Crisi finanziaria e accesso al credito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Crisi finanziaria e accesso al credito"

Transcript

1 Crisi finanziaria e accesso al credito 13 novembre 2008 Elio Schettino Direttore Area Fiscalità, Finanza e Diritto d Impresa Confindustria Banca d Italia d Indagine congiunturale sulle imprese industriali e dei servizi (nov. 2008) Condizioni di accesso al credito inasprimento delle condizioni del credito: 55,6 % (60,4% nel Nord) cause: peggioramento delle condizioni di costo o garanzia sui nuovi finanziamenti (67,1 per cento) e dell aumento dei tassi d interesse su prestiti già concessi (73 per cento) 1

2 Indagine trimestrale BCE - novembre 2008 The euro area bank lending survey - significativo irrigidimento delle condizioni di erogazione del credito - cause: congiuntura negativa; peggioramento delle condizioni di finanziamento interbancario - diminuzione della domanda di credito Indagine BCE: ultimo trimestre 0,60 0,50 0,40 0,30 0,20 0,10 0,00-0,10-0,20 Nel complesso Grandi imprese Pmi A lungo termine

3 Prestiti bancaria alle imprese in Italia (Bollettino Economico Banca d Italia d ottobre 2008) 16,00 14,00 Prestiti totalii Prestiti a imprese non fin. 12,00 10,00 8,00 6,00 4,00 2,00 0,00 gen-00 gen-01 gen-02 gen-03 gen-04 gen-05 gen-06 gen-07 gen-08 Italia: tassi di interesse per nuove operazioni 7,0 6,5 6,0 5,5 5,0 TUTTE PICCOLE GRANDI 4,5 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 gen-03 gen-04 gen-05 gen-06 gen-07 gen-08 Settembre e ottobre stime CSC. Fonte: elaborazioni CSC su dati Banca d'italia. 3

4 Tasso Euribor a 3 mesi : Ultimo mese Ultimo anno Principali criticità segnalate dalle associazioni Razionamento del credito Rilevati fenomeni di razionamento soprattutto verso microimprese e alcune aree (es. Mezzogiorno) Costo del credito Percepito incremento costi (tassi e commissioni). Richiesta maggiori garanzie. Significativo aumento crediti garantiti da confidi Basilea 2 Significativo aumento delle informazioni anche qualitative richieste dalle banche a fronte di scarsa capacità di valutazione dei piani di sviluppo e conseguente scarsa disponibilità a supportarli 4

5 La risposta alla crisi avvio collaborazione Confindustria-ABI/banche: creazione Tavolo permanente (17 ottobre) monitoraggio rapporto banca-impresa sul territorio: creazione Tavoli locali in costruzione: sezione del sito Confindustria dedicata alla crisi finanziaria e all accesso al credito Tavolo permanente: PROPOSTE 43/ ; 8 430/4.:2039 / ,8: #,1147, / # 1 3,3, /4/,7,3,507 0! # 9,7/ / 5,,20394!!,97 243,, %7,85,703,/0 7,9 3 5

6 1. Rafforzamento dei Confidi Entro il 2009 i confidi possono trasformarsi in intermediari iscritti nell Elenco Speciale di cui all art. 107 del TUB o in BCC (legge n. 236/2003) Trasformazione necessaria, a seguito dell entrata in vigore di Basilea 2, affinché le garanzie rilasciate possano essere considerate dalle banche strumenti validi per la mitigazione del rischio di credito Richiesta contributo statale per il rafforzamento patrimoniale dei confidi che si trasformano 2. Fondo di Garanzia per le PMI (legge n. 266/1997) concede garanzie dirette, controgaranzie e cogaranzie alle PMI dell industria, commercio, turismo e servizi dotazione: 300 milioni + 40 sezione innovazione tecnologica dal 2000: operazioni garantite (di cui oltre nell ultimo anno) per un totale di finanziamenti garanti pari a 10,2 miliardi 41% delle operazioni sono state realizzate con imprese industriali (pari al 59% del totale degli importi garantiti il 70% delle garanzie concesse sono rappresentate da controgaranzie ai confidi 6

7 segue 2. Fondo di Garanzia per le PMI Richieste per aumentare operatività del Fondo rifinanziamento di 600 milioni (la dotazione residua è di 12 milioni, che al ritmo attuale di operatività è destinato ad esaurirsi entro gennaio 2009) ampliamento tipologia di operazioni riconoscimento della ponderazione zero 3. Ritardi di pagamento della PA Certificazione dell ente debitore/sistema unico di certificazione (avvio dialogo con Regioni) con indicazione della data di pagamento dell obbligazione Invio certificazione al tesoriere e obbligo su precisa previsione normativa di pagare anche in assenza di mandato Creazione di un fondo pubblico di garanzia che intervenga quando il ritardo di pagamento superi una soglia massima (certezza per le banche che il rimborso del credito avverrà entro una data certa; favorire sconto pro soluto). Possibilità per il fondo di rivalersi sugli enti debitori (quindi fondo rotativo) Modifica norme sul blocco dei pagamenti 7

8 4. Rafforzamento patrimoniale delle imprese Garanzia sulle operazioni di ricapitalizzazione: riservare parte della dotazione del Fondo di Garanzia per le PMI al rilascio di garanzie per acquisizione partecipazioni e prestiti partecipativi Detassazione utili reinvestiti e apporti di capitale: escludere dalla base imponibile del reddito d impresa il rendimento figurativo riferibile ai nuovi apporti di capitale di rischio o utili reinvestiti in riserve di capitale Rivalutazione patrimonio immobiliare strumentale Pmi: possibilità di operare la rivalutazione del patrimonio immobiliare. Il riconoscimento fiscale del maggior valore dovrebbe essere compiuto mediante l assolvimento di una imposta sostitutiva agevolata delle imposte sui redditi e dell IRAP. segue 4. Rafforzamento patrimoniale delle imprese Deducibilità interessi passivi delle imprese: elevare la percentuale di deducibilità degli interessi passivi dal 30% al 40% del reddito operativo lordo. Intervento di carattere temporaneo: tre periodi di imposta, con decorrenza immediata, a valere già dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2007 (periodo di imposta 2008) Abolizione/innalzamento del tetto per la compensazione dei tributi: ampliare possibilità di utilizzare il sistema della compensazione per un più agevole smobilizzo dei crediti di imposta. Innalzare ad almeno un milione di euro il limite di massimo ,90 euro dei crediti di imposta rimborsabili in conto fiscale e/o compensabili. 8

9 5. Trasparenza dei rating Accordo Confindustria-ABI per definire le modalità con cui le banche dovranno informare le imprese dei fattori rilevanti, suscettibili di influenzare la loro decisione in tema di rating, e i principi del processo del rating che saranno applicati. 9

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria La crescita economica in Italia (Centro Studi Confindustria Congiuntura flash, Novembre 2011)

Dettagli

1. Smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione; 2. Plafond Progetti Investimenti Italia.

1. Smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione; 2. Plafond Progetti Investimenti Italia. Protocolli Confindustria-ABI. Smobilizzo crediti PA e Investimenti Roma, 29 Maggio 2012 Confindustria Fisco, Finanza e Welfare Il Direttore Elio Schettino Si allegano i protocolli firmati il 22 maggio

Dettagli

Presentazione della società. Ottobre 2008

Presentazione della società. Ottobre 2008 Presentazione della società Ottobre 2008 2 Veneto Sviluppo S.p.A. è la SOCIETA FINANZIARIA, istituita con Legge della Regione del Veneto, il cui capitale sociale (circa 112 milioni di Euro) è detenuto

Dettagli

La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti

La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti Il sostegno alle P.M.I. - Incentivi, garanzie ed opportunità per il consolidamento e la crescita Taranto, 27 febbraio 2009 Relatore: Dr. Raffaele

Dettagli

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore FORUM PERMANENTE SUL CREDITO E LA FINANZA II^ CONFERENZA REGIONALE SUL CREDITO E LA FINANZA PER LO SVILUPPO Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di

Dettagli

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale (Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale per) il ruolo dei Confidi 15 Maggio 2012 1 Agenda Premessa (sulle ragioni della crisi) (Divieto d ) d) accesso al credito per le imprese:

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

Accesso al Credito: Evoluzione e prospettive

Accesso al Credito: Evoluzione e prospettive Accesso al Credito: Evoluzione e prospettive Fausto Fontanesi Bologna 1 Dicembre 2015 Come si è modificato il sistema finanziario Italiano durante questa lunga crisi Agenda Effetti della crisi sul sistema

Dettagli

NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI)

NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI) NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI) Si avvisa la gentile Clientela che la Banca ha aderito, in data 04/05/2015, al nuovo Accordo per il Credito 2015, limitatamente all iniziativa

Dettagli

IL FONDO CENTRALE di GARANZIA. Nota tecnica. Consorzio Camerale per il credito e la finanza Ufficio Studi

IL FONDO CENTRALE di GARANZIA. Nota tecnica. Consorzio Camerale per il credito e la finanza Ufficio Studi IL FONDO CENTRALE di GARANZIA Nota tecnica Consorzio Camerale per il credito e la finanza Ufficio Studi CRONOLOGIA 1996: nasce il Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese 2007: la legge finanziaria

Dettagli

ABI: le modalità operative per smobilizzo crediti PA e investimenti Pmi

ABI: le modalità operative per smobilizzo crediti PA e investimenti Pmi COMUNICATO STAMPA ABI: le modalità operative per smobilizzo crediti PA e investimenti Pmi Inviati alle banche i protocolli siglati con le Associazioni delle imprese, in attesa della pubblicazione dei 4

Dettagli

Documento e Proposte

Documento e Proposte Documento e Proposte www.confidicampani.it Pag. 1 di 8 I Confidi I Confidi grazie alla loro figura di collegamento tra il mondo imprenditoriale e quello bancario, operano fruttuosamente a favore delle

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture TRENTENNALE CNCE La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture MICHELE BAGELLA Università di Roma Tor Vergata Roma, 29 Gennaio 2009 Indice Nella prima parte

Dettagli

Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141

Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141 Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141 Prof.ssa Rosa Adamo Corso di Istituzioni di Economia degli Intermediari Finanziari Sommario 1. L istituzione di un unico albo

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma gennaio 211 2 1 1 1 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

Finanziamenti a Medio/Lungo termine destinati alle imprese

Finanziamenti a Medio/Lungo termine destinati alle imprese FOGLIO INFORMATIVO Finanziamento Fondo Nazionale di Garanzia PMI L.662/96 Finanziamenti a Medio/Lungo termine destinati alle imprese INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Piazza

Dettagli

Finanziamenti a Medio/Lungo termine destinati alle imprese

Finanziamenti a Medio/Lungo termine destinati alle imprese FOGLIO INFORMATIVO Finanziamento Fondo Nazionale di Garanzia PMI L.662/96 Finanziamenti a Medio/Lungo termine destinati alle imprese INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Piazza

Dettagli

Audizione sul Disegno di legge recante Delega al Governo per la riforma dei Confidi (AS 1259)

Audizione sul Disegno di legge recante Delega al Governo per la riforma dei Confidi (AS 1259) SENATO DELLA REPUBBLICA 6ª Commissione (Finanze e Tesoro) Audizione sul Disegno di legge recante Delega al Governo per la riforma dei Confidi (AS 1259) 17 luglio 2014 Audizione del Vice Direttore generale

Dettagli

CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014

CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014 CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014 CREDITO 1. Fondo di garanzia per le PMI pag. 1 2. Usura TEGM in vigore nel I Trimestre 2014 pag. 2 FINANZA 3. DL Destinazione Italia - Misure in materia di credito

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

Sovvenzione NON REGOLATA IN CONTO CORRENTE (Standard)

Sovvenzione NON REGOLATA IN CONTO CORRENTE (Standard) Sovvenzione NON REGOLATA IN CONTO CORRENTE (Standard) INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERMOBILIARE DI INVESTIMENTI E GESTIONI S.p.A. Sede Legale: V. Gramsci, 7 10121 Torino

Dettagli

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 GARANZIA DIRETTA (Banca) Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle PMI mediante la concessione di una garanzia

Dettagli

I compiti istituzionali della Banca d Italia: il contributo della ricerca economica

I compiti istituzionali della Banca d Italia: il contributo della ricerca economica I compiti istituzionali della Banca d Italia: il contributo della ricerca economica Antonio Lo Nardo Divisione Analisi e ricerca economica territoriale Enna, 18 aprile 2016 Scaletta La ricerca economica

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

Il presente foglio informativo è rivolto ai clienti diversi dai Clienti Consumatori.

Il presente foglio informativo è rivolto ai clienti diversi dai Clienti Consumatori. CHIROGRAFARI ALLE IMPRESE Foglio informativo in ottemperanza alle disposizioni di cui alla delibera CICR del 4 marzo 2003 e alle successive Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia del 15 luglio 2015

Dettagli

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp DIPARTIMENTO POLITICHE PER LO SVILUPPO Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp La normativa nazionale di supporto agli investimenti delle imprese cooperative ed altre opportunità

Dettagli

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza INDICE 1. Premessa 2. Garanzie pubbliche per l accesso al credito 3. Patrimonializzazione dei confidi 4. Operatività

Dettagli

IL RUOLO DEL CENTRO FIDI TERZIARIO QUALI GARANZIE?

IL RUOLO DEL CENTRO FIDI TERZIARIO QUALI GARANZIE? IL RUOLO DEL CENTRO FIDI TERZIARIO QUALI GARANZIE? II Forum annuale sulla Finanza d impresa Gli strumenti per affrontare la crisi e sostenere la crescita delle PMI Prato, 23 aprile 2009 Email: a.doti@centrofiditerziario.it

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma dicembre 2013 2 0 1 3 44 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

La finanza d impresa in Italia durante la crisi: problemi congiunturali e nodi strutturali

La finanza d impresa in Italia durante la crisi: problemi congiunturali e nodi strutturali La finanza d impresa in Italia durante la crisi: problemi congiunturali e nodi strutturali Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Giorgio Gobbi - Banca d'italia 25 settembre 2014 La

Dettagli

FONDO GARANZIA PO FESR 2007 2013

FONDO GARANZIA PO FESR 2007 2013 PREMESSA DESTINATARI SETTORI FONDO GARANZIA PO FESR 2007 2013 NATURA E MISURA DELLA GARANZIA COSTO DELLA GARANZIA / CONTROGARANZIA DOTAZIONE FINANZIARIA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA AMMISSIONE DELLE DOMANDE

Dettagli

Osservatorio Prestiti

Osservatorio Prestiti Osservatorio Prestiti Dati sui prestiti in Italia (Gen 2003 Feb 2013) Marzo 2013 Avvertenze: Gli indicatori relativi all'utilizzo del sito da parte degli utenti non hanno carattere di certezza o scientificità.

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Il rapporto Banca-Impresa: le nuove opportunità. Dipartimento di Economia & Management

Il rapporto Banca-Impresa: le nuove opportunità. Dipartimento di Economia & Management Il rapporto BancaImpresa: le nuove opportunità Dipartimento di Economia & Management AGENDA 1 L'evoluzione del rapporto BancaImpresa 2 Le garanzie "Istituzionali" SEI Consulting AGENDA 1 L'evoluzione del

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

Osservatorio Prestiti

Osservatorio Prestiti Osservatorio Prestiti Dati sui prestiti in Italia (Gen 2005 Feb 2015) Marzo 2015 Avvertenze: Gli indicatori relativi all'utilizzo del sito da parte degli utenti non hanno carattere di certezza o scientificità.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. a cura della FONDAZIONE ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. a cura della FONDAZIONE ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI OSSERVATORIO ECONOMICO IRDCEC MAGGIO-GIUGNO 2014 - GRAFICI a cura della FONDAZIONE ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mutui: raggiunta intesa nuova moratoria imprese

COMUNICATO STAMPA. Mutui: raggiunta intesa nuova moratoria imprese COMUNICATO STAMPA Mutui: raggiunta intesa nuova moratoria imprese Al via l Accordo per il Credito 2015. Non solo sospensione, la nuova intesa diretta anche ad agganciare la ripresa e a sostenere lo smobilizzo

Dettagli

FONDO UNICO ANTICRISI

FONDO UNICO ANTICRISI . Unione Europea Regione Molise Finmolise SpA FONDO UNICO ANTICRISI Regolamento di attuazione del Fondo per la concessione di garanzie dirette e cogaranzie su finanziamenti alle PMI finalizzati al sostegno

Dettagli

Le misure contenute nel

Le misure contenute nel 16_21:Programma_Amva.qxd 04/07/2012 12.45 Pagina 16 16 AGEVOLAZIONI NAZIONALI INVESTIMENTI PRODUTTIVI Per il Fondo di garanzia in arrivo le nuove percentuali di copertura Ammesse anche le anticipazioni

Dettagli

Le azioni per favorire l accesso l al credito e la patrimonializzazione

Le azioni per favorire l accesso l al credito e la patrimonializzazione Le azioni per favorire l accesso l al credito e la patrimonializzazione Milano, 14 aprile 2010 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria L andamento del credito Il credito resta molto selettivo

Dettagli

Assolombarda e Mediocredito Italiano

Assolombarda e Mediocredito Italiano AGGIORNATO AL 8 LUGLIO 2010 Assolombarda e Mediocredito Italiano Pag. 1. Riequilibrio Finanziario Finanziamento a medio termine finalizzato al sostegno di programmi di riequilibrio finanziario delle imprese,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO A PRIVATI

MUTUO CHIROGRAFARIO A PRIVATI FOGLIO INFORMATIVO Decorrenza: 01 ottobre 2015 INFORMAZIONI SULLA BANCA MUTUO CHIROGRAFARIO A PRIVATI Cassa di Risparmio di Bolzano SpA. - Societa' per Azioni Sede legale e amministrativa: Via Cassa di

Dettagli

Accordo per il credito 2015

Accordo per il credito 2015 Accordo per il credito 2015 Premesso che 1) in data 30 dicembre 2014, l ABI e le Associazioni imprenditoriali (di seguito, le Parti) hanno sottoscritto un intesa che prevede: i) l estensione del periodo

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI LA BCC DEL CROTONESE - CREDITO COOPERATIVO S.C. - Sede in Isola di Capo Rizzuto, via Tesoro n. 19 - Registro Imprese di Crotone - C.F P.IVA n. 03382760795 - Cod. ABI 08595 - Iscritta all albo delle banche

Dettagli

Le opportunità per favorire l accesso al credito. Cagliari 15 marzo 2011

Le opportunità per favorire l accesso al credito. Cagliari 15 marzo 2011 Le opportunità per favorire l accesso al credito Cagliari 15 marzo 2011 La crisi globale 2008 una delle più gravi crisi economiche globali dell ultimo secolo con gravissimi effetti sia sul mercato finanziario

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Accordo per il credito 2015 Premesso che 1) in data 30 dicembre 2014, l ABI e le Associazioni imprenditoriali (di seguito, le Parti) hanno sottoscritto un intesa che prevede: i) l estensione del periodo

Dettagli

Politica di credito anticrisi

Politica di credito anticrisi Politica di credito anticrisi Scheda prodotto DESCRIZIONE PRODOTTO Per assicurare al sistema produttivo i mezzi finanziari per superare la difficile congiuntura CapitaleSviluppo collabora con i confidi

Dettagli

I prefetti si preparano al ruolo di garanti

I prefetti si preparano al ruolo di garanti Il Sole 24 ore 2009, pag. 5 Marco Ludovico Politiche anti-crisi L accesso al credito Il monitoraggio I prefetti si preparano al ruolo di garanti Un ruolo forte: non solo responsabili degli Osservatori,

Dettagli

Il finanziamento delle Pmi: nuove soluzioni per un vecchio problema

Il finanziamento delle Pmi: nuove soluzioni per un vecchio problema Il finanziamento delle Pmi: nuove soluzioni per un vecchio problema Intervento di Mario Comana Ordinario di Economia degli intermediari finanziari, LUISS Guido Carli, Roma Scaletta La difficoltà di accesso

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO

L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO Oggetto e finalità Favorire la microimprenditorialità nell'accesso alle fonti finanziarie mediante la concessione di una garanzia

Dettagli

FINANZIAMENTO BASILEA 3

FINANZIAMENTO BASILEA 3 Pag. 1 / 6 FINANZIAMENTO BASILEA 3 Foglio Informativo Finanziamenti Finanziamento Basilea 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena N verde 800

Dettagli

L ISMEA I servizi Ismea Il subentro in agricoltura Agevolazioni per l insediamento dei giovani in agricoltura Il fondo di garanzia Informazioni e

L ISMEA I servizi Ismea Il subentro in agricoltura Agevolazioni per l insediamento dei giovani in agricoltura Il fondo di garanzia Informazioni e I Servizi ISMEA per i giovani imprenditori agricoli AGENDA L ISMEA I servizi Ismea Il subentro in agricoltura Agevolazioni per l insediamento dei giovani in agricoltura Il fondo di garanzia Informazioni

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. Allegato A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO C/3 MUTUO CASA PER ACQUISTO/COSTRUZIONE/COMPLETAMENTO/RISTRUTTURAZIONE IMMOBILI AD USO ABITATIVO

FOGLIO INFORMATIVO C/3 MUTUO CASA PER ACQUISTO/COSTRUZIONE/COMPLETAMENTO/RISTRUTTURAZIONE IMMOBILI AD USO ABITATIVO FOGLIO INFORMATIVO C/3 MUTUO CASA PER ACQUISTO/COSTRUZIONE/COMPLETAMENTO/RISTRUTTURAZIONE IMMOBILI AD USO ABITATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Agricola Popolare di Ragusa Società Cooperativa per Azioni

Dettagli

Mutuo ipotecario GRADUATO LINEA CASA Versione: 2012/1 Data: 01/01/2012

Mutuo ipotecario GRADUATO LINEA CASA Versione: 2012/1 Data: 01/01/2012 FOGLIO INFORMATIVO Servizio offerto a: Consumatori Clientela al dettaglio Imprese Per una migliore comprensione delle diverse fasce di clientela sopra indicate, consultare le tre voci nella legenda posta

Dettagli

IMPRESA ITALIA CATALOGO PRODOTTI - ASSOCIAZIONI

IMPRESA ITALIA CATALOGO PRODOTTI - ASSOCIAZIONI Prodotti a Medio Lungo Termine Prodotto Destinazioni Caratteristiche Prestito Partecipativo (Mutuo Ricapitalizzazione Aziendale) Ricapitalizzazione aziendale con delibera di capitale già sottoscritta dai

Dettagli

Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza

Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.81 del 29 Giugno 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Operativo l accesso al fondo di garanzia sui finanziamenti per il microcredito Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA

COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA Angelo Camilli COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA Linee di indirizzo 17 dicembre 2012 Scenario L offerta di credito nel Lazio si riduce progressivamente Il tasso di crescita dei prestiti alle imprese,

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) 1. A giugno 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.833 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

- che il verificarsi delle crisi aziendali genera perciò effetti e ricadute negative sull occupazione e sui redditi dei lavoratori e delle famiglie;

- che il verificarsi delle crisi aziendali genera perciò effetti e ricadute negative sull occupazione e sui redditi dei lavoratori e delle famiglie; ACCORDO PER INTERVENTI DI SOSTEGNO AI REDDITI DELLE FAMIGLIE E ALLA COMPETITIVITA DEL SISTEMA IMPRENDITORIALE DEI COMUNI DELL UNIONE DELLA BASSA ROMAGNA PREMESSO - che l aggravarsi della crisi finanziaria

Dettagli

Udine, 28 giugno 2012

Udine, 28 giugno 2012 Banca Antonveneta al fianco delle Imprese associate a Confindustria Udine per superare la congiuntura in atto (integrazione ai protocolli d intesa siglati il 22/6/2010 ed il 25/10/2011) Udine, 28 giugno

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE

LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE La struttura giuridica delle convenzioni vigenti ante Basilea 2 Negli ultimi trent anni la struttura giuridica delle convenzioni stipulate tra

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma luglio 2013 2 0 1 3 22 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

Le opportunità di finanziamento delle PMI nel contesto attuale

Le opportunità di finanziamento delle PMI nel contesto attuale Le opportunità di finanziamento delle PMI nel contesto attuale Carlo Arlotta Presidente Commissione Finanza e Controllo di Gestione dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE EDIZIONE DICEMBRE 2013

DOMANDE E RISPOSTE EDIZIONE DICEMBRE 2013 DOMANDE E RISPOSTE EDIZIONE DICEMBRE 2013 1. OPERAZIONI DI IMPORTO RIDOTTO (MICROCREDITO) Domanda. Una operazione di Microcredito estinta o parzialmente estinta consente di liberare, anche pro quota, il

Dettagli

Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP

Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Interventi nel capitale di rischio e di debito delle PMI: le iniziative di banche ed operatori specializzati Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Indice 2 Il fabbisogno finanziario delle PMI

Dettagli

Foglio Comparativo sulle tipologie di mutui garantiti da ipoteca per l acquisto dell abitazione principale

Foglio Comparativo sulle tipologie di mutui garantiti da ipoteca per l acquisto dell abitazione principale Foglio Comparativo sulle tipologie di mutui garantiti da ipoteca per l acquisto dell abitazione principale (disposizioni di trasparenza ai sensi dell art. 2 comma 5 D.L. 29/11/2008 n. 185) Per tutte le

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE C i r c o l a r e d e l 3 m a g g i o 2 0 1 2 P a g. 1 di 7 Circolare Numero 16/2012 Oggetto ACE _ AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA - AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Sommario 1_

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA Società Cooperativa

Dettagli

MUTUI PER AZIENDE garantiti da fidejussione CONFIDI

MUTUI PER AZIENDE garantiti da fidejussione CONFIDI FOGLIO INFORMATIVO relativo ai MUTUI PER AZIENDE garantiti da fidejussione CONFIDI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Società Cooperativa Piazza Roma n.17-25016 Ghedi (Bs)

Dettagli

COME AFFRONTARE IL NODO DEL RITARDO NEI PAGAMENTI

COME AFFRONTARE IL NODO DEL RITARDO NEI PAGAMENTI VII Panel Osservatorio Legislazione & Mercati SEMPLIFICAZIONE, FISCO, LIQUIDITA : TRE MOSSE PER UNA VERA CRESCITA 1 a sessione COME AFFRONTARE IL NODO DEL RITARDO NEI PAGAMENTI Villa Valmarana Morosini,

Dettagli

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA. Nota metodologica

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA. Nota metodologica RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA Nota metodologica La legge 7 marzo 1996, n. 108, volta a contrastare il fenomeno dell usura, prevede che siano resi

Dettagli

Circolare N.149 del 25 Ottobre 2012. Certificazione crediti PA. Pronta la piattaforma telematica

Circolare N.149 del 25 Ottobre 2012. Certificazione crediti PA. Pronta la piattaforma telematica Circolare N.149 del 25 Ottobre 2012 Certificazione crediti PA. Pronta la piattaforma telematica Certificazione crediti PA: pronta la piattaforma telematica Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. A LLEGATO A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio Informativo n. 5000/37 Data ultimo aggiornamento: 01 Luglio 2010 Dati e qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Istituto Bancario del Lavoro S.p.A.

Dettagli

Mutuo non ipotecario GRADUATO LINEA CASA Versione: 2011/3 Data: 01/07/2011

Mutuo non ipotecario GRADUATO LINEA CASA Versione: 2011/3 Data: 01/07/2011 Rete: PBB FOGLIO INFORMATIVO Servizio offerto a: Consumatori Clientela al dettaglio Imprese Per una migliore comprensione delle diverse fasce di clientela sopra indicate, consultare le tre voci nella legenda

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825,8 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 21 dicembre 2015. Rilevazione dei tassi effettivi globali medi, ai sensi della legge sull usura. Periodo di rilevazione

Dettagli

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NON BANCARI CORRETTE

Dettagli

Imprese, lavoro, banche

Imprese, lavoro, banche Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Imprese, lavoro, banche 2 incontro Materiali per la discussione Roma, 25 marzo 2009 SINTESI Il 5 marzo 2009 si è tenuto il primo incontro

Dettagli

PUNTO ALL ESTERO FINANZIAMENTO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE SUPPORTATO DA GARANZIA SACE

PUNTO ALL ESTERO FINANZIAMENTO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE SUPPORTATO DA GARANZIA SACE FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI PUNTO ALL ESTERO FINANZIAMENTO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE SUPPORTATO DA GARANZIA SACE INFORMAZIONI SULLA

Dettagli