I fabbisogni di innovazione dell agricoltura pugliese. Risultati e proposte dei Tavoli di approfondimento tecnico-scientifico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I fabbisogni di innovazione dell agricoltura pugliese. Risultati e proposte dei Tavoli di approfondimento tecnico-scientifico"

Transcript

1 Il presente rapporto conclude la prima fase di rilevazione dei fabbisogni d innovazione nel sistema agro-forestale e agroalimentare regionale affidata dalla Regione Puglia all Istituto Nazionale di Economia Agraria nell ambito delle attività previste dalle Linee guida per la ricerca e sperimentazione in agricoltura Il testo si compone di quattro sezioni in cui sono illustrate in modo sistematico le politiche regionali per l innovazione e il sistema regionale della conoscenza in agricoltura, i meccanismi e i processi di programmazione partecipata e le forme di partecipazione degli stakeholder della conoscenza in agricoltura e, ancora, i fabbisogni di innovazione emersi durante i lavori degli otto tavoli di approfondimento tecnico-scientifico attivati dalla Regione Puglia. Il lavoro propone, inoltre, un tentativo di analisi e di interpretazione dei risultati raggiunti dai Tavoli attraverso la costruzione di strumenti statistico-matematici, mutuati dalle metodologie di approccio partecipativo e dalle analisi del business aziendale, in grado, da un lato, di agevolare la lettura degli stessi risultati e, dall altro, di contribuire ad indirizzare le scelte regionali in materia di ricerca in agricoltura I fabbisogni di innovazione dell agricoltura pugliese Rapporto realizzato nell ambito del progetto Supporto metodologico alla gestione degli interventi previsti nelle Linee guida per la ricerca e sperimentazione in agricoltura (Convenzione Regione Puglia e INEA) I fabbisogni di innovazione dell agricoltura pugliese Risultati e proposte dei Tavoli di approfondimento tecnico-scientifico Linee Guida per la ricerca e sperimentazione in agricoltura REGIONE PUGLIA Sede regionale per la Puglia

2

3 I fabbisogni di innovazione dell agricoltura pugliese Risultati e proposte dei Tavoli di approfondimento tecnico-scientifico Linee Guida per la ricerca e sperimentazione in agricoltura

4 Rapporto realizzato nell ambito del progetto Supporto metodologico alla gestione degli interventi previsti nelle Linee guida per la ricerca e sperimentazione in agricoltura Convenzione Regione Puglia e INEA repertoriata in data al n e registrata presso l Agenzia delle Entrate di Bari al n del Gruppo di lavoro: INEA dott. Massimiliano Schiralli (responsabile di progetto) dott.ssa Giulia Diglio dott.ssa Ines Di Paolo dott. Pierpaolo Pallara dott.ssa Graziella Valentino dott.ssa Laura La Ficara dott.ssa Tiziana Maraglino dott. Gaetano Pellegrino sig.ra Rossella Chiarella sig.ra Daniela Napolitano Regione Puglia dott. Luigi Trotta dott. Luigi Scamarcio Il presente rapporto è stato redatto a cura di Massimiliano Schiralli La stesura delle singole parti è da attribuirsi a: Premessa dott. Gabriele Papa Pagliardini (Direttore Area Politiche per lo Sviluppo Rurale della Regione Puglia) Capitolo 1 (1.1) Scamarcio L. e Trotta L. (1.2) Maraglino T. e Schiralli M. Capitolo 2 (2.1) Schiralli M. (2.2) Maraglino T. e Schiralli M. (2.3) Pellegrino G. e Schiralli M. Capitolo 3 (3.1) Maraglino T. e Schiralli M. (3.2.1, 3.2.2, 3.2.6, 3.2.8) Maraglino T. (3.2.3) Pellegrino G. (3.2.4, 3.2.5, 3.2.7) Schiralli M. Capitolo 4 (4.1) Maraglino T. e Schiralli M. (4.2) Maraglino T. (4.3) Schiralli M. Capitolo 5 Maraglino T., Pallara P., Schiralli M., Trotta L. Si ringrazia la dott.ssa Anna Vagnozzi per la lettura critica dei testi e per le osservazioni e i suggerimenti offerti nel corso dell attività di ricerca Progetto grafico e impaginazione: Nino Perrone Stampa: Grafica&Stampa - Altamura 2012 Regione Puglia/INEA - ISBN

5 Indice pagine 5 Premessa 6 1. Le politiche e la strategia regionale per l innovazione in agricoltura Le Linee guida per la ricerca e sperimentazione in agricoltura I processi partecipativi e la rilevazione dei fabbisogni di innovazione Gli attori della conoscenza in agricoltura Il Sistema regionale della conoscenza in agricoltura L analisi degli stakeholder I gruppi di lavoro dei tavoli tematici regionali I fabbisogni e l offerta di ricerca in agricoltura La metodologia di lavoro I risultati dei tavoli Prodotti e tecniche delle coltivazioni arboree, delle filiere vitivinicola e olivicolo-olearia Prodotti e tecniche delle coltivazioni cerealicole, industriali, officinali, foraggere e no-food e loro tecnologie, produzioni e valorizzazione tecnologica nel settore orticolo, floricolo e del vivaismo ornamentale e delle colture officinali Zootecnia e trasformazioni dei prodotti della filiera. Benessere animale. Allevamenti faunistici. Zoocolture, apicoltura Selvicoltura, piante a rapido accrescimento, tartuficoltura, prodotti del bosco e faunistico venatorio Agricoltura e ambiente, agricoltura sostenibile e biologica, biodiversità animale e vegetale Multifunzionalità in agricoltura Biotecnologie animali e vegetali Strategie politiche economiche e sociali Gli orientamenti dei tavoli La metodologia di lavoro I temi e i livelli di interesse degli stakeholder Il parere degli esperti Risultati e prospettive 108 Bibliografia

6

7 Premessa È con particolare piacere che presentiamo il risultato di un lavoro intenso, svolto fra il 2010 e il 2011 in strettissima collaborazione con la sede regionale di INEA, frutto degli sforzi e della convinta partecipazione di un gran numero di attori del sistema regionale della conoscenza e dell innovazione in agricoltura. Le Linee Guida per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura , e la loro naturale prosecuzione per il triennio successivo, hanno ormai impresso una svolta irreversibile e strutturale nella gestione dei processi di costruzione dei sistemi di intervento regionale a sostegno della ricerca agricola, secondo direttrici definitivamente improntate ad un approccio partecipativo. La massiccia adesione degli stakeholders (quasi 100 persone coinvolte in 8 tavoli di approfondimento tecnico-scientifico condotti con il metodo del focus group, come meglio illustrato nel testo) è motivo di conforto e conferma con chiarezza la bontà della strada intrapresa. Il taglio solo apparentemente macrotematico, che è stato fornito come traccia lungo il percorso degli 8 gruppi di lavoro, si è rivelato al contrario il necessario propulsore per la produzione delle preziosissime idee e indicazioni per l azione attuativa del decisore pubblico regionale. A conferma di quanto appena affermato, i risultati dei tavoli di approfondimento presentati in questo testo hanno già costituito il punto di partenza per la definizione dell avviso pubblico per la presentazione di progetti di ricerca e sperimentazione in agricoltura recentemente pubblicato nel B.U.R.P. del 2 maggio 2013, dando immediata concretezza alle indicazioni emerse. Questo passaggio, inoltre, costituisce un atto propedeutico alle scelte che si potranno fare all interno della nuova PAC in tema di innovazione in agricoltura e di trasferimento delle conoscenze. In piena coerenza con l incessante lavoro di dialogo e raccordo fra la dimensione regionale e quella nazionale ed europea del sostegno all innovazione e alla ricerca agricola, i risultati dei tavoli di approfondimento tecnico-scientifico non devono essere considerati un consuntivo. Al contrario, essi rappresentano un cantiere di idee da immaginare perennemente attivo, un laboratorio (anche di governance della materia) aperto e in costante divenire, per raccogliere le sfide del futuro, nella prospettiva di nuovi scenari di innovazione in agricoltura e nell agroalimentare, coerenti con le strategie di Horizon Dott. Gabriele Papa Pagliardini Direttore Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Regione Puglia 5

8 1. Le politiche e la strategia regionale per l innovazione in agricoltura 1.1 Le Linee guida per la ricerca e sperimentazione in agricoltura La ricerca, lo sviluppo delle innovazioni e la diffusione delle conoscenze sul territorio rappresentano alcune tra le più importanti variabili in grado di favorire lo sviluppo sostenibile del sistema agroalimentare e, in particolare, esse possono incidere positivamente sulla crescita economica, sulla competitività, sulla qualità della vita e dell ambiente. Nel corso dell ultimo decennio, pur non possedendo proprie strutture sperimentali, la Regione Puglia ha promosso e finanziato numerosi progetti di ricerca nel settore agricolo e agroalimentare, utilizzando diverse fonti finanziarie di provenienza regionale, nazionale e comunitaria. In particolare, la spesa pubblica della Regione nel settore della ricerca in agricoltura ha avuto nell intervallo livelli di spesa che hanno oscillato tra 0,2 e 1,2 milioni di euro, raggiunti rispettivamente nel 1998 e nel Le azioni della Regione a sostegno del settore sono state rafforzate con l approvazione delle Linee guida per la ricerca e sperimentazione in agricoltura (di seguito Linee guida) e con la previsione di un impegno di spesa complessivo pari a quasi 8,8 milioni di euro. Le Linee guida individuano gli obiettivi per la promozione delle attività di ricerca, sperimentazione e per il trasferimento delle innovazioni in campo agricolo e forestale, gli indirizzi strategici, i temi e le tipologie di attività di ricerca oggetto del sostegno, le modalità di finanziamento, i meccanismi di selezione e le modalità di monitoraggio e di valutazione dei progetti di ricerca. L azione regionale si propone, tra l altro, di fornire adeguate risposte alla domanda di conoscenza e di innovazione espressa dalle aziende agricole e forestali pugliesi e dal sistema agroalimentare, di avvicinare le attività di ricerca ai fabbisogni di innovazione del territorio e di consolidare l impegno regionale in termini di risorse, favorendo nel contempo la crescita di un sistema di relazioni e lo sviluppo di sinergie e professionalità tra gli attori che operano a vario titolo nel Sistema della conoscenza in agricoltura, la condivisione delle conoscenze e l integrazione tra produzione, trasferimento e diffusione dei risultati delle ricerche. Gli obiettivi specifici delle Linee guida sono individuabili nel miglioramento della competitività e della sostenibilità dei processi produttivi, nella tutela, salvaguardia e valorizzazione delle risorse naturali e del territorio, nel miglioramento delle qualità 6

9 delle produzioni e della sicurezza alimentare, nel supporto tecnico-scientifico alla promozione e alla valorizzazione della qualità delle produzioni regionali e della sicurezza alimentare, nel miglioramento della qualità della vita nelle aree rurali. Le Linee guida, inoltre, individuano le tematiche all interno delle quali saranno sviluppate le proposte di ricerca oggetto del sostegno regionale. In particolare, i temi individuati si riferiscono ad 8 settori d intervento, riferiti alle principali filiere o comparti produttivi regionali o ad alcune tematiche a carattere trasversale (ambiente, multifunzionalità, ecc.). I temi individuati sono: 1. prodotti e tecniche delle coltivazioni arboree, delle filiere vitivinicola e olivicolo-olearia; 2. prodotti e tecniche delle coltivazioni cerealicole, industriali, officinali, foraggere e no-food e loro tecnologie. Produzioni e valorizzazione tecnologica nel settore orticolo, floricolo e del vivaismo ornamentale e delle colture officinali; 3. zootecnia e trasformazioni dei prodotti della filiera. Benessere animale. Allevamenti faunistici. Zoocolture, apicoltura; 4. selvicoltura, piante a rapido accrescimento, tartuficoltura, prodotti del bosco e faunistico venatorio; 5. agricoltura e ambiente, agricoltura sostenibile e biologica, biodiversità animale e vegetale (risparmio idrico, utilizzo delle acque, trattamenti fitosanitari, bioindicatori, inquinamento, ecc.); 6. multifunzionalità in agricoltura; 7. biotecnologie animali e vegetali; 8. strategie politiche economiche e sociali. All interno delle Linee guida si prevedono, inoltre, specifiche forme di partecipazione e di consultazione di tutti gli attori appartenenti al mondo della ricerca e al mondo produttivo regionale e, in generale, di tutti i soggetti interessati alla crescita e alla valorizzazione del settore agricolo e forestale. A questo proposito, l Assessorato regionale alle Risorse Agroalimentari ha individuato nei Tavoli di approfondimento tecnico-scientifico lo strumento di lavoro più idoneo ad identificare i bisogni dei comparti produttivi, dei consumatori e della collettività, in termini di innovazioni e ricerche. Per ognuno dei temi previsti dalle Linee guida è stato attivato un Tavolo specifico di approfondimento. In particolare, il compito di ogni Tavolo è quello di individuare e di trasferire agli operatori del Sistema della conoscenza il quadro degli interventi, espresso in termini di innovazioni e linee di ricerca, in grado di aggredire i principali problemi socioeconomici ed ambientali che ostacolano lo sviluppo e l incremento di competitività dell agricoltura regionale. La realizzazione di questa finalità è, naturalmente, subordinata alla costruzione, da parte dei partecipanti, di un quadro condiviso dello stato dell agricoltura nella regione con riferimento ai comparti produttivi e alle 7 1. LE POLITICHE E LA STRATEGIA REGIONALE PER L INNOVAZIONE IN AGRICOLTURA

10 tematiche individuati in ciascun Tavolo I processi partecipativi e la rilevazione dei fabbisogni di innovazione Le attività di programmazione economica adottate a livello comunitario negli ultimi decenni si ispirano sempre più ad una visione del governo del territorio incentrata su una diffusa e consapevole partecipazione di una pluralità di soggetti, sulla presenza di partenariati realmente rappresentativi delle esigenze e dei fabbisogni locali, sull adozione di attività di concertazione in grado di assicurare un equa e sostenibile ripartizione delle risorse disponibili e dei benefici prodotti e, ancora, sull adozione di meccanismi decisionali di tipo bottom up in grado di avvicinare il territorio alle scelte di tipo politico. L adozione di processi di programmazione partecipata garantisce al territorio e ai soggetti presenti al suo interno di ricoprire un ruolo attivo nell individuazione dei reali fabbisogni e nella definizione delle caratteristiche e dei contenuti degli strumenti di intervento disponibili. Tali processi favoriscono il lavoro di un complesso e variegato sistema di soggetti, istituzionali e privati, aventi ruoli, sistemi relazionali, prospettive ed esigenze sì differenti ma accomunati, probabilmente, dal desiderio di raggiungere obiettivi di sviluppo molto simili, se non coincidenti. L approccio partecipativo prevede il coinvolgimento attivo dei beneficiari potenziali nelle diverse fasi di una pianificazione, già a partire dalla sua ideazione. Se inizialmente tale approccio è stato utilizzato quasi esclusivamente nel management di gruppi di lavoro all interno di organizzazioni private, oggi riveste un ruolo importante nella definizione della programmazione pubblica in quanto, riconosciuto come importante elemento di democrazia, si dimostra efficace nel migliorare la qualità dei progetti di sviluppo locale. Il coinvolgimento degli attori locali nella progettazione strategica è finalizzato a suscitare una condivisione di informazioni, percezioni, esigenze e punti di vista e, in generale, di elementi conoscitivi detenuti esclusivamente dai diversi gruppi di attori operanti nell ambito di un determinato sistema/territorio. Ciò è indispensabile per creare un senso di appartenenza degli stessi attori rispetto alla progettualità in cui vengono coinvolti, al fine di costruire un percorso di progettazione partecipativa nel consenso e attraverso un allineamento delle visioni tra i soggetti coinvolti. In quest ottica, l attuazione delle Linee guida ha rappresentato un ottima occasione 1 I Tavoli hanno compiti consultivi e sono presieduti dal dirigente del Servizio Agricoltura, o da un suo delegato, con qualifica dirigenziale. Ne fanno parte, oltre ai dirigenti del Servizio Agricoltura e dell Ufficio Innovazione e Conoscenza in Agricoltura, il responsabile della Posizione Organizzativa Ricerca e Sperimentazione Agricola e un funzionario del Servizio Agricoltura con funzioni di segretario. Possono farne parte i rappresentanti delle Università pugliesi e degli enti scientifici a livello regionale, nonché i rappresentanti delle Organizzazioni professionali agricole, degli Ordini professionali, dei Consorzi di tutela e valorizzazione, delle Organizzazioni dei produttori e delle Associazioni dei produttori e degli allevatori e, ancora, altri soggetti individuati dal Servizio Agricoltura sulla base delle specifiche competenze. 8

11 per sperimentare sul campo un approccio partecipativo applicato alle attività di programmazione della politiche in materia di ricerca e di innovazione in agricoltura. Infatti, se da un lato le stesse individuano le finalità, il campo di azione e le modalità attraverso le quali la Regione promuove le attività di ricerca in agricoltura, dall altro introducono importanti elementi di novità sotto il profilo dell individuazione e dell analisi dei reali fabbisogni di innovazione manifestati dal territorio e, ancora, in relazione al ruolo attribuito agli attori locali coinvolti nelle attività. A questo proposito, l Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia ha affidato nel 2010 all Istituto Nazionale di Economia Agraria (INEA) la progettazione e la gestione dei Tavoli di approfondimento tecnico scientifico previsti dalle Linee guida. L attuazione del processo partecipativo ha reso indispensabile individuare, in primo luogo, le metodologie più opportune in grado di garantire un ampia e qualificata partecipazione di tutti gli attori, un percorso di lavoro snello e di rapida realizzazione, nonché la raccolta e l elaborazione dei fabbisogni di innovazioni in agricoltura. Alla luce di quanto detto, il gruppo di ricerca dell INEA ha inizialmente individuato i soggetti che era necessario coinvolgere nel processo. A questo riguardo, come si vedrà in seguito, occorre considerare che la rilevazione degli attori locali portatori di interesse (stakeholder) non è un compito di facile attuazione e presuppone l adozione di precise metodologie d indagine in grado, tra l altro, di assicurare completezza e democrazia all intero processo partecipativo. In questa prima fase, tra le metodologie esistenti è stata scelta la Stakeholder Analysis che, all interno di un processo decisionale, è finalizzata a identificare e studiare il gruppo o gli individui che costituiscono il campo di forza che ruota attorno all organizzazione che gestisce e orienta il processo stesso, le modalità di influenza reciproca e il loro atteggiamento nei confronti della stessa organizzazione e dei relativi target. 2 Nella successiva fase, tra le numerose tecniche esistenti nell ambito della progettazione con approcci partecipativi, il Metaplan 3 è stato ritenuto il metodo più adeguato per soddisfare le esigenze di progettazione e di rilevazione delle conoscenze e dei fabbisogni di innovazione nell ambito del settore agricolo, forestale 2 L attuazione da parte di una organizzazione di un qualsiasi processo decisionale partecipato può essere strutturata in una sequenza di fasi ben definite: (a) percezione o raccolta dei fatti sulle opinioni disponibili e sulle relative implicazioni a breve o lungo termine, (b) analisi di queste applicazioni con particolare attenzione alle parti coinvolte e a obiettivi, scopi, valori, responsabilità del decisore, (c) sintesi delle informazioni strutturate in base alle priorità definite dal decisore, (d) scelta tra le opzioni disponibili basata sulla sintesi, (e) azione o implementazione dell opzione scelta attraverso una serie di richieste specifiche a determinati individui o gruppi, allocazione delle risorse, incentivi, controlli e feedback, (f) apprendimento dal risultato della decisione che sfocerà in un rinforzo o in un cambiamento (per le decisioni future) delle modalità con cui le fasi precedenti sono state eseguite (Goodpaster, 1989). La Stakeholder Analysis è un segmento di questo processo decisionale e, più precisamente, rappresenta la fase preparatoria o di apertura. 3 Il metodo Metaplan è una tecnica di facilitazione basata sulla visualizzazione che nasce e si diffonde in Germania negli anni 70 grazie al lavoro dei fratelli Wolfgang e Eberhard Schnelle LE POLITICHE E LA STRATEGIA REGIONALE PER L INNOVAZIONE IN AGRICOLTURA

12 e agroalimentare. Si tratta di una tecnica basata sulla raccolta delle opinioni di un gruppo di partecipanti, invitati a discutere su uno o più temi di comune interesse, e sulla loro successiva organizzazione in blocchi logici in cui sono evidenziate le problematiche rilevate e le possibili soluzioni per la formulazione di specifiche azioni/attività. Le attività di confronto tra gli stakeholder, previste dalla metodologia Metaplan, sono realizzate attraverso la cosiddetta visualizzazione della discussione, ossia mediante l uso da parte di tutti gli attori coinvolti di specifici materiali di lavoro, costituiti, ad esempio, da foglietti di carta colorata, adesivi, lavagne, pennarelli colorati, ecc., attraverso i quali tutte le sequenze dei lavori di gruppo possono essere correttamente visualizzate. In questo contesto si inseriscono uno o più moderatori che hanno il compito di illustrare il programma di lavoro, di definirne gli obiettivi e di facilitare la gestione dei processi di comunicazione tra gli stakeholder. Figura 1 Il processo partecipativo e le metodologie d indagine Analisi degli stakeholder Scelta dei soggetti da coinvolgere APPROCCIO PARTECIPATIVO ing Brainstorming instorm r METAPLAN Clustering Bra r FABBISOGNI CLUSTER Standardizzazione Informazioni confrontabili Costruzione della Matrice PF Classificazione e interpretazione dei risultati Costruzione della Matrice PFV Parere degli esperti ANALISI DEL RISULTATI 10

13 Alla classica impostazione metodologica del Metaplan, che prevede come momento finale la definizione di un piano d azione attuativo delle idee emerse nel gruppo, l INEA ha preferito applicare un opportuno adattamento (cfr. cap. 3) in grado di favorire la costruzione di un quadro condiviso dello stato della ricerca in ambito agricolo, forestale e agroalimentare in Puglia e di fornire informazioni utili al decisore pubblico per agevolarlo nelle scelte attuative in materia LE POLITICHE E LA STRATEGIA REGIONALE PER L INNOVAZIONE IN AGRICOLTURA

14 2. Gli attori della conoscenza in agricoltura 2.1 Il Sistema regionale della conoscenza in agricoltura Il Sistema regionale della conoscenza in agricoltura si caratterizza per la presenza sul territorio di numerose istituzioni e soggetti, pubblici e privati, qualificati e impegnati in attività di ricerca e di sviluppo tecnologico, di divulgazione, di consulenza e di formazione nel comparto agricolo e, in generale, nel settore agroalimentare. Nel loro insieme, tuttavia, questi attori si presentano come un mosaico di soggetti e di azioni scarsamente integrate a livello territoriale e, spesso, lontane dal mondo produttivo (cfr. Regione Puglia - Programma di Sviluppo Rurale ). Gli stakeholder del Sistema, ossia i portatori di interesse presenti sul territorio, sono rappresentati dagli Enti locali territoriali, dalle Agenzie e dagli Enti funzionali (ARTI, ARPA), dalle Università degli Studi e dagli Enti di ricerca, dalle Agenzie locali di sviluppo (ad esempio i GAL), dalle Organizzazioni professionali agricole, dagli Ordini e Associazioni professionali, dalle Organizzazioni sindacali, dai Consorzi di tutela e di valorizzazione, dalle Organizzazioni dei produttori e degli allevatori, dai Parchi tecnologici, dagli Enti di formazione professionale, dalle società di consulenza e studi associati privati, dagli Enti di certificazione (ad esempio di agricoltura biologica), dalle Associazioni ambientaliste e dei consumatori, da gruppi e utenti non organizzati (in primis gli imprenditori agricoli e forestali) e, in generale, da tutti quei soggetti che, sulla base di specifiche competenze e professionalità, rivestono un ruolo attivo nell ambito del Sistema della conoscenza in agricoltura a livello regionale. In particolare, recenti studi realizzati sul sistema della ricerca regionale, individuano in Puglia 58 soggetti impegnati in attività di ricerca e di sviluppo tecnologico su tematiche attinenti il settore agroalimentare (in prevalenza rappresentati da dipartimenti delle Università e da Istituti del CNR). Le tematiche su cui si sono incentrati negli ultimi anni i progetti di ricerca coprono un ampio spettro che va da quelli più strettamente legati ai cicli produttivi aziendali a materie trasversali, con una prevalenza di progetti incentrati su temi attinenti la produzione agricola, la qualità e la trasformazione (ARTI, 2008). Gli enti di ricerca pugliesi si caratterizzano per aver attivato nel tempo una fitta rete di collaborazioni internazionali con prestigiose istituzioni localizzate in tutti i continenti e, in particolare, nell Unione Europea e negli Stati Uniti d America. 12

15 Il trasferimento delle conoscenze in agricoltura è realizzato sia attraverso le attività e i servizi erogati dai tecnici e dagli operatori privati mediante strutture preposte a tale scopo, sia attraverso il variegato sistema dei Servizi di sviluppo agricolo presente in regione. A questo proposito rivestono un ruolo strategico i Distretti produttivi a elevato contenuto tecnologico individuati dalla Legge Regionale n. 23/2007 Promozione e riconoscimento dei distretti produttivi. In questo contesto, le imprese agricole pugliesi si caratterizzano ancora per una bassa capacità di esprimere domanda di ricerca e di innovazione, a causa soprattutto della piccola dimensione media. A ciò si somma la difficoltà di far decollare una strategia di governance del sistema dell innovazione, in grado di identificare i settori prioritari in cui concentrare gli investimenti in ricerca e sviluppo, con la finalità della creazione di nuove e innovative imprese e dell attrazione di imprese esterne nel sistema produttivo regionale (cfr. Regione Puglia - Programma di Sviluppo Rurale ). Infine, si rileva come non siano pienamente efficaci gli interventi finalizzati a mettere in rete in modo organico l articolato insieme di soggetti attivi nell ambito del Sistema della conoscenza in agricoltura, con l obiettivo della realizzazione di un efficiente sistema regionale di servizi, pubblico e privato, a carattere integrato e funzionale alle esigenze e alle potenzialità del territorio. 2.2 L analisi degli stakeholder 4 Il raggiungimento delle finalità dei tavoli di approfondimento tecnico-scientifico e il rispetto dell impianto strategico e della filosofia delle stesse Linee guida ha reso indispensabile individuare quali attori, pubblici e privati, avessero a livello regionale un ruolo attivo nella definizione, sperimentazione e successivo trasferimento in azienda delle ricerche e delle innovazioni tecnologiche in campo agroalimentare. Come già accennato, la metodologia adottata dall INEA, al fine di individuare e successivamente coinvolgere gli attori del Sistema della conoscenza in agricoltura nelle attività previste dai Tavoli, è costituita dalla Stakeholder Analisys, opportunamente adattata al particolare contesto socio-economico pugliese e agli otto temi individuati dalle Linee guida. 4 Il termine stakeholder è stato introdotto nei primi anni 60 per evidenziare come nelle moderne imprese a capitale diffuso, accanto a coloro che detenevano il capitale, esistevano anche altre parti che nel processo decisionale avevano una posta in gioco (stake). Una prima definizione di stakeholder è stata formulata dal professore Edward Freeman, nel suo libro Strategic management. A stakeholder approach (Pitman, 1984), laddove si sottolinea che lo stakeholder di una organizzazione è, per definizione, un gruppo o un individuo che può influire o essere influenzato dal raggiungimento degli obiettivi dell impresa. Gli stakeholder sono coloro che hanno un interesse specifico nei confronti di un iniziativa economica anche se non dispongono necessariamente di un potere formale di decisione o di un esplicita competenza giuridica. La traduzione italiana più utilizzata del termine è quella di portatori di interessi nei confronti di un iniziativa economica, sia essa un azienda o un progetto. Nel corso del tempo il termine è divenuto un neologismo internazionale applicato non più solo in campo aziendale ma anche nell amministrazione pubblica, la cui missione non consiste nel realizzare profitti per gli azionisti, ma nel creare beni pubblici e servizi per la collettività Gli attori della conoscenza in agricoltura

16 Figura 2 Mappa delle categorie di stakeholder Istituzioni pubbliche nazionali e regionali Ministero per le Politiche agricole e forestali, Altri Ministeri, Assessorati all Agricoltura e Uffici SSA Regioni, Altri Assessorati regionali (Ambiente, Sanità, Formazione, ecc.) Gruppi e utenti non organizzati Cittadini e consumatori, imprenditori agricoli e forestali e tecnici non organizzati Enti locali territoriali Province e Comuni (Ass.ti Agricoltura), Comunità Montane, Enti Parco e altre aree protette, ecc. Enti di ricerca Agenzie ed Enti (regionali e nazionali) funzionali Università, Agenzie di sviluppo istituti di ricerca agricolo regionale, (afferenti MIUR, APAT, ARPA, ARTI, alla Regione, Acquedotto Pugliese, alla Provincia di Bari, ecc.), CCIAA, ecc. enti pubblici afferenti al MIPAAF, al Min. Attività Produttive e ad altri Ministeri, ecc. Sistema scolastico Istituti Agrari Altre Istituzioni Corpo forestale dello Stato Altro Partiti politici, associazioni ambientaliste e dei consumatori, mass media, ecc. Ordini e Associazioni Professionali Agronomi, periti agrari, geologi, biologi, ecc. SERVIZI DI SVILUPPO AGRICOLO PUGLIESI Enti certificazione agricoltura biologica AIAB, ICEA, AMAB, ecc. Agenzie locali di sviluppo GAL, Patti territoriali, ecc. Società di consulenza, studi associati privati Enti di formazione professionale Parchi tecnologici, società partecipate, enti di ricerca Tecnopolis, I.A.M. Bari, IPRES, ecc. Consorzi Consorzi di Difesa Produzioni Intensive, Consorzi di Bonifica, Consorzi di tutela, Consorzio bieticolo, ecc. Organizzazioni Professionali agricole CIA, Coldiretti, Confagricoltura,COPAGRI, Associazioni allevatori, ecc. Organizzazioni sindacali CGIL, CISL, UIL, ecc. Associazioni riconosciute e di categoria Associazioni industriali, organizzazioni Cooperative, organizzazioni produttori agricoli, ecc. Pubblico Privato 14

17 Figura 3 Elenco degli stakeholder Mondo produttivo Federazione Regionale Coldiretti Puglia Confederazione Italiana Agricoltori Puglia Federazione Regionale degli Agricoltori di Puglia Confederazione Produttori Agricoli Confcooperative Lega Coop Puglia Associazione Regionale Allevatori - Puglia Ordine reg. Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ordine reg. dei Medici Veterinari Collegi provinciali agrotecnici e agrotecnici laureati Collegi provinciali periti agrari Fed. Naz. Consorzi Volontari Tutela delle Denom. di Origine Protetta degli Olii Extra Vergini di Oliva Confederazione Nazionale dei Consorzi Volontari per la Tutela delle Denominazioni dei Vini Italiani Cooperativa Allevatori Putignano UIAPOA UNAPROA UNACOA Organizzazioni dei produttori (vari) Distretto Agroalimentare Regionale (D.A.RE.) ASSOGAL La nuova energia - Distretto produttivo pugliese delle energie rinnovabili e efficienza energetica Società Ortoflorofrutticola Italiana Sez. Orticoltura Fed. Italiana Agricoltura Biologica e Biodinamica AIAB PEFC ITALIA Assessorato Risorse Agroalimentari - Regione Puglia Assessorato Assetto del Territorio Regione Puglia Assessorato Ecologia Regione Puglia Agenzia Regionale per la Tecnologie e l Innovazione Federparchi Autorità di Bacino regionale Assocodipuglia Unione regionale Bonifiche Confindustria LIPU Sede Nazionale Italia Nostra Legambiente WWF Enti di ricerca Facoltà di Agraria - Università degli Studi di Bari Facoltà di Agraria - Università degli Studi di Foggia Facoltà di Medicina Veterinaria - Università degli Studi di Bari Politecnico di Bari - Facoltà di Ingegneria di Bari Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche ed Ambientali - Università degli Studi del Salento Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari - CNR Istituto per la Protezione delle Piante (Sez. Bari) - CNR Istituto di Virologia Vegetale - CNR Istituto di Genetica Vegetale (U. O. Bari) CNR Istituto di Ricerca sulle Acque (Bari) - CNR Centro di Ricerca per la Cerealicoltura (Foggia) - CRA Unità di Ricerca per i Sistemi Colturali degli Ambienti Caldo - Aridi (Bari) - CRA Unità di Ricerca per l Uva da Tavola e la Vitivinicoltura in Ambiente Mediterraneo (Turi) - CRA Unità di Ricerca per l Individuazione e lo Studio di Colture ad Alto Reddito in Ambiente Caldo-Arido - CRA Centro Provinciale Bonomo per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura Basile Caramia Istituto Agronomico Mediterraneo - Bari Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Puglia e della Basilicata Istituto Nazionale di Economia Agraria - Sede Puglia ENEA - Centro ricerche di Brindisi Gli attori della conoscenza in agricoltura

18 L attività si è articolata in tre fasi: identificazione degli stakeholder, finalizzata a mettere a fuoco l insieme degli attori (effettivi o potenziali) che operano all interno del Sistema della conoscenza in agricoltura. Per raggiungere questo obiettivo si è proceduto alla realizzazione di una check-list di carattere generale contenente tutte le figure, persone e enti che hanno attinenza con la tematica in oggetto. Al termine di questa attività è stata prodotta una Stakeholder Categorized Map, ossia un quadro dei soggetti/attori, raggruppati in categorie significative, interessati a riflettere sugli otto temi contenuti nelle Linee guida; individuazione dei bisogni e degli interessi degli stakeholder e classificazione in gruppi tematici. Gli stakeholder rappresentano una molteplicità complessa e variegata di soggetti della comunità. Pertanto, è necessario svolgere indagini conoscitive sul territorio, per conoscere i loro orientamenti di fondo e delinearne gli aspetti di interesse. A questo proposito sono state raccolte informazioni utili a conoscere le caratteristiche, il ruolo e l ambito di intervento degli stessi all interno della comunità. Successivamente, è stata predisposta una Stakeholder Mapping che ha reso possibile la loro classificazione in otto gruppi tematici; attivazione dei Tavoli di approfondimento tecnico scientifico. Dopo aver classificato e segmentato gli stakeholder presenti sul territorio regionale, alla luce della loro numerosità, è stato necessario selezionare i singoli partecipanti ai Tavoli, garantendo un ampia, democratica e qualificata adesione di tutti gli attori locali. Nella fase di identificazione degli stakeholder è stata condotta una ricerca preliminare di tipo bibliografico sugli studi in materia di teoria degli stakeholder e di attivazione di processi partecipativi. Essa ha permesso di delineare la figura dello stakeholder oggetto dell indagine rappresentato dal soggetto pubblico/istituzione e dal portatore d interessi privato/collettivo operante in Puglia in grado di realizzare studi e ricerche in ambito agricolo, forestale e agroalimentare, di rappresentare il fabbisogno - reale o potenziale - di innovazioni del mondo produttivo e, ancora, di favorire o ostacolare la diffusione e la corretta applicazione in azienda delle innovazioni tecnologiche. Definito l oggetto d indagine, il campo d azione e l ambito socio-economico di riferimento, nel mese di aprile 2010 ha avuto inizio l attività di brainstorming che ha consentito l individuazione di tutti gli attori che, a vario titolo, costituiscono il Sistema della Conoscenza in agricoltura e che possono/devono essere coinvolti nel processo partecipativo. L insieme dei soggetti operanti sul territorio regionale, esemplificato nella Stakeholder Categorized Mapping è ripartito in tre macro-categorie: istituzioni pubbliche: enti locali territoriali, agenzie funzionali (consorzi, camere di commercio, agenzie ambientali, università, enti di ricerca), aziende controllate e partecipate; gruppi organizzati: gruppi di pressione (sindacati, associazioni di categoria, partiti e movimenti politici, mass media), associazioni (culturali, ambientali, consumatori, ecc.); 16

19 gruppi non organizzati: cittadini e collettività. Nel complesso sono stati individuati 88 soggetti, rappresentativi delle Università pugliesi e degli Enti di ricerca, delle Organizzazioni professionali agricole, degli Ordini professionali, dei Consorzi di tutela e di valorizzazione, delle Organizzazioni dei produttori e degli allevatori, delle Associazioni ambientaliste, degli Enti locali territoriali, di Agenzie ed Enti funzionali e, in generale, di tutti quelle istituzioni che, sulla base delle specifiche competenze istituzionali, rivestono un ruolo attivo nell ambito del Sistema della conoscenza in agricoltura a livello regionale. Alla luce dei risultati di questa prima attività di classificazione, gli stakeholder sono stati raggruppati nella Stakeholder Mapping in 8 gruppi tematici corrispondenti ai Tavoli individuati dalle Linee Guida. Successivamente, a ciascuna categoria di stakeholder è stato chiesto di individuare e comunicare all Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia i loro rappresentanti per ciascuno tavolo, ossia i soggetti in grado di apportare un contributo in termini di conoscenze e proposte operative. Tale scelta metodologica è strettamente connessa con l esigenza di garantire un equilibrata presenza di tutti gli attori del sistema, una distribuzione appropriata di conoscenze e competenze tra i vari tavoli e l attivazione di un processo di lavoro il più possibile partecipato e democratico. 2.3 I gruppi di lavoro dei tavoli tematici regionali Il numero complessivo dei componenti degli otto tavoli di approfondimento tecnicoscientifico, alla luce delle adesioni espresse dai soggetti coinvolti dalla Regione Puglia, è pari a 142 persone. In particolare, i soggetti rappresentativi del mondo produttivo prevalgono lievemente (59%) rispetto agli esponenti espressione del mondo della ricerca (41%). In media ogni tavolo si compone di circa 18 persone, con livelli superiori alla media registrati con riferimento al tavolo 5 Agricoltura e ambiente (32 componenti - 22,5%) e al tavolo 1 Coltivazioni arboree, filiera vitivinicola e olivicola-olearia (23 componenti - 16,2%). I tavoli di approfondimento sono stati attivati durante il periodo novembre 2010 aprile 2011, così come esemplificato nella tabella successiva. A conclusione dei lavori dei tavoli si è registrata una partecipazione pari in media al 65% (93 partecipanti, circa 12 persone per tavolo). Tale risultato è da ritenersi nel complesso positivo, anche in considerazione degli alti livelli di partecipazione espressi dai ricercatori (83%) rispetto alla più contenuta adesione garantita dal mondo produttivo (54%) Gli attori della conoscenza in agricoltura

20 Tabella 1 Calendario Tavoli di approfondimenti tecnico scientifico N. Tavolo Date incontri 1 Prodotti e tecniche delle coltivazioni arboree, delle filiere vitivinicola e olivicolo-olearia 2 Prodotti e tecniche delle coltivazioni cerealicole, industriali, officinali, foraggere e no-food e loro tecnologie. Produzioni e valorizzazione tecnologica nel settore orticolo, floricolo e del vivaismo ornamentale e delle colture officinali 3 Zootecnia e trasformazioni dei prodotti della filiera. Benessere animale. Allevamenti faunistici. Zoocolture, apicoltura 4 Selvicoltura, piante a rapido accrescimento, tartuficoltura, prodotti del bosco e faunistico venatorio 5 Agricoltura e ambiente, agricoltura sostenibile e biologica, biodiversità animale e vegetale (risparmio idrico, utilizzo delle acque, trattamenti fitosanitari, bioindicatori, inquinamento, ecc.) 2 marzo ottobre aprile aprile dicembre Multifunzionalità in agricoltura 2 febbraio Biotecnologie animali e vegetali 19 gennaio Strategie politiche economiche e sociali 13 dicembre 2010 La partecipazione ai nove incontri di lavoro ha determinato una lieve variazione nel rapporto di forza iniziale tra gli attori del Sistema della conoscenza in agricoltura e, in particolare, ha garantito un equilibrio pressoché perfetto tra i soggetti espressione del mondo della ricerca e gli stakeholder rappresentativi del mondo produttivo (52% ricercatori contro 48% rappresentanti espressione del mondo produttivo). Solo in due tavoli la partecipazione degli attori non è stata equilibrata e, in particolare, nel tavolo 7 Biotecnologie animali e vegetali il gruppo di lavoro era composto in prevalenza da ricercatori (86%), mentre nel tavolo 4 Selvicoltura si è assistito ad un prevalere degli attori espressione del mondo produttivo (75%). In ogni caso, è opportuno sottolineare che tali squilibri sono una diretta conseguenza del basso livello di adesione ai tavoli in oggetto, espresso dai rispettivi mondi di appartenenza (pari al 33% sia per il mondo produttivo nel tavolo 7 sia per i ricercatori nel tavolo 4). 18

La ricerca nel settore agro-alimentare in Italia e in Puglia. Valenzano, 27 febbraio 2006 Massimiliano Schiralli

La ricerca nel settore agro-alimentare in Italia e in Puglia. Valenzano, 27 febbraio 2006 Massimiliano Schiralli La ricerca nel settore agro-alimentare in Italia e in Puglia Valenzano, 27 febbraio 2006 Massimiliano Schiralli Competitività e conoscenza Una delle priorità dell Unione Europea, sancita durante il Consiglio

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI PRIMA STESURA Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI Approvato con Decreto Commissariale n. 127/C del 20.07.2011 INDICE 1. Finalità ed obiettivi 2.

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Linee guida per il trasporto e la vendita di prodotti alimentari deperibili a basso impatto ambientale Descrizione estesa del risultato La progettazione, realizzazione e

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Risultati del percorso di ascolto del partenariato I FOCUS GROUP TEMATICI. Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca

Risultati del percorso di ascolto del partenariato I FOCUS GROUP TEMATICI. Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Risultati del percorso di ascolto del partenariato I FOCUS GROUP TEMATICI Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Il processo di programmazione a che punto siamo PARTENARIATO Strategia

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO del LINEA D AZIONE 6 SCHEDA PROGETTO n. 6.3 PROGRAMMA DI SVILUPPO del TITOLO DEL PROGETTO PROGRAMMA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO. Pagina 1 di 7 del

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Elementi introduttivi

Elementi introduttivi Progetto Spin off Il marketing territoriale e il ruolo dei distretti industriali Elementi introduttivi Obiettivo La relazione intende delineare le opportunità imprenditoriali legate alla professione del

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR

Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR Bari, 24 ottobre 2006 Massimiliano Schiralli Premessa Dalla riforma di medio termine della PAC al regolamento per lo sviluppo rurale approvato il 20 settembre

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI MISSIONE IMPRESA capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI con le risorse del fondo per lo sviluppo dell imprenditoria giovanile in agricoltura

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Servizio Agricoltura

REGIONE PUGLIA. Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Servizio Agricoltura REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Servizio Agricoltura Deliberazione della Giunta Regionale n. 903 del 15/05/2012 Linee guida per la ricerca e sperimentazione in agricoltura 2012 2014

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana Dall evidenza all azione Politiche di governance per una scuola sana Un mandato impegnativo Risulta ormai evidente che per conciliare e soddisfare i bisogni di salute nel contesto scolastico, gli orientamenti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Approvazione Linee guida per la predisposizione dei Piani triennali di ambito sociale obiettivi 2005-2007 LA VISTO il documento istruttorio, riportato in calce alla presente deliberazione, predisposto

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Assistenza tecnica funzionale alla

Assistenza tecnica funzionale alla definizione, alla identificazione ed alla gestione dei Sistemi Turistici Locali ed altri idonei strumenti di promozione turistico territoriale complementari agli STL, e utili allo sviluppo del settore

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7.1 REQUISITI DI ACCESSO La Regione Emilia-Romagna prevede di ammettere ai finanziamenti dell Iniziativa Comunitaria LEADER+ un numero massimo di

Dettagli

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Obiettivi della Misura 124 (1) La Misura ha sostenuto progetti di cooperazione per lo sviluppo e la sperimentazione

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Linee guida per la trasformazione casearia su piccola scala Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato Il documento è stato redatto come frutto della ricerca sviluppata dalla UO CRA-FLC

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI La procedura che questo Dipartimento ha intrapreso per la

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 RISORSE IDRICHE: finalità e attività da svolgere 5 linee: Programmazione investimenti irrigui; Condizionalità Ex ante; Integrazione e sinergie con

Dettagli

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione PROVINCIA DI POTENZA Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Home PIANO D AZIONE ENEPOLIS Indice ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione L attività E comprende tre azioni specifiche;

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014 Tavola rotonda 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca Roma 10 luglio 2014 Dr. Francesco Bongiovanni Cosa intendiamo con il termine governance? L insieme di azioni che consentono la realizzazione

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1

18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1 Comune di Beinasco Comune di Bruino 18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1 Oltre i campi 0/6 CIdiS 1 Premessa Allo scopo di fornire un contributo, che auspichiamo

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti *

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti * Gennaio 2013, anno VII N. 1 La formazione aziendale nell ambito del benessere organizzativo Un caso di percorso integrato di formazione sulla gestione del rischio stress lavoro correlato di Renato Mastrosanti

Dettagli

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità)

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità) Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina le procedure di individuazione e di riconoscimento dei Distretti Agroalimentare

Dettagli

RELAZIONE SUL LABORATORIO GOPP DEL MEETING DI START UP DEL PROGETTO DI.SCOLA

RELAZIONE SUL LABORATORIO GOPP DEL MEETING DI START UP DEL PROGETTO DI.SCOLA RELAZIONE SUL LABORATORIO GOPP DEL MEETING DI START UP DEL PROGETTO DI.SCOLA Il 1 laboratorio GOPP del progetto DI.SCOL.A aveva l obiettivo generale di portare i partner di progetto a familiarizzare sulla

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

1. L analisi dei fabbisogni

1. L analisi dei fabbisogni 1. L analisi dei fabbisogni prof. Giovanni Cannata Commissario straordinario INEA Il Piano strategico per l innovazione e la ricerca è stato costruito partendo da : a. una identificazione delle esigenze

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna INTRODUZIONE Il percorso partecipativo ha avuto l obiettivo di sviluppare un confronto fra i diversi stakeholder sulle proposte

Dettagli

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI MODENA, GIUGNO 2006 Pagina 1 di 6 Premessa Questo documento nasce dalla volontà di formalizzare l avvio di una rete di soggetti operanti, a vario titolo,

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole

Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole Premessa Nel quadro delle azioni del Ministero da attuare in coerenza con i principi generali contenuti nel Decreto legislativo

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus OSSERVATORIO ECO-MEDIA onlus Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli