Coordinamento Regionale Malattie Rare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Coordinamento Regionale Malattie Rare"

Transcript

1 Regione Puglia A.Re.S. Puglia Coordinamento Regionale Malattie Rare Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati al 14/05/2015

2 Sommario INTRODUZIONE IL SISTEMA INFORMATIVO MALATTIE RARE DELLA REGIONE PUGLIA I dati del SIMaRRP Attività di censimento LE MALATTIE RARE IN PUGLIA Le malattie Distribuizione dei casi per ASL/provincia di residenza Distribuzione dei casi per età alla certificazione Distribuzione dei casi per età e sesso alla certificazione ATTIVITÀ DEI PRESIDI DELLA RETE E DELLE ASL L attività complessiva dei presidi L attività delle ASL Le Malattie Rare certificate in Puglia Attività dei Centri e Presidi: mobilità attiva RIFERIMENTI NORMATIVI ALLEGATO A: MALATTIE RARE PER DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE ALLEGATO B: MALATTIE RARE IN ORDINE DECRESCENTE DI CASI DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE ALLEGATO C: ATTIVITÀ DEI PRESIDI DELLA RETE NAZIONALE Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 2 di 83

3 Indice delle Tabelle Tabella 1 Certificati per residenti in Puglia e fuori Puglia: registrazione dei casi per anno... 7 Tabella 2. Elenco dei casi di malattia per macro gruppo di diagnosi, con dati Sprue celiaca/celiachia individuati separatamente... 9 Tabella 3. Elenco delle prime 20 Malattie Rare tra i residenti in Puglia Tabella 4. Elenco dei casi di malattia per provincia con percentuali rispetto alla popolazione residente Tabella 5. Distribuzione dei casi per età alla certificazione Tabella 6. Distribuzione dei casi per età e sesso alla certificazione Tabella 7. Età al certificato (00-14 anni ed oltre 15 anni) suddivisi per macrogruppi di patologie Tabella 8. Presidi della rete Nazionale: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca Tabella 9. ASL: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca Tabella 10. Presidi della rete Nazionale: le malattie più certificate Tabella 11. Patologie maggiormente certificate dai centri pugliesi ad assistiti residenti fuori regione Tabella 12. Regione di residenza di pazienti certificati in Puglia Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 3 di 83

4 Indice delle figure Figura 1. Certificati per residenti in Puglia e fuori Puglia: registrazione dei casi per anno... 7 Figura 2. Certificati per residenti in Puglia: casi di malattia per macro gruppo di diagnosi, in rosso i dati della Sprue celiaca/celiachia Figura 3 Percentuale di MR per ASL/provincia rispetto alla popolazione residente Figura 4 Distribuzione dei casi per età alla certificazione Figura 5 Distribuzione dei casi per età e sesso alla certificazione Figura 6 Età al certificato per macro gruppi di diagnosi, comprensivo di Sprue celiaca/celiachia Figura 7 Età al certificato per macro gruppi di diagnosi, privo di Sprue celiaca Figura 8 Presidi della rete Nazionale: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca/celiachia Figura 9 ASL: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca/ Celiachia Figura 10 Patologie maggiormente certificate dai centri pugliesi ad assistiti residenti fuori regione Figura 11 Regione di residenza di pazienti certificati in Puglia Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 4 di 83

5 Introduzione Le malattie rare sono patologie potenzialmente letali o a rischio elevato di disabilità cronica, caratterizzate da bassa prevalenza ed elevato grado di complessità. Nelle Raccomandazioni del Consiglio dell Unione Europea dell' 8 giugno 2009 [1], si definisce malattia rara quella condizione che presenta una prevalenza uguale o inferiore a 5 casi ogni persone. Il numero di malattie rare è elevato, le stime attualmente ne contano tra e 8.000, che colpiscono tra il 6 % e l'8 % della popolazione europea. Nella maggior parte dei casi, si tratta di persone particolarmente isolate e vulnerabili che soffrono di patologie poco frequenti, ma spesso, indipendentemente dalla eziologia, caratterizzate da bisogni socio sanitari ed esiti di disabilità simili. Con il Decreto Ministeriale n. 279 del 18 maggio 2001 ( Regolamento di istituzione della Rete nazionale delle malattie rare e di esenzione dalla partecipazione al costo delle relative prestazioni sanitarie ) [2], è stata istituita la Rete Nazionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi e la terapia delle malattie rare ed introdotta l esenzione dalla partecipazione al costo delle relative prestazioni sanitarie, per un primo gruppo di malattie rare. Il D.M. 279/2001, inoltre, ha dato mandato alle Regioni d individuare i centri per la diagnosi e la cura e, al fine di effettuare la sorveglianza e attuare un adeguata programmazione sanitaria, ha attivato il Registro Nazionale presso il Centro Nazionale Malattie Rare (CNMR) dell Istituto Superiore di Sanità (ISS). La Regione Puglia ha recepito le indicazioni contenute nel D.M. 279/2001 con alcuni provvedimenti deliberativi della Giunta Regionale [3 9], avviando il processo di riconoscimento della rete di Centri e Presidi. L accordo Stato Regioni del 10 maggio 2007 ha sancito la realizzazione di registri in ciascuna regione: in Puglia questo compito è stato affidato al Coordinamento Malattie Rare istituito presso l Agenzia regionale Sanitaria (A.Re.S.) [11]. Il Coordinamento Regionale delle Malattie Rare Co.Re.Ma.R., ha valutato appropriata l adesione al Registro malattie rare della Regione Veneto al fine di fruire dell esperienza e del lavoro di ricerca compiuta non solo dal Veneto ma anche delle altre regioni che hanno aderito allo stesso registro (con le Province autonome di Trento e Bolzano, la regione Emilia Romagna, la Regione Liguria, la Regione Campania e la Regione Umbria). Il Sistema Informativo Malattie Rare della Regione Puglia (SIMaRRP), avviato con Delibera di Giunta [12] DGR 1591/2012 e sviluppato in collaborazione con la Regione Veneto, ha permesso di realizzare un Registro Regionale delle Malattie Rare, quale strumento di analisi epidemiologica il cui flusso di dati, oltre ad alimentare l analogo Registro Nazionale presso l Istituto Superiore di Sanità, permetterà, una volta giunto a pieno regime, una corretta programmazione sanitaria, il monitoraggio in linea del percorso assistenziale ed una valutazione delle azioni più efficaci in materia di malattie rare, come dimostrano i risultati raggiunti dalle Regioni che gestiscono il Sistema con tutte le sue funzioni. I dati presentati nel report, estratti dal SIMaRRP, si riferiscono al periodo 31 agosto maggio 2015, estratti il 15 maggio Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 5 di 83

6 1 Il Sistema Informativo Malattie Rare della Regione Puglia Il SIMaRRP è un registro di popolazione che connette la rete verticale costituta dai Centri di Riferimento Interregionali (CIR) e Presidi della Rete Nazionale (PRN) con la rete orizzontale costituita dai Distretti Socio Sanitari (DSS) delle Azienda Sanitarie Locali (ASL) con un meccanismo tale da consentire assistenza alla persone affetta da malattia rara. Sono inseriti nel Sistema persone con malattia rara come da D.M. 279/2001. Il Sistema Informativo funziona con un approccio di tipo modulare ed attualmente è stato attivato esclusivamente il modulo che ha permesso di mettere in rete i centri autorizzati alla diagnosi (CIR/PRN) individuati dalla DGR 1591/2012 e i servizi preposti al rilascio del certificato di esenzione dal pagamento del ticket per le prestazioni ritenute correlabili alla specifica patologia (Distretti Socio - Sanitari delle Aziende Sanitarie Locali della Regione Puglia). In base a quanto previsto dal Piano Nazionale Malattie Rare del 12/10/2014 i Presidi della rete dovranno rispettare i nuovi requisiti previsti dalle raccomandazioni dell Unione Europea, in modo tale da poter svolgere l azione di centri di expertise e candidarsi a partecipare alle ERN. In relazione a quanto sta avvenendo a livello europeo e all esperienza già maturata in Italia, la revisione delle reti regionali dovrà tendere ad individuare centri di competenza con le caratteristiche di unità funzionali, costituite da una o più unità organizzative/operative, all interno delle quali sia gestito il percorso diagnostico, volto ad individuare la malattia il più precocemente possibile, e definito il percorso socio-sanitario globale della persona affetta dalla MR. Per svolgere efficacemente quest ultimo compito, i centri di expertise dovranno essere incardinati nella rete assistenziale regionale. Nel processo di valutazione continua della qualità dell assistenza di tali strutture, le Regioni potranno acquisire il parere delle Associazioni dei malati e potranno proporre programmi di valutazione esterna di qualità anche mediante audit esterni, secondo modelli già in atto in diversi paesi europei. Con delibera di giunta [13] è stato recepito il Piano Nazionale Malattie rare e sono state definite le Linee Guida ed Istruzioni operative in materia di assistenza ai pazienti affetti da Malattia rara. Nelle Linee Guida sono descritti i ruoli degli operatori coinvolti all interno della rete malattie rare pugliese e le funzionalità del SIMaRRP. La gestione del SIMaRRP è affidato al CoReMaR. In base a quanto previsto dalla normativa vigente, sono abilitati all uso del SIMaRRP i nodi della rete Regionale ovvero i Centri/PRN definiti dalla DGR 1591/2012 e i Distretti Socio Sanitari delle ASL Regionali. E stata effettuata attività di formazione a medici e personale sanitario e non, individuato dal responsabile di ciascun centro/prn relativamente all utilizzo del SIMaRRP; attività analoga è stata rivolta ai referenti amministrativi e/o medici dei Distretti Socio Sanitari delle Aziende Sanitarie Locali della Regione. In ogni Ospedale sede di PRN è stato individuato un Referente Malattie Rare, diretto interlocutore del Coordinamento e tramite con le Direzioni dei Presidi di appartenenza per le attività connesse al Registro. Tali Referenti accedono al SIMaRRP con la possibilità di monitorare le attività in materia di malattie rare svolte all interno dei PRN del proprio Ospedale. Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 6 di 83

7 1.1 I dati del SIMaRRP Di seguito sono riportati i dati estratti dal SIMaRRP. Sono indicate brevemente come regioni dell Area Vasta le seguenti regioni/province autonome: Veneto, Liguria, Campania, Umbria, Provincia autonome di Bolzano, Provincia autonome di Trento, Emilia Romagna. Le regioni dell Area Vasta utilizzano lo stesso sistema Informativo, per cui un certificato di diagnosi di MR inserito da un Centro/Presidio in una qualunque di queste regioni è direttamente accessibile alla regione/asl di competenza del paziente. 1.2 Attività di censimento Si riporta nella Tabella 1 il numero di certificati inseriti nel SIMaRRP suddivisi per anno, dal 31/08/2011 al 14/05/2015, relativamente a cittadini residenti in Puglia Data Certificato (Puglia e non) Anno N. Certificati (01/01/ /05/2015) 1480 Totale Tabella 1 Certificati per residenti in Puglia e fuori Puglia: registrazione dei casi per anno Figura 1. Certificati per residenti in Puglia e fuori Puglia: registrazione dei casi per anno Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 7 di 83

8 Dall andamento si nota come si sia verificato un elevato crescente aumento nell attività di inserimento dei certificati nel tempo con un plateau di attività nel 2013, a seguito dell attività di formazione ed informazione svolta sia sul territorio che tra i centri ospedalieri certificatori. E necessario sottolineare che i dati sono comprensivi di quelli relativi alla Sprue Celiaca (RI0060) che essendo inserita come malattia rara nell allegato 1 del DM 279/2001 è stata considerata tale sebbene gestita anche dall Ufficio Politiche del Farmaco della Regione Puglia relativamente alle modalità di erogazione di alimenti presso farmacie ed esercizi commerciali abilitati. Si è ritenuto, di concerto con il suddetto Ufficio, che il Registro Malattie Rare potesse essere un valido strumento di controllo e gestione di un numero così elevato di certificati per un più corretto metodo di gestione delle certificazioni e prescrizioni. Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 8 di 83

9 2 Le malattie rare in Puglia 2.1 Le malattie I residenti in Puglia con diagnosi di Malattia Rara registrate nel SIMaRRP sono, alla data del presente rapporto, La Tabella 2 riporta le malattie rare tra i Pugliesi per macro gruppo di diagnosi, con i dati relativi alla Sprue Celiaca in evidenza. MACRO GRUPPO DI DIAGNOSI (21) Sprue Celiaca/Celiachia Malformazioni congenite Malattie del sangue e degli organi ematopoietici Malattie dell'apparato visivo Malattie del sistema nervoso-snc 705 Malattie del sistema osteomuscolare e del tessuto connettivo 547 Malattie del sistema nervoso-snp 488 Malattie delle ghiandole endocrine 457 Tumori 432 Malattie del metabolismo (aminoacidi) 431 Disturbi immunitari 320 Malattie del sistema circolatorio 304 Malattie della pelle e del tessuto sottocutaneo 196 Malattie del metabolismo (minerali) 176 Malattie del sistema digerente 156 Alcune condizioni morbose di origine perinatale 145 Malattie del metabolismo 137 Malattie dell'apparato genito-urinario 86 Malattie del metabolismo (carboidrati) 58 Malattie del metabolismo (lipidi) 53 Malattie del metabolismo (proteine) 23 Malattie infettive e parassitarie 3 Totale Tabella 2. Elenco dei casi di malattia per macro gruppo di diagnosi, con dati Sprue celiaca/celiachia individuati separatamente Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 9 di 83

10 Figura 2. Certificati per residenti in Puglia: casi di malattia per macro gruppo di diagnosi, in rosso i dati della Sprue celiaca/celiachia In Allegato A: Malattie rare della popolazione pugliese è riportato il dettaglio delle malattie con codice di esenzione. La Tabella 3 riporta le prime venti malattie maggiormente certificate in Puglia. L elenco completo, in ordine decrescente di casi, è riportato in Allegato B: Malattie rare in ordine decrescente di casi della popolazione pugliese SPRUE CELIACA/CELIACHIA 4159 CHERATOCONO 914 CONNETTIVITI INDIFFERENZIATE 375 SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA 248 FENILCHETONURIA 209 SINDROME DI DOWN 172 PUBERTA' PRECOCE IDIOPATICA 164 RETINITE PIGMENTOSA 155 NEUROFIBROMATOSI DI TIPO SINDROMI DA DUPLICAZIONE/DEFICIENZA CROMOSOMICA 151 Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 10 di 83

11 COREA DI HUNTINGTON 149 BETA TALASSEMIA OMOZIGOTE 143 APNEA INFANTILE 139 DIFETTI EREDITARI DELLA COAGULAZIONE 134 TALASSEMIA MAJOR 112 EMOCROMATOSI EREDITARIA 105 TELEANGECTASIA EMORRAGICA EREDITARIA 102 ANEMIE EREDITARIE 99 SFEROCITOSI EREDITARIA 98 Tabella 3. Elenco delle prime 20 Malattie Rare tra i residenti in Puglia 2.2 Distribuizione dei casi per ASL/provincia di residenza La Tabella 4 riporta il numero di malati rari per provincia/asl (in Puglia coincidenti) di residenza, la popolazione residente in ciascuna provincia, al 1 gennaio 2014 (dati ISTAT), la percentuale di malati rari rispetto alla popolazione NOME ASL DI RESIDENZA N.ro MR Popolazione % di MR ASL BR ,24% ASL TA ,26% ASL BAT ,38% ASL BA ,35% ASL FG ,35% ASL LE ,33% Totale ,33% Tabella 4. Elenco dei casi di malattia per provincia con percentuali rispetto alla popolazione residente Figura 3 Percentuale di MR per ASL/provincia rispetto alla popolazione residente Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 11 di 83

12 2.3 Distribuzione dei casi per età alla certificazione La Tabella 5 riporta la distribuzione dei casi per età alla certificazione. L analisi di questo dato evidenzia come la maggior parte delle diagnosi di malattia rara viene effettuata in età pediatrica e comunque fino ai 24 anni con picco nell età compresa tra i anni. ETÀ AL CERTIFICATO Età <12 mesi a a a a a a a a a a a a a a a a a a a 13 Totale Tabella 5. Distribuzione dei casi per età alla certificazione Figura 4 Distribuzione dei casi per età alla certificazione Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 12 di 83

13 2.4 Distribuzione dei casi per età e sesso alla certificazione L analisi di questo dato evidenzia la prevalenza di persone di sesso femminile con MR rispetto a quello maschile, con la maggior parte delle diagnosi di malattia rara viene effettuata nell età compresa tra i anni e per le donne anche tra i 34 e i 49 anni. ETÀ AL CERTIFICATO SESSO Femmina Maschio Totale <12 mesi a a a a a a a a a a a a a a a a a a a Totale Tabella 6. Distribuzione dei casi per età e sesso alla certificazione Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 13 di 83

14 Figura 5 Distribuzione dei casi per età e sesso alla certificazione Nella Tabella 7 di seguito riportata, invece, sono specificati i dati relativi all età al certificato (00-14 anni ed oltre 15 anni) suddivisi per i macrogruppi di patologie di cui al DM 279/2001 e in base alla classificazione ICD9-CM. Si nota che le malattie appartenti al gruppo delle patologie del metabolismo degli aminoacidi, delle ghiandole endocrine, del sangue e degli organi ematopoietici, del Sistema Digerente insieme alle malformazioni congenite, sono quelle maggiormente certificate nel periodo tra i 00 e 14 anni. A partire dai 15 anni di età si registra un aumento della certificazione relativa alle patologie dell apparato visivo, e, parallelalmente ai certificati emessi tra i 00 e 14 anni, si registrano casi elevati di patologie del sangue e degli organi ematopoietici e del sistema digerente. MACRO GRUPPO DI DIAGNOSI (21) Totale Alcune condizioni morbose di origine perinatale Disturbi immunitari Malattie del metabolismo Malattie del metabolismo (aminoacidi) Malattie del metabolismo (carboidrati) Malattie del metabolismo (lipidi) Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 14 di 83

15 Malattie del metabolismo (minerali) Malattie del metabolismo (proteine) Malattie del sangue e degli organi ematopoietici Malattie del sistema circolatorio Malattie del sistema digerente Malattie del sistema nervoso-snc Malattie del sistema nervoso-snp Malattie del sistema osteomuscolare e del tessuto connettivo Malattie dell'apparato genito-urinario Malattie dell'apparato visivo Malattie della pelle e del tessuto sottocutaneo Malattie delle ghiandole endocrine Malattie infettive e parassitarie Malformazioni congenite Tumori Sprue celiaca/celiachia Totale Tabella 7. Età al certificato (00-14 anni ed oltre 15 anni) suddivisi per macrogruppi di patologie Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 15 di 83

16 Figura 6 Età al certificato per macro gruppi di diagnosi, comprensivo di Sprue celiaca/celiachia Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 16 di 83

17 Figura 7 Età al certificato per macro gruppi di diagnosi, privo di Sprue celiaca Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 17 di 83

18 3 Attività dei Presidi della rete e delle ASL 3.1 L attività complessiva dei presidi La tabella Tabella 8 riporta per ciascun Presidio della Rete Nazionale il numero totale di certificazioni effettuate e quante di queste per Sprue celiaca (cod. esen. RI0060). PRESIDIO CERTIFICANTE I.R.C.C.S. 'E.Medea'- Ostuni (Brindisi) ASL BR > Ospedale 'Umberto I' - FASANO (Brindisi) ASL BR > Presidio Ospedaliero 'A. Perrino' - Brindisi ASL TA > Presidio Ospedaliero 'SS.Annunziata' - TARANTO ASL BAT > Presidio Ospedaliero 'L. Bonomo' - Andria ASL BA > Ospedale 'San Giacomo' - Monopoli (Bari) ASL BA > Presidio Ospedaliero 'F. Fallacara' - Triggiano ASL BA > Presidio Ospedaliero 'S. Paolo' (Bari) ASL FG > P.O. T. Masselli - San Severo ASL LE > P.O. F.Ferrari - Casarano ASL LE > P.O. Sacro Cuore di Gesu - Gallipoli ASL LE > Presidio Ospedaliero 'Santa Caterina Novella' - GALATINA (Lecce) ASL LE > Presidio Ospedaliero 'Veris delli Ponti' - SCORRANO ASL LE > Presidio Ospedaliero 'Vito Fazzi' - LECCE I.R.C.C.S. 'S. De Bellis' - Castellana Grotte (Bari) A.O. V. FAZZI > Presidio Ospedaliero "San Pio da Pietrelcina" - Campi Salentina I.R.C.C.S. 'Casa Sollievo della Sofferenza' - San Giovanni Rotondo (Foggia) I.R.C.C.S. Fondazione Salvatore Maugeri - Cassano delle Murge (Bari) A.O. POL. CONSORZIALE > A.O.U.Consorziale Policlinico di Bari A.O. POL. CONSORZIALE > Ospedale Pediatrico 'Giovanni XXIII' - Bari A.O. OSP. RIUNITI > A.O.Ospedali Riuniti di Foggia Ente Ecclesiastico 'Cardinale G. Panico' - TRICASE (Lecce) Ente Ecclesiastico 'MIULLI' - ACQUAVIVA DELLE FONTI (Bari) Totale N. tot. Di Certificati Certificati per Sprue Celiaca/ Celiachia Tabella 8. Presidi della rete Nazionale: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 18 di 83

19 Figura 8 Presidi della rete Nazionale: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca/celiachia 3.2 L attività delle ASL In questo paragrafo sono riportati i dati di attività di recupero dei dati pregressi e di registrazione dei certificati di centri fuori Area vasta effettuata dal personale amministrativo delle ASL (Ufficio esenzioni). La Tabella 9 riporta i dati totali di certificati registrati e quanti di questi con esenzione RI0060 (Sprue Celiaca). ASL CERTIFICANTE ASL BR ASL TA ASL BT ASL BA ASL FG ASL LE N. tot. Di Centificati Certificati per Sprue Celiaca/ Celiachia Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 19 di 83

20 Totale Tabella 9. ASL: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca Figura 9 ASL: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca/ Celiachia 3.3 Le Malattie Rare certificate in Puglia La Tabella 10 riporta le patologie più certificate dai centri (le prime 20) N. certificati SPRUE CELIACA/ CELICHIA CHERATOCONO 813 CONNETTIVITI INDIFFERENZIATE 308 TELEANGECTASIA EMORRAGICA EREDITARIA 269 FENILCHETONURIA 230 PUBERTA' PRECOCE IDIOPATICA 150 BETA TALASSEMIA OMOZIGOTE 149 SINDROME DI DOWN 149 SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA 148 APNEA INFANTILE 141 SINDROMI DA DUPLICAZIONE/DEFICIENZA CROMOSOMICA 130 NEUROFIBROMATOSI DI TIPO COREA DI HUNTINGTON 121 ACALASIA 104 TALASSEMIA MAJOR 95 SFEROCITOSI EREDITARIA 93 DEFICIT DI FATTORE VIII 88 DISORDINI EREDITARI TROMBOFILICI 85 Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 20 di 83

21 N. certificati NEUROFIBROMATOSI 83 Totale Tabella 10. Presidi della rete Nazionale: le malattie più certificate Il numero totale di certificati inseriti dai PRN è 8561, le prime venti malattie totalizzano 5018 casi. L analisi del dato evidenzia che le prime 20 malattie raggruppano il 58,61%% delle diagnosi effettuara dai PRN per Malattia Rare 3.4 Attività dei Centri e Presidi: mobilità attiva Nel periodo di rferimento di questo rapporto, i PRN pugliesi hanno certificato 760 malattie Rre per residenti fuori regione puglia. In Tabella 11 sono riportate le patologie più certificate dai centri pugliesi ad assistiti residenti fuori regione, l elenco dettagliato è riportato in Allegato C: Attività dei Presidi della rete Nazionale N. certificati residenti fuori Puglia TELEANGECTASIA EMORRAGICA EREDITARIA 174 CHERATOCONO 128 ACALASIA 48 FENILCHETONURIA 31 CONNETTIVITI INDIFFERENZIATE 22 TUMORE DI WILMS 16 DISORDINI EREDITARI TROMBOFILICI 14 NEUROFIBROMATOSI 14 PORFIRIA ACUTA INTERMITTENTE (AIP) 13 NEUROFIBROMATOSI DI TIPO 1 12 SPRUE CELIACA 12 SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA 11 POLIPOSI ADENOMATOSA FAMILIARE 9 DERMATOMIOSITE 8 POLIENDOCRINOPATIA AUTOIMMUNE DI TIPO II 8 PUBERTA' PRECOCE IDIOPATICA 8 BETA TALASSEMIA OMOZIGOTE 7 CONNETTIVITE MISTA 6 MALATTIA DI BEHCET 6 PEMFIGO VOLGARE 6 SFEROCITOSI EREDITARIA 6 SINDROME DI DOWN 6 Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 21 di 83

22 N. certificati residenti fuori Puglia TROMBOFILIA DOVUTA AD OMOZIGOSI PER IL FATTORE V DI LEIDEN 6 Tabella 11. Patologie maggiormente certificate dai centri pugliesi ad assistiti residenti fuori regione Figura 10 Patologie maggiormente certificate dai centri pugliesi ad assistiti residenti fuori regione In Tabella 12, sono riportati i dati relativi alle Regioni di residenza dei pazienti curati presso i centri Pugliesi. Si denota una forte migrazione dalle regioni limitrofe Campania e Basilicata, e di altre meridionali come Calabria e Sicilia. Molto minore il flusso dalle regioni Centro - Settentrionali. NOME REG DI RESIDENZA Fuori Pug. - 1 Piemonte 7 Valle d'aosta 1 Lombardia 21 Provincia Autonoma di Trento 2 Veneto 8 Friuli-Venezia Giulia 7 Liguria 2 Emilia-Romagna 7 Toscana 5 Umbria 3 Marche 23 Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 22 di 83

23 NOME REG DI RESIDENZA Fuori Pug. Lazio 59 Abruzzo 36 Molise 49 Campania 192 Basilicata 193 Calabria 79 Sicilia 47 Sardegna 5 ESTERO 13 Tabella 12. Regione di residenza di pazienti certificati in Puglia Figura 11 Regione di residenza di pazienti certificati in Puglia Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 23 di 83

24 4 Riferimenti normativi 1. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea dell' 8 giugno 2009 su un'azione nel settore delle malattie rare 2009/C 151/ Decreto Ministeriale 18 maggio 2001, n. 279 Regolamento di istituzione della Rete nazionale delle malattie rare e di esenzione dalla partecipazione al costo delle relative prestazioni sanitarie, ai sensi dell'articolo 5, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 29 aprile 1998, n Delibera di Giunta Regionale n del 23/12/2003 Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare, ai sensi del D.M. 18 maggio 2001, n Delibera di Giunta Regionale n. 464 del 05/04/2006 Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare, ai sensi del D.M. 18 maggio 2001, n Integrazione del 05/04/2006; 5. Delibera di Giunta Regionale n. 393 del 25/03/2008 Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare, ai sensi del D.M. 18 maggio 2001, n.279 Deliberazioni G.R. n.2238/03, n.464/06 e n.171/08 Integrazioni per la Sprue Celiaca. 6. Delibera di Giunta Regionale n. 434 del 24/03/ Delibera di Giunta Regionale n del 04/08/2010 Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare, ai sensi del D.M. 18 maggio 2001, N Deliberazione G.R. n del 23 dicembre Integrazione ed organizzazione centri emofilia del 04/08/2010; 8. Delibera di Giunta Regionale n del 04/10/2010 Integrazione Deliberazione di Giunta Regionale n del 04/08/2010. Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare, ai sensi del D.M. 18 maggio 2001, N Deliberazione G.R. n del 23 dicembre Integrazione ed organizzazione Centri Emofilia del 04/10/2010; 9. Delibera di Giunta Regionale n del 31 luglio 2012 D.M. 18 maggio 2001, n Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare - Ricognizione dei Centri interregionali di riferimento (CIR) e dei Presidi della Rete Nazionale (PRN) di cui alla deliberazione di Giunta regionale n del 23/12/2003 e s.m.i. 10. Delibera di Giunta Regionale n. 171 del 19/02/2008 Decreto Ministeriale n. 279/01 Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi e la terapia delle malattie rare Integrazione Deliberazione di Giunta regionale n. 2238/03 Recepimento Accordo Stato- Regioni 10 maggio Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 24 di 83

25 11. Delibera di Giunta Regionale 15 dicembre 2009, n.2485 Malattie Rare - D.M. n. 279 del 18 maggio Accordo Stato-Regioni del 10 maggio 2007 Istituzione Centro di assistenza e ricerca sovraziendale - Costituzione Coordinamento regionale. 12. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 agosto 2012, n Art. 39 L.R. 4/2010. D.M. 279/2001. DGR n. 2283/2003 e s.m.i. DGR n. 2845/2009. Avvio del Sistema Informativo delle Malattie Rare della Regione Puglia (SIMaRRP). 13. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 10 febbraio 2015, n. 158 Accordo Conferenza Stato Regioni del 16/10/2014 Piano Nazionale per le Malattie Rare Recepimento Piano Programmatico del Coordinamento Regionale Malattie Rare (CoReMaR) Puglia Approvazione Linee Guida ed Istruzioni operative in materia di Assistenza ai pazienti affetti da Malattia rara Approvazione. Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 25 di 83

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Le malattie genetiche

Le malattie genetiche Le malattie genetiche Anderlini Beatrice Classe 3^ - Sez. C Liceo Scientifico R. Casimiri Introduzione alle malattie genetiche Tutti gli esseri viventi sono formati da cellule in ogni cellula è presente

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico sanguinamento (acuto/cronico) iporigenerativa progenitori eritroidi (anemia aplastica, CDA, PRCA) sintesi Hb (carenza Fe, talassemia) sintesi di

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La famiglia è la cellula primaria della società, che si rinnova perennemente con la procreazione.

La famiglia è la cellula primaria della società, che si rinnova perennemente con la procreazione. IL DONO DELLA VITA ProCreazione on s a p ev o le La famiglia è la cellula primaria della società, che si rinnova perennemente con la procreazione. A cura dell A.I.L.U. Associazione Italiana Leucodistrofie

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

AreaPediatrica Vol. 16 n. 2 aprile giugno 2015 80. Caso clinico Titolo articolo anche lungo

AreaPediatrica Vol. 16 n. 2 aprile giugno 2015 80. Caso clinico Titolo articolo anche lungo AreaPediatrica Vol. 16 n. 2 aprile giugno 2015 80 Caso clinico Titolo articolo anche lungo [ Tutto su / 2 ] Il pediatra ed il bambino con sindrome malformativa Se anche un bambino sindromico può non guarire

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2012 Dicembre 2013 Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

A S S O C I A Z I O N E - A S S O C I AT I O N - ONLUS. P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia. Consiglio di Amministrazione

A S S O C I A Z I O N E - A S S O C I AT I O N - ONLUS. P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia. Consiglio di Amministrazione P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia Consiglio di Amministrazione D i re t t o re Generale SEZIONE DI RICERCA ISTITUTO SCIENTIFICO E. MEDEA RESEARCH SECTION E.MEDEA Comitato Etico P residente

Dettagli

Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia

Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia Anno 2013 MINISTERO DELLA SALUTE* REGISTRO NAZIONALE* ALIMENTO SENZA GLUTINE

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DADDY FADEL OPTOMETRISTA Nel 1866 John Langdon Down ha descritto per la prima volta la sindrome che porta il suo nome. Nel 1959 Lejeune et al. hanno

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari MORTALITA Mortalità generale o grezza = numero di morti per tutte le cause registrati nella popolazione Mortalità specifica = numero di morti per tipologia

Dettagli