Funzionario Direzione dell Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione - Regione Puglia.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Funzionario Direzione dell Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione - Regione Puglia."

Transcript

1 133 PUGLIA Vito Trisciuzzi Funzionario Direzione dell Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione - Regione Puglia. Il lavoro che proponiamo vuole essere, con dati statistici rilevati da fonti uffi ciali (ISTAT, Infocamere: archivio Movimpresa, Regione Puglia: Servizio Ricerca e Competitività Uffi cio Incentivi alle PMI, Centro Studi Artigiancassa), uno studio approfondito del contesto socio-demografi co ed economico nel quale le imprese artigiane pugliesi vivono e contribuiscono allo sviluppo del territorio e uno spaccato delle politiche regionali adottate per semplifi care e promuovere il settore. In particolare il lavoro si articola in 6 parti così distinte: 1. L Artigiano in Puglia; 2. Dati socio-demografi ci e consistenza delle imprese artigiane (anni /2010); 3. Norme di semplifi cazione adottate dalla Regione Puglia per la creazione d impresa e la soluzione dei contenziosi: Artigiani in un giorno e Il contenzioso veloce ; 4. Dati economico-fi nanziari; 5. Interventi agevolativi della Regione Puglia: Titolo II PO FESR PUGLIA L Avviso Start up - Artigiancassa. 6. Le politiche regionali per il credito alle imprese.

2 134 Quaderni di ricerca sull artigianato 1. L artigiano in Puglia L artigianato in Puglia ha una tradizione secolare che si è tramandata nei secoli di generazione in generazione ed è stata arricchita dall infl uenza delle diverse culture dei popoli che hanno dominato la nostre terre giungendo così fi no ai giorni nostri. Il nostro artigiano e le sue produzioni sono conosciute e apprezzate anche all estero: in Europa, come negli Stati Uniti d America e in Cina; le botteghe artigiane, quasi sempre a conduzione familiare, sono il cuore dei centri storici delle città e dei paesi e attirano instancabilmente l interesse dei turisti e della popolazione locale. In Puglia convivono realtà piuttosto diverse tra loro, quella della lavorazione della terracotta e della ceramica è probabilmente una tra le più note; si tratta di una produzione presente in Puglia sin dal 3000 A.C. nella zona di Grottaglie (provincia di Taranto). Tra le numerose attività tipiche dell artigianato locale troviamo anche la lavorazione dei vimini. I giunchi di vimine che crescono in abbondanza negli acquitrini e nelle paludi, venivano in passato intrecciati per realizzare cesti e panieri, oggi nelle mani di abili artigiani i giunchi intrecciati si trasformano in raffi nati complementi d arredo. Fra i centri in cui quest attività è maggiormente diffusa troviamo Acquarica del capo, San Severo, Cassano, Alberobello, Trani e l area leccese dove si producono tuttora cesti di canna, paglia e giunco marino. La lavorazione della cartapesta, invece, si è diffusa in Puglia, intorno alla metà del 600 probabilmente sotto l infl usso culturale della dominazione spagnola e dei rapporti intercorrenti tra la popolazione locale e i mercanti Veneziani. La produzione si concentrò inizialmente sulle immagini sacre, ma evolvendosi

3 PUGLIA 135 negli anni si è orientata anche su altri soggetti quali meravigliose bambole ed elementi decorativi fl oreali e non, senza dimenticare i famosi carri di carnevale, resi ancor più noti dal celebre carnevale di Putignano. Anche l arte della tessitura e del ricamo trova ampia diffusione in Puglia assumendo diverse caratterizzazioni a seconda della zona interessata, l antica tecnica saracena del fi occo Leccese prevale nelle zone di Maglie e Surano (provincia di Lecce) soprattutto nella realizzazione di tappeti di lana e cotone grezzo. Questo tipo di lavorazione conferisce al tessuto un particolare aspetto arricciato. Diversamente, a Galatina e Ruffano viene utilizzata soprattutto la tecnica del Chiacchierino, ricamo realizzato con cotone sottile lavorato con la spoletta. Dai pregiati ricami si passa ai candelieri, alle balaustre, ai lumi e alle sponde per letti plasmati dal fuoco. La lavorazione del ferro battuto, altro fi ore all occhiello dell artigianato locale, si diffuse soprattutto nel Salento e in particolar modo a Lecce e conserva intatto il suo prestigio. Altro settore tipico dell artigianato in Puglia, è quello della lavorazione della pietra leccese, un tempo conosciuta come il marmo dei poveri. Si tratta di una pietra calcarea piuttosto rara (sembra che si trovi solo in Puglia e a Malta), dalle caratteristiche davvero particolari, malleabile ma al tempo stesso dura e resistente una volta lasciata ossidare all aria. Proprio per la sua peculiarità e per la sua bellezza la pietra è stata impiegata sin dal medioevo da artisti e architetti nei modi più disparati. Il barocco Leccese ci offre numerosi splendidi esempi del suo impiego in architettura. Il processo di lavorazione di questo materiale, è rimasto grossomodo immutato negli anni e viene svolto prevalentemente a mano con i tradizionali strumenti del mestiere, scalpellini seghe e

4 136 Quaderni di ricerca sull artigianato pialle, al servizio della creatività dell artista di turno. Per avere una visione d insieme del mondo dell artigianato della Puglia, è possibile visitare a Lecce la Mostra Permanente dell Artigianato. Consapevole dell importanza di queste attività in ambito culturale ed economico, la Camera di Commercio ha intrapreso una serie di iniziative volte a preservare il patrimonio tradizionale dell artigianato locale. La nuova mostra, completamente rinnovata è stata inaugurata nel 2002 nei i locali di via Rustichini. 2. Dati socio-demografici e consistenza delle imprese artigiane (anni /2010) Dati socio-demografici (rilevazione ISTAT) La popolazione residente a livello nazionale ( ) è cresciuta di circa di abitanti (da a ) pari ad un incremento del 5,4%. In Puglia, al contrario, si è registrato un incremento del solo 1,5%, pari in termini assoluti a abitanti. Si è passati così da una popolazione di abitanti ad una di A livello provinciale l incremento maggiore si è registrato nella provincia di Lecce 3,2%, Bari è al 2,7%, le province di Brindisi e Taranto sono allo 0,1%, mentre Foggia ha registrato una diminuzione dell 1,3% pari a unità. Consistenza imprese totali ed artigiane (rilevazione movimpresa-unioncamere) Imprese totali Il numero delle imprese totali nel periodo preso in esame, iscritte al Registro delle Imprese tenuto

5 PUGLIA 137 dalle Camere di Commercio, è cresciuto in tutta Italia da (2001) a (2010), con un aumento in termini assoluti di imprese, pari al 5,46%. In linea con il dato nazionale anche in Puglia si registra un incremento. Infatti il totale delle imprese iscritte nel 2010 è di mentre nel 2001 era di ; in termini assoluti imprese, pari al 2,08%. L analisi provinciale è la seguente: Lecce +4,2%; Taranto +2%; Bari +1,6%; Foggia +0,7; Brindisi 2,2%. Imprese artigiane Il numero delle imprese artigiane iscritte agli Albi provinciali in confronto con il totale a livello nazionale registra un incremento pari al 4,2%. Nel 2001 erano , nel , in termini assoluti l aumento è di imprese. Nella Regione Puglia, l incremento è del 2,4%. Si è passati infatti da imprese del 2001 a del 2010 ( nuove imprese). L analisi provinciale rispetto a quella del totale delle imprese è molto diversa: Brindisi +11,1%; Lecce +7,9%; Taranto +4,5%; Bari +0,6; Foggia -3,3%. Tasso di natalità e mortalità e tasso di crescita delle imprese artigiane A livello nazionale nello stesso periodo preso in esame (1 gennaio dicembre 2010) si sono iscritte agli Albi Artigiani provinciali n imprese e cancellate n con un saldo di nuove imprese.

6 138 Quaderni di ricerca sull artigianato In Puglia, nello stesso periodo, si sono iscritte imprese e cancellate con un saldo di nuove imprese. Qui di seguito i dati pugliesi degli ultimi 11 anni. ANNO ISCRIZIONI CESSAZIONI SALDO PUGLIA Il tasso di natalità (rapporto percentuale fra nuove iscrizioni nell anno ed il corrispondente numero di imprese iscritte), ad eccezione degli anni 2006, 2009 e 2010, è sempre risultato maggiore del tasso di mortalità (rapporto percentuale tra le imprese cancellate ed il totale delle imprese iscritte) ed ha raggiunto il valore massimo nel 2008 (+9,02%) con nuove imprese. Il tasso di crescita (rapporto tra il saldo tra iscrizioni e cancellazioni e il totale delle imprese iscritte all inizio del periodo considerato) è stato quasi sempre positivo. Le percentuali negative negli anni 2006 (-0,40%), 2009 (-1,3%) e 2010 (-0,70%) sono state tutto sommato contenute. La conferma dell incidenza negativa della crisi che ha colpito l economa mondiale si rileva dal dato relativo agli anni 2009 e 2010 che ha toccato anche le

7 PUGLIA 139 imprese artigiane della nostra regione; relativamente al 2010 si è avuta la nascita di imprese e la cessazione di con un saldo negativo di 538 imprese, un dato che esprime comunque una buona ripresa rispetto al 2009 (-1.033). E possibile fare un confronto sulla ripartizione per settori di attività economica (codice ISTAT Ateco) dal 2001 al 2008, in quanto dal 2009 le imprese sono state classifi cate con altri codici (Ateco 2007). In questo periodo risulta un aumento concentrato nel settore delle costruzioni con un + 28,3% (valore assoluto 6.109) e le Altre attività di servizi (informatica, fotografi a, imprese di pulizia, servizi alla persona) con un + 13,3% (valore assoluto 1.177). Le imprese di riparazione di autoveicoli e motocicli invece hanno risentito della crisi con una diminuzione del 20,3% ( 2.220) insieme alle attività manifatturiere -4,2%. (1.051). Un ultima analisi è quella del cosiddetto tasso di artigianalità (è il rapporto percentuale tra le imprese artigiane e quelle totali). Dal 2001 al 2010 in Italia è diminuito dello 0,2%, passando dal 24,4% al 24,2%. In Puglia invece tale tasso ha registrato un aumento dello 0,3%, passando dal 20,2% al 20,5%, che, confrontato con quello delle regioni del Mezzogiorno, diminuito dal 19,3% al 18,8%, fa identifi care la Puglia come regione con notevole concentrazione di imprese artigiane. A livello provinciale risultano questi i valori percentuali riferiti al 2010: Lecce 27,1; Bari 21,3; Brindisi 20,3; Taranto 16,5; Foggia 15.

8 140 Quaderni di ricerca sull artigianato 3. Norme di semplificazione adottate dalla Regione Puglia per la creazione d impresa e la soluzione dei contenziosi: Artigiani in un giorno e Il contenzioso veloce. Artigiani in un giorno Qui è riprodotto l effi cace logo che ha accompagnato la riforma di semplifi cazione adottata dalla Regione Puglia nel 2008 con una modifi ca legislativa (art. 28 L.R. 1/08), semplifi cazione denominata per effi cacia comunicativa Artigiani in un giorno. Dal 1 ottobre 2008 per iscrivere un azienda all Albo degli artigiani della Regione, basta, infatti, una semplice comunicazione in sostituzione della vecchia domanda. Una differenza abissale rispetto al passato, perché, attraverso la comunicazione, il cittadino autocertifi ca il possesso dei requisiti di legge e passa direttamente all iscrizione, saltando la domanda alla Commissione Provinciale Artigianato (C.P.A.) e la mediazione del Comune dove svolge la propria attività. L abbattimento dei tempi burocratici è pari a due, e spesso, tre mesi. Per iscrivere (ma anche modifi care o cancellare) un impresa artigiana dall Albo provinciale basta collegarsi al portale aprendo la pagina della sezione artigianato, stampare il modello, compilarlo e presentarlo personalmente o con una raccomandata alla Commissione Provinciale Artigianato presso la Camera di Commercio della provincia dove ha sede l impresa. A seguito dell avvio della Comunicazione Unica a breve la procedura passerà in totale modalità telematica; infatti si è in

9 PUGLIA 141 attesa della stipula dell intesa con il Ministero dello Sviluppo Economico previsto dall art. 1 comma 2 del DPCM DEL 9 maggio Questo è l ultimo tassello che completerà l opera di sburocratizzazione avviata dall Assessorato allo Sviluppo Economico e messo in pratica dalla Direzione dell Area Politiche per lo Sviluppo economico, il Lavoro e l Innovazione. Questa semplifi cazione ha posto la nostra Regione all avanguardia. Ad oggi oltre alla nostra regione ed alla Lombardia, hanno adottato un procedimento analogo la Toscana, le Marche e l Abruzzo. Aver semplifi cato in modo così netto la procedura fa parte delle azioni di governo fi nalizzate a promuovere l innovazione. La Puglia vuole innovare oltre che per migliorare la qualità dei prodotti rendendoli più competitivi, anche per permettere ad un imprenditore artigiano di avviare la sua impresa abbattendo il più possibile ogni ostacolo burocratico. Non è un caso che proprio alla legge pugliese si sia ispirata la Conferenza delle Regioni; infatti nel mese di luglio del 2008 veniva approvato un documento di indirizzo per l avvio di un impresa artigiana nel quale si prevedeva che l iscrizione all Albo delle imprese artigiane avvenisse, come in Puglia, attraverso una comunicazione e non più una domanda. Il contenzioso veloce Tra le buone pratiche inaugurate negli ultimi anni, non si può non menzionare il contenzioso veloce, un meccanismo integrato di internet, posta elettronica ed sms, grazie al quale gli artigiani della Puglia possono risolvere i ricorsi in un mese e anche meno. La novità ha abbattuto il tempo medio di un contenzioso da diciotto mesi (ma si trascinava anche per tre-quattro persino cinque anni) a trenta giorni al massimo (occorre il 5% del tempo che si impiegava

10 142 Quaderni di ricerca sull artigianato prima), con casi di soluzione in soli 15 giorni. In pratica se un azienda promuove un ricorso, ad esempio, per non essere stata iscritta all Albo delle imprese artigiane, la Commissione Regionale per l Artigianato esamina il ricorso ed esprime la sentenza in un mese al massimo. È possibile grazie ad un innovativo meccanismo che intreccia portale dell Area Politiche per lo Sviluppo il Lavoro e L Innovazione www. sistema.puglia.it, ed sms. Così in un anno, è stato possibile deliberare su 108 ricorsi, 35 del 2008, più altri 73 dal 2003 in poi. 4. Dati economico-finanziari Finanziamenti bancari alle imprese artigiane (dato riferito al ) Nella regione Puglia i fi nanziamenti erogati alle imprese artigiane ammontano a ,00 e sono pari al 4,9% dei fi nanziamenti totali della regione ( ,00). Con riferimento alle regioni del Mezzogiorno (4%) e alla media nazionale (3,8%) è evidente il maggior ricorso al credito da parte delle imprese artigiane. La provincia di Lecce (5,8%) e quella di Bari (5,2%) registrano la percentuale maggiore nello stesso rapporto. Nelle altre province il dato è il seguente: Brindisi 4,9%, Foggia 4,2%, Taranto 3,4%. In valori assoluti, con riferimento ai 2 miliardi e 170 milioni di euro di fi nanziamenti erogati alle imprese artigiane, la provincia di Bari assorbe il 52,6% con ,00 di Euro, la provincia di Lecce 395 milioni (18,2%), Foggia 307 (14,1%), Taranto 172 (7,9%), Brindisi 157 7,2%).

11 PUGLIA 143 Tipologia dei finanziamenti artigiani La tipologia di fi nanziamenti prima indicati è così divisa: 39,6% a breve termine (860 milioni di euro); 60,4% a medio e lungo termine (1.310 milioni di euro). Se si confronta il dato dei fi nanziamenti a breve termine, con quello nazionale (42,4%) e delle regioni del Mezzogiorno (44,2%) è evidente come in Puglia vi sia un indice migliore qualità del credito considerato l evidente maggiore ricorso delle imprese ai fi nanziamenti a medio e lungo termine. Questa valutazione è confortata dal fatto che dal 2001 (55%) al 2008 (39,6%) la quota dei fi nanziamenti a breve termine ha sempre continuato a ridursi. Le imprese artigiane e i finanziamenti agevolati Sul totale dei fi nanziamenti in essere quelli agevolati risultavano, sempre alla data del , pari al 15,7% (340 milioni di euro). Raffrontato con il 5,7% dell Italia e con il 9,8% delle regioni del Mezzogiorno è evidente l altra incidenza che indica un particolare interesse nella regione Puglia verso questa tipologia di fi nanziamenti che sono messi a diposizione dalla pubblica amministrazione. La Puglia pertanto si caratterizza, tra l altro, come territorio disponibile alla realizzazione di interventi produttivi che si potranno realizzare attraverso fi nanziamenti agevolati pubblici. Tale dato è confortato dalla valutazione che nel periodo preso a considerazione ( ) nella regione Puglia la quota dei fi nanziamenti agevolati si è mantenuta costante, a differenza delle altre regioni dove la quota è diminuita negli anni.

12 144 Quaderni di ricerca sull artigianato Incidenza % dei finanziamenti agevolati artigiani sul totale dei finanziamenti artigiani (anni ) REGIONI PIEMONTE VALLE D AOSTA LOMBARDIA LIGURIA TRENTINO ALTO ADIGE VENETO FRIULI V.G EMILIA ROMAGNA TOSCANA MARCHE UMBRIA LAZIO CENTRO/ NORD ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA MEZZO- GIORNO TOTALE PUGLIA Fonte Artigiancassa: stima dati Banca d Italia

13 PUGLIA 145 Depositi bancari Sul totale dei depositi bancari presenti nella regione Puglia, ammontanti a milioni di Euro a fi ne 2008, i depositi delle imprese artigiane risultano di 620 milioni circa (2,1%). Tale percentuale risulta essere superiore, nonostante un maggior ricorso ai fi nanziamenti, al dato delle regioni del Mezzogiorno di tutta Italia, che risulta essere di 1,9%. 5. Interventi agevolativi della Regione Puglia: Titolo II PO FESR Puglia L Avviso Start up Artigiancassa Il Programma Operativo Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (PO FESR) Puglia Asse VI Nel P.O. FESR l Asse VI, in particolare, ha l obiettivo di ampliare e rafforzare il tessuto produttivo regionale, in special modo attraverso una signifi cativa espansione del suo tasso di innovazione, garantendo che tale azione si rivolga anche nei confronti delle fi liere manifatturiere tradizionali, nonché ai servizi ed al turismo. Qui alcune delle azioni previste: azioni dirette alla nascita e all ampliamento della base produttiva ed occupazionale delle micro e piccole imprese; azioni a sostegno dell ampliamento della base produttiva ed occupazionale, della competitività, dell internazionalizzazione e della sostenibilità ambientale nelle PMI singole e consorziate appartenenti alle fi liere tradizionali e a quelle innovative; azioni a sostegno di nuovi investimenti produttivi di grandi imprese.

14 146 Quaderni di ricerca sull artigianato In tale ambito forniamo i dati più signifi cativi delle imprese artigiane relativi agli investimenti con Artigiancassa Spa (anni 2008 e 2009) e attraverso il cosiddetto Titolo II della linea di Intervento 6.1 Azione (Aiuti agli investimenti delle micro e piccole imprese) con i dati dall apertura del bando (23 aprile 2009) fi no al Attività dell Azione Aiuti agli investimenti delle micro e piccole imprese. Titolo II Aiuti agli investimenti iniziali alle micro e piccole imprese. Titolo II è un avviso a sportello (quindi aperto fi no all esaurimento delle risorse) al quale sono riservati 99,5milioni di euro con la fi nalità di favorire lo sviluppo delle attività economiche delle imprese di piccole dimensioni facilitando l accesso al credito. Le tabelle qui sotto riportate evidenziano la suddivisione delle domande inviate telematicamente, dal 23 aprile 2009 al , per categoria di impresa e per provincia di localizzazione, con l evidenza dell investimento proposto e del contributo erogabile. Categorie domande inviate telematicamente con delibera a) artigiani 540 b) commercio 332 c) altro 163 Totali 1035 Province domande inviate telematicamente con delibera Bari 562 BAT 26 Lecce 187 Taranto 117 Foggia 73 Brindisi 70 Totali 1035

15 PUGLIA 147 Importo investimento proposto Totale contributo concedibile , , , , , , , ,05 Importo investimento proposto Totale contributo concedibile , , , , , , , , , , , , , ,96

16 148 Quaderni di ricerca sull artigianato Le tabelle successive invece indicano la suddivisione delle n. 462 domande approvate dal Comitato Tecnico Regionale (CTR) fi no al , per categoria di impresa e per provincia di localizzazione, con l evidenza dell investimento ammissibile e del contributo erogabile. Categorie domande approvate dal CTR Importo investimento ammissibile Totale contributo concedibile a) artigiani , ,77 b) commercio , ,05 c) altro , ,56 Totali , ,38 Province domande approvate dal CTR Investimenti ammissibili contributo provvisorio Bari , ,20 BAT , ,18 Lecce , ,16 Taranto , ,14 Foggia , ,90 Brindisi , ,80 Totali , ,38 I dati aggiornati sono reperibili in tempo reale sul portale dell Area Politiche per lo Sviluppo economico, il Lavoro e l Innovazione della Regione Puglia L avviso Start up L avviso Aiuti all avvio di microimprese realizzate da soggetti svantaggiati Start up, nato con lo scopo di agevolare la nascita di nuove imprese promosse da alcune categorie come i giovani, le

17 PUGLIA 149 donne, i precari, i disoccupati o chi è in procinto di perdere il posto di lavoro, ha una dotazione di 43 milioni di euro. Per il primo ciclo da 16milioni di euro sono arrivate 469 proposte delle quali 111 ammissibili per investimenti programmati di oltre 17,3milioni, agevolazioni concedibili per più di 15,7milioni e posti di lavoro per 733 addetti. Il bando è stato riaperto per il secondo ciclo da 27milioni il 30 novembre Al 30 marzo 2011 le domande arrivate sono 411 per investimenti teorici realizzabili pari a circa 65milioni di euro. Chi fa domanda per un impresa artigiana ha la possibilità di ricevere l incentivo anche se succede all azienda paterna o di un parente entro il secondo grado (padre, nonno, fratello). Una novità, questa, di notevole impatto perché permette di perpetuare la tradizione del passaggio dell attività dai genitori ai fi gli, incentivando allo stesso tempo il rinnovo degli ambienti o delle attrezzature, l incremento del personale, le spese di gestione. Così si agevola il ricambio generazionale nelle imprese artigiane favorendo allo stesso tempo l innovazione. L avviso è a sportello, quindi aperto fi no all esaurimento delle risorse. Attività Artigiancassa nell ambito dell Asse VI Nel 2008 e nel 2009, sono state ammesse alle agevolazioni in Conto interessi operazioni, con un importo della domanda pari ad euro e con un corrispondente contribuito impegnato di euro. L importo medio delle operazioni ammesse è stato pari a circa euro.

18 150 Quaderni di ricerca sull artigianato 6. Le politiche regionali per favorire il credito alle imprese Un fondo di garanzia da 50milioni di euro Tutti gli attori sociali indicano nel rapporto banche-piccole imprese il maggiore punto di crisi della nostra economia. Per questo la Regione Puglia ha posto al centro delle sue politiche l accesso al credito spingendo il collegamento delle imprese con il sistema bancario. Ha dato impulso alla garanzia di credito stanziando 50milioni di euro validi per il triennio È stato pubblicato infatti l Avviso per la presentazione di domande per l accesso ai contributi a favore di Cooperative di Garanzia e Consorzi Fidi per la dotazione di fondi rischi diretti alla concessione di garanzie a favore di operazioni di credito attivate da piccole e medie imprese socie. Il bando è fi nalizzato ad aiutare l azienda ad ottenere il mutuo, condizione fondamentale per accedere all incentivo appena descritto. Sono messi a disposizione 50 milioni di euro, che possono attivare prestiti per un miliardo. Si tratta di un primato assoluto. La Puglia è la prima Regione d Italia ad erogare un contributo così grosso per i Consorzi Fidi e le Cooperative di Garanzia. Sono ammessi alle agevolazioni i Confi di costituiti da piccole e medie imprese con sede in Puglia che abbiano più di tremila soci ovvero abbiano in corso operazioni di garanzia superiori a 10 milioni di euro, mentre destinatari delle agevolazioni in forma di garanzia sono le Piccole e Medie imprese (PMI), che potranno chiedere aiuti (in forma di garanzia) per prestiti fi no ad 1milione 500mila euro e fi no a 750mila euro se l impresa è attiva nel settore dei trasporti. La garanzia non deve superare l 80% del prestito

19 PUGLIA 151 concesso all impresa. Sono ammissibili a garanzia i fi nanziamenti destinati a coprire le spese per acquisto del suolo aziendale, opere murarie, infrastrutture, acquisto macchinari e programmi informatici, acquisto di servizi di consulenza, costi relativi al rilascio di certifi cazione di qualità etica, sociale e ambientale. Grazie all avvio di questo intervento le imprese piccole e piccolissime potranno accedere più facilmente ad incentivi come il Titolo II e l avviso Start up perché la concessione di garanzie da parte dei Confi di apre le porte del credito anche ai soggetti economicamente più deboli. Sono otto le Cooperative e i Consorzi Fidi destinatari delle risorse (Co.Fidi Puglia, L artigiana Cooperativa artigiana di Garanzia di Lecce, la Cooperativa artigiana di Garanzia di Bari, Artigianfi di Società cooperativa, Società di Garanzia fra Commercianti, CNA Cooperativa artigiana di Garanzia di Credito, Fidindustria Puglia, Cofi di Commercianti di Capitanata Società cooperativa) e coinvolgono imprese aderenti. Al 30 marzo 2011 sono state già erogate garanzie per oltre Euro. Le pratiche totali sono Grazie a questa misura che ha stimolato l aggregazione tra i Cofi di, un consorzio pugliese sta passando nella categoria dei Cofi di vigilati (si chiamano Cofi di 107 dal numero dell articolo del Testo unico bancario, in Italia ce ne sono 43 in tutto). La trasparenza sul credito La crisi, infatti spinge ad una lotta nella quale gli attori coinvolti devono recitare tutti da protagonisti. Alle banche resta la grande responsabilità di non chiudere i rubinetti del credito. Per questo la Regione Puglia ha voluto trasferire ai cittadini ed alle imprese

20 152 Quaderni di ricerca sull artigianato una conoscenza puntuale sul modo in cui lavorano gli Istituti di Credito con i fondi regionali. Così dal 29 luglio 2009 il lavoro delle banche per contrastare la crisi economica attraverso i bandi regionali è trasparente e accessibile a tutti. L ha reso possibile un azione forte dell Assessorato allo Sviluppo economico che per la prima volta nella storia del credito, ha sfatato un tabù pubblicando in tempo reale sul portale puglia.it, dati fi no a quel momento celati dal segreto bancario. Così oggi è possibile sapere quali sono gli Istituti di credito che si stanno impegnando a concedere mutui attraverso il bando Titolo II (del quale si è parlato nel paragrafo precedente) consultando una pagina dinamica, che cambia continuamente e ci fornisce in tempo reale una foto nitida delle sollecitazioni al mondo del credito. Il giorno in cui è stata messa in rete le pratiche in lavorazione erano complessivamente 190, per oltre 37milioni 500mila euro di investimenti programmati. Le imprese si erano rivolte a 23 istituti di credito di cui 15 BCC, le tre Banche Popolari e Artigiancassa. Spiccavano alcune assenze illustri. A poco più di due mesi da quel 29 luglio 2009, nonostante le ferie di agosto, alcuni assenti erano entrati a far parte dell elenco mentre gli investimenti programmati dalle imprese apparivano raddoppiati. Il 26 gennaio 2010 la battaglia per il credito si è arricchita di un nuovo capitolo. È stata inserita sul portale una nuova pagina dinamica che svela uno dei più protetti segreti bancari: i tassi di interesse. Si tratta dei tassi applicati dalle Banche sempre sull avviso Titolo II. L effetto è stato immediato: a soli venti giorni dalla pubblicazione degli interessi bancari i tassi massimi (che arrivavano al 7,78%) si sono ridotti di oltre un punto percentuale,

21 PUGLIA 153 con un tasso massimo diventato del 6,71%. Per accedere al servizio il percorso è semplice: occorre innanzitutto registrarsi al sito e poi aprire, dalla sezione Bandi Attivi, la pagina dedicata all Avviso Aiuti ai programmi di investimento di Micro e Piccole Imprese (che sul portale è anche denominata Regimi di Aiuti - Titolo II ). Da lì, attraverso il link Iter in corso si accede a tre pagine: Il lavoro delle Banche, Il lavoro dei Confi di e I tassi applicati. Così è possibile visionare in tempo reale la situazione delle pratiche per la concessione, rispettivamente, dei mutui, delle garanzie e dei tassi di interesse applicati dalle banche. A volte il prestigio degli operatori fi nanziari tende a mettere in ombra i risultati, invece chi lavora di più e a condizioni migliori deve emergere perché la concorrenza non si fa a parole. Se una banca manca, è poco attiva nell elenco pubblicato o troppo cara, l utente capisce che diffi cilmente accetterà di aiutarlo a fi nanziare un investimento con i contributi regionali e, se lo facesse, le condizioni non sarebbero convenienti: è in questo l effi cacia dello strumento.

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

LE IMPRESE ARTIGIANE ITALIANE NEL CORSO DELLA CRISI: UNA PRIMA ANALISI DELL EVOLUZIONE STRUTTURALE DAL PUNTO DI VISTA SETTORIALE E TERRITORIALE

LE IMPRESE ARTIGIANE ITALIANE NEL CORSO DELLA CRISI: UNA PRIMA ANALISI DELL EVOLUZIONE STRUTTURALE DAL PUNTO DI VISTA SETTORIALE E TERRITORIALE 64 Quaderni di ricerca sull artigianato 65 - Sennet R. (2008), L uomo artigiano, Feltrinelli, Milano. - Sennet R. (2012), Insieme. Rituali, piaceri, politiche della collaborazione, Feltrinelli, Milano.

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Proposta di legge regionale concernente

Proposta di legge regionale concernente Proposta di legge regionale concernente Nuove disposizioni per favorire la tutela, la valorizzazione e lo sviluppo dell artigianato nel Lazio. Modifiche alla l.r. 6 agosto 1999, n.14 (Organizzazione delle

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Osservatorio nazionale distretti italiani

Osservatorio nazionale distretti italiani Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani- Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Apprendistato di mestiere: appuntamento mancato con la semplificazione

Apprendistato di mestiere: appuntamento mancato con la semplificazione Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Apprendistato

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

per aumentare l occupazione

per aumentare l occupazione newsletter a cura di Giugno 2014 La garanzia giovani parte. Con le imprese editoriale del Ministro Aiutiamo in concreto i giovani e le imprese di Giuliano Poletti Il 1 maggio ha preso avvio, in tutta Italia,

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione Processo Qualifica N. /2015 DOMANDA DI PREQUALI DATI IDENTIFICATIVI DELL OPERATORE ECONOMICO (inserire i datii relativi alla SEDE LEGALE) L Denominazione / Ragione Sociale Operatore: Partita Iva: Codice

Dettagli

Informativa prot. n.23715 DELL'11.06.2012 - CL. 16.01.04/ F.1.16

Informativa prot. n.23715 DELL'11.06.2012 - CL. 16.01.04/ F.1.16 Informativa prot. n.23715 DELL'11.06.2012 - CL. 16.01.04/ F.1.16 D ordine del Direttore generale dr. Mario Guarany, si comunica che ai sensi dell articolo 30 del decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito,

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Per favorire il dialogo con i cittadini la Regione Calabria lancia lo sportello informativo, il servizio on line che consente di avere, in tempi certi,

Dettagli

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia ROMA, GIUGNO 2008 INDICE PREMESSA...4 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...6 PARTE

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

I servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna

I servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna Il sistema prima infanzia della Regione Emilia-Romagna Il servizi educativi Nidi d infanzia, micronidi, sezioni primavera Servizi domiciliari: piccoli gruppi educativi Servizi integrativi: spazi bambini,

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli