In alcuni paesi la riflessione se, a 40 anni di distanza, i presupposti di quel modello siano ancora validi, è iniziata da tempo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In alcuni paesi la riflessione se, a 40 anni di distanza, i presupposti di quel modello siano ancora validi, è iniziata da tempo."

Transcript

1 Intervento di Mario Draghi, Presidente della BCE alla Giornata in ricordo di Federico Caffè organizzata dalla Facoltà di Economia e il Dipartimento di Economia e Diritto dell Università La Sapienza, Roma, 24 Maggio 2012 Considerazioni introduttive Un maestro, dice Eco, insegna che ciascuno deve diventare qualcosa di personale e di diverso. [1] Il Professor Federico Caffè, pur con una visione coerente e radicate convinzioni, fu un maestro. Ai suoi allievi ha insegnato a pensare con la propria testa, non ha trasmesso un credo vincolante. Ha aiutato i suoi studenti scienziati dell economia, pensatori, servitori dello Stato e delle Istituzioni, cittadini consapevoli a scoprire se stessi. Partirò dal tema senza dubbio più caro a Caffè, quello del welfare. Nulla probabilmente nel suo patrimonio di idee è più attuale di questa sua dolente protesta. Non si può, diceva, accettare l idea che una intera generazione di giovani debba considerare di essere nata in anni sbagliati e debba subire come fatto ineluttabile il suo stato di precarietà occupazionale. [2] Il lavoro: una questione europea Il pieno impiego non è soltanto un mezzo per accrescere la produzione, è un fine in sé, poiché porta al superamento dell atteggiamento servile di chi stenta a procurarsi un opportunità di lavoro o ha il continuo timore di esserne privato. In altri termini, i vantaggi di una situazione di pieno impiego vanno considerati anche e soprattutto sul piano della dignità umana. Queste parole di Caffè non sorprendono chi lo ha conosciuto e chi ne ha letto le opere. Esprimono un ispirazione fondamentale della sua vita, professionale e civile: è un dovere della politica economica agire affinché l economia possa avvicinarsi quanto più possibile alla piena occupazione. Pochi anni dopo, nel 1975, precisava: L obiettivo della dignità del lavoro per tutti non è peraltro compatibile né con situazioni di privilegio, divenute oggi esplosive, né con l eccessivo garantismo sindacale e previdenziale, che si traduce in un inaridimento delle occasioni di lavoro. La questione che qui Caffè solleva è l equità. La ritroviamo oggi: la crisi internazionale ha colpito tutti, ma i giovani in modo particolare. Nell UE, tra il 2007 e il 2011 il tasso di disoccupazione è aumentato di 5,8 punti percentuali nella classe di età 15-24, di 3,5 punti nella classe e di 1,8 punti nella classe Qualitativamente il profilo è simile quasi ovunque; l eccezione significativa è la Germania, dove il tasso di disoccupazione fra i giovani tra i 15 e i 24 anni nel primo trimestre del 2012 era dell 8 per cento; in Italia era del 34,2 per cento, in Spagna del 50,7 per cento e nell area dell euro in media del 21,9 per cento. Questi andamenti riflettono una questione di fondo: confermano la particolare vulnerabilità di questa componente essenziale delle nostre forze di lavoro. La iniqua distribuzione del peso della flessibilità solo sui giovani, una eterna flessibilità senza speranza di stabilizzazione, porta tra l altro le imprese a non investire nei giovani il cui capitale umano spesso si deteriora in impieghi di scarso valore aggiunto. Il sottoutilizzo delle risorse dei giovani riduce in vari modi la crescita: abbassa la probabilità di nascita di nuove imprese, mediamente più innovative delle altre, determina a lungo andare il decadimento del capitale umano, frenando l assimilazione del progresso tecnico e l efficienza dei processi di produzione. Oltre a ferire l equità, costituisce uno spreco che non possiamo permetterci. Credo sia imperativo chiedersi in che misura la politica economica condotta nei vari paesi membri abbia fatto il suo dovere nel senso voluto da Caffé. Il progresso sociale è uno degli obiettivi di fondo del processo di integrazione europea: L'Unione si adopera per lo sviluppo sostenibile dell'europa, basato su una crescita economica equilibrata e sulla stabilità dei prezzi, su un'economia sociale di mercato fortemente competitiva, che mira alla piena occupazione e al progresso sociale L'Unione combatte l'esclusione sociale e le discriminazioni e promuove la giustizia e la protezione sociali, la parità

2 tra donne e uomini, la solidarietà tra le generazioni e la tutela dei diritti del minore (Costituzione europea, Art. I-3). Il welfare non è solo un rimedio al fallimento dei mercati assicurativi, ma anche uno strumento per promuovere in sé l inclusione, la solidarietà, l equità. Nel trentennio che segue la fine della guerra (il cosiddetto Golden Age ), caratterizzato soprattutto in Europa da elevati tassi di crescita, dall utilizzo di tecnologie standardizzate avanzate, da occupazione in forte crescita, da rapporti di lavoro stabili nell arco della vita, il welfare è venuto configurandosi, con tempi e intensità diversi a seconda dei paesi, come un sistema integrato che protegge i cittadini dai principali rischi. Il modello europeo redistribuisce molte più risorse a fini sociali rispetto ai sistemi statunitensi e giapponesi: alla vigilia della crisi la somma delle spese per le pensioni, per il sostegno ai disoccupati, per l infanzia e le famiglie era, in rapporto al PIL, più che doppia rispetto a questi ultimi. Esso si declina variamente al suo interno quanto a composizione delle politiche sociali e grado di protezione del lavoro. In Italia, a fronte di un incidenza della spesa sociale complessiva sul PIL in linea con quella europea, quella di sostegno ai disoccupati alle famiglie, in particolare quelle a rischio di povertà, si colloca su livelli pari a meno della metà rispetto a quelli europei, mentre la spesa pensionistica è su valori nettamente superiori. La debolezza degli ammortizzatori sociali si accompagna con una protezione relativamente elevata del posto di lavoro, al costo di una protezione più labile del lavoratore e della persona, contrariamente a quanto avviene nei modelli nordici dove la cosiddetta flexsecurity associa una estesa rete di sicurezza sociale a minori tutele del posto di lavoro. In alcuni paesi la riflessione se, a 40 anni di distanza, i presupposti di quel modello siano ancora validi, è iniziata da tempo. Fattori strutturali hanno modificato il contesto entro cui opera il modello sociale europeo: la concorrenza crescente dei paesi emergenti, la riorganizzazione dei processi produttivi su base globale, la rapidità dell innovazione, la crescente frammentarietà dei percorsi lavorativi sempre meno legati al riferimento di un posto fisso, la maggiore instabilità dei nuclei familiari, l abbassamento della fertilità, la flessione prospettica delle forze di lavoro, l invecchiamento della popolazione. La configurazione dei rischi affrontati dagli individui nel corso della loro vita è mutata significativamente. I sistemi di protezione sociale sono perciò in continua evoluzione; correzioni rilevanti hanno avuto luogo negli ultimi anni in non pochi paesi, fra cui la Francia, il Regno Unito e la Germania, paese in cui il processo di riforma è iniziato da un decennio. In Italia, la recente riforma pensionistica che sancisce il passaggio integrale al sistema contributivo completa la necessaria correzione della dinamica della spesa previdenziale avviata anni fa. Il caso tedesco dimostra assai bene che estesi ed efficaci sistemi di welfare possono essere resi più efficienti senza comprometterne le finalità sociali. Viviamo un momento cruciale nella storia dell Unione. La crisi dei debiti sovrani ha svelato serie debolezze della sua costruzione istituzionale; in questo contesto, le difficoltà a trovare soluzioni condivise hanno inciso negativamente sulle valutazioni dei mercati. Le misure straordinarie varate dalla BCE ci hanno fatto guadagnare tempo, preservando la funzionalità della politica monetaria. Ma siamo ormai giunti a un punto in cui il processo di integrazione europea per sopravvivere ha bisogno di un coraggioso salto di immaginazione politica. È in questo senso che ho richiamato la necessità di un growth compact accanto al ben noto fiscal compact. Esso poggia su tre pilastri e il più importante, proprio dal punto di vista strutturale, è quello politico: la crisi economica e finanziaria ha messo in discussione la convinzione miope che un unione monetaria potesse rimanere solo tale, senza evolversi verso qualcosa di più stretto, più vincolante dove la sovranità nazionale sulla politica economica fa posto alla decisione comunitaria. Occorre che i governi dei paesi membri dell euro definiscano in modo congiunto e

3 irreversibile la loro visione di quale sarà la costruzione politica ed economica che sorregge la moneta unica e quali debbano essere le condizioni che vanno soddisfatte perché si possa insieme arrivare a tale meta. Questa è la risposta più efficace alla domanda che si leva da ogni parte: cosa sarà dell euro tra dieci anni?. Il secondo pilastro è quello delle riforme strutturali specialmente, ma non solo, nel mercato dei prodotti e del lavoro. Il completamento del mercato unico, il rafforzamento della concorrenza sono cruciali per la crescita, per l aumento dell occupazione. Riforme del mercato del lavoro che sappiano coniugare flessibilità e mobilità, con l equità, e con l inclusione sociale sono essenziali. Crescita ed equità sono strettamente connesse: senza crescita, lo dicono anche gli eventi di questi mesi, prendono forza le tentazioni a rinchiudersi nel proprio particolare, la solidarietà scema. Senza equità, l economia si frantuma in una moltitudine di gruppi di interesse, il bene comune non riesce a emergere come risultato dell interazione sociale ed economica, con effetti negativi sulle capacità di crescita. La recente storia italiana non manca di esempi in questo senso. Queste riforme sono da tempo indispensabili in un economia mondiale ben diversa da quella che vide nascere gli istituti in vigore ancora oggi. Nella costruzione politica che emergerà dalla crisi è probabile e auspicabile che per queste riforme sia introdotto un sistema di regole europee simili a quello in vigore per il fiscal compact, una disciplina che porti col tempo all armonizzazione europea di obiettivi e strumenti. Il terzo pilastro è costituito dal rilancio degli investimenti pubblici: il ricorso alle risorse pubbliche per sospingere gli investimenti infrastrutturali e in capitale umano, in ricerca e innovazione a livello europeo e nazionale (vanno in questo senso le proposte di rafforzamento della BEI e di riprogrammazione dei fondi strutturali dell Unione a favore delle aree in ritardo di sviluppo). In tal modo un patto per la crescita si affianca al fiscal compact, perché non può esserci crescita sostenibile senza finanze pubbliche in ordine. A questo proposito ho rilevato in altre occasioni lo straordinario progresso compiuto da tutti i governi dell euro sul fronte del consolidamento fiscale; ma, superata l emergenza, occorre che questo si riqualifichi con una diminuzione della spesa corrente e del prelievo fiscale. Vorrei ora affrontare alcuni temi attinenti più direttamente alla politica monetaria e all azione della BCE. Obiettivi e strumenti di politica monetaria Il primo tema investe il rapporto tra obiettivi e strumenti di politica economica all interno di un modello macroeconomico di riferimento che muta nel tempo. Per Caffè, uno dei primi studiosi di Frisch e Timbergen, l assegnazione ottimale di strumenti e obiettivi avveniva nel modello di riferimento prevalente negli anni Settanta in cui l obiettivo della politica economica era il massimo impiego delle risorse disponibili, in particolare il pieno impiego del lavoro. Nel perseguimento di tale intento, la politica monetaria era subordinata alla politica fiscale, con un ruolo ancillare della banca centrale rispetto al Tesoro nel suo raggiungimento. Il macro-modello di riferimento era fondato su un meccanismo statico di elaborazione delle aspettative, che si formavano per estrapolazione sul futuro delle osservazioni raccolte nel passato. Questo meccanismo amplificava l effetto immediato della spesa pubblica sulla domanda aggregata. Alla politica monetaria responsabile delle condizioni del credito veniva affidato il compito di alleviare, attraverso una scrupolosa politica di accomodamento, l impatto che l indebitamento pubblico avrebbe esercitato sul costo del debito privato. La banca centrale finanziava il Tesoro creando moneta. In queste condizioni, un aumento della spesa pubblica poteva aggiungere domanda ove questa fosse carente rispetto all obiettivo di piena occupazione senza sottrarre risorse ad impieghi alternativi.

4 Da allora, la teoria della politica economica ha seguito due direttrici di sviluppo che l hanno condotta a invertire il rango delle potenzialità relative tra strumenti, e ad arricchire la definizione e la misurazione dell obiettivo. Per quel che concerne gli strumenti, una diversa teoria della formazione delle aspettative non più estrapolative ha posto l accento sul forte impatto della politica monetaria e ha depotenziato gli effetti attesi della politica fiscale. Nei modelli che oggi utilizziamo gli agenti, nel formulare le proprie aspettative, sono attenti alle condizioni di sostenibilità delle scelte nel lungo termine. Politiche economiche giudicate insostenibili nel lungo andare, sono inefficaci. Ad esempio, una politica fiscale attiva finanziata in deficit trova i suoi limiti nei timori riguardo alla capacità del governo di rifinanziare il debito cui essa dà origine. Tali timori possono indurre comportamenti nel settore privato che indeboliscono o, al limite, neutralizzano del tutto l impatto dell intervento sulla spesa pubblica quale strumento di controllo della domanda. La politica monetaria, per contro, ne risulta rafforzata. Agendo attraverso il canale delle aspettative, essa può esercitare un durevole effetto sui flussi attesi di reddito finanziario. Incidendo sul tasso reale di sconto intertemporale, essa può influire in maniera profonda sulle decisioni di risparmio e consumo. La definizione dell obiettivo, è oggi più ampia. La stabilità dei prezzi è divenuta un parametro indispensabile nella definizione e nella misurazione stessa del benessere. Da condizione permissiva, e tutto sommato secondaria, un inflazione bassa e prevedibile è ora criterio preminente di performance economica. Perché? Un elevata inflazione colpisce il risparmio e dunque l investimento e il consumo futuro con una tassa sui rendimenti reali che remunera il rischio per l incertezza dell inflazione. Una bassa inflazione, invece, libera risorse che le scelte individuali possono destinare all accrescimento del capitale fisso. Una politica disattenta all inflazione destabilizza gradualmente l economia. I costi dell incertezza del valore della moneta sono dapprima trascurabili, poi trascurati, quindi divengono evidenti, infine sono giudicati intollerabili. A quel punto, gli elettori esprimono una forte preferenza per politiche che promettono rapida disinflazione. Ma tali politiche impongono costi elevati, in termini di mancata occupazione, che devono entrare nel computo dinamico dei costi dell inflazione. Inoltre, non va dimenticato che l inflazione colpisce i poveri più che i ricchi ed è quindi una tassa sui più deboli. Sotto l influenza della sintesi neo-classica di Samuelson e Solow la correlazione di lungo periodo fra inflazione e crescita era percepita come positiva all inizio degli anni Settanta: un aumento frazionale dell inflazione avrebbe condotto entro certi limiti a un aumento dell occupazione e della crescita. [3] Ma già alla fine di quel decennio, gli studi di Bob Lucas e Tom Sargent avrebbero dimostrato che nel lungo periodo inflazione e crescita non sono correlate. [4] La politica monetaria, molto efficace nel breve periodo, influenza solo l inflazione nel medio e lungo termine. È, in altre parole, neutrale. Oggi, nuovi modelli e tecniche computazionali avanzate permettono di simulare gli effetti dell inflazione sugli incentivi al risparmio e al lavoro, sulla formazione del capitale fisico, e dunque sulle prospettive di crescita. La correlazione è diventata negativa: più inflazione riduce crescita e occupazione. Per esempio, modelli vettoriali autoregressivi a parametri variabili permettono di individuare un intervallo di valori che quantificano il costo in termini di mancata crescita per ogni due punti percentuali di incremento dell'inflazione di stato stazionario. Tale costo è compreso fra 3 e 5 punti percentuali di minor crescita su un intervallo di dieci anni. Per concludere, la politica monetaria è uno strumento potente. Se usata a fini impropri, può condurre a danni permanenti. Può divenire invece un efficace fattore di stabilizzazione e contribuire al benessere collettivo in maniera indipendente e attiva. Condizione irrinunciabile a che ciò avvenga è un incardinamento delle decisioni di politica monetaria all interno di una strategia sistematica e prevedibile, fondata sulla stabilità dei prezzi, che informi le aspettative e e questa è forse la differenza pratica più importante con quanto si studiava all inizio degli anni Settanta non sorprenda l economia, ma la guidi. La strategia di politica monetaria della Bce La strategia di politica monetaria della Bce si fonda sulla nuova teoria degli strumenti che ho tentato di tratteggiare, e recepisce l arricchimento della teoria degli obiettivi, che pone

5 l accento sui contributi della stabilità dei prezzi al benessere generale. Inoltre, essa dà continuità ad una tradizione monetaria europea continentale che ha assicurato crescita senza inflazione per più di sessanta anni. La strategia poggia sull obiettivo del mantenimento della stabilità dei prezzi che il Trattato ha affidato alla banca centrale e sulla definizione quantitativa che il Consiglio Direttivo ne ha dato successivamente. Gli studi cui ho fatto riferimento hanno permesso di definire un intervallo entro cui l inflazione non è più un fattore distorsivo delle scelte economiche. La Bce persegue, quale obiettivo di stabilità monetaria nel medio periodo, un tasso di inflazione al di sotto ma vicino al 2 per cento, che definisce il tetto massimo di questo intervallo. Il modello macro-economico su cui poggia la strategia di politica monetaria della Bce è intriso della macroeconomia contemporanea, fondata sull ottimizzazione dinamica e sulla centralità delle aspettative forward-looking, cioè che guardano avanti. [5] Allo stesso tempo, esso è più ampio e articolato e corregge le semplificazioni del paradigma neo- Keynesiano pre-crisi con le sue prescrizioni normative in tema di politica monetaria ottimale. Punto debole di tale paradigma era ed è la sua incapacità di riconoscere l importanza delle frizioni finanziarie e il ruolo del credito e della moneta. Questo ha a che fare con la fragilità dei fondamenti teorici che formalizzano il legame fra economia reale, squilibri finanziari e livello di fiducia. Ignorare la moneta equivale ad assumere assenza di rischio e di incertezza. Senza rischio, avrebbe sottolineato Keynes, non ci sarebbe moneta. La preferenza per la liquidità non si giustifica in un economia priva di incertezza. Ma il modello neo-keynesiano esclude l eventualità di default. In esso, non esiste rischio nel settore finanziario che non possa essere assicurato e dunque rimosso nei suoi effetti sull economia reale. La crisi finanziaria ha chiaramente messo in evidenza i punti deboli di tale impianto. La teoria macroeconomica ha iniziato a riflettere sull impianto neo keynesiano e questi studi costituiscono oggi una delle aree di analisi più vivaci. Questi studi almeno ai loro primi risultati, confermano la lungimiranza di alcune scelte strategiche della Bce. Liquidità, moneta, credito sono da sempre dal 1998, quando la Bce ricevette il proprio mandato dai fondatori dell unione monetaria grandezze portanti del modello di riferimento della Bce e della sua strategia. L analisi monetaria richiede un costante monitoraggio degli attivi e dei passivi delle banche, in quanto sorgenti di informazioni sull apprezzamento del rischio nei mercati e nell economia nel suo insieme. Tale analisi impegna il Consiglio Direttivo ad aggiustare il tenore della politica monetaria in modo da assicurare una crescita di lungo periodo degli aggregati monetari e creditizi compatibile con il potenziale di espansione economica. In tal senso, il pilastro monetario della strategia può essere interpretato come un meccanismo strategico di rinforzo che consente di predisporre meccanismi di correzione in situazioni in cui gli squilibri macroeconomici stentano a manifestarsi in pressioni inflazionistiche. L analisi monetaria ha dato segnali premonitori importanti negli anni che hanno preceduto la crisi che stiamo vivendo circa l esistenza di disequilibri finanziari e macroeconomici profondi. Nell autunno del 2005, in condizioni di inflazione osservata e prevista definite normali, l analisi monetaria della Bce iniziò a registrare un mutamento nella composizione della crescita di M3: da un modello di crescita spiegato da fattori di domanda di moneta che definiremmo ininfluenti sull evoluzione della spesa e dei prezzi a una dinamica associata ad una crescente creazione di credito cioè a fattori di offerta di moneta delle banche. Questi mutamenti furono recepiti come indicazioni che il tenore della politica monetaria, nonostante la moderazione delle pressioni inflazionistiche allora osservate e previste, era divenuto troppo permissivo. Un nuovo ciclo di restrizione della politica monetaria fu avviato nel dicembre di quell anno sulla base di considerazioni ispirate dal pilastro monetario, ove la stabilità monetaria e finanziaria è un obiettivo intermedio al raggiungimento di un più equilibrato sviluppo delle grandezze macro-economiche e dunque della stabilità dei prezzi sul lungo periodo.

6 In un mondo globalizzato, la crisi finanziaria internazionale non ha risparmiato la zona dell euro. Ma oggi sappiamo che l azione preventiva della Bce, messa in atto guardando principalmente a indicatori monetari, ne ha attenuato le conseguenze sul reddito e l inflazione. [6] Le due operazioni di rifinanziamento a tre anni (LTRO) L analisi monetaria è stata un dispositivo strategico essenziale anche nella diagnosi e nella gestione della crisi. A questo proposito, il processo di analisi che ha condotto alle misure di politica monetaria non convenzionale più recenti può illustrare quanto il monitoraggio sistematico delle passività delle banche la moneta, nella sua accezione più ampia possa dare indicazioni sui rischi che incombono sull economia nel suo complesso. Verso la fine del 2011, con una decisione senza precedenti nella storia dell euro, il Consiglio direttivo della Bce ha deciso di condurre due operazioni di rifinanziamento a tre anni. Alla fine di febbraio, ovvero al compimento della seconda operazione a tre anni, l incremento netto dei prestiti concessi alle controparti è stato di circa 520 miliardi di euro. L intendimento che ha portato alle due operazioni si può riassumere nella seguente visione strategica. Una banca centrale è investita della missione imprescindibile di assicurare una provvista di liquidità sufficiente a controparti bancarie solide e a fronte di garanzie collaterali adeguate. In tempi normali, liquidità sufficiente significa un volume di rifinanziamento in linea con l esigenza delle banche di soddisfare gli obblighi di riserva obbligatoria, e il finanziamento di altri fattori autonomi che spiegano la crescita nel tempo della domanda di moneta. In tempi di accentuata instabilità finanziaria, liquidità sufficiente indica un volume di accesso al credito della banca centrale che eviti il rischio che in tali condizioni di mercato una temporanea incapacità di rifinanziamento delle banche si traduca in insolvenza e perciò in una generalizzata situazione di default. In nessuno dei due casi né in tempi normali né in tempi di crisi la banca centrale può essere considerata responsabile della sopravvivenza di controparti bancarie prossime all insolvenza. Le due operazioni di rifinanziamento a lungo termine hanno adempiuto all intendimento che le aveva motivate. In condizioni di sostanziale chiusura dei mercati del credito privato, le banche non riuscivano a rifinanziare i propri attivi ed erano incapaci di mantenere i propri livelli di esposizione verso le famiglie e le imprese. Il rifinanziamento massiccio a lungo termine ha permesso la sostituzione parziale e temporanea del credito privato con credito monetario e ha evitato di conseguenza un processo disordinato di estinzione del credito all economia. Ciò nonostante, le critiche non sono mancate. Queste si possono riassumere in tre punti: 1. l aumento della liquidità a seguito delle due operazioni è destinata a creare inflazione; 2. il bilancio dell Eurosistema è esposto a rischi senza precedenti e fuori controllo; 3. tali operazioni hanno rafforzato il legame perverso fra banche e debitori sovrani e possono configurare una violazione della proibizione di finanziamento monetario dell indebitamento pubblico, imposta dall articolo 123 del Trattato. E, critica di segno opposto, ma concettualmente equivalente: queste operazioni non hanno finanziato l economia. Per quanto riguarda il primo punto, è opportuno fare riferimento, ancora una volta, alla strategia: nel medio/lungo periodo, la dinamica dell inflazione riflette l evoluzione degli aggregati monetari più ampi. Condizioni favorevoli alla creazione di inflazione o bolle speculative si creano a fronte di una crescita robusta e sostenuta di moneta e credito, non necessariamente a seguito di un aumento della liquidità concessa dalla banca centrale al settore bancario. Tale liquidità costituisce una scorta precauzionale a fronte delle passività a vista che le banche mantengono nei confronti delle famiglie, delle imprese non finanziarie e

7 delle altre banche. Le passività a vista cioè i depositi e non le scorte liquide manifestano un elevata correlazione statistica con le dinamiche dei prezzi dei beni e delle attività. Le dinamiche monetarie non consentono oggi di individuare rischi di inflazione o di pressione sui prezzi delle attività nel medio termine. Per quanto riguarda il secondo punto, ricordo che la critica maggiore ha riguardato principalmente la diversificazione del collaterale accettato dalle banche centrali nazionali all interno dell Eurosistema a garanzia della liquidità erogata agli istituti di credito. Dubbi si sono stati manifestati in particolare in merito ai titoli di crediti aggiuntivi ( credit claims) che le decisioni del dicembre 2011 hanno reso eligibili. Tali dubbi si fondano su una percezione incorretta delle garanzie che le banche centrali nazionali predispongono a protezione dell esigibilità del credito monetario concesso. In particolare, la decurtazione del valore nominale dei titoli di credito aggiuntivi offerti a garanzia delle operazioni di rifinanziamento è molto elevata. Ciò fa sì che, su un valore nominale di 100 euro in crediti aggiuntivi depositati a garanzia, le banche centrali nazionali che accettano il nuovo collaterale forniscano in media l equivalente in liquidità di circa 47 euro. La decurtazione costituisce una poderosa capacità di assorbimento del rischio di credito su tali operazioni. Vale anche la pena sottolineare che gli elementi principali del controllo del rischio rimangono comuni all Eurosistema: i criteri di accettazione e le misure di controllo del rischio sono approvate dal Consiglio direttivo, il quale controlla anche l efficacia del complesso delle misure di mitigazione del rischio in maniera continuativa. Per quanto riguarda il terzo punto è innegabile che, segnatamente in alcuni paesi (in particolare in Spagna e in Italia), le banche abbiano impiegato parte dei saldi liquidi acquisiti a seguito delle operazioni di rifinanziamento a tre anni in investimenti temporanei in obbligazioni governative. Oggi non esiste per una banca centrale, uno strumento di allocazione puntuale e mirata del credito a un settore o a vantaggio di un impiego finanziario specifico. Chi accusa la Bce di violazione indiretta del divieto di finanziamento monetario dell indebitamento pubblico fa lo stesso errore concettuale di chi accusa la BCE di non aver forzato le banche a utilizzare i fondi delle LTRO per erogare credito al settore privato. Nel primo caso si sarebbe dovuto imporre alle banche di non acquistare titoli pubblici, nel secondo di dar credito al settore privato. Entrambi dimenticano che politiche di allocazione puntuale del credito erano una norma in vari paesi sino alla fine degli anni Settanta. Negli anni Ottanta il sistema operativo della politica monetaria subì una radicale ridefinizione, principalmente per gli effetti pesantemente distorsivi di un tale impianto operativo sulla attività economica. Inoltre, argomentazioni giuridiche inerenti al Trattato e all attuale forma contrattuale dei repo alla base delle LTRO, nonché considerazioni di fattibilità, rendono difficile il ripristino di tale impianto. Infine, i comportamenti degli istituti di credito nei confronti delle famiglie e delle imprese non sono uniformi nei vari paesi: a fronte di un andamento negativo in alcuni, sta la crescita anche significativa del credito in altri. In Italia, ma anche nella grande maggioranza dei paesi dell euro, la contrazione dei prestiti registrata in dicembre è stata arrestata, evitando un ben più severo rischio di restrizione creditizia che avrebbe avuto conseguenze sulla crescita e sulla stabilità monetaria ben più gravi di quelle che osserviamo attualmente. L indagine campionaria sul credito bancario registra una graduale normalizzazione dei tassi di interesse praticati dalle banche e dei criteri di concessione dei prestiti alle imprese. Il perdurante andamento anemico dei prestiti riflette la debolezza della domanda e il peggioramento del merito di credito a fronte di un ciclo economico sfavorevole. Si ritiene inoltre che nei paesi più provati dalla crisi vi sia un razionamento del credito da parte delle banche causato dalle particolari strutture contrattuali prevalenti.

8 La vasta partecipazione all operazione di febbraio in cui circa 800 banche hanno ottenuto liquidità e la composizione delle controparti per dimensione e ragione sociale, fanno intendere che la diffusione della liquidità sia stata, e possa essere ancora più nel prossimo futuro, capillare e a vantaggio del tessuto di piccole e medie imprese con cui le banche di dimensione più ridotta intrattengono rapporti più stretti. Il nostro auspicio è che la liquidità venga destinata al credito al settore privato. Questo è l intendimento che ha motivato il nuovo strumento non convenzionale di politica monetaria. Il credito monetario alle banche è stato un complemento piuttosto che un sostituto del credito privato: nel primo trimestre di quest anno, l emissione di obbligazioni è stata pari al totale emesso nel 2011, il che indica che le operazioni, almeno nei primi mesi dell anno, hanno ridato liquidità ai mercati riattivando alcuni dei canali del credito. Le due operazioni di LTRO hanno rimosso uno degli impedimenti l unico su cui ha influenza la BCE al credito: la mancanza di liquidità. Nulla può la BCE per sopperire all eventuale mancanza di capitale, per mutare la percezione al rischio da parte degli intermediari, per rimuovere altri ostacoli di carattere strutturale presenti a livello nazionale. Più in generale, le due operazioni di LTRO sono di dimensione e complessità tali che ci vorrà tempo prima che esse dispieghino appieno tutti i loro effetti positivi sull economia dell area dell euro. Ma è vitale, per la crescita e l occupazione, che gli istituti di credito tornino a porsi in condizione di rifinanziare l economia. [1] Tiberi M., Ricordo di Federico Caffè, in «Rivista italiana degli economisti», aprile 1997, p [2] Caffè F., La solitudine del riformista, a cura di N. Acocella e M. Franzini, Bollati Boringhieri, Torino 1990, p [3] Paul Samuelson e Robert Solow pubblicarono il loro articolo intitolato Analytical Aspects of Anti-Inflation Policy nell edizione di maggio dell American Economic Review, L articolo discuteva le cause dell inflazione e la curva di Phillips. [4] Bob Lucas ha poi raccolto l evidenza empirica che motivò i suoi studi sulla teoria della neutralità nella sua Nobel Lecture intitolata, appunto, Monetary Neutrality, 7 December L assenza di correlazione fra inflazione e crescita è documentata in Mc Candless, G.T. e W. Weber (1995), Some Monetary Facts, Federal Reserve of Minneapolis Quarterly Review No [5] Il paradigma neo-keynesiano pre-crisi e la strategia di politica monetaria di inflation targeting che ne è derivata sono tratteggiati in R. Clarida, J. Galì e M. Gertler (1999), The Science of Monetary Policy: A New-Keynesian Perspective, in Journal of Economic Literature, Vol. XXXVII, pp Hanno ricevuto una sistematizzazione magistrale in M. Woodford (2003), Interest and Prices, Princeton: Foundations of a Theory of Monetary Policy, Princeton University Press. [6] In un paper recente, intitolato A monetary policy strategy in good and bad times: lessons from the recent past (ECB Working Paper No. 1336, maggio 2011), S. Fahr, R. Motto, M. Rostagno, F. Smets e O. Tristani hanno simulato il contro-fattuale di una strategia monetaria che non include il credito e la moneta fra le proprie variabili di osservazione e reazione. Gli autori trovano che la a seguito dello shock causato dal fallimento di Lehman l euro area sarebbe entrata in un periodo protratto di deflazione, e il livello del PIL alla fine del 2010 sarebbe stato circa due punti percentuali più basso di quello osservato.

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La Banca Centrale e la politica monetaria Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La politica monetaria (1) La politica monetaria, insieme alla politica dei redditi e di bilancio,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO Giuseppe Maria Pignataro * Nei programmi del governo (Legge di Stabilità e DEF), per fare scendere il debito

Dettagli

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria La moneta influenza la produzione reale e gli equilibri macroeconomici? Teoria quantitativa della moneta:

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015 Camera dei Deputati XI Commissione Lavoro pubblico e privato Audizione D.L. n. 65/2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 giugno 2015 Premessa Il

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz. (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014)

L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz. (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014) L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014) Non ho bisogno spiegare quanto sia drammatica la situazione economica in Europa, e in Italia in particolare.

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Alessandro Scopelliti

Alessandro Scopelliti Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Politica Monetaria e Sistema Finanziario Perché la politica monetaria è rilevante per il sistema

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

La politica monetaria europea

La politica monetaria europea La politica monetaria europea Il sistema europeo di banche centrali e la moneta unica 1 Il SEBC A seguito della nascita dell Unione Monetaria Europea (1 gennaio 1999) la politica monetaria viene gestita

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Approfondimenti La dinamica nel modello Is-Lm

Approfondimenti La dinamica nel modello Is-Lm Approfondimenti La dinamica nel modello Is-Lm 1. Aggiungiamo la dinamica Negli approfondimenti dedicati al mercato dei beni abbiamo aggiunto considerazioni dinamiche alla nostra descrizione del mercato

Dettagli

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed.

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS 1 Anteprima Con il termine politica monetaria si intende la gestione dell offerta di moneta. Sebbene il concetto possa apparire semplice,

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Interoperability, reachability, competitiveness, a coherent and efficient choice for the full realisation of the Single Euro Payments Area

Interoperability, reachability, competitiveness, a coherent and efficient choice for the full realisation of the Single Euro Payments Area Interoperability, reachability, competitiveness, a coherent and efficient choice for the full realisation of the Single Euro Payments Area Milano, Centro Convegni ICBPI, 14 ottobre 2011 Intervento di Franco

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni.

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma SINTESI DEGLI INTERVENTI DI RIFORMA ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL INPGI NELLA SEDUTA

Dettagli

Dieci punti per una politica delle pensioni nel settore edile improntata alla sostenibilità.

Dieci punti per una politica delle pensioni nel settore edile improntata alla sostenibilità. Dieci punti per una politica delle pensioni nel settore edile improntata alla sostenibilità. Le organizzazioni affiliate alla FETBB sono ben consapevoli delle sfide presenti e future per riuscire ad attuare

Dettagli

23.11.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 306/33

23.11.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 306/33 23.11.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 306/33 REGOLAMENTO (UE) N. 1177/2011 DEL CONSIGLIO dell'8 novembre 2011 che modifica il regolamento (CE) n. 1467/97 per l accelerazione e il chiarimento

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi

Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi Nota analitica Jean Claude Junker in stretta collaborazione con Donald Tusk, Jeroen Dijsselbloem e Mario Draghi

Dettagli

Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di. due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno

Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di. due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno reagire a ciò che dirò e non potranno dire se le mie riflessioni sono aderenti

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

Crisi finanziaria e politica economica

Crisi finanziaria e politica economica Crisi finanziaria e politica economica * Istituzioni finanziarie e governi I progressi finanziari degli ultimi mesi sono stati piuttosto eclatanti. Essi hanno prodotto dei grandi cambiamenti all interno

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio La definizione e le componenti della bilancia dei pagamenti Il tasso di cambio e la sua determinazione sul mercato delle valute. Un confronto tra regime di cambi

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Roma, 13 luglio 2011 La crisi e l euro Le prospettive di crescita e i mercati finanziari

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA STRUTTURA E GOVERNANCE DELLE BANCHE CENTRALI Osserviamo le due autorità più rilevanti: BCE e Federal Reserve (Fed). -La Banca Centrale Europea è inserita nel più

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego

Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego Il workfare (o welfare to work), termine derivante dalla fusione di work e welfare, é un modello alternativo al classico

Dettagli

ASSIOM Forex. Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco

ASSIOM Forex. Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco ASSIOM Forex Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco Roma, 8 febbraio 2014 La ripresa, i rischi Dalla scorsa estate, all intensificarsi del rafforzamento congiunturale nelle economie

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI

LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/110/CRFS/C8 LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI 1. IL QUADRO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA: Confindustria

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

La politica monetaria in Europa

La politica monetaria in Europa La politica monetaria in Europa Aspetti istituzionali Sistema Europeo delle Banche Centrali (SEBC) è composto da: BCE + Banche Centrali Nazionali (BCN) dei paesi aderenti all'ue. Tuttavia, le BCN dei paesi

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

Solidarietà Veneto - Fondo Pensione. Tavola rotonda. Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1

Solidarietà Veneto - Fondo Pensione. Tavola rotonda. Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1 Solidarietà Veneto - Fondo Pensione Tavola rotonda Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1 Intervento di Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Vicenza, 22 novembre 2012 1 Il testo costituisce

Dettagli