TheO ficialjournalof TheSchoolofSportSciences

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TheO ficialjournalof TheSchoolofSportSciences"

Transcript

1 Volume2-Issue2-December2014 TheO ficialjournalof TheSchoolofSportSciences EDITORIN CHIEF Prof.SergioAgrifoglio CO-EDITORS SportsLaw & Economics Prof.GiuseppeLiota Prof.LauraSantoro CO-EDITORS Sport& ExerciseSciences Prof.AntonioPalma Prof.MarceloTraina ISNN EditorialoficeoftheEuropeanJournalofSportsStudies-EJSS UniversityofPalermo,ViaEleonoraDuse,2;90146Palermo,Italy Phone Fax

2

3 Contents Volume 2 Issue 2 EJSS December 2014 Section A 7 Manufacturing muscle: an overview of the history and legal aspects of doping in sport Curtis A. Fogel 16 Lealtà sportiva: etica e diritto F. Valenti 28 Profili critici e comparatistici dei sistemi salariali nello sport professionistico: due casi a confronto F Trafficanta 61 Research Note: A regression that probably never should have been performed the case of Norwegian topleague football attendance Kjetil K. Haugen, Arild Hervik and Hallgeir Gammelsæter 72 Moving towards Tokyo 2020: sport as a vehicle of social inclusion V Lo Presti

4 Editorial Board The European Journal of Sport Studies EDITOR IN CHIEF Prof. Sergio Agrifoglio Department of Law, Social and Sport Sciences University of Palermo, Italy CO-EDITORS Sport Law & Economics Prof. Giuseppe Liotta Prof. Laura Santoro CO-EDITORS Sport & Exercise Sciences Prof. Antonio Palma Prof. Marcello Traina EDITORIAL BOARD Sport Law & Economics Prof. Salvatore Mazzamuto University of Roma Tre, Italy Prof. Cristiana Buscarini University of Roma Foro Italico, Italy Prof. Gianfranco Rusconi University of Bergamo, Italy Prof. Salvatore Tomaselli University of Palermo, Italy Prof. Gaetano Troina University of Roma Tre, Italy Prof. Carlo Sorci University of Palermo, Italy Prof. Jose D. Valls Lloret Universidad de Barcelona, Spain Prof. Massimo Siclari University of Roma Tre, Italy Prof. Giuseppe Catturi University of Siena, Italy Prof. Marcantonio Ruisi University of Palermo, Italy Prof. Paul H. Haagen Duke University, U.S.A. Prof. Tommaso E. Frosini University of Suor Orsola Benincasa, Italy Prof. Paolo Tosi University of Torino, Italy Dott. Salvatore Cincimino University of Palermo, Italy Dott. Lillo Fiorello University of Palermo, Italy Dott. Daniela Ferrara University of Palermo, Italy Dott. Francesca Valenti University of Palermo, Italy Dott. Giangabriele Agrifoglio University of Palermo, Italy EDITORIAL BOARD Sport & Exercise Sciences Prof. Avery D. Faigenbaum (The College of New Jersey, USA) Prof. Nese Sahin University of Ankara, Turkey Prof. Angela Di Baldassarre University of Chieti, Italy Dott. Marco Manca SCimPulse Foundation, Netherland Prof. Lina Buono University of Napoli, Italy Prof. Bistra Dimitrova National Sports Academy, Bulgaria Prof. Enrico Carmina University of Palermo, Italy Prof. Fabio Pigozzi University of Rome Foro Italico, Italy Dott. Maria Gateva, PhD National Sports Academy, Bulgaria Dott. Dearbhla Gallagher St. Mary s University Collage, UK Prof. Federico Schena University of Verona, Italy Prof. Rita Santos Rocha University of Padua, Italy Prof. Antonio Paoli University of Padua, Italy Prof. Laura Capranica University of Rome Foro Italico, Italy Prof. Caterina Mammina University of Palermo, Italy ARTICLE EDITORS Dott. Antonino Bianco (Sport Sciences Section) Dott. Salvatore Cincimino (Economic Section) Dott. Sara Rigazio (Law Section) EDITORIAL ASSISTANT & WEB EDITOR Dott. Giuseppe Alamia University of Palermo, Italy SCIENTIFIC COMMITTEE Dott. Daniele Zangla University of Palermo, Italy Dott. Angelo Cataldo University of Palermo, Italy Dott. Giuseppe Russo University of Palermo, Italy Dott. Felice Blando University of Palermo, Italy

5

6

7 European Journal of Sport Studies Publish Ahead of Print DOI: /ejssax2x2-2014x2 Section A doi: /ejssax2x2-2014x2 Manufacturing muscle: an overview of the history and legal aspects of doping in sport by Curtis A. Fogel Abstract This paper traces the origins and development of doping in sport, as well as the policies and procedures that have been used- with limited success- in eliminating sports doping. Critical attention is given to the various problems of doping control policies and procedures, such as high costs, ineffective tests, procedural errors, privacy violations, infringement on economic freedoms, and a failure to consider culpability, particularly in instances of inadvertent drug use without performance-enhancing benefits, e.g. marijuana use. Serious doubts can be raised about the fairness and effectiveness of current doping control policies and strategies. It is argued that an effective strategy for the prevention of doping in sport should rest on harm reduction principles of educating athletes about the potential harms of drug use, teaching safe alternatives to achieving their athletic goals to reduce demand, and targeting traffickers of prohibited substances rather than restricting the rights and freedoms of athletes with ineffective results. Keywords: Doping; World Anti-Doping Agency; Doping Control Policy; Court of Arbitration for Sport Table of Contents: 1. Introduction; 2. The Origins and Development of Doping; 3. Doping Control Policies and Procedures; 4. Legal Challenges to Doping Control Policies and Procedures; 5. Conclusion 6. References 1. Introduction. At the 1988 Summer Olympics in Seoul, Korea Canadian sprinter Ben Johnson shattered the 100m World Record of the time EJSS Journal x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 7 finishing the race in 9.79 seconds. The day after his victory, urine sample tests revealed the use of a banned steroid called stanozolol. Despite Johnson s original denials of steroid Corresponding Author: Curtis A. Fogel, Associate Professor of Criminology Lakehead University Orillia 500 University Ave Orillia, ON, Canada - L3V0B9 Received: June 2014 Accepted: August 2014

