~I ~/j~!ilillmli"iijllmiiiiilfiii

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "~I ~/j~!ilillmli"iijllmiiiiilfiii"

Transcript

1 Registro: PROTOCOLLO I Prot.: [A J del: 26/06/2012 Da: A: Data: Oggetto: Allegati: 22/06/ Opnioni sulla consultazione per il nuovo assetto tariffarlo del S.I.I. Relazione Tariffe idriche AEEG giugno12.pdf Spett. AEEG, con la presente mi permetto di esprime personah valutazioni sui quesiti esposti nel documento consultorio da voi elaborato. Sono riflessioni dettate dalla conoscenza del settore in cui lavoro da oltre 9 anni, e su cui reperisco informazioni anche a livello internazionale. Spero possiate trarre spunti Interessanti, Con i migliori saluti. ~I ~/j~!ilillmli"iijllmiiiiilfiii AEc.l..:i-.::.: AEES PG,OD191971A Marco Del Vicario

2 Registro: PROTOCOLLO ; Prot.: [A l del: 26/06/2012 Considerazioni personali in merito alla consultazione pubblica per l'adozione di provvedimenti tariffari in materia di servizi idrici. ' Il sottoscritto opera all'interno del settore idrico da oltre 9 anni, durante i quali sono state maturate esperienze da libero professionista e da addetto presso due distinti gestori lombardi, operanti in ambiti territoriali differenti sia in termini di tessuto urbanistico, sia orografico, sia di dimensione generale. Le idee maturate in questi anni, a partire da un ambizioso quanto incompleto lavoro precedente ( ), volto a definire un possibile assetto tariffario per l'intero bacino regionale, sono,tuttavia alla base delle considerazioni che mi permetto di formulare nel seguito. Non essendo conoscitore di tutte le tematiche che la consultazione affronta, le mie osservazioni si limiteranno a quegli aspetti che la pratica quotidiana, l'osservazione dell'evoluzione del comparto nei suoi elementi principali, nonché la fonnazlone. in parte anche di carattere regolato'rio, mi hanno permesso di awlcinare con una sufficiente cognizione di causa. In conclusione, mi permetto di inserire la bozza di un testo su cui io ed un collega del settore, titolare di una società di consulenza ambientale, abbiamo iniziato a lavorare in merito ad un protocollo per la tariffazione degli scarichi Qndustriali) le cui caratteristiche non fossero rispettose dei valori limite di emissione nonnati, costituenti la tab. 3, ali. 5, parte III, del D.Lgs. 152/06. Q6 - Q7 - QB: il modello inglese. tipico della filosofia del mondo anglosassone e indicato in modo particolare ave gli operatori sono In gran parte soggetti privati (così come il modello statunitense), mi pare poco applicabile, anche in considerazione dei costi elevati propri della figura del RegolatoreJControliore. Il modello francese è strutturato in modo da coinvolgere molto tutti gli stakeholders, già a livello del singolo cittadino (come pure Il modello olandese), e questo fatto lo rende di difficile applicazione nell'attuale frammentato sistema italiano. Il modello tedesco si sviluppa all'interno di una logica federale a noi lontana. L'esperienza portoghese; tra quelle segnalate, mi pare molto interessante: la presenza di un unico soggetto istituzionale. dotato di elevata massa critica e posto a presidio deu'accesso al credito, costituisce per gli operatori una garanzia per lo sviluppo dell'attività 1, anche se rimane da definire quale ruolo possa assumere nella richiesta di rientro del debito verso un Gestore che sia andato incontro a difficoltà economicofinanziarie per qualsivoglia ragione. Vi è il rischio di generare sussidi territoriali. Sarebbe opportuno ricostruire, a priori, la storia di ogni gestione: non si può imputare il costo di investimento per una certa infrastruttura nell't-esimo ambito a tutti i players quando alcuni di questi, negli anni precedenti, hanno saputo operare oculatamente anche per mezzo di tariffe iocali congruenti con i costi operativi e non a tariffe politiche. Q12: 'ritengo che la risposta debba essere affermativa. E' auspicabile che si promuova un unico modello econometrico per la tariffa del S.LI., in modo da non indurre qualcuno a ipotizzare teorie discriminatorie, e tale da essere sufficientemente elastico da trovare applicazione su tutto il territorio nazionale, pur con le dovute differenze nel paniere dei prezzi. Q14-Q15: mi permetto di dissentire dall'ipotesi esposta al punto 5.20 ("prevedere il riconoscimento degli investimenti ai fini tariffari solo dopo che questi siano stati effettivamente sostenuti e dopo aver verificato la loro pertinenza e coerenza con quanto contenuto nel Piano d'ambito"). Questo principio è coerente con l'idea di disincentivare investimenti superflui, e soprattutto con l'ipotesi di impedire che risorse economiche anticipate a fini di capitalizzazione siano invece utilizzate per mascherare Incapacità gestionali. La sfida che. viceversa, AEEG dovrebbe affrontare, anche a fronte di asimmetrie informative sostanziali all'inizio dì questo percorso, è di riuscire ad avere un quadro realistico delle situazioni contingenti, tale da inibire 1 E' già accaduto (autunno Provincia di Asti) che il mercato finanziario abbia negato l'accesso al credito per investimenti nd settol"e idrico per inadeguatezza dd business pian, ovvero ritenendo che lo sviluppa del pib.1lo tariffario proprio del PiB.1lo d'ambito presentato non fosse in grado di ganmlire la copertura dci costi finanziari.

3 Registro: PROTOCOLLO, Prat.: [A] del: 26/06/2 012 sussidi incrociati. AI contrario, l'esistenza di operatori virtuosi che sono riusciti, nel corso degli anni, a costruire e mantenere un basso livello di indebitamento, tale da non vincolare gu investimenti al credito privato, ma capaci di investire con le risorse economiche accantonate negli esercizi precedentl 2 deve costituire il miglior esempio da seguire, soprattutto se l'obiettivo finale è quello di garantire economicamente l'utente finale. Nell'attuale situazione economica, e dopo aver paventato esigenze di investimento per oltre 65 MLD di Euro, vincolare gli investimenti al capitale proveniente dal mercato finanziario significa ribaltare l'esito referendario, garantendo al privato la remunerazione che gli itauani hanno bocciato. Una seconda considerazione contempla la possibilità, laddove vi fosse una situazione locale che lo consentisse, di studiare soluzioni per la tutela ambientale sfruttando il concetto di WQT (Water Quality Trading): lungo una stessa, significativa, asta fluviale, invece di sostenere costi per la realizzazione di nuovi Impianti di trattamento dei reflui in contesti ave vi siano difficoltà di carattere soclo-economico nell'evoluzione della tariffa, si può pensare di amplificare le prestazioni ambientali di altri impianti oltre la soglia di legge, in modo che il carico inquinante totale nel corso d'acqua sia analogo o comunque Inferiore a quello teorico con il sistema depurativo a regime, trasferendo risorse economiche congruenti dall'ato ave non verrà realizzato l'impianto a quello dove saranno massimizzate le performance. In questo modo, a fronte di una tutela ambientale coerente con i programmi di miglioramento della qualità dei corpi Idrici superficiali dettata dalla Direttiva comunitaria, sarà possibile ridurre il carico economico-finanziario complessivo. Q16: il periodo di riferimento per le revisioni dei parametri economici del MTN era stato fissato' pari a 3 anni. Tale lasso temporale pare coerente con gli obiettivi regolatori (4 anni potrebbero essere troppi alla luce dell'incertezza sul comparto finanziario mondiale, che probabilmente si protrarrà ancora). Q17: il punto fisso che ritengo prioritario è la garanzia della copertura dei costi derivante da tariffa. Un meccanismo di tipo price-cap potrà determinare timori all'inizio della nuova fase regolatoria, perché la maggior parte degli operatori non lo conosce e potrebbe assumerlo come elemento di negatività (in particolare le gestioni che al momento risultano meno efficienti), ma credo sia un percorso obbligato. Inoltre, nota a margine, è opportuno che j gestori possano disporre di una maggiore autonomia decisionale rispetto au'attuale scenario che vede l'aspetto politico preminente sulle logiche industriali. Q18: 4 anni. E' un tempo congruo in riferimento ai parametri europei; può darsi che nel caso italiano esso sia limitato, ma, al CQntempo, deve costituire uno stimolo non solo per lo specifico settore idrico, ma per tutto il comparto pubblico a raggiungere i risultati auspicati nell'ottica della visione comunitaria. Q19: le maggiori difficoltà nella realizzazlone ed applicazione del nuovo metodo si riconducono a tre aspetti: 1) la perdita di peso politico a livello locale nella definizione della tariffa e nella diluizione del potere decisionale nel momento den'aggregazione dei gestori; 2) i ritardi nella stesura di bilanci con separazioni contabili per i vari segmenti della filiera, per non parlare defle aggregazioni stesse di cui sopra, situazione che ha di fatto ingessato sul nascere gli obiettivi della "legge Galli"; l'azione sulla govemance del sistema richiederà parecchia pazienza, con la speranza che l'assetto Muro a regime non sia demandato solamente all'azione politica, ma sia concertato con lo stesso regolatore. Ciò a garanzia che possano realmente essere perseguiti e raggiunti gli obiettivi di tutela del cliente finale; 3) l'asimmetria informativa, da parte di tutte le gestioni, anche da parte di quelle che ad un primo esame potrebbero risutlare esempi di riferimento. 2.Casi oome quello indicato ve ne sono, in Lombardia. Si tratta soprattutto di operatori multiutility. che si sono giovati di promuovere sussidi incrociati tra business con più alta redditivilà rispetto a quello idrico, ma oon il duplice e contnlstante obiettivo di consentire investimenti in tutti i settori (e.e., gas, acqua) a fronlc di tariffe locali sostenibili per la cittadinllllzll

4 Registro: PRO TOCOLLO P t [ A l Rdel: 26/06/2012 I ro.: O~re a quelli elencati, mi preme sottolineare che a differenza dei servizi regolati già in capo all'aeeg, la gestione dei S.I.I. si connota per peculiarità ben radicate nei territori di riferimento: l'estensione territoriale, la morfologia, la densità edilizia nonché la stessa tipologia di edilizia residenziale sono elementi centrali per identificare correttamente i costi operativi. Q20: la Polizia Idraulica dei corpi rdrici, nella più ampia visione che consenta ai Gestori di operare sull'intero cicl.o dene acque sul proprio territorio di riferimento, e sgravando gli enti locali da costi che, diversamente, occuperebbero quasi sempre le ultime voci di bilancio dei Comuni anche quando il rischio idraulico costituisse un elemento cui porre una seria attenzione. I servizi di ingegneria costituiscono un altro segmento cui è necessario porre attenzione per evitare che possano essere generati sussidi incrociati poco coerenti con i costi di progettazione. Alcune della attrvità ricomprese neu'efenco al punto 6.2 del dqcumento consultivo ritengo che debbano far parte delle attività regolate (allacciamenti, metering), mentre altre possono risultarne estranee e produrre rendite. Non credo sia il caso di demonizzare questo aspetto, ma piuttosto di enfatizzare il fatto che i ricavi generati da queste attività oltre una certa soglia (%?) debbano essere indirizzati nel fondo aziendale destinato ai futuri investimenti. Q22: il secondo caso è da preferire per evitare effetti Uprotezionistici" delle M TO nei confronti dei Gestori che devono controllare, Oltre al fatto che si eviterebbe fin dal principio di disporre di datilindlcatori diversi caso per caso, da tramutare poi, con un nuovo lavoro di sintesi, in dati coerenti con cui promuovere il modeho tariffario. 'n riferimento al punto 6.14 del documento consultivo. mi preme sottoporre alla Vostra attenzione il modello che \I sottoscritto avrebbe pensato di sviluppare. Tale impianto tariffario è costituito, con la premessa che sia sempre valido il concetto di mantenere distinti i costi operativi sui tre servizi e quindi elaborando specifici algoritmi econometrici per la tariffazione di acquedotto, fognatura e depurazione, da una matrice di 6 valori: 3 correlati, come detto, con i costi operativi, e 3 specifici relativi alle quote necessarie per gli investimenti nei tre distinti settori. Un modello tariffario, quindi, che separi a monte i costi operativi da quelli finanziari. Permette, a fronte di un processo di massima trasparenza verso gli organi di controllo (c.c. dedicati e separati per i costi correnti - esercizio e per l'accantonamento delle quote a capitalizzazione - investimento) cui l'aeeg possa accedere in visione in ogni momento per accertare che non vi siano stati trasferimenti contabili tra i vari servizi. Sarebbe un modello di regolazione impegnativo per "Autorità, ma garantirebbe a monte la massima trasparenza e annullerebbe molte asimmetrie Informative che, diversamente, sarebbe difficile reperire in altro modo. In questo modo, tornando al commento dei quesiti Q14- Q15, sarebbe possibile confermare la possibilità di continuare a introitare ricavi utili per investimenti futuri, con l'idea che tali accantonamenti siano fiscalmente e realmente deducibili. In questo modo sarebbe Possibile generare un ciclo virtuoso che porti nel giro di alcuni anni I Gestori a disporre di risorse economiche autonome con cui effettuare gli investimenti, sgravando il comparto dalla finan~a privata. E' necessario, tuttavia, che tale processo sia agevolato da condizioni fiscali adeguate. che oggi non sono disponibili. Di contro è lecito supporre che i mancati investimenti nel settore in questi ultimi decenni. e causati soprattutto da incertezza legislativa, abbiano procurato mancati introiti fiscali che questo modello potrebbe sbloccare. Infine. indispensabile, è definire nel dettaglio 1\ perimetro degli elementi che possono assumersi a capitalizzazione e quali no, in modo da Impedire sussidi tra la componente operativa e quella finanziaria dei costi. Q2B: si, non sarebbe lecito il contrario. Tale obiettivo potrebbe avere un orizzonte ragionevole nell'arco di 3 anni di periodo transitorio. In questo periodo dovrà essere messa mano alla govemance in modo da istituire un unico gestqre per ciascun ATO. /I Regolatore, interloquendo con l'attuale massa di soggetti gestori, non può avere II controllo della contabilità di ciascuno, stilata con logiche diverse. Già 1/ fatto di concentrare il numero di soggetti è un primo passo verso la conoscenza di costi operativi plausibili.

5 Registro: PROTOCOLLO I Prot.: [A l del: 26/06/2012 Q30: l'esistenza di più soggetti nello stesso Ambito contiene in sé asimmetrie informative. Q31: le perequazioni possono essere transitoriamente gestite dalle AATO ma sotto la supervisione dell' AEEG. Q32: la difesa idraulica è un tipico costo di valenza sovra-ambito, sempre che si ritenga di attribuire tale attività all'interno del Q33: se ambito per ambito si determinassero le curve di costo (per ciascuno dei tre servizi) partendo dal concetto di costo marginale, sarebbe possibile. individuare per ciascun gestore una VRG che coprisse un'aliquota dei volumi immessi e non conturati, in modo da fissare a monte una logica di tipo price-cap che coinvolga il gestore a limitare le perdite. Tuttavia, è il caso di ripeter/o, tale esercizio è di difficile esecuzione in presenza di forti aslmmetrie informative. Q34: la frammentazione e la tipicità delle singole gestioni fanno si che l'individuaiione di variabili esogene debba essere ricercata effettuando benchmarking con i principali indiqatori adottati a livello internazionale (AVI/INA i più utilizzati, ma in contesti anche molto differenti darnostri, e quindi da valutare caso per caso la loro applicabilità da noi). Q46: la risposta al risultato referendario è contenuta nel modello appena illust~to. E' pacifico che al momento vi siano molti Investimenti consentiti dal capitale privato che d~bbono ancora essere pienamente ammortizzati. AI momento l'idea che alcuni AA TO hanno avarizato, e che mi sento di condmdere, è attribuire ai costi finanziari l'egida di costi operativi fin9 alla naturale estinzione del. debito. Per gli investimenti che stanno partendo ora o nei prossirpi mesi, e non rinvlablli, AEEG potrebbe svolgere ranaloga funzione di Aguas de Portugal, divenendo rintenocutore privilegiato per accedere al mercato finanziario, o meglio ancora per attivare raccesso a cdp.. Q48: riconoscere un onere finanziario aggiuntivo potrebbe essere un'operazione ~he comunque era già prevista nel Mvecchio'~ MTN, nel momento in cui le condizioni del marcato mutevoli potevano spingere re AATO a rivalutare. nel successiva periodo regolatorio, illim~e di prezzo X, attribuendogli valori inferiori. Non è nulla di nuovo.. Q57: i volumi emersl dalla lettura dei contatori sul prelievo costituiscono. oggetto della fatturazione della tariffa di acquedotto. Con la riforma della legge Galli si è assunt'? che gli stessi valori costituissero il riferimento quantitativo per la tariffazione degli altri: due servizi. Recentemente, con remanazione di alcuni regolamenti regionali anche in alcune ;zone d'italia è stato deliberato che anche le acque di prima pioggia debbono costituire ricavp per i settori fognatura e depurazione, in quanto costituiscono comunque dei costi. Bisogna rilevare che la stima di tali valori, dove sia presente un articolato ed efficiente sistema di registrazioni:! delle piogge - (pluvlometri), non è partlcolannente onerosa. Per ciò che attiene a consumatori in cui sia significativa la differenza tra volumi prel~vati e scaricati (vuoi per prelievi da pozzo privato o da altra fonte, owero gli scarichi risultino ridotti per consumo diretto della risorsa nonché nuso), diventa necessario prowedere alla doppia le~ra dei volumi prelevati e scaricati. Q58: ovviamente si. Q59: la Quota fissa potrebbe coprire le attività di: - attività amministrativa di front e back office; - servizi generali (no magazzino e logistica). _ - altre eventuali che non fossero strettamente dipendenti dalle attività operative specifiche.

6 tegistro: PROTOCOLLO I Prot.: [A] del: 26/06/2012 T aie soluzione potrebbe garantire che le attività di supporto non propriamente core risultino comunque coperte daua tariffa, delegando la parte variabile ad attività più operative: Q61: domestica, agrozootecnica, industriale, servizi e commercio Q62: risultano difficilmente misurabili i flussi ave si abbia sovrapposizione di clienti elo tipologia di utilizzo diverso della risorsa da parte di un unico soggetto. Un'industria utilizza acqua sia a fini prettamente produttivi, sia per ragioni igieniche, quindi domestiche. Ma, molto spesso, vi è un unico contatore, con un'unica rete interna. E sullo scarico si manifesta analoga differenziazione. Formalmente dovrebbe essere confezionata una bolletta costituita da 3 servizi, cic$cuno dei quali distinto a sua volta (tramite volumi specifici) sulla destinazione d'uso della risorsa, e, infine, ripartendo queste note tra costi fissi e costi variabili..

Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze maturate dalle Autorità di Regolazione locale e dai gestori del S.I.I. dell Emilia Romagna

Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze maturate dalle Autorità di Regolazione locale e dai gestori del S.I.I. dell Emilia Romagna Le proposte di A.E.E.G.S.I. sulle tariffe di fognatura e depurazione dei reflui industriali autorizzati in fognatura. Il punto di vista di A.T.E.R.S.I.R. Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze

Dettagli

1) DETERMINAZIONE DEGLI IMPORTI RELATIVI AL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO FATTURATI DA CIASCUN GESTORE

1) DETERMINAZIONE DEGLI IMPORTI RELATIVI AL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO FATTURATI DA CIASCUN GESTORE RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL FILE DI CALCOLO DELLA RESTITUZIONE DELLA REMUNERAZIONE DI CAPITALE RELATIVA AL PERIODO 21/07/2011-31/12/2011 (DELIBERAZIONE AEEG N.273/2013/R/IDR DEL 25/06/2013). GESTORE

Dettagli

Il servizio idrico e relativi scenari

Il servizio idrico e relativi scenari Il servizio idrico e relativi scenari Milano, 26 Novembre 2013 Silvio Bosetti Direttore Generale Fondazione EnergyLab Fondazione EnergyLab Fondazione EnergyLab Fondazione EnergyLab SPESA MEDIA ANNUA (rapporto

Dettagli

Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia

Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia Alberto Biancardi Genova, 18 gennaio 2013 Autorità per l energia elettrica e il gas 1 Gli obiettivi dell Autorità Fornire corretti incentivi

Dettagli

Qualità, investimenti e sostenibilità finanziaria: un equilibrio da trovare nella regolazione a vent anni della riforma Galli

Qualità, investimenti e sostenibilità finanziaria: un equilibrio da trovare nella regolazione a vent anni della riforma Galli Seconda Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici Autorità Energia Elettrica e Gas Qualità, investimenti e sostenibilità finanziaria: un equilibrio da trovare nella regolazione a vent anni

Dettagli

Osservazioni dell ANEA al documento dell Aeeg del 28/02/2013 DCO 82/2013/R/COM

Osservazioni dell ANEA al documento dell Aeeg del 28/02/2013 DCO 82/2013/R/COM Osservazioni dell ANEA al documento dell AEEG del 28 febbraio 2013: Primi orientamenti in materia di obblighi di separazione contabile per gli esercenti i servizi idrici e in materia di revisione e semplificazione

Dettagli

8.1 PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E PIANO ECONOMICO

8.1 PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E PIANO ECONOMICO 8.1 PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E PIANO ECONOMICO Come già scritto nei capitoli precedenti, tra gli interventi da realizzare, dell importo complessivo di 460.000.000 euro, si è individuato alcuni

Dettagli

Osservazioni dell ANEA al documento dell AEEGSI DCO 299/2014/R/IDR

Osservazioni dell ANEA al documento dell AEEGSI DCO 299/2014/R/IDR Osservazioni dell ANEA al DCO 299/2014/R/idr dell AEEGSI del 19 giugno 2014 Definizione delle tariffe di collettamento e depurazione dei reflui industriali autorizzati in pubblica fognatura - Inquadramento

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IN PROVINCIA DI SONDRIO

INCONTRO INFORMATIVO IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IN PROVINCIA DI SONDRIO UFFICIO D'AMBITO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO INCONTRO INFORMATIVO IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IN PROVINCIA DI SONDRIO INTRODUZIONE Quadro normativo A LIVELLO NAZIONALE Legge Galli (L. 36/94)

Dettagli

WATER FUTURE. «Le prospettive per i servizi idrici in Italia»

WATER FUTURE. «Le prospettive per i servizi idrici in Italia» WATER FUTURE Conferenza internazionale «Le prospettive per i servizi idrici in Italia» Adolfo Spaziani, Federutility Il quadro normativo ambientale in Italia Il quadro normativo italiano in ambito ambientale,

Dettagli

PROGETTO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI AMBITO

PROGETTO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI AMBITO PROGETTO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI AMBITO Piano Economico Finanziario Novembre 2010 1. IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO 1.1 INTRODUZIONE Il presente piano presenta il dettaglio della programmazione del

Dettagli

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Direzione infrastrutture, unbundling e certificazione infrastrutture@autorita.energia.it Milano, 4

Dettagli

Osservazioni e proposte

Osservazioni e proposte Consultazione pubblica per l adozione di provvedimenti tariffari in materia di servizi idrici documento 290/2012/R/IDR Il metodo tariffario transitorio Osservazioni e proposte Q1. Si condividono le proposte

Dettagli

CONSIDERAZIONI E OSSERVAZIONI AL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 22 MAGGIO 2012 204/2012/R/idr

CONSIDERAZIONI E OSSERVAZIONI AL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 22 MAGGIO 2012 204/2012/R/idr CONSIDERAZIONI E OSSERVAZIONI AL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 22 MAGGIO 2012 204/2012/R/idr PREMESSA L esito referendario del 12 e 13 giugno 2011 ha determinato l abrogazione parziale dell art. 154, comma

Dettagli

RELAZIONE ACCOMPAGNATORIA

RELAZIONE ACCOMPAGNATORIA RELAZIONE ACCOMPAGNATORIA In base a quanto stabilito nell art. 37.2 dell allegato A deliberazione n. 585//R/IDR, in accordo con il Consiglio di Bacino al fine di calcolare un coefficiente ϑ unico, in analogia

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys

Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys Le local italiane e il settore idrico. Gli investimenti e le performance delle imprese Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys Audizione nella 2 Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei

Dettagli

8. MODELLO GESTIONALE E PIANO ECONOMICO FINAN- ZIARIO

8. MODELLO GESTIONALE E PIANO ECONOMICO FINAN- ZIARIO Capitolo 8 Modello gestionale e Piano economico finanziario Luglio 2005 8. MODELLO GESTIONALE E PIANO ECONOMICO FINAN- ZIARIO 8.1 MODELLO GESTIONALE Si riporta di seguito il modello organizzativo gestionale

Dettagli

Ato del Piemonte 1,2 5 e 6

Ato del Piemonte 1,2 5 e 6 Ato del Piemonte 1,2 5 e 6 OSSERVAZIONI AL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE PUBBLICA PER L ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI TARIFFARI IN MATERIA DI SERVIZI IDRICI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS Giugno

Dettagli

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti-

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 29 settembre 2014 PREMESSA

Dettagli

TARIFFA D AMBITO Il ruolo del Comune nella tariffazione degli utenti con approvvigionamento autonomo da pozzi e nella tariffazione degli utenti che

TARIFFA D AMBITO Il ruolo del Comune nella tariffazione degli utenti con approvvigionamento autonomo da pozzi e nella tariffazione degli utenti che TARIFFA D AMBITO Il ruolo del Comune nella tariffazione degli utenti con approvvigionamento autonomo da pozzi e nella tariffazione degli utenti che scaricano acque reflue industriali in pubblica fognatura

Dettagli

OSSERVAZIONI AL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 204/2012/R/IDR Gestori della Provincia di Como

OSSERVAZIONI AL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 204/2012/R/IDR Gestori della Provincia di Como OSSERVAZIONI AL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 204/2012/R/IDR Gestori della Provincia di Como PREMESSA Le osservazioni di seguito riportate sono state elaborate e condivise dai seguenti soggetti Gestori

Dettagli

CAPITOLO 1. OBIETTIVI E STRUTTURA DEL PIANO DI AMBITO TOSCANO

CAPITOLO 1. OBIETTIVI E STRUTTURA DEL PIANO DI AMBITO TOSCANO CAPITOLO 1. OBIETTIVI E STRUTTURA DEL PIANO DI AMBITO TOSCANO 1.1 PREMESSA La Legge n. 36 del 1994, cosiddetta Legge Galli, fu promulgata a fronte della necessità di dare in Italia risposte ai problemi

Dettagli

PIANO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. UNIACQUE DOCUMENTO DI SINTESI

PIANO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. UNIACQUE DOCUMENTO DI SINTESI PIANO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. UNIACQUE DOCUMENTO DI SINTESI rev. 01 - gen. 2006 1 1 INQUADRAMENTO INQUADRAMENTO GENERALE GENERALE 22 OBIETTIVI

Dettagli

incontri con i cittadini per discutere insieme ed esprimere la propria opinione sulla gestione servizio idrico integrato

incontri con i cittadini per discutere insieme ed esprimere la propria opinione sulla gestione servizio idrico integrato incontri con i cittadini per discutere insieme ed esprimere la propria opinione sulla gestione servizio idrico integrato IL PERCORSO PARTECIPATO Da maggio ad ottobre si è svolto un percorso partecipato/istituzionale

Dettagli

5.1 Strategia. - una congrua qualità del servizio offerto ai clienti e ai cittadini, grazie alle "leve" investimenti e organizzazione;

5.1 Strategia. - una congrua qualità del servizio offerto ai clienti e ai cittadini, grazie alle leve investimenti e organizzazione; 5.1 Strategia Il piano economico-finanziario è la traduzione in termini monetari di scelte gestionali di varia natura (tecniche, organizzative, ecc.), ma non per questo esso è privo di propri indirizzi

Dettagli

Metodi tariffari a confronto

Metodi tariffari a confronto Energia Elettrica Gas - Acqua APPUNTI DI REGOLAZIONE TARIFFARIA Energia Elettrica Gas Acqua Giorgia Ronco 1 Giugno 2012 Energia Elettrica Gas - Acqua Informazioni sull autrice: Giorgia Ronco, dott. ing.

Dettagli

DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti

DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 dicembre 2012 Pagina 1 di 7 PREMESSA

Dettagli

4. IL MODELLO GESTIONALE ED ORGANIZZATIVO

4. IL MODELLO GESTIONALE ED ORGANIZZATIVO A.T.O. n. 3 Marche Centro - Macerata Piano d Ambito provvisorio 4. IL MODELLO GESTIONALE ED ORGANIZZATIVO 4.1 Gli obiettivi del modello gestionale La definizione del Modello gestionale ha un duplice obiettivo:

Dettagli

Il Metodo Tariffario Transitorio secondo la delibera AEGG n.585 del 28 dic 2012

Il Metodo Tariffario Transitorio secondo la delibera AEGG n.585 del 28 dic 2012 Il Metodo Tariffario Transitorio secondo la delibera AEGG n.585 del 28 dic 2012 La regolazione del servizio idrico integrato (SII), a partire dalla legge n. 36/94 (Legge Galli) e in gran parte confermata

Dettagli

I servizi idrici integrati in Italia. Roma, 27 marzo 2014

I servizi idrici integrati in Italia. Roma, 27 marzo 2014 I servizi idrici integrati in Italia Roma, 27 marzo 2014 I servizi idrici integrati 2 2 Dati caratteristici del settore Acqua fatturata: 5,5 miliardi m 3 Reti acquedotto: 490.000 km Reti fognarie: 450.000km

Dettagli

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO 1 INDICE 1. INQUADRAMENTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO... 3 1.1 RICOGNIZIONE... 7 1.2 LIVELLI DI SERVIZIO... 9 1.3 AREE CRITICHE E PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI...

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 31 GENNAIO 2013 38/2013/R/IDR AVVIO DI PROCEDIMENTO PER LA RESTITUZIONE AGLI UTENTI FINALI DELLA COMPONENTE TARIFFARIA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO RELATIVA ALLA REMUNERAZIONE DEL CAPITALE,

Dettagli

TIPOLOGIA DEGLI INVESTIMENTI

TIPOLOGIA DEGLI INVESTIMENTI I INDICE 1. PREMESSA 1 2. TIPOLOGIA DEGLI INVESTIMENTI 2 1 1. PREMESSA Il presente elaborato contiene l aggiornamento del conseguente alla revisione triennale del Piano d Ambito prevista dal D.M. 01/08/1996.

Dettagli

La gestione delle risorse idriche a uso idropotabile

La gestione delle risorse idriche a uso idropotabile Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Aerospaziale Università di Palermo La gestione delle risorse idriche a uso idropotabile Prof.Ing.Gaspare Viviani gviv@idra.unipa.it LA NORMATIVA SUL GOVERNO

Dettagli

MEMORIA 11 DICEMBRE 2014 604/2014/I

MEMORIA 11 DICEMBRE 2014 604/2014/I MEMORIA 11 DICEMBRE 2014 604/2014/I DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA AMBIENTALE PER PROMUOVERE MISURE DI GREEN ECONOMY E PER IL CONTENIMENTO DELL USO ECCESSIVO DI RISORSE NATURALI (AS 1676)

Dettagli

Regolazione, ges-one e innovazione nei servizi pubblici locali. Giancarlo Corò corog@unive.it

Regolazione, ges-one e innovazione nei servizi pubblici locali. Giancarlo Corò corog@unive.it Regolazione, ges-one e innovazione nei servizi pubblici locali Giancarlo Corò corog@unive.it Corso Invitalia 'Poli-che per lo sviluppo del territorio Roma, 24 25 febbraio 2011 Sommario 1. Servizi Pubblici

Dettagli

Il ruolo delle imprese alla luce della riforma dei servizi pubblici locali. Rischi ed opportunità legati all apertura del mercato.

Il ruolo delle imprese alla luce della riforma dei servizi pubblici locali. Rischi ed opportunità legati all apertura del mercato. Il ruolo delle imprese alla luce della riforma dei servizi pubblici locali. Rischi ed opportunità legati allapertura del mercato. Sintesi a cura di Eros Organni erosorganni@finanzaperleinfrastrutture.it

Dettagli

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini FORUM PA - 18 maggio 2010 Carlo Crea - Segretariato generale Autorità per l'energia elettrica e il

Dettagli

LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO

LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO MANUALE DI GESTIONE Gruppo di lavoro Gestione impianti di depurazione Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Coordinatore: Carlo Collivignarelli

Dettagli

Piano Programma delle attività per l anno 2015 con Bilancio economico di previsione anno 2015

Piano Programma delle attività per l anno 2015 con Bilancio economico di previsione anno 2015 Piano Programma delle attività per l anno 2015 con Bilancio economico di previsione anno 2015 Con la legge regionale 27 dicembre 2010 n. 21 Modifiche alla legge regionale 12 dicembre 2003, n. 26 (Disciplina

Dettagli

QUANTIFICAZIONE E RICONOSCIMENTO DELLE PARTITE PREGRESSE ANNO 2011

QUANTIFICAZIONE E RICONOSCIMENTO DELLE PARTITE PREGRESSE ANNO 2011 Consiglio di Bacino dell Ambito Bacchiglione Sede legale: via Palladio, 128 fraz. Novoledo 36030 Villaverla (VI) Sede operativa: Corso Stati Uniti, 14/D 35127 PADOVA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AI SENSI

Dettagli

6. IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO

6. IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO 6. IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO 6.1 Le ipotesi alla base del Piano economico-finanziario Il Piano economico-finanziario risponde a due esigenze fondamentali: - completare il processo di pianificazione

Dettagli

III Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici

III Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici Autorità per l energia elettrica, il gas ed il sistema idrico III Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici AUDIZIONE DI FEDERUTILITY Milano, 24 novembre 2014 Dopo due decenni caratterizzati

Dettagli

2015 VRG 4.648.065 θcalcolato 1,898. θ da applicare all utenza nei limiti previsti dall art. 9.3 dell Allegato A alla Deliberazione n.

2015 VRG 4.648.065 θcalcolato 1,898. θ da applicare all utenza nei limiti previsti dall art. 9.3 dell Allegato A alla Deliberazione n. ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. C.F. 00347000721 - Deliberazione n. 17/14 dell Amministratore Unico Approvazione degli incrementi tariffari ai sensi della Deliberazione AEEGSI n. 643/2013/R/IDR del 27 dicembre

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 23 APRILE 2015 189/2015/R/IDR APPROVAZIONE DELLO SPECIFICO SCHEMA REGOLATORIO, RECANTE LE PREDISPOSIZIONI TARIFFARIE PER GLI ANNI 2014 E 2015, PROPOSTO DALL ENTE D AMBITO AQUILANO L AUTORITÀ

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 12 FEBBRAIO 2015 50/2015/R/IDR APPROVAZIONE DELLO SPECIFICO SCHEMA REGOLATORIO, RECANTE LE PREDISPOSIZIONI TARIFFARIE PER GLI ANNI 2014 E 2015, PROPOSTO DALL ATO 3 PELIGNO ALTO SANGRO L AUTORITÀ

Dettagli

Piano Industriale 2015 2018 Sintesi

Piano Industriale 2015 2018 Sintesi Piano Industriale 2015 2018 Sintesi Overview Chi siamo Acquedotto Pugliese S.p.A. (AQP) nasce dalla trasformazione in società per azioni dell Ente Autonomo Acquedotto Pugliese (E.A.A.P.), ai sensi del

Dettagli

comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015

comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015 comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015 Il Gruppo Hera approva i risultati al 31/12/2014 L anno si chiude con tutti i principali valori in crescita, migliorando la performance positiva dei trimestri precedenti.

Dettagli

Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione

Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione Il piano industriale deve contenere il flusso di cassa operativo secondo lo schema A1. La Commissione verifica la congruità del piano

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 17 LUGLIO 2014 349/2014/R/IDR APPROVAZIONE DEGLI SPECIFICI SCHEMI REGOLATORI, RECANTI LE PREDISPOSIZIONI TARIFFARIE PER GLI ANNI 2014 E 2015, PROPOSTI DAL CONSIGLIO DI BACINO VERONESE L AUTORITÀ

Dettagli

CONTRIBUTO IN3ACT ENERGY ALLA CONSULTAZIONE PER L ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI TARIFFARI IN MATERIA DI SERVIZI IDRICI

CONTRIBUTO IN3ACT ENERGY ALLA CONSULTAZIONE PER L ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI TARIFFARI IN MATERIA DI SERVIZI IDRICI CONTRIBUTO IN3ACT ENERGY ALLA CONSULTAZIONE PER L ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI TARIFFARI IN MATERIA DI SERVIZI IDRICI Da una prima lettura del documento di consultazione si evince che, accanto ad alcune novità,

Dettagli

Email: servizi-idrici@autorita.energia.it Perugia, 22 giugno 2012

Email: servizi-idrici@autorita.energia.it Perugia, 22 giugno 2012 Sede di Perugia Coordinamento Regionale per l Umbria Email: servizi-idrici@autorita.energia.it Perugia, 22 giugno 2012 Spett.le AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Ufficio speciale Tariffe e Qualità

Dettagli

Ordine Ingegneri di Bergamo SOTTOCOMMISSIONE CICLO INTEGRATO DELL ACQUA I INCONTRO

Ordine Ingegneri di Bergamo SOTTOCOMMISSIONE CICLO INTEGRATO DELL ACQUA I INCONTRO Ordine Ingegneri di Bergamo COMMISSIONE IDRAULICA E TERRITORIO SOTTOCOMMISSIONE CICLO INTEGRATO DELL ACQUA PROPOSTA DI DIBATTITO IN COMMISSIONE FORMAZIONE DI UNO SPORTELLO INFORMATIVO E DIVULGATIVO I INCONTRO

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Modelli di regolazione per un «monopolio naturale»

Modelli di regolazione per un «monopolio naturale» Modelli di regolazione per un «monopolio naturale» L assetto del SII dopo il decreto 214/2011 AATO Definizione del piano e della tariffa del SII; Affidamento ad uno o più gestori; Controllo sulla realizzazione

Dettagli

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 Comune di Livorno D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 1 Il nuovo Ciclo di Programmazione Programma di governo (locale) Finalità Politiche Programmi/Progetti Obiettivi di gestione Indirizzi di finanza

Dettagli

Convegno Federconsumatori Toscana. Al centro i cittadini. Equità, tutela e partecipazione nei servizi pubblici locali

Convegno Federconsumatori Toscana. Al centro i cittadini. Equità, tutela e partecipazione nei servizi pubblici locali Al centro i cittadini. Equità, tutela e partecipazione nei servizi pubblici locali Firenze, 12 aprile 2011 Auditorium Monte dei Paschi di Siena Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA Pagina

Dettagli

ATTO INTEGRATIVO MODIFICA DELL ART. 6 FINANZIAMENTO DELLE OPERE E ADESIONE DI UNIACQUE S.P.A.

ATTO INTEGRATIVO MODIFICA DELL ART. 6 FINANZIAMENTO DELLE OPERE E ADESIONE DI UNIACQUE S.P.A. Ufficio d Ambito Provincia di Bergamo Via Ermete Novelli, 11 24122 Bergamo Tel. 035-211419 Fax 0354179613 C.F. 95190900167 ATTO INTEGRATIVO MODIFICA DELL ART. 6 FINANZIAMENTO DELLE OPERE E ADESIONE DI

Dettagli

Deliberazione n. 11/pareri/2007

Deliberazione n. 11/pareri/2007 Deliberazione n. 11/pareri/2007 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Donato Maria

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 22 GENNAIO 2015 13/2015/R/IDR APPROVAZIONE DELLO SPECIFICO SCHEMA REGOLATORIO, RECANTE LE PREDISPOSIZIONI TARIFFARIE PER GLI ANNI 2014 E 2015, PROPOSTO DALL UFFICIO D AMBITO DI COMO L AUTORITÀ

Dettagli

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA LOMBARDIA. Sezione Terza udienza del 19 marzo 2009 ATTO DI COSTITUZIONE DEL CONTROINTERESSATO NEL GIUDIZIO

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA LOMBARDIA. Sezione Terza udienza del 19 marzo 2009 ATTO DI COSTITUZIONE DEL CONTROINTERESSATO NEL GIUDIZIO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA LOMBARDIA Sezione Terza udienza del 19 marzo 2009 ATTO DI COSTITUZIONE DEL CONTROINTERESSATO NEL GIUDIZIO DAVANTI AL TAR (art. 22 comma 1 L. TAR) di SAGI S.n.c.,

Dettagli

COMUNE DI PODENZANA. Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO. Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche

COMUNE DI PODENZANA. Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO. Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche COMUNE DI PODENZANA Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche In aree non servite da pubblica fognatura Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

Conferenza dei Comuni dell ATO della Provincia di Milano 14 maggio 2013

Conferenza dei Comuni dell ATO della Provincia di Milano 14 maggio 2013 Conferenza dei Comuni dell ATO della Provincia di Milano 14 maggio 2013 OGGETTO: Presentazione punto 2 dell ordine del Giorno Presa d atto delle determinazioni per l applicazione della Tariffa 2013 del

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Spett.le Autorità per l energia elettrica, il gas e il sistema idrico - Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione e Direzione Mercati Piazza Cavour 5 20121 Milano Milano, 1 Giugno 2015 Osservazioni

Dettagli

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato La tariffa dell acqua Il D.L. n.201/2011, convertito nella Legge n. 214/2011, ha disposto il passaggio delle competenze relative alla regolazione

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Obiettivi e struttura della ricerca

Obiettivi e struttura della ricerca GLI INCONTRI SULLA REGOLAZIONE DEI SERVIZI IDRICI PRIMA EDIZIONE La regolazione del servizio idrico integrato come regolazione per contratto SECONDA SESSIONE - 29 novembre 2005 Uno schema interpretativo

Dettagli

La redazione del piano d ambito Casi ed esperienze pratiche. Area Pianificazione e Controllo - Autorità Idrica Toscana Pisa -Venerdì 24 Aprile 2015

La redazione del piano d ambito Casi ed esperienze pratiche. Area Pianificazione e Controllo - Autorità Idrica Toscana Pisa -Venerdì 24 Aprile 2015 La redazione del piano d ambito Casi ed esperienze pratiche Area Pianificazione e Controllo - Autorità Idrica Toscana Pisa -Venerdì 24 Aprile 2015 Indice Premessa Il Piano di Ambito Attività propedeutiche

Dettagli

La regolazione del Servizio Idrico Integrato tra Ambiti Locali e Autorità Nazionale

La regolazione del Servizio Idrico Integrato tra Ambiti Locali e Autorità Nazionale La regolazione del Servizio Idrico Integrato tra Ambiti Locali e Autorità Nazionale Presidente ANEA Marisa Abbondanzieri Pagina 1 di 6 Saluti a tutti voi che avete raccolto l invito di oggi, gentili ospiti

Dettagli

Consultazione pubblica per l adozione di provvedimenti tariffari in materia di servizi idrici

Consultazione pubblica per l adozione di provvedimenti tariffari in materia di servizi idrici Consultazione pubblica per l adozione di provvedimenti tariffari in materia di servizi idrici Documento per la consultazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas 1 marzo 2012, 74/2012/R/IDR Osservazioni

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 17 OTTOBRE 2013 459/2013/R/IDR INTEGRAZIONE DEL METODO TARIFFARIO TRANSITORIO DEI SERVIZI IDRICI NONCHÉ DELLE LINEE GUIDA PER L AGGIORNAMENTO DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO L AUTORITÀ PER

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CONSIGLIO LOCALE PER LA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA sede - Provincia di Reggio Emilia - via Guido da Castello, n. 13-42121 REGGIO

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART

SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART PAS 16/11 SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART. 7 DEL DECRETO-LEGGE 13 AGOSTO 2011, N. 138 NEI SETTORI DELL ENERGIA

Dettagli

Le simulazioni della riforma sui gestori toscani

Le simulazioni della riforma sui gestori toscani Le simulazioni della riforma sui gestori toscani Il Metodo tariffario AEEG: il futuro degli investimenti nel servizio idrico Seminario ANEA, Roma 19 dicembre 2012 Indice I principali aspetti del Metodo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 10 a Commissione (Industria, commercio, turismo)

SENATO DELLA REPUBBLICA 10 a Commissione (Industria, commercio, turismo) SENATO DELLA REPUBBLICA 10 a Commissione (Industria, commercio, turismo) Affare assegnato sull aggiornamento delle linee guida in materia di certificati bianchi (ATTO N.611) Audizione 2 ottobre 2015 Osservazioni

Dettagli

Figura 1. Schema metodologia integrata

Figura 1. Schema metodologia integrata Metodologia per la stima dei fabbisogni in agricoltura a cura dell'università degli Studi di Firenze (Centro Interdipartimentale di Bioclimatologia) Il calcolo dei fabbisogni idrici delle principali colture

Dettagli

IL GOVERNO DELLE ACQUE DEL VENETO. Il ruolo delle Autorità d Ambito e dei Servizi Idrici Integrati nella gestione delle reti di fognatura

IL GOVERNO DELLE ACQUE DEL VENETO. Il ruolo delle Autorità d Ambito e dei Servizi Idrici Integrati nella gestione delle reti di fognatura IL GOVERNO DELLE ACQUE DEL VENETO Venerdì 23 MARZO 2012 Rovigo - Aula Magna del Consorzio Universitario Rovigo Il ruolo delle Autorità d Ambito e dei Servizi Idrici Integrati nella gestione delle reti

Dettagli

La Strategia Energetica Nazionale

La Strategia Energetica Nazionale La Strategia Energetica Nazionale La nuova Strategia Energetica Nazionale, diffusa a fini di consultazione pubblica, individua quattro obiettivi principali per il sistema energetico italiano: 1) Ridurre

Dettagli

DCO 237/2013/R/GAS Criteri per la determinazione delle tariffe per il servizio di rigassificazione di Gnl per il quarto periodo di regolazione

DCO 237/2013/R/GAS Criteri per la determinazione delle tariffe per il servizio di rigassificazione di Gnl per il quarto periodo di regolazione DCO 237/2013/R/GAS Criteri per la determinazione delle tariffe per il servizio di rigassificazione di Gnl per il quarto periodo di regolazione Commenti e proposte Anigas Milano, 28 giugno 2013 1 Premessa

Dettagli

DCO AEEGSI 605/2015/R/EEL,

DCO AEEGSI 605/2015/R/EEL, Spettabile Autorità per l Energia Elettrica il Gas ed il Sistema Idrico Piazza Cavour, 5 20121 - Milano Alla cortese attenzione di: Dipartimento per la regolazione regolazione@autorita.energia.it Milano,

Dettagli

E-mobility Posizione ANIE presentata al Ministero Infrastrutture e Trasporti

E-mobility Posizione ANIE presentata al Ministero Infrastrutture e Trasporti Federazione ANIE, seconda organizzazione del sistema confindustriale per peso e rappresentatività, rappresenta tutta l industria Elettrotecnica ed Elettronica, con un fatturato aggregato a fine 2011 di

Dettagli

Servizio Idrico in Regione Lombardia e ruolo delle Associazioni dei Consumatori. Attuazione carta della qualità dei servizi.

Servizio Idrico in Regione Lombardia e ruolo delle Associazioni dei Consumatori. Attuazione carta della qualità dei servizi. Servizio Idrico in Regione Lombardia e ruolo delle Associazioni dei Consumatori Attuazione carta della qualità dei servizi Alberto Hrobat 23 Febbraio 2011 Il servizio idrico integrato nel Gruppo A2A pag.

Dettagli

RELAZIONE LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEL RAPPORTO SOSEL OUTSOURCING

RELAZIONE LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEL RAPPORTO SOSEL OUTSOURCING RELAZIONE LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEL RAPPORTO SOSEL OUTSOURCING C è un imperativo da cui non può prescindere chiunque svolga un attività economica ed è la formazione professionale continua.

Dettagli

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci [3] L approccio dei flussi di cassa l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di

Dettagli

Moores Rowland Bompani

Moores Rowland Bompani Tel. 02 4986350-357 Fax 02 4818143 milano@bompaniaudit.com www.bompaniaudit.com VIAREGGIO PATRIMONIO S.R.L. Viareggio (LU) Relazione della Società di Revisione sul Bilancio dell'esercizio chiuso al 31

Dettagli

GUIDA FACILE alla lettura della bolletta

GUIDA FACILE alla lettura della bolletta GUIDA FACILE alla lettura della bolletta Facciamo i conti al Servizio Idrico Integrato Tutti ricevono periodicamente la bolletta dell acqua o pagano questo servizio nelle spese di un condominio. Ma quale

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 22 GENNAIO 2015 12/2015/R/IDR APPROVAZIONE DEGLI SPECIFICI SCHEMI REGOLATORI, RECANTI LE PREDISPOSIZIONI TARIFFARIE PER GLI ANNI 2014 E 2015, PROPOSTI DAL CONSIGLIO DI BACINO LAGUNA DI VENEZIA

Dettagli

TEMI DI DISCIPLINE GIURIDICHE

TEMI DI DISCIPLINE GIURIDICHE TEMI DI DISCIPLINE GIURIDICHE Tema n. 1: Dopo aver brevemente illustrato i presupposti soggettivi del fallimento, il candidato si soffermi, in particolare, sulle problematiche attinenti: - al fallimento

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 16 Marzo 2015 Spett.le Autorità per l energia elettrica, il gas e il sistema idrico Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 34/2015/R/eel

Dettagli

Gare gas, quanto pesa in bolletta il divario sul valore delle reti

Gare gas, quanto pesa in bolletta il divario sul valore delle reti Gare gas, quanto pesa in bolletta il divario sul valore delle reti Analisi della società di consulenza Sciara Negli ultimi anni uno dei temi più complicati per l'avvio delle gare d'ambito per il servizio

Dettagli

EVOLUZIONE DEL METODO TARIFFARIO PER IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

EVOLUZIONE DEL METODO TARIFFARIO PER IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO EVOLUZIONE DEL METODO TARIFFARIO PER IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Dal Metodo Tariffario Normalizzato al Nuovo Metodo Transitorio A.E.E.G. Commissione Consiliare Comune di Genova 28 novembre 2012 IL METODO

Dettagli

Investimenti e sviluppo delle imprese operanti sui servizi a rete Catia Tomasetti Vice Presidente Utilitalia

Investimenti e sviluppo delle imprese operanti sui servizi a rete Catia Tomasetti Vice Presidente Utilitalia Investimenti e sviluppo delle imprese operanti sui servizi a rete Catia Tomasetti Vice Presidente Utilitalia Milano, 7 ottobre 2015 Investimenti Solidarietà Futuro Efficientamento Aggregazioni Innovazione

Dettagli

COMMISSIONI RIUNITE FINANZE E ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI

COMMISSIONI RIUNITE FINANZE E ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI COMMISSIONI RIUNITE FINANZE E ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI Disegno di legge recante Legge Annuale per il Mercato e la Concorrenza (AC 3012) Memoria Anigas Anigas, Associazione

Dettagli

Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO

Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO DMEG Direzione Mercati mercati@autorita.energia.it Milano, 10 febbraio 2015 Oggetto: DCO 644/2014/R/EEL,

Dettagli

LA REVISIONE TARIFFARIA NELL AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE CHIETINO

LA REVISIONE TARIFFARIA NELL AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE CHIETINO LA REVISIONE TARIFFARIA NELL AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE CHIETINO Il Commissario Unico Straordinario Ing. Pierluigi Caputi Gruppo tecnico di lavoro ATO Ing. Pasquale Calvarese Coordinatore ATO 5 Dr. Angelo

Dettagli

INDICE DISPOSIZIONI GENERALI. Definizioni e normativa di riferimento Autorizzazione allo scarico Presentazione della domanda Durata del procedimento

INDICE DISPOSIZIONI GENERALI. Definizioni e normativa di riferimento Autorizzazione allo scarico Presentazione della domanda Durata del procedimento Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche in aree non servite da pubblica fognatura (Approvato con deliberazione n.140/cc del 29.11.2004) INDICE CAPO I Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

Assemblea degli Azionisti. Genova, 24 Aprile 2007

Assemblea degli Azionisti. Genova, 24 Aprile 2007 Assemblea degli Azionisti Genova, 24 Aprile 2007 2 INDICE MEDITERRANEA IN BREVE Struttura societaria e Azionisti Evoluzione EBITDA e Fatturato per Attività Risultati 2006 Consolidati Capitale Investito

Dettagli