TheO ficialjournalof TheSchoolofSportSciences

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TheO ficialjournalof TheSchoolofSportSciences"

Transcript

1 Volume2-Issue2-December2014 TheO ficialjournalof TheSchoolofSportSciences EDITORIN CHIEF Prof.SergioAgrifoglio CO-EDITORS SportsLaw & Economics Prof.GiuseppeLiota Prof.LauraSantoro CO-EDITORS Sport& ExerciseSciences Prof.AntonioPalma Prof.MarceloTraina ISNN EditorialoficeoftheEuropeanJournalofSportsStudies-EJSS UniversityofPalermo,ViaEleonoraDuse,2;90146Palermo,Italy Phone Fax

2

3 Contents Volume 2 Issue 2 EJSS December 2014 Section A 7 Manufacturing muscle: an overview of the history and legal aspects of doping in sport Curtis A. Fogel 16 Lealtà sportiva: etica e diritto F. Valenti 28 Profili critici e comparatistici dei sistemi salariali nello sport professionistico: due casi a confronto F Trafficanta 61 Research Note: A regression that probably never should have been performed the case of Norwegian topleague football attendance Kjetil K. Haugen, Arild Hervik and Hallgeir Gammelsæter 72 Moving towards Tokyo 2020: sport as a vehicle of social inclusion V Lo Presti

4 Editorial Board The European Journal of Sport Studies EDITOR IN CHIEF Prof. Sergio Agrifoglio Department of Law, Social and Sport Sciences University of Palermo, Italy CO-EDITORS Sport Law & Economics Prof. Giuseppe Liotta Prof. Laura Santoro CO-EDITORS Sport & Exercise Sciences Prof. Antonio Palma Prof. Marcello Traina EDITORIAL BOARD Sport Law & Economics Prof. Salvatore Mazzamuto University of Roma Tre, Italy Prof. Cristiana Buscarini University of Roma Foro Italico, Italy Prof. Gianfranco Rusconi University of Bergamo, Italy Prof. Salvatore Tomaselli University of Palermo, Italy Prof. Gaetano Troina University of Roma Tre, Italy Prof. Carlo Sorci University of Palermo, Italy Prof. Jose D. Valls Lloret Universidad de Barcelona, Spain Prof. Massimo Siclari University of Roma Tre, Italy Prof. Giuseppe Catturi University of Siena, Italy Prof. Marcantonio Ruisi University of Palermo, Italy Prof. Paul H. Haagen Duke University, U.S.A. Prof. Tommaso E. Frosini University of Suor Orsola Benincasa, Italy Prof. Paolo Tosi University of Torino, Italy Dott. Salvatore Cincimino University of Palermo, Italy Dott. Lillo Fiorello University of Palermo, Italy Dott. Daniela Ferrara University of Palermo, Italy Dott. Francesca Valenti University of Palermo, Italy Dott. Giangabriele Agrifoglio University of Palermo, Italy EDITORIAL BOARD Sport & Exercise Sciences Prof. Avery D. Faigenbaum (The College of New Jersey, USA) Prof. Nese Sahin University of Ankara, Turkey Prof. Angela Di Baldassarre University of Chieti, Italy Dott. Marco Manca SCimPulse Foundation, Netherland Prof. Lina Buono University of Napoli, Italy Prof. Bistra Dimitrova National Sports Academy, Bulgaria Prof. Enrico Carmina University of Palermo, Italy Prof. Fabio Pigozzi University of Rome Foro Italico, Italy Dott. Maria Gateva, PhD National Sports Academy, Bulgaria Dott. Dearbhla Gallagher St. Mary s University Collage, UK Prof. Federico Schena University of Verona, Italy Prof. Rita Santos Rocha University of Padua, Italy Prof. Antonio Paoli University of Padua, Italy Prof. Laura Capranica University of Rome Foro Italico, Italy Prof. Caterina Mammina University of Palermo, Italy ARTICLE EDITORS Dott. Antonino Bianco (Sport Sciences Section) Dott. Salvatore Cincimino (Economic Section) Dott. Sara Rigazio (Law Section) EDITORIAL ASSISTANT & WEB EDITOR Dott. Giuseppe Alamia University of Palermo, Italy SCIENTIFIC COMMITTEE Dott. Daniele Zangla University of Palermo, Italy Dott. Angelo Cataldo University of Palermo, Italy Dott. Giuseppe Russo University of Palermo, Italy Dott. Felice Blando University of Palermo, Italy

5

6

7 European Journal of Sport Studies Publish Ahead of Print DOI: /ejssax2x2-2014x2 Section A doi: /ejssax2x2-2014x2 Manufacturing muscle: an overview of the history and legal aspects of doping in sport by Curtis A. Fogel Abstract This paper traces the origins and development of doping in sport, as well as the policies and procedures that have been used- with limited success- in eliminating sports doping. Critical attention is given to the various problems of doping control policies and procedures, such as high costs, ineffective tests, procedural errors, privacy violations, infringement on economic freedoms, and a failure to consider culpability, particularly in instances of inadvertent drug use without performance-enhancing benefits, e.g. marijuana use. Serious doubts can be raised about the fairness and effectiveness of current doping control policies and strategies. It is argued that an effective strategy for the prevention of doping in sport should rest on harm reduction principles of educating athletes about the potential harms of drug use, teaching safe alternatives to achieving their athletic goals to reduce demand, and targeting traffickers of prohibited substances rather than restricting the rights and freedoms of athletes with ineffective results. Keywords: Doping; World Anti-Doping Agency; Doping Control Policy; Court of Arbitration for Sport Table of Contents: 1. Introduction; 2. The Origins and Development of Doping; 3. Doping Control Policies and Procedures; 4. Legal Challenges to Doping Control Policies and Procedures; 5. Conclusion 6. References 1. Introduction. At the 1988 Summer Olympics in Seoul, Korea Canadian sprinter Ben Johnson shattered the 100m World Record of the time EJSS Journal x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 7 finishing the race in 9.79 seconds. The day after his victory, urine sample tests revealed the use of a banned steroid called stanozolol. Despite Johnson s original denials of steroid Corresponding Author: Curtis A. Fogel, Associate Professor of Criminology Lakehead University Orillia 500 University Ave Orillia, ON, Canada - L3V0B9 Received: June 2014 Accepted: August 2014

8 use and claims of apparent sabotage, the International Olympic Committee (IOC) revoked Johnson s Olympic Gold medal and World Record time. This was not the first time Olympic athletes had tested positive for steroid use. For example, in the 1976 Summer Olympics in Montreal, eight of 275 tested athletes were found to have used steroids (Todd and Todd, 2001). Johnson s failed test was, however, the first to generate worldwide outrage and concern for the infiltration of drugs in sport, which continues to this day. In this paper, the long controversial history of doping in sport is explored by examining its genesis and development, the emergence of control policies and procedures to prevent doping, and legal challenges to doping policies and procedures. Tracing this history reveals the overall ineffectiveness of the ongoing battle to prevent and control doping in sport. 2. The Origins and Development of Doping. The term doping is commonly believed to have originated from the root word dop from the Kaffir dialect of South Africa. The term dop refers to the use of a highly stimulating drink used by members of a tribe during religious rituals. Some accounts also suggest that Zulu warriors drank dop to enhance their prowess in battle. In the 1800s, Dutch settlers in South Africa adopted the term and began applying it in the context of sport. The term spread back to Amsterdam where swimmers were accused of dop-ing (Voy and Deeter, 1991). The meaning of the word doping has expanded over time. Common definitions of doping tend to resonate with the origins of the word, which involves the ingestion of a chemical substance for performanceenhancing benefits. The World Anti-Doping Code (2008, p. 8-12) has built upon this definition and defines doping as any of the following: EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 8 i) Presence of a banned substance or its metabolites in the athlete s body. ii) Use or attempted use of a prohibited substance or method. iii) Refusing or evading sample collection. iv) Failure to provide whereabouts during out-of-competition testing, v) Tampering or attempting to tamper with any part of doping control vi) Possession of prohibited substances or methods. vii) Trafficking and prohibited substance or method. As such, doping can now refer to a number of activities and methods beyond the ingestion of chemical substances. It is believed that doping has a history as long as the history of sport and competition. Ancient Greek athletes supposedly ate the testicles of lambs believing it would provide special strength in sports such as wrestling, boxing, and running. Likewise, Roman gladiators are said to have used stimulants from plants that were believed to improve endurance and courage making them fiercer in competition (Mottram, 2011). Early accounts of doping in modern sport, beginning in the 1800s, indicate the use of various stimulating chemicals and drugs such as heroin, cocaine, caffeine, and amphetamines, particularly within bicycle racing (Yesalis and Bahrke, 2002). In the 1904 Olympics, United States marathon winner Thomas Hicks admitted using strychnine and brandy during the race to fuel his performance. In a 1955 bicycle race, five of 25 riders tested positive for amphetamine use. The use of amphetamines in sport began to really be seen as a serious issue in the 1960s following several amphetamine-related deaths, including British cyclist Tommy Simpson (Todd and Todd, 2001). The most significant development in doping has been the discovery of the positive effects of anabolic steroids on muscle growth and recovery. Early scientific research on anabolic steroids revealed that, It changed

9 them, and fundamentally after many months on testosterone, their chest and shoulder muscles grew much heavier and stronger it caused the human body to build the very stuff of its own life (de Kruif, 1945, p. 226). Steroids offered athletes more longterm gain than other performance-enhancers, as there were greater long-term benefits for muscle gain, as compared to the short bursts of energy from amphetamine stimulus. After it s discovery, and before the advent of reliable testing in the mid-1970s, steroid use was widespread in sport. A poll of track and field contestants at the 1972 Munich Olympics found that 68% were using anabolic steroids (Todd, 2001). The mid-1970s and onwards can best be described as a science or bio-medical war in sport whereby new designer substances are continually manufactured, alongside new masking agents, while doping control agents and scientists have struggled to keep up (Fogel, 2013, p. 283). On occasion, high profile cases like that of Ben Johnson, the East German Olympic team, Lance Armstrong, or of countless Major League Baseball players give the suggestion that dopers will be caught. Most doping, however, continues to go undetected. It is estimated that the probability of detecting a cheater who uses doping methods every week is only 2.9% per test (Hermann and Henneberg, 2013, p. 2). 3. Doping Control Policies and Procedures. Alongside the development of different drugs and doping techniques, various policies and governing bodies have been inaugurated in a failed attempt to prevent the widespread use of drugs in sport. In this section, I will now turn to overviewing the key points and developments in the history of doping control policies and procedures. The fist major stand against doping in sport was taken by the International Association of Athletics Federation (IAAF), the governing EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 9 body for the sport of track and field, in the year The IAAF outlawed the use of stimulating substances. Many international federations followed their lead, but their doping control measures were limited to policy and ineffective, as reliable tests had not yet been developed. Following the death of British cyclist Tommy Simpson in 1966, the International Olympic Committee (IOC) established a medical commission to fight doping. Drug tests were first introduced at the Olympic Winter Games in Grenoble and at the Summer Games in Mexico in The tests were riddled with problems and were highly ineffective due to false positives, false negatives, high costs, and limited tests that could not detect most substances. According to a former United States Olympic team drug tester, The athletes knew better than anyone that the drug testing posed little threat to them. They scoffed at the testing notices and went right on with their routine drug use with little fear of detection (Voy and Deeter, 1991, p. 79). Although it was widely known that anabolic steroids were being used at this time, testing methods for steroids were insufficiently developed and did not allow for their inclusion on the banned substances list (Mottram, 2005). Anabolic steroids were not added to the IOC s list of banned substances until 1976, as reliable tests were not developed until The 1976 Summer Olympics in Montreal were the first Olympics with testing for anabolic steroids and eight of 275 tested athletes were found to have used steroids (Todd and Todd, 2001). It was not until Ben s Johnson s failed drug test in the 1988 Olympics, after he had won the 100m gold medal, when a moral panic took hold based on the notion of a drug-epidemic sweeping sports (Taylor, 1991). By the beginning of the 1980s, an apparent increase in the number of international sportsrelated, many of which doping-related, disputes led to the IOC creating and funding

10 an independent, international tribunal for sports disputes. In 1984, the independent tribunal was established called the Court of Arbitration for Sport (CAS). CAS has since become a significant authority in the resolution of doping related disputes. The next major initiative of the IOC in relation to doping was to convene the First World Conference on Doping in Sport in Lausanne in Major problems plagued doping control in international sport, and the goal of the conference was to strategize on solutions. Some of the problems that needed to be addressed included: a lack of consistency and compatibility of doping rules in different sports, lack of consistency of testing and policies in different countries and federations, high costs of doping control measures, legal challenges of test reliability, and difficulties with out-of-country testing (Houlihan, 1999). It was decided that the solution to these problems would be to develop unified standards and coordinated efforts of sports organizations and public authorities. Following the proposal of the Conference, the World Anti-Doping Agency (WADA) was established. Following the Copenhagen Declaration on Anti-Doping in 2003, WADA unveiled its Code to be used as a guide and authority for governing bodies of sport to develop harmonized anti-doping policies aimed at protecting athlete s health, preserving fair play, and fostering the spirit of sport. By 2004, in large part due to IOC requirements for participation in the Summer Olympics in Athens, most sports organizations adopted the WADA code (Hunt, 2011). Athletes are bound to antidoping policies of WADA, and their national sport governing body developed thereof, via a contractual relationship by participating in the sport. 4. Legal Challenges to Doping Control Policies and Procedures. EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 10 It is well documented that testing procedures for doping are largely ineffective (Fogel, 2013). Historically, athletes have been shown to beat doping tests through: (a) corrupt payoffs to doping control officers, (b) playing the odds, relying on the low likelihood of ever being tested in many sports (e.g. in Canadian football, less than 10% of players are tested in a given year), (c) timed drug cycling, by strategically using drugs at times when they are least likely to be tested, (d) low dosages, since the tests allow for some individual variance in naturally produced substances (termed endogenous production), (e) masking agents, which cover up the use of banned substances, (f) cleansers, which rid the body of traces of drug use faster, (g) urine replacement, and (h) using newly designed substances that tests do not exist for yet (Fogel, 2013). While some of these approaches have become out-of-date with new testing approaches and technologies, it remains highly unlikely that a doping athlete is ever caught. When athletes have been successfully caught for doping violations, it has given rise to countless challenges in legal and arbitration courts, requiring further resources in the continued losing battle against sports doping. Historically, common areas of challenge, with mixed success, have been on the grounds of: i) procedural issues, ii) culpability, and iii) economic freedom. The future of legal challenges of the policies and procedures for doping will likely be on the grounds of privacy rights, religious rights, and other human rights violations (Valkenburg et. al, 2014). The very establishment of the Court of Arbitration for Sport in 1984 was, by in large, a function of the need to deal with dopingrelated challenges and to ensure that the controversies remained within the realm of sports governance (Gardiner et al., 2006). Only a small sampling of important cases over the last 30 years are discussed in this paper. The purpose is not to provide a detailed history of the development of case law on

11 doping in sport, but rather to show the vulnerabilities of doping control policies and procedures to legal challenge. In most legal challenges, the athlete falls short in bringing forth a successful case to have their doping violation nullified. It does, however, remain troubling that continued resources are poured into maintaining ineffective, reactive doping control policies and procedures. Furthermore, claims of violations of individual rights are commonplace, which should raise concerns that doping control policies and procedures have gone too far. i) Procedural Issues As part of the disciplinary proceedings for doping infractions, sports governing bodies must show that the procedures for collecting, storing, and analyzing testing samples were carried out correctly. Challenges of unreliable tests, chain of custody violations, unfair hearings, and lack of establishing burden of proof have been frequent. In the case of Modahl, testing samples went unrefrigerated in hot Lisbon temperatures for two days before the testing commenced. Also, the chain of custody documents were missing for her A test. When her B sample was opened there was a strong ammonia odour and a ph of 9 (normal is 5). Despite these issues, doping control officers tested it anyways and both samples showed significant levels of testosterone in her body. She received a four-year suspension. On appeal, Modahl was able to successfully show that the conditions under which the samples were stored could have led to bacteria formation, which could cause a failed testosterone test. Modahl then brought a challenge against the British Athletics Association (BAF) on the grounds that she was denied a fair hearing, another procedural issue, though she was unsuccessful in that particular claim. In Varis, a suspension was overturned despite a positive test for EPO after procedural errors were made. In this instance, WADA provisions granting the right to be represented at the opening and analysis of the B sample EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 11 was violated. As a result, the B sample was rendered invalid leading CAS to cancel the sanction imposed on her by the International Biathlon Union. The case reveals that antidoping authorities and laboratories do not always follow their own rules, and that the consequence of this can be an overturned decision. In Reynolds, United States track and field athlete, and Olympic gold medalist, Butch Reynolds appealed a suspension after a positive test for Nandrolone on the grounds of an undermined testing process. He successfully argued that the doping control room was not secured or guarded while the doping control officer had left his control station, which undermined the validity of the procedures and results. The argument that his sample could have been switched or sabotaged was seen as very possible and his suspension was eventually overturned. Reynolds was later awarded $27,356,008 following an action against the IAAF on the grounds of: breach of contract, breach of contractual due process, defamation, and tortious interference with business relations. ii) Culpability Possibly the most controversial aspect of the World Anti-Doping Code (WADC) is the adherence to the legal concept of strict liability. In Article 2.1.1, the (WADC) affirms that: For purposes of anti-doping violations involving the presence of a Prohibited Substance (or its Metabolites or Markers), the Code adopts the rule of strict liability Under the strict liability principle, an antidoping rule violation occurs whenever a Prohibited Substance is found in an Athlete s bodily Specimen. The violation occurs whether or not the Athlete intentionally or unintentionally used a Prohibited Substance or was negligent or otherwise at fault. Intent, therefore, is not considered an element of determining guilt in a doping offense. If a prohibited substance is found in an athlete s body, an anti-doping violation has occurred.

12 Despite regular protest that principles of natural justice are violated, both CAS and the English High Court have held that a strict liability rule is lawful as it might be the only way to effectively police doping. The position of the courts to allow the continued use of strict liability principles by WADA and national sport organizations was firmly entrenched in Quigley. In the case is was stated: It appears to be a laudable policy objective not to repair an accidental unfairness to an individual by creating an intentional unfairness to the whole body of other competitors. This is what would happen if banned performance-enhancing substances were tolerated when absorbed inadvertently. Moreover, it is likely that even intentional abuse would in many cases escape sanction for lack of proof of guilty intent. And it is certain that a requirement of intent would invite costly litigation that may well cripple federations particularly those run on modest budgets in their fight against doping (at 129). The ruling argues that fairness to an athlete is of lesser concern than ensuring that a dopedup athlete, regardless of how they got that way, does not compete in sport. In Baxter v. IOC68, a British alpine skier was stripped of his bronze medal won at the 2002 Winter Olympics in Salt Lake City for inadvertent use. Baxter, who had a documented history of nasal congestion issues, had ingested an over-the-counter medication containing the banned substance levometamphetamine. He regularly used the same product in England without issue, but had purchased the medication in Salt Lake City unaware that the product had a different formulation in the United States. Although the panel found that that Baxter did not intend to ingest the substance, he was nevertheless found guilty of the doping offense and his disqualification was upheld. In Gasquet, a tennis player appealed a suspension from the International Tennis EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 12 Federation (ITF) for cocaine use on the grounds of no fault or negligence. Gasquet argued that he had not used cocaine and that trace amounts of cocaine in his body were the result of kissing a young woman who had used cocaine, without his knowledge of her use. The ITF tribunal accepted the argument, and imposed a lesser suspension of two and a half months rather than the WADA prescribed sanction of one year. WADA exercised its right of appeal to CAS, but same result was decided upon. In a similar case, a Brazilian athlete tested positive for traces of an anabolic steroid called clostebol. He claimed that he was contaminated as a result of sexual intercourse with a woman who had administered a medication containing clostebol for a vaginal infection. Despite scientific proof than an athlete could test positive after sexual intercourse with a woman using this medication, the athlete was held strictly liable (Pereira et al., 2004). In most of these, and other similar cases, the substance the athlete has tested positive for through inadvertent use is not even a definitive performance-enhancing substance. According to ARTICLE of the WADA Code, for a substance to be prohibited, it must meet 2 out of 3 of the following criteria: - Medical or scientific evidence of performance enhancement - Medical or scientific evidence of potential health risk - WADA determination that substance or method violates the spirit of sport Given that spirit of sport remains a vague, unclear term any substance regardless of its performance-enhancing benefits can end up on the prohibited list. And, the WADA code states in clear terms that the prohibited list is final and, as such, challenges to the list are not permitted. The result is that you can have unsuspecting athletes banned from their livelihood for trivial, accidental violations that have little or no effect on performanceenhancement in sport. Banning athletes on

13 these grounds seems contrary to the Spirit of Sport rather than promoting it, and will continue to result in legal challenges. iii) Economic Freedom It has been shown by the courts that there are inherent economic aspects of sport. Therefore, sport cannot have a complete exemption from treatises of economic rights and EU competition law. Article 6 of the UN Covenant on Economic Rights states that: The States Parties to the present Covenant recognize the right to work, which includes the right of everyone to the opportunity to gain his living by work which he freely chooses or accepts, and will take appropriate steps to safeguard this right. Likewise, Article 1 of the European Social Charter states the requirement to: protect the right of the worker to earn his living in an occupation freely entered upon. EU competition law is the most straightforward example of economic regulation that has an impact on sport. Article 81 of the EC Treaty states: 1. The following shall be prohibited as incompatible with the common market: all agreements between undertakings, decisions by associations of undertakings and concerted practices which may affect trade between Member States and which have as their object or effect the prevention, restriction or distortion of competition within the common market. 2. Any agreements or decisions prohibited pursuant to this Article shall be automatically void. Banning athletes from competition and therefore their livelihood in many cases for the use of substances that are often not illegal to possess or use could be seen as a violation of economic freedom rights. In Meca-Medina this was one aspect of their many legal challenges. In the case, two swimmers were banned for four years following positive tests for a prohibited substance. The two swimmers aimed to prove that anti-doping rules were in breach of EU Competition Law as it restricted their EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 13 economic freedom to pursue their careers. While their appeals were largely unsuccessful, the case does raise questions about the fairness of current anti-doping strategies. On the one hand the prowess of an athlete is a commodity to be bought and sold, while on the other they are disqualified for getting caught doing what it takes to gain that prowess. 5. Conclusion. From the ancient Greeks eating lamb testicles to Lance Armstrong using EPO, doping in sports competitions has always occurred and likely will always occur. The future possibilities for doping are vast, particularly with much theoretical discussion of the potential for gene doping in sport (Miah, 2004; Naam, 2005). WADA s response to the doping threat in sport has been to wage what Alexander (2014) has termed a war on doping in sports (p.1). Even in rare cases where athletes who are using prohibited drugs test positive, the highest likelihood is that it is for marijuana, which has been shown to not have performance-enhancing benefits in sport yet remains on the WADA prohibited list. Serious doubts can be raised about the fairness and effectiveness of current doping control policies and strategies. If doping control is seen as a competition between drug testers, drug designers, and athletes, then designers and athletes appear to have a sizable advantage and are winning the competition. The testers are restricted by budgetary constraints, limited testing technologies, and the need to keep up with ever changing pharmaceutical advances. A reactive approach on the part of doping control officials does not and cannot work effectively, yet WADA s approaches are primarily reactive. An effective strategy for the prevention of doping in sport should, instead, rest on harm reduction principles of educating athletes about the potential harms of drug use, teaching safe alternatives to

14 achieving their athletic goals to reduce demand, and targeting traffickers of prohibited substances rather than restricting the rights and freedoms of athletes with ineffective results. 6. References B. ALEXANDER, War on drugs redux: Welcome to the war on doping in sports, Substance Use & Misuse, 2014, Online First DOI: / BAXTER v IOC [2002] CAS 2002/A/376. P DE KRUIF, The male hormone. Garden City, NY: Garden City Publishing, C FOGEL, Bio-medical wars in Canadian sport: Issues in the prevention and detection of anabolic steroid use, Journal of Physical Education and Sport, 13(3), , C FOGEL, Game-day gangsters: Crime and deviance in Canadian football, Edmonton, AB: Athabasca University Press, A GARDINER, M JAMES, J O LEARY, R WELCH, Sports Law 3 rd Edition, London: Cavendish Publishing, B HOULIHAN, Anti-doping policy in sport: The politics of international policy coordination, Public Administration, 77(2), 1999, pp A HERMANN, M HENNEBERG, Exposing dopers in sport: Is it really worth the cost, The Conversation, August 4, Available online at: T HUNT, Drug games: The International Olympic Committee and the politics of doping, , Austin: University of Texas Press, W MAENNIG, On the economics of doping and corruption in International sports, Journal of Sports Economics, 3(1), 2002, pp EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 14 MECA-MEDINA & MAJCEN v COMISSION OF THE EUROPEAN COMMUNITIES [2006] 5 CMLR 18. A MIAH, Genetically modified athletes: Biomedical ethics, gene doping and sport. New York: Routledge, MODAHL v British Athletics Federation Ltd [2001] WL D MOTTRAM, Drugs in sports, (London: Routledge), R NAAM, More than human: Embracing the promise of biological enhancement, New York: Broadway Books, H PEREIRA, M MARQUES, I TALHAS, & F NETO, Incidental clostebol contamination in athletes after sexual intercourse, Clinical Chemistry, 50(2), 2004, pp QUIGLEY v UID [1994] CAS 94. REYNOLDS v IAAF [1994] 23F.3d W TAYLOR, Macho medicine: A history of the anabolic steroid epidemic. Jefferson, NC: McFarland, J TODD, T TODD, Significant events in the history of drug testing and the Olympic movement: in W. Wilson & E. Derse (eds.), Doping in elite sport: The politics of drugs in the Olympic movement. Champaign, IL: Human Kinetics, T TODD, A history of the use of steroids in sport in J. Berryman & R. Park (eds.), Sport and exercise science: Essays in the history of sports medicine. Urbana: University of Illinois Press, 1992, pp D VALKENBURG, O DE HON, I VAN HILVOORDE, Doping control, providing whereabouts and the importance of privacy for elite athletes, International Journal of Drug Policy, 25(2), VARIS v IBU [2008] CAS R VOY, K DEETER, Drugs, Sport, and Politics. Champaign, IL: Leisure Press, 1991.

15 WADA v ITF & GASQUET [2009] CAS WORLD ANTI-DOPING CODE. Available online at: C YESALIS, M BAHRKE, History of doping in sport in M. Bahrke & C. Yesalis (eds.), Performance-enhancing substances in sport and exercise. Champaign, Il: Human Kinetics, EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 15

16 European Journal of Sport Studies Publish Ahead of Print DOI: /ejssax2x2-2014x5 Section A doi: /ejssax2x2-2014x5 Lealtà sportiva Etica e diritto di Francesca Valenti 1 SOMMARIO 1. Fair play, il modo vincente; 2. La lealtà sportiva: nozione; - 3. La lealtà sportiva: ambito soggettivo; - 4. La lealtà sportiva tra ordinamento sportivo e ordinamento statale. Cenni sul rapporto tra ordinamenti. 1. Fair play, il modo vincente 1 Fair play, il modo vincente (chi gioca lealmente è sempre vincitore) : così inizia e si conclude il Codice di Etica Sportiva del Consiglio d Europa, adottato a Rodi il maggio 1992 dai Ministri europei responsabili per lo Sport. Il bisogno di etica rappresenta un dato oggettivo. Si avverte in modo sempre più pressante l esigenza del rispetto delle regole intrinsecamente deontologiche in un mondo quale quello dello sport in cui si assiste alla irresistibile ascesa dell aggressività 2 e in cui pare si vada a gamba tesa su de Coubertin 3. 1 Ricercatore di Diritto Privato nell Università degli Studi di Palermo. 2 F. D. BUSNELLI, Introduzione, in Fenomeno Sportivo e ordinamento giuridico, Atti del 3 Convegno Nazionale, Napoli, 2009, p P. SANTORO, A gamba tesa su De Coubertin: dall illecito sportivo alla responsabilità civile, in Valenti F. Lealtà sportiva 16 Infatti, per un verso, si propongono e si affermano nuove pratiche che, pur definite sportive per attribuire loro una patente di liceità e di meritevolezza di tutela, mortificano l uomo in un crescendo di cattiveria e di aggressività 4. Per altro verso, anche nelle pratiche sportive tradizionali si assiste ad una sorta di imbarbarimento, per cui si tenta di far diventare l aggressività una componente necessaria ed imprescindibile del gioco, quasi una regola di gioco 5. Danno e resp., 2008, p. 321 ss. 4 L. DI NELLA, Il fenomeno sportivo nell ordinamento giuridico, Napoli, 1999, pp. 368, 379 evidenzia come La globalizzazione dello sport, ormai fenomeno di rilevanza mondiale, ha consentito la diffusione in Europa ( ) di nuove forme di spettacoli pseudosportivi, in cui dominano la brutalità e la ferocia. 5 Cass. civ., 8 agosto 2002, n , in Danno e resp., 2003, p. 529, ritiene che non qualsiasi violazione di una regola di gioco si pone al di fuori del gioco stesso che non può essere efficacemente svolto senza Corresponding Author: Francesca Valenti, Dipartimento Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport University of Palermo Via E. Duse, Palermo Received: October 2014 Accepted: December 2014

17 In un simile scenario, si comprende come i principi etici ed il rispetto delle regole che li contemplano, prima fra tutte quella della lealtà, rivendichino prepotentemente il loro ruolo al fine di non consentire lo snaturamento stesso dello sport. Invero, il principio di lealtà sportiva non può qualificarsi come un principio etico tout court in quanto lo stesso ha un intrinseca connotazione giuridica. Dunque, la codificazione non serve ad attribuire valenza giuridica ad un precetto che già la possiede congenitamente ma mira, verosimilmente, a garantire una più esplicita e manifesta valenza all essenza imprescindibile di tutta l attività sportiva. In tale contesto si pone il Codice di comportamento sportivo deliberato dal CONI il 15 luglio 2004, nel quale vengono specificati i doveri fondamentali di lealtà, correttezza e probità e si prevede che la violazione di tali doveri costituisca un grave inadempimento meritevole di adeguate sanzioni 6. Peraltro, al fine di rafforzarne la portata applicativa, è stato istituito un Garante del Codice di comportamento sportivo con compiti di vigilanza, di segnalazione, di istruzione e di irrogazione di sanzioni 7. Il principio di lealtà sportiva, in tal modo, si cristallizza in regole scritte, la cui violazione origina l attivazione di un ben definito procedimento sanzionatorio. Tuttavia, la stessa norma non ha un contenuto definitorio e, pertanto, assume interesse una riflessione sul principio di lealtà sportiva quale autonoma entità concettuale. aggressività, rapidità di decisioni, istintività di reazioni, generalmente incompatibili con un elevato grado di considerazione dell altrui incolumità e col costante rispetto delle regole proprie del gioco; il quale mira a un risultato alla cui realizzazione sono del resto indispensabili ( ) anche un certo grado di audacia e spericolatezza. Idem, Trib. Napoli, 28 settembre 2006, in Resp. Civ. e prev., 2007, p CONI, Codice di Comportamento Sportivo, Deliberazione n. 1270, 15 luglio 2004, Premessa. 7 CONI, Regolamento del Garante del Codice di comportamento sportivo, 5 febbraio Valenti F. Lealtà sportiva La lealtà sportiva: nozione. Il principio di lealtà sportiva, per sua stessa natura, non può avere una vera e propria definizione; non può essere coartato attribuendovi un contenuto preciso, definitorio e, dunque per ciò stesso, limitativo. Il principio di lealtà sportiva esprime e riassume in sé lo spirito sportivo 8 e le finalità dello sport 9. Fair play significa molto più che giocare nel rispetto delle regole. Esso incorpora i concetti di amicizia, di rispetto degli altri e di spirito sportivo. Il fair play è un modo di pensare, non solo un modo di comportarsi. Esso comprende la lotta contro l imbroglio, contro le astuzie al limite della regola, la lotta al doping, alla violenza (sia fisica che verbale), allo sfruttamento, alla disuguaglianza delle opportunità, alla commercializzazione eccessiva e alla corruzione G. LIOTTA, Attività sportive e responsabilità dell organizzatore, Napoli, 2005, p. 66. Nel Codice Europeo di Etica sportiva, approvato dai Ministri europei responsabili per lo Sport, a Rodi il maggio 1992, si evidenzia che: Il principio fondamentale del Codice è che le considerazioni etiche insite nel gioco leale (fai play) non sono elementi facoltativi, ma qualcosa d essenziale in ogni attività sportiva, in ogni fase della politica e della gestione del settore sportivo. 9 G. LIOTTA, cit., p Risoluzione Ministri Europei responsabili per lo Sport, Codice Europeo di Etica Sportiva, Rodi, maggio Nello stesso si sottolinea come Il fair play è essenziale se si vuole promuovere e sviluppare lo sport e la partecipazione. La lealtà nello sport il fair play è benefica per l individuo, per le organizzazioni sportive e per la società nel suo complesso. In tal senso, nel principio di lealtà, codificato nell art. 2 del Codice di comportamento sportivo, possono agevolmente farsi rientrare tutti gli ulteriori principi ed i divieti specificati nello stesso Codice: il divieto di alterazione dei risultati sportivi (art. 3); il divieto di doping e di altre forme di nocumento della salute (art. 4); il principio di non violenza (art. 5); il principio di non discriminazione (art. 6); il divieto di dichiarazioni lesive della reputazione (art. 7); il dovere di riservatezza (art. 8); il

18 Esso, quindi, sotto un primo profilo, qualifica l attività sportiva: costituendo l essenza dello sport, deve ritenersi che una pratica o un comportamento possano qualificarsi sportivi solo se sono informati al principio di lealtà 11. Da ciò consegue, a contrario, che la pratica o il comportamento sleali si pongono fuori dello spirito sportivo e non possono rientrare nell attività sportiva, potendo essere ricompresi solo nell attività di diritto comune 12. Sotto un secondo profilo, inoltre, il principio di lealtà sportiva assume il ruolo di strumento di valutazione della pratica o del comportamento al fine di una sua qualificazione in termini di attività sportiva. A prescindere dal rispetto delle regole tecniche, un comportamento può porsi al di fuori dell attività sportiva allorché non rispetti il principio di lealtà sportiva; del pari, un comportamento che violi una regola tecnica non può, per ciò stesso, essere considerato sleale e, dunque, non sportivo. Ovviamente, la valutazione va operata caso per caso alla luce di un analisi sistematica dell ordinamento sportivo, senza che possa negarsi una certa discrezionalità 13. Soltanto alla luce di tali profili, la lealtà sportiva perde la propria intrinseca connotazione di principio privo di specifico contenuto definitorio 14 per inverarsi nella principio di imparzialità (art. 9). 11 A. MARINI, Etica e sport, in Fenomeno Sportivo e ordinamento giuridico, Atti del 3 Convegno Nazionale, Napoli, 2009, p. 57, afferma che l etica, intesa come il complesso di quei valori ai quali ho fatto un rapido cenno (n.d.r. principi di lealtà, di correttezza, di non violenza, di non discriminazione, di eguaglianza), è connaturata all attività sportiva al punto che la negazione di quei valori si traduce nella negazione stessa dell attività sportiva. 12 G. LIOTTA, cit, p G. LIOTTA, cit., p. 56; V. FRATTAROLO, L ordinamento sportivo nella giurisprudenza,milano, 1995, p. 189; IDEM, Lo sport nella giurisprudenza, Padova, 1980, p. 204; R. PRELATI, La prestazione sportiva nell autonomia dei privati, Milano, 2003, p. 325 s. 14 A. DE SILVESTRI, Diritto Sportivo. Dispense, Padova, Valenti F. Lealtà sportiva 18 definizione e nella valutazione dell attività sportiva. D altronde, l indeterminatezza propria del concetto di lealtà sportiva rende il principio funzionale all ordinamento sportivo, consentendone un applicazione anche a casi non specificamente previsti ed enucleati 15. Il principio di lealtà sportiva, dunque, costituisce il limite insuperabile e, insieme, il comune denominatore delle attività sportive. Talvolta è stato affermato che il Codice di comportamento sportivo sia l atto attraverso il quale i principi etici acquistano uno specifico rilievo giuridico nel mondo sportivo 16. Tuttavia, ancor prima dell emanazione del Codice di comportamento sportivo ed a prescindere da essa, al principio di lealtà sportiva poteva e può attribuirsi la natura di principio, oltre che squisitamente etico, anche giuridico. Trattandosi di principio informatore dello stesso ordinamento sportivo, tale da poter essere qualificato come essenza dell attività sportiva, non si può negare che lo stesso abbia sempre rivestito una forza cogente in siffatto ordinamento. Segnatamente, la lealtà sportiva ha sempre configurato una regola di comportamento di indubbio valore giuridico, imponendo un preciso obbligo di condotta leale e corretta 17. Da ciò consegue che la violazione di tale 1995, p R. CAPRIOLI, L autonomia normativa delle federazioni sportive nazionali nel diritto privato, Napoli, 1997, p. 125 s.; V. FRATTAROLO, L ordinamento sportivo nella giurisprudenza, Milano, 1995, p. 189; V. FRATTAROLO (a cura di), Il procedimento disciplinare sportivo, in Riv. Dir. Sport., 1992, p A. MARINI, cit., p G. LIOTTA, Attività sportive, cit., p. 54 s.; cfr. M. CHIAROTTI, Dovere giuridico della lealtà nelle competizioni sportive, in Riv. dir. sport., 1954, p. 143 s; IDEM, Ancora sulla rilevanza giuridica del dovere di lealtà nelle competizioni sportive, in Riv. dir. sport., 1954, p. 374 s.; R. Simonetta, Etica e diritto nello sport, in Riv. Dir. Sport., 1956, p. 24 s.; M. S. GIANNINI, Prime osservazioni sugli ordinamenti giuridici sportivi, in Riv. dir. sport., 1949, p. 28.

19 obbligo è sempre stata oggetto di valutazione ai fini delle decisioni disciplinari e sanzionatorie 18. In altri termini, si tratta di una norma codificata nel Codice di comportamento sportivo, ma che comunque ha sempre tutelato l ordine giuridico sportivo quale norma fondamentale di tale ordinamento 19. Infatti, in ambito sportivo può generalmente ravvisarsi un costante e stringente obbligo di rispettare il principio di lealtà e correttezza, la cui violazione integra e ha integrato un illecito sportivo. Basti considerare che l illecito tipico costituito dalla frode sportiva, caratterizzato da inganno, astuzia o raggiro, rappresenta una violazione dell obbligo di lealtà sportiva. L inserimento nel Codice di comportamento sportivo ha solo, dunque, cristallizzato un principio giuridico immanente ed operante nell ordinamento sportivo. D altronde, tale principio era già contenuto in numerosi atti normativi sportivi. A titolo esemplificativo, si può menzionare il punto 6 dei principi fondamentali della Carta olimpica, statuto dell ordinamento sportivo internazionale, che recita testualmente: Le società e le associazioni sportive sono soggetti dell ordinamento sportivo e devono esercitare con lealtà sportiva le loro attività, osservando i principi, le norme e le consuetudini sportive, nonché salvaguardando la funzione popolare, educativa, sociale e culturale dello sport. Chi, come Carnelutti 20, vede incompatibilità tra diritto e sport sostiene che sia il fair play e 18 P. MONACO, nota di commento a Commissione d Appello Federale della F.C.I. (federazione ciclistica italiana), 13 giugno 1997, in Riv. dir. sport., 1997, p. 591 s. 19 Cfr., Commissione di Giustizia e Disciplina della federazione italiana canottaggio, 23 luglio 1982, n. 9, in Riv. dir. sport., 1982, p. 648 s.; Commissione d Appello Federale della F.I.G.C. (federazione italiana giuoco calcio), 30 gennaio 1985, in Riv. dir. sport., 1985, p F. CARNELUTTI, Figura giuridica dell arbitro sportivo, in Riv. Dir. proc., 1953, p. 20. Valenti F. Lealtà sportiva 19 non la norma a governare lo sport. La lealtà sportiva, dunque, posta in contrapposizione netta rispetto al precetto giuridico. E Marini 21, in un suo scritto, ricorda come M.S. Giannini afferma che i principi etici nell ordinamento statale rimangono principi etici, mentre si trasformano in principi giuridici nell ordinamento sportivo. Di certo, la natura dei precetti deontologici qual è il principio di lealtà sportiva è stata sempre discussa. Spesso le norme deontologiche sono state ritenute precetti extragiuridici 22, vincolanti soltanto nel momento in cui vengono violati e sanzionati: non è la norma in sé, ma la sua violazione, che è produttiva di effetti giuridici 23. Dunque, regole interne che, come fonti metagiuridiche, non possono trasformarsi in fonti dell ordinamento giuridico statale, in mancanza di un espressa previsione legislativa 24. In altri termini, può fondatamente ritenersi che il principio di lealtà sportiva abbia un significato pregiuridico in quanto risente di una indubbia identificazione con stati etici. Tuttavia, anche a voler attribuire alla lealtà sportiva la nozione di fatto giuridico, cioè fatto dell ordine naturale, valutato dal diritto 25, e quindi il significato di una regola geneticamente non giuridica, non può negarsi che la stessa sia giuridicamente rilevante e, pertanto, pacificamente la sua violazione 21 E. MARINI, Etica e sport, cit., p A.M. SANDULLI, Regole di deontologia professionale sindacato della Cassazione, in Giust. Civ., 1961, I, p A. CATELANI, Gli ordini e i collegi professionali nel diritto pubblico, Milano, 1976, p Nello stesso senso, C. LEGA, Le libere professioni intellettuali nelle leggi e nella giurisprudenza, Milano, 1974, p. 266 ss. 24 Cass. SS.UU. 24 maggio 1975 n. 2104, in Foro it., 1976, I, p. 116 ss.. 25 S. ROMANO, Buona fede (dir. priv.), in Enc. Dir., V, Milano, 1959, p. 677; R. SACCO, La buona fede nella teoria dei fatti giuridici di diritto privato, Milano, 1949.

20 determina l irrogazione di sanzioni giuridiche 26. D altronde, un principio pregiuridico e di connotazione etica può ben ritenersi giuridicamente rilevante quale regola di condotta 27. Il principio di lealtà sportiva, invero, oltre a costituire un principio etico, ben può riportarsi nell alveo giuridico delle clausole generali 28. Così come ritenuto in dottrina con riguardo al principio di correttezza e di buona fede in senso oggettivo, si tratta, da un lato, di una regola di comportamento oggettivamente valutabile e, dall altro, di un parametro di valutazione della legittimità di un comportamento Vale la pena ricordare che anche nell ambito del diritto pubblico la dottrina ha attribuito alla normativa di correttezza un significato di normativa non giuridica, ma giuridicamente rilevante, la cui violazione determina sanzioni giuridiche: S. ROMANO, Principi di diritto costituzionale generale, Milano, 1946, p. 92; P. BISCARETTI DI RUFFIA, Norme sulla correttezza costituzionale, Milano, 1939, p. 94 ss; G. CODACCI PISANELLI, L invalidità come sanzione di norme non giuridiche, Milano, 1940, p. 24 ss.; G. SICCHIERO, Appunti sul fondamento costituzionale del principio di buona fede, in Giur. It., 1993, I, 1, p. 2129; F. MERUSI, L affidamento del cittadino, Milano, 1970; M. SANTILLI, Il diritto civile dello stato. Momenti di una vicenda tra pubblico e privato, Milano, Nello stesso diritto romano era riconosciuta la forza vincolante della bona fides quale criterio normativo di comportamento (G. GROSSO, Buona fede (dir. rom.), in Enc. Dir., V, Milano, 1959, p L. MENGONI, Spunti per una teoria delle clausole generali, in Riv. crit. dir. priv., 1987, p. 13; F. ROSELLI, Il controllo della Cassazione sull uso delle clausole generali, Napoli, 1983; V. PIETROBON, Il dovere generale di buona fede, Padova, 1969; C. CASTRONOVO, L avventura delle clausole generali, in Riv. crit. dir. priv., 1986, p. 21 ss.; A. RICCIO, La clausola generale di buona fede è, dunque, un limite generale all autonomia contrattuale, in Contr. Impr., 1999, p M. FRANZONI, Buona fede ed equità tra le fonti di integrazione del contratto, in Contr. Impr., 1999, p. 83; A. DI MAJO, La buona fede correttiva di regole contrattuali, in Corr. Giur., 2000, p. 1486; A. DI MAJO, Delle obbligazioni in generale, in Commentario del codice civile Scialoja e Branca (a cura di F. Galgano), sub art. 1175, Bologna-Roma, 1988; ID., Valenti F. Lealtà sportiva 20 La lealtà sportiva, quale clausola generale, ha un contenuto intrinsecamente precettivo, sia pure elastico, duttile e rimesso alla concretizzazione che ne viene operata dall interprete. Essa, nell ordinamento giuridico sportivo, ha una funzione integrativa, in quanto autonoma fonte di obblighi, nonché una funzione valutativa, in quanto impone specifici criteri di valutazione. Pur non avendo una portata definitoria compiuta e precostituita, il principio di lealtà sportiva è proprio la clausola generale che consente al sistema di essere sempre coeso a prescindere dalle peculiarità delle pratiche sportive e dal concreto atteggiarsi delle regole tecniche in ciascuno sport operanti. In tal senso, come è stato evidenziato dalla dottrina relativamente al principio generale della correttezza e della buona fede, con il quale sono evidenti l analogia e l assimilabilità concettuale, può ritenersi che la lealtà sportiva rappresenti una clausola di chiusura del sistema, poiché evita di dover considerare permesso ogni comportamento che nessuna norma vieta e facoltativo ogni comportamento che nessuna norma rende obbligatorio. 30 Obbligazione, I, in Enc. Giur. Treccani, XXI, Roma, 1990, 1-43; E. CORRADI, Il dovere di buona fede, in Contratti Cendon, V, Torino, 2000, p. 1; T. PASQUINO, Correttezza e buona fede oggettiva, in Giur. Sist. Dir. Civ. comm. (fondata da W. Bigiavi), I precedenti (a cura di G. Alpa), tomo I, Torino, 2000, p. 547; G. BERLIOZ, La giustizia e la moralità nei contratti. Le nozioni di buona fede e correttezza, in Foro pad., 1994, II, p. 91; V. CARBONE, La buona fede come regola di governo della discrezionalità contrattuale, in Corr. Giur., 1994, p. 566; M. BESSONE - A. D ANGELO, Buona fede, in Enc. Giur., V, Roma, 1988, ad vocem; L. BIGLIAZZI GERI, Buona fede nel diritto civile, in Dig. Disc. Priv., II, Torino, 1988, ad vocem; C.M. BIANCA, La nozione di buona fede quale regola di comportamento contrattuale, in Riv. Dir. Civ., 1983, I, p. 206; E. DELL AQUILA, La correttezza nel diritto privato, Milano, 1980; AA.VV., Studi sulla buona fede, Milano, 1975; D. CORRADINI, Il criterio della buona fede e la scienza del diritto privato, Milano, 1970; S. RODOTÀ, Appunti sul principio di buona fede, in Foro pad., 1964, p F. GALGANO, Diritto civile e commerciale, II, 1, Padova, 1990, p. 462

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making)

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making) consenso informato (informed consent) scelta informata (informed choice) processo decisionale condiviso (shared-decision making) Schloendorff. v. Society of NY Hospital 105 NE 92 (NY 1914) Every human

Dettagli

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world MercedesRoadster.IT New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world Newspaper supplement Emmegi Magazine Independent unaffiliated / funded by Daimler

Dettagli

Prova finale di Ingegneria del software

Prova finale di Ingegneria del software Prova finale di Ingegneria del software Scaglione: Prof. San Pietro Andrea Romanoni: Francesco Visin: andrea.romanoni@polimi.it francesco.visin@polimi.it Italiano 2 Scaglioni di voto Scaglioni di voto

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA LA CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA Articolo 92 La Corte Internazionale di Giustizia costituisce il principale organo

Dettagli

Corso di ricerca bibliografica

Corso di ricerca bibliografica Corso di ricerca bibliografica Trieste, 11 marzo 2015 Partiamo dai motori di ricerca Un motore di ricerca è un software composto da tre parti: 1.Un programma detto ragno (spider) che indicizza il Web:

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali Milano, 22 giugno 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Informazione pubblica ed informazioni personali

Dettagli

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between and The Scuola Normale Superiore, Pisa Preamble 1. The Faculty of Arts and Humanities (FAH) of (UCL) and the Scuola Normale Superiore of Pisa (SNS) have agreed

Dettagli

La tutela dei dati nei processi di outsourcing informatico in India

La tutela dei dati nei processi di outsourcing informatico in India Cloud computing e processi di outsourcing dei servizi informatici La tutela dei dati nei processi di outsourcing informatico in India Domenico Francavilla Dipartimento di Scienze Giuridiche Università

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA 14 Settembre 2012 Emanuele Riva Coordinatore dell Ufficio Tecnico 1-29 14 Settembre 2012 Identificazione delle Aree tecniche Documento IAF 4. Technical

Dettagli

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives Dr Mila Milani Comparatives and Superlatives Comparatives are particular forms of some adjectives and adverbs, used when making a comparison between two elements: Learning Spanish is easier than learning

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

Sacca di Goro case study

Sacca di Goro case study Sacca di Goro case study Risposte alle domande presentate all incontro di Parigi (almeno è un tentativo ) Meeting Locale, Goro 15-16/10/2010, In English? 1.What is the origin of the algae bloom? Would

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

Get Instant Access to ebook Venditore PDF at Our Huge Library VENDITORE PDF. ==> Download: VENDITORE PDF

Get Instant Access to ebook Venditore PDF at Our Huge Library VENDITORE PDF. ==> Download: VENDITORE PDF VENDITORE PDF ==> Download: VENDITORE PDF VENDITORE PDF - Are you searching for Venditore Books? Now, you will be happy that at this time Venditore PDF is available at our online library. With our complete

Dettagli

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA 22 novembre VERSO LA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO Responsabilità di Governo e competenze dei territori Sala Palazzo Bologna Senato della Repubblica Via di S.

Dettagli

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni: Codice di Autodisciplina/Amendemnts to the Instructions: Code

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventinove

U Corso di italiano, Lezione Ventinove 1 U Corso di italiano, Lezione Ventinove U Oggi, facciamo un altro esercizio M Today we do another exercise U Oggi, facciamo un altro esercizio D Noi diciamo una frase in inglese e tu cerca di pensare

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results)

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results) GCE Edexcel GCE Italian(9330) Summer 006 Mark Scheme (Results) Unit Reading and Writing Question Answer Testo.. B B C - A 4 Testo. a. passione che passione b. attrae c. sicuramemte d. favorito ha favorito

Dettagli

ABSTRACT. In informatica, con il termine cloud computing, in italiano nube informatica,

ABSTRACT. In informatica, con il termine cloud computing, in italiano nube informatica, ABSTRACT In informatica, con il termine cloud computing, in italiano nube informatica, si sule indicare una complessa gamma di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio offerto

Dettagli

DOPING. Facciamo un esempio... il Doping nella legislazione sportiva e ordinaria 26/04/2012

DOPING. Facciamo un esempio... il Doping nella legislazione sportiva e ordinaria 26/04/2012 il Doping nella legislazione sportiva e ordinaria Avv. Pierfilippo CapelloStudio Guardamagna e associatipcapello@gealex.eu Padova 12-13 aprile 2012 DOPING illecito sportivo, secondo quanto stabilito dal

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

COMPANY PROFILE. tecnomulipast.com

COMPANY PROFILE. tecnomulipast.com COMPANY PROFILE tecnomulipast.com PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE IMPIANTI INDUSTRIALI DAL 1999 Design and manufacture of industrial systems since 1999 Keep the faith on progress that is always right even

Dettagli

Sponsorship opportunities

Sponsorship opportunities The success of the previous two European Workshops on Focused Ultrasound Therapy, has led us to organize a third conference which will take place in London, October 15-16, 2015. The congress will take

Dettagli

quali sono scambi di assicurazione sanitaria

quali sono scambi di assicurazione sanitaria quali sono scambi di assicurazione sanitaria Most of the time, quali sono scambi di assicurazione sanitaria is definitely instructions concerning how to upload it. quali sono scambi di assicurazione sanitaria

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

Area Sistemi Sicurezza Informatica

Area Sistemi Sicurezza Informatica InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni Note sull installazione di CardOS API 2.2.1 Funzione emittente 70500 Area Sistemi Sicurezza Informatica NOTE su

Dettagli

ESPERIENZA ITALIA GUIDELINES

ESPERIENZA ITALIA GUIDELINES ESPERIENZA ITALIA GUIDELINES Il 150 dell unità d Italia rappresenta un evento di cruciale importanza per Torino e il Piemonte. La prima capitale d Italia, come già fece nel 1911 e nel 1961 per il Cinquantenario

Dettagli

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato STRUTTURE GRAMMATICALI VOCABOLI FUNZIONI COMUNICATIVE Presente del verbo be: tutte le forme Pronomi Personali Soggetto: tutte le forme

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per COMUNICATO STAMPA Conversano, 10 luglio 2014 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master

Dettagli

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks?

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks? Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity In un clima economico in cui ogni azienda si trova di fronte alla necessità di razionalizzare le proprie risorse e di massimizzare

Dettagli

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio Normativa RAEE 2 e normativa sui rifiuti di Pile ed Accumulatori : gli obblighi posti in capo ai Produttori che introducono AEE, Pile e accumulatori in paesi diversi da quelli in cui sono stabiliti Avv.

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

L esperto come facilitatore

L esperto come facilitatore L esperto come facilitatore Isabella Quadrelli Ricercatrice INVALSI Gruppo di Ricerca Valutazione e Miglioramento Esperto = Facilitatore L esperto ha la funzione principale di promuovere e facilitare la

Dettagli

EUROPEAN GRADING CONVERTING SYSTEM (EGRACONS)

EUROPEAN GRADING CONVERTING SYSTEM (EGRACONS) EUROPEAN GRADING CONVERTING SYSTEM (EGRACONS) Luciano Saso Deputy Rector for International Mobility Erasmus Institutional Coordinator luciano.saso@uniroma1.it February 2009 The traditional system A, B,

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Famiglie di tabelle fatti

Famiglie di tabelle fatti aprile 2012 1 Finora ci siamo concentrati soprattutto sulla costruzione di semplici schemi dimensionali costituiti da una singola tabella fatti circondata da un insieme di tabelle dimensione In realtà,

Dettagli

Security Intelligence e Cloud: la sfida a Botnet, APT e 0-day. Tavola Rotonda - Security Summit Roma 2012

Security Intelligence e Cloud: la sfida a Botnet, APT e 0-day. Tavola Rotonda - Security Summit Roma 2012 Security Intelligence e Cloud: la sfida a Botnet, APT e 0-day Tavola Rotonda - Security Summit Roma 2012 Evento realizzato dal Gruppo LinkedIn Italian Security Professional con il patrocinio di Clusit

Dettagli

Easter 2008 Gallery Benucci Rome. October 2008 Taormina Chiesa del Carmine, group picture and Gallery Benucci. December 2008 Benucci Gallery, Rome.

Easter 2008 Gallery Benucci Rome. October 2008 Taormina Chiesa del Carmine, group picture and Gallery Benucci. December 2008 Benucci Gallery, Rome. Nino Ucchino nasce in Sicilia nel 1952. Dall età di otto anni lavora come allievo nello studio del pittore Silvio Timpanaro. Da 14 a 21 anni studia all Istituto Statale d arte di Messina e poi per alcuni

Dettagli

NOTA PER LA COMPILAZIONE: OVE LE DOMANDE PROPONGANO UNA RISPOSTA CON OPZIONI PREDEFINITE, BARRARE QUELLA SCELTA. HEAD OFFICE ADRESS (Indirizzo)

NOTA PER LA COMPILAZIONE: OVE LE DOMANDE PROPONGANO UNA RISPOSTA CON OPZIONI PREDEFINITE, BARRARE QUELLA SCELTA. HEAD OFFICE ADRESS (Indirizzo) QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE DEL GRAFOLOGO NOTA PER LA COMPILAZIONE: OVE LE DOMANDE PROPONGANO UNA RISPOSTA CON OPZIONI PREDEFINITE, BARRARE QUELLA SCELTA

Dettagli

Ruoli professionali nel contesto dell applicazione del Regolamento REACH

Ruoli professionali nel contesto dell applicazione del Regolamento REACH Ruoli professionali nel contesto dell applicazione del Regolamento REACH Dr. Pietro Pistolese Ministero della Salute Autorità Competente REACH R E A C H Registration, Evaluation, Authorisation and restriction

Dettagli

Residenza Fiscale (Exit tax) Francesco Squeo Partner, Belluzzo & Partners Milano, 27 Maggio 2014

Residenza Fiscale (Exit tax) Francesco Squeo Partner, Belluzzo & Partners Milano, 27 Maggio 2014 Residenza Fiscale (Exit tax) Francesco Squeo Partner, Belluzzo & Partners Milano, 27 Maggio 2014 Normativa interna Residenza persone fisiche art.2 co.2 TUIR Persone che per la maggior parte del periodo

Dettagli

Italian Extension. Written Examination. Centre Number. Student Number. Total marks 40. Section I Pages 2 7

Italian Extension. Written Examination. Centre Number. Student Number. Total marks 40. Section I Pages 2 7 Centre Number 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Student Number Italian Extension Written Examination Total marks 40 General Instructions Reading time 10 minutes Working time 1 hour and 50 minutes

Dettagli

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico WELCOME This is a Step by Step Guide that will help you to register as an Exchange for study student to the University of Palermo. Please, read carefully this guide and prepare all required data and documents.

Dettagli

La due diligence. Gioacchino D Angelo

La due diligence. Gioacchino D Angelo La due diligence Gioacchino D Angelo Agenda Il wider approach: implicazioni operative e procedurali Outline delle procedure di due diligence Conti Preesistenti di Persone Fisiche: il Residence Address

Dettagli

Italian Journal Of Legal Medicine

Italian Journal Of Legal Medicine Versione On Line: ISSN 2281-8987 Italian Journal Of Legal Medicine Volume 1, Number 1. December 2012 Editore: Centro Medico Legale SRL - Sede Legale: Viale Brigata Bisagno 14/21 sc D 16121 GENOVA C.F./P.IVA/n.

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12

INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12 INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12 Data: 10/02/2012 Ora: 15:05 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Risultati definitivi dell aumento di capitale in opzione agli azionisti ordinari e di risparmio / Final results

Dettagli

RELAZIONE SULLA CONGRUITÀ DEL RAPPORTO DI CAMBIO REDATTA PER SANPAOLO IMI S.P.A., AI SENSI DELL ART. 2501-SEXIES CODICE CIVILE, DA

RELAZIONE SULLA CONGRUITÀ DEL RAPPORTO DI CAMBIO REDATTA PER SANPAOLO IMI S.P.A., AI SENSI DELL ART. 2501-SEXIES CODICE CIVILE, DA RELAZIONE SULLA CONGRUITÀ DEL RAPPORTO DI CAMBIO REDATTA PER SANPAOLO IMI S.P.A., AI SENSI DELL ART. 2501-SEXIES CODICE CIVILE, DA PRICEWATERHOUSECOOPERS S.P.A. [QUESTA PAGINA È STATA LASCIATA INTENZIONALMENTE

Dettagli

www.oktradesignal.com SANTE PELLEGRINO

www.oktradesignal.com SANTE PELLEGRINO www.oktradesignal.com SANTE PELLEGRINO Una semplice strategia per i traders intraday Simple strategy for intraday traders INTRADAY TRADER TIPI DI TRADERS TYPES OF TRADERS LAVORANO/OPERATE < 1 Day DAY TRADER

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Didactic offer Incoming students 2014/2015 can take exams of courses scheduled in the a.y. 2014/2015 and offered by the Department

Dettagli

Painting with the palette knife

Painting with the palette knife T h e O r i g i n a l P a i n t i n g K n i v e s Dipingere con la spatola Painting with the palette knife Made in Italy I t a l i a n M a n u f a c t u r e r La ditta RGM prende il nome dal fondatore

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Grammatica: PERIODO IPOTETICO 0-1-2-3

Grammatica: PERIODO IPOTETICO 0-1-2-3 Grammatica: PERIODO IPOTETICO 0-1-2-3 Il periodo ipotetico si distingue in: - periodo ipotetico di tipo 0 (ovvietà) - periodo ipotetico di I tipo (realtà) - periodo ipotetico si II tipo (possibilità) -

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION A P R E AGENZIA P E R L A PROMOZIONE D E L L A RICERCA EUROPEA DESTINAZIONE EUROPA BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION Di Angelo D Agostino con la collaborazione

Dettagli

1 1 0 /2 0 1 4. 0 n news

1 1 0 /2 0 1 4. 0 n news news n. 04 10/2011 VICO MAGISTRETTI KITCHEN ISPIRATION VIVO MAGIsTReTTI KITCHen IsPIRATIOn news Il nostro rapporto con il "Vico" è durato per più di quarant anni. era iniziato verso la metà degli anni

Dettagli

Algoritmi e strutture di dati 2

Algoritmi e strutture di dati 2 Algoritmi e strutture di dati 2 Paola Vocca Lezione 2: Tecniche golose (greedy) Lezione1- Divide et impera 1 Progettazione di algoritmi greedy Tecniche di dimostrazione (progettazione) o Greedy algorithms

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventidue

U Corso di italiano, Lezione Ventidue 1 U Corso di italiano, Lezione Ventidue U Oggi, facciamo un altro esercizio M Today we do another exercise U Oggi, facciamo un altro esercizio D Noi diciamo una frase in inglese e tu cerca di pensare a

Dettagli

On Line Press Agency - Price List 2014

On Line Press Agency - Price List 2014 On Line Press Agency - Price List Partnerships with Il Sole 24 Ore Guida Viaggi, under the brand GVBusiness, is the official publishing contents supplier of Il Sole 24 Ore - Viaggi 24 web edition, more

Dettagli

le mostre che arrivarono in Europa ci furono Twelve Contemporary American Painters and Sculptors (1953), Modern Art in the USA

le mostre che arrivarono in Europa ci furono Twelve Contemporary American Painters and Sculptors (1953), Modern Art in the USA 1 MoMA E GLI AMERICANI MoMA AND AMERICANS Sin dall inizio il MoMA (Museo d Arte Moderna) di New York era considerato, da tutti gli appassionati d arte specialmente in America, un museo quasi interamente

Dettagli

Consultazione pubblica sulle priorità di politica ambientale dell'ue per il 2020:

Consultazione pubblica sulle priorità di politica ambientale dell'ue per il 2020: Consultazione pubblica sulle priorità di politica ambientale dell'ue per il 2020: 1. Identificazione Italia Nostra onlus ITALI408096142 1.1. I am answering on behalf of an organisation(ngo) 1.2 Name: Giovanni

Dettagli

HIGH PRECISION BALLS. 80 Years

HIGH PRECISION BALLS. 80 Years HIGH PRECISION BALLS 80 Years 80 ANNI DI ATTIVITÀ 80 YEARS EXPERIENCE ARTICOLI SPECIALI SPECIAL ITEMS The choice to look ahead. TECNOLOGIE SOFISTICATE SOPHISTICATED TECHNOLOGIES HIGH PRECISION ALTISSIMA

Dettagli

CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI.

CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI. CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI. We take care of your dreams. Il cuore della nostra attività è la progettazione: per dare vita ai tuoi desideri, formuliamo varie proposte di arredamento su disegni 3D

Dettagli

S c u o l a s u p e r i o r e d e l l a m a g i s t r a t u r a. I t a l i a n S c h o o l f o r t h e J u d i c i a r y. Cod.

S c u o l a s u p e r i o r e d e l l a m a g i s t r a t u r a. I t a l i a n S c h o o l f o r t h e J u d i c i a r y. Cod. S c u o l a s u p e r i o r e d e l l a m a g i s t r a t u r a I t a l i a n S c h o o l f o r t h e J u d i c i a r y Il diritto europeo dei contratti - European Contract Law 1 Cod.: P13056 Date/Dates:

Dettagli

ijliii МЯ ЬМЗЫЭЬ MOTORI ETTRICI

ijliii МЯ ЬМЗЫЭЬ MOTORI ETTRICI ijliii МЯ ЬМЗЫЭЬ MOTORI ETTRICI La nostra azienda opera da oltre 25 anni sul mercato della tranciatura lamierini magnetid e pressofusione rotori per motori elettrici: un lungo arco di tempo che ci ha visto

Dettagli

You gain 2 coins. Please note, however, that this is not an Action card. You gain 3 coins. Please note, however, that this is not an Action card.

You gain 2 coins. Please note, however, that this is not an Action card. You gain 3 coins. Please note, however, that this is not an Action card. Traduzione delle carte in inglese e italiano If you have at least one Normal Train in your play area, you get 1 coin extra. This bonus does not increase even if you have several Normal train cards in your

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

CORSO DI CUCINA A CASA!

CORSO DI CUCINA A CASA! Tour N.12 CORSO DI CUCINA A CASA La classe a lavoro Un fantastico modo per imparare a cucinare le più tipiche pietanze Toscane, senza muoversi da casa vostra Il nostro chef arriverà direttamente nella

Dettagli

Big Data, problematiche di privacy, Consorzio CBI. Alfonso Angrisani. Head of Diligence and Compliance Consorzio CBI

Big Data, problematiche di privacy, Consorzio CBI. Alfonso Angrisani. Head of Diligence and Compliance Consorzio CBI Big Data, problematiche di privacy, Consorzio CBI Alfonso Angrisani Head of Diligence and Compliance Consorzio CBI Convegno CBI 2013 Roma, 21 novembre 2013 Agenda n Big Data, problematiche di privacy,

Dettagli

Verso il summit di Parigi: L aspettativa di una conclusione virtuosa

Verso il summit di Parigi: L aspettativa di una conclusione virtuosa Verso il summit di Parigi: L aspettativa di una conclusione virtuosa Carlo Carraro Università Ca Foscari Venezia Vice Presidente IPCC Gruppo III FEEM and CMCC Parigi Clima 2015: Tre proposte innovative

Dettagli

INIZIATIVA PATROCINATA DALLA CONFINDUSTRIA BULGARIA EVENT SUPPORTED BY CONFINDUSTRIA BULGARIA

INIZIATIVA PATROCINATA DALLA CONFINDUSTRIA BULGARIA EVENT SUPPORTED BY CONFINDUSTRIA BULGARIA COLLABORAZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO E IL LICEO 105 ATANAS DALCHEV COLLABORATION BETWEEN UNIVERSITY OF URBINO CARLO BO AND LYCEUM 105 ATANAS DALCHEV INIZIATIVA PATROCINATA DALLA

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

Questionario Polizza Tampering Risk Analysis. - Contaminated Product Insurance ( C.P.I. ) -

Questionario Polizza Tampering Risk Analysis. - Contaminated Product Insurance ( C.P.I. ) - Questionario Polizza Tampering Risk Analysis - Contaminated Product Insurance ( C.P.I. ) - Dichiarazioni Generali General Statements Ragione Sociale e Indirizzo Name and address of Company Ragione Sociale

Dettagli

ACCESSORI MODA IN PELLE

ACCESSORI MODA IN PELLE ACCESSORI MODA IN PELLE LEMIE S.p.a. Azienda - Company Produzione - Manufacturing Stile - Style Prodotto - Product Marchi - Brands 5 9 13 15 17 AZIENDA - COMPANY LEMIE nasce negli anni settanta come

Dettagli

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione To: Agenti che partecipano al BSP Italia Date: 28 Ottobre 2015 Explore Our Products Subject: Addebito diretto SEPA B2B Informazione importante sulla procedura Gentili Agenti, Con riferimento alla procedura

Dettagli

Case Law Italy(IT) Nr. 62

Case Law Italy(IT) Nr. 62 Tribunale di Venezia, 27.09.2006, S.P. c. Soc. F. Relevant Provisions (European and National Law) Directive 85/577, Directive 97/7, Directive 93/13 ; Art. 33, par. 2, letter (u), and Art. 63 of the Italian

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

TRASFERIMENTO TECNOLOGICO IN UK

TRASFERIMENTO TECNOLOGICO IN UK TRASFERIMENTO TECNOLOGICO IN UK L ESEMPIO DI E-SYNERGY 2 Contenuto Parlerò: dei rischi legati all investimento in aziende start-up delle iniziative del governo britannico per diminuire questi rischi e

Dettagli

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm.

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm. WORKSHOP INTERASSOCIATIVO La dimensione etica della professione nella radioprotezione e nella fisica medica 19 Giugno 2015 Università degli Studi Sapienza Roma EFOMP Malaga Declaration: quale possibile

Dettagli

NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO

NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO SHOWROOM NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO NEW OPENING FOR GIORGETTI STUDIO a cura di Valentina Dalla Costa Quando si dice un azienda che guarda al futuro. Giorgetti è un eccellenza storica del Made

Dettagli

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 Armonizzazione del processo di notifica nell ambito dell economia dello smaltimento e recupero dei rifiuti nell Euroregione Carinzia FVG Veneto Interreg IV Italia Austria Programma

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

AVVISO n.18306. 03 Novembre 2015 MOT - DomesticMOT. Mittente del comunicato : BORSA ITALIANA. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.18306. 03 Novembre 2015 MOT - DomesticMOT. Mittente del comunicato : BORSA ITALIANA. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.18306 03 Novembre 2015 MOT - DomesticMOT Mittente del comunicato : BORSA ITALIANA Societa' oggetto dell'avviso : IVS GROUP Oggetto : CHIUSURA ANTICIPATA PERIODO DI DISTRIBUZIONE DEL PRESTITO "IVS

Dettagli

Babaoglu 2006 Sicurezza 2

Babaoglu 2006 Sicurezza 2 Key Escrow Key Escrow Ozalp Babaoglu! In many situations, a secret (key) is known to only a single individual " Private key in asymmetric cryptography " The key in symmetric cryptography or MAC where the

Dettagli