8 use and claims of apparent sabotage, the International Olympic Committee (IOC) revoked Johnson s Olympic Gold medal and World Record time. This was not the first time Olympic athletes had tested positive for steroid use. For example, in the 1976 Summer Olympics in Montreal, eight of 275 tested athletes were found to have used steroids (Todd and Todd, 2001). Johnson s failed test was, however, the first to generate worldwide outrage and concern for the infiltration of drugs in sport, which continues to this day. In this paper, the long controversial history of doping in sport is explored by examining its genesis and development, the emergence of control policies and procedures to prevent doping, and legal challenges to doping policies and procedures. Tracing this history reveals the overall ineffectiveness of the ongoing battle to prevent and control doping in sport. 2. The Origins and Development of Doping. The term doping is commonly believed to have originated from the root word dop from the Kaffir dialect of South Africa. The term dop refers to the use of a highly stimulating drink used by members of a tribe during religious rituals. Some accounts also suggest that Zulu warriors drank dop to enhance their prowess in battle. In the 1800s, Dutch settlers in South Africa adopted the term and began applying it in the context of sport. The term spread back to Amsterdam where swimmers were accused of dop-ing (Voy and Deeter, 1991). The meaning of the word doping has expanded over time. Common definitions of doping tend to resonate with the origins of the word, which involves the ingestion of a chemical substance for performanceenhancing benefits. The World Anti-Doping Code (2008, p. 8-12) has built upon this definition and defines doping as any of the following: EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 8 i) Presence of a banned substance or its metabolites in the athlete s body. ii) Use or attempted use of a prohibited substance or method. iii) Refusing or evading sample collection. iv) Failure to provide whereabouts during out-of-competition testing, v) Tampering or attempting to tamper with any part of doping control vi) Possession of prohibited substances or methods. vii) Trafficking and prohibited substance or method. As such, doping can now refer to a number of activities and methods beyond the ingestion of chemical substances. It is believed that doping has a history as long as the history of sport and competition. Ancient Greek athletes supposedly ate the testicles of lambs believing it would provide special strength in sports such as wrestling, boxing, and running. Likewise, Roman gladiators are said to have used stimulants from plants that were believed to improve endurance and courage making them fiercer in competition (Mottram, 2011). Early accounts of doping in modern sport, beginning in the 1800s, indicate the use of various stimulating chemicals and drugs such as heroin, cocaine, caffeine, and amphetamines, particularly within bicycle racing (Yesalis and Bahrke, 2002). In the 1904 Olympics, United States marathon winner Thomas Hicks admitted using strychnine and brandy during the race to fuel his performance. In a 1955 bicycle race, five of 25 riders tested positive for amphetamine use. The use of amphetamines in sport began to really be seen as a serious issue in the 1960s following several amphetamine-related deaths, including British cyclist Tommy Simpson (Todd and Todd, 2001). The most significant development in doping has been the discovery of the positive effects of anabolic steroids on muscle growth and recovery. Early scientific research on anabolic steroids revealed that, It changed

9 them, and fundamentally after many months on testosterone, their chest and shoulder muscles grew much heavier and stronger it caused the human body to build the very stuff of its own life (de Kruif, 1945, p. 226). Steroids offered athletes more longterm gain than other performance-enhancers, as there were greater long-term benefits for muscle gain, as compared to the short bursts of energy from amphetamine stimulus. After it s discovery, and before the advent of reliable testing in the mid-1970s, steroid use was widespread in sport. A poll of track and field contestants at the 1972 Munich Olympics found that 68% were using anabolic steroids (Todd, 2001). The mid-1970s and onwards can best be described as a science or bio-medical war in sport whereby new designer substances are continually manufactured, alongside new masking agents, while doping control agents and scientists have struggled to keep up (Fogel, 2013, p. 283). On occasion, high profile cases like that of Ben Johnson, the East German Olympic team, Lance Armstrong, or of countless Major League Baseball players give the suggestion that dopers will be caught. Most doping, however, continues to go undetected. It is estimated that the probability of detecting a cheater who uses doping methods every week is only 2.9% per test (Hermann and Henneberg, 2013, p. 2). 3. Doping Control Policies and Procedures. Alongside the development of different drugs and doping techniques, various policies and governing bodies have been inaugurated in a failed attempt to prevent the widespread use of drugs in sport. In this section, I will now turn to overviewing the key points and developments in the history of doping control policies and procedures. The fist major stand against doping in sport was taken by the International Association of Athletics Federation (IAAF), the governing EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 9 body for the sport of track and field, in the year The IAAF outlawed the use of stimulating substances. Many international federations followed their lead, but their doping control measures were limited to policy and ineffective, as reliable tests had not yet been developed. Following the death of British cyclist Tommy Simpson in 1966, the International Olympic Committee (IOC) established a medical commission to fight doping. Drug tests were first introduced at the Olympic Winter Games in Grenoble and at the Summer Games in Mexico in The tests were riddled with problems and were highly ineffective due to false positives, false negatives, high costs, and limited tests that could not detect most substances. According to a former United States Olympic team drug tester, The athletes knew better than anyone that the drug testing posed little threat to them. They scoffed at the testing notices and went right on with their routine drug use with little fear of detection (Voy and Deeter, 1991, p. 79). Although it was widely known that anabolic steroids were being used at this time, testing methods for steroids were insufficiently developed and did not allow for their inclusion on the banned substances list (Mottram, 2005). Anabolic steroids were not added to the IOC s list of banned substances until 1976, as reliable tests were not developed until The 1976 Summer Olympics in Montreal were the first Olympics with testing for anabolic steroids and eight of 275 tested athletes were found to have used steroids (Todd and Todd, 2001). It was not until Ben s Johnson s failed drug test in the 1988 Olympics, after he had won the 100m gold medal, when a moral panic took hold based on the notion of a drug-epidemic sweeping sports (Taylor, 1991). By the beginning of the 1980s, an apparent increase in the number of international sportsrelated, many of which doping-related, disputes led to the IOC creating and funding

10 an independent, international tribunal for sports disputes. In 1984, the independent tribunal was established called the Court of Arbitration for Sport (CAS). CAS has since become a significant authority in the resolution of doping related disputes. The next major initiative of the IOC in relation to doping was to convene the First World Conference on Doping in Sport in Lausanne in Major problems plagued doping control in international sport, and the goal of the conference was to strategize on solutions. Some of the problems that needed to be addressed included: a lack of consistency and compatibility of doping rules in different sports, lack of consistency of testing and policies in different countries and federations, high costs of doping control measures, legal challenges of test reliability, and difficulties with out-of-country testing (Houlihan, 1999). It was decided that the solution to these problems would be to develop unified standards and coordinated efforts of sports organizations and public authorities. Following the proposal of the Conference, the World Anti-Doping Agency (WADA) was established. Following the Copenhagen Declaration on Anti-Doping in 2003, WADA unveiled its Code to be used as a guide and authority for governing bodies of sport to develop harmonized anti-doping policies aimed at protecting athlete s health, preserving fair play, and fostering the spirit of sport. By 2004, in large part due to IOC requirements for participation in the Summer Olympics in Athens, most sports organizations adopted the WADA code (Hunt, 2011). Athletes are bound to antidoping policies of WADA, and their national sport governing body developed thereof, via a contractual relationship by participating in the sport. 4. Legal Challenges to Doping Control Policies and Procedures. EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 10 It is well documented that testing procedures for doping are largely ineffective (Fogel, 2013). Historically, athletes have been shown to beat doping tests through: (a) corrupt payoffs to doping control officers, (b) playing the odds, relying on the low likelihood of ever being tested in many sports (e.g. in Canadian football, less than 10% of players are tested in a given year), (c) timed drug cycling, by strategically using drugs at times when they are least likely to be tested, (d) low dosages, since the tests allow for some individual variance in naturally produced substances (termed endogenous production), (e) masking agents, which cover up the use of banned substances, (f) cleansers, which rid the body of traces of drug use faster, (g) urine replacement, and (h) using newly designed substances that tests do not exist for yet (Fogel, 2013). While some of these approaches have become out-of-date with new testing approaches and technologies, it remains highly unlikely that a doping athlete is ever caught. When athletes have been successfully caught for doping violations, it has given rise to countless challenges in legal and arbitration courts, requiring further resources in the continued losing battle against sports doping. Historically, common areas of challenge, with mixed success, have been on the grounds of: i) procedural issues, ii) culpability, and iii) economic freedom. The future of legal challenges of the policies and procedures for doping will likely be on the grounds of privacy rights, religious rights, and other human rights violations (Valkenburg et. al, 2014). The very establishment of the Court of Arbitration for Sport in 1984 was, by in large, a function of the need to deal with dopingrelated challenges and to ensure that the controversies remained within the realm of sports governance (Gardiner et al., 2006). Only a small sampling of important cases over the last 30 years are discussed in this paper. The purpose is not to provide a detailed history of the development of case law on

11 doping in sport, but rather to show the vulnerabilities of doping control policies and procedures to legal challenge. In most legal challenges, the athlete falls short in bringing forth a successful case to have their doping violation nullified. It does, however, remain troubling that continued resources are poured into maintaining ineffective, reactive doping control policies and procedures. Furthermore, claims of violations of individual rights are commonplace, which should raise concerns that doping control policies and procedures have gone too far. i) Procedural Issues As part of the disciplinary proceedings for doping infractions, sports governing bodies must show that the procedures for collecting, storing, and analyzing testing samples were carried out correctly. Challenges of unreliable tests, chain of custody violations, unfair hearings, and lack of establishing burden of proof have been frequent. In the case of Modahl, testing samples went unrefrigerated in hot Lisbon temperatures for two days before the testing commenced. Also, the chain of custody documents were missing for her A test. When her B sample was opened there was a strong ammonia odour and a ph of 9 (normal is 5). Despite these issues, doping control officers tested it anyways and both samples showed significant levels of testosterone in her body. She received a four-year suspension. On appeal, Modahl was able to successfully show that the conditions under which the samples were stored could have led to bacteria formation, which could cause a failed testosterone test. Modahl then brought a challenge against the British Athletics Association (BAF) on the grounds that she was denied a fair hearing, another procedural issue, though she was unsuccessful in that particular claim. In Varis, a suspension was overturned despite a positive test for EPO after procedural errors were made. In this instance, WADA provisions granting the right to be represented at the opening and analysis of the B sample EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 11 was violated. As a result, the B sample was rendered invalid leading CAS to cancel the sanction imposed on her by the International Biathlon Union. The case reveals that antidoping authorities and laboratories do not always follow their own rules, and that the consequence of this can be an overturned decision. In Reynolds, United States track and field athlete, and Olympic gold medalist, Butch Reynolds appealed a suspension after a positive test for Nandrolone on the grounds of an undermined testing process. He successfully argued that the doping control room was not secured or guarded while the doping control officer had left his control station, which undermined the validity of the procedures and results. The argument that his sample could have been switched or sabotaged was seen as very possible and his suspension was eventually overturned. Reynolds was later awarded $27,356,008 following an action against the IAAF on the grounds of: breach of contract, breach of contractual due process, defamation, and tortious interference with business relations. ii) Culpability Possibly the most controversial aspect of the World Anti-Doping Code (WADC) is the adherence to the legal concept of strict liability. In Article 2.1.1, the (WADC) affirms that: For purposes of anti-doping violations involving the presence of a Prohibited Substance (or its Metabolites or Markers), the Code adopts the rule of strict liability Under the strict liability principle, an antidoping rule violation occurs whenever a Prohibited Substance is found in an Athlete s bodily Specimen. The violation occurs whether or not the Athlete intentionally or unintentionally used a Prohibited Substance or was negligent or otherwise at fault. Intent, therefore, is not considered an element of determining guilt in a doping offense. If a prohibited substance is found in an athlete s body, an anti-doping violation has occurred.

12 Despite regular protest that principles of natural justice are violated, both CAS and the English High Court have held that a strict liability rule is lawful as it might be the only way to effectively police doping. The position of the courts to allow the continued use of strict liability principles by WADA and national sport organizations was firmly entrenched in Quigley. In the case is was stated: It appears to be a laudable policy objective not to repair an accidental unfairness to an individual by creating an intentional unfairness to the whole body of other competitors. This is what would happen if banned performance-enhancing substances were tolerated when absorbed inadvertently. Moreover, it is likely that even intentional abuse would in many cases escape sanction for lack of proof of guilty intent. And it is certain that a requirement of intent would invite costly litigation that may well cripple federations particularly those run on modest budgets in their fight against doping (at 129). The ruling argues that fairness to an athlete is of lesser concern than ensuring that a dopedup athlete, regardless of how they got that way, does not compete in sport. In Baxter v. IOC68, a British alpine skier was stripped of his bronze medal won at the 2002 Winter Olympics in Salt Lake City for inadvertent use. Baxter, who had a documented history of nasal congestion issues, had ingested an over-the-counter medication containing the banned substance levometamphetamine. He regularly used the same product in England without issue, but had purchased the medication in Salt Lake City unaware that the product had a different formulation in the United States. Although the panel found that that Baxter did not intend to ingest the substance, he was nevertheless found guilty of the doping offense and his disqualification was upheld. In Gasquet, a tennis player appealed a suspension from the International Tennis EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 12 Federation (ITF) for cocaine use on the grounds of no fault or negligence. Gasquet argued that he had not used cocaine and that trace amounts of cocaine in his body were the result of kissing a young woman who had used cocaine, without his knowledge of her use. The ITF tribunal accepted the argument, and imposed a lesser suspension of two and a half months rather than the WADA prescribed sanction of one year. WADA exercised its right of appeal to CAS, but same result was decided upon. In a similar case, a Brazilian athlete tested positive for traces of an anabolic steroid called clostebol. He claimed that he was contaminated as a result of sexual intercourse with a woman who had administered a medication containing clostebol for a vaginal infection. Despite scientific proof than an athlete could test positive after sexual intercourse with a woman using this medication, the athlete was held strictly liable (Pereira et al., 2004). In most of these, and other similar cases, the substance the athlete has tested positive for through inadvertent use is not even a definitive performance-enhancing substance. According to ARTICLE of the WADA Code, for a substance to be prohibited, it must meet 2 out of 3 of the following criteria: - Medical or scientific evidence of performance enhancement - Medical or scientific evidence of potential health risk - WADA determination that substance or method violates the spirit of sport Given that spirit of sport remains a vague, unclear term any substance regardless of its performance-enhancing benefits can end up on the prohibited list. And, the WADA code states in clear terms that the prohibited list is final and, as such, challenges to the list are not permitted. The result is that you can have unsuspecting athletes banned from their livelihood for trivial, accidental violations that have little or no effect on performanceenhancement in sport. Banning athletes on

13 these grounds seems contrary to the Spirit of Sport rather than promoting it, and will continue to result in legal challenges. iii) Economic Freedom It has been shown by the courts that there are inherent economic aspects of sport. Therefore, sport cannot have a complete exemption from treatises of economic rights and EU competition law. Article 6 of the UN Covenant on Economic Rights states that: The States Parties to the present Covenant recognize the right to work, which includes the right of everyone to the opportunity to gain his living by work which he freely chooses or accepts, and will take appropriate steps to safeguard this right. Likewise, Article 1 of the European Social Charter states the requirement to: protect the right of the worker to earn his living in an occupation freely entered upon. EU competition law is the most straightforward example of economic regulation that has an impact on sport. Article 81 of the EC Treaty states: 1. The following shall be prohibited as incompatible with the common market: all agreements between undertakings, decisions by associations of undertakings and concerted practices which may affect trade between Member States and which have as their object or effect the prevention, restriction or distortion of competition within the common market. 2. Any agreements or decisions prohibited pursuant to this Article shall be automatically void. Banning athletes from competition and therefore their livelihood in many cases for the use of substances that are often not illegal to possess or use could be seen as a violation of economic freedom rights. In Meca-Medina this was one aspect of their many legal challenges. In the case, two swimmers were banned for four years following positive tests for a prohibited substance. The two swimmers aimed to prove that anti-doping rules were in breach of EU Competition Law as it restricted their EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 13 economic freedom to pursue their careers. While their appeals were largely unsuccessful, the case does raise questions about the fairness of current anti-doping strategies. On the one hand the prowess of an athlete is a commodity to be bought and sold, while on the other they are disqualified for getting caught doing what it takes to gain that prowess. 5. Conclusion. From the ancient Greeks eating lamb testicles to Lance Armstrong using EPO, doping in sports competitions has always occurred and likely will always occur. The future possibilities for doping are vast, particularly with much theoretical discussion of the potential for gene doping in sport (Miah, 2004; Naam, 2005). WADA s response to the doping threat in sport has been to wage what Alexander (2014) has termed a war on doping in sports (p.1). Even in rare cases where athletes who are using prohibited drugs test positive, the highest likelihood is that it is for marijuana, which has been shown to not have performance-enhancing benefits in sport yet remains on the WADA prohibited list. Serious doubts can be raised about the fairness and effectiveness of current doping control policies and strategies. If doping control is seen as a competition between drug testers, drug designers, and athletes, then designers and athletes appear to have a sizable advantage and are winning the competition. The testers are restricted by budgetary constraints, limited testing technologies, and the need to keep up with ever changing pharmaceutical advances. A reactive approach on the part of doping control officials does not and cannot work effectively, yet WADA s approaches are primarily reactive. An effective strategy for the prevention of doping in sport should, instead, rest on harm reduction principles of educating athletes about the potential harms of drug use, teaching safe alternatives to

14 achieving their athletic goals to reduce demand, and targeting traffickers of prohibited substances rather than restricting the rights and freedoms of athletes with ineffective results. 6. References B. ALEXANDER, War on drugs redux: Welcome to the war on doping in sports, Substance Use & Misuse, 2014, Online First DOI: / BAXTER v IOC [2002] CAS 2002/A/376. P DE KRUIF, The male hormone. Garden City, NY: Garden City Publishing, C FOGEL, Bio-medical wars in Canadian sport: Issues in the prevention and detection of anabolic steroid use, Journal of Physical Education and Sport, 13(3), , C FOGEL, Game-day gangsters: Crime and deviance in Canadian football, Edmonton, AB: Athabasca University Press, A GARDINER, M JAMES, J O LEARY, R WELCH, Sports Law 3 rd Edition, London: Cavendish Publishing, B HOULIHAN, Anti-doping policy in sport: The politics of international policy coordination, Public Administration, 77(2), 1999, pp A HERMANN, M HENNEBERG, Exposing dopers in sport: Is it really worth the cost, The Conversation, August 4, Available online at: T HUNT, Drug games: The International Olympic Committee and the politics of doping, , Austin: University of Texas Press, W MAENNIG, On the economics of doping and corruption in International sports, Journal of Sports Economics, 3(1), 2002, pp EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 14 MECA-MEDINA & MAJCEN v COMISSION OF THE EUROPEAN COMMUNITIES [2006] 5 CMLR 18. A MIAH, Genetically modified athletes: Biomedical ethics, gene doping and sport. New York: Routledge, MODAHL v British Athletics Federation Ltd [2001] WL D MOTTRAM, Drugs in sports, (London: Routledge), R NAAM, More than human: Embracing the promise of biological enhancement, New York: Broadway Books, H PEREIRA, M MARQUES, I TALHAS, & F NETO, Incidental clostebol contamination in athletes after sexual intercourse, Clinical Chemistry, 50(2), 2004, pp QUIGLEY v UID [1994] CAS 94. REYNOLDS v IAAF [1994] 23F.3d W TAYLOR, Macho medicine: A history of the anabolic steroid epidemic. Jefferson, NC: McFarland, J TODD, T TODD, Significant events in the history of drug testing and the Olympic movement: in W. Wilson & E. Derse (eds.), Doping in elite sport: The politics of drugs in the Olympic movement. Champaign, IL: Human Kinetics, T TODD, A history of the use of steroids in sport in J. Berryman & R. Park (eds.), Sport and exercise science: Essays in the history of sports medicine. Urbana: University of Illinois Press, 1992, pp D VALKENBURG, O DE HON, I VAN HILVOORDE, Doping control, providing whereabouts and the importance of privacy for elite athletes, International Journal of Drug Policy, 25(2), VARIS v IBU [2008] CAS R VOY, K DEETER, Drugs, Sport, and Politics. Champaign, IL: Leisure Press, 1991.

15 WADA v ITF & GASQUET [2009] CAS WORLD ANTI-DOPING CODE. Available online at: C YESALIS, M BAHRKE, History of doping in sport in M. Bahrke & C. Yesalis (eds.), Performance-enhancing substances in sport and exercise. Champaign, Il: Human Kinetics, EJSS Journal 2013 x(x):xxx-xx - ISSN Curtis A. Fogel Manufacturing muscle 15

16 European Journal of Sport Studies Publish Ahead of Print DOI: /ejssax2x2-2014x5 Section A doi: /ejssax2x2-2014x5 Lealtà sportiva Etica e diritto di Francesca Valenti 1 SOMMARIO 1. Fair play, il modo vincente; 2. La lealtà sportiva: nozione; - 3. La lealtà sportiva: ambito soggettivo; - 4. La lealtà sportiva tra ordinamento sportivo e ordinamento statale. Cenni sul rapporto tra ordinamenti. 1. Fair play, il modo vincente 1 Fair play, il modo vincente (chi gioca lealmente è sempre vincitore) : così inizia e si conclude il Codice di Etica Sportiva del Consiglio d Europa, adottato a Rodi il maggio 1992 dai Ministri europei responsabili per lo Sport. Il bisogno di etica rappresenta un dato oggettivo. Si avverte in modo sempre più pressante l esigenza del rispetto delle regole intrinsecamente deontologiche in un mondo quale quello dello sport in cui si assiste alla irresistibile ascesa dell aggressività 2 e in cui pare si vada a gamba tesa su de Coubertin 3. 1 Ricercatore di Diritto Privato nell Università degli Studi di Palermo. 2 F. D. BUSNELLI, Introduzione, in Fenomeno Sportivo e ordinamento giuridico, Atti del 3 Convegno Nazionale, Napoli, 2009, p P. SANTORO, A gamba tesa su De Coubertin: dall illecito sportivo alla responsabilità civile, in Valenti F. Lealtà sportiva 16 Infatti, per un verso, si propongono e si affermano nuove pratiche che, pur definite sportive per attribuire loro una patente di liceità e di meritevolezza di tutela, mortificano l uomo in un crescendo di cattiveria e di aggressività 4. Per altro verso, anche nelle pratiche sportive tradizionali si assiste ad una sorta di imbarbarimento, per cui si tenta di far diventare l aggressività una componente necessaria ed imprescindibile del gioco, quasi una regola di gioco 5. Danno e resp., 2008, p. 321 ss. 4 L. DI NELLA, Il fenomeno sportivo nell ordinamento giuridico, Napoli, 1999, pp. 368, 379 evidenzia come La globalizzazione dello sport, ormai fenomeno di rilevanza mondiale, ha consentito la diffusione in Europa ( ) di nuove forme di spettacoli pseudosportivi, in cui dominano la brutalità e la ferocia. 5 Cass. civ., 8 agosto 2002, n , in Danno e resp., 2003, p. 529, ritiene che non qualsiasi violazione di una regola di gioco si pone al di fuori del gioco stesso che non può essere efficacemente svolto senza Corresponding Author: Francesca Valenti, Dipartimento Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport University of Palermo Via E. Duse, Palermo Received: October 2014 Accepted: December 2014

17 In un simile scenario, si comprende come i principi etici ed il rispetto delle regole che li contemplano, prima fra tutte quella della lealtà, rivendichino prepotentemente il loro ruolo al fine di non consentire lo snaturamento stesso dello sport. Invero, il principio di lealtà sportiva non può qualificarsi come un principio etico tout court in quanto lo stesso ha un intrinseca connotazione giuridica. Dunque, la codificazione non serve ad attribuire valenza giuridica ad un precetto che già la possiede congenitamente ma mira, verosimilmente, a garantire una più esplicita e manifesta valenza all essenza imprescindibile di tutta l attività sportiva. In tale contesto si pone il Codice di comportamento sportivo deliberato dal CONI il 15 luglio 2004, nel quale vengono specificati i doveri fondamentali di lealtà, correttezza e probità e si prevede che la violazione di tali doveri costituisca un grave inadempimento meritevole di adeguate sanzioni 6. Peraltro, al fine di rafforzarne la portata applicativa, è stato istituito un Garante del Codice di comportamento sportivo con compiti di vigilanza, di segnalazione, di istruzione e di irrogazione di sanzioni 7. Il principio di lealtà sportiva, in tal modo, si cristallizza in regole scritte, la cui violazione origina l attivazione di un ben definito procedimento sanzionatorio. Tuttavia, la stessa norma non ha un contenuto definitorio e, pertanto, assume interesse una riflessione sul principio di lealtà sportiva quale autonoma entità concettuale. aggressività, rapidità di decisioni, istintività di reazioni, generalmente incompatibili con un elevato grado di considerazione dell altrui incolumità e col costante rispetto delle regole proprie del gioco; il quale mira a un risultato alla cui realizzazione sono del resto indispensabili ( ) anche un certo grado di audacia e spericolatezza. Idem, Trib. Napoli, 28 settembre 2006, in Resp. Civ. e prev., 2007, p CONI, Codice di Comportamento Sportivo, Deliberazione n. 1270, 15 luglio 2004, Premessa. 7 CONI, Regolamento del Garante del Codice di comportamento sportivo, 5 febbraio Valenti F. Lealtà sportiva La lealtà sportiva: nozione. Il principio di lealtà sportiva, per sua stessa natura, non può avere una vera e propria definizione; non può essere coartato attribuendovi un contenuto preciso, definitorio e, dunque per ciò stesso, limitativo. Il principio di lealtà sportiva esprime e riassume in sé lo spirito sportivo 8 e le finalità dello sport 9. Fair play significa molto più che giocare nel rispetto delle regole. Esso incorpora i concetti di amicizia, di rispetto degli altri e di spirito sportivo. Il fair play è un modo di pensare, non solo un modo di comportarsi. Esso comprende la lotta contro l imbroglio, contro le astuzie al limite della regola, la lotta al doping, alla violenza (sia fisica che verbale), allo sfruttamento, alla disuguaglianza delle opportunità, alla commercializzazione eccessiva e alla corruzione G. LIOTTA, Attività sportive e responsabilità dell organizzatore, Napoli, 2005, p. 66. Nel Codice Europeo di Etica sportiva, approvato dai Ministri europei responsabili per lo Sport, a Rodi il maggio 1992, si evidenzia che: Il principio fondamentale del Codice è che le considerazioni etiche insite nel gioco leale (fai play) non sono elementi facoltativi, ma qualcosa d essenziale in ogni attività sportiva, in ogni fase della politica e della gestione del settore sportivo. 9 G. LIOTTA, cit., p Risoluzione Ministri Europei responsabili per lo Sport, Codice Europeo di Etica Sportiva, Rodi, maggio Nello stesso si sottolinea come Il fair play è essenziale se si vuole promuovere e sviluppare lo sport e la partecipazione. La lealtà nello sport il fair play è benefica per l individuo, per le organizzazioni sportive e per la società nel suo complesso. In tal senso, nel principio di lealtà, codificato nell art. 2 del Codice di comportamento sportivo, possono agevolmente farsi rientrare tutti gli ulteriori principi ed i divieti specificati nello stesso Codice: il divieto di alterazione dei risultati sportivi (art. 3); il divieto di doping e di altre forme di nocumento della salute (art. 4); il principio di non violenza (art. 5); il principio di non discriminazione (art. 6); il divieto di dichiarazioni lesive della reputazione (art. 7); il dovere di riservatezza (art. 8); il

18 Esso, quindi, sotto un primo profilo, qualifica l attività sportiva: costituendo l essenza dello sport, deve ritenersi che una pratica o un comportamento possano qualificarsi sportivi solo se sono informati al principio di lealtà 11. Da ciò consegue, a contrario, che la pratica o il comportamento sleali si pongono fuori dello spirito sportivo e non possono rientrare nell attività sportiva, potendo essere ricompresi solo nell attività di diritto comune 12. Sotto un secondo profilo, inoltre, il principio di lealtà sportiva assume il ruolo di strumento di valutazione della pratica o del comportamento al fine di una sua qualificazione in termini di attività sportiva. A prescindere dal rispetto delle regole tecniche, un comportamento può porsi al di fuori dell attività sportiva allorché non rispetti il principio di lealtà sportiva; del pari, un comportamento che violi una regola tecnica non può, per ciò stesso, essere considerato sleale e, dunque, non sportivo. Ovviamente, la valutazione va operata caso per caso alla luce di un analisi sistematica dell ordinamento sportivo, senza che possa negarsi una certa discrezionalità 13. Soltanto alla luce di tali profili, la lealtà sportiva perde la propria intrinseca connotazione di principio privo di specifico contenuto definitorio 14 per inverarsi nella principio di imparzialità (art. 9). 11 A. MARINI, Etica e sport, in Fenomeno Sportivo e ordinamento giuridico, Atti del 3 Convegno Nazionale, Napoli, 2009, p. 57, afferma che l etica, intesa come il complesso di quei valori ai quali ho fatto un rapido cenno (n.d.r. principi di lealtà, di correttezza, di non violenza, di non discriminazione, di eguaglianza), è connaturata all attività sportiva al punto che la negazione di quei valori si traduce nella negazione stessa dell attività sportiva. 12 G. LIOTTA, cit, p G. LIOTTA, cit., p. 56; V. FRATTAROLO, L ordinamento sportivo nella giurisprudenza,milano, 1995, p. 189; IDEM, Lo sport nella giurisprudenza, Padova, 1980, p. 204; R. PRELATI, La prestazione sportiva nell autonomia dei privati, Milano, 2003, p. 325 s. 14 A. DE SILVESTRI, Diritto Sportivo. Dispense, Padova, Valenti F. Lealtà sportiva 18 definizione e nella valutazione dell attività sportiva. D altronde, l indeterminatezza propria del concetto di lealtà sportiva rende il principio funzionale all ordinamento sportivo, consentendone un applicazione anche a casi non specificamente previsti ed enucleati 15. Il principio di lealtà sportiva, dunque, costituisce il limite insuperabile e, insieme, il comune denominatore delle attività sportive. Talvolta è stato affermato che il Codice di comportamento sportivo sia l atto attraverso il quale i principi etici acquistano uno specifico rilievo giuridico nel mondo sportivo 16. Tuttavia, ancor prima dell emanazione del Codice di comportamento sportivo ed a prescindere da essa, al principio di lealtà sportiva poteva e può attribuirsi la natura di principio, oltre che squisitamente etico, anche giuridico. Trattandosi di principio informatore dello stesso ordinamento sportivo, tale da poter essere qualificato come essenza dell attività sportiva, non si può negare che lo stesso abbia sempre rivestito una forza cogente in siffatto ordinamento. Segnatamente, la lealtà sportiva ha sempre configurato una regola di comportamento di indubbio valore giuridico, imponendo un preciso obbligo di condotta leale e corretta 17. Da ciò consegue che la violazione di tale 1995, p R. CAPRIOLI, L autonomia normativa delle federazioni sportive nazionali nel diritto privato, Napoli, 1997, p. 125 s.; V. FRATTAROLO, L ordinamento sportivo nella giurisprudenza, Milano, 1995, p. 189; V. FRATTAROLO (a cura di), Il procedimento disciplinare sportivo, in Riv. Dir. Sport., 1992, p A. MARINI, cit., p G. LIOTTA, Attività sportive, cit., p. 54 s.; cfr. M. CHIAROTTI, Dovere giuridico della lealtà nelle competizioni sportive, in Riv. dir. sport., 1954, p. 143 s; IDEM, Ancora sulla rilevanza giuridica del dovere di lealtà nelle competizioni sportive, in Riv. dir. sport., 1954, p. 374 s.; R. Simonetta, Etica e diritto nello sport, in Riv. Dir. Sport., 1956, p. 24 s.; M. S. GIANNINI, Prime osservazioni sugli ordinamenti giuridici sportivi, in Riv. dir. sport., 1949, p. 28.

19 obbligo è sempre stata oggetto di valutazione ai fini delle decisioni disciplinari e sanzionatorie 18. In altri termini, si tratta di una norma codificata nel Codice di comportamento sportivo, ma che comunque ha sempre tutelato l ordine giuridico sportivo quale norma fondamentale di tale ordinamento 19. Infatti, in ambito sportivo può generalmente ravvisarsi un costante e stringente obbligo di rispettare il principio di lealtà e correttezza, la cui violazione integra e ha integrato un illecito sportivo. Basti considerare che l illecito tipico costituito dalla frode sportiva, caratterizzato da inganno, astuzia o raggiro, rappresenta una violazione dell obbligo di lealtà sportiva. L inserimento nel Codice di comportamento sportivo ha solo, dunque, cristallizzato un principio giuridico immanente ed operante nell ordinamento sportivo. D altronde, tale principio era già contenuto in numerosi atti normativi sportivi. A titolo esemplificativo, si può menzionare il punto 6 dei principi fondamentali della Carta olimpica, statuto dell ordinamento sportivo internazionale, che recita testualmente: Le società e le associazioni sportive sono soggetti dell ordinamento sportivo e devono esercitare con lealtà sportiva le loro attività, osservando i principi, le norme e le consuetudini sportive, nonché salvaguardando la funzione popolare, educativa, sociale e culturale dello sport. Chi, come Carnelutti 20, vede incompatibilità tra diritto e sport sostiene che sia il fair play e 18 P. MONACO, nota di commento a Commissione d Appello Federale della F.C.I. (federazione ciclistica italiana), 13 giugno 1997, in Riv. dir. sport., 1997, p. 591 s. 19 Cfr., Commissione di Giustizia e Disciplina della federazione italiana canottaggio, 23 luglio 1982, n. 9, in Riv. dir. sport., 1982, p. 648 s.; Commissione d Appello Federale della F.I.G.C. (federazione italiana giuoco calcio), 30 gennaio 1985, in Riv. dir. sport., 1985, p F. CARNELUTTI, Figura giuridica dell arbitro sportivo, in Riv. Dir. proc., 1953, p. 20. Valenti F. Lealtà sportiva 19 non la norma a governare lo sport. La lealtà sportiva, dunque, posta in contrapposizione netta rispetto al precetto giuridico. E Marini 21, in un suo scritto, ricorda come M.S. Giannini afferma che i principi etici nell ordinamento statale rimangono principi etici, mentre si trasformano in principi giuridici nell ordinamento sportivo. Di certo, la natura dei precetti deontologici qual è il principio di lealtà sportiva è stata sempre discussa. Spesso le norme deontologiche sono state ritenute precetti extragiuridici 22, vincolanti soltanto nel momento in cui vengono violati e sanzionati: non è la norma in sé, ma la sua violazione, che è produttiva di effetti giuridici 23. Dunque, regole interne che, come fonti metagiuridiche, non possono trasformarsi in fonti dell ordinamento giuridico statale, in mancanza di un espressa previsione legislativa 24. In altri termini, può fondatamente ritenersi che il principio di lealtà sportiva abbia un significato pregiuridico in quanto risente di una indubbia identificazione con stati etici. Tuttavia, anche a voler attribuire alla lealtà sportiva la nozione di fatto giuridico, cioè fatto dell ordine naturale, valutato dal diritto 25, e quindi il significato di una regola geneticamente non giuridica, non può negarsi che la stessa sia giuridicamente rilevante e, pertanto, pacificamente la sua violazione 21 E. MARINI, Etica e sport, cit., p A.M. SANDULLI, Regole di deontologia professionale sindacato della Cassazione, in Giust. Civ., 1961, I, p A. CATELANI, Gli ordini e i collegi professionali nel diritto pubblico, Milano, 1976, p Nello stesso senso, C. LEGA, Le libere professioni intellettuali nelle leggi e nella giurisprudenza, Milano, 1974, p. 266 ss. 24 Cass. SS.UU. 24 maggio 1975 n. 2104, in Foro it., 1976, I, p. 116 ss.. 25 S. ROMANO, Buona fede (dir. priv.), in Enc. Dir., V, Milano, 1959, p. 677; R. SACCO, La buona fede nella teoria dei fatti giuridici di diritto privato, Milano, 1949.

20 determina l irrogazione di sanzioni giuridiche 26. D altronde, un principio pregiuridico e di connotazione etica può ben ritenersi giuridicamente rilevante quale regola di condotta 27. Il principio di lealtà sportiva, invero, oltre a costituire un principio etico, ben può riportarsi nell alveo giuridico delle clausole generali 28. Così come ritenuto in dottrina con riguardo al principio di correttezza e di buona fede in senso oggettivo, si tratta, da un lato, di una regola di comportamento oggettivamente valutabile e, dall altro, di un parametro di valutazione della legittimità di un comportamento Vale la pena ricordare che anche nell ambito del diritto pubblico la dottrina ha attribuito alla normativa di correttezza un significato di normativa non giuridica, ma giuridicamente rilevante, la cui violazione determina sanzioni giuridiche: S. ROMANO, Principi di diritto costituzionale generale, Milano, 1946, p. 92; P. BISCARETTI DI RUFFIA, Norme sulla correttezza costituzionale, Milano, 1939, p. 94 ss; G. CODACCI PISANELLI, L invalidità come sanzione di norme non giuridiche, Milano, 1940, p. 24 ss.; G. SICCHIERO, Appunti sul fondamento costituzionale del principio di buona fede, in Giur. It., 1993, I, 1, p. 2129; F. MERUSI, L affidamento del cittadino, Milano, 1970; M. SANTILLI, Il diritto civile dello stato. Momenti di una vicenda tra pubblico e privato, Milano, Nello stesso diritto romano era riconosciuta la forza vincolante della bona fides quale criterio normativo di comportamento (G. GROSSO, Buona fede (dir. rom.), in Enc. Dir., V, Milano, 1959, p L. MENGONI, Spunti per una teoria delle clausole generali, in Riv. crit. dir. priv., 1987, p. 13; F. ROSELLI, Il controllo della Cassazione sull uso delle clausole generali, Napoli, 1983; V. PIETROBON, Il dovere generale di buona fede, Padova, 1969; C. CASTRONOVO, L avventura delle clausole generali, in Riv. crit. dir. priv., 1986, p. 21 ss.; A. RICCIO, La clausola generale di buona fede è, dunque, un limite generale all autonomia contrattuale, in Contr. Impr., 1999, p M. FRANZONI, Buona fede ed equità tra le fonti di integrazione del contratto, in Contr. Impