Istituzioni di diritto privato corso L -Z

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituzioni di diritto privato corso L -Z"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Istituzioni di diritto privato corso L -Z anno accademico 2010/2011 secondo semestre - seconda parte SCHEMI LEZIONI 4 Prof. Avv. Laura Cavandoli CLASSIFICAZIONE DELLE OBBLIGAZIONI 1. IN BASE ALL OGGETTO: a) OBBLIGAZIONE CUMULATIVA b) OBBLIGAZIONE ALTERNATIVA (artt ss.): SCELTA DEL DEBITORE SCELTA DEL CREDITORE SCELTA DEL TERZO c) OBBLIGAZIONE FACOLTATIVA d) OBBLIGAZIONI PECUNIARIE (artt ss., D.lgs. 231/2007) DI VALORE DI VALUTA INDICIZZATE INTERESSI (artt ss.) e) OBBLIGAZIONI FUNGIBILI E INFUNGIBILI f) OBBLIGAZIONI DIVISIBILI E INDIVISIBILI (artt ss.) 2

2 CLASSIFICAZIONE DELLE OBBLIGAZIONI 2. IN BASE AI SOGGETTI TITOLARI: a) OBBLIGAZIONI SOLIDALI (artt ss.) PASSIVE ATTIVE b) OBBLIGAZIONI PARZIARIE PASSIVE ATTIVE c) OBBLIGAZIONI COLLETTIVE PASSIVE ATTIVE 3 VICENDE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO 1. VICENDE COSTITUTIVE 2. VICENDE MODIFICATIVE A) SUCCESSIONE NEL CREDITO - SURROGAZIONE PER PAGAMENTO - CESSIONE DEL CREDITO B) SUCCESSIONE NEL DEBITO - DELEGAZIONE - ESPROMISSIONE -ACCOLLO 3. VICENDE ESTINTIVE A) MODI SATISFATTORI - ADEMPIMENTO - COMPENSAZIONE - CONFUSIONE B) MODI NON SATISFATTORI -NOVAZIONE - REMISSIONE - IMPOSSIBILITÀ SOPRAVVENUTA DELLA PRESTAZIONE C) INADEMPIMENTO 4

3 VICENDE COSTITUTIVE LE VICENDE COSTITUTIVE RIGUARDANO LA NASCITA DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO SONO FONTI DELLE OBBLIGAZIONI (art. 1173): 1) CONTRATTO (artt ss.) 2) ATTO ILLECITO (art ss.) 3) «OGNI ALTRO ATTO O FATTO IDONEO A PRODURLE IN CONFORMITÀ DELL ORDINAMENTO GIURIDICO», AD ESEMPIO: TITOLI DI CREDITO (artt ss.) PROMESSE UNILATERALI (artt ss.) GESTIONE DI AFFARI ALTRUI (artt ss.) PAGAMENTO DELL INDEBITO (art. 2033) ARRICCHIMENTO SENZA CAUSA (artt ss.) IL SISTEMA DELLE FONTI DELLE OBBLIGAZIONI È APERTO 5 VICENDE MODIFICATIVE NOZIONE: LE VICENDE MODIFICATIVE CONSISTONO IN MODIFICAZIONI ACCESSORIE DEL REGOLAMENTO DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO (art. 1231), OSSIA CHE NON INCIDONO SUI SUOI ELEMENTI CARATTERIZZANTI (OGGETTO E TITOLO: art. 1230) LE VICENDE MODIFICATIVE POSSONO INCIDERE: 1) SULLE MODALITÀ DELLA PRESTAZIONE (art. 1231) 2) SULLA TITOLARITÀ ATTIVA E PASSIVA DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO (MODIFICAZIONI SOGGETTIVE: art. 1235) 6

4 VICENDE MODIFICATIVE A) SUCCESSIONE NEL CREDITO (=NELLA TITOLARITÀ ATTIVA): I. SURROGAZIONE PER PAGAMENTO -SURROGAZIONE PER VOLONTÀ DEL CREDITORE (art. 1201) -SURROGAZIONE PER VOLONTÀ DEL DEBITORE (art. 1202) - SURROGAZIONE LEGALE (art. 1203) 7 VICENDE MODIFICATIVE A) SUCCESSIONE NEL CREDITO: II. CESSIONE DEL CREDITO (artt ss.) NOZIONE CON LA CESSIONE IL CREDITORE ORIGINARIO (CEDENTE) TRASFERISCE AD ALTRI (CESSIONARIO) IL DIRITTO DI PRETENDERE LA PRESTAZIONE DAL DEBITORE (CEDUTO) SECONDO LA FONTE: - CESSIONE NEGOZIALE DEL CREDITO - CESSIONE LEGALE - CESSIONE GIUDIZIALE STRUTTURA - CONTRATTO BILATERALE - CONTRATTO TRILATERALE - NEGOZIO UNILATERALE TIPI DI CESSIONE - CESSIONE A TITOLO ONEROSO (VENDITA DEL CREDITO) - CESSIONE A TITOLO GRATUITO (DONAZIONE DI CREDITO) - CESSIONE SOLUTORIA (art. 1198) - CESSIONE A SCOPO DI GARANZIA 8

5 VICENDE MODIFICATIVE INCEDIBILITÀ DEI CREDITI: -PER LEGGE (art co. 1) + NULLITÀ ex art PER CONVENZIONE (art co. 2): IL PATTO D INCEDIBILITÀ NON È OPPONIBILE, SALVO CHE IL CESSIONARIO NE SIA A CONOSCENZA AL MOMENTO DELLA CESSIONE GARANZIE - IL CEDENTE GARANTISCE L ESISTENZA DEL CREDITO (art. 1266) -IL CEDENTE PUÒ GARANTIRE LA SOLVIBILITÀ DEL DEBITORE CEDUTO SOLO CON APPOSITO PATTO (art. 1267) -LA CESSIONE è EFFICACE NEI CONFRONTI DEL CEDUTO SE È A LUI NOTIFICATA, DA LUI ACCETTATA O CONOSCIUTA (art. 1264) -LA NOTIFICAZIONE O L ACCETTAZIONE RENDONO LA CESSIONE OPPONIBILE AI TERZI (art. 1265) ECCEZIONI -IL CEDUTO PUÒ OPPORRE AL CESSIONARIO LE ECCEZIONI DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO CHE LO LEGAVANO AL CEDENTE - ECCEZIONE DI COMPENSAZIONE (art. 1248): È OPPONIBILE AL CESSIONARIO PER I CREDITI SORTI PRIMA DELLA NOTIFICA È INOPPONIBILE AL CESSIONARIO SE - IL CEDUTO HA ACCETTATO SENZA RISERVE LA CESSIONE -IL CREDITO DEL CEDUTO è SORTO DOPO LA NOTIFICA 9 VICENDE MODIFICATIVE A) SUCCESSIONE NEL CREDITO, NELLA TITOLARITÀ ATTIVA: III. FACTORING (legge 52/1991): CESSIONE DEI CREDITI DI IMPRESA Normativa speciale che si applica se: a) il cedente è un imprenditore b) i crediti ceduti sorgono da contratti stipulati dal cedente nell'esercizio dell'impresa; c) il cessionario è una banca o un intermediario finanziario disciplinato dal TU 385/1993 in materia bancaria e creditizia, il cui oggetto sociale preveda l'esercizio dell'attività di acquisto di crediti d'impresa 10

6 VICENDE MODIFICATIVE B) SUCCESSIONE NEL DEBITO: -VICENDA MODIFICATIVA DELLA TITOLARITÀ PASSIVA DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO -LA SUCCESSIONE A TITOLO PARTICOLARE È ASSUNZIONE DI DEBITO ALTRUI -PER IL CREDITORE NON È INDIFFERENTE LA PERSONA DEL DEBITORE IN RAGIONE DELLE QUALITÀ PERSONALI E DELLA RESPONSABILITÀ PATRIMONIALE, PERTANTO L ASSUNZIONE DEL DEBITO E LA LIBERAZIONE DEL DEBITORE ORIGINARIO NECESSITANO DEL CONSENSO DEL CREDITORE -LA LIBERAZIONE DEL DEBITORE ORIGINARIO ESTINGUE LE GARANZIE ANNESSE, SALVO CHE IL GARANTE CONSENTA IL MANTENIMENTO - ASSUNZIONE «EX LEGE» O NEGOZIALE 11 DELEGAZIONE (art ss.) NOZIONE UN SOGGETTO DEBITORE (delegante) FA ASSUMERE UN OBBLIGO DA UN ALTRO SOGGETTO (delegato) A FAVORE DI UN TERZO SOGGETTO CREDITORE (delegatario) RAPPORTI SOTTOSTANTI - RAPPORTO DI VALUTA: IL DELEGANTE È DEBITORE DEL DELEGATARIO - RAPPORTO DI PROVVISTA: IL DELEGANTE È CREDITORE DEL DELEGATO STRUTTURA DOPPIA AUTORIZZAZIONE ASSUNZIONE DEL DEBITO 12

7 DELEGAZIONE (art ss.) LA DELEGAZIONE DI DEBITO HA STRUTTURA TRILATERALE: 13 DELEGAZIONE (art ss.) TIPOLOGIE DI DELEGAZIONE 1 - DELEGAZIONE DI DEBITO o «PROMITTENDI»: QUANDO IL DEBITORE (delegante) ASSEGNA AL CREDITORE (delegatario) UN NUOVO DEBITORE (delegato) CHE SI OBBLIGA A PAGARE (art. 1268) - DELEGAZIONE «PURA» E «TITOLATA» REGIME DELLE ECCEZIONI (art. 1271) DEROGABILITÀ E «TITOLAZIONE» -DELEGAZIONE CUMULATIVA e LIBERATORIA (art. 1268) 14

8 DELEGAZIONE (art ss.) TIPOLOGIE DI DELEGAZIONE 2 -DELEGAZIONE DI PAGAMENTO O «SOLVENDI»: QUANDO IL DEBITORE (delegante) INVITA IL TERZO (delegato) A PAGARE AL CREDITORE (delegatario) UN DEBITO CHE HA VERSO DI LUI (art. 1269): DOPPIA DELEGA CON FUNZIONE IMMEDIATAMENTE SOLUTORIA - DELEGAZIONE «PURA» E «TITOLATA»: Ripetibilità del pagamento 15 ESPROMISSIONE (art. 1272) NOZIONE: -UN SOGGETTO (espromittente) ESTRANEO AL RAPPORTO OBBLIGATORIO ASSUME SPONTANEAMENTE NEI CONFRONTI DEL CREDITORE (espromissario) L OBBLIGAZIONE DEL DEBITORE (espromesso). -CONTRATTO BILATERALE O NEGOZIO UNILATERALE DEL TERZO ESPROMITTENTE (art co. 1) - RAPPORTO DI VALUTA (TITOLAZIONE) - ESPROMISSIONE CUMULATIVA - ESPROMISSIONE LIBERATORIA - ESPROMISSIONE TITOLATA: L ESPROMITTENTE PUÒ OPPORRE AL CREDITORE LE STESSE ECCEZIONI CHE AVREBBE POTUTO OPPORGLI IL DEBITORE ESPROMESSO (tranne quelle personali), LA COMPENSAZIONE E QUELLE DERIVANTI DA FATTI SUCCESSIVI ALL ESPROMISSIONE (art co. 3) L ESPROMITTENTE NON PUÒ OPPORRE AL CREDITORE LE ECCEZIONI RELATIVE AL SUO RAPPORTO CON IL DEBITORE ESPROMESSO, SE NON ESPRESSAMENTE PREVISTO (art co. 3) 16

9 ESPROMISSIONE (art. 1272) È UN CONTRATTO A STRUTTURA BILATERALE STIPULATO TRA CREDITORE E TERZO: 17 ACCOLLO (art. 1273) NOZIONE CONTRATTO CON CUI IL DEBITORE (accollato) E UN TERZO (accollante) CONVENGONO CHE QUESTI ASSUMA IL SUO DEBITO NEI CONFRONTI DEL CREDITORE (accollatario). L ACCOLLO HA STRUTTURA BILATERALE: 18

10 ACCOLLO (art. 1273) - ACCOLLO INTERNO - ACCOLLO ESTERNO - ACCOLLO CUMULATIVO - ACCOLLO LIBERATORIO o PRIVATIVO DICHIARAZIONE ESPRESSA CONDIZIONE DELL ACCOLLO - REGIME DELLE ECCEZIONI -GARANZIE 19 VICENDE ESTINTIVE L ESTINZIONE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO È DIVERSA DALL ESTINZIONE DEL CONTRATTO (fonte dell obbligazione). TIPI DI ESTINZIONE: - TOTALE o PARZIALE - SATISFATTORIA e NON SATISFATTORIA 20

11 L ADEMPIMENTO -NOZIONE: ESATTA ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE DOVUTA - REQUISITI: OGGETTIVI (esattezza) SOGGETTIVI (legittimazione e capacità del creditore) -EFFETTI: ESTINTIVO DELL OBBLIGAZIONE SOLUTORIO DEL CREDITO - NATURA: atto dovuto -CAPACITÀ: ATTIVITÀ MATERIALE ATTIVITÀ GIURIDICA 21 L ADEMPIMENTO -ESATTEZZA DELLA PRESTAZIONE (CORRETTEZZA, DILIGENZA: artt. 1175, 1176) QUANTITÀ (art. 1181) QUALITÀ (art co. 1) -PRESTAZIONE IN LUOGO DI ADEMPIMENTO (art. 1197) -L ADEMPIMENTO È FATTISPECIE ESTINTIVA DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO: È ATTO DOVUTO QUALIFICATO DALLA CAUSA SOLVENDI(NON RILEVA L INCAPACITA NATURALE O D AGIRE DEL DEBITORE: art. 1191) 22

12 L ADEMPIMENTO DISCIPLINA LEGALE DELL ADEMPIMENTO 1. SOGGETTI: a) SOGGETTI TENUTI AD ADEMPIERE DEBITORE, SUOI EREDI UNIVERSALI - ADEMPIMENTO DEL TERZO (art. 1180) b) DESTINATARI DEL PAGAMENTO (art co. 1) CREDITORE (DEVE ESSERE CAPACE: art. 1190) RAPPRESENTANTE LEGALE PERSONA INDICATA DAL CREDITORE O AUTORIZZATA DAL GIUDICE -PAGAMENTO A SOGGETTO NON LEGITTIMATO A RICEVERE LA PRESTAZIONE (art co. 2) - ADEMPIMENTO AL CREDITORE APPARENTE (art. 1189) 23 L ADEMPIMENTO DISCIPLINA LEGALE DELL ADEMPIMENTO 2. LUOGO DELL ADEMPIMENTO (art. 1182): -SI DESUME DAGLI USI NORMATIVI, DALLA NATURA DELLA PRESTAZIONE O DA ALTRE CIRCOSTANZE. SE NULLA è STATO DISPOSTO: (regole suppletive) a) CONSEGNA DI COSA CERTA E DETERMINATA: LUOGO IN CUI SI TROVA LA COSA AL MOMENTO DELLA NASCITA DELL OBBLIGAZIONE b) PAGAMENTO DI SOMMA DI DENARO: DOMICILIO DEL CREDITORE AL TEMPO DELLA SCADENZA c) ALTRI CASI: DOMICILIO DEL DEBITORE AL TEMPO DELLA SCADENZA 24

13 L ADEMPIMENTO 3. TEMPO DELL ADEMPIMENTO (artt ss.) a) TERMINE DI ADEMPIMENTO (art. 1184) INIZIALE E FINALE A FAVORE: DEL DEBITORE (presunzione) DEL CREDITORE DI ENTRAMBI (art co. 1) b) DECADENZA DAL BENEFICIO DEL TERMINE (art. 1186): INSOLVENZA E GARANZIE c) SE NON È FISSATO IL TERMINE: - PRESTAZIONE IMMEDIATAMENTE ESIGIBILE -SE IL TERMINE È NECESSARIO: VIENE FISSATO DAL GIUDICE (art. 1183) 25 L ADEMPIMENTO DISCIPLINA LEGALE DELL ADEMPIMENTO 4. IMPUTAZIONE DI PAGAMENTO (artt ss.): SPETTA AL DEBITORE TRANNE CHE PER INTERESSI SE NON VIENE DICHIARATO CRITERI EX art DIRITTO DEL DEBITORE ALLA QUIETANZA (art. 1199) 6. LIBERAZIONE DALLE GARANZIE (art. 1200) 26

14 L ADEMPIMENTO 7. MORA DEL CREDITORE (art ss.) - PER RIFIUTO ILLEGITTIMO DELLA PRESTAZIONE OFFERTA IN FORMA SOLENNE - PER MANCATA COOPERAZIONE ALL ADEMPIMENTO LA LIBERAZIONE COATTIVA DEL DEBITORE DERIVA DALLA PROCEDURA: a) COSTITUZIONE IN MORA CON OFFERTA FORMALE, OFFERTA REALE O PER INTIMAZIONE (artt s.) - EFFETTI DELLA COSTITUZIONE IN MORA (art. 1207): RISARCIMENTO DANNI PATITI DAL DEBITORE NON SONO DOVUTI GLI INTERESSI ED I FRUTTI PASSAGGIO DEL RISCHIO DELL IMPOSSIBILITÀ SOPRAVVENUTA b) DEPOSITO DEI BENI MOBILI (artt ss.) o NOMINA DI SEQUESTRATARIO PER IMMOBILI (art. 1216) LA LIBERAZIONE COATTIVA NON OPERA PER LE OBBLIGAZIONI DI FARE: COSTITUZIONE IN MORA SOLO CON L INTIMAZIONE A RICEVERE LA PRESTAZIONE (art. 1217) L OFFERTA NON FORMALE DEL DEBITORE EVITA SOLTANTO LA SUA 27 MORA (art. 1220) VICENDE ESTINTIVE MODI DI ESTINZIONE DELLE OBBLIGAZIONI DIVERSI DALL ADEMPIMENTO 1. COMPENSAZIONE: - RECIPROCITÀ DI CREDITI E DEBITI (artt ss.) - NON RILEVABILE D UFFICIO (art co. 1) - COMPENSAZIONE LEGALE (art co. 1) - REQUISITI: CREDITI OMOGENEI, LIQUIDI, ESIGIBILI - COMPENSAZIONE GIUDIZIALE (art co. 2) - REQUISITI: CREDITI OMOGENEI, ESIGIBILI, DI PRONTA E FACILE COMPENSAZIONE - COMPENSAZIONE VOLONTARIA (art. 1252) 28

15 VICENDE ESTINTIVE MODI DI ESTINZIONE DELLE OBBLIGAZIONI DIVERSI DALL ADEMPIMENTO 2. CONFUSIONE (art. 1253): -viene a mancare la struttura bilaterale del rapporto obbligatorio 3. NOVAZIONE OGGETTIVA -ELEMENTI: ANIMUS NOVANDI(art co. 2) MODIFICAZIONE DELL OGGETTO O DEL TITOLO (art co. 1) 4. REMISSIONE (art ss.): - negozio unilaterale recettizio 29 VICENDE ESTINTIVE MODI DI ESTINZIONE DELLE OBBLIGAZIONI DIVERSI DALL ADEMPIMENTO 5. IMPOSSIBILITÀ SOPRAVVENUTA DELLA PRESTAZIONE (art ss.) - REQUISITI DELL IMPOSSIBILITÀ: SOPRAVVENUTA ASSOLUTA TOTALE (v. art. 1258) DEFINITIVA (v. art. 1256) 30

16 1. ASSOLUTO: L INADEMPIMENTO - INATTUAZIONE DEFINITIVA DEL RAPPORTO - CRITERI DI IMPUTAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ DILIGENZA (art. 1176) CORRETTEZZA (BUONA FEDE: art. 1175) - IMPOSSIBILITÀ DELLA PRESTAZIONE (art. 1218) -OBBLIGAZIONI DI MEZZI e OBBLIGAZIONI DI RISULTATO: CRITICA DELLA DISTINZIONE - RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE (art. 1218) ALL INADEMPIMENTO ASSOLUTO SEGUE L OBBLIGO DI RISARCIRE IL DANNO (responsabilità per inadempimento) 31 L INADEMPIMENTO 2. RELATIVO: - SEMPLICE RITARDO: NON PRODUCE CONSEGUENZE TRANNE CHE PER LE OBBLIGAZIONI PECUNIARIE - RITARDO QUALIFICATO: «MORA» SI VERIFICA CON LA COSTITUZIONE IN MORA: a) «MORA EX PERSONA» - INTIMAZIONE AD ADEMPIERE FATTA PER ISCRITTO (art co. 1) b) «MORA EX RE»(AUTOMATICA) IN 4 CASI (art co. 2) - DEBITO DA FATTO ILLECITO - DICHIARAZIONE SCRITTA DEL DEBITORE DI NON VOLER ADEMPIERE -PRESTAZIONE DA ADEMPIERE AL DOMICILIO DEL CREDITORE (ES. OBBLIGAZIONE PECUNIARIA) -RITARDO DEI PAGAMENTI NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI (D.lgs. 231/2002) 32

17 L INADEMPIMENTO 2. RELATIVO (segue): - EFFETTI DELLA COSTITUZIONE IN MORA (art. 1221): a) PASSAGGIO DEL RISCHIO DI IMPOSSIBILITÀ SOPRAVVENUTA SUL DEBITORE (SALVO PROVA LIBERATORIA) b) INTERESSI MORATORI (OBBLIGAZIONI PECUNIARIE) (art. 1224) c) RISARCIMENTO DANNO DA RITARDO (artt e 1123) - INTERRUZIONE DEGLI EFFETTI DELLA MORA: OFFERTA NON FORMALE (art. 1220) + risarcimento dei danni -È POSSIBILE LA PURGAZIONE DEGLI EFFETTI DELLA MORA (ELIMINAZIONE EX NUNC) DOPO L ADEMPIMENTO TARDIVO (+ risarcimento dei danni) -PER LE OBBLIGAZIONI DI NON FARE: OGNI VIOLAZIONE COSTITUISCE INADEMPIMENTO DEFINITIVO (art. 1222) 33 L INADEMPIMENTO - RISARCIMENTO DEL DANNO (art. 1223) -IL DANNO DEVE ESSERE CONSEGUENZA IMMEDIATA E DIRETTA DELL INADEMPIMENTO E CONSISTE: DANNO EMERGENTE LUCRO CESSANTE - INADEMPIMENTO COLPOSO RISARCIMENTO DANNO PREVEDIBILE (art. 1225) - INADEMPIMENTO DOLOSO RISARCIMENTO DI TUTTI I DANNI (art. 1225) -CONCORSO DEL FATTO COLPOSO DEL CREDITORE (art. 1227) LIMITAZIONE DEL DANNO RISARCIBILE 34

18 L INADEMPIMENTO DEROGHE PATTIZIE ALLA RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE: a) DEROGHE AI CRITERI DI RESPONSABILITÀ - ASSUNZIONE DEL RISCHIO (AMPLIAMENTO) -CLAUSOLE DI ESONERO DELLA RESPONSABILITÀ (art. 1129) b) DEROGHE AI CRITERI DI DETERMINAZIONE DEL DANNO -CLAUSOLA PENALE (INADEMPIMENTO, RITARDO: artt ) - CAPARRA CONFIRMATORIA (INADEMPIMENTO: art. 1385) - CAPARRA PENITENZIALE (art. 1386) 35 RESPONSABILITÀ PATRIMONIALE DEL DEBITORE -ART. 2740: IL DEBITORE RISPONDE DELL ADEMPIMENTO DELLE OBBLIGAZIONI CON TUTTI I SUOI BENI PRESENTI E FUTURI -LA RESPONSABILITÀ PATRIMONIALE PRESUPPONE L INADEMPIMENTO SIA DELL ORIGINARIA OBBLIGAZIONE SIA DELL OBBLIGAZIONE RISARCITORIA 36

19 RESPONSABILITÀ PATRIMONIALE DEL DEBITORE ESECUZIONE FORZATA: TIPOLOGIE 1) ESECUZIONE FORZATA IN FORMA GENERICA -ESPERIBILE QUANDO LA SITUAZIONE CREDITORIA HA PER OGGETTO (ORIGINARIAMENTE O QUALE RISARCIMENTO) LA CONSEGNA DI UNA SOMMA DI DENARO -L ESECUZIONE FORZATA IN FORMA GENERICA È ATTUATIVA DELLA RESPONSABILITÀ PATRIMONIALE; SODDISFA L INTERESSE CREDITORIO SOLTANTO SE LA PRESTAZIONE ORIGINARIA INADEMPIUTA ERA PECUNIARIA 2) ESECUZIONE FORZATA IN FORMA SPECIFICA -ESPERIBILE QUANDO L INADEMPIMENTO RIGUARDA OBBLIGAZIONI DI DARE, DI FARE, DI NON FARE, DI CONTRARRE: ESECUZIONE FORZATA PER CONSEGNA O RILASCIO (artt e 605 ss. C.P.C.) ESECUZIONE FORZATA DEGLI OBBLIGHI DI FARE E DI NON FARE (artt. 2931, 2933 e 612 ss. C.P.C.) ESECUZIONE FORZATA DELL OBBLIGO DI CONTRARRE (art. 2932) -L ESECUZIONE FORZATA IN FORMA SPECIFICA È SEMPRE SATISFATTORIA DELL INTERESSE CREDITORIO: È STRUMENTO DI REALIZZAZIONE COATTIVA DEL CREDITO -PRINCIPIO DELLA PARITÀ DEI CREDITORI (art co. 1): TUTTI I CREDITORI HANNO EGUALE DIRITTO DI SODDISFARSI SUI BENI DEL DEBITORE - DIVIETO DEL PATTO COMMISSORIO (art. 2744) 37 RESPONSABILITÀ PATRIMONIALE DEL DEBITORE IL PRINCIPIO DELLA «PAR CONDICIO CREDITORUM» È DEROGATO DALLE CAUSE LEGITTIME DI PRELAZIONE (art co. 2) CAUSE LEGITTIME DI PRELAZIONE SONO: 1) PRIVILEGIO (artt e 2746) GENERALE (SU BENI MOBILI: artt e 2747 co. 1) SPECIALE (MOBILI E IMMOBILI: artt. 2746, 2747 co. 2, 2748) 2) PEGNO (artt ss.) 3) IPOTECA (artt ss.) MEZZI DI CONSERVAZIONE DELLA GARANZIA PATRIMONIALE DEL DEBITORE: 1 -LA GARANZIA GENERICA È IL PATRIMONIO (art. 2740) 2 -TALI MEZZI SONO: - AZIONE SURROGATORIA (2900) - AZIONE REVOCATORIA (2901 ss.) - SEQUESTRO CONSERVATIVO (2905 ss.) 38

20 SISTEMA DELLE «GARANZIE»: REALI 1. DIRITTI REALI DI GARANZIA: PEGNO E IPOTECA CARATTERI COMUNI -FUNZIONE DI GARANZIA SPECIFICA -REALITÀ - ACCESSORIETÀ - INDIVISIBILITÀ 39 SISTEMA DELLE «GARANZIE»: REALI a) PEGNO (MOBILI NON REGISTRATI, UNIVERSALITA DI MOBILI, CREDITI, DIRITTI SU MOBILI: artt ss.) SI COSTITUISCE CON CONTRATTO REALE (art co. 1) O ATTO UNILATERALE ACCESSORIETÀ INDIVISIBILITÀ (art. 2799) SPOSSESSAMENTO PRELAZIONE (art s.) LIMITATA FACOLTÀ DI GODIMENTO DEL CREDITORE PIGNORATIZIO (art. 2792) FACOLTÀ DI FARE PROPRI I FRUTTI (art. 2791) CONSERVAZIONE DELLA COSA (art. 2790) ASSEGNAZIONE DELLA COSA IN PAGAMENTO (art. 2798) ESTINZIONE DEL PEGNO 40

21 SISTEMA DELLE «GARANZIE»: REALI b) IPOTECA (IMMOBILI, MOBILI REGISTRATI, USUFRUTTO, SUPERFICIE, ENFITEUSI: art ss.) IN BASE AL TITOLO L IPOTECA SI DISTINGUE IN: VOLONTARIA (CONTRATTO, ATTO, 2821 SS.) LEGALE (2817) GIUDIZIALE (2818 SS.) -L IPOTECA SI COSTITUISCE CON L ISCRIZIONE (art ss.) - ORDINE DELLE IPOTECHE (art ss.) - PURGAZIONE DELLE IPOTECHE (art. 2858) - RIDUZIONE (art ss.) - DIRITTO DI SEGUITO - ESTINZIONE DELLE IPOTECHE (art ss.) 41 SISTEMA DELLE «GARANZIE»: PERSONALI 2. FIDEIUSSIONE (artt ss.) -FIDEIUSSIONE SOLIDALE (BENEFICIO D ORDINE: art co. 1) -FIDEIUSSIONE CON BENEFICIO DI ESCUSSIONE: art co. 2 -FIDEIUSSIONE PER OBBLIGAZIONI FUTURE O CONDIZIONALI, FIDEIUSSIONE «OMNIBUS»: art ACCESSORIETÀ FIDEIUSSORIA: artt. 1939, 1941, 1942, 1945, SURROGAZIONE (art. 1949) E REGRESSO DEL FIDEIUSSORE (artt e 1951) - ESTINZIONE DELLA FIDEIUSSIONE (artt ss.) 42

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO.

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. 1 MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. Fenomeni di mutamento della titolarità delle situazioni giuridiche soggettive facenti capo al rapporto obbligatorio: sub-ingresso di un soggetto nell

Dettagli

Parte Prima LE OBBLIGAZIONI

Parte Prima LE OBBLIGAZIONI INDICE SOMMARIO Parte Prima LE OBBLIGAZIONI Capitolo I Le obbligazioni 1. La nozione di obbligazione.... 3 2. Le obbligazioni naturali.... 8 3. Complementarità e complessità delle posizioni... 10 4. La

Dettagli

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO Prof. Raffaele Tuccillo Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia Pubblicità La PUBBLICITÀ è il sistema predisposto dal legislatore per

Dettagli

DIRITTO PRIVATO. Parte Quarta Obbligazioni CESSIONE DEL CREDITO DELEGAZIONE ESPROMISSIONE ACCOLLO. SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO

DIRITTO PRIVATO. Parte Quarta Obbligazioni CESSIONE DEL CREDITO DELEGAZIONE ESPROMISSIONE ACCOLLO. SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO VINCENZO FRANCESCHELLI SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO - ad uso degli studenti vietata la riproduzione- (Avvertenza- Gli schemi costituiscono una traccia delle lezioni svolte. Possono servire per un

Dettagli

4. LE OBBLIGAZIONI 1

4. LE OBBLIGAZIONI 1 4. LE OBBLIGAZIONI 1 OBBLIGAZIONI Ad esse è dedicato il Libro IV Codice Civile artt. 1171-1320 cod. civ. strumento tecnicamente adottato al fine di semplificare la disciplina e dettare una disciplina unitaria

Dettagli

3ª E R.I.M Programmi svolti di Diritto e Relazioni Internazionali Insegnante Prof.ssa Grazia Urbini Anno scolastico 2014-2015

3ª E R.I.M Programmi svolti di Diritto e Relazioni Internazionali Insegnante Prof.ssa Grazia Urbini Anno scolastico 2014-2015 3ª E R.I.M Programmi svolti di Diritto e Relazioni Internazionali Insegnante Prof.ssa Grazia Urbini Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO DI DIRITTO TEORIA GENERALE DEL DIRITTO Le norme giuridiche.

Dettagli

Capitolo 8 Le obbligazioni

Capitolo 8 Le obbligazioni Capitolo 8 Le obbligazioni 1. Le obbligazioni in generale; 2. Fonti delle obbligazioni; 3. I soggetti dell'obbligazione; 4. La prestazione; 4.a) La patrimonialità della prestazione; 5. I vari tipi di obbligazione

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni delle Riviste e delle Enciclopedie... Pag. XI. Capitolo I LA FIDEIUSSIONE IN GENERALE

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni delle Riviste e delle Enciclopedie... Pag. XI. Capitolo I LA FIDEIUSSIONE IN GENERALE Abbreviazioni delle Riviste e delle Enciclopedie... Pag. XI Capitolo I LA FIDEIUSSIONE IN GENERALE 1. La garanzia personale nel diritto romano... Pag. 1 2. Il Codice napoleonico e la codificazione italiana

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima LA CESSIONE DEL CREDITO di Giovanni Finazzi

INDICE SOMMARIO. Parte Prima LA CESSIONE DEL CREDITO di Giovanni Finazzi Parte Prima LA CESSIONE DEL CREDITO di Giovanni Finazzi Capitolo Primo LA CESSIONE DI CREDITO E LA SUCCESSIONE DEL CESSIONARIO NEL DIRITTO CEDUTO 1. La cessione del credito nella sistematica del codice

Dettagli

INDICE SOMMARIO. I avvertenza... Pag. V II avvertenza...» VII. Parte I ASPETTI GENERALI E PROFILI GESTIONALI DEL RECUPERO CREDITI

INDICE SOMMARIO. I avvertenza... Pag. V II avvertenza...» VII. Parte I ASPETTI GENERALI E PROFILI GESTIONALI DEL RECUPERO CREDITI I avvertenza... Pag. V II avvertenza...» VII Parte I ASPETTI GENERALI E PROFILI GESTIONALI DEL RECUPERO CREDITI LE GENERALITÀ 1. Analisi del credito... Pag. 3 2. Psicologia del recupero...» 4 3. Individuazione

Dettagli

Istituzioni di Diritto Privato II. Indice. 1 Le modificazioni soggettive in generale -------------------------------------------------------------- 3

Istituzioni di Diritto Privato II. Indice. 1 Le modificazioni soggettive in generale -------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO II LEZIONE II LE MODIFICAZIONI DELL OBBLIGAZIONE PROF. GIOVANNI SABBATO Indice 1 Le modificazioni soggettive in generale --------------------------------------------------------------

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIRITTO CIVILE CLASSE 3 INDIRIZZO AFM UdA n. 1 Titolo: INTRODUZIONE AL DIRITTO CIVILE Conoscere il diverso ambito di applicazione del diritto pubblico e nel diritto privato. Distinguere il diritto soggettivo

Dettagli

Istituzioni di Diritto Privato II. Indice. 1 L adempimento dell obbligazione --------------------------------------------------------------------- 4

Istituzioni di Diritto Privato II. Indice. 1 L adempimento dell obbligazione --------------------------------------------------------------------- 4 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO II LEZIONE IV ADEMPIMENTO, RESPONSABILITÀ E GARANZIE PROF. GIOVANNI SABBATO Indice 1 L adempimento dell obbligazione ---------------------------------------------------------------------

Dettagli

a cura di VANESSA PESENTI

a cura di VANESSA PESENTI ! a cura di VANESSA PESENTI! ! INDICE Parte Prima: INTRODUZIONE Capitolo I: L ORDINAMENTO GIURIDICO 1. Le parole del diritto.... 13 2. Prescrizioni, regole, norme.... 14 3. L idea di fonti del diritto....

Dettagli

D. Situazioni di credito e di debito.

D. Situazioni di credito e di debito. D. Situazioni di credito e di debito. a. Struttura e caratteri dell obbligazione 42. Situazioni reali e di credito: per un diritto comune delle situazioni patrimoniali. La distinzione tra situazioni reali

Dettagli

OBBLIGAZIONI. Docenti collaboratori: Prof. Ugo Carnevali, notai Ruben Israel, Stefano Rampolla, Fabio Pantè PRESENTAZIONE

OBBLIGAZIONI. Docenti collaboratori: Prof. Ugo Carnevali, notai Ruben Israel, Stefano Rampolla, Fabio Pantè PRESENTAZIONE OBBLIGAZIONI Responsabile: notaio Amedeo Venditti Docenti collaboratori: Prof. Ugo Carnevali, notai Ruben Israel, Stefano Rampolla, Fabio Pantè PRESENTAZIONE Il corso delle obbligazioni in generale è dedicato

Dettagli

CREDITO. Il mutuo è un contratto: a) atipico. b) tipico. c) apparente.

CREDITO. Il mutuo è un contratto: a) atipico. b) tipico. c) apparente. CREDITO Il mutuo è: a) un rapporto col quale una parte consegna all altra una determinata quantità di denaro o di altre cose fungibili e l altra si appresta a restituire altrettante cose della stessa specie

Dettagli

INDICE SOMMARIO DEL CODICE CIVILE. Titolo Preliminare Disposizioni generali. Capo 1. Sezione 1

INDICE SOMMARIO DEL CODICE CIVILE. Titolo Preliminare Disposizioni generali. Capo 1. Sezione 1 Le Leggi e la loro applicazione INDICE SOMMARIO DEL CODICE CIVILE Titolo Preliminare Disposizioni generali La legge e il diritto Applicazione delle leggi Conflitto di leggi nel tempo Conflitto di leggi

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012

Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012 Università Commerciale Luigi Bocconi 27 Novembre 2012 1 Indice CESSIONE PRO SOLUTO E PRO SOLVENDO: VANTAGGI E CRITICITA La causa del negozio: cessione a titolo oneroso, cessione solutoria, cessione a scopo

Dettagli

elaborando diritto civile Test d ingresso

elaborando diritto civile Test d ingresso elaborando diritto civile Test d ingresso Percorso A I fondamenti del diritto Lezione 2 La norma giuridica a) Scegli la lettera cui corrisponde la risposta esatta: 1 Funzione dell ordinamento giuridico

Dettagli

IL FACTORING. essenzialmente un servizio di gestione crediti, il cui importo sarà accreditato al cliente solo dopo la data di scadenza degli stessi.

IL FACTORING. essenzialmente un servizio di gestione crediti, il cui importo sarà accreditato al cliente solo dopo la data di scadenza degli stessi. IL FACTORING Il factoring è il contratto per mezzo del quale un soggetto, detto factor, acquista da un impresa, che accorda dilazioni di pagamento alla sua clientela, la globalità o una parte dei suoi

Dettagli

elaborando diritto commerciale Test d ingresso

elaborando diritto commerciale Test d ingresso elaborando diritto commerciale Test d ingresso Percorso A Il diritto commerciale Lezione 1 Nascita ed evoluzione storica del diritto commerciale a) Scegli la lettera cui corrisponde la risposta esatta:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA. Diritto dei Mercati Finanziari prof. Luca Di Nella

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA. Diritto dei Mercati Finanziari prof. Luca Di Nella UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Diritto dei Mercati Finanziari prof. Luca Di Nella anno accademico 2013/2014 Il mutuo e le garanzie SCHEMI Lezione avv. Laura Cavandoli 1 CONTRATTO

Dettagli

PROGRAMMA CORSO ESAME AVVOCATO Diritto Civile

PROGRAMMA CORSO ESAME AVVOCATO Diritto Civile PROGRAMMA CORSO ESAME AVVOCATO Diritto Civile Lezione 1 - Introduzione 1.1. Il metodo del corso 1.2. Tecniche di redazione di un parere 1.3. Struttura e logica argomentativa 1.4. Differenze tra trovare

Dettagli

LIBRO QUARTO DELLE OBBLIGAZIONI

LIBRO QUARTO DELLE OBBLIGAZIONI LIBRO QUARTO DELLE OBBLIGAZIONI TITOLO I DELLE OBBLIGAZIONI IN GENERALE CAPO I Disposizioni preliminari Art. 1173 Fonti delle obbligazioni Le obbligazioni derivano da contratto, da fatto illecito, o da

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING)

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) GARANZIE Informazioni sulla società di leasing HYPO VORARLBERG LEASING S.p.A. è un intermediario finanziario con sede in: 39100 Bolzano

Dettagli

La divisione ereditaria

La divisione ereditaria La divisione ereditaria La divisione ereditaria è diretta a far cessare lo stato di comunione sui beni della massa ereditaria tra tutti i soggetti che partecipano alla comunione; ha natura dichiarativa

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 DIRITTO E NORMA

INDICE SOMMARIO. Parte prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 DIRITTO E NORMA INDICE SOMMARIO Parte prima INTRODUZIONE Capitolo 1 DIRITTO E NORMA 1. Premessa... pag. 1 2. Significato corrente di «diritto»...» 2 3. Prescrizioni e regole...» 3 4. Le regole di diritto...» 7 5. L ordinamento

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

CORSO PROFORM DI PREPARAZIONE AL CONCORSO PER

CORSO PROFORM DI PREPARAZIONE AL CONCORSO PER Il corso, rivolto ad avvocati, praticanti avvocati e specializzati presso le Scuole di Specializzazione per le Professioni Forensi, si articolerà in appuntamenti di approfondimento teorico ed in esercitazioni

Dettagli

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29 INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. La successione a causa di morte............... 1 2. Fondamento della successione a causa di morte. Successione testamentaria e successione legittima.....................

Dettagli

CAPITOLATO CONTRATTO DI MUTUO RILASCIATO DI IW BANK S.P.A

CAPITOLATO CONTRATTO DI MUTUO RILASCIATO DI IW BANK S.P.A CAPITOLATO CONTRATTO DI MUTUO RILASCIATO DI IW BANK S.P.A Parte Prima Articolo1- Definizioni Nel presente CAPITOLATO: con il temine Finanziamento è indicata l operazione creditizia che si è perfezionata

Dettagli

CAPITOLO 2 La mediazione, la proposta di acquisto e l accettazione

CAPITOLO 2 La mediazione, la proposta di acquisto e l accettazione SOMMARIO CAPITOLO 1 - Le trattative precontrattuali 1. Fase preparatoria 1.1. Gli atti prodromici 1.2. Il recesso dalle trattative 2. L oggetto delle trattative 2.1. Dovere di informazione e pubblicità

Dettagli

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI.

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. 1 LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. Art. 1372 c.c.: forza vincolante del contratto. Contenuto: autonomia privata + fonti di integrazione: legge (anche buona fede), usi ed equità,

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

TOMO I PARTE PRIMA PROFILI STORICI, COSTITUZIONALI, COMUNITARI E COMPARATI

TOMO I PARTE PRIMA PROFILI STORICI, COSTITUZIONALI, COMUNITARI E COMPARATI INDICE TOMO I PARTE PRIMA PROFILI STORICI, COSTITUZIONALI, COMUNITARI E COMPARATI Capitolo I IL VIAGGIO DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO ATTRAVERSO LE CIVILTÀ NEL RAFFRONTO TRA PAESI A DIRITTO CODIFICATO E SISTEMI

Dettagli

Considerazioni in ordine alla fideiussione a prima richiesta

Considerazioni in ordine alla fideiussione a prima richiesta Considerazioni in ordine alla fideiussione a prima richiesta SOMMARIO: 1. Premessa. 2. La fideiussione: caratteri distintivi. 3. Il contratto autonomo di garanzia. 4. La clausola a prima richiesta. 5.

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero I, aprile/giugno 2014 LA CASSAZIONE SU ACCOLLO INTERNO ED ESTERNO Umberto Stefini LA CASSAZIONE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) GARANZIE

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) GARANZIE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) GARANZIE Informazioni sulla società di leasing HYPO VORARLBERG LEASING S.p.A. è un intermediario finanziario. Sede legale: 39100 Bolzano

Dettagli

Indicare il procedimento speciale richiesto nonché l oggetto della domanda di merito

Indicare il procedimento speciale richiesto nonché l oggetto della domanda di merito Indicare il procedimento speciale richiesto nonché l oggetto della domanda di merito RUOLO DEI PROCEDIMENTI SPECIALI SOMMARI 0.10.001 PROCEDIMENTO DI INGIUNZIONE ANTE CAUSAM (PROCEDIMENTI CAUTELARI ANTE

Dettagli

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933 TITOLI DI CREDITO - Nominativi (es azioni di società) Trasferimento mediante doppia annotazione (o doppio transfert) Del nome del nuovo possessore sia sul titolo sia sul registro dell emittente (es libro

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 FOGLIO INFORMATIVO Mod.01/07 MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 Sezione 1 - Informazioni sull Intermediario finanziario Denominazione

Dettagli

Elenco dei codici oggetto per l'iscrizione a ruolo delle cause civili

Elenco dei codici oggetto per l'iscrizione a ruolo delle cause civili TRIBUNALE DI BERGAMO Elenco dei codici oggetto per l'iscrizione a ruolo delle cause civili Stato della persona e diritti della personalità Tabella R1 1.10.001 Interdizione 1.10.002 Inabilitazione 1.10.011

Dettagli

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo:

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo: LEASING - NOZIONE > è il contratto con il quale una parte (concedente) concede all altra (utilizzatore) il godimento di un bene mobile o immobile, per un tempo determinato, verso corrispettivo rateale

Dettagli

Le vicende della quota nelle società personali

Le vicende della quota nelle società personali Le vicende della quota nelle società personali A causa dell INTUITUS PERSONAE, nelle società di persone le variazioni nella composizione soggettiva della compagine sociale sono apprezzate come vere e proprie

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni delle Riviste e delle Enciclopedie... Premessa... PARTE I GARANZIE REALI

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni delle Riviste e delle Enciclopedie... Premessa... PARTE I GARANZIE REALI Abbreviazioni delle Riviste e delle Enciclopedie... Premessa... Pag. XXIII» XXIX PARTE I GARANZIE REALI CAPITOLO I IL PEGNO di Antonio Ivan Natali 1. Introduzione... Pag. 3 2. Modalità costitutive del

Dettagli

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese 4. L azienda e la concorrenza tra le imprese Di cosa parleremo L azienda rappresenta il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Di essa, pertanto, fanno parte sia

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA PRINCIPALI GARANZIE PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE Versione del 01/01/2014 DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento della Banca d Italia del 29.07.2009)

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013 MONETARI entità e natura Gli interessi sono prestazioni pecuniarie accessorie, cioè che si aggiungono ad

Dettagli

INDICE SOMMARIO TITOLO III DEI SINGOLI CONTRATTI. Capo I DELLA VENDITA Sezione I Disposizioni generali

INDICE SOMMARIO TITOLO III DEI SINGOLI CONTRATTI. Capo I DELLA VENDITA Sezione I Disposizioni generali INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXVII TITOLO III DEI SINGOLI CONTRATTI Capo I DELLA VENDITA Sezione I Disposizioni generali Art. 1470. Nozione...

Dettagli

Indice PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE. Capitolo I Cenni generali sulla pubblicità. 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità...

Indice PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE. Capitolo I Cenni generali sulla pubblicità. 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità... PARTE PRIMA LA TRASCRIZIONE Cenni generali sulla pubblicità 1.1. Nozione e concetti generali... 3 1.2. Tipi di pubblicità... 4 I Principi generali e natura della trascrizione 2.1. Nozione e cenni storici....

Dettagli

D. Promesse unilaterali e titoli di credito.

D. Promesse unilaterali e titoli di credito. D. Promesse unilaterali e titoli di credito. a. Promesse unilaterali. 150. Tipicità o atipicità delle promesse unilaterali. La disciplina degli atti e dei fatti diversi dal contratto comprende: le promesse

Dettagli

SUDDIVISIONE DELLE MATERIE PER SEZIONE:

SUDDIVISIONE DELLE MATERIE PER SEZIONE: TRIBUNALE DI SUDDIVISIONE DELLE MATERIE PER SEZIONE: UFFICIO PRESIDENZA (Istruzione preventiva) 0.12.001 Prova testimoniale e/o Accertamento tecnico preventivo SEZIONE PRIMA: 40.033 Spedizione -Trasporto

Dettagli

Condizioni commerciali generali (AGB)

Condizioni commerciali generali (AGB) Condizioni commerciali generali (AGB) della Knauf AMF GmbH & Co. KG per forniture e prestazioni (01/2014) (1) Campo d applicazione (1.1) Tutte le nostre offerte, accettazioni di ordini e/o tutte le forniture

Dettagli

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione Introduzione Parte I Il contratto di leasing 1 Premessa... 15 2 Il leasing nelle sue diverse forme... 16 3 Il leasing operativo e le sue principali caratteristiche... 17 4 Limiti soggettivi per le società

Dettagli

TRIBUNALE DI FR SINON E ORDINE DI SERVIZIO IN DATA 1/12/08 ALLEGATO A Criteri di suddivisione delle materie tra i gruppi del settore civile

TRIBUNALE DI FR SINON E ORDINE DI SERVIZIO IN DATA 1/12/08 ALLEGATO A Criteri di suddivisione delle materie tra i gruppi del settore civile TRIBUNALE DI FR SINON E ORDINE DI SERVIZIO IN DATA 1/12/08 ALLEGATO A Criteri di suddivisione delle materie tra i gruppi del settore civile PRIMO GRUPPO Contratti atipici _1.43.101 Cessione di azienda

Dettagli

La fase o procedura stragiudiziale. La fase o procedura giudiziale. La Costituzione in mora Gli effetti della costituzione in mora

La fase o procedura stragiudiziale. La fase o procedura giudiziale. La Costituzione in mora Gli effetti della costituzione in mora La fase o procedura stragiudiziale La Costituzione in mora Gli effetti della costituzione in mora La fase o procedura giudiziale Ricorso per ingiunzione Cos è il decreto ingiuntivo Le condizioni per la

Dettagli

La compensazione «impropria» (o «atecnica»)

La compensazione «impropria» (o «atecnica») La compensazione «impropria» (o «atecnica») Quesito n. 37 Tizio, ex agente della compagnia di assicurazioni Alfa, chiede ed ottiene in giudizio la condanna della predetta compagnia al pagamento, in suo

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE REGOLE PER IL RECUPERO DEI CREDITI A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Azioni civili a Singapore Ai fini della proposizione dell atto di citazione devono sussistere i seguenti requisiti: a)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO - Operazioni di acquisto crediti d'impresa -

FOGLIO INFORMATIVO - Operazioni di acquisto crediti d'impresa - FOGLIO INFORMATIVO - Operazioni di acquisto crediti d'impresa - Il Foglio Informativo contiene informazioni sull'intermediario, sulle condizioni e sulle principali caratteristiche dell'operazione o del

Dettagli

Cessione, pignoramento e sequestro dei crediti di lavoro

Cessione, pignoramento e sequestro dei crediti di lavoro Cessione, pignoramento e sequestro dei crediti di lavoro Assolombarda 27 Settembre 2007 Area relazioni Industriali e affari Sociali Tiziana Cardone Argomenti trattati Le somme oggetto della cessione (retribuzione,

Dettagli

Roberto Calvo CONTRATTI E MERCATO. G. Giappichelli Editore - Torino

Roberto Calvo CONTRATTI E MERCATO. G. Giappichelli Editore - Torino Roberto Calvo CONTRATTI E MERCATO G. Giappichelli Editore - Torino INDICE PARTE PRIMA I CONTRATTI DI SCAMBIO DI BENI E SERVIZI CAPITOLO I LA COMPRAVENDITA Sezione I - L'EFFETTO TRASLATIVO 3 1. La derogabilità

Dettagli

Convegno su Debiti pecuniari e modalità di pagamento. Associazione Nazionale Forense Verona, 3 giugno 2010

Convegno su Debiti pecuniari e modalità di pagamento. Associazione Nazionale Forense Verona, 3 giugno 2010 Convegno su Debiti pecuniari e modalità di pagamento Associazione Nazionale Forense Verona, 3 giugno 2010 Mezzi di pagamento alternativi e solutorietà Prof. Avv. Matteo De Poli Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

INDICE - SOMMARIO I. PREMESSA

INDICE - SOMMARIO I. PREMESSA INDICE - SOMMARIO I. PREMESSA 1. Revisione della normativa in materia di credito fondiario, edilizio e alle opere pubbliche, nell ambito della riforma in materia bancaria e creditizia. Impostazione e contenuti

Dettagli

Mariagrazia GALATI. TRACCE di PARERI. con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE

Mariagrazia GALATI. TRACCE di PARERI. con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE Mariagrazia GALATI TRACCE di PARERI con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE SOMMARIO Premessa V SEZIONE I - I SOGGETTI DI DIRITTO PARTE PRIMA TRACCIA 1 L amministrazione di sostegno. Inquadramento

Dettagli

FINANZIAMENTO A MEDIO-LUNGO TERMINE PRESTITO ARTIGIANCASSA

FINANZIAMENTO A MEDIO-LUNGO TERMINE PRESTITO ARTIGIANCASSA Finanziamento a medio-lungo termine ai sensi degli artt. 10 e 38 del D. Lgs. 1 settembre 1993, n. 385 eventualmente agevolato ai sensi della legge 25 luglio 1952. n. 949 e/o di altre leggi agevolative

Dettagli

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE VII LE AZIONI PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 NOZIONI E CARATTERI. --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CORTE DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA 17 marzo 2015, n. 5193 A cura di TAMARA BONFANTI

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CORTE DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA 17 marzo 2015, n. 5193 A cura di TAMARA BONFANTI NOTA A CORTE DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA 17 marzo 2015, n. 5193 A cura di TAMARA BONFANTI La fideiussione plurima e le spese legali sostenute dal creditore per escutere l altro fideiussore

Dettagli

A P P R O F O N D I M E N T O

A P P R O F O N D I M E N T O A P P R O F O N D I M E N T O IL CONTRATTO DI COMODATO NOZIONE Il legislatore definisce il comodato come il contratto con cui una parte (c.d. comodante) consegna all altra (c.d. comodatario) una cosa mobile

Dettagli

GE Commercial Finance Business Finance

GE Commercial Finance Business Finance TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (D. Lgs n. 385/1993) a norma della Deliberazione del Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio del 4 marzo 2003 relativa alla

Dettagli

D.L. 12 settembre 204 n. 132 convertito in Legge 10 novembre 2014 n. 162 ( in vigore dall 11 novembre 2014)

D.L. 12 settembre 204 n. 132 convertito in Legge 10 novembre 2014 n. 162 ( in vigore dall 11 novembre 2014) Il ruolo del Notaio D.L. 12 settembre 204 n. 132 convertito in Legge 10 novembre 2014 n. 162 ( in vigore dall 11 novembre 2014) Art. 2 : CONVENZIONE DI NEGOZIAZIONE ASSISTITA È l accordo mediante il quale

Dettagli

DOTT. STEFANO DELLA BELLA

DOTT. STEFANO DELLA BELLA Lecco, lì ventisette luglio duemilanove, ore 17.00 Ordine Dottori Commercialisti ed EC di Lecco Commissione Studi Societari Presidente dott. Diego Bolis Cessione e Conferimento d azienda Relatori: dott.

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

Foglio informativo n. 2204. OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO

Foglio informativo n. 2204. OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO Foglio informativo n. 2204. OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121 Milano Numero

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO NEI CONTRATTI COMMERCIALI

GLI EFFETTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO NEI CONTRATTI COMMERCIALI GLI EFFETTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO NEI CONTRATTI COMMERCIALI A cura di Walter Strozzieri Strozzieri & Associati La riforma delle procedure concorsuali ha ridisegnato gli effetti della

Dettagli

GLIEFFETTIDELLA SENTENZA DICHIARATIVA DIFALLIMENTO NEICONFRONTIDEICREDITORI

GLIEFFETTIDELLA SENTENZA DICHIARATIVA DIFALLIMENTO NEICONFRONTIDEICREDITORI RACCOLTA SISTEMATICA DIGIURISPRUDENZACOMMENTATA 45 Fondata da MARIO ROTOMDI Diretta da GIULIO LEVI LAURA BONACINA GLIEFFETTIDELLA SENTENZA DICHIARATIVA DIFALLIMENTO NEICONFRONTIDEICREDITORI MILANO - DOTT.

Dettagli

GUIDA AL MUTUO. Cos'è un mutuo? Chi può ottenere un mutuo? Quali criteri adottano le banche per concedere un mutuo? Quanti tipi di mutuo esistono?

GUIDA AL MUTUO. Cos'è un mutuo? Chi può ottenere un mutuo? Quali criteri adottano le banche per concedere un mutuo? Quanti tipi di mutuo esistono? GUIDA AL MUTUO Ecco una semplice guida a tutte le domande più importanti riguardanti il tema del Mutuo. Troverete inoltre numerosi link a risorse online che potranno aiutarvi nella scelta del vostro mutuo

Dettagli

I contratti di finanziamento: Il Factoring

I contratti di finanziamento: Il Factoring I contratti di finanziamento: Il Factoring Definizione,fonti e disciplina del rapporto pagina 1 Aspetti definitori Il Factoring E un contratto atipico (socialmente tipico) nato per soddisfare una specifica

Dettagli

7. IL FACTORING GLOSSARIO 4 APPROFONDIMENTI 8 NORMATIVA 9

7. IL FACTORING GLOSSARIO 4 APPROFONDIMENTI 8 NORMATIVA 9 7. IL FACTORING 1 GLOSSARIO 4 APPROFONDIMENTI 8 NORMATIVA 9 7. IL FACTORING Al termine del capitolo sarai in grado di descrivere il factoring. 7.1 Caratteristiche generali del factoring Il factoring è

Dettagli

Art. 2901 - Condizioni

Art. 2901 - Condizioni Art. 2901 - Condizioni [I]. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio

Dettagli

PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA E TUTELA DEGLI ACQUIRENTI DI IMMOBILI DA COSTRUIRE

PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA E TUTELA DEGLI ACQUIRENTI DI IMMOBILI DA COSTRUIRE PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA E TUTELA DEGLI ACQUIRENTI DI IMMOBILI DA COSTRUIRE Il D.Lgs. n. 122/2005 ha introdotto una serie di novità normative a tutela degli acquirenti di immobili da costruire nel

Dettagli

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO 1. Definizioni Nell ambito delle presenti Condizioni di Finanziamento, ciascuno dei seguenti termini, quando viene scritto con l iniziale maiuscola, sia al singolare che al

Dettagli

MANUALE FIDEIUSSIONI

MANUALE FIDEIUSSIONI MANUALE FIDEIUSSIONI INDICE PMI & CORPORATE 1. Fideiussioni pag. 05 2. Glossario pag. 1 0 3. Articoli del codice civile pag. 1 3 MANUALE FIDEIUSSIONI 03 FIDEIUSSIONI UNA GARANZIA IN PIÙ AL TUO CAPITALE

Dettagli

LEZIONE 30 ottobre 2013

LEZIONE 30 ottobre 2013 1 LEZIONE 30 ottobre 2013 FACTORING NOZIONE > è il contratto in forza del quale il factor (cessionario), solitamente un impresa, si impegna ad acquistare da un imprenditore, per un certo periodo (cedente

Dettagli

DISPENSA IN TEMA DI: LA RESPONSABILITA CIVILE (Appunti per aree semantiche)

DISPENSA IN TEMA DI: LA RESPONSABILITA CIVILE (Appunti per aree semantiche) 17 DISPENSA IN TEMA DI: LA RESPONSABILITA CIVILE (Appunti per aree semantiche) Fatto giuridico È qualsiasi evento, naturale o umano, produttivo di conseguenze giuridiche. Esso in particolare costituisce,

Dettagli

Capacità di succedere. Indegnità a succedere. Rappresentazione.

Capacità di succedere. Indegnità a succedere. Rappresentazione. Calendario Corso 2011 mercoledì 16 marzo diritti reali Notaio Trimarchi : La proprietà ed i suoi limiti, la cubatura, la perequazione urbanistica, le convenzioni urbanistiche e gli asservimenti, il regime

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Foglio informativo n. 2/10 Data ultimo aggiornamento: Febbraio 2010

FOGLIO INFORMATIVO. Foglio informativo n. 2/10 Data ultimo aggiornamento: Febbraio 2010 IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE SU ORIGINALE AUT. AGENZIA DELLE ENTRATE UFFICIO DI BORGOMANERO N. 1/2006 DEL 07/06/2006 FOGLIO INFORMATIVO Foglio informativo n. 2/10 Data ultimo aggiornamento:

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Circolare Informativa n. 10 n. 52 del del 1512 dicembre 2012 Tutela contro i ritardi nei pagamenti delle transazioni commerciali - Nuova disciplina INDICE 1 Premessa... 2 2

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 L OPERATIVITAv DI CREDITO FONDIARIO: PROFILI STORICI E LEGISLATIVI. Capitolo 2 LE OPERAZIONI DI CREDITO FONDIARIO

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 L OPERATIVITAv DI CREDITO FONDIARIO: PROFILI STORICI E LEGISLATIVI. Capitolo 2 LE OPERAZIONI DI CREDITO FONDIARIO INDICE SOMMARIO Introduzione... Elenco delle principali abbreviazioni... XIII XV Capitolo 1 L OPERATIVITAv DI CREDITO FONDIARIO: PROFILI STORICI E LEGISLATIVI 1.1. Evoluzione storica del credito fondiario...

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO EUROPEO STANDARDIZZATO

PROSPETTO INFORMATIVO EUROPEO STANDARDIZZATO PROSPETTO INFORMATIVO EUROPEO STANDARDIZZATO Sezione 1 INFORMAZIONI GENERALI Istituto erogante il mutuo Eventuale intermediario Banca Woolwich Via Pantano, 13 20122 Milano 1. Scopi per i quali la somma

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009)

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009) SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI Unionfidi Piemonte Società Cooperativa di garanzie collettiva fidi è un confidi intermediario finanziario vigilato iscritto, con provvedimento della Banca d Italia

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B.

FOGLIO INFORMATIVO. Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B. FOGLIO INFORMATIVO Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 11 e segg. T.U.B. CONTRATTO DI INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica:

Dettagli

2. Cessione della retribuzione Risposta quesito a)

2. Cessione della retribuzione Risposta quesito a) PARERE n. 2 Oggetto: a) eventuale obbligo della società Tizia, in qualità di datore di lavoro, di concedere o meno ad un proprio dipendente la possibilità di ottenere un prestito da un ente finanziatore

Dettagli

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE XIV GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------

Dettagli