Coordinamento Regionale Malattie Rare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Coordinamento Regionale Malattie Rare"

Transcript

1 Regione Puglia A.Re.S. Puglia Coordinamento Regionale Malattie Rare Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati al 14/05/2015

2 Sommario INTRODUZIONE IL SISTEMA INFORMATIVO MALATTIE RARE DELLA REGIONE PUGLIA I dati del SIMaRRP Attività di censimento LE MALATTIE RARE IN PUGLIA Le malattie Distribuizione dei casi per ASL/provincia di residenza Distribuzione dei casi per età alla certificazione Distribuzione dei casi per età e sesso alla certificazione ATTIVITÀ DEI PRESIDI DELLA RETE E DELLE ASL L attività complessiva dei presidi L attività delle ASL Le Malattie Rare certificate in Puglia Attività dei Centri e Presidi: mobilità attiva RIFERIMENTI NORMATIVI ALLEGATO A: MALATTIE RARE PER DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE ALLEGATO B: MALATTIE RARE IN ORDINE DECRESCENTE DI CASI DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE ALLEGATO C: ATTIVITÀ DEI PRESIDI DELLA RETE NAZIONALE Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 2 di 83

3 Indice delle Tabelle Tabella 1 Certificati per residenti in Puglia e fuori Puglia: registrazione dei casi per anno... 7 Tabella 2. Elenco dei casi di malattia per macro gruppo di diagnosi, con dati Sprue celiaca/celiachia individuati separatamente... 9 Tabella 3. Elenco delle prime 20 Malattie Rare tra i residenti in Puglia Tabella 4. Elenco dei casi di malattia per provincia con percentuali rispetto alla popolazione residente Tabella 5. Distribuzione dei casi per età alla certificazione Tabella 6. Distribuzione dei casi per età e sesso alla certificazione Tabella 7. Età al certificato (00-14 anni ed oltre 15 anni) suddivisi per macrogruppi di patologie Tabella 8. Presidi della rete Nazionale: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca Tabella 9. ASL: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca Tabella 10. Presidi della rete Nazionale: le malattie più certificate Tabella 11. Patologie maggiormente certificate dai centri pugliesi ad assistiti residenti fuori regione Tabella 12. Regione di residenza di pazienti certificati in Puglia Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 3 di 83

4 Indice delle figure Figura 1. Certificati per residenti in Puglia e fuori Puglia: registrazione dei casi per anno... 7 Figura 2. Certificati per residenti in Puglia: casi di malattia per macro gruppo di diagnosi, in rosso i dati della Sprue celiaca/celiachia Figura 3 Percentuale di MR per ASL/provincia rispetto alla popolazione residente Figura 4 Distribuzione dei casi per età alla certificazione Figura 5 Distribuzione dei casi per età e sesso alla certificazione Figura 6 Età al certificato per macro gruppi di diagnosi, comprensivo di Sprue celiaca/celiachia Figura 7 Età al certificato per macro gruppi di diagnosi, privo di Sprue celiaca Figura 8 Presidi della rete Nazionale: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca/celiachia Figura 9 ASL: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca/ Celiachia Figura 10 Patologie maggiormente certificate dai centri pugliesi ad assistiti residenti fuori regione Figura 11 Regione di residenza di pazienti certificati in Puglia Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 4 di 83

5 Introduzione Le malattie rare sono patologie potenzialmente letali o a rischio elevato di disabilità cronica, caratterizzate da bassa prevalenza ed elevato grado di complessità. Nelle Raccomandazioni del Consiglio dell Unione Europea dell' 8 giugno 2009 [1], si definisce malattia rara quella condizione che presenta una prevalenza uguale o inferiore a 5 casi ogni persone. Il numero di malattie rare è elevato, le stime attualmente ne contano tra e 8.000, che colpiscono tra il 6 % e l'8 % della popolazione europea. Nella maggior parte dei casi, si tratta di persone particolarmente isolate e vulnerabili che soffrono di patologie poco frequenti, ma spesso, indipendentemente dalla eziologia, caratterizzate da bisogni socio sanitari ed esiti di disabilità simili. Con il Decreto Ministeriale n. 279 del 18 maggio 2001 ( Regolamento di istituzione della Rete nazionale delle malattie rare e di esenzione dalla partecipazione al costo delle relative prestazioni sanitarie ) [2], è stata istituita la Rete Nazionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi e la terapia delle malattie rare ed introdotta l esenzione dalla partecipazione al costo delle relative prestazioni sanitarie, per un primo gruppo di malattie rare. Il D.M. 279/2001, inoltre, ha dato mandato alle Regioni d individuare i centri per la diagnosi e la cura e, al fine di effettuare la sorveglianza e attuare un adeguata programmazione sanitaria, ha attivato il Registro Nazionale presso il Centro Nazionale Malattie Rare (CNMR) dell Istituto Superiore di Sanità (ISS). La Regione Puglia ha recepito le indicazioni contenute nel D.M. 279/2001 con alcuni provvedimenti deliberativi della Giunta Regionale [3 9], avviando il processo di riconoscimento della rete di Centri e Presidi. L accordo Stato Regioni del 10 maggio 2007 ha sancito la realizzazione di registri in ciascuna regione: in Puglia questo compito è stato affidato al Coordinamento Malattie Rare istituito presso l Agenzia regionale Sanitaria (A.Re.S.) [11]. Il Coordinamento Regionale delle Malattie Rare Co.Re.Ma.R., ha valutato appropriata l adesione al Registro malattie rare della Regione Veneto al fine di fruire dell esperienza e del lavoro di ricerca compiuta non solo dal Veneto ma anche delle altre regioni che hanno aderito allo stesso registro (con le Province autonome di Trento e Bolzano, la regione Emilia Romagna, la Regione Liguria, la Regione Campania e la Regione Umbria). Il Sistema Informativo Malattie Rare della Regione Puglia (SIMaRRP), avviato con Delibera di Giunta [12] DGR 1591/2012 e sviluppato in collaborazione con la Regione Veneto, ha permesso di realizzare un Registro Regionale delle Malattie Rare, quale strumento di analisi epidemiologica il cui flusso di dati, oltre ad alimentare l analogo Registro Nazionale presso l Istituto Superiore di Sanità, permetterà, una volta giunto a pieno regime, una corretta programmazione sanitaria, il monitoraggio in linea del percorso assistenziale ed una valutazione delle azioni più efficaci in materia di malattie rare, come dimostrano i risultati raggiunti dalle Regioni che gestiscono il Sistema con tutte le sue funzioni. I dati presentati nel report, estratti dal SIMaRRP, si riferiscono al periodo 31 agosto maggio 2015, estratti il 15 maggio Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 5 di 83

6 1 Il Sistema Informativo Malattie Rare della Regione Puglia Il SIMaRRP è un registro di popolazione che connette la rete verticale costituta dai Centri di Riferimento Interregionali (CIR) e Presidi della Rete Nazionale (PRN) con la rete orizzontale costituita dai Distretti Socio Sanitari (DSS) delle Azienda Sanitarie Locali (ASL) con un meccanismo tale da consentire assistenza alla persone affetta da malattia rara. Sono inseriti nel Sistema persone con malattia rara come da D.M. 279/2001. Il Sistema Informativo funziona con un approccio di tipo modulare ed attualmente è stato attivato esclusivamente il modulo che ha permesso di mettere in rete i centri autorizzati alla diagnosi (CIR/PRN) individuati dalla DGR 1591/2012 e i servizi preposti al rilascio del certificato di esenzione dal pagamento del ticket per le prestazioni ritenute correlabili alla specifica patologia (Distretti Socio - Sanitari delle Aziende Sanitarie Locali della Regione Puglia). In base a quanto previsto dal Piano Nazionale Malattie Rare del 12/10/2014 i Presidi della rete dovranno rispettare i nuovi requisiti previsti dalle raccomandazioni dell Unione Europea, in modo tale da poter svolgere l azione di centri di expertise e candidarsi a partecipare alle ERN. In relazione a quanto sta avvenendo a livello europeo e all esperienza già maturata in Italia, la revisione delle reti regionali dovrà tendere ad individuare centri di competenza con le caratteristiche di unità funzionali, costituite da una o più unità organizzative/operative, all interno delle quali sia gestito il percorso diagnostico, volto ad individuare la malattia il più precocemente possibile, e definito il percorso socio-sanitario globale della persona affetta dalla MR. Per svolgere efficacemente quest ultimo compito, i centri di expertise dovranno essere incardinati nella rete assistenziale regionale. Nel processo di valutazione continua della qualità dell assistenza di tali strutture, le Regioni potranno acquisire il parere delle Associazioni dei malati e potranno proporre programmi di valutazione esterna di qualità anche mediante audit esterni, secondo modelli già in atto in diversi paesi europei. Con delibera di giunta [13] è stato recepito il Piano Nazionale Malattie rare e sono state definite le Linee Guida ed Istruzioni operative in materia di assistenza ai pazienti affetti da Malattia rara. Nelle Linee Guida sono descritti i ruoli degli operatori coinvolti all interno della rete malattie rare pugliese e le funzionalità del SIMaRRP. La gestione del SIMaRRP è affidato al CoReMaR. In base a quanto previsto dalla normativa vigente, sono abilitati all uso del SIMaRRP i nodi della rete Regionale ovvero i Centri/PRN definiti dalla DGR 1591/2012 e i Distretti Socio Sanitari delle ASL Regionali. E stata effettuata attività di formazione a medici e personale sanitario e non, individuato dal responsabile di ciascun centro/prn relativamente all utilizzo del SIMaRRP; attività analoga è stata rivolta ai referenti amministrativi e/o medici dei Distretti Socio Sanitari delle Aziende Sanitarie Locali della Regione. In ogni Ospedale sede di PRN è stato individuato un Referente Malattie Rare, diretto interlocutore del Coordinamento e tramite con le Direzioni dei Presidi di appartenenza per le attività connesse al Registro. Tali Referenti accedono al SIMaRRP con la possibilità di monitorare le attività in materia di malattie rare svolte all interno dei PRN del proprio Ospedale. Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 6 di 83

7 1.1 I dati del SIMaRRP Di seguito sono riportati i dati estratti dal SIMaRRP. Sono indicate brevemente come regioni dell Area Vasta le seguenti regioni/province autonome: Veneto, Liguria, Campania, Umbria, Provincia autonome di Bolzano, Provincia autonome di Trento, Emilia Romagna. Le regioni dell Area Vasta utilizzano lo stesso sistema Informativo, per cui un certificato di diagnosi di MR inserito da un Centro/Presidio in una qualunque di queste regioni è direttamente accessibile alla regione/asl di competenza del paziente. 1.2 Attività di censimento Si riporta nella Tabella 1 il numero di certificati inseriti nel SIMaRRP suddivisi per anno, dal 31/08/2011 al 14/05/2015, relativamente a cittadini residenti in Puglia Data Certificato (Puglia e non) Anno N. Certificati (01/01/ /05/2015) 1480 Totale Tabella 1 Certificati per residenti in Puglia e fuori Puglia: registrazione dei casi per anno Figura 1. Certificati per residenti in Puglia e fuori Puglia: registrazione dei casi per anno Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 7 di 83

8 Dall andamento si nota come si sia verificato un elevato crescente aumento nell attività di inserimento dei certificati nel tempo con un plateau di attività nel 2013, a seguito dell attività di formazione ed informazione svolta sia sul territorio che tra i centri ospedalieri certificatori. E necessario sottolineare che i dati sono comprensivi di quelli relativi alla Sprue Celiaca (RI0060) che essendo inserita come malattia rara nell allegato 1 del DM 279/2001 è stata considerata tale sebbene gestita anche dall Ufficio Politiche del Farmaco della Regione Puglia relativamente alle modalità di erogazione di alimenti presso farmacie ed esercizi commerciali abilitati. Si è ritenuto, di concerto con il suddetto Ufficio, che il Registro Malattie Rare potesse essere un valido strumento di controllo e gestione di un numero così elevato di certificati per un più corretto metodo di gestione delle certificazioni e prescrizioni. Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 8 di 83

9 2 Le malattie rare in Puglia 2.1 Le malattie I residenti in Puglia con diagnosi di Malattia Rara registrate nel SIMaRRP sono, alla data del presente rapporto, La Tabella 2 riporta le malattie rare tra i Pugliesi per macro gruppo di diagnosi, con i dati relativi alla Sprue Celiaca in evidenza. MACRO GRUPPO DI DIAGNOSI (21) Sprue Celiaca/Celiachia Malformazioni congenite Malattie del sangue e degli organi ematopoietici Malattie dell'apparato visivo Malattie del sistema nervoso-snc 705 Malattie del sistema osteomuscolare e del tessuto connettivo 547 Malattie del sistema nervoso-snp 488 Malattie delle ghiandole endocrine 457 Tumori 432 Malattie del metabolismo (aminoacidi) 431 Disturbi immunitari 320 Malattie del sistema circolatorio 304 Malattie della pelle e del tessuto sottocutaneo 196 Malattie del metabolismo (minerali) 176 Malattie del sistema digerente 156 Alcune condizioni morbose di origine perinatale 145 Malattie del metabolismo 137 Malattie dell'apparato genito-urinario 86 Malattie del metabolismo (carboidrati) 58 Malattie del metabolismo (lipidi) 53 Malattie del metabolismo (proteine) 23 Malattie infettive e parassitarie 3 Totale Tabella 2. Elenco dei casi di malattia per macro gruppo di diagnosi, con dati Sprue celiaca/celiachia individuati separatamente Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 9 di 83

10 Figura 2. Certificati per residenti in Puglia: casi di malattia per macro gruppo di diagnosi, in rosso i dati della Sprue celiaca/celiachia In Allegato A: Malattie rare della popolazione pugliese è riportato il dettaglio delle malattie con codice di esenzione. La Tabella 3 riporta le prime venti malattie maggiormente certificate in Puglia. L elenco completo, in ordine decrescente di casi, è riportato in Allegato B: Malattie rare in ordine decrescente di casi della popolazione pugliese SPRUE CELIACA/CELIACHIA 4159 CHERATOCONO 914 CONNETTIVITI INDIFFERENZIATE 375 SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA 248 FENILCHETONURIA 209 SINDROME DI DOWN 172 PUBERTA' PRECOCE IDIOPATICA 164 RETINITE PIGMENTOSA 155 NEUROFIBROMATOSI DI TIPO SINDROMI DA DUPLICAZIONE/DEFICIENZA CROMOSOMICA 151 Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 10 di 83

11 COREA DI HUNTINGTON 149 BETA TALASSEMIA OMOZIGOTE 143 APNEA INFANTILE 139 DIFETTI EREDITARI DELLA COAGULAZIONE 134 TALASSEMIA MAJOR 112 EMOCROMATOSI EREDITARIA 105 TELEANGECTASIA EMORRAGICA EREDITARIA 102 ANEMIE EREDITARIE 99 SFEROCITOSI EREDITARIA 98 Tabella 3. Elenco delle prime 20 Malattie Rare tra i residenti in Puglia 2.2 Distribuizione dei casi per ASL/provincia di residenza La Tabella 4 riporta il numero di malati rari per provincia/asl (in Puglia coincidenti) di residenza, la popolazione residente in ciascuna provincia, al 1 gennaio 2014 (dati ISTAT), la percentuale di malati rari rispetto alla popolazione NOME ASL DI RESIDENZA N.ro MR Popolazione % di MR ASL BR ,24% ASL TA ,26% ASL BAT ,38% ASL BA ,35% ASL FG ,35% ASL LE ,33% Totale ,33% Tabella 4. Elenco dei casi di malattia per provincia con percentuali rispetto alla popolazione residente Figura 3 Percentuale di MR per ASL/provincia rispetto alla popolazione residente Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 11 di 83

12 2.3 Distribuzione dei casi per età alla certificazione La Tabella 5 riporta la distribuzione dei casi per età alla certificazione. L analisi di questo dato evidenzia come la maggior parte delle diagnosi di malattia rara viene effettuata in età pediatrica e comunque fino ai 24 anni con picco nell età compresa tra i anni. ETÀ AL CERTIFICATO Età <12 mesi a a a a a a a a a a a a a a a a a a a 13 Totale Tabella 5. Distribuzione dei casi per età alla certificazione Figura 4 Distribuzione dei casi per età alla certificazione Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 12 di 83

13 2.4 Distribuzione dei casi per età e sesso alla certificazione L analisi di questo dato evidenzia la prevalenza di persone di sesso femminile con MR rispetto a quello maschile, con la maggior parte delle diagnosi di malattia rara viene effettuata nell età compresa tra i anni e per le donne anche tra i 34 e i 49 anni. ETÀ AL CERTIFICATO SESSO Femmina Maschio Totale <12 mesi a a a a a a a a a a a a a a a a a a a Totale Tabella 6. Distribuzione dei casi per età e sesso alla certificazione Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 13 di 83

14 Figura 5 Distribuzione dei casi per età e sesso alla certificazione Nella Tabella 7 di seguito riportata, invece, sono specificati i dati relativi all età al certificato (00-14 anni ed oltre 15 anni) suddivisi per i macrogruppi di patologie di cui al DM 279/2001 e in base alla classificazione ICD9-CM. Si nota che le malattie appartenti al gruppo delle patologie del metabolismo degli aminoacidi, delle ghiandole endocrine, del sangue e degli organi ematopoietici, del Sistema Digerente insieme alle malformazioni congenite, sono quelle maggiormente certificate nel periodo tra i 00 e 14 anni. A partire dai 15 anni di età si registra un aumento della certificazione relativa alle patologie dell apparato visivo, e, parallelalmente ai certificati emessi tra i 00 e 14 anni, si registrano casi elevati di patologie del sangue e degli organi ematopoietici e del sistema digerente. MACRO GRUPPO DI DIAGNOSI (21) Totale Alcune condizioni morbose di origine perinatale Disturbi immunitari Malattie del metabolismo Malattie del metabolismo (aminoacidi) Malattie del metabolismo (carboidrati) Malattie del metabolismo (lipidi) Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 14 di 83

15 Malattie del metabolismo (minerali) Malattie del metabolismo (proteine) Malattie del sangue e degli organi ematopoietici Malattie del sistema circolatorio Malattie del sistema digerente Malattie del sistema nervoso-snc Malattie del sistema nervoso-snp Malattie del sistema osteomuscolare e del tessuto connettivo Malattie dell'apparato genito-urinario Malattie dell'apparato visivo Malattie della pelle e del tessuto sottocutaneo Malattie delle ghiandole endocrine Malattie infettive e parassitarie Malformazioni congenite Tumori Sprue celiaca/celiachia Totale Tabella 7. Età al certificato (00-14 anni ed oltre 15 anni) suddivisi per macrogruppi di patologie Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 15 di 83

16 Figura 6 Età al certificato per macro gruppi di diagnosi, comprensivo di Sprue celiaca/celiachia Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 16 di 83

17 Figura 7 Età al certificato per macro gruppi di diagnosi, privo di Sprue celiaca Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 17 di 83

18 3 Attività dei Presidi della rete e delle ASL 3.1 L attività complessiva dei presidi La tabella Tabella 8 riporta per ciascun Presidio della Rete Nazionale il numero totale di certificazioni effettuate e quante di queste per Sprue celiaca (cod. esen. RI0060). PRESIDIO CERTIFICANTE I.R.C.C.S. 'E.Medea'- Ostuni (Brindisi) ASL BR > Ospedale 'Umberto I' - FASANO (Brindisi) ASL BR > Presidio Ospedaliero 'A. Perrino' - Brindisi ASL TA > Presidio Ospedaliero 'SS.Annunziata' - TARANTO ASL BAT > Presidio Ospedaliero 'L. Bonomo' - Andria ASL BA > Ospedale 'San Giacomo' - Monopoli (Bari) ASL BA > Presidio Ospedaliero 'F. Fallacara' - Triggiano ASL BA > Presidio Ospedaliero 'S. Paolo' (Bari) ASL FG > P.O. T. Masselli - San Severo ASL LE > P.O. F.Ferrari - Casarano ASL LE > P.O. Sacro Cuore di Gesu - Gallipoli ASL LE > Presidio Ospedaliero 'Santa Caterina Novella' - GALATINA (Lecce) ASL LE > Presidio Ospedaliero 'Veris delli Ponti' - SCORRANO ASL LE > Presidio Ospedaliero 'Vito Fazzi' - LECCE I.R.C.C.S. 'S. De Bellis' - Castellana Grotte (Bari) A.O. V. FAZZI > Presidio Ospedaliero "San Pio da Pietrelcina" - Campi Salentina I.R.C.C.S. 'Casa Sollievo della Sofferenza' - San Giovanni Rotondo (Foggia) I.R.C.C.S. Fondazione Salvatore Maugeri - Cassano delle Murge (Bari) A.O. POL. CONSORZIALE > A.O.U.Consorziale Policlinico di Bari A.O. POL. CONSORZIALE > Ospedale Pediatrico 'Giovanni XXIII' - Bari A.O. OSP. RIUNITI > A.O.Ospedali Riuniti di Foggia Ente Ecclesiastico 'Cardinale G. Panico' - TRICASE (Lecce) Ente Ecclesiastico 'MIULLI' - ACQUAVIVA DELLE FONTI (Bari) Totale N. tot. Di Certificati Certificati per Sprue Celiaca/ Celiachia Tabella 8. Presidi della rete Nazionale: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 18 di 83

19 Figura 8 Presidi della rete Nazionale: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca/celiachia 3.2 L attività delle ASL In questo paragrafo sono riportati i dati di attività di recupero dei dati pregressi e di registrazione dei certificati di centri fuori Area vasta effettuata dal personale amministrativo delle ASL (Ufficio esenzioni). La Tabella 9 riporta i dati totali di certificati registrati e quanti di questi con esenzione RI0060 (Sprue Celiaca). ASL CERTIFICANTE ASL BR ASL TA ASL BT ASL BA ASL FG ASL LE N. tot. Di Centificati Certificati per Sprue Celiaca/ Celiachia Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 19 di 83

20 Totale Tabella 9. ASL: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca Figura 9 ASL: Certificati totali per malattia rara e certificati per Sprue celiaca/ Celiachia 3.3 Le Malattie Rare certificate in Puglia La Tabella 10 riporta le patologie più certificate dai centri (le prime 20) N. certificati SPRUE CELIACA/ CELICHIA CHERATOCONO 813 CONNETTIVITI INDIFFERENZIATE 308 TELEANGECTASIA EMORRAGICA EREDITARIA 269 FENILCHETONURIA 230 PUBERTA' PRECOCE IDIOPATICA 150 BETA TALASSEMIA OMOZIGOTE 149 SINDROME DI DOWN 149 SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA 148 APNEA INFANTILE 141 SINDROMI DA DUPLICAZIONE/DEFICIENZA CROMOSOMICA 130 NEUROFIBROMATOSI DI TIPO COREA DI HUNTINGTON 121 ACALASIA 104 TALASSEMIA MAJOR 95 SFEROCITOSI EREDITARIA 93 DEFICIT DI FATTORE VIII 88 DISORDINI EREDITARI TROMBOFILICI 85 Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 20 di 83

21 N. certificati NEUROFIBROMATOSI 83 Totale Tabella 10. Presidi della rete Nazionale: le malattie più certificate Il numero totale di certificati inseriti dai PRN è 8561, le prime venti malattie totalizzano 5018 casi. L analisi del dato evidenzia che le prime 20 malattie raggruppano il 58,61%% delle diagnosi effettuara dai PRN per Malattia Rare 3.4 Attività dei Centri e Presidi: mobilità attiva Nel periodo di rferimento di questo rapporto, i PRN pugliesi hanno certificato 760 malattie Rre per residenti fuori regione puglia. In Tabella 11 sono riportate le patologie più certificate dai centri pugliesi ad assistiti residenti fuori regione, l elenco dettagliato è riportato in Allegato C: Attività dei Presidi della rete Nazionale N. certificati residenti fuori Puglia TELEANGECTASIA EMORRAGICA EREDITARIA 174 CHERATOCONO 128 ACALASIA 48 FENILCHETONURIA 31 CONNETTIVITI INDIFFERENZIATE 22 TUMORE DI WILMS 16 DISORDINI EREDITARI TROMBOFILICI 14 NEUROFIBROMATOSI 14 PORFIRIA ACUTA INTERMITTENTE (AIP) 13 NEUROFIBROMATOSI DI TIPO 1 12 SPRUE CELIACA 12 SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA 11 POLIPOSI ADENOMATOSA FAMILIARE 9 DERMATOMIOSITE 8 POLIENDOCRINOPATIA AUTOIMMUNE DI TIPO II 8 PUBERTA' PRECOCE IDIOPATICA 8 BETA TALASSEMIA OMOZIGOTE 7 CONNETTIVITE MISTA 6 MALATTIA DI BEHCET 6 PEMFIGO VOLGARE 6 SFEROCITOSI EREDITARIA 6 SINDROME DI DOWN 6 Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 21 di 83

22 N. certificati residenti fuori Puglia TROMBOFILIA DOVUTA AD OMOZIGOSI PER IL FATTORE V DI LEIDEN 6 Tabella 11. Patologie maggiormente certificate dai centri pugliesi ad assistiti residenti fuori regione Figura 10 Patologie maggiormente certificate dai centri pugliesi ad assistiti residenti fuori regione In Tabella 12, sono riportati i dati relativi alle Regioni di residenza dei pazienti curati presso i centri Pugliesi. Si denota una forte migrazione dalle regioni limitrofe Campania e Basilicata, e di altre meridionali come Calabria e Sicilia. Molto minore il flusso dalle regioni Centro - Settentrionali. NOME REG DI RESIDENZA Fuori Pug. - 1 Piemonte 7 Valle d'aosta 1 Lombardia 21 Provincia Autonoma di Trento 2 Veneto 8 Friuli-Venezia Giulia 7 Liguria 2 Emilia-Romagna 7 Toscana 5 Umbria 3 Marche 23 Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 22 di 83

23 NOME REG DI RESIDENZA Fuori Pug. Lazio 59 Abruzzo 36 Molise 49 Campania 192 Basilicata 193 Calabria 79 Sicilia 47 Sardegna 5 ESTERO 13 Tabella 12. Regione di residenza di pazienti certificati in Puglia Figura 11 Regione di residenza di pazienti certificati in Puglia Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 23 di 83

24 4 Riferimenti normativi 1. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea dell' 8 giugno 2009 su un'azione nel settore delle malattie rare 2009/C 151/ Decreto Ministeriale 18 maggio 2001, n. 279 Regolamento di istituzione della Rete nazionale delle malattie rare e di esenzione dalla partecipazione al costo delle relative prestazioni sanitarie, ai sensi dell'articolo 5, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 29 aprile 1998, n Delibera di Giunta Regionale n del 23/12/2003 Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare, ai sensi del D.M. 18 maggio 2001, n Delibera di Giunta Regionale n. 464 del 05/04/2006 Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare, ai sensi del D.M. 18 maggio 2001, n Integrazione del 05/04/2006; 5. Delibera di Giunta Regionale n. 393 del 25/03/2008 Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare, ai sensi del D.M. 18 maggio 2001, n.279 Deliberazioni G.R. n.2238/03, n.464/06 e n.171/08 Integrazioni per la Sprue Celiaca. 6. Delibera di Giunta Regionale n. 434 del 24/03/ Delibera di Giunta Regionale n del 04/08/2010 Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare, ai sensi del D.M. 18 maggio 2001, N Deliberazione G.R. n del 23 dicembre Integrazione ed organizzazione centri emofilia del 04/08/2010; 8. Delibera di Giunta Regionale n del 04/10/2010 Integrazione Deliberazione di Giunta Regionale n del 04/08/2010. Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare, ai sensi del D.M. 18 maggio 2001, N Deliberazione G.R. n del 23 dicembre Integrazione ed organizzazione Centri Emofilia del 04/10/2010; 9. Delibera di Giunta Regionale n del 31 luglio 2012 D.M. 18 maggio 2001, n Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare - Ricognizione dei Centri interregionali di riferimento (CIR) e dei Presidi della Rete Nazionale (PRN) di cui alla deliberazione di Giunta regionale n del 23/12/2003 e s.m.i. 10. Delibera di Giunta Regionale n. 171 del 19/02/2008 Decreto Ministeriale n. 279/01 Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi e la terapia delle malattie rare Integrazione Deliberazione di Giunta regionale n. 2238/03 Recepimento Accordo Stato- Regioni 10 maggio Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 24 di 83

25 11. Delibera di Giunta Regionale 15 dicembre 2009, n.2485 Malattie Rare - D.M. n. 279 del 18 maggio Accordo Stato-Regioni del 10 maggio 2007 Istituzione Centro di assistenza e ricerca sovraziendale - Costituzione Coordinamento regionale. 12. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 agosto 2012, n Art. 39 L.R. 4/2010. D.M. 279/2001. DGR n. 2283/2003 e s.m.i. DGR n. 2845/2009. Avvio del Sistema Informativo delle Malattie Rare della Regione Puglia (SIMaRRP). 13. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 10 febbraio 2015, n. 158 Accordo Conferenza Stato Regioni del 16/10/2014 Piano Nazionale per le Malattie Rare Recepimento Piano Programmatico del Coordinamento Regionale Malattie Rare (CoReMaR) Puglia Approvazione Linee Guida ed Istruzioni operative in materia di Assistenza ai pazienti affetti da Malattia rara Approvazione. Malattie Rare in Puglia Analisi dei dati di attività al 14 maggio 2015 Pag 25 di 83

PRESIDI DI RIFERIMENTO REGIONALE (D.G.R. n. 205/2005 D.G.R. n. 395/2004) Tumori

PRESIDI DI RIFERIMENTO REGIONALE (D.G.R. n. 205/2005 D.G.R. n. 395/2004) Tumori PRESIDI DI RIFERIMENTO REGIONALE (D.G.R. n. 205/2005 D.G.R. n. 395/2004) Tumori Tumore di Wilms RB0010 Pediatria Ospedale Silvestrini Malattie delle ghiandole endocrine, della nutrizione, del metabolismo

Dettagli

ATTESO che il medesimo provvedimento regionale stabilisce i criteri per detto riconoscimento;

ATTESO che il medesimo provvedimento regionale stabilisce i criteri per detto riconoscimento; DGR 2725 DD 12.9.2003 LA GIUNTA REGIONALE PREMESSO che con deliberazione G.R. n. 3277 del 27 settembre 2002 sono stati individuati i Presidi regionali per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi delle

Dettagli

RETE DEI PRESIDI PER LE MALATTIE RARE PREVISTE NEL DM n.279/2001

RETE DEI PRESIDI PER LE MALATTIE RARE PREVISTE NEL DM n.279/2001 ALLEGATO 1 RETE DEI PRESIDI PER LE MALATTIE RARE PREVISTE NEL DM n.279/2001 RA0010 MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE HANSEN MALATTIA DI RA0020 MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE WHIPPLE MALATTIA DI RA0030

Dettagli

RETE REGIONALE DELLE MALATTIE RARE

RETE REGIONALE DELLE MALATTIE RARE RA0010 HANSEN MALATTIA DI 3 - Nuoro S. Francesco Dermatologia RA0010 HANSEN MALATTIA DI 8 - Cagliari SS. Trinità Dermatologia RA0010 HANSEN MALATTIA DI Sassari Azienda ospedaliero universitaria di SS Clinica

Dettagli

Allegato B Strutture di riferimento dell area vasta interregionale per le malattie rare per gruppi di patologie di cui al D.M. 279/2001 1 GRUPPO Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Regione Veneto Provincia

Dettagli

RA0010 Hansen malattia di 7 2 9 RA0020 Whipple malattia di 0 2 2 RA0030 Lyme malattia di 2 0 2

RA0010 Hansen malattia di 7 2 9 RA0020 Whipple malattia di 0 2 2 RA0030 Lyme malattia di 2 0 2 1. MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE (cod. ICD9-CM da 001 a 139) 2.TUMORI (cod. ICD9-CM da 140-239) 3. MALATTIE DELLE GHIANDOLE ENDOCRINE, DELLA NUTRIZIONE, DEL METABOLISMO E DISTURBI IMMUNITARI (cod.

Dettagli

ATTESO che il medesimo provvedimento regionale stabilisce i criteri per detto riconoscimento;

ATTESO che il medesimo provvedimento regionale stabilisce i criteri per detto riconoscimento; DGR 2725 DD 12.9.2003 LA GIUNTA REGIONALE PREMESSO che con deliberazione G.R. n. 3277 del 27 settembre 2002 sono stati individuati i Presidi regionali per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi delle

Dettagli

Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna

Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Analisi dei dati di attività 2007-2014 e confronto con altri flussi informativi - SESTA EDIZIONE - Redazione a cura di Matteo Volta, Maria

Dettagli

Strutture di riferimento dell area vasta interregionale per le malattie rare per gruppi di patologie di cui al D.M. 279/2001

Strutture di riferimento dell area vasta interregionale per le malattie rare per gruppi di patologie di cui al D.M. 279/2001 ALLEGATOB alla Dgr n. 2046 del 03 luglio 2007 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/10 Strutture di riferimento dell area vasta interregionale per le malattie rare per

Dettagli

ALLEGATOC alla Dgr n. 2046 del 03 luglio 2007 pag. 1/76. ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/76. giunta regionale 8^ legislatura

ALLEGATOC alla Dgr n. 2046 del 03 luglio 2007 pag. 1/76. ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/76. giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOC alla Dgr n. 2046 del 03 luglio 2007 pag. 1/76 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/76 Strutture ed Unità Operative di riferimento (Centri di riferimento) dell area vasta

Dettagli

RA0030. Malattia di Lyme RA0030 AOU Udine (ped) (adu) RA0010 AOU Trieste RB0010 RB0020 RB0040 RB0050 RBG010

RA0030. Malattia di Lyme RA0030 AOU Udine (ped) (adu) RA0010 AOU Trieste RB0010 RB0020 RB0040 RB0050 RBG010 Allegato C Strutture ed Unità Operative di riferimento (Centri di riferimento) dell area vasta interregionale per le malattie rare per gruppi di patologie di cui al D.M. 279/2001 *= Malattie con esempi

Dettagli

Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna

Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Analisi dei dati di attività 2007-2015 e confronto con altri flussi informativi - SETTIMA EDIZIONE - Redazione a cura di Matteo Volta, Maria

Dettagli

MALATTIE RARE (MR) IN PROVINCIA DI BERGAMO ANALISI DEI DATI DI ESENZIONE 2014

MALATTIE RARE (MR) IN PROVINCIA DI BERGAMO ANALISI DEI DATI DI ESENZIONE 2014 MALATTIE RARE (MR) IN PROVINCIA DI BERGAMO ANALISI DEI DATI DI ESENZIONE 2014 a cura di Alberto Zucchi Servizio Epidemiologico Aziendale - Dipartimento PAC ASL di Bergamo Premessa Questo report non rappresenta

Dettagli

SÜDTIROLER OPERATIVE EINHEITEN FÜR DIE DIAGNOSE UND AUSSTELLUNG DES PERSÖNLICHEN THERAPIEPLANES

SÜDTIROLER OPERATIVE EINHEITEN FÜR DIE DIAGNOSE UND AUSSTELLUNG DES PERSÖNLICHEN THERAPIEPLANES Hautkrankheiten und en des Unterhautgewebes (Kindesalter und Erwachsene) en des Knochen- und Muskelsystems sowie des Bindegewebes (Erwachsene) Dermatologie Malattie della pelle e del tessuto sottocutaneo

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 61 del 10/03/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 61 del 10/03/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 61 del 10/03/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema Sanitario

Dettagli

PATOLOGIE RARE IN ONCOLOGIA «Tumori rari» Roma, 19 settembre 2013

PATOLOGIE RARE IN ONCOLOGIA «Tumori rari» Roma, 19 settembre 2013 PATOLOGIE RARE IN ONCOLOGIA «Tumori rari» Roma, 19 settembre 2013 Le patologie rare oncologiche nel Sistema Sanitario Nazionale Dott.ssa Giuseppina Annicchiarico Coordinamento Regionale Malattie Rare AReS

Dettagli

Tabella 2 - Esenzioni attive nella Regione Lazio al 15.03.2013 per ordine alfabetico malattia rara/gruppo - Fonte LAIT

Tabella 2 - Esenzioni attive nella Regione Lazio al 15.03.2013 per ordine alfabetico malattia rara/gruppo - Fonte LAIT RN0790 AARSKOG SINDROME DI MALATTIA 4 RI0010 ACALASIA MALATTIA 166 RC0120 ACERULOPLASMINEMIA CONGENITA MALATTIA 3 RNG030 ACROCEFALOSINDATTILIA GRUPPO 2 RC0010 ACTH DEFICIENZA DI MALATTIA 8 RN0340 ADAMS-OLIVER

Dettagli

Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna

Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Analisi dei dati di attività 2007-2012 e confronto con altri flussi informativi - QUARTA EDIZIONE - Redazione a cura di Matteo Volta, Elisa

Dettagli

ASSISTENZA. Le Malattie Rare nel Distretto di Poggiardo dell ASL di Lecce

ASSISTENZA. Le Malattie Rare nel Distretto di Poggiardo dell ASL di Lecce ASSISTENZA Le Malattie Rare nel Distretto di Poggiardo dell ASL di Lecce Poter gestire e aggiornare il Registro delle MR anche a livello distrettuale può consentire, attraverso l applicazione di analisi

Dettagli

ALLEGATO A alla Deliberazione della Giunta Regionale n. 178 del 20 maggio 2011_

ALLEGATO A alla Deliberazione della Giunta Regionale n. 178 del 20 maggio 2011_ ALLEGATO A alla Deliberazione della Giunta Regionale n. 178 del 20 maggio 2011_ Aggiornamento Rete Regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi e la terapia delle malattie rare.- RETE REGIONALE

Dettagli

ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELL ASL di BRESCIA

ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELL ASL di BRESCIA ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELL ASL di BRESCIA - Dicembre 2014 - Centro Territoriale Malattie Rare INTRODUZIONE Vengono definite Malattie Rare quelle patologie con prevalenza inferiore ad una soglia stabilita

Dettagli

CENTRO REGIONALE MALATTIE RARE

CENTRO REGIONALE MALATTIE RARE CENTRO REGIONALE MALATTIE RARE Referente regionale: Dr.ssa Rosalba BARONE Funzionario incaricato: Avv. Domenico GULLÀ TEL. 0961/856565 ~ FAX 0961/856570 AZIENDA OSPEDALIERA ANNUNZIATA DI COSENZA 1- CENTRO

Dettagli

Allegato A. Apparato digerente ATRESIA ESOFAGEA E/O FISTOLA TRACHEOESOFAGEA

Allegato A. Apparato digerente ATRESIA ESOFAGEA E/O FISTOLA TRACHEOESOFAGEA Allegato parte integrante - 1 Allegato A Apparato digerente RN0160 Malattia RN0170 Malattia RN0180 Malattia RN0190 Malattia RN0210 Malattia RN0220 Malattia RN0320 Malattia RN0200 Malattia RN0230 Malattia

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. N. (OSP/03/28044) ---------------------------------------------------------- --- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visto il D.M. n. 279 del 18 maggio 2001 di istituzione e regolamentazione della

Dettagli

RETE DEI PRESIDI PER LE MALATTIE RARE PERVISTE NEL DM n. 279/2001

RETE DEI PRESIDI PER LE MALATTIE RARE PERVISTE NEL DM n. 279/2001 RA0010 RA0010 RA0020 RA0020 RA0030 RA0030 RA0030 RA0030 INFETTIVE E PARASSITARIE INFETTIVE E PARASSITARIE INFETTIVE E PARASSITARIE INFETTIVE E PARASSITARIE INFETTIVE E PARASSITARIE INFETTIVE E PARASSITARIE

Dettagli

Ritenuto pertanto, atteso quanto sopra:

Ritenuto pertanto, atteso quanto sopra: Prot. N. (OSP/03/28044) ------------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visto il D.M. n. 279 del 18 maggio 2001 di istituzione e regolamentazione della

Dettagli

CODICE NOME MALATTIA RARA/GRUPPO TIPO N. %

CODICE NOME MALATTIA RARA/GRUPPO TIPO N. % RDG020 DISORDINI EREDITARI TROMBOFILICI AFFERENTE 1.613 9,4 RBG010 NEUROFIBROMATOSI GRUPPO 1.002 5,9 RF0280 CHERATOCONO PATOLOGIA 588 3,4 RMG010 CONNETTIVITI INDIFFERENZIATE GRUPPO 518 3,0 RDG020 EMOFILIA

Dettagli

RETE REGIONALE delle MALATTIE RARE

RETE REGIONALE delle MALATTIE RARE RETE REGIONALE delle MALATTIE RARE CENTRO REGIONALE MALATTIE RARE Referente regionale: Dr.ssa Rosalba BARONE Funzionario incaricato: Dr Domenico GULLÀ TEL. 0961/856565 ~ FAX 0961/856584 AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

MALATTIE RARE NELL ASL di BRESCIA

MALATTIE RARE NELL ASL di BRESCIA MALATTIE RARE NELL ASL di BRESCIA Relazione epidemiologica al 31 Dicembre 2010 Dipartimento Cure Primarie Centro Territoriale Malattie Rare PAZIENTI AFFETTI da MALATTIA RARA NELL ASL di BRESCIA Relazione

Dettagli

Paola Zuech Registro delle Malattie Rare della della Provincia Autonoma di Bolzano

Paola Zuech Registro delle Malattie Rare della della Provincia Autonoma di Bolzano STIMA DELLA PROBABILITÀ DI ERRORE NELLA DIAGNOSI DI MALATTIE RARE, IN ASSENZA DI UN ACCREDITAMENTO DEI CENTRI DI RIFERIMENTO BASATO SULL ANALISI DI INDICATORI DI COMPETENZA OGGETTIVI E MISURABILI L ESPERIENZA

Dettagli

Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare ai sensi del d.m. 18 maggio 2001, n. 279.

Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare ai sensi del d.m. 18 maggio 2001, n. 279. Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare ai sensi del d.m. 18 maggio 2001, n. 279 RLoMR REGISTRO LOMBARDO DELLE MALATTIE RARE RAPPORTO N. 2 2009 A

Dettagli

Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Analisi dei dati di attività 2007-2011 e confronto con altri flussi informativi

Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Analisi dei dati di attività 2007-2011 e confronto con altri flussi informativi Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Analisi dei dati di attività 2007-2011 e confronto con altri flussi informativi - TERZA EDIZIONE - Redazione a cura di Matteo Volta, Elisa

Dettagli

La revisione dell elenco delle malattie rare

La revisione dell elenco delle malattie rare La revisione dell elenco delle malattie rare Campania Generoso Andria Giandomenico Palka Maria Elena Congiu I principi guida nella revisione dell elenco MR Rarità Maggiore appropriatezza Correttezza /

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. N. (OSP/05/39411) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Richiamate: la propria delibera n. 160 del 2.2.2004 di istituzione della rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi e

Dettagli

LE ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELLA REGIONE LAZIO. (esenzioni attive al 31.05.2011)

LE ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELLA REGIONE LAZIO. (esenzioni attive al 31.05.2011) LE ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELLA REGIONE LAZIO (esenzioni attive al 31.05.2011) L archivio delle esenzioni per Malattia Rara (MR) è stato fornito dalla Lazio Innovazione Tecnologica (LAIT), Ente di

Dettagli

LE ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELLA REGIONE LAZIO. (esenzioni attive al 2.03.2012)

LE ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELLA REGIONE LAZIO. (esenzioni attive al 2.03.2012) LE ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELLA REGIONE LAZIO (esenzioni attive al 2.03.2012) Nel documento viene presentata una analisi descrittiva delle esenzioni per Malattia Rara basata sui dati dell archivio

Dettagli

Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare ai sensi del d.m. 18 maggio 2001, n.

Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare ai sensi del d.m. 18 maggio 2001, n. Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia delle malattie rare ai sensi del d.m. 18 maggio 2001, n. 279 REGISTRO LOMBARDO DELLE MALATTIE RARE (RLOMR) RAPPORTO N. 2 2010

Dettagli

REGISTRO REGIONALE DELLE MALATTIE RARE

REGISTRO REGIONALE DELLE MALATTIE RARE Assessorato alla Sanità Osservatorio Epidemiologico Regionale Centro di Coordinamento Regionale per le Malattie Rare - AOU Federico II REGIONE CAMPANIA REGISTRO REGIONALE DELLE MALATTIE RARE 1 RAPPORTO

Dettagli

Portale Web Regionale Malattie Rare AZIENDA OSPEDALIERA ORDINE MAURIZIANO DI TORINO

Portale Web Regionale Malattie Rare AZIENDA OSPEDALIERA ORDINE MAURIZIANO DI TORINO ) Informazioni generali: PUNTI ACCOGLIENZA Portale Web Regionale Malattie Rare AZIENDA OSPEDALIERA ORDINE MAURIZIANO DI TORINO Ufficio relazioni con il pubblico ASO Ordine Mauriziano Umberto I - Responsabile:

Dettagli

ATTO. RICHIAMATA la seguente normativa in tema di malattie rare:

ATTO. RICHIAMATA la seguente normativa in tema di malattie rare: SCHEMA N.... NP/312133 DEL PROT. ANNO...2008 Dipartimen t o Sa lu te e Servizi Sociali O GG E TTO : Revisione dei presidi e dei centri di riferimento della rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza,

Dettagli

UNIAMO FIMR onlus. Federazione Italiana Malattie Rare. Le azioni delle associazioni dei cittadini. Renza Barbon Galluppi Roma, 23 maggio 2007

UNIAMO FIMR onlus. Federazione Italiana Malattie Rare. Le azioni delle associazioni dei cittadini. Renza Barbon Galluppi Roma, 23 maggio 2007 . UNIAMO FIMR onlus Federazione Italiana Malattie Rare. Le azioni delle associazioni dei cittadini Renza Barbon Galluppi Roma, 23 maggio 2007 UNIAMO FIMR onlus Federazione Italiana Malattie Rare Organizzazione

Dettagli

La rete delle Malattie Rare del Piemonte e della Valle d Aosta: stato dell arte Dario Roccatello e Simone Baldovino

La rete delle Malattie Rare del Piemonte e della Valle d Aosta: stato dell arte Dario Roccatello e Simone Baldovino La rete delle Malattie Rare del Piemonte e della Valle d Aosta: stato dell arte Dario Roccatello e Simone Baldovino CMID, Centro di Coordinamento Rete per le malattie Rare del Piemonte e della Valle d

Dettagli

Allegato alla deliberazione della Giunta regionale n. 1359 del 18/5/2007 MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE RD0131

Allegato alla deliberazione della Giunta regionale n. 1359 del 18/5/2007 MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE RD0131 LA GIUNTA REGIONALE - visto il decreto legislativo 29 aprile 1998, n. 124 Ridefinizione del sistema di partecipazione al costo delle prestazioni sanitarie e del regime delle esenzioni, a norma dell articolo

Dettagli

LE ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELLA REGIONE LAZIO. (esenzioni attive al 15.03.2013)

LE ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELLA REGIONE LAZIO. (esenzioni attive al 15.03.2013) LE ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELLA REGIONE LAZIO (esenzioni attive al 15.03.2013) Nel documento viene presentata una analisi delle esenzioni per Malattia Rara basata sui dati dell archivio fornito da

Dettagli

Elenco dei dati. Definizione malattia e/o gruppo (comprende i sinonimi) AARSKOG SINDROME DI AASE-SMITH SINDROME DI

Elenco dei dati. Definizione malattia e/o gruppo (comprende i sinonimi) AARSKOG SINDROME DI AASE-SMITH SINDROME DI Elenco dei dati AARSKOG SINDROME DI AASE-SMITH SINDROME DI ACALASIA ACERULOPLASMINEMIA CONGENITA ACROCEFALOSINDATTILIA ACRODERMATITE ENTEROPATICA ACRODISOSTOSI ADAMS-OLIVER SINDROME DI ADIPOSI DOLOROSA

Dettagli

[ Elenco alfabetico delle malattie rare esenti incluse nei gruppi ] Elenco dei dati

[ Elenco alfabetico delle malattie rare esenti incluse nei gruppi ] Elenco dei dati [ Elenco alfabetico delle malattie rare esenti incluse nei gruppi ] Definizione malattia e/o gruppo AARSKOG SINDROME DI AASE-SMITH SINDROME DI ACALASIA ACERULOPLASMINEMIA CONGENITA ACROCEFALOSINDATTILIA

Dettagli

Il ruolo delle reti terziarie: la collaborazione con Orphanet-Italia

Il ruolo delle reti terziarie: la collaborazione con Orphanet-Italia Il ruolo delle reti terziarie: la collaborazione con Orphanet-Italia La Raccomandazione 2009/C 151/02 della Commissione Europea ha invitato gli Stati Membri ad adottare piani/strategie nazionali per le

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 23 dicembre 2003, n. 2238

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 23 dicembre 2003, n. 2238 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 5 del 14-1-2004 547 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 23 dicembre 2003, n. 2238 Rete regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi, la terapia

Dettagli

Supplemento n. 2 al B.U. n. 28/I-II del 10.7.2007 - Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom 10.7.2007 - Nr. 28/I-II 1 SUPPLEMENTO N. 2 BEIBLATT NR.

Supplemento n. 2 al B.U. n. 28/I-II del 10.7.2007 - Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom 10.7.2007 - Nr. 28/I-II 1 SUPPLEMENTO N. 2 BEIBLATT NR. Supplemento n. 2 al B.U. n. 28/I-II del 10.7.2007 - Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom 10.7.2007 - Nr. 28/I-II 1 SUPPLEMENTO N. 2 BEIBLATT NR. 2 ANNO 2007 JAHR 2007 DELIBERAZIONI, DISPOSIZIONI E COMUNICATI

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 33 DEL 18 AGOSTO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 33 DEL 18 AGOSTO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 18 luglio 2008 - Deliberazione N. 1229 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - N. 19 - Piano Sanitario Regionale e Rapporti con

Dettagli

D.M. 28 maggio 1999, n.329. (Supplemento Ordinario alla G.U. 25 settembre 1999, n.226.) NOTE ESPLICATIVE

D.M. 28 maggio 1999, n.329. (Supplemento Ordinario alla G.U. 25 settembre 1999, n.226.) NOTE ESPLICATIVE D.M. 28 maggio 1999, n.329. (Supplemento Ordinario alla G.U. 25 settembre 1999, n.226.) Regolamento recante norme di individuazione delle malattie croniche e invalidanti NOTE ESPLICATIVE Novembre 1999

Dettagli

Registro Interregionale delle Malattie Rare

Registro Interregionale delle Malattie Rare Registro Interregionale delle Malattie Rare Report 2008 PAG 1 La Rete Interregionale per le malattie rare del Piemonte e della Valle dʼaosta La rete piemontese per le Malattie Rare è stata disegnata per

Dettagli

CONDIZIONE DI ESENZIONE I09.G INVALIDI CIVILI CON RIDUZIONE DELLA CAPACITA' LAVORATIVA SUPERIORE AI 2/3

CONDIZIONE DI ESENZIONE I09.G INVALIDI CIVILI CON RIDUZIONE DELLA CAPACITA' LAVORATIVA SUPERIORE AI 2/3 INVALIDITA' CODICE DI ESENZIONE CONDIZIONE DI ESENZIONE I09.G INVALIDI CIVILI CON RIDUZIONE DELLA CAPACITA' LAVORATIVA SUPERIORE AI 2/3 I09.S I10.G I11.G I11.S I43.G I43.P INVALIDI CIVILI AL 100% SENZA

Dettagli

1 001 Soggetti affetti da patologie croniche e invalidanti esenti ai sensi del D.M. 28/05/1999 n. 329 e succ. modi 2 002 Soggetti affetti da patologie croniche e invalidanti esenti ai sensi del D.M. 28/05/1999

Dettagli

Rete Regionale Malattie Rare. AZIENDA OSPEDALIERA SAN LUIGI Offerta assistenziale

Rete Regionale Malattie Rare. AZIENDA OSPEDALIERA SAN LUIGI Offerta assistenziale Rete Regionale Malattie Rare AZIENDA OSPEDALIERA SAN LUIGI Offerta assistenziale Offerta assistenziale per le singole Malattie Rare dell Azienda Sanitaria Ospedaliera San Luigi Struttura Complessa a Direzione

Dettagli

REGIONE COD_ESENZIONE DESCRIZIONE SPESA Nota

REGIONE COD_ESENZIONE DESCRIZIONE SPESA Nota REGIONE COD_ESENZIONE DESCRIZIONE SPESA Nota 190 001 28/05/1999 N. 329 Si veda elenco prestazioni correlate esenti 190 003 28/05/1999 N. 329 Si veda elenco prestazioni correlate esenti 190 0031 IPERTENSIONE

Dettagli

La ricerca che allunga la vita: come nasce un vaccino. San Marino, 24 marzo 2006 Claudio Buttarelli vicepresidente Uniamo FIMR

La ricerca che allunga la vita: come nasce un vaccino. San Marino, 24 marzo 2006 Claudio Buttarelli vicepresidente Uniamo FIMR . La ricerca che allunga la vita: come nasce un vaccino. San Marino, 24 marzo 2006 Claudio Buttarelli vicepresidente Uniamo FIMR Chi è Uniamo? Uniamo è l alleanza nazionale che riunisce le associazioni

Dettagli

Numerose sono oggi le iniziative promosse in

Numerose sono oggi le iniziative promosse in Rete nazionale malattie rare L'ESPERIENZA DELLA REGIONE LAZIO Italian National Network for Rare Diseases. Lazio Region: the experience in the field of rare diseases. In the activity of the Lazio Registry

Dettagli

REGISTRO REGIONALE DELLE MALATTIE RARE

REGISTRO REGIONALE DELLE MALATTIE RARE Assessorato alla Sanità Osservatorio Epidemiologico Regionale Centro di Coordinamento Regionale per le Malattie Rare REGIONE CAMPANIA REGISTRO REGIONALE DELLE MALATTIE RARE 2 RAPPORTO 31 AGOSTO 2012 A

Dettagli

TARIFFARIO PRESTAZIONI LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE, SEZIONE DI PSICOLOGIA CLINICA SANITARIA, DELLE ORGANIZZAZIONI E DEL BENESSERE

TARIFFARIO PRESTAZIONI LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE, SEZIONE DI PSICOLOGIA CLINICA SANITARIA, DELLE ORGANIZZAZIONI E DEL BENESSERE TARIFFARIO PRESTAZIONI LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE, SEZIONE DI PSICOLOGIA CLINICA SANITARIA, DELLE ORGANIZZAZIONI E DEL BENESSERE PRESTAZIONE IMPONIBILE IVA TOTALE Consulenza genetica 50,00 0,00

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Le Malattie Rare nella Regione Lazio

Le Malattie Rare nella Regione Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Le Malattie Rare nella Regione Lazio Rapporto Attività Aprile 2008 - Giugno 2010 Ottobre 2010 Le Malattie Rare nella Regione Lazio Rapporto Attività Aprile 2008 -

Dettagli

IL BAMBINO MALFORMATO

IL BAMBINO MALFORMATO IL BAMBINO MALFORMATO IL PEDIATRA DI FAMIGLIA E LE MALATTIE GENETICHE Dr Paola Basile Pediatra di Famiglia ASL CE1 DISTRETTO 25 RISULTATO D INDAGINE PEDIATRI DI FAMIGLIA 28 TOTALE ASSISTITI 27.459 MALATTIE

Dettagli

Le Malattie Rare nella Regione Lazio

Le Malattie Rare nella Regione Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Le Malattie Rare nella Regione Lazio Rapporto Anno 201 201 Le Malattie Rare nella Regione Lazio Rapporto Anno 2011 Aprile 2012 A cura di Esmeralda Castronuovo Domenico

Dettagli

NUOVE ESENZIONI 2005 CODICI SISR NUOVE ESENZIONI 2005

NUOVE ESENZIONI 2005 CODICI SISR NUOVE ESENZIONI 2005 NUOVE ESENZIONI 2005 GRUPPO ESENZIONE: (CODICE=0) PATOLOGIE CRONICHE "0A02" "MAL.CARDIACHE E CIRCOLO POLM." "MALATTIE CARDIACHE E DEL CIRCOLO POLMONARE" "0A31" "IPERT.ARTERIOSA" "IPERTENSIONE ARTERIOSA"

Dettagli

RETE INTERREGIONALE PER LE MALATTIE RARE DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA

RETE INTERREGIONALE PER LE MALATTIE RARE DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA RETE INTERREGIONALE PER LE MALATTIE RARE DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA REPORT 2012 DI SEGNALAZIONE AL REGISTRO INTERREGIONALE DELLE MALATTIE RARE DEL PIEMONTE E DELLA VALLE!D AOSTA! A cura del Centro

Dettagli

Bur n. 67 del 31/07/2007

Bur n. 67 del 31/07/2007 Bur n. 67 del 31/07/2007 Sanità e igiene pubblica DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 2046 del 03 luglio 2007 Accordo tra Regione del Veneto, Regione Friuli Venezia Giulia, Provincia Autonoma di Bolzano

Dettagli

D.M. 18 maggio 2001, n. 279.

D.M. 18 maggio 2001, n. 279. D.M. 18 maggio 2001, n. 279. Regolamento di istituzione della rete nazionale delle malattie rare e di dalla partecipazione al costo delle relative prestazioni sanitarie, ai sensi dell'articolo 5, comma

Dettagli

Guida. Servizi Sanitari. I.R.C.C.S. "Eugenio Medea" Polo Scientifico di Ostuni - Brindisi. Prodotta il 13/02/2016

Guida. Servizi Sanitari. I.R.C.C.S. Eugenio Medea Polo Scientifico di Ostuni - Brindisi. Prodotta il 13/02/2016 Guida ai Servizi Sanitari I.R.C.C.S. "Eugenio Medea" Polo Prodotta il 13/02/2016 Sommario Organizzazione Contatti Principale e Recapiti URP Strutture Sanitarie Unità Operative U.O. di Neuroriabilitazione

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Sped. in abb. Postale, Art. 2, comma 20/c - Legge 662/96 - Aut. DC/215/03/01/01 - Potenza Anno XXXV BARI, 14 GENNAIO 2004 N. 5 Il Bollettino

Dettagli

Diagnosi Acidosi 276.2 Acromegalia 253.0 Adenoma ipofisario 227.3 Adenoma surrenalico 227.0 Alcalosi 276.3 Aldosteronismo glucocorticoide dipendente

Diagnosi Acidosi 276.2 Acromegalia 253.0 Adenoma ipofisario 227.3 Adenoma surrenalico 227.0 Alcalosi 276.3 Aldosteronismo glucocorticoide dipendente Malattia Codice Diagnosi Acidosi 276.2 Acromegalia 253.0 Adenoma ipofisario 227.3 Adenoma surrenalico 227.0 Alcalosi 276.3 Aldosteronismo glucocorticoide dipendente 255.11 Alterazioni della secrezione

Dettagli

Malattie genetiche. Il genoma umano e formato da 23 paia di cromosomi (1 paio di eterocromosomi, 22 paia di autosomi).

Malattie genetiche. Il genoma umano e formato da 23 paia di cromosomi (1 paio di eterocromosomi, 22 paia di autosomi). Malattie genetiche Il patrimonio genetico e contenuto nel DNA. Il genoma umano e formato da 23 paia di cromosomi (1 paio di eterocromosomi, 22 paia di autosomi). La sequenza di tutto il genoma umano e

Dettagli

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I Carta dei Servizi Malattie Rare 2014 AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I CENTRO ANTIVELENI 06.4997.8000 - h 24 CENTRO TRASFUSIONALE 06.4997.437/8 - h 24 DONAZIONI SANGUE 06.4997.6417/8

Dettagli

Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Analisi dei dati di attività 2007-2010 e confronto con altri flussi informativi

Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Analisi dei dati di attività 2007-2010 e confronto con altri flussi informativi Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Analisi dei dati di attività 2007-2010 e confronto con altri flussi informativi - SECONDA EDIZIONE - Redazione a cura di Matteo Volta, Elisa

Dettagli

2. Rete nazionale per la prevenzione, la sorveglianza la diagnosi e la terapia delle malattie rare.

2. Rete nazionale per la prevenzione, la sorveglianza la diagnosi e la terapia delle malattie rare. 310. SANITA' PUBBLICA R) Servizio sanitario nazionale D.M. 18/05/2001, n. 279 Regolamento di istituzione della rete nazionale delle malattie rare e di esenzione dalla partecipazione al costo delle relative

Dettagli

Malattie metaboliche e genetiche del Sistema Nervoso. www.fisiokinesiterapia.biz

Malattie metaboliche e genetiche del Sistema Nervoso. www.fisiokinesiterapia.biz Malattie metaboliche e genetiche del Sistema Nervoso www.fisiokinesiterapia.biz Malattie metaboliche del Sistema Nervoso Metabolismo: insieme delle reazioni chimiche alla base dei processi vitali tissuto-cellulari

Dettagli

REGISTRO REGIONALE DELLE MALATTIE RARE

REGISTRO REGIONALE DELLE MALATTIE RARE Direzione Generale per la tutela la salute e il coordinamento SSR Centro di Coordinamento Regionale per le Rare REGIONE CAMPANIA REGISTRO REGIONALE DELLE MALATTIE RARE 3 RAPPORTO 14 Maggio 2014 A cura

Dettagli

MALATTIE RARE e RITARDO MENTALE

MALATTIE RARE e RITARDO MENTALE MALATTIE RARE e RITARDO MENTALE A) MALATTIE RARE Le malattie rare sono condizioni morbose poco frequenti per definizione, ma anche poco conosciute, poco studiate e spesso prive di una adeguata terapia.

Dettagli

Applicazione esenzione ESENZIONE

Applicazione esenzione ESENZIONE Applicazione esenzione COD ESENZIONE 1=specialistic a;2=farmaceut ica;3=entramb e RN0790 AARSKOG SINDROME DI 3 RN1340 AASE-SMITH SINDROME DI 3 RI0010 ACALASIA 3 RC0120 ACERULOPLASMINEMIA CONGENITA 3 RNG030

Dettagli

Malattie Neurologiche Rare: problemi organizzativi ed assistenziali

Malattie Neurologiche Rare: problemi organizzativi ed assistenziali Malattie Neurologiche Rare: problemi organizzativi ed assistenziali A. FEDERICO, A. SPERDUTO, C. GAUDIANO e MT. DOTTI Dipartimento di Scienze Neurologiche e del Comportamento, Università degli Studi di

Dettagli

Esenzione ticket. Categorie di persone con Esenzione

Esenzione ticket. Categorie di persone con Esenzione Esenzione ticket Riferimenti di legge Il D.M. 329/99 ha in allegato l elenco delle patologie esenti dal pagamento ticket. Il Decreto ministeriale 245/98 è relativo all esenzione ticket per la tutela della

Dettagli

In meno di 10 anni l attenzione per le malattie IL REGISTRO REGIONALE MALATTIE RARE DELLA TOSCANA IN BRIEF

In meno di 10 anni l attenzione per le malattie IL REGISTRO REGIONALE MALATTIE RARE DELLA TOSCANA IN BRIEF Rete nazionale malattie rare IL REGISTRO REGIONALE MALATTIE RARE DELLA TOSCANA Italian National Network for Rare Diseases. The Tuscany Registry for Rare Diseases. Rare diseases (RDs) are life-threatening

Dettagli

Analisi genetica nell uomo: alberi genealogici problemi interpretazione

Analisi genetica nell uomo: alberi genealogici problemi interpretazione Analisi genetica nell uomo: alberi genealogici problemi interpretazione Tipi di ereditarietà monofattoriale autosomica dominante recessiva legata al sesso dominante recessiva Alberi genealogici o pedigrees

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1832/2010 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno Lunedì 29 del mese di Novembre dell' anno 2010 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

A.O. "Mater Domini" di Catanzaro ~ U.O. di Pediatria ~ referente: dr.ssa Daniela CONCO- LINO ~ Tel. 0961/883.462 2 AASE-SMITH, SINDROME DI RN1340 n.d.

A.O. Mater Domini di Catanzaro ~ U.O. di Pediatria ~ referente: dr.ssa Daniela CONCO- LINO ~ Tel. 0961/883.462 2 AASE-SMITH, SINDROME DI RN1340 n.d. 1 AARSKOG, RN0790 2 AASE-SMITH, RN1340 n.d. 3 ABETALIPOPROTEINA RCG070 4 ACALASIA RI0010 5 6 ACERULOPLASMINEMIA CON- GENITA ACIDEMIE ORGANICHE E ACIDOSI LATTICHE PRIMITIVE RC0120 RCG040 Alterazioni congenite

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione Generale della Programmazione sanitaria Ufficio VI ex DGRUERI Regione Puglia Centri Regionali di Riferimento legittimati al rilascio del parere/autorizzazione per cure

Dettagli

Elenco dei centri interregionali

Elenco dei centri interregionali Elenco dei centri interregionali RA0020 Whipple malattia di: Aso Alessandria; Ao Sacco Milano; Irccs «S. De Bellis» Castellana Grotte (BA). RC0080 Lipodistrofia totale: AO S. Gerardo Monza; RCG020 Sindromi

Dettagli

Invalidi del lavoro con riduzione della capacità lavorativa < 2/3 - dall 1% al 66% di invalidità - (ex art. 6 comma 2 lett. b del D.M. 01.02.

Invalidi del lavoro con riduzione della capacità lavorativa < 2/3 - dall 1% al 66% di invalidità - (ex art. 6 comma 2 lett. b del D.M. 01.02. - Campo 43.0 - identificativo esenzione del tracciato della specialistica ambulatoriale e altre prestazioni - Campo 78.0 - malattie croniche/invalidanti e rare del tracciato SDO. Nota bene: per la compilazione

Dettagli

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAP 5 LA MORTALITA EVITABILE 5.1 LA MORTALITA EVITABILE PER TIPOLOGIA D INTERVENTO In accordo con quanto indicato dalla letteratura internazionale più recente e accreditata,

Dettagli

ALLEGATO B ACCESSO PER VULNERABILITA SANITARIA - REGIONE CALABRIA ASSISTENZA ODONTOIATRICA PER PATOLOGIA

ALLEGATO B ACCESSO PER VULNERABILITA SANITARIA - REGIONE CALABRIA ASSISTENZA ODONTOIATRICA PER PATOLOGIA ALLEGATO B ACCESSO PER VULNERABILITA SANITARIA - REGIONE CALABRIA ASSISTENZA ODONTOIATRICA PER PATOLOGIA Patologia 1. Displasia ectodermica - Ectrodattilia - Palatoschisi Documentazione da presentare Tesserino

Dettagli

CONNOTAZIONI SOCIO-SANITARIE DELLE MALATTIE RARE. Anna Maria Guadagni. Consiglio Direttivo dell Associazione Onlus Giuseppe Dossetti: i Valori

CONNOTAZIONI SOCIO-SANITARIE DELLE MALATTIE RARE. Anna Maria Guadagni. Consiglio Direttivo dell Associazione Onlus Giuseppe Dossetti: i Valori CONNOTAZIONI SOCIO-SANITARIE DELLE MALATTIE RARE Anna Maria Guadagni Consiglio Direttivo dell Associazione Onlus Giuseppe Dossetti: i Valori Malattie Rare e Disabilità Prima Giornata Europea delle Malattie

Dettagli

La rete per i malati rari in provincia di Trento

La rete per i malati rari in provincia di Trento La rete per i malati rari in provincia di Trento Luciano Flor Direttore Generale Azienda Sanitaria Trento COSA HANNO IN COMUNE LE MR? 70-75% esordiscono in età pediatrica 80% di origine genetica croniche

Dettagli

Allegato 1: Malformazioni minori escluse

Allegato 1: Malformazioni minori escluse Allegato 1: Malformazioni minori escluse ICD9 7428 Altre anomalie non specificate del sistema nervoso 7436 Anomalie congenite delle palpebre, del sistema lacrimale e dell'orbita 74361 Ptosi congenita 74362

Dettagli

Decreto ministeriale 18 maggio 2001, n. 279 (in GU n. 160 del 12 luglio 2001, S.O. n.180/l)

Decreto ministeriale 18 maggio 2001, n. 279 (in GU n. 160 del 12 luglio 2001, S.O. n.180/l) Decreto ministeriale 18 maggio 2001, n. 279 (in GU n. 160 del 12 luglio 2001, S.O. n.180/l) Regolamento di istituzione della rete nazionale delle malattie rare e di esenzione dalla partecipazione al costo

Dettagli

DECRETO 18 maggio 2001, n.279

DECRETO 18 maggio 2001, n.279 DECRETO 18 maggio 2001, n.279 Regolamento di istituzione della rete nazionale delle malattie rare e di dalla partecipazione al costo delle relative prestazioni sanitarie, ai sensi dell'articolo 5, comma

Dettagli

Decreto ministeriale - Ministero della Sanità - 18 maggio 2001, n. 279

Decreto ministeriale - Ministero della Sanità - 18 maggio 2001, n. 279 Decreto ministeriale - Ministero della Sanità - 18 maggio 2001, n. 279 Regolamento di istituzione della rete nazionale delle malattie rare e di esenzione dalla partecipazione al costo delle relative prestazioni

Dettagli

DM 279/01 MALATTIE RARE

DM 279/01 MALATTIE RARE DM 279/01 MALATTIE RARE Il decreto ministeriale 18 maggio 2001, n. 279 Regolamento di istituzione della Rete nazionale delle malattie rare" individua le malattie rare e prevede l istituzione di una Rete

Dettagli

(0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75]

(0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75] Donne, Malattie infettivo e parassitarie, eta' : Tutte le età (0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75] Donne, Tubercolosi, eta' : Tutte le età ( 0 ) ( 0.15 ) Donne, Tubercolosi polmonare,

Dettagli