UNIVERSITA DEGLI STUDI DI LECCE FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO TESI DI LAUREA DIRITTO BANCARIO IL CREDITO PESCHERECCIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI LECCE FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO TESI DI LAUREA DIRITTO BANCARIO IL CREDITO PESCHERECCIO"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI LECCE FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO TESI DI LAUREA IN DIRITTO BANCARIO IL CREDITO PESCHERECCIO Relatore Chiar.mo prof. ERNESTO CAPOBIANCO Laureanda FRANCESCA RITO ANNO ACCADEMICO

2 A mamma e papà, che con sacrificio hanno sostenuto la mia voglia di sapere.

3 INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO IL << DIFFICILE >> SETTORE ITTICO 1. Il comparto della pesca 2. Breve analisi del mercato ittico 3. Pesca ed agricoltura: due settori totalmente assimilati 4. Cooperazione e pesca CAPITOLO SECONDO I CREDITI SPECIALI PRIMA DEL TESTO UNICO 1. Il sistema dei crediti speciali 2. La legge bancaria e gli istituti di credito speciali 3. Crediti speciali ed il mutuo di scopo 4. Il credito peschereccio come forma << speciale >> dell attività bancaria I

4 CAPITOLO TERZO IL CREDITO PESCHERECCIO NEL TESTO UNICO DELLE LEGGI IN MATERIA BANCARIA E CREDIIZIA 1. Brevi considerazioni sul Testo Unico 2. Il credito speciale nella nuova legge bancaria 3. Il credito peschereccio nel Testo Unico : una nozione aperta 4. Lo strumento di diritto comune per l erogazione del credito peschereccio: la cambiale pesca CAPITOLO QUARTO LE FORME DI GARANZIA DEL CREDITO PESCHERECCIO ALLA LUCE DEL TESTO UNICO DELL INTERMEDIAZIONE BANCARIA E CREDITIZIA E DELLA NOVELLA DEL 1994, NONCHE DELLE MODIFICHE APPORTATE NEL Le forme di tutela del credito peschereccio: introduzione 2. Il redivivo privilegio legale, ex articolo 44 del T. U 3. Il privilegio speciale, ex articolo 46 del T. U. 4. Il Fondo Interbancario di garanzia: la Sezione di Garanzia per il credito peschereccio 5. I privilegi di procedura 6. La garanzia dell ipoteca fondiaria II

5 Bibliografia Siti internet NOTA REDAZIONALE: Questa tesi si compone di 242 pagine III

6 CAPITOLO I IL << DIFFICILE >> SETTORE ITTICO

7 CAPITOLO I : Il << difficile >> settore ittico. SOMMARIO: 1. IL comparto della pesca; 2. Breve analisi del mercato ittico; 3. Pesca ed agricoltura : due settori totalmente assimilati; 4. Cooperazione e pesca. 2

8 1. Il comparto della pesca 1. Quando ad esercitare la pesca erano i Malavoglia, era ancora un << modus vivendi >>, il cui fine ultimo era il sostentamento della famiglia 2. 1 In argomento tra gli altri: BANCA D ITALIA, Estratto dalla relazione: Assemblea generale ordinaria dei partecipanti, Roma, 1963; BECARDINELLI E., Realtà e prospettive della pesca italiana, in << informazioni marittime >>, Roma, 1966; CAMARDA V., I contratti della pesca marittima, in Il diritto marittimo, Genova, 1996; CARAPELLESE R., Evoluzione e prospettive del credito peschereccio in Italia, in Risparmio, Milano, 1988; CARROZZA A., L inquadramento giuridico della piscicoltura, in Giurisprudenza agraria italiana, Roma, 1981; CARROZZA A., L itticoltura come attività intrinsecamente agricola, in Rivista di diritto agrario, Milano, 1976; COSTATO L., Corso di diritto agrario, Milano, 2001; COSTATO L., I tre << decreti orientamento >> della pesca e acquacoltura, forestale e agricolo, Note introduttive, in Le nuove leggi civili commentate, Padova, 2001; COSTATO L., Sul criterio << biologico >> per la qualificazione dell attività agricola ( commento alla legge 23 agosto 1993, n. 349 ), in Diritto e giurisprudenza agraria e dell ambiente, Padova, 1993; COSTATO L., Trattato breve di diritto agrario italiano e comunitario, Padova, 1997; COSTATO L., voce Piscicoltura, in Digesto, sezione civile, aggiornamento, Torino, 2000; FABRIZI C., Aspetti del problema della distribuzione commerciale, Padova, 1959; FABRIZI C., Termine e politiche di vendita, in Elementi di marketing, Padova, 1963; GAVAGNIN L., Cooperazione e pesca, in Rivista della cooperazione, Roma, 1953; GENTILE A., Cooperative agricole e della piccola pesca, in Diritto e pratica tributaria, Padova; GIANNINI A., I crediti speciali, Milano, 1960; GIROLAMI M., Commento all articolo del decreto legislativo n. 226/2001, in Le nuove leggi civili commentate, Padova, 2001; GIUFFA E., La cooperazione peschereccia in Italia, in La Rivista della cooperazione, Roma, 1954; GUATRI L., I fattori determinanti del costo della distribuzione, Milano, 1963; LABADESSA R., I consorzi tra cooperative di pescatori, in Rivista della cooperazione, Roma, 1956; MAZZARINI U., Aspetti del finanziamento all industria della pesca, in Rivista Bancaria, Milano, 1968; MONTEBELLO C., Note in tema di pescaturismo, in Il diritto marittimo, Genova, 2001; MORSILLO G., Sull ammissibilità di costituzione di parte civile dei consorzi per la tutela della pesca, in Giurisprudenza agraria italiana, Roma, 1975; MUSCARA M., La << Piccola cooperativa >> : nuova forma d impresa mutualistica da tre a otto soci, in Il nuovo diritto, Roma, 1998; RENZI A., Tecniche delle ricerche di mercato e della distribuzione, Milano, 1962; TONDO M., voce I Crediti speciali, in Enciclopedia della Banca e della Borsa, Roma Milano, 1967; TROISI M., I fattori della produzione ittica, in Credito peschereccio, Estratto dalla rassegna mensili Il Porto di Bari, Bari, 1956; VERRUCOLI P., L associazionismo nel settore della pesca, in Cooperazione di credito, Roma, 1974; ZAPPA G., La produzione nell economia delle imprese, Milano, Nel settore vi erano e vi sono problematiche da risolvere a breve, come: il potenziamento del naviglio e dell attrezzatura necessaria, l innalzamento dei livelli del produttività, ancora estremamente basso, soprattutto per la pesca nei mari nazionale, l ingente investimento richiesto non solo in immobilizzazioni, ma anche in scorte ed in capitale circolante, soprattutto per la pesca d altura ed oceanica, la costante 3

9 Con il trascorrere del tempo si è trasformata, assecondando le esigenze dei soggetti che la praticano. Costoro possono essere pescatori isolati od associati ad altri pescatori, cooperative o consorzi di cooperative, oltre che piccole, medie, grandi imprese che praticano la pesca d altura. Queste ultime sono organizzate secondo le diverse forme giuridiche della società marittima 3. Tale settore è proprio caratterizzato dalla coesistenza delle forme di esercizio arcaiche con quelle modernissime, essendo la pesca esercitato in forme assai diverse 4. necessità di ammortamento in tempi medio lungo anche nell attività di lavorazione del pescato, date tali problematiche, a partire dagli anni venti lo Stato si è interessato a forme di intervento che potessero comportare un ausilio finanziario al settore. Si veda R. CARAPELLESE, Evoluzione e prospettive del credito peschereccio in Italia, in Risparmio, Milano, 1988, p M. TONDO, voce I Crediti speciali, in Enciclopedia della Banca e della Borsa, Roma Milano, 1967, p Tuttavia le marinerie riflettono le caratteristiche di un settore ancora prettamente artigianale, dove gli operatori svolgono la loro attività in condizioni difficili e rischiose, con esiti economici talvolta incerti, Fiera internazionale della pesca, Ancona maggio Abbiamo il << pescatore isolato >>, il quale lavora con la sua barca o nollegiata, pesca con i suoi arnesi, porta il pescato all incettatore e nelle ore intermedie si occupa della manutenzione della barca e degli arnesi. Mentre il << pescatore associato >>, fa in comune quello che da solo fa il singoli pescatore, lavora con gli altri pescatori o membri della famiglia, avendo in comune barca ed attrezzi. In argomento A. GIANNINI, I crediti speciali, Milano, 1960, p. 87. Accanto a queste diverse forme di esercizio, vi sono anche i pescatori riuniti in cooperative, le quali delle volte possono essere riunite, a loro volta, in consorzi, ovvero colonie di pescatori che cooperano in mare come in terra, adoperando barche motorizzate e facendo spedizioni collettive. Si veda R. LABADESSA, I consorzi tra cooperative di pescatori, in Rivista della cooperazione, 1956, Roma, p Numerosi sono anche i cosiddetti << pescatori occasionali >>, che non considerano la pesca come loro unica occupazione, ma anzi è da loro considerata marginale rispetto ad altre attività. La ricerca di altre forme di guadagno è segno della scarsa redditività e produttività, di tali imprese impiegate nel settore. Sul punto E. BECARDINELLI, Realtà e prospettive della pesca italiana, in << informazioni marittime >>, Roma, 1966, p. 463 ss.. Soprattutto è interessante notare, come il più delle volte, il mestiere di pescatore è un lavoro che si tramanda, sul punto Piano didattico. In genere i pescatori sono figli o nipoti dei pescatori, infatti esistono gruppi famigliari che si dedicano esclusivamente alla pesca, caratterizzati da un livello di scolarizzazione molto basso. In molti casi la pesca è un processo empirico, che si basa sul trasferimento di nozioni da una generazione all altra. Nell ambito del cosiddetto << programma fish net >>, è prevista l istituzione di una rete elettronica tra i pescatori professionisti e le loro organizzazioni per lo scambio dei dati, informazioni ed esperienze in tempo reale o meno. Tutto ciò è voluto per favorire le conoscenza e la diffusione delle nuove tecnologie, Programma fish-net. 4

10 Per cui è necessario porre in essere un sistema di finanziamento che scoraggi la formazione di attività marginali, negando, di conseguenza, i finanziamenti agevolati, quando non si è capaci di dimostrare una capacità economico patrimoniale ed organizzativa, che li consenta di esercitare l attività peschereccia. Visto che il più delle volte tale operatore marginale, destina tali fondi a scopi diversi a quelli dichiarati, senza, di conseguenza, consentire il miglioramento di tale difficile comparto. Settore peschereccio è un settore in cui sono necessari notevoli investimenti in attrezzature 5. Essendo presenti nel settore diverse forme di esercizio, di conseguenza, le esigenze di finanziamento della pesca sono diverse, asseconda della forme di estrinsecazione dell attività. Per i pescatori riuniti in cooperative, ad esempio, abbiamo il credito alla cooperazione. Il credito alla pesca arriva attraverso la cooperazione, ambito in cui l esigenza 5 Infatti, << armare >> una barca, significa porla in condizioni di navigare per pescare. La navigazione e la pesca sono due momenti importanti, ma rappresentano parte di un insieme di attività articolate, comprendenti : impianti di refrigerazione, surgelazione e le attrezzature di un laboratorio che sia idoneo alla trasformazione del prodotto pescato, in modo da essere destinato ai diversi usi una volta giunto a terra. Alcuni autori, attuano una classificazione in : << attività peschereccia elementare >> ed << esercizio peschereccio moderno >>. L << attività peschereccia elementare >> comprende il pescatore isolato, il quale, delle volte, noleggia la barca dall acquirente del pescato. Infine abbiamo, l << esercizio peschereccio moderno >>, realizzato da imprese di diversa dimensione, con natura giuridica propria, adottando le diverse forme giuridiche della società marittima. Sul punto U. MAZZARINI, Aspetti del finanziamento all industria della pesca, in Rivista Bancaria, Milano, 1968, p. 448 ss.. Il pescatore, in genere è dedito esclusivamente all attività di pesca. E assente dalle sedi decisionali che riguardano le attività di pesca ed è quasi totalmente all oscuro dei cambiamenti normativi e di mercato relativi al settore. Molto spesso le associazioni di categoria sono l unico strumento di informazione e collegamento con il mondo esterno. La presenza di un associazione di categoria è talvolta subordinata all esistenza di un gruppo organizzato di pescatori, come ad esempio la cooperativa, Piano didattico, cit. 5

11 di credito è maggiore 6. Diversi sono i fattori utilizzati nella produzione ittica quali : acqua, lavoro, capitale ed organizzazione 7. La pesca marina è da 6 A. GIANNINI, I crediti speciali, cit., p. 87 ss.. Esigenze di credito sono minime o del tutto assenti, nel pescatore isolato, cioè nella cosiddetta forma di esercizio arcaica. Diventano pressanti nelle imprese che attuano la pesca d altura, essendo necessario a bordo, oltre che attrezzature per la pesca, anche impianti di refrigerazione ed un laboratorio per la lavorazione del pescato. Notiamo come le esigenze di credito sono varie in termini qualitativi e quantitativi, essendo anche la domanda del relativo credito sempre più pressante ed in aumento. Invece, si registra uno sfasamento nei riguardi dell offerta, dovuto alla trasformazione in << Toto >> degli impianti, delle attrezzature di bordo ed a terra. Dal punto di vista qualitativo, vi è una pressione della domanda sull offerta di credito peschereccio, dovuto all aumento delle esigenze finanziarie delle imprese di questo settore. Si veda U. MAZZARINI, Aspetti del finanziamento all industria della pesca, cit., p Tutto ciò è dovuto a diversi fattori, tra di loro collegati, come la necessità di creare forme di organizzazione complesse, che in tal modo riescano ad adattarsi all aumento delle dimensioni aziendali e permettano gestioni più convenienti. Dovuto anche al fatto, che in Italia il settore della pesca professionale è in continua evoluzione, Fiera Internazionale della pesca, cit.. Abbisogna di strutture adeguate al mantenimento ed alla riparazione dei natanti, anche la necessità di conservare il pescato in condizioni ottimali. A livello giuridico, vi è un allineamento nel trattamento dei pescatori a quello dei marittimi, dovuto alla costatazione che il pescatore si occupano della pesca, ma comunque è un marittimo allineamento che ha anche interessato i loro compensi. 7 Quando utilizzato è il mare si parla di << pesca marittima >> o << mollischicoltura >>. Si parla di << pesca di acqua dolce >> od << interna >>, quando utilizzano fiumi, laghi, bacini montani, stagni. Abbiamo la << vallicoltura >>, << troticoltura >>, << carpicoltura >> se ad essere utilizzati sono valli, peschiere, ecc.. Importante è anche il fattore organizzazione, di fatto, nell azienda ittica, ch è ad un tempo azienda di produzione, di trasporto e mercantile, si dispiega l opera dell << imprenditore >>, che organizza la pescagione, combinando nel modo più redditizio il fattore naturale con il lavoro ed il capitale e ne assume i rischi, sia tecnici che economici. Sul punto M. TROISI, I fattori della produzione ittica, in Credito peschereccio, Estratto dalla rassegna mensili Il Porto di Bari, Bari, 1956, p. 3 ss.. Vi sono autori che classificano la pesca in << naturale >> ed << artificiale >>. La pesca << naturale >> e suddivisa in: << marittima >>, << di alto mare >> e << costiera >>, ed << di acqua dolce o interna >>. La pesca << artificiale >> è anche detta << di stagno >> ed ha per oggetto le acque raccolte artificialmente, chiuse o chiudibili. Nell ambito del nostro ordinamento giuridico, viene definita << pesca marittima >> : << ogni attività diretta a catturare esemplari di specie, il cui ambiente naturale od abituale di vita siano le acque sottoposte alla sovranità dell Italia e limitatamente ai cittadini italiani, il mare libero, indipendentemente dai mezzi che sono adoperati e dal fine seguito>>, Legislazione dello Stato, disciplina della pesca marittima ( legge 17 febbraio 1982, n. 41 ); conferimento alle regioni delle funzioni amministrative in materia di agricoltura e pesca e riorganizzazione dell Amministrazione Centrale ( decreto legislativo 4 giugno 1997, n ); Gennaio febbraio Cfr. CONSIGLIO DI STATO. Sezione VI, 18 aprile 78, n. 491, Capitaneria di porto Monfalcone c. Sanson, in Consiglio di 6

12 sempre un attività tradizionale, la fonte principale di reddito per gli abitanti di molte regioni costiere e delle isole in particolare, allo stesso modo importante, ma meno diffusa, è l attività di acquacoltura 8. Stato, 1978, I, 672; Foro amministrativo, 1978, I, 765: << Se è vero che l articolo 219 del codice della navigazione, considera pesca marittima, oltre quella che si esercita nel mare, anche quella che si esercita nelle acque interne, appartenenti al demanio marittimo, la legge 14 luglio 1965, n. 963 ed il decreto del Presidente della Repubblica 2 ottobre 1968, n hanno distinto la pesca che viene esercitata nelle acque marittime, attribuendone la competenza al Ministero della Marina Mercantile, dalla pesca esercitata nelle acque interne, ancorché facenti parte del demanio marittimo, attribuendone la competenza al Ministero dell agricoltura e foreste; pertanto, la competenza del Ministero della Marina Mercantile non trova applicazione per la pesca nelle lagune e nei bacini di acqua salmastra >>. Cfr. CASSAZIONE CIVILE. Sez. I, 26 febbraio 1991 n. 2053, Amministrazione provinciale Venezia, c. Costantini, Giust. civ. Mass. 1991, fasc. 2. Foro it. 1991, I,749: << PESCA. LS 14 luglio 1965 n. 963 art. 1 L.. LS 2 ottobre 1968 n art. 1 D.P.R.. Ai sensi dell'art. 1 della legge n. 963 del 1965 e dell'art. 1 del relativo regolamento di esecuzione approvato con d.p.r. n del 1968, le lagune e i bacini di acque salmastre, ancorche' in diretta comunicazione con il mare, sono da considerare acque interne, agli effetti della distinzione fra pesca marittima e pesca interna e della corrispondente attribuzione delle competenze amministrative al ministro della marina mercantile ovvero al ministero dell'agricoltura e delle foreste (ora delle regioni), con la conseguenza che le lagune medesime sono soggette, anche per quanto riguarda la vigilanza e le sanzioni, alla disciplina della pesca fluviale e lacuale >>. Cfr. PRETURA MOLFETTA. 17 novembre 1988, De Nichilo c. De Candia, Dir. maritt. 1990, 171 (nota): << PESCA. Marittima. L'attivita' di pesca marittima riveste natura commerciale e non industriale in quanto quest'ultima consta di una attivita' rivolta alla creazione di una realta' effettuale nuova che non esiste e non potrebbe prodursi per la stessa via in "rerum natura". La pesca, di contro, si esaurisce in una apprensione di cio' che gia' esiste ed e' gia', in modo perfetto, creato dalla natura. La commerciabilita' dell'attivita' di pesca marittima puo' cogliersi, altresi', dall'elemento rappresentato dall'esercizio della nave, atteso che la navigazione per la pesca marittima implica necessariamente una attivita' di trasporto per acqua di persone e cose per un fine economico. La rilevanza del trasporto incide, pertanto, in modo determinante per la collocazione della pesca marittima nella prospettiva della commerciabilita' >>. 8 Viene considerata attività di << acquacoltura >> : << l insieme delle pratiche volte alla produzione di animali in ambiente acquatico mediante il controllo parziale o totale, diretto o indiretto, del ciclo di sviluppo degli organismi acquatici>>, Programma fish-net, cit.. Nell ambito del << Libro Verde >>, si sostiene che, se davvero si vuole rafforzare l attività di allevamento ittico, è necessario mettere a punto strumenti di credito agevolato, a favore di produttori associati, altrimenti l attività di acquacoltura rischia di rimanere un privilegio di società di capitali. Queste sono le sole attualmente capaci di sostenerne gli elevati costi, Conferenza sul Libro Verde, Bruxelles, 5 giugno Cfr. TRIBUNALE BOLOGNA. 15 febbraio Soc. Agrobiotec System. c. Soc. Finanziaria padana. Riv. dir. agr. 1996,II, 168: << AGRICOLTURA. Sono soltanto propedeutiche 7

13 all'esercizio dell'acquacoltura (e ad esso esterne) attivita' di studio e di ricerca o di produzione di servizi consistenti nella vendita di tecnologie acquisite mediante quelle attivita' a soggetti che esercitano l'acquacoltura e materialmente applicano quelle metodologie al ciclo biologico di produzione >>. Cfr. TRIBUNALE BOLOGNA. 15 febbraio Soc. Agrobiotec System c. Soc. Finanziaria padana. Riv. dir. agr. 1996,II, 168: << AGRICOLTURA. Intanto puo' parlarsi di "agrarieta'" di una attivita' in quanto la stessa si riferisca ad un ciclo biologico animale o vegetale; e cio' vale anche con riferimento ad una attivita' di acquacoltura, ai sensi della legge che la disciplina come attivita' di natura agricola >>. La Lega Pesca, da parte sua, sostiene da tempo la necessità dell istituzione di un mega dicastero, che possa finalmente appropriarsi di alcune competenze disperse nei vari dicasteri, mediante la creazione di una Direzione Generale Pesca. Questa si dovrebbe occupare delle attività in mare, ma anche delle acque interne, degli aspetti igienicosanitari, della commercializzazione, trasformazione, controllo e qualità dei prodotti. Tale modifica istituzionale potrà servire a rilanciare un settore che ha molte potenzialità, ma anche notevoli ritardi e carenze, 8 Assemblea Congressuale della Lega pesca, Febbraio / Aprile, Di certo la professionalità e la competenza dei pescatori e di tante marinerie italiane, consentiranno di superare le attuali difficoltà, Dare un futuro alla pesca marittima. Cfr. CORTE COSTITUZIONALE. 14 luglio 2000, n Reg. Veneto. c. Pres. Cons. Giur. cost. 2000, p. 2199: << REGIONE. Trasferimento funzioni statali. Costituzione Repubblica art. 3. Costituzione Repubblica art. 76. Costituzione Repubblica art Costituzione Repubblica art Costituzione Repubblica art LS 17 febbraio 1998 n. 23 d.l. LS 5 marzo 1998 n. 60 d.lg. E' cessata la materia del contendere nel giudizio di legittimita' costituzionale, in riferimento agli art. 3, 76, 117, 118 e 119 cost., del d.lg. 5 marzo 1998 n. 60 (Intervento sostitutivo del governo per la ripartizione di funzioni amministrative tra regioni ed enti locali in materia di agricoltura e pesca, a norma dell'art. 4 comma 5 l. 15 marzo 1997 n. 59) che, nell'esercizio della delega contenuta nell'art. 4 l. n. 59 del 1997, nell'ambito del processo di conferimento di funzioni amministrative dello Stato alle regioni e agli enti locali, prevede l'intervento sostitutivo del Governo, con decreto legislativo, al fine di ripartire le funzioni tra regioni ed enti locali, nel caso in cui la regione non vi abbia provveduto entro il termine stabilito. La regione Veneto, ricorrente, infatti, in un momento di poco successivo al 1 luglio 1998, data a decorrere dalla quale si applicano (art. 3) le disposizioni del d.lg. impugnato, ha approvato la l. 10 luglio 1998 n. 23, con la quale ha appunto disciplinato, come previsto dalla l. n. 59 del 1997, attribuzione, delega e subdelega agli enti locali delle funzioni ad essa conferite, individuando quelle riservate alla competenza regionale; considerato che il d.lg. impugnato si applica "fino all'entrata in vigore di ciascuna legge regionale", esso non puo' piu' trovare, ne' risulta abbia trovato, applicazione nella regione ricorrente >>. Cfr. CORTE COSTITUZIONALE. 11 luglio 2000, ord. n. 265.Giur. cost. 2000, p. 2092: << REGIONE. Trasferimento funzioni statali. Costituzione Repubblica art. 70. Costituzione Repubblica art. 76. Costituzione Repubblica art. 95. Costituzione Repubblica art LS 4 giugno 1997 n. 143 art. 1 d.lg. LS 4 giugno 1997 n. 143 art. 2 d.lg. LS 4 giugno 1997 n. 143 art. 3 d.lg. LS 4 giugno 1997 n. 143 art. 4 d.lg. LS 4 giugno 1997 n. 143 art. 5 d.lg. Deve ordinarsi la restituzione al giudice "a quo" (Corte dei conti) degli atti relativi al giudizio di legittimita' costituzionale degli art. 1, 2, 3, 4 e 5 d.lg. 4 giugno 1997 n. 143 (Conferimento alle regioni delle funzioni 8

14 Vi sono anche le Regioni che adottano Piani di sviluppo dell acquacoltura 9. E stato istituito il Ministero per le politiche agricole, che rappresenta un punto di riferimento degli interessi nazionali in materia di politiche agricole, forestali ed agroalimentari. Tale Ministero delle politiche agricole e forestali, in seguito poi denominato Ministero, per l esercizio delle funzioni e dei compiti che spettano allo stato in materia di agricoltura e foreste, caccia e pesca è ripartito in diversi dipartimenti 10. Detto Ministero, tenendo conto dei programmi Statali o Regionali, anche riguardanti materie connesse, degli indirizzi comunitari e degli impegni internazionali, adotta con un proprio decreto il Piano Nazionale della Pesca di durata triennale. Tale Piano è ripartito in tre parti: la prima riguarda l attività in mare della pesca e lo amministrative in materia di agricoltura e pesca e riorganizzazione dell'amministrazione centrale) per un riesame della rilevanza alla luce dello "jus superveniens" >>. 9 La legge del 4 dicembre 1993, n. 491, aveva conferito le funzioni in materia di pesca ed aquacoltura, di competenza del soppresso Ministero della Marina Mercantile, al Ministero delle risorse agricole, alimentari e forestali, che si avvaleva della capitaneria di porto. Successivamente il decreto legislativo 143/97, ha abrogato la legge 491/93 ed ha soppresso il Ministero delle risorse agricole, alimentari e forestali. Alcuni sostengono, come l onorevole Paolo Scarpa Bonazza Buora, che tale conferimento di competenze alle Regioni, potrebbe comportare una dispersione delle competenze ed un allungamento dei tempi di risposta alle varie istanze dei pescatori, di certo non essendo contrario al rinnovo della Pubblica Amministrazione, Abbiamo fatto un buon lavoro, Dicembre Gennaio Le Regioni situate sul litorale che dipendono dalla pesca, sono in genere situate alla periferia dei principali centri abitati dell Unione Europea, soffrendo di tutti gli inconvenienti di tale posizione, quale insufficienza di infrastrutture e di collegamenti, Parlamento europeo. 10 Quali : dipartimento delle politiche di mercato e dipartimento dei prodotti agroalimentari e dei servizi. Il dipartimento delle politiche di mercato ci interessa per la nostra trattazione, ha competenze in materia di politiche di mercato in sede nazionale, comunitaria e internazionale, nel settore agricolo, agroalimentari, della pesca e dell acquacoltura. Nell ambito del dipartimento vi è l ufficio Direzione Generale per la Pesca e l Acquacoltura. E un ufficio di livello dirigenziale generale e si occupa della trattazione, cura e rappresentanza degli interessi della pesca ed acquacoltura, in sede sia comunitaria che internazionale. Si occupa anche della direzione generale ed coordinamento delle politiche relative all attività di pesca ed acquacoltura, in materia di gestione delle risorse ittiche, marine di interesse nazionale, della importazione ed esportazione dei prodotti ittici, degli aiuti allo Stato in materia di pesca e di acquacoltura, del Fondo per il credito peschereccio. Tale direzione si avvale, per l esercizio delle sue funzioni, della capitaneria di porto, decreto del Presidente della Repubblica del 28 marzo 2000, n. 450, regolamento di organizzazione del Ministero delle politiche agricole e forestali. 9

15 sviluppo dell aquacoltura, volto a mantenere un equilibrio tra lo sfruttamento delle risorse e la loro disponibilità. La seconda parte ha per oggetto le strutture a terra che sono collegate all esercizio della pesca. La terza ed ultima parte, riguarda gli stanziamenti 11. In tutti i settori produttivi ed ancor più in quello della pesca, si pone il problema della produttività. Solo con una radicale trasformazione nella nostra struttura peschereccia, creando una moderna flotta oceanica, sarà allora possibile superare gli attuali squilibri tra produzione interna e consumo di prodotti ittici, anche se nessun passo positivo è stato compiuto dal Governo nei confronti delle cosiddette pesche speciali 12. Dovuto a determinate condizioni naturali, la lunghezza delle coste, la vicinanza alle zone più pescose, alla densità di popolazione, e dovuto alle attrezzature terminali, fanno sì che l Italia sia ad un posto di preminenza per 11 Tale Piano viene elaborato dal Comitato Nazionale per la conservazione e gestione delle risorse biologiche del mare, sottoposto poi all esame del comitato permanente delle politiche agroalimentari e forestali, poi approvato dal Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica ( CIPE ), Legislazione dello Stato, cit.. Nell ambito di tali piani triennali, viene anche promossa l attività di comunicazione, necessaria per l affermazione di una corretta immagine del settore della pesca e valorizzare il prodotto ittico nazionale. Sin dal 1994 è stata avviata una collaborazione tra la Direzione Generale della pesca ed dell acquacoltura, la RAI e le Associazioni Nazionali della pesca per la realizzazione di spazi televisivi con il marchio << Vivere il Mare >>, inseriti in programmi previsti dai palinsesti Rai, come nelle trasmissioni << Linea Blu >> e << Sereno Variabile >>. Tutto ciò è stato programmato in sede del V Piano Triennale della pesca ed acquacoltura , Direzione di pesca : un anno di attività, Agosto Produttività che viene definita come << la misura dell economia dei mezzi o meglio, come la misura della produzione per unità di fattore >>. Sul punto M. TROISI, Credito peschereccio, cit., p. 4 ss.. Per incrementare la produttività sarebbe necessario rafforzare la flotta oceanica, infatti, nelle zone raggiungibili per la pesca costiera, le risorse ittiche non sono sufficienti ad incrementare il prodotto pescato, ma neanche a garantire gli attuali livelli. In argomento U. MAZZARINI, Aspetti del finanziamento all industria della pesca, cit., p Strettamente legata alla produttività è la condizione dei nostri mari. L Adriatico di certo è il mare più pescoso, sia per quantità che per qualità dei prodotti ittici. Il Mediterraneo, nonostante le sue acque calde, dà una produzione ittica, inferiore rispetto al Mar del Nord, che per vari fattori è più pescoso, anche se dà una pescagione meno variata, ma di maggior quantità. Nel Mediterraneo si praticano anche le pesche speciali del corallo, delle spugne, del tonno, del pesce spada, oltre che la viticoltura, la vallicoltura. La Lega Pesca da anni propone la definizione di un apposito piano, nel pieno rispetto della compatibilità ambientali e di salvaguardia occupazionale, per lo sviluppo delle attività di pesca, Dare un futuro alla pesca marittima, cit.. 10

16 la pesca nel Mediterraneo, anche per il numero di imbarcazioni e per lo sfruttamento delle risorse ittiche, il nostro paese è secondo in Europa 13. E stata messa a punto, dalla Comunità Europea, una strategia per l area del Mediterraneo. Tale coinvolgimento in una politica della pesca del Mediterraneo, ha solo per oggetto la normativa inerente ai mercati ed alle strutture del settore, non riguardando la conservazione e la gestione delle risorse 14. La Comunità Europea ha attuato, da quasi 20 anni, una Politica 13 Fiera Internazionale della pesca, cit.. Le zone del Mediterraneo e del mare Adriatico soprattutto, evidenziano una situazione molto incoraggiante, sono una delle poche aree marine al livello mondiale che mostra un regolare incremento nelle produzioni, per la maggior parte delle risorse di rilevante importanza, Una politica territoriale per lo sviluppo sostenibile per la filiera della pesca : dai rapporti con le associazioni di categoria all adeguamento alle politiche europee. Nell ambito del << Libro Verde >> la parte riguardante il Mediterraneo è tra le più approssimative, per la mancanza di dati scientifici, Conferenza sul Libro Verde, Bruxelles, 5 giugno 2001, cit.. In tale documento si sostiene che il Mediterraneo è vicino al collasso, invece, la situazione è sicuramente meno preoccupante. Promuove la pesca responsabile, la tutela e bonifica delle aree protette, la creazione di aree di nursery e di ripopolamento, razionalizzazione dei sistemi di pesca. Soprattutto necessario è far emergere quelle che sono le specificità mediterranee e di dimostrare come la gestione delle risorse in questo bacino devono tener conto di queste specificità, Conferenza internazionale sulla pesca nel Mediterraneo. E nello stesso tempo salvaguardando tale fragile ecosistema, Pesca. Infatti, in tale bacino vi convivono sistemi di pesca diversissimi e spesso incompatibili tra di loro. Necessario lo sviluppo di politiche di intervento settoriali, che fissino un adeguato sistema di obbiettivi e sviluppino strategie ed azioni idonee a perseguirle, Ricerca CIRSPE NOMISMA, Ottobre Peraltro il << Libro Verde >> della Commissione Europea, lamenta l assenza di un adeguato supporto scientifico nella definizione di un quadro interpretativo univoco e utile all impostazione delle politiche di settore, La pesca nel Mediterraneo, Ottobre Questa esclusione è dovuta alle caratteristiche del Mediterraneo. Infatti, le acque nazionali, confinano direttamente con quelle dei Paesi Terzi e quindi sono molto scarse le zone di pesca comunitaria. I progressivi fenomeni di inquinamento e di degrado ambientale, unitamente alla limitatezza dei controlli sullo sforzo di pesca esercitato dagli Stati membri della Comunità Europea e dei Paesi terzi, si colloca alla base dell esigenza di una politica comune specificatamente per questo mare. Necessaria tale politica comune, anche per poter superare l attuale periodo di crisi che il settore della pesca sta affrontando. Questo sia dal punto di vista della redditività economica, dovuto agli scarsi introiti ed alla crisi occupazionale, ma anche dal punto di vista della tutela dell ambiente, a causa dei danni provocati da una pesca indiscriminata a diverse specie marine, La pesca e la tutela dell ambiente marino, a cura della dottoressa Mariagrazia Chianura. 11

17 Comune della Pesca ( PCP ), che però non ha dato i risultati sperati, non essendo anche ben conosciuta dai pescatori. A livello della politica delle strutture cambiano i rapporti tra Regioni e l Unione Europea 15. Malgrado i 15 Tale Politica Comune della Pesca ha fatto affluire grandi quantità di denaro, senza che questo servisse a superare la crisi. Con la riforma dei fondi strutturali attuata dal Regolamento Cee n. 2052/88, i rapporti con l Unione Europea sono basati sui principi della concertazione, del paternariato, della programmazione, della sussidiarietà, che naturalmente trovano nelle Regioni gli attori principali anche per dare corpo a quella politica di sviluppo integrato del territorio rurale, a cui si ispira, appunto, la riforma dei fondi strutturali. Stiamo vivendo un momento innovativo della vita dell Europa, e questo momento comporterà anche per gli stati che entreranno a far parte dell Unione Europea, un trasferimento di molte competenze dallo Stato centrale, alle Regioni e alle province, Una politica territoriale per lo sviluppo sostenibile per la filiera della pesca : dai rapporti con le associazioni di categoria all adeguamento alle politiche europee, cit.. Anche in Italia quindi si è dovuti procedere ad una riforma del sistema amministrativo, con un << doloroso >> e << difficile >> passaggio di competenze, necessario per stare al passo con le politiche europee, Consiglio regionale Veneto, settima legislatura, progetto di legge n. 66, Disposizioni generali per gli interventi nel settore primario e lo sviluppo rurale. Cfr. CORTE GIUSTIZIA CE. 11 maggio 1999, n Albers e altro. Riv. dir. agr. 2000, II, 128 nota (COSTATO): << UNIONE EUROPEA. Ce, agricoltura e pesca. Lo Stato membro che adotti una normativa tecnica in applicazione di quanto stabilito da una direttiva comunitaria non e' tenuto a notificare la stessa, posto che con essa ha rispettato gli obblighi che gli incombono >>. Cfr. CORTE COSTITUZIONALE. 23 marzo 1999, n. 85. Pres. Cons. c. Reg. Abruzzo. Cons. Stato 1999, II, p Giur. cost. 1999, p. 856: << CREDITO AGEVOLATO E FINANZIAMENTI PUBBLICI. TI 25 marzo 1957 art. 92 ROMA-CE. TI 25 marzo 1957 art. 93 ROMA-CE. La regola che impone l'obbligo di comunicare alla Commissione europea i progetti di aiuti concessi dagli Stati a talune imprese e produzioni, bloccandone l'attivazione prima della decisione finale, anche se derogata per gli aiuti di piccolo importo (cd. "de minimis"), resta in vigore, secondo il combinato disposto degli art. 92 e 93 del trattato di Roma e delle comunicazioni comunitarie 92/C-213/02 e 96/C-68/06, qualunque sia l'importo degli aiuti stessi, allorche' esistano peculiari regolamentazioni comunitarie per speciali settori (fra i quali la pesca) oggetto di programmi comunitari di interventi strutturali >>. Cfr. CORTE COSTITUZIONALE. 23 marzo 1999, n. 85. Pres. Cons. c. Reg. Abruzzo. Riv. dir. internaz. 1999, 846. Riv. it. dir. pubbl. comunit. 1999, 917. Regioni 1999, 565 nota (GROPPI): << UNIONE EUROPEA. Ce, concorrenza, aiuti di Stato. Costituzione Repubblica art. 10. Costituzione Repubblica art. 11. TI 25 marzo 1957 art. 92 ROMA-CE. TI 25 marzo 1957 art. 93 ROMA-CE. Poiche' e' sufficientemente chiaro che il Presidente del Consiglio dei ministri intende censurare la delibera legislativa del consiglio regionale dell'abruzzo dell'11 giugno 1997 in tema di aiuti nel settore della pesca in relazione al parametro della disposizione della Costituzione che, per consolidata giurisprudenza della Corte costituzionale, offre copertura costituzionale al trattato Ce e piu' in generale al diritto comunitario, deve ritenersi emendabile, attraverso una interpretazione non formalistica del ricorso, l'erronea indicazione in 12

18 cambiamenti nel settore della pesca nell ambito della Politica Comune della Pesca, la cosiddetta << pesca costiera su piccola scala >>, presenta delle debolezze strutturali, a cui si è cercato e si cerca di porre rimedio 16. La necessaria spinta propulsiva al settore ed all industria peschereccia è stata data dalle agevolazioni creditizie. L erogazione del credito peschereccio e stato agevolato dalla concessione del concorso statale nel pagamento degli interessi, ma anche dall attivazione di un fondo Interbancario di Garanzia, per la concessione di contributi a fondo perduto 17. In seguito all attuazione del regolamento 2792/99, relativo alle azioni strutturali per gli anni , è stato creato lo SFOP, cioè Strumento Finanziario di orientamento per questo dell'art. 10 in luogo dell'art. 11 cost. Secondo quanto precisato dalla Commissione Ce, il divieto di istituire aiuti alle imprese stabilito dall'art. 92 del trattato Ce trova una deroga per gli aiuti alle piccole e medie imprese, ma non nei settori, quali la pesca, per i quali vi sono speciali regolamentazioni comunitarie e pertanto si applica il procedimento di verifica previsto dall'art. 93 del trattato Ce >>. 16 Queste debolezze hanno per oggetto la formazione professionale degli addetti, che necessita un adattamento ai nuovi bisogni e le difficoltà di creare strutture di rappresentazione, Programma fish-net, cit.. Nell ambito del VI Piano Nazionale, ci si è occupati della formazione professionale degli addetti. Necessaria è l organizzazione di corsi e spetta all Osservatorio Nazionale della Pesca il compito di procedere alla sensibilizzazione nel settore sulle diverse problematiche e soprattutto verso i giovani che siano disoccupati o che frequentino l ultima classe della scuola dell obbligo. Tutto ciò è volto a far conoscere le attività marinare e la possibilità di occupazione nel comparto, oltre che di riqualificare chi già è occupato, Al via il piano pesca, di Guido Magone. Notevoli nel settore sono le energie umane occorrenti, facenti parte del fattore lavoro, necessarie per la cattura e per il trasporto del pesce. Rilevanti sono gli investimenti necessari, oltre che in immobilizzazioni, anche in scorte e capitale circolante; Queste esigenze si avvertono soprattutto nella pesca d altura ed oceanica, causa anche la necessità di tempi di ammortamento medio lunghi. Il fattore capitale è costituito da quei beni strumentali necessari all attività di pesca e dal Fondo destinato al pagamento dei salari. Passando dalla pesca cosiddetta artigianale, alle forme industriali, sono necessari una manodopera meglio specializzata ed il capitale diventa un fattore molto importante. L utilizzo degli agenti naturali è libero a tutti, oppure può essere oggetto di proprietà pubblica o privata. Sono i proprietari delle acque che possono concedere il diritto di esercizio della pesca, quali lo Stato, enti o privati, anche dietro la corresponsione di un canone. In argomento M. TROISI, Credito peschereccio, cit., p. 3 ss.. 17 Tale intervento Statale è giustificato dall interesse pubblico, per un paese come l Italia, dotato di grandi coste e valli, essendo poi un settore che riveste una notevole rilevanza economica. Sul punto R. CARAPELLESE, Evoluzione e prospettive del credito peschereccio in Italia, cit., p

19 la Pesca, è articolato in due documenti separati asseconda dell area geografica di riferimento Nell ambito dello SFOP, abbiamo le regioni Obbiettivo 1, dove le competenze regionali si esplicano nell ambito dei programmi operativi regionali che nell insieme hanno dato vita al Programma di Sviluppo del Mezzogiorno. Di competenza dell Amministrazione Centrale sono le misure relative alla flotta ed all assistenza tecnica, predisposto dal Programma Operativo Nazionale. Mentre per le regioni fuori Obbiettivo 1, si è proceduto alla redazione di un documento unico di programmazione, concertato con le singole Amministrazioni regionali, riguardante la ripartizione di competenze tra il livello centrale e regionale. Sono due programmi che devono essere approvati dalla Commissione Europea, diventando così operativi. Programmi caratterizzati dalla concertazione con le Regioni e dalla semplificazione amministrativa. In tal modo sono razionalizzati e potenziati i ruoli delle comunità nazionali e locali, nell attribuzione dei diversi aiuti comunitari. Quindi, ruolo di primo piano rivestono le Regioni e varie sono le iniziative regionali, Linee di programma di governo e Commissione, Invito a presentare proposte relative a progetti transazionali per le azioni innovative nel settore della pesca per il Lo SFOP è stato creato dalla Comunità Europea per poter adattare meglio i suoi aiuti a quelle che sono le esigenze del settore e delle zone dipendenti dalla pesca. Lo SFOP, Strumento Finanziario di Orientamento della Pesca, Le finalità dello SFOP sono di contribuire al raggiungimento di un equilibrio sostenibile tra le risorse ittiche e lo sfruttamento, rafforzare la competitività e lo sviluppo di imprese economicamente redditizie nel settore della pesca, migliorare l approviggionamento del mercato e la valorizzazione dei prodotti ittici e dell acquacoltura. Infine, promuovere il rilancio di zone dipendenti dalla pesca. In accordo con il V Piano triennale della pesca ed acquacoltura ed anche dallo SFOP, in tale ultimo settore dell acquacoltura, dovranno essere indirizzate iniziative volte allo sviluppo del settore, quali : studio, progettazione, ricerca applicata e di sperimentazione, necessarie per aumentare la gamma delle specie e mettere a punto nuove tecniche di allevamento, La ricerca. Cfr. CORTE COSTITUZIONALE. 26 luglio 1995, n Reg. Sardegna. Riv. it. dir. pubbl. comunit. 1995,1449. Riv. giur. ambiente 1996, 647 nota (ARABIA): << PESCA. Credito peschereccio. In considerazione delle responsabilita' dello Stato nelle relazioni comunitarie, delle esigenze unitarie e dell'interesse nazionale inerenti agli interventi strutturali relativi allo strumento finanziario di orientamento della pesca (Sfop), istituito con regolamento comunitario, si giustifica la designazione, da parte del Cipe, del Ministero delle risorse agricole, alimentari e forestali come autorita' nazionale competente, ai sensi della normativa comunitaria. Tuttavia, qualora i programmi operativi inerenti al Sfop coinvolgano competenze regionali, il Ministero e' tenuto ad agire secondo criteri ispirati al principio di leale collaborazione con le regioni. In particolare, se le regioni interessate sono dotate di competenza primaria in materia di pesca, come e' il caso della Sardegna, il principio di leale collaborazione non puo' ritenersi soddisfatto dalla semplice informazione o consultazione della Regione, ma occorre l'intesa con la stessa >>. Cfr. CORTE COSTITUZIONALE. 26 luglio 1995, n Reg. Sardegna. c. Min. risorse agr.. Dir. trasporti 1997, 98 nota (COLOMBO): << SARDEGNA. Caccia e pesca. Non spetta allo Stato e, per esso, al Ministero delle risorse agricole, alimentari e forestali, senza la preventiva intesa con la Regione 14

20 Anche il regolamento n. 1260/99 19, recante disposizioni generali sui Fondi strutturali, prevede che la commissione possa finanziare azioni innovative, mediante lo SFOP. Le iniziative finanziabili dovranno presentare carattere innovativo e contribuire all elaborazione di metodi e pratiche volte a migliorare la qualità degli interventi nel settore ittico 20. La riforma di tali Fondi Strutturali è partita nel 1988, sono stati di conseguenza raggiunti risultati di grande rilievo 21. Nonostante tutto, le Autorità italiane sono preoccupate del fatto che probabilmente aderiranno nuovi paesi, con un conseguente aumento dell ambito di applicazione senza il necessario Sardegna, predisporre ed attuare, con riferimento al territorio della stessa regione, i programmi operativi e le altre forme d'intervento previste dai regolamenti comunitari in relazione allo strumento finanziario di orientamento della pesca (s.f.o.p.). Va pertanto annullato il terzo capoverso della deliberazione del Cipe del 13 aprile 1994, recante Proposta italiana relativa al documento unico di programmazione , elaborato ai sensi del regolamento Cee 2080/93 (Strumento finanziario di orientamento della pesca) >>. 19 Commissione, Invito a presentare proposte relative a progetti transazionali per le azioni innovative nel settore della pesca per il Azioni innovative nel settore della pesca. Le azioni dovranno, in particolare, soddisfare determinati criteri, cioè avere caratteristiche spiccatamente transazionali o presentare interesse per più Stati membri; essere finalizzate alla creazione di reti tra i soggetti del settore pesca e le Regioni che dipendono dalla pesca e promuovere lo scambio di esperienze, buone prassi e di pratiche innovative, Europa. Cfr. CONSIGLIO STATO a. gen.. 22 settembre 1994, n Min. risorse agr.. Cons. Stato 1995,I,1301 (s.m.): << PESCA. Convenzioni e trattati internazionali. CE 24 giugno 1988 n CE 19 dicembre 1988 n Per quanto riguarda il segmento della pesca una delle scelte operate in sede comunitaria per la politica generale del settore in parola si muove nella direzione di un'ulteriore riduzione delle capacita' di cattura delle flotte pescherecce dell'unione europea, per riequilibrare il rapporto tra conservazione e gestione delle risorse ittiche (in rilevante sofferenza, come e' stato rilevato da recenti ricerche biologiche), da un lato, e per assicurare uno sfruttamento costante e razionale delle medesime, dall'altro; e', questa, una delle missioni dello strumento finanziario di orientamento della pesca (il c.d. Sfop), istituito con reg. Cee n. 4253/88 (in applicazione del reg. n. 2052/88, relativo alle missioni dei fondi a finalita' strutturali), il cui ambito di operativita' e' stato fortemente potenziato dalla recente normativa comunitaria sopra richiamata; pertanto, e' necessario adeguare la normativa interna alle sopravvenute scelte in sede comunitaria >>. 21 Soprattutto si va potenziando la cosiddetta << politica della coesione >>, rappresentando uno dei più importanti aspetti della politica comunitaria per i prossimi anni, Aquacoltura, API informa, cit.. 15

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.P.R. 2 ottobre 1968, n. 1639, recante il Regolamento per l'esecuzione della legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima ; VISTO il Decreto del Ministero delle

Dettagli

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE PRINCIPALI STRUMENTI NORMATIVI VIGENTI DI FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA Ricerca prodotta nell'ambito del progetto Promozione dei prodotti della pesca dell'area della provincia di Palermo e azioni

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

Dal FEP al FEAMP: quale transizione

Dal FEP al FEAMP: quale transizione L attuazione della Politica Europea per la Pesca: Dal FEP al FEAMP Bologna, 08 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna FEP: Misura 5.1 Assistenza tecnica Dal FEP al FEAMP: quale transizione Giulio Malorgio

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MADR) ha trasmesso il 21 marzo alla Commissione

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi:

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi: Misura Articolo e paragrafo del Regolamento (CE) n. 1698/2005 Codice Giustificazione Servizi di a favore delle aziende agricole Articolo 16 La crescente complessità tecnica delle diverse fasi dell attività

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Direzione generale della pesca marittima e dell acquacoltura Aggiornamento in acquacoltura Corso di formazione Firenze 12/04/2013 Rintracciabilità

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea «Quadro temporaneo dell'unione per le misure di aiuto di Stato

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Linee guida per il trasporto e la vendita di prodotti alimentari deperibili a basso impatto ambientale Descrizione estesa del risultato La progettazione, realizzazione e

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

Legge federale sulla politica regionale

Legge federale sulla politica regionale Legge federale sulla politica regionale Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il messaggio del Consiglio federale del

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA TRA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA S.p.A.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1990 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GRASSI, ALLOCCA e TECCE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GENNAIO 2008 Norme in materia di pluralismo informatico

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2011 Modifica ed abrogazione del decreto 4 febbraio 2010 concernente i criteri e le modalita' di ripartizione delle disponibilita' del

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare,

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare, Viene posto quesito inerente all attività agrituristica, con particolare riferimento alle tipologie di locali che possono essere utilizzati per lo svolgimento di tale attività, per meglio comprendere se

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

Capo I Disposizioni generali

Capo I Disposizioni generali Legge regionale Sardegna 14 aprile 2006, n. 3 Disposizioni in materia di pesca. Capo I Disposizioni generali Art. 1 Finalità 1.Le presenti norme disciplinano, ad integrazione di quanto disposto dalla legge

Dettagli

Prot. 6915 Roma, 27/01/2010

Prot. 6915 Roma, 27/01/2010 Direzione V Ufficio III Prot. 6915 Roma, 27/01/2010 Oggetto: semplificazione documentale adempimenti regime di aiuti de minimis parere della Commissione antiusura start up - motivazione delibera - allocazione

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Criteri e modalità di erogazione dei contributi in favore dei partecipanti nazionali per la realizzazione dei progetti eleggibili a finanziamento nell ambito dell azione ERANET PLUS CORE ORGANIC PLUS.

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto 1 Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto (Approvato con delibera della Giunta regionale della regione Lazio in data 01 luglio 2008 n. 461) 1 Capo I Origine - Sede Fini Redditi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RUGGHIA. Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RUGGHIA. Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 452 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato RUGGHIA Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio Presentata il 4 maggio

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

Aziende di promozione turistica dovevano individuare gli ambiti territoriali turisticamente rilevanti.

Aziende di promozione turistica dovevano individuare gli ambiti territoriali turisticamente rilevanti. Promozione, informazione e accoglienza turistica = compiti amministrativi in materie in cui per le Regioni speciali la competenza legislativa è primaria o esclusiva e per le Regioni ordinarie è ora di

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6.

LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6. LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6. NORME PER IL SOSTEGNO DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE (GAS) E PER LA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI AGROALIMENTARI DA FILIERA CORTA E DI PRODOTTI DI QUALITÀ E MODIFICHE ALLA

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas)

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative lo scopo mutualistico cioè non perseguono (o non dovrebbero perseguire) il lucro o profitto come tutte le altre società/imprese, ma hanno l obiettivo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale.

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 48 del

Dettagli

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina 16 La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina Con l'emanazione del D. Lgs. 21 aprile 1993, n. 124 come modificato dalla L. 8 agosto 1995,

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO - VISTI gli articoli 4 e 14 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165, e successive modifiche ed integrazioni; - VISTA la Direttiva del Presidente del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELFINO, NARO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELFINO, NARO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5262 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELFINO, NARO Istituzione della Lega ippica italiana e disposizioni per la promozione del

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 OBBLIGO DI CONTRIBUZIONE SOCIO DI SRL IL QUESITO Alcuni miei clienti sono soci di srl e ricoprono l incarico

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef CIRCOLARE N. 56/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef 2 INDICE PREMESSA

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE 2015-2018 LE NOSTRE CONVINZIONI La nostra politica di approvvigionamento sostenibile si ispira ai principi del Codice di Condotta per la Pesca Responsabile della FAO Dipartimento Pesca. In particolare,

Dettagli

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL)

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) 9 febbraio 2010 Ing. Fabio DATTILO Direttore Centrale della Direzione Centrale per

Dettagli

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità)

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità) Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina le procedure di individuazione e di riconoscimento dei Distretti Agroalimentare

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVINCIA DI ROMA COMMISSARIO STRAORDINARIO Deliberazione C.S. n. 319 del 20.11.2013 Riproduzione dell originale firmato digitalmente PROVINCIA DI ROMA COMMISSARIO STRAORDINARIO L anno duemilatredici il giorno venti del mese di novembre, alle ore

Dettagli

1) il riconoscimento delle associazioni dei produttori agricoli e delle relative unioni regionali;

1) il riconoscimento delle associazioni dei produttori agricoli e delle relative unioni regionali; L.R. 29 maggio 1980, n. 77 Norme concernenti l associazione dei produttori agricoli nella Regione e le relative unioni in attuazione della L. 20 ottobre 1978, n. 674 sull associazionismo dei produttori

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2776 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NARDUCCI, DI BIAGIO Princìpi generali concernenti l informazione italiana per l estero e

Dettagli

Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR

Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR Bari, 24 ottobre 2006 Massimiliano Schiralli Premessa Dalla riforma di medio termine della PAC al regolamento per lo sviluppo rurale approvato il 20 settembre

Dettagli

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 50/38 del 5.12.2006 STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE 0. PREMESSE Come evidenziato nei documenti guida del nuovo periodo di programmazione dei fondi

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche alla legge 11 agosto 1991, n. 266, in

Dettagli

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari TESTO PRESENTATO DAI PROPONENTI Art. 1 (Finalità)

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, FUCCI, BERNARDO, BIANCONI, CIRACÌ, COR- SARO, FABRIZIO DI STEFANO, MAROTTA, SALTAMARTINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, FUCCI, BERNARDO, BIANCONI, CIRACÌ, COR- SARO, FABRIZIO DI STEFANO, MAROTTA, SALTAMARTINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2614 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LAFFRANCO, FUCCI, BERNARDO, BIANCONI, CIRACÌ, COR- SARO, FABRIZIO DI STEFANO, MAROTTA, SALTAMARTINI

Dettagli