Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore elettronico 1 trimestre 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore elettronico 1 trimestre 2009"

Transcript

1 piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale monitoraggio del settore elettronico 1 trimestre 2009

2 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 2

3 1 IMPRESE ATTIVE Il numero di imprese attive in Friuli-Venezia Giulia per l intero settore elettronico (DL30 Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici, DL31 Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a., DL32 Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni, DL33 Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi) ha avuto una flessione di 8 unità nel corso del 2008 (tabelle 1-5) passando dalle nel I trimestre del 2008 alle unità nel I trimestre 2009 e registrando un calo percentuale del -0,6%. La situazione più delicata è stata registrata nelle province di Trieste (-1,6%) e di Pordenone (-1,1%), che hanno perso 4 imprese ciascuna; Gorizia ne ha perse 2 (-1,6%) mentre Udine ne ha acquisite 2, che in termini percentuali ha significato un aumento del +0,4%. Nell arco di un anno si sono registrate differenze dell andamento sia a livello provinciale sia a livello di singoli settori dell elettronica. Nella provincia di Trieste il settore che ha risentito maggiormente della crisi è stato quello della fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici, con una perdita di 4 unità (- 16,7%), a Gorizia, invece, è stato quello della fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi, con un calo di 3 unità (-4,2%). A Pordenone sono stati due i settori in diminuzione: quello della fabbricazione di macchine e apparecchi elettrici non classificati altrove, che ha perso 3 unità (-2,0% la variazione tendenziale), e quello della fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni, che di unità ne ha perse 2 ( 5,6%). Udine ha evidenziato sostanzialmente una tenuta nel periodo, perdendo un unica unità nel settore della fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi. Sempre tra il I trimestre del 2008 e il I trimestre del 2009, Trieste ha tenuto nel settore della fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi, che è cresciuto di 2 unità (+1,3%), Pordenone (+4,2%) e Udine (e +2,5%) hanno acquisito 1 unità ciascuna nel campo della fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici mentre Gorizia (+1, per una variazione percentuale del +7,7%) e Udine (+2, per una variazione percentuale del +5,1%) hanno visto aumentare il numero delle unità produttive nel settore della fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni. Se si confrontano i dati dell ultimo trimestre considerato con quelli del IV trimestre dell anno scorso, a livello regionale, si osserva che si sono avuti incrementi nel settore della fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici (+5, per una variazione percentuale del +5,8%) e in quello della fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi (+3, per una variazione percentuale del +0,4%) mentre i settori della fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a. (-4, -1,1%) e della fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni (-4, -3,4%) hanno subito un ulteriore flessione. 2 I DATI OCCUPAZIONALI Il grafico 1 rappresenta i movimenti occupazionali (avviamenti e cessazioni) dell intero settore dell elettronica in Friuli Venezia Giulia. Il saldo positivo di +126 unità (494 cessazioni a fronte di 620 assunzioni) registrato nel I trimestre 2008 è stata completamente sovvertito nel IV trimestre, toccando quota 333 (800 cessazioni contro 467 assunzioni). Nel I trimestre del 2009 c è stata una leggera ripresa, con il saldo che è tornato positivo (+86 unità, con 437 avviamenti e 351 cessazioni), sebbene il flusso degli avviamenti abbia continuato a calare. Si passa ora ad analizzare la situazione dettagliata per gli avviamenti, le cessazioni e i relativi saldi occupazionali. Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 3

4 2.1 Avviamenti Nell intera regione, il numero di avviamenti è sceso da 620 nel I trimestre 2008 a 467 nel IV trimestre 2008 per arrivare a 437 nel I trimestre 2009 (tabelle 6 e 7), registrando una variazione tendenziale del -29,5% e una variazione congiunturale del 6,4%. La riduzione è stata più drastica tra le donne, dove il numero di avviamenti è passato, nei tre periodi considerati, rispettivamente, da 263 a 170 e a 138, pari al 47,5% su base annua e al 18,8% raffrontando il dato del I trimestre 2009 con quello del IV trimestre 2008; tra gli uomini il numero di avviamenti è passato da 357 a 297 e a 299 (-16,2% e +0,7%). Operando una distinzione in base alla tipologia di contratto si osserva che gli avviamenti sono passati da 29 (15 donne e 14 uomini) nel I trimestre 2008 a 22 (9 e 13) nel IV trimestre 2008 e a 19 (3 e 16) nel I trimestre 2009 per l apprendistato, registrando una variazione tendenziale del -34,5% e una variazione congiunturale del 13,6%; da 379 (164 e 215) a 370 (135 e 235) e a 341 (119 e 222) per i contratti a termine (-10,0% e -7,8% le due variazioni) e da 212 (84 e 128) a 75 (26 e 49) e a 77 (16 e 71) per quelli a tempo indeterminato (-63,7% e +2,7%). Il peso relativo degli avviamenti per tipologia di contratto nel I trimestre del 2009 è rappresentato nel grafico 2: gli avviamenti a tempo determinato hanno inciso per il 78,0% sul totale, quelli a tempo indeterminato il 17,6% e i contratti di apprendistato il 4,3%. Sempre nel I trimestre del 2009, la distribuzione degli avviamenti in base alla provincia di ubicazione della sede operativa (grafico 3) ha visto Gorizia contare per il 34,1%, Udine per il 27,0%, Pordenone il 21,7% e Trieste il 17,2%. Nell arco di tempo considerato, solo la provincia di Gorizia ha evidenziato un incremento del numero di avviamenti: da 100 (28 donne e 72 uomini) nel I trimestre 2008 a 148 (43 e 105) nel IV trimestre 2008 e a 149 (45 e 104) nel I trimestre A Udine gli avviamenti sono passati da 242 (101 e 141) a 146 (61 e 85) e a 118 (38 e 80), registrando una perdita del -51,3% su base annua (-62,4% per le donne e -43,3% per gli uomini); a Trieste da 110 (47 e 63), si è passati a 108 (41 e 67) per arrivare a 75 (26 e 49), registrando una variazione annua del -31,8% (-44,7% e -22,2%); a Pordenone, infine, i casi sono scesi da 168 (87 e 81) a 65 (25 e 40) tra il I ed il IV trimestre del 2008, per poi aumentare a 95 (29 e 66) nel I trimestre del In questa provincia la variazione, in un anno, è stata del -43,5% (-66,7 quella per le donne e -18,5% per gli uomini). Se si considerano gli avviamenti in base all età dei lavoratori al momento dell assunzione (tabella 12) i dati più significativi sono i seguenti: tra i 15-24enni si è passati dalle 123 alle 135 e alle 73 unità nei tre trimestri esaminati, tra i 25-34enni da 280 a 142 e a 159, tra i 35-44enni da 138 a 128, tra l inizio e la fine del 2008, e 128 è rimasto il valore all inizio del 2009, tra i 45-54enni da 50 a 40 e a 42 e tra i 55-64enni da 27 a 22 e a 33. Nel I trimestre del 2009, la distribuzione percentuale in base all età ha visto la classe più giovane contare per il 16,7%, quella dei 25-34enni per il 36,4%, quella dei 35-44enni per il 29,3%, quella dei 45-54enni per il 9,6%, quella dei 55-64enni per il 7,6% e quella più anziana per lo 0,5%. Nella distribuzione percentuale in base alla provenienza dei lavoratori (grafico 5) gli Italiani hanno rappresentato l 87,2% (381 casi 121 donne e 260 uomini - su 437), gli extracomunitari l 8,0% (35, 10 donne e 25 uomini) e i neocomunitari il 4,1% (18, 6 donne e 12 uomini); quasi inesistenti sono stati gli avviamenti di personale con provenienza comunitaria (0,7%). In termini assoluti (tabella 13), sempre nell intera regione, gli avviamenti di lavoratori italiani sono passati da 531 nel I trimestre 2008 a 391 nel IV trimestre 2008, per arrivare a 381 nel I trimestre 2009; gli avviamenti di lavoratori comunitari sono stati 4 nel I e nel IV trimestre 2008, scendendo a 3 nel I trimestre 2009; quelli di neocomunitari sono passati da 37 a 33 e a 18 nei tre trimestri considerati e quelli degli extracomunitari da 48 a 39 e a 35. La riduzione più significativa, confrontando il I trimestre 2009 con il I trimestre 2008, si è riscontrata tra gli Italiani (-150 unità, pari al -27,8%) e tra gli extracomunitari (-13, pari a 27,8%). Tra i neocomunitari in un anno il numero di avviamenti è sceso da 37 a 18, che in termini percentuali ha significato una variazione del 51,3%. 2.2 Cessazioni Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 4

5 Il numero di cessazioni, suddivise per genere e tipologia di contratto, è descritto nelle tabelle 14 (Totale regionale), 15 (Gorizia), 16 (Pordenone), 17 (Trieste) e 18 (Udine). Complessivamente i casi sono passati da 494 (203 tra le donne e 291 tra gli uomini) nel I trimestre del 2008 a 800 (315 e 485) nel IV trimestre dello stesso anno e a 351 (137 e 214) nel I trimestre del Sicuramente critica è stata la fine del 2008 quando si sono toccate le 800 cessazioni, ben 306 in più rispetto al I trimestre dello stesso anno (pari al +62,0%; l aumento è stato del +55,0% per le donne e del +67,0% per gli uomini). Per quanto riguarda le tipologie di contratto è da rilevare come l impennata del numero delle cessazioni in regione nell ultimo trimestre del 2008 sia da attribuire soprattutto ai contratti a tempo determinato: 538 contro i 239 del I trimestre, con un aumento di 299 casi, che in termini percentuali ha significato un +125,1%. L andamento negativo globale è stato rilevato, più o meno con la stessa intensità, in ogni singola provincia. Nei tre periodi considerati, a Gorizia si è passati dalle 89 (25 donne e 64 uomini) alle 167 (51 e 116) e alle 89 (32 e 57) cessazioni (per una variazione tendenziale dello 0,0% e una variazione congiunturale del - 46,7%); a Pordenone dalle 170 (80 e 90) alle 179 (81 e 98) e alle 75 (34 e 41) unità (-55,9% e -58,1% le due variazioni); a Trieste dalle 48 (14 e 34) alle 168 (64 e 104) e alle 71 (28 e 43) unità (+47,9% e -57,7%), a Udine, infine, dalle 187 (84 e 103) alle 286 (119 e 167) e alle 116 (43 e 73) unità (-38,0% e -59,4%). La distribuzione percentuale per provincia delle cessazioni del I trimestre 2009 è illustrata nel grafico 6, dove si vede che il peso maggiore è stato registrato a Udine, con il 33,0%, seguita da Gorizia con il 25,4%, Pordenone con il 21,4% e Trieste con l 20,2%. Le sintesi per fascia di età e per provenienza dei lavoratori sono riportate, a livello regionale, nelle tabelle 19 e 20. Come si può vedere, le cessazioni sono passate da 83 a 163 e a 86 tra i 15-24enni, da 201 a 272 e a 137 tra i 25-34enni, da 121 a 222 e a 89 tra i 35-44enni, da 46 a 92 e a 21 tra i 45-54enni, da 41 a 45 e a 14 tra i 55-64enni e da 2 a 6 e a 4 tra gli ultra sessantaquattrenni. Circa la provenienza dei lavoratori, la quota degli Italiani è stata preponderante e ha determinato le variazioni del fenomeno nel suo complesso. In termini assoluti, nei tre periodi, il numero di cessazioni è passato da 426 (185 donne e 241 uomini) a 687 (273 e 414) a 312 (123 e 189) tra gli Italiani, registrando una variazione del -26,8% su base annua e del -54,6 confrontando l ultimo dato disponibile con quello del IV trimestre 2008; tra i neocomunitari ci sono state 25, 55 e 13 cessazioni, tra gli extracomunitari 42, 52 e 26 mentre i comunitari hanno avuto un solo caso all inizio del 2008, 4 casi alla fine dello stesso anno e nessun caso nel I trimestre del Saldo Come si vede dalla tabella 21, nel I trimestre 2008 il saldo complessivo tra il flusso degli avviamenti e quello delle cessazioni è stato positivo (+ 126 unità; +60 tra le donne e +66 tra gli uomini); il saldo positivo per i contratti a tempo determinato (+140) e per l apprendistato (+ 6) hanno compensato quello negativo registrato per i contratti a tempo indeterminato (-20). Nel IV trimestre 2008 il bilancio tra avviamenti e cessazioni è stato negativo per tutte le tipologie; complessivamente il saldo è stato pari a -333, il cui valore è stato determinato in larga misura dai contratti a tempo indeterminato (-154, di cui -97 per gli uomini e - 57 per le donne) e da quelli a tempo determinato (-168, di cui -85 per gli uomini e -83 per le donne). Il saldo è tornato positivo nel I trimestre del 2009 (+ 86; +85 tra gli uomini e +1 tra le donne): per i contratti a tempo determinato è stato pari a +103 (+ 80 per gli uomini e +23 per le donne), mentre è rimasto negativo per i contratti a tempo indeterminato (-11, -14 tra le donne e +3 tra gli uomini) e per l apprendistato (-6; -8 tra le donne e + 2 tra gli uomini). Le sintesi per fascia di età e per provenienza dei lavoratori sono riportate nelle tabelle 22 e 23. Come si può vedere i saldi positivi del primo trimestre 2008 sono concentrati nelle prime quattro fasce d età, per un totale di +140 (percentuali quasi uguali tra le donne e tra gli uomini). Nel IV trimestre 2008 il calo occupazionale complessivo (-333) si è ripartito tra tutte le fasce d età considerate, con punte maggiori Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 5

6 nelle fasce dei 25-34enni (-130) e dei 35-44enni (-94). Nel I trimestre 2009 il saldo è tornato positivo in tutte le fasce d età tranne che nella fascia più giovane (-13) e in quella più anziana (-2). Per i lavoratori italiani il saldo è passato da +105 nel I trimestre 2008 a -296 nel IV trimestre 2008 e a +69 nel I trimestre 2009; per i lavoratori comunitari è passato da +3 a -2 e a +3; per i neocomunitari da +12 a - 22 e a +5 mentre per gli extracomunitari da +6 a -13 e a GLI INDICATORI DI CRISI 3.1 Le Liste di Mobilità In regione il numero totale dei lavoratori posti in mobilità è cresciuto tra l inizio e la fine dell anno scorso, passando da 36 (18 donne e 18 uomini) a 60 (28 e 32) casi, ed è successivamente diminuito, attestandosi sulle 43 (26 e 17) unità nel I trimestre del Complessivamente quindi c è stata una variazione percentuale del +22,9% su base annua e del -28,3% confrontando gli ultimi due trimestri rilevati. Le posizioni aperte in base alla legge 223/91 sono passate da 16 a 29 e a 12 (-25,0% e -58,6% la variazione tendenziale e la variazione congiunturale, rispettivamente) mentre quelle aperte in base alla legge 236/93 da 19 sono giunte a 31, valore registrato sia nel IV trimestre 2008 che nel I trimestre 2009 ( +63,2% e 0,0%). La tabella 25 illustra gli stessi dati, con la suddivisione per fasce di età. Non ci sono particolari tendenze da sottolineare, con dati molto simili ed abbastanza equamente divisi, tra fasce di età e istituti di legge utilizzati. Nella tabella 26, infine, si riporta la suddivisione in base alla provenienza dei lavoratori posti in mobilità. Gli Italiani costituiscono la totalità (escludendo un unico caso di lavoratore extracomunitario nel I trimestre del 2008) per la tipologia relativa alla legge 223/91 e la quasi totalità per la tipologia relativa alla legge 236/93 (34 casi su 36 nel I trimestre 2008, 57 casi su 60 nel IV trimestre del 2008 e 41 casi su 43 nel I trimestre del 2009). Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 6

7 ALLEGATO STATISTICO Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 7

8 SITUAZIONE DI GRAVE DIFFICOLTÀ OCCUPAZIONALE DEL SETTORE DELL ELETTRONICA 1 : MONITORAGGIO DEL I TRIMESTRE 2009 Tabella 1: Imprese attive nella provincia di Gorizia (DL30 Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici, DL31 Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a., DL32 Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni, DL33 Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi) e variazioni; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. DL ,0% 0 0,0% DL ,0% -2-5,7% DL ,7% -1-6,7% DL ,2% 2 3,0% Totale ,6% -1-0,8% Fonte: Movimprese Infocamere Tabella 2: Imprese attive nella provincia di Pordenone (DL30 Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici, DL31 Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a., DL32 Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni, DL33 Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi) e variazioni; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. DL ,2% 1 4,2% DL ,0% -4-2,7% DL ,6% -1-2,9% DL ,0% 2 1,4% Totale ,1% -2-0,6% Fonte: Movimprese Infocamere Tabella 3: Imprese attive nella provincia di Trieste (DL30 Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici, DL31 Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a., DL32 Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni, DL33 Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi) e variazioni; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. DL ,7% 2 11,1% DL ,0% 0 0,0% DL ,4% -1-3,8% DL ,3% -1-0,7% Totale ,6% 0 0,0% Fonte: Movimprese Infocamere Tabella 4: Imprese attive nella provincia di Udine (DL30 Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici, DL31 Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a., DL32 Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni, DL33 Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi) e variazioni; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. DL ,5% 2 5,1% DL ,0% 2 1,4% DL ,1% -1-2,4% DL ,3% 0 0,0% Totale ,4% 3 0,5% Fonte: Movimprese Infocamere 1 Il settore è individuato dalle classi Ateco DL30, DL31, DL32 e DL33 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 8

9 Tabella 5: Imprese attive in Friuli-Venezia Giulia (DL30 Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici, DL31 Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a., DL32 Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni, DL33 Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi) e variazioni; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. DL ,2% 5 5,8% DL ,8% -4-1,1% DL ,9% -4-3,4% DL ,3% 3 0,4% Totale ,6% 0 0,0% Fonte: Movimprese Infocamere Figura 1: Avviamenti e cessazioni in Friuli-Venezia Giulia; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre I 2008 IV 2008 I 2009 assunzioni cessazioni Tabella 6: Avviamenti al lavoro in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 9

10 Tabella 7: Variazioni assolute e percentuali degli avviamenti al lavoro in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 F M Tot. Apprendistato ,0% 14,3% -34,5% ,7% 23,1% -13,6% Tempo determinato ,4% 3,3% -10,0% ,9% -5,5% -7,8% Tempo indeterminato ,0% -52,3% -63,7% ,5% 24,5% 2,7% Totale ,5% -16,2% -29,5% ,8% 0,7% -6,4% Tabella 8: Avviamenti al lavoro nella provincia di Gorizia, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 9: Avviamenti al lavoro nella provincia di Pordenone, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 10: Avviamenti al lavoro nella provincia di Trieste, suddivisi in base alla tipologia di contratto Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 11: Avviamenti al lavoro nella provincia di Udine, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 10

11 Figura 2: Distribuzione percentuale in base alla tipologia di contratto degli avviamenti del I trimestre ,6% 4,3% Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato 78,0% Figura 3: Distribuzione percentuale per provincia degli avviamenti del I trimestre ,0% 34,1% Gorizia Pordenone Trieste Udine 17,2% 21,7% Tabella 12: Avviamenti al lavoro in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla fascia d età del lavoratore; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 I trim 2008 IV trim 2008 I trim Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 11

12 Figura 4: Distribuzione percentuale in base alla fascia d età del lavoratore degli avviamenti del I trimestre ,6% 7,6% 0,5% 16,7% ,3% 36,4% Tabella 13: Avviamenti al lavoro, suddivisi in base al genere e alla provenienza del lavoratore; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 I trim 2008 IV trim 2008 I trim 2009 Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Figura 5: Distribuzione percentuale in base alla provenienza del lavoratore degli avviamenti del I trimestre ,1% 8,0% 0,7% Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari 87,2% Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 12

13 Tabella 14: Cessazioni in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 15: Cessazioni nella provincia di Gorizia, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 16: Cessazioni nella provincia di Pordenone, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 17: Cessazioni nella provincia di Trieste, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 18: Cessazioni nella provincia di Udine, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 13

14 Figura 6: Distribuzione percentuale per provincia delle cessazioni del I trimestre ,0% 25,4% Gorizia Pordenone Trieste Udine 20,2% 21,4% Tabella 19: Cessazioni in Friuli-Venezia Giulia, suddivise in base al genere e alla fascia d età del lavoratore; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre Totale Tabella 20: Cessazioni in Friuli-Venezia Giulia, suddivise in base al genere e alla provenienza del lavoratore; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Tabella 21: Saldo occupazionale suddiviso in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 14

15 Tabella 22: Saldo occupazionale suddiviso in base al genere e alla fascia d età del lavoratore; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre Totale Tabella 23: Saldo occupazionale suddiviso in base al genere e alla provenienza del lavoratore; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Tabella 24 - Numero di lavoratori posti in mobilità suddivisi per genere e tipologia di lista e variazioni; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. L. 223/ ,0% ,6% L.236/ ,2% - 0,0% Totale ,9% ,3% Tabella 25 - Numero di lavoratori posti in mobilità suddivisi per genere, fascia d età e tipologia di lista; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 L. 223/ Totale L.236/ Totale Totale Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 15

16 Tabella 26 - Numero di lavoratori posti in mobilità suddivisi per genere, provenienza e tipologia di lista; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 L. 223/91 Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale L.236/93 Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Totale Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 16

Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore elettronico 4 trimestre 2009

Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore elettronico 4 trimestre 2009 piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale monitoraggio del settore elettronico 4 trimestre 2009 La presente scheda è stata curata da Giorgio Plazzi, esperta dell Agenzia regionale

Dettagli

I PROTESTI DELLA PROVINCIA DI PERUGIA

I PROTESTI DELLA PROVINCIA DI PERUGIA I PROTESTI DELLA PROVINCIA DI PERUGIA IV TRIMESTRE 2009 A cura dell Ufficio Protesti e Prezzi e dell Ufficio Studi e Ricerche Economiche Camera di Commercio di Perugia Indice L andamento dei protesti nella

Dettagli

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 2000 AL 2012

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 2000 AL 2012 SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 0 AL 2012 L Istat ha recentemente pubblicato i dati relativi alla rilevazione delle separazioni e dei divorzi condotta nel 2012 presso le cancellerie

Dettagli

LA SINTESI DEL XVIII RAPPORTO ALMALAUREA SULLA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI LAUREATI

LA SINTESI DEL XVIII RAPPORTO ALMALAUREA SULLA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI LAUREATI LA SINTESI DEL XVIII RAPPORTO ALMALAUREA SULLA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI LAUREATI Il XVIII Rapporto AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati delle 71 Università delle 73 aderenti fotografa

Dettagli

PROFILO MERCATO DEL LAVORO Ambito 1.2 Trieste MERCATO DEL LAVORO... 2

PROFILO MERCATO DEL LAVORO Ambito 1.2 Trieste MERCATO DEL LAVORO... 2 Sommario PROFILO MERCATO DEL LAVORO Ambito 1.2 Trieste MERCATO DEL LAVORO... 2 Tab. 1 Indicatori del mercato del lavoro in Provincia di Trieste e in Regione FVG: anni 2008-2011. Variazione 2010-2011 e

Dettagli

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere 2 TRIMESTRE 215: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere Nel secondo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili, femminili e straniere ( * ) risultano

Dettagli

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Indicatori del mercato del lavoro della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Principali indicatori del mercato del lavoro provinciale Fonti disponibili Inps

Dettagli

Sezione 2 Tendenze del mercato del lavoro a livello provinciale CREMONA Dicembre 2014

Sezione 2 Tendenze del mercato del lavoro a livello provinciale CREMONA Dicembre 2014 Sezione 2 Tendenze del mercato del lavoro a livello provinciale CREMONA Dicembre 214 I dati relativi al III trimestre 214 mostrano qualche segnale di miglioramento nel mercato del lavoro della provincia

Dettagli

A cura di Federico Bianchi, esperto dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

A cura di Federico Bianchi, esperto dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. GLI INCENTIVI ALL ASSUNZIONE DI LAVORATORI DISOCCUPATI AD ELEVATA QUALIFICAZIONE O DA IMPIEGARE IN ATTIVITÀ DI RICERCA Rapporto dii moniitoraggiio 1 semestre 2010 A cura di Federico Bianchi, esperto dell

Dettagli

3.14 VENETO e FRIULI VENEZIA GIULIA

3.14 VENETO e FRIULI VENEZIA GIULIA 3.14 VENETO e FRIULI VENEZIA GIULIA scheda regionale Le regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia, mostrano, nel corso del quinquennio, una discreta crescita del numero di stock in tutti i settori; d altronde,

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE FRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D'AOSTA. Torino, 10 marzo 2010

INDAGINE CONGIUNTURALE FRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D'AOSTA. Torino, 10 marzo 2010 INDAGINE CONGIUNTURALE FRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D'AOSTA Torino, 10 marzo 2010 L indagine congiunturale dell ANCE Piemonte, avviata a giugno del 2002 e svolta con cadenza semestrale,

Dettagli

Nome indicatore DPSIR Fonte dati Parco veicolare pugliese D ACI. Disponibilità dati *** 2002-2012 P

Nome indicatore DPSIR Fonte dati Parco veicolare pugliese D ACI. Disponibilità dati *** 2002-2012 P TRASPORTI Trasporto stradale Parco veicolare pugliese Nome indicatore DPSIR Fonte dati Parco veicolare pugliese D ACI Obiettivo Monitorare la flotta veicolare circolante Disponibilità dati Copertura Temporale

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 1 Lavoratori atipici e mercato del lavoro

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 1 Lavoratori atipici e mercato del lavoro Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 1 Lavoratori atipici e mercato del lavoro Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite

Dettagli

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 1 febbraio 2016

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 1 febbraio 2016 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 1 febbraio 2016 MISURE/68 4 febbraio 2016 Introduzione La regolazione del mercato del lavoro è stata oggetto

Dettagli

L ECONOMIA DI GENERE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

L ECONOMIA DI GENERE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA L ECONOMIA DI GENERE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA novembre 2014 Via Morpurgo 4-33100 Udine - Tel. +39 0432 273223 273224 - fax +39 0432 512408 - email: unioncamerefvg@ud.camcom.it Le differenze di genere

Dettagli

9. BIOMEDICALE. I NUMERI DEL BIOMEDICALE AL 31/12/2015 imprese 96 di cui artigiane 34 Localizzazioni 177

9. BIOMEDICALE. I NUMERI DEL BIOMEDICALE AL 31/12/2015 imprese 96 di cui artigiane 34 Localizzazioni 177 9. BIOMEDICALE I NUMERI DEL BIOMEDICALE AL 31/12/2015 imprese 96 di cui artigiane 34 Localizzazioni 177 dati Registro Imprese Il settore biomedicale non conta un numero elevato di aziende, tuttavia riveste

Dettagli

Le imprese delle donne: l economia al femminile in provincia di Chieti

Le imprese delle donne: l economia al femminile in provincia di Chieti Le imprese delle donne: l economia al femminile in provincia di Chieti Presentazione a cura di Paola Sabella - Presidente Comitato provinciale per la promozione dell imprenditorialità femminile Il Comitato

Dettagli

IL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE 2011 LA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI FOLIGNO

IL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE 2011 LA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI FOLIGNO COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia IL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE 2011 LA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI FOLIGNO A cura di Umbertina Salvucci Servizio di Statistica del Comune di Foligno Revisione

Dettagli

Fonte: elaborazione di dati demografici a cura del Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica

Fonte: elaborazione di dati demografici a cura del Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2014 Edizione 1/ST/st/09.01.2015 Supera: nessuno

Dettagli

3.14 PIEMONTE e VALLE D AOSTA

3.14 PIEMONTE e VALLE D AOSTA 3.14 PIEMONTE e VALLE D AOSTA Il Piemonte, dopo un 2004 in crescita su tutti i settori registra nel 2005 un ulteriore incremento del numero di NTN su tre dei quattro settori, mentre la Val d Aosta dopo

Dettagli

Le imprese giovanili 1 in Piemonte

Le imprese giovanili 1 in Piemonte Le imprese giovanili 1 in Piemonte A fine 2015, le imprese giovanili registrate in Italia hanno raggiunto quota 623.755 unità, il 10,3% delle imprese complessivamente censite presso i Registri delle Camere

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Senato della Repubblica Audizione del Garante per la sorveglianza dei prezzi La dinamica dei prezzi dei carburanti ALLEGATO A 6

Dettagli

I NUOVI CONTRATTI DI LAVORO PER I GIOVANI

I NUOVI CONTRATTI DI LAVORO PER I GIOVANI I NUOVI CONTRATTI DI LAVORO PER I GIOVANI Un confronto tra il 2007 ed il 2010 PANEL DATA P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it info@datagiovani.it I NUOVI

Dettagli

TRASPORTI 2014 Trasporto stradale Parco veicolare pugliese

TRASPORTI 2014 Trasporto stradale Parco veicolare pugliese TRASPORTI 214 Trasporto stradale Parco veicolare pugliese Nome indicatore DPSIR Fonte dati Parco veicolare pugliese D ACI Disponibilità Copertura Obiettivo dati Temporale Spaziale Monitorare la flotta

Dettagli

Attività ACCREDIA 2012

Attività ACCREDIA 2012 ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Attività ACCREDIA 2012 Evoluzione degli accreditamenti e delle certificazioni Attività di valutazione dei Dipartimenti: Certificazione e Ispezione Laboratori

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE

INDAGINE CONGIUNTURALE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Direttore responsabile: Edi Sommariva Numero 09-2010 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLA RISTORAZIONE COMMERCIALE I trimestre 2010 Ufficio studi A cura di

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Dinamica assunzioni-cessazioni lavoratori dipendenti Gennaio - settembre 2015 3 Il mercato del lavoro in provincia di Padova Dinamica assunzioni-cessazioni

Dettagli

Ambito distrettuale 4.5 Udine CONTESTO ECONOMICO PRODUTTIVO

Ambito distrettuale 4.5 Udine CONTESTO ECONOMICO PRODUTTIVO Ambito distrettuale 4.5 Udine CONTESTO ECONOMICO PRODUTTIVO Tab. 1 Imprese nella Provincia di Udine per macrosettore di attività, anno 2011...2 Graf. 1 - Andamento del numero di imprese attive, anni 2006-2011

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Roma, 1 settembre 2016 IL TURNOVER DEI MERCATI DEI CAMBI E DEI DERIVATI OTC SU VALUTE E TASSI DI INTERESSE

Dettagli

ASSISTENTE SOCIALE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

ASSISTENTE SOCIALE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? ASSISTENTE SOCIALE STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principale facoltà che prepara gli ASSISTENTI SOCIALI è Scienze Politiche.

Dettagli

L incidentalità sulle strade della provincia di Monza e della Brianza

L incidentalità sulle strade della provincia di Monza e della Brianza I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Monza e della Brianza Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA nel II trimestre 2009

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA nel II trimestre 2009 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA nel II trimestre 2009 Il volume di erogazioni per l acquisto di abitazioni da parte delle famiglie italiane registra, nel secondo trimestre del 2009, una flessione rispetto

Dettagli

Il settore RESIDENZIALE

Il settore RESIDENZIALE 3.4 EMILIA ROMAGNA scheda regionale La regione Emilia Romagna segue sostanzialmente il trend nazionale: nel corso del quinquennio, all incremento costante in termini di stock non si riscontra una corrispondente

Dettagli

Censimento della popolazione

Censimento della popolazione Censimento della popolazione Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Censimento della popolazione Il 9 Ottobre 2011 si è svolto in Italia

Dettagli

STUDIO COMPLETO OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA, LINK LAB ANALISI DEL 1 TRIMESTRE 2014

STUDIO COMPLETO OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA, LINK LAB ANALISI DEL 1 TRIMESTRE 2014 STUDIO COMPLETO OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA, LINK LAB ANALISI DEL TRIMESTRE 0 Nei primi tre mesi del 0 sono già le persone che si sono tolte la vita per motivazioni economiche, rispetto ai

Dettagli

NOTA Le assunzioni a tempo indeterminato. Le tendenze nazionali 2014-2015

NOTA Le assunzioni a tempo indeterminato. Le tendenze nazionali 2014-2015 Fvg prima regione per crescita di assunzioni a (+110%). Voucher boom: ne sono stati venduti 5 milioni nel 2015 Elaborazione Ires Fvg Nel 2015 il Friuli Venezia Giulia è la regione in cui si è registrata

Dettagli

Tassi di occupazione, disoccupazione e avviamenti. Un confronto di cittadinanza

Tassi di occupazione, disoccupazione e avviamenti. Un confronto di cittadinanza Tassi di occupazione, disoccupazione e avviamenti. Un confronto di cittadinanza a cura di Francesca Mattioli e Matteo Rinaldini Università di Modena e Reggio Emilia Occupati residenti non comunitari in

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) -Aggiornamento al 31 dicembre 2012 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Ance Salerno: In Campania ed in provincia di Napoli boom di imprese con titolari stranieri

Ance Salerno: In Campania ed in provincia di Napoli boom di imprese con titolari stranieri Documento 1 Ance Salerno: In Campania ed in provincia di Napoli boom di imprese con titolari stranieri Napoli e la Campania guidano la graduatoria per incremento di imprese con il titolare straniero 1.

Dettagli

Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese

Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese 30 Gennaio 2009 Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese Novembre 2008 L Istituto nazionale di statistica comunica i risultati della rilevazione sull occupazione, gli orari di lavoro e le retribuzioni

Dettagli

Indice del valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio Settembre 2008

Indice del valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio Settembre 2008 21 novembre 2008 Indice del valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio Settembre 2008 L Istituto nazionale di statistica comunica che nel mese di settembre 2008 l'indice generale del valore

Dettagli

Elezioni comunali 2014. Esempi di attribuzione dei seggi

Elezioni comunali 2014. Esempi di attribuzione dei seggi Elezioni comunali 2014 4 Esempi di attribuzione dei seggi Esempi di attribuzione dei seggi Al fine di chiarire il funzionamento dei meccanismi previsti per l attribuzione dei seggi e l ordine delle relative

Dettagli

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 5

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 5 A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N N O 2 0 1 5 R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 5 DOCUMENTO RISERVATO

Dettagli

Ance Salerno: Nel 2013 in Campania mercato residenziale in caduta libera, ma nell ultimo trimestre segnali di ripresa

Ance Salerno: Nel 2013 in Campania mercato residenziale in caduta libera, ma nell ultimo trimestre segnali di ripresa Documento 1 Ance Salerno: Nel 2013 in Campania mercato residenziale in caduta libera, ma nell ultimo trimestre segnali di ripresa Le compravendite del settore residenziale in Campania sono diminuite nel

Dettagli

EMBARGO ORE 9.30 DEL 28 MAGGIO

EMBARGO ORE 9.30 DEL 28 MAGGIO EMBARGO ORE 9.30 DEL 28 MAGGIO Turismo e commercio, Osservatorio Confesercenti. Continua la crisi: nei primi 4 mesi dell anno persi 1,8 miliardi di vendite e chiuse 45mila imprese. Crescono solo gli ambulanti

Dettagli

Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento AA.SS. 2010/2011 e 2011/12

Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento AA.SS. 2010/2011 e 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione

Dettagli

L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole

L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole FOCUS ECONOMIA 2016 N. 1 L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole Ufficio Studi e Progetti Speciali - CCIAA Sondrio 1 Le imprese femminili 1 in provincia di Sondrio Le imprese femminili

Dettagli

Rapporto di monitoraggio sui piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale

Rapporto di monitoraggio sui piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Agenzia regionale del lavoro e della formazione professionale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 1 Il presente Rapporto è realizzato dall Agenzia Regionale del lavoro e della formazione professionale,

Dettagli

A cura di Federico Bianchi, esperto dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

A cura di Federico Bianchi, esperto dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. GLI INCENTIVI ALL ASSUNZIONE DI LAVORATORI DISOCCUPATI AD ELEVATA QUALIFICAZIONE O DA IMPIEGARE IN ATTIVITÀ DI RICERCA Rapporto dii moniitoraggiio 2 semestre 2009 A cura di Federico Bianchi, esperto dell

Dettagli

Scuola infanzia e primaria

Scuola infanzia e primaria Scuola infanzia e primaria Definizione della disponibilità per i corsi di laurea magistrale a ciclo unico in scienze della formazione primaria La tabella 1) che segue calcola le cessazioni dal servizio

Dettagli

Terziario: commercio, turismo e servizi Il mercato del lavoro in Veneto 2008-2102

Terziario: commercio, turismo e servizi Il mercato del lavoro in Veneto 2008-2102 Terziario: commercio, turismo e servizi Il mercato del lavoro in Veneto 2008-2102 Report - marzo 2013 IX Congresso Fisascat Cisl Veneto Il valore fatto dalle persone Dolo(Venezia) 9-10 aprile 2013 - 2

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 211 a cura del GRUPPO MULTIREGIONALE DI ANALISI DEL MERCATO DEL LAVORO

Dettagli

TRASPORTI 2013 Trasporto stradale Autovetture per standard emissivo

TRASPORTI 2013 Trasporto stradale Autovetture per standard emissivo TRASPORTI 2013 Trasporto stradale Autovetture per standard emissivo Nome indicatore DPSIR Fonte dati Autovetture per standard emissivo P ACI Disponibilità Copertura Obiettivo dati Temporale Spaziale Monitorare

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE IV trimestre 2014

MERCATO IMMOBILIARE COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE IV trimestre 2014 28 Aprile 2015 MERCATO IMMOBILIARE COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE IV trimestre Dopo sette anni di calo, nel il mercato immobiliare ha ripreso a crescere. I trasferimenti a titolo oneroso di unità

Dettagli

Sezione 4. Le assunzioni previste nei settori dell'economia provinciale

Sezione 4. Le assunzioni previste nei settori dell'economia provinciale Sezione 4 Le assunzioni previste nei settori dell'economia provinciale Tavola 17 Imprese che prevedono assunzioni nel 2006 per classe dimensionale e settore di attività (quota % sul totale) Classe dimensionale

Dettagli

CONGIUNTURA COOPERATIVE

CONGIUNTURA COOPERATIVE CONGIUNTURA COOPERATIVE INDAGINE SULLE IMPRESE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BIELLA 2 semestre 2010 A CURA DELL UFFICIO STUDI in collaborazione con 2 Semestre 2010 STRUTTURA: in continuo aumento le imprese

Dettagli

AMBITO DI SESTO S. GIOVANNI

AMBITO DI SESTO S. GIOVANNI AMBITO DI SESTO S. GIOVANNI Ufficio di Piano I DATI SOCIODEMOGRAFICI Indice Introduzione pag. 2 Caratteristiche demografiche pag. 3 - popolazione Caratteristiche sociodemografiche pag. 4 - popolazione

Dettagli

Il censimento della popolazione straniera

Il censimento della popolazione straniera 19 dicembre 2012 Il censimento della popolazione straniera Nel corso dell ultimo decennio la popolazione straniera residente in Italia è triplicata: da poco più di 1 milione e 300 mila persone nel 2001

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 4 APRILE 2016 L indice del commercio mondiale è leggermente calato a gennaio 2016 a seguito della contrazione dell export dei paesi sviluppati e dei paesi emergenti. La

Dettagli

CONTESTO SOCIALE E CULTURALE

CONTESTO SOCIALE E CULTURALE PARTE 1 CONTESTO SOCIALE E CULTURALE 1.1 Opinione pubblica sull uso di sostanze psicoattive 1.1.1 Disapprovazione dell uso di sostanze psicoattive 1.1.2 Percezione dei rischi correlati all uso di sostanze

Dettagli

-5% -10% -15% -20% -25% -30%

-5% -10% -15% -20% -25% -30% 2 Premessa Le informazioni diffuse con i Bollettini mensili sulle entrate tributarie di Francia, Germania, Irlanda, Portogallo, Regno Unito e Spagna, pubblicati sui portali web istituzionali dalle Amministrazioni

Dettagli

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà ALFID Associazione Laica Famiglie in Difficoltà Separazione e Divorzio: alcuni dati a confronto sui principali recenti cambiamenti in Provincia di Trento e nel resto d Italia a cura di Marco Brusegan Il

Dettagli

Cittadini stranieri nell area metropolitana di Bologna. Rapporto 2015

Cittadini stranieri nell area metropolitana di Bologna. Rapporto 2015 Fondazione di ricerca Istituto Carlo Cattaneo Osservatorio delle immigrazioni Cittadini stranieri nell area metropolitana di Bologna. Rapporto 2015 Valerio Vanelli Bologna, 29 ottobre 2015 Il rapporto

Dettagli

Esempi di attribuzione dei seggi

Esempi di attribuzione dei seggi Esempi di attribuzione dei seggi Al fine di chiarire il funzionamento dei meccanismi previsti per l attribuzione dei seggi e l ordine delle relative operazioni, vengono presentati due esempi di attribuzione

Dettagli

IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE NEI COMUNI E NELLE PROVINCE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE NEI COMUNI E NELLE PROVINCE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA SUPPORTI DI ANALISI di FINANZA LOCALE IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE NEI COMUNI E NELLE PROVINCE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Analisi per l anno 2008 (Dicembre 2010) A cura del Servizio Finanza locale Direzione

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali 29 novembre 2010 Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali Ottobre 2010 Nel mese di ottobre 2010, sulla base degli elementi finora disponibili, l indice totale dei prezzi alla produzione

Dettagli

19 RAPPORTO SULLE RETRIBUZIONI IN ITALIA

19 RAPPORTO SULLE RETRIBUZIONI IN ITALIA 19 RAPPORTO SULLE RETRIBUZIONI IN ITALIA Febbraio 2015 www.odmconsulting.com 19 Rapporto sulle Retribuzioni in Italia Il 19 Rapporto sulle retribuzioni in Italia fornisce nel dettaglio le informazioni

Dettagli

Regione Veneto: risultati dell attività di vaccinazione nell anno 2005

Regione Veneto: risultati dell attività di vaccinazione nell anno 2005 Regione Veneto: risultati dell attività di vaccinazione nell anno I livelli di copertura vaccinale medi raggiunti nel nella Regione del Veneto sono elevati: in particolare per poliomielite, difterite-tetano,

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO LOCALE Aprile 2010

IL MERCATO DEL LAVORO LOCALE Aprile 2010 IL MERCATO DEL LAVORO LOCALE Aprile 2010 a cura del Settore Formazione, Lavoro e Istruzione della Provincia di Ravenna In questo nuovo numero continua l analisi dei dati relativi al mercato del lavoro

Dettagli

Ottobre 2012 1. 1. La Cigo, la Cigs e la Cassa in deroga (settembre 2012 e primi nove mesi 2012)

Ottobre 2012 1. 1. La Cigo, la Cigs e la Cassa in deroga (settembre 2012 e primi nove mesi 2012) Dipartimento Mercato del Lavoro Osservatorio Cassa Integrazione, Occupazione, Politiche attive del lavoro Visita il portale dell Osservatorio: www.cisl.it/osservatoriomdl Ottobre 2012 1 Indice 1. La Cigo,

Dettagli

Le retribuzioni medie si sono invece mantenute più o meno stabili intorno ai 2.400 euro mensili.

Le retribuzioni medie si sono invece mantenute più o meno stabili intorno ai 2.400 euro mensili. INTRODUZIONE La presente analisi si propone di approfondire l andamento economico che ha caratterizzato la città di Roma negli ultimi anni attraverso un quadro dei dati amministrativi INPS riguardanti

Dettagli

ESITI RILEVAZIONE PROVINCIALE INDAGINE CONOSCITIVA PRESENZA ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI NELLE SCUOLE BRESCIANE ANNO SCOLASTICO 2015-2016

ESITI RILEVAZIONE PROVINCIALE INDAGINE CONOSCITIVA PRESENZA ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI NELLE SCUOLE BRESCIANE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ESITI RILEVAZIONE PROVINCIALE INDAGINE CONOSCITIVA PRESENZA ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI NELLE SCUOLE BRESCIANE ANNO SCOLASTICO 215-216 Premessa Con nota Prot. MIUR AOO USPBS R.U 16842 del 1/11/215

Dettagli

Povertà assoluta in Lombardia e nelle regioni del nord Italia - Anno 2014

Povertà assoluta in Lombardia e nelle regioni del nord Italia - Anno 2014 Lombardia Statistiche Report N 4 / 10 maggio 2016 Povertà assoluta in Lombardia e nelle regioni del nord Italia - Anno 2014 Sintesi A Milano una famiglia composta da una coppia e un bambino di 4-10 è considerata

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Marzo 216 In breve Dalla seconda metà del 214 l economia lombarda sta registrando una leggera ripresa, sebbene ad un passo ancora molto

Dettagli

IL TURISMO A ROMA. Offerta, domanda e occupazione nelle strutture ricettive di Roma

IL TURISMO A ROMA. Offerta, domanda e occupazione nelle strutture ricettive di Roma IL TURISMO A ROMA Offerta, domanda e occupazione nelle strutture ricettive di Roma Indice L offerta ricettiva... 3 Esercizi ricettivi... 3 Esercizi ricettivi alberghieri... 4 Esercizi ricettivi complementari...

Dettagli

Var.(%) 16/15. IV trim. Var.(%) 16/15. Var.(%) 16/15. IV trim.

Var.(%) 16/15. IV trim. Var.(%) 16/15. Var.(%) 16/15. IV trim. V Executive Summary Al trimestre Lavoro diretto italiano Nel trimestre del il saldo tra (premi) e (pagamenti per riscatti, scadenze, e sinistri) del mercato vita in talia (lavoro diretto) è stato pari

Dettagli

UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE

UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE Rapporto Annuale Federculture 2013 - Dati e analisi - Focus SICILIA - La spesa e i consumi culturali Nel 2012, dopo un lungo trend di crescita costante

Dettagli

Le conseguenze della crisi sul lavoro degli immigrati in Italia

Le conseguenze della crisi sul lavoro degli immigrati in Italia Le conseguenze della crisi sul lavoro degli immigrati in Italia Abstract Considerando gli ultimi 5 anni (2011-2015), gli occupati stranieri sono aumentati complessivamente di 329 mila unità e la loro incidenza

Dettagli

La stagione dei saldi invernali 2012 02/01-15/01. Marketing CartaSi

La stagione dei saldi invernali 2012 02/01-15/01. Marketing CartaSi La stagione dei saldi invernali 2012 02/01-15/01 Marketing CartaSi 1 CartaSi SpA Azienda del Gruppo ICBPI Osservatorio Acquisti CartaSi 2011 Due settimane opache per i saldi. Dopo uno sprint iniziale volgono

Dettagli

Il MERCATO DEL LAVORO IN PUGLIA NEL I TRIMESTRE 2016

Il MERCATO DEL LAVORO IN PUGLIA NEL I TRIMESTRE 2016 Il MERCATO DEL LAVORO IN PUGLIA NEL I TRIMESTRE 2016 1. Introduzione e sintesi Gli occupati in Puglia nel primo trimestre del 2016 ammontano a circa 1.145.000 persone, evidenziando una leggera ripresa

Dettagli

Sommario 1. Benzina 2. Gasolio Prezzi e fiscalità Italia-Slovenia 2000-2013 - Figisc Anisa Confcommercio Elaborazione: Davide Moretti

Sommario 1. Benzina 2. Gasolio Prezzi e fiscalità Italia-Slovenia 2000-2013 - Figisc Anisa Confcommercio Elaborazione: Davide Moretti CONFRONTO TRA PREZZI E FISCALITÀ DI BENZINA E GASOLIO DI ITALIA E SLOVENIA Segreteria Nazionale Figisc Anisa Confcommercio Giugno 2013 DAL 2000 AL 2013 Sommario 1. Benzina -Prezzi medi annui e differenza

Dettagli

Le consistenze e la natimortalità

Le consistenze e la natimortalità Rete carburanti, contrazione di imprese,consumi in rosso per la rete, perdita secca in autostrada. 2014 da dimenticare. Le consistenze e la natimortalità Nei primi dieci mesi del 2014 le imprese che operano

Dettagli

Osservatorio sull economia e il lavoro Reggio Emilia. Davide Dazzi

Osservatorio sull economia e il lavoro Reggio Emilia. Davide Dazzi Osservatorio sull economia e il lavoro Reggio Emilia Davide Dazzi Reggio Emilia, 11 Maggio 2016 Tasso di crescita del PIL Scenari economici Prometeia, 2015-2016 Fattori di crescita del PIL a Reggio Emilia

Dettagli

Mobile e legno Sintesi di dati e informazioni economiche sul settore produttivo nelle Marche

Mobile e legno Sintesi di dati e informazioni economiche sul settore produttivo nelle Marche Mobile e legno Sintesi di dati e informazioni economiche sul settore produttivo nelle Marche Maggio 2015 Dati dimensionali: Imprese, Produzione, Occupati.. pag. 2 Esportazioni: Ammontare, andamento, principali

Dettagli

LE CAUSE DI MORTE A FERRARA

LE CAUSE DI MORTE A FERRARA UNITA OPERATIVA STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA LE CAUSE DI MORTE A FERRARA I dati che presentiamo in questa nota sono risultati di nostre elaborazioni effettuate sulle informazioni presenti sulle schede

Dettagli

Indagine Congiunturale

Indagine Congiunturale Indagine Congiunturale Situazione al 1 trimestre 2007 e previsioni sul 2 trimestre 2007 Industria Grafica Nel 1 trimestre del 2007 il fatturato del Panel delle aziende grafiche evidenzia un calo del 5,2%

Dettagli

U.O.C. PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DIRETTORE: dott. AUGUSTO QUERCIA

U.O.C. PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DIRETTORE: dott. AUGUSTO QUERCIA U.O.C. PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DIRETTORE: dott. AUGUSTO QUERCIA Osservatorio Epidemiologico Provinciale degli Infortuni e delle Malattie Professionali DONNE E LAVORO Occupazione

Dettagli

IL DISTRETTO INDUSTRIALE DELLA SEDIA aprile 2015

IL DISTRETTO INDUSTRIALE DELLA SEDIA aprile 2015 IL DISTRETTO INDUSTRIALE DELLA SEDIA aprile 2015 Via Morpurgo 4-33100 Udine - Tel. +39 0432 273200 273219 - fax +39 0432 509469 - email: statistica@ud.camcom.it Fonte: Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Dettagli

I giovani e il lavoro. in provincia di Padova. Dati 2010

I giovani e il lavoro. in provincia di Padova. Dati 2010 I giovani e il lavoro in provincia di Padova Dati 2010 A cura di Anna Basalisco Nota metodologica: I dati esposti sono di fonte CO Veneto SILL Veneto, elaborati dall Osservatorio sul Mercato del Lavoro

Dettagli

La congiuntura secondo gli operatori del Panel della distribuzione al dettaglio. Ismea

La congiuntura secondo gli operatori del Panel della distribuzione al dettaglio. Ismea Note congiunturali La congiuntura secondo gli operatori del Panel della distribuzione al dettaglio Ismea II semestre 2005 I risultati principali La seguente analisi è volta a mettere in evidenza le reazioni

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO PROVINCIA DI LIVORNO

OSSERVATORIO TURISTICO PROVINCIA DI LIVORNO Provincia di Livorno OSSERVATORIO TURISTICO PROVINCIA DI LIVORNO n. 1 L andamento dei flussi turistici nell anno 2009 1 INDICE: Sintesi dei risultati pag. 3 I movimenti turistici in provincia di Livorno

Dettagli

Grafico 1: LAUREATI E DIPLOMATI ANNO 2001 PER ETA' E SESSO 16.117 13.482 < = 22 23 24 25 26 27 28 29 > = 30

Grafico 1: LAUREATI E DIPLOMATI ANNO 2001 PER ETA' E SESSO 16.117 13.482 < = 22 23 24 25 26 27 28 29 > = 30 Il presente documento fornisce un'analisi grafica dei laureati nel corso dell'anno solare 21 secondo l'età alla laurea. Dati più dettagliati possono essere consultati sul sito dell'ufficio di statistica

Dettagli

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette nel primo semestre 2012

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette nel primo semestre 2012 Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette nel primo semestre 2012 Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova 1 Il Collocamento

Dettagli

Il territorio e la popolazione

Il territorio e la popolazione Il territorio e la popolazione 17 Superficie Il territorio Le Marche si estendono per una superficie di 9693,5 Km 2 (il 3,2% del territorio italiano), con una struttura geomorfologica costituita in prevalenza

Dettagli

Occupati - Totale economia livello, migliaia

Occupati - Totale economia livello, migliaia VALLE D AOSTA Le previsioni al 215: impiego di lavoro Nel corso del periodo 28-215 1, la Valle d Aosta sperimenterà una dinamica occupazionale positiva. L incremento medio annuo sarà dello.9 per cento,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 8 DEL 19 APRILE 2016

COMUNICATO STAMPA N. 8 DEL 19 APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA N. 8 DEL 19 APRILE 2016 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Tra gennaio e marzo si sono iscritte al registro imprese delle Camere di commercio 3.208 nuove aziende mentre in 4.409 hanno

Dettagli

OSSERVATORIO SULLE COMUNICAZIONI N. 1/2016. Servizio Economico Statistico

OSSERVATORIO SULLE COMUNICAZIONI N. 1/2016. Servizio Economico Statistico OSSERVATORIO SULLE COMUNICAZIONI N. 1/2016 Servizio Economico Statistico Indice 1. Comunicazioni elettroniche 1.1 Rete fissa: accessi diretti complessivi 1.2 Rete fissa: accessi diretti degli altri operatori

Dettagli

Frumento tenero. Panificabile francese

Frumento tenero. Panificabile francese Aprile 2014 In sintesi Per tutto il 2013 e i primi mesi del corrente anno, il mercato del frumento e del mais è stato contraddistinto dalla strutturale volatilità che caratterizza le commodities, pur manifestando

Dettagli

AGENZIA LIGURIA LAVORO Ente strumentale della Regione Liguria - Via Fieschi, 11G 16121 Genova 01025371-0102537230 E-Mail:

AGENZIA LIGURIA LAVORO Ente strumentale della Regione Liguria - Via Fieschi, 11G 16121 Genova 01025371-0102537230 E-Mail: Nel 2011 si è registrato un generale rallentamento dell economia mondiale. Si è accentuato il divario tra i ritmi di sviluppo delle principali economie avanzate, che si è dimezzato, mentre quello dei paesi

Dettagli