CONTABILITA GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTABILITA GENERALE"

Transcript

1 CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione Definizione. Le scritture di gestione consistono nella rilevazione contabile di operazioni aziendali, relative alla gestione caratteristica (tipici fatti esterni di gestione) ed extracaratteristica, poste in essere in un periodo amministrativo (esercizio). Le scritture di gestione sono rilevate secondo il duplice aspetto numerario ed economico 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 2

2 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento dei debiti; C. scritture relative alle vendite di beni e servizi; D. regolamento dei crediti; E. scritture relative al lavoro dipendente e autonomo; F. scritture relative all ottenimento di capitale di terzi; G. scritture relative ai fatti straordinari; scritture relative agli investimenti finanziari (escluso dal programma); scritture relative alle imposte dirette e indirette (escluso dal programma). 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 3 A. Scritture relative agli acquisti Le scritture relative agli acquisti si riferiscono a quella parte di spese sostenute dall azienda (costi) per acquisire beni e servizi, utili al normale svolgimento dell attività. Si differenziano due tipi di beni e servizi (fattori produttivi) per le operazioni di acquisto: fattori produttivi a fecondità semplice (costi d esercizio). Esauriscono la loro utilità in un unico ciclo produttivo. Esempio: merci, materie prime, semilavorati, servizi commerciali, ecc.; fattori produttivi a fecondità ripetuta (costi pluriennali). Cedono la loro utilità in più cicli produttivi e si svolgono in diversi periodi amministrativi. Ne sono esempi le immobilizzazioni materiali e immateriali, come: impianti, macchinari, fabbricati, automezzi, brevetti, campagne pubblicitarie di lungo periodo, ecc. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 4

3 Scritture relative agli acquisti Processo di acquisto. Asse del tempo (T n ) T 1 T 2 T 3 T 4 Primo contatto con il fornitore Contrattazione Conclusione accordo Acquisto (Liquidazione * ) Documentazione (Fattura, ricevuta fiscale, ecc.) Contabilizzazione in Partita Doppia (Rilevazione del costo, dell eventuale Iva a credito e del relativo debito verso il fornitore) Consegna Merci o prestazione di servizi Pagamento (Regolamento del debito) Documentazione (Ricevuta di pagamento) Contabilizzazione (Uscita di denaro e relativa diminuzione del debito verso il fornitore) Alcune, o tutte, di queste fasi possono coincidere in un unico momento oppure articolarsi in ulteriori momenti. *Liquidazione: procedimento di definizione di un rapporto patrimoniale che ne stabilisce l'importo in denaro. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 5 Scritture relative agli acquisti Le operazioni contabili di acquisto prendono origine da documenti, quali: fatture di acquisto (generano la rilevazione dell IVA, se si tratta di operazioni imponibili). ricevute fiscali o scontrini fiscali; altri documenti formali o ricevute di pagamento. Fattura documento formale caratterizzante le operazioni in regime IVA; documento alla base delle rilevazioni contabili. SOLO ATTRAVERSO LA FATTURA E POSSIBILE RILEVARE L IVA La fattura può essere: di vendita (operazione attiva); di acquisto (operazione passiva); immediata accompagnatoria, se emessa simultaneamente alla consegna delle merci; differita, quando emessa ed inviata successivamente alla consegna delle merci. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 6

4 Scritture relative agli acquisti Le fatture di acquisto mettono in evidenza le seguenti componenti: imponibile (costo d acquisto della merce, al netto dell IVA e di eventuali sconti); aliquota IVA, espressa in valori percentuali; imposta (IVA), calcolata sul costo di acquisto, che rappresenta un credito verso l Erario; debito nei confronti del fornitore ( fattura: Costo di acquisto netto + IVA); data e numero della fattura; descrizione dell operazione di acquisto; informazioni sul fornitore. L autofattura è emessa, in casi particolari stabili dalla normativa IVA, dal soggetto che acquista il bene: se non riceve fattura entro quattro mesi dall operazione di vendita; se acquista da un soggetto privo di rappresentanza fiscale nel mercato nazionale. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 7 Scritture relative agli acquisti Calcolo dell IVA (Imposta sul Valore Aggiunto): Aliquota IVA = 20% (aliquota ordinaria) Imponibile = costo di acquisto delle merci (al netto di eventuali sconti e al netto dell IVA) Imposta (IVA) = Imponibile * Aliquota IVA/100 fattura = Imponibile + Imposta oppure fattura = Imponibile * (1 + Aliquota IVA/100) Esempio calcolo dell IVA: acquistate merci per euro, aliquota Iva al 20%. Aliquota IVA = 20% Imponibile = euro Imposta (IVA) = * 0,2 = 200,00 euro fattura = + 200,00 = euro oppure fattura = * 1,2 = euro 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 8

5 Scritture relative agli acquisti Scorporo dell IVA: Partendo da una situazione in cui si conosce il totale fattura e l aliquota IVA: Imponibile = Fattura / (1 + Aliquota IVA/100) IVA = fattura Imponibile Esempio scorporo dell IVA: fattura = euro Aliquota IVA = 20% Imponibile = / 1,2 = euro Imposta (IVA) = = 200,00 euro 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 9 Scritture relative agli acquisti Regola. Dal punto di vista contabile, l operazione di acquisto, documentata da fattura, si scompone in due momenti diversi (contabilizzazione separata): ricevimento della fattura e relativa contabilizzazione (liquidazione). Nel primo stadio si rileva: una Variazione Economica Negativa che riporta in un costo; una Variazione Numeraria Attiva che riporta in un credito IVA (nel caso di operazione imponibile IVA); una Variazione Numeraria Passiva rappresentata in da un aumento di debiti nei confronti del fornitore; pagamento (regolamento del debito). In questo secondo momento la registrazione contabile prevede: una Variazione Numeraria Attiva (in ) relativa alla riduzione o all annullamento del debito nei confronti del fornitore; una Variazione Numeraria Passiva (uscita di denaro in ) relativa al pagamento del debito. La contabilizzazione separata è opportuna anche quando l acquisto di un bene e il relativo pagamento avvengono nello stesso momento temporale 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 10

6 Scritture relative agli acquisti Motivazioni e vantaggi nell uso della tecnica di contabilizzazione separata: i documenti originari di ogni articolo, relativi alla liquidazione e al pagamento, sono differenti; la rilevazione del debito verso i fornitori consente di conoscere la posizione debitoria dell impresa in ogni momento dell anno; la contabilizzazione sistematica del debito permette di controllare il volume di acquisti realizzato con ciascun fornitore in un anno; l organizzazione in azienda, generalmente, distingue le attività relative ai due momenti. Risulta efficiente, quindi, differenziare le due fasi anche contabilmente; il momento temporale in cui sorge il debito e quello del relativo pagamento può essere diverso. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 11 Scritture relative agli acquisti. Normativa IVA Non tutte le operazioni di compravendita prevedono la rilevazione dell Iva. In base alla normativa, infatti, si distinguono quattro tipologie di operazioni di acquisto o di vendita: Tipologia Obblighi Causa Operazioni tipiche Operazioni imponibili Iva Fatturazione Applicazione dell imposta Registrazione su libri IVA Tassazione delle transazioni (Entrate dello Stato sul Valore Aggiunto. Imposta Indiretta) Cessioni di beni e prestazioni di servizi (acquisto e vendita) sul mercato nazionale Importazioni Operazioni non imponibili Fatturazione Registrazione su libri Iva Non si applica l IVA allo scopo di evitare la duplice tassazione Esportazioni (nelle operazioni di vendita) e operazioni assimilabili Operazioni esenti Fatturazione Registrazione su libri Iva Non si applica l IVA per ragioni sociali Operazioni di credito Finanziamento Assicurazione, ecc. Operazioni escluse Nessun obbligo Operazioni al di fuori del regime di applicazione IVA Cessione di denaro Cessione d azienda Diritti d autore, ecc. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 12

7 Scritture relative agli acquisti Presentiamo ora le scritture contabili, distinguendo i seguenti gruppi di operazioni di acquisto: 1. acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice (costi d esercizio); 2. acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta (costi pluriennali); 3. Operazioni di rettifica su acquisti (rettifica dei costi); - acquisti di beni e sevizi nel mercato internazionale (escluso dal programma). 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice Si distinguono: a) beni materiali (materie prime, merci, ecc.); b) servizi (beni economici non materiali). a) Le scritture relative agli acquisti di beni materiali possono essere distinte in base all applicazione della normativa IVA in: i. acquisti di beni soggetti ad IVA (operazioni imponibili); ii. acquisti di beni non imponibili IVA; iii. acquisti esclusi dalla disciplina IVA (operazioni esenti ed escluse); iv. acquisto di beni soggetti ad IVA non rimborsabile; v. autofatturazione. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 14

8 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di beni materiali a) Piano dei conti utilizzato nelle operazioni di acquisto di beni materiali Conti Economici di reddito, accesi ai costi d esercizio, per identificare, in, il costo di acquisto di beni materiali (Variazione Economica Negativa) Materie prime c/acquisti Merci c/acquisti Semilavorati c/acquisti Materie sussidiarie c/acquisti Conti Numerari assimilati, per identificare, in, i debiti di funzionamento (Variazione Numeraria Passiva) - debiti v/ fornitore x - debiti v/ fornitore y -ecc. Debiti v/imprese controllate Debiti v/imprese collegate Debiti v/controllanti Debiti v/professionisti Debiti diversi Conti Numerari assimilati, per rilevare, in, l IVA a credito (Variazione Numeraria Attiva) IVA ns/credito 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 15 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di beni materiali Esempio. In data 30/06/x, si acquistano merci da un fornitore, documentate da fattura n. 318, per euro, esclusa l Iva. i) Acquisti di beni soggetti ad IVA (operazioni imponibili) Merci c/acquisti IVA ns/credito 200,00 La scrittura presenta un fatto misto di gestione: una Variazione Economica Negativa, che viene iscritta in del conto Economico di Reddito Merci c/acquisti; una Variazione Numeraria Attiva, rappresentata dal credito verso lo Stato (Erario), che si iscrive in del conto IVA ns/credito; una Variazione Numeraria Passiva, rappresentata dall aumento dei debiti verso i fornitori, che si iscrive in del conto. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 16

9 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di beni materiali ii) Acquisti di beni non imponibili IVA Merci c/acquisti Si noti che la scrittura non contiene la rilevazione dell IVA. Rientrano in questa tipologia di scritture le importazioni dai Paesi esterni all UE. La scrittura rileva un fatto modificativo di gestione. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 17 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di beni materiali iii) Acquisti esclusi dalla disciplina IVA operazioni escluse ai fini IVA; operazioni per le quali non sussistono i presupposti per l applicabilità del regime IVA. Merci c/acquisti Debiti diversi Oppure, indifferentemente, nel caso di pagamento contestuale all acquisto (ad esempio, se si acquista da un privato): Merci c/acquisti Cassa 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 18

10 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di beni materiali iv) Acquisto di beni soggetti ad IVA non rimborsabile Merci c/acquisti Debiti diversi L imposta calcolata sull acquisto di beni non necessari al processo produttivo, non può essere considerata come credito verso l Erario, ma come maggior costo per l impresa. Il valore del conto Merci c/acquisti è, quindi, compreso IVA. (Nell esempio il valore del bene acquistato è di euro e l IVA è di 200,00 euro). 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 19 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di beni materiali v) Autofatturazione Merci c/acquisti IVA ns/credito IVA ns/debito 3.000,00 600, ,00 600, , ,00 L azienda emette autofattura e paga direttamente l IVA all Erario, anziché al fornitore, in sede di liquidazione Iva. Infatti, dopo la vendita della merce l Iva ritorna a debito. Il duplice passaggio e Iva ns/debito è necessario, in quanto l imposta risulta calcolata e rilevata nell autofattura. E, quindi, di rigore registrarla nelle scritture contabili. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 20

11 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di servizi b) Piano dei conti utilizzati nelle operazioni di acquisto di servizi Conti Economici di reddito, accesi ai costi d esercizio, per identificare, in, il costo di acquisto del servizio (Variazione Economica Negativa) Costi per servizi Spese di trasporto Lavorazioni esterne Consulenze tecniche Servizi di manutenzione Acqua, energia elettrica, gas Pubblicità, Promozione Servizi commerciali vari Servizi amministrativi, telefono Premi assicurativi, Fitti passivi Conti Numerari assimilati, per identificare, in, i debiti di funzionamento (Variazione Numeraria Passiva) - debiti v/ fornitore x - debiti v/ fornitore y - debiti v/ fornitore z - ecc. Debiti v/imprese controllate Debiti v/imprese collegate Debiti v/controllanti Debiti diversi Conti Numerari assimilati, per rilevare, in, l IVA a credito (Variazione Numeraria Attiva) IVA ns/credito 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 21 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di servizi b) Le scritture relative agli acquisti di servizi possono essere distinte: i) come per i beni materiali, in base all applicazione della normativa IVA: operazioni imponibili; operazioni non imponibili; operazioni esenti ed escluse; operazioni soggette ad Iva non rimborsabile; autofatturazione; ii) in servizi collegati alle operazioni di acquisto merci (spese di trasporto): spese sostenute dall acquirente merci; spese anticipate dal fornitore di merci e documentate con fattura di trasporto; spese addebitate a forfait, dal fornitore di merci, in fattura; iii) in servizi industriali (lavorazioni esterne, consulenze tecniche, manutenzione); iv) in servizi commerciali (provvigioni intermediari, pubblicità, ecc.); v) in servizi amministrativi (premi assicurativi, fitti passivi, telefono, ecc.). 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 22

12 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di servizi i) Scritture distinte in base alla normativa Iva A Titolo esemplificativo mostriamo solo i seguenti casi, in quanto sono analoghi alle scritture relative agli acquisti di beni materiali Acquisti di servizi soggetti ad IVA (operazioni imponibili) Costi per servizi 200,00 Acquisti di servizi non imponibili IVA, esenti ed esclusi Costi per servizi 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 23 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di servizi ii) Servizi collegati alle operazioni di acquisto merci Si possono distinguere diversi casi, mostriamo il seguente: Esempio. L acquirente di merci riceve direttamente fattura, di 100,00 euro al netto dell Iva, dall azienda erogatrice del servizio di trasporto. - Caso relativo alle spese sostenute dall acquirente della merce Spese di trasporto 100,00 20,00 120,00 120,00 120,00 Spese di trasporto è un conto Economico di Reddito acceso ai costi d esercizio che misura in una Variazione Economica Negativa. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 24

13 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di servizi iii) Acquisto di servizi industriali L acquisto di servizi industriali può riguardare i seguenti conti Economici di Reddito accesi ai costi d esercizio: lavorazioni esterne; consulenze tecniche; servizi di manutenzione; costi per energia elettrica; gas; metano e acqua. Presentiamo la seguente scrittura esemplificativa. Si acquista un servizio di consulenza tecnica, documentata da fattura, dell importo di 234,00 euro escluso IVA. Consulenze Tecniche 234,00 46,80 280,80 280,80 280,80 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 25 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di servizi iv) Acquisto di servizi commerciali L acquisto di servizi commerciali può riguardare i seguenti conti Economici di Reddito accesi ai costi d esercizio: provvigioni e oneri ad intermediari; ricerche di mercato; pubblicità, promozioni, sponsorizzazioni; servizi vari commerciali. Presentiamo la seguente scrittura esemplificativa. Si sostengono costi pubblicitari, documentati da fattura, dell importo di 4.500,00 euro escluso IVA. Costi per Pubblicità 4.500,00 900, , , ,00 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 26

14 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di servizi v) Acquisto di servizi amministrativi L acquisto di servizi amministrativi può riguardare i seguenti conti Economici di Reddito accesi ai costi d esercizio: servizi legali, consulenze amministrative (soggetti ad IVA); servizi telefonici, manutenzione macchine d ufficio, consulenze telematiche (soggetti ad Iva); Premi assicurativi e fitti passivi (operazioni esenti IVA). Presentiamo la seguente scrittura esemplificativa. Si riceve la fattura di servizi telefonici per un totale di 210,00 euro compreso IVA. Servizi telefonici 175,00 35,00 210,00 210,00 210,00 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta I fattori produttivi a fecondità ripetuta sono definiti tali in quanto cedono la loro utilità a diversi cicli produttivi e in più esercizi. La Variazione Economica Negativa, rappresentata dal costo di acquisto di un fattore produttivo a fecondità ripetuta, si registra in conti economici accesi ai costi pluriennali. Esaminiamo singolarmente la rilevazione di: a) acquisto di fattori materiali a fecondità ripetuta; b) acquisto di fattori immateriali a fecondità ripetuta; c) oneri accessori; d) acquisizioni di immobilizzazioni con contratto di leasing. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 28

15 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Immobilizzazioni materiali a) Acquisto di fattori materiali a fecondità ripetuta L acquisto di fattori materiali a fecondità ripetuta (immobilizzazioni materiali) può riguardare i seguenti conti Economici di Reddito accesi ai costi pluriennali: terreni e fabbricati; impianti e macchinari; attrezzature industriali e commerciali. Presentiamo la seguente scrittura esemplificativa. Si acquista un impianto, documentato da fattura, dell importo di 32.00,00 euro escluso IVA. Impianti , , , , ,00 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 29 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Immobilizzazioni immateriali b) Acquisto di fattori immateriali a fecondità ripetuta L acquisto di fattori immateriali a fecondità ripetuta (immobilizzazioni immateriali) può riguardare i seguenti conti Economici di Reddito accesi ai costi pluriennali: spese di ricerca e sviluppo; diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere d ingegno; concessioni, licenze e marchi; campagne pubblicitarie che producono effetti di medio-lungo periodo (2-5 anni). Esempio. Si effettua presso un azienda specializzata, una campagna pubblicitaria che produce effetti per più esercizi, del costo netto di ,00 euro (escluso IVA). Campagna Pubblicitaria x , , , , ,00 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 30

16 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Oneri accessori c) Oneri accessori Riguardano spese collegate all acquisto di fattori produttivi a fecondità ripetuta (impianti, macchinari, programmi software, ecc.), come ad esempio, le spese di trasporto, di installazione e di avvio. Regola. Gli oneri accessori si considerano di competenza di più esercizi e si portano in aumento del costo di acquisto del bene a cui sono collegati. Esempio. Si registra la fattura relativa alle spese di installazione e di avvio degli impianti acquistati, che ammonta a 800,00 euro + IVA. Impianti 800,00 160,00 960,00 960,00 960,00 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 31 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Leasing d) Acquisizioni di immobilizzazioni con contratto leasing Il leasing è un contratto (il termine significa che affitta) con il quale un impresa (affittuaria) può ottenere da un organizzazione specializzata, la disponibilità a medio-lungo termine di fattori produttivi materiali a fecondità ripetuta, dietro pagamento di un canone periodico. Si distingue: leasing finanziario. E un operazione di finanziamento concessa da un azienda specializzata che acquista un bene e lo cede in uso dietro pagamento di un corrispettivo periodico. L affittuario ha l opzione di riscattare il bene alla scadenza, mediante versamento di una somma convenuta. leasing operativo. A differenza del precedente, l affittuario non è ammesso ad esercitare l opzione del riscatto. Il canone periodico pagato comprende anche servizi di assistenza tecnica e manutenzione. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 32

17 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Leasing Maxicanone iniziale Se è previsto un maxicanone iniziale, questo costituisce un costo comune a tutto il periodo di durata della locazione. Pertanto il costo deve essere ripartito su più esercizi, in base al tempo di godimento della locazione in ciascuno degli esercizi interessati. La quota di maxicanone rinviata agli esercizi successivi deve essere esposta in bilancio nei risconti attivi (costi sospesi da rinviare al futuro). 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 33 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Leasing L operazione di leasing comporta per l azienda la rilevazione dei seguenti costi: i) spese iniziali di istruttoria ed eventuale maxicanone iniziale; ii) canone di leasing periodico; iii) costo di riscatto del bene, nell eventualità che l impresa eserciti l opzione di acquisto alla scadenza. Esempio. Si ipotizzi la stipulazione di un contratto di leasing in data 12/11/07 per l acquisizione di un macchinario alle seguenti condizioni: in data 15/11/07, liquidazione e ricevimento della fattura del maxicanone iniziale di ,00 euro + Iva; in data 01 di ogni mese, liquidazione e ricevimento della fattura di canoni mensili di euro + Iva, per un totale di 24 canoni; in data 13/11/09, liquidazione e ricevimento della fattura del prezzo di riscatto pari a 6.000,00 euro + Iva. In relazione alla liquidazione, si distinguono le seguenti fasi: 1 - liquidazione fattura del canone iniziale e delle spese istruttorie; 2 - liquidazione fattura canone mensile; 3 - riscatto del bene (eventuale). 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 34

18 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Leasing Il primo passo è la rilevazione sui conti d ordine dell importo totale dell operazione in Leasing. 12/11/ Stipulato contratto in Leasing. Rilevazione dei conti d ordine. Macchinari in Leasing Cedenti Macchinari in Leasing , ,00 I Conti d Ordine sono conti di memoria e non modificano né lo Stato Patrimoniale né il Conto Economico. Essi, in bilancio, sono esaminati solo nella Nota Integrativa. Nelle rilevazioni successive, per semplificare le registrazioni saranno indicate solo le fasi di liquidazione escluse le operazioni di pagamento. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 35 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Leasing 15/11/2007-1a fase Liquidazione fattura del canone iniziale e delle spese di istruttoria Maxicanone iniziale Leasing , , , , ,00 Maxicanone iniziale Leasing è un conto Economico di Reddito acceso ai costi pluriennali. E un conto atipico. In bilancio, dopo le operazioni di assestamento, confluisce nello Stato Patrimoniale fra i Risconti Attivi. 15/11/ Liquidato maxicanone iniziale. Rilevazione dei conti d ordine. Cedenti Macchinari in Leasing Macchinari in Leasing , ,00 I Conti d Ordine Cedenti Macchinari in Leasing e Macchinari in Leasing registrano la diminuzione del valore residuo del Leasing e del debito nei confronti del cedente il macchinario in Leasing. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 36

19 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Leasing 01/12/2007-2a fase - Liquidazione fattura del primo canone mensile Canoni di Leasing 200,00 Canoni di Leasing è un conto Economico di Reddito acceso ai costi d esercizio. In bilancio confluisce nel Conto Economico, nella voce Costi per il godimento di beni di terzi. 01/12/ Liquidato canone di leasing periodico. Rilevazione dei conti d ordine. Cedenti Macchinari in Leasing Macchinari in Leasing I Conti d Ordine Cedenti Macchinari in Leasing e Macchinari in Leasing registrano la diminuzione del valore residuo del Leasing e del debito nei confronti del cedente il macchinario in Leasing. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 37 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Leasing 13/11/2009-3a fase - Riscatto del bene Impianti 6.000,00 120, , , ,00 Impianti è un conto Economico di Reddito acceso ai costi pluriennali materiali che, in sede di chiusura, confluisce nell Attivo dello Stato Patrimoniale. 13/11/ Liquidato prezzo di riscatto del bene in Leasing. Rilevazione dei conti d ordine. Cedenti Macchinari in Leasing Macchinari in Leasing 6.000, ,00 I Conti d Ordine Cedenti Macchinari in Leasing e Macchinari in Leasing registrano la diminuzione del valore residuo del Leasing e del debito nei confronti del cedente il macchinario in Leasing. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 38

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli