Le figure professionali emergenti nel settore ambientale in Puglia: analisi dei profili, competenze, percorsi formativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le figure professionali emergenti nel settore ambientale in Puglia: analisi dei profili, competenze, percorsi formativi"

Transcript

1 1

2 2

3 Le figure professionali emergenti nel settore ambientale in Puglia: analisi dei profili, competenze, percorsi formativi Progetto POR 06039d0003 3

4 Gruppo di ricerca La presente ricerca è stata realizzata dall Associazione VERSUS Coordinamento e Direzione: V. Valter Lindo. Hanno redatto i testi: Introduzione: V. Valter Lindo Capitolo I: Filippo Tito, Stefano Giotta, Valter Lindo, Lina, Lippolis Capitolo II: Giuseppe Di Lieto, Lina Lippolis, Stefano Giotta Capitolo III: Filippo Tito, Adele Di Mizio, Stefano Giotta, Valter Lindo Capitolo IV: Giuseppe Di Lieto, Cosimo Copertino, Capitolo V: Giuseppe Di Lieto, Cosimo Copertino, V. Valter Lindo, Filippo Tito Conclusioni. V. Valter Lindo, con il contributo di Giuseppe Di Lieto e del Comitato Tecnico Scientifico Comitato Tecnico Scientifico: Franco Frigo, Teresa Loiacono, Michele Paglia, Alessandro Biscozzi. Le schede dei profili sono state redatte da Giuseppe Di Lieto, Cosimo Copertino, Elaborazione degli strumenti di indagine: V. Valter Lindo, Giuseppe Di Lieto, Cosimo Copertino. Elaborazione strumenti di monitoraggio e valutazione: Saverio Lovergine, V. Valter Lindo. Revisione testi: Giuseppe Polignano Organizzazione Workshop: Nuova Erfea, Ente Regionale Formazione e Ambiente. Coordinamento: Alessandro Biscozzi con il contributo di Gaetano De Francesco, Nico Favale. Hanno moderato e condotto i workshop: Giuseppe Di Lieto (Bari) e Cosimo Copertino (Lecce). Indagine CATI e CAPI: Coordinamento: Carmelo Prestileo. Rilevazione: Barbara Musella, Maddalena Maurelli, Giuseppe Laterza, Rosilde Campanella. Ha inoltre collaborato alla rilevazione Adecco Professional Solutions ed in particolare: Rutigliano Simona, Mancaniello Mariateresa, Savino Carla, Abbinante Antonella. Si ringrazia inoltre: Simone Di Vincenzo, Lorenzo Busetto, Annamaria De Martino, Damiana Mezzina e Michele Paglia per il coordinamento delle attività di APS. Elaborazione Software, supporto tecnico ed informatico: Sergio Covelli, Diego Polidori. Supporto attività amministrativa: TEC srl, in particolare: Tiziana Crudele. Ha inoltre collaborato: Piero Polignano, Francesco Vinella e Rosa Campanella Si ringraziano, inoltre, per il prezioso contributo: Maria Teresa Palleschi, Adele Di Mizio, Francesco Leuci, Giuseppe Bianco, Gianfranco Moro, Lella Miccolis, Patrizia Morisco, Peter Van Den Broek, Vito D Avanzo, Saverio Andriano, Nicola Mercurio, 4

5 Fabiana Ferrara, Nicola Russo, Salvatore Giannetto, Francesco Dario Corsini, Pietro Stefanizzi, Giuseppe Petrarca, Andrea Rizzo, Massimo Giurgola, Merico Rosario, Tardio Anna. Si ringraziano le 169 imprese, sparse sul territorio regionale, che hanno partecipato alla rilevazione, mettendoci a disposizione il loro prezioso tempo e fornendo importanti contributi. Un particolare grazie va, infine, alla Cooperativa Una Terra. La ricerca, gli strumenti di indagine e le risultanze dell indagine sono anche disponibili sul sito Associazione Versus Via Nino Bixio, 15/a Putignano (Ba) 5

6 Indice Introduzione Capitolo I Analisi legislativa nel settore ambientale, strumenti di adesione volontaria e principali iniziative verdi sul territorio pugliese 1. La tutela dell ambientale nelle strategie dell Unione europea 2. I principali riferimenti normativi europei nel settore ambientale 3. Strumenti di adesione volontaria 3.1 Standard di gestione ambientale: UNI EN ISO EMAS - ECOLABEL 3.2 La programmazione negoziata degli Accordi volontari 3.3 Gli strumenti per la pianificazione e programmazione territoriale 3.4 Gli strumenti per ridurre gli impatti ambientali delle amministrazioni 4. I temi dell ambiente nella programmazione dei Fondi Strutturali per la Puglia Programmi ed Iniziative verdi sul territorio pugliese 5.1 Agricoltura 5.2 Industria 5.3 Servizi per la città e il territorio 5.4 Governo dell ambiente 5.5 Ricerca e formazione 6

7 Capitolo II La domanda di professioni verdi e l offerta formativa nel territorio pugliese 1. L ambiente e l occupazione 2. Le tendenze del mercato del lavoro ambientale 3. L offerta formativa ambientale nella Regione Puglia 3.1 Analisi dell offerta formativa sull ambiente in Puglia nel periodo 2006/ La formazione professionale 3.3 Corsi di laurea 3.4 Master 1. Introduzione al Capitolo Capitolo III Figure professionali legate all ambiente 2. Le professioni verdi 2.1 Figure professionali obbligatorie per legge 2.2 Figure professionali non obbligatorie per legge ma previste dalla normativa vigente 2.3 Sbocchi occupazionali futuri Capitolo IV I fabbisogni di figure professionali in campo ambientale in Puglia 1. Metodologia e strumenti di indagine 2. Il sistema di rilevazione delle informazioni on-line 3. L individuazione delle imprese 4. I risultati della rilevazione sul campo 4.1 Le imprese del Panel 4.2 Andamento del mercato e investimenti 4.3 Le figure e le competenze professionali nel settore ambiente 4.4 La formazione per l azienda nel settore ambientale 7

8 5. Punti di forza e debolezza dell offerta formativa del territorio pugliese 5.1 Le virtù dell obbligo 5.2 Ulteriori riflessioni su profili strategici Capitolo V Profili, competenze e percorsi formativi delle principali figure professionali emergenti in Puglia nel settore ambientale 1. Metodologia di classificazione dei profili rilevati 2. Le figure ritenute strategiche nel settore ambientale Responsabile ambientale Ingegnere ambientale Consulente ambientale Tecnico ambientale Addetto alla gestione ambientale dei rifiuti Auditor Tecnico Responsabile del servizio di prevenzione e protezione ambientale Responsabile qualità Biologo/Chimico Tecnico Responsabile della gestione dei rifiuti 3. Le altre figure richieste Tecnico Responsabile di produzione Tecnico Responsabile della manutenzione Responsabile commerciale Energy manager Mobility manager Referente della progettazione Specialista della manutenzione impianti Tecnico enologico/agricolo Esperto in radiazioni ionizzanti Fisico per le radiazioni elettromagnetiche Responsabile di reparto Tecnico Responsabile del settore impianti Tecnico di alta e bassa frequenza 4. Le figure previste dalla normativa vigente Consulente per la sicurezza dei trasporti di merci pericolose Responsabile tecnico per le imprese che effettuano la gestione dei rifiuti Energy manager Mobility manager 5. Il sistema di rilevazione per la definizione della progettazione formativa 6. Le schede di progettazione formativa 8

9 Conclusioni Bibliografia Sitografia Responsabile ambientale Ingegnere ambientale Consulente ambientale Tecnico ambientale Addetto alla gestione ambientale dei rifiuti Auditor Responsabile del servizio di prevenzione e protezione ambientale Responsabile qualità Biologo/Chimico Responsabile della gestione dei rifiuti 9

10 Un appunto doveroso La presente ricerca è stata realizzata in dieci mesi di duro lavoro ed è il risultato di uno sforzo che ha visto impegnati numerosi ricercatori e rilevatori che hanno raccolto documentazione, elaborato modelli, costruito strumenti di analisi. In questi mesi abbiamo parlato ed incontrato i responsabili delle tematiche ambientali di centinaia di aziende presenti su tutto il territorio pugliese, aziende grandi, medie, piccole e piccolissime. È stato ascoltato il punto di vista di esperti e manager che ogni giorno, per le loro imprese, cercano soluzioni per ridurre l impatto negativo che ha sull ambiente la produzione industriale; e il punto di vista di chi al contrario, valorizza le potenzialità, in termini economici ed ambientali, derivante dello smaltimento di sostanze inquinanti. Parti sociali, rappresentanti della pubblica amministrazione, esperti del settore, agenzie specializzate come ad esempio l ARPA partecipando ai due workshop organizzati a Bari e Lecce, hanno fornito utilissime indicazioni sia per la costruzione degli strumenti di indagine, sia per l individuazione di punti di forza e debolezza di profili professionali di cui il territorio ha bisogno. L utilizzo di tecnologie informatiche è stato determinante nell elaborazione delle informazioni. È stato sviluppato un apposito software che ha permesso la gestione delle interviste CATI e CAPI, agevolando la lettura, in tempo reale, delle informazioni rilevate. Un percorso di monitoraggio e valutazione ha accompagnato tutte le fasi del progetto: per ogni fase sono stati individuati indicatori fisici e qualitativi, secondo il modello previsto nei documenti programmatori del Fondo Sociale Europeo. La presente ricerca è accompagnata da un cd rom, disponibile anche all indirizzo internet che sintetizza i risultati raggiunti e gli strumenti impiegati. 10

11 Un grazie particolare va alle 169 aziende intervistate, senza il contributo delle quali non sarebbe stato possibile raggiungere i risultati qui presentati. E un ringraziamento va anche alla Regione Puglia per la sensibilità dimostrata al nostro percorso e per gli indirizzi e le suggestioni date. L obiettivo finale che l Associazione Versus ha voluto perseguire con questo lavoro è stato quello di dare orientamenti alla Regione Puglia, utili per la programmazione degli interventi formativi in ambito ambientale e di fornire spunti per la creazione di un Osservatorio permanente per la rilevazione dei fabbisogni formativi. V. Valter Lindo Coordinatore della ricerca 11

12 Introduzione La parola che dovrebbe sempre guidare i nostri passi quando parliamo di ambiente, e di politiche ambientali orientate alla tutela del territorio, è lungimiranza. Non esistono infatti soluzioni rapide alle problematiche ambientali, né piani di riconversione produttiva indolore che non comportino perdita di posti di lavoro o di fatturato per le imprese, almeno nei primi periodi. Se si vuole salvaguardare l ambiente occorre rispettare i suoi tempi che non sono certo quelli della produzione industriale, abituata a depredare il territorio delle sue risorse naturali e a restituirgli gli scarti indifferenziati. E fondamentale saper guardare lontano, prevedere gli effetti futuri delle azioni politico economiche messe in campo oggi, dove è necessario saper rischiare di essere impopolari. E questo che spesso manca alle amministrazioni pubbliche, organizzate calcando i modelli dell impresa privata, ma incapaci di sapersi assumere il rischio d impresa come ogni azienda che si rispetti. Non esistono infatti bacchette magiche che sappiano svelarci gli effetti futuri delle nostre scelte presenti, ma non possiamo neanche dire di essere all inizio di un percorso; sono innumerevoli ormai i progetti a livello mondiale ai quali possiamo far riferimento per elaborare valide strategie d intervento, iniziative che hanno già dato frutti positivi e che possono essere considerate un modello da imitare. L Unione Europea, attraverso i Fondi Strutturali, destina una buona parte di risorse economiche al finanziamento di iniziative di sviluppo sostenibile e di tutela dell ambiente, e la Regione Puglia, effettivamente, ha già intrapreso un percorso virtuoso d investimenti nel settore ambientale. E possibile aspirare ad un Europa sostenibile solo partendo dal locale, nel nostro caso quindi, da una Puglia sostenibile, caratterizzata da un economia competitiva fatta di riduzione dell inquinamento, uso più efficiente dell energia e delle materie prime e tassi di occupazione più elevati. 12

13 Per raggiungere queste tappe occorre una politica territoriale integrata, che coinvolga tutti i settori della produzione e che leghi territori delle varie province ad un unico piano strategico. Finora la strategia politica della nostra Regione è stata quella di stabilire legami di collaborazione che vanno al di là dei confini regionali ( Programma Interregionale Biocombustibili e il Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico del quale la Regione Puglia è il responsabile gestionale e attuativo) ma ancora poco è stato fatto per legare tra di loro le politiche provinciali, avendo ben chiara l idea del territorio pugliese come un tutt uno, la cui forza sta proprio nella collaborazione tra la forti specificità dei territori interni. Ad esempio, i poli industriali di Taranto e della provincia di Bari devono sviluppare una maggiore integrazione con il polo agricolo del Tavoliere, così come, i due poli del settore turistico pugliese, rappresentati dalla Penisola del Gargano e dal Salento dovrebbero lavorare allo sviluppo di una dialettica di collaborazione in controtendenza con la logica di competitività che oggi li caratterizza. Negli ultimi anni la Regione Puglia ha avviato un profondo processo d'innovazione nel settore ambientale, intraprendendo un percorso fortemente orientato agli obiettivi della sostenibilità, non solo mediante il finanziamento di interventi, ma soprattutto adottando politiche, articolate in Piani e Programmi, in grado di indurre effetti positivi sullo sviluppo eco-compatibile. Ma la formazione professionale non può garantire un sostegno all occupazione se contemporaneamente l amministrazione di riferimento, in questo caso la Regione, non investe in politiche di sensibilizzazione allo sviluppo sostenibile d impresa che generi nuove professionalità e quindi nuove figure professionali. In tale contesto, la formazione ambientale assume un ruolo rilevante nella determinazione della sostenibilità perché può modificare i comportamenti delle persone, orientandoli verso la riproducibilità e la conservazione delle risorse ambientali. L'interesse per queste tematiche ha determinato una tensione positiva che ha prodotto la nascita di nuovi nuclei attivi nel settore. Infatti, negli ultimi anni, le attività di informazione e sensibilizzazione ambientale hanno avuto un forte impulso grazie alla vivace e dinamica partecipazione di agenzie educative istituzionali, associazioni, scuole, musei, centri di ricerca ed altre organizzazioni, tutte 13

14 caratterizzate da elementi distintivi, eterogenei e compositi, sia nella natura giuridica che nelle funzioni. Ora, sebbene tali diversità siano da salvaguardare, è necessario, comunque armonizzare gli interventi e canalizzare gli sforzi verso obiettivi comuni e condivisi. Ci si è resi sempre più conto che il nostro futuro non può essere determinato unicamente dalla crescita economica, ma quest ultima deve andare di pari passo con un livello elevato di occupazione e di sviluppo sostenibile. Bisogna fermare l attuale tendenza verso un uso eccessivo delle risorse naturali e un uso poco razionale delle risorse umane. Le persone devono poter avere un lavoro e al tempo stesso godere di un ambiente sano e di una buona qualità della vita. Per raggiungere questo obiettivo bisognerà sfruttare opportunamente le sinergie tra le politiche dell ambiente e le politiche dell occupazione. Occorre la partecipazione delle autorità pubbliche, dell industria, dei sindacati, delle organizzazioni non governative, delle istituzioni finanziarie e di ricerca a livello europeo, nazionale e locale. L obiettivo della ricerca, finanziata attraverso la Misura 3.9, azione d) del Fondo Sociale Europeo è stato quello di individuare le figure professionali emergenti rispetto all evoluzione ed alla innovazione delle filiere economiche pugliesi legate all ambiente, rilevarne i fabbisogni professionali e le conseguenti competenze professionali da sviluppare, al fine di favorire lo sviluppo del territorio e la crescita dell occupazione attraverso una puntuale programmazione da parte della Regione Puglia. Rispetto alle figure rilevate, sono state esaminate le competenze necessarie che dovrebbero avere in azienda quei lavoratori che si occupano di attività legate alla tutela e salvaguardia ambientale. Il percorso di ricerca ha seguito un percorso logico che, dall analisi della normativa in tema di tutela ambientali, è giunto ad individuare figure ricercate e ritenute strategiche dalle imprese pugliesi. Il primo capitolo della ricerca affronta un analisi legislativa che sintetizza quella che è la principale normativa di riferimento europea, nazionale e regionale in materia di tutela e salvaguardia dell ambiente. Inoltre sono approfonditi gli aspetti legati agli strumenti di adesione volontaria delle aziende ai processi di qualità legati all ambiente. Il capitolo si chiude con uno sguardo ai temi dell ambiente trattati nella nuova programmazione dei Fondi Strutturali per la Puglia e sulle iniziative verdi 14

15 realizzate, o in corso di realizzazione, sul territorio, per la tutela e la salvaguardia dell ambiente che possiamo definire come buone pratiche. Il secondo capitolo è dedicato allo studio del mercato del lavoro legato alle professioni verdi approfondendo l analisi sul Mezzogiorno d Italia. La seconda parte del capitolo osserva, in profondità, l offerta formativa ambientale in Puglia: sono stati rilevati, per il periodo 2006/2007, non soltanto i corsi di formazione professionale sul nostro territorio, ma anche l offerta universitaria (corsi di laurea e master). Dall analisi desk, effettuata nel terzo capitolo, è stato possibile evidenziare le figure professionali, legate all ambiente, che sono obbligatorie per legge e quelle previste dalla normativa ma non obbligatorie. Sono state, infine, individuate e classificate, quelle figure che, sempre a livello nazionale, risultano avere un interessante sbocco occupazionale. Il quarto capitolo presenta i risultati della ricerca effettuata sul campo: è descritta la metodologia, il modello e gli strumenti di analisi e rappresentati i dati aggregati della rilevazione. L ultimo capitolo è destinato alla descrizione dei Profili, competenze e percorsi formativi delle principali figure professionali emergenti in Puglia nel settore ambientale. Le schede sono organizzate in tre macroaree, ossia le figure più richieste (così come emergono dall indagine), le altre figure ritenute strategiche nel settore ambientale, le figure previste dalla normativa vigente. Una nota metodologia, sul sistema di classificazione ed elaborazione profili professionali strategici in materia di ambiente, precede le 27 schede. I dati quantitativi emersi dalla rilevazione sono stati arricchiti dalle risultanze dalle interviste fatte a testimoni privilegiati, rappresentati da manager di grandi aziende che operano nel settore ambientale e da consulenti, e dal contributo dato dagli stakeholders che hanno partecipato ai due Workshop che sono stati realizzati a Bari e a Lecce. Un Comitato tecnico-scientifico del quale hanno fatto parte esperti dell Isfol, Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori, rappresentanti delle Organizzazioni delle Parti sociali a livello regionale (ERFEA e CGIL) e 15

16 rappresentanti del mondo del collocamento privato (Adecco) si è riunito periodicamente per validare gli strumenti di ricerca ed ha fornito apporti migliorativi alla realizzazione delle varie fasi del lavoro. 16

17 Capitolo I Analisi legislativa nel settore ambientale, strumenti di adesione volontaria e principali iniziative verdi sul territorio pugliese 1. La tutela dell ambientale nelle strategie dell Unione europea La Regione Puglia, nella Programmazione in materia ambientale dei Fondi Strutturali , individua importanti sinergie tra politiche ambientali e politiche del lavoro. In linea con i principi sanciti dal Trattato di Amsterdam, dalla Comunicazione della Commissione sull'ambiente e occupazione (1997), dalla Legge 8 ottobre 1997, n. 344 ( disposizioni per lo sviluppo e la qualificazione degli interventi e dell occupazione in campo ambientale ), e dalla strategia di Goteborg, la Regione Puglia riconosce l'ambiente, inteso come capitale naturale, non più quale mero fattore strumentale, ma come fattore determinante dello sviluppo economico. Nella concezione tradizionale dello sviluppo economico, oggi in via di superamento, i due parametri di riferimento erano il capitale e il lavoro. L'ambiente naturale era considerato una risorsa illimitata e dunque subordinata e sfruttabile in un modo che oggi non è più sostenibile. Questione occupazionale e questione ambientale sono state considerate e presentate, per molto tempo, come aspetti da affrontare separatamente, ricercando soluzioni diverse per problemi che apparivano non solo tra loro distinti, ma addirittura contrapposti. Nel 1987, la Commissione Mondiale per l Ambiente e lo Sviluppo si poneva il nodale obiettivo di integrare gli interessi dell ambiente nella gestione del territorio e delle risorse. Constata l inammissibilità di procedere mantenendo distinte e separate la pratica del governo ambientale da quella di governo del territorio nelle sue diverse articolazioni, la Commissione ha promosso e definito il concetto di Sviluppo 17

18 Sostenibile 1 come uno sviluppo che soddisfa le esigenze attuali, senza compromettere la possibilità, per le generazioni future,di soddisfare i propri bisogni. Tuttavia, se è vero che la questione ambientale e la sostenibilità costituiscono certamente una questione anche economica, va specificato che da questo punto di vista, crescita economica e ambiente si pongono su posizioni differenti nel continuum dello sviluppo. I sistemi economici, per loro natura, richiedono indici di crescita sempre positivi, aumenti apparentemente senza limiti dei consumi, e rifuggono, di contro, stabilizzazione e immobilità. L ambiente richiede, invece, equilibrio e stabilità e si muove all interno di un sistema in cui la capacità di rigenerazione di tali equilibri naturali è limitata 2. Risulta quindi necessario procedere verso un sistema economico sostenibile che assuma la crescita economica limitatamente e condizionatamente alla sostenibilità delle risorse materiali, in termini sia quantitativi che qualitativi. In definitiva, si può affermare che, se la crescita generalmente si riferisce ad aumenti del livello e della dimensione delle attività economiche, lo sviluppo presuppone anche un progresso qualitativo e la scoperta di nuove possibilità. Ovviamente, le considerazioni di carattere sociale ed ambientale si trovano alla base di questo tipo di progresso. La politica ambientale dell Unione Europea si basa sulla convinzione che la crescita economica, il progresso sociale e la tutela dell ambiente siano tutti elementi che contribuiscono a migliorare la qualità della vita. Per garantire uno sviluppo sostenibile in Europa e nel mondo, e per far sì che anche le generazioni future possano beneficiare di una migliore qualità di vita, è necessario garantire un giusto equilibrio tra questi elementi. 1 La prima definizione in ordine temporale è stata quella contenuta nel rapporto Brundtland (dal nome della presidente della Commissione, la norvegese Gro Harlem Brundtland) del 1987 e poi ripresa dalla Commissione mondiale sull'ambiente e lo sviluppo dell'onu (World Commission on Environment and Development, WCED) 2 ISFOL, Formazione e occupazione in campo ambientale - Franco Angeli Editore, Milano

19 Le principali problematiche che oggi affliggono l ambiente sono i cambiamenti climatici, il calo della biodiversità, la minaccia che l inquinamento rappresenta per la nostra salute, il modo in cui utilizziamo le risorse naturali e l eccessiva produzione di rifiuti. L UE affronta queste problematiche definendo norme ambientali elevate e incentivando nuove modalità di lavoro e tecnologie più pulite. Le nuove tecnologie ecocompatibili sviluppate in Europa potrebbero, inoltre, rendere la nostra economia più competitiva, creando posti di lavoro e finanziando il progresso sociale. La politica ambientale dell UE e il programma d azione per l ambiente attualmente in corso e che si protrarrà fino al 2012, è il sesto della serie e si fonda su 30 anni di attività che hanno già portato significativi benefici, come ad esempio: aria e acque molto più pulite; un numero sempre più elevato di habitat naturali protetti; una migliore gestione dei rifiuti; una maggiore attenzione alle implicazioni ambientali nelle decisioni in materia di pianificazione, sin dall inizio del processo; prodotti più compatibili con l ambiente. Restano, tuttavia, ancora aperte alcune problematiche molto rilevanti. Il Sesto programma d azione per l ambiente individua quattro priorità: cambiamenti climatici; natura e biodiversità; ambiente e salute, qualità della vita; risorse naturali e rifiuti. Il problema dei cambiamenti climatici è uno dei problemi principali di questo decennio. L UE si è prefisso l obiettivo a lungo termine di impedire che la temperatura, a livello planetario, aumenti di oltre due gradi rispetto a quella dell era preindustriale. In altri termini, entro il 2050 il pianeta deve ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 15 %, e probabilmente anche di più, rispetto ai livelli del In particolare, si tratterà di ridurre le quantità di biossido di carbonio o anidride carbonica (CO 2 ) emesse con la combustione di combustibili fossili come il carbone, il petrolio e il gas. 19

20 Proteggere la natura e la biodiversità è importante non solo per il piacere che possiamo ricavare dall ambiente naturale che ci circonda, ma soprattutto perché le nostre risorse alimentari sono minacciate dalla desertificazione, dalla perdita di specie vegetali e animali e dalla riduzione della diversità genetica. Tutte queste perdite riducono anche le risorse naturali che utilizziamo in molti settori industriali, dalle costruzioni all industria farmaceutica. In Italia il Ministero dell'ambiente, attraverso i programmi triennali di tutela ambientale 1989/91 e 1994/96, ha avviato il progressivo sviluppo del Sistema Nazionale dell'informazione, Formazione ed Educazione Ambientale, con la finalità di coagulare le differenti esperienze maturate sul territorio in tema di educazione ambientale, e di favorire la costruzione di reti locali, caratterizzate da obiettivi e linguaggi comuni. 20

21 2. I principali riferimenti normativi europei nel settore ambientale L analisi della normativa, che qui di seguito riportiamo, non esaurisce certamente l intero corpus di direttive, regolamenti e norme presenti a livello europeo. Il panorama legislativo in Europa, nel settore ambientale, è sicuramente molto ampio, e pertanto abbiamo ritenuto opportuno fare una cernita delle direttive recepite e rese applicative in Italia, di quelle non ancora recepite e delle norme volontarie. Tra tutte queste, poi, abbiamo selezionato quelle norme che ricoprono un ruolo importante nelle scelte di programmazione degli interventi e che risultano fungere da volano per iniziative di carattere sia nazionale che regionale. Riteniamo che in un prossimo futuro alcune delle iniziative riportate nel seguito, ora isolate e sporadiche, possano diventare stabili e possano, soprattutto, radicare una cultura dell ambiente e dello sviluppo sostenibile ancora troppo poco sentita nel nostro paese. Decisione n. 1639/2006/06 del Parlamento Europeo e del Consiglio - (CIP): Programma per la Competitività e l'innovazione Il Programma per la Competitività e l'innovazione (CIP), è indirizzato prioritariamente alle PMI ( piccole e medie imprese ) e alle loro esigenze. Il programma contribuisce allo sviluppo della competitività e della capacità innovativa della Comunità, promuovendo uno sviluppo sostenibile basato su una crescita economica forte e su un'economia sociale di mercato concorrenziale, unitamente ad un elevato livello di tutela e di miglioramento della qualità dell'ambiente. Nell'ambito del programma CIP, sottoprogramma per la promozione dell'impresa e dell'imprenditorialità, la Commissione Europea ha pubblicato un bando (apparso sulla GUCE C 306 del ) per la creazione di una rete unica che fornisca servizi integrati di sostegno alle imprese e all'innovazione. In particolare la Commissione si propone di creare una rete integrata ed efficiente (basata sull'esperienza acquisita con le reti degli Euro Info Centre - EIC e degli Innovation Relay Centre - IRC) col compito di: fornire una rete di servizi di sostegno alle imprese professionali e di qualità; rafforzare le sinergie tra i partner della rete; fornire servizi integrati; migliorare l'accesso ai servizi con una maggiore prossimità per 21

22 le PMI (concetto "no wrong door", vale a dire: gli utenti bussano sempre alla porta giusta); ridurre la complessità delle procedure amministrative. Il CIP in Puglia La Giunta Regionale della Puglia ha emanato il decreto n. 396 concernente il Programma Comunitario Competitività e Innovazione (CIP) - Servizi di sostegno a favore delle imprese e dell'innovazione. Partecipazione. Direttiva Habitat 92/43/CEE del 21 maggio 1992 relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche. L'Unione Europea, con la Direttiva Habitat (92/43/CEE), vuole contribuire a salvaguardare la biodiversità mediante la conservazione degli habitat naturali, nonché della flora e della fauna selvatiche. Le misure previste dalla Direttiva tendono ad assicurare il mantenimento, o il ripristino, in uno stato di conservazione soddisfacente, degli habitat naturali e delle specie di fauna e flora selvatiche di interesse comunitario, tenendo presenti, allo stesso tempo, le esigenze economiche, sociali, culturali, e le particolarità regionali e locali. Con la Direttiva Habitat si costituisce una rete ecologica europea di zone speciali di conservazione, denominata Rete Natura Tale rete ecologica è formata dai siti in cui si trovano tipi di habitat naturali elencati nell'allegato I della Direttiva e habitat delle specie incluse nell'allegato II della stessa Direttiva, e deve garantire il mantenimento, ovvero il ripristino, in uno stato di conservazione soddisfacente, di tali habitat. La rete "Natura 2000" comprende anche le zone di protezione speciale (ZPS), classificate dagli Stati membri a norma della direttiva 79/409/CEE (Direttiva Uccelli). Tra gli habitat individuati, alcuni sono considerati dalla Comunità: habitat prioritari. Si tratta di quegli habitat che rischiano di scomparire nel territorio degli Stati Membri e per la cui conservazione la Comunità ha una responsabilità particolare. Direttiva Habitat in Puglia 22

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi Pubblicato il: 2 luglio 2012 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.qtimes.it Registrazione

Dettagli

Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione

Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione APAT Ing. Rocco Ielasi Responsabile Servizio Interdip. Certificazioni Ambientali Le motivazioni del cambiamento L esigenza di introdurre

Dettagli

Guida alla realizzazione di un sistema di gestione ambientale secondo le norme ISO 14001 e Regolamento EMAS III

Guida alla realizzazione di un sistema di gestione ambientale secondo le norme ISO 14001 e Regolamento EMAS III GREEN MANAGEMENT Guida alla realizzazione di un sistema di gestione ambientale secondo le norme ISO 14001 e Regolamento EMAS III Come condurre l analisi ambientale iniziale, redigere un manuale e le procedure

Dettagli

ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI

ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI Alla scoperta degli ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI Lugano 9 marzo 2006 Ing. Andrea Rigato Sviluppo sostenibile Vari significati, attribuiti in ambiti diversi Definizione più comune (e accettata) Uno sviluppo

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provincia di Firenze Servizio nr. 6 Ambiente e Patrimonio GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1.

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

13.3 Sistemi di gestione ambientale

13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3.1 La certificazione ambientale Il continuo incremento della produzione industriale e l espansione delle aree urbane comportano un aumento della pressione antropica

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI.

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Strumenti di eco-innovazione Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Francesca Cappellaro Laboratorio LCA&Ecodesign Bologna, 28 aprile 2010 Contesto

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie 2 Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie L esempio di manuale operativo che qui si propone analizza il caso dell azienda tipografica (attività di

Dettagli

QUALITA AMBIENTALE DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI

QUALITA AMBIENTALE DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI QUALITA DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI OBIETTIVI INDICATORI Descrivere l evoluzione della sensibilità ambientale delle organizzazioni e delle imprese e la trasparenza nella comunicazione con il

Dettagli

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13 Data: 7/12/2012 Ora e luogo: 14.30 - Comune VALUTAZIONI SUGLI ELEMENTI DEL SGA ANALIZZATI Evoluzione occorsa dalla precedente riunione relativamente allo scenario ambientale, alle attività dell organizzazione

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

Gli argomenti del corso

Gli argomenti del corso La gestione integrata HSE dott. Matteo Rossi Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA LA GESTIONE INTEGRATA HSE LA GESTIONE AMBIENTALE LA SICUREZZA AZIENDALE (LEGGE 626/94)

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO ECONOMICO E RURALE DIREZIONE GENERALE PER LO SVILUPPO AGROALIMENTARE, QUALITÀ E TUTELA DEL CONSUMATORE

Dettagli

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari Bari, an European SMART CITY Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari I cambiamenti climatici sono un fenomeno di portata globale, tuttavia le città possono contribuire in maniera

Dettagli

La certificazione ambientale

La certificazione ambientale La certificazione ambientale Vi sono due forme di certificazione: la certificazione di un organizzazione, cioè delle sue attività e dei suoi processi; la certificazione di un prodotto o servizio offerto

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

La Politica Integrata del Gruppo Terna

La Politica Integrata del Gruppo Terna La Politica Integrata del Gruppo Terna Il Gruppo Terna ritiene indispensabili per lo sviluppo delle proprie attività, la qualità dei propri processi, la tutela dell ambiente, la salute e la sicurezza dei

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 (OMISSIS) 4.3.4. Bonifica dei Siti Inquinati 4.3.4.1. Obiettivo Specifico e Obiettivi Operativi Restituire all uso collettivo le aree compromesse da

Dettagli

CAPITOLO 8 CERTIFICAZIONI

CAPITOLO 8 CERTIFICAZIONI CAPITOLO 8 CERTIFICAZIONI Autori: Antonio Notaro, Salvatore Caldara, Salvatore Giarratana, Giuseppina Pizzo. L impatto delle attività produttive dell uomo sull ambiente sono sempre più evidenti e disastrose,

Dettagli

CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP

CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP PREMESSO CHE: L art. 6 della versione consolidata del Trattato

Dettagli

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI La contabilità ambientale: uno strumento per la sostenibilità La contabilità ambientale può essere definita come un sistema

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ECO-INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ AMBIENTALE... 3 L APPROCCIO PRO-ATTIVO DELL

Dettagli

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Le certificazioni ambientali Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Evoluzione storica L attenzione alle questioni ambientali

Dettagli

QUALITA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO

QUALITA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO QUALITA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO Marco Malagoli, Chiara Capelli AICQ Comitato Ambiente ABSTRACT Nel presente lavoro viene esaminato il collegamento logico tra qualità e sviluppo sostenibile, in

Dettagli

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009 Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna 9 gennaio 2009 1 COS È EMAS Acronimo inglese per : Eco Management and Audit Scheme Significa: Sistema di Gestione Ambientale basato sulla Ecogestione

Dettagli

ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO

ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO Giuseppe Bitonti Product Manager Lo scenario socio economico

Dettagli

L impatto sull ambiente delle atti

L impatto sull ambiente delle atti L ALTA VELOCITÀ PASSA DA REGGIO EMILIA I sistemi di gestione ambientale E LA NORMATIVA VOLONTARIA PAOLO MONTIN* *Geosolution - Padova L impatto sull ambiente delle atti vità produttive ha acquisito, negli

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Riciclo e recupero dell alluminio

Riciclo e recupero dell alluminio Capitolo 13 Riciclo e recupero dell alluminio 13.1. Alluminio e sviluppo sostenibile È sviluppo sostenibile quello in grado di soddisfare i bisogni delle generazioni attuali senza compromettere la capacità

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 333/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (UE) N. 333/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 5.4.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 103/15 REGOLAMENTO (UE) N. 333/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell 11 marzo 2014 che modifica il regolamento (CE) n. 443/2009 al fine di definire

Dettagli

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Il settore strategico delle acque: come l innovazione chimica può aumentarne la sostenibilità Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Stefano Toffanin Ferrara, 21 maggio 2010 Quartiere

Dettagli

Documento di posizionamento tecnico 2/2007 del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Documento di posizionamento tecnico 2/2007 del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane Documento di posizionamento tecnico 2/2007 del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane I riferimenti ai sistemi di etichettatura ecologica negli appalti pubblici (DPT

Dettagli

LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA L.221/2015 SULLA GREEN ECONOMY E GLI APPALTI VERDI.

LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA L.221/2015 SULLA GREEN ECONOMY E GLI APPALTI VERDI. LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA L.221/2015 SULLA GREEN ECONOMY E GLI APPALTI VERDI. di Alessandro Massari La Legge 28 dicembre 2015, n. 221, recante Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure

Dettagli

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME?

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME? Le norme volontarie sono emesse da Enti di Normazione, questi sono nazionali o europei: ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE Art. 1 - Premessa...2 Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI...2 Art. 2 - Oggetto e ambito

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

IL CONTROLLO AMBIENTALE DEL CANTIERE EDILIZIO

IL CONTROLLO AMBIENTALE DEL CANTIERE EDILIZIO Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà IL CONTROLLO AMBIENTALE DEL CANTIERE EDILIZIO LA NORMA ISO 14001/2015 Il cantiere e l ambiente Il cantiere a differenza

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Il ruolo delle Scuole Emas ed Ecolabel

Il ruolo delle Scuole Emas ed Ecolabel INQUINAMENTO documento Eleonora Perotto, Paola Butelli, Luca Bonomo E. Perotto - Politecnico di Milano, Dipartimento Iiar, Servizio per la Qualità di Ateneo. P. Butelli - Politecnico di Milano, Servizio

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

da misura e gestione delle performance ambientali a comunicazione certificata eccellenza: basata sul confronto tramite l informazione

da misura e gestione delle performance ambientali a comunicazione certificata eccellenza: basata sul confronto tramite l informazione 1 Strumenti Volontari evoluzione dal 2003 da misura e gestione delle performance ambientali certificazione di gestione: miglioramento continuo a comunicazione certificata eccellenza: basata sul confronto

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE

SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE Tesi congressuale 2 SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE Ufficio di Coordinamento - Consigliere Nazionale Coordinatore: Dott. Agr. Cosimo Damiano CORETTI - Presidente

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014

STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 Sessione tematica di approfondimento e consultazione DALLA CARBON FOOTPRINT ALL ENVIRONMENTAL FOOTPRINT : stato dell arte, indirizzi europei e prospettive future

Dettagli

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Possibilità di finanziamento per le imprese LIFE+ Programma Cip: EIE ICT PSP ENPI

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 37/21 DEL 21.7.2015. Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia.

DELIBERAZIONE N. 37/21 DEL 21.7.2015. Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia. Oggetto: Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia. L Assessore dell Industria ricorda che con la deliberazione della Giunta regionale

Dettagli

IL DIRITTO COMUNITARIO DELL AMBIENTE NELL EVOLUZIONE DEL TRATTATO UE

IL DIRITTO COMUNITARIO DELL AMBIENTE NELL EVOLUZIONE DEL TRATTATO UE IL DIRITTO COMUNITARIO DELL AMBIENTE NELL EVOLUZIONE DEL TRATTATO UE Il Trattato di Roma del 1957 non conteneva alcuna esplicita menzione di competenze comunitarie nel settore ambientale. La crescente

Dettagli

Sistemi di Gestione Ambientale: standard di riferimento ed iter per l ottenimento della certificazione/registrazione

Sistemi di Gestione Ambientale: standard di riferimento ed iter per l ottenimento della certificazione/registrazione Sistemi di Gestione Ambientale: standard di riferimento ed iter per l ottenimento della certificazione/registrazione Come gestire l ambiente? attraverso l adozione di un sistema di gestione ambientale,

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI Prof. Ing. Cesare Saccani DIEM - Università degli

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni Workshop Chi Siamo EQO S.r.l. da oltre 10 anni riunisce professionisti provenenti da diversi settori e con differenti esperienze professionali,

Dettagli

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto Mantova, 25 novembre 2015 Consumatore e mercato globale: ogni giorno più esigenti - Sicurezza (conditio

Dettagli

Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna. Bologna, 30 Aprile 2015. Ortensina Guidi Intercent-ER

Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna. Bologna, 30 Aprile 2015. Ortensina Guidi Intercent-ER Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna Bologna, 30 Aprile 2015 Ortensina Guidi Intercent-ER 1 Intercent-ER: ruolo e obiettivi L Agenzia Intercent-ER è la centrale di committenza delle Pubbliche

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

Come si misura la #greenicità

Come si misura la #greenicità Come si misura la #greenicità Le norme europee ed italiane sulla qualità ambientale dei prodotti e sull efficienza ambientale delle imprese Tullio Berlenghi Un po di storia La consapevolezza Il Club di

Dettagli

Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente

Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente + Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente Annalisa Corrado - Coordinatrice Gruppo di Lavoro Multietichetta

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE INDICE PREMESSA I PRODOTTI ALIMENTARI PRODOTTI BIOLOGICI PRODOTTI LOCALI BENI DI CONSUMO 2 PREMESSA Ogni giorno, tutti noi consumiamo una quantità di prodotti per soddisfare

Dettagli

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra ACCORDO VOLONTARIO tra il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e il Comune di Bastia Umbra (di seguito denominate Parti Firmatarie ) in materia di Promozione di progetti comuni

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE EUROPEA

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE EUROPEA 22.7.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 200/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE EUROPEA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 13 luglio 2010 recante orientamenti

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

REGOLAMENTI. Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 342/1. (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria)

REGOLAMENTI. Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 342/1. (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) 22.12.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 342/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) n. 1221/2009 DEL PARLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO ORIGINALE COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 8 della GIUNTA del COMUNE DI LEDRO OGGETTO: Recepimento dei criteri di acquisti verdi pubblici (Green Public Procurement) nelle

Dettagli

Figure Professionali «Eco-innovazioni»

Figure Professionali «Eco-innovazioni» Figure Professionali «Eco-innovazioni» ESPERTO DI ECO-CERTIFICAZIONI GREEN JOBS Formazione e Orientamento INTRODUZIONE DI CONTESTO E LEGAME CON I CONCETTI DI ECO-INNOVAZIONE Le cosiddette certificazioni

Dettagli

REGIONE LAZIO Parco Regionale dei Castelli Romani Deliberazione del Consiglio Direttivo

REGIONE LAZIO Parco Regionale dei Castelli Romani Deliberazione del Consiglio Direttivo Prot. n.... del... REGIONE LAZIO Parco Regionale dei Castelli Romani Deliberazione del Consiglio Direttivo Originale Anno 2007 Oggetto: Adozione Green Public Procurement (GPP) Atto n. 27 del 7.08.2007

Dettagli

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Relatore: Roberto Luciani Sistemi di gestione ambientale:

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

La normativa sugli OGM

La normativa sugli OGM La normativa sugli OGM A cura della Dott.ssa Gilda Zennaro Breve cronistoria La prima direttiva europea atta a uniformare l approccio degli Stati Membri sulla spinosa questione degli ogm risale al 1990

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

L.R. 06 Novembre 2006, n. 15 Disposizioni urgenti in materia di organismi geneticamente modificati (1) SOMMARIO

L.R. 06 Novembre 2006, n. 15 Disposizioni urgenti in materia di organismi geneticamente modificati (1) SOMMARIO L.R. 06 Novembre 2006, n. 15 Disposizioni urgenti in materia di organismi geneticamente modificati (1) SOMMARIO Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Divieti di coltivazione e di allevamento di OGM. Disposizioni

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O.

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O. ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O. Accordo Volontario settoriale per la realizzazione di interventi per la riduzione delle inefficienze energetiche

Dettagli

La garanzia che il tuo prodotto è davvero green.

La garanzia che il tuo prodotto è davvero green. Certificazione delle Asserzioni Ambientali di Prodotto La garanzia che il tuo prodotto è davvero green. Tutti dicono di essere green. Ma non tutti dicono la verità. GREEN VERO GREEN IMQ-ECO. LA CERTIFICAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra ASSESSORATO ALL ECOLOGIA DELLA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLO SVILUPPO ECONOMICO DELLA REGIONE PUGLIA

PROTOCOLLO D INTESA. Tra ASSESSORATO ALL ECOLOGIA DELLA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLO SVILUPPO ECONOMICO DELLA REGIONE PUGLIA PROTOCOLLO D INTESA Tra ASSESSORATO ALL ECOLOGIA DELLA REGIONE PUGLIA e ASSESSORATO ALLO SVILUPPO ECONOMICO DELLA REGIONE PUGLIA e UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA per L INFORMAZIONE E LA SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO PROVINCIA DI PISA

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO PROVINCIA DI PISA COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO PROVINCIA DI PISA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n 45 del 09/04/2011 Oggetto: PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ENERGETICA PROPOSTA DA WASTE RECYCLING PER

Dettagli

IL RUOLO DELL ENTE DI CERTIFICAZIONE NELLE COSTRUZIONI SOSTENIBILI

IL RUOLO DELL ENTE DI CERTIFICAZIONE NELLE COSTRUZIONI SOSTENIBILI FORUM DELLE TECNOLOGIE III SESSIONE IL RUOLO DELL ENTE DI CERTIFICAZIONE Ing. Massimo De Vincentiis La normativa di riferimento: il quadro normativo nazionale ed europeo Il Regolamento (UE) n. 305/2011

Dettagli

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001?

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001? IS0 50001 INFORMAZIONI UTILI VOLTE A UNA PREPARAZIONE OTTIMALE PER L OTTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE Che cosa apporta la ISO 50001? La certificazione di un sistema di gestione dell energia secondo la

Dettagli

Bandi 2015 RICERCA SCIENTIFICA. Ricerca integrata sulle biotecnologie industriali e sulla bioeconomia. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 RICERCA SCIENTIFICA. Ricerca integrata sulle biotecnologie industriali e sulla bioeconomia. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 RICERCA SCIENTIFICA Ricerca integrata sulle biotecnologie industriali e sulla bioeconomia BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Ricerca

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

H 2. Ecoplan. progetto per un area produttiva industriale a bassa emissione di gas serra

H 2. Ecoplan. progetto per un area produttiva industriale a bassa emissione di gas serra progetto per un area produttiva industriale a bassa emissione di gas serra H 2 Info: Consorzio Zona Industriale e Porto Fluviale di Padova galleria Spagna, 35 35127 Padova tel 049 8991811 fax 049 761156

Dettagli

SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE

SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE TESI CONGRESSUALE 2 SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE Commissione - Consigliere Nazionale Coordinatore: Dr. Agr. Cosimo Damiano CORETTI - Presidente Federazione

Dettagli

Di Stefano Bonetto Auditor ed esperto UNI in materia di pianificazione ed educazione finanziaria

Di Stefano Bonetto Auditor ed esperto UNI in materia di pianificazione ed educazione finanziaria Welfare comunitario e normazione tecnica Di Stefano Bonetto Auditor ed esperto UNI in materia di pianificazione ed educazione finanziaria L obiettivo di queste note è semplice, vogliamo fornire informazioni

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

The role of the Green Economy. and Green Business

The role of the Green Economy. and Green Business INTERNATIONAL WORKSHOP Sviluppo Sostenibile: prodotti, consumo, promozione e marketing territoriale The role of the Green Economy in promoting a new model of Development and Green Business Edoardo Croci

Dettagli

Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000

Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000 Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000 Università di Palermo, Facoltà di Giurisprudenza 30 maggio 2007 Avv. Salvatore Mancuso Mancuso L interesse alla produzione industriale Interesse pubblico

Dettagli