Istituzioni di diritto privato corso L -Z

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituzioni di diritto privato corso L -Z"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Istituzioni di diritto privato corso L -Z anno accademico 2010/2011 secondo semestre - seconda parte SCHEMI LEZIONI 4 Prof. Avv. Laura Cavandoli CLASSIFICAZIONE DELLE OBBLIGAZIONI 1. IN BASE ALL OGGETTO: a) OBBLIGAZIONE CUMULATIVA b) OBBLIGAZIONE ALTERNATIVA (artt ss.): SCELTA DEL DEBITORE SCELTA DEL CREDITORE SCELTA DEL TERZO c) OBBLIGAZIONE FACOLTATIVA d) OBBLIGAZIONI PECUNIARIE (artt ss., D.lgs. 231/2007) DI VALORE DI VALUTA INDICIZZATE INTERESSI (artt ss.) e) OBBLIGAZIONI FUNGIBILI E INFUNGIBILI f) OBBLIGAZIONI DIVISIBILI E INDIVISIBILI (artt ss.) 2

2 CLASSIFICAZIONE DELLE OBBLIGAZIONI 2. IN BASE AI SOGGETTI TITOLARI: a) OBBLIGAZIONI SOLIDALI (artt ss.) PASSIVE ATTIVE b) OBBLIGAZIONI PARZIARIE PASSIVE ATTIVE c) OBBLIGAZIONI COLLETTIVE PASSIVE ATTIVE 3 VICENDE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO 1. VICENDE COSTITUTIVE 2. VICENDE MODIFICATIVE A) SUCCESSIONE NEL CREDITO - SURROGAZIONE PER PAGAMENTO - CESSIONE DEL CREDITO B) SUCCESSIONE NEL DEBITO - DELEGAZIONE - ESPROMISSIONE -ACCOLLO 3. VICENDE ESTINTIVE A) MODI SATISFATTORI - ADEMPIMENTO - COMPENSAZIONE - CONFUSIONE B) MODI NON SATISFATTORI -NOVAZIONE - REMISSIONE - IMPOSSIBILITÀ SOPRAVVENUTA DELLA PRESTAZIONE C) INADEMPIMENTO 4

3 VICENDE COSTITUTIVE LE VICENDE COSTITUTIVE RIGUARDANO LA NASCITA DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO SONO FONTI DELLE OBBLIGAZIONI (art. 1173): 1) CONTRATTO (artt ss.) 2) ATTO ILLECITO (art ss.) 3) «OGNI ALTRO ATTO O FATTO IDONEO A PRODURLE IN CONFORMITÀ DELL ORDINAMENTO GIURIDICO», AD ESEMPIO: TITOLI DI CREDITO (artt ss.) PROMESSE UNILATERALI (artt ss.) GESTIONE DI AFFARI ALTRUI (artt ss.) PAGAMENTO DELL INDEBITO (art. 2033) ARRICCHIMENTO SENZA CAUSA (artt ss.) IL SISTEMA DELLE FONTI DELLE OBBLIGAZIONI È APERTO 5 VICENDE MODIFICATIVE NOZIONE: LE VICENDE MODIFICATIVE CONSISTONO IN MODIFICAZIONI ACCESSORIE DEL REGOLAMENTO DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO (art. 1231), OSSIA CHE NON INCIDONO SUI SUOI ELEMENTI CARATTERIZZANTI (OGGETTO E TITOLO: art. 1230) LE VICENDE MODIFICATIVE POSSONO INCIDERE: 1) SULLE MODALITÀ DELLA PRESTAZIONE (art. 1231) 2) SULLA TITOLARITÀ ATTIVA E PASSIVA DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO (MODIFICAZIONI SOGGETTIVE: art. 1235) 6

4 VICENDE MODIFICATIVE A) SUCCESSIONE NEL CREDITO (=NELLA TITOLARITÀ ATTIVA): I. SURROGAZIONE PER PAGAMENTO -SURROGAZIONE PER VOLONTÀ DEL CREDITORE (art. 1201) -SURROGAZIONE PER VOLONTÀ DEL DEBITORE (art. 1202) - SURROGAZIONE LEGALE (art. 1203) 7 VICENDE MODIFICATIVE A) SUCCESSIONE NEL CREDITO: II. CESSIONE DEL CREDITO (artt ss.) NOZIONE CON LA CESSIONE IL CREDITORE ORIGINARIO (CEDENTE) TRASFERISCE AD ALTRI (CESSIONARIO) IL DIRITTO DI PRETENDERE LA PRESTAZIONE DAL DEBITORE (CEDUTO) SECONDO LA FONTE: - CESSIONE NEGOZIALE DEL CREDITO - CESSIONE LEGALE - CESSIONE GIUDIZIALE STRUTTURA - CONTRATTO BILATERALE - CONTRATTO TRILATERALE - NEGOZIO UNILATERALE TIPI DI CESSIONE - CESSIONE A TITOLO ONEROSO (VENDITA DEL CREDITO) - CESSIONE A TITOLO GRATUITO (DONAZIONE DI CREDITO) - CESSIONE SOLUTORIA (art. 1198) - CESSIONE A SCOPO DI GARANZIA 8

5 VICENDE MODIFICATIVE INCEDIBILITÀ DEI CREDITI: -PER LEGGE (art co. 1) + NULLITÀ ex art PER CONVENZIONE (art co. 2): IL PATTO D INCEDIBILITÀ NON È OPPONIBILE, SALVO CHE IL CESSIONARIO NE SIA A CONOSCENZA AL MOMENTO DELLA CESSIONE GARANZIE - IL CEDENTE GARANTISCE L ESISTENZA DEL CREDITO (art. 1266) -IL CEDENTE PUÒ GARANTIRE LA SOLVIBILITÀ DEL DEBITORE CEDUTO SOLO CON APPOSITO PATTO (art. 1267) -LA CESSIONE è EFFICACE NEI CONFRONTI DEL CEDUTO SE È A LUI NOTIFICATA, DA LUI ACCETTATA O CONOSCIUTA (art. 1264) -LA NOTIFICAZIONE O L ACCETTAZIONE RENDONO LA CESSIONE OPPONIBILE AI TERZI (art. 1265) ECCEZIONI -IL CEDUTO PUÒ OPPORRE AL CESSIONARIO LE ECCEZIONI DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO CHE LO LEGAVANO AL CEDENTE - ECCEZIONE DI COMPENSAZIONE (art. 1248): È OPPONIBILE AL CESSIONARIO PER I CREDITI SORTI PRIMA DELLA NOTIFICA È INOPPONIBILE AL CESSIONARIO SE - IL CEDUTO HA ACCETTATO SENZA RISERVE LA CESSIONE -IL CREDITO DEL CEDUTO è SORTO DOPO LA NOTIFICA 9 VICENDE MODIFICATIVE A) SUCCESSIONE NEL CREDITO, NELLA TITOLARITÀ ATTIVA: III. FACTORING (legge 52/1991): CESSIONE DEI CREDITI DI IMPRESA Normativa speciale che si applica se: a) il cedente è un imprenditore b) i crediti ceduti sorgono da contratti stipulati dal cedente nell'esercizio dell'impresa; c) il cessionario è una banca o un intermediario finanziario disciplinato dal TU 385/1993 in materia bancaria e creditizia, il cui oggetto sociale preveda l'esercizio dell'attività di acquisto di crediti d'impresa 10

6 VICENDE MODIFICATIVE B) SUCCESSIONE NEL DEBITO: -VICENDA MODIFICATIVA DELLA TITOLARITÀ PASSIVA DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO -LA SUCCESSIONE A TITOLO PARTICOLARE È ASSUNZIONE DI DEBITO ALTRUI -PER IL CREDITORE NON È INDIFFERENTE LA PERSONA DEL DEBITORE IN RAGIONE DELLE QUALITÀ PERSONALI E DELLA RESPONSABILITÀ PATRIMONIALE, PERTANTO L ASSUNZIONE DEL DEBITO E LA LIBERAZIONE DEL DEBITORE ORIGINARIO NECESSITANO DEL CONSENSO DEL CREDITORE -LA LIBERAZIONE DEL DEBITORE ORIGINARIO ESTINGUE LE GARANZIE ANNESSE, SALVO CHE IL GARANTE CONSENTA IL MANTENIMENTO - ASSUNZIONE «EX LEGE» O NEGOZIALE 11 DELEGAZIONE (art ss.) NOZIONE UN SOGGETTO DEBITORE (delegante) FA ASSUMERE UN OBBLIGO DA UN ALTRO SOGGETTO (delegato) A FAVORE DI UN TERZO SOGGETTO CREDITORE (delegatario) RAPPORTI SOTTOSTANTI - RAPPORTO DI VALUTA: IL DELEGANTE È DEBITORE DEL DELEGATARIO - RAPPORTO DI PROVVISTA: IL DELEGANTE È CREDITORE DEL DELEGATO STRUTTURA DOPPIA AUTORIZZAZIONE ASSUNZIONE DEL DEBITO 12

7 DELEGAZIONE (art ss.) LA DELEGAZIONE DI DEBITO HA STRUTTURA TRILATERALE: 13 DELEGAZIONE (art ss.) TIPOLOGIE DI DELEGAZIONE 1 - DELEGAZIONE DI DEBITO o «PROMITTENDI»: QUANDO IL DEBITORE (delegante) ASSEGNA AL CREDITORE (delegatario) UN NUOVO DEBITORE (delegato) CHE SI OBBLIGA A PAGARE (art. 1268) - DELEGAZIONE «PURA» E «TITOLATA» REGIME DELLE ECCEZIONI (art. 1271) DEROGABILITÀ E «TITOLAZIONE» -DELEGAZIONE CUMULATIVA e LIBERATORIA (art. 1268) 14

8 DELEGAZIONE (art ss.) TIPOLOGIE DI DELEGAZIONE 2 -DELEGAZIONE DI PAGAMENTO O «SOLVENDI»: QUANDO IL DEBITORE (delegante) INVITA IL TERZO (delegato) A PAGARE AL CREDITORE (delegatario) UN DEBITO CHE HA VERSO DI LUI (art. 1269): DOPPIA DELEGA CON FUNZIONE IMMEDIATAMENTE SOLUTORIA - DELEGAZIONE «PURA» E «TITOLATA»: Ripetibilità del pagamento 15 ESPROMISSIONE (art. 1272) NOZIONE: -UN SOGGETTO (espromittente) ESTRANEO AL RAPPORTO OBBLIGATORIO ASSUME SPONTANEAMENTE NEI CONFRONTI DEL CREDITORE (espromissario) L OBBLIGAZIONE DEL DEBITORE (espromesso). -CONTRATTO BILATERALE O NEGOZIO UNILATERALE DEL TERZO ESPROMITTENTE (art co. 1) - RAPPORTO DI VALUTA (TITOLAZIONE) - ESPROMISSIONE CUMULATIVA - ESPROMISSIONE LIBERATORIA - ESPROMISSIONE TITOLATA: L ESPROMITTENTE PUÒ OPPORRE AL CREDITORE LE STESSE ECCEZIONI CHE AVREBBE POTUTO OPPORGLI IL DEBITORE ESPROMESSO (tranne quelle personali), LA COMPENSAZIONE E QUELLE DERIVANTI DA FATTI SUCCESSIVI ALL ESPROMISSIONE (art co. 3) L ESPROMITTENTE NON PUÒ OPPORRE AL CREDITORE LE ECCEZIONI RELATIVE AL SUO RAPPORTO CON IL DEBITORE ESPROMESSO, SE NON ESPRESSAMENTE PREVISTO (art co. 3) 16

9 ESPROMISSIONE (art. 1272) È UN CONTRATTO A STRUTTURA BILATERALE STIPULATO TRA CREDITORE E TERZO: 17 ACCOLLO (art. 1273) NOZIONE CONTRATTO CON CUI IL DEBITORE (accollato) E UN TERZO (accollante) CONVENGONO CHE QUESTI ASSUMA IL SUO DEBITO NEI CONFRONTI DEL CREDITORE (accollatario). L ACCOLLO HA STRUTTURA BILATERALE: 18

10 ACCOLLO (art. 1273) - ACCOLLO INTERNO - ACCOLLO ESTERNO - ACCOLLO CUMULATIVO - ACCOLLO LIBERATORIO o PRIVATIVO DICHIARAZIONE ESPRESSA CONDIZIONE DELL ACCOLLO - REGIME DELLE ECCEZIONI -GARANZIE 19 VICENDE ESTINTIVE L ESTINZIONE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO È DIVERSA DALL ESTINZIONE DEL CONTRATTO (fonte dell obbligazione). TIPI DI ESTINZIONE: - TOTALE o PARZIALE - SATISFATTORIA e NON SATISFATTORIA 20

11 L ADEMPIMENTO -NOZIONE: ESATTA ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE DOVUTA - REQUISITI: OGGETTIVI (esattezza) SOGGETTIVI (legittimazione e capacità del creditore) -EFFETTI: ESTINTIVO DELL OBBLIGAZIONE SOLUTORIO DEL CREDITO - NATURA: atto dovuto -CAPACITÀ: ATTIVITÀ MATERIALE ATTIVITÀ GIURIDICA 21 L ADEMPIMENTO -ESATTEZZA DELLA PRESTAZIONE (CORRETTEZZA, DILIGENZA: artt. 1175, 1176) QUANTITÀ (art. 1181) QUALITÀ (art co. 1) -PRESTAZIONE IN LUOGO DI ADEMPIMENTO (art. 1197) -L ADEMPIMENTO È FATTISPECIE ESTINTIVA DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO: È ATTO DOVUTO QUALIFICATO DALLA CAUSA SOLVENDI(NON RILEVA L INCAPACITA NATURALE O D AGIRE DEL DEBITORE: art. 1191) 22

12 L ADEMPIMENTO DISCIPLINA LEGALE DELL ADEMPIMENTO 1. SOGGETTI: a) SOGGETTI TENUTI AD ADEMPIERE DEBITORE, SUOI EREDI UNIVERSALI - ADEMPIMENTO DEL TERZO (art. 1180) b) DESTINATARI DEL PAGAMENTO (art co. 1) CREDITORE (DEVE ESSERE CAPACE: art. 1190) RAPPRESENTANTE LEGALE PERSONA INDICATA DAL CREDITORE O AUTORIZZATA DAL GIUDICE -PAGAMENTO A SOGGETTO NON LEGITTIMATO A RICEVERE LA PRESTAZIONE (art co. 2) - ADEMPIMENTO AL CREDITORE APPARENTE (art. 1189) 23 L ADEMPIMENTO DISCIPLINA LEGALE DELL ADEMPIMENTO 2. LUOGO DELL ADEMPIMENTO (art. 1182): -SI DESUME DAGLI USI NORMATIVI, DALLA NATURA DELLA PRESTAZIONE O DA ALTRE CIRCOSTANZE. SE NULLA è STATO DISPOSTO: (regole suppletive) a) CONSEGNA DI COSA CERTA E DETERMINATA: LUOGO IN CUI SI TROVA LA COSA AL MOMENTO DELLA NASCITA DELL OBBLIGAZIONE b) PAGAMENTO DI SOMMA DI DENARO: DOMICILIO DEL CREDITORE AL TEMPO DELLA SCADENZA c) ALTRI CASI: DOMICILIO DEL DEBITORE AL TEMPO DELLA SCADENZA 24

13 L ADEMPIMENTO 3. TEMPO DELL ADEMPIMENTO (artt ss.) a) TERMINE DI ADEMPIMENTO (art. 1184) INIZIALE E FINALE A FAVORE: DEL DEBITORE (presunzione) DEL CREDITORE DI ENTRAMBI (art co. 1) b) DECADENZA DAL BENEFICIO DEL TERMINE (art. 1186): INSOLVENZA E GARANZIE c) SE NON È FISSATO IL TERMINE: - PRESTAZIONE IMMEDIATAMENTE ESIGIBILE -SE IL TERMINE È NECESSARIO: VIENE FISSATO DAL GIUDICE (art. 1183) 25 L ADEMPIMENTO DISCIPLINA LEGALE DELL ADEMPIMENTO 4. IMPUTAZIONE DI PAGAMENTO (artt ss.): SPETTA AL DEBITORE TRANNE CHE PER INTERESSI SE NON VIENE DICHIARATO CRITERI EX art DIRITTO DEL DEBITORE ALLA QUIETANZA (art. 1199) 6. LIBERAZIONE DALLE GARANZIE (art. 1200) 26

14 L ADEMPIMENTO 7. MORA DEL CREDITORE (art ss.) - PER RIFIUTO ILLEGITTIMO DELLA PRESTAZIONE OFFERTA IN FORMA SOLENNE - PER MANCATA COOPERAZIONE ALL ADEMPIMENTO LA LIBERAZIONE COATTIVA DEL DEBITORE DERIVA DALLA PROCEDURA: a) COSTITUZIONE IN MORA CON OFFERTA FORMALE, OFFERTA REALE O PER INTIMAZIONE (artt s.) - EFFETTI DELLA COSTITUZIONE IN MORA (art. 1207): RISARCIMENTO DANNI PATITI DAL DEBITORE NON SONO DOVUTI GLI INTERESSI ED I FRUTTI PASSAGGIO DEL RISCHIO DELL IMPOSSIBILITÀ SOPRAVVENUTA b) DEPOSITO DEI BENI MOBILI (artt ss.) o NOMINA DI SEQUESTRATARIO PER IMMOBILI (art. 1216) LA LIBERAZIONE COATTIVA NON OPERA PER LE OBBLIGAZIONI DI FARE: COSTITUZIONE IN MORA SOLO CON L INTIMAZIONE A RICEVERE LA PRESTAZIONE (art. 1217) L OFFERTA NON FORMALE DEL DEBITORE EVITA SOLTANTO LA SUA 27 MORA (art. 1220) VICENDE ESTINTIVE MODI DI ESTINZIONE DELLE OBBLIGAZIONI DIVERSI DALL ADEMPIMENTO 1. COMPENSAZIONE: - RECIPROCITÀ DI CREDITI E DEBITI (artt ss.) - NON RILEVABILE D UFFICIO (art co. 1) - COMPENSAZIONE LEGALE (art co. 1) - REQUISITI: CREDITI OMOGENEI, LIQUIDI, ESIGIBILI - COMPENSAZIONE GIUDIZIALE (art co. 2) - REQUISITI: CREDITI OMOGENEI, ESIGIBILI, DI PRONTA E FACILE COMPENSAZIONE - COMPENSAZIONE VOLONTARIA (art. 1252) 28

15 VICENDE ESTINTIVE MODI DI ESTINZIONE DELLE OBBLIGAZIONI DIVERSI DALL ADEMPIMENTO 2. CONFUSIONE (art. 1253): -viene a mancare la struttura bilaterale del rapporto obbligatorio 3. NOVAZIONE OGGETTIVA -ELEMENTI: ANIMUS NOVANDI(art co. 2) MODIFICAZIONE DELL OGGETTO O DEL TITOLO (art co. 1) 4. REMISSIONE (art ss.): - negozio unilaterale recettizio 29 VICENDE ESTINTIVE MODI DI ESTINZIONE DELLE OBBLIGAZIONI DIVERSI DALL ADEMPIMENTO 5. IMPOSSIBILITÀ SOPRAVVENUTA DELLA PRESTAZIONE (art ss.) - REQUISITI DELL IMPOSSIBILITÀ: SOPRAVVENUTA ASSOLUTA TOTALE (v. art. 1258) DEFINITIVA (v. art. 1256) 30

16 1. ASSOLUTO: L INADEMPIMENTO - INATTUAZIONE DEFINITIVA DEL RAPPORTO - CRITERI DI IMPUTAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ DILIGENZA (art. 1176) CORRETTEZZA (BUONA FEDE: art. 1175) - IMPOSSIBILITÀ DELLA PRESTAZIONE (art. 1218) -OBBLIGAZIONI DI MEZZI e OBBLIGAZIONI DI RISULTATO: CRITICA DELLA DISTINZIONE - RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE (art. 1218) ALL INADEMPIMENTO ASSOLUTO SEGUE L OBBLIGO DI RISARCIRE IL DANNO (responsabilità per inadempimento) 31 L INADEMPIMENTO 2. RELATIVO: - SEMPLICE RITARDO: NON PRODUCE CONSEGUENZE TRANNE CHE PER LE OBBLIGAZIONI PECUNIARIE - RITARDO QUALIFICATO: «MORA» SI VERIFICA CON LA COSTITUZIONE IN MORA: a) «MORA EX PERSONA» - INTIMAZIONE AD ADEMPIERE FATTA PER ISCRITTO (art co. 1) b) «MORA EX RE»(AUTOMATICA) IN 4 CASI (art co. 2) - DEBITO DA FATTO ILLECITO - DICHIARAZIONE SCRITTA DEL DEBITORE DI NON VOLER ADEMPIERE -PRESTAZIONE DA ADEMPIERE AL DOMICILIO DEL CREDITORE (ES. OBBLIGAZIONE PECUNIARIA) -RITARDO DEI PAGAMENTI NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI (D.lgs. 231/2002) 32

17 L INADEMPIMENTO 2. RELATIVO (segue): - EFFETTI DELLA COSTITUZIONE IN MORA (art. 1221): a) PASSAGGIO DEL RISCHIO DI IMPOSSIBILITÀ SOPRAVVENUTA SUL DEBITORE (SALVO PROVA LIBERATORIA) b) INTERESSI MORATORI (OBBLIGAZIONI PECUNIARIE) (art. 1224) c) RISARCIMENTO DANNO DA RITARDO (artt e 1123) - INTERRUZIONE DEGLI EFFETTI DELLA MORA: OFFERTA NON FORMALE (art. 1220) + risarcimento dei danni -È POSSIBILE LA PURGAZIONE DEGLI EFFETTI DELLA MORA (ELIMINAZIONE EX NUNC) DOPO L ADEMPIMENTO TARDIVO (+ risarcimento dei danni) -PER LE OBBLIGAZIONI DI NON FARE: OGNI VIOLAZIONE COSTITUISCE INADEMPIMENTO DEFINITIVO (art. 1222) 33 L INADEMPIMENTO - RISARCIMENTO DEL DANNO (art. 1223) -IL DANNO DEVE ESSERE CONSEGUENZA IMMEDIATA E DIRETTA DELL INADEMPIMENTO E CONSISTE: DANNO EMERGENTE LUCRO CESSANTE - INADEMPIMENTO COLPOSO RISARCIMENTO DANNO PREVEDIBILE (art. 1225) - INADEMPIMENTO DOLOSO RISARCIMENTO DI TUTTI I DANNI (art. 1225) -CONCORSO DEL FATTO COLPOSO DEL CREDITORE (art. 1227) LIMITAZIONE DEL DANNO RISARCIBILE 34

18 L INADEMPIMENTO DEROGHE PATTIZIE ALLA RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE: a) DEROGHE AI CRITERI DI RESPONSABILITÀ - ASSUNZIONE DEL RISCHIO (AMPLIAMENTO) -CLAUSOLE DI ESONERO DELLA RESPONSABILITÀ (art. 1129) b) DEROGHE AI CRITERI DI DETERMINAZIONE DEL DANNO -CLAUSOLA PENALE (INADEMPIMENTO, RITARDO: artt ) - CAPARRA CONFIRMATORIA (INADEMPIMENTO: art. 1385) - CAPARRA PENITENZIALE (art. 1386) 35 RESPONSABILITÀ PATRIMONIALE DEL DEBITORE -ART. 2740: IL DEBITORE RISPONDE DELL ADEMPIMENTO DELLE OBBLIGAZIONI CON TUTTI I SUOI BENI PRESENTI E FUTURI -LA RESPONSABILITÀ PATRIMONIALE PRESUPPONE L INADEMPIMENTO SIA DELL ORIGINARIA OBBLIGAZIONE SIA DELL OBBLIGAZIONE RISARCITORIA 36

19 RESPONSABILITÀ PATRIMONIALE DEL DEBITORE ESECUZIONE FORZATA: TIPOLOGIE 1) ESECUZIONE FORZATA IN FORMA GENERICA -ESPERIBILE QUANDO LA SITUAZIONE CREDITORIA HA PER OGGETTO (ORIGINARIAMENTE O QUALE RISARCIMENTO) LA CONSEGNA DI UNA SOMMA DI DENARO -L ESECUZIONE FORZATA IN FORMA GENERICA È ATTUATIVA DELLA RESPONSABILITÀ PATRIMONIALE; SODDISFA L INTERESSE CREDITORIO SOLTANTO SE LA PRESTAZIONE ORIGINARIA INADEMPIUTA ERA PECUNIARIA 2) ESECUZIONE FORZATA IN FORMA SPECIFICA -ESPERIBILE QUANDO L INADEMPIMENTO RIGUARDA OBBLIGAZIONI DI DARE, DI FARE, DI NON FARE, DI CONTRARRE: ESECUZIONE FORZATA PER CONSEGNA O RILASCIO (artt e 605 ss. C.P.C.) ESECUZIONE FORZATA DEGLI OBBLIGHI DI FARE E DI NON FARE (artt. 2931, 2933 e 612 ss. C.P.C.) ESECUZIONE FORZATA DELL OBBLIGO DI CONTRARRE (art. 2932) -L ESECUZIONE FORZATA IN FORMA SPECIFICA È SEMPRE SATISFATTORIA DELL INTERESSE CREDITORIO: È STRUMENTO DI REALIZZAZIONE COATTIVA DEL CREDITO -PRINCIPIO DELLA PARITÀ DEI CREDITORI (art co. 1): TUTTI I CREDITORI HANNO EGUALE DIRITTO DI SODDISFARSI SUI BENI DEL DEBITORE - DIVIETO DEL PATTO COMMISSORIO (art. 2744) 37 RESPONSABILITÀ PATRIMONIALE DEL DEBITORE IL PRINCIPIO DELLA «PAR CONDICIO CREDITORUM» È DEROGATO DALLE CAUSE LEGITTIME DI PRELAZIONE (art co. 2) CAUSE LEGITTIME DI PRELAZIONE SONO: 1) PRIVILEGIO (artt e 2746) GENERALE (SU BENI MOBILI: artt e 2747 co. 1) SPECIALE (MOBILI E IMMOBILI: artt. 2746, 2747 co. 2, 2748) 2) PEGNO (artt ss.) 3) IPOTECA (artt ss.) MEZZI DI CONSERVAZIONE DELLA GARANZIA PATRIMONIALE DEL DEBITORE: 1 -LA GARANZIA GENERICA È IL PATRIMONIO (art. 2740) 2 -TALI MEZZI SONO: - AZIONE SURROGATORIA (2900) - AZIONE REVOCATORIA (2901 ss.) - SEQUESTRO CONSERVATIVO (2905 ss.) 38

20 SISTEMA DELLE «GARANZIE»: REALI 1. DIRITTI REALI DI GARANZIA: PEGNO E IPOTECA CARATTERI COMUNI -FUNZIONE DI GARANZIA SPECIFICA -REALITÀ - ACCESSORIETÀ - INDIVISIBILITÀ 39 SISTEMA DELLE «GARANZIE»: REALI a) PEGNO (MOBILI NON REGISTRATI, UNIVERSALITA DI MOBILI, CREDITI, DIRITTI SU MOBILI: artt ss.) SI COSTITUISCE CON CONTRATTO REALE (art co. 1) O ATTO UNILATERALE ACCESSORIETÀ INDIVISIBILITÀ (art. 2799) SPOSSESSAMENTO PRELAZIONE (art s.) LIMITATA FACOLTÀ DI GODIMENTO DEL CREDITORE PIGNORATIZIO (art. 2792) FACOLTÀ DI FARE PROPRI I FRUTTI (art. 2791) CONSERVAZIONE DELLA COSA (art. 2790) ASSEGNAZIONE DELLA COSA IN PAGAMENTO (art. 2798) ESTINZIONE DEL PEGNO 40

21 SISTEMA DELLE «GARANZIE»: REALI b) IPOTECA (IMMOBILI, MOBILI REGISTRATI, USUFRUTTO, SUPERFICIE, ENFITEUSI: art ss.) IN BASE AL TITOLO L IPOTECA SI DISTINGUE IN: VOLONTARIA (CONTRATTO, ATTO, 2821 SS.) LEGALE (2817) GIUDIZIALE (2818 SS.) -L IPOTECA SI COSTITUISCE CON L ISCRIZIONE (art ss.) - ORDINE DELLE IPOTECHE (art ss.) - PURGAZIONE DELLE IPOTECHE (art. 2858) - RIDUZIONE (art ss.) - DIRITTO DI SEGUITO - ESTINZIONE DELLE IPOTECHE (art ss.) 41 SISTEMA DELLE «GARANZIE»: PERSONALI 2. FIDEIUSSIONE (artt ss.) -FIDEIUSSIONE SOLIDALE (BENEFICIO D ORDINE: art co. 1) -FIDEIUSSIONE CON BENEFICIO DI ESCUSSIONE: art co. 2 -FIDEIUSSIONE PER OBBLIGAZIONI FUTURE O CONDIZIONALI, FIDEIUSSIONE «OMNIBUS»: art ACCESSORIETÀ FIDEIUSSORIA: artt. 1939, 1941, 1942, 1945, SURROGAZIONE (art. 1949) E REGRESSO DEL FIDEIUSSORE (artt e 1951) - ESTINZIONE DELLA FIDEIUSSIONE (artt ss.) 42

4. LE OBBLIGAZIONI 1

4. LE OBBLIGAZIONI 1 4. LE OBBLIGAZIONI 1 OBBLIGAZIONI Ad esse è dedicato il Libro IV Codice Civile artt. 1171-1320 cod. civ. strumento tecnicamente adottato al fine di semplificare la disciplina e dettare una disciplina unitaria

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione.

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. DIRITTO CIVILE Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. Come si definiscono le norme che regolano

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

Legge federale di complemento del Codice civile svizzero

Legge federale di complemento del Codice civile svizzero Legge federale di complemento del Codice civile svizzero (Libro quinto: Diritto delle obbligazioni) del 30 marzo 1911 (Stato 1 luglio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto i messaggi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

tra Artigiancassa S.p.A

tra Artigiancassa S.p.A Contratto "tipo" di finanziamento di quota di capitale di rischio di impresa italiana in impresa mista in paese in via di sviluppo, ai sensi dell'articolo 7 della legge 26.2.1987, n. 49 INDICE tra Artigiancassa

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) IL RAPPORTO GIURIDICO Il rapporto giuridico è una relazione tra due soggetti regolata dal diritto. corrisponde

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

DIRITTI DEL CREDITORE DI PIÙ' COOBBLIGATI IN SOLIDO DI CUI UNO O PIÙ' FALLITI

DIRITTI DEL CREDITORE DI PIÙ' COOBBLIGATI IN SOLIDO DI CUI UNO O PIÙ' FALLITI DIRITTI DEL CREDITORE DI PIÙ' COOBBLIGATI IN SOLIDO DI CUI UNO O PIÙ' FALLITI INDICE SOMMARIO 1. - Introduzione 2. - Solidarietà 3. - Solidarietà passiva 4. - Limiti della solidarietà 5. - Solidarietà

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

1. Introduzione La distinzione tra debiti di valuta e debiti di valore, priva di riscontro nella disciplina unitaria delle obbligazioni pecuniarie

1. Introduzione La distinzione tra debiti di valuta e debiti di valore, priva di riscontro nella disciplina unitaria delle obbligazioni pecuniarie 1. Introduzione La distinzione tra debiti di valuta e debiti di valore, priva di riscontro nella disciplina unitaria delle obbligazioni pecuniarie dettata dal codice civile, è frutto di una elaborazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge Destinazione Italia alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti Finance Law Alert GENNAIO 14 Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti In data 23 dicembre 2013, è stato pubblicato in G.U. n. 300 il

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento

La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento Studio n. 216-2014/C La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento Approvato dall Area Scientifica Studi Civilistici il 21 marzo 2014 Lo studio in sintesi (Abstract): Il presente studio si

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Commissione Protocolli. Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie

Commissione Protocolli. Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie Commissione Protocolli Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie In caso di contratti di finanziamento tra Istituti di Credito e soggetti qualificabili come "consumatori", il Notaio, pur in

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA La riscossione coattiva DOSSIER TEMATICO A cura di Sandra Amovilli - Responsabile Relazioni esterne Alessandro Zambonelli Responsabile Ufficio Audit Esterno Aggiornamento

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE 2015 Milano - Via Caldera, 21 - Telefono 02 7212.1 - Fax 02 7212.74 - www.compass.it - Capitale euro 0086450159; Iscritta all Albo degli Intermediari Finanziari e all Albo degli Istituti di Moneta Elettronica

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

L AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE NEI NUOVI FALLIMENTI

L AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE NEI NUOVI FALLIMENTI 3 L AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE NEI NUOVI FALLIMENTI (Prof. Sido Bonfatti) Parte Prima 1. Premessa. Effetti diretti ed indiretti della disciplina dell azione revocatoria fallimentare sul soddisfacimento

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

1 La successione. in pratica

1 La successione. in pratica in pratica Esempi di successione nei diritti si rinvengono nella vita quotidiana: pensa a chi acquista un bene da un altro soggetto o all erede che riceve per testamento i beni di una persona deceduta.

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto

Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto Le Guide per il Cittadino Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto di compravendita immobiliare Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Cittadinanzattiva Confconsumatori

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Rev. 2 del 05.11.2014 Sommario PARTE PRIMA Protesti e relativa cancellazione 4 1. Titoli di credito e protesti 5 1.1 Titoli di credito 5 1.2

Dettagli

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile Dott. ENZO ROVERE NOZIONE caratteristiche ed oggetto La compravendita è il contratto con il quale una parte (detta venditore) trasferisce

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Fascicolo informativo Aedifica Assicura Polizza Fideiussoria per la Tutela dei Diritti Patrimoniali degli Acquirenti di Immobili da costruire. L. 210 del 02.08.2004/D.LGS.122 del 20.06.2005 Il presente

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli