Morningstar Advisor Workstation. La soluzione ideale per i Financial Advisor, Private Banker e Wealth Manager

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Morningstar Advisor Workstation. La soluzione ideale per i Financial Advisor, Private Banker e Wealth Manager"

Transcript

1 Morningstar Advisor Workstation La soluzione ideale per i Financial Advisor, Private Banker e Wealth Manager

2 Morningstar Advisor Workstation Office Edition Manuale d uso Versione 3.7 1

3 INDICE Prefazione... 3 Introduzione Home Gestione Cliente Clienti Impostazioni Cliente Portafogli Performance Portafoglio Profilo Cliente Piani Alert Report Prospect Alert Report Salvati Gestione Portafogli Portafogli Portafoglio Semplice Portafoglio a Transazioni Performance Portafoglio Titoli Inclusi nei Portafogli Alert Report Salvati Pianificazione Piani Area di Lavoro Liste Criteri di ricerca Portafogli Modello Asset Allocation Benchmark Ricerca Ricerca Avanzata Come utilizzare le parentesi Aggiungere le parentesi ad una Ricerca Utilizzare And, Or, e Repeat Salvare i criteri di ricerca Modificare una ricerca Aprire i criteri di ricerca salvati Stampare i criteri di ricerca Creare una lista titoli Selezionare più fondi Aggiungere nuovi elementi ad una lista pre-esistente Aggiungere i fondi selezionati ad un portafoglio modello Visualizzazione dei dati Eliminare una vista personalizzata Modificare una visualizzazione personalizzata Ricerca Semplice Report Funzionalità varie Esportare i dati Price monitor Contatti

4 Prefazione Il manuale di utilizzo della piattaforma Advisor Workstation consente di conoscere le principali caratteristiche e funzionalità del servizio, seguendo una logica step by step, in modo tale che, al termine della consultazione, l Utente possa avere una visione globale e chiara di come muoversi all interno delle varie funzionalità. L accesso alla piattaforma avviene digitando le proprie credenziali negli appositi campi vuoti, evidenziati nella finestra di dialogo che appare all avvio dell applicativo. E importante ricordare che l accesso è unico e le credenziali sono strettamente legate all Utente al quale sono state assegnate. Ciò assicura allo stesso la riservatezza del proprio lavoro. Periodicamente vengono resi disponibili degli aggiornamenti al sistema e, per renderli effettivi, occorre eseguire la relativa patch dalla voce update e, una volta terminata l operazione, riavviare il computer. Introduzione Le aree di lavoro previste all interno della piattaforma, ciascuna delle quali risponde a differenti obiettivi, sono elencate a sinistra dello schermo e per accedervi occorre fare doppio click con il mouse sulla relativa voce. 1. Home 2. Gestione Cliente 3. Gestione Portafogli 4. Pianificazione 5. Area di lavoro 6. Ricerca 7. Report 3

5 CAPITOLO 1 1. Home L area di lavoro Home può essere impostata in modo tale che L Utente possa avere un informazione di sintesi della propria gestione e avere un accesso rapido alle principali funzionalità del servizio. Per personalizzarla, occorre accedere alla sezione Impostazioni, facendo doppio click sulla relativa voce presente nel sotto menu posto a Figura 1 sinistra dello schermo, e modificare le impostazioni previste per il layout di Pagina nella sezione Home. Come di consueto, occorre fare doppio click con il mouse per poter accedere alla relativa finestra di dialogo. In alternativa è possibile accedervi direttamente dalla Home Page cliccando Personalizza questa pagina in alto a destra (Figura 1). Oltre alla sezione home page, sotto l omonima area di lavoro, si trovano le sezioni articoli e commenti e libreria (Figura 2). Figura 2 4

6 La prima contiene una breve guida agli investimenti, notizie su mercati e strumenti finanziari, commenti e aggiornamenti normativi e fiscali. Cliccando sulle singole titolazioni, la piattaforma consente di collegarsi direttamente al sito di Morningstar (Figura 3). Figura 3 La sezione libreria, invece, si compone di due sezioni, la prima, Documenti Pubblici, raccoglie i prospetti informativi relativi all offerta pubblica di quote dei fondi comuni promossi da ogni singola Società di Gestione, corredati dai relativi supplementi di aggiornamento e dai rendiconti annuali dei fondi nonché i bilanci di tutte le società quotate. Per accedere ai documenti pubblici di proprio interesse, Figura 4 occorre selezionare, negli appositi campi, il Paese di riferimento e lo strumento di interesse, e cliccando su submit, inserire il nome del fondo o il relativo codice identificativo (Figura 4). 5

7 Cliccando la lente d ingrandimento, compariranno nell area sottostante la barra di ricerca, i file in formato PDF contenente il documento cercato. Per visualizzarlo, occorre fare doppio click sul file stesso (Figura 5). Figura 5 6

8 CAPITOLO 2 2. Gestione Cliente Questa area di lavoro è interamente dedicata alla creazione del profilo Cliente, reale o potenziale, alla costruzione e all analisi dei portafogli, alla pianificazione dell attività d investimento e alla creazione della reportistica relativa. Descriviamo punto per punto le singole sezioni elencate sulla sinistra dello schermo Clienti Per registrare un Cliente, occorre accedere alla relativa sezione facendo doppio click con il mouse sulla voce Clienti. Quindi, nell area di destra selezionare sul menu la voce Nuovo. La scelta proposta sarà tra Cliente Individuale o Cliente Istituzionale. Selezionare quella di proprio interesse. Nella finestra di dialogo che appare, occorre inserire i dati anagrafici del Cliente. Terminato l inserimento, cliccare sulla voce salva, posta in alto a destra del menu (Figura 6 mostra la schermata relativa al Cliente Individuale). Figura 6 7

9 Dopo aver salvato le informazioni, automaticamente, apparirà nello spazio di sinistra della finestra di dialogo, un menu a tendina che evidenzia un possibile percorso da seguire per analizzare o pianificare la situazione del Cliente. Le voci elencate sono: Impostazioni Cliente, Portafogli, Profilo Cliente, Piani, Alert e Report (Figura 7). Figura 7 Analizziamo adesso il percorso descritto, punto per punto, precisando che molte funzionalità si ripeteranno in altre aree di lavoro della Workstation. 8

10 Impostazioni Cliente Questa sezione permette di impostare se necessario, a livello di singolo cliente, impostazioni differenti da quelle di default indicate nella Tabella 1. Tabella 1 Benchmark Benchmark Dichiarato FTSE MIB PR EUR Benchmark Secondario nessuno Benchmark Terziario nessuno Impostazioni Report Ita Default Report Settings Valuta EUR Lingua e formati Italia Metodi Tassazione Morningstar Default Fondi Comuni Costo medio Trnsazioni Morningstar ITA Default Valuta Liquidità EUR Dividendi Registrazione Automatica Plusvalenze Registrazione Automatica Split Registrazione Automatica Decimali 3 Data Transazione Data di regolamento Portafogli Tale funzionalità consente la registrazione delle posizioni reali o ipotetiche del Cliente. Si procede cliccando sulla voce di menu Nuovo Portafoglio. Il sistema propone la scelta tra Portafoglio Veloce o Portafoglio a Transazioni. Il primo permette di controllare gli investimenti e analizzarne il posizionamento senza tenere in considerazioni le transazioni eseguite nel tempo. Il secondo invece rispetto al primo consente l inserimento dello storico completo delle transazioni Figura 8 9

11 aggiornando le performance ogni qual volta si effettua una nuova operazione (Figura 8) 1. Dopo aver creato l aggregato portafoglio, è possibile esaminarne l andamento tramite l ausilio di grafici di crescita o rischio/rendimento e produrre sullo stesso dei report analitici. A tal fine, occorre evidenziare il portafoglio da analizzare, selezionare sul menu la voce Azione e richiamare la funzione desiderata. Nella figura seguente è riportato un esempio di grafico di crescita del valore del portafoglio, a confronto con il benchmark principale scelto in origine dall Utente. Posizionando il cursore in un qualsiasi punto lungo la linea del portafoglio o del benchmark, viene indicata la relativa performance dall inizio del periodo osservato (la scelta avviene selezionando la voce Periodo, indicata tra le varie opzioni del grafico). Dall interno del grafico è possibile passare al grafico del prezzo, cambiare la scala, trasformare la valuta di analisi e aggiungere altre serie, ad esempio, singoli fondi comuni, azioni, EFT, medie di categoria o indici. Altra funzione importante è la possibilità di salvare il grafico in un file formato PDF o Power Point e spedirlo tramite posta elettronica. Figura 9 1 Per la descrizione dettagliata delle modalità di creazione dei portafogli, si rimanda al paragrafo

12 È possibile trovare l elenco completo dei grafici di portafoglio disponibili nel menu Azione alla voce Grafici di Portafoglio. Per produrre reportistica esistono numerose possibilità, sia a livello di portafoglio (Figura 10) che a livello di aggregato cliente (Figura 11). Figura 10 Figura 11 E possibile, cliccando sulle apposite icone, salvare i report in formato PDF anche in locale sul proprio PC, ad esempio, sul desktop o su altre cartelle del PC, e inviarli per posta elettronica 2. Nella Figura 12 è invece raffigurata, a titolo di esempio, una pagina del report a livello di portafoglio Generale che si può trovare nel menu Azione Report Report Analitici Generale. 2 I Report, se inviati direttamente dalla piattaforma, avranno come mittente l indirizzo nel seguente formato: 11

13 Figura 12 Nelle due tabelle seguenti vengono riportati I dettagli dei numerosi Report disponibili a livello di aggregato Cliente (Tabella 2) e a livello di Portafoglio (Tabella 3). L analisi dei portafogli può avvenire anche in modo analitico, distinguendo i singoli investimenti e i singoli titoli inclusi in ogni portafoglio. Per questo, occorre fare doppio click sul nome del portafoglio, in modo tale da visualizzare i singoli asset. 12

14 Si accede ad una finestra che riporta sulla sinistra il menu di navigazione con le differenti funzionalità (Figura 13). Figura Performance Portafoglio Senza entrare nel dettaglio della sezione Sintesi Titoli e Transazioni che risultano essere abbastanza intuitive, accenniamo brevemente alla sezione Profilo/Impostazioni, che consente il Ribilanciamento del portafoglio, di impostare Investimenti Sistematici e Contribuzioni e alla sezione Raggi-X che invece consente la consultazioni di analisi dell asset allocation del portafoglio e la produzione di relativi PDF. Passiamo infine invece ad un analisi più approfondita della funzionalità Performance Portafoglio. Questa, infatti, consente di impostare numerosi calcoli automatici riguardanti la performance di portafoglio distinguendo la contribuzione di ogni singolo titolo ad esso su differenti orizzonti temporali. Esistono già dei Template standard ( Template Morningstar ) come è possibile vedere nella figura 14 ma anche crearne di nuovi. Figura 14 13

15 Facendo doppio click su un template verrà aperta la seguente finestra che riporta la scomposizione del portafoglio per ogni titolo sottostante, raggruppati anche per tipologia e categoria Morningstar. A questo punto è possibile modificare le colonne visualizzate e la metodologia di calcolo. Cliccando sul tasto Calcola (nel riquadro rosso nella Figura 15) la piattaforma avvia il calcolo per il quale saranno necessari alcuni istanti, in proporzione anche al numero di titoli in portafoglio 3. Figura 15 Una volta terminato il calcolo il report salvato verrà visualizzato nella pagina principale della sezione Performance Portafoglio, alla voce Report performance salvato da cui potrà essere richiamato e su cui si potranno effettuare nuove operazioni come ricalcolarlo alla data odierna 4. Figura 16 3 Comparirà in basso a destra nella barra di Navigazione di Windows un icona relativa al Sistema di Calcolo Morningstar come quella raffigurata nella Figura Fino a che non si rilancia il calcolo, il report non viene aggiornato ma rimane fermo alla data in cui è stato effettuato l ultimo calcolo. 14

16 Profilo Cliente Sotto tale sezione l Utente può completare l inserimento di dati anagrafici dell Investitore e di eventuali altri membri della famiglia, aggiungere informazioni finanziarie utili per una corretta gestione delle posizioni e definire, attraverso la compilazione di un questionario, il profilo di rischio del Cliente. Per accedere al questionario, cliccare sulla voce Profilo di Rischio e selezionare l omonima voce sul menu visualizzato a destra dello schermo (Figura 17). Figura 17 Dopo avere compilato accuratamente il questionario, sullo schermo apparirà una figura rappresentativa del profilo di rischio del Cliente. Figura 18 15

17 Il Consulente potrà modificare manualmente tale profilo, ove lo ritenga più conforme al profilo reale del Cliente cliccando per ognuno dei tre parametri (Orizzonte investimento, Tolleranza volatilità di Lungo Periodo, Tolleranza volatilità di Breve Periodo) il riquadro corretto, evidenziato da un colore più scuro come si vede dalla figura 19. Figura Piani Tale funzionalità permette all Utente di valutare il portafoglio del Cliente in un ottica di ottimizzazione di medio - lungo termine, considerando il profilo di rischio dello stesso e i rendimenti attesi dal mercato, in base alla volatilità storica Alert Sotto tale sezione è possibile inserire allarmi su titoli o portafogli. Dopo aver cliccato sul menu a destra la voce Aggiungi e scelto l oggetto dell allarme ( Alert Titolo o Alert Cliente/Portafoglio ), appare una finestra di dialogo nella quale devono essere specificate le azioni da svolgere, ovvero, scegliere la tipologia di allarme (es: Superata Soglia % Variazione Prezzo o Variazione Categoria Morningstar o ancora Superata soglia prezzo ecc.), il valore soglia, il titolo o il portafoglio osservati e se si desidera ricevere un di notifica nel momento in cui scatta l allarme (Figura 20). 5 Per la descrizione dettagliata del processo di pianificazione, si rimanda al paragrafo

18 Una volta impostato l alert, questo verrà visualizzato, insieme a quelli già esistenti nella schermata Alert. Da qui è possibile visualizzare tutte le regole degli Alert attivati e quelli scattati per il superamento del valore soglia o l avvenimento di uno specifico evento. Figura Report Tale sezione elenca tutti i report salvati durante il processo di analisi descritto in precedenza. Per visualizzarli, occorre fare doppio click con il mouse sui relativi nomi. 17

19 2.2. Prospect Tale sezione è identica alla precedente dal punto di vista delle funzionalità, con l unica differenza di essere dedicata esclusivamente ai potenziali Clienti e non anche a quelli già Figura 21 acquisiti. Per questo, l utilizzo della Workstation sarà finalizzato alla ricerca e alla valutazione delle posizioni che meglio rispecchiano le esigenze del Risparmiatore, considerando sia la situazione finanziaria e reddituale, attuale e prospettica, sia la propensione al rischio dello stesso. Definito il portafoglio ipotetico del potenziale Cliente, se ottimale e da questi accettato, è possibile trasformare le posizioni ipotetiche registrate in posizioni reali. Per fare questo, è sufficiente selezionare, nell area di destra dello schermo, il nome del Prospect, cliccare sul menu Azione e selezionare Converti in Cliente. La posizione verrà così trasferita nella sezione Clienti sotto l area di lavoro Gestione Cliente (Figura 21) Alert Sotto la sezione Alert si trova l elenco di tutti gli allarmi impostati durante la gestione dell attività Figura 22 d investimento per tutti i clienti e portafogli (indicati nelle rispettive colonne). Per aggiungere un nuovo allarme, cliccare sulla voce di menu Aggiungi e scegliere l opzione desiderata. E possibile, infine, esportare direttamente tutti i dati in un foglio Excel, cliccando sul pulsante esporta. 18

20 2.4. Report Salvati La sezione in oggetto, riporta l elenco di tutti i report salvati durante il percorso di analisi dei singoli Fondi o portafogli o al termine del processo di pianificazione, che verrà descritto in seguito. 19

21 CAPITOLO 3 3. Gestione Portafogli 3.1. Portafogli In questa sezione è possibile creare nuovi portafogli o lavorare direttamente su quelli esistenti, registrati nelle sezioni Clienti e Prospect (cfr paragrafi 2.1 e 2.2). Per creare un nuovo portafoglio, cliccare sul menu a destra dello schermo la voce Nuovo Portafoglio. Il sistema chiederà prima di selezionare il nome del Cliente o Prospect interessato, poi, di scegliere se costruire un portafoglio semplice od uno a transazioni Portafoglio Semplice Come accennato nel paragrafo 2.1.2, il portafoglio semplice non tiene traccia delle transazioni realmente eseguite sul portafoglio, ma, considerando solo pesi o importi degli investimenti, consente un analisi generica dello stesso. Come prima fase, il sistema chiede di inserire il nome del portafoglio, scegliere i benchmark di riferimento, definire il tipo di bilanciamento dei pesi e l eventuale obiettivo in termini di asset allocation (nota: per definire l Asset Allocation Obiettivo, si rinvia ai paragrafi relativi alle sezioni Pianificazione e Area di lavoro ) (Figura 23). Figura 23 20

22 Dopo aver inserito le informazioni generali del portafoglio, cliccando sul pulsante Avanti, si entra nell area di registrazione degli investimenti. Sono disponibili i seguenti strumenti finanziari: Azioni, Fondi, ETF, Obbligazioni 6 e Liquidità. Figura 24 Per registrare un investimento, cliccare sulla lente d ingrandimento e, nella finestra di ricerca (Figura 25), cercare e selezionare gli strumenti desiderati. Dando l ok, questi appariranno nella finestra di Inserimento Titoli. Figura 25 6 Il database delle obbligazioni è in corso di completamento, pertanto, per quei titoli non presenti o nel caso in cui si voglia incrementare la profondità delle informazioni per singolo strumento, occorre utilizzare la funzione Definition Master, che consente ti tracciare e rendere disponibili nella piattaforma anche strumenti non inclusi del database Morningstar o con caratteristiche specifiche. Questo strumento non sarà oggetto di questa versione del manuale. 21

23 Nelle colonne successive andrà indicato il numero delle quote/azioni o l ammontare da investire (nota: nei tab Obbligazioni e Liquidità, verrà seguito lo stesso percorso). Quindi, selezionare le singole righe e cliccare sul pulsante fine per completare la registrazione (Figura 26). Figura 26 A questo punto, la piattaforma consentirà l analisi del portafoglio. I dati relativi ai singoli investimenti e al portafoglio nel suo complesso sono disposti in colonne predefinite (Figura 27), ma è possibile modificarne la visualizzazione, scegliendo quella di proprio interesse dal menu contestuale che appare selezionando in alto il menu a tendina Visualizza. In tal modo, si potranno leggere dati di rischio e rendimento, piuttosto che i rating e le classifiche Morningstar. Le tabelle dati potranno essere esportate direttamente su un foglio Excel, con un semplice click sul comando Esporta. L analisi del portafoglio può proseguire con la creazione di report o la visualizzazione di grafici, come descritto nel paragrafo Figura 27 22

24 Portafoglio a Transazioni Questa tipologia di portafoglio si caratterizza per il fatto di poter registrare al suo interno tutte le transazioni eseguite nel corso del tempo. Dopo aver inserito le informazioni generali del portafoglio (nome, strategia, benchmark e impostazioni varie), si accede alla finestra di Inserimento Titoli. Qui occorrerà cliccare sulla lente posta ad ogni riga sotto la colonna Nome Titolo, per aprire la finestra di ricerca e cercare gli strumenti desiderati (Figura 28). Figura 28 Trovati gli strumenti e inseriti nella maschera di entrata, occorre selezionare il tipo di transazione (acquisto, vendita o altro) e i dati necessari per la valorizzazione delle operazioni, ovvero l indicazione delle quote o l ammontare da investire, la data delle transazioni ed eventuali commissioni da considerare successivamente nei calcoli dei dati di performance e rischio (Figura 29 e 30). Al fine di impostare una corretta pianificazione dell attività d investimento, in aggiunta agli strumenti finanziari, si suggerisce di inserire nel portafoglio anche un importo di liquidità predefinita, classificandolo come Deposito. 23

25 Figura 29 Figura 30 Terminato l inserimento, porre il flag sulle singole righe corrispondenti alle transazioni e cliccare sul pulsante Aggiungi al Portafoglio. Alla richiesta di chiusura della finestra di Inserimento Titoli, il sistema chiederà se si vogliono salvare le modifiche in modo da mantenere le transazioni salvate nel relativo registro oltre che ad aggiungerle al portafoglio. Analogamente a quanto accade per i portafogli semplici, anche per i portafogli a transazioni è possibile cambiare la visualizzazione delle colonne., selezionando quella di proprio interesse dal menu Visualizza. E possibile, altresì, condurre un analisi approfondita attraverso grafici, report e calcoli specifici di rischio/rendimento (cfr paragrafi successivi) Performance Portafoglio Tale sezione è già stata analizzata nel paragrafo L unica differenza, se si accede alle analisi di performance direttamente da questa sezione, consiste nella richiesta da parte della piattaforma di scelta preventiva del Cliente o Prospect a cui fanno capo i portafogli da analizzare. Il resto segue lo stesso percorso descritto nel paragrafo sopraindicato. 24

26 3.3. Titoli Inclusi nei Portafogli 7 La sezione in oggetto elenca il complesso degli strumenti finanziari che compongono i diversi portafogli gestiti dall Advisor, con l indicazione del relativo valore di mercato totale e pro quota (Figura 31). Figura 31 Per tutti gli strumenti gestiti è possibile visualizzare grafici di prezzo, crescita o correlazione e salvarli in formato PDF o Power Point (Figura 32). Figura 32 In particolare per i Fondi Comuni d Investimento esiste una funzionalità di gradito interesse da parte degli Utenti, ovvero, l elenco degli strumenti finanziari in cui investe il fondo 7 O Securities in Accounts. 25

27 analizzato. Tale elenco, chiamato Duplicazione Titoli, consente di effettuare un analisi a livello di singolo constituent componente il fondo in cui si è investito. Per aprire questa funzionalità, occorre, dopo aver selezionato uno o più fondi inclusi in portafoglio il report Duplicazione Titoli dal menu Azione. Selezionando più di un fondo è possibile vedere se un titolo è presente in uno o più fondi e la percentuale di ciascun fondo investita in questo specifico strumento. Ad esempio, guardando la Figura 34, vediamo che l azione Total SA, è inclusa sia nel fondo UBI Pramerica Azionario Etico che nel BGF Global Allocation A2 EUR, rispettivamente con un peso sul totale del portafoglio Cliente, pari a 2.38% e 0.11%. Figura Alert Tale sezione è già stata trattata nel paragrafo Report Salvati Tale sezione è già stata trattata nel paragrafo

28 CAPITOLO 4 4. Pianificazione La Pianificazione presente nella Morningstar Advisor Workstation Office Edition è basata sul modello Black & Litterman con le Ipotesi di mercato formulate da Ibbotson Associates. Figura Piani Figura 35 La sezione dedicata alla pianificazione è molto importante per l attività dell Advisor, poiché consente di gestire le posizioni reali o ipotetiche dell Investitore in modo ottimale, in base a ipotesi di mercato definite su dati storici e al profilo di rischio e finanziario dello stesso. Consente, altresì, l individuazione delle Asset Allocation obiettivo e la creazione di portafogli modello. Dopo essere entrati nella relativa area di lavoro, per effettuare una pianificazione, occorre selezionare la voce Nuovo Piano. Si accede ad una nuova finestra sulla cui sinistra è indicato in verticale il processo step-by-step per la creazione di una pianificazione (Figura 35). Il primo step da seguire è quello di associare un nome alla stessa e scegliere, cliccando sull apposita lente, il nome del Cliente o Prospect per il quale si intende effettuare la pianificazione (Figura 36). 27

29 Figura 36 Inserito il nome del Cliente (o Prospect) si procede utilizzando il percorso guidato elencato nel riquadro di sinistra o, più velocemente, cliccando sul pulsante Avanti, posto in basso a destra della finestra. Nella visualizzazione successiva, la piattaforma mostra le Ipotesi di Mercato (Figura 36) sulla base delle quali verrà costruita la frontiera efficiente. I dati storici e attesi evidenziati sono calcolati da Ibbotson Associates. Figura 37 28

30 Per poter proseguire l analisi, nello step successivo ( Portafogli Attuali ) occorre selezionare un portafoglio esistente 8 od uno ipotetico creandolo al momento (click su aggiungere portafoglio ) come indicato in Figura 38. Figura 38 Nello step successivo, la piattaforma propone il Questionario di Rischio, uno strumento di indagine qualitativa che si avvale di domande a risposta multipla, utile per individuare il grado di rischio sopportabile dall Investitore. Il questionario apparirà già completo di risposte, se già è stato compilato nella sezione Clienti o Prospect, e il relativo risultato sarà raffigurato in un diagramma, modificabile, se necessario, a discrezione del Consulente (cfr fig. 43 e 44) 9. 8 Se nel portafoglio reale non è stata inserita della liquidità, la piattaforma potrà mostrare un messaggio di pop up, con il quale si avverte che si sta lavorando con una liquidità negativa. In sintesi, questa indica quanto è stato speso per investire negli strumenti di portafoglio e che in fase di pianificazione non si ha un margine per un adeguata gestione di attività future. Come descritto nel par , inserire sempre nei portafogli a transazioni una liquidità predefinita, almeno uguale al costo iniziale dell investimento che ne compensi in altre parole l acquisto a livello di bilancio complessivo di portafoglio. 9 Per maggiori dettagli si può fare riferimento al paragrafo

31 In funzione del profilo di rischio definito sopra, la piattaforma offre all Utente la possibilità di inserire dei Vincoli minimi e/o massimi all investimento a livello di Asset Class (Figura 39). Ciò può risultare utile nel caso si stia valutando la posizione reale di un Cliente o Prospect con un definito profilo di rischio, ma rappresenta una limitazione ove l Utente stia conducendo un analisi generica tramite la frontiera efficiente, con l obiettivo di definire delle asset allocation modello o direttamente dei portafogli modello. Figura 39 Il primo risultato del lavoro svolto nelle fasi precedenti è la visualizzazione della Frontiera Efficiente, che mostra dove si posiziona il portafoglio reale o ipotetico del Cliente o Propect e come dovrebbero essere variate le diverse asset class, per ottimizzare lo stesso sulla base del profilo individuale di rischio. Il portafoglio obiettivo rappresenta per l appunto il portafoglio efficiente ottimale associato al Cliente o Prospect. Osservando la Figura 40, si nota che, oltre al Portafoglio Obiettivo, la piattaforma propone un altro portafoglio, inizialmente di identica composizione, chiamato Portafoglio Selezionato. Questo rappresenta la combinazione di asset che l Utente può scegliere, muovendosi con il cursore lungo qualsiasi punto della frontiera efficiente. Se, per ipotesi, questi volesse semplicemente massimizzare il rendimento del portafoglio attuale del Cliente, mantenendo lo stesso livello di rischio, potrebbe puntare la selezione sul punto corrispondente della frontiera efficiente (Figura 41) e impostare quella combinazione di asset come Portafoglio Obiettivo (passo necessario per proseguire la pianificazione), cliccando l icona in alto Imposta Selezionato come Obiettivo. 30

32 Figura 40 Figura 41 31

33 L utilità del portafoglio selezionato è legata anche alla possibilità dell Utente di individuare lungo la frontiera efficiente delle asset allocation obiettivo per ogni profilo ipotetico di rischio. Selezionato il punto d interesse, occorre cliccare l icona Modelli e selezionare Salva come Modello. (Figura 42). I diversi profili salvati compariranno nella sezione Modelli sotto la sezione Area di Lavoro (vedi paragrafo 5). Figura 42 32

34 Nella sezione sucessiva, Confronta Allocazione vengono confrontate le asset allocation del Portafoglio Attuale e del Portafoglio Obiettivo ed indicati i rendimenti medi su differenti orizzonti temporali (selezionabili attraverso la barra Anno Obiettivo 10 in alto) associati alle diverse combinazioni di asset, Attuale (di partenza del cliente) e Obiettivo (in base al processo di ottimizzazione appena effettuato) e il relativo rischio (Figura 43). Figura 43 Continuando nel percorso guidato della pianificazione ( Confronto Previsione ), la piattaforma mostra la dinamica probabilistica del montante del portafoglio obiettivo e di quello reale, i cui rendimenti sono normali, non solo a scadenza ma nel continuo. Tale dinamica è raffigurata dal Cono di Ibbotson, uno strumento di natura quantitativa in grado di esprimere, in ottica multiperiodale, la probabilità di raggiungere certi obiettivi d investimento. Nella figura sottostante viene visualizzata, per entrambi i portafogli analizzati, l evoluzione del valore atteso del montante, del migliore e del peggiore valore atteso dello stesso, ammettendo o escludendo solo una ridotta probabilità di risultati superiori o inferiori (Figura 44). La simulazione così ottenuta, consente di rendere più trasparenti agli occhi 10 O Target Year. 33

35 del Cliente o Prospect le dinamiche probabili degli investimenti durante l intero arco di vita del portafoglio e non solo a scadenza. Figura 44 34

36 Dal Grafico della Ricchezza, o previsione della ricchezza, si può passare al Grafico dei Rendimenti o proiezione dei rendimenti, selezionando la voce Grafico Rendimenti sul menu in alto (Figura 45). Figura 45 Per formulare una corretta previsione di ricchezza, negli step successivi ( Richezza Attesa, Pensione Attesa e Reddito ) la piattaforma suggerisce di inserire ulteriori informazioni personali e reddituali, quali l età di pensionamento, il reddito annuo e il relativo tasso di crescita annua, eventuali contribuzioni al portafoglio, pensione attesa, e cosi via. Il risultato sarà visualizzato nella sezione Previsione in forma di valore attuale o futuro dallo stesso Cono di Ibbotson e dalla relativa Tabella di Ricchezza raffigurati rispettivamente nella Figura 46 e

37 Figura 46 Figura 47 36

38 Nella fase successiva ( Portafoglio Proposto ), la piattaforma consente di simulare delle modifiche al portafoglio reale del Cliente, proponendo pesi e/o investimenti differenti, con l obiettivo di ottimizzarlo, ponendolo sulla frontiera efficiente, e avvicinarlo al portafoglio obiettivo. Per questo motivo, si richiede molta attenzione e cura nella scelta degli strumenti finanziari da proporre in alternativa o in aggiunta a quelli già presenti in portafoglio 11. Nella scheda Lista Titoli viene automaticamente caricato il portafoglio oggetto dell analisi ( Portafoglio Attuale ) e il peso degli asset che caratterizzano i singoli investimenti. Cliccando in alto sull icona Seleziona Titoli, il relativo menu a tendina propone di caricare nuovi titoli, utilizzando la classica finestra di ricerca, di caricare un portafoglio modello o una lista salvata in precedenza (Figura 48 e 49). Figura 48 Figura Per la ricerca e la selezione degli strumenti finanziari in base a criteri anagrafici e/o di rischio rendimento e il salvataggio delle liste, si rinvia al capitolo dedicato alla Ricerca. Per la creazione dei portafogli modello, leggere l apposito paragrafo 5, Area di Lavoro. 37

39 Andando avanti, nella sezione Assegna dopo avere deciso se operare su tutti i titoli della lista caricata o su una selezione di essi, cliccando sul pulsante Auto Alloca, il sistema ridistribuisce i pesi tra i titoli inclusi nella selezione Lista Titoli ottimizzando l Asset Allocation Obiettivo (Figura 50). Figura 50 Nella rappresentazione grafica, vengono messi a confronto il Portafoglio Attuale, il Portafoglio Obiettivo, derivante dalla selezione sulla Frontiera Efficiente delle Asset Allocation che ottimizzano il Profilo di Rischio del cliente ed in fine il Portafoglio Proposto ottenuto Allocando i tioli indicati, ottimizzando in base all Asset Allocation Obiettivo. Del Portafoglio Proposto (evidenziato in rosso in Figura 50), può essere salvata la composizione cliccando su Modelli e quindi Salva come Modello, in modo tale che l Advisor possa utilizzarlo come riferimento nelle valutazioni future o convertirlo in portafoglio reale, qualora il Cliente decidesse di attribuirgli piena fiducia 12. Cliccando sula voce Visualizza sulla Frontiera, sarà possibile verificare il posizionamento del Portafoglio Proposto sulla frontiera efficiente (Figura 51). 12 Per la conversione si rinvia al capitolo 5. 38

40 Figura 51 L ultimo step della fase di pianificazione illustra il Piano d azione (Figura 52), ovvero gli acquisti e/o le vendite da eseguire per realizzare il Portafoglio Obiettivo, quello che rispecchia esattamente il profilo di rischio dell Investitore, emerso dal questionario compilato nella fase iniziale del processo di analisi. Figura 52 39

41 Al termine della pianificazione, la piattaforma consente all Utente di creare una reportistica dettagliata e personalizzata sul lavoro svolto (Figura 53). I report generati possono essere salvati nella sezione Report, oppure, in locale o inviati tramite posta elettronica direttamente in formato PDF (alcune pagine raffigurate in Figura 54). Figura 53 Figura 54 Le sezioni successive, che formano voce a sé sotto l Area Pianificazione, non sono altro che il raggruppamento dei Portafogli Modello, delle Asset Allocation, delle Ipotesi di Mercato e dei Report Salvati durante qualsiasi processo di analisi. Si omette, pertanto, la relativa descrizione, poiché ripetitiva. 40

42 CAPITOLO 5 5. Area di Lavoro Nell Area di lavoro l Utente può creare nuove Liste titoli e/o visualizzare quelle salvate a seguito del processo di selezione degli strumenti finanziari 13 ; è possibile aggiornare le liste richiamando un Criterio di Ricerca definito in precedenza; si può creare e salvare Figura 55 le analisi Liste Asset Allocation modello e Portafogli Modello, nonché visualizzare quelli creati e salvati durante il processo di pianificazione. E possibile costruire Benchmark personalizzati, da porre a confronto con portafogli diversificati per tipologia di attività sottostante. E visualizzabile l elenco delle Ipotesi di Mercato salvate all interno della piattaforma; è anche possibile infine accedere ai Report Salvati durante Dopo aver cliccato sulla voce Liste ed aver selezionato Mie Liste, presente sul menu laterale e raffigurato in Figura 55, selezionare sul menu dell area di destra la voce Nuovo. La finestra di selezione proporrà di scegliere tra un Investimento Singolo, Investimenti Multipli, Criteri di Ricerca o liste personali ( Mie Liste ) già costruite in precedenza. Figura Per la descrizione delle modalità di selezione, si rinvia al paragrafo 6 relativo al modulo di Ricerca. 41

43 Dopo avere scelto gli strumenti finanziari da analizzare e cliccato sul pulsante ok, sullo schermo apparirà il relativo elenco. La visualizzazione in colonna delle informazioni associate ai singoli titoli, ovvero, l angrafica, dati di rischio, rendimenti, etc, può essere modificata, selezionando una delle alternative proposte sul menu contestuale sotto la voce Visualizza, o personalizzata, selezionando la voce Modifica Visualizzazione da cui si aprirà la schermata in Figura 57. La tabella personalizzata può essere salvata e richiamata per tutte le liste direttamente dal menu principale, tra le visualizzazioni predefinite. Figura 57 42

44 Ogni colonna visualizzata nella tabella dati scelta, può essere ordinata cliccando due volte sull intestazione della stessa. Cliccando, invece, con il tasto destro del mouse, si può modificare una colonna oppure accedere alla descrizione dei singoli data point e ad eventuali paper metodologici correlati (Figura 58). Figura 58 Ad esempio, selezionando la colonna Rating Morningstar Overall 14, viene fornita la spiegazione del significato e della metodologia per il calcolo dello stesso (Figura 59). Figura Il rating Morningstar è un indicatore sintetico del profilo di rischio/rendimento, corretto per i costi di un fondo, calcolato all'interno della categoria Morningstar di appartenenza. Il primo 10% di fondi di una categoria riceve le cinque stelle, il successivo 22.5% quattro stelle, l'ulteriore 35% tre stelle, mentre al successivo 22.5% e all'ulteriore 10% vengono assegnate rispettivamente due e una stella. 43

45 Dopo aver valutato i titoli sulla base degli indicatori prescelti, l Utente può decidere di salvarne l elenco in una lista, in modo tale che questa venga memorizzata nella piattaforma, o di aggiungerli ad una lista preesistente. Per fare questo, occorre porre il flag sul quadratino posto a sinistra di ogni singolo strumento e selezionare dal menu Azione la voce Salva con nome e quindi Liste. In alternativa, l elenco dei titoli scelto può essere salvato come Benchmark Personalizzato o Portafoglio Modello 15 (Figura 60). Figura 60 Dal menu Azione è possibile visualizzare e salvare report e grafici sui singoli strumenti, allo stesso modo di come è stato descritto per i portafogli. Si può decidere di nascondere o visualizzare il benchmark scelto dall Utente in fase di definizione delle impostazioni iniziali o quello di default scelto da Morningstar. In aggiunta, è possibile accedere direttamente alla Libreria dei documenti raccolti da Morningstar, la stessa che si trova nell area Home, nonché, attraverso Visualizza Ownre Analisi Puntuale Owner visualizzare i titoli/fondi che investono e che hanno quindi in portafoglio lo strumento specificato. Nella figura 61 sono ad esempio raffigurati gli Owner del fondo Carmignac Euro- Patrimoine, e possiamo vedere come tale fondo sia detenuto, o in altre parole, sia presente nel portafoglio di Carmignac Profil Réactif 50 con un peso proprio nel portafoglio di quest ultimo pari a 12,57% Per la descrizione delle modalità di creazione di questi ultimi, si rinvia ai paragrafi successivi. 16 Gli strumenti raffigurati nella sezione Owner non sono quindi i titoli detenuti dal fondo selezionato inizialmente, ma il contrario, ossia i fondi che investono in tale strumento. 44

46 Figura 61 E possibile accedere ad alcune funzionalità anche selezionando il singolo strumento e cliccandovi sopra con il tasto destro del mouse Criteri di ricerca Sotto tale sezione si trova l elenco dei criteri di ricerca salvati durante il processo di selezione titoli, eseguito dall area di lavoro Ricerca (cfr paragrafo 6) o nel processo di creazione delle Liste, descritto nel paragrafo precedente. Cliccando due volte sul nome della ricerca salvata, la piattaforma restituisce l elenco aggiornato degli strumenti che rispondono ai criteri di selezione scelti. Se, ad esempio, la selezione era stata fatta per SGR, il refresh del criterio di ricerca consente di includere o escludere dall elenco anche gli strumenti da poco avviati o esclusi dall universo originario. 45

47 E possibile comunque eseguire una nuova ricerca cliccando sulla voce di menu Nuovo e selezionando l universo su cui cercare gli strumenti finanziari Portafogli Modello Nella sezione Portafogli Modello si trova l elenco di quelli creati durante il processo di pianificazione. Per visualizzarli, selezionare la relativa voce sul menu in alto a destra. Per creare nuovi modelli, selezionare la voce Nuovo e nella finestra di dialogo che appare (Figura 62), occorre assegnare un nome allo stesso, scegliere, se si desidera, un asset allocation da allegare e definire il benchmark di riferimento. Figura 62 Andando avanti, apparirà la maschera d inserimento titoli. Per effettuare la scelta dei titoli, selezionare la lente posta accanto alla prima riga vuota ed utilizzare la tradizionale maschera di ricerca, nella quale si procederà, come di consueto, nella ricerca e selezione degli strumenti (Figura 63). 46

48 Figura 63 Nelle apposite righe, dopo avere inserito l ammontare totale da investire, dovranno essere indicati i pesi o gli importi associati a ciascun fondo. Quindi, cliccare sul pulsante Ricalcola, in basso. Figura 64 47

49 Nel riquadro superiore della figura 64 17, viene mostrata l asset allocation del portafoglio modello, intesa come ripartizione dello stesso nelle asset class definite sulla base dei titoli in cui investono i fondi che lo compongono. E possibile, inoltre, apprezzare la Morningstar Stile Box Azionaria, una matrice a nove riquadri che incrocia la strategia di investimento del fondo, cioè il suo investimento in titoli azionari Value, Growth o Blend, con la capitalizzazione di mercato degli holding di portafoglio. Nel riquadro accanto, è presente anche la Morningstar Style Box Obbligazionaria, che incrocia i fattori di rischio tipici di ogni fondo obbligazionario: l'esposizione ai tassi di interesse e al credito. L analisi dello stile, integrata agli altri dati di portafoglio, come l esposizione ai differenti settori economici, è estremamente utile perché consente di creare gruppi di portafogli gestiti maggiormente omogenei (cd peer group ) e di ridurre al minimo i problemi di distorsione di valutazione. L analisi del portafoglio modello (Figura 65) proseguirà nello stesso modo descritto nel paragrafo dedicato ai portafogli (grafici, report, tabelle, esportazione ). Figura 65 Al fine di agevolare l attività dell Advisor, la piattaforma offre la possibilità di convertire il Portafoglio Modello in un portafoglio reale, semplicemente selezionando sotto la voce di menu Azione, l opzione Strumenti ed infine Converti a Portafoglio Fisso. In tal caso, il portafoglio modello scomparirà dall Area di Lavoro, per essere collocato nell elenco dei portafogli disponibili nell area Gestione Portafogli. 17 L inserimento dell importo totale per un portafoglio modello ha poca rilevanza, pertanto, si può lasciare quello di default pari a 10000,00. 48

50 Figura Asset Allocation La creazione di un Asset Allocation Modello si presenta più semplice e immediata rispetto alla creazione di un Portafoglio Modello. Nella maschera che appare dopo avere cliccato sul pulsante Nuovo, si richiede semplicemente di definire i pesi associati alle diverse asset class proposte (Figura 66) Benchmark La creazione dei Benchmark personalizzati avviene allo stesso modo della creazione dei Portafogli Modello. Naturalmente, la scelta degli strumenti dipenderà dall obiettivo dell Advisor. Si sceglieranno indici, per creare indici compositi, e fondi, azioni e/o etf, per creare portafogli di riferimento. Nell area di destra della sezione Benchmark, cliccare sulla voce Nuovo, dopo avere assegnato un nome allo stesso (Figura 67), si entrare nella maschera d inserimento titoli, ed utilizzando l apposita lente, si procede alla scelta degli indici o degli strumenti che andranno a comporlo. Figura 67 Come per la creazione di modelli di portafoglio, negli appositi campi andrà indicato il peso associato a ciascun indice o strumento che caratterizzano il benchmark. 49

51 Il benchmark così creato sarà disponibile nell albero di ricerca dati e potrà essere associato come Benchmark di Default o come Benchmark Secondario ad uno o più portafogli. Le ultime due sezioni sotto l Area di Lavoro, Ipotesi di Mercato e Report Salvati, mostrano l elenco delle ipotesi di mercato disponibili all interno della piattaforma e quello dei report salvati durante il processo di analisi. 50

52 CAPITOLO 6 6. Ricerca Il Modulo di Ricerca consente la navigazione on-line del database di Morningstar, che raccoglie, con un aggiornamento quotidiano dei dati, i seguenti strumenti finanziari: fondi comuni d investimento autorizzati alla vendita in Italia, Belgio, Francia, Germania, Olanda, Spagna, Svizzera, Regno Unito, Europa nel complessivo e fondi Offshore; tutte le azioni quotate sulla borsa di Milano; gli ETF vendibili in Italia e gli ETF Globali; fondi pensione Italiani; più di Indici Globali. Lo strumento permette di: monitorare il mercato; analizzare e selezionare gli investimenti attraverso le funzioni di screening avanzato in base a criteri multipli di carattere quantitativo e qualitativo; effettuare classifiche e ordinamenti in maniera molto rapida; creare grafici per comparare gli investimenti secondo differenti statistiche di performance ed elaborare matrici di correlazione. Una volta selezionata una lista di fondi simili per caratteristiche, si può perfezionare l analisi con funzionalità di ranking per parametri personalizzabili e con la possibilità di generare, consultare, e anche stampare report dettagliati con le informazioni rilevate Figura 68 nell analisi tipica di Morningstar. Per accedere ad ogni singolo universo occorre selezionare il modulo Ricerca nella barra verticale a sinistra e selezionare uno dei macro gruppi disponibili (Indici, Azioni, Fondi Comuni Aperti...). Nella 51

53 finestra principale a sinistra verranno visualizzati gli universi disponibili per la tipologia di strumento finanziario selezionato (Figura 68) Ricerca Avanzata All interno della piattaforma, è possibile creare e salvare dei criteri di ricerca (che possono essere riutilizzati in un momento successivo) per estrarre gruppi di fondi che rispettino determinate caratteristiche. La ricerca per criteri è accessibile dalla barra di menu, selezionando Nuovo Ricerca Avanzata e selezionando l universo di interesse, oppure all interno di ogni singolo universo cliccando sull icona Cerca. Figura 69 In entrambi i casi si accede alla seguente finestra: Figura 70 Per cercare, ad esempio, tutti i fondi appartenenti alla Categoria Morningstar Azionari Area Euro Large Cap appartenenti al primo quartile della Categoria per rendimenti complessivi, seguire le seguenti istruzioni: 52

54 1. Quando si apre la finestra Criteri di Ricerca (sopra visualizzata), cliccare sulla prima riga della colonna Nome Campo. Apparirà la lista dei campi a cui assegnare un vincolo; Figura Selezionare Categoria Morningstar sotto la voce Generale ; 3. Cliccare il campo, relativo alla riga di corrispondenza del criterio prescelto, della colonna Operatore. Tra le voci presenti cliccare = ; 4. Nel campo Valore, apparirà un menu con la lista delle Categorie Morningstar. Scorrere per trovare Azionari Are Euro Large Cap ; 5. Alla riga 2 cliccare sulla colonna Rel (Relazione) e selezionare la voce E ; 6. Cliccando nella colonna Nome Campo, sfogliare il menu per trovare la voce Rendimenti (Fine-Mese) e facendo doppio click si apriranno le voci contenute al suo interno. Selezionare Rendimento % Rank Cat 3 Anni (Fine Mese) ; 7. Nella colonna Operatore selezionare < e indicare 25 nella colonna Valore ; Figura 72 53

55 Cliccando sull icona Salva nella parte alta della finestra, apparirà la finestra di dialogo Salva con nome. Assegnare un nome alla ricerca appena impostata, quindi cliccare OK. È possibile salvare tutti i criteri di ricerca usati più frequentemente. Le Ricerche salvate, appariranno nell Area di Lavoro, sezione Criteri di Ricerca. Cliccando su Anteprima in basso a destra, è possibile verificare che la ricerca impostata produca risultati e tra quanti strumenti tale ricerca è stata fatta. Successivamente, cliccando OK, si accede alla lista degli Elementi Trovati. In alternativa è possibile cliccare direttamente su OK. Figura 73 Salvando un Criterio di Ricerca, sarà possibile accedere semplicemente nella sezione Area di Lavoro, ad una lista creata dinamicamente sulla base delle scelte impostate. Ad esempio è possibile creare dei criteri che generino dinamicamente la somma dei prodotti di più società che potranno essere incrociati con ulteriori criteri di ricerca. Il procedimento è simile a quello illustrato di seguito: 1. Accedere alla finestra Criteri di Ricerca ; 2. Cliccare sulla prima riga della colonna Nome Campo. Apparirà la lista dei campi a cui assegnare un vincolo; 3. Selezionare Nome Società sotto la voce Generale ; 4. Cliccare il campo, relativo alla riga di corrispondenza del criterio prescelto, della colonna Operatore. Tra le voci presenti cliccare = ; 5. Si aprirà la finestra di dialogo Seleziona Società, in cui è possibile effettuare la ricerca per nome. Una volta evidenziata la società di interesse, cliccare OK. (Attenzione: potrebbero apparire più società, selezionare solamente quella a cui si è interessati); 54

56 Figura Alla riga 2 selezionare nella colonna Rel la voce Ripeti ed effettuare Figura 75 l operazione illustrata al punto Una volta elencate tutte le società che si vogliono includere nel proprio universo, sarà possibile salvare la ricerca e utilizzarla in un momento successivo Come utilizzare le parentesi Nella maggior parte dei casi, sarà necessario utilizzare le parentesi per raggruppare un insieme di criteri. Esempio: si vogliono visualizzare tutti i fondi appartenenti alle seguenti tre categorie: Azionari Area Euro Large Cap, Mid Cap e Small Cap, ma solo quelli con un rating pari a 5 stelle. 1. Selezionare la prima categoria Azionari Area Euro Large Cap come indicato sopra; 2. Selezionare Ripeti nella colonna Rel e impostare le successive due categorie nella colonna Valore ; 55

57 3. Nella prima riga inserire la parentesi aperta nella relativa colonna e nella terza riga Figura 76 inserire la parentesi chiusa nella relativa colonna; 4. Nella quarta riga selezionare la voce E dalla colonna Rel, Rating Morningstar Overall tra i campi disponibili nell elenco, l Operatore = e 5 tra le scelte disponibili nell elenco alla colonna Valore. Attenzione: se in questo esempio non fossero state utilizzate le parentesi, la ricerca avrebbe applicato la condizione Rating Morningstar Overall = 5 unicamente alla riga immediatamente al di sopra della condizione stessa. Tra i risultati della ricerca avremmo avuto tutti i fondi Azionari Area Euro Large Cap e Mid Cap (indipendentemente dal rating) e poi tutti i fondi Azionari Area Euro Small Cap con un rating pari a Aggiungere le parentesi ad una Ricerca 1. Determinare in quali righe dei criteri di ricerca è necessario avere una parentesi aperta ed in quali una parentesi chiusa; 2. Sulla riga che necessita di una parentesi aperta, cercare la colonna con l etichetta ( compresa tra le colonne Rel (Relazione) e Nome Campo nella finestra di dialogo Ricerca. Cliccare su questa colonna. Inserire (. 3. Sulla riga che necessita una parentesi chiusa, cercare le colonne ) dopo la colonna Valore. Cliccare sulla colonna. Inserire ). 56

58 Utilizzare And, Or, e Repeat 18 Il campo Rel (Relazione) lega assieme le diverse linee dei criteri di Ricerca. Per ottenere risultati di ricerca accurati, è importante scegliere operatori di relazione corretti. AND Limita l universo. È l operatore da utilizzare nella maggior parte dei casi. Permette di ridurre l universo considerato ai soli fondi desiderati. Figura 77 Esempio: Utilizzare AND per visualizzare tutti i fondi Small Company AND 5 stelle AND Socialmente Responsabile. Per appartenere ai risultati della ricerca, un fondo dovrà soddisfare tutti e tre i criteri. OR Amplia l universo considerato. Utilizzare OR per includere più elementi di uno stesso tipo, ad esempio più di una categoria Morningstar. Utilizzare OR anche per visualizzare tra i risultati di ricerca più di un gruppo di fondi. Figura And, Or, e Repeat E, O e Ripeti. 57

59 Esempio: Per vedere tutti i fondi della Società ABC + tutti i fondi con rating 5 stelle, utilizzare OR. REPEAT Ripete il campo e la condizione selezionati in precedenza e lega le righe con OR. Utilizzare REPEAT per costruire una lista di elementi ripetitiva, legati tramite OR, ad esempio una lista di Nomi Fondo. Figura Salvare i criteri di ricerca Cliccare Salva nella finestra di dialogo Ricerca. Apparirà finestra di dialogo Salva con nome. Assegnare un nome alla propria ricerca. Le ricerche salvate verranno elencate nel menu di navigazione sotto alla voce Mie Ricerche Modificare una ricerca Figura Dopo aver eseguito la ricerca salvata in precedenza selezionare l icona Cerca; 2. Modificare quanto inserito nelle colonne Nome Campo, Operatore o Valore; 3. Cliccare OK per lanciare nuovamente la Ricerca oppure cliccare sul bottone Salva per salvarla come nuova, oppure selezionare il nome della ricerca precedente per sovrascriverla. 58

60 Figura Aprire i criteri di ricerca salvati Per ottenere i risultati di una ricerca precedentemente salvata, è sufficiente cliccare sul nome della ricerca elencate tra Criteri di Ricerca (Figura 81). In alternativa (Figura 82), aprire la finestra Criteri di Ricerca e cliccare il bottone Apri. Apparirà la finestra di dialogo Apri da con una lista di tutte le ricerche salvate. Selezionare il nome della ricerca che si desidera aprire. Cliccare OK. Apparirà la ricerca cui si è interessati. Figura Stampare i criteri di ricerca Cliccare sull icona PDF nella finestra Criteri di Ricerca. Apparirà il file PDF stampabile. 59

61 Figura Creare una lista titoli successivamente su tale voce si aprirà il gruppo di titoli salvati. Dopo aver ottenuto i risultati di una ricerca si possono selezionare tutti i titoli o alcuni di essi e salvarli come lista attraverso Azione Salva con nome Liste. Si aprirà la finestra di dialogo in cui sarà possibile dare un nome alla lista che verrà elencata sotto la voce Liste nel menu Area di Lavoro. Cliccando Selezionare più fondi Per selezionare più fondi, cliccare una volta il primo fondo da selezionare, quindi tenendo premuto il tasto CTRL sulla tastiera cliccare gli altri fondi che si desidera selezionare. Per selezionare un insieme continuo di fondi, cliccare sul primo fondo, quindi tenendo premuto il tasto Shift sulla tastiera cliccare l ultimo fondo. L insieme di fondi sarà selezionato. Figura 84 I fondi selezionati sono evidenziati dallo sfondo azzurro e dal box selezionato alla sinistra di ciascun fondo. Selezionando il box bianco sotto il menù azione è possibile selezionare tutti i fondi inclusi nella lista. 60

62 Aggiungere nuovi elementi ad una lista pre-esistente Figura 85 Per aggiungere uno o più titoli ad una lista pre-esistente è sufficiente selezionare i titoli prescelti e cliccare su Azione Aggiungi a Liste. Si aprirà la finestra Aggiungi a dove sarà possibile selezionare la lista a cui si vogliono aggiungere gli elementi selezionati Aggiungere i fondi selezionati ad un portafoglio modello Dopo aver selezionato i titoli di interesse all interno di una lista o dai risultati di una ricerca, selezionare dal menu Azione la voce Aggiungi a e quindi Portafoglio Modello. Si aprirà la lista dei portafogli modello. Selezionare il nome del portafoglio e cliccare su OK Visualizzazione dei dati È possibile modificare la visualizzazione dei data point attraverso la barra Visualizza (nel rettangolo rosso nella figura), cliccando sul menu a tendina, compariranno delle visualizzazioni di default. Figura 86 61

63 Se tra le visualizzazioni già impostate non vi sono i data point di interesse, è possibile accedere attraverso l icona Modifica Visualizzazione (Figura 86 - riquadro blu) alla lista completa dei data point e creare la propria Visualizzazione. Figura 87 Una volta cliccata l icona, apparirà la finestra di dialogo Selezionare Dati (Figura 87); Il menu a tendina in corrispondenza di Universo consente di selezionare un differente universo (poiché esistono data point che possono essere specifici di un solo universo di strumenti, come i Free Cash Flow per le azioni) Il menu che si trova immediatamente sotto consente di filtrare le differenti tipologie di Dati disponibili all interno della piattaforma (selezionare Tutte le visualizzazioni standard per visualizzarli tutti nella finestra Dati disponibili ). Selezionando uno o più data point nella finestra Dati disponibili, cliccando su Aggiungi, è possibile includerli nella lista dei Dati Selezionati, indicati sotto. Da questa seconda lista è possibile anche rimuovere uno o più data point, modificandone anche l ordine con le frecce raffigurate sulla destra. Figura 88 Cliccando su Salva, è anche possibile salvare la propria visualizzazione appena impostata. Queste saranno disponibili cliccando sul menu a tendina Visualizzazione, cliccando alla voce Mie Tabelle Dati (Figura 88). 62

64 Una volta selezionati i data point di interesse e tornati alla lista, cliccando sull intestazione della colonna i titoli verranno ordinati secondo il contenuto della colonna stessa e cliccandovi sopra con il tasto destro del mouse si aprirà una tendina tra le cui voci è presente Definizione Dati. Cliccandovi sopra, si aprirà una finestra che spiega il significato del campo e indica eventuali documenti metodologici relativi Eliminare una vista personalizzata 1. Dal menu Visualizza, selezionare Mie Tabelle Dati. 2. Apparirà la finestra di dialogo Apri Da ; 3. Selezionare la visualizzazione personalizzata che si desidera eliminare, quindi cliccare Elimina ; 4. Cliccare nuovamente OK per abbandonare la finestra di dialogo Apri Da Modificare una visualizzazione personalizzata 1. Selezionare la Visualizza Personalizzata che si desidera modificare; 2. Cliccare l icona Modifica Visualizzazione. 3. Modificare i data point presenti nella finestra Dati Selezionati ; 4. Cliccando OK si ritornerà alla lista; 5. A questo punto cliccando sull icona Salva in alto la Visualizzazione Personalizzata verrò sovrascritta con le modifiche apportate. 63

65 6.2. Ricerca Semplice La ricerca semplice ha lo scopo di rendere più rapida la ricerva attraverso l ultilizzo di Figura 89 parametri parzialmente pre-impostati e di rapida selezione. Per accedervi, è sufficiente cliccare nel menu principale Nuovo e selezionare Ricerca Semplice. Questo tipo di ricerca, a differenza di quella avanzata che è disponibile per tutti gli strumenti presenti nella piattaforma, può essere effettuata solamente per Fondi Comuni e Sicav e per ETF. La finestra che appare è quella visualizzata nella figura 90. Figura 90 64

66 I parametri sono raggruppati in tre categorie; oltre alla Base (che racchiude i principali dati anagrafici) vi è la categoria che racchiude i criteri di Performance ed in fine quella di Portafoglio. Tutti i parametri sono selezionabili contemporaneamente anche tra differenti categorie. Tutte le ulteriori funzionalità come la possibilità di salvare i criteri di ricerca rimangono invariate. 65

67 CAPITOLO 7 7. Report L area di lavoro Report, presente già sotto altre aree di lavoro, consente di visualizzare l elenco dei report salvati durante tutto il processo di analisi. Figura 91 Si ricorda che tutti i report possono essere salvati sia all interno della piattaforma sia nel computer locale, nonché inviati in formato PDF tramite posta elettronica. Figura 92 66

68 CAPITOLO 8 8. Funzionalità varie 8.1. Esportare i dati I dati visualizzati possono essere esportati in Excel cliccando sull icona Esporta oppure stampati cliccando l icona Stampa. Figura 93 Suggerimento: nel caso di liste molto lunghe fare attenzione a cliccare sul tasto Stampa. Infatti, verranno stampati tutti gli elementi presenti e tutte le colonne visualizzate. Per limitare il numero di elementi che si desidera stampare occorre selezionare quelli di interesse e successivamente cliccare su Stampa. Limitare anche il numero di colonne visualizzate Price monitor Il Price Monitor è una funzionalità da poco introdotta nella piattaforma, con l obiettivo principale di mostrare in una finestra separata i prezzi intraday delle azioni con un ritardo di 20 minuti. E possibile caricare sulla stessa finestra anche portafogli, liste e modelli, fino a un massimo di 4. Per accedere alla finestra del Price Monitor, fare doppio click sulla relativa voce posta sul menu generale della piattaforma, quindi, selezionare sul menu la voce nuova finestra e scegliere se caricare una nuova lista titoli o un aggregato (lista, portafoglio o modello) già salvato in precedenza. Per caricare una nuova lista, accedere alla maschera di ricerca. Dopo avere scelto l universo che interessa, azioni, indici o etf, digitare il nome dello strumento cercato nell apposito campo vuoto e cliccare sul pulsante vai. Nel riquadro sottostante appariranno i risultati: selezionare le voci che interessano e aggiungerle nell apposito 67

69 riquadro. Prima di dare l ok, si suggerisce di ripetere l operazione, inserendo tutti i titoli che interessano. Figura 94 Nella figura 95, è riportato un esempio di Price Monitor, che contiene diverse liste. Figura 95 Le icone riportate in alto a sinistra dei singoli riquadri consentono di visualizzare la colonna del nome, nel caso non sia già presente, e di aggiungere o rimuovere singoli strumenti all interno delle liste visualizzate. 68

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Guida ai servizi online della Provincia di Milano

Guida ai servizi online della Provincia di Milano Guida ai servizi online della Provincia di Milano - 1 - Il servizio CPI On line consente a tutti gli iscritti ai Centri per l impiego della Provincia di Milano di visualizzare, modificare e stampare alcune

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT PMS SYSTEM PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT Giovanni Serpelloni 1), Massimo Margiotta 2) 1. Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria Azienda

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO Con questa esercitazione guidata imparerai a realizzare una macro. Una macro è costituita da una serie di istruzioni pre-registrate che possono essere

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2013 Progetto Istanze On Line ESAMI DI STATO ACQUISIZIONE MODELLO ES-1 ON-LINE 18 Febbraio 2013 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 COMPILAZIONE DEL MODULO

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Nitro Reader 3 Guida per l' utente

Nitro Reader 3 Guida per l' utente Nitro Reader 3 Guida per l' utente In questa Guida per l'utente Benvenuti in Nitro Reader 3 1 Come usare questa guida 1 Trovare rapidamente le informazioni giuste 1 Per eseguire una ricerca basata su parole

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Presentazione ServiceControl è l evoluzione del primo programma, scritto per gestire il mio service circa 12 anni fa. Il programma

Dettagli

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Protocollo... 9 Inserimento nuovo protocollo... 11 Invio SMS... 14 Ricerca... 18 Anagrafica...

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING Integrazione Webank-WeTrade NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING La fusione tra Webank e WeTrade, avvenuta lo scorso 18 dicembre, ha comportato alcune novità nella tua operatività di trading. Te li riassumiamo

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Pratiche... 10 Anagrafica... 13 Documenti... 15 Inserimento nuovo protocollo... 17 Invio

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 1) Introduzione Pg 3 2) L area amministratore Pg 3 2.1) ECM Pg 4 2.1.1) Sezione Struttura Pg 5 2.1.2) Sezione Documento Pg 7 2.1.3) Sezione Pubblicazione

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Leg@lCom EasyM@IL. Manuale Utente. 1 Leg@lcom 2.0.0

Leg@lCom EasyM@IL. Manuale Utente. 1 Leg@lcom 2.0.0 Leg@lCom EasyM@IL Manuale Utente 1 Sommario Login... 5 Schermata Principale... 6 Posta Elettronica... 8 Componi... 8 Rispondi, Rispondi tutti, Inoltra, Cancella, Stampa... 15 Cerca... 15 Filtri... 18 Cartelle...

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO FARE UNA MAPPA CON OPENOFFICE IMPRESS START/PROGRAMMI APRIRE IMPRESS SCEGLIERE PRESENTAZIONE VUOTA. POI CLIC SU AVANTI E DI NUOVO SU AVANTI. QUANDO AVANTI NON COMPARE PIÙ, FARE CLIC SU CREA CHIUDERE LE

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli