO PENSIONE REGOLAMENTO. Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - fondo pensione

OBIETTIVO PENSIONE REGOLAMENTO. Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - fondo pensione OBIETTIVO PENSIONE Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - fondo pensione Iscritto all Albo dei fondi pensione tenuto dalla COVIP con il n 5035 REGOLAMENTO 1 INDICE Parte I) Identificazione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA

MANUALE DI GESTIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA MANUALE DI GESTIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA Approvato nel C.D.A. del 13 marzo 2013 Via Cesare Beccaria,16-00196 Roma T. +39 06 95216933 - F. +39 06 99705521 - C.F. 97516290588 - info@fonditalia.org

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, ASSEGNI DI RICERCA, BORSE DOTTORATO DI RICERCA E SOGGIORNI DI STUDIO ALL ESTERO INDICE

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, ASSEGNI DI RICERCA, BORSE DOTTORATO DI RICERCA E SOGGIORNI DI STUDIO ALL ESTERO INDICE REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, ASSEGNI DI RICERCA, BORSE DOTTORATO DI RICERCA E SOGGIORNI DI STUDIO ALL ESTERO TITOLO I Ambito di applicazione e definizioni INDICE Articolo 1 TITOLO

Dettagli