IL FERMO AMMINISTRATIVO COME MEZZO DI CONSERVAZIONE DELLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL FERMO AMMINISTRATIVO COME MEZZO DI CONSERVAZIONE DELLA"

Transcript

1 IL FERMO AMMINISTRATIVO COME MEZZO DI CONSERVAZIONE DELLA GARANZIA PATRIMONIALE Sommario: 1. Caratteri generali dell istituto - 2. Inquadramento del fermo amministrativo in base alle norme ed ai principi della contabilità pubblica Il fermo amministrativo in rapporto ad altri mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale Il fermo di beni mobili registrati disposto dal concessionario della riscossione Aspetti inerenti la tutela giurisdizionale avverso i provvedimenti di fermo amministrativo Conclusioni. 1. CARATTERI GENERALI DELL ISTITUTO Il c.d. fermo amministrativo è disciplinato dall art. 69, sesto comma, del R.D. 18 novembre 1923 n. 2440, regolamento sulla contabilità generale dello Stato. Dispone la norma che, qualora un amministrazione dello Stato abbia, a qualsiasi titolo, ragione di credito verso aventi diritto a somme dovute da altre amministrazioni, la stessa può richiedere la sospensione del pagamento, in attesa del provvedimento definitivo. Nelle ricostruzioni che dell istituto sono state fatte in dottrina, la tesi maggiormente accreditata considera il fermo un provvedimento di natura cautelare, di carattere temporaneo, disposto in attesa del provvedimento definitivo, in quanto finalizzato a garantire le ragioni di credito erariali da eventuali pericoli di diminuzione della garanzia patrimoniale sui beni del debitore 1. Si disconosce, invece, che la potestà in oggetto costituisca l esercizio di un potere sanzionatorio: ciò non appartiene nè alla struttura nè alla finalità dell istituto, in assenza della previsione di una norma violata cui faccia seguito la sospensione autoritativa del pagamento a titolo di sanzione. In ogni caso, si nota l assenza di una condizione di pariteticità tra il privato e l amministrazione procedente, in quanto la sospensione del pagamento è richiesta senza alcuna collaborazione da parte del primo ed in assenza dell intermediazione di poteri terzi. Infatti, assumendo che il provvedimento di fermo è l esercizio di un potere autoritativo nei cui confronti il privato è in una posizione di soggezione 2, l esercizio del potere ex art. 69 R.D. n del 1923 è espressione della c.d. autotutela esecutoria, in quanto è la legge che conferisce alla pubblica amministrazione il potere di realizzare con atti autoritativi i propri interessi, quando il privato non adempia gli obblighi impostigli 3. Proprio perché l emanazione del fermo è l esercizio di un potere da parte della pubblica amministrazione, ne deriva che, in tale ipotesi 4, la situazione giuridica soggettiva corrispondente al diritto di ottenere il pagamento delle somme dovute dalla pubblica amministrazione si trasmoda in interesse legittimo, secondo l effetto del c.d. affievolimento dei diritti 5. Come si dirà oltre, l individuazione della natura giuridica del potere esercitato nel disporre il fermo è rilevante ai fini della individuazione del plesso giurisdizionale competente a decidere delle questioni che sorgono riguardo alla legittimità del provvedimento. 1 L. Montel, voce Fermo amministrativo, in Digesto discipline pubblicistiche UTET, Torino, 1991, F. Garri, voce Fermo amministrativo, in Enciclopedia Giuridica Treccani Roma, Sulla nozione generale di atto autoritativo, A. M. Sandulli, Manuale di diritto amministrativo, Jovene, Napoli, 1984, pp. 610 e ss. 3 R. Galli, Manuale di diritto amministrativo, Padova, Cedam, 1994, pp. 675 e ss.. Si precisa, tuttavia, che la nozione di autotutela esecutoria con riguardo al c.d. fermo amministrativo è contestata da chi, come S. Cassese (Il fermo amministrativo: un privilegio della pubblica amministrazione, in Giur. Cost. 1972, pp. 331 e ss.), ritiene che tale denominazione valga a contraddistinguere un attività di prevenzione e risoluzione di conflitti, mentre nella fattispecie non vi è conflitto perché il fermo è disposto senza la necessaria collaborazione del privato. In linea generale, si può comunque osservare che nella nozione di autotutela esecutoria può rientrarvi anche la potestà di realizzare l interesse pubblico nonostante il conflitto o l inerzia di colui che dovrebbe garantire il risultato (così, G. Falcon, voce Esecutorietà ed esecuzione dell atto amministrativo, in Digesto discipline pubblicistiche UTET, Torino, 1991). 4 M. Nigro, Giustizia amministrativa, Il Mulino, Bologna, 2002, p F. Garri, cit. a nt. 1, che precede, e Cass., SS.UU., 4 novembre 2002 n , in Giust. Civ. mass. 2002, fasc. 2. 1

2 Infine, l affievolimento del diritto soggettivo ad interesse legittimo elimina alla radice ogni situazione di mora da parte della pubblica amministrazione in quanto, in assenza di pariteticità nei rapporti con il soggetto che subisce il fermo, vi è inevitabilmente il predominio dell interesse pubblico a garantire l integrità delle ragioni erariali 6. Altra questione di carattere generale concerne l individuazione dell apparato organizzativo legittimato a disporre un provvedimento di fermo. L art. 69 conferisce il potere di sospensione del pagamento a favore delle amministrazioni dello Stato. Secondo l interpretazione prevalente 7, la norma va interpretata restrittivamente, nel senso di ritenere a ciò legittimate le sole amministrazioni statali. Sarebbe comunque ammissibile la richiesta di tale provvedimento emanata, ad esempio, da un amministrazione centrale ad una diramazione periferica della medesima amministrazione statale, in quanto si tratta pur sempre dello stesso apparato organizzatorio riconducibile allo Stato-persona. Non sarebbe, al contrario, ipotizzabile un fermo amministrativo disposto, ad esempio, da una Regione. Né, secondo la dottrina 8, sarebbe possibile un interpretazione estensiva dell art. 69 R.D. n del 1923: in mancanza di espressa previsione dell istituto in oggetto da parte delle normative contabili regionali, non sarebbe applicabile il disposto dell art. 69 del R.D. n del Non sarebbe di ausilio in tal senso neanche l eventuale richiamo alla normativa della contabilità di Stato, perché la norma dell art. 69 R.D. n del 1923 è di tipo procedimentale per cui, a causa delle differenze organizzative esistenti tra Stato e Regioni, non sarebbe di immediata applicazione 9. Tantomeno una disciplina del fermo è contenuta nel Testo Unico degli enti locali, approvato con D.lgs. 18 agosto 2000 n Identiche considerazioni valgono per l ordinamento contabile degli enti pubblici, la cui normativa non prevede la possibilità per l ente pubblico di sospendere i pagamenti dovuti a terzi a tutela delle proprie ragioni di credito; né il D.P.R. 18 dicembre 1979 n. 696, attuativo della L. 20 marzo 1975 n. 70, né il più recente D.P.R. 27 febbraio 2003 n. 97, infatti, prevedono la possibilità di sospendere gli ordini di pagamento a danno dei privati inadempienti. Quanto all eventuale provvedimento di fermo emanato in violazione del soprariferito art. 69, si osserva che si tratterebbe di atto emesso in carenza di potere, per tale intendendosi l esercizio del potere al di fuori dei casi in cui la legge lo consente 10. In tale caso, il provvedimento di fermo non sarebbe idoneo a degradare ad interesse legittimo l originaria posizione di diritto soggettivo sulle somme dovute dall amministrazione. Residuando l originaria posizione di diritto soggettivo, il giudice ordinario, competente per l eventuale controversia sulla corresponsione delle somme dovute dall amministrazione, non incontrerebbe i limiti contenuti nell art. 4 della L. 20 marzo 1865 n. 2248, all. E (c.d. legge sull abolizione del contenzioso amministrativo). 2. INQUADRAMENTO DEL FERMO AMMINISTRATIVO IN BASE ALLE NORME ED AI PRINCIPI DELLA CONTABILITÀ PUBBLICA Tra gli altri presupposti in base ai quali è emanato il provvedimento di fermo vi è anche il fatto che, secondo una tesi sostenuta in dottrina, non sarebbe possibile invocare la compensazione ex artt e ss. c.c.. Vi osterebbe l obbligo di integrale versamento delle entrate dello Stato, desumibile dall art. 225 del R.D. 23 maggio 1924 n. 827 (c.d. principio dell integrità operativa). Inoltre, l art. 226 del predetto R.D. n. 827 del 1924 non ammette altro titolo di credito al di fuori del denaro, dei vaglia cambiari e degli assegni circolari. 11. L art. 69 del R.D. n del 1923 consente l emanazione del fermo purchè l amministrazione abbia una ragione di credito. Data la genericità dell espressione contenuta nella norma, vi è stata materia di discussione circa l individuazione della fase del procedimento di accertamento delle entrate perché possa ritenersi applicabile la norma. In particolare, ci si è chiesti se per l emanazione del 6 F. Garri, cit. a nt. 1, che precede, e Cass., SS.UU., 4 novembre 2002 n , in Giust. Civ. mass. 2002, fasc Cass., SS.UU., 4 novembre 2002 n , cit. a nt. 5, che precede, F. Garri, cit. a nt. 1, che precede. 8 F. Garri, cit. a nt. 1, che precede. 9 F. Garri, cit. a nt. 1, che precede. 10 M. Nigro, cit. a nt. 4, che precede, p L. Montel, cit. a nt. 1, che precede. 2

3 provvedimento di fermo occorra che il credito sia liquido ed esigibile o meno. Dalla formulazione letterale dell art. 69 non è dato evincere tale riferimento; d altra parte, ritenendo che il credito debba essere liquido ed esigibile, sarebbe possibile attuare direttamente la compensazione senza passare attraverso il fermo 12. In ogni caso, si suole affermare tra gli interpreti che non varrebbe una ragione creditoria qualunque, ma occorre che il procedimento relativo al conseguimento dell entrata sia pervenuto ad una fase tale da considerare ragionevole la pretesa dell amministrazione, in modo da non rendere l istituto un ingiustificato privilegio per l amministrazione 13. Per quanto concerne, invece, il debito dell amministrazione verso il privato, del cui pagamento è chiesta la sospensione, è stato avanzato il dubbio se il procedimento di spesa, in base alle norme della contabilità pubblica, debba trovarsi nella fase del pagamento, ovvero in quella di ordinazione della spesa. Sostenendo la prima tesi, il fermo potrebbe essere disposto solo al momento dell emissione del titolo di spesa, in favore della persona individuata nella precedente fase di liquidazione per il pagamento delle somme stabilite. È stato osservato che fino a quando la fase contabile non è esaurita s intende non è giunta allo stato del pagamento - non sarebbe ancora sorto il diritto del privato ad incamerare le somme spettatigli ma, al contrario, egli avrebbe soltanto un interesse legittimo, non essendovi ancora un credito liquido ed esigibile 14. Secondo altra tesi, il fermo potrebbe essere emanato prima dell emissione del titolo di spesa, quando cioè il relativo procedimento sia giunto alla fase dell ordinazione. In tal senso, già dal momento dell emissione dell ordine impartito di pagamento delle somme al creditore sussisterebbe una ragionevole pretesa in capo a quest ultimo 15. Dall analisi della normativa contabile, al predetto risultato interpretativo si potrebbe pervenire attraverso le norme del regolamento esecutivo, approvato con R.D. 23 maggio 1924 n. 827, il cui capo XV è rubricato Degli atti aventi per scopo di impedire o trattenere il pagamento di somme dovute dallo Stato. L art. 498 del riferito R.D. n. 827 del 1924 consente l emanazione di provvedimenti restrittivi disposti a tutela delle ragioni di credito erariali, come il sequestro di cui all art. 69, primo comma, R.D. n del 1923, incidenti sull ordinazione del pagamento, che in tal modo viene sospesa. Infatti, poiché il pagamento sottintende comunque l ordinazione della spesa, ragioni logiche, prima ancora che sistematiche, fanno ritenere che il c.d. fermo amministrativo possa essere disposto sin dalla fase in cui si emette l ordine di provvedere al pagamento delle somme al debitore IL FERMO AMMINISTRATIVO IN RAPPORTO AGLI ALTRI MEZZI DI CONSERVAZIONE DELLA GARANZIA PATRIMONIALE È opinione diffusa che il ricorso allo strumento del fermo amministrativo sia alternativo rispetto da altri mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale come, ad esempio, il sequestro conservativo ex art. 671 c.p.c., ovvero, nell ambito della garanzia contrattuale, rispetto alla fideiussione 17. Il fermo amministrativo può, a pieno titolo, costituire una tipologia a sé stante di mezzo di conservazione della garanzia patrimoniale poiché, per l emanazione del relativo provvedimento, non devono essere presenti i presupposti tipici di altri mezzi cautelari come, ad esempio, quelli previsti per il sequestro di cui all art. 671 c.p.c.. Ed infatti, se facesse ricorso al sequestro conservativo, l amministrazione procedente dovrebbe comunque dare dimostrazione del fondato timore che il debitore compia atti dispositivi tali da causare la diminuzione della fruttuosità dell espropriazione (c.d. periculum in mora). In tal senso, secondo la dottrina 18, va letto ed interpretato l inciso fondato timore 12 F. Garri, cit. a nt. 1, che precede. 13 F. Garri, cit. a nt. 1, che precede. 14 F. Garri, voce Mandati, assegni ed ordini di pagamento, in Enciclopedia Giuridica Treccani Roma, L. Montel, cit. a nt. 1, che precede. 16 L. Montel, cit. a nt. 1, che precede. 17L. Montel, cit. a nt. 1, che precede. 18 F. P. Luiso, Diritto processuale civile, IV, Giuffrè, Milano, 1999, pp. 45 e ss. 3

4 di perdere la garanzia patrimoniale contenuto nell art. 671 c.p.c.. Viceversa, con il fermo amministrativo 19 si ha l esercizio di un potere discrezionale quanto alla creazione di un vincolo d indisponibilità su determinati beni. Tale potere, fondato sulla mera dimostrazione dell esistenza della ragione di credito, di cui al riferito art. 69 R.D. n del 1923, non richiede la verifica di altri presupposti. Dunque, non essendovi la necessità di dimostrare l esistenza del pericolo di insolvibilità del debitore, previsti per altre tipologie di mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale, vi è motivo di ritenere che il fermo ex art. 69 R.D. n del 1923 sia una tipologia a sé di mezzo di conservazione della garanzia patrimoniale. Potrebbero, tuttavia, essere sostenute differenti tesi quanto alla natura giuridica di detto potere, se di tipo pubblicistico o privatistico. Ciò, in special modo, se si ha riguardo ad alcune applicazioni particolari dell istituto, come il fermo dei beni mobili registrati disposto dal concessionario della riscossione, ai sensi dell art.. 86 D.P.R. 29 settembre 1973 n. 602, in cui l emanazione del provvedimento di fermo è preordinata all espropriazione forzata. 4. IL FERMO DI BENI MOBILI REGISTRATI DISPOSTO DAL CONCESSIONARIO DELLA RISCOSSIONE Come noto, l art. 86 del D.P.R. n. 602 del 1973 ha conferito al concessionario della riscossione il potere di porre un vincolo di indisponibilità sui beni mobili registrati del debitore qualora questi non paghi alla scadenza il debito iscritto a ruolo. L istituto aveva ricevuto una precedente disciplina, contenuta nell articolo 91-bis del D.P.R. n. 602 del 1973, introdotto dall articolo 5 del D.L. 31 dicembre 1996 n. 669, poi abrogato con la riforma della riscossione, ad opera del D.lgs. 26 febbraio 1999 n. 46. Ai sensi del predetto art. 91-bis, iniziato il pignoramento dei beni mobili del debitore, se risultava impossibile portare a compimento la procedura espropriativa per irreperibilità dei beni, il concessionario della riscossione disponeva il fermo dei beni stessi mediante iscrizione del relativo provvedimento nei pubblici registri. Il fermo amministrativo ex art. 91-bis (abrogato) era sì un provvedimento cautelare, ma era pur sempre inserito nell ambito della procedura espropriativa, trattandosi di una forma di garanzia azionabile solo dopo il pignoramento dei beni del debitore ed a causa del mancato reperimento dei beni stessi. Successivamente, abrogato l articolo 91-bis dall articolo 16 del D.lgs. n. 46 del 1999 e, in seguito, con la modifica dell articolo 86 del D.P.R. n. 602 del 1973, ad opera del D.lgs. n. 46 del 1999 e del D.lgs. n. 193 del 2001, l adozione del provvedimento di fermo da parte del concessionario non dipende più dall inizio del pignoramento, potendo tale potere essere esercitato discrezionalmente con il mero decorso del termine di sessanta giorni dalla notifica della cartella esattoriale (art. 50 D.P.R. n. 602 del 1973) per il pagamento del debito iscritto a ruolo. Si precisa che l art. 86 citato, nella prima novella apportata dal D.lgs. n. 46 del 1999, non prevedeva il predetto termine dilatorio di sessanta giorni prima dell emanazione del fermo. In ogni caso, non essendo l emanazione del fermo da parte del concessionario ex art. 86 D.P.R. n. 602 del 1973 condizionata al previo pignoramento dei beni mobili del debitore, si rafforzerebbe la tesi secondo la quale il potere de quo in capo al concessionario sia discrezionale ed autoritativo. Inoltre, tale provvedimento avrebbe indiscutibilmente natura cautelare perchè il fermo, slegato temporalmente dall inizio del pignoramento, ha la propria ragion d essere nella conservazione delle ragioni di credito dell amministrazione procedente. Anche il fermo previsto dall art. 86 D.P.R. n. 602 del 1973 è adottato senza la previa dimostrazione del c.d. periculum in mora, come avviene, invece, per il sequestro conservativo di cui all art. 671 c.p.c.. 19 L. Montel, cit. a nt. 1, che precede, Cass., sez. V, sent. 5 marzo 2004 n. 4567, in 4

5 Vi sono delle evidenti analogie tra il fermo ex art. 86 D.P.R. n. 602 del 1973 e il potere di sospensione dei crediti di cui all art. 69 del R.D. n del In entrambe le fattispecie appare predominante la finalità pubblicistica di tutela delle ragioni dell amministrazione, che vengono portate a compimento con l esercizio di poteri discrezionali ed autoritativi. Pertanto, anche nel caso di provvedimento di fermo del concessionario l originaria situazione di diritto soggettivo del privato degraderebbe ad interesse legittimo. In entrambi i casi si tratta, comunque, di provvedimenti di natura cautelare. Fermo restando che, in base alle regole generali, il concessionario potrebbe avvalersi, a tutela dei crediti iscritti a ruolo, del potere di sospensione di cui all art. 69 R.D. n del Si osserva che la finalità cautelare del provvedimento di fermo è stata di recente evidenziata dall Agenzia delle entrate, ritenendo che anche nei casi in cui per effetto di definizioni agevolate sia sospesa la riscossione dei ruoli, è reputato opportuno il mantenimento delle misure cautelari in atto fino a quando non vi sia stato l integrale soddisfacimento del credito iscritto a ruolo 20. È evidente che l introduzione dell istituto in esame, a seguito della riforma della riscossione ad opera dei D. lgs. n. 46 del 1999 e n. 193 del 2001, ha costituito in capo al concessionario un ampio potere quanto alla possibilità di determinare l indisponibilità dei beni mobili del debitore in attesa dell espropriazione forzata. Ritenendosi detto provvedimento di natura cautelare, lo stesso non potrebbe non essere temporaneo 21 essendo pur sempre strumentale all espletamento dell espropriazione forzata. In ogni caso, gli effetti del fermo rimangono condizionati dalla permanenza della situazione di inadempimento del privato, ovvero mantenuti finchè non intervenga un provvedimento definitivo di revoca del fermo da parte dell amministrazione che lo ha emesso 22. Infine, essendo il fermo del concessionario un atto preordinato all espropriazione, esiste un collegamento di carattere funzionale con la procedura di realizzazione coattiva del credito erariale 23. In disparte le questioni concernenti la durata del periodo in cui il debitore debba soggiacere all esercizio della potestà espropriativa del concessionario, l esercizio del potere di fermo ex art. 86 D.P.R. n. 602 del 1973 ha quale presupposto la comprovata esistenza di una condizione di inadempimento del debitore. Venuto meno tale stato di inadempienza, il provvedimento dovrebbe perdere di efficacia 24. Pertanto, l eventuale protrarsi della situazione di indisponibilità del bene del privato, non più assistita dai presupposti di legge, determinerebbe una situazione di carenza di potere in capo al concessionario. Non sussistendo, in tale ipotesi, la ragione giustificatrice della posizione di preminenza del concessionario, questi si troverebbe in condizione di pariteticità con il privato, tanto che la successiva controversia per la restituzione del diritto di disporre del bene riguarderebbe soltanto l esistenza del potere di disporre il fermo, con la possibilità per il giudice ordinario di disapplicare il provvedimento ex art. 5 L. n. 2248, all. E, del Alcuni dubbi sono stati sollevati quanto alla legittimità del fermo di veicoli disposto dai concessionari della riscossione, a causa dell assenza della normativa regolamentare che avrebbe dovuto disciplinare l esercizio di tale potere, secondo quanto dispone l art. 86, comma 4, D.P.R. n. 602 del In sostanza, si tratterebbe di stabilire se, a ragion veduta, vi sia una situazione di carenza di potere riguardo ai provvedimenti di fermo ordinati dal concessionario in assenza di tale normativa di dettaglio. Secondo un indirizzo giurisprudenziale 25, non vi è ragione di disattendere la disposizione contenuta nell art. 86, ritenendo che la materia sia sufficientemente regolata essendo ancora in vigore il D.M. 7 settembre 1998 n Tuttavia, poichè tale regolamento, contenente disposizioni operative sul 20 Cir. n. 41/E del 17 settembre 2004 (consultabile in Nella specie, si trattava della sospensione dei crediti del privato verso l amministrazione, ex art. 69 R.D. n del La pronuncia, volta a risolvere alcuni dubbi applicativi sulla definizione agevolata di cui all art. 16 L. 27 dicembre 2002 n. 289, ha il pregio di delineare con chiarezza la finalità dell istituto. 21 Trib. Novara, sentenza 9 maggio 2003, in n L. Montel, cit. a nt. 1, che precede. 23 In tal senso, L. Spagnoletti, in n L. Montel, cit. a nt. 1, che precede. 25 Trib. Novara, cit. a nt. 20, che precede. 5

6 fermo di veicoli a motore, era stato emanato con riferimento all abrogato art. 91-bis D.P.R. n. 602 del 1973, ne sarebbe controversa l applicabilità nel vigore dell art. 86, comma 4, D.P.R. n. 602 del Secondo l indirizzo giurisprudenziale sopra citato 26, ai sensi dell art. 5 del citato D.M. n. 503 del 1998, il concessionario avrebbe un limite di tempo quanto all inizio del pignoramento, precisamente sessanta giorni dalla iscrizione del fermo nei pubblici registri. Inoltre, dell avvenuta iscrizione del fermo deve esserne data comunicazione al privato entro cinque giorni, ai sensi dell art. 4 del predetto regolamento 27. Secondo altro orientamento, questa volta del giudice amministrativo 28, la questione relativa alla mancanza del suddetto regolamento è giuridicamente rilevante quanto alla legittimità del fermo e dell eventuale situazione di carenza di potere del concessionario. La pronuncia del Consiglio di Stato, emessa in sede cautelare, appare di decisiva importanza specie se si considera la portata della decisione. Infatti, con un provvedimento dell Agenzia delle entrate, risol. n. 92/E del 22 luglio , i concessionari sono stati invitati ad astenersi dal disporre provvedimenti di fermo in esecuzione dei ruoli emessi dall Agenzia, in attesa di un chiarimento legale sulla questione. In definitiva, ciò che caratterizza il fermo del concessionario è il fatto di essere una tipica misura cautelare, di natura provvisoria e preordinata al mantenimento della garanzia patrimoniale sui beni del debitore. Sulla questione se il fermo del concessionario sia una misura cautelare preordinata all espropriazione forzata o, piuttosto, si tratti di un atto interno alla procedura medesima. si è verificato un contrasto in giurisprudenza quanto all individuazione del giudice competente. 5. ASPETTI INERENTI LA TUTELA GIURISDIZIONALE AVVERSO I PROVVEDIMENTI DI FERMO AMMINISTRATIVO La questione sulla natura giuridica del fermo amministrativo e la soluzione conferita alle medesime, esplica una diretta influenza sulla individuazione del giudice competente. Infatti, ritenendo che, nella specie, vi sia l esercizio di un potere autoritativo-discrezionale da parte di un organo che agisce a tutela di un interesse superindividuale, nei cui confronti il privato ha una situazione di interesse legittimo, si avrebbe come logica conseguenza che, in base agli ordinari criteri di riparto di giurisdizione ex artt. 103 e 113 Cost., le questioni concernenti la legittimità del provvedimento di sospensione dei pagamenti ex art. 69 R.D. n del 1923 vadano alla cognizione del giudice amministrativo. La Corte Suprema si è soffermata sulla natura cautelare del provvedimento, qualificato di carattere provvisorio, in quanto è diretto a legittimare la sospensione temporanea del pagamento di debiti liquidi ed esigibili da parte dello Stato a salvaguardia di crediti di quest ultimo, anche non attualmente liquidi ed esigibili. Data la natura autoritativa e discrezionale del provvedimento, si è ritenuto che il privato vanti una situazione di interesse legittimo tutelabile innanzi al giudice amministrativo 30. Più complessa è l individuazione del giudice competente a conoscere le questioni concernenti il fermo di autoveicoli disposto dal concessionario della riscossione ai sensi dell art. 86 D.P.R. n. 602 del 1973 e successive modificazioni. 26 Trib. Novara, cit. a nt. 20, che precede. 27 A tale proposito, si segnala l articolo di L Ferrajoli, Partita aperta sulle ganasce fiscali, in Sole 24 ore del 30 agosto Secondo l a., alla luce della normativa vigente, nessun obbligo di comunicazione sia dovuto al privato, se non nel caso che la misura sia applicata decorso un anno dalla notifica della cartella, ai sensi dell art. 50, comma 2, D.P.R. n. 602 del Pur condividendo quanto affermato circa l obbligo di motivazione del provvedimento, si ritiene di dissentire dall a. cit. quanto al fatto che nessun obbligo di comunicazione al privato incombe al concessionario. Infatti, essendo in vigore il D.M. n. 503 del 1998, può ritenersi applicabile l art. 4 nella parte in cui è previsto un obbligo di comunicazione, sia perché, aderendo alla tesi secondo la quale il fermo del concessionario è un atto amministrativo di natura autoritativa, per lo stesso valgono le norme in materia di procedimento amministrativo, in particolare l art. 7 legge 7 agosto 1990 n. 241, concernente l obbligo di comunicazione dell avvio del procedimento ai soggetti interessati. 28 Cons. St., sez. IV, ordin. 13 luglio 2004 n. 3259, in 29 Consultabile in: 30 F. Garri, cit. a nt. 1, che precede, Cass, SS.UU., 4 novembre 2002 n , cit. a nt. 5, che precede. 6

7 L orientamento prevalente, condiviso dalla maggioranza della giurisprudenza amministrativa e dalla Corte di Cassazione 31, è concorde nel ritenere che, in presenza di un atto autoritativo quale è il provvedimento restrittivo in esame, residuerebbe in capo al destinatario una situazione giuridica di interesse legittimo. Di conseguenza, il giudice competente è il tribunale amministrativo in sede di giurisdizione ordinaria di legittimità, potendosi anche sostenere che la fattispecie possa rientrare nella giurisdizione esclusiva per materia, ex art. 33, lett. e), D.lgs. 31 marzo 1998 n. 80, con riguardo alle attività di ogni genere. rese nell espletamento di pubblici servizi, a condizione che si ritenga l attività del concessionario riconducibile ad un pubblico servizio e al di fuori dei rapporti individuali di utenza 32. Secondo altro orientamento giurisprudenziale, sostenuto da alcuni giudici amministrativi e parte della giurisdizione ordinaria di merito 33, le controversie sulla legittimità del fermo rientrerebbero nella cognizione del giudice ordinario. In base a tale orientamento il fermo amministrativo, pur considerato atto cautelare e non esecutivo 34, è ritenuto uno strumento di conservazione della garanzia patrimoniale, con effetto rafforzativo dell obbligo di pagamento già accertato. In tal senso, poichè la competenza in materia di esecuzione forzata appartiene al giudice ordinario, in veste di giudice dell esecuzione, anche le controversie relative alla legittimità del provvedimento di fermo apparterrebbero a detto giudice, con una evidente vis actractiva della questione concernente la legittimità dell esercizio del potere da parte del concessionario nell ambito della giurisdizione civile. Detto orientamento, da ultimo citato, è concorde poi nell affermare che il fermo abbia natura provvisoria, in attesa che venga iniziata la procedura espropriativa con il pignoramento. Infine, secondo un ultimo grido del Consiglio di Stato 35, in materia di fermo di autoveicoli non vi sarebbe la giurisdizione amministrativa bensì quella delle Commissioni tributarie, trattandosi di questione che rientra ratione materiae nell ambito della riscossione dei tributi. In particolare, tale pronuncia resa in sede cautelare ha anche negato che, sulla scorta dei principi elaborati dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 204 del 2004, detta questione rientri nell ambito della giurisdizione amministrativa esclusiva in materia di servizi pubblici, ex art. 33, lett. e), D. lgs. n. 80 del Tale presa di posizione del massimo organo della giustizia amministrativa va in contrario avviso rispetto all orientamento prevalente della giustizia amministrativa: se si ritiene che la giurisdizione esclusiva amministrativa in materia di servizi pubblici si radica solo se si controverte sulla legittimità dell esercizio di un potere amministrativo si nega con ciò in radice non solo che l attività del concessionario sia effettuata nell ambito di un pubblico servizio, ma anche che vi sia l esercizio di un potere 31Cass., SS.UU., 4 novembre 2002 n , cit. a nt. 5, che precede, TAR Bari, sez. I, sent. 18 aprile 2003 n. 1764, in 2003, fasc. 4, annt.ta da S. Sardella, in Il foro amministrativo-tar 2003, fasc Pur condividendosi nella sostanza il ragionamento seguito da TAR Bari, cit. a nt. 31, che precede, nell assegnare la questione alla competenza del giudice amministrativo, si esprimono delle perplessità quanto alla qualificazione dell attività del concessionario della riscossione quale pubblico servizio. Pur non negandosi che si tratta di un attività svolta nel pubblico interesse, non per questo detta attività potrebbe qualificarsi come servizio pubblico rientrante nella giurisdizione amministrativa esclusiva ai sensi dell art. 33, lett. e), D.lgs. n. 80 del L attività di riscossione delle imposte, finalizzata a garantire allo Stato ed agli altri enti impositori di provvedersi dei mezzi necessari, appare svolta principalmente nell interesse dello Stato-persona, ovvero dei singoli enti che si rivolgono al concessionario. Occorre però tenere presente che lo Stato e gli enti territoriali possiedono un altra indefettibile caratteristica, che è quella di essere enti esponenziali della collettività alla quale pertengono. Caratteristica del servizio pubblico che qui mancherebbe è, infatti, lo svolgimento di un attività in favore dei membri di una determinata collettività che rientrerebbe nelle attribuzioni dell amministrazione ed il cui esercizio è affidato a terzi. (G. Caia, La disciplina dei servizi pubblici, in AA. VV., Diritto Amministrativo Monduzzi, Bologna, 1993, pp. 735 e ss.). Non avrebbe, pertanto, rilevanza, ai fini sopra richiamati, un attività destinata a vantaggio non dei membri della collettività bensì dell ente stesso. La riferita nozione di servizio pubblico, ai fini del riparto di giurisdizione ex art. 33, lett. e), D.lgs. n. 80 del 1998 sembra condivisa anche dalla giurisprudenza amministrativa. Una recente sentenza del TAR del Lazio, sez. III ter, sentenza 2 agosto 2004 n. 7571, in ha affermato che è servizio pubblico l attività prestata in favore di ben individuate categorie di utenti. Né tale nozione sembrerebbe, a parere del TAR del Lazio, essere stata messa in dubbio dalla recente sentenza della Corte Costituzionale 6 luglio 2004 n. 204 (consultabile in 33 Trib. Novara, cit. a nt. 20, che precede, TAR Piemonte, sez. I, 5 ottobre 2002 n. 1577, in I Tribunali Amministrativi Regionali 2002, I, Trib. Novara, cit. a nt. 20, che precede 35 Cons. St., ordin. 27 settembre 2004 n. 4356, in 7

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 112 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Varie Prima di impugnare una cartella esattoriale

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE Presentazione.................................. XIII Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE CAPITOLO I L INQUADRAMENTO DELLA TUTELA CAUTELARE NELL AMBITO DEI GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE

Dettagli

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI Contributo unificato, diritti di copia, indennità ex art. 30 t.u. spese di giustizia e imposta di registro nei procedimenti, in materia di sanzioni amministrative, di opposizione alle cartelle esattoriali,

Dettagli

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO Formula 1 27 FORMULA 1 RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI... Ricorso avverso l avviso di intimazione

Dettagli

MASSIMARIO DELLE DECISIONI. Napoli, 6 febbraio 2015

MASSIMARIO DELLE DECISIONI. Napoli, 6 febbraio 2015 MASSIMARIO DELLE DECISIONI Napoli, 6 febbraio 2015 Cass. civ., sez. trib., 05-11-2014, n. 23550. In tema d imposte sui redditi, è legittimo il ricorso all accertamento analitico-induttivo del reddito d

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it Nota a Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, sentenza 22 gennaio 2013, n.

www.ildirittoamministrativo.it Nota a Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, sentenza 22 gennaio 2013, n. Nota a Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, sentenza 22 gennaio 2013, n. 20 a cura di Francesco Lo Gerfo Ammissibilità del giudizio di ottemperanza in relazione ad ordinanze

Dettagli

L ESECUZIONE ESATTORIALE

L ESECUZIONE ESATTORIALE L ESECUZIONE ESATTORIALE CONVEGNO DEL 22 OTTOBRE 2010 PORDENONE Fabio Gallio - Avvocato e Dottore Commercialista in Padova e-mail: fgallio@terrineassociati.com Federico Terrin - Avvocato Tributarista in

Dettagli

RISCOSSIONE ESATTORIALE NOVITA, QUESTIONI CONTROVERSE E SOLUZIONI PRATICHE

RISCOSSIONE ESATTORIALE NOVITA, QUESTIONI CONTROVERSE E SOLUZIONI PRATICHE MASTER RISCOSSIONE ESATTORIALE NOVITA, QUESTIONI CONTROVERSE E SOLUZIONI PRATICHE Napoli, 25 settembre, 9, 23 ottobre, 6 e 20 novembre 2015 Obiettivi Il Master ha la finalità di fornire agli operatori

Dettagli

AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO

AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO a cura Cosimo Turrisi L autotutela tributaria è un procedimento amministrativo di secondo grado che consente, in ossequio ai principi di cui

Dettagli

CAPITOLO XXVI IL RIPARTO DI GIURISDIZIONE

CAPITOLO XXVI IL RIPARTO DI GIURISDIZIONE CAPITOLO XXVI IL RIPARTO DI GIURISDIZIONE 1. Inquadramento del problema della giurisdizione 2. Evoluzione storica dei criteri di riparto della giurisdizione e quadro normativo di riferimento 2.1 La legge

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LA SOSPENSIONE GIURISDIZIONALE DELL ESECUZIONE DELL ATTO IMPUGNATO Documento n. 7 del 1 marzo 2005 Nel processo tributario è previsto l istituto della sospensione giurisdizionale

Dettagli

Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione

Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione Premessa L art. 35, comma 26-quater, del d.l. n. 223 del 2006, conv. con modifiche dalla legge n. 248 del 2006, in vigore dal 4 luglio

Dettagli

Ottobre 2015. Cessione di crediti verso la PA: evoluzione normativa e giurisprudenziale

Ottobre 2015. Cessione di crediti verso la PA: evoluzione normativa e giurisprudenziale Ottobre 2015 Cessione di crediti verso la PA: evoluzione normativa e giurisprudenziale Umberto Mauro e Chiara Borrazzo, Norton Rose Fulbright Studio Legale La disciplina della cessione dei crediti vantati

Dettagli

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE A) PREMESSA Il Consiglio Comunale di Lecce con la deliberazione n. 56 del 01 agosto 2012 ha approvato il regolamento per la definizione agevolata della

Dettagli

RECUPERO DI CREDITI VERSO LA P.A.: I CASI DI BLOCCO ALLE ESECUZIONI

RECUPERO DI CREDITI VERSO LA P.A.: I CASI DI BLOCCO ALLE ESECUZIONI RECUPERO DI CREDITI VERSO LA P.A.: I CASI DI BLOCCO ALLE ESECUZIONI A causa delle difficoltà finanziarie in cui versano molte amministrazioni pubbliche, negli ultimi anni vari provvedimenti sono stati

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

1 G.A. Micheli in Corso di Diritto Tributario.

1 G.A. Micheli in Corso di Diritto Tributario. Il preavviso di fermo amministrativo: analisi dell istituto tra esigenze di recupero delle Entrate e limiti alla tutela del contribuente. di Ernesto Aceto Come autorevoli giuristi hanno più volte ribadito

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI

IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI Dott.ssa Giovanna Castelli 1 PRINCIPALI NOVITÀ E MODIFICHE 1. AVVISI DI ACCERTAMENTO ESECUTIVI 2. INDAGINI BANCARIE 3. POTERI ATTRIBUITI AI COMUNI 4. MODIFICHE

Dettagli

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000)

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 5 settembre 2000, ha adottato la seguente deliberazione:

Dettagli

Studio Legale Avv. Vania Valori

Studio Legale Avv. Vania Valori Studio Legale Avv. Vania Valori Piazza Martiri della Libertà n. 37-56025 Pontedera (Pi) tel. 0587.56350-0587.56776 fax 0587.56776 cell: 3496054946 e-mail avv.vaniavalori@email.it Pontedera, 15/04/2010

Dettagli

Cass. civ. Sez. VI, 14 ottobre 2014, n. 21633

Cass. civ. Sez. VI, 14 ottobre 2014, n. 21633 Primi passi nell interpretazione dei rapporti tra tribunale per i minorenni e tribunale ordinario secondo il nuovo art.38 delle disposizioni di attuazione del codice civile Cass. civ. Sez. VI, 14 ottobre

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net I PROCEDIMENTI DERIVANTI DALL ISCRIZIONE A RUOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE AMBIENTALI Un contributo a cura di Marco Rubegni Parco Regionale della Maremma E vietato il plagio e la copiatura integrale

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE \ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE SCHEDA INFORMATIVA SU : IL GIUDICATO ESTERNO NEL PROCESSO TRIBUTARIO A) SCELTA DEL TEMA : RAGIONI.

Dettagli

Autotutela ed annullamento della pretesa erariale. Corso in materia di accertamento e contenzioso tributario ODCEC Torino 12 febbraio 2014

Autotutela ed annullamento della pretesa erariale. Corso in materia di accertamento e contenzioso tributario ODCEC Torino 12 febbraio 2014 Autotutela ed annullamento della pretesa erariale Corso in materia di accertamento e contenzioso tributario ODCEC Torino 12 febbraio 2014 Definizione L autotutela è lo strumento attraverso il quale l Amministrazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

Introduzione e delimitazione del tema

Introduzione e delimitazione del tema Introduzione e delimitazione del tema La sospensione della riscossione in via amministrativa 1 e la tutela cautelare giurisdizionale costituiscono due espressioni coesistenti e complementari del potere

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali

Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali Premessa Negli ultimi anni, l istituto del deposito Iva è stato oggetto di forti contrasti interpretativi in merito alla rilevanza dell

Dettagli

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 02.05.2007 Modificato con Delibera del Consiglio n. 52 del 20.12.2007

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Art. 182bis e 182 ter R.D. 16 marzo 1942, n. 267 Paolo Bonolis Fabrizio Spagnolo Federico Raffaelli Roma, GLI ACCORDI EX ART. 182 BIS LEGGE FALLIMENTARE Istituto

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII INDICE - SOMMARIO Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII CAPITOLO I: La riforma della riscossione 1. La riforma della riscossione... pag. 1 2. L agente della riscossione: Riscossione s.p.a. ed il

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione...

INDICE SOMMARIO. Introduzione... SOMMARIO Introduzione... XV CAPITOLO 1 LA FORMA DEL PIGNORAMENTO 1. Come si articola la disciplina di riferimento... 2 2. Alcune osservazioni sul dato positivo... 5 3. L atto di pignoramento presso terzi...

Dettagli

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata.

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata. Il decreto del Tribunale per i minorenni che provvede sul mantenimento dei figli naturali è titolo per iscrivere ipoteca. Commento al Decreto del Tribunale di Bologna del 29 giugno 2012. La legge n. 54/20006

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A TAR LAZIO, SEZIONE TERZA, 26 febbraio 2013, n. 2106 A cura di Simone Luca

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A TAR LAZIO, SEZIONE TERZA, 26 febbraio 2013, n. 2106 A cura di Simone Luca NOTA A TAR LAZIO, SEZIONE TERZA, 26 febbraio 2013, n. 2106 A cura di Simone Luca Il diritto di accesso e le specifiche ragioni di tutela del segreto industriale e commerciale Con la sentenza in esame,

Dettagli

http://www.commercialistatelematico.com Con la fattiva collaborazione dell Avv. Suppa Maria

http://www.commercialistatelematico.com Con la fattiva collaborazione dell Avv. Suppa Maria http://www.commercialistatelematico.com AVV. MAURIZIO VILLANI Avvocato Tributarista in Lecce componente del Consiglio dell Unione Nazionale delle Camere degli Avvocati Tributaristi www.studiotributariovillani.it

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE, DELL AUTOTUTELA E DEGLI ISTITUTI DEFLATIVI.

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE, DELL AUTOTUTELA E DEGLI ISTITUTI DEFLATIVI. REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE, DELL AUTOTUTELA E DEGLI ISTITUTI DEFLATIVI. CAPO I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE ART. 1 ADEGUAMENTO DEGLI ATTI E COMPORTAMENTI DELL

Dettagli

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE Flavio Ficara (Estratto da Diritto e Processo formazione n. 4/2011 ) QUAESTIO IURIS Nella sentenza del 29 dicembre 2010, n.

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Rifiuti Novità - Rapporti obbligatori derivanti da negozi- Giurisdizione esclusiva A.G.A. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Rifiuti Novità - Rapporti obbligatori derivanti da negozi- Giurisdizione esclusiva A.G.A. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO T.A.R. Lazio, Roma, sez. I, 01.04.09, n. 3482 Rifiuti Novità - Rapporti obbligatori derivanti da negozi- Giurisdizione esclusiva A.G.A. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo

Dettagli

L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN SEDE PENALE

L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN SEDE PENALE Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 5 del 25 Marzo 2010

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 5 del 25 Marzo 2010 Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N. 5 del 25 Marzo 2010 OGGETTO: OBBLIGO DI RITENUTA SULLE SOMME OGGETTO DI PIGNORAMENTO PREMESSA L articolo 15, coma 2 del decreto Legge 1 luglio

Dettagli

Problematiche comuni al recesso e alla esclusione

Problematiche comuni al recesso e alla esclusione 14 Problematiche comuni al recesso e alla esclusione SOMMARIO 14.1. Arbitrato e tutela cautelare dinanzi al Giudice ordinario. Problemi comuni alle ipotesi di recesso e esclusione del socio sono i seguenti:

Dettagli

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO Settembre 2014 INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO A proposito di ABF Napoli, n. 5318/2013 Massima. In ipotesi di estinzione anticipata di un rapporto di

Dettagli

1. Il ruolo e la cartella esattoriale.

1. Il ruolo e la cartella esattoriale. 1. Il ruolo e la cartella esattoriale. 1.1. Natura giuridica del ruolo e il sistema di riscossione. L opposizione al ruolo. La riforma della riscossione coattiva mediante ruolo delle pubbliche entrate

Dettagli

Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari

Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari La questione dell assoggettabilità o meno degli Enti Locali alla Tassa di concessione governativa per la telefonia mobile

Dettagli

Presidente della Repubblica, conflitto di attribuzioni e patrocinio dell Avvocatura dello Stato: spunti e problemi. di Antonio De Vita*

Presidente della Repubblica, conflitto di attribuzioni e patrocinio dell Avvocatura dello Stato: spunti e problemi. di Antonio De Vita* Presidente della Repubblica, conflitto di attribuzioni e patrocinio dell Avvocatura dello Stato: spunti e problemi di Antonio De Vita* La contrapposizione tra il Presidente della Repubblica e il Ministro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MATERIA DI RISCOSSIONE DEI TRIBUTI (codice )

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MATERIA DI RISCOSSIONE DEI TRIBUTI (codice ) Programma corso Pag 1 di 6 Ministero dell economia e delle finanze Scuola superiore dell economia e delle finanze Dipartimento delle scienze Tributarie Destinatari: partecipanti Corso CORSO DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

CAPITOLO I IL PROCESSO DI ESECUZIONE NEI SUOI ASPETTI GENERALI

CAPITOLO I IL PROCESSO DI ESECUZIONE NEI SUOI ASPETTI GENERALI 2 ATTIVITÀ ESECUTIVA E TUTELA GIURISDIZIONALE 5 CAPITOLO I IL PROCESSO DI ESECUZIONE NEI SUOI ASPETTI GENERALI SOMMARIO: 1. Orientamenti generali e schema della disciplina del processo di esecuzione. 2.

Dettagli

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare.

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. NEWS N.68/ 8 giugno 2015 Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. E sempre più importante prestare attenzione alla documentazione fornita alla SOA nel corso

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it Osservatorio sulla giurisprudenza civile al 31 marzo 2011 a cura di Diana Selvaggi 1. Corte di Cassazione, Sezioni Unite, sentenza n. 1875 del 27 gennaio 2011: rapporto di lavoro pubblico, lesioni del

Dettagli

Inesistenza del titolo esecutivo e acquisto dell immobile pignorato dal terzo in buona fede nella procedura espropriativa Avv.

Inesistenza del titolo esecutivo e acquisto dell immobile pignorato dal terzo in buona fede nella procedura espropriativa Avv. Inesistenza del titolo esecutivo e acquisto dell immobile pignorato dal terzo in buona fede nella procedura espropriativa Avv. Mario Pisano Filodiritto.it È controverso in giurisprudenza e in dottrina

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 354/2013/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott.ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

12/6/2004, aveva ricevuto, dopo tre anni dall'avvenuto pagamento della cartella esattoriale n. 06820010339359842000, comunicazione del provvedimento

12/6/2004, aveva ricevuto, dopo tre anni dall'avvenuto pagamento della cartella esattoriale n. 06820010339359842000, comunicazione del provvedimento C.T.P. di MILANO (Sez. V, Sent. n. 39 del 16 marzo 2005 - Presidente e Relatore G. CALIENDO). Fermo amministrativo di beni mobili registrati per tributi non pagati. Giurisdizione del giudice tributario.

Dettagli

Aspetti operativi del nuovo processo tributario

Aspetti operativi del nuovo processo tributario di Armando Urbano Aspetti operativi del nuovo processo tributario L accertamento esecutivo Il contributo unificato La nuova nota di iscrizione a ruolo Le controversie minori: Reclamo e mediazione La chiusura

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

A seguito della proroga della sospensione dei termini processuali disposta dall art.1 comma 13 quater della Legge 213/12 che ha convertito il D.L.

A seguito della proroga della sospensione dei termini processuali disposta dall art.1 comma 13 quater della Legge 213/12 che ha convertito il D.L. A seguito della proroga della sospensione dei termini processuali disposta dall art.1 comma 13 quater della Legge 213/12 che ha convertito il D.L. 174/12, all esito di un incontro con i Magistrati del

Dettagli

L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione.

L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione. L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione. di Carmelo Padalino SOMMARIO: 1. Presupposto immanente. 2. Proposte di modifica. 3. Profili processuali. 1. Presupposto immanente.

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Articolo 1 Oggetto del Regolamento CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI ASTI Allegato 2 alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 13 del 31.10.2013 Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Contenuto del processo verbale di constatazione

Contenuto del processo verbale di constatazione 35 PROCESSO VERBALE DI CONSTATAZIONE DPR 633/72 52 Prassi C.M. 7.5.97 n. 124 Giurisprudenza Cass. 9.6.90 n. 5628; Cass. 17.12.94 n. 10855; Cass. 2.11.2005 n. 21265; Cass. 10.2.2006 n. 2949 1 PREMESSA La

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dottore Commercialista Revisore Contabile LE COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITA': DISCIPLINA E POSSIBILI SOLUZIONI A FAVORE DEL CONTRIBUENTE a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) Le comunicazioni derivanti dai controlli automatici e dai controlli

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Liquidazione della dichiarazione. c.d. controlli automatici

Liquidazione della dichiarazione. c.d. controlli automatici Liquidazione della dichiarazione c.d. controlli automatici Art. 36 bis del D.P.R. 600/73 Co. 1. Avvalendosi di procedure automatizzate, l'amministrazione finanziaria procede, entro l'inizio del periodo

Dettagli

Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita'

Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita' Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita' In via del tutto preliminare, osservo che il procedimento penale è una serie di attivita e di attidocumenti susseguentisi nel tempo. Ovviamente,

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE VIII LA GIURISDIZIONE ECCLESIASTICA MATRIMONIALE PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 Efficacia civile delle decisioni ecclesiastiche sui matrimoni canonici:

Dettagli

COMUNE di GARLASCO Provincia di Pavia

COMUNE di GARLASCO Provincia di Pavia COMUNE di GARLASCO Provincia di Pavia AREA FINANZIARIA Regolamento generale delle entrate, dell autotutela e degli istituti deflattivi - Deliberazione di Consiglio Comunale n. 17 del 26 marzo 2001. 1 Indice

Dettagli

Dichiarazione annuale IVA: mancato riporto del credito

Dichiarazione annuale IVA: mancato riporto del credito IVA Dichiarazione annuale IVA: mancato riporto del credito di Salvatore Servidio Con risoluzione n. 74/E del 19 aprile 2007, l Agenzia delle Entrate si è occupata di un istanza di interpello presentata

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero III, ottobre/dicembre 2014 Rimessa alle Sezioni Unite la questione della natura del fermo amministrativo

Dettagli

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti L ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI MINORI Relatore: dott. Antonino Luigi SCARPULLA pretore della Pretura circondariale di Palermo Premessa. I. Nel nostro ordinamento giuridico non esiste una

Dettagli

Circolare N. 149 del 10 novembre 2011. I chiarimenti in merito ai pagamenti delle Pubbliche amministrazioni superiori a 10.

Circolare N. 149 del 10 novembre 2011. I chiarimenti in merito ai pagamenti delle Pubbliche amministrazioni superiori a 10. Circolare N. 149 del 10 novembre 2011 I chiarimenti in merito ai pagamenti delle Pubbliche amministrazioni superiori a 10.000 Euro I chiarimenti in merito ai pagamenti delle Pubbliche amministrazioni superiori

Dettagli

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte)

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) http://www.commercialistatelematico.com/nuoviarticoli/private/43517... 1 di 6 23/06/2010 12:39 A-PDF Merger DEMO : Purchase from www.a-pdf.com to

Dettagli

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 di Giuseppina Mattiello Pubblicato il 14/09/2015 Il creditore

Dettagli

EFFETTI PER I CREDITORI 105

EFFETTI PER I CREDITORI 105 EFFETTI PER I CREDITORI 105 Non vanno, ovviamente, riconosciuti al creditore chirografario interessi postfallimentari e si ritiene che non vadano riconosciuti, fino alla data di fallimento, gli interessi

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE Tribunale di Torino - sez. fallimentare - 4 novembre 2011, decr. TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE In composizione collegiale nelle persone di Sigg.ri Magistrati Dott. Francesco DONATO Dott. Michela

Dettagli

Mauro Tescaro. (articolo pubbl. anche nella rivista Studium Iuris)

Mauro Tescaro. (articolo pubbl. anche nella rivista Studium Iuris) Mauro Tescaro Applicazione ai servizi finanziari dell art. 3, parr. 3-6, della «Direttiva sul commercio elettronico»: la comunicazione della Commissione del 14 maggio 2003 (articolo pubbl. anche nella

Dettagli

CIRCOLARE n. 11/2015 1

CIRCOLARE n. 11/2015 1 CIRCOLARE n. 11/2015 1 Milano, 11 novembre 2015 Oggetto: Riforma della riscossione - Novità del D.Lgs. 24.9.2015 n. 150 Premessa Con il DLgs. 24.9.2015 n. 159, pubblicato sul S.O. n. 55 alla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 03/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 31/01/2002 Modificato con

Dettagli

L ATTUAZIONE DI UNA PROCEDURA DI ESECUZIONE FORZATA

L ATTUAZIONE DI UNA PROCEDURA DI ESECUZIONE FORZATA Quale procedura deve intraprendere l istante per obbligare il debitore a saldare il suo debito? Sebbene ogni paese europeo assicuri all istante il diritto di costituirsi in giudizio, tale diritto risulterebbe

Dettagli

La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione.

La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione. La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione. di Enrico Larocca Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Matera Una delle questioni più

Dettagli