CONTABILITA GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTABILITA GENERALE"

Transcript

1 CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione Definizione. Le scritture di gestione consistono nella rilevazione contabile di operazioni aziendali, relative alla gestione caratteristica (tipici fatti esterni di gestione) ed extracaratteristica, poste in essere in un periodo amministrativo (esercizio). Le scritture di gestione sono rilevate secondo il duplice aspetto numerario ed economico 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 2

2 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento dei debiti; C. scritture relative alle vendite di beni e servizi; D. regolamento dei crediti; E. scritture relative al lavoro dipendente e autonomo; F. scritture relative all ottenimento di capitale di terzi; G. scritture relative ai fatti straordinari; scritture relative agli investimenti finanziari (escluso dal programma); scritture relative alle imposte dirette e indirette (escluso dal programma). 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 3 A. Scritture relative agli acquisti Le scritture relative agli acquisti si riferiscono a quella parte di spese sostenute dall azienda (costi) per acquisire beni e servizi, utili al normale svolgimento dell attività. Si differenziano due tipi di beni e servizi (fattori produttivi) per le operazioni di acquisto: fattori produttivi a fecondità semplice (costi d esercizio). Esauriscono la loro utilità in un unico ciclo produttivo. Esempio: merci, materie prime, semilavorati, servizi commerciali, ecc.; fattori produttivi a fecondità ripetuta (costi pluriennali). Cedono la loro utilità in più cicli produttivi e si svolgono in diversi periodi amministrativi. Ne sono esempi le immobilizzazioni materiali e immateriali, come: impianti, macchinari, fabbricati, automezzi, brevetti, campagne pubblicitarie di lungo periodo, ecc. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 4

3 Scritture relative agli acquisti Processo di acquisto. Asse del tempo (T n ) T 1 T 2 T 3 T 4 Primo contatto con il fornitore Contrattazione Conclusione accordo Acquisto (Liquidazione * ) Documentazione (Fattura, ricevuta fiscale, ecc.) Contabilizzazione in Partita Doppia (Rilevazione del costo, dell eventuale Iva a credito e del relativo debito verso il fornitore) Consegna Merci o prestazione di servizi Pagamento (Regolamento del debito) Documentazione (Ricevuta di pagamento) Contabilizzazione (Uscita di denaro e relativa diminuzione del debito verso il fornitore) Alcune, o tutte, di queste fasi possono coincidere in un unico momento oppure articolarsi in ulteriori momenti. *Liquidazione: procedimento di definizione di un rapporto patrimoniale che ne stabilisce l'importo in denaro. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 5 Scritture relative agli acquisti Le operazioni contabili di acquisto prendono origine da documenti, quali: fatture di acquisto (generano la rilevazione dell IVA, se si tratta di operazioni imponibili). ricevute fiscali o scontrini fiscali; altri documenti formali o ricevute di pagamento. Fattura documento formale caratterizzante le operazioni in regime IVA; documento alla base delle rilevazioni contabili. SOLO ATTRAVERSO LA FATTURA E POSSIBILE RILEVARE L IVA La fattura può essere: di vendita (operazione attiva); di acquisto (operazione passiva); immediata accompagnatoria, se emessa simultaneamente alla consegna delle merci; differita, quando emessa ed inviata successivamente alla consegna delle merci. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 6

4 Scritture relative agli acquisti Le fatture di acquisto mettono in evidenza le seguenti componenti: imponibile (costo d acquisto della merce, al netto dell IVA e di eventuali sconti); aliquota IVA, espressa in valori percentuali; imposta (IVA), calcolata sul costo di acquisto, che rappresenta un credito verso l Erario; debito nei confronti del fornitore ( fattura: Costo di acquisto netto + IVA); data e numero della fattura; descrizione dell operazione di acquisto; informazioni sul fornitore. L autofattura è emessa, in casi particolari stabili dalla normativa IVA, dal soggetto che acquista il bene: se non riceve fattura entro quattro mesi dall operazione di vendita; se acquista da un soggetto privo di rappresentanza fiscale nel mercato nazionale. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 7 Scritture relative agli acquisti Calcolo dell IVA (Imposta sul Valore Aggiunto): Aliquota IVA = 20% (aliquota ordinaria) Imponibile = costo di acquisto delle merci (al netto di eventuali sconti e al netto dell IVA) Imposta (IVA) = Imponibile * Aliquota IVA/100 fattura = Imponibile + Imposta oppure fattura = Imponibile * (1 + Aliquota IVA/100) Esempio calcolo dell IVA: acquistate merci per euro, aliquota Iva al 20%. Aliquota IVA = 20% Imponibile = euro Imposta (IVA) = * 0,2 = 200,00 euro fattura = + 200,00 = euro oppure fattura = * 1,2 = euro 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 8

5 Scritture relative agli acquisti Scorporo dell IVA: Partendo da una situazione in cui si conosce il totale fattura e l aliquota IVA: Imponibile = Fattura / (1 + Aliquota IVA/100) IVA = fattura Imponibile Esempio scorporo dell IVA: fattura = euro Aliquota IVA = 20% Imponibile = / 1,2 = euro Imposta (IVA) = = 200,00 euro 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 9 Scritture relative agli acquisti Regola. Dal punto di vista contabile, l operazione di acquisto, documentata da fattura, si scompone in due momenti diversi (contabilizzazione separata): ricevimento della fattura e relativa contabilizzazione (liquidazione). Nel primo stadio si rileva: una Variazione Economica Negativa che riporta in un costo; una Variazione Numeraria Attiva che riporta in un credito IVA (nel caso di operazione imponibile IVA); una Variazione Numeraria Passiva rappresentata in da un aumento di debiti nei confronti del fornitore; pagamento (regolamento del debito). In questo secondo momento la registrazione contabile prevede: una Variazione Numeraria Attiva (in ) relativa alla riduzione o all annullamento del debito nei confronti del fornitore; una Variazione Numeraria Passiva (uscita di denaro in ) relativa al pagamento del debito. La contabilizzazione separata è opportuna anche quando l acquisto di un bene e il relativo pagamento avvengono nello stesso momento temporale 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 10

6 Scritture relative agli acquisti Motivazioni e vantaggi nell uso della tecnica di contabilizzazione separata: i documenti originari di ogni articolo, relativi alla liquidazione e al pagamento, sono differenti; la rilevazione del debito verso i fornitori consente di conoscere la posizione debitoria dell impresa in ogni momento dell anno; la contabilizzazione sistematica del debito permette di controllare il volume di acquisti realizzato con ciascun fornitore in un anno; l organizzazione in azienda, generalmente, distingue le attività relative ai due momenti. Risulta efficiente, quindi, differenziare le due fasi anche contabilmente; il momento temporale in cui sorge il debito e quello del relativo pagamento può essere diverso. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 11 Scritture relative agli acquisti. Normativa IVA Non tutte le operazioni di compravendita prevedono la rilevazione dell Iva. In base alla normativa, infatti, si distinguono quattro tipologie di operazioni di acquisto o di vendita: Tipologia Obblighi Causa Operazioni tipiche Operazioni imponibili Iva Fatturazione Applicazione dell imposta Registrazione su libri IVA Tassazione delle transazioni (Entrate dello Stato sul Valore Aggiunto. Imposta Indiretta) Cessioni di beni e prestazioni di servizi (acquisto e vendita) sul mercato nazionale Importazioni Operazioni non imponibili Fatturazione Registrazione su libri Iva Non si applica l IVA allo scopo di evitare la duplice tassazione Esportazioni (nelle operazioni di vendita) e operazioni assimilabili Operazioni esenti Fatturazione Registrazione su libri Iva Non si applica l IVA per ragioni sociali Operazioni di credito Finanziamento Assicurazione, ecc. Operazioni escluse Nessun obbligo Operazioni al di fuori del regime di applicazione IVA Cessione di denaro Cessione d azienda Diritti d autore, ecc. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 12

7 Scritture relative agli acquisti Presentiamo ora le scritture contabili, distinguendo i seguenti gruppi di operazioni di acquisto: 1. acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice (costi d esercizio); 2. acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta (costi pluriennali); 3. Operazioni di rettifica su acquisti (rettifica dei costi); - acquisti di beni e sevizi nel mercato internazionale (escluso dal programma). 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice Si distinguono: a) beni materiali (materie prime, merci, ecc.); b) servizi (beni economici non materiali). a) Le scritture relative agli acquisti di beni materiali possono essere distinte in base all applicazione della normativa IVA in: i. acquisti di beni soggetti ad IVA (operazioni imponibili); ii. acquisti di beni non imponibili IVA; iii. acquisti esclusi dalla disciplina IVA (operazioni esenti ed escluse); iv. acquisto di beni soggetti ad IVA non rimborsabile; v. autofatturazione. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 14

8 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di beni materiali a) Piano dei conti utilizzato nelle operazioni di acquisto di beni materiali Conti Economici di reddito, accesi ai costi d esercizio, per identificare, in, il costo di acquisto di beni materiali (Variazione Economica Negativa) Materie prime c/acquisti Merci c/acquisti Semilavorati c/acquisti Materie sussidiarie c/acquisti Conti Numerari assimilati, per identificare, in, i debiti di funzionamento (Variazione Numeraria Passiva) - debiti v/ fornitore x - debiti v/ fornitore y -ecc. Debiti v/imprese controllate Debiti v/imprese collegate Debiti v/controllanti Debiti v/professionisti Debiti diversi Conti Numerari assimilati, per rilevare, in, l IVA a credito (Variazione Numeraria Attiva) IVA ns/credito 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 15 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di beni materiali Esempio. In data 30/06/x, si acquistano merci da un fornitore, documentate da fattura n. 318, per euro, esclusa l Iva. i) Acquisti di beni soggetti ad IVA (operazioni imponibili) Merci c/acquisti IVA ns/credito 200,00 La scrittura presenta un fatto misto di gestione: una Variazione Economica Negativa, che viene iscritta in del conto Economico di Reddito Merci c/acquisti; una Variazione Numeraria Attiva, rappresentata dal credito verso lo Stato (Erario), che si iscrive in del conto IVA ns/credito; una Variazione Numeraria Passiva, rappresentata dall aumento dei debiti verso i fornitori, che si iscrive in del conto. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 16

9 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di beni materiali ii) Acquisti di beni non imponibili IVA Merci c/acquisti Si noti che la scrittura non contiene la rilevazione dell IVA. Rientrano in questa tipologia di scritture le importazioni dai Paesi esterni all UE. La scrittura rileva un fatto modificativo di gestione. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 17 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di beni materiali iii) Acquisti esclusi dalla disciplina IVA operazioni escluse ai fini IVA; operazioni per le quali non sussistono i presupposti per l applicabilità del regime IVA. Merci c/acquisti Debiti diversi Oppure, indifferentemente, nel caso di pagamento contestuale all acquisto (ad esempio, se si acquista da un privato): Merci c/acquisti Cassa 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 18

10 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di beni materiali iv) Acquisto di beni soggetti ad IVA non rimborsabile Merci c/acquisti Debiti diversi L imposta calcolata sull acquisto di beni non necessari al processo produttivo, non può essere considerata come credito verso l Erario, ma come maggior costo per l impresa. Il valore del conto Merci c/acquisti è, quindi, compreso IVA. (Nell esempio il valore del bene acquistato è di euro e l IVA è di 200,00 euro). 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 19 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di beni materiali v) Autofatturazione Merci c/acquisti IVA ns/credito IVA ns/debito 3.000,00 600, ,00 600, , ,00 L azienda emette autofattura e paga direttamente l IVA all Erario, anziché al fornitore, in sede di liquidazione Iva. Infatti, dopo la vendita della merce l Iva ritorna a debito. Il duplice passaggio e Iva ns/debito è necessario, in quanto l imposta risulta calcolata e rilevata nell autofattura. E, quindi, di rigore registrarla nelle scritture contabili. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 20

11 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di servizi b) Piano dei conti utilizzati nelle operazioni di acquisto di servizi Conti Economici di reddito, accesi ai costi d esercizio, per identificare, in, il costo di acquisto del servizio (Variazione Economica Negativa) Costi per servizi Spese di trasporto Lavorazioni esterne Consulenze tecniche Servizi di manutenzione Acqua, energia elettrica, gas Pubblicità, Promozione Servizi commerciali vari Servizi amministrativi, telefono Premi assicurativi, Fitti passivi Conti Numerari assimilati, per identificare, in, i debiti di funzionamento (Variazione Numeraria Passiva) - debiti v/ fornitore x - debiti v/ fornitore y - debiti v/ fornitore z - ecc. Debiti v/imprese controllate Debiti v/imprese collegate Debiti v/controllanti Debiti diversi Conti Numerari assimilati, per rilevare, in, l IVA a credito (Variazione Numeraria Attiva) IVA ns/credito 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 21 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di servizi b) Le scritture relative agli acquisti di servizi possono essere distinte: i) come per i beni materiali, in base all applicazione della normativa IVA: operazioni imponibili; operazioni non imponibili; operazioni esenti ed escluse; operazioni soggette ad Iva non rimborsabile; autofatturazione; ii) in servizi collegati alle operazioni di acquisto merci (spese di trasporto): spese sostenute dall acquirente merci; spese anticipate dal fornitore di merci e documentate con fattura di trasporto; spese addebitate a forfait, dal fornitore di merci, in fattura; iii) in servizi industriali (lavorazioni esterne, consulenze tecniche, manutenzione); iv) in servizi commerciali (provvigioni intermediari, pubblicità, ecc.); v) in servizi amministrativi (premi assicurativi, fitti passivi, telefono, ecc.). 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 22

12 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di servizi i) Scritture distinte in base alla normativa Iva A Titolo esemplificativo mostriamo solo i seguenti casi, in quanto sono analoghi alle scritture relative agli acquisti di beni materiali Acquisti di servizi soggetti ad IVA (operazioni imponibili) Costi per servizi 200,00 Acquisti di servizi non imponibili IVA, esenti ed esclusi Costi per servizi 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 23 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di servizi ii) Servizi collegati alle operazioni di acquisto merci Si possono distinguere diversi casi, mostriamo il seguente: Esempio. L acquirente di merci riceve direttamente fattura, di 100,00 euro al netto dell Iva, dall azienda erogatrice del servizio di trasporto. - Caso relativo alle spese sostenute dall acquirente della merce Spese di trasporto 100,00 20,00 120,00 120,00 120,00 Spese di trasporto è un conto Economico di Reddito acceso ai costi d esercizio che misura in una Variazione Economica Negativa. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 24

13 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di servizi iii) Acquisto di servizi industriali L acquisto di servizi industriali può riguardare i seguenti conti Economici di Reddito accesi ai costi d esercizio: lavorazioni esterne; consulenze tecniche; servizi di manutenzione; costi per energia elettrica; gas; metano e acqua. Presentiamo la seguente scrittura esemplificativa. Si acquista un servizio di consulenza tecnica, documentata da fattura, dell importo di 234,00 euro escluso IVA. Consulenze Tecniche 234,00 46,80 280,80 280,80 280,80 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 25 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di servizi iv) Acquisto di servizi commerciali L acquisto di servizi commerciali può riguardare i seguenti conti Economici di Reddito accesi ai costi d esercizio: provvigioni e oneri ad intermediari; ricerche di mercato; pubblicità, promozioni, sponsorizzazioni; servizi vari commerciali. Presentiamo la seguente scrittura esemplificativa. Si sostengono costi pubblicitari, documentati da fattura, dell importo di 4.500,00 euro escluso IVA. Costi per Pubblicità 4.500,00 900, , , ,00 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 26

14 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice. Acquisto di servizi v) Acquisto di servizi amministrativi L acquisto di servizi amministrativi può riguardare i seguenti conti Economici di Reddito accesi ai costi d esercizio: servizi legali, consulenze amministrative (soggetti ad IVA); servizi telefonici, manutenzione macchine d ufficio, consulenze telematiche (soggetti ad Iva); Premi assicurativi e fitti passivi (operazioni esenti IVA). Presentiamo la seguente scrittura esemplificativa. Si riceve la fattura di servizi telefonici per un totale di 210,00 euro compreso IVA. Servizi telefonici 175,00 35,00 210,00 210,00 210,00 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta I fattori produttivi a fecondità ripetuta sono definiti tali in quanto cedono la loro utilità a diversi cicli produttivi e in più esercizi. La Variazione Economica Negativa, rappresentata dal costo di acquisto di un fattore produttivo a fecondità ripetuta, si registra in conti economici accesi ai costi pluriennali. Esaminiamo singolarmente la rilevazione di: a) acquisto di fattori materiali a fecondità ripetuta; b) acquisto di fattori immateriali a fecondità ripetuta; c) oneri accessori; d) acquisizioni di immobilizzazioni con contratto di leasing. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 28

15 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Immobilizzazioni materiali a) Acquisto di fattori materiali a fecondità ripetuta L acquisto di fattori materiali a fecondità ripetuta (immobilizzazioni materiali) può riguardare i seguenti conti Economici di Reddito accesi ai costi pluriennali: terreni e fabbricati; impianti e macchinari; attrezzature industriali e commerciali. Presentiamo la seguente scrittura esemplificativa. Si acquista un impianto, documentato da fattura, dell importo di 32.00,00 euro escluso IVA. Impianti , , , , ,00 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 29 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Immobilizzazioni immateriali b) Acquisto di fattori immateriali a fecondità ripetuta L acquisto di fattori immateriali a fecondità ripetuta (immobilizzazioni immateriali) può riguardare i seguenti conti Economici di Reddito accesi ai costi pluriennali: spese di ricerca e sviluppo; diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere d ingegno; concessioni, licenze e marchi; campagne pubblicitarie che producono effetti di medio-lungo periodo (2-5 anni). Esempio. Si effettua presso un azienda specializzata, una campagna pubblicitaria che produce effetti per più esercizi, del costo netto di ,00 euro (escluso IVA). Campagna Pubblicitaria x , , , , ,00 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 30

16 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Oneri accessori c) Oneri accessori Riguardano spese collegate all acquisto di fattori produttivi a fecondità ripetuta (impianti, macchinari, programmi software, ecc.), come ad esempio, le spese di trasporto, di installazione e di avvio. Regola. Gli oneri accessori si considerano di competenza di più esercizi e si portano in aumento del costo di acquisto del bene a cui sono collegati. Esempio. Si registra la fattura relativa alle spese di installazione e di avvio degli impianti acquistati, che ammonta a 800,00 euro + IVA. Impianti 800,00 160,00 960,00 960,00 960,00 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 31 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Leasing d) Acquisizioni di immobilizzazioni con contratto leasing Il leasing è un contratto (il termine significa che affitta) con il quale un impresa (affittuaria) può ottenere da un organizzazione specializzata, la disponibilità a medio-lungo termine di fattori produttivi materiali a fecondità ripetuta, dietro pagamento di un canone periodico. Si distingue: leasing finanziario. E un operazione di finanziamento concessa da un azienda specializzata che acquista un bene e lo cede in uso dietro pagamento di un corrispettivo periodico. L affittuario ha l opzione di riscattare il bene alla scadenza, mediante versamento di una somma convenuta. leasing operativo. A differenza del precedente, l affittuario non è ammesso ad esercitare l opzione del riscatto. Il canone periodico pagato comprende anche servizi di assistenza tecnica e manutenzione. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 32

17 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Leasing Maxicanone iniziale Se è previsto un maxicanone iniziale, questo costituisce un costo comune a tutto il periodo di durata della locazione. Pertanto il costo deve essere ripartito su più esercizi, in base al tempo di godimento della locazione in ciascuno degli esercizi interessati. La quota di maxicanone rinviata agli esercizi successivi deve essere esposta in bilancio nei risconti attivi (costi sospesi da rinviare al futuro). 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 33 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Leasing L operazione di leasing comporta per l azienda la rilevazione dei seguenti costi: i) spese iniziali di istruttoria ed eventuale maxicanone iniziale; ii) canone di leasing periodico; iii) costo di riscatto del bene, nell eventualità che l impresa eserciti l opzione di acquisto alla scadenza. Esempio. Si ipotizzi la stipulazione di un contratto di leasing in data 12/11/07 per l acquisizione di un macchinario alle seguenti condizioni: in data 15/11/07, liquidazione e ricevimento della fattura del maxicanone iniziale di ,00 euro + Iva; in data 01 di ogni mese, liquidazione e ricevimento della fattura di canoni mensili di euro + Iva, per un totale di 24 canoni; in data 13/11/09, liquidazione e ricevimento della fattura del prezzo di riscatto pari a 6.000,00 euro + Iva. In relazione alla liquidazione, si distinguono le seguenti fasi: 1 - liquidazione fattura del canone iniziale e delle spese istruttorie; 2 - liquidazione fattura canone mensile; 3 - riscatto del bene (eventuale). 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 34

18 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Leasing Il primo passo è la rilevazione sui conti d ordine dell importo totale dell operazione in Leasing. 12/11/ Stipulato contratto in Leasing. Rilevazione dei conti d ordine. Macchinari in Leasing Cedenti Macchinari in Leasing , ,00 I Conti d Ordine sono conti di memoria e non modificano né lo Stato Patrimoniale né il Conto Economico. Essi, in bilancio, sono esaminati solo nella Nota Integrativa. Nelle rilevazioni successive, per semplificare le registrazioni saranno indicate solo le fasi di liquidazione escluse le operazioni di pagamento. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 35 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Leasing 15/11/2007-1a fase Liquidazione fattura del canone iniziale e delle spese di istruttoria Maxicanone iniziale Leasing , , , , ,00 Maxicanone iniziale Leasing è un conto Economico di Reddito acceso ai costi pluriennali. E un conto atipico. In bilancio, dopo le operazioni di assestamento, confluisce nello Stato Patrimoniale fra i Risconti Attivi. 15/11/ Liquidato maxicanone iniziale. Rilevazione dei conti d ordine. Cedenti Macchinari in Leasing Macchinari in Leasing , ,00 I Conti d Ordine Cedenti Macchinari in Leasing e Macchinari in Leasing registrano la diminuzione del valore residuo del Leasing e del debito nei confronti del cedente il macchinario in Leasing. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 36

19 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Leasing 01/12/2007-2a fase - Liquidazione fattura del primo canone mensile Canoni di Leasing 200,00 Canoni di Leasing è un conto Economico di Reddito acceso ai costi d esercizio. In bilancio confluisce nel Conto Economico, nella voce Costi per il godimento di beni di terzi. 01/12/ Liquidato canone di leasing periodico. Rilevazione dei conti d ordine. Cedenti Macchinari in Leasing Macchinari in Leasing I Conti d Ordine Cedenti Macchinari in Leasing e Macchinari in Leasing registrano la diminuzione del valore residuo del Leasing e del debito nei confronti del cedente il macchinario in Leasing. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 37 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. Leasing 13/11/2009-3a fase - Riscatto del bene Impianti 6.000,00 120, , , ,00 Impianti è un conto Economico di Reddito acceso ai costi pluriennali materiali che, in sede di chiusura, confluisce nell Attivo dello Stato Patrimoniale. 13/11/ Liquidato prezzo di riscatto del bene in Leasing. Rilevazione dei conti d ordine. Cedenti Macchinari in Leasing Macchinari in Leasing 6.000, ,00 I Conti d Ordine Cedenti Macchinari in Leasing e Macchinari in Leasing registrano la diminuzione del valore residuo del Leasing e del debito nei confronti del cedente il macchinario in Leasing. 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 38

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI CONTABILITA GENERALE 16 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 3 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI CONTABILITA GENERALE 18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 3 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 8 II) SCRITTURE DI GESTIONE G) Relative alle immobilizzazioni E sopravvenienze e insussistenze 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 4 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e B) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3)

Dettagli

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 1 3) Rettifiche su acquisti Le rettifiche su acquisti (o scritture di rettifica dei costi) si riferiscono

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione 102 C) Il Piano dei conti Capitolo 3 Il Piano dei conti è un elenco ragionato di tutti gli oggetti di conto che il contabile prevede di attivare per le proprie registrazioni e contiene le note illustrative

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili)

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IMPOSTA INDIRETTA sui consumi che si applica alle: 1. cessioni di beni; 2. prestazioni di servizi; compiute nel territorio

Dettagli

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI Acquisto Il contratto di leasing è uno degli strumenti che viene comunemente utilizzato dalle imprese per procedere all acquisto di beni strumentali. Sono previste due possibili

Dettagli

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA CONTABILITA GENERALE 21 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA 8 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 H. Scritture di assestamento

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

Contabilità e bilancio

Contabilità e bilancio Contabilità e bilancio di Paolo Montinari IMPORTANTE PDF Il volume è disponibile anche in versione pdf Le istruzioni per scaricare il file sono a pag. 493 N.B.: Nelle versioni elettroniche del volume tutti

Dettagli

Le rilevazioni contabili

Le rilevazioni contabili Le rilevazioni contabili Una rilevazione contabile consiste nella raccolta e nella elaborazione dei dati relativi alla gestione, al fine di rappresentarli e interpretarli. Le rilevazioni contabili si concretano

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c.

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c. CONTI FINANZIARI Cassa Contanti Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 1 - cassa negozio 2 C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c CLIENTI Italia Estero Un sottoconto per ogni cliente

Dettagli

Il ciclo di approvvigionamento

Il ciclo di approvvigionamento 1 Il ciclo di approvvigionamento Gli acquisti imponibili Al momento del ricevimento della fattura di acquisto (regolamento a 30 gg.), si ha : V. E. - V. E. + Materie c/acquisti 100 Iva ns. credito 21 Debiti

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE RIPASSO GENERALE DELLE REGOLE DI PARTITA DOPPIA NON È MATERIALE DIDATTICO DA STUDIARE AI FINI DEL CORSO DI ECONOMIA DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE D'IMPRESA A.A. 2010/2011

Dettagli

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC Gli acquisti e il loro regolamento Classe III ITC L acquisto dei fattori produttivi Rappresenta un operazione di investimento che genera costi Classificazione dei fattori produttivi pluriennali = beni

Dettagli

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING ESERCIZIO 1 MAXICANONE DI LEASING LEASING, LEASE-BACK E FACTORING Il contratto di leasing può prevedere, oltre ai canoni mensili, il pagamento di un maxicanone iniziale. In tale ipotesi la quota del canone

Dettagli

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI ESERCITAZIONE N. 2 - ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI Dott.ssa Carlotta del Sordo Corso di Economia Aziendale CLEGA Facoltà di Economia di Forlì Università degli Studi

Dettagli

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Le IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI sono: FATTORI PRODUTTIVI AD UTILIZZO PLURIENNALE «STRUMENTI» DEL PROCESSO PRODUTTIVO Le immobilizzazioni incorporano

Dettagli

MANIFESTAZIONE NUMERARIA

MANIFESTAZIONE NUMERARIA LA PARTITA DOPPIA Oggetto del corso di contabilità sono le rilevazioni contabili effettuate con il metodo della Partita Doppia applicata al sistema del reddito. I principi su cui si fonda la Partita Doppia

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

1) L acquisizione dei beni strumentali

1) L acquisizione dei beni strumentali Parte Seconda: Processi e rilevazioni della gestione caratteristica 1) L acquisizione dei beni strumentali Classificazione. Le immobilizzazioni sono costituite da tutti gli elementi del patrimonio di funzionamento

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE CONTABILITA GENERALE 20 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 1 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale

Dettagli

B. COSTI DELLA PRODUZIONE

B. COSTI DELLA PRODUZIONE 6) costi per materie prime, sussidiarie, di consumo e merci Denominazione ampia. Non comprende solo gli acquisti dei beni richiamati nella denominazione, ma di ogni bene assimilabile per natura: semilavorati

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata a.a. 2010-2011. Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali

Ragioneria Generale e Applicata a.a. 2010-2011. Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali a.a. 2010-2011 Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali 1 IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI Art. 2426, comma 1: Le immobilizzazioni sono iscritte al costo

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA LETTURA E COMPRENSIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PER GIURISTI III INCONTRO

INTRODUZIONE ALLA LETTURA E COMPRENSIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PER GIURISTI III INCONTRO INTRODUZIONE ALLA LETTURA E COMPRENSIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PER GIURISTI III INCONTRO LE COMPONENTI DEL REDDITO DI ESERCIZIO - Rilevazioni contabili durante l esercizio, anche dette VARIAZIONI DI

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

Le rimanenze finali. Nella prima fase si rileverà il costo sospeso nell apposito conto Merci 31.12.2001. Merci a Merci c/rimanenze finali

Le rimanenze finali. Nella prima fase si rileverà il costo sospeso nell apposito conto Merci 31.12.2001. Merci a Merci c/rimanenze finali Le rimanenze finali Durante l esercizio le imprese sostengono costi relativi a: l acquisto di materie prime e merci; la trasformazione delle materie prime in prodotti finiti; la gestione e l immagazzinamento

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

Il leasing in Nota integrativa

Il leasing in Nota integrativa Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 18 19.05.2014 Il leasing in Nota integrativa Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Nota integrativa Le operazioni di leasing

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Scopo contabilità determinare: Reddito di esercizio Patrimonio di funzionamento Passaggio da valori contabili a valori di bilancio Determinazione della corretta competenza

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI VENDITA 1 LE OPERAZIONI DI VENDITA DI BENI DI SERVIZI DI IMMOBILIZZAZIONI SUI MERCATI ESTERI 2 Pag. 1 DI BENI Il giorno 27 luglio viene emessa una fattura

Dettagli

La gestione dei beni strumentali

La gestione dei beni strumentali Albez edutainment production La gestione dei beni strumentali Classe IV ITC 1 In questo modulo: Le modalità di acquisizione dei beni strumentali; Beni strumentali e bilancio; Ammortamento dei beni strumentali

Dettagli

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE)

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Azionisti c/sottoscrizione 00.02 Azionisti c/versamenti richiamati 00.05 Azionisti c/reintegro 01.00 IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA

ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA 1 IL SISTEMA DEL CAPITALE E DEL RISULTATO ECONOMICO I FATTI DI GESTIONE DELLA REALTA AZIENDALE SONO RAPPRESENTATI

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti Voci di: Stato patrimoniale (art. 2424 c.c.) Conto economico

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia. Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia. Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini Appunti in tema di contabilità A.A. 2003-2004 Appunti di contabilità

Dettagli

Elaborazione del bilancio d esercizio

Elaborazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 7 Elaborazione del bilancio d esercizio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica

Dettagli

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione Impresa individuale esercente attività mercantile Piano dei conti e prospetto di raccordo LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione P Banche c.c Fondi liquidi Attivo P c.c. postali Fondi liquidi

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ACQUISTO E VENDITA: In data 1/7 la società X paga fitti passivi per euro 6000, con denaro in cassa. In data 3/7la società riscuote, in contanti, fitti attivi per euro

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le immobilizzazioni materiali Definizione e riferimenti Definizione: Le immobilizzazioni sono gli elementi patrimoniali destinati ad essere

Dettagli

NELLA CONTABILITA GENERALE

NELLA CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 9 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO 24 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 CLASSIFICAZIONE DELLE SCRITTURE NELLA CONTABILITA GENERALE

Dettagli

La rilevazione in P.D. degli acquisti di servizi

La rilevazione in P.D. degli acquisti di servizi C 7 a p i t o l o La rilevazione in P.D. degli acquisti di servizi 1 Quadro generale In linea di massima, la struttura contabile relativa all acquisizione di servizi non è sostanzialmente diversa dall

Dettagli

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I 20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I Il candidato proceda preventivamente ad illustrare sotto il profilo civilistico e fiscale le caratteristiche dell operazione di cessione d azienda. Successivamente

Dettagli

1. CONTABILITA GENERALE

1. CONTABILITA GENERALE 1. CONTABILITA GENERALE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Sede di Fano Corso di Ragioneria Generale e Applicata I PARTE APPLICATA CONTABILITA GENERALE 1 Cosa si studia nel Corso

Dettagli

ESERC. N. 2 SCRITURE ASSESTAMENTO ESERCITAZIONE. Pagina 1 di 17

ESERC. N. 2 SCRITURE ASSESTAMENTO ESERCITAZIONE. Pagina 1 di 17 ESERCITAZIONE N. 2 SCRITTURE ASSESTAMENTO Pagina 1 di 17 SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento si effettuano in sede di chiusura dei conti per determinare il risultato economico di competenza

Dettagli

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE SITUAZIONE ECONOMICA FINALE materie prime c/acquisti 2.., prodotti c/vendite 2.5., costi di trasporto 5., lavori su ordinazione 3., fitti passivi 2., materie prime c/rimanenze finali 25., salari e stipendi

Dettagli

A) VALORE DELLA PRODUZIONE

A) VALORE DELLA PRODUZIONE CONTO ECONOMICO A) VALORE DELLA PRODUZIONE: 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni merci conto vendite - resi su vendite - ribassi e abbuoni passivi 2) Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso

Dettagli

Beni strumentali: trattamento contabile nel bilancio e inserimento nella dichiarazione dei redditi

Beni strumentali: trattamento contabile nel bilancio e inserimento nella dichiarazione dei redditi Beni strumentali: trattamento contabile nel bilancio e inserimento nella dichiarazione dei redditi Esercitazione di economia aziendale per la classe quinta ITC All inizio dell esercizio n i beni strumentali

Dettagli

Il piano dei conti. Il piano dei conti si articola in: CLASSI 1. ATTIVITÀ 2. PATRIMONIO NETTO 3. PASSIVITÀ 4. RICAVI 5. COSTI DELLA PRODUZIONE

Il piano dei conti. Il piano dei conti si articola in: CLASSI 1. ATTIVITÀ 2. PATRIMONIO NETTO 3. PASSIVITÀ 4. RICAVI 5. COSTI DELLA PRODUZIONE I L PIANO DEI CONTI Il piano dei conti Il piano dei conti si articola in: CLASSI RAGGRUPPAMENTI CONTI DI MASTRO SOTTOCONTI 1ª posizione 2ª posizione 3ª e 4ª posizione Posizioni successive (non sviluppato)

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli

1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo. Impresa individuale esercente attività mercantile. Download

1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo. Impresa individuale esercente attività mercantile. Download Download Impresa individuale esercente attività mercantile 1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo Nome del conto Natura 10 P Banche c.c Fondi liquidi 11 P c.c. postali Fondi liquidi 12 P

Dettagli

4.5. Lottibroom S.p.A.

4.5. Lottibroom S.p.A. 4.5. Lottibroom S.p.A. La società Lottibroom S.p.A. è un impresa quotata alla Borsa Valori nazionale; la quotazione risale a qualche anno addietro, al periodo in cui la medesima ha avuto la necessità di

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali BENI MOBILI DUREVOLI IMPIANTI E MACCHINARI ATTREZZATURE Industriali / Commerciali MACCHINE Elettriche

Dettagli

La liquidazione dell IVA (cenni teorici)

La liquidazione dell IVA (cenni teorici) La liquidazione dell IVA (cenni teorici) L IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) è un imposta indiretta che si applica alle cessioni di beni, alle prestazioni di servizi ed alle importazioni. Sulla base delle

Dettagli

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Vicenza, 23 Gennaio 2013 Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Socio c/conferimenti 00.10 Socio c/reintegro 00.20 Socio c/prelevamenti 01.00 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 01.01 Costi

Dettagli

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Raccolta dati e richiesta documentazione Oggetto: Richiesta dati e documentazione per la predisposizione della Comunicazione e dichiarazione annuale IVA/2015

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle immobilizzazioni immateriali Seconda lezione 1 DEFINIZIONE condizioni produttive controllate dall impresa, utili per l esercizio della sua gestione

Dettagli

Il trattamento civilistico e contabile del leasing

Il trattamento civilistico e contabile del leasing ? INQUADRAMEN TEMA 9 - IL TRATTAMENTO CIVILISTICO E CONTABILE DEL LEASING TEMA 9 Il trattamento civilistico e contabile del leasing Dopo aver illustrato le diverse finalità del leasing finanziario rispetto

Dettagli

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI V/S SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI B) IMMOBILIZZAZIONI C) ATTIVO CIRCOLANTE D) RATEI E RISCONTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO B) FONDI PER RISCHI

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME:

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME: Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME: NOME: MATRICOLA: PRIMA PARTE ooooooooo Con riferimento

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia ESERCITAZIONE PRATICA DI CONTABILITA GENERALE Prof.ssa Mara Del Baldo Dott. Antonio Rizzuto Dott.ssa Elena De Renzio Fano, 03 dicembre 2009

Dettagli

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013 E.S.CO. BERICA SRL Sede legale: VIA CASTELGIUNCOLI, 5 LONIGO (VI) Iscritta al Registro Imprese di VICENZA C.F. e numero iscrizione 03510890241 Iscritta al R.E.A. di Vicenza n. 221382 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Edmondo De Amicis Via C. Parenzo 16 ROVIGO Tel. 0425-21240 Fax 0425-422820 E-mail segreteria@itcrovigo.it Web www.itcrovigo.it C.F. 93028770290 C.M. ROIS008009

Dettagli

Corso di Ragioneria. Le operazioni di leasing

Corso di Ragioneria. Le operazioni di leasing Corso di Ragioneria Le operazioni di leasing Il concetto di leasing Il leasing è un contratto atipico (non previsto dal Codice Civile) per mezzo del quale l azienda acquisisce il diritto all utilizzo di

Dettagli

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Vicenza, Gennaio 2012 Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

Anno accademico 2015/2016

Anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di laurea magistrale Economia Aziendale, Direzione Amministrativa e Professione Corso di Bilanci secondo i principi

Dettagli

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426)

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) 22 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO DI UNA IMMOBILIZZAZIONE MATERIALE DA TERZI CON ACCONTO AL FORNITORE (punto 1, art. 2426) Si faccia l esempio dell

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1 Tema n. 1 In data 31/12/02 si decide lo scorporo di un ramo d azienda dalla società Gamma S.p.A. - che ha i- niziato la propria attività in data 1/1/1995 - ed il suo successivo conferimento nella società

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 1 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Imposta proporzionale sui redditi complessivi delle società. Risultato di bilancio

Dettagli