PROGETTAZIONE Anno 2014 Numero progressivo: 54

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTAZIONE Anno 2014 Numero progressivo: 54"

Transcript

1 PROGETTAZIONE Anno 2014 Numero progressivo: 54 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Allegato 1 ENTE 1) Ente proponente il progetto: CITTA DI TORINO 2) Codice di accreditamento: NZ ) Albo e classe di iscrizione: Albo regionale 1^ classe CARATTERISTICHE PROGETTO 4) Titolo del progetto: TOGETHER IS BETTER 5) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: A Assistenza - 03 Giovani 6) Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto con riferimento a situazioni definite, rappresentate mediante indicatori misurabili; identificazione dei destinatari e dei beneficiari del progetto: Presentazione dell ente proponente L Unione dei Comuni Nord Est Torino (UNIONE NET) è l ente a cui sono state delegate le funzioni socio assistenziali da parte dei Comuni di San Benigno Canavese, Settimo Torinese e Volpiano. Il Comune di Leinì, che non fa parte dell Unione Net, gestisce le funzioni socio-assistenziali in rapporto di convenzione con l Unione NET (deliberazione C.U. 29 del ad oggetto: Assunzione della Funzione Gestione dei Servizi Socio-Assistenziali dei Comuni di S. Benigno C.se, Settimo T.se e Volpiano" e deliberazione C.U. 31 del ad oggetto: Gestione dei servizi socio assistenziali e Approvazione convenzione con il Comune di Leinì. L Unione NET è subentrata al C.I.S.S.P. (Consorzio intercomunale servizi Sociali alla Persona) dal Oltre alle funzioni socio-assistenziali l Unione gestisce le funzioni di polizia locale e di SUAP.(servizio unico attività produttive) I Comuni di S. Benigno C.se, Settimo T.se e Volpiano intendono perseguire attraverso l Unione dei Comuni Nord Est Torino - un organica politica sociale mediante il riordino, lo sviluppo e la gestione associata degli interventi e dei servizi sociali nel quadro della normativa sulla materia, per realizzare le suddette finalità generali; l Unione dei Comuni Nord Est Torino ha assunto la gestione degli interventi e dei servizi sociali la cui competenza è attribuita ai Comuni. L Unione NET si propone di assicurare l esercizio delle funzioni socio-assistenziali nell ambito del territorio dei Comuni di riferimento uniformando la propria attività ai seguenti principi: a. rispetto della dignità della persona e del suo diritto alla riservatezza; b. superamento dell istituzionalizzazione, privilegiando servizi e interventi mirati al mantenimento, all inserimento ed al reinserimento della persona nel contesto familiare, sociale, scolastico e lavorativo; 1

2 c. superamento delle logiche di assistenza differenziata per categorie di assistiti; d. coordinamento e integrazione dei servizi socio-assistenziali con i servizi sanitari, educativi, scolastici, dell Amministrazione giudiziaria e con tutti gli altri servizi sociali territoriali; e. riconoscimento dell apporto originale ed autonomo del privato sociale, in particolare delle organizzazioni di volontariato e della cooperazione sociale, per la promozione umana, l integrazione delle persone e il sostegno alla famiglia; f. promozione e incentivazione delle varie forme di solidarietà liberamente espresse dai cittadini e dalle forze sociali per il conseguimento degli obiettivi di cui alla presente legge; g. promozione ed incentivazione di tutte le forme di integrazione di cittadini di culture diverse, nel rispetto delle competenze attribuite dalla legge ad altri soggetti. L Unione dei Comuni N.E.T. individua come proprie le sottoelencate attività: servizio sociale professionale; assistenza economica; assistenza domiciliare; affidamenti presso famiglie, persone singole o Comunità di tipo familiare; interventi per minori ed incapaci nell ambito dei rapporti con l Autorità Giudiziaria; interventi socio educativi sul territorio; interventi educativi di supporto all inserimento lavorativo delle persone con disabilità ex L. 68/99; inserimenti e gestione di centri diurni socio-assistenziali; inserimento in presidi residenziali socio-assistenziali e nelle R.S.A.;(residenza sanitaria assistenziale) attività delegate e subdelegate dalla Regione Piemonte; attività delegate dalla Provincia; attività relative alla tutela materno-infantile e dell età evolutiva e attività per persone con disabilità e anziane comprese quelle a rilievo sanitario; partecipazione alle Commissioni istituite dall A.S.L. competente per territorio, dove sia prevista la presenza di operatori del Servizio Socio-Assistenziale, sulla base della normativa nazionale e regionale vigente; interventi svolti d intesa con Enti ed organismi competenti in altri settori in particolare nel settore sanitario, scolastico, previdenziale, giudiziario, penitenziario; interventi svolti d intesa con i Comuni per promuovere le politiche sociali degli EE.LL..(enti locali) Nello specifico il Disciplinare fra i Comuni di S. Benigno C.se, Settimo T.se, Volpiano e l Unione dei Comuni Nord Est Torino, per la gestione da parte dell Unione dei servizi inerenti l assistenza sociale prevede le seguenti attività: Attività Assistenziale rivolta agli Anziani: - Informazione e segretariato sociale; - Programmazione, coordinamento ed esercizio diretto delle attività relative a: Sostegno alla domiciliarità; Servizi alternativi alla domiciliarità; - Altre attività: Servizi di promozione e valorizzazione del volontariato; Tutela, curatela, amministrazione di sostegno; Progetti di emergenze climatiche; - Commissioni e gruppi di lavoro integrati; Unità di valutazione geriatrica (UVG). Attività Assistenziale rivolta agli Adulti: - Informazione e segretariato sociale; - Programmazione, coordinamento ed esercizio diretto o in convenzione delle attività relative a: Le attività di sostegno alle persone in situazione di povertà e marginalità e di accompagnamento allo sviluppo di competenze e capacità; Commissioni e gruppi di lavoro integrati. Attività Assistenziale rivolta ai Minori e Famiglie: - Informazione e segretariato sociale; - Programmazione, coordinamento ed esercizio delle attività relative alle funzioni in materia di assistenza economica a favore di minori e famiglie con minori; 2

3 - Attività di sostegno alla genitorialità; - Attività di tutela per minori in stato di abbandono e di forte pregiudizio; - Attività per incrementare l'autonomia di adolescenti; - Attività di affidamento familiare ed adozione; - Commissioni e gruppi di lavoro integrati; Equipe territoriale MTA(maltrattamento abuso e trascuratezza) gruppo di valutazione; GPL: gruppo programmazione lavoro; UMVD: unità multidisciplinare di valutazione della disabilità; Equipe territoriale MTA(maltrattamento abuso e trascuratezza) gruppo di valutazione. Attività Assistenziale rivolta ai disabili: - Informazione e segretariato sociale; - Programmazione, coordinamento ed esercizio delle attività relative alle funzioni in materia assistenza economica a favore di persone disabili; - Le attività di sostegno alla domiciliarità; - Le attività di potenziamento e mantenimento delle abilità personali; - Le Attività alternative alla domiciliarità; - Commissioni e gruppi di lavoro integrati: UMVD: unità multidisciplinare di valutazione della disabilità; Commissione medico legale ex L. 104/92 e L. 68/99; GPL: gruppo programmazione lavoro. I Comuni e l Unione potranno concordare la progettazione e l esecuzione di progetti specifici,sempre nell ambito del servizio trasferito, da attivarsi con apposite Deliberazioni della Giunta. Tra le attività dell area disabili di rilevante impegno è quella già evidenziata nel progetto servizio civile Insieme si può svolto nel corso del 2013 relativa al progetto Con tutte le mie forze nato in collaborazione con Il Rotary e che è basato sulla promozione delle attività sportive per disabili connesse al circuito internazionale Special Olympics. La presente iniziativa consiste nel sostenere e promuovere le attività sportive indirizzate a persone con disabilità intellettiva, attraverso il raccordo con le associazioni sportive presenti sul territorio, il supporto ed il monitoraggio dei singoli inserimenti, l organizzazione di eventi e l incentivazione di scambi con altre esperienze presenti sul territorio limitrofo. L attività sportiva si rivela sempre più come un volano per le attività per disabili, in quanto è in grado di dare risposte legate ai bisogni di socializzazione, di appartenenza, di occupazione del tempo libero delle persone con disabilità inserite nei nostri servizi. Inoltre questa attività è in grado di catalizzare risorse umane ed economiche provenienti dalla comunità locale (sponsor, Rotary Club, Associazioni sportive, ecc.). Grazie alla solida collaborazione del Rotary Club settimese nell anno 2013 si è riusciti a: - dare risposta al continuo aumento di richieste di inserimento in attività sportive; - ampliare il numero di volontari di supporto agli allenamenti e alle trasferte; - partecipare alle gare nazionali con tre discipline (nuoto, calcio e bocce); - consentire attraverso attività di fund raising la più ampia partecipazione di atleti e volontari alla Gare nazionali; - sensibilizzare il territorio locale a questa realtà. Nello specifico si sono organizzati eventi correlati, finalizzati al reperimento fondi per finanziare le trasferte, con il coinvolgimento delle Cooperative Sociali, delle associazioni sportive e del Rotary Club. Ogni squadra ha organizzato un evento specifico finalizzato alla raccolta fondi per il finanziamento delle trasferte nazionali (Porte Aperte allo Sport, Spettacolo teatrale, Lotteria). Nel 2013, i volontari di servizio civile hanno dato un contribuito significativo che ha visto crescere il numero degli atleti in tutte le discipline, svolgere attività di promozione mirate, proporre eventi, sensibilizzare giovani volontari. Gli atleti coinvolti in attività sportive per il 2013 sono stati: squadra di nuoto, con Filgud Settimo: n. 24 squadra di bocce, con A.S.D. Circolo Richiardi : n. 17 squadra di calcio unificato, con Eureka Pro Settimo: n. 16 3

4 per un totale di 57 atleti, a fronte di n. 52 atleti dell anno Descrizione del contesto locale L area interessata dal progetto è quella dei Comuni di Leini, San Benigno Canavese, Settimo Torinese e Volpiano. Si tratta di un contesto caratterizzato dalla presenza di fenomeni di immigrazione storici e recenti, di complessi abitativi popolari e di zone con forte degrado. La disoccupazione è un elemento rilevante che, a causa del consistente peggioramento della congiuntura economica, ha visto il suo acuirsi in presenza di un forte ridimensionamento della realtà industriale. Nonostante le iniziative messe in atto con sinergie tra gli Enti locali territorialmente competenti, con il coinvolgimento del terzo settore, delle realtà economiche locali e delle rappresentanze dei lavoratori, iniziative che tendono ad agire da ammortizzatori, la situazione sociale continua a risentire pesantemente delle conseguenze della crisi. Un indice di tali difficoltà è dato dai nuclei familiari che sono presi in carico dal Settore Socio- Assistenziale dell Unione NET, per garantire loro interventi di sostegno ed accompagnamento di diversa natura (assistenza economica, assistenza domiciliare, interventi educativi, inserimenti in strutture residenziali, etc.). Di seguito si riportano i dati relativi al numero di abitanti residenti nel territorio considerato e agli appartenenti alla fascia 0/17 anni (fonte: uffici Anagrafe dei 4 Comuni), cui principalmente è rivolto questo progetto. Comune di n. abitanti anno 2013 n. ab. fascia 0/17 anni % di minorenni sul totale anno 2013 Leini ,9 San Benigno C.se ,6 Settimo T.se ,3 Volpiano ,6 tot. C.I.S.S.P ,4 (fonte dati BDDE Piemonte) Area Minori Comune di n. cartelle aperte al n. cartelle aperte al % scostamento Leini ,8% San Benigno C.se ,5% Settimo T.se ,1% Volpiano ,1% tot. Unione ,7% Area Disabili Comune di n. cartelle aperte al n. cartelle aperte al % scostamento Leini ,7% San Benigno C.se ,3% Settimo T.se ,3% Volpiano ,3% tot. Unione ,2% Dai dati sopra illustrati si evince che le Aree Disabili e Minori continuano a registrare incrementi nel numero delle prese in carico, questo si traduce in nuove richieste di servizi e relative liste di attesa. In particolare vi sono bambini e ragazzi in lista di attesa per la presa in carico da parte dei servizi educativi, mentre per alcuni dei soggetti già presi in carico l intervento garantito non riesce a rispondere pienamente a tutti i bisogni rilevati. La complessità del quadro si evince anche dal numero di situazioni seguite su mandato dall Autorità Giudiziaria come descritto nella tabella sottostante: Rapporti con l Autorità Giudiziaria: 4

5 Unione NET n. situazioni seguite (anno 2013) Area Minori 433 Area Disabili 61 Di seguito gli interventi attualmente disponibili effettuati dall Unione NET: Interventi educativi per minori in situazione di disagio Centro diurno in carico dimessi nel corso presi in carico nel in carico al C.E.M.** del 2013 corso del tot. situazioni seguite nel corso del 2013 Comune di Leini Comune di San Benigno Canavese Comune di Settimo Torinese Comune di Volpiano Totale Progetto Sostare (educativa territoriale)** in carico dimessi nel corso del 2013 presi in carico nel corso del 2013 in carico al tot. situazioni seguite nel corso del 2013 Comune di Leini * 1 5 Comune di San Benigno Canavese Comune di Settimo Torinese Comune di Volpiano Totale *8 sono gli attuali accessi liberi al CENTRO AGGGREGATIVO GIOVANI di Leini Incontri in Luogo Neutro in carico dimessi nel corso del 2013 presi in carico nel corso del 2013 in carico al tot. situazioni seguite nel corso del 2013 Comune di Leini Comune di San Benigno Canavese Comune di Settimo Torinese Comune di Volpiano

6 Totale **Educativa territoriale per bambini, ragazzi ed adolescenti o L educativa territoriale comprende il Progetto So-stare ed il Centro Aggregativo Giovani Katapulta (CAG) con sede in Leini. Il CAG ha previsto la frequentazione di n. 8* minori che si sono rivolti spontaneamente alla struttura. o Il Centro Educativo Minori (CEM) è una struttura, aperta dal lunedì al venerdì e fino alle ore 21 con possibilità di somministrare i pasti, che può accogliere massimo 10 minori, seguiti su mandato dell autorità giudiziaria. Interventi educativi per minori in situazione di disabilità Servizio Educativo per minori in situazione di disabilità (Girotondo) in carico dimessi nel corso del 2013 presi in carico nel corso del 2013 in carico al tot. situazioni seguite nel corso del 2013 Comune di Leinì 4 / Comune di San Benigno Canavese Comune di Settimo Torinese Comune di Volpiano totale La ristrutturazione di questo servizio ha consentito, nonostante le riduzioni di personale, di incrementare il numero delle prese in carico, passando da 60 in carico al a 70 in carico al Su tutto il territorio sono attivi per adulti con disabilità: Percorsi educativi occupazionali rivolti a giovani con disabilità intellettiva medio-lieve. PEO in carico dimessi nel corso del 2013 presi in carico nel corso del 2013 in carico al tot. situazioni seguite nel corso del 2013 Comune di Leinì 3 / Comune di Volpiano 7 4 / 3 7 Comune di San Benigno Canavese Comune di Settimo Torinese totale / / / / / Nonostante riduzioni di organico, si è mantenuto il gruppo aggregativo (con funzione di monitoraggio e prevenzione del disagio) e si sono rinforzate le attività legate all attivazione e al monitoraggio dei Percorsi Educativi Occupazionali, in collaborazione con il Servizio di Mediazione al Lavoro attraverso il progetto L officina dei mestieri. OFFICINA DEI MESTIERI (PEO Esclusi) in carico dimessi nel corso del 2013 ** presi in carico nel corso del 2013 in carico al ** tot. situazioni seguite nel corso del 2013 Comune di Leinì 1 /

7 Comune di Volpiano 1 / / 1 1 Comune di San Benigno Canavese / / / / / Comune di Settimo Torinese totale 7 / / Il quadro degli interventi a sostegno di minori in disagio e disabili (minori e adulti) si completa con gli interventi di affidamento, residenziale e/o diurno. Affidi Diurni al Residenziali al Diurni al Residenziali al Minori * Disabili *compresa famiglia comunità In fase di realizzazione sul Comune di Settimo T.se: Centro Educativo Minori Adolescenti (CEM) (10 posti) Centro Diurno Socio-terapeutico di tipo B (20 posti) Una struttura residenziale RAF G.A (10+6 posti) Centro famiglia aperto alla cittadinanza Tutto ciò in linea con quanto previsto dal Piano di Zona e dagli Accordi di Programma territoriali: Accordo di programma per l inserimento di minori in situazione di handicap in percorsi scolastici e formativi e Accordo sulla dispersione scolastica ed il successo formativo, sottoscritti da Provincia di Torino, ASL TO4, C.I.S.S.P., Scuole ed enti di formazione, Comune di Settimo Torinese e gli altri comuni appartenenti all ex Consorzio. Gli ultimi due accordi citati sono stati prorogati in attesa di procedere all adeguamento rispetto alla normativa vigente, ed alle sue applicazioni negli enti coinvolti. Il loro scopo è attivare forme di collaborazione tra enti per garantire interventi integrati, il pieno rispetto della dignità umana, la riduzione dell abbandono scolastico, il monitoraggio dello stesso fenomeno ed i diritti di libertà ed autonomia delle persone con disabilità, promuovendo la piena integrazione dei disabili nella famiglia, nella scuola e nella società. Descrizione dei servizi analoghi Il nostro territorio offre diverse opportunità di collaborazione con la rete locale di associazioni, terzo settore, fondazioni. Le reti che si sono create nel corso degli anni si sono consolidate attorno ad alcuni progetti specifici, in particolare il centro famiglia ed il progetto sportivo hanno catalizzato energie e risorse che lavorano in modo sinergico e complementare. All interno del Centro Famiglia collaborano: Associazione Palaver: associazione che si occupa di temi relativi alla genitorialità e alle famiglie; Santi Briganti: associazione teatrale; Il cerchio degli Uomini: associazione dedicata a uomini maltrattanti, nello specifico per il sostegno a padri separati; UniTre Settimo T.se: corsi di formazione per coppie in procinto di sposarsi civilmente; Uscire dal Silenzio: di supporto alle donne maltrattate; Associazione Papa Giovanni XXIII: principale collaboratore in merito al reperimento e alla gestione delle famiglie affidatari; Fondazione Aiutiamoli a vivere Settimo T.se: progetti di scambi con la Bielorussia; Associazione Gio.c. : per iniziative legate al recupero scolastico; Psicopoint: sostegno psicologico a minori e loro famiglie; 7

8 Associazione sollievo: doposcuola e recupero scolastico per minori in situazione di disagio e disabilità; Fondazione Esperienze di Cultura Metropolitana: gestisce la Biblioteca Archimede. Per quanto l area della disabilità si collabora con: Associazione Co.ge.ha, che raggruppa famiglie di persone con disabilità; Rotary Club di Settimo Torinese, che sostiene il Progetto sportivo attraverso eventi, finanziamenti per le trasferte, raccolte fondi, volontari di supporto alle attività; Filgud, società sportiva che gestisce la squadra di nuoto dell Ente, segue al preparazione sportiva, gli allenamenti, le trasferte. Per tutti gli ambiti sono preziose le collaborazioni con le scuole del territorio, i centri di formazione professionale e le parrocchie. Inoltre la Biblioteca Archimede offre una serie di opportunità, attraverso eventi, messa a disposizione di spazi e strumentazioni, occasioni aggregative e di incontro, che si rivolgono sia a minori in situazione di disabilità, sia in situazione di disagio. L Unione ha affidato a due cooperative sociali la gestione dei servizi educativi e assistenziali per minori e per la disabilità, le azioni previste dal presente progetto si integrano con questi servizi per tipologia di utenza presa in esame. Destinatari e beneficiari Il progetto ha come destinatari minori e giovani in situazioni di disagio e le loro famiglie, sia tale disagio riconducibile a disabilità o a particolari condizioni del nucleo familiare che rendono necessario un intervento educativo e orientativo delle possibilità offerte dal territorio. Per quanto riguarda le attività di sostegno e monitoraggio i destinatari diretti sono: 18 Minori in carico al servizio sociale territoriale; 22 Giovani disabili che seguono percorsi educativi occupazionali avviati sul territorio e altri che sono inseriti nel centro diurno o in attività sportive. Famiglie dei minori e giovani disabili seguiti dai servizi sociali; Famiglie che attraversano momenti critici al di fuori dei contesti assistenziali Per quanto riguarda invece le attività di inclusione sociale la cittadinanza si configura come principale destinatario. I Beneficiari del progetto sono le Associazioni che si occupano di disabilità, le istituzioni scolastiche e gli operatori dei servizi sociali ed educativi del territorio e l ASL TO 4 di riferimento. Analisi del problema Come descritto nel paragrafo precedente, nel territorio sul quale operiamo numerose sono le situazioni che coinvolgono nuclei familiari in difficoltà e soggetti con disabilità. Tali elementi sono andati acuendosi a causa dell odierna crisi economico/sociale la quale ha aggravato situazioni già esistenti tra cui condizioni di povertà culturale e difficoltà concernenti il nucleo familiare come la presenza di condizioni problematiche generate da rotture dei nuclei familiari e fasi di disagio causate dalle rotture familiari stesse. Oltre a ciò, l incremento delle difficoltà è stato determinato dalle situazioni in cui vi è la totale assenza della rete familiare del minore e l isolamento rispetto ai sostituti familiari naturali. Purtroppo a fronte delle contrazioni di risorse economiche destinate al welfare è sempre più difficile dare risposte alle richieste di aiuto delle famiglie in difficoltà. Al fine di ottimizzare le risorse è stato istituito il centro famiglia con l obiettivo di garantire un servizio dove le famiglie possano trovare informazioni, orientamento e consulenza in merito alle diverse questioni connesse alle relazioni interpersonali e famigliari. Il centro famiglia si pone i seguenti obiettivi: garantire un supporto alle famiglie che attraversano momenti critici al di fuori dei contesti assistenziali in un ottica di prevenzione delle condizioni di disagio conclamato e delle condizioni di isolamento e marginalità valorizzare e connettere le varie risorse del terzo settore e dell associazionismo presenti sul territorio dell unione, dove le persona possano trovare interlocutori più vicini e competenti promuovere la partecipazione e l attivazione della cittadinanza nel prendersi cura dei soggetti deboli e fragili della comunità, in un ottica di reciprocità e solidarietà e stimolare lo sviluppo delle reti di sostegno spontaneo tra le famiglie creare un servizio che offra esperienze ed iniziative di benessere il più possibile diffuso 8

9 Contesti di crisi sono inoltre generati da dipendenza da sostanze da parte degli adulti e conseguenti scelte devianti a carico dei nuclei e dei minori stessi. Si rilevano inoltre situazioni destabilizzanti lo sviluppo di un percorso evolutivo adeguato per i minori, quali: l abbandono dell obbligo scolastico e l appartenenza a gruppi di pari devianti, fuori controllo degli adulti i quali già a loro volta, implicati in proprie situazioni di crisi, non risultano adeguati nel ruolo genitoriale. Rispetto alla condizione di disabilità si riscontrano alcune problematiche principali. Tra queste è possibile sottolineare l aumento delle patologie a forte implicazione psico-sociale e il perdurare di patologie cronico-degenerative. Si rileva inoltre una debolezza nella connessione dei bisogni con le risorse a supporto delle politiche per i minori e per i giovani. Visto quanto sopra si pone la necessità costante di interventi interdisciplinari e coerenti nei diversi contesti di vita dei soggetti nelle condizioni di cui sopra. 7) Obiettivi del progetto: Obiettivi generali del progetto Il progetto è finalizzato al sostegno e all affiancamento di disabili e minori in condizioni di disagio e intende agevolare il loro inserimento in attività che favoriscano il benessere psico-fisico, attraverso azioni orientate all integrazione sociale e la realizzazione di una rete solidale. Inoltre intende garantire anche un supporto alle famiglie del territorio in un ottica di prevenzione delle condizioni di disagio conclamato e delle condizioni di isolamento e marginalità attraverso la collaborazione con il centro famiglia. Obiettivi specifici del progetto OBIETTIVI SPECIFICI 1 Favorire l acquisizione di maggiore autonomia e di integrazione di persone con disabilità intellettiva attraverso la partecipazione alle competizioni sportive collegate al circuito internazionale Special Olympics 2 Accompagnare i minori nelle attività scolastiche ed extrascolastiche con un rapporto continuativo INDICATORE Numero appuntamenti settimanali dedicati allo sport Numero di nuove iscrizioni Numero di minori seguiti in un rapporto individualizzato SITUAZIONE DI PARTENZA di 3 allenamenti di nuoto settimanali presso la piscina Filgud di Settimo Tse 23 iscritti 15 minori seguiti dal servizio sociale RISULTATO ATTESO Attivare l atletica come nuova disciplina sportiva con un allenamento settimanale Mantenimento dello stesso numero di iscritti ed eventuale incremento di due nuovi partecipanti Aumentare a 18 il numero di minori seguiti dal servizio sociale 3 Collaborare alla realizzazione di iniziative proposte dal centro famiglia 4 Attivare percorsi educativi occupazionali presso strutture territoriali finalizzati a mantenere e rinforzare le abilità dei disabili intellettivi lievi, coinvolgere attraverso momenti aggregativi e di tempo libero i disabili. Numero di eventi/iniziative realizzate Numero di persone coinvolte in percorsi educativi occupazionali ( P.E.O.) Numero partecipanti a momenti aggregativi e di tempo libero 2 attività 22 persone con disabilità intellettiva che sostengono un percorso educativo occupazionale 15 partecipanti al laboratorio informatico attivo presso la biblioteca multimediale Realizzare almeno altri 2 eventi di rinforzo alla genitorialità Avviare almeno altri due percorsi educativi occupazionali e mantenere le collaborazioni esistenti Aumento di 5 partecipanti al laboratorio informatico 9

10 di Settimo a cui partecipano 15 persone Numero spazi di aggregazione e tempo libero 1 spazio di aggregazione e tempo libero Uno spazio aggiuntivo di aggregazione e tempo libero 8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento a quelle dei volontari in servizio civile nazionale, nonché le risorse umane dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: 8.1 Complesso delle attività previste per il raggiungimento degli obiettivi Per agevolare l esposizione delle attività progettuali necessarie al raggiungimento degli obiettivi, l impiego delle risorse e le specifiche attività dei volontari, riportiamo per ciascun obiettivo specifico il dettaglio delle attività svolte per la realizzazione del progetto. Obiettivo specifico 1Favorire l acquisizione di maggiore autonomia e di integrazione di persone con disabilità intellettiva attraverso la partecipazione alle competizioni sportive collegate al circuito internazionale special olympics ATTIVITÀ L attività si svolge attraverso l organizzazione di tre allenamenti sulla disciplina del nuoto e la sperimentazione di un allenamento settimanale di un ora dedicato alla disciplina dell atletica presso la palestra Filgud di Settimo Tse, con l obiettivo di partecipare alle gare regionali e nazionali del circuito Special Olympics. Per entrambe le attività le azioni previste sono : - Accompagnare negli spogliatoi gli atleti e aiutarli nel cambio di indumenti; - Osservare le dinamiche di gruppo ed intervenire a sostegno della relazione; - Partecipare alle attività proposte dall istruttore; - Documentare le attività del gruppo per presentare un video a fine anno. 2 Accompagnare i minori nelle attività scolastiche ed extrascolastiche con un rapporto continuativo Affiancamento individualizzato nell esecuzione dei compiti al di fuori dell orario scolastico presso la sede dei servizi educativi area minori Realizzazione di laboratori manuali e ludico espressivi (creazione di oggetti con materiale di riciclo, lettura e ascolto fiabe, espressione corporea ) Organizzazione, pianificazione e gestione delle uscite sul territorio e di iniziative di tempo libero (escursioni giornaliere durante i periodi di vacanza, piscina, partecipazione ad attività proposte dalla biblioteca territoriale) 10

11 3 Collaborare alla realizzazione di iniziative proposte dal centro famiglia 4 Attivare percorsi educativi occupazionali presso strutture territoriali finalizzati a mantenere e rinforzare le abilità dei disabili intellettivi lievi. Coinvolgere attraverso momenti aggregativi e di tempo libero l utenza che non ha i requisiti per sostenere un percorso educativo occupazionale. Organizzare in collaborazione con gli educatori dell area minorile iniziative proposte nel centro famiglie : - intrattenimento ludico dei minori durante gli incontri dedicati al tema della genitorialità rivolti alle famiglie con figli in età scuola dell obbligo - gestione di un laboratorio di creatività finalizzato al sostegno della relazione mamma bambino Verifiche individualizzate con i disabili coinvolti nei percorsi educativi occupazionali, Confronto di gruppo per verificare l andamento delle esperienze e le capacità di risoluzione delle possibili difficoltà che si riscontrano, attraverso simulazioni e racconto di episodi accaduti. Monitoraggio con i tutor di riferimento presenti nelle sede in cui si svolge l esperienza attraverso incontri individuali sull andamento del percorso. Realizzazione di uno spazio di ascolto e di aggregazione. Inoltre nei primi mesi di servizio i volontari saranno coinvolti nel percorso di Formazione Generale e di accompagnamento all esperienza di servizio civile. Si specifica che il complesso delle azioni/attività di seguito riportate, oltre a garantire il raggiungimento degli obiettivi previsti, risulta anche mirato a favorire il conseguimento delle finalità proprie del Servizio Civile, esperienza che deve contribuire alla formazione civica, sociale, culturale e professionale dei giovani Formazione dei volontari Nel rispetto della normativa vigente, nei primi mesi di attuazione del progetto si prevede la realizzazione del percorso di Formazione Generale e dell avvio della formazione Specifica Patto di Servizio In virtù delle specificità e delle caratteristiche proprie dell esperienza che individua nel giovane in Servizio Civile l elemento centrale dell intero progetto, nel corso del primi due mesi di attività vengono dedicati spazi specifici di riflessione per la stesura del Patto di servizio. Questo strumento favorisce il coinvolgimento del giovane volontario nella programmazione delle attività, fa emergere la soggettività dell individuo avviando un percorso di autonomia e di assunzione (in prima persona) di responsabilità e impegni precisi Tutoraggio Al fine di garantire il buon livello di soddisfazione dei volontari per la partecipazione al progetti di Servizio Civile Nazionale, nonché supportare i volontari nella risoluzione di eventuali conflitti con i propri responsabili, la Città di Torino realizza lungo tutto l arco dell anno specifici percorsi di tutoraggio dell esperienza; sono complessivamente previsti 5 incontri. Monitoraggio Nel corso dei dodici mesi di realizzazione del progetto, l ente proponente e la sede di attuazione, al fine di raccogliere elementi utili alla eventuale riprogettazione ATTIVITÀ a. Realizzazione del percorso di Formazione generale (vedi descrizione punti 29-34) b. Avvio del percorso di Formazione Specifica (vedi descrizione punti 35-41) a. Incontri (almeno 2) tra il singolo volontario e l'operatore Locale di riferimento b. Definizione e stesura del Patto di Servizio a. Realizzazione di 4 incontri di tutoraggio per i volontari in servizio gestiti dall'ufficio Servizio Civile della Città di Torino a. Primo degli incontri di monitoraggio OLP gestiti dall'ufficio Servizio Civile della Città di Torino 11

12 in itinere dell esperienza, predispongono e realizzano specifici interventi di monitoraggio, aventi per focus il progetto realizzato b. Somministrazione di specifici questionari di valutazione dei percorsi formativi c. Realizzazione a cura dell'ufficio Servizio Civile della Città di Torino di incontri di monitoraggio di prossimità presso la singola sede di attuazione, alla presenza di OLP e volontari d. Secondo incontro di monitoraggio OLP (insieme ai volontari in servizio civile per elaborare e valutare l esperienza) e. Somministrazione di specifici questionari ai volontari ed agli OLP di riferimento f. Terzo incontro di monitoraggio degli OLP e verifica dell esperienza realizzata Bilancio dell esperienza Considerati i principi legislativi che prevedono che il Servizio Civile debba essere finalizzato ad una crescita civica, sociale, culturale e professionale dei volontari, nel corso dell anno i giovani partecipano ad un percorso finalizzato alla attestazione da parte dell'ente di Formazione Cooperativa O.R.So. delle competenze acquisite nel corso dell esperienza. Il percorso prevede un incontro individuale tra il volontario e l OLP e 3 appuntamenti di gruppo gestiti da un orientatore dell'ente certificatore. a Primo incontro di gruppo b. Colloquio individuale del volontario con il proprio OLP di riferimento c. Secondo e terzo incontro di gruppo d Rilascio della Dichiarazione competenze acquisite In virtù di quanto sopra indicato, ipotizzando l avvio del servizio nel corso del mese di aprile 2015, le attività previste nell ambito delle diverse obiettivi/attività si svilupperanno secondo il seguente cronoprogramma di massima: Mese Fase Formazione X X X X X X Patto di Servizio X X 1Favorire l acquisizione di maggiore X X X X X X X X X X X autonomia e di integrazione di persone con disabilità intellettiva attraverso la partecipazione alle competizioni sportive collegate al circuito internazionale special olympics 2 Accompagnare i minori nelle attività scolastiche ed extrascolastiche con un rapporto continuativo X X X X X X X X X X X 3 Collaborare alla realizzazione di iniziative proposte dal centro famiglia 4 Attivare percorsi educativi occupazionali presso strutture territoriali finalizzati a mantenere e rinforzare le abilità dei disabili intellettivi lievi. Coinvolgere attraverso momenti aggregativi e di tempo libero l utenza X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X 12

13 che non ha i requisiti per sostenere un percorso educativo occupazionale. Tutoraggio X X X X X Monitoraggio X X X X X X X X Bilancio dell esperienza X X X X 8.2 Risorse umane complessive necessarie per l espletamento delle attività previste, con la specifica delle professionalità impegnate e la loro attinenza con le predette attività Oltre alle risorse previste dalla vigente normativa in materia di Servizio Civile (Operatore Locale di Progetto, Formatori, Operatori del monitoraggio), per la realizzazione delle attività previste nell ambito del progetto, ciascun volontario interagirà attivamente con le seguenti altre figure: N RUOLO Precedenti esperienze ATTIVITA IN CUI VIENE COINVOLTO 1 Tutor (dipendente e/o a Gestione di gruppi di Gestione del percorso di contratto dell ente Città di volontari in servizio civile tutoraggio (5 incontri) Torino) 1 Orientatore (dipendente dell Ente di Formazione Cooperativa ORSo) 2 Educatori dei servizi sociali (area minori) Esperto di orientamento e attività con i giovani Esperienza pluriennale in educativa territoriale Gestione del percorso di Bilancio dell esperienza Collaborazione nel coordinamento delle attività 3 Psicologi e psichiatri asl To 4 Esperienza pluriennale in consulenze psicologichre 3 Tecnici sportivi della Filgud Gestione di attività sportive 2 Educatori dei servizi sociali (area minori e area disabili) Esperienza pluriennale in educativa minori e disabili e Olp di servizio civile Presa in carico dei soggetti seguiti dal servizio sociale Allenamenti settimanali, due trasferte annuali, partecipazione ad eventi sportivi Stesura progetti educativi monitoraggio e verifiche 1 Presidente Rotary Club Settimo T.se 3 docenti dei Circoli didattici della scuola primaria di Settimo Tse 1 Insegnante dell Enaip di Settimo Tse 3 Volontari delle parrocchie di Settimo Sostegno a progetti sociali Esperienza pluriennale nella didattica Collaborazione relativa ai peo Gestione di gruppi giovani e attività rivolte ai minori Contributo finanziario al progetto Special Olympics Condivisione del progetto educativo relativo al minore Orientamento prelavorativo propedeutico al peo Integrazione dei minori sul territorio 13

14 8.3 Ruolo ed attività previste per i volontari nell ambito del progetto Obiettivo specifico 1Favorire l acquisizione di maggiore autonomia e di integrazione di persone con disabilità intellettiva attraverso la partecipazione alle competizioni sportive collegate al circuito internazionale special olympics 2 Accompagnare i minori nelle attività scolastiche ed extrascolastiche con un rapporto continuativo 3 Collaborare alla realizzazione di iniziative proposte dal centro famiglia RUOLO E COMPITI DEL VOLONTARIO Affianca l istruttore durante gli allenamenti settimanali di nuoto e atletica. Aiuta nello spogliatoio nel cambio degli indumenti, osserva e supporta le dinamiche del gruppo. Collabora con l'operatore allenandosi con i ragazzi in previsione della staffetta unificata che viene svolta durante le gare regionali e nazionali Special Olympics. Accompagna con l educatore la squadra alle gare regionali e nazionali. Partecipa ad eventi sportivi previsti nell anno in supporto all'operatore addetto alla gestione del progetto sportivo. Documenta le attività del gruppo per presentare un video a fine anno. Insieme all educatore stila il progetto educativo individuale sul minore Supporta i minori nei compiti assegnati a scuola in un rapporto individualizzato in accordo con gli insegnanti Reperisce materiale per il laboratorio di creatività e propone momenti di gioco di gruppo organizzati precedentemente con il supporto dell educatore Accompagna i minori nelle attività pomeridiane extra scolastiche (sport, attività musicali, catechesi etc ) Durante il periodo estivo accompagna i minori in uscite sul territorio (piscina, visita a musei, gite nei parchi,etc..) Organizza momenti di intrattenimento dei bambini (giochi, visione di film ecc) durante incontri formativi rivolti ai genitori gestiti da esperti affianca l educatore nella gestione di attività mirate al potenziamento della relazione mamma-bambino, osservando dinamiche ed interagendo nella relazione 4 Attivare percorsi educativi occupazionali presso strutture territoriali finalizzati a mantenere e rinforzare le abilità dei disabili intellettivi lievi. Coinvolgere attraverso momenti aggregativi e di tempo libero l utenza che non ha i requisiti per sostenere un percorso educativo occupazionale. Affianca l educatore nel monitoraggio dell esperienza attraverso incontri di verifica sia con il disabile che con la risorsa che lo ospita. Osserva ascolta e documenta le dinamiche del gruppo durante l incontro settimanale di sostegno ai percorsi educativi occupazionali. Affianca l educatore nella gestione di momenti di ascolto e di racconto individuali e di gruppo partecipando a possibili simulazioni finalizzate alla risoluzione delle difficoltà che si presentano nella sede dell esperienza dei percorsi educativi occupazionali Contribuisce alla ricerca delle risorse presenti sul territorio disponibili ad attivare percorsi educativi occupazionali Affianca e supporta l educatore in tutte le attività previste dal progetto educativo individualizzato. Reperisce proposte e materiale per partecipare ad eventi di tempo libero. Collabora alla creazione di volantini relativi ad eventi. Affianca il disabile insieme all educatore in uscite e attività pomeridiane. Collabora al potenziamento delle abilità e dell autonomia pedonale del disabile accompagnandolo negli spostamenti sul territorio e aiutandolo nell utilizzo dei mezzi pubblici. Partecipa ad incontri di raccordo con la rete. Nel periodo estivo contribuisce al sostegno di attività esterne (piscina, parchi etc) in aiuto di operatori. Documenta le attività svolte in supporto di educatori o volontari coinvolti. 14

15 Formazione dei volontari: RUOLO E COMPITI DEL VOLONTARIO Partecipazione al percorso di Formazione generale (vedi descrizione punti 29-34) Partecipazione al percorso di Formazione Specifica (vedi descrizione punti 35-41) Patto di Servizio: Tutoraggio: Partecipazione attiva agli incontri tra il singolo volontario e l'operatore Locale di riferimento Definizione e stesura del Patto di Servizio Partecipazione agli incontri di tutoraggio Monitoraggio Compilazione dei questionari di valutazione dei percorsi formativi Partecipazione agli incontri di monitoraggio di prossimità presso la sede di attuazione Compilazione di specifici questionari di valutazione dell esperienza Formazione dei volontari: Partecipazione al percorso di Formazione Specifica (vedi descrizione punti 35-41) Bilancio dell esperienza: Partecipazione al primo incontro di gruppo Preparazione e partecipazione attiva al colloquio individuale con il proprio OLP di riferimento Partecipazione al terzo incontro di gruppo Al fine di realizzare le diverse attività sopra citate, i volontari in Servizio Civile eserciteranno costantemente le seguenti capacità e competenze, la cui acquisizione sarà certificata al termine del progetto dall Ente di Formazione Cooperativa O.R.So.: CAPACITA E COMPETENZE SOCIALI Ascolto attivo Flessibilità Creatività / innovazione BREVE DESCRIZIONE DELLA COMPETENZA Capacità di ascoltare, comprendendo il senso del messaggio, accogliendo il punto di vista dell altro Carattere privo di rigidità, versatile che sa occuparsi con abilità e competenza di cose differenti Abilità creativa nella ricerca di soluzioni, inventiva, fecondità di idee CAPACITA E COMPETENZE Iniziativa Orientamento al cliente / destinatario Programmazione BREVE DESCRIZIONE DELLA COMPETENZA Intraprendenza, operosità, dinamismo nell affrontare le situazioni Attitudine a cogliere le esigenze e i bisogni dei destinatari indirizzando la propria attività Propensione alla progettazione, preparazione e pianificazione delle attività CAPACITÀ E CONOSCENZE TECNICHE Tecniche di animazione sociale Tecniche di montaggio video BREVE DESCRIZIONE DELLA COMPETENZA Essere in grado di supportare e gestire eventi e manifestazioni finalizzati alla promozione sociale Essere in grado di elaborare video al fine di documentare le attività svolte 15

16 9) Numero dei volontari da impiegare nel progetto: 4 (quattro) Sede di attuazione del progetto Comune Indirizzo Cod. ident. sede N. vol. per sede ENTE UNIONE NET- SEDE ENTE UNIONE NET - SEDE 2 Settimo Torinese (Torino) Settimo Torinese Via Amendola, Viale Piave, (zero) 10) Numero posti con vitto e alloggio: 11) Numero posti senza vitto e alloggio: 4 (quattro) Sede di attuazione del progetto Comune Indirizzo Cod. ident. sede N. vol. per sede ENTE UNIONE NET- SEDE ENTE UNIONE NET - SEDE 2 Settimo Torinese (Torino) Settimo Torinese Via Amendola, Viale Piave, ) Numero posti con solo vitto: 0 (zero) 13) Numero ore di servizio settimanali dei volontari, ovvero monte ore annuo: Monte ore annuo di 1400 ore, con un minimo di 12 ore settimanali. 14) Giorni di servizio a settimana dei volontari (minimo 5, massimo 6) : 5 (cinque) 15) Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio: Si richiede disponibilità per eventi serali e festivi e trasferte. 16

17 16) Sede/i di attuazione del progetto, Operatori Locali di Progetto e Responsabili Locali di Ente Accreditato: N. Sede di attuazione del progetto 1 2 ENTE UNIONE NET- SEDE ENTE UNIONE NET - SEDE 2 Comune Indirizzo Cod. ident. sede Settimo Torinese (Torino) Via Giovanni Amendola, Settimo Torinese Viale Piave, N. vol. per sede Nominativi degli Operatori Locali di Progetto Cognom e e nome Ghislanz oni Franca Genuario Carmen Data di nascita C.F. Nominativi dei Responsabili Locali di Ente Accreditato Cognome e nome Data di nascita C.F.

18 17) Eventuali attività di promozione e sensibilizzazione del servizio civile nazionale: Con l obiettivo di promuovere un cultura del Servizio Civile che pur partendo dalle positive esperienze realizzate nei diversi progetti, superi la logica dei singoli enti e impatti in modo trasversale sul territorio, annualmente la Città di Torino, in collaborazione con gli enti partner, programma e organizza i seguenti appuntamenti: Un convegno / seminario finalizzato ad approfondire i contenuti propri dell esperienza (ad esempio negli anni passati nell ambito delle iniziative previste per Torino capitale dei giovani, è stato organizzato un convegno di restituzione / discussione di quanto emerso dall analisi dei dati raccolti attraverso la ricerca Giovani e Servizio Civile ) Aperitivi / incontri informativi, in collaborazione con gli InformaGiovani di Torino e dell area metropolitana (Rivalta, Venaria Reale, Settimo Torinese, Moncalieri, Beinasco, ecc.) e con la rete dei Centri Giovani e delle Case del Quartiere per un impegno degli operatori non inferiore a 15 ore annue (almeno 5 appuntamenti di 3 ore ciascuno) Inoltre le pagine web del portale TorinoGiovani dedicata al servizio civile (www.comune.torino.it/infogio) contengono un aggiornata rassegna dei principali appuntamenti promossi e di alcuni prodotti elaborati nell ambito dei singoli progetti (es. video, documenti ). Le novità inserite sono quindi presentate attraverso la newsletter inviata dall InformaGiovani a circa contatti e promosse sulla pagina Facebook dedicata all InformaGiovani che ad oggi conta Mi piace Le news legate al Bando e al servizio civile saranno anche pubblicate sulle pagine web degli enti aderenti al protocollo e sulle relative pagine dei social network degli enti (comuni, associazioni, cooperative) Infine, in occasione di ciascun bando promosso dall Ufficio Nazionale, la Città di Torino realizza la seguente campagna promozionale: Pubblicazione dei progetti sul sito internet Elaborazione e distribuzione di locandine e cartoline promozionali del bando attraverso la rete regionale degli InformaGiovani, dei Centri di Aggregazione giovanili e delle Biblioteche civiche e le case del quartiere Attivazione di uno sportello informativo e orientativo rivolto ai giovani interessati a partecipare al bando per un impegno degli operatori non inferiore a 30 ore Elaborazione, stampa e diffusione attraverso la rete regionale degli InformaGiovani, i Centri Informa della città e la rete degli Uffici Pace di almeno 140 copie del quaderno riportante le schede sintetiche di tutti i progetti promossi dalla Città di Torino inseriti nel bando Pubblicazione di articoli promozionali su periodici locali, sul quindicinale InformaLavoro distribuito gratuitamente su scala provinciale e sull inserto TorinoSette del quotidiano La Stampa Gestione di una pagina Facebook del Servizio Civile della Città di Torino e del protocollo di Intesa, gestita dall ufficio stesso e animata dalle esperienze dirette dei ragazzi in servizio civile e creazione di un profilo twitter Complessivamente per attività di promozione e sensibilizzazione del Servizio civile Nazionale l impegno annuo degli operatori coinvolti non è inferiore a 90 ore (45 di front office e 45 per attività di back). In particolare l ente proponente attiverà le seguenti iniziative di promozione del proprio progetto di servizio civile: ATTIVITA NUMERO DI ORE Promozione attraverso il proprio sito internet, social network e news 3 ORE letter Incontri informativi di presentazione del progetto presso la biblioteca 6 ORE di Settimo T.se Preparazione e distribuzione di materiale promozionale 6 ORE Incontri individuali con i giovani che richiedono informazioni 10 ORE Altre iniziative Invio sms banca dati servizio Promozione attraverso internet e social network, incontri informativi, giovani preparazione e distribuzione materiale promozionale, testimonianze ex volontari servizio civile TOTALE 6 ORE Totale 31 ORE 18

19 18) Criteri e modalità di selezione dei volontari: Criteri autonomi di selezione verificati nell accreditamento Si rinvia al Sistema di Reclutamento e Selezione presentato e verificato dal competente ufficio regionale in sede di accreditamento SI 19) Ricorso a sistemi di selezione verificati in sede di accreditamento (eventuale indicazione dell Ente di 1^ classe dal quale è stato acquisito il servizio): 20) Piano di monitoraggio interno per la valutazione dell andamento delle attività del progetto: Si rinvia al Sistema di Monitoraggio presentato e verificato dal competente ufficio regionale in sede di accreditamento SI 21) Ricorso a sistemi di monitoraggio verificati in sede di accreditamento (eventuale indicazione dell Ente di 1^ classe dal quale è stato acquisito il servizio): 22) Eventuali requisiti richiesti ai canditati per la partecipazione al progetto oltre quelli richiesti dalla legge 6 marzo 2001, n. 64: Requisiti curriculari obbligatori (da possedere all atto della presentazione della domanda) considerati necessari per una positiva partecipazione al progetto: Istruzione e formazione REQUISITO Diploma di scuola secondaria di secondo grado MOTIVAZIONE Le attività da svolgere richiedono una buona formazione di base che può spaziare in diversi ambiti Come previsto dalla normativa, il mancato possesso dei requisiti sopra indicati pregiudica la possibilità di partecipare al progetto. Requisiti preferenziali valutati in fase di selezione: Istruzione e formazione Esperienze Competenze informatiche Conoscenze tecniche Patenti Frequenza di corsi attinenti all ambito educativo Attività lavorative, esperienze di tirocinio o volontariato sociale in campo educativo ed assistenziale Uso del pacchetto Office -predisposizione alla relazione e al lavoro in equipe -predisposizione al rapporto con minori e disabili -predisposizione al lavoro sociale Possesso patente B 23) Eventuali risorse finanziarie aggiuntive destinate in modo specifico alla realizzazione del progetto: Per il raggiungimento degli obiettivi e la realizzazione delle attività previste dal progetto (vedi punto 8.1) saranno destinate le seguenti risorse finanziarie: OBIETTIVO/ ATTIVITA DESCRIZIONE RISORSE ECONOMICHE DESTINATE Tutoraggio Costi a copertura del personale coinvolto 1.200,00 Bilancio Costi a copertura del personale coinvolto 500,00 dell esperienza 19

20 Trasferta gare Special Olympics Attività di animazione con minori e disabili Costi a copertura vitto alloggio e trasporto durante le 900,00 trasferte Costi a copertura di acquisto materiale per i laboratori 800,00 e costi relativi alle uscite territoriali (ingressi, trasporto) Totale risorse economiche destinate 3.400,00 24) Eventuali reti a sostegno del progetto (copromotori e/o partners):: Collaborano alla realizzazione del progetto i seguenti enti partner e/o copromotori (vedi lettere allegate): ENTE ATTIVITA IN CUI RISORSE INVESTITE COLLABORA Rotary Club Settimo Torinese Sponsorizzazione delle attività Eventi Attività di volontariato gruppo 5 volontari gruppo Interact e contributo economico per le trasferte (regionali e nazionali) INTERACT Fitness Club Attività sportive 3 istruttori che allenano la squadra durante l anno e partecipano alle gare, piscina e palestra 25) Risorse tecniche e strumentali necessarie per l attuazione del progetto: Per la realizzazione delle attività previste (vedi punto 8.1), saranno utilizzate le seguenti risorse tecniche e strumentali: Locali DESCRIZIONE Locali della sede centrale dell Unione NET via Roma 3 Settimo Torinese Locali della sede dei servizi educativi area minori Via Amendola 3 Settimo Torinese Locali della sede dei servizi per disabili Viale Piave 1 Settimo Torinese Sede del Centro Famiglia Via Volta Settimo Torinese Palestra e Piscina presso Filgud Settimo Torinese Biblioteca Archimede Piazza Campidoglio 50 Settimo Torinese Sale attrezzate messe a disposizione dall Ufficio Servizio Civile della Città di Torino e dalla sede per la gestione delle attività formative e di tutoring ATTIVITA Formazione e attività di segreteria Attività educative con i minori Attività educative con i disabili Attività rivolte alla cittadinanza Attività sportive Attività aggregative e di tempo libero Formazione dei volontari Tutoraggio Bilancio dell esperienza Attrezzature DESCRIZIONE ATTIVITA 3 personal computer e software Attività di segreteria 1 fotocopiatrice Attività di segreteria Libri presenti nelle biblioteche dell Unione NET del sevizio sociale Attività educative con minori e disabili Supporti informatici presenti nella Biblioteca multimediale di Settimo Attività educative con minori Torinese e disabili 3 scrivanie Attività di segreteria Auto e mezzi di trasporto Attività educative con minori e disabili Videocamere e dispositivi digitali Attività educative con minori e disabili PC e videoproiettore per la gestione delle attività formative e di tutoring Formazione dei volontari Tutoraggio 20

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare in Italia e all

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Io ci sono conta su di me!!

Io ci sono conta su di me!! SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto:

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI CORATO 2) Codice di accreditamento: NZ01262 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Soc. Coop. Istituto Ulisse per lo sviluppo della cultura al lavoro ISVIL 2) Codice

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051

ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051 ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051 SCHEDA PROGETTO SEDE OPERATIVA ROMA (RM) CENTRO DON ORIONE MONTE MARIO CODICE SEDE 98090 SETTORE ASSISTENZA 06 DISABILI [ TITOLO PROGETTO Riabitare il mondo Ente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI CARATTERISTICHE PROGETTO ENTE Ente proponente il progetto: ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE Codice di accreditamento: NZ 01704 Albo e classe di iscrizione: Albo nazionale 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

UN MOUSE A PORTATA DI MANO

UN MOUSE A PORTATA DI MANO 1 ENTE SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: ISTITUTO TUTELA E ASSISTENZA LAVORATORI 2) Codice di accreditamento: NZ01557 3) Albo e classe

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Associazione Culturale e di Volontariato Gli Elefanti 2) Codice di accreditamento: NZ06172 3)

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Pagina1 Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione utenti

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli