Fondi Pensione e Investimenti Socialmente Responsabili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondi Pensione e Investimenti Socialmente Responsabili"

Transcript

1 Mefop S.p.A. Forum per la Finanza Sostenibile con la collaborazione di Avanzi SRI Research S.r.l. Fondi Pensione e Investimenti Socialmente Responsabili Una ricerca svolta con il contributo di ING Nextra Pioneer Investment Investment Investment Management Management Management Sanpaolo Wealth Management

2 2

3 Sommario PREFAZIONE...1 PREMESSA...3 GENESI E OBIETTIVI DELLO STUDIO...3 REDAZIONE DEL RAPPORTO E GUIDA ALLA LETTURA...4 RINGRAZIAMENTI E DISCLAIMER...5 INTRODUZIONE...7 ISR: NASCITA E SIGNIFICATO...7 DEFINIZIONE DI ISR...7 EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ISR...9 BIBLIOGRAFIA...12 PARTE PRIMA: CONTRIBUTI DI RICERCA ATTUAZIONE DI UNA STRATEGIA ISR: OPZIONI E ASPETTI PROBLEMATICI...15 ISR E FP: RISCHI E OPPORTUNITÀ...15 IMPLEMENTAZIONE DI UNA STRATEGIA DI ISR...24 SCREENING...24 Scelta dell approccio Criteri generalmente presi in considerazione Scelta dei criteri Implicazioni della scelta dei criteri sul piano della gestione di portafoglio ENGAGEMENT O AZIONARIATO ATTIVO...35 ASPETTI PECULIARI DI UN FP-SR...38 SCELTA DEL BENCHMARK...38 SELEZIONE E VALUTAZIONE DEL GESTORE...41 REGOLE DI TRASPARENZA NELLA GESTIONE...43 PASSAGGIO DA UNA GESTIONE TRADIZIONALE A UNA GESTIONE SR..44 BIBLIOGRAFIA PROFILI GIURIDICI...46 i

4 INTRODUZIONE...46 PROBLEMI DEFINITORI DEGLI ISR...46 ISR E LIMITI AGLI INVESTIMENTI: COMPATIBILITÀ CON IL DIRITTO VIGENTE...47 TRASPARENZA: DEFINIZIONE DELLE LINEE DI ISR E BENCHMARK...52 ISR, CONVENZIONI DI GESTIONE E CONFLITTI DI INTERESSE...54 SE LA SCELTA È DI GESTIONE (DECISIONE DI INVESTIMENTO IN SENSO STRETTO)...55 SE LA SCELTA È DI GESTIONE SOLO IN SENSO LATO...56 ENGAGEMENT...58 CONTROLLI SULLA GESTIONE...61 LEGISLAZIONE IN MATERIA DI ISR NELL ESPERIENZA INTERNAZIONALE...62 CRITICITÀ...63 CHIOSA FINALE...64 BIBLIOGRAFIA LINEE DI TENDENZA A LIVELLO INTERNAZIONALE...66 INTRODUZIONE...66 IL PROBLEMA DEL FINANZIAMENTO DEL SISTEMA PENSIONISTICO...66 FP E ISR IN EUROPA...68 PRIME RIFLESSIONI SUL CONTESTO...71 TENDENZE A LIVELLO NORMATIVO...72 RUOLO DELL UE...75 PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI PRESI IN ALCUNI PAESI EUROPEI...77 UK Germania Francia Belgio Italia GLI ATTORI NEL MERCATO...82 CONCLUSIONI...86 BIBLIOGRAFIA...87 ii

5 PARTE SECONDA: CASI DI STUDIO PGGM (PAESI BASSI)...91 INTRODUZIONE...91 CONTESTO LEGALE, SOCIALE ED ECONOMICO...91 CARATTERISTICHE...91 Corporate governance Politiche di investimento PGGM E L ISR...95 POLITICA E PRASSI...95 Gestione del portafoglio: criteri positivi e negativi Azionariato attivo Investimenti legati a politiche specifiche di corporate governance DRIVERS...97 MODALITÀ...98 EFFETTI...99 COMMENTI BIBLIOGRAFIA UNIVERSITIES SUPERANNUATION SCHEME (UK) INTRODUZIONE CONTESTO LEGALE, SOCIALE, ECONOMICO STORIA CARATTERISTICHE Corporate Governance Politiche di investimento USS E ISR CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA STATE OF CONNECTICUT PENSION FUND (USA) INTRODUZIONE CONTESTO LEGALE, SOCIALE ED ECONOMICO CARATTERISTICHE Corporate governance iii

6 Politiche di investimento CRPTF E ISR DRIVERS MODALITÀ EFFETTI COMMENTI BIBLIOGRAFIA PARTE TERZA: SURVEY UN INDAGINE EMPIRICA OBIETTIVI E METODOLOGIA CONOSCENZA DELL IRS APPLICABILITÀ DI POLITICHE DI ISR PREVISIONI PER IL FUTURO PARTE QUARTA: CONCLUSIONI APPENDICE DOCUMENTI RELATIVI ALLA SURVEY ELENCO DEI RISPONDENTI AL QUESTIONARIO FONDI PENSIONE APERTI FONDI PENSIONE CHIUSI FONDI PENSIONE PREESISTENTI CASSE PROFESSIONALI TESTO DEL QUESTIONARIO E RISPOSTE PRESENTAZIONI DELLE ORGANIZZAZIONI PARTNER DELL INIZIATIVA MEFOP S.P.A FORUM PER LA FINANZA SOSTENIBILE AVANZI SRI RESEARCH S.R.L iv

7 Prefazione Dell on. Roberto Maroni, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Diverse ragioni mi portano a guardare al tema degli investimenti socialmente responsabili con particolare interesse. Per prima cosa, la coerenza tra le finalità che queste pratiche si pongono (garantire rendimenti finanziari non inferiori a quelli medi e contemporaneamente promuovere la responsabilità sociale) e gli obiettivi delle politiche pubbliche. La costruzione di una società che sia al contempo competitiva e solidale rappresenta una sfida importante, per vincere la quale occorre sollecitare la convergenza di azioni di governo e di iniziative del settore privato. Poi, la convinzione che l investimento socialmente responsabile soprattutto se condotto da soggetti istituzionali possa riuscire, nel medio-lungo termine, a migliorare la qualità del mercato. Mi riferisco, in particolare, all attenzione prestata ai temi della corporate governance delle imprese emittenti: credo che se investitori importanti cominceranno a gestire i loro portafogli premiando le imprese più serie, trasparenti e socialmente responsabili nei confronti degli stakeholders, ed evitando quelle che non offrono garanzie di credibilità, l atteggiamento di tutti gli operatori sarà più attento verso i valori sociali e forse qualche corsaro sarà emarginato, con evidente beneficio collettivo. Ultimo, ma non meno importante, il valore culturale espresso dagli investimenti socialmente responsabili. Non mi riferisco tanto ad un valore simbolico o comunicativo, quanto alla capacità di contaminare una comunità, quella finanziaria, che è stata spesso ritenuta (anche a torto) neutra rispetto alla soluzione dei grandi problemi sociali del 1

8 Paese e che invece può giocare un ruolo sempre più importante, sollecitando comportamenti virtuosi soprattutto presso le imprese. Per tutti questi motivi, il Governo vede con favore l introduzione, anche in Italia, di una norma simile a quelle già applicate in altri Paesi europei che prevedono che i fondi pensione comunichino agli aderenti come intendono gestire le dimensioni ambientali e sociali delle loro politiche di investimento: non vogliamo ovviamente interferire nelle scelte di merito tecnico, ma riteniamo che il rispetto di regole di trasparenza possa contribuire a rafforzare la credibilità di un mercato il cui sviluppo è rilevante per l economia e la finanza nel complesso. Tutto ciò a maggior ragione oggi, alla vigilia, cioè, della riforma previdenziale che convoglierà nel settore dei Fondi pensione risorse molto ingenti. Vorrei esprimere infine il mio apprezzamento per il lavoro che Mefop e Forum per la Finanza Sostenibile hanno svolto. Oltre che di un contributo di qualità, si tratta di una partnership innovativa, che lascia intravedere le premesse per l avvio di un confronto che si estenda oltre gli ambiti degli addetti ai lavori e stimoli la partecipazione di tutti i portatori di interesse ad un dibattito che, al di là delle questioni tecniche, riguarda il futuro di tutti i cittadini. 2

9 Premessa Genesi e obiettivi dello studio La motivazione principale allo sviluppo di questa ricerca è rappresentata dalla costante crescita di attenzione nei confronti dei temi della responsabilità sociale, anche in ambito finanziario. Negli ultimi mesi, si sono succeduti con inaspettata frequenza, convegni, dibattiti, pubblicazioni di libri, riviste e articoli in materia di investimenti socialmente responsabili (d ora in avanti, ISR). In questo contesto, il ruolo degli strumenti di previdenza integrativa, e dei fondi pensione (d ora in avanti, FP) in particolare, è stato spesso evocato, talvolta anche in modo non del tutto appropriato. E emersa quindi la necessità di fornire al settore delle previdenza complementare un contributo che potesse, senza troppe pretese di carattere teorico, descrivere il quadro della situazione e indicare alcune linee guida. Il risultato di questa attività di studio e di redazione non è, evidentemente, un manuale: dalla lettura è possibile ricavare alcune indicazioni non solo di carattere generale ma anche operativo. Queste ultime, ovviamente, non sono sufficienti per mettere in pratica le ipotesi di lavoro prefigurate. L intento, insomma, è quello di fungere da supporto agli operatori per aiutarli ad individuare in maniera più precisa i termini della questione. Le domande di ricerca, perciò, sono piuttosto basilari: Che cosa sono gli ISR? 3

10 Come e con quali modalità si applicano concretamente nella realtà di un FP? Quali implicazioni ne derivano, in termini di opportunità e di rischi? Che cosa sta succedendo o è possibile succeda nel resto dell Europa e in Italia? Qual è la percezione che di questo fenomeno hanno gli operatori italiani del settore? Nella prima fase della ricerca, si è cercato di elaborare delle proposte concrete per i politici ed in particolar modo per i FP e i gestori finanziari. Nel corso dei lavori, tuttavia, è maturata la convinzione che fosse necessario anzitutto stimolare una riflessione ed un dibattito su questi argomenti prima di dettare delle linee guida. Peraltro, questo rapporto ha l ambizione di rappresentare un fattore di stimolo perché ciò avvenga, già a partire dai prossimi mesi, decisivi per lo sviluppo della previdenza complementare nel nostro Paese. Lo studio è promosso dalla Mefop e dal Forum per la Finanza Sostenibile, che si è avvalso del supporto tecnico di Avanzi SRI Research. Redazione del rapporto e guida alla lettura Questo documento è il risultato di un lavoro congiunto dei team di ricerca di Avanzi SRI Research S.r.l. (Federico Versace e Stefano Isolica) e Mefop. S.p.A. (Stefania Luzi e Paolo Pellegrini). Davide Dal Maso (Avanzi e Forum per la Finanza Sostenibile) ha seguito l impostazione complessiva della ricerca e curato il coordinamento editoriale. 4

11 Spesso il contributo degli uni sui testi elaborati dagli altri è stato talmente integrato da rendere complessa l attribuzione precisa della paternità dei diversi capitoli. Tuttavia, l attenzione di Avanzi SRI Research si è concentrata particolarmente sui capitoli 1 e 3 della Parte Prima, sui casi di studio 1 e 3 della Parte Seconda, nonché sull impostazione dell indagine e l analisi dei risultati; Mefop ha curato il capitolo 2 della Parte Prima, il caso di studio 2 della Parte Seconda, ha seguito la somministrazione del questionario e ha curato l editing del rapporto. Coerentemente con le domande di ricerca sopra formulate, il rapporto è stato suddiviso in quattro sezioni principali: nella prima parte, il tema degli ISR è affrontato in termini generali. Si è cercato di fornire una visione a tutto tondo del fenomeno, articolando l analisi lungo una direttrice finanziaria e gestionale e da un punto di vista giuridico; nella seconda parte vengono descritte le esperienze, in materia di ISR, fatte da alcuni FP sia europei che nordamericani; la terza sezione analizza i risultati di un indagine condotta su un campione rappresentativo di addetti ai lavori, per verificare la propensione dell industria dei FP italiani nei confronti del fenomeno degli ISR; la quarta sezione, infine, propone delle riflessioni sulle evidenze emerse dall analisi teorica ed empirica e avanza una serie di questioni aperte sull opportunità di eventuali iniziative e sui bisogni di ulteriori approfondimenti. Ringraziamenti e disclaimer Questa ricerca è stata resa possibile anche grazie al contributo di quattro istituzioni finanziarie. Il loro appoggio non si è limitato al 5

12 sostegno economico, ma si è esteso ad un supporto nelle fasi di impostazione e di revisione dei contenuti. Un ringraziamento particolare ai Soci del Forum per la Finanza Sostenibile, per il loro contributo dato all elaborazione delle riflessioni finali. Peraltro, le considerazioni svolte all interno di questo rapporto non coinvolgono direttamente le organizzazioni aderenti al Forum né ne ipotecano la loro posizione sui temi di seguito trattati. 6

13 Introduzione ISR: nascita e significato Definizione di ISR L ISR è una forma di allocazione delle risorse che prende in considerazione le conseguenze sociali e ambientali degli investimenti, all interno di un contesto di rigorosa analisi finanziaria. L ISR si esplica attraverso la selezione di titoli di imprese che rispettano alcuni criteri di responsabilità sociale, che, svolgono, cioè, la propria attività nella massima trasparenza e mantenendo relazioni leali nei confronti dei propri stakeholders, quali per esempio i dipendenti, gli azionisti, i clienti ed i fornitori, le comunità in cui sono inserite e l ambiente. Investitori socialmente responsabili possono essere sia i singoli individui (che operano direttamente o attraverso la mediazione dei gestori), che le istituzioni: fondazioni, FP, enti religiosi, imprese o organizzazioni non-profit. Tali soggetti allocano le loro risorse in questa forma alternativa di investimento nell aspettativa di rendimenti non inferiori a quelli altrimenti conseguibili attraverso investimenti di tipo tradizionale, contribuendo, allo stesso tempo, allo sviluppo di un sistema economico più solidale e sostenibile. A livello teorico, l ISR si declina secondo tre strategie di azione (peraltro non alternative tra loro): la selezione del portafoglio (screening): è la pratica di includere nel portafoglio, o escludere dallo stesso, i titoli di 7

14 società sulla base della valutazione del loro comportamento rispetto a dati criteri sociali o ambientali. Possono essere utilizzati criteri di esclusione (screening negativo) ovvero condizioni o insiemi di condizioni che, laddove soddisfatti, conducano alla individuazione delle società con particolari caratteristiche di responsabilità sociale (screening positivo); l azionariato attivo (engagement o shareholder activism): è una strategia che mira ad utilizzare la leva dell investimento finanziario con lo scopo di dare un orientamento in materia di responsabilità ambientale e sociale alle politiche e alle procedure di imprese partecipate. L attività di pressione e coinvolgimento di una società può essere sviluppata secondo differenti approcci, più o meno radicali (si parla, conseguentemente di soft o di hard engagement): - comunicazione delle politiche: è la semplice comunicazione alla società della politica di investimento del fondo e delle implicazioni a livello di scelta di allocazione delle risorse; - contatto diretto con il management: si attua attraverso incontri periodici con i rappresentanti della direzione delle imprese partecipate; gli investitori possono presentare le loro istanze in ordine al miglioramento delle politiche e delle prassi aziendali; - supporto: si esplicita attraverso pareri o suggerimenti sui temi inerenti alla responsabilità sociale d impresa (RSI) o ad essa collegati; - esercizio dei diritti connessi alla proprietà dei titoli: si esplica, attraverso la partecipazione attiva alle assemblee degli azionisti e la presentazione di mozioni o risoluzioni, con l esercizio del diritto di voto su tutte le questioni per cui è previsto; il sostegno allo sviluppo locale (community investing): consiste nel supporto finanziario ad attività socialmente utili in 8

15 aree in ritardo di sviluppo o in declino. Si può realizzare attraverso la forma del private equity o del venture capital, ma anche con l erogazione del credito di lungo termine. Questo tipo di strategia di investimento è marginale rispetto alle due precedentemente descritte, poiché si presta meno ad una diffusione su larga scala, mentre può essere utilizzata per progetti molto specifici o fondi specializzati creati ad hoc per una determinata iniziativa. Alla luce di quanto detto sopra, la definizione di ISR sembrerebbe relativamente univoca. In realtà, si tratta di un concetto cui si fa riferimento per indicare un fenomeno variegato e non completamente coerente. Spesso viene usato il termine finanza etica come sinonimo, ma non è sempre detto che chi lo utilizza intenda la medesima cosa. L aggettivo etico aggiunge un ulteriore elemento di equivocità, perché l esistenza di una pluralità di etiche, spesso in contraddizione tra loro, rende impossibile stabilire quale sia quella valida universalmente. E difficile individuare un etica comune all interno di uno stesso sistema socioculturale e tale difficoltà diventa insormontabile se si confrontano culture diverse. Per cercare di comprendere la complessità che si incontra nel definire un ISR è opportuno fare un breve excursus. Evoluzione del concetto di ISR Le prime forme di ISR, paragonabili a quelle attuali 1, risalgono al XVII secolo, quando le aree più rigorose del protestantesimo 1 - Alcuni studiosi, come, in Italia, Zamagni, riconducono la nascita del concetto di finanza etica all esperienza delle banche del monte e dei monti di pietà, istituti successivamente evolutisi nelle Casse di Risparmio. Senz altro questa storia esprime molte delle tensioni sociali e morali che ritroviamo nella finanza socialmente responsabile moderna. Dal punto di vista della prassi applicativa, tuttavia, l ISR, per 9

16 cristiano, ed in particolare i Quaccheri, rifiutavano di investire i propri risparmi in imprese che facessero uso di schiavi, sulla base di convinzioni di carattere religioso. Allo stesso tipo di motivazione era correlato il giudizio di disvalore applicato ai produttori di armi, di tabacco e di alcolici. Esperienze simili a quelle dei Quaccheri sono state successivamente fatte da altri gruppi religiosi, come i Battisti e i Metodisti. Fino alla fine degli anni 60 il fenomeno è rimasto confinato all ambito dei movimenti religiosi. Quantitativamente, si tratta di somme molto limitate; sotto il profilo dell approccio, i prodotti rimangono legati al modello dell esclusione sulla base di criteri negativi. La svolta che sdogana l ISR dal circoscritto universo dell attivismo religioso si ha negli anni 60, quando i movimenti di protesta e di proposta in materia di diritti civili e di partecipazione democratica prendevano piede in tutti i Paesi industrializzati. Queste nuove aggregazioni sociali rappresentano non solo un fattore di spinta politica nei confronti dell establishment, ma costituiscono anche un elemento di organizzazione della domanda di prodotti e di servizi diversi nel contesto del mercato. Il momento topico di questo trend evolutivo si verifica in concomitanza con la campagna internazionale contro la pratica dell apartheid in Sudafrica. Negli anni 70 il reverendo Leon Sullivan, un prelato americano, riuscì ad organizzare un ampio movimento di opinione e di organizzazione dell azionariato di alcune grandi corporations. Elaborò una serie di principi di comportamento, diventati noti col suo nome, in forza dei quali le imprese statunitensi operanti in Sudafrica avrebbero dovuto applicare ai lavoratori del luogo le stesse regole adottate per i dipendenti americani. Al lancio di questi principi seguirono vaste operazioni di boicottaggio finanziario e massicce forme di pressione come viene praticato oggi, è forse più vicino all approccio sperimentato dalle chiese riformate anglosassoni. 10

17 sui manager e sui board delle multinazionali americane coinvolte più o meno direttamente in pratiche di apartheid. Il movimento registrò alcune clamorose vittorie e l approccio dell azionariato attivo si consolidò come uno strumento di affermazione di diritti civili e politici. Parallelamente, e con sempre maggior chiarezza col passare del tempo, l evidenza empirica nella pratica della gestione finanziaria iniziava a mostrare segnali coerenti sull esistenza di una correlazione tra il comportamento ambientale e sociale delle imprese e il loro successo in termini di business (cfr. la bibliografia alla fine del capitolo successivo). La capacità di gestire le variabili ambientali e sociali con correttezza e atteggiamento proattivo si andava affermando come un fattore di vantaggio competitivo. Viceversa, il mercato cominciava a penalizzare in modo sempre più esplicito le società che dimostravano scarsa attenzione alla compatibilità ambientale e all equità sociale frutto delle attività condotte. La constatazione di questa evidenza provoca un sostanziale mutamento nell approccio dell ISR, nel senso di un progressivo superamento dell applicazione di criteri puramente moralistici. Essi vengono ora affiancati da altri criteri ambientali e sociali che operano come una lente d ingrandimento utile per arricchire la tradizionale analisi finanziaria con la valutazione di alcuni dei più importanti asset intangibili che tanto influenzano il valore dell impresa. In particolare, gli indicatori che derivano dall analisi della responsabilità sociale delle imprese consentono: di mettere a punto una più articolata modalità di gestione del rischio finanziario, creando una relazione con le dimensioni del rischio ambientale o sociale; di identificare le imprese o i settori in declino e di quelli ad alto potenziale; di evidenziare le imprese più efficienti; di individuare le imprese gestite da un management pronto a cogliere le sfide innovative. 11

18 La caratteristica di questi parametri di completare l analisi puramente finanziaria è generalmente riconosciuta anche dagli analisti tradizionali. Spesso la ricerca sul comportamento ambientale e sociale delle imprese viene sfruttata anche dai gestori che non etichettano i loro prodotti di investimento come socialmente responsabili, ma che comunque traggono da tale ricerca informazioni utili per disegnare un quadro più completo delle organizzazioni oggetto dell indagine. Bibliografia Dal Maso D., Bartolomeo M., (2001), Finanza e Sviluppo Sostenibile, Milano. Eldridge K, (2000), Taking social, environmental and ethical considerations into account in investment policies Londra. Kinder P., Domini A., (1997), Social screening: Paradigms Old and New, in The Journal of Investing winter 1997, New York. Domini A., (2001) Socially Responsible Investing, Chicago. 12

19 Parte prima: Contributi di ricerca 13

20 14

21 1.1 Attuazione di una strategia ISR: opzioni e aspetti problematici ISR e FP: rischi e opportunità Gli ISR possono essere considerati come una modalità di allocazione delle risorse finanziarie che, attraverso l attribuzione di una valenza sociale alle relazioni tra tutti i soggetti coinvolti nei processi di creazione del valore e la costruzione di strutture gestionali e organizzative innovative, è in grado di favorire uno sviluppo economico più equo e compatibile nonché di produrre esternalità positive a livello macroeconomico. Si tratta, tuttavia, di un processo i cui effetti tendono a dispiegarsi nel lungo periodo: la ristrutturazione della corporate governance delle imprese richiede, infatti, una ridefinizione complessiva delle modalità operative, gestionali ed organizzative, sia interne che esterne. Due sono gli aspetti che sembrano rendere gli ISR una forma di investimento particolarmente adatta ai FP: la valenza sociale; la natura non speculativa orientata al lungo periodo. La prima peculiarità solleva alcune riflessioni significative o perlomeno richiede dei chiarimenti: da un lato, infatti, la natura previdenziale dello strumento incorpora chiaramente una valenza sociale; dall altro, non è così scontato che essa debba intendersi estesa alla società nel suo complesso, ove ciò possa anche solo teoricamente mettere in discussione l interesse degli aderenti. L essere strumento di politica sociale, cioè, non implica che le finalità 15

22 di interesse generale possano esprimersi a detrimento di quelli specifici 1. La seconda apre prospettive la cui analisi appare senza dubbio più problematica (cfr. Profili giuridici, Criticità). Da un punto di vista prettamente teorico, è possibile affermare che il FP investe in un ottica di lungo periodo; la natura dell orizzonte temporale di riferimento permetterebbe, in tal modo, di beneficiare al massimo dei potenziali extra-rendimenti generati da una corretta gestione dei rischi sociali e ambientali. Nella pratica, tuttavia, la normativa regola il trasferimento delle posizioni individuali e, nel caso di fondi multicomparto, gli switch da un comparto all altro, con riferimento a orizzonti temporali piuttosto brevi. Se ciò può sollevare dubbi riguardo la compatibilità economica-finanziaria tra ISR e FP, è tuttavia da tenere presente che, quantomeno nel caso delle prime due tipologie di strategie di azione definite nel capitolo precedente, gli ISR sono investimenti finanziari che non si differenziano da quelli tradizionali in termini del grado di liquidità e dell accessibilità dell investimento stesso. Ciò significa che, anche qualora l orizzonte fosse limitato al breve periodo, gli ISR potrebbero non trarre i benefici attesi, ma non sarebbero neanche soggetti a quelle perdite potenziali che potrebbero essere sofferte da investimenti caratterizzati, oltre che da un orizzonte di lungo periodo, da un elevato grado di illiquidità. 1 Si veda, al riguardo, la sentenza Cowan v Scargill (1984), che ha risolto una controversia interna al National Union of Mineworkers Pension Scheme. In particolare, il merito della questione riguardava la proposta di escludere dal portafoglio ogni società del settore energy che non fosse britannica, sulla base di un principio di favore verso l industria nazionale (e quindi verso i lavoratori in essa impiegati). Il giudice stabilì che tale politica di investimento era inaccettabile in quanto non tutelava a sufficienza gli interessi degli aderenti al fondo pensione. In particolare, limitando l universo investibile sulla base di criteri non finanziari, veniva meno il requisito di sana e prudente gestione a cui gli amministratori di un FP si devono attenere. 16

23 Ciò non toglie che un approccio di investimento a lungo termine consenta di instaurare con le società partecipate un rapporto più stretto non basato su una mera speculazione di breve periodo, ma su investimenti di tipo strategico con orizzonti temporali più lunghi. Possono pertanto essere create le premesse e le condizioni per un coinvolgimento delle imprese in un processo di sensibilizzazione nei riguardi dei temi della responsabilità sociale e, in seguito, dell implementazione dei programmi e delle politiche necessarie. Da un punto di vista finanziario, gli studi sulla correlazione tra la responsabilità sociale delle imprese e l andamento della quotazione del titolo emesso non giungono a conclusioni definitive: esiste una evidente difficoltà a modellizzare questa correlazione, data l incertezza dei confini definitori e l aleatorietà delle variabili che entrano in gioco in queste valutazioni, che hanno in realtà una significativa componente qualitativa. Del resto, in ambito finanziario sono ben poche le verità inattaccabili e anche le conclusioni apparentemente più solide vengono spesso smentite dagli eventi. In via empirica, invece, la constatazione di una coerenza tra il comportamento sociale ed ambientale delle imprese e le buone prestazioni finanziarie del titolo è generalmente condivisa. È infatti plausibile pensare che una gestione aziendale proattiva da un punto di vista sociale e ambientale sia potenzialmente in grado di creare valore aggiunto in termini di asset intangibili che, nel lungo periodo, possono assicurare all impresa solidità e garantire riflessi positivi sulle performance finanziarie. L implementazione di una sana ed efficace politica di corporate social responsability (CSR) può infatti proteggere un impresa da diverse tipologie di rischio. Per esemplificare, una corretta gestione ambientale può prevenire il rischio di richieste di risacimento per danni ambientali, con ripercussioni sulla compagnia in termini di immagine e di costi di ripristino; l adozione di un codice di condotta può immunizzare l impresa dai rischi legati a scandali da cui 17

24 possono derivare crisi finanziarie o, come alcuni episodi hanno dimostrato, la bancarotta. In generale, un politica di gestione attenta alle esigenze dei vari stakeholders è in grado di scongiurare tensioni sociali o altri episodi di protesta che possono danneggiare l immagine e la redditività dell impresa. Se da un lato questa strategia di investimento offre delle opportunità interessanti per un FP, implica altresì alcune questioni di carattere organizzativo che possono ostacolarne la realizzazione. In primo luogo, rilevano i costi legati all ulteriore analisi del profilo ambientale e sociale delle imprese, necessaria per integrare le elaborazioni che discendono dall analisi finanziaria. L analisi della responsabilità sociale è in sé più onerosa, perché va ad investigare aree complesse, con forti componenti di interpretazione qualitativa; occorre comprendere sia il livello strategico (le politiche ed i programmi) che il significato dei risultati concreti ottenuti per ciascun settore di indagine. Soprattutto, ciò che rende l analisi della responsabilità sociale particolarmente delicata è il fatto che le fonti devono necessariamente essere diverse, spesso in contraddizione tra loro e talvolta informali. Per conoscere il comportamento di una multinazionale in un Paese in via di sviluppo, per esempio, non basta rifarsi alle dichiarazioni dell impresa stessa; occorre invece sollecitare fonti critiche, quali la stampa alternativa, il sindacato, le organizzazioni internazionali e quelle non governative operanti in loco e così via. Si tratta di attività, insomma, che richiedono una rete di relazioni attiva e ramificata, che raccolga informazioni affidabili e abbia interesse a trasmetterle in modo corretto. Va da sé che, ogniqualvolta una informazione critica viene raccolta, essa va vagliata attentamente e riproposta in termini problematici all impresa stessa affinché essa possa controdedurre e proporre a propria volta una versione alternativa. 18

25 È di tutta evidenza quanto questo tipo di monitoraggio debba essere mantenuto costantemente aggiornato e la struttura che lo produce richieda un continuo lavoro di manutenzione. Ed è altrettanto evidente che determinante ai fini della bontà del processo di analisi è la qualifica degli analisti. Sotto questo profilo, non si può parlare di una figura professionale definita. Del resto, l area della responsabilità sociale è così vasta (tocca i temi della corporate governance, dell ambiente, delle relazioni industriali, della tutela dei consumatori e via dicendo) che si rendono necessari team di ricerca compositi per riuscire a inquadrare correttamente i dati rilevati e coglierne le implicazioni sul piano finanziario. Tutto il processo, poi, si complica enormemente quando l impresa oggetto di indagine assume atteggiamenti reticenti nei confronti di richieste di informazione. Peraltro, è spesso difficile da valutare il trade-off tra i costi associati all acquisizione di informazioni significative ed esaustive e i benefici attesi, espressi in termini di conoscenza aggiuntiva della complessità aziendale. Di certo, l analisi della responsabilità sociale è in grado di evidenziare delle aree di opportunità e di rischio che l analista finanziario non coglie basandosi sui dati puramente economicofinanziari. Non che con questo le si possano riconoscere capacità di investigazione che vanno oltre quello che sia ragionevole attendersi, ma certamente è in grado di mettere in campo un set di informazioni che completano in modo assai stimolante il quadro descrittivo dell azienda. Anche per questo motivo, sempre più spesso si assiste all integrazione della dimensione finanziaria e di quella ambientale/sociale: alcuni gestori particolarmente avanzati, cioè, non adottano più un processo per successivi compartimenti stagni, ma cercano di far lavorare fianco a fianco gli analisti con diverse capacità di indagine al fine di ottenere un risultato complessivo che sia più ricco e rotondo di quanto non risulterebbe dall applicazione di filtri successivi. 19

FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti. Simonetta Bono Novembre 2013

FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti. Simonetta Bono Novembre 2013 FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti Simonetta Bono Novembre 2013 Investimento socialmente responsabile 2. L Investimento socialmente responsabile (SRI,

Dettagli

Covip. Premesse. Consultazione sullo schema di Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento

Covip. Premesse. Consultazione sullo schema di Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento Covip Consultazione sullo schema di Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento Milano, 30 settembre 2011 Premesse In tutto il mondo, ed in particolare in Europa, i fondi pensione

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. La finanza etica

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. La finanza etica Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito La finanza etica Idea di sovversivi o segmento di mercato? 1. La finanza etica, per alcuni, è la strada per una obiezione finanziaria. Tutto il mondo della

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Gestione finanziaria, politiche di investimento e Advisor. Mauro Marè

Gestione finanziaria, politiche di investimento e Advisor. Mauro Marè Gestione finanziaria, politiche di investimento e Advisor Mauro Marè 1 I passaggi rilevanti delle disposizioni Covip (16 marzo 2012) Art. 2. Documento sulla politica di investimento 1. L organo di amministrazione

Dettagli

Insight. Gli scettici della qualità.

Insight. Gli scettici della qualità. Insight N. 30 Febbraio 2010 Gli scettici della qualità. Una fotografia della Quality Assurance Review in Italia: una pratica ancora poco diffusa, spesso a causa di preconcetti su costi e tempi di realizzazione,

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Giulio Tagliavini Massimo Regalli Corso di Economia degli Intermediari Finanziari La finanza etica Finanza..etica? Si tratta di una tematica che sta riscuotendo molto interesse; Prevede l assunzione di

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

DIREZIONE VITA E FINANZA. I valori del Prodotto Vita Unipol. Manuale per la qualificazione dei prodotti assicurativi Vita secondo i valori Unipol

DIREZIONE VITA E FINANZA. I valori del Prodotto Vita Unipol. Manuale per la qualificazione dei prodotti assicurativi Vita secondo i valori Unipol DIREZIONE VITA E FINANZA I valori del Prodotto Vita Unipol valori Unipol 1 Indice SEZIONE ASPETTI GENERALI 4 1. OBIETTIVI DEL PROGETTO 4 2. VALORI UNIPOL 5 2.1. VALORE DEL PRODOTTO 5 2.2. EQUITÀ 6 2.3.

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget»

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Authorized and regulated by the Financial Services Authority L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Il processo di investimento

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO TELECOM ITALIA 3 Ottobre 2013 Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com SOMMARIO Principi Generali 6 I nostri Valori 7 I nostri

Dettagli

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012 Comitato Tecnico Assofondipensione «Disposizioni sulla politica di investimento» 4 giugno 2012 1 Gestione finanziaria nei fondi pensione Normativa e modello operativo ante Deliberazione Covip 16/03/2012;

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali ACE PROTEGGE LA RISERVATEZZA DEI TUOI DATI Ace European Group Ltd. fin dalla sua nascita ha deciso di ispirare la propria azione ai valori della sicurezza, della trasparenza e della qualità. Il risultato

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

COGENIAapprofondimenti

COGENIAapprofondimenti PREMESSA Questa presentazione ha diverse finalità:? Costituire un documento di presentazione sulla tematica della responsabilità sociale d impresa;? Essere un momento di riflessione critica sui rischi

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Delibera Covip e nuovo 703/96: quali sfide per i modelli gestionali dei fondi pensione? Antonello Motroni - Mefop ITForum 2013 Rimini, 23 maggio 2013

Delibera Covip e nuovo 703/96: quali sfide per i modelli gestionali dei fondi pensione? Antonello Motroni - Mefop ITForum 2013 Rimini, 23 maggio 2013 Delibera Covip e nuovo 703/96: quali sfide per i modelli gestionali dei fondi pensione? Antonello Motroni - Mefop ITForum 2013 Rimini, 23 maggio 2013 Un nuovo contesto di riferimento La gestione finanziaria

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 6 2. SINTESI... 8 3. QUADRO DI RIFERIMENTO... 10 3.1 Influenzatori del contesto... 11 3.2 Attori sociali...

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Davide Dal Maso, Forum per la Finanza Sostenibile Milano, 26 marzo 2014

Davide Dal Maso, Forum per la Finanza Sostenibile Milano, 26 marzo 2014 Fondazione Giordano Dell Amore - Impact investing: come coniugare ritorno economico ed impatto positivo Dagli investimenti socialmente responsabili all impact investing: l evoluzione del settore Davide

Dettagli

Etica Sgr. investimenti socialmente responsabili microcredito azionariato attivo

Etica Sgr. investimenti socialmente responsabili microcredito azionariato attivo Etica Sgr investimenti socialmente responsabili microcredito azionariato attivo Una società finanziaria specializzata Etica Sgr, operativa dal 2002, è iscritta all Albo delle Società di Gestione del Risparmio

Dettagli

CODICE ETICO E DI LEGALITA

CODICE ETICO E DI LEGALITA CODICE ETICO E DI LEGALITA INTRODUZIONE Carbotrade Gas S.p.A. è una società commerciale con esperienza pluridecennale nel settore dell energia, il cui fine è la commercializzazione e la vendita di G.P.L.

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

Corso di INVESTMENT BANKING and REAL ESTATE FINANCE A. A. 2013-2014. GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DEGLI INVESTITORI PREVIDENZIALI 1 aprile 2014

Corso di INVESTMENT BANKING and REAL ESTATE FINANCE A. A. 2013-2014. GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DEGLI INVESTITORI PREVIDENZIALI 1 aprile 2014 Corso di INVESTMENT BANKING and REAL ESTATE FINANCE A. A. 2013-2014 GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DEGLI INVESTITORI PREVIDENZIALI 1 aprile 2014 Elisa Bocchialini Università degli Studi di Parma Dipartimento

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI OBIETTIVI E PROPOSTE dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo Nello svolgimento dei compiti istituzionali di garanzia pubblica e di rappresentanza

Dettagli

Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile

Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile Sergio Paci Dipartimento di Finanza Responsabile Divisione Pensions and Insurance Carefin Roma, 4 novembre 2014 Assicurazione, sostenibilità

Dettagli

Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione ENTI PREVIDENZIALI PRIVATI ISTRUZIONI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA RELAZIONE RECANTE LE ALTRE INFORMAZIONI DI CUI ALL ART. 2, COMMA 1, LETT. A), D), E), F),

Dettagli

Verso il multicomparto

Verso il multicomparto Verso il multicomparto Guida alla scelta della linea di investimento più adatta Il Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank Spa è prossimo al passaggio al multicomparto. I risparmi saranno immessi

Dettagli

La risposta del mercato: i fondi etici

La risposta del mercato: i fondi etici La risposta del mercato: i fondi etici Università di Milano Bicocca: 20.11.13 Gianfranco Forte Investimenti etici È opportuno precisare subito che non esiste una definizione universalmente codificata di

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI 1 giugno 2007 Il 7 febbraio 2007 la Consob ha diffuso un documento

Dettagli

L ATTIVITÀ D INVESTIMENTO E IL RENDIMENTO NELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NOTE SUL CASO COMETA

L ATTIVITÀ D INVESTIMENTO E IL RENDIMENTO NELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NOTE SUL CASO COMETA Contributi L ATTIVITÀ D INVESTIMENTO E IL RENDIMENTO NELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NOTE SUL CASO COMETA di Gianni Ferrante ** Premessa Come già facemmo nel n.7 (ottobre 2002) di questa pubblicazione

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO Aggiornamento: giugno 2013 1 Dalla sua origine nel 1987 e fino al 31 dicembre 2008 il Fondo ha adottato un modello di gestione basato su una convenzione assicurativa, gestita

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 16 Marzo 2015 Spett.le Autorità per l energia elettrica, il gas e il sistema idrico Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 34/2015/R/eel

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

ETICA E IMPRESA. Il concetto di etica. Cosa è. A quale concetto ci rifacciamo. Quale legame esiste tra etica e impresa. Concetta Carnevale

ETICA E IMPRESA. Il concetto di etica. Cosa è. A quale concetto ci rifacciamo. Quale legame esiste tra etica e impresa. Concetta Carnevale ETICA E IMPRESA Concetta Carnevale Università della Calabria 1 Il concetto di etica Cosa è A quale concetto ci rifacciamo Quale legame esiste tra etica e impresa 2 Etica e sviluppo sostenibile L esigenza

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

INCONTRO del 10 maggio 2008 ORIENTAMENTI ETICI USATI NEGLI INVESTIMENTI

INCONTRO del 10 maggio 2008 ORIENTAMENTI ETICI USATI NEGLI INVESTIMENTI INCONTRO del 10 maggio 2008 ORIENTAMENTI ETICI USATI NEGLI INVESTIMENTI Agenda Alcuni cenni sull Istituto Etica e Finanza L approccio dell Istituto agli investimenti Alcuni cantieri etici IOR Alcuni cenni

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

fondi attivi, private equity, asset illiquidi, strategie flessibili, hedge fund, infrastrutture, private debt.. è sempre più difficile (investire)?!?!

fondi attivi, private equity, asset illiquidi, strategie flessibili, hedge fund, infrastrutture, private debt.. è sempre più difficile (investire)?!?! Authorized and regulated by the Financial Conduct Authority fondi attivi, private equity, asset illiquidi, strategie flessibili, hedge fund, infrastrutture, private debt.. è sempre più difficile (investire)?!?!

Dettagli

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali IL FUND RAISING PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Principi, strumenti e tecniche Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali Spesso, di fronte al tema delle risorse, chi

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Testo revisionato e approvato dalla Commissione il 29/05/2013

Dettagli

Il consumo e il risparmio come forme di partecipazione

Il consumo e il risparmio come forme di partecipazione Finanza Etica Il consumo e il risparmio come forme di partecipazione Gli strumenti che permettono ai cittadini socialmente responsabili forme di partecipazione dal basso sembrano essere particolarmente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5 Il mercato del risparmio gestito, che negli anni 90 era stato caratterizzato da una crescita impetuosa, nell ultimo decennio è stato interessato da distinte dinamiche locali influenzate da una molteplicità

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

AREA TEMATICA RETRIBUZIONE

AREA TEMATICA RETRIBUZIONE AREA TEMATICA RETRIBUZIONE L'area tratta delle problematiche legate alla retribuzione: la retribuzione caratteristiche della retribuzione struttura e sistemi di retribuzione voci della retribuzione adempimento

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

L orientamento etico dei fondi pensione in Italia: un analisi documentale

L orientamento etico dei fondi pensione in Italia: un analisi documentale Università degli Studi di Bari L orientamento etico dei fondi pensione in Italia: un analisi documentale Mariantonietta Intonti, Angela Garofalo Università di Bari SETTIMANA SRI 2015, 16 novembre 2014

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli