Sistema Valori Responsabili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistema Valori Responsabili"

Transcript

1 Etica Sgr appartenente al Gruppo Banca Popolare Etica Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE appartenenti al Sistema Valori Responsabili Si raccomanda la lettura del Prospetto - costituito dalla Parte I (Caratteristiche dei fondi e modalità di partecipazione), dalla Parte II (Illustrazione dei dati periodici di rischio - rendimento e costi dei fondi) - messo gratuitamente a disposizione dell investitore su richiesta del medesimo per le informazioni di dettaglio. Il Regolamento di gestione dei fondi forma parte integrante del Prospetto, al quale è allegato. Il Prospetto è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto. Data di deposito in Consob: 21 maggio 2014 Data di validità: 28 maggio 2014 La pubblicazione del Prospetto non comporta alcun giudizio della Consob sull opportunità dell investimento proposto. Avvertenza: La partecipazione ai fondi comuni di investimento è disciplinata dal Regolamento di gestione dei fondi. Avvertenza: Il Prospetto non costituisce un offerta o un invito in alcuna giurisdizione nella quale detti offerta o invito non siano legali o nella quale la persona che venga in possesso del Prospetto non abbia i requisiti necessari per aderirvi. In nessuna circostanza il Modulo di sottoscrizione potrà essere utilizzato se non nelle giurisdizioni in cui detti offerta o invito possano essere presentati e tale Modulo possa essere legittimamente utilizzato.

2 PARTE I DEL PROSPETTO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE Data di deposito in Consob della Parte I: 25 giugno 2014 Data di validità della Parte I: 1 luglio 2014 A) INFORMAZIONI GENERALI 1. LA SOCIETÀ DI PROMOZIONE ETICA - Società di Gestione del Risparmio per Azioni, in forma abbreviata Etica Sgr S.p.A. (di seguito: Società di Promozione), di nazionalità italiana, avente sede legale e amministrativa in Milano, via Napo Torriani 29, recapito telefonico , sito internet indirizzo di posta elettronica è la Società di Gestione del Risparmio che cura i rapporti con i partecipanti ai fondi dalla stessa istituiti. In particolare cura la gestione amministrativa dei rapporti con i partecipanti, riceve le richieste di sottoscrizione o rimborso delle quote, nonché quelle per l emissione e/o la conversione dei certificati, invia ai partecipanti le conferme delle operazioni eseguite e cura la pubblicazione di tutta la documentazione dei fondi prevista dal Regolamento. Essa provvede dunque ad esercitare i diritti di voto inerenti agli strumenti finanziari nei quali sono investiti i fondi. Alla stessa i partecipanti possono rivolgersi per ottenere informazioni e chiedere chiarimenti connessi alla loro partecipazione ai fondi. L attività effettivamente svolta dalla Società di Promozione è la prestazione del servizio di gestione collettiva del risparmio realizzata attraverso la promozione, l istituzione e l organizzazione di fondi comuni di investimento e l amministrazione dei rapporti con i partecipanti. Per una dettagliata descrizione delle funzioni affidate alla Società di Promozione e alla Società di Gestione si rimanda al Regolamento di Gestione. La Società di Promozione, è stata costituita in data 5 dicembre 2000 con atto del Notaio Ciro De Vincenzo n / Milano. Autorizzata all esercizio del servizio di gestione collettiva del risparmio dalla Banca d Italia in data 9 ottobre 2002, è iscritta al n. 151 dell apposito Albo delle Società di Gestione del Risparmio tenuto dalla medesima Autorità di Vigilanza. Appartiene al Gruppo Banca Popolare Etica, iscritto all Albo delle Banche e dei Gruppi bancari al n La Società di Promozione è soggetta all attività di direzione e coordinamento di Banca Popolare Etica (www.bancaetica.com). La durata della Società è stabilita sino al 31 dicembre 2100 e la chiusura dell esercizio sociale è stabilita al 31 dicembre di ogni anno. Il capitale sociale di euro , interamente sottoscritto e interamente versato, è detenuto al 46,47% da Banca Popolare Etica S.c.p.a., al 24,44% da Banca Popolare di Milano S.c.a.r.l., al 10,00% da Banca popolare dell Emilia Romagna Società Cooperativa, al 9,87% da Banca Popolare di Sondrio S.c.p.a. e al 9,22% da Cassa Centrale Banca - Credito Cooperativo del Nord Est S.p.A. Funzioni aziendali affidate a terzi in outsourcing La Funzione di Controllo di Conformità è affidata in outsourcing al dott. Arturo Sanguinetti per il tramite della società Tema S.r.l.. Alla società Unione Fiduciaria S.p.A. sono affidate in outsourcing le funzioni aziendali di gestione dei servizi informatici a supporto sia della contabilità societaria sia della gestione amministrativa dei sottoscrittori. La funzione antiriciclaggio e la funzione di revisione interna sono state assunte in gestione accentrata dalla Capogruppo Banca Popolare Etica. Organo Amministrativo Il Consiglio di Amministrazione della Società di Promozione è composto da undici membri che durano in carica 3 anni e sono rieleggibili; l attuale Consiglio è in carica per il triennio 2014/2016 ed è così composto: Ugo BIGGERI, nato a Firenze il Presidente. Laureato in Fisica, consegue la laurea Specialista in fisica sanitaria, un Perfezionamento in sviluppo Sostenibile e il Dottorato in ingegneria elettronica. È socio fondatore di Banca Etica di cui ricopre attualmente la carica di Presidente. Ha ricoperto il ruolo di Presidente della Fondazione Culturale Responsabilità Etica e dell Associazione Finanza Etica. Ha un ottima conoscenza ed esperienza nelle organizzazioni del terzo settore, dell economia sociale e solidale, della cooperazione sociale e internazionale, della finanza eticamente orientata, dell ambiente e delle energie da fonti rinnovabili. Don Virginio COLMEGNA, nato a Saronno (VA) il Vice Presidente e Consigliere indipendente. Consegue la licenza in Teologia presso la facoltà Teologica dell Italia settentrionale PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE PROSPETTO ETICA SGR 1

3 nel È socio fondatore di diverse realtà e dal 1993 al 2004 è stato Direttore della Caritas Ambrosiana. Attualmente è Presidente della Casa della Carità. Dal 2000 è presidente della Compagnia di Salute Mentale. È anche membro della Commissione Scientifica del Centro Nazionale di Prevenzione e Difesa Sociale e del Consiglio di Indirizzo della Fondazione Umana Mente. Nel 2010 è stato insignito dell Ambrogino d Oro. Marco CAMPAGNINI, nato a San Giovanni in Persiceto (BO) il Consigliere. Laureato in Economia e Commercio presso l Università degli Studi di Bologna, è entrato in Banca Popolare dell Emilia Romagna nel 1997: dal 2010 al 2014 è Responsabile dell Ufficio Desk Mercati all interno del Servizio Intermediazione Mobiliare di BPER. È attualmente Responsabile dell Ufficio Wealth Advisory all interno della Direzione Asset e Wealth Management del Gruppo BPER. Marco CARLIN, nato a Trento il Consigliere. Laureato in Economia e Commercio presso l Università degli Studi di Trento. È entrato in Cassa Centrale Banca nell ottobre 2008 e attualmente è il Responsabile dell Ufficio Asset Management Istituzionale con i seguenti incarichi: sviluppo e gestione dei servizi e delle reportistiche per il monitoraggio dei Portafogli di proprietà delle banche di credito cooperativo clienti; analisi prospettiche di mercato; supporto alle banche di credito cooperativo clienti nell attività di asset allocation e gestione prodotti di investimento istituzionali con partner esterni. Marco CARLIZZI, nato a Napoli il Consigliere indipendente. Laureato in Giurisprudenza presso l Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Socio di Banca Etica dal 2001, avvocato, esperto in diritto societario e in normativa del Terzo Settore, collabora con l Università Federico II, III cattedra di Diritto Commerciale, Dottorando di Ricerca presso l Università Tor Vergata, settore scientifico IUS 04. Attualmente è Partner dello Studio Lauri Lombardi Lonardo Carlizzi - Studio L4C Avvocati e Dottori Commercialisti. È Consigliere indipendente di Banca Popolare Etica e Sindaco effettivo di BIC Lazio S.p.A. Luigi CARUGO, nato a Sondrio il Consigliere. Laurea in Economia e Commercio con specializzazione in Economia delle Aziende di Credito presso l Università Bocconi di Milano. Nel 1988 entra in Banca Popolare di Sondrio e, dopo numerosi progetti sviluppati in differenti business unit, ne diviene, nel 2009, Direttore Commerciale. Mario CROSTA, nato a Piove di Sacco (PD) il Consigliere. Laureato in Scienze Politiche (indirizzo economico) presso l università di Padova, ha lavorato nel mondo bancario per oltre vent anni e ha ricoperto diversi incarichi in ambito associativo, in particolare nell Azione Cattolica, nelle ACLI, presso la Pastorale del Lavoro e i sindacati. Ha assunto funzioni politiche e amministrative presso il comune di Piove di Sacco. Ha seguito fin dall inizio l evoluzione della Cooperativa Verso La Banca Etica e l esperienza del Commercio Equo. Attualmente è Direttore Generale di Banca Popolare Etica. Claudia FIASCHI, nata a Firenze il Consigliere indipendente. Presidente di Confcooperative Toscana, Vicepresidente di Confcooperative e di Pan - Servizi per l infanzia. È stata Presidente del Gruppo Cooperativo Nazionale CGM da maggio 2008 a maggio 2013, direttrice del Consorzio di cooperative sociali Co&So Firenze, vicepresidente di ENAIP Toscana, Consigliere di Techla Srl e di Ataf Spa. Federica IELASI, nata a Parma il Consigliere indipendente. Laureata in Economia e Commercio presso l Università degli Studi di Parma, ha conseguito il dottorato di ricerca in Mercati e intermediari finanziari. Attualmente è docente di Economia degli Intermediari Finanziari presso la stessa Università, è associata Adeimf (Associazione Italiana Docenti di Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari) ed è socio fondatore di Ricrediti Microcredito e Finanza Etica APS. È, inoltre, membro del Laboratorio di Responsabilità Sociale di Impresa, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Parma. Cesare POZZI, nato a Milano il Consigliere Laureatosi in Economia e Commercio presso l Università Bocconi di Milano, ha conseguito un Master per Operatori Finanziari presso la SDA - Scuola Direzione Aziendale Università Bocconi. Ha un esperienza di oltre 30 anni nel settore dei mercati finanziari, avendo lavorato in primarie società del settore. Dal 1990 è nel Gruppo BPM, in Banca Akros si è occupato di mercati obbligazionari e ha ricoperto il ruolo di Responsabile Relazioni Investitori Istituzionali. Dal 2002 al 2011 ha lavorato anche in Akros Alternative SGR. Dal 2013 è in distacco presso Banca Popolare di Milano alla Direzione Private Banking & Wealth Management. Silvana SIGNORI, nata a Bergamo il Consigliere indipendente. Laurea in Economia e Commercio presso l Università degli studi di Bergamo e Dottore di ricerca in Economia e Strategia Aziendale (XVIII ciclo) presso l Università degli Studi di Milano Bicocca. Attualmente è ricercatrice presso l Università degli Studi di Bergamo dove insegna Ragioneria Generale e Etica d impresa e Bilancio sociale. È membro dell European Business Ethics Network (EBEN), di Aidea Giovani (Accademia Italiana di Economia Aziendale), di SIDREA (Società Italiana dei docenti di Ragioneria ed Economia Aziendale) e del Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale (GBS). È socio fondatore, segretario e tesoriere della sezione italiana dell European Business Ethics Network (EBEN). Organo di Controllo L Organo di Controllo della Sgr è il Collegio Sindacale, composto da 5 membri, che durano in carica 3 anni e sono rieleggibili; l attuale Collegio Sindacale è in carica per il triennio 2013/2015 ed è così composto: Valter Gamba, nato a Pinerolo (TO) il , Presidente Paolo Salvaderi, nato a Milano il , Sindaco effettivo Gianerminio Cantalupi, nato a Milano il , Sindaco effettivo Alessandro Maritan, nato a Padova il , Sindaco supplente Carlo Radaelli, nato a Milano il , Sindaco supplente Funzioni direttive nella Società di Promozione Direttore Generale della Società di Promozione è Alessandra Viscovi, nata a Pordenone il , domiciliata per la carica presso la sede della Società La Società di gestione Anima SGR S.p.A. (di seguito: la Società di Gestione), di nazionalità italiana, avente sede legale in Milano, Corso Garibaldi n. 99, recapito telefonico , sito internet è la Società di Gestione del Risparmio cui è affidata la gestione del patrimonio dei Fondi e l amministrazione dei rapporti con i Partecipanti. La Società di Gestione, in virtù del Provvedimento di autorizzazione della Banca d Italia del 7 settembre 1998, n. 4583, è iscritta al n. 20 dell apposito 2 ETICA SGR PROSPETTO PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

4 Albo delle Società di Gestione del Risparmio tenuto presso la Banca d Italia. A decorrere dal 31 dicembre 2011 si è perfezionata l operazione di fusione per incorporazione di Prima SGR S.p.A. in Anima SGR S.p.A., autorizzata dalla Banca d Italia con Provvedimento n /11 del 21 settembre La durata della Società è stabilita sino al 31 dicembre 2050 e la chiusura dell esercizio sociale è stabilita al 31 dicembre di ogni anno. Il capitale sociale di Euro ,00, interamente sottoscritto e versato, è detenuto al 100% da Anima Holding S.p.A. La Società di Gestione è soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico e Capogruppo Anima Holding S.p.A. La Società di Gestione provvede, nell interesse dei partecipanti, alla gestione e all amministrazione dei patrimoni dei Fondi istituiti e promossi dalla Società di Promozione appartenenti al Sistema Valori Responsabili, osservando le prescrizioni di legge, degli Organi di Vigilanza e dei relativi Regolamenti. Essa provvede dunque ad esercitare i diritti patrimoniali inerenti agli strumenti finanziari nei quali sono investiti i suddetti Fondi. Inoltre cura la gestione amministrativa dei Fondi e, in particolare, calcola il valore complessivo netto di ciascun fondo e il valore unitario della quota, provvedendo alla relativa pubblicazione sui quotidiani, tiene le scritture contabili dei fondi, redige i rendiconti periodici e provvede all amministrazione degli strumenti finanziari. Le attività effettivamente svolte dalla Società di Gestione sono le seguenti: la prestazione del servizio di gestione collettiva del risparmio realizzata attraverso la promozione, l istituzione e l organizzazione di Fondi comuni di investimento e l amministrazione dei rapporti con i Partecipanti, nonché la gestione del patrimonio di OICR, di propria o altrui istituzione, mediante l investimento avente ad oggetto strumenti finanziari, crediti o altri beni mobili o immobili, depositi bancari, altri beni ammessi ai sensi della normativa applicabile tempo per tempo vigente e la commercializzazione di quote o azioni di OICR propri; la prestazione del servizio di gestione di portafogli anche in regime di delega; l istituzione e la gestione di Fondi pensione nel rispetto del D. Lgs. n. 252/2005 e successive modifiche o integrazioni e delle disposizioni comunque applicabili e vigenti; la gestione di patrimoni autonomi gestiti in forma collettiva in regime di delega conferita da soggetti che prestano il servizio di gestione di portafogli di investimento e da organismi di investimento collettivo esteri; il servizio di consulenza in materia di investimenti per i clienti professionali di diritto delle gestioni di portafogli; la commercializzazione di quote o azioni di OICR di terzi. Funzioni aziendali affidate a terzi in outsourcing State Street Bank S.p.A. - servizi amministrativo-contabili di back office per i Fondi comuni del Sistema PRIMA, del Sistema Active per i Fondi speculativi, e per taluni dei portafogli di clientela istituzionale; inoltre, limitatamente alle attività amministrative connesse agli adempimenti previsti dalla normativa EMIR, Società del Gruppo di appartenenza di State Street Bank S.p.A. specializzate per tali servizi; Previnet S.p.A. - servizi amministrativo-contabili di back office per taluni dei portafogli di clientela istituzionale gestiti in titolarità dalla SGR e per il Fondo Pensione Arti & Mestieri ; BNP Paribas Securities Services S.C.A. - servizi amministrativocontabili di back office per i Fondi comuni del Sistema Anima, Anima Traguardo 2016 e 2018, Anima Traguardo II 2016, Anima Traguardo 2016 Cedola 3, Anima Traguardo 2017 Cedola 4, Anima Traguardo 2017 Cedola 4 II, Anima Traguardo 2017 Cedola 4 III, Anima Traguardo 2017 Multi Cedola, Anima Traguardo 2018 Target Cedola, Anima Traguardo 2018 Multi Cedola II, Anima Traguardo 2018 Cedola Semestrale, Anima Traguardo 2018 Italia Alto Potenziale, Anima Traguardo 2018 Italia Alto Potenziale II, Anima Traguardo 2018 Italia Alto Potenziale III, Anima Traguardo 2018 Alto Potenziale, Anima Traguardo 2018 Europa Alto Potenziale, Anima Traguardo 2018 Europa Alto Potenziale II, Anima Traguardo 2018 Europa Alto Potenziale III, Anima Traguardo 2019 Plus, Anima Traguardo 2019 Crescita Sostenibile, Anima Traguardo 2019 Plus II, Anima Traguardo 2019 Crescita Sostenibile II, Anima Traguardo 2019 Flex, Anima Traguardo 2019 Flex II, Anima Traguardo Dinamico, Anima Traguardo 2019 Globale, Anima Traguardo 2019 Multi-Asset, Anima Evoluzione 2019 I, Sistema Open, Anima Traguardo Cedola Europa, Anima Traguardo 2019 Globale II, Anima Traguardo Cedola America, Anima Evoluzione 2019 II e per il Fondo chiuso PHedge Low Volatility Side Pocket ; inoltre, limitatamente alle attività amministrative connesse agli adempimenti previsti dalla normativa EMIR, Società del Gruppo di appartenenza di BNP Paribas Securities Services S.C.A. specializzate per tali servizi; Anima Holding S.p.A. - servizi di Revisione Interna, Compliance, Affari Legali e Societari, Budget e Controllo di Gestione, Amministrazione Personale, Risorse Umane, Marketing Strategico e Pianificazione, Media Relations; Xchanging Italy S.p.A. - servizi informatici per le applicazioni di front e back office per le gestioni individuali; Optimo S.r.l. - servizi di archiviazione su supporto ottico della documentazione cartacea relativa alle operazioni della clientela, alle operazioni in titoli e alla valorizzazione della quota; Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane S.p.A. - servizi amministrativo-contabili di back office per i Fondi comuni promossi da Etica SGR e gestiti dalla SGR; servizi di amministrazione clienti, per i Fondi comuni e speculativi, e gestione dell Archivio Unico Informatico. Organo Amministrativo Il Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione è composto da 7 membri che durano in carica per un periodo non superiore a 3 esercizi e sono rieleggibili; l attuale Consiglio è in carica sino alla data di approvazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2016 ed è così composto: Claudio Bombonato, nato a Reggio Emilia il Presidente e Consigliere Indipendente. Laurea in Ingegneria Aeronautica. Consigliere Esecutivo di Reply S.p.A.; Consigliere e Cofondatore di Whysol S.p.A. Presidente Indipendente del Consiglio di Amministrazione di Anima Holding S.p.A. Bernardo Mingrone, nato a Roma l Consigliere Bachelor of Science Economics. Responsabile Direzione CFO presso Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A.. Consigliere di Anima Holding S.p.A. Mara Anna Rita Caverni, nata a Milano il Consigliere Indipendente. Laurea in Economia Aziendale, Dottore Commercialista e Revisore Contabile. Managing Partner Fondatore di New Deal Advisor S.p.A.. Consigliere Indipendente di Anima Holding S.p.A. PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE PROSPETTO ETICA SGR 3

5 Alessandro Melzi d Eril, nato a Milano il Consigliere Laurea in Economia Politica con specializzazione in Mercati Finanziari e Monetari. Responsabile Direzione Finanza e Governo Societario presso ANIMA SGR S.p.A. e presso Anima Holding S.p.A. Consigliere di Anima Holding S.p.A. e di ANIMA PRIMA Funds Plc. Livio Raimondi, nato a Milano, l Consigliere Indipendente. Laurea in Economia e Commercio. Responsabile Funzione Finanza del Fondo Pensione Previp. Consigliere Indipendente di Anima Holding S.p.A. Gianfranco Venuti, nato a Gorizia, il Consigliere Diploma ragioniere e perito commerciale. Responsabile Private Banking e Wealth Management di Banca Popolare di Milano. Consigliere di Anima Holding S.p.A. Organo di Controllo L organo di controllo della Società di Gestione è il Collegio Sindacale, composto da 5 membri, che durano in carica 3 esercizi e sono rieleggibili; l attuale Collegio Sindacale è in carica per il triennio 2014/2016 ed è così composto: Antonio Taverna, nato a Parabiago (MI), il Presidente Marco Barassi, nato a Monza, il Sindaco Effettivo Tiziana Di Vincenzo, nata a Frascati (RM), il Sindaco Effettivo Bernardo Rocchi, nato a Pistoia, il Sindaco Supplente Carlotta Veneziani, nata a Piacenza, il Sindaco Supplente Funzioni direttive nella Società di Gestione Amministratore Delegato e Direttore Generale della Società di Gestione è il Dott. Marco Carreri, nato a Roma il 2 dicembre 1961, domiciliato per le cariche presso la sede della Società. Altri fondi istituiti e gestiti da Anima Sgr S.p.A.: Sistema Anima: Anima Liquidità Euro, Anima Riserva Globale, Anima Riserva Emergente, Anima Salvadanaio, Anima Obbligazionario Euro, Anima Obbligazionario Corporate, Anima Pianeta, Anima Obbligazionario High Yield, Anima Obbligazionario Emergente, Anima Italia, Anima Europa, Anima Iniziativa Europa, Anima America, Anima Pacifico, Anima Valore Globale, Anima Emergenti, Anima Sforzesco, Anima Visconteo, Anima Capitale Più Obbligazionario, Anima Capitale Più 15, Anima Capitale Più 30, Anima Capitale Più 70, Anima Risparmio, Anima Alto Potenziale Globale, Anima Fondo Trading. Sistema Open: Anima Selection, Anima Russell Multi-Asset e Anima Tricolore. Anima Traguardo: Anima Traguardo 2016 e Anima Traguardo 2018, Anima Traguardo II 2016, Anima Traguardo 2016 Cedola 3, Anima Traguardo 2017 Cedola 4, Anima Traguardo 2017 Cedola 4 II, Anima Traguardo 2017 Cedola 4 III, Anima Traguardo 2017 Multi Cedola, Anima Traguardo 2018 Target Cedola, Anima Traguardo 2018 Multi Cedola II, Anima Traguardo 2018 Cedola Semestrale, Anima Traguardo 2018 Italia Alto Potenziale, Anima Traguardo 2018 Italia Alto Potenziale II, Anima Traguardo 2018 Italia Alto Potenziale III, Anima Traguardo 2018 Alto Potenziale, Anima Traguardo 2018 Europa Alto Potenziale, Anima Traguardo 2018 Europa Alto Potenziale II, Anima Traguardo 2018 Europa Alto Potenziale III, Anima Traguardo 2019 Plus, Anima Traguardo 2019 Plus II, Anima Traguardo 2019 Crescita Sostenibile, Anima Traguardo 2019 Crescita Sostenibile II, Anima Traguardo 2019 Flex, Anima Traguardo 2019 Flex II, Anima Traguardo Dinamico, Anima Traguardo 2019 Globale, Anima Traguardo 2019 Globale II, Anima Traguardo 2019 Multi-Asset, Anima Traguardo Cedola Europa, Anima Traguardo Cedola America. Anima Evoluzione 2019 I. Anima Evoluzione 2019 II. Sistema PRIMA: Anima Fix Euro, Anima Fix Obbligazionario BT, Anima Fix Obbligazionario MLT, Anima Fix Obbligazionario Globale, Anima Fix Imprese, Anima Fix High Yield, Anima Fix Emergenti, Anima Geo Italia, Anima Geo Europa, Anima Geo Europa PMI, Anima Geo America, Anima Geo Asia, Anima Geo Globale, Anima Geo Paesi Emergenti, Anima Assoluto Obbligazionario, Anima Star Italia Alto Potenziale, Anima Star Europa Alto Potenziale, Anima Forza 1, Anima Forza 2, Anima Forza 3, Anima Forza 4 e Anima Forza 5. Sistema Active: Active Global Flex, Active Discovery Flex, Active Opportunities Flex, Active Income Flex, Active Currency Flex. Arti & Mestieri - Fondo Pensione Aperto: Comparto Garanzia 1+, Comparto Conservazione 3+, Comparto Incremento e garanzia 5+, Comparto Equilibrio 5+, Comparto Rivalutazione 10+, Comparto Crescita 25+. Inoltre, la Società di Gestione Anima Sgr gestisce i seguenti Fondi speculativi: Alpha Hedge Dynamic, Alpha Hedge Selection, Alpha Hedge Active, Alpha Hedge Equilibrium, Alpha Hedge Equity, Alpha Hedge High Volatility, Alpha Hedge Low Volatility, Alpha Hedge Mid Volatility, Primalternative Defensive, nonché il Fondo chiuso PHedge Low Volatility Side Pocket. 2. LA BANCA DEPOSITARIA Banca Popolare di Sondrio - Società Cooperativa per azioni, con sede legale in Sondrio, piazza Giuseppe Garibaldi 16, svolge le funzioni di Banca Depositaria presso la sede centrale di Sondrio. 3. LA SOCIETÀ DI REVISIONE KPMG S.p.A., con sede legale in Milano, via Vittor Pisani n GLI INTERMEDIARI DISTRIBUTORI Per l elenco dei soggetti che procedono al collocamento dei Fondi appartenenti al Sistema Valori Responsabili e per le relative modalità di collocamento si rimanda al relativo Allegato alla presente Parte I. 5. I FONDI I fondi comuni di investimento appartenenti al Sistema Valori Responsabili sono fondi mobiliari di tipo aperto. Il fondo comune d investimento (di seguito: fondo) è un patrimonio collettivo costituito dalle somme versate da una pluralità di partecipanti e investe in strumenti finanziari, crediti, o altri beni mobili o immobili. Ciascun partecipante detiene un numero di quote, tutte di uguale valore e con uguali diritti, proporzionale all importo che ha versato a titolo di sottoscrizione. Il patrimonio del fondo costituisce patrimonio autonomo e distinto a tutti gli effetti da quello della Società di Promozione e della Società di Gestione e dal patrimonio dei singoli partecipanti nonché da quello di ogni altro patrimonio gestito dalle medesime Società. I Fondi appartenenti al Sistema Valori Responsabili sono mobiliari in quanto il loro patrimonio è investito esclusivamente in strumenti finanziari. Sono di tipo aperto in quanto il risparmiatore puo ad ogni data di valorizzazione della quota sottoscrivere quote del fondo oppure richiedere il rimborso parziale o totale di quelle già sottoscritte. 4 ETICA SGR PROSPETTO PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

6 Caratteristiche dei Fondi comuni appartenenti al Sistema Valori Responsabili ETICA OBBLIGAZIONARIO BREVE TERMINE Data di istituzione Provvedimento di autorizzazione della Banca d Italia Data di inizio operatività Variazioni intervenute sulla politica di investimento seguita negli ultimi due anni - Sostituzioni operate con riferimento ai soggetti incaricati della gestione negli ultimi due anni - Data dell ultima delibera consiliare intervenuta sul regolamento di gestione dei fondi Data di approvazione della modifica regolamentare da parte della Banca d Italia (1) La modifica regolamentare è stata approvata in via generale dalla Banca d Italia. ETICA OBBLIGAZIONARIO MISTO Data di istituzione Provvedimento di autorizzazione della Banca d Italia Data di inizio operatività Variazioni intervenute sulla politica di investimento seguita negli ultimi due anni - Sostituzioni operate con riferimento ai soggetti incaricati della gestione negli ultimi due anni - Data dell ultima delibera consiliare intervenuta sul regolamento di gestione dei fondi Data di approvazione della modifica regolamentare da parte della Banca d Italia( 1 ) (1) La modifica regolamentare è stata approvata in via generale dalla Banca d Italia. ETICA BILANCIATO Data di istituzione Provvedimento di autorizzazione della Banca d Italia Data di inizio operatività Variazioni intervenute sulla politica di investimento seguita negli ultimi due anni - Sostituzioni operate con riferimento ai soggetti incaricati della gestione negli ultimi due anni - Data dell ultima delibera consiliare intervenuta sul regolamento di gestione dei fondi Data di approvazione della modifica regolamentare da parte della Banca d Italia( 1 ) (1) La modifica regolamentare è stata approvata in via generale dalla Banca d Italia. ETICA AZIONARIO Data di istituzione Provvedimento di autorizzazione della Banca d Italia Data di inizio operatività Variazioni intervenute sulla politica di investimento seguita negli ultimi due anni - Sostituzioni operate con riferimento ai soggetti incaricati della gestione negli ultimi due anni - Data dell ultima delibera consiliare intervenuta sul regolamento di gestione dei fondi Data di approvazione della modifica regolamentare da parte della Banca d Italia( 1 ) (1) La modifica regolamentare è stata approvata in via generale dalla Banca d Italia. Il Soggetto che attende alle scelte effettive di investimento è il Dott. Armando Carcaterra, nato a Napoli il , laureato in Discipline Economiche e Sociali, Direttore Investimenti di ANIMA SGR S.p.A., già responsabile del coordinamento dell attività di investimento sui mercati azionari internazionali della SGR stessa, ed in precedenza responsabile degli investimenti azionari europei dei Fondi comuni presso Azimut Gestione Fondi. PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE PROSPETTO ETICA SGR 5

7 6. RISCHI GENERALI CONNESSI ALLA PARTECIPAZIONE AL FONDO La partecipazione ad un fondo comporta dei rischi connessi alle possibili variazioni del valore delle quote, che a loro volta risentono delle oscillazioni del valore degli strumenti finanziari in cui vengono investite le risorse del fondo. La presenza di tali rischi puo determinare la possibilità di non ottenere, al momento del rimborso, la restituzione dell investimento finanziario. In particolare, per apprezzare il rischio derivante dall investimento del patrimonio del fondo in strumenti finanziari occorre considerare i seguenti elementi: a) rischio connesso alla variazione del prezzo: il prezzo di ciascuno strumento finanziario dipende dalle caratteristiche peculiari della società emittente, dall andamento dei mercati di riferimento e può variare in modo più o meno accentuato a seconda della sua natura. In linea generale, la variazione del prezzo delle azioni è connessa alle prospettive reddituali delle società emittenti e può essere tale da comportare la riduzione o addirittura la perdita del capitale investito, mentre il valore delle obbligazioni è influenzato dall andamento dei tassi di interesse di mercato e dalle valutazioni della capacità del soggetto emittente di far fronte al pagamento degli interessi dovuti e al rimborso del capitale di debito a scadenza; b) rischio connesso alla liquidità dei titoli: la liquidità degli strumenti finanziari, ossia la loro attitudine a trasformarsi prontamente in moneta senza perdita di valore, dipende dalle caratteristiche del mercato in cui gli stessi sono trattati. In generale, i titoli trattati su mercati regolamentati sono più liquidi e, quindi, meno rischiosi, in quanto più facilmente smobilizzabili dei titoli non trattati su detti mercati. L assenza di una quotazione ufficiale rende inoltre complesso l apprezzamento del valore effettivo del titolo, la cui determinazione puo essere rimessa a valutazioni discrezionali; c) rischio connesso alla divisa in cui sono denominati i titoli: per l investimento in strumenti finanziari denominati in una valuta diversa da quella in cui è denominato il fondo, occorre tenere presente la variabilità del rapporto di cambio tra la valuta di riferimento del fondo e la valuta estera in cui sono denominati gli investimenti; d) rischio connesso all investimento in derivati: l utilizzo di strumenti finanziari derivati consente di assumere posizioni di rischio su strumenti finanziari superiori agli esborsi inizialmente sostenuti per aprire tali posizioni (effetto leva). Questo significa che un aumento dei prezzi di mercato relativamente piccolo avrà un impatto amplificato in termini di guadagno o di perdita sul portafoglio gestito rispetto al caso in cui non si faccia uso della leva; e) altri fattori di rischio: le operazioni sui mercati emergenti potrebbero esporre l investitore a rischi aggiuntivi connessi al fatto che tali mercati potrebbero essere regolati in modo da offrire ridotti livelli di garanzia e protezione agli investitori. Sono poi da considerarsi i rischi connessi alla situazione politicofinanziaria del paese di appartenenza degli enti emittenti. L esame della politica di investimento di ciascun fondo consente l individuazione specifica dei rischi connessi alla partecipazione al fondo stesso. La presenza di tali rischi può determinare la possibilità di non ottenere, al momento del rimborso, la restituzione dell investimento finanziario. L andamento del valore delle quote del fondo può variare in relazione alla tipologia di strumenti finanziari e ai settori di investimento, nonché in relazione ai relativi mercati di riferimento. 7. STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI La Società di Promozione esercita attivamente i diritti di voto connessi con gli strumenti finanziari nei quali i Fondi investono, con lo scopo di sollecitare la riflessione delle imprese sugli aspetti sociali, ambientali e di governance della loro attività, per far sì che rendano sempre più concreto il proprio impegno nella tutela dell ambiente, dei diritti umani e dei lavoratori e nell adozione di buone pratiche di governo. Tale pratica può essere esercitata a vari livelli: Dialogo con le imprese In qualità di azionista la Società di Promozione avvia un dialogo con il management delle Società chiedendo maggiori informazioni o invitando l impresa ad un confronto qualora ci fossero argomenti rilevanti da discutere e ricercando, se necessario, il coinvolgimento di altri portatori di interesse. Partecipazione alle assemblee degli azionisti La Società di Promozione partecipa alle assemblee dei soci, vota gli argomenti posti all ordine del giorno ed eventualmente interviene per fare domande o proposte. Si ritiene opportuno, nella maggior parte dei casi, appoggiare le mozioni promosse da altri azionisti responsabili. Presentazione di mozioni in assemblea Nel caso in cui l impresa non si sia dimostrata disponibile al dialogo o non si riscontrino sviluppi nella discussione, e siano presenti elementi controversi nella condotta dell impresa, la Società di Promozione puo in alcuni casi proporre la votazione da parte dell assemblea di nuovi argomenti all ordine del giorno, su temi sociali, ambientali o di governance. La Società di Promozione ricerca il sostegno di altri azionisti attivi e responsabili per predisporre e sostenere mozioni su temi sensibili per un investitore socialmente responsabile, quali i livelli di remunerazione degli amministratori, le pari opportunità nel Consiglio di Amministrazione, il rispetto dei diritti umani, ecc. Il documento che illustra nel dettaglio le linee guida seguite dalla Società di Promozione per l esercizio dei diritti di voto puo essere visionato sul sito internet della Società di Promozione (www.eticasgr.it), dove si trovano altresì i resoconti delle attività svolte fino a questo momento in tale ambito. 8. BEST EXECUTION Ai sensi degli artt. 68, 69 e 70 del Regolamento Consob 16190/2007, al fine di ottenere il miglior risultato possibile (c.d. Best Execution) sia nell esecuzione degli ordini su strumenti finanziari per conto dei Fondi sia nella trasmissione degli stessi a terze parti (di seguito entità ) la Società di Gestione ha definito ed attua rispettivamente una strategia di esecuzione e una strategia di trasmissione. Strategia di esecuzione degli ordini Allo scopo di ottenere il miglior risultato possibile per i Fondi allorché esegue ordini su strumenti finanziari la Società di Gestione prende in considerazione i seguenti fattori: prezzo, costi, rapidità e probabilità di esecuzione e di regolamento, dimensioni e natura 6 ETICA SGR PROSPETTO PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

8 dell ordine, liquidità, impatto sul mercato e qualsiasi altro fattore pertinente ai fini dell esecuzione dell ordine. A tali fattori la Società di Gestione attribuisce un importanza relativa, prendendo in considerazione i seguenti criteri: a) gli obiettivi, la politica di investimento e i rischi specifici dei fondi gestiti, come indicati nel prospetto informativo ovvero, in mancanza, nel regolamento di gestione; b) le caratteristiche dell ordine; c) le caratteristiche degli strumenti finanziari oggetto dell ordine e delle condizioni di liquidabilità dei medesimi; d) le caratteristiche delle sedi di esecuzione o delle entità alle quali l ordine può essere diretto. Sulla base dell ordine di importanza dei fattori, la Società di Gestione ha selezionato, per ciascuna categoria di strumenti finanziari, le sedi di esecuzione che permettono di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile per l esecuzione degli ordini. Alcuni ordini potrebbero, comunque, essere eseguiti mediante altre sedi non selezionate, ritenute appropriate e idonee sulla base della strategia adottata. Titoli illiquidi negoziati al di fuori dei mercati regolamentati Quando l applicazione della regola della best execution non fornisce risultati soddisfacenti per l assenza di una pluralità di sedi di esecuzione da porre in competizione, la Società di Gestione stabilisce i criteri e le condotte corrette e trasparenti che devono essere adottate nelle negoziazioni di strumenti finanziari privi di un proprio mercato liquido, individuando almeno due controparti cui rivolgersi, ovvero confrontando e valutando i prezzi operativi in correlazione agli eventuali modelli di valutazione indipendenti utilizzati dalla stessa Società di Gestione quali modelli di pricing per il calcolo del fair value dello strumento interessato o di strumenti assimilabili. In tali casi, sarà data priorità alla probabilità di esecuzione e si documenterà appositamente la scelta effettuata per l ottenimento della best execution. Strategia di trasmissione degli ordini Al fine di ottenere il miglior risultato possibile allorché trasmette ordini su strumenti finanziari per conto dei Fondi la Società di Gestione ha identificato, per ciascuna categoria di strumenti finanziari, le entità alle quali gli ordini sono trasmessi in ragione della compatibilità delle strategie di esecuzione adottate da queste ultime con i fattori ed i criteri adottati nella propria strategia di esecuzione. Monitoraggio e riesame La Società di Gestione controlla l efficacia delle misure e delle strategie di esecuzione e di trasmissione degli ordini e, se del caso, corregge eventuali carenze. Inoltre riesamina le misure e le strategie di esecuzione e di trasmissione su strumenti finanziari con periodicità almeno annuale e, comunque, quando si verificano circostanze rilevanti tali da influire sulla capacità di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile. 9. INCENTIVI La Società di Promozione retrocede agli intermediari collocatori parte delle commissioni di gestione maturate sul controvalore dei Fondi collocati dall intermediario stesso come remunerazione per il servizio prestato. Gli incentivi corrisposti all intermediario collocatore sono volti ad accrescere la qualità del servizio fornito al cliente e non ostacolano l adempimento da parte del collocatore dell obbligo di servire al meglio gli interessi del cliente. La Società di Promozione puo retrocedere agli investitori qualificati che sottoscrivano le quote parte delle commissioni di gestione del Fondo sottoscritto. L importo di tali retrocessioni è concordato con ciascun investitore qualificato. Nell ambito del servizio di gestione collettiva, la Società di Gestione stipula accordi di riconoscimento di utilità con i Soggetti che procedono alla negoziazione, selezionati tra primarie società nazionali ed internazionali autorizzate ad operare ai sensi della normativa vigente. Con riferimento agli accordi stipulati con intermediari negoziatori di cui sopra, la Società di Gestione percepisce, da alcune controparti, utilità connesse all attività di gestione, consistenti nel pagamento diretto di beni e servizi accessori di varia natura (ad. es. servizi di ricerca, consulenza o informatici), individuati dalla Società di Gestione e dalla stessa utilizzati. Tutti i beni e i servizi, rientranti nell ambito di tali accordi, sono volti a fornire un supporto all attività di gestione dei fondi per conto dei quali le operazioni di compravendita vengono disposte e sono a tal fine utilizzati. Le condizioni contrattuali e le modalità di prestazione del relativo servizio di negoziazione non comportano la possibilità che le operazioni eseguite per conto dei fondi siano concluse a condizioni comparativamente svantaggiose, in quanto il negoziatore è impegnato ad assicurare alla Sgr le condizioni di best execution. Per la descrizione, per macro categorie, delle utilità ricevute in virtù di tali accordi, si rinvia al rendiconto periodico di gestione dei fondi. La Società di Gestione si impegna ad ottenere dal servizio svolto il migliore risultato possibile indipendentemente dall esistenza di tali accordi. 10. RECLAMI Una corretta e tempestiva gestione dei reclami è essenziale per identificare eventuali problematiche relative all operatività svolta. La Società di Promozione osserva, nei rapporti con i sottoscrittori e i potenziali sottoscrittori, le disposizioni di cui alla normativa di riferimento. Per eventuali contestazioni in ordine ai rapporti intrattenuti con la Società di Promozione o con la Società di Gestione, il sottoscrittore potrà inviare, tramite lettera raccomandata a/r, un reclamo motivato all ufficio reclami della stessa presso il seguente indirizzo: Etica Sgr S.p.A. via Napo Torriani Milano (MI) In conformità a quanto previsto dall art. 17, comma 1, del Regolamento Congiunto Consob-Banca d Italia del 29 ottobre 2007 e successive modifiche, la Società di Promozione provvederà a riscontrare il reclamo pervenuto inviando una risposta scritta entro 90 giorni dalla data di ricevimento del reclamo medesimo. PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE PROSPETTO ETICA SGR 7

9 B) INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ETICA OBBLIGAZIONARIO BREVE TERMINE Fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE istituito il 10 ottobre Codice Isin al portatore IT TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO: Qualifica del fondo Valuta di denominazione Parametro di riferimento (c.d. benchmark) Market fund Fondo Etico ETICA AZIONARIO Euro PROFILO DI RISCHIO E DI RENDIMENTO Il benchmark prescelto per valutare il rischio del Fondo è composto dai seguenti indici: 80% JPMorgan EMU 1-3 anni 20% JPMorgan Cash Index euro 3 mesi RISCHIO PIÙ BASSO potenzialmente più basso Descrizione sintetica degli indici RISCHIO PIÙ ELEVATO potenzialmente più elevato JP Morgan EMU 1-3 anni: indice che esprime l andamento delle quotazioni dei titoli di Stato maggiormente trattati nei mercati dell Unione Monetaria Europea con scadenze fra 1 e 3 anni. ETICA BILANCIATO Le informazioni relative all indice sono reperibili sul sito internet ufficiale JPM: www. JPMorgan. com, nonché sull Information System Provider Thomson Financials (ticker JEAGBEE, data - type RI). PROFILO DI RISCHIO E DI RENDIMENTO JPMorgan Cash Index euro 3 mesi: indice che misura la performance del tasso interbancario in euro a 3 mesi. Le RISCHIO informazioni PIÙ BASSO relative all indice sono disponibili con frequenza giornaliera su Il Sole RISCHIO 24Ore, PIÙ ELEVATO sul sito internet ufficiale JPM: nonché potenzialmente più basso sugli Information System potenzialmente Providers più elevato Bloomberg (ticker JPCAEU3M) e Thomson Financials (ticker JPEC3ML, data - type RI). PROFILO DI RISCHIO - RENDIMENTO DEL FONDO: Grado di rischio connesso all investimento nel Fondo ETICA OBBLIGAZIONARIO BREVE TERMINE PROFILO DI RISCHIO E DI RENDIMENTO RISCHIO PIÙ BASSO potenzialmente più basso RISCHIO PIÙ ELEVATO potenzialmente più elevato L indicatore sintetico di rischio classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base della volatilità storica annua del Fondo osservata nei 5 anni precedenti. L eventuale appartenenza alla categoria 1 non garantisce un investimento esente da rischi. Il PROFILO Fondo DI è RISCHIO stato classificato E DI RENDIMENTO nella categoria 2, in quanto la variabilità dei rendimenti settimanali conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 0,5% e 2%. ETICA OBBLIGAZIONARIO MISTO I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire RISCHIO PIÙ BASSO un indicazione affidabile 1 circa 2 il futuro 3 profilo 4di rischio 5 dell OICR. 6 7 potenzialmente più basso La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. RISCHIO PIÙ ELEVATO potenzialmente più elevato Grado di scostamento dal benchmark Rilevante. Lo scostamento rispetto al benchmark è inteso in termini di rischiosità ed è quindi misurato come differenza tra la volatilità del Fondo e quella del benchmark. 8 ETICA SGR PROSPETTO PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

10 POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO Categoria del Fondo Principali tipologie di strumenti finanziari e valuta di denominazione Aree geografiche/mercati di riferimento Categoria di emittenti e/o settori industriali Specifici fattori di rischio Operazioni in strumenti finanziari derivati Obbligazionario Euro Governativo Breve Termine Strumenti del mercato monetario e obbligazionario, principalmente denominati in euro. È consentito l investimento in depositi bancari e in quote di OICR armonizzati e non armonizzati aperti. Il patrimonio del fondo, nel rispetto della specifica politica di investimento, può inoltre essere investito in strumenti finanziari di uno stesso emittente in misura superiore al 35% delle sue attività quando gli strumenti finanziari sono emessi dai Paesi aderenti all Unione Monetaria Europea, a condizione che il fondo detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del fondo. Principalmente mercati regolamentati degli Stati appartenenti all Unione Europea. Principalmente emittenti sovrani (Stati) Duration: La durata finanziaria della componente obbligazionaria (duration) del fondo è tendenzialmente pari a un anno e mezzo. Rating: I titoli sono caratterizzati da merito creditizio (rating) investment grade. Paesi Emergenti: Non è previsto l investimento in strumenti finanziari di emittenti dei Paesi Emergenti. Gli strumenti finanziari derivati possono essere utilizzati per la copertura dei rischi di portafoglio. L utilizzo dei derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo. Tecnica di gestione Gli investimenti sono effettuati sulla base di una analisi macro economica delle principali variabili (quali crescita, inflazione, indebitamento pubblico, bilancia dei pagamenti) delle maggiori economie mondiali, con particolare attenzione alle politiche monetarie messe in atto dalla Banca Centrale Europea, e secondo le caratteristiche di responsabilità sociale e ambientale descritte di seguito nella sezione B) paragrafo 12. Vengono prese in considerazione le opportunità di posizionamento, anche tramite arbitraggi, sulla parte breve delle curve dei tassi. Destinazione dei proventi Il Fondo è ad accumulazione dei proventi. Pertanto i proventi che derivano dalla gestione del Fondo sono reinvestiti nello stesso. Avvertenza: le informazioni sulla politica gestionale concretamente posta in essere sono contenute nella relazione degli amministratori all interno del rendiconto annuale. PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE PROSPETTO ETICA SGR 9

11 ETICA OBBLIGAZIONARIO MISTO Fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano, armonizzato alla Direttiva 2009/65/CEE e istituito il 10 ottobre Codice ISIN al portatore IT TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO: Qualifica del fondo Valuta di denominazione Market fund ETICA AZIONARIO Fondo Etico PROFILO DI RISCHIO E DI RENDIMENTO Euro Parametro di riferimento (c.d. benchmark) RISCHIO PIÙ BASSO Il benchmark prescelto 1 per valutare 2 il 3rischio del 4 Fondo 5 è composto 6 dai 7seguenti indici: potenzialmente più basso 65% JP Morgan EMU 25% JP Morgan Cash Index euro 3 mesi 10% MSCI Developed Markets World (in euro) ETICA BILANCIATO Descrizione sintetica degli indici RISCHIO PIÙ ELEVATO potenzialmente più elevato JP PROFILO Morgan DI RISCHIO EMU: indice E DI RENDIMENTO rappresentativo dei titoli di Stato maggiormente trattati nei mercati dell Unione Monetaria Europea; Le informazioni relative all indice sono reperibili sul sito internet ufficiale JPM: RISCHIO PIÙ BASSO nonché sull Information System Provider Thomson Financials RISCHIO PIÙ ELEVATO (ticker JEAGBEE, data 1 - type 2RI) potenzialmente più basso potenzialmente più elevato JPMorgan Cash Index euro 3 mesi: indice che misura la performance del tasso interbancario in euro a 3 mesi; Le informazioni relative all indice sono disponibili con frequenza giornaliera su Il Sole 24Ore, ETICA sul sito OBBLIGAZIONARIO internet ufficiale JPM: BREVE TERMINE nonché sugli Information System Providers Bloomberg (ticker JPCAEU3M) e Thomson Financials (ticker JPEC3ML, data - type RI). MSCI PROFILO Developed DI RISCHIO Markets E DI RENDIMENTO World: indice rappresentativo dei principali mercati azionari mondiali. Le informazioni relative all indice sono reperibili alla pagina Internet e sull Information System Providers Thomson Financial (ticker MSWRLD$, data-type ND). RISCHIO PIÙ BASSO L indice di riferimento 1 viene 2scaricato 3in dollari 4 e convertito 5 in 6euro al tasso 7 di cambio WM potenzialmente più basso Reuters codice Thomson Financial USEURSP. RISCHIO PIÙ ELEVATO potenzialmente più elevato PROFILO DI RISCHIO - RENDIMENTO DEL FONDO: Grado di rischio connesso all investimento nel fondo ETICA OBBLIGAZIONARIO MISTO PROFILO DI RISCHIO E DI RENDIMENTO RISCHIO PIÙ BASSO potenzialmente più basso RISCHIO PIÙ ELEVATO potenzialmente più elevato L indicatore sintetico di rischio classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base della volatilità storica annua del Fondo osservata nei 5 anni precedenti. L eventuale appartenenza alla categoria 1 non garantisce un investimento esente da rischi. Il Fondo è stato classificato nella categoria 3, in quanto la variabilità dei rendimenti settimanali conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 2% e 5%. I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio dell OICR. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. 10 ETICA SGR PROSPETTO PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

12 Grado di scostamento dal benchmark Rilevante. Lo scostamento rispetto al benchmark è inteso in termini di rischiosità ed è quindi misurato come differenza tra la volatilità del Fondo e quella del benchmark. POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO Categoria del Fondo Principali tipologie di strumenti finanziari e valuta di denominazione Aree geografiche/mercati di riferimento Categoria di emittenti e/o settori industriali Specifici fattori di rischio Operazioni in strumenti finanziari derivati TECNICA DI GESTIONE Destinazione dei proventi Obbligazionario Misto Principalmente strumenti finanziari di natura obbligazionaria denominati in euro. Investimento contenuto in strumenti finanziari di natura azionaria denominati in euro, dollari USA, yen. È consentito l investimento in depositi bancari e in quote di OICR armonizzati e non armonizzati aperti. Il patrimonio del fondo, nel rispetto della specifica politica di investimento, può inoltre essere investito in strumenti finanziari di uno stesso emittente in misura superiore al 35% delle sue attività quando gli strumenti finanziari sono emessi dai Paesi aderenti all Unione Monetaria Europea, a condizione che il fondo detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del fondo. Per la parte obbligazionaria principalmente nei mercati regolamentati dell area euro; per la parte azionaria principalmente nei mercati regolamentati degli Stati dell Unione Europea, del Nord America e del Pacifico. Per gli strumenti di natura obbligazionaria: principalmente emittenti sovrani (Stati). Per gli strumenti di natura azionaria: emittenti con qualsiasi grado di capitalizzazione con diversificazione degli investimenti in tutti i settori economici. Duration: La durata finanziaria della componente obbligazionaria (duration) del fondo è tendenzialmente pari a 4,5 anni. Rating: I titoli sono caratterizzati principalmente da merito creditizio (rating) investment grade. Peso residuale in titoli sub investment grade. Paesi Emergenti: Investimento residuale in strumenti finanziari di emittenti dei Paesi Emergenti. Rischio di cambio: Gestione attiva del rischio di cambio. Gli strumenti finanziari derivati possono essere utilizzati per la copertura dei rischi di portafoglio. L utilizzo dei derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo. Per la parte obbligazionaria gli investimenti sono effettuati sulla base di una analisi macro economica delle principali variabili (quali crescita, inflazione, indebitamento pubblico, bilancia dei pagamenti) delle maggiori economie mondiali, con particolare attenzione alle politiche monetarie messe in atto dalle Banche Centrali. Per la parte azionaria gli investimenti sono effettuati sulla base di analisi macroeconomiche e industriali per la determinazione dei pesi dei singoli Paesi e settori e di analisi economico finanziarie per la selezione principalmente di aziende che presentano un profilo di investimento interessante in relazione alle prospettive del business aziendale o ad altri parametri di valutazione fondamentale ritenuti significativi, quali ad esempio price/ earning, il price/cash flow, il price/book. Gli investimenti vengono effettuati secondo le caratteristiche di responsabilità sociale e ambientale descritte di seguito nella sezione B) paragrafo 12. Il Fondo è ad accumulazione dei proventi. Pertanto i proventi che derivano dalla gestione del Fondo sono reinvestiti nello stesso. Avvertenza: le informazioni sulla politica gestionale concretamente posta in essere sono contenute nella relazione degli amministratori all interno del rendiconto annuale PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE PROSPETTO ETICA SGR 11

13 ETICA BILANCIATO Fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CEE e istituito il 10 ottobre Codice Isin Portatore IT TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO: Qualifica del fondo Valuta di denominazione Market fund Fondo Etico Euro Parametro di riferimento (c.d. benchmark) Il benchmark prescelto per valutare il rischio del Fondo è composto dai seguenti indici: 35% JP Morgan EMU 5% JP Morgan Cash Index euro 3 mesi 60% MSCI Developed Markets World (in euro) Descrizione sintetica degli indici JP Morgan EMU: indice rappresentativo dei titoli di Stato maggiormente trattati nei mercati dell Unione Monetaria Europea; Le informazioni relative all indice sono reperibili sui più diffusi quotidiani economici (es. Il Sole24ore, MF), e sugli Information System Providers Bloomberg (ticker JPMGEMLC) e Thomson Financial (ticker JAGALLE, data-type RI). JPMorgan Cash Index euro 3 mesi: indice che misura la performance del tasso interbancario in euro a 3 mesi; Le informazioni relative all indice sono disponibili con frequenza giornaliera su Il Sole 24Ore, sul sito internet ufficiale JPM: nonché sugli Information System Providers Bloomberg (ticker JPCAEU3M) e Thomson Financials (ticker JPEC3ML, data type RI). ETICA AZIONARIO MSCI PROFILO Developed DI RISCHIO Markets E DI RENDIMENTO World: indice rappresentativo dei principali mercati azionari mondiali. Le informazioni relative all indice sono reperibili alla pagina Internet e sull Information System Providers Thomson Financial (ticker MSWRLD$, data-type ND). L indice RISCHIO PIÙ BASSO di riferimento viene scaricato in dollari e convertito in euro al tasso di cambio WM Reuters potenzialmente codice più basso Thomson Financial USEURSP. RISCHIO PIÙ ELEVATO potenzialmente più elevato PROFILO DI RISCHIO - RENDIMENTO DEL FONDO: Grado di rischio connesso all investimento nel fondo ETICA BILANCIATO PROFILO DI RISCHIO E DI RENDIMENTO RISCHIO PIÙ BASSO potenzialmente più basso RISCHIO PIÙ ELEVATO potenzialmente più elevato L indicatore sintetico di rischio classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base della volatilità storica annua del Fondo osservata nei 5 anni precedenti. L eventuale appartenenza alla categoria 1 non garantisce un investimento esente da rischi. Il PROFILO Fondo DI è stato RISCHIO classificato E DI RENDIMENTO nella categoria 5, in quanto la variabilità dei rendimenti settimanali conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 10% e 15%. ETICA OBBLIGAZIONARIO BREVE TERMINE I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire RISCHIO PIÙ BASSO un indicazione affidabile 1 circa 2 il futuro 3 profilo 4di rischio 5 dell OICR. 6 7 potenzialmente più basso La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. RISCHIO PIÙ ELEVATO potenzialmente più elevato ETICA OBBLIGAZIONARIO MISTO 12 ETICA SGR PROSPETTO PROFILO DI RISCHIO E DI RENDIMENTO PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

14 Grado di scostamento dal benchmark Rilevante. Lo scostamento rispetto al benchmark è inteso in termini di rischiosità ed è quindi misurato come differenza tra la volatilità del Fondo e quella del benchmark. POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO Categoria del Fondo Principali tipologie di strumenti finanziari e valuta di denominazione Aree geografiche/mercati di riferimento Categoria di emittenti e/o settori industriali Specifici fattori di rischio Operazioni in strumenti finanziari derivati TECNICA DI GESTIONE Bilanciato Prevalentemente strumenti finanziari di natura azionaria denominati in euro, dollari USA, yen. Investimenti significativi in strumenti finanziari di natura obbligazionaria denominati in euro. È consentito l investimento in depositi bancari e in quote di OICR armonizzati e non armonizzati aperti. Il patrimonio del fondo, nel rispetto della specifica politica di investimento, può inoltre essere investito in strumenti finanziari di uno stesso emittente in misura superiore al 35% delle sue attività quando gli strumenti finanziari sono emessi dai Paesi aderenti all OCSE, a condizione che il fondo detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del fondo. Per la parte obbligazionaria principalmente nei mercati regolamentati dell area euro; per la parte azionaria principalmente nei mercati regolamentati degli Stati dell Unione Europea, del Nord America e del Pacifico. Per gli strumenti di natura obbligazionaria: prevalentemente emittenti sovrani (Stati). Per gli strumenti di natura azionaria: emittenti con qualsiasi grado di capitalizzazione con diversificazione degli investimenti in tutti i settori economici. Duration: La durata finanziaria della componente obbligazionaria (duration) del fondo è tendenzialmente pari a 5,5 anni. Rating: I titoli sono caratterizzati principalmente da merito creditizio (rating) investment grade. Peso residuale in titoli sub investment grade. Paesi Emergenti: Investimento residuale in strumenti finanziari di emittenti dei Paesi Emergenti. Rischio di cambio: Gestione attiva del rischio di cambio Gli strumenti finanziari derivati possono essere utilizzati per la copertura dei rischi di portafoglio. L utilizzo dei derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo. Per la parte obbligazionaria gli investimenti sono effettuati sulla base di una analisi macroeconomica delle principali variabili (quali crescita, inflazione, indebitamento pubblico, bilancia dei pagamenti) delle maggiori economie mondiali, con particolare attenzione alle politiche monetarie messe in atto dalle Banche Centrali. Per la parte azionaria gli investimenti sono effettuati sulla base di analisi macroeconomiche e industriali per la determinazione dei pesi dei singoli Paesi e settori e di analisi economico finanziarie per la selezione prevalentemente di aziende che presentano un profilo di investimento interessante in relazione alle prospettive del business aziendale o ad altri parametri di valutazione fondamentale ritenuti significativi, quali ad esempio price/ earning, il price/cash flow, il price/book. Gli investimenti vengono effettuati secondo le caratteristiche di responsabilità sociale e ambientale descritte di seguito nella sezione B) paragrafo 12. Destinazione dei proventi Il Fondo è ad accumulazione dei proventi. Pertanto i proventi che derivano dalla gestione del Fondo sono reinvestiti nello stesso. Avvertenza: le informazioni sulla politica gestionale concretamente posta in essere sono contenute nella relazione degli amministratori all interno del rendiconto annuale PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE PROSPETTO ETICA SGR 13

15 ETICA AZIONARIO Fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CEE e istituito il 31 maggio Codice ISIN Portatore IT TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO: Qualifica del fondo Valuta di denominazione Market fund Fondo Etico Euro Parametro di riferimento (c.d. benchmark) Il benchmark prescelto per valutare il rischio del Fondo è composto dai seguenti indici: 10% JP Morgan Cash Index euro 3 mesi 90% MSCI Developed Markets World (in euro) Descrizione sintetica degli indici JPMorgan Cash Index euro 3 mesi: indice che misura la performance del tasso interbancario in euro a 3 mesi; Le informazioni relative all indice sono disponibili con frequenza giornaliera su Il Sole 24Ore, sul sito internet ufficiale JPM: nonché sugli Information System Providers Bloomberg (ticker JPCAEU3M) e Thomson Financials (ticker JPEC3ML, data type RI). MSCI Developed Markets World: indice rappresentativo dei principali mercati azionari mondiali. Le informazioni relative all indice sono reperibili alla pagina Internet e sull Information System Providers Thomson Financial (ticker MSWRLD$, data-type ND). L indice di riferimento viene scaricato in dollari e convertito in euro al tasso di cambio WM Reuters codice Thomson Financial USEURSP. PROFILO DI RISCHIO - RENDIMENTO DEL FONDO: Grado di rischio connesso all investimento nel fondo ETICA AZIONARIO PROFILO DI RISCHIO E DI RENDIMENTO RISCHIO PIÙ BASSO potenzialmente più basso RISCHIO PIÙ ELEVATO potenzialmente più elevato Grado di scostamento dal benchmark L indicatore sintetico di rischio classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base della ETICA volatilità BILANCIATO storica annua del Fondo osservata nei 5 anni precedenti. L eventuale appartenenza alla categoria 1 non garantisce un investimento esente da rischi. Il fondo è stato classificato nella PROFILO categoria DI RISCHIO 6, E in DI quanto RENDIMENTO la variabilità dei rendimenti settimanali (integrati con i rendimenti settimanali del benchmark per il periodo antecedente l avvio dell operatività) conseguiti negli ultimi 5 anni è compresa tra 15% e 25%. RISCHIO PIÙ BASSO I potenzialmente I dati storici più basso utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio dell OICR. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. ETICA OBBLIGAZIONARIO BREVE TERMINE RISCHIO PIÙ ELEVATO potenzialmente più elevato Rilevante. Lo PROFILO scostamento DI RISCHIO rispetto E DI RENDIMENTO al benchmark è inteso in termini di rischiosità ed è quindi misurato come differenza tra la volatilità del Fondo e quella del benchmark. RISCHIO PIÙ BASSO potenzialmente più basso RISCHIO PIÙ ELEVATO potenzialmente più elevato 14 ETICA SGR PROSPETTO PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE ETICA OBBLIGAZIONARIO MISTO

16 POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO Categoria del Fondo Principali tipologie di strumenti finanziari e valuta di denominazione Aree geografiche/mercati di riferimento Categoria di emittenti e/o settori industriali Specifici fattori di rischio Operazioni in strumenti finanziari derivati TECNICA DI GESTIONE Azionario Internazionale Principalmente strumenti finanziari di natura azionaria denominati in euro, dollari USA, yen. È consentito l investimento in depositi bancari e in quote di OICR armonizzati e non armonizzati aperti. Principalmente nei mercati regolamentati degli Stati dell Unione Europea, del Nord America e del Pacifico. Emittenti con qualsiasi grado di capitalizzazione con diversificazione degli investimenti in tutti i settori economici. Paesi Emergenti: Investimento residuale in strumenti finanziari di emittenti dei Paesi Emergenti. Rischio di cambio: Gestione attiva del rischio di cambio Gli strumenti finanziari derivati possono essere utilizzati per la copertura dei rischi di portafoglio. L utilizzo dei derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo. Gli investimenti sono effettuati sulla base di analisi macroeconomiche e industriali per la determinazione dei pesi dei singoli Paesi e settori e di analisi economico finanziarie per la selezione prevalentemente di aziende che presentano un profilo di investimento interessante in relazione alle prospettive del business aziendale o ad altri parametri di valutazione fondamentale ritenuti significativi, quali ad esempio price/earning, il price/cash flow, il price/book. Gli investimenti vengono effettuati secondo le caratteristiche di responsabilità sociale e ambientale descritte di seguito nella sezione B) paragrafo 12. Destinazione dei proventi Il Fondo è ad accumulazione dei proventi. Pertanto i proventi che derivano dalla gestione del Fondo sono reinvestiti nello stesso. Avvertenza: le informazioni sulla politica gestionale concretamente posta in essere sono contenute nella relazione degli amministratori all interno del rendiconto annuale. PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE PROSPETTO ETICA SGR 15

17 11. CLASSI DI QUOTE I fondi sono caratterizzati dalla presenza di due classi di quote, denominate Classe R e Classe I, che si differenziano per il livello di commissioni di gestione applicato e per la modalità di sottoscrizione. Il presente Prospetto si riferisce all offerta al pubblico delle quote di Classe R. Le quote di Classe I sono riservate esclusivamente ad investitori qualificati. Per maggiori informazioni sulle quote di Classe I si rinvia al Regolamento di gestione. Per informazioni inerenti gli oneri connessi alla partecipazione alle Classi R si rinvia alla sezione C) paragrafo 13 della presente Parte I. 12. CARATTERISTICHE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DEI FONDI La Società di Gestione si impegna ad investire i patrimoni dei fondi in strumenti finanziari di emittenti (imprese e Stati) che, sulla base delle indicazioni ricevute dalla Società di Promozione, al momento dell investimento si caratterizzino per un elevato profilo di responsabilità sociale e ambientale. Per la valutazione del grado di responsabilità degli emittenti, la Società di Promozione può avvalersi di informazioni fornite da società specializzate e di analisi svolte internamente. Criteri etici di selezione delle imprese Per quanto riguarda gli strumenti finanziari, di tipo azionario o obbligazionario, emessi da imprese, viene valutato con attenzione il grado di coinvolgimento degli emittenti in una serie di settori o pratiche controversi, quali ad esempio: test sugli animali, industria degli armamenti, gioco d azzardo, organismi geneticamente modificati, energia nucleare, pesticidi, tabacco. La valutazione delle imprese viene quindi effettuata analizzando il comportamento dell emittente nei seguenti ambiti: ambiente (ad es. qualità delle politiche e dei processi di gestione ambientale, violazione di norme ambientali e della convenzione sulla biodiversità, indicatori di impatto ambientale dei prodotti e della produzione e valutazione del loro andamento temporale, ecc.); governance (ad es. presenza di amministratori indipendenti in Consiglio, trasparenza nella remunerazione dei manager, attenzione riservata dal Consiglio di Amministrazione ai rischi sociali, ambientali, reputazionali, ecc.); diritti umani (ad es. rispetto delle convenzioni sui diritti umani e della convenzione dell ILO sui diritti sul lavoro, ecc.); sociale (ad es. salute e sicurezza sul luogo di lavoro, formazione del personale, rapporto con i clienti e i fornitori, politiche di gestione dei fornitori, rapporti con le comunità locali, ecc.). Criteri etici di selezione degli Stati Per quanto riguarda gli strumenti finanziari di tipo obbligazionario emessi o garantiti da Stati, sono esclusi dall analisi gli Stati che applicano la pena di morte o che sono coinvolti in gravi violazioni delle libertà politiche e dei diritti civili. La metodologia di analisi prende quindi in esame i seguenti ambiti: ambientale (ad es. produzione di energia da fonti rinnovabili, aree protette, deforestazione, utilizzo di fertilizzanti, gestione dei rifiuti, emissione di gas serra, ecc.); sociale (ad es. disoccupazione, lavoro minorile, spesa pubblica per la sanità e l istruzione, mortalità infantile, accesso all acqua e alle cure mediche, indice di sviluppo umano, livello di disuguaglianza economica, ecc.); governance (ad es. rispetto dei diritti politici, delle libertà civili, percezione della corruzione, promozione delle pari opportunità, efficacia ed efficienza dell amministrazione pubblica, ecc.). Per maggiori informazioni sulla metodologia di ricerca utilizzata si rimanda al sito della Società di Promozione Il ruolo del Comitato Etico Per garantire l elevato profilo di responsabilità sociale dei fondi e della gestione, Etica Sgr si avvale della collaborazione di un Comitato Etico. Il Comitato Etico è indipendente ed autonomo rispetto alle Società di Gestione e di Promozione ed è composto da membri (esterni alle due Società) scelti tra persone di alto profilo morale e di riconosciuta probità ed esperienza in campo sociale, ambientale o economico/finanziario. Al Comitato spetta una funzione consultiva e propositiva. Il Comitato Etico formula le proprie opinioni circa l eticità degli investimenti, suggerisce ulteriori criteri per la valutazione delle imprese e degli Stati e formula proposte in merito all esercizio dei diritti di voto inerenti i fondi di cui al paragrafo 7. L organizzazione e il funzionamento del Comitato Etico sono disciplinati da un apposito regolamento. Il Comitato Etico viene nominato dalla Società di Promozione su proposta di Banca Popolare Etica ed elegge al proprio interno un Presidente, un Vice Presidente ed un Segretario. Per conoscere i membri del Comitato Etico si veda il sito Fondo di Garanzia per progetti di microcredito Altro elemento di specificità dei fondi appartenenti al Sistema Valori Responsabili è l istituzione, da parte della Società di Promozione, di un Fondo di Garanzia per progetti di microcredito in Italia. A tale Fondo contribuiscono i singoli sottoscrittori, con una somma pari allo 0,1% di ciascun importo versato, e la Società di Promozione, con la devoluzione di una parte della commissione di gestione percepita (in misura annua non superiore allo 0,1% della medesima). Il patrimonio del Fondo di Garanzia è depositato in un conto corrente indisponibile ed utilizzato al fine di fornire garanzie a copertura di operazioni di microcredito gestite da Banca Popolare Etica, ovvero da altro soggetto da questa individuato. La Società di Promozione informa i partecipanti in merito a tali iniziative mediante apposita comunicazione che potrà anche essere inserita nelle comunicazioni annuali obbligatorie 16 ETICA SGR PROSPETTO PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

18 C) INFORMAZIONI ECONOMICHE (COSTI, AGEVOLAZIONI, REGIME FISCALE) 13. ONERI A CARICO DEL SOTTOSCRITTORE E ONERI A CARICO DEI FONDI Occorre distinguere gli oneri direttamente a carico del sottoscrittore da quelli che incidono indirettamente sul sottoscrittore in quanto addebitati automaticamente al Fondo prescelto Oneri a carico del sottoscrittore La sottoscrizione dei Fondi oggetto della presente offerta è esente da commissioni di ingresso e di uscita, ad eccezione di un contributo a carico del sottoscrittore (salvo che ne abbia richiesto l esenzione ai sensi del successivo art. 18), pari allo 0,1% di ciascun importo versato, finalizzato alla realizzazione del Fondo di Garanzia per progetti di Microcredito in Italia. La Società di Promozione preleva: DIRITTI FISSI IMPORTO IN EURO per ogni versamento in unica soluzione 12 per il primo versamento effettuato all apertura di un Piano di Accumulo di Capitale per l emissione di ogni certificato 25 La Società di Promozione trattiene inoltre: SPESE per ogni versamento effettuato mediante autorizzazione permanente di addebito in conto (RID) per imposte, tasse e spese di spedizione relative alla sottoscrizione, ai successivi versamenti, alla conferma dell avvenuto investimento e disinvestimento per la spedizione e l assicurazione dei certificati, qualora il sottoscrittore ne richieda l invio al proprio domicilio per la conversione, il frazionamento ed il raggruppamento dei certificati per la spedizione e l assicurazione per l invio dei mezzi di pagamento. 12 IMPORTO importi effettivamente sostenuti, in base alla convenzione con la Banca Depositaria importi effettivamente sostenuti, dipendenti dalle tariffe postali vigenti importi effettivamente sostenuti, in base alle tariffe postali vigenti importi effettivamente sostenuti, in base al tipo di operazione richiesta importi effettivamente sostenuti, in base alle tariffe postali vigenti La Banca Depositaria ha inoltre facoltà di trattenere le eventuali spese inerenti il trasferimento del corrispettivo in caso di rimborso Oneri a carico dei singoli fondi Oneri di gestione La commissione di gestione rappresenta il compenso per l attività di gestione e amministrazione dei Fondi. Tale commissione è calcolata quotidianamente sul patrimonio netto dei Fondi e prelevata trimestralmente il giorno lavorativo successivo alla fine del mese di riferimento. Per ciascun Fondo la commissione è fissata nella seguente misura: FONDO Etica Obbligazionario Breve Termine - Classe R COMMISSIONE DI GESTIONE Aliquota percentuale su base annua 0,60% Etica Obbligazionario Misto - Classe R 1,20% Etica Bilanciato - Classe R 1,80% Etica Azionario - Classe R 1,85% Altri oneri Gli altri oneri a carico di ciascun Fondo sono: a) il compenso riconosciuto alla Banca Depositaria per l incarico svolto, calcolato sul patrimonio medio di ciascun fondo, pari a un massimo di 0,05% su base annua per i fondi Etica Obbligazionario Breve Termine ed Etica Obbligazionario Misto e pari a un massimo di 0,09% su base annua per i fondi Etica Bilanciato ed Etica Azionario. b) gli oneri fiscali di pertinenza dei Fondi previsti dalla normativa vigente; c) gli oneri di intermediazione inerenti alla compravendita di titoli e le relative imposte di trasferimento; d) i compensi spettanti alla Società di Revisione per la revisione della contabilità e dei rendiconti dei Fondi, ivi compreso quello finale di liquidazione; e) le spese di pubblicazione giornaliera sul quotidiano del valore unitario delle quote dei Fondi e quelle di pubblicazione degli avvisi in caso di modifiche del regolamento (per mutamenti della legge o delle disposizioni di vigilanza) nonché di liquidazione di ciascun Fondo, richiesti dalla normativa vigente; f) le spese di stampa e di invio dei documenti periodici destinati al pubblico e quelle derivanti dagli obblighi di comunicazione alla generalità dei partecipanti, purché tali oneri non attengano a propaganda e a pubblicità, o comunque al collocamento di quote dei Fondi; g) gli oneri finanziari connessi all eventuale accensione di prestiti nei casi consentiti dalle disposizioni vigenti e le spese connesse; h) le spese legali e giudiziarie sostenute nell esclusivo interesse dei Fondi; PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE PROSPETTO ETICA SGR 17

19 i) il contributo di vigilanza dovuto alla Consob, nonché alle Autorità estere competenti, per lo svolgimento dell attività di controllo e di vigilanza. Tra tali spese non sono in ogni caso comprese quelle relative alle procedure di commercializzazione dei Fondi nei Paesi diversi dall Italia. Le spese relative ai punti e) e f) di cui sopra, ad eccezione delle spese di pubblicazione del valore unitario delle quote, sono ripartite tra i singoli Fondi in proporzione al valore complessivo netto dei medesimi. Le commissioni di negoziazione non sono quantificabili a priori in quanto variabili. Le spese e i costi effettivi sostenuti dal fondo nell ultimo anno sono indicati nella parte II del Prospetto. 14. AGEVOLAZIONI FINANZIARIE Viene riconosciuta la riduzione del 100% del diritto fisso trattenuto dalla Società di Promozione per le sottoscrizioni di quote di fondi effettuate dai seguenti operatori qualificati: intermediari autorizzati, Sgr, SICAV, fondi pensione, compagnie di assicurazione, soggetti esteri che svolgono in forza della normativa in vigore nel proprio Stato di origine le attività svolte dai soggetti di cui sopra. Viene riconosciuta l esenzione dal pagamento del diritto fisso di 12 euro a coloro che sottoscrivono un nuovo piano di accumulo (PAC) tramite i seguenti collocatori: Banca Popolare Etica (nel periodo dal 18 febbraio al 31 luglio 2014); Banca Popolare dell Alto Adige (nel periodo dal 14 aprile al 31 luglio 2014); Viene inoltre riconosciuta, su richiesta del partecipante, la possibilità di esenzione dal contributo, pari allo 0,1% di ciascun importo versato, finalizzato alla realizzazione del Fondo di Garanzia per progetti di microcredito in Italia, di cui alla sezione B) paragrafo 12 della presente Parte I. Il soggetto collocatore potrà concedere uno sconto fino al 50% delle commissioni di gestione (cfr. punto ) per i seguenti soggetti che effettuino sottoscrizioni di quote per importi minimi di euro ,00: ONG; Ordini religiosi; Organizzazioni sindacali; Fondazioni non bancarie. 15. REGIME FISCALE Regime di tassazione del fondo I redditi del Fondo sono esenti dalle imposte sui redditi e dall IRAP. Il Fondo percepisce i redditi di capitale al lordo delle ritenute e delle imposte sostitutive applicabili, tranne talune eccezioni. In particolare, il Fondo rimane soggetto alla ritenuta alla fonte sugli interessi e altri proventi delle obbligazioni, titoli similari e cambiali finanziarie non negoziati in mercati regolamentati o in sistemi multilaterali di negoziazione degli Stati membri dell Unione europea (UE) e degli Stati aderenti all Accordo sullo spazio economico europeo (SEE) inclusi nella lista degli Stati che consentono un adeguato scambio di informazioni (c.d. white list) emessi da società residenti non quotate nonché alla ritenuta sui proventi dei titoli atipici. Regime di tassazione dei partecipanti Sui redditi di capitale derivanti dalla partecipazione al Fondo è applicata una ritenuta del 26 per cento. La ritenuta è applicata sull ammontare dei proventi distribuiti in costanza di partecipazione al Fondo e sull ammontare dei proventi compresi nella differenza tra il valore di rimborso, liquidazione o cessione delle quote e il costo medio ponderato di sottoscrizione o acquisto delle quote medesime, al netto del 51,92 per cento della quota dei proventi riferibili alle obbligazioni e agli altri titoli pubblici italiani ed equiparati, alle obbligazioni emesse dagli Stati esteri inclusi nella white list e alle obbligazioni emesse da enti territoriali dei suddetti Stati (al fine di garantire una tassazione dei predetti proventi nella misura del 12,50 per cento). I proventi riferibili ai titoli pubblici italiani e esteri sono determinati in proporzione alla percentuale media dell attivo investita direttamente, o indirettamente per il tramite di altri organismi di investimento (italiani ed esteri comunitari armonizzati e non armonizzati soggetti a vigilanza istituiti in Stati UE e SEE inclusi nella white list), nei titoli medesimi. La percentuale media, applicabile in ciascun semestre solare, è rilevata sulla base degli ultimi due prospetti, semestrali o annuali, redatti entro il semestre solare anteriore alla data di distribuzione dei proventi, di riscatto, cessione o liquidazione delle quote ovvero, nel caso in cui entro il predetto semestre ne sia stato redatto uno solo sulla base di tale prospetto. A tali fini, la SGR fornirà le indicazioni utili circa la percentuale media applicabile in ciascun semestre solare. Relativamente alle quote detenute al 30 giugno 2014, sui proventi realizzati in sede di rimborso, cessione o liquidazione delle quote e riferibili ad importi maturati alla predetta data si applica la ritenuta nella misura del 20 per cento (in luogo di quella del 26 per cento). In tal caso, la base imponibile dei redditi di capitale è determinata al netto del 37,5 per cento della quota riferibile ai titoli pubblici italiani e esteri. Tra le operazioni di rimborso sono comprese anche quelle realizzate mediante conversione delle quote da un comparto ad altro comparto del medesimo Fondo. La ritenuta è altresì applicata nell ipotesi di trasferimento delle quote a rapporti di custodia, amministrazione o gestione intestati a soggetti diversi dagli intestatari dei rapporti di provenienza, anche se il trasferimento sia avvenuto per successione o donazione. La ritenuta è applicata a titolo d acconto sui proventi percepiti nell esercizio di attività di impresa commerciale e a titolo d imposta nei confronti di tutti gli altri soggetti, compresiquelli esenti o esclusi dall imposta sul reddito delle società. La ritenuta non si applica sui proventi spettanti alle imprese di assicurazione e relativi a quote comprese negli attivi posti a copertura delle riserve matematiche dei rami vita nonché sui proventi percepiti 18 ETICA SGR PROSPETTO PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

20 da soggetti esteri che risiedono, ai fini fiscali, in Paesi che consentono un adeguato scambio di informazioni e da altri organismi di investimento italiani e da forme pensionistiche complementari istituite in Italia. Nel caso in cui le quote siano detenute da persone fisiche al di fuori dell esercizio di attività di impresa commerciale, da società semplici e soggetti equiparati nonché da enti non commerciali, alle perdite derivanti dalla partecipazione al Fondo si applica il regime del risparmio amministrato di cui all art. 6 del d.lgs. n. 461 del 1997, che comporta obblighi di certificazione da parte dell intermediario. E fatta salva la facoltà del Cliente di rinunciare al predetto regime con effetto dalla prima operazione successiva. Le perdite riferibili ai titoli pubblici italiani ed esteri possono essere portate in deduzione dalle plusvalenze e dagli altri redditi diversi per un importo ridotto del 51,92 cento del loro ammontare. Nel caso in cui le quote siano oggetto di donazione o di altro atto di liberalità, l intero valore delle quote concorre alla formazione dell imponibile ai fini del calcolo dell imposta sulle donazioni. Nell ipotesi in cui le quote siano oggetto di successione ereditaria non concorre alla formazione della base imponibile, ai fini dell imposta di successione, la parte di valore delle quote corrispondente al valore dei titoli, comprensivo dei frutti maturati e non riscossi, emessi o garantiti dallo Stato e ad essi assimilati, detenuti dal Fondo alla data di apertura della successione. A tali fini, la SGR fornirà le indicazioni utili circa la composizione del patrimonio del Fondo. PARTE I - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE PROSPETTO ETICA SGR 19

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Il presente modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia delle classi di azioni dei comparti dell OICVM Dexia Quant, Società d investimento a capitale variabile di diritto Lussemburghese

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 13 di Aprile 2015 MMM00589 04/2015 Pag. 1 di 34 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA...

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli