La pubblica beneficenza nel Mezzogiorno. Dalle Opere pie all'ente comunale di assistenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La pubblica beneficenza nel Mezzogiorno. Dalle Opere pie all'ente comunale di assistenza"

Transcript

1 La pubblica beneficenza nel Mezzogiorno. Dalle Opere pie all'ente comunale di assistenza di Pasquale Di Cicco Sin da epoca antica in tutte le province napoletane, dove più dove meno numerose, operavano istituzioni aventi caratteri e fini caritativi, idealmente informate all'evangelico quod superest date pauperibus e continua reviviscenza delle causae piae del mondo imperiale romano. Istituti di beneficenza e luoghi pii laicali (ospedali, orfanotrofi, conservatori, monti, congregazioni, tutti con specifiche finalità) evidenziavano con la loro azione alcune delle molte forme assunte dalla pubblica carità nel tempo. Questa prima del secolo XVIII non era regolata secondo un sistema unico. I molti istituti caritativi delle province napoletane, pur quando rinvenivano la loro fondazione in un atto di congrua liberalità e qualche irrobustimento in successivi legati e donazioni, risultavano quasi sempre scarsamente dotati sul piano economico e comunque del tutto impari a sanare l'antica e diffusa piaga del pauperismo. E molte erano le loro sostanze che, disperdendosi per mille rivoli, venivano destinate a fini diversi da quelli della beneficenza 1. Ognuno di essi aveva un proprio ordinamento ed una propria organizzazione: di solito quelli maggiori dipendevano da magistrati che esercitavano Da uno studio sulla beneficenza nel Molise (secc. XVII - XX), di prossima pubblicazione nelle Opere pie di quelle province al sincero esercizio della beneficenza s'associarono passioni estranee, sicchè gli istituti, che ne dipendevano, furono convertiti in altrettanti centri di propaganda religionaria, come lo dimostrano il titolo, il fine e la composizione di molti di essi, ed una parte dei beni, che dovevano servire a sollievo dell'umanità sofferente, fini purtroppo coll'essere ingoiata in sagrestia (Statistica del Regno d'italia. Le Opere pie nel Compartimento degli Abruzzi e Molise, Firenze, 1870, p. VIII). 73

2 una sorta di patronato, quelli minori, attivi nei piccoli comuni, dipendevano invece dalle regie udienze e dai tribunali. Notevole in tutti l'ingerenza dei vescovi e degli ecclesiastici quale retaggio di altri tempi, in cui l'esercizio della pubblica carità era stato prerogativa esclusiva della Chiesa. Il potere civile opponeva una continua resistenza contro quell'ingerenza ma non sempre con buono e durevole successo, mentre la mancanza di una chiara ed apposita normativa in materia concorreva ad alimentare frequenti vertenze fra i due poteri 2. Questa situazione muta nel secolo XVIII. Il Concordato del 1741 fra la Santa Sede ed il re di Napoli fissò norme precise in materia di beneficenza e stabili i limiti della competenza ecclesiastica sugli istituti pii laicali, estendendo e consolidando nel contempo l'autorità civile sui luoghi pii ecclesiastici i cui beni andavano descritti in catasto e assoggettati a pesi. Creò inoltre un tribunale misto cui spettò, oltre alla generale vigilanza sull'osservanza del Concordato, quella sull'amministrazione e sulla contabilità delle Opere pie amministrate da laici nonchè la decisione delle vertenze che potessero insorgere, specie in tema di conti 3. A questo documento fondamentale nella storia della pubblica beneficenza del regno di Napoli fecero seguito negli anni molti reali rescritti, qualcuno dal contenuto di valore generale, la maggior parte volta alla 2 - Lunghe controversie si ebbero in particolare negli anni fra il 1570 ed il 1579, quando il potere politico si oppose con fermezza alle pretese dei vescovi, fondate sugli atti del Concilio di Trento, di ingerirsi nell'amministrazione degli istituti di beneficenza (G. LANDI, Istituzioni di diritto pubblico del Regno delle Due Sicilie , vol. I, Milano, 1977, p Il tribunale voluto dal Trattato di accomodamento tra la Santa Sede e la corte di Napoli, approvato e ratificato in giugno 1741 da papa Benedetto XIV e da re Carlo III si componeva di cinque membri, due ecclesiastici designati dal papa, due ecclesiastici o laici di nomina regia, altro ecclesiastico scelto dal papa in una terna proposta dal re. Essi dovevano essere tutti regnicoli e rimanevano in carica per tre anni. Il tribunale, che si riuniva a Napoli una volta la settimana o anche più, iniziò la sua attività nel 1742, con spese ripartite per metà fra i due sovrani. Per il testo integrale del Trattato di accomodamento o Concordato: F. DE ROSSI (a cura di), Istituzioni per l'amministrazione di beneficenza e luoghi pii laicali con tutte le altre diverse disposizioni emanate a tutto il dì 30 luglio 1856, Napoli, 1856, Appendice, pp

3 definizione di particolari questioni o alla sistemazione di emergenze di particolari istituti 4. Tutta questa normativa di varia efficacia configurò il principale strumento di cui il potere civile si servì per arginare i tentativi del clero volti ad ampliare la propria influenza sulle pie istituzioni e per combattere i molti abusi degli amministratori delle stesse, i quali spesso dilapidavano buona parte delle grosse somme di cui avevano il maneggio per la carica ricoperta. Con reale dispaccio del 23 settembre 1796 si ebbe la promulgazione di nuove istruzioni per la retta amministrazione dei luoghi pii laicali e misti, che rimasero in vigore sino al cosiddetto Decennio francese. Ne rappresentavano punti essenziali e qualificanti l'obbligo della formazione da parte di due incaricati di una nota di tutti i luoghi pii e delle cappelle sottoposti all'amministrazione del tribunale misto, che sieno di una certa opulenza ; la conservazione del detto tribunale, ma con attribuzioni più ampie, fra cui quella di sovraintendere come delegato del re all'elezione degli amministratori; l'obbligatorietà della reddizione dei conti nonchè del reimpiego dei capitali in corpi fruttiferi e sicuri; la scelta degli amministratori tra persone onorate e fornite di mezzi; la nomina del cassiere, da scegliersi possibilmente fra gli amministratori, ed infine la responsabilità di tutti gli amministratori 5. Le istruzioni del 1796, pur significando un sensibile progresso sulla strada della migliore organizzazione del sistema della pubblica beneficenza, consentivano tuttavia il perdurare dì situazioni negative quale quella che nella realtà un gran numero di istituti, peraltro neppure ben determinato, continuava a sottrarsi alla giurisdizione del tribunale misto 6. La vera riforma del sistema si ebbe solo durante il periodo francese con Giuseppe e Gioacchino Bonaparte, quando la pubblica beneficenza del regno ricevette un ordinamento rimasto immutato nella sostanza sino al Cfr. V. GILIBERTI, Polizia ecclesiastica del Regno delle Due Sicilie, Napoli, 1845, pp. 253 ss.; F. DE ROSSI, Istituzioni per l'amministrazione di beneficenza. cit., pp V. anche ARCHIVIO PROVINCIALE DI FOGGIA, Repertorio degli atti delle Opere pie, a cura di N. F. Faraglia, Foggia, 1902, pp Alle istruzioni in 30 articoli del 1796 tennero dietro gli ordini del Tribunale misto sotto la data del 17 gennaio 1797 (F. DE ROSSI, cit., pp ). 6 - Statistica del Regno d'italia, cit., p. X. 75

4 I decreti del 31 luglio 1806 n. 126 e del 13 settembre 1808 n. 171 attribuivano al ministero dell'interno la vigilanza su tutti gli stabilimenti di beneficenza, quello dell'11 febbraio 1809 n. 280 riuniva gli stabilimenti della capitale nell'amministrazione generale degli ospizi, su cui vigilava una commissione presieduta dall'intendente. Un ordinamento uniforme venne poi dato a tutto il regno con decreto del 16 ottobre 1809 n Nel capoluogo di ogni provincia era istituito il consiglio generale di amministrazione di tutti gli stabilimenti di beneficenza (chiamato in seguito per brevità consiglio degli ospizi), sotto la presidenza dell'intendente e del quale facevano parte il vescovo e tre consiglieri di nomina regia, scelti tra i proprietari del capoluogo su proposta dell'intendente; in ogni comune una commissione amministrativa di tre membri, anch'essa di nomina regia, fra cui il sindaco, per l'amministrazione delle opere pie locali 7. Il decreto del 30 aprile 1810 n. 618 stabiliva che gli ospizi di beneficenza erano considerati sezioni delle amministrazioni municipali godendo dei privilegi connessi; ciò ebbe valore anche per tutti gli istituti pii laicali, in forza del decreto del 2 dicembre 1813 n Altre precise norme si emanavano in relazione alla gestione delle rendite, alle forniture, alle alienazioni di beni, alle reddizioni di conti, alle azioni litigiose degli stabilimenti di beneficenza 8. Tutte queste disposizioni laicizzavano quasi completamente l'amministrazione e la tutela della beneficenza nelle province meridionali e la sottoponevano ad un effettivo ed incisivo controllo statale Le funzioni dei membri del consiglio generale di amministrazione e delle commissioni amministrative erano gratuite. Da ogni commissione dipendevano un segretario, un contabile ed un cassiere (artt. 2, 5, 6 del decreto 16 ottobre 1809 n. 493). 8 - Cfr. Istruzioni per l'amministrazione della Pubblica Beneficenza nelle province del Regno emanate il 15 marzo 1812 dal ministro dell'interno Zurlo; Istruzioni emesse dai Ministri dell'intemo e del Culto per l'esecuzione del decreto de' 2 dicembre 1813 circa i luoghi pii che dipendevano dall'abolito tribunale misto, datate 3 marzo 1814 (F. DE ROSSI, Istituzioni per l'amministrazione... cit., pp , ). 9 - Cfr. A. BALLANTI, L'ordinamento del fondo Opere pie dell'archivio di Stato di Caserta, in Rassegna degli Archivi di Stato, a. XX, 1961, p Alla forte iniziativa statale, che pesò oltremodo anche nelle opere assistenziali durante il Decennio francese accenna R. GIURA LONGO, Quadro sommario delle disposizioni pie nel Regno delle Due Sicilie ( ), in Archivio Storico Pugliese, a. XX, 1967, p

5 Anche dopo la restaurazione borbonica la pubblica beneficenza rimase organizzata come sotto il dominio francese, con qualche modifica di adattamento. Furono allora mantenuti sia i consigli degli ospizi operanti nei capoluoghi di provincia sia le commissioni amministrative comunali (r.d. 1 febbraio 1816 n. 269) restituendosi però alle Congregazioni e Pie Adunanze l'amministrazione dei beni che appartenevano al loro patrimonio nel 1805 e che avevano perduto durante il dominio francese 10. Il loro funzionamento ottenne una definitiva disciplina con le Istruzioni per l'amministrazione degli stabilimenti di beneficenza e dei luoghi pii laicali del regno emanate il 20 maggio 1820 dal segretario di stato e ministro degli affari interni Naselli e divenute in effetti la legge generale sulle Opere pie 11. L'art. 2 delle Istruzioni chiariva che erano stabilimenti di beneficenza e luoghi pii laicali gli ospedali, gli orfanotrofi, i conservatori o ritiri, i monti di pegni, i monti di maritaggio, i monti di elemosine, i monti frumentari, le arciconfraternite e congregazioni, le cappelle laicali e tutte quelle istituzioni, legati ed opere che sotto qualunque denominazione e titolo si trovavano o sarebbero state addette al sollievo degli infermi, degli indigenti e dei proietti. Al tempo della Restaurazione il clero riacquistò nella pubblica beneficenza parte dell'antico predominio, specie per effetto dei decreti 7 dicembre 1832 n (ispezione e vigilanza degli ordinari su tutto ciò che si riferisce al mantenimento delle chiese), 1 febbraio 1845 n (un altro ecclesiastico di nomina vescovile entra a far parte delle commissioni amministrative), 6 settembre 1852 n (i consigli degli ospizi sono formati da otto membri, per metà ecclesiastici, fatta eccezione per la provincia di Napoli) e dei rescritti del 4 marzo 1856 e 28 maggio 1857 (consegna agli ordinari di una quota dei beni delle pie fondazioni e resti LANDI, Istituzioni di diritto pubblico... cit., II, pp Per il testo delle istruzioni ed il loro collegamento con la normativa precedente e successiva: F. DE ROSSI, Istituzioni per l'amministrazione... cit., pp I consigli degli ospizi, distinti dalle altre amministrazioni e con ufficio proprio, dipendevano esclusivamente dal ministro degli affari interni ed erano formati, come si è detto, dall'intendente, presidente, dall'ordinario della diocesi del capoluogo, da tre consiglieri scelti tra i possidenti del capoluogo e da un segretario. 77

6 tuzione all'amministrazione ecclesiastica delle cappelle e delle congregazioni del SS. Corpo di Cristo) 12. Appartengono al periodo di transizione fra vecchio e nuovo regime politico nelle province del Mezzogiorno il decreto del prodittatore Pallavicino 23 ottobre 1860 ed il decreto luogotenenziale 17 febbraio 1861 n. 249, ambedue diretti a limitare l'ingerenza ecclesiastica nell'amministrazione delle opere pie laicali. Subito dopo la proclamazione dell'unità l'intento di riorganizzare la beneficenza su scala nazionale fece avviare studi ed indagini ufficiali che portarono alla legge del 3 agosto 1862 n. 753, di cui fu relatore il Minghetti. La legge, resa esecutiva con regolamento emanato lo stesso anno (r.d. 27 novembre n. 1007), dava un'amministrazione uniforme agli istituti di beneficenza. Con le modifiche dovute alla situazione, essa era sostanzialmente la legge piemontese 20 novembre 1859, seguita dal regolamento 18 luglio 1860, che veniva estesa a tutta l'italia di allora, e che aveva per base il libero ed autonomo regime degli enti pubblici di beneficenza 13. Molto criticata da alcuni, apprezzata da altri quale legge larga e liberale, istituiva in ogni comune la congregazione di carità con il compito di amministrare i beni destinati ai poveri Utili notizie per questo periodo si rinvengono in due articoli apparsi nel 1857 in Annali civili del Regno delle Due Sicilie, vol. LIX, e molto laudativi della pietà di Ferdinando II, durante il cui regno, oltre a numerosi stabilimenti di carità, furono fondati 81 monti di pegni o di prestanza e 452 monti frumentari. (D. MOSCHITTI, Delle istituzioni di beneficenza nei reali domini continentali da gennaio 1831 a tutto il 1856, fasc. CXX, luglio - agosto, pp ; E. CORDELLA, Uno sguardo sulla storia della beneficenza nei domini continentali del regno, fase. CXXII, novembre - dicembre, pp ) S. D'AMELIO, La beneficenza nel diritto italiano, Roma 1928, p La legge entrò in vigore l 1 gennaio 1863, cessando contemporaneamente l'esistenza delle disposizioni legislative sulle Opere pie prima vigenti nelle varie province italiane. Si divideva in VII titoli e 58 articoli. il titolo I (artt. 1-3) specificava quali erano le Opere pie soggette alla legge e quali erano escluse; il titolo II (artt. 4-7) riguardava l'amministrazione, il III (artt. 8-13) la parte economica e contabile, il IV (artt ) la tutela, il V (artt ) l'ingerenza governativa nell'amministrazíone, il VI (artt ) le congregazioni di carità, il VII (artt ) le disposizioni transitorie e finali. 78

7 I consigli degli ospizi e le commissioni amministrative di beneficenza delle province meridionali venivano sciolti di conseguenza (art. 34), e sostituiti rispettivamente dalle deputazioni provinciali e dalle congregazioni di carità 15. La legge del 1862, comunque voglia giudicarsi, svolse certamente con adeguatezza la sua funzione principale che era quella di surrogare con un sistema unico nazionale i vari sistemi della pubblica beneficenza degli stati preunitari 16. Ma di riforma della pubblica beneficenza fu necessario ricominciare a parlare ben presto, per i tanti inconvenienti che si continuarono a rilevare in materia (cattive gestioni, sperperi di capitali e di rendite, eccessive spese di amministrazione o di culto, ingerenze del clero ecc.) e non dimostrandosi, secondo l'opinione prevalente, le deputazioni provinciali all'altezza del compito loro affidato di tutelare le Opere pie 17. Lo stesso anno 1862 il ministero dell'interno avviò una statistica delle Opere pie, che venne pubblicata fra il 1868 ed il 1872 (Statistica del Regno d'italia. Le Opere pie nel 1861, in 15 volumi) e che fu seguita da un piano di riforma redatto dal direttore della beneficenza presso il ministero, comm La congregazione di carità era formata, nei comuni sino a 1000 abitanti, da un presidente nominato dal consiglio comunale ed in carica per 4 anni e da 4 membri eletti dal consiglio comunale, sempre rieleggibili, con rinnovo del quarto annualmente. Negli altri comuni i membri della congregazione erano Allo stato in cui erano le cose, data la corta esistenza di una vita nazionale, data la varietà delle consuetudini locali che conveniva piegare e costringere ad un sistema unico, quella legge era forse quanto di più e di meglio poteva farsi allora (G. GOZZOLI, L'inchiesta sulle Opere pie in Italia, in Nuova Antologia di Scienze, Lettere ed Arti, a. 1887, vol. XCI, p. 678). V.anche O. LUCCHINI, Le istituzioni pubbliche di beneficenza nella legislazione italiana. Esame nei fonti, nelle dottrine, nella giurisprudenza e nella pratica, della legge 17 luglio 1890, dei regolamenti per la sua attuazione, e delle leggi e regolamenti attinenti alla pubblica beneficenza, con una introduzione sopra la giustizia e la beneficenza nel presente momento storico e nel socialismo contemporaneo, Firenze 1894, p. XI G. GOZZOLI, L'inchiesta sulle Opere pie cit., p

8 Evandro Caravaggio, per il quale la tutela delle Opere pie si affidava quasi interamente ai comuni 18. Nel 1879 e nel 1880 si tennero a Napoli ed a Milano congressi nazionali sulla pubblica beneficenza che non ebbero alcun effetto sul piano pratico, ma furono utili per vivacizzare il problema. In essi venne richiesto fra l'altro il concentramento delle opere di beneficenza 19. Con decreto reale del 3 giugno 1880 fu nominata una commissione, voluta dal Depretis, coll'incarico di eseguire una particolareggiata inchiesta morale, economica ed amministrativa, e di studiare e di proporre quindi un piano generale di riordinamento che risponda allo spirito ed ai tempi ed alle mutate condizioni sociali. La commissione presieduta dal Correnti constatò la necessità di un'altra statistica delle Opere pie, essendo ormai arretrata ed incompleta quella del 1861 e l'indagine fu affidata alla direzione di statistica del regno, il cui responsabile, il comm. Bodio, faceva parte della commissione La statistica, compiuta dopo l'annessione del Veneto, non comprendeva il Lazio ed attribuiva alle Opere pie nel 1862 un patrimonio di un miliardo e 102 milioni. Nel 1876, sotto la spinta del parlamento, il ministro dell'intemo Nicotera costituiva una commissione per un nuovo progetto di riforma delle Opere pie, ma il relativo disegno di legge, che prevedeva dei consigli circondariali di beneficenza alle dipendenze di un consiglio superiore insediato presso il ministero dell'interno e che il Lucchini definirà assai severo (cit., p. XII), non ebbe sviluppo per la caduta di Nicotera. Nel lavoro del CARAVAGGIO, L'ordinamento della beneficenza ed assistenza pubblica in Italia, Roma, 1877, si leggeva fra l'altro che nel 1874 si erano trovate 3218 Opere pie senza inventario, 5038 senza bilancio, 2226 senza tesoriere, senza rendiconti, con rendiconti non approvati dalle deputazioni provinciali; che gli stessi prefetti non potevano conoscere con precisione il numero delle Opere pie della loro provincia e che forte era in queste lo squilibrio fra spese di amministrazione e spese di beneficenza. Cfr. P. VILLANI, La riforma della beneficenza, in Nuova antologia, 1890, s. II, vol. XVIII, p Cfr. Congresso Italiano per la riforma e l ordinamento delle Opere Pie tenuto in Napoli in marzo 1879, Napoli, E per i Congressi successivi, cfr. Atti del II Congresso Nazionale delle Opere pie tenuto a Firenze nel 1893, Firenze, 1893; Atti del III Congresso Nazionale delle Opere pie tenuto a Genova nel 1896, Genova, 1897; Atti del IV Congresso Nazionale delle Opere pie tenuto in Torino nel 1898, Bologna, Diversamente dall'inchiesta amministrativa, mai fatta, quella statistica era completa per tutte le province alla fine del 1887, cominciandosi anche a stamparla. Il patrimonio lordo di tutte le Opere pie (21766, con esclusione di quelle di credito, come monti di pietà, monti frumentari, casse di prestanze agrarie, che avevano la natura 80

9 La nuova norma fondamentale per le istituzioni di pubblica beneficenza si ebbe solo dieci anni dopo, con la legge 17 luglio 1890 n. 6972, su progetto di riforma del Crispi, allora presidente del consiglio 21. Essa stabiliva il concentramento delle istituzioni nelle congregazioni di carità. Queste avevano la cura degli interessi dei poveri del comune e la loro rappresentanza innanzi alle autorità amministrative e giudiziarie e dovevano perseguire la migliore amministrazione delle istituzioni nonchè il coordinamento delle loro attività nell'ambito del comune. Nelle congregazioni di carità venivano a concentrarsi, ma senza che per questo vi fosse estinzione della loro personalità o confusione dei patrimoni (art. 61), le istituzioni elemosiniere che provvedevano a prestazioni annuali fatte agli indigenti, o di denaro o di cibi o di indumenti o di medicinali (art. 54), le istituzioni pubbliche di beneficenza esistenti nel comune con rendita netta non superiore a lire 5.000, quelle miranti a beneficiare gli abitanti di uno o più comuni che insieme riuniti non superassero i abitanti, quelle cui fosse venuta a mancare l'amministrazione e la rappresentanza per difetto di disposizioni nell'atto di fondazione (art. 56). Il concentramento disposto dall'art. 56 era d'obbligo, ma si consentivano delle eccezioni 22. Vari e numerosi istituti difatti si escludevano da questa misura (art. 59), come quelli per i bambini lattanti e per il baliatico, i brefotrofi, gli asili e gli altri istituti per l'infanzia, gli istituti ospedalieri ed i manicomi fondati a beneficio di uno o più comuni che uniti avessero giuridica di Opere pie, ma il cui scopo principale era diverso dalla beneficenza) ascendeva nel 1880, in cifra tonda, a 1705 milioni di lire. In proposito cfr. G. GOZZOLI, L'inchiesta sulle Opere pie... cit., p. 683; C. FERRARIS, Le istituzioni di beneficenza davanti al Parlamento, in Nuova Antologia, a. 1889, vol. XX, s. III, pp ; O. LUCCHINI, Le istituzioni pubbliche di beneficenza... cit., p. XIII. Da tener presente anche il recente lavoro di S. LEPRE, Opere pie anno '80. L'inchiesta conoscitiva economico-morale-amministrativa presieduta da Cesare Correnti, in Istituzioni e borghesia locale nell'italia liberale, a cura di M. BIGARAN (Quaderni della Fondazione Basso, 4), Milano, 1986, pp , poi riprodotto con modifiche, integrazioni e note in La difficoltà dell'assistenza. Le opere pie in Italia fra '800 e '900, Roma, 1988, pp Sul differente spirito informatore delle due leggi organiche sulla beneficenza in Italia, cfr. V. BIONDI, La beneficenza legale, in PRIMO trattato completo di diritto amministrativo italiano, a cura di V. E. ORLANDO, vol. VIII, Milano, 1905 p In assenza del concentramento si prevedeva la riunione delle istituzioni per gruppi, alle dipendenze di una o più amministrazioni, secondo l'affinità dello scopo rispettivo (art. 58). 81

10 non meno di abitanti, gli istituti di beneficenza per l'istruzione e l'educazione e quelli che fornivano ricovero a nubili, vedove o persone incapaci di procurarsi i mezzi di sussistenza, i riformatori e le case di custodia o di correzione, gli istituti di beneficenza di ogni specie mantenuti principalmente con volontarie sottoscrizioni od oblazioni o con altre entrate eventuali 23. La legge del 1890, per la cui esecuzione si pubblicarono con r.d. 1 febbraio 1891 n. 99 i relativi regolamenti amministrativo e di contabilità, non modificò molto il sistema della pubblica beneficenza nelle province meridionali. Qui infatti il concentramento delle Opere pie si era già avuto sin dal 1809 e, diversamente dalle altre province, numerosissime erano le istituzioni già amministrate dalla congregazione di carità 24. Esse con qualche modifica ebbero vigore sino al ventennio fascista. Nel 1900 la direzione generale di statistica eseguì una nuova indagine sulle Opere pie. Le 33 voci della classificazione del 1890 salirono a 54, per l'aggiunta di istituti di nuovo tipo, come colonie climatiche, patronati scolastici, educatori, ricreatori, cucine economiche, asili notturni Potevano sottrarsi al concentramento o al raggruppamento le istituzioni, anche elemosiniere, le quali, per la rilevanza del loro patrimonio, per la loro indole o per speciali condizioni di esercitare la beneficenza, richiedessero una separata amministrazione (art. 60). Le istituzioni concentrate nella congregazione o raggruppate mantenevano separati i patrimoni. Gli istituti di beneficenza di una provincia, previa autorizzazione della G.P.A., potevano consorziarsi per erogare in comune la rispettiva beneficenza, mediante la fondazione di ricoveri di mendicità, di ospedali, riformatori o di altre con simili istituzioni (art. 61) A. CARUSO, Gli Archivi degli Enti Comunali di Assistenza in Notizie degli Archivi di Stato, a. XIV, 1954, I, pp Negli anni 80 e 90 apparve una nutrita serie di pubblicazioni statistiche ufficiali, che testimoniano della grande attenzione dedicata dallo stato ai problemi della pubblica beneficenza: Notizie sommarie di statistica delle Opere pie esistenti nel Regno alla fine dell'anno 1877, Roma, 1880 (a cura del ministro dell'interno); Atti della Commissione Reale per l'inchiesta sulle Opere pie del Regno, Roma, , voll. 8; Statistica delle Opere pie e delle spese di beneficenza sostenute dai Comuni e dalle Province, 1880, Roma, , voll. 10 (l'ultimo volume riporta i dati per Abruzzi e Molise, Puglia, Basilicata e Calabria ed il Riassunto generale per il Regno); Atti della Commissione Reale d'inchiesta sulle Opere Pie. Relazione del Direttore gen. della Statistica sui risultati generali dell'inchiesta statistica sulle Opere Pie. Roma 1898; Statistica amministrativa degli Ospedali, Roma 1892; Statistica delle Confraternite, anni , Roma, , voll. 2; Statistica dell'infanzia abbandonata, anni , Roma,

11 Il numero delle Opere pie ascese a , con un patrimonio lordo di lire , tra fondi rustici e fabbricati, titoli garantiti dallo stato, e altri proventi, canoni, redditi. L'indagine fu pubblicata con molte notizie in Annuario statistico del Per conseguire il migliore coordinamento nell'attività delle istituzioni pubbliche e private fu emanata la l. 18 luglio 1904 n. 390 seguita dal regolamento 1 gennaio 1905 con cui presso ogni prefettura veniva istituita la commissione provinciale di assistenza e beneficenza e presso il ministero dell'intemo il consiglio superiore dell'assistenza e beneficenza pubblica con un proprio servizio ispettivo. Ambedue soppressi nel 1923, con r.d. 4 febbraio n. 214 essendosi dimostrati incapaci di raggiungere gli scopi per i quali erano stati istituiti, e le loro attribuzioni trasferite alla giunta provinciale amministrativa ed al prefetto, e quelle del consiglio superiore al consiglio di stato. Una sostanziale riforma della legge del 1890 si ebbe poi con r.d. 30 dicembre 1923 n. 2841, da ricordare anche perchè sostituì all'espressione istituzioni pubbliche di beneficenza quella, ancora attuale, di istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza. Con l. 13 giugno 1935 n. 2344, il governo ricevette la facoltà di riunire in testo unico le molte norme vigenti in materia di beneficenza, nonchè di modificare, integrare e coordinare le disposizioni vigenti 26. Si giungeva cosí alla legge del 3 giugno 1937, n. 847, istitutiva in ogni comune dell'ente comunale di assistenza con lo scopo di assistere gli individui e le famiglie che si trovino in condizioni di particolari necessità G. BRUNACCI, Le Opere pie in Italia dal 1862 ad oggi, in Nuova Antologia, a. 1924, vol. CCXXXVI, s. IV, fasc. 1255, p. 76 e segg Cfr. NUOVO Digesto Italiano, IX: Opere pie, a cura di LUIGI SIGNORELLI, pp Gli E.C.A. erano amministrati da un comitato presieduto dal podestà e di cui facevano parte un rappresentante del Fascio di combattimento, designato dal segretario del Fascio, la segretaria del Fascio femminile, rappresentanti delle associazioni sindacali in numero da 4 a 8 a seconda della popolazione del comune, nominati dal prefetto su proposta delle Associazioni sindacali legalmente riconosciute, che appartenessero al comune per esercizio di attività produttiva e che duravano in carica quattro anni, potendo anche essere confermati (art. 2). I comitati degli E.C.A. ebbero altra composizione dopo la fine del regime fascista. 83

12 L'assistenza era generica, immediata e temporanea e prevedeva soccorsi in denari o in natura o prestazioni, come sussidi, razioni di vitto, ricovero notturno ecc. Le congregazioni di carità cessavano di esistere e tutte le loro attribuzioni passavano ai nuovi enti: per l'art. 6 della legge sono di diritto trasferiti ad ogni Ente comunale di assistenza il patrimonio della Congregazione di carità del rispettivo comune; le attività a quella spettanti per qualsiasi titolo, e l'amministrazione delle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza ad essa affidate. Era prevista entro un anno la fusione con l'e.c.a. di quelle istituzioni pubbliche di assistenza e di beneficenza e delle altre opere esistenti nel comune che avevano lo stesso fine (art. 7); le istituzioni con fini diversi dalla assistenza generica, immediata e temporanea, quali ospedali, ricoveri di vecchi ed inabili, orfanotrofi, già amministrate dalla congregazione dii carità, restavano invece sottratti alla fusione, e se ne prevedeva il decentramento con amministrazione autonoma 28. Rigoroso si prefigurava il controllo dello stato sull'ente: entro il 30 giugno di ogni anno questo era tenuto a presentare all'approvazione del prefetto della provincia il programma dell'attività assistenziale dell'anno successivo, accompagnato da una particolareggiata relazione sull'opera svolta nell'anno precedente (art. 9) Con la fusione nell'e.c.a., e diversamente dal concentramento, le istituzioni perdevano la personalità giuridica, estinguendosi, ed il loro patrimonio, senza alcuna distinzione, diveniva il patrimonio del nuovo ente. Questo patrimonio unico s'incrementava con somme che annualmente erano assegnate sul provento dell'addizionale istituito con r.d.l. 30 dicembre 1936 n. 2171, e con le elargizioni degli enti pubblici e di privati (CARUSO, Gli Archivi degli Enti... cit., p. 25). 84

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche 4 SCHEDA DI RILEVAZIONE - SOGGETTO PRODUTTORE ENTE 4 Codice Ente Denominazione Denominazione parallela Sede Ente Comunale di Assistenza

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE DI DIRITTO PRIVATO

STATUTO FONDAZIONE DI DIRITTO PRIVATO STATUTO DI DIRITTO PRIVATO ART. 1 COSTITUZIONE La Fondazione "Opere Laiche Palatine Pugliesi", istituita con D.P.R. 29 ottobre 2010 n. 263, già Ente Morale Opere Laiche Palatine Pugliesi istituito con

Dettagli

Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1)

Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1) Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1) Disposizioni urgenti in materia sanitaria e socio-assistenziale. (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 19 gennaio 1993, n. 14 e convertito in legge, con modificazioni,

Dettagli

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona.

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona. 1) Costituzione, denominazione, natura E costituita una fondazione, a norma degli artt. 14 e segg. del codice civile, denominata Fondazione Cattolica Assicurazioni. La Fondazione è persona giuridica di

Dettagli

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ).

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). Art. 1 Il Consiglio regionale per la Sardegna è eletto a suffragio universale con voto diretto,

Dettagli

LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE

LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE POLITICHE SOCIOSANITARIE I.P.A.B. - Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza SCHEDA ISTITUZIONALE ENTI AUTONOMI

Dettagli

STATUTO della FONDAZIONE CONTE CARLO BUSI ONLUS

STATUTO della FONDAZIONE CONTE CARLO BUSI ONLUS STATUTO della FONDAZIONE CONTE CARLO BUSI ONLUS Art.1 - Denominazione, sede ed origine - 1. Ai sensi dell art.14 e seguenti del Codice Civile è costituita la fondazione denominata Fondazione Conte Carlo

Dettagli

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 LE LEGGI ELETTORALI Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 Introduce sul modello francese il consiglio come assemblea rappresentativa. Regno Subalpino Regno di Sardegna Legge

Dettagli

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina 16 La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina Con l'emanazione del D. Lgs. 21 aprile 1993, n. 124 come modificato dalla L. 8 agosto 1995,

Dettagli

Secondo una prima, favorita da chi si riconosce nella tesi dello stato sociale come stato dei trasferimenti il consumatore dei servizi di welfare è

Secondo una prima, favorita da chi si riconosce nella tesi dello stato sociale come stato dei trasferimenti il consumatore dei servizi di welfare è 1 2 Secondo una prima, favorita da chi si riconosce nella tesi dello stato sociale come stato dei trasferimenti il consumatore dei servizi di welfare è un mero utente degli stessi e pertanto un soggetto

Dettagli

SOMMARIO CAPO III. - Albo delle pubblicazioni CAPO IV. - Norme transitorie

SOMMARIO CAPO III. - Albo delle pubblicazioni CAPO IV. - Norme transitorie Centro Servizi Anziani Adria STATUTO 2004 SOMMARIO CAPO I Art. 1 - Origine Art. 2 - Scopi Art. 3 - Denominazione e sede Art. 4 - Patrimonio Art. 5 - Mezzi Art. 6 - Norme che regolano i servizi CAPO II

Dettagli

Dalle leggi Casati e Siccardi ai decreti Pepoli

Dalle leggi Casati e Siccardi ai decreti Pepoli Dalle leggi Casati e Siccardi ai decreti Pepoli MOTIVAZIONE E PERCORSO SEGUITO Il nostro lavoro parte dalla domanda sul rapporto che c è tra la nascita della nostra scuola e l unità d Italia. Le origini

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

SOSTENTAMENTO DEL CLERO CATTOLICO

SOSTENTAMENTO DEL CLERO CATTOLICO SOSTENTAMENTO DEL CLERO CATTOLICO PRIMA DEL 1984 Prodotti per la didattica Grafica A. Cimbalo - L. Piccini Testi F. Botti Corso di Diritto Ecclesiastico prof. Giovanni Cimbalo L. 29 maggio 1855 Regno di

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO ONLUS

STATUTO DELLA FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO ONLUS STATUTO DELLA FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO ONLUS Art. 1 Denominazione e sede E costituita una fondazione avente le caratteristiche di organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus) sotto

Dettagli

Allegato 1: Legge sulla Chiesa cattolica

Allegato 1: Legge sulla Chiesa cattolica Allegato 1: Legge sulla Chiesa cattolica (del 16 dicembre 2002) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO - visto il messaggio 18 settembre 2001 no. 5159 del Consiglio di Stato; - visto il rapporto

Dettagli

STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni. Art. 1 Ambito di applicazione

STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni. Art. 1 Ambito di applicazione STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il «Fondo Assistenza Sanitaria» (FAS) assicura l assistenza

Dettagli

LA CONDIZIONE DEGLI ENTI ECCLESIASTICI IN ITALIA NELLE VICENDE POLITICO-GIURIDICHE DEL XIX SECOLO

LA CONDIZIONE DEGLI ENTI ECCLESIASTICI IN ITALIA NELLE VICENDE POLITICO-GIURIDICHE DEL XIX SECOLO LA CONDIZIONE DEGLI ENTI ECCLESIASTICI IN ITALIA NELLE VICENDE POLITICO-GIURIDICHE DEL XIX SECOLO INDICE INTRODUZIONE 01. Premessa... p. XVII 02. Finalità della ricerca e questioni metodologiche...» XX

Dettagli

Statuto della Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus

Statuto della Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus Statuto della Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus 1 STATUTO DELLA FONDAZIONE DELLA COMUNITA DI MONZA E BRIANZA ONLUS ART.1 DENOMINAZIONE E SEDE E costituita una fondazione, con le caratteristiche

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE STATUTO

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE STATUTO FONDAZIONE Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE STATUTO EDIZIONE n/04 REVISIONI N. Descrizione Data 0 Gennaio 2004 1 Inserimento indice, modifiche grafiche

Dettagli

FONDAZIONE GEROLAMO GASLINI NUOVO STATUTO. Art. 1 (Denominazione e Sede)

FONDAZIONE GEROLAMO GASLINI NUOVO STATUTO. Art. 1 (Denominazione e Sede) FONDAZIONE GEROLAMO GASLINI NUOVO STATUTO Art. 1 (Denominazione e Sede) La Fondazione "Gerolamo Gaslini", costituita dal Fondatore Gerolamo Gaslini con atto Notaio Schiaffino del 28 Novembre 1949, ha personalità

Dettagli

OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS

OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS ERETTA IN CERCENASCO STATUTO ORGANICO UMBERTO I PER GRAZIA DI DIO E VOLONTA DELLA NAZIONE RE D ITALIA Sulla proposta del Nostro Ministro Segretario di Stato per gli affari dell

Dettagli

Deliberazione n. 1/pareri/2005

Deliberazione n. 1/pareri/2005 Deliberazione n. 1/pareri/2005 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Enrico Gustapane (relatore) dott. Mario Donno dott.

Dettagli

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto 1 Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto (Approvato con delibera della Giunta regionale della regione Lazio in data 01 luglio 2008 n. 461) 1 Capo I Origine - Sede Fini Redditi

Dettagli

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi Tappe della trasformazione fascista dello Stato Gli eventi DESTRA CENTRO SINISTRA GRUPPI POLITICI SEGGI Partito Comunista d'italia 19 Partito Socialista Italiano 22 Partito Socialista Unificato 24 Partito

Dettagli

FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC ONLUS

FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC ONLUS FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC ONLUS STATUTO Art.1 E istituita in Milano la Fondazione CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA C.D.E.C. Organizzazione non lucrativa

Dettagli

Disciplina delle professioni sanitarie ausiliarie infermieristiche e di igiene sociale, nonché dell'arte ausiliaria di puericultrice.

Disciplina delle professioni sanitarie ausiliarie infermieristiche e di igiene sociale, nonché dell'arte ausiliaria di puericultrice. L. 19 luglio 1940, n. 1098 (1). Disciplina delle professioni sanitarie ausiliarie infermieristiche e di igiene sociale, nonché dell'arte ausiliaria di puericultrice. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti STATUTO Art. 1 Natura La Caritas diocesana di Locri-Gerace è l organismo pastorale istituito dal Vescovo al fine dì promuovere latestimonianza della carità della comunità diocesana e delle comunità parrocchiali,

Dettagli

storia del mutuo soccorso

storia del mutuo soccorso Gli interventi in ambito sanitario nella Stefano Maggi storia del mutuo soccorso Docente di Storia contemporanea Università di Siena Presidente Fondazione Cesare Pozzo per la mutualità Le mani intrecciate,

Dettagli

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE III L ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE DELLA CHIESA IN ITALIA PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ----------------------------------------------------------

Dettagli

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche 6 SCHEDA DI RILEVAZIONE - COMPLESSO ARCHIVISTICO 3 Codice Ente Codice complesso Qualifica del complesso archivistico fondo uniformata locale

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE DI RELIGIONE E DI CULTO S. I. C. A. R. Solidarietà, Integrazione, Cooperazione, Annuncio, Reciprocità

STATUTO DELLA FONDAZIONE DI RELIGIONE E DI CULTO S. I. C. A. R. Solidarietà, Integrazione, Cooperazione, Annuncio, Reciprocità STATUTO DELLA FONDAZIONE DI RELIGIONE E DI CULTO S. I. C. A. R. Solidarietà, Integrazione, Cooperazione, Annuncio, Reciprocità Articolo 1 NATURA E SEDE 1. La Fondazione di religione e di culto S.I.C.A.R.

Dettagli

S T A T U T O DELL ASILO INFANTILE "A. CAMUSSONI" DI ALBAIRATE

S T A T U T O DELL ASILO INFANTILE A. CAMUSSONI DI ALBAIRATE S T A T U T O DELL ASILO INFANTILE "A. CAMUSSONI" DI ALBAIRATE DENOMINAZIONE - SEDE ORIGINE NATURA GIURIDICA ART. 1 La Scuola dell Infanzia ALESSANDRO CAMUSSONI, con sede in Albairate Via Roma n. 22, ebbe

Dettagli

LA FONDAZIONE GIORGIO CINI Statuto

LA FONDAZIONE GIORGIO CINI Statuto LA FONDAZIONE GIORGIO CINI Statuto Articolo l Con atto 20 aprile 1951, rogato dal Notaio Capo di Roma, il Conte Vittorio Cini ha istituito, anche a nome della propria Famiglia, in ricordo della generosa

Dettagli

STATUTO AMICIZIA MISSIONARIA ONLUS. Art.1

STATUTO AMICIZIA MISSIONARIA ONLUS. Art.1 STATUTO AMICIZIA MISSIONARIA ONLUS Art.1 E costituita ai sensi degli articoli 36, 37 e 38 del Codice civile, nonchè del D. Lgs. 4 dicembre 1997 n. 460, una associazione denominata AMICIZIA MISSIONARIA

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA L. 13 maggio 1983, n. 197. Ristrutturazione della Cassa depositi e prestiti. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; la seguente legge: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

ARTICOLO 1. Denominazione e sede. Luce Organizzazione non Lucrativa di Utilità Sociale più. brevemente Associazione FARFALLE di LUCE ONLUS avente le

ARTICOLO 1. Denominazione e sede. Luce Organizzazione non Lucrativa di Utilità Sociale più. brevemente Associazione FARFALLE di LUCE ONLUS avente le ARTICOLO 1 Denominazione e sede È costituita l Associazione denominata Associazione Farfalle di Luce Organizzazione non Lucrativa di Utilità Sociale più brevemente Associazione FARFALLE di LUCE ONLUS avente

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA L. 13 maggio 1983, n. 197. Ristrutturazione della Cassa depositi e prestiti. (Testo integrato con le modifiche apportate dall'art. 7, D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 284; dall'art. 13, L. 24 dicembre 1993, n.

Dettagli

Legge Regionale N. 18 Del 04-03-1977 REGIONE CAMPANIA

Legge Regionale N. 18 Del 04-03-1977 REGIONE CAMPANIA Legge Regionale N. 18 Del 04-03-1977 REGIONE CAMPANIA >. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede STATUTO DELLA FONDAZIONE Articolo 1 Denominazione e Sede La Fondazione di interesse collettivo denominata Fondazione San Bortolo O.N.L.U.S. è costituita ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile

Dettagli

NATO DELLA REPUBBLICA

NATO DELLA REPUBBLICA NATO DELLA REPUBBLICA Vili LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa del senatore MURMURA (M. 34) COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 20 GIUGNO 1979 Modifica agli articoli 21, 22, 23 e 24 del decreto del Presidente

Dettagli

Fondazione Vodafone Italia

Fondazione Vodafone Italia TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Articolo I Denominazione, sede e durata É costituita una Fondazione sotto la denominazione Fondazione Vodafone Italia La Fondazione ha sede legale a Milano, Via Lorenteggio,

Dettagli

STATUTO PERSONA GIURIDICA PRIVATA. (ex Ipab) FONDAZIONE SCUOLA PARITARIA PER L INFANZIA P. CAPRETTINI GOTTOLENGO BS ORIGINI ART.1

STATUTO PERSONA GIURIDICA PRIVATA. (ex Ipab) FONDAZIONE SCUOLA PARITARIA PER L INFANZIA P. CAPRETTINI GOTTOLENGO BS ORIGINI ART.1 STATUTO PERSONA GIURIDICA PRIVATA (ex Ipab) FONDAZIONE SCUOLA PARITARIA PER L INFANZIA P. CAPRETTINI GOTTOLENGO BS ORIGINI ART.1 La Scuola d Infanzia Fondazione Pietro Caprettini ebbe origine su donazione

Dettagli

ALLEGATO "A" AL N. 35401 DI FASCICOLO STATUTO DI FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE Fondazione il Bene. Art. 1 Denominazione, sede e durata

ALLEGATO A AL N. 35401 DI FASCICOLO STATUTO DI FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE Fondazione il Bene. Art. 1 Denominazione, sede e durata ALLEGATO "A" AL N. 35401 DI FASCICOLO STATUTO DI FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE Fondazione il Bene Art. 1 Denominazione, sede e durata E costituita la fondazione denominata Fondazione il Bene, di seguito

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D IPARTIMENTO PER GLI AFFARI REGIONALI, LE AUTONOMIE E LO SPORT

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D IPARTIMENTO PER GLI AFFARI REGIONALI, LE AUTONOMIE E LO SPORT Ritenuto che risulta dimostrato l interesse pubblico concreto ed attuale alla revoca del provvedimento in esame; Decreta: Art. 1. Il decreto dirigenziale n. 3/CC/2013 regione Calabria del 30 gennaio 2013

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1832 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GARRAFFA, BARATELLA, BATTAGLIA Giovanni, BATTISTI, COLETTI, DATO, FASSONE, FILIPPELLI, FLAMMIA, FORMISANO, LIGUORI,

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 24 DICEMBRE 1957, n. 1295 (GU n. 009 del 13/01/1958) COSTITUZIONE DI UN ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO CON SEDE IN ROMA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.9 DEL 13 GENNAIO 1958) URN: urn:nir:stato:legge:1957-12-24;1295

Dettagli

FONDAZIONE.. STATUTO. Articolo 1 Istituzione, sede e caratteristiche della Fondazione

FONDAZIONE.. STATUTO. Articolo 1 Istituzione, sede e caratteristiche della Fondazione FONDAZIONE.. STATUTO Articolo 1 Istituzione, sede e caratteristiche della Fondazione E costituita, ai sensi dell art. 14 e ss. Del Codice Civile, una Fondazione denominata... Essa potrà far uso della denominazione

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul STATUTO DELLA FONDAZIONE ARETINA DI STUDI SUL CLASSICISMO Art.1 - Denominazione e sede Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul classicismo costituiscono la Fondazione Aretina

Dettagli

STATUTO della FONDAZIONE TEDA per l'autismo ONLUS

STATUTO della FONDAZIONE TEDA per l'autismo ONLUS STATUTO della FONDAZIONE TEDA per l'autismo ONLUS Art. 1 - Denominazione E' costituita una Fondazione ONLUS con la denominazione "Fondazione TEDA per l'autismo - ONLUS". Art. 2 - Sede La Fondazione ha

Dettagli

I - Le radici dell affido. L albero dell affido Attività formativa dell Associazione Murialdo gennaio-giugno 2006

I - Le radici dell affido. L albero dell affido Attività formativa dell Associazione Murialdo gennaio-giugno 2006 I - Le radici dell affido L albero dell affido Attività formativa dell Associazione Murialdo gennaio-giugno 2006 Cosa è affidamento? L affidamento familiare, previsto dalla legge 184/1983 così come modificata

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

TITOLO I. Art. 1. Art. 2.

TITOLO I. Art. 1. Art. 2. D.Leg. 5 marzo 1948, n. 121. Provvedimenti a favore di varie regioni dell'italia meridionale e delle Isole. (G.U.R.I. 15-03-1948, n. 63). TITOLO I Opere varie di competenza del Ministero dei lavori pubblici

Dettagli

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 10 novembre 2014 Individuazione delle sedi degli uffici del giudice di pace mantenuti ai sensi dell'articolo 3 del decreto legislativo 7 settembre 2012, n. 156. (14A09312)

Dettagli

MODELLO STATUTO - ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE

MODELLO STATUTO - ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE MODELLO STATUTO - ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE Titolo I - Natura e finalità dell'associazione Art. 1 (Natura) È costituita ai sensi della legge 7 dicembre 2000 n. 383, della legge regionale 24 dicembre

Dettagli

MODELLO STATUTO Titolo I Natura e finalità dell'associazione. Art. 1. (Natura)

MODELLO STATUTO Titolo I Natura e finalità dell'associazione. Art. 1. (Natura) MODELLO STATUTO Titolo I Natura e finalità dell'associazione Art. 1 (Natura) È costituita ai sensi della legge 7 dicembre 2000 n. 383 l'associazione di promozione sociale denominata (di seguito, Associazione),

Dettagli

STATUTO CASA PIA DEI CEPPI

STATUTO CASA PIA DEI CEPPI STATUTO CASA PIA DEI CEPPI Art. 1 Origini storiche La Casa Pia dei Ceppi è il più antico ente benefico della città di Prato. Prima ci fu il Ceppo Vecchio, fondato nel 1282 da Monte Turino de Pugliesi,

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1) 1.1 È costituita una Associazione denominata Centro Studi Americani (di seguito il Centro ). L Associazione non ha scopi

Dettagli

Gli enti previdenziali pubblici e la loro organizzazione di Antonino Sgroi

Gli enti previdenziali pubblici e la loro organizzazione di Antonino Sgroi Gli enti previdenziali pubblici e la loro organizzazione di Antonino Sgroi 1. SOMMARIO 1. Profili generali 2. Istituto nazionale della previdenza sociale I.N.P.S. 3. Istituto nazionale per l assicurazione

Dettagli

STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE E FINALITA DELL ENTE

STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE E FINALITA DELL ENTE STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE E FINALITA DELL ENTE ART.1 Costituzione e sede E costituito in Milano con sede in Piazza Castello, 3 la Fondazione E.S.A.E. Tale Ente, Ente Morale di diritto privato a norma

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO Approvato dall Assemblea il 10 marzo 2011 Art. 1 Costituzione 1. È costituita l associazione di volontariato

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. Titolo I. Costituzione e scopi. E' costituita, con sede in Vignola, Via Papa Giovanni Paolo II, l Associazione

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. Titolo I. Costituzione e scopi. E' costituita, con sede in Vignola, Via Papa Giovanni Paolo II, l Associazione STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE Titolo I Costituzione e scopi Art. 1 E' costituita, con sede in Vignola, Via Papa Giovanni Paolo II, l Associazione culturale denominata. Art. 2 L'Associazione, senza

Dettagli

STATUTO (Atto pubblico registrato in Fermo il 08/08/2013 al n.2777 serie 1T; approvato dalla Regione Marche con decreto n. 115/ACG del 12/11/2013)

STATUTO (Atto pubblico registrato in Fermo il 08/08/2013 al n.2777 serie 1T; approvato dalla Regione Marche con decreto n. 115/ACG del 12/11/2013) STATUTO (Atto pubblico registrato in Fermo il 08/08/2013 al n.2777 serie 1T; approvato dalla Regione Marche con decreto n. 115/ACG del 12/11/2013) Art.1 - Denominazione, natura e sede La Fondazione Sagrini

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE IL NOSTRO DOMANI ONLUS (come modificato il 9/2/2006)

STATUTO DELLA FONDAZIONE IL NOSTRO DOMANI ONLUS (come modificato il 9/2/2006) STATUTO DELLA FONDAZIONE IL NOSTRO DOMANI ONLUS (come modificato il 9/2/2006) ART. 1 COSTITUZIONE Su iniziativa del Coordinamento Provinciale Associazioni Handicappati (C.P.A.H.), del Comune di Treviso,

Dettagli

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente)

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L ENPAM (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza medici è fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato;

Dettagli

Statuto. Art. 1 - Costituzione. Art. 2 - Sede. Art. 3 - Scopi dell Associazione

Statuto. Art. 1 - Costituzione. Art. 2 - Sede. Art. 3 - Scopi dell Associazione Statuto Associazione per il Gemellaggio Prato - Ebensee Art. 1 - Costituzione Per iniziativa del Comune di Prato e dell ANED sezione di Prato è costituita, ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile,

Dettagli

LO STATUTO. Fondazione Banca San Paolo di Brescia. Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE

LO STATUTO. Fondazione Banca San Paolo di Brescia. Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE È istituita la Fondazione denominata "Fondazione Banca San Paolo di Brescia" al fine di assicurare, con un nuovo strumento adeguato alla vigente legislazione, la prosecuzione

Dettagli

STATUTO CON SEDE IN VENEZIA. Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione. Art. 2. La Deputazione ha personalità giuridica e sede in Venezia.

STATUTO CON SEDE IN VENEZIA. Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione. Art. 2. La Deputazione ha personalità giuridica e sede in Venezia. STATUTO DELLA DEPUTAZIONE DI STORIA PATRIA PER LE VENEZIE CON SEDE IN VENEZIA Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione Art. 1. La Deputazione di storia patria per le Venezie è un associazione che

Dettagli

FONDAZIONE APOSTOLICA Ente patrimoniale della Chiesa Apostolica in Italia STATUTO

FONDAZIONE APOSTOLICA Ente patrimoniale della Chiesa Apostolica in Italia STATUTO FONDAZIONE APOSTOLICA Ente patrimoniale della Chiesa Apostolica in Italia STATUTO Articolo 1. E costituita la Fondazione apostolica (ente patrimoniale della Chiesa Apostolica in Italia) che rappresenta

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE NELLE FABBRICERIE

CONTROLLO DI GESTIONE NELLE FABBRICERIE A cura di CONTROLLO DI GESTIONE NELLE FABBRICERIE Flavio Galantucci Dottore commercialista in Firenze, Consigliere Opera di Santa Maria del Fiore, Delegato Associazione Fabbricerie Italiane DEFINIZIONE

Dettagli

CONSERVAZIONE E TUTELA DEGLI ARCHIVI STORICI ITALIANI

CONSERVAZIONE E TUTELA DEGLI ARCHIVI STORICI ITALIANI CONSERVAZIONE E TUTELA DEGLI ARCHIVI STORICI ITALIANI La tutela sul patrimonio archivistico italiano viene esercitata dallo Stato. Essa assume diverse forme e intensità in relazione alla natura giuridica

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE ARTICOLO 1 = COSTITUZIONE E' costituita, senza scopo di lucro, tra 48 soci promotori un'associazione sotto la denominazione: PROCOSTA- Associazione per lo sviluppo e la

Dettagli

Art. 1. Art. 4. Art. 2

Art. 1. Art. 4. Art. 2 LEGGE 24 DICEMBRE 1969, N. 991 Adeguamento delle pensioni degli avvocati e dei procuratori (Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 1970 ed in vigore dal 4 gennaio 1970) Art. 1 Il secondo

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica ; il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, con particolare riguardo all articolo 3-septies

Dettagli

Allegato "A" al N. 25655/12046 Rep. STATUTO DI FONDAZIONE ONLUS Art.1 DENOMINAZIONE È costituita una Fondazione denominata "FONDAZIONE AMANI"

Allegato A al N. 25655/12046 Rep. STATUTO DI FONDAZIONE ONLUS Art.1 DENOMINAZIONE È costituita una Fondazione denominata FONDAZIONE AMANI 1 Allegato "A" al N. 25655/12046 Rep. STATUTO DI FONDAZIONE ONLUS Art.1 DENOMINAZIONE È costituita una Fondazione denominata "FONDAZIONE AMANI" Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. La fondazione

Dettagli

STATUTO SEDE - ORIGINE - NATURA GIURIDICA - FINALITÁ

STATUTO SEDE - ORIGINE - NATURA GIURIDICA - FINALITÁ STATUTO SEDE - ORIGINE - NATURA GIURIDICA - FINALITÁ Articolo 1 L asilo infantile del Capoluogo, oggi Scuola Materna, con sede nel Comune di Calcinato, ebbe origine nel 1898. Si costituì mediante il generoso

Dettagli

(Finalità della legge)

(Finalità della legge) L.R. 16 Febbraio 1990, n. 17 Provvidenze a favore degli immigrati da paesi extracomunitari (1). Art. 1 (Finalità della legge) La Regione, nell'ambito delle proprie attribuzioni, in attuazione dei principi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche alla legge 11 agosto 1991, n. 266, in

Dettagli

Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso

Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso Art. 1 - Costituzione e Scopi E costituito, con sede legale nel comune di Treviso, ai sensi della Legge 266/91 e

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo. e delle Amministrazioni dello Stato

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo. e delle Amministrazioni dello Stato Deliberazione n.2/2002/p REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei Conti in Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza del

Dettagli

Legge sull Università della Svizzera italiana e sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (del 3 ottobre 1995)

Legge sull Università della Svizzera italiana e sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (del 3 ottobre 1995) Legge sull Università della Svizzera italiana e sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (del ottobre 995) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE DEL TICINO visti il messaggio

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 17/09/2015 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

ASSOCIAZIONE CulturaCattolica.it STATUTO TITOLO I: COSTITUZIONE, DURATA, FINALITA. E costituita la ASSOCIAZIONE CulturaCattolica.

ASSOCIAZIONE CulturaCattolica.it STATUTO TITOLO I: COSTITUZIONE, DURATA, FINALITA. E costituita la ASSOCIAZIONE CulturaCattolica. ASSOCIAZIONE CulturaCattolica.it STATUTO TITOLO I: COSTITUZIONE, DURATA, FINALITA Art. 1: COSTITUZIONE. E costituita la ASSOCIAZIONE CulturaCattolica.it Art. 2: DURATA DELL ASSOCIAZIONE. L Associazione

Dettagli

O.N.L.U.S. APPROVATO CON VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N 2 del 01/03/2006. Via Veronica Gambara, 6 - Brescia

O.N.L.U.S. APPROVATO CON VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N 2 del 01/03/2006. Via Veronica Gambara, 6 - Brescia O.N.L.U.S. APPROVATO CON VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N 2 del 01/03/2006 Via Veronica Gambara, 6 - Brescia ORIGINI ED EVOLUZIONE STORICO-ISTITUZIONALE Allo scopo di somministrare vitto e lavoro

Dettagli

FONDAZIONE ONLUS. Costituzione Denominazione e Sede Legale

FONDAZIONE ONLUS. Costituzione Denominazione e Sede Legale FONDAZIONE ONLUS Costituzione Denominazione e Sede Legale La Congregazione Suore Carmelitane di S. Teresa di, con atto a rogito Dott. Benvenuto Gamba, il 16 giugno 2008 repertorio numero 1741577/45838,

Dettagli

Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato. e, p.c.

Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato. e, p.c. ISTITUTO Roma lì, 01/03/2004 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Trattamenti Pensionistici Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE del COMUNE DI CORATO (Regolamento approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

25/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 94. Regione Lazio. Leggi Regionali

25/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 94. Regione Lazio. Leggi Regionali Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 24 novembre 2014, n. 12 Disposizioni di razionalizzazione normativa e di riduzione delle spese regionali. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE LA VOCE DELLE DONNE. Art. 1 Costituzione Denominazione Sede. Art. 2 Durata. Art. 3 Scopi

STATUTO ASSOCIAZIONE LA VOCE DELLE DONNE. Art. 1 Costituzione Denominazione Sede. Art. 2 Durata. Art. 3 Scopi STATUTO ASSOCIAZIONE LA VOCE DELLE DONNE Art. 1 Costituzione Denominazione Sede Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA AMICI DELL ONCOLOGIA Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) DISPOSIZIONI GENERALI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA AMICI DELL ONCOLOGIA Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) DISPOSIZIONI GENERALI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA AMICI DELL ONCOLOGIA Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Denominazione È costituita l Associazione senza scopo

Dettagli

Giustizia, litigiosità, criminalità

Giustizia, litigiosità, criminalità Giustizia, litigiosità, criminalità Procedimenti civili esauriti con sentenza Procedimenti di cognizione ordinaria La rilevazione sui singoli procedimenti di cognizione ordinaria è stata condotta dall

Dettagli

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Master in gestione e innovazione nelle amministrazioni pubbliche Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Giuseppe Panassidi 1

Dettagli

NUOVI RIFLESSI PENSIONISTICI SULLA BUONUSCITA DEGLI STATALI

NUOVI RIFLESSI PENSIONISTICI SULLA BUONUSCITA DEGLI STATALI Coordinamento Nazionale FLP-Interno Ministero dell'interno - Palazzo Viminale - Palazzina F, 1 piano, stanza n. 50-00184 Roma Tel. 06.46547989 fax 06.46547954 flp_interno@icloud.com www.flp-interno.it

Dettagli