Fondi Pensione e Investimenti Socialmente Responsabili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondi Pensione e Investimenti Socialmente Responsabili"

Transcript

1 Mefop S.p.A. Forum per la Finanza Sostenibile con la collaborazione di Avanzi SRI Research S.r.l. Fondi Pensione e Investimenti Socialmente Responsabili Una ricerca svolta con il contributo di ING Nextra Pioneer Investment Investment Investment Management Management Management Sanpaolo Wealth Management

2 2

3 Sommario PREFAZIONE...1 PREMESSA...3 GENESI E OBIETTIVI DELLO STUDIO...3 REDAZIONE DEL RAPPORTO E GUIDA ALLA LETTURA...4 RINGRAZIAMENTI E DISCLAIMER...5 INTRODUZIONE...7 ISR: NASCITA E SIGNIFICATO...7 DEFINIZIONE DI ISR...7 EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ISR...9 BIBLIOGRAFIA...12 PARTE PRIMA: CONTRIBUTI DI RICERCA ATTUAZIONE DI UNA STRATEGIA ISR: OPZIONI E ASPETTI PROBLEMATICI...15 ISR E FP: RISCHI E OPPORTUNITÀ...15 IMPLEMENTAZIONE DI UNA STRATEGIA DI ISR...24 SCREENING...24 Scelta dell approccio Criteri generalmente presi in considerazione Scelta dei criteri Implicazioni della scelta dei criteri sul piano della gestione di portafoglio ENGAGEMENT O AZIONARIATO ATTIVO...35 ASPETTI PECULIARI DI UN FP-SR...38 SCELTA DEL BENCHMARK...38 SELEZIONE E VALUTAZIONE DEL GESTORE...41 REGOLE DI TRASPARENZA NELLA GESTIONE...43 PASSAGGIO DA UNA GESTIONE TRADIZIONALE A UNA GESTIONE SR..44 BIBLIOGRAFIA PROFILI GIURIDICI...46 i

4 INTRODUZIONE...46 PROBLEMI DEFINITORI DEGLI ISR...46 ISR E LIMITI AGLI INVESTIMENTI: COMPATIBILITÀ CON IL DIRITTO VIGENTE...47 TRASPARENZA: DEFINIZIONE DELLE LINEE DI ISR E BENCHMARK...52 ISR, CONVENZIONI DI GESTIONE E CONFLITTI DI INTERESSE...54 SE LA SCELTA È DI GESTIONE (DECISIONE DI INVESTIMENTO IN SENSO STRETTO)...55 SE LA SCELTA È DI GESTIONE SOLO IN SENSO LATO...56 ENGAGEMENT...58 CONTROLLI SULLA GESTIONE...61 LEGISLAZIONE IN MATERIA DI ISR NELL ESPERIENZA INTERNAZIONALE...62 CRITICITÀ...63 CHIOSA FINALE...64 BIBLIOGRAFIA LINEE DI TENDENZA A LIVELLO INTERNAZIONALE...66 INTRODUZIONE...66 IL PROBLEMA DEL FINANZIAMENTO DEL SISTEMA PENSIONISTICO...66 FP E ISR IN EUROPA...68 PRIME RIFLESSIONI SUL CONTESTO...71 TENDENZE A LIVELLO NORMATIVO...72 RUOLO DELL UE...75 PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI PRESI IN ALCUNI PAESI EUROPEI...77 UK Germania Francia Belgio Italia GLI ATTORI NEL MERCATO...82 CONCLUSIONI...86 BIBLIOGRAFIA...87 ii

5 PARTE SECONDA: CASI DI STUDIO PGGM (PAESI BASSI)...91 INTRODUZIONE...91 CONTESTO LEGALE, SOCIALE ED ECONOMICO...91 CARATTERISTICHE...91 Corporate governance Politiche di investimento PGGM E L ISR...95 POLITICA E PRASSI...95 Gestione del portafoglio: criteri positivi e negativi Azionariato attivo Investimenti legati a politiche specifiche di corporate governance DRIVERS...97 MODALITÀ...98 EFFETTI...99 COMMENTI BIBLIOGRAFIA UNIVERSITIES SUPERANNUATION SCHEME (UK) INTRODUZIONE CONTESTO LEGALE, SOCIALE, ECONOMICO STORIA CARATTERISTICHE Corporate Governance Politiche di investimento USS E ISR CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA STATE OF CONNECTICUT PENSION FUND (USA) INTRODUZIONE CONTESTO LEGALE, SOCIALE ED ECONOMICO CARATTERISTICHE Corporate governance iii

6 Politiche di investimento CRPTF E ISR DRIVERS MODALITÀ EFFETTI COMMENTI BIBLIOGRAFIA PARTE TERZA: SURVEY UN INDAGINE EMPIRICA OBIETTIVI E METODOLOGIA CONOSCENZA DELL IRS APPLICABILITÀ DI POLITICHE DI ISR PREVISIONI PER IL FUTURO PARTE QUARTA: CONCLUSIONI APPENDICE DOCUMENTI RELATIVI ALLA SURVEY ELENCO DEI RISPONDENTI AL QUESTIONARIO FONDI PENSIONE APERTI FONDI PENSIONE CHIUSI FONDI PENSIONE PREESISTENTI CASSE PROFESSIONALI TESTO DEL QUESTIONARIO E RISPOSTE PRESENTAZIONI DELLE ORGANIZZAZIONI PARTNER DELL INIZIATIVA MEFOP S.P.A FORUM PER LA FINANZA SOSTENIBILE AVANZI SRI RESEARCH S.R.L iv

7 Prefazione Dell on. Roberto Maroni, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Diverse ragioni mi portano a guardare al tema degli investimenti socialmente responsabili con particolare interesse. Per prima cosa, la coerenza tra le finalità che queste pratiche si pongono (garantire rendimenti finanziari non inferiori a quelli medi e contemporaneamente promuovere la responsabilità sociale) e gli obiettivi delle politiche pubbliche. La costruzione di una società che sia al contempo competitiva e solidale rappresenta una sfida importante, per vincere la quale occorre sollecitare la convergenza di azioni di governo e di iniziative del settore privato. Poi, la convinzione che l investimento socialmente responsabile soprattutto se condotto da soggetti istituzionali possa riuscire, nel medio-lungo termine, a migliorare la qualità del mercato. Mi riferisco, in particolare, all attenzione prestata ai temi della corporate governance delle imprese emittenti: credo che se investitori importanti cominceranno a gestire i loro portafogli premiando le imprese più serie, trasparenti e socialmente responsabili nei confronti degli stakeholders, ed evitando quelle che non offrono garanzie di credibilità, l atteggiamento di tutti gli operatori sarà più attento verso i valori sociali e forse qualche corsaro sarà emarginato, con evidente beneficio collettivo. Ultimo, ma non meno importante, il valore culturale espresso dagli investimenti socialmente responsabili. Non mi riferisco tanto ad un valore simbolico o comunicativo, quanto alla capacità di contaminare una comunità, quella finanziaria, che è stata spesso ritenuta (anche a torto) neutra rispetto alla soluzione dei grandi problemi sociali del 1

8 Paese e che invece può giocare un ruolo sempre più importante, sollecitando comportamenti virtuosi soprattutto presso le imprese. Per tutti questi motivi, il Governo vede con favore l introduzione, anche in Italia, di una norma simile a quelle già applicate in altri Paesi europei che prevedono che i fondi pensione comunichino agli aderenti come intendono gestire le dimensioni ambientali e sociali delle loro politiche di investimento: non vogliamo ovviamente interferire nelle scelte di merito tecnico, ma riteniamo che il rispetto di regole di trasparenza possa contribuire a rafforzare la credibilità di un mercato il cui sviluppo è rilevante per l economia e la finanza nel complesso. Tutto ciò a maggior ragione oggi, alla vigilia, cioè, della riforma previdenziale che convoglierà nel settore dei Fondi pensione risorse molto ingenti. Vorrei esprimere infine il mio apprezzamento per il lavoro che Mefop e Forum per la Finanza Sostenibile hanno svolto. Oltre che di un contributo di qualità, si tratta di una partnership innovativa, che lascia intravedere le premesse per l avvio di un confronto che si estenda oltre gli ambiti degli addetti ai lavori e stimoli la partecipazione di tutti i portatori di interesse ad un dibattito che, al di là delle questioni tecniche, riguarda il futuro di tutti i cittadini. 2

9 Premessa Genesi e obiettivi dello studio La motivazione principale allo sviluppo di questa ricerca è rappresentata dalla costante crescita di attenzione nei confronti dei temi della responsabilità sociale, anche in ambito finanziario. Negli ultimi mesi, si sono succeduti con inaspettata frequenza, convegni, dibattiti, pubblicazioni di libri, riviste e articoli in materia di investimenti socialmente responsabili (d ora in avanti, ISR). In questo contesto, il ruolo degli strumenti di previdenza integrativa, e dei fondi pensione (d ora in avanti, FP) in particolare, è stato spesso evocato, talvolta anche in modo non del tutto appropriato. E emersa quindi la necessità di fornire al settore delle previdenza complementare un contributo che potesse, senza troppe pretese di carattere teorico, descrivere il quadro della situazione e indicare alcune linee guida. Il risultato di questa attività di studio e di redazione non è, evidentemente, un manuale: dalla lettura è possibile ricavare alcune indicazioni non solo di carattere generale ma anche operativo. Queste ultime, ovviamente, non sono sufficienti per mettere in pratica le ipotesi di lavoro prefigurate. L intento, insomma, è quello di fungere da supporto agli operatori per aiutarli ad individuare in maniera più precisa i termini della questione. Le domande di ricerca, perciò, sono piuttosto basilari: Che cosa sono gli ISR? 3

10 Come e con quali modalità si applicano concretamente nella realtà di un FP? Quali implicazioni ne derivano, in termini di opportunità e di rischi? Che cosa sta succedendo o è possibile succeda nel resto dell Europa e in Italia? Qual è la percezione che di questo fenomeno hanno gli operatori italiani del settore? Nella prima fase della ricerca, si è cercato di elaborare delle proposte concrete per i politici ed in particolar modo per i FP e i gestori finanziari. Nel corso dei lavori, tuttavia, è maturata la convinzione che fosse necessario anzitutto stimolare una riflessione ed un dibattito su questi argomenti prima di dettare delle linee guida. Peraltro, questo rapporto ha l ambizione di rappresentare un fattore di stimolo perché ciò avvenga, già a partire dai prossimi mesi, decisivi per lo sviluppo della previdenza complementare nel nostro Paese. Lo studio è promosso dalla Mefop e dal Forum per la Finanza Sostenibile, che si è avvalso del supporto tecnico di Avanzi SRI Research. Redazione del rapporto e guida alla lettura Questo documento è il risultato di un lavoro congiunto dei team di ricerca di Avanzi SRI Research S.r.l. (Federico Versace e Stefano Isolica) e Mefop. S.p.A. (Stefania Luzi e Paolo Pellegrini). Davide Dal Maso (Avanzi e Forum per la Finanza Sostenibile) ha seguito l impostazione complessiva della ricerca e curato il coordinamento editoriale. 4

11 Spesso il contributo degli uni sui testi elaborati dagli altri è stato talmente integrato da rendere complessa l attribuzione precisa della paternità dei diversi capitoli. Tuttavia, l attenzione di Avanzi SRI Research si è concentrata particolarmente sui capitoli 1 e 3 della Parte Prima, sui casi di studio 1 e 3 della Parte Seconda, nonché sull impostazione dell indagine e l analisi dei risultati; Mefop ha curato il capitolo 2 della Parte Prima, il caso di studio 2 della Parte Seconda, ha seguito la somministrazione del questionario e ha curato l editing del rapporto. Coerentemente con le domande di ricerca sopra formulate, il rapporto è stato suddiviso in quattro sezioni principali: nella prima parte, il tema degli ISR è affrontato in termini generali. Si è cercato di fornire una visione a tutto tondo del fenomeno, articolando l analisi lungo una direttrice finanziaria e gestionale e da un punto di vista giuridico; nella seconda parte vengono descritte le esperienze, in materia di ISR, fatte da alcuni FP sia europei che nordamericani; la terza sezione analizza i risultati di un indagine condotta su un campione rappresentativo di addetti ai lavori, per verificare la propensione dell industria dei FP italiani nei confronti del fenomeno degli ISR; la quarta sezione, infine, propone delle riflessioni sulle evidenze emerse dall analisi teorica ed empirica e avanza una serie di questioni aperte sull opportunità di eventuali iniziative e sui bisogni di ulteriori approfondimenti. Ringraziamenti e disclaimer Questa ricerca è stata resa possibile anche grazie al contributo di quattro istituzioni finanziarie. Il loro appoggio non si è limitato al 5

12 sostegno economico, ma si è esteso ad un supporto nelle fasi di impostazione e di revisione dei contenuti. Un ringraziamento particolare ai Soci del Forum per la Finanza Sostenibile, per il loro contributo dato all elaborazione delle riflessioni finali. Peraltro, le considerazioni svolte all interno di questo rapporto non coinvolgono direttamente le organizzazioni aderenti al Forum né ne ipotecano la loro posizione sui temi di seguito trattati. 6

13 Introduzione ISR: nascita e significato Definizione di ISR L ISR è una forma di allocazione delle risorse che prende in considerazione le conseguenze sociali e ambientali degli investimenti, all interno di un contesto di rigorosa analisi finanziaria. L ISR si esplica attraverso la selezione di titoli di imprese che rispettano alcuni criteri di responsabilità sociale, che, svolgono, cioè, la propria attività nella massima trasparenza e mantenendo relazioni leali nei confronti dei propri stakeholders, quali per esempio i dipendenti, gli azionisti, i clienti ed i fornitori, le comunità in cui sono inserite e l ambiente. Investitori socialmente responsabili possono essere sia i singoli individui (che operano direttamente o attraverso la mediazione dei gestori), che le istituzioni: fondazioni, FP, enti religiosi, imprese o organizzazioni non-profit. Tali soggetti allocano le loro risorse in questa forma alternativa di investimento nell aspettativa di rendimenti non inferiori a quelli altrimenti conseguibili attraverso investimenti di tipo tradizionale, contribuendo, allo stesso tempo, allo sviluppo di un sistema economico più solidale e sostenibile. A livello teorico, l ISR si declina secondo tre strategie di azione (peraltro non alternative tra loro): la selezione del portafoglio (screening): è la pratica di includere nel portafoglio, o escludere dallo stesso, i titoli di 7

14 società sulla base della valutazione del loro comportamento rispetto a dati criteri sociali o ambientali. Possono essere utilizzati criteri di esclusione (screening negativo) ovvero condizioni o insiemi di condizioni che, laddove soddisfatti, conducano alla individuazione delle società con particolari caratteristiche di responsabilità sociale (screening positivo); l azionariato attivo (engagement o shareholder activism): è una strategia che mira ad utilizzare la leva dell investimento finanziario con lo scopo di dare un orientamento in materia di responsabilità ambientale e sociale alle politiche e alle procedure di imprese partecipate. L attività di pressione e coinvolgimento di una società può essere sviluppata secondo differenti approcci, più o meno radicali (si parla, conseguentemente di soft o di hard engagement): - comunicazione delle politiche: è la semplice comunicazione alla società della politica di investimento del fondo e delle implicazioni a livello di scelta di allocazione delle risorse; - contatto diretto con il management: si attua attraverso incontri periodici con i rappresentanti della direzione delle imprese partecipate; gli investitori possono presentare le loro istanze in ordine al miglioramento delle politiche e delle prassi aziendali; - supporto: si esplicita attraverso pareri o suggerimenti sui temi inerenti alla responsabilità sociale d impresa (RSI) o ad essa collegati; - esercizio dei diritti connessi alla proprietà dei titoli: si esplica, attraverso la partecipazione attiva alle assemblee degli azionisti e la presentazione di mozioni o risoluzioni, con l esercizio del diritto di voto su tutte le questioni per cui è previsto; il sostegno allo sviluppo locale (community investing): consiste nel supporto finanziario ad attività socialmente utili in 8

15 aree in ritardo di sviluppo o in declino. Si può realizzare attraverso la forma del private equity o del venture capital, ma anche con l erogazione del credito di lungo termine. Questo tipo di strategia di investimento è marginale rispetto alle due precedentemente descritte, poiché si presta meno ad una diffusione su larga scala, mentre può essere utilizzata per progetti molto specifici o fondi specializzati creati ad hoc per una determinata iniziativa. Alla luce di quanto detto sopra, la definizione di ISR sembrerebbe relativamente univoca. In realtà, si tratta di un concetto cui si fa riferimento per indicare un fenomeno variegato e non completamente coerente. Spesso viene usato il termine finanza etica come sinonimo, ma non è sempre detto che chi lo utilizza intenda la medesima cosa. L aggettivo etico aggiunge un ulteriore elemento di equivocità, perché l esistenza di una pluralità di etiche, spesso in contraddizione tra loro, rende impossibile stabilire quale sia quella valida universalmente. E difficile individuare un etica comune all interno di uno stesso sistema socioculturale e tale difficoltà diventa insormontabile se si confrontano culture diverse. Per cercare di comprendere la complessità che si incontra nel definire un ISR è opportuno fare un breve excursus. Evoluzione del concetto di ISR Le prime forme di ISR, paragonabili a quelle attuali 1, risalgono al XVII secolo, quando le aree più rigorose del protestantesimo 1 - Alcuni studiosi, come, in Italia, Zamagni, riconducono la nascita del concetto di finanza etica all esperienza delle banche del monte e dei monti di pietà, istituti successivamente evolutisi nelle Casse di Risparmio. Senz altro questa storia esprime molte delle tensioni sociali e morali che ritroviamo nella finanza socialmente responsabile moderna. Dal punto di vista della prassi applicativa, tuttavia, l ISR, per 9

16 cristiano, ed in particolare i Quaccheri, rifiutavano di investire i propri risparmi in imprese che facessero uso di schiavi, sulla base di convinzioni di carattere religioso. Allo stesso tipo di motivazione era correlato il giudizio di disvalore applicato ai produttori di armi, di tabacco e di alcolici. Esperienze simili a quelle dei Quaccheri sono state successivamente fatte da altri gruppi religiosi, come i Battisti e i Metodisti. Fino alla fine degli anni 60 il fenomeno è rimasto confinato all ambito dei movimenti religiosi. Quantitativamente, si tratta di somme molto limitate; sotto il profilo dell approccio, i prodotti rimangono legati al modello dell esclusione sulla base di criteri negativi. La svolta che sdogana l ISR dal circoscritto universo dell attivismo religioso si ha negli anni 60, quando i movimenti di protesta e di proposta in materia di diritti civili e di partecipazione democratica prendevano piede in tutti i Paesi industrializzati. Queste nuove aggregazioni sociali rappresentano non solo un fattore di spinta politica nei confronti dell establishment, ma costituiscono anche un elemento di organizzazione della domanda di prodotti e di servizi diversi nel contesto del mercato. Il momento topico di questo trend evolutivo si verifica in concomitanza con la campagna internazionale contro la pratica dell apartheid in Sudafrica. Negli anni 70 il reverendo Leon Sullivan, un prelato americano, riuscì ad organizzare un ampio movimento di opinione e di organizzazione dell azionariato di alcune grandi corporations. Elaborò una serie di principi di comportamento, diventati noti col suo nome, in forza dei quali le imprese statunitensi operanti in Sudafrica avrebbero dovuto applicare ai lavoratori del luogo le stesse regole adottate per i dipendenti americani. Al lancio di questi principi seguirono vaste operazioni di boicottaggio finanziario e massicce forme di pressione come viene praticato oggi, è forse più vicino all approccio sperimentato dalle chiese riformate anglosassoni. 10

17 sui manager e sui board delle multinazionali americane coinvolte più o meno direttamente in pratiche di apartheid. Il movimento registrò alcune clamorose vittorie e l approccio dell azionariato attivo si consolidò come uno strumento di affermazione di diritti civili e politici. Parallelamente, e con sempre maggior chiarezza col passare del tempo, l evidenza empirica nella pratica della gestione finanziaria iniziava a mostrare segnali coerenti sull esistenza di una correlazione tra il comportamento ambientale e sociale delle imprese e il loro successo in termini di business (cfr. la bibliografia alla fine del capitolo successivo). La capacità di gestire le variabili ambientali e sociali con correttezza e atteggiamento proattivo si andava affermando come un fattore di vantaggio competitivo. Viceversa, il mercato cominciava a penalizzare in modo sempre più esplicito le società che dimostravano scarsa attenzione alla compatibilità ambientale e all equità sociale frutto delle attività condotte. La constatazione di questa evidenza provoca un sostanziale mutamento nell approccio dell ISR, nel senso di un progressivo superamento dell applicazione di criteri puramente moralistici. Essi vengono ora affiancati da altri criteri ambientali e sociali che operano come una lente d ingrandimento utile per arricchire la tradizionale analisi finanziaria con la valutazione di alcuni dei più importanti asset intangibili che tanto influenzano il valore dell impresa. In particolare, gli indicatori che derivano dall analisi della responsabilità sociale delle imprese consentono: di mettere a punto una più articolata modalità di gestione del rischio finanziario, creando una relazione con le dimensioni del rischio ambientale o sociale; di identificare le imprese o i settori in declino e di quelli ad alto potenziale; di evidenziare le imprese più efficienti; di individuare le imprese gestite da un management pronto a cogliere le sfide innovative. 11

18 La caratteristica di questi parametri di completare l analisi puramente finanziaria è generalmente riconosciuta anche dagli analisti tradizionali. Spesso la ricerca sul comportamento ambientale e sociale delle imprese viene sfruttata anche dai gestori che non etichettano i loro prodotti di investimento come socialmente responsabili, ma che comunque traggono da tale ricerca informazioni utili per disegnare un quadro più completo delle organizzazioni oggetto dell indagine. Bibliografia Dal Maso D., Bartolomeo M., (2001), Finanza e Sviluppo Sostenibile, Milano. Eldridge K, (2000), Taking social, environmental and ethical considerations into account in investment policies Londra. Kinder P., Domini A., (1997), Social screening: Paradigms Old and New, in The Journal of Investing winter 1997, New York. Domini A., (2001) Socially Responsible Investing, Chicago. 12

19 Parte prima: Contributi di ricerca 13

20 14

21 1.1 Attuazione di una strategia ISR: opzioni e aspetti problematici ISR e FP: rischi e opportunità Gli ISR possono essere considerati come una modalità di allocazione delle risorse finanziarie che, attraverso l attribuzione di una valenza sociale alle relazioni tra tutti i soggetti coinvolti nei processi di creazione del valore e la costruzione di strutture gestionali e organizzative innovative, è in grado di favorire uno sviluppo economico più equo e compatibile nonché di produrre esternalità positive a livello macroeconomico. Si tratta, tuttavia, di un processo i cui effetti tendono a dispiegarsi nel lungo periodo: la ristrutturazione della corporate governance delle imprese richiede, infatti, una ridefinizione complessiva delle modalità operative, gestionali ed organizzative, sia interne che esterne. Due sono gli aspetti che sembrano rendere gli ISR una forma di investimento particolarmente adatta ai FP: la valenza sociale; la natura non speculativa orientata al lungo periodo. La prima peculiarità solleva alcune riflessioni significative o perlomeno richiede dei chiarimenti: da un lato, infatti, la natura previdenziale dello strumento incorpora chiaramente una valenza sociale; dall altro, non è così scontato che essa debba intendersi estesa alla società nel suo complesso, ove ciò possa anche solo teoricamente mettere in discussione l interesse degli aderenti. L essere strumento di politica sociale, cioè, non implica che le finalità 15

22 di interesse generale possano esprimersi a detrimento di quelli specifici 1. La seconda apre prospettive la cui analisi appare senza dubbio più problematica (cfr. Profili giuridici, Criticità). Da un punto di vista prettamente teorico, è possibile affermare che il FP investe in un ottica di lungo periodo; la natura dell orizzonte temporale di riferimento permetterebbe, in tal modo, di beneficiare al massimo dei potenziali extra-rendimenti generati da una corretta gestione dei rischi sociali e ambientali. Nella pratica, tuttavia, la normativa regola il trasferimento delle posizioni individuali e, nel caso di fondi multicomparto, gli switch da un comparto all altro, con riferimento a orizzonti temporali piuttosto brevi. Se ciò può sollevare dubbi riguardo la compatibilità economica-finanziaria tra ISR e FP, è tuttavia da tenere presente che, quantomeno nel caso delle prime due tipologie di strategie di azione definite nel capitolo precedente, gli ISR sono investimenti finanziari che non si differenziano da quelli tradizionali in termini del grado di liquidità e dell accessibilità dell investimento stesso. Ciò significa che, anche qualora l orizzonte fosse limitato al breve periodo, gli ISR potrebbero non trarre i benefici attesi, ma non sarebbero neanche soggetti a quelle perdite potenziali che potrebbero essere sofferte da investimenti caratterizzati, oltre che da un orizzonte di lungo periodo, da un elevato grado di illiquidità. 1 Si veda, al riguardo, la sentenza Cowan v Scargill (1984), che ha risolto una controversia interna al National Union of Mineworkers Pension Scheme. In particolare, il merito della questione riguardava la proposta di escludere dal portafoglio ogni società del settore energy che non fosse britannica, sulla base di un principio di favore verso l industria nazionale (e quindi verso i lavoratori in essa impiegati). Il giudice stabilì che tale politica di investimento era inaccettabile in quanto non tutelava a sufficienza gli interessi degli aderenti al fondo pensione. In particolare, limitando l universo investibile sulla base di criteri non finanziari, veniva meno il requisito di sana e prudente gestione a cui gli amministratori di un FP si devono attenere. 16

23 Ciò non toglie che un approccio di investimento a lungo termine consenta di instaurare con le società partecipate un rapporto più stretto non basato su una mera speculazione di breve periodo, ma su investimenti di tipo strategico con orizzonti temporali più lunghi. Possono pertanto essere create le premesse e le condizioni per un coinvolgimento delle imprese in un processo di sensibilizzazione nei riguardi dei temi della responsabilità sociale e, in seguito, dell implementazione dei programmi e delle politiche necessarie. Da un punto di vista finanziario, gli studi sulla correlazione tra la responsabilità sociale delle imprese e l andamento della quotazione del titolo emesso non giungono a conclusioni definitive: esiste una evidente difficoltà a modellizzare questa correlazione, data l incertezza dei confini definitori e l aleatorietà delle variabili che entrano in gioco in queste valutazioni, che hanno in realtà una significativa componente qualitativa. Del resto, in ambito finanziario sono ben poche le verità inattaccabili e anche le conclusioni apparentemente più solide vengono spesso smentite dagli eventi. In via empirica, invece, la constatazione di una coerenza tra il comportamento sociale ed ambientale delle imprese e le buone prestazioni finanziarie del titolo è generalmente condivisa. È infatti plausibile pensare che una gestione aziendale proattiva da un punto di vista sociale e ambientale sia potenzialmente in grado di creare valore aggiunto in termini di asset intangibili che, nel lungo periodo, possono assicurare all impresa solidità e garantire riflessi positivi sulle performance finanziarie. L implementazione di una sana ed efficace politica di corporate social responsability (CSR) può infatti proteggere un impresa da diverse tipologie di rischio. Per esemplificare, una corretta gestione ambientale può prevenire il rischio di richieste di risacimento per danni ambientali, con ripercussioni sulla compagnia in termini di immagine e di costi di ripristino; l adozione di un codice di condotta può immunizzare l impresa dai rischi legati a scandali da cui 17

24 possono derivare crisi finanziarie o, come alcuni episodi hanno dimostrato, la bancarotta. In generale, un politica di gestione attenta alle esigenze dei vari stakeholders è in grado di scongiurare tensioni sociali o altri episodi di protesta che possono danneggiare l immagine e la redditività dell impresa. Se da un lato questa strategia di investimento offre delle opportunità interessanti per un FP, implica altresì alcune questioni di carattere organizzativo che possono ostacolarne la realizzazione. In primo luogo, rilevano i costi legati all ulteriore analisi del profilo ambientale e sociale delle imprese, necessaria per integrare le elaborazioni che discendono dall analisi finanziaria. L analisi della responsabilità sociale è in sé più onerosa, perché va ad investigare aree complesse, con forti componenti di interpretazione qualitativa; occorre comprendere sia il livello strategico (le politiche ed i programmi) che il significato dei risultati concreti ottenuti per ciascun settore di indagine. Soprattutto, ciò che rende l analisi della responsabilità sociale particolarmente delicata è il fatto che le fonti devono necessariamente essere diverse, spesso in contraddizione tra loro e talvolta informali. Per conoscere il comportamento di una multinazionale in un Paese in via di sviluppo, per esempio, non basta rifarsi alle dichiarazioni dell impresa stessa; occorre invece sollecitare fonti critiche, quali la stampa alternativa, il sindacato, le organizzazioni internazionali e quelle non governative operanti in loco e così via. Si tratta di attività, insomma, che richiedono una rete di relazioni attiva e ramificata, che raccolga informazioni affidabili e abbia interesse a trasmetterle in modo corretto. Va da sé che, ogniqualvolta una informazione critica viene raccolta, essa va vagliata attentamente e riproposta in termini problematici all impresa stessa affinché essa possa controdedurre e proporre a propria volta una versione alternativa. 18

25 È di tutta evidenza quanto questo tipo di monitoraggio debba essere mantenuto costantemente aggiornato e la struttura che lo produce richieda un continuo lavoro di manutenzione. Ed è altrettanto evidente che determinante ai fini della bontà del processo di analisi è la qualifica degli analisti. Sotto questo profilo, non si può parlare di una figura professionale definita. Del resto, l area della responsabilità sociale è così vasta (tocca i temi della corporate governance, dell ambiente, delle relazioni industriali, della tutela dei consumatori e via dicendo) che si rendono necessari team di ricerca compositi per riuscire a inquadrare correttamente i dati rilevati e coglierne le implicazioni sul piano finanziario. Tutto il processo, poi, si complica enormemente quando l impresa oggetto di indagine assume atteggiamenti reticenti nei confronti di richieste di informazione. Peraltro, è spesso difficile da valutare il trade-off tra i costi associati all acquisizione di informazioni significative ed esaustive e i benefici attesi, espressi in termini di conoscenza aggiuntiva della complessità aziendale. Di certo, l analisi della responsabilità sociale è in grado di evidenziare delle aree di opportunità e di rischio che l analista finanziario non coglie basandosi sui dati puramente economicofinanziari. Non che con questo le si possano riconoscere capacità di investigazione che vanno oltre quello che sia ragionevole attendersi, ma certamente è in grado di mettere in campo un set di informazioni che completano in modo assai stimolante il quadro descrittivo dell azienda. Anche per questo motivo, sempre più spesso si assiste all integrazione della dimensione finanziaria e di quella ambientale/sociale: alcuni gestori particolarmente avanzati, cioè, non adottano più un processo per successivi compartimenti stagni, ma cercano di far lavorare fianco a fianco gli analisti con diverse capacità di indagine al fine di ottenere un risultato complessivo che sia più ricco e rotondo di quanto non risulterebbe dall applicazione di filtri successivi. 19

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli