Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore elettronico 4 trimestre 2009

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore elettronico 4 trimestre 2009"

Transcript

1 piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale monitoraggio del settore elettronico 4 trimestre 2009

2 La presente scheda è stata curata da Giorgio Plazzi, esperta dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giuia. 2 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

3 1 IMPRESE ATTIVE Il numero di imprese attive in Friuli-Venezia Giulia per l intero settore elettronico (DL30 Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e di sistemi informatici, DL31 Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a., DL32 Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni, DL33 Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi ) ha avuto una flessione di 12 unità tra il 2008 e il 2009 passando dalle alle unità (tabelle 5), con una variazione percentuale del -0,9%. Nell arco di un anno si sono registrate differenze di andamento sia a livello provinciale sia a livello dei singoli settori del comparto dell elettronica. La situazione più delicata è stata registrata nelle province di Pordenone e di Udine, che hanno perso, rispettivamente, 4 (-1,6% su base annua) e 7 (-1,3%) imprese. A Trieste si è registrata una perdita di una sola unità (da 248 a 247; -0,4%), mentre a Gorizia il numero di imprese attive è rimasto invariato (121 nei due anni). Nella provincia di Trieste il settore della fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e di sistemi informatici ha guadagnato 1 unità (da 18 a 19; +5,5%); quello della fabbricazione di macchine e apparecchi elettrici n.c.a. ne ha persa 1 (da 52 a 51; -1,9%) come quello della fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi (da 26 a 25; -3,8%) mentre il comparto della fabbricazione di apparecchi medicali, apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi, è rimasto invariato (152 unità nei due anni). A Gorizia c è stato un calo di 2 unità (da 35 a 33; -5,7%) nel settore della fabbricazione di macchine e apparecchi elettrici n.c.a. e di 1 unità in quello della fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi (da 15 a 14; -6,7%) mentre è salita di 2 unità la fabbricazione di apparecchi medicali, apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi (da 66 a 68; +3,0%) e di 1 unità la fabbricazione di macchine per ufficio (da 5 a 6; +20,0%). Anche a Pordenone sono stati rilevati due settori in diminuzione e due settori in aumento: quello della fabbricazione di macchine e apparecchi elettrici non classificati altrove perso 8 unità (da 146 a 138; -5,5% la variazione percentuale) e quello della fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e apparecchi per le comunicazioni ne ha perse 2 (da 34 a 32; -5,9%); il settore della fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi, invece, ne ha guadagnate ben 5 (da 143 a 148; +3,5%) e quello della fabbricazione di macchine per ufficio ne ha acquisita 1 (da 23 a 24; +4,3%). A Udine, infine, si sono perse 3 unità nel settore della fabbricazione di macchine e apparecchi elettrici n.c.a. (da 140 a 137; -2,1%), 4 nel settore della fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e apparecchi per le comunicazioni (da 42 a 38; -9,5%) e 1 nel settore della fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi (da 336 a 335; -0,3%); il settore della fabbricazione di macchine per ufficio ha acquistato 1 nuova unità(da 39 a 40; +2,6%). 2 I DATI OCCUPAZIONALI Il grafico 1 rappresenta i movimenti occupazionali (avviamenti e cessazioni) dell intero settore dell elettronica in Friuli Venezia Giulia. L entità del saldo negativo (-120 unità; 339 cessazioni a fronte di 219 avviamenti) registrata nel IV trimestre 2008 si è aggravata nel 2009, passando a 144 (261 cessazioni contro 117 assunzioni) nel III trimestre e a -277 (con 397 cessazioni e 120 avviamenti) nel IV trimestre. Nell arco del periodo esaminato c è stata prima una flessione e poi una stabilizzazione degli avviamenti al lavoro e una diminuzione seguita da una marcato aumento del numero di cessazioni. 2.1 Avviamenti Nell intera regione, il numero di avviamenti è sceso da 219 nel IV trimestre 2008 a 117 nel III trimestre 2009 per arrivare a 120 nel IV trimestre 2009, registrando una variazione tendenziale del -45,2% e una Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 3

4 variazione congiunturale del +2,6% (tabelle 6 e 7). La contrazione del numero di assunzioni è stata più drastica tra le donne (almeno nel lungo periodo), dove il numero di avviamenti è passato, da 89 a 42 e a 46, pari a un 48,3% su base annua e a un +9,5% confrontando gli ultimi dati con quelli del trimestre precedente; tra gli uomini il numero di avviamenti è passato da 130 a 75 e a 74 (-43,1% e -1,3% le due variazioni). Operando una distinzione in base alla tipologia di contratto si osserva che i casi sono passati da 14 (7 donne e 7 uomini) nel IV trimestre 2008 a 8 (uomini) nel III trimestre 2009 e a 9 (4 e 5) nel IV trimestre 2009 nell apprendistato (registrando una variazione tendenziale del -35,7%, -42,9% tra le donne e -28,6% tra gli uomini, e una variazione congiunturale del +12,5%); da 125 (53 e 72) a 73 (27 e 46) e a 78 (32 e 46) nei contratti a tempo determinato (-37,6%, -39,6% tra le donne e -36,1% tra gli uomini, e +6,8% le due variazioni) e da 80 (29 e 51) a 36 (15 e 21) e a 33 (10 e 23) in quelli a tempo indeterminato (-58,8%, -65,5% tra le donne e -54,9% tra gli uomini, e -8,3%). Il peso relativo degli avviamenti suddivisi in base alla tipologia di contratto nel IV trimestre del 2009 è rappresentato nel grafico 2: gli avviamenti a tempo determinato hanno inciso per il 65,0% sul totale, quelli a tempo indeterminato per il 27,5% e i contratti di apprendistato per il 7,5%. Sempre nel IV trimestre del 2009, la distribuzione degli avviamenti in base alla provincia di ubicazione della sede operativa (grafico 3) ha visto Gorizia contare per il 4,2%, Udine per il 25,0%, Pordenone per il 60,8% e Trieste per il 10,0%. Nell arco di tempo considerato, la provincia di Gorizia ha evidenziato una diminuzione del numero di avviamenti: da 31 (2 donne e 29 uomini) nel IV trimestre 2008 a 9 (6 e 3) nel III trimestre 2009 e a 5 (3 e 2) nel IV trimestre A Udine si è registrata una flessione di dimensione maggiore; gli avviamenti sono passati da 117 (53 e 64) a 34 (7 e 27) e a 30 (9 e 21), registrando una perdita del -74,4% su base annua (-83,0% per le donne e -67,2% per gli uomini) mentre a Trieste da 41 (19 e 22) si è passati a 10 (2 e 8) e a 12 (5 e 7), registrando una variazione annua del -70,7% (-73,7% e -68,2% nei due generi). A Pordenone, infine, i casi sono aumentati da 30 (15 e 15) a 64 (27 e 37) e a 73 (29 e 46) nell ultimo trimestre; in questa provincia la variazione, in un anno, è stata del +143,3% (+93,3% quella per le donne e +193,3% quella per gli uomini). Se si considerano gli avviamenti in base all età dei lavoratori al momento dell assunzione (tabella 12) si rileva che, nei tre trimestri esaminati, tra i 15-24enni si è passati dalle 59 alle 19 e alle 25 unità, tra i 25-34enni da 74 a 46 e a 43, tra i 35-44enni da 56 si è scesi prima a 36 e poi a 30, tra i 45-54enni da 18 si è scesi 11 e poi risaliti a 16 e tra i 55-64enni da 10 si è passati a 4 e poi a 6. Gli ultra sessantaquattrenni hanno avuto solamente 2 casi nel IV trimestre 2008, 1 caso nel III trimestre 2009 e 0 casi nel IV trimestre Nel IV trimestre del 2009, la distribuzione percentuale in base all età ha visto la classe più giovane contare per il 20,8%, quella dei 25-34enni per il 35,8%, quella dei 35-44enni per il 25,0%, quella dei 45-54enni per il 13,3% e quella dei 55-64enni per il 5,0% (grafico 4). Dalla distribuzione percentuale in base alla provenienza dei lavoratori (grafico 5) si evince che nello stesso periodo gli Italiani hanno rappresentato l 87,5% (105 casi su su 46 donne e 61 su 74 uomini), gli extracomunitari e i neocomunitari il 5,8% (7-1 donne e 6 uomini i primi e 7, 0 e 7 i secondi) e i comunitari lo 0,8% (1 donna). In termini assoluti (tabella 13), sempre nell intera regione, gli avviamenti di lavoratori italiani sono passati da 202 nel IV trimestre 2008 a 102 nel III trimestre 2009, per arrivare a 105 nel IV trimestre 2009; gli avviamenti di lavoratori comunitari sono stati 0 nel IV trimestre 2008, 4 nel III del 2009 e 1 nel IV trimestre 2009; quelli di neocomunitari sono passati da 7 a 2 e a 7 nei tre trimestri considerati e quelli degli extracomunitari da 10 a 9 e a 7. La riduzione più significativa, confrontando il IV trimestre 2009 con il IV trimestre 2008, si è riscontrata tra gli Italiani (-97 unità, pari al -48,0%). In un anno la variazione, in termini percentuali, è stata dello 0,0% tra i neocomunitari e del -30,0% tra gli extracomunitari (tabella 13). 2.2 Cessazioni L andamento delle cessazioni, suddivise per genere e tipologia di contratto, è descritto nelle tabelle 14 (totale regionale), 15 (Gorizia), 16 (Pordenone), 17 (Trieste) e 18 (Udine). Complessivamente i casi sono 4 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

5 passati da 339 (127 tra le donne e 212 tra gli uomini) nel IV trimestre del 2008 a 261 (69 e 192) nel III trimestre del 2009, e a 397 (113 e 284) nel IV trimestre del 2009, per una variazione percentuale tendenziale del +17,1% e una variazione percentuale congiunturale del +52,1%. Il numero di casi è passato da 24 (12 donne e 12 uomini) a 22 (4 e 18) e a 12 (5 e 7) nell apprendistato, da 152 (58 e 94) a 125 (39 e 86) e a 147 (51 e 96) nei contratti a tempo determinato e da 163 (57 e 106) a 114 (26 e 88) e a 238 (57 e 181) in quelli a tempo indeterminato. Il fenomeno ha evidenziato andamenti differenti nelle quattro province. Nei tre periodi considerati, a Gorizia si è passati dalle 29 (8 donne e 21 uomini) alle 17 (4 e 13) e alle 24 (8 e 16) cessazioni (per una variazione tendenziale del -17,4% e una variazione congiunturale del +41,2%); a Pordenone dalle 95 (45 e 50) alle 121 (36 e 85) e alle 217 (75 e 142) unità (+128,4% e +79,3% le due variazioni); a Trieste dalle 61 (20 e 41) alle 16 (5 e 11) e alle 30 (9 e 21) unità (-50,8% e +87,5%); a Udine, infine, dalle 154 (54 e 100) alle 107 (24 e 83) e alle 126 (21 e 105) unità (-18,2% e +17,8%). La distribuzione percentuale per provincia delle cessazioni registrate del IV trimestre 2009 è illustrata nel grafico 6: si vede che la quota maggiore è quella relativa alla provincia di Pordenone, con il 54,7%, seguita da Udine con il 31,7%, Trieste con il 7,6% e Gorizia con il 6,0%. Le sintesi per fascia di età e per provenienza dei lavoratori sono riportate, a livello regionale, nelle tabelle 19 e 20. Le cessazioni sono passate da 55 a 51 e a 34 tra i 15-24enni, da 122 a 83 e a 103 tra i 25-34enni, da 80 a 68 e a 114 tra i 35-44enni, da 48 a 42 e a 44 tra i 45-54enni, da 32 a 16 e a 94 tra i 55-64enni e da 2 a 1 e a 8 tra gli ultra sessantaquattrenni. Circa la provenienza dei lavoratori, la quota degli Italiani è stata preponderante e ha determinato le variazioni del fenomeno nel suo complesso; in termini assoluti, nei tre periodi, il numero di cessazioni è passato da 318 (118 donne e 200 uomini) a 200 (60 e 140) e a 323 (99 e 224), registrando una variazione del +1,6% su base annua e del +61,5% confrontando l ultimo dato disponibile con quello del trimestre precedente. Tra i neocomunitari ci sono state 9 cessazioni nel IV trimestre 2008, 16 nel III e 10 nel IV del 2009; i comunitari hanno avuto 2 soli casi in ciascuno dei tre trimestri mentre tra gli extracomunitari si sono contati 10 casi nel IV trimestre 2008, 43 nel III trimestre 2009 e 62 nel IV trimestre 2009 (+520,0% e +44,2% le due variazioni percentuali). 2.3 Saldo Come si vede dalla tabella 21, in tutti e tre i trimestri il saldo complessivo tra il flusso degli avviamenti e quello delle cessazioni è stato negativo. Nel periodo ottobre-dicembre del 2008 è stato pari a -120 unità, - 38 tra le donne e -82 tra gli uomini; il saldo è stato pari a -10 nell apprendistato, a -27 per i contratti a tempo determinato e a -83 per quelli a tempo indeterminato. Il saldo è peggiorato ulteriormente nel 2009: nel III trimestre è stato pari a -144 (-27 e -117 nei due generi), -14 (-4 e -10) nell apprendistato, -52 (-12 e - 40) per i contratti a tempo determinato e -78 (-11 e -67) per quelli a tempo indeterminato. Nel IV trimestre del 2009 il saldo è precipitato a -277 (-67 tra le donne e -210 tra gli uomini): per i contratti a tempo determinato è stato pari a -69 (-19 tra le donne e -50 tra gli uomini), per i contratti a tempo indeterminato è stato pari a -205 (-47 e -158) e per l apprendistato pari a -3 (-1 e -2). Le sintesi per fasce d età e per provenienza dei lavoratori sono riportate nelle tabelle 22 e 23. Come si può osservare, nel IV trimestre 2008 il saldo è stato positivo solamente nella fascia dei 15-24enni (+4) e nullo in quella degli ultra sessantaquattrenni, mentre ha registrato un -48 tra i 25-34enni, un -24 tra i 35-44enni, un -30 tra i 45-54enni e un -22 tra i 55-64enni. Nel III e nel IV trimestre 2009 il saldo è stato negativo ovunque; pari a -32, -37, -32, -31, -12 e 0 in ciascuna delle fasce d età considerate, nel III trimestre, e a -9 tra i 15-24enni, -60 tra i 25-34enni, -84 tra i 35-44enni, -28 tra i 45-54enni, -88 tra i 55-64enni e -8 tra gli ultra sessantaquattrenni, nel IV trimestre Nei tre trimestri considerati il saldo è passato da -116 a - 98 e a -218 per i lavoratori italiani, da -2 a +2 e a -1 per i lavoratori comunitari, da -2 a -14 e a -3 per i neocomunitari e da 0 a -34 e a -55 per gli extracomunitari. Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 5

6 3 GLI INDICATORI DI CRISI 3.1 Le Liste di Mobilità In regione il numero totale dei lavoratori posti in mobilità è cresciuto tra il IV trimestre 2008 e il III trimestre 2009, passando da 35 (17 donne e 18 uomini) a 47 (13 e 34) casi, ed è successivamente diminuito, attestandosi sulle 45 unità (16 e 29) nel IV trimestre del Complessivamente quindi c è stata una variazione percentuale del +28,6% su base annua e del -4,3% operando un confronto fra gli ultimi due trimestri. Le posizioni aperte in base alla l. 223/91 sono passate da 11 a 20 e a 19 (+72,7% e -5,0% le due variazioni) mentre quelle aperte in base alla l. 236/93 da 24 sono giunte prima a 17 e poi a 26 ( +8,3% e -3,7%). La tabella 25 illustra gli stessi dati, con la suddivisione per fasce di età. Tra i 15-24enni si è passati da 1, nel IV trimestre 2008, a 2 casi, nel III trimestre 2009, e a 0, nel IV trimestre del 2009; tra i 25-34enni da 10 a 8 e a 6, tra i 35-44enni da 13 a 21 e a 24, tra i 45-54enni da 9 a 14 e a 10 e tra i 55-64enni da 2, sia nel IV trimestre 2008 che nel III trimestre 2009, a 5. Nella tabella 26, infine, si riporta la suddivisione in base alla provenienza dei lavoratori posti in mobilità. Gli Italiani hanno costituito la totalità dei casi per quanto riguarda la tipologia relativa alla l. 223/91, con 11 casi (7 donne e 4 uomini) nel IV trimestre 2008, 20 casi (4 e 16) nel III trimestre 2009 e 19 casi (4 e 15) nel IV trimestre 2009, e la quasi totalità per quanto riguarda la tipologia relativa alla l. 236/93 (23 casi su 24 nel IV trimestre 2008, 25 casi su 27 nel III trimestre 2009 e 26 casi su 26 nel IV trimestre del 2009). Si sono registrati 2 casi, 1 nel IV trimestre 2008 e 1 nel III trimestre 2009, tra gli extracomunitari, 1 solo caso, nel III trimestre 2009, tra i neocomunitari, e nessun caso tra i comunitari. 6 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

7 ALLEGATO STATISTICO Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 7

8 SITUAZIONE DI GRAVE DIFFICOLTÀ OCCUPAZIONALE DEL SETTORE DELL ELETTRONICA 1 : MONITORAGGIO DEL IV TRIMESTRE 2009 Tabella 1: Imprese registrate, attive, iscritte e cessate nella provincia di Gorizia (DL30 Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici, DL31 Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a., DL32 Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni, DL33 Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi); 2008 e registrate attive iscritte cessate registrate attive iscritte cessate DL DL DL DL Totale Fonte: Movimprese Infocamere Tabella 2: Imprese registrate, attive, iscritte e cessate nella provincia di Pordenone (DL30 Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici, DL31 Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a., DL32 Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni, DL33 Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi); 2008 e registrate attive iscritte cessate registrate attive iscritte cessate DL DL DL DL Totale Fonte: Movimprese Infocamere Tabella 3: Imprese registrate, attive, iscritte e cesssate nella provincia di Trieste (DL30 Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici, DL31 Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a., DL32 Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni, DL33 Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi); 2008 e registrate attive iscritte cessate registrate attive iscritte cessate DL DL DL DL Totale Fonte: Movimprese Infocamere Tabella 4: Imprese registrate, attive, iscritte e cessate nella provincia di Udine (DL30 Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici, DL31 Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a., DL32 Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni, DL33 Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi); 2008 e registrate attive iscritte cessate registrate attive iscritte cessate DL DL DL DL Totale Fonte: Movimprese Infocamere 1 Il settore è individuato dalle classi Ateco DL30, DL31, DL32 e DL33 8 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

9 Tabella 5: Imprese registrate, attive, iscritte e cessate in Friuli-Venezia Giulia (DL30 Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici, DL31 Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a., DL32 Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni, DL33 Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi); 2008 e registrate attive iscritte cessate registrate attive iscritte cessate DL DL DL DL Totale Fonte: Movimprese Infocamere Grafico 1: Avviamenti e cessazioni del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre avviamenti cessazioni IV 2008 III 2009 IV 2009 Tabella 6: Avviamenti al lavoro del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 Apprendis tato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 7: Variazioni assolute e percentuali degli avviamenti al lavoro del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 IV trim 2009 su IV trim 2008 IV trim 2009 su III trim 2009 F M Tot. Apprendistato ,9% -28,6% -35,7% ,5% 12,5% Tempo determinato ,6% -36,1% -37,6% ,5% 0,0% 6,8% Tempo indeterminato ,5% -54,9% -58,8% ,3% 9,5% -8,3% Totale ,3% -43,1% -45,2% ,5% -1,3% 2,6% Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 9

10 Tabella 8: Avviamenti al lavoro del settore dell elettronica nella provincia di Gorizia, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 I V trim I II trim IV trim F M Tot. F M To t. F M To t. A p p ren d is ta to Te m p o d e te rm ina to Te m p o in de te rm in ato To tale Tabella 9: Avviamenti al lavoro del settore dell elettronica nella provincia di Pordenone, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 I V trim I II trim IV trim F M Tot. F M To t. F M To t. A p p ren d is ta to Te m p o d e te rm ina to Te m p o in de te rm in ato To tal e Tabella 10: Avviamenti al lavoro del settore dell elettronica nella provincia di Trieste, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 I V trim I II trim IV trim F M Tot. F M To t. F M To t. A p p ren d is ta to Te m p o d e te rm ina to Te m p o in de te rm in ato To tale Tabella 11: Avviamenti al lavoro del settore dell elettronica nella provincia di Udine, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 I V trim I II trim IV trim F M Tot. F M To t. F M To t. A p p ren d is ta to Te m p o d e te rm ina to Te m p o in de te rm in ato To tal e Grafico 2: Distribuzione percentuale in base alla tipologia di contratto degli avviamenti del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia nel IV trimestre ,5% 7,5% Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato 65,0% 10 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

11 Grafico 3: Distribuzione percentuale per provincia degli avviamenti del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia nel IV trimestre ,0% 4,2% 10,0% 60,8% Gorizia Pordenone Trieste Udine Tabella 12: Avviamenti al lavoro del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla fascia d età del lavoratore; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 I V tr im II I t ri m I V tr im F M T o t. F M T o t. F M T o t T o tal e Grafico 4: Distribuzione percentuale in base alla fascia d età del lavoratore degli avviamenti del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia nel IV trimestre ,3% 5,0% 0,0% 20,8% ,0% 35,8% Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 11

12 Tabella 13: Avviamenti al lavoro del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla provenienza del lavoratore; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 IV trim 2008 III trim 2009 IV trim 2009 Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitar i Totale Grafico 5: Distribuzione percentuale in base alla provenienza del lavoratore degli avviamenti del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia nel IV trimestre ,8% 5,8% 0,8% Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari 87,5% Tabella 14: Cessazioni del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 15: Cessazioni del settore dell elettronica nella provincia di Gorizia, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

13 Tabella 16: Cessazioni del settore dell elettronica nella provincia di Pordenone, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 17: Cessazioni del settore dell elettronica nella provincia di Trieste, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 18: Cessazioni del settore dell elettronica nella provincia di Udine, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Grafico 6: Distribuzione percentuale per provincia delle cessazioni del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia nel IV trimestre ,7% 7,6% 6,0% 54,7% Gorizia Pordenone Trieste Udine Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 13

14 Tabella 19: Cessazioni del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia, suddivise in base al genere e alla fascia d età del lavoratore; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 F M To t. F M To t. F M To t To tale Tabella 20: Cessazioni del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia, suddivise in base al genere e alla provenienza del lavoratore; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Tabella 21: Saldo occupazionale del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia, suddiviso in base al genere e alla tipologia di contratto; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 22: Saldo occupazionale del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia, suddiviso in base al genere e alla fascia d età del lavoratore; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

15 Tabella 23: Saldo occupazionale del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia suddiviso in base al genere e alla provenienza del lavoratore; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 F M T ot. F M T ot. F M Tot. Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitar i To tale Tabella 24 - Numero di lavoratori del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia posti in mobilità, suddivisi per genere e tipologia di lista, e variazioni; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 IV trim 2009 su IV trim 2008 IV trim 2009 su III trim 2009 v.a. v.p. v.a. v.p L. 223/ ,7% -1-5,0% L.236/ ,3% -1-3,7% Totale ,6% -2-4,3% Tabella 25 - Numero di lavoratori del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia posti in mobilità, suddivisi per genere, fascia d età e tipologia di lista; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 I V t r im I I I t r im I V t r i m F M T o t. F M T o t. F M T o t. L / T o t a l e L / T o t a l e T o t a l e T o t a l e Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 15

16 Tabella 26 - Numero di lavoratori del settore dell elettronica in Friuli-Venezia Giulia posti in mobilità, suddivisi per genere, provenienza e tipologia di lista; IV trimestre 2008, III trimestre 2009, IV trimestre 2009 I V t r i m I I I t r i m I V tr i m F M T o t. F M T o t. F M T o t. L / 9 1 It a li a n i C o m u n i ta r i N e o c o m u n it a r i E x t r a c o m u n it a r i T o t a l e L /9 3 It a li a n i C o m u n i ta r i N e o c o m u n it a r i E x t r a c o m u n it a r i T o t a l e T o t a l e It a li a n i C o m u n i ta r i N e o c o m u n it a r i E x t r a c o m u n it a r i T o t a l e Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore elettronico 1 trimestre 2009

Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore elettronico 1 trimestre 2009 piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale monitoraggio del settore elettronico 1 trimestre 2009 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 2 1

Dettagli

La presente scheda è stata curata da Giorgio Plazzi, ricercatore dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

La presente scheda è stata curata da Giorgio Plazzi, ricercatore dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale monitoraggio del settore commercio nelle province di Gorizia e Trieste 3 trimestre 2010 editing provvisorio 1 La presente scheda è stata

Dettagli

La presente scheda è stata curata da Giorgio Plazzi, ricercatore dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giuia.

La presente scheda è stata curata da Giorgio Plazzi, ricercatore dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giuia. piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale monitoraggio del settore della gomma-plastica nella provincia di Gorizia 2 trimestre 2010 La presente scheda è stata curata da Giorgio

Dettagli

La presente scheda è stata curata da Giorgio Plazzi, esperto dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giuia.

La presente scheda è stata curata da Giorgio Plazzi, esperto dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giuia. piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale monitoraggio del settore della gomma-plastica nella provincia di Gorizia 4 trimestre 2009 La presente scheda è stata curata da Giorgio

Dettagli

Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore tessile 1 trimestre 2009

Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore tessile 1 trimestre 2009 piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale monitoraggio del settore tessile 1 trimestre 2009 2 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 1 IMPRESE

Dettagli

Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale. Monitoraggio. del settore dell autotrasporto regionale. Primo semestre/ 2012

Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale. Monitoraggio. del settore dell autotrasporto regionale. Primo semestre/ 2012 Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore dell autotrasporto regionale 1 Primo semestre/ 2012 SITUAZIONE DI GRAVE DIFFICOLTÀ OCCUPAZIONALE DEL SETTORE

Dettagli

Occupati e disoccupati in FVG nel 2015

Occupati e disoccupati in FVG nel 2015 15 marzo #lavoro Rassegna stampa TG3 RAI FVG 10mar2016 Messaggero Veneto 11mar2016 Il Piccolo 11mar2016 Il Gazzettino 11mar2016 Occupati e disoccupati in FVG nel 2015 In Friuli Venezia Giulia nell ultimo

Dettagli

LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 2016

LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 2016 LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 216 34 imprese in più nel trimestre estivo, artigianato ancora in sofferenza. Nel 3 trimestre 216 in Liguria si sono iscritte al Registro delle Imprese 1.76 imprese, 42

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 3 trimestre 211 a cura del GRUPPO MULTIREGIONALE DI ANALISI DEL MERCATO DEL LAVORO

Dettagli

Friuli Venezia Giulia

Friuli Venezia Giulia Friuli Venezia Giulia Dopo una contrazione più ampia della media nazionale nel 2012, lo scorso anno il PIL del Friuli Venezia Giulia ha rallentato il ritmo di caduta e ha subito un calo più modesto di

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE I TRIMESTRE 2014

NOTA CONGIUNTURALE I TRIMESTRE 2014 NOTA CONGIUNTURALE I TRIMESTRE 2014 Demografia imprese I dati Movimprese confermano il calo delle imprese anche nel I trimestre 2014 1. Le imprese attive, giunte a quota 15.253, risultano in diminuzione

Dettagli

I PROTESTI DELLA PROVINCIA DI PERUGIA

I PROTESTI DELLA PROVINCIA DI PERUGIA I PROTESTI DELLA PROVINCIA DI PERUGIA IV TRIMESTRE 2009 A cura dell Ufficio Protesti e Prezzi e dell Ufficio Studi e Ricerche Economiche Camera di Commercio di Perugia Indice L andamento dei protesti nella

Dettagli

OCCUPAZIONE E TASSO DI DISOCCUPAZIONE

OCCUPAZIONE E TASSO DI DISOCCUPAZIONE MERCATO DEL LAVORO IN FRIULI VENEZIA GIULIA Le dinamiche del mercato del lavoro e, in particolare, dell occupazione mettono in luce la tendenza all incremento sia nella variazione trimestrale sia in quella

Dettagli

PROFILO MERCATO DEL LAVORO Ambito 1.2 Trieste MERCATO DEL LAVORO... 2

PROFILO MERCATO DEL LAVORO Ambito 1.2 Trieste MERCATO DEL LAVORO... 2 Sommario PROFILO MERCATO DEL LAVORO Ambito 1.2 Trieste MERCATO DEL LAVORO... 2 Tab. 1 Indicatori del mercato del lavoro in Provincia di Trieste e in Regione FVG: anni 2008-2011. Variazione 2010-2011 e

Dettagli

Centro Studi - Ufficio statistica e prezzi La dinamica delle imprese in provincia di Udine Situazione al 30 settembre 2016

Centro Studi - Ufficio statistica e prezzi La dinamica delle imprese in provincia di Udine Situazione al 30 settembre 2016 La dinamica delle imprese in provincia di Udine Situazione al 30 settembre 2016 Via Morpurgo 4-33100 Udine - Tel. +39 0432 273200 273219 - fax +39 0432 509469 - email: statistica@ud.camcom.it Commento

Dettagli

A cura di Federico Bianchi, esperto dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

A cura di Federico Bianchi, esperto dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. GLI INCENTIVI ALL ASSUNZIONE DI LAVORATORI DISOCCUPATI AD ELEVATA QUALIFICAZIONE O DA IMPIEGARE IN ATTIVITÀ DI RICERCA Rapporto dii moniitoraggiio 1 semestre 2010 A cura di Federico Bianchi, esperto dell

Dettagli

OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO

OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO CENTRO STUDI CNA OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEI MESI ESTIVI TIENE L OCCUPAZIONE NELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE A fine agosto il numero di posti di lavoro si conferma sugli stessi livelli di maggio.

Dettagli

GLI INDICATORI DI CRISI IN FRIULI VENEZIA GIULIA CIG: DATI INPS E ERGONET ANNO 2009

GLI INDICATORI DI CRISI IN FRIULI VENEZIA GIULIA CIG: DATI INPS E ERGONET ANNO 2009 GLI INDICATORI DI CRISI IN FRIULI VENEZIA GIULIA CIG: DATI INPS E ERGONET ANNO 2009 gennaio giugno 2009 La presente scheda è stata curata da Roberta Molaro, esperta dell Agenzia regionale del lavoro della

Dettagli

Settore manifatturiero regionale. Dati aggiornati e previsioni

Settore manifatturiero regionale. Dati aggiornati e previsioni Al servizio di gente unica Settore manifatturiero regionale Dati aggiornati e previsioni Direzione Generale Le imprese manifatturiere Il 10,3% delle imprese attive è manifatturiero per un totale di 9.649

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 3 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Dicembre 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Marzo 2016 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 3 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO novembre 2013 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

GLI INDICATORI DI CRISI IN FRIULI VENEZIA GIULIA CIG: DATI INPS E ERGONET MARZO 2010

GLI INDICATORI DI CRISI IN FRIULI VENEZIA GIULIA CIG: DATI INPS E ERGONET MARZO 2010 GLI INDICATORI DI CRISI IN FRIULI VENEZIA GIULIA CIG: DATI INPS E ERGONET MARZO 2010 maggio 2010 La presente scheda è stata curata da Roberta Molaro, esperta dell Agenzia regionale del lavoro della Regione

Dettagli

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa. Centro Studi CNA LAVORO. OSSERVATORIO LAVORO Luglio-Agosto 2017

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa. Centro Studi CNA LAVORO. OSSERVATORIO LAVORO Luglio-Agosto 2017 LAVORO Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Centro Studi CNA OSSERVATORIO LAVORO Luglio-Agosto 2017 27 SETTEMBRE 2017 NEI MESI ESTIVI TIENE L OCCUPAZIONE NELLE MICRO

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 216 Saldi positivi per giovani e stranieri, in calo le donne Nel 216 il saldo tra iscrizioni e cessazioni di imprese giovanili

Dettagli

A cura di Federico Bianchi, esperto dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

A cura di Federico Bianchi, esperto dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. GLI INCENTIVI ALL ASSUNZIONE DI LAVORATORI DISOCCUPATI AD ELEVATA QUALIFICAZIONE O DA IMPIEGARE IN ATTIVITÀ DI RICERCA Rapporto dii moniitoraggiio 2 semestre 2009 A cura di Federico Bianchi, esperto dell

Dettagli

DATI OCCUPAZIONALI. a cura di Anna Capucetti DIC 2009

DATI OCCUPAZIONALI. a cura di Anna Capucetti DIC 2009 DATI OCCUPAZIONALI a cura di Anna Capucetti CASSA INTEGRAZIONE - N. ORE AUTORIZZATE FONTE: INPS NOV DIC GEN FEB ORDINARIA 288.409 358.745 152.127 221.742 STRAORDINARIA 419.001 595.378 589.964 293.987 TOTALE

Dettagli

DATI OCCUPAZIONALI - MESI DI GIUGNO E LUGLIO a cura di Marco Fotino

DATI OCCUPAZIONALI - MESI DI GIUGNO E LUGLIO a cura di Marco Fotino DATI OCCUPAZIONALI - MESI DI GIUGNO E LUGLIO 2015 a cura di Marco Fotino In questo articolo si illustrano e si analizzano i dati occupazionali provinciali relativi ai mesi di giugno e luglio 2015. I dati

Dettagli

Le lancette dell economia bolognese. Il lavoro

Le lancette dell economia bolognese. Il lavoro Le lancette dell economia bolognese Il lavoro Marzo 2014 2 L occupazione in Emilia-Romagna e in provincia di Bologna dal 2008 al 2013 600 Occupati in provincia di Bologna 2.500 Occupati in Emilia-Romagna

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 2 trimestre 2015 e previsioni 3 trimestre 2015

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 2 trimestre 2015 e previsioni 3 trimestre 2015 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 2 trimestre 2015 e previsioni 3 trimestre 2015 San Floriano del Collio (Gorizia), 14 settembre 2015 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39

Dettagli

OCCUPAZIONE Disaggregazione attività economiche e tasso di occupazione

OCCUPAZIONE Disaggregazione attività economiche e tasso di occupazione MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI UDINE L occupazione In provincia di Udine l occupazione sta riprendendosi dopo la caduta del 215 in cui gli occupati sono calati di 3.714 unità, da 216.346 del 214 a

Dettagli

Si prevede infine una diminuzione della produttività del lavoro, pari al 2,9%, passando da 56,8 a 55,2 migliaia euro nel periodo considerato.

Si prevede infine una diminuzione della produttività del lavoro, pari al 2,9%, passando da 56,8 a 55,2 migliaia euro nel periodo considerato. C. 26 Attività Manifatturiere: fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e di orologi i La Tabella 1 illustra le previsioni concernenti,

Dettagli

Elaborazione flash. Alcuni dati sul Settore della Meccanica in Lombardia FOCUS PROVINCIA DI VARESE

Elaborazione flash. Alcuni dati sul Settore della Meccanica in Lombardia FOCUS PROVINCIA DI VARESE Elaborazione flash Osservatorio MPI Confartigianato Lombardia 29/06/2016 Alcuni dati sul Settore della Meccanica in Lombardia FOCUS PROVINCIA DI VARESE HIGHLIGHTS SETTORE MECCANICA DEL TERRITORIO DI VARESE

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA -2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Contesto economico produttivo Ambito

Dettagli

Imprese. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2015

Imprese. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2015 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 1 marzo 2016 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2015 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Report del Mercato del Lavoro in provincia di Brescia Anno2014

Report del Mercato del Lavoro in provincia di Brescia Anno2014 PROVINCIA DI BRESCIA AREA LAVORO E POLITICHE ECONOMICHE Settore Lavoro e Formazione Professionale Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Brescia Report del Mercato del Lavoro in provincia

Dettagli

ESPORTAZIONI NEL VERBANO CUSIO OSSOLA: LE VENDITE ALL'ESTERO DIMINUISCONO DEL 34% NEL 2009

ESPORTAZIONI NEL VERBANO CUSIO OSSOLA: LE VENDITE ALL'ESTERO DIMINUISCONO DEL 34% NEL 2009 1 ESPORTAZIONI NEL VERBANO CUSIO OSSOLA: LE VENDITE ALL'ESTERO DIMINUISCONO DEL 34% NEL 2009 Premessa In questo rapporto si intende esaminare la dinamica del commercio estero nella provincia del Verbano

Dettagli

Rilevazione sulle forze di lavoro 3 trimestre 2015

Rilevazione sulle forze di lavoro 3 trimestre 2015 Trento, 11 dicembre 2015 Rilevazione sulle forze di lavoro 3 trimestre 2015 L Istat ha diffuso oggi i dati sull occupazione e sulla disoccupazione relativi al 3 trimestre 2015 (da luglio a settembre 2015).

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 2 trimestre 211 a cura del GRUPPO MULTIREGIONALE DI ANALISI DEL MERCATO DEL LAVORO

Dettagli

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente)

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente) Le esportazioni delle regioni italiane estre 3 13/6/3 CONGIUNTURA TERRITORIALE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE I Trimestre 3 Giugno 3 La dinamica delle esportazioni in valore nel estre 3 registra un

Dettagli

Mobile e legno Sintesi di dati e informazioni economiche sul settore produttivo nelle Marche

Mobile e legno Sintesi di dati e informazioni economiche sul settore produttivo nelle Marche Mobile e legno Sintesi di dati e informazioni economiche sul settore produttivo nelle Marche Maggio 2015 Dati dimensionali: Imprese, Produzione, Occupati.. pag. 2 Esportazioni: Ammontare, andamento, principali

Dettagli

Provincia di Bergamo. Il mercato del lavoro in provincia di Bergamo attraverso analisi Comunicazioni obbligatorie

Provincia di Bergamo. Il mercato del lavoro in provincia di Bergamo attraverso analisi Comunicazioni obbligatorie Provincia di Bergamo SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E SICUREZZA LAVORO Il mercato del lavoro in provincia di Bergamo attraverso analisi Comunicazioni obbligatorie Fonte dati: COB Sintesi - PROVINCIA

Dettagli

DATI OCCUPAZIONALI. a cura di Anna Capucetti

DATI OCCUPAZIONALI. a cura di Anna Capucetti DATI OCCUPAZIONALI a cura di Anna Capucetti Si ricorda ai lettori che da marzo 2010 l INPS ha effettuato la rilettura degli archivi statistici e nella rilettura della CIG, quella straordinaria, viene proposta

Dettagli

Rilevazione sulle forze di lavoro 4 trimestre 2014 e anno 2014

Rilevazione sulle forze di lavoro 4 trimestre 2014 e anno 2014 Trento, 2 marzo 2015 Rilevazione sulle forze di lavoro 4 trimestre 2014 e anno 2014 L Istat ha diffuso oggi i dati sull occupazione e sulla disoccupazione relativi al 4 trimestre 2014 (da ottobre a dicembre

Dettagli

DATI OCCUPAZIONALI. a cura di Anna Capucetti

DATI OCCUPAZIONALI. a cura di Anna Capucetti DATI OCCUPAZIONALI a cura di Anna Capucetti Si ricorda ai lettori che da marzo 2010 l INPS ha effettuato la rilettura degli archivi statistici e nella rilettura della CIG, quella straordinaria, viene proposta

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA -2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Contesto economico produttivo Ambito

Dettagli

Stato e prospettive dell agricoltura pugliese

Stato e prospettive dell agricoltura pugliese Stato e prospettive dell agricoltura pugliese Aumenta, in Puglia, il numero degli operai agricoli dipendenti. Sono 185.820 contro i 181.443 del 2014. L incremento è di 4.377 lavoratori in più, pari ad

Dettagli

Il commercio al dettaglio in provincia di Brescia

Il commercio al dettaglio in provincia di Brescia Il commercio al dettaglio in provincia di Brescia In collaborazione con Ascom Confcommercio Brescia e Confesercenti della Lombardia orientale. Rapporto elaborato a cura dell Ufficio Studi e Statistica

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 3 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Novembre 2014 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

Osservatorio Nazionale Nota trimestrale novembre 2008

Osservatorio Nazionale Nota trimestrale novembre 2008 Nota trimestrale novembre 2008 Il lavoro in somministrazione nel terzo trimestre 2008: analisi dei dati degli archivi INAIL e INPS. Occupati, giornate retribuite e missioni avviate nel terzo trimestre

Dettagli

il comparto dell Edilizia, Costruzioni e Impianti nell economia della provincia di Udine

il comparto dell Edilizia, Costruzioni e Impianti nell economia della provincia di Udine il comparto dell Edilizia, Costruzioni e Impianti nell economia della provincia di Udine giugno 2016 Via Morpurgo 4-33100 Udine - tel. +39 0432 273 200 / 219 - fax +39 0432 509469 - statistica@ud.camcom.it

Dettagli

Contratti aziendali per 2 lavoratori su 3 nell industria, oltre 1 su 2 nei servizi. Assenteismo al 6,5%.

Contratti aziendali per 2 lavoratori su 3 nell industria, oltre 1 su 2 nei servizi. Assenteismo al 6,5%. 15-12-2014 NOTA DAL CSC Indagine Confindustria sul lavoro nel 2013 Contratti aziendali per 2 lavoratori su 3 nell industria, oltre 1 su 2 nei servizi. Assenteismo al 6,5%. Giovanna Labartino e Francesca

Dettagli

C. 28 Attività Manifatturiere: fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca i

C. 28 Attività Manifatturiere: fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca i C. 28 Attività Manifatturiere: fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca i La Tabella 1 illustra le previsioni concernenti, il quadro economico e del mercato del lavoro con riferimento al settore

Dettagli

» Osservatorio sulla popolazione residente nella provincia di TRIESTE. Presentazione generale dei dati

» Osservatorio sulla popolazione residente nella provincia di TRIESTE. Presentazione generale dei dati » Osservatorio sulla popolazione residente nella provincia di TRIESTE Presentazione generale dei dati Alla luce dei dati demografici inerenti la provincia di Trieste aggiornati al 31 dicembre 2008 la popolazione

Dettagli

INTERVENTI DI MOBILITà in deroga

INTERVENTI DI MOBILITà in deroga ottobre 2011 INTERVENTI DI MOBILITà in deroga rapporto di monitoraggio 1 Primo trimestre/ 2011 RAPPORTO DI MONITORAGGIO DEGLI INTERVENTI DI MOBILITÀ IN DEROGA IN FRIULI VENEZIA GIULIA I trimestre 2011

Dettagli

GLI INTERVENTI DI CASSA IN FRIULI VENEZIA GIULIA CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA: ANALISI DELLE DOMANDE ANNO 2009

GLI INTERVENTI DI CASSA IN FRIULI VENEZIA GIULIA CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA: ANALISI DELLE DOMANDE ANNO 2009 GLI INTERVENTI DI CASSA IN FRIULI VENEZIA GIULIA CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA: ANALISI DELLE DOMANDE ANNO 2009 1 aprile - 15 ottobre 2009 La presente scheda è stata curata da Evita De Candido, esperto

Dettagli

LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE GIOVANILE

LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE GIOVANILE LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE GIOVANILE Un primo passo verso l autonomia: conoscere il mercato del lavoro e le opportunità occupazionali Tra le principali finalità perseguite dalla Regione Friuli Venezia

Dettagli

Nota di commento ai dati sul movimento anagrafico delle imprese. al

Nota di commento ai dati sul movimento anagrafico delle imprese. al Nota di commento ai dati sul movimento anagrafico delle imprese al 31.12.2016 Fonte: Infocamere - Movimprese Movimprese è l'analisi statistica trimestrale della nati-mortalità delle imprese condotta da

Dettagli

FOCUS TRIMESTRALE SUL DISTRETTO DI GUIDIZZOLO. (a cura di Marco Fotino)

FOCUS TRIMESTRALE SUL DISTRETTO DI GUIDIZZOLO. (a cura di Marco Fotino) FOCUS TRIMESTRALE SUL DISTRETTO DI GUIDIZZOLO (a cura di Marco Fotino) Si richiede a chi utilizza i dati pubblicati di citare sempre la fonte: "Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Mantova"

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 211 a cura del GRUPPO MULTIREGIONALE DI ANALISI DEL MERCATO DEL LAVORO

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO STANDARD MULTIREGIONALE DI DATI AMMINISTRATIVI I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 211 a cura di Provincia autonoma di Bolzano: Osservatorio Mercato del

Dettagli

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IN PROVINCIA DI BRINDISI I TRIMESTRE 2011

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IN PROVINCIA DI BRINDISI I TRIMESTRE 2011 IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IN PROVINCIA DI BRINDISI I TRIMESTRE 2011 LA DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE I dati relativi al primo trimestre 2011, indicano, per quanto riguarda le sedi di impresa nella provincia

Dettagli

IL LAVORO DEI CITTADINI STRANIERI

IL LAVORO DEI CITTADINI STRANIERI IL LAVORO DEI CITTADINI STRANIERI Roma e provincia nel 2014 Indice I numeri più significativi... 2 Le conseguenze della Crisi economica... 3 Il contesto nazionale... 3 I numeri di Roma: la condizione occupazionale...

Dettagli

Newsletter ARIFL - IO LAVORO

Newsletter ARIFL - IO LAVORO Newsletter ARIFL - IO LAVORO Numero 6 Settimana 11 Dicembre - 17 Dicembre 2009 I dati Istat sull occupazione: occupati a -1,5% (-65mila) cresce il numero di persone in cerca di occupazione +4% (+9mila)

Dettagli

Osservatorio Mercato del Lavoro CNA

Osservatorio Mercato del Lavoro CNA Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Sede Nazionale Sede di Bruxelles 00162 Roma Piazza Mariano Armellini, 9/A Rue Joseph II, 36-38 Tel. 06441881-44188241 Tel. 0032

Dettagli

Provincia di Prato - Asel

Provincia di Prato - Asel Provincia di Prato - Asel Analisi dei Flussi di Avviamenti e Cessazioni di Rapporti di lavoro nella Provincia di Prato per il primo SEMESTRE del 2012 16 ottobre 2012 Introduzione Visto il crescente peso

Dettagli

Popolazione, offerta di lavoro, valore aggiunto, consumi e demografia delle imprese a L Aquila

Popolazione, offerta di lavoro, valore aggiunto, consumi e demografia delle imprese a L Aquila Popolazione, offerta di lavoro, valore aggiunto, consumi e demografia delle imprese a L Aquila Aprile 2016 UFFICIO STUDI 1 1. La popolazione residente nella regione Abruzzo attualmente supera 1,3 milioni

Dettagli

Lavoro occasionale Di tipo accessorio

Lavoro occasionale Di tipo accessorio Lavoro occasionale Di tipo accessorio terzo TRIMESTRE/ 211 aprile 212 Il Report è stato realizzato da Giorgio Plazzi e Chiara Cristini, ricercatori dell Agenzia regionale del lavoro. Si ringrazia Mauro

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 1 Lavoratori atipici e mercato del lavoro

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 1 Lavoratori atipici e mercato del lavoro Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 1 Lavoratori atipici e mercato del lavoro Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite

Dettagli

imprese del terziario di pordenone dicembre 2012

imprese del terziario di pordenone dicembre 2012 imprese del terziario di pordenone dicembre 2012 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese del terziario della provincia di pordenone rapporto di ricerca - quarto trimestre 2012, 21 febbraio 2013

Dettagli

FOCUS Luglio Dinamica del mercato del lavoro dipendente e parasubordinato, sulla base delle comunicazioni obbligatorie.

FOCUS Luglio Dinamica del mercato del lavoro dipendente e parasubordinato, sulla base delle comunicazioni obbligatorie. trimestre, pertanto il dato a livello nazionale può non corrispondere alla somma dei lavoratori di ciascuna regione. Fonte dei dati. Ministero del Lavoro. SISCO (Sistema Informativo Statistico Comunicazioni

Dettagli

Le dinamiche del settore commerciale in provincia di Firenze

Le dinamiche del settore commerciale in provincia di Firenze Le dinamiche del settore commerciale in provincia di Firenze Gerri Martinuzzi Area Sviluppo delle Imprese e del Mercato Servizio Statistica e Studi L andamento dell indice del valore delle vendite al dettaglio

Dettagli

Il lavoro a Milano Milano locomotiva d Italia

Il lavoro a Milano Milano locomotiva d Italia Il lavoro a Milano Milano locomotiva d Italia 2006-2015 Andrea Fioni Gruppo tecnico Assolombarda, Cgil, Cisl e Uil 19 aprile 2016 1 I contenuti Le fonti... e il focus territoriale 2 Gli indicatori Indicatori

Dettagli

Laboratorio di ricerca Attiva del Lavoro. MODULO 1 Il mercato del lavoro in Molise

Laboratorio di ricerca Attiva del Lavoro. MODULO 1 Il mercato del lavoro in Molise Laboratorio di ricerca Attiva del Lavoro MODULO 1 Il mercato del lavoro in Molise Nel 2014 il mercato del lavoro molisano ha mostrato segnali di miglioramento, (Rilevazione sulle forze di lavoro dell Istat)

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 1 trimestre 2016 e previsioni 2 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 1 trimestre 2016 e previsioni 2 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 1 trimestre 2016 e previsioni 2 trimestre 2016 Pordenone, 26 maggio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

Pordenonepo pordenonepo. pordenonepo. Pordenone pordenonepo pordenonepo pordenonepo pordenonepo pordenonepo. pordenonepo. il mercato del lavoro nella

Pordenonepo pordenonepo. pordenonepo. Pordenone pordenonepo pordenonepo pordenonepo pordenonepo pordenonepo. pordenonepo. il mercato del lavoro nella Pordenonepo pordenonepo il mercato del lavoro nella pordenonepo provincia di pordenonepo Pordenone pordenonepo pordenonepo pordenonepo pordenonepo pordenonepo 1 trimestre 2016 Pubblicazione a cura del

Dettagli

Il settore tessile moda nell Alto Milanese e nell Area 236

Il settore tessile moda nell Alto Milanese e nell Area 236 PROGRAMMA DI SVILUPPO 236/93 Il settore tessile moda nell Alto Milanese e nell Area 236 Andrea Oldrini FONDO PER LO SVILUPPO Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Programma di sviluppo

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO LOCALE Giugno 2012 a cura del Settore Formazione, Lavoro e Istruzione della Provincia di Ravenna

IL MERCATO DEL LAVORO LOCALE Giugno 2012 a cura del Settore Formazione, Lavoro e Istruzione della Provincia di Ravenna SERVIZI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA IL MERCATO DEL LAVORO LOCALE Giugno 2012 a cura del Settore Formazione, Lavoro e Istruzione della Provincia di Ravenna 1. L occupazione 1 nei comparti privati

Dettagli

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere 2 TRIMESTRE 215: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere Nel secondo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili, femminili e straniere ( * ) risultano

Dettagli

2. CENTRO PER L IMPIEGO DI BOLOGNA. Comune di riferimento: Bologna

2. CENTRO PER L IMPIEGO DI BOLOGNA. Comune di riferimento: Bologna 2. CENTRO PER L IMPIEGO DI BOLOGNA Comune di riferimento: Bologna Le persone in cerca di lavoro 1 al 31/12/2008 sono 19.953 (il 42,6% del totale provinciale) di cui 10.490 donne (52,6%) e 9.463 uomini

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI PISA E L ATTIVITÁ DEI CENTRI PER L IMPIEGO

IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI PISA E L ATTIVITÁ DEI CENTRI PER L IMPIEGO IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI PISA E L ATTIVITÁ DEI CENTRI PER L IMPIEGO NEWSLETTER N.1 APRILE 2012 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI PISA E L ATTIVITÀ DEI CENTRI PER L IMPIEGO 1. Introduzione

Dettagli

Recenti linee di tendenza del mercato del lavoro regionale

Recenti linee di tendenza del mercato del lavoro regionale Udine, 16 dicembre 2014 Recenti linee di tendenza del mercato del lavoro regionale Marco Cantalupi Servizio osservatorio mercato del lavoro Quale esito della recessione, gli output gap sono per alcuni

Dettagli

ARSEL Liguria. Agenzia Regionale per i Servizi Educativi e per il Lavoro. Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*)

ARSEL Liguria. Agenzia Regionale per i Servizi Educativi e per il Lavoro. Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) ARSEL Liguria Agenzia Regionale per i Servizi Educativi e per il Lavoro Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (1 trimestre 2014) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Aprile 2014 (*) I

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE DELL'ECONOMIA DELLA SICILIA

INDAGINE CONGIUNTURALE DELL'ECONOMIA DELLA SICILIA INDAGINE CONGIUNTURALE DELL'ECONOMIA DELLA SICILIA Indagine congiunturale REGIONE SICILIA INDUSTRIA MANIFATTURIERA Tavole statistiche Imprese fino a 9 dipendenti Imprese da 10 a 49 dipendenti Imprese oltre

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016 NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016 Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41121 Modena Tel. 059 208806 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

ANALISI CONGIUNTURALE TRIMESTRALE L ANDAMENTO ECONOMICO DELL INDUSTRIA IN BRIANZA II TRIMESTRE 2008

ANALISI CONGIUNTURALE TRIMESTRALE L ANDAMENTO ECONOMICO DELL INDUSTRIA IN BRIANZA II TRIMESTRE 2008 ANALISI CONGIUNTURALE TRIMESTRALE L ANDAMENTO ECONOMICO DELL INDUSTRIA IN BRIANZA II TRIMESTRE 2008 A partire dal primo trimestre 2008, l analisi congiunturale dell industria manifatturiera della Brianza

Dettagli

IL SENTIMENT DELLE IMPRESE E DEI CONSUMATORI A ROMA SULLA SITUAZIONE ECONOMICA

IL SENTIMENT DELLE IMPRESE E DEI CONSUMATORI A ROMA SULLA SITUAZIONE ECONOMICA IL QUADRO CONGIUNTURALE DELL ECONOMIA ROMANA IV TRIMESTRE 2010 SINTESI IL SENTIMENT DELLE IMPRESE E DEI CONSUMATORI A ROMA SULLA SITUAZIONE ECONOMICA RISULTATI GENERALI Nel quarto trimestre 2010 l attività

Dettagli

Le imprese delle donne: l economia al femminile in provincia di Chieti

Le imprese delle donne: l economia al femminile in provincia di Chieti Le imprese delle donne: l economia al femminile in provincia di Chieti Presentazione a cura di Paola Sabella - Presidente Comitato provinciale per la promozione dell imprenditorialità femminile Il Comitato

Dettagli

TAB. 11 PRODUZIONE DI METALLI E LORO LEGHE

TAB. 11 PRODUZIONE DI METALLI E LORO LEGHE 4.3) Le principali attività dei comparti metalmeccanici Nell ambito del comparto relativo alla Produzione di metalli e loro leghe (27) l attività connessa alla produzione di ferro acciaio e di ferroleghe

Dettagli

notecongiunturali congiuntura industriale Unioncamere Veneto Flash I trimestre 2005

notecongiunturali congiuntura industriale Unioncamere Veneto Flash I trimestre 2005 Unioncamere Flash notecongiunturali Unioncamere Flash Anno XVIII n. 22 maggio 2005 Pubblicazione periodica settimanale dell Unione Regionale delle Camere di Commercio del Autorizzazione del Tribunale di

Dettagli

Pistoia, 6 giugno 2012

Pistoia, 6 giugno 2012 SERVIZIO POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, SERVIZI PER L'IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, OSSERVATORIO SOCIALE, POLITICHE SOCIALI E PER LA GIOVENTÙ, POLITICHE PER LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO La situazione

Dettagli

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (Media 2015)

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (Media 2015) Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (Media 2015) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Febbraio 2016 (*) I dati e le informazioni contenute nelle Note di sintesi costituiscono un contributo

Dettagli

L incidentalità sulle strade della provincia di Monza e della Brianza

L incidentalità sulle strade della provincia di Monza e della Brianza I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Monza e della Brianza Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità

Dettagli

Rilevazione sulle forze di lavoro 3 trimestre 2016

Rilevazione sulle forze di lavoro 3 trimestre 2016 Trento, 7 dicembre 06 Rilevazione sulle forze di lavoro trimestre 06 L Istat ha diffuso oggi i dati sull occupazione e sulla disoccupazione relativi al terzo trimestre 06 (da luglio a settembre 06). La

Dettagli

Un segmento del mercato del lavoro: le assunzioni in provincia di Ravenna - Anno 2009

Un segmento del mercato del lavoro: le assunzioni in provincia di Ravenna - Anno 2009 Un segmento del mercato del lavoro: le assunzioni in provincia di Ravenna - Anno 2009 Nel territorio provinciale nel corso del 2009 sono state registrate 97.659 assunzioni 1 (da tener presente che ogni

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN PIEMONTE: ALCUNI DATI SULLA CRISI

IL MERCATO DEL LAVORO IN PIEMONTE: ALCUNI DATI SULLA CRISI IL MERCATO DEL LAVORO IN PIEMONTE: ALCUNI DATI SULLA CRISI Sommario 1. Gli avviamenti al lavoro...5 2. Le cessazioni dei rapporti di lavoro... 13 3. Le trasformazioni dei rapporti di lavoro... 19 4. La

Dettagli

CASSA INTEGRAZIONE METALMECCANICI GENNAIO 2010 E CONFRONTO TRA VOLUMI TOTALI 2009 E 2008

CASSA INTEGRAZIONE METALMECCANICI GENNAIO 2010 E CONFRONTO TRA VOLUMI TOTALI 2009 E 2008 Federazione Impiegati Operai Metallurgici nazionale corso Trieste, 36-00198 Roma - tel. +39 06 852621 - fax +39 06 85303079 www.fiom.cgil.it - e-mail: protocollo@fiom.cgil.it UFFICIO SINDACALE CASSA INTEGRAZIONE

Dettagli

Osservatorio & Ricerca

Osservatorio & Ricerca Osservatorio & Ricerca IL MERCATO DEL LAVORO VENETO NEL PRIMO TRIMESTRE 2017 Sintesi Grafica Maggio 2017 IL MERCATO DEL LAVORO VENETO NEL PRIMO TRIMESTRE 2017 LE PREVISIONI Se per i Paesi dell area euro

Dettagli

Terziario: commercio, turismo e servizi Il mercato del lavoro in Veneto 2008-2102

Terziario: commercio, turismo e servizi Il mercato del lavoro in Veneto 2008-2102 Terziario: commercio, turismo e servizi Il mercato del lavoro in Veneto 2008-2102 Report - marzo 2013 IX Congresso Fisascat Cisl Veneto Il valore fatto dalle persone Dolo(Venezia) 9-10 aprile 2013 - 2

Dettagli

Sezione 2 Tendenze del mercato del lavoro a livello provinciale CREMONA Dicembre 2014

Sezione 2 Tendenze del mercato del lavoro a livello provinciale CREMONA Dicembre 2014 Sezione 2 Tendenze del mercato del lavoro a livello provinciale CREMONA Dicembre 214 I dati relativi al III trimestre 214 mostrano qualche segnale di miglioramento nel mercato del lavoro della provincia

Dettagli