e del suo acquedotto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "e del suo acquedotto"

Transcript

1 e del suo acquedotto

2 Ciao! Sono e ti voglio raccontare una storia bella bella. Hai voglia di ascoltarla? Allora volta la pagina e... seguimi! Far scorrere l acqua da un rubinetto è gesto semplice. Del resto, l acqua è dono di Dio, si sa. Quello che non tutti sanno è che in Puglia l acqua è anche sacrificio dell uomo. In una terra priva di fiumi significativi e di laghi, portare acqua salubre nelle case di tutti i cittadini è stata una opera immane che ha richiesto il duro lavoro di migliaia di persone. Raccontare ai bambini questa grande epopea storica che ha visto protagonisti i loro (nostri) bisnonni aiuterà tutti, ne siamo certi, a dare maggiore valore all acqua, bene comune. Gli autori

3 C era una volta un bellissimo Regno, ricco di fiori e di piante. Si chiamava In questa terra fortunata, viveva una principessa. Il suo nome era Una fanciulla tanto cara che passava tutto il tempo a giocare nei giardini del Regno di Pugliabella. Nel neolitico la Puglia è ricoperta da boschi prevalentemente calcarei. Nelle zone costiere mediterranee l estate è secca sempreverdi. Le zone costiere sono ricoperte da selve e le precipitazioni sono scarsissime. Per questo gli arbusti sempreverdi sono impenetrabili che offrono selvaggina e legname provvisti di radici molto sviluppate in grado di raggiungere gli strati profondi all uomo. Fra gli alberi vi sono la sughera, il pino domestico, del terreno per cercare l umidità e le sostanze minerali, mentre i loro fusti il pino d Aleppo e il leccio, pianta tipicamente mediterranea. producono un fogliame denso e persistente che offre rifugio agli animali e Una quercia sempreverde col tronco corto e chioma fitta e tondeggiante; ripara il suolo in modo che non si dissecchi rapidamente. prospera bene nei luoghi esposti al sole, resiste alla siccità, cresce nei suoli

4 Giardini sconfinati che nascevano sui monti e finivano in riva al mare. Tanto vicino al mare che i fiori si divertivano a giocare con i pesci. Nel corso del tempo, gli incendi, l introduzione di pratiche agricole e l allevamento del bestiame trasformano le foreste in boscaglie. La macchia mediterranea in Puglia è oggi costituita perlopiù da arbusti e cespugli termofili. Si tratta di piccole estensioni di bosco, boscaglie e lembi di costa. Ciò che la distingue dagli altri ambienti delle aree temperate è la presenza di sempreverdi che conservano le foglie anche nella stagione invernale, quando nei boschi gli alberi si spogliano e la vita si ferma, mantenendo al contrario una vivacità di colori unica. L acqua sgorgava ovunque e faceva arcobaleni di mille colori. Ruscelli, fiumi e laghi giravano tutt attorno le città e dissetavano gli abitanti del Regno. Il leccio e la sughera sono le specie dominanti. Tra le altre spiccano il corbezzolo, il lentisco, il mirto, l oleandro, il ginepro coccolone, il pino d Aleppo, il cisto, presente in diverse varietà, l ipocisto, il timo, con gli affascinanti fiori di colore violaceo, la scilla, in grado di resistere agli incendi grazie al suo bulbo sotterraneo ricco di sostanze nutritive, e l alloro, con cui i Greci incoronavano i poeti e gli atleti di gare sportive. Acquedotto Pugliese ha contribuito al rimboschimento di un area di oltre 2 ettari di macchia mediterranea nell agro di Gioia del Colle in provincia di Bari.

5 Un giorno, una strega cattiva tutta secca e rugosa dal nome MAL ARIA che bisbigliava un fastidiosissimo arrivò dal regno di sotto, buio e roccioso. Era gelosa della bellezza della principessa e voleva seccare tutti i giardini fioriti. La Puglia è una regione priva di fiumi e laghi significativi. La natura carsica del suolo non consente accumuli o riserve d acqua in superficie, lasciandola scendere a grandi profondità. Una falda spesso inutilizzabile per il contatto con le acque salmastre marine. Non solo attraverso le rocce l acqua penetra nel sottosuolo, ma anche attraverso sprofondamenti del terreno che prendono il nome di voragini, grave, inghiottitoi, attraverso i quali il prezioso liquido precipita nel sottosuolo, dando origine a veri e propri corsi d acqua sotterranei. Il terreno viene quindi eroso in profondità, dando origine a gallerie e grotte di diversa forma e grandezza che, comunicanti anche tra di loro, formano un groviglio indecifrabile. Un esempio tra i più spettacolari di questa azione erosiva è dato dalle Grotte di Castellana, espressione millenaria del volto nascosto della Puglia. In queste condizioni la Puglia si presenta come una terra costantemente a rischio di aridità e con tristi cicli di siccità. La deficienza di corsi d acqua significativi è anche conseguenza del fatto che gli Appennini lucano e campano lasciano scorrere le acque sul versante tirrenico lasciando alla Puglia il solo Ofanto.

6 Con un malefico incantesimo Mal aria fece prosciugare tutti i fiumi e i laghi di Pugliabella. Gli abitanti del Regno non ebbero più buona acqua da bere. L incantesimo era terribile. Non appena scendeva giù l acqua della pioggia, la terra di sotto l inghiottiva come una enorme spugna. Per secoli i pugliesi sopperiscono alla mancanza di acqua salubre in superficie con rudimentali sistemi di grondaie, caditoie, scorrimenti, acquedotti senza canali che fanno arrivare l acqua dove occorre, schivando le insidie del calcare pronto ad inghiottirla nelle viscere. E anche dalle cummerse, i tetti appuntiti di Locorotondo, e dai trulli, l acqua purissima scivola per essere raccolta. L acqua viene prelevata anche dai pozzi che attingono dalla falda. Non mancano acquedotti locali, per lo più comunali, realizzati in epoca romana di cui ancora sono visibili tracce, come nel caso dell Acquedotto del Triglio che corre verso Taranto. Altri esempi quello di Canosa realizzato da Erode Attico o di Gravina di Puglia, dove la struttura settecentesca è ancora visibile. Quest ultima è costituita da una rete di canali che convogliano l acqua all interno di un serbatoio che funge anche da vasca di decantazione. Di qui, l acqua viene convogliata verso una fontana pubblica. L opera comprende 6 diramazioni e si approvvigiona da un fitto sistema di pozzi.

7 Da quel giorno... senza acqua fresca da bere, la principessa e gli abitanti del Regno iniziarono ad ammalarsi di malaria... con grande soddisfazione della brutta strega! Prima dell Acquedotto in casa l acqua viene conservata in grossi orci panciuti di terracotta dalla bocca molto larga dove si immerge l inconfondibile mestolo di rame per attingere con parsimonia e non sprecare il liquido prezioso. Ci si lava in poca acqua nel bacile di rame o di ferro smaltato ed avere in casa il gabinetto con pozzo nero è lusso di pochi. Le malattie gastro-intestinali e in particolar modo le febbri tifoidee, causano ogni anno numerose vittime, specialmente nella stagione estiva. La mortalità infantile è impressionante ed i decessi si contano a decine di migliaia. La presenza delle cisterne e dei pozzi privati, con le loro acque stagnanti, rappresenta il substrato ideale per lo sviluppo della zanzara Anofele, causa del diffondersi della malaria che, nelle zone rurali rappresenta una delle principali cause di morte. Nel Comune di Castelnuovo della Daunia nel 1916, su un totale di 213 morti, se ne contarono 16 per malaria perniciosa più altri 13 per malaria; nel 1917, sempre su un totale di 213, 30 persone morirono per perniciosa, più altre 7 per malaria.

8 Un giorno arrivò un principe di nome Camillo. CAMPANIA Camillo raccontò al re di un posto molto lontano, sui monti della Campania, la terra dove tutti parlano con il din e con il don e dove l acqua scorreva copiosa. Si trovava, però, dall altra parte della montagna. Basterebbe - disse Camillo al re - che le costruissimo un letto per farla arrivare fin qui. L idea di un acquedotto che trasporti l acqua delle sorgenti Sanità di Caposele, nell alta Irpinia fino alla Puglia nasce nella seconda metà del 1860, dall intuizione di un Ingegnere del Genio Civile di Bari, Camillo Rosalba. Un progetto rivoluzionario dove per la prima volta si parla di un acquedotto unico regionale. L idea, ritenuta al tempo rivoluzionaria quanto visionaria, viene poi ripresa nei decenni successivi da De Vincentiis e Zampari e costituisce la base di ricerca per i lavori della Commissione reale nominata, con D. M. del 27 maggio 1896, per lo studio delle questioni attinenti alle acque potabili e, in particolare, all Acquedotto Pugliese. Il progetto esecutivo sul quale verranno avviati i lavori per la realizzazione dell Acquedotto, porta la firma dell Ing. Capo del Genio Civile di Bari, Giovanni Battista Bruno. Tra i politici impegnati in quegli anni si distinguono l On. Giuseppe Pavoncelli, che poi assumerà la carica di primo Presidente dell Acquedotto e l On. Matteo Renato Imbriani, firmatario della prima proposta legislativa.

9 Il re, scettico, chiese al ministro di occuparsi della cosa. Il Ministro delle Costruzioni del Regno di Pugliabella che si chiamava Tra questi ce n era uno che arrivava dalla Liguria, e precisamente da Genova, una città lontanissima. Si chiamava ed era forte e robusto fu subito entusiasta della proposta del principe Camillo..e chiamò tutti gli uomini a raccolta. e insieme al Principe Camillo partirono per la Campania. Il 26 giugno 1902 il Parlamento italiano approva la legge per la costruzione dell Acquedotto Pugliese, gestito da un Consorzio istituito tra lo Stato e le Province di Bari, Foggia e Lecce, grazie al forte impulso dato dall allora Ministro per i Lavori Pubblici, Nicola Balenzano. Un bando di gara - il primo a livello europeo dà inizio nel 1906 ai lavori per la costruzione del canale che dalle sorgenti del fiume Sele, attraversa l Appennino campano e porta l acqua in Puglia. La Ercole Antico, ditta di Genova si aggiudica i lavori. Oltre 20 mila operai sono impegnati nella costruzione dell Acquedotto; maschere di fango e sudore che avanzano senza sosta per superare difficoltà d ogni genere, tra i timori di un illusione e speranze di prosperità. L opera, del resto è titanica, impervio il territorio. La boscaglia e le polle d acqua sorgiva mista al fango mettono a dura prova le capacità di resistenza alla fatica. I numeri sono impressionanti: 30 i depositi di dinamite per sbancare le montagne, 250 i chilometri di ferrovia allestita per il trasporto degli uomini e delle materie prime necessarie, 60 gli ingegneri impegnati lungo la dorsale dei lavori che comprende un centinaio di cantieri.

10 Ci vollero molti anni per costruire il grande letto, ma alla fine ci riuscirono. L acqua della Campania arrivò a Pugliabella come un fiume che chiamarono Acquedotto Pugliese. I cittadini di Pugliabella così guarirono dalla malaria e tornarono forti e belli. Così la principessa riprese a curare i giardini che diventarono verdi e rigogliosi. Il 24 aprile del 1915 l acqua corrente giunge per la prima volta a Bari. Una grande festa. All acqua, all acqua, alla fontana nova, ci no tiene la zita (fidanzata) se la trova si canta nei paesi benedetti dalla nuova acqua. L acqua corrente raggiunge Foggia nel 1924, Lecce nel 1927, grazie al completamento di un altra imponente opera: il Sifone leccese. L Acquedotto Pugliese migliora in modo determinante le condizioni igieniche degli abitanti dell intera Regione. Il pittore Domenico Cantatore, all epoca dodicenne, racconta così l arrivo dell acqua a Ruvo di Puglia: I possidenti buttarono le chiavi delle cisterne nella strada e le donne andarono in chiesa a ringraziare i santi. Successivamente, con i lavori di fognatura ed il completamento degli allacci idrici vengono installati i gabinetti nelle case. Oggi l Acquedotto Pugliese, per garantire il costante rispetto delle caratteristiche di salubrità delle acque e a tutela dell ambiente, dispone di un sistema di laboratori distribuiti su tutto il territorio regionale in grado di controllare capillarmente la qualità delle acque potabili e di quelle depurate.

11 Il re convocò quindi il Principe Camillo per ringraziarlo di aver fatto ritornare il sorriso a sua figlia e a tutta la sua gente. E quando Camillo fu dinanzi alla principessa... i due si innamorarono perdutamente. A distanza di cento anni dal primo colpo di piccone, per estensione e capacità Acquedotto Pugliese è ancora oggi fra le più imponenti ed esemplari opere di ingegneria idraulica realizzate al mondo. Un sistema di acquedotti interconnessi che si estendono per oltre 21 mila chilometri, convogliando ottima acqua da bere nelle case di 4 milioni di persone, secondo necessità, anche grazie ad un innovativo sistema di telecontrollo. Una qualità certificata da una efficiente rete di laboratori, da centinaia di migliaia di controlli l anno e soprattutto dall impegno di tecnici dalla alta professionalità e grandi capacità. Al capillare sistema di distribuzione dell acqua potabile, corrisponde una rete per l allontanamento ed il trattamento delle acque reflue. Oltre 10 mila chilometri di reti fognarie e impianti di depurazione dislocati su tutto il territorio servito che restituiscono acque chiare e trasparenti, contribuendo alla difesa dell ambiente. Un percorso di crescita in costante evoluzione, in grado di favorire benessere e prosperità al territorio.

12 Ben presto furono celebrate le nozze regali e vissero tutti felici e contenti nel meraviglioso Regno di Pugliabella!

13 Dimenticavo bambini... vi chiederete: che fine ha fatto la brutta strega Mal Aria? Sconfitta dall arrivo della fresca acqua portata dal fiume Acquedotto Pugliese... Z Z Z Z... Z... BZ ZZ Z e nessuno la vide mai più! B Z... Z ZZZ BZ se ne andò nella lontanissima terra di Sciò Sciò IO C S O SCI

14 La storia di Pugliabella e del suo acquedotto Da un idea di Vito Palumbo Viviana Bucci Testi Vito Palumbo Stella Armenti Caterina Quagliarella Progetto grafico e impaginazione Viviana Bucci Illustrazioni Valerio Scrignoli Prima edizione ottobre 2011

15

senso acqua dell LA GESTIONE INTEGRATA DELLE ACQUE IDENTITÀ E MISSIONE DI ACQUEDOTTO PUGLIESE 4 MILIONI DI ABITANTI SERVITI

senso acqua dell LA GESTIONE INTEGRATA DELLE ACQUE IDENTITÀ E MISSIONE DI ACQUEDOTTO PUGLIESE 4 MILIONI DI ABITANTI SERVITI il senso dell acqua 2 il senso dell acqua LA GESTIONE INTEGRATA DELLE ACQUE IDENTITÀ E MISSIONE DI ACQUEDOTTO PUGLIESE 4 MILIONI DI ABITANTI SERVITI Per estensione e capacità, l Acquedotto Pugliese è fra

Dettagli

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele.

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea La macchia mediterranea si chiama così perché é formata da vegetazione che ama i terreni asciutti, il sole, molta luce, un

Dettagli

EXPO 2015. scopert dei tesori pugliesi

EXPO 2015. scopert dei tesori pugliesi Vieste, I.I.S.S. Fazzini-Giuliani Classe 3^A liceo scientifico a.s. 2014/2015 EXPO 2015 Alla scoperta scopert dei tesori pugliesi Dal granaio di Puglia all oro blu La Puglia entra nel girotondo delle nazioni

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Il mago nascosto dietro a un muretto si spanciava dalle risate.

Il mago nascosto dietro a un muretto si spanciava dalle risate. Il Mago Burlone Alla corte di un re di un paese lontano c era un mago burlone. Lo chiamavano così perché si divertiva a fare le magie a tutti quelli che incontrava. Il mago burlone viveva nella parte più

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

ACQUA ANALISI CHIMICA E MICROBIOLOGICA

ACQUA ANALISI CHIMICA E MICROBIOLOGICA ACQUA ANALISI CHIMICA E MICROBIOLOGICA Lunedì 1 dicembre 2014 due tecnici (Silvana Moretti e Paola Migliorati )del Laboratorio Sanità pubblica ASL di Bergamo specializzati nell analisi dell acqua, (in

Dettagli

L acqua è un bene prezioso!

L acqua è un bene prezioso! Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Istituto Onnicomprensivo A. Argoli Scuola Primaria D. Bevilacqua - Tagliacozzo L acqua è un bene prezioso! Il ciclo dell acqua raccontato ai genitori dai bambini

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede Marca da bollo Euro 10,33 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico di

Dettagli

Completa e Colora GIOCO 01

Completa e Colora GIOCO 01 GIOCO 01 ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA www.sardegnaforeste.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Completa e Colora stropicciato I suoi fiori sono grandi e rosa, con petali dal caratteristico aspetto......................

Dettagli

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Il Gatto con gli stivali Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Ogni suo bene aveva disfatto Tranne un mulino, un asino e un gatto Le divisioni furon presto fatte Senza bisticci

Dettagli

Deserti I CLIMI DESERTICI

Deserti I CLIMI DESERTICI Deserti Dune di sabbia, palmizi e dromedari. È così che ci si immagina un deserto, di solito. In realtà, nella maggior parte dei deserti, la sabbia non c è e non c è mai stata! Enormi aree desertiche sono

Dettagli

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE L'Altopiano del Cansiglio si è formato dalla spinta del continente afri-cano verso quello europeo formando delle pieghe come la montagna dell Alpago, che si vede sullo

Dettagli

DALLE SORGENTI AL RUBINETTO... IL PERCOrsO DI UNA GOCCIA

DALLE SORGENTI AL RUBINETTO... IL PERCOrsO DI UNA GOCCIA DALLE SORGENTI AL RUBINETTO... IL PERCOrsO DI UNA GOCCIA NOME... COGNOME... la MIA GUIDA é... 1 Gentili insegnanti, da oltre 10 anni Multiservizi propone un percorso di conoscenza della risorsa acqua alle

Dettagli

C E INCENDIO E INCENDIO

C E INCENDIO E INCENDIO C E INCENDIO E INCENDIO Generalmente si distinguono due tipi di incendio per stabilire chi deve intervenire per lo spegnimento: incendi che bruciano le cose dell uomo - si chiama ed intervengono i incendi

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Immagine tratta dal libro TECNOLOGIA del prof. Gianni Arduino

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Immagine tratta dal libro TECNOLOGIA del prof. Gianni Arduino IMPIANTO IDRICO-SANITARIO Per la serie impianti indispensabili per le abitazioni, parliamo di impianto idrico-sanitario, ossia di quell impianto che rifornisce le abitazioni di acqua potabile. Purtroppo

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo I MARI ITALIANI L Italia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo. Le coste della penisola italiana sono lunghe oltre 7000 chilometri e hanno caratteristiche diverse. Nei mari italiani sono presenti

Dettagli

L idrovora di Ca Vendramin: le nostre ricerche. Classe IV B T.I.M. I.P.S.I.A. Porto Tolle (Ro)

L idrovora di Ca Vendramin: le nostre ricerche. Classe IV B T.I.M. I.P.S.I.A. Porto Tolle (Ro) L idrovora di Ca Vendramin: le nostre ricerche. Classe IV B T.I.M. I.P.S.I.A. Porto Tolle (Ro) Il Polesine può essere considerato una zona unica nel suo genere in quanto formatasi dall accumulo di sedimenti

Dettagli

È come mettere una goccia nel mare e ma noi quella goccia l abbiamo messa

È come mettere una goccia nel mare e ma noi quella goccia l abbiamo messa 1 È come mettere una goccia nel mare e ma noi quella goccia l abbiamo messa L acqua è una risorsa di importanza universale. Essa è all origine della vita, è fondamentale in tutti i processi biologici,

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

Abies, Abete (Pinaceae)

Abies, Abete (Pinaceae) , Abete (Pinaceae) Conifera dalla forma elegante e imponente, quasi sempre conica, molto diffusa come pianta ornamentale nei giardini e nei parchi pubblici e privati, in particolare per il colore degli

Dettagli

Piano Industriale 2015 2018 Sintesi

Piano Industriale 2015 2018 Sintesi Piano Industriale 2015 2018 Sintesi Overview Chi siamo Acquedotto Pugliese S.p.A. (AQP) nasce dalla trasformazione in società per azioni dell Ente Autonomo Acquedotto Pugliese (E.A.A.P.), ai sensi del

Dettagli

Allo scopo di trasmettere ai bambini la necessità di riflettere su quanto incide il comportamento di ognuno sull impatto globale dei consumi idrici, sono state realizzate, con il coinvolgimento di tutte

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

Lombardia. Run The Top. Guida e GPS. www.regione.lombardia.it

Lombardia. Run The Top. Guida e GPS. www.regione.lombardia.it Lombardia Run The Top TRINCEE TRAIL Guida e GPS www.regione.lombardia.it Lunghezza: 21 km Dislivello: 1100 mt D+ Tecnicità: percorso che si sviluppa in gran parte lungo trincee di inizio secolo con diversi

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. Prot. gen. del / / RICHIESTA DI

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Trasporti a fune e su condotta

Trasporti a fune e su condotta Trasporti a fune e su condotta Trasporti a fune e su condotta Negli ultimi due secoli ha assunto un ruolo di rilievo il trasporto per vie d aria guidato dalla fune: si tratta della teleferica nelle sue

Dettagli

Il nostro monito di quest anno veleggia verso chi distrugge, incendia e inquina la

Il nostro monito di quest anno veleggia verso chi distrugge, incendia e inquina la RN La macchia mediterranea è tipica del Mar Mediterraneo, peculiarità riservata alle terre che si affacciano in questa distesa blu E la nostra splendida isola gode della centralità nel Mar Mediterraneo.

Dettagli

Immaginate un riparo nel deserto prima di costruire una casa dentro le mura della città. G. Kahlil Gibran, Il profeta

Immaginate un riparo nel deserto prima di costruire una casa dentro le mura della città. G. Kahlil Gibran, Il profeta Immaginate un riparo nel deserto prima di costruire una casa dentro le mura della città G. Kahlil Gibran, Il profeta Il deserto sottrae in modo semplice e grandioso Architettura della sottrazione Gravina

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Educazione ambientale FILASTROCCHE SULL ACQUA ORO BLU. Classe 1 B

Educazione ambientale FILASTROCCHE SULL ACQUA ORO BLU. Classe 1 B Educazione ambientale FILASTROCCHE SULL ACQUA ORO BLU Classe 1 B ILARIA FAGGIOLI Acqua di monte, acqua di mare, acqua di fiume o di lago fluviale; sorgente che sgorghi fresca e pulita, tu che per noi sei

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

La Puglia. e i suoi paesaggi

La Puglia. e i suoi paesaggi La Puglia e i suoi paesaggi La carta fisica La puglia confina a nord e a est con il mar Adriatico a sud con mar Ionio e Basilicata e a ovest con Molise e Campania La parte amministrativa Il capoluogo di

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

Progetto Idrico del Distretto del Kajiado African Medical and Research Foundation & AMREF Italia

Progetto Idrico del Distretto del Kajiado African Medical and Research Foundation & AMREF Italia Progetto Idrico del Distretto del Kajiado African Medical and Research Foundation & AMREF Italia Cari Amici, Anche questa volta sono tornato, con lo zaino che avevo quando sono partito e senza malaria

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

Brasile Iguazu La cascata del dio serpente

Brasile Iguazu La cascata del dio serpente Poor Niagara Falls! scrisse un lontano giorno, con una punta forse di invidia, Eleonor Roosevelt sul libro d oro dell albergo delle Cateratte dopo aver visto le cascate di Iguazù. In effetti sono spettacolari:

Dettagli

L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante.

L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante. L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante. Iniziamo il percorso con una fase di spiegazione e un esperimento; successivamente lavoriamo in maniera cooperativa-guidata sul quaderno e con

Dettagli

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS Marca da bollo da euro 14,62 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico

Dettagli

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Rosaria Campanale Si ringrazia per la collaborazione

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI A) IDENTIFICAZIONE DELLA DITTA SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI I Identificazione dell Azienda Denominazione Sede legale in via n CAP Comune Tel Fax Email Attività Codice ISTAT CF dell impresa Partita

Dettagli

I bambini e le bambine di classe 1^ B

I bambini e le bambine di classe 1^ B I bambini e le bambine di classe 1^ B Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate a.s. 2013-2014 1 I bambini e le bambine di classe 1^ B IL FILO DELLE STORIE Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

Servizio Idrico Integrato del Biellese e Vercellese S.p.A. IL CICLO INTEGRATO DELL ACQUA

Servizio Idrico Integrato del Biellese e Vercellese S.p.A. IL CICLO INTEGRATO DELL ACQUA Servizio Idrico Integrato del Biellese e Vercellese S.p.A. IL CICLO INTEGRATO DELL ACQUA IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Il servizio idrico integrato è costituito dall'insieme dei servizi pubblici di captazione,

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

SUI LUOGHI DI LUCIO BATTISTI (25 aprile 2013)

SUI LUOGHI DI LUCIO BATTISTI (25 aprile 2013) SUI LUOGHI DI LUCIO BATTISTI (25 aprile 2013) Il Nordic walking definizione coniata e riconosciuta, a livello internazionale nel 1999, nato negli anni 30 in Finlandia come metodo di allenamento ed insegnamento,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà;

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà; LE SIEPI Le siepi sono esseri viventi che appartengono al mondo vegetale; le loro foglie infatti contengono la clorofilla e altre sostanze. Le siepi possono essere fogliose, lisce, verdi, spinose, diramate,

Dettagli

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Lavoro di Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Anno Scolastico 2009/2010 INDICE Presentazione Prima parte : -Gli elementi del computer (presentazione degli elementi del computer al fine

Dettagli

Il Fiume. http://tempopieno.altervista.org/index.htm

Il Fiume. http://tempopieno.altervista.org/index.htm Il Fiume http://tempopieno.altervista.org/index.htm Anno scolastico 2013-14 Classe III E - Scuola primaria "Umberto I" - I Circolo - Santeramo (Ba) ins. Gianni Plantamura 1 Le acque Un elemento naturale

Dettagli

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 Area Protetta Provinciale GIARDINO BOTANICO MONTANO PRATORONDANINO Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 2 PRESENTAZIONE Il Giardino Botanico di Pratorondanino, ideato nel 1979

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

LASSU SULLE MONTAGNE, TRA BOSCHI E VALLI D OR TRA L ASPRE RUPI ECHEGGIA UNA CANTICO D AMOR

LASSU SULLE MONTAGNE, TRA BOSCHI E VALLI D OR TRA L ASPRE RUPI ECHEGGIA UNA CANTICO D AMOR LASSU SULLE MONTAGNE, TRA BOSCHI E VALLI D OR TRA L ASPRE RUPI ECHEGGIA UNA CANTICO D AMOR Chiampo, 8 maggio 2014. Ore 8.00: partenza. Meta: Recoaro Mille (VI). Tempo percorrenza: 1 ora circa. Ore 9.00:

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA .IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA C era una volta un mago di nome Mattia che era considerato il mago più bravo di tutti i tempi e per questo veniva invitato in tutte le città del mondo

Dettagli

VISITA DI ISTRUZIONE A PANTALICA. Classe III Sez. H Anno scolastico 2009-2010

VISITA DI ISTRUZIONE A PANTALICA. Classe III Sez. H Anno scolastico 2009-2010 VISITA DI ISTRUZIONE A PANTALICA Classe III Sez. H Anno scolastico 2009-2010 1 Pantalica ( da pantargo o pantalictos luogo pieno di pietre ) è il più importante sito archeologico della Sicilia orientale

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

16,00 del Comune di CUNEO Settore Ambiente e Territorio

16,00 del Comune di CUNEO Settore Ambiente e Territorio Marca da bollo Preg.mo Sig. SINDACO 16,00 del Comune di CUNEO Settore Ambiente e Territorio OGGETTO: ART. 15 L.R. 26/03/1990 N. 13, L.R. 48/93, L.R. 37/96, D.Lvo 152//06 e s.m.i., L.R. 6/03. Domanda di

Dettagli

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono L autunno è una stagione con caratteristiche sue proprie, non è soltanto un periodo di passaggio tra le calde giornate estive e i primi geli invernali.

Dettagli

Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura

Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Spett.le A.M.A.G. Via Damiano Chiesa n.18 15100 Alessandria Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a il residente in Via N Tel: nella

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

TREKKING IN VAL MASTALLONE

TREKKING IN VAL MASTALLONE TREKKING IN VAL MASTALLONE ITINERARIO N 1 : Santa Maria (Fobello) Colle d Egua Partenza: Santa Maria di Fobello Arrivo : Colle d Egua Codice catasto : 517 Tempo : 3 ore e 15 minuti Dislivello : 1064 m

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI La vegetazione dei Monti Simbruini FOTO VEGETAZIONE MONTI SIMBRUINI APPUNTI Il massiccio calcareo dei Monti Simbruini presenta una ben conservata copertura forestale, che occupa il 75% dell intero areale

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE 1. Per gli scarichi che vengono immessi in un pozzo perdente può essere richiesta la tariffa di fognatura e depurazione? L art. 34 comma

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09

Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09 All'ombra dell'edera Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09 In collaborazione con Comune di Vezzano e Consorzio Vigilanza Boschiva della Valle dei Laghi Un giorno di primavera

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Venaria Reale. Percorsi tematici: giardini e laboratorio di restauro cura e valorizzazione

Venaria Reale. Percorsi tematici: giardini e laboratorio di restauro cura e valorizzazione Venaria Reale Percorsi tematici: giardini e laboratorio di restauro cura e valorizzazione Attività didattica a cura di: Luca Varbaro Co-Responsabile giornalino scolastico 2015/16 IL MAPPAMONDO L 8 Aprile,

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Acquedotti: Le fonti di approvvigionamento e le relative opere

Acquedotti: Le fonti di approvvigionamento e le relative opere Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Costruzioni Idrauliche A.A. 2004-05 www.dica.unict.it/users/costruzioni Acquedotti: Le fonti di approvvigionamento e le relative opere

Dettagli

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana.

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana. ATTIVITA, ARTIGIANALI, Spett.le ACQUE DEL CHIAMPO SpA Servizio Clienti Via Ferraretta, 20 36071 ARZIGNANO Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali

Dettagli

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 23/06/2015 ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 1 Quando due zolle si scontrano, il confine della zona che sprofonda fonde e forma nella profondità della Terra

Dettagli

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Un giorno Babbo Natale e i suoi elfi aspettavano un pacco importante per la note di Natale. Dentro a quel pacco c era una polverina magica che faceva diventare

Dettagli

La riscoperta dell isola di Sant Erasmo

La riscoperta dell isola di Sant Erasmo 53 La riscoperta dell isola di Sant Erasmo Venezia e Murano, il Lido e Chioggia, Burano e Torcello. Da secoli, i luoghi simbolici per eccellenza della laguna custodiscono la storia, la cultura, la tradizione

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia.

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia. SCHEDA N. 4 Documentazione tecnica da produrre per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria e dell autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali che recapitano in

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

L ACQUA: UNA RISORSA LIMITATA

L ACQUA: UNA RISORSA LIMITATA 1 L ACQUA: UNA RISORSA LIMITATA Dr. Francesco Capoccia Etica e Società Osimo (An) - Palazzo Campana 30 Maggio 2013 2 La consideriamo una risorsa illimitata L acqua è il più importante elemento necessario

Dettagli