GLI INTERVENTI AGEVOLATIVI DELLA REGIONE PUGLIA A FAVORE DELLE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI INTERVENTI AGEVOLATIVI DELLA REGIONE PUGLIA A FAVORE DELLE IMPRESE"

Transcript

1 1. Premessa GLI INTERVENTI AGEVOLATIVI DELLA REGIONE PUGLIA A FAVORE DELLE IMPRESE La Regione Puglia consapevole di disporre ormai da anni sul proprio territorio di un apparato di produzione industriale di rilevanti dimensioni per numero di unità locali e loro addetti diretti e in attività indotte, importanza nazionale dei loro comparti di appartenenza, capacità esportativa e propensione all innovazione ha inteso definire, nell ambito della programmazione dei Fondi comunitari , un organica strumentazione di incentivi capaci di rispondere ad una molteplicità di esigenze, da quelle delle grandi imprese a quelle delle medie, dai bisogni delle aziende innovative alle necessità delle microimprese. Addensati in prevalenza nelle vaste aree industriali di Bari, Brindisi e Taranto ma con significative presenze anche in Capitanata e nel Salento, gli impianti e i siti produttivi di maggiori dimensioni a capitale settentrionale ed estero operano nei settori della siderurgia, chimica di base e fine, gomma, vetro, energia, automotive, aerospazio, agroalimentare, dell ICT e dei materiali per l edilizia 1. Accanto ad essi sono presenti in vari centri minori della Puglia nuclei diffusi di piccole, medie e in alcuni casi grandi aziende di imprenditori locali operanti nell agroalimentare, tessile-abbigliamento-calzature, legno-mobilio, meccanica fine, nelle materie plastiche, nell ICT e nei materiali per l edilizia. Completano il panorama delle industrie pugliesi le imprese edili e quelle legate all estrazione e lavorazione di materiali litici: le prime, presenti nella maggior parte dei Comuni della regione con strutture societarie ed operative di varie dimensioni e le seconde, invece, concentrate in misura prevalente nei bacini estrattivi di Cursi nel Salento, Trani nella BAT 2 ed Apricena nel Foggiano. Tale apparato industriale ha manifestato negli ultimi anni una significativa propensione agli investimenti, una parte dei quali è stata sostenuta da incentivi regionali a valere sui Fondi comunitari mentre un aliquota non irrilevante di investimenti promossi da Ilva, Enel, Polimeri, Enipower, Sorgenia, En.Plus solo per citare quelli di maggiori dimensioni non ha ricevuto incentivazioni, in quanto avvenuti in comparti esclusi dalla vigente disciplina comunitaria degli aiuti di Stato. Il presente Focus è stato redatto congiuntamente dall IPRES (Istituto Pugliese di Ricerche Economiche e Sociali) e da Puglia Sviluppo, organismo intermedio della Regione Puglia per l attuazione dei regimi di aiuto, con la collaborazione del Prof. Federico Pirro, che rappresenta nel Consiglio di amministrazione della SVIMEZ la Regione Puglia, Socio sostenitore dell Associazione. 1 Con la presenza, fra gli altri, dei Gruppi Riva, Eni, GE-Oil & Gas, Exxon Mobil, Sanofi Aventis, Merck Serono, Bridgestone, Owens Illinois, Enel, Marcegaglia, Vestas, Bosch, Fiat, Getrag, Finmeccanica, Avio, Barilla, Granarolo, Amadori, Teleperformance, Fastweb, Telecom, Transcom, Buzzi Unicem e Cementir. 2 Provincia corrispondente ai territori di Barletta, Andria e Trani. 407

2 È interessante osservare al riguardo che tali investimenti, resi noti peraltro tramite contatti diretti con i vertici delle aziende pur avendo assunto dimensioni rilevanti in quanto avvenuti tutti in comparti capitale intensive non sono abitualmente registrati nelle rilevazioni correnti, riducendo in tal modo e non di poco il livello complessivo degli investimenti in Puglia. Lo strumento di incentivazione che più ha favorito nella regione gli investimenti di un cospicuo gruppo di grandi aziende è costituito dai contratti di programma, di cui si illustrano nel paragrafo successivo le principali caratteristiche e le iniziative, gli investimenti ammessi ad incentivazione, le agevolazioni riconosciute, per settore e localizzazione. 2. Contratti di programma I contratti di programma riguardano programmi di investimento promossi da grandi imprese anche in associazione con PMI. Tale strumento intende rafforzare la competitività e l attrattività dei territori, unitamente all incremento dei livelli occupazionali. L oggetto, i soggetti destinatari, le tipologie di investimento ammissibili, la forma e le intensità delle agevolazioni concedibili sono quelle definite nel Titolo VI del Regolamento regionale 26 giugno 2008, n. 9 («Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione»), come modificato dal Regolamento regionale 19 gennaio 2009, n. 1, dal Regolamento del 10 agosto 2009, n e da successive modifiche e integrazioni. I programmi di investimento promossi riguardano progetti industriali per spese e costi ammissibili compresi tra 10 e 100 milioni di euro. Gli investimenti ammissibili sono quelli in spese in «attivi materiali» 4 e/o in ricerca e sviluppo. Questi ultimi sono solo quelli in ricerca industriale ed in sviluppo sperimentale; non sono ammissibili progetti industriali promossi da più di una grande impresa. A fine giugno 2012, risultano presentate 54 istanze di cui 30 attive e 24 dichiarate inammissibili o decadute. Le 30 istanze attive sono costituite da 19 contratti di programma sottoscritti, 7 contratti di programma in corso di sottoscrizione (con progetti definitivi in corso di istruttoria), 3 contratti ammessi alla presentazione dei progetti definitivi e 1 contratto con in corso la verifica di ammissibilità. Le 30 istanze attive riguardano investimenti pari a 892 milioni di euro (di cui 770 milioni in attivi materiali e 122 in R&S), agevolazioni concedibili pari a 246 milioni di euro (di cui 196,5 milioni in attivi materiali e 49,5 in R&S) e con la previsione di realizzare un incremento occupazionale a regime di circa 676 ULA (passando da a ULA). 3 Pubblicati rispettivamente sul B.U.R.P. n. 103 del , sul B.U.R.P. n. 13 supplemento del e sul B.U.R.P. n. 123 supplemento del Comprendenti opere murarie, arredi, macchinari e attrezzature. 408

3 Tab. 1. Contratti di programma relativi ad istanze attive in Puglia. Situazione al 30 giugno 2012 (euro, s.d.i.) Province N. imprese Investimenti previsti Agevolazioni Bari , ,19 Lecce , ,00 Taranto , ,65 Brindisi , ,17 Foggia , ,00 BAT , ,00 Plurilocalizzate , Totale , ,59 Alla data del 6 luglio 2012 risultano erogate agevolazioni per l importo complessivo di 57,6 milioni di euro. Le 30 istanze attive sono rappresentate da 30 grandi imprese e 32 PMI per un totale di 62 imprese. Le 30 istanze attive sono state presentate da grandi imprese anche in associazione con PMI. In particolare, le grandi imprese che hanno presentato istanza singolarmente sono 19, rappresentano il 64% degli investimenti agevolati (570,8 meuro) ed il 59% delle agevolazioni concedibili (145,1 meuro). Le restanti 11 grandi imprese hanno previsto investimenti in associazione con 32 PMI raggiungendo il 36% degli investimenti agevolati (321,1 meuro) ed il 41% delle agevolazioni concedibili (100,8 meuro). Le 30 istanze attive sono state presentate da imprese sia straniere che italiane. In particolare, le imprese straniere sono rappresentate da 12 grandi imprese e registrano il 35% sia degli investimenti agevolati (312,2 meuro) sia delle agevolazioni concedibili (86,1 meuro). Le imprese straniere sono soprattutto di origine tedesca e americana ma non mancano presenze anche francesi, sud africane, olandesi e russe. Le restanti 18 grandi imprese e le 32 PMI sono imprese italiane con un ammontare di investimenti agevolati di 579,8 meuro e di agevolazioni concedibili pari a 159,9 meuro (65% del totale, in entrambi i casi). Le 62 imprese proponenti e aderenti hanno previsto investimenti prevalentemente nella provincia di Bari, Taranto e Brindisi (v. Tab. 1), seguono a distanza le province di Foggia, di Lecce e della BAT. Inoltre sono presenti 2 iniziative che interessano, per la natura dei loro investimenti (settore delle telecomunicazioni), tutte le province pugliesi. Per quanto riguarda gli investimenti per settore produttivo, si evidenziano le prime posizioni assunte dal settore dell aeronautica (17%), del cemento (15%), dei componenti di motori e autoveicoli (13%), delle telecomunicazioni e dal settore software e informatico (11%). Sebbene con importi di investimenti più bassi si evidenzia che, rispetto al numero complessivo delle 62 istanze, il 29% delle domande (18) proviene da imprese del settore software e informatico, il 14% (9) da imprese del settore ricerca e il 10% (6) da quelle del settore aeronautico. 409

4 3. Aiuti alle piccole imprese innovative operative e di nuova costituzione La Regione Puglia, recependo la definizione europea di impresa innovativa, ha adottato nel 2008 unica regione in Italia il «Regolamento per la concessione di aiuti per le imprese innovative operative e di nuova costituzione» 5, con la finalità di agevolare la valorizzazione industriale di attività di ricerca nell ambito dei «settori industriali innovativi» 6 individuati con la delibera 7/8/2009, n Nel corso del 2010 sono stati pubblicati l Avviso per le imprese innovative di nuova costituzione ed il bando per le imprese innovative operative, con una dotazione finanziaria complessiva di 15 meuro (di cui 5 milioni per le nuove e 10 per le operative). A settembre 2011, essendo stata stanziata un ulteriore dotazione (di importo complessivo pari a 15 meuro), sono stati ripubblicati l avviso per nuove imprese innovative e l avviso per le imprese innovative operative. In sintesi si riportano alcune informazioni sulle misure agevolative: la domanda di agevolazione deve prevedere un piano di impresa triennale finalizzato alla valorizzazione produttiva in uno dei settori industriali innovativi individuati del contenuto innovativo acquisito nelle attività di ricerca; le tipologie dei contributi prevedono contributi in conto impianti (pari al 60% dei costi ammissibili per gli investimenti) e contributi in conto esercizio (pari al 35% per i primi due anni ed al 25% per il terzo anno dei costi ammissibili per la gestione); le spese agevolabili comprendono attivi materiali (opere murarie, arredi, macchinari e attrezzature) ed immateriali (sfruttamento di brevetti, trasferimento di tecnologie). Per le spese di gestione sono ammissibili i costi per utenze, personale dipendente, locazione dell immobile, spese amministrative, locazione finanziaria di macchinari e attrezzature; le modalità di funzionamento sono a sportello, sino ad esaurimento delle risorse. A giugno 2012 risultano presentate 48 istanze di agevolazione, di cui 27 per le nuove imprese innovative 7 e 21 per le imprese innovative operative. Le istruttorie completate sono 21, di cui 13 sono risultate ammissibili (e 10 di queste hanno ricevuto il provvedimento di concessione). Complessivamente si prevedono spese per 36,4 milioni di euro e richiesti contributi per 14 milioni; la selezione dei progetti, anche mediante il ricorso ad esperti indipendenti per la verifica del contenuto innovativo, ha comportato la concessione di contributi per un importo di 4,1 milioni. Investimenti per un milione di euro riguardano imprese già dichia- 5 Regolamento regionale n. 20/2008, pubblicato sul B.U.R.P. del 17 ottobre 2008, n Costituiti dai materiali avanzati, dalla logistica avanzata, dall aerospazio, dai sistemi avanzati di manifattura, dall ICT, da ambiente e risparmio energetico, dalla salute dell uomo, dal sistema agroalimentare. 7 Per nuova impresa innovativa si intende un impresa costituita da non più di sei mesi (alla data della domanda), che intende valorizzare industrialmente i risultati di una ricerca precedentemente svolta (nell Avviso sono specificate le condizioni da verificare per riscontrare il rapporto con tali attività di ricerca). 410

5 rate ammissibili alle agevolazioni, mentre 4,6 meuro sono gli investimenti previsti dalle imprese in fase di valutazione. La ripartizione dei progetti agevolati per settore di attività e sede operativa vede, 1 progetto agroalimentare nella provincia di Brindisi, 2 progetti per sistemi di manifattura nella provincia di Bari, 2 progetti ICT nella provincia di Bari, 3 progetti ICT per la provincia di Lecce, 2 progetti per l ambiente nella provincia di Bari, 1 progetto per l ambiente nella provincia di Lecce, 1 progetto di materiali avanzati nella provincia di Taranto. Alcuni dati rilevanti dei progetti agevolati: valore medio di spesa di investimento per attività produttive: euro ; valore medio di spesa di investimento per attività di servizi: euro ; ammontare medio dei contributi riconosciuti per progetto: euro ; previsione di acquisizione di attivi immateriali (trasferimento tecnologico, sfruttamento brevetti, piattaforme tecnologiche) per il 72% dei progetti; previsioni occupazionali: 69 nuovi addetti (senza considerare i soci delle imprese), in prevalenza con qualifiche tecniche elevate; tempo medio di istruttoria: meno di 6 mesi. Le istruttorie completate sono 20, di cui 14 ammissibili (e di queste 12 hanno già ricevuto il provvedimento di concessione delle agevolazioni). Complessivamente sono state previste spese per 31,3 milioni di euro richiesti e contributi per 12,5 milioni; la selezione dei progetti, anche mediante il ricorso ad esperti indipendenti per la verifica del contenuto innovativo, ha comportato la concessione di contributi per un importo di 6,4 meuro. Investimenti per euro di euro riguardano imprese già dichiarate ammissibili alle agevolazioni, mentre 1,2 meuro sono gli investimenti previsti dalle imprese in fase di valutazione. La ripartizione dei progetti agevolati per settore di attività e sede operativa vede 1 progetto aerospaziale per la provincia di Brindisi, 2 progetti nelle attività relative alla salute dell uomo (ricadenti tra la provincia di Bari e di Lecce), 1 progetto di materiali avanzati nella provincia di Taranto, 1 progetto per sistemi avanzati di manifattura nella provincia di Bari, 2 progetti ICT (ripartiti tra la provincia di Bari e di Brindisi), 5 progetti per l ambiente (di cui uno per la provincia di Bari, due per la provincia di Taranto, uno per la provincia di Brindisi, uno per la provincia di Foggia), 1 progetto agroalimentare nella provincia di Bari. Alcuni dati rilevanti dei progetti agevolati: valore medio di spesa di investimento per attività produttive: euro ; valore medio di spesa di investimento per attività di servizi: di euro ; ammontare medio dei contributi riconosciuti per progetto: euro ; previsione di acquisizione di attivi immateriali (trasferimento tecnologico, sfruttamento brevetti, piattaforme tecnologiche) per il 54% di progetti; previsioni occupazionali: 100 nuovi addetti (esclusi i soci), con qualifiche tecniche elevate; tempo medio di istruttoria: 6 mesi. 411

6 4. Programmi Integrati di Agevolazione I «Programmi Integrati di Agevolazione» riguardano programmi di investimento promossi da medie imprese anche in associazione con PMI. Tale strumento intende rafforzare la competitività e l innovazione, incentivare la stabilità sociale ed il dinamismo economico e promuovere l incremento dei livelli occupazionali. L oggetto, i soggetti destinatari, le tipologie di investimento ammissibili, la forma e le intensità delle agevolazioni concedibili sono anch essi quelli definiti dal già citato Titolo VI del Regolamento regionale 26 giugno 2008, n. 9 («Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione»), come modificato dal Regolamento regionale del 19 gennaio 2009, n. 1 e successive modifiche e integrazioni e dall Avviso Pubblico (D.D. n. 589/2008) per la presentazione delle istanze di accesso ai sensi dell art. 41 del succitato Regolamento. I programmi di investimento promossi riguardano progetti industriali di importo complessivo per spese e costi compresi tra 1 e 20 milioni di euro. Gli investimenti possono riferirsi, oltre che a spese in «attivi materiali», anche alla ricerca, ai servizi di consulenza, allo sviluppo dell e-business e ad investimenti per la tutela ambientale, relativi esclusivamente alle misure di risparmio energetico. Gli investimenti in ricerca ammissibili sono quelli in ricerca industriale ovvero sviluppo sperimentale, quelli in servizi di consulenza ammissibili per l innovazione delle imprese sono i servizi di consulenza riguardanti l ambiente, la responsabilità sociale ed etica e l internazionalizzazione d impresa 8 Gli investimenti per lo sviluppo dell e-business ammissibili sono quelli descritti e disciplinati dall art. 28, comma 5, del citato Regolamento. Gli investimenti per la tutela ambientale relativi alle misure di risparmio energetico sono disciplinati dal «Regolamento per aiuti agli investimenti delle PMI nel risparmio energetico, nella cogenerazione ad alto rendimento e per l impiego di fonti di energia rinnovabile» 21 novembre 2008, n. 26. Al 30 giugno 2012 risultano presentate 75 istanze, di cui 45 attive e 30 dichiarate inammissibili, decadute o rinunciatarie. Le 45 istanze attive sono costituite da 20 Programmi Integrati di Agevolazione con disciplinari sottoscritti (di cui 1 progetto con programmi di investimento interamente realizzati ed erogazioni completate), 2 progetti in fase di contrattualizzazione, 13 progetti definitivi in corso di istruttoria, 2 progetti definitivi attesi, 2 istanze di accesso proposte per l ammissione alla presentazione del progetto definitivo e 6 istanze di accesso per le quali è in corso la verifica di ammissibilità. Le 45 istanze attive riguardano investimenti pari a 318,4 meuro e agevolazioni concedibili per 119,4 meuro, articolati nelle voci riportate nella Tab. 2. La previsione è di realizzare un incremento occupazionale a regime di 789,53 ULA, passando da 3.629,69 ULA a 4.419,22 ULA. 8 Disciplinati rispettivamente dal Titolo III e dal Titolo IV del «Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione» della Regione Puglia. 412

7 Tab. 2. Programmi Integrati di Agevolazione relativi ad istanze attive in Puglia. Situazione al 30 giugno 2012 (euro) Investimenti Agevolazioni concedibili Attivi materiali , ,79 Risparmio energetico , ,50 Ricerca industriale e sviluppo sperimentale , ,85 Servizi di consulenza , ,23 Sviluppo dell e-business , ,82 Totale , ,19 Tab. 3. Programmi Integrati di Agevolazione relativi ad istanze attive in Puglia, per provincia. Situazione al 30 giugno 2012 (euro, s.d.i.) Province N. iniziative Investimenti Agevolazioni Bari , ,34 Lecce , ,14 Taranto , ,60 Brindisi , ,61 Foggia , ,00 BAT , ,50 Totale , ,19 Le 45 istanze attive sono state presentate da 54 imprese, di cui 48 medie e 6 piccole. In particolare, le medie imprese che hanno presentato istanza singolarmente sono 37 e rappresentano il 73% degli investimenti agevolabili (233,9 meuro) ed il 72% delle agevolazioni concedibili (86 meuro). Le restanti 8 istanze hanno previsto investimenti in associazione, sotto forma di consorzio, con 9 PMI raggiungendo il 27% degli investimenti agevolabili (84,5 meuro) ed il 28% delle agevolazioni concedibili (33,4 meuro). Nessuna delle 45 istanze attive è stata presentata da imprese straniere. Delle 54 imprese proponenti e aderenti 4 imprese hanno previsto investimenti in 2 province, per cui complessivamente gli investimenti coinvolgono 58 unità locali. Le 58 iniziative sono localizzate prevalentemente, in termini di ammontare degli investimenti, nella provincia di Bari; seguono quelle di Lecce, Taranto, Brindisi, Foggia e BAT (Tab. 3). In valori percentuali, Bari detiene i due terzi degli investimenti complessivi, Lecce il 15%, Taranto il 9%, Brindisi il 6%, Foggia il 2% e BAT il 2%. Sotto il profilo settoriale, le prime posizioni, in ordine di ammontare degli investimenti, sono assunte dall industria alimentare, dalla fabbricazione di prodotti in metallo e della fabbricazione di macchinari ed attrezzature. Sebbene con importi di investimenti più bassi si evidenzia che il 20% degli investimenti (12 imprese) appartiene al settore della fabbricazione di prodotti in metallo, l 11% (7 imprese) riguarda il settore dell industria alimentare, il 10% (6 imprese) i settori della fabbricazione di articoli in 413

8 Tab. 4. Erogazioni effettuate per Programmi Integrati di Agevolazione al 30 giugno 2012 (euro) Attivi materiali: ,02 Risparmio energetico 0,00 Ricerca industriale e sviluppo sperimentale ,50 Servizi di consulenza ,63 Sviluppo dell e-business ,00 Totale ,15 gomma e materie plastiche, della fabbricazione di macchinari ed attrezzature, nonché della produzione di software, consulenza informatica e attività connesse. Le erogazioni effettuate ammontano a 11,3 milioni di euro, ripartite per le voci riportate nella Tab St a r t u p di microimprese realizzate da soggetti svantaggiati Lo strumento agevolativo messo in campo con l Azione del PO FESR della Regione Puglia favorisce la nascita di nuove microimprese promosse da alcune categorie di persone svantaggiate. L oggetto, i soggetti destinatari, le tipologie di investimento ammissibili, la forma e le intensità delle agevolazioni concedibili sono quelle definite nel Regolamento regionale del 2008, n. 25 «Regolamento per la concessione di aiuti agli investimenti e allo start up di microimprese di nuova costituzione realizzate da soggetti svantaggiati» e successive modificazioni e integrazioni. I settori ammissibili, indicati nell Allegato A al Regolamento stesso, sono quelli manifatturieri, di servizi e del commercio al dettaglio (limitatamente, per quest ultimo settore, alle imprese che si localizzino in aree eleggibili quali Zone Franche Urbane ai sensi della normativa di riferimento). Due sono gli Avvisi Pubblici che hanno dato attuazione a quanto previsto dal citato Regolamento 25/2008, il I o adottato con Atto Dirigenziale 18 maggio 2009, n. 309 ed il II o adottato con Atto Dirigenziale 29 ottobre 2010, n Rispetto al I o Avviso sono state due le modifiche più significative: è offerta la possibilità alle imprese artigiane di ricevere l incentivo, creando una nuova impresa, anche nel caso di «passaggio generazionale»; le agevolazioni sono state estese anche alle imprese appena costituite e attive, il cui piano di attività fosse già stato approvato dalla Regione nell ambito dell iniziativa «Principi attivi». Le agevolazioni concedibili sono le seguenti: contributi agli investimenti (attivi materiali, programmi informatici e trasferimenti di tecnologia commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell impresa) 9 Pubblicati rispettivamente sul B.U.R.P. del 28 maggio 2009, n. 77 e su quello dell 11 novembre 2010, n

9 Tab. 5. Start up di microimprese realizzate da soggetti svantaggiati: istanze ammesse ad agevolazione al 30 giugno 2012 (euro, s.d.i.) Province N. iniziative Investimenti Agevolazioni Bari , ,20 Lecce , ,02 Taranto , ,76 Brindisi , ,38 Foggia , ,15 BAT , ,92 Totale , ,44 in conto impianti in misura pari al 50% delle spese ammissibili e, comunque, non superiori ad euro ; contributi in conto esercizio per lo start up in misura pari al 35% delle spese ammissibili sostenute nei primi tre anni dalla costituzione e 25% nei due anni successivi e, comunque per un importo non superiore ad euro Al 30 giugno 2012 risultano presentate istanze di cui: 179 presentate da imprese destinatarie di provvedimento di concessione provvisoria delle agevolazioni; 15 presentate da imprese in attesa del provvedimento di concessione provvisoria delle agevolazioni; 126 considerate ammissibili ad agevolazioni; 24 in corso d istruttoria; 701 dichiarate o non esaminabili o non accoglibili o inammissibili o decadute. Le 179 istanze ammesse ad agevolazione riguardano investimenti pari a 25,7 meuro con agevolazioni complessive di 24,6 di cui 12,8 in c/impianti e 11,7 in c/ esercizio. La previsione circa l incremento occupazionale nell esercizio a regime è pari a 652 ULA. Le 179 istanze ammesse ad agevolazione hanno previsto investimenti prevalentemente nelle province di Lecce e Bari. Seguono Foggia e Taranto. Meno rilevante è il numero delle istanze per le province Brindisi e BAT. In valori percentuali, gli investimenti vedono Bari al 30,5%, Lecce al 28,3%, Foggia al 16,5%, Taranto al 12,6%, Brindisi al 5,9% e BAT al 5,9% (Tab. 5). Per quanto riguarda gli investimenti per settore produttivo, si evidenziano le iniziative nel settore dei servizi (24,2%) (macrosettore all interno del quale prevalgono i servizi alle imprese, come quelli di grafica, di marketing o di pulizia), nell agroalimentare (16,2%), nella meccanica (12,8%), nell edilizia (11,6%) e nel tessile-abbigliamento (8,5%); interessante anche l entità degli investimenti nel settore ICT (8,3%). 6. Aiuti agli investimenti iniziali alle microimprese ed alle piccole imprese Nell ambito dell Asse VI del P.O , l Azione prevede aiuti agli investimenti delle micro e piccole imprese. Tale strumento intende facilitare, favoren- 415

10 Tab. 6. Aiuti agli investimenti di micro e piccole imprese: istanze presentate dal 23 aprile 2009 al 4 luglio 2012 (euro, s.d.i.) Categorie N. domande inviate telematicamente con delibera Investimenti proposti Contributi concedibili a) artigiani , ,63 b) commercio , ,40 c) altro , ,75 Totali , ,78 Province N. domande inviate telematicamente con delibera Investimenti proposti Contributi concedibili Bari , ,08 BAT , ,22 Lecce , ,53 Taranto , ,73 Foggia , ,78 Brindisi , ,44 Totali , ,78 done l accesso al credito, lo sviluppo delle attività economiche delle micro e piccole imprese. L oggetto, i soggetti destinatari, le tipologie di investimento ammissibili, la forma e le intensità delle agevolazioni concedibili sono quelle definite dal Titolo II del più volte citato Regolamento 26 giugno 2008, n. 9, e successive modificazioni. L Avviso pubblico per la presentazione delle istanze di accesso ai sensi dell art. 15 del succitato Regolamento, è stato adottato con Determinazione Dirigenziale del 10 aprile 2009, n I programmi di investimento promossi devono riguardare progetti di importo minimo pari a euro , concernenti un iniziativa imprenditoriale finalizzata alla produzione e/o commercializzazione di beni e/o servizi. I Progetti di investimento possono riguardare: a) la creazione di una nuova unità produttiva; b) l ampliamento o ammodernamento di una unità produttiva esistente; c) la diversificazione della produzione di una unità produttiva in nuovi prodotti aggiuntivi; d) un cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di una unità produttiva. Dal 23 aprile 2009 al 4 luglio 2012 risultano presentate complessivamente istanze, con investimenti proposti per 351,6 meuro; dei progetti presentati, 23 sono stati dichiarati inammissibili, 37 hanno presentato formale rinuncia, 646 sono attualmente in valutazione e sono stati ammessi alle agevolazioni (approvate dal Comitato Tecnico Regionale) con investimenti per 220,2 meuro ed agevolazioni concedibili per 46,3 meuro. Al 4 luglio 2012 risultano erogati contributi per 19,5 meuro. Nella Tab. 6 sono riportate le domande inviate 10 Pubblicato sul B.U.R.P. 23 aprile 2009, n

11 Tab. 7. Aiuti agli investimenti di micro e piccole imprese: istanze presentate dal 23 aprile 2009 al 4 luglio 2012, per settore produttivo Investimenti per settore Ateco 2007 N. domande C Attività manifatturiere 632 E Fornitura di acqua; Reti fognarie, Attività di gestione dei rifiuti e risanamento 20 F Costruzioni 293 G Commercio all ingrosso e al dettaglio; Riparazione di autoveicoli e motocicli 598 H Trasporto e magazzinaggio 42 I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione 275 J Servizi di informazione e comunicazione 49 M Attività professionali, scientifiche e tecniche 20 N Noleggio, Agenzie di viaggio, Servizi di supporto alle imprese 6 P Istruzione (scuole guida) 2 Q Sanità e Assistenza sociale 4 R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento 6 S Altre attività di servizi 155 Totale Tab. 8. Aiuti agli investimenti di micro e piccole imprese: domande approvate dal Comitato Tecnico Regionale Categorie N. domande approvate dal CTR Investimenti ammissibili Contributi provvisori Intensità di aiuto (%) a) artigiani , ,88 22,13 b) commercio , ,74 19,80 c) altro , ,76 21,57 Totali , ,38 21,26 Province N. domande approvate dal CTR Investimenti ammissibili Contributi provvisori Bari , ,08 BAT , ,23 Lecce , ,62 Taranto , ,12 Foggia , ,43 Brindisi , ,91 Totali , ,38 telematicamente per categoria di impresa e per provincia di localizzazione dell investimento con l evidenza dell investimento proposto e del contributo erogabile. Per quanto riguarda le domande per settore produttivo, si evidenziano le prime posizioni assunte dal settore C «Attività Manifatturiere», G «Commercio all ingrosso e al dettaglio», F «Costruzioni» e I «Attività dei Servizi di alloggio e ristorazione». Il 30% delle domande complessive (632) proviene da imprese manifatturiere, il 28% da imprese del commercio all ingrosso e al dettaglio (598), il 14% da imprese delle costruzioni (293) ed il 13% da imprese dei servizi di alloggio e ristorazione (275) (Tab. 7). 417

12 Il 30% delle domande complessive (632) proviene da imprese manifatturiere, il 28% da imprese del commercio all ingrosso e al dettaglio (598), il 14% da imprese delle costruzioni (293) ed il 13% da imprese dei servizi di alloggio e ristorazione (275). Nella Tab. 8 si riporta la suddivisione delle domande approvate dal Comitato Tecnico Regionale (CTR), per categoria di impresa e per provincia di localizzazione dell iniziativa, per investimento ammissibile e contributo erogabile. 418

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni Decreto ministeriale 20 ottobre 1995, n. 527 - Regolamento recante le modalità e le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore delle attività produttive nelle aree depresse

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

FAQ aggiornate al giorno 05/01/2015

FAQ aggiornate al giorno 05/01/2015 FAQ aggiornate al giorno 05/01/2015 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA FONDAMENTALE, RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE REALIZZATI CONGIUNTAMENTE DA IMPRESE E ORGANISMI DI RICERCA

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche REGIONE ABRUZZO DIREZIONE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI Servizio Investimenti Pubblici Politiche Turistiche POR FESR ABRUZZO 2007 2013 BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

IL DIRIGENTE. Premesso che:

IL DIRIGENTE. Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU49 04/12/2014 Codice DB1614 D.D. 26 novembre 2014, n. 814 D.G.R. n. 20-587 del 18/11/2014. Programmazione 2014-15. Misura 5: sostegno ai Comuni per la realizzazione di "Programmi di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE POR FSE 2007-2013 ASSE II OCCUPABILITÀ Ob. Spec. e) Attuare politiche del lavoro attive e preventive, con

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN OSSERVATORIO REGIONALE DEI PREZZI DEL MERCATO IMMOBILIARE E DEI COSTI DI MANUTENZIONE RISTRUTTURAZIONE E RESTAURO DELLE OPERE EDILI PREMESSO CHE: - La Camera

Dettagli

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA - FORESTE FORESTAZIONE SETTORE 4 Servizi di sviluppo agricolo fitosanitario e valorizzazione patrimonio ittico

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE Guida ragionata delle disposizioni normative Commissione Attività

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI - Manuale Operativo - www.finanziamenti-a-fondo-perduto.it COS E COME FUNZIONA Portale di aggiornamenti su agevolazioni ed incentivi che prevede: Servizio di ricerca online

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 Disposizioni in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, nonché modifiche

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione

La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE GENERALE PER LE IMPRESE E L'INDUSTRIA La presente guida contiene: La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione particolari e spiegazioni sulla

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

Proposta di legge regionale concernente

Proposta di legge regionale concernente Proposta di legge regionale concernente Nuove disposizioni per favorire la tutela, la valorizzazione e lo sviluppo dell artigianato nel Lazio. Modifiche alla l.r. 6 agosto 1999, n.14 (Organizzazione delle

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Avviso pubblico per la selezione per titoli e colloqui per l assunzione di personale con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato

Avviso pubblico per la selezione per titoli e colloqui per l assunzione di personale con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato Avviso pubblico per la selezione per titoli e colloqui per l assunzione di personale con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato IL DIRETTORE GENERALE Premesso che: Puglia Sviluppo S.p.A. è

Dettagli

RIUTILIZZO E RICICLO DEI RIFIUTI SOLIDI: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO

RIUTILIZZO E RICICLO DEI RIFIUTI SOLIDI: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO reusing&recycling RIUTILIZZO E RICICLO DEI RIFIUTI SOLIDI: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO Mo. Re. & Mo. Re. per una governance innovativa della gestione dei rifiuti. Programma LIFE08 ENV/IT/437 Azione

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

della domanda di agevolazione

della domanda di agevolazione Guida alla presentazione della domanda di agevolazione 1. MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La domanda di agevolazione e i relativi allegati, pena l inammissibilità della stessa domanda, devono essere

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli