IL FERMO AMMINISTRATIVO COME MEZZO DI CONSERVAZIONE DELLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL FERMO AMMINISTRATIVO COME MEZZO DI CONSERVAZIONE DELLA"

Transcript

1 IL FERMO AMMINISTRATIVO COME MEZZO DI CONSERVAZIONE DELLA GARANZIA PATRIMONIALE Sommario: 1. Caratteri generali dell istituto - 2. Inquadramento del fermo amministrativo in base alle norme ed ai principi della contabilità pubblica Il fermo amministrativo in rapporto ad altri mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale Il fermo di beni mobili registrati disposto dal concessionario della riscossione Aspetti inerenti la tutela giurisdizionale avverso i provvedimenti di fermo amministrativo Conclusioni. 1. CARATTERI GENERALI DELL ISTITUTO Il c.d. fermo amministrativo è disciplinato dall art. 69, sesto comma, del R.D. 18 novembre 1923 n. 2440, regolamento sulla contabilità generale dello Stato. Dispone la norma che, qualora un amministrazione dello Stato abbia, a qualsiasi titolo, ragione di credito verso aventi diritto a somme dovute da altre amministrazioni, la stessa può richiedere la sospensione del pagamento, in attesa del provvedimento definitivo. Nelle ricostruzioni che dell istituto sono state fatte in dottrina, la tesi maggiormente accreditata considera il fermo un provvedimento di natura cautelare, di carattere temporaneo, disposto in attesa del provvedimento definitivo, in quanto finalizzato a garantire le ragioni di credito erariali da eventuali pericoli di diminuzione della garanzia patrimoniale sui beni del debitore 1. Si disconosce, invece, che la potestà in oggetto costituisca l esercizio di un potere sanzionatorio: ciò non appartiene nè alla struttura nè alla finalità dell istituto, in assenza della previsione di una norma violata cui faccia seguito la sospensione autoritativa del pagamento a titolo di sanzione. In ogni caso, si nota l assenza di una condizione di pariteticità tra il privato e l amministrazione procedente, in quanto la sospensione del pagamento è richiesta senza alcuna collaborazione da parte del primo ed in assenza dell intermediazione di poteri terzi. Infatti, assumendo che il provvedimento di fermo è l esercizio di un potere autoritativo nei cui confronti il privato è in una posizione di soggezione 2, l esercizio del potere ex art. 69 R.D. n del 1923 è espressione della c.d. autotutela esecutoria, in quanto è la legge che conferisce alla pubblica amministrazione il potere di realizzare con atti autoritativi i propri interessi, quando il privato non adempia gli obblighi impostigli 3. Proprio perché l emanazione del fermo è l esercizio di un potere da parte della pubblica amministrazione, ne deriva che, in tale ipotesi 4, la situazione giuridica soggettiva corrispondente al diritto di ottenere il pagamento delle somme dovute dalla pubblica amministrazione si trasmoda in interesse legittimo, secondo l effetto del c.d. affievolimento dei diritti 5. Come si dirà oltre, l individuazione della natura giuridica del potere esercitato nel disporre il fermo è rilevante ai fini della individuazione del plesso giurisdizionale competente a decidere delle questioni che sorgono riguardo alla legittimità del provvedimento. 1 L. Montel, voce Fermo amministrativo, in Digesto discipline pubblicistiche UTET, Torino, 1991, F. Garri, voce Fermo amministrativo, in Enciclopedia Giuridica Treccani Roma, Sulla nozione generale di atto autoritativo, A. M. Sandulli, Manuale di diritto amministrativo, Jovene, Napoli, 1984, pp. 610 e ss. 3 R. Galli, Manuale di diritto amministrativo, Padova, Cedam, 1994, pp. 675 e ss.. Si precisa, tuttavia, che la nozione di autotutela esecutoria con riguardo al c.d. fermo amministrativo è contestata da chi, come S. Cassese (Il fermo amministrativo: un privilegio della pubblica amministrazione, in Giur. Cost. 1972, pp. 331 e ss.), ritiene che tale denominazione valga a contraddistinguere un attività di prevenzione e risoluzione di conflitti, mentre nella fattispecie non vi è conflitto perché il fermo è disposto senza la necessaria collaborazione del privato. In linea generale, si può comunque osservare che nella nozione di autotutela esecutoria può rientrarvi anche la potestà di realizzare l interesse pubblico nonostante il conflitto o l inerzia di colui che dovrebbe garantire il risultato (così, G. Falcon, voce Esecutorietà ed esecuzione dell atto amministrativo, in Digesto discipline pubblicistiche UTET, Torino, 1991). 4 M. Nigro, Giustizia amministrativa, Il Mulino, Bologna, 2002, p F. Garri, cit. a nt. 1, che precede, e Cass., SS.UU., 4 novembre 2002 n , in Giust. Civ. mass. 2002, fasc. 2. 1

2 Infine, l affievolimento del diritto soggettivo ad interesse legittimo elimina alla radice ogni situazione di mora da parte della pubblica amministrazione in quanto, in assenza di pariteticità nei rapporti con il soggetto che subisce il fermo, vi è inevitabilmente il predominio dell interesse pubblico a garantire l integrità delle ragioni erariali 6. Altra questione di carattere generale concerne l individuazione dell apparato organizzativo legittimato a disporre un provvedimento di fermo. L art. 69 conferisce il potere di sospensione del pagamento a favore delle amministrazioni dello Stato. Secondo l interpretazione prevalente 7, la norma va interpretata restrittivamente, nel senso di ritenere a ciò legittimate le sole amministrazioni statali. Sarebbe comunque ammissibile la richiesta di tale provvedimento emanata, ad esempio, da un amministrazione centrale ad una diramazione periferica della medesima amministrazione statale, in quanto si tratta pur sempre dello stesso apparato organizzatorio riconducibile allo Stato-persona. Non sarebbe, al contrario, ipotizzabile un fermo amministrativo disposto, ad esempio, da una Regione. Né, secondo la dottrina 8, sarebbe possibile un interpretazione estensiva dell art. 69 R.D. n del 1923: in mancanza di espressa previsione dell istituto in oggetto da parte delle normative contabili regionali, non sarebbe applicabile il disposto dell art. 69 del R.D. n del Non sarebbe di ausilio in tal senso neanche l eventuale richiamo alla normativa della contabilità di Stato, perché la norma dell art. 69 R.D. n del 1923 è di tipo procedimentale per cui, a causa delle differenze organizzative esistenti tra Stato e Regioni, non sarebbe di immediata applicazione 9. Tantomeno una disciplina del fermo è contenuta nel Testo Unico degli enti locali, approvato con D.lgs. 18 agosto 2000 n Identiche considerazioni valgono per l ordinamento contabile degli enti pubblici, la cui normativa non prevede la possibilità per l ente pubblico di sospendere i pagamenti dovuti a terzi a tutela delle proprie ragioni di credito; né il D.P.R. 18 dicembre 1979 n. 696, attuativo della L. 20 marzo 1975 n. 70, né il più recente D.P.R. 27 febbraio 2003 n. 97, infatti, prevedono la possibilità di sospendere gli ordini di pagamento a danno dei privati inadempienti. Quanto all eventuale provvedimento di fermo emanato in violazione del soprariferito art. 69, si osserva che si tratterebbe di atto emesso in carenza di potere, per tale intendendosi l esercizio del potere al di fuori dei casi in cui la legge lo consente 10. In tale caso, il provvedimento di fermo non sarebbe idoneo a degradare ad interesse legittimo l originaria posizione di diritto soggettivo sulle somme dovute dall amministrazione. Residuando l originaria posizione di diritto soggettivo, il giudice ordinario, competente per l eventuale controversia sulla corresponsione delle somme dovute dall amministrazione, non incontrerebbe i limiti contenuti nell art. 4 della L. 20 marzo 1865 n. 2248, all. E (c.d. legge sull abolizione del contenzioso amministrativo). 2. INQUADRAMENTO DEL FERMO AMMINISTRATIVO IN BASE ALLE NORME ED AI PRINCIPI DELLA CONTABILITÀ PUBBLICA Tra gli altri presupposti in base ai quali è emanato il provvedimento di fermo vi è anche il fatto che, secondo una tesi sostenuta in dottrina, non sarebbe possibile invocare la compensazione ex artt e ss. c.c.. Vi osterebbe l obbligo di integrale versamento delle entrate dello Stato, desumibile dall art. 225 del R.D. 23 maggio 1924 n. 827 (c.d. principio dell integrità operativa). Inoltre, l art. 226 del predetto R.D. n. 827 del 1924 non ammette altro titolo di credito al di fuori del denaro, dei vaglia cambiari e degli assegni circolari. 11. L art. 69 del R.D. n del 1923 consente l emanazione del fermo purchè l amministrazione abbia una ragione di credito. Data la genericità dell espressione contenuta nella norma, vi è stata materia di discussione circa l individuazione della fase del procedimento di accertamento delle entrate perché possa ritenersi applicabile la norma. In particolare, ci si è chiesti se per l emanazione del 6 F. Garri, cit. a nt. 1, che precede, e Cass., SS.UU., 4 novembre 2002 n , in Giust. Civ. mass. 2002, fasc Cass., SS.UU., 4 novembre 2002 n , cit. a nt. 5, che precede, F. Garri, cit. a nt. 1, che precede. 8 F. Garri, cit. a nt. 1, che precede. 9 F. Garri, cit. a nt. 1, che precede. 10 M. Nigro, cit. a nt. 4, che precede, p L. Montel, cit. a nt. 1, che precede. 2

3 provvedimento di fermo occorra che il credito sia liquido ed esigibile o meno. Dalla formulazione letterale dell art. 69 non è dato evincere tale riferimento; d altra parte, ritenendo che il credito debba essere liquido ed esigibile, sarebbe possibile attuare direttamente la compensazione senza passare attraverso il fermo 12. In ogni caso, si suole affermare tra gli interpreti che non varrebbe una ragione creditoria qualunque, ma occorre che il procedimento relativo al conseguimento dell entrata sia pervenuto ad una fase tale da considerare ragionevole la pretesa dell amministrazione, in modo da non rendere l istituto un ingiustificato privilegio per l amministrazione 13. Per quanto concerne, invece, il debito dell amministrazione verso il privato, del cui pagamento è chiesta la sospensione, è stato avanzato il dubbio se il procedimento di spesa, in base alle norme della contabilità pubblica, debba trovarsi nella fase del pagamento, ovvero in quella di ordinazione della spesa. Sostenendo la prima tesi, il fermo potrebbe essere disposto solo al momento dell emissione del titolo di spesa, in favore della persona individuata nella precedente fase di liquidazione per il pagamento delle somme stabilite. È stato osservato che fino a quando la fase contabile non è esaurita s intende non è giunta allo stato del pagamento - non sarebbe ancora sorto il diritto del privato ad incamerare le somme spettatigli ma, al contrario, egli avrebbe soltanto un interesse legittimo, non essendovi ancora un credito liquido ed esigibile 14. Secondo altra tesi, il fermo potrebbe essere emanato prima dell emissione del titolo di spesa, quando cioè il relativo procedimento sia giunto alla fase dell ordinazione. In tal senso, già dal momento dell emissione dell ordine impartito di pagamento delle somme al creditore sussisterebbe una ragionevole pretesa in capo a quest ultimo 15. Dall analisi della normativa contabile, al predetto risultato interpretativo si potrebbe pervenire attraverso le norme del regolamento esecutivo, approvato con R.D. 23 maggio 1924 n. 827, il cui capo XV è rubricato Degli atti aventi per scopo di impedire o trattenere il pagamento di somme dovute dallo Stato. L art. 498 del riferito R.D. n. 827 del 1924 consente l emanazione di provvedimenti restrittivi disposti a tutela delle ragioni di credito erariali, come il sequestro di cui all art. 69, primo comma, R.D. n del 1923, incidenti sull ordinazione del pagamento, che in tal modo viene sospesa. Infatti, poiché il pagamento sottintende comunque l ordinazione della spesa, ragioni logiche, prima ancora che sistematiche, fanno ritenere che il c.d. fermo amministrativo possa essere disposto sin dalla fase in cui si emette l ordine di provvedere al pagamento delle somme al debitore IL FERMO AMMINISTRATIVO IN RAPPORTO AGLI ALTRI MEZZI DI CONSERVAZIONE DELLA GARANZIA PATRIMONIALE È opinione diffusa che il ricorso allo strumento del fermo amministrativo sia alternativo rispetto da altri mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale come, ad esempio, il sequestro conservativo ex art. 671 c.p.c., ovvero, nell ambito della garanzia contrattuale, rispetto alla fideiussione 17. Il fermo amministrativo può, a pieno titolo, costituire una tipologia a sé stante di mezzo di conservazione della garanzia patrimoniale poiché, per l emanazione del relativo provvedimento, non devono essere presenti i presupposti tipici di altri mezzi cautelari come, ad esempio, quelli previsti per il sequestro di cui all art. 671 c.p.c.. Ed infatti, se facesse ricorso al sequestro conservativo, l amministrazione procedente dovrebbe comunque dare dimostrazione del fondato timore che il debitore compia atti dispositivi tali da causare la diminuzione della fruttuosità dell espropriazione (c.d. periculum in mora). In tal senso, secondo la dottrina 18, va letto ed interpretato l inciso fondato timore 12 F. Garri, cit. a nt. 1, che precede. 13 F. Garri, cit. a nt. 1, che precede. 14 F. Garri, voce Mandati, assegni ed ordini di pagamento, in Enciclopedia Giuridica Treccani Roma, L. Montel, cit. a nt. 1, che precede. 16 L. Montel, cit. a nt. 1, che precede. 17L. Montel, cit. a nt. 1, che precede. 18 F. P. Luiso, Diritto processuale civile, IV, Giuffrè, Milano, 1999, pp. 45 e ss. 3

4 di perdere la garanzia patrimoniale contenuto nell art. 671 c.p.c.. Viceversa, con il fermo amministrativo 19 si ha l esercizio di un potere discrezionale quanto alla creazione di un vincolo d indisponibilità su determinati beni. Tale potere, fondato sulla mera dimostrazione dell esistenza della ragione di credito, di cui al riferito art. 69 R.D. n del 1923, non richiede la verifica di altri presupposti. Dunque, non essendovi la necessità di dimostrare l esistenza del pericolo di insolvibilità del debitore, previsti per altre tipologie di mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale, vi è motivo di ritenere che il fermo ex art. 69 R.D. n del 1923 sia una tipologia a sé di mezzo di conservazione della garanzia patrimoniale. Potrebbero, tuttavia, essere sostenute differenti tesi quanto alla natura giuridica di detto potere, se di tipo pubblicistico o privatistico. Ciò, in special modo, se si ha riguardo ad alcune applicazioni particolari dell istituto, come il fermo dei beni mobili registrati disposto dal concessionario della riscossione, ai sensi dell art.. 86 D.P.R. 29 settembre 1973 n. 602, in cui l emanazione del provvedimento di fermo è preordinata all espropriazione forzata. 4. IL FERMO DI BENI MOBILI REGISTRATI DISPOSTO DAL CONCESSIONARIO DELLA RISCOSSIONE Come noto, l art. 86 del D.P.R. n. 602 del 1973 ha conferito al concessionario della riscossione il potere di porre un vincolo di indisponibilità sui beni mobili registrati del debitore qualora questi non paghi alla scadenza il debito iscritto a ruolo. L istituto aveva ricevuto una precedente disciplina, contenuta nell articolo 91-bis del D.P.R. n. 602 del 1973, introdotto dall articolo 5 del D.L. 31 dicembre 1996 n. 669, poi abrogato con la riforma della riscossione, ad opera del D.lgs. 26 febbraio 1999 n. 46. Ai sensi del predetto art. 91-bis, iniziato il pignoramento dei beni mobili del debitore, se risultava impossibile portare a compimento la procedura espropriativa per irreperibilità dei beni, il concessionario della riscossione disponeva il fermo dei beni stessi mediante iscrizione del relativo provvedimento nei pubblici registri. Il fermo amministrativo ex art. 91-bis (abrogato) era sì un provvedimento cautelare, ma era pur sempre inserito nell ambito della procedura espropriativa, trattandosi di una forma di garanzia azionabile solo dopo il pignoramento dei beni del debitore ed a causa del mancato reperimento dei beni stessi. Successivamente, abrogato l articolo 91-bis dall articolo 16 del D.lgs. n. 46 del 1999 e, in seguito, con la modifica dell articolo 86 del D.P.R. n. 602 del 1973, ad opera del D.lgs. n. 46 del 1999 e del D.lgs. n. 193 del 2001, l adozione del provvedimento di fermo da parte del concessionario non dipende più dall inizio del pignoramento, potendo tale potere essere esercitato discrezionalmente con il mero decorso del termine di sessanta giorni dalla notifica della cartella esattoriale (art. 50 D.P.R. n. 602 del 1973) per il pagamento del debito iscritto a ruolo. Si precisa che l art. 86 citato, nella prima novella apportata dal D.lgs. n. 46 del 1999, non prevedeva il predetto termine dilatorio di sessanta giorni prima dell emanazione del fermo. In ogni caso, non essendo l emanazione del fermo da parte del concessionario ex art. 86 D.P.R. n. 602 del 1973 condizionata al previo pignoramento dei beni mobili del debitore, si rafforzerebbe la tesi secondo la quale il potere de quo in capo al concessionario sia discrezionale ed autoritativo. Inoltre, tale provvedimento avrebbe indiscutibilmente natura cautelare perchè il fermo, slegato temporalmente dall inizio del pignoramento, ha la propria ragion d essere nella conservazione delle ragioni di credito dell amministrazione procedente. Anche il fermo previsto dall art. 86 D.P.R. n. 602 del 1973 è adottato senza la previa dimostrazione del c.d. periculum in mora, come avviene, invece, per il sequestro conservativo di cui all art. 671 c.p.c.. 19 L. Montel, cit. a nt. 1, che precede, Cass., sez. V, sent. 5 marzo 2004 n. 4567, in 4

5 Vi sono delle evidenti analogie tra il fermo ex art. 86 D.P.R. n. 602 del 1973 e il potere di sospensione dei crediti di cui all art. 69 del R.D. n del In entrambe le fattispecie appare predominante la finalità pubblicistica di tutela delle ragioni dell amministrazione, che vengono portate a compimento con l esercizio di poteri discrezionali ed autoritativi. Pertanto, anche nel caso di provvedimento di fermo del concessionario l originaria situazione di diritto soggettivo del privato degraderebbe ad interesse legittimo. In entrambi i casi si tratta, comunque, di provvedimenti di natura cautelare. Fermo restando che, in base alle regole generali, il concessionario potrebbe avvalersi, a tutela dei crediti iscritti a ruolo, del potere di sospensione di cui all art. 69 R.D. n del Si osserva che la finalità cautelare del provvedimento di fermo è stata di recente evidenziata dall Agenzia delle entrate, ritenendo che anche nei casi in cui per effetto di definizioni agevolate sia sospesa la riscossione dei ruoli, è reputato opportuno il mantenimento delle misure cautelari in atto fino a quando non vi sia stato l integrale soddisfacimento del credito iscritto a ruolo 20. È evidente che l introduzione dell istituto in esame, a seguito della riforma della riscossione ad opera dei D. lgs. n. 46 del 1999 e n. 193 del 2001, ha costituito in capo al concessionario un ampio potere quanto alla possibilità di determinare l indisponibilità dei beni mobili del debitore in attesa dell espropriazione forzata. Ritenendosi detto provvedimento di natura cautelare, lo stesso non potrebbe non essere temporaneo 21 essendo pur sempre strumentale all espletamento dell espropriazione forzata. In ogni caso, gli effetti del fermo rimangono condizionati dalla permanenza della situazione di inadempimento del privato, ovvero mantenuti finchè non intervenga un provvedimento definitivo di revoca del fermo da parte dell amministrazione che lo ha emesso 22. Infine, essendo il fermo del concessionario un atto preordinato all espropriazione, esiste un collegamento di carattere funzionale con la procedura di realizzazione coattiva del credito erariale 23. In disparte le questioni concernenti la durata del periodo in cui il debitore debba soggiacere all esercizio della potestà espropriativa del concessionario, l esercizio del potere di fermo ex art. 86 D.P.R. n. 602 del 1973 ha quale presupposto la comprovata esistenza di una condizione di inadempimento del debitore. Venuto meno tale stato di inadempienza, il provvedimento dovrebbe perdere di efficacia 24. Pertanto, l eventuale protrarsi della situazione di indisponibilità del bene del privato, non più assistita dai presupposti di legge, determinerebbe una situazione di carenza di potere in capo al concessionario. Non sussistendo, in tale ipotesi, la ragione giustificatrice della posizione di preminenza del concessionario, questi si troverebbe in condizione di pariteticità con il privato, tanto che la successiva controversia per la restituzione del diritto di disporre del bene riguarderebbe soltanto l esistenza del potere di disporre il fermo, con la possibilità per il giudice ordinario di disapplicare il provvedimento ex art. 5 L. n. 2248, all. E, del Alcuni dubbi sono stati sollevati quanto alla legittimità del fermo di veicoli disposto dai concessionari della riscossione, a causa dell assenza della normativa regolamentare che avrebbe dovuto disciplinare l esercizio di tale potere, secondo quanto dispone l art. 86, comma 4, D.P.R. n. 602 del In sostanza, si tratterebbe di stabilire se, a ragion veduta, vi sia una situazione di carenza di potere riguardo ai provvedimenti di fermo ordinati dal concessionario in assenza di tale normativa di dettaglio. Secondo un indirizzo giurisprudenziale 25, non vi è ragione di disattendere la disposizione contenuta nell art. 86, ritenendo che la materia sia sufficientemente regolata essendo ancora in vigore il D.M. 7 settembre 1998 n Tuttavia, poichè tale regolamento, contenente disposizioni operative sul 20 Cir. n. 41/E del 17 settembre 2004 (consultabile in Nella specie, si trattava della sospensione dei crediti del privato verso l amministrazione, ex art. 69 R.D. n del La pronuncia, volta a risolvere alcuni dubbi applicativi sulla definizione agevolata di cui all art. 16 L. 27 dicembre 2002 n. 289, ha il pregio di delineare con chiarezza la finalità dell istituto. 21 Trib. Novara, sentenza 9 maggio 2003, in n L. Montel, cit. a nt. 1, che precede. 23 In tal senso, L. Spagnoletti, in n L. Montel, cit. a nt. 1, che precede. 25 Trib. Novara, cit. a nt. 20, che precede. 5

6 fermo di veicoli a motore, era stato emanato con riferimento all abrogato art. 91-bis D.P.R. n. 602 del 1973, ne sarebbe controversa l applicabilità nel vigore dell art. 86, comma 4, D.P.R. n. 602 del Secondo l indirizzo giurisprudenziale sopra citato 26, ai sensi dell art. 5 del citato D.M. n. 503 del 1998, il concessionario avrebbe un limite di tempo quanto all inizio del pignoramento, precisamente sessanta giorni dalla iscrizione del fermo nei pubblici registri. Inoltre, dell avvenuta iscrizione del fermo deve esserne data comunicazione al privato entro cinque giorni, ai sensi dell art. 4 del predetto regolamento 27. Secondo altro orientamento, questa volta del giudice amministrativo 28, la questione relativa alla mancanza del suddetto regolamento è giuridicamente rilevante quanto alla legittimità del fermo e dell eventuale situazione di carenza di potere del concessionario. La pronuncia del Consiglio di Stato, emessa in sede cautelare, appare di decisiva importanza specie se si considera la portata della decisione. Infatti, con un provvedimento dell Agenzia delle entrate, risol. n. 92/E del 22 luglio , i concessionari sono stati invitati ad astenersi dal disporre provvedimenti di fermo in esecuzione dei ruoli emessi dall Agenzia, in attesa di un chiarimento legale sulla questione. In definitiva, ciò che caratterizza il fermo del concessionario è il fatto di essere una tipica misura cautelare, di natura provvisoria e preordinata al mantenimento della garanzia patrimoniale sui beni del debitore. Sulla questione se il fermo del concessionario sia una misura cautelare preordinata all espropriazione forzata o, piuttosto, si tratti di un atto interno alla procedura medesima. si è verificato un contrasto in giurisprudenza quanto all individuazione del giudice competente. 5. ASPETTI INERENTI LA TUTELA GIURISDIZIONALE AVVERSO I PROVVEDIMENTI DI FERMO AMMINISTRATIVO La questione sulla natura giuridica del fermo amministrativo e la soluzione conferita alle medesime, esplica una diretta influenza sulla individuazione del giudice competente. Infatti, ritenendo che, nella specie, vi sia l esercizio di un potere autoritativo-discrezionale da parte di un organo che agisce a tutela di un interesse superindividuale, nei cui confronti il privato ha una situazione di interesse legittimo, si avrebbe come logica conseguenza che, in base agli ordinari criteri di riparto di giurisdizione ex artt. 103 e 113 Cost., le questioni concernenti la legittimità del provvedimento di sospensione dei pagamenti ex art. 69 R.D. n del 1923 vadano alla cognizione del giudice amministrativo. La Corte Suprema si è soffermata sulla natura cautelare del provvedimento, qualificato di carattere provvisorio, in quanto è diretto a legittimare la sospensione temporanea del pagamento di debiti liquidi ed esigibili da parte dello Stato a salvaguardia di crediti di quest ultimo, anche non attualmente liquidi ed esigibili. Data la natura autoritativa e discrezionale del provvedimento, si è ritenuto che il privato vanti una situazione di interesse legittimo tutelabile innanzi al giudice amministrativo 30. Più complessa è l individuazione del giudice competente a conoscere le questioni concernenti il fermo di autoveicoli disposto dal concessionario della riscossione ai sensi dell art. 86 D.P.R. n. 602 del 1973 e successive modificazioni. 26 Trib. Novara, cit. a nt. 20, che precede. 27 A tale proposito, si segnala l articolo di L Ferrajoli, Partita aperta sulle ganasce fiscali, in Sole 24 ore del 30 agosto Secondo l a., alla luce della normativa vigente, nessun obbligo di comunicazione sia dovuto al privato, se non nel caso che la misura sia applicata decorso un anno dalla notifica della cartella, ai sensi dell art. 50, comma 2, D.P.R. n. 602 del Pur condividendo quanto affermato circa l obbligo di motivazione del provvedimento, si ritiene di dissentire dall a. cit. quanto al fatto che nessun obbligo di comunicazione al privato incombe al concessionario. Infatti, essendo in vigore il D.M. n. 503 del 1998, può ritenersi applicabile l art. 4 nella parte in cui è previsto un obbligo di comunicazione, sia perché, aderendo alla tesi secondo la quale il fermo del concessionario è un atto amministrativo di natura autoritativa, per lo stesso valgono le norme in materia di procedimento amministrativo, in particolare l art. 7 legge 7 agosto 1990 n. 241, concernente l obbligo di comunicazione dell avvio del procedimento ai soggetti interessati. 28 Cons. St., sez. IV, ordin. 13 luglio 2004 n. 3259, in 29 Consultabile in: 30 F. Garri, cit. a nt. 1, che precede, Cass, SS.UU., 4 novembre 2002 n , cit. a nt. 5, che precede. 6

7 L orientamento prevalente, condiviso dalla maggioranza della giurisprudenza amministrativa e dalla Corte di Cassazione 31, è concorde nel ritenere che, in presenza di un atto autoritativo quale è il provvedimento restrittivo in esame, residuerebbe in capo al destinatario una situazione giuridica di interesse legittimo. Di conseguenza, il giudice competente è il tribunale amministrativo in sede di giurisdizione ordinaria di legittimità, potendosi anche sostenere che la fattispecie possa rientrare nella giurisdizione esclusiva per materia, ex art. 33, lett. e), D.lgs. 31 marzo 1998 n. 80, con riguardo alle attività di ogni genere. rese nell espletamento di pubblici servizi, a condizione che si ritenga l attività del concessionario riconducibile ad un pubblico servizio e al di fuori dei rapporti individuali di utenza 32. Secondo altro orientamento giurisprudenziale, sostenuto da alcuni giudici amministrativi e parte della giurisdizione ordinaria di merito 33, le controversie sulla legittimità del fermo rientrerebbero nella cognizione del giudice ordinario. In base a tale orientamento il fermo amministrativo, pur considerato atto cautelare e non esecutivo 34, è ritenuto uno strumento di conservazione della garanzia patrimoniale, con effetto rafforzativo dell obbligo di pagamento già accertato. In tal senso, poichè la competenza in materia di esecuzione forzata appartiene al giudice ordinario, in veste di giudice dell esecuzione, anche le controversie relative alla legittimità del provvedimento di fermo apparterrebbero a detto giudice, con una evidente vis actractiva della questione concernente la legittimità dell esercizio del potere da parte del concessionario nell ambito della giurisdizione civile. Detto orientamento, da ultimo citato, è concorde poi nell affermare che il fermo abbia natura provvisoria, in attesa che venga iniziata la procedura espropriativa con il pignoramento. Infine, secondo un ultimo grido del Consiglio di Stato 35, in materia di fermo di autoveicoli non vi sarebbe la giurisdizione amministrativa bensì quella delle Commissioni tributarie, trattandosi di questione che rientra ratione materiae nell ambito della riscossione dei tributi. In particolare, tale pronuncia resa in sede cautelare ha anche negato che, sulla scorta dei principi elaborati dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 204 del 2004, detta questione rientri nell ambito della giurisdizione amministrativa esclusiva in materia di servizi pubblici, ex art. 33, lett. e), D. lgs. n. 80 del Tale presa di posizione del massimo organo della giustizia amministrativa va in contrario avviso rispetto all orientamento prevalente della giustizia amministrativa: se si ritiene che la giurisdizione esclusiva amministrativa in materia di servizi pubblici si radica solo se si controverte sulla legittimità dell esercizio di un potere amministrativo si nega con ciò in radice non solo che l attività del concessionario sia effettuata nell ambito di un pubblico servizio, ma anche che vi sia l esercizio di un potere 31Cass., SS.UU., 4 novembre 2002 n , cit. a nt. 5, che precede, TAR Bari, sez. I, sent. 18 aprile 2003 n. 1764, in 2003, fasc. 4, annt.ta da S. Sardella, in Il foro amministrativo-tar 2003, fasc Pur condividendosi nella sostanza il ragionamento seguito da TAR Bari, cit. a nt. 31, che precede, nell assegnare la questione alla competenza del giudice amministrativo, si esprimono delle perplessità quanto alla qualificazione dell attività del concessionario della riscossione quale pubblico servizio. Pur non negandosi che si tratta di un attività svolta nel pubblico interesse, non per questo detta attività potrebbe qualificarsi come servizio pubblico rientrante nella giurisdizione amministrativa esclusiva ai sensi dell art. 33, lett. e), D.lgs. n. 80 del L attività di riscossione delle imposte, finalizzata a garantire allo Stato ed agli altri enti impositori di provvedersi dei mezzi necessari, appare svolta principalmente nell interesse dello Stato-persona, ovvero dei singoli enti che si rivolgono al concessionario. Occorre però tenere presente che lo Stato e gli enti territoriali possiedono un altra indefettibile caratteristica, che è quella di essere enti esponenziali della collettività alla quale pertengono. Caratteristica del servizio pubblico che qui mancherebbe è, infatti, lo svolgimento di un attività in favore dei membri di una determinata collettività che rientrerebbe nelle attribuzioni dell amministrazione ed il cui esercizio è affidato a terzi. (G. Caia, La disciplina dei servizi pubblici, in AA. VV., Diritto Amministrativo Monduzzi, Bologna, 1993, pp. 735 e ss.). Non avrebbe, pertanto, rilevanza, ai fini sopra richiamati, un attività destinata a vantaggio non dei membri della collettività bensì dell ente stesso. La riferita nozione di servizio pubblico, ai fini del riparto di giurisdizione ex art. 33, lett. e), D.lgs. n. 80 del 1998 sembra condivisa anche dalla giurisprudenza amministrativa. Una recente sentenza del TAR del Lazio, sez. III ter, sentenza 2 agosto 2004 n. 7571, in ha affermato che è servizio pubblico l attività prestata in favore di ben individuate categorie di utenti. Né tale nozione sembrerebbe, a parere del TAR del Lazio, essere stata messa in dubbio dalla recente sentenza della Corte Costituzionale 6 luglio 2004 n. 204 (consultabile in 33 Trib. Novara, cit. a nt. 20, che precede, TAR Piemonte, sez. I, 5 ottobre 2002 n. 1577, in I Tribunali Amministrativi Regionali 2002, I, Trib. Novara, cit. a nt. 20, che precede 35 Cons. St., ordin. 27 settembre 2004 n. 4356, in 7

8 amministrativo autoritativo da parte del concessionario, dichiarando inesistente la giurisdizione generale di legittimità in materia CONCLUSIONI È difficile negare che a fronte di così incisivi poteri da parte dell amministrazione nel porre un vincolo di indisponibilità sui crediti e sui beni mobili registrati dei privati il cittadino non si trovi su un piano di parità con l amministrazione stessa, a differenza dei casi in cui l amministrazione agisce con gli strumenti propri del diritto privato. In tal senso, non è indifferente se, agendo a tutela di un proprio credito, l amministrazione scelga di avvalersi del fermo, ovvero di un rimedio previsto dal codice di procedura civile come il sequestro conservativo, sebbene recenti orientamenti giurisprudenziali, in materia di fermo del concessionario, sembrerebbero ritenere che il privato si trovi in posizione di pariteticità, considerando l esercizio del potere de quo quale diritto potestativo, inserito nell ambito della procedura esecutiva, e non attività discrezionale 37. La tesi non appare condivisibile se si qualifica il fermo del concessionario quale atto cautelare, autoritativo, adottato nell ambito della c.d. autotutela esecutoria. A fortiori, inoltre, per lo stesso varrebbero le stesse regole previste dalla legge per gli atti amministrativi e, principalmente, le norme della L. 7 agosto 1990 n. 241 in materia di procedimento amministrativo. Inoltre, quel che occorre principalmente sottolineare, vi è una differenza di valori in gioco, tra la tutela del credito del privato e quello superindividuale a tutela dell integrità dell erario. Tale aspetto, se adeguatamente valutato, sarebbe in grado ex se di ritenere irrealizzabile una condizione di pariteticità del privato nei confronti dell amministrazione e del concessionario. In effetti, l esercizio del potere in oggetto non sarebbe ammissibile perché, ove pariteticità vi fosse, l amministrazione dovrebbe chiedere l intervento del giudice per ottenere la misura cautelare, così come avviene tra soggetti di diritto comune per l attuazione delle situazioni giuridiche attive 38. Per analoghe ragioni, non si ritiene di condividere l orientamento secondo il quale la materia del fermo rientra nella giurisdizione esclusiva del giudice tributario ex art. 2, D.lgs. 31 dicembre 1992 n Infatti, nonostante l ampiezza del citato art. 2, modificato dall art. 12 L. 28 dicembre 2001 n. 448, appare corretto ritenere che le controversie aventi ad oggetti i tributi di ogni genere e specie siano propriamente quelle in cui si controverte della legittimità o meno del pagamento di un tributo, mentre le questioni relative al fermo di autoveicoli hanno ad oggetto tutt altra fattispecie, ancorchè direttamente collegata con la riscossione del tributo per la quale il fermo è stato emesso. In definitiva, in considerazione della peculiarità del potere esercitato, non potrebbe che ritenersi esistente la giurisdizione amministrativa. D altronde, nell ambito delle questioni che possono sorgere sul fermo, è possibile distinguere due distinti momenti, l uno relativo alla procedura espropriativa, l altro concernente la legittimità del provvedimento di fermo, i quali non necessariamente devono appartenere alla competenza di un unico plesso giurisdizionale, in mancanza di una norma di legge che disponga un unificazione della giurisdizione ratione materiae. Né si vede come il privato, in sede di tutela giurisdizionale, possa contestare l an dell emanazione del provvedimento poiché, si è detto, l amministrazione è sostanzialmente libera nella scelta del provvedimento cautelare da adoperare a tutela delle proprie ragioni. Il che significa che, ritenendosi esistente la giurisdizione amministrativa, il tipo di sindacato possibile da parte del giudice amministrativo concernerebbe la valutazione del rispetto delle regole che 36 Si osserva che la Corte Costituzionale, sent. n. 204 del 2004, cit. a nt. 32, che precede, ha parzialmente riscritto gli artt. 33 e segg. del D.lgs. n. 80 del 1998, avendone rilevato il contrasto con l art. 103 Cost., nella parte in cui la cognizione del giudice amministrativo in materia di diritti soggettivi può esistere solo per particolari materie. In tal senso, essendo la giurisdizione esclusiva in rapporto di genere a specie rispetto alla giurisdizione ordinaria di legittimità, è in ogni caso necessario che oggetto di controversia sia l esercizio di un potere autoritativo. 37 G.P. Roma, sez. VII, dec. del 18 marzo 2004, in 38 G. Falcon, cit. a nt. 3, che precede. 39 Cons. St., ordin. 27 settembre 2004 n. 4356, cit. a nt. 35, che precede. 8

9 sottendono il corretto esercizio del potere, cioè dei c.d. limiti esterni della discrezionalità, quali la ragionevolezza, la logicità e la proporzionalità. Pertanto, non potrebbe, ad esempio, ritenersi legittimo l uso del fermo per impedire la circolazione di un autotreno a fronte di un debito a ruolo di poche decine di euro, emergendo una questione di legittimità nella scelta dei mezzi per la realizzazione dell interesse pubblico 40. Salvatore Sardella Funzionario Scuola Superiore dell economia e delle finanze 40 Sull illegittimità del fermo di autoveicoli in presenza di una sproporzione tra il debito iscritto a ruolo e il valore del veicolo, si veda, di recente, TAR Lazio, sez. I, ordin. 23 giugno 2004 n. 3402, in 9

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO E OPPOZISIONI ALL ESECUZIONE ESATTORIALE

OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO E OPPOZISIONI ALL ESECUZIONE ESATTORIALE OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO E OPPOZISIONI ALL ESECUZIONE ESATTORIALE 1 INDICE 1. PREMESSA 2. LE OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO ED ALL ESECUZIONE ESATTORIALE 3. CONCLUSIONI PREMESSA 2

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA La riscossione coattiva DOSSIER TEMATICO A cura di Sandra Amovilli - Responsabile Relazioni esterne Alessandro Zambonelli Responsabile Ufficio Audit Esterno Aggiornamento

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge di Matteo Lariccia Sommario: 1. Premessa. La disciplina e i termini dell intervento legislativo, in funzione

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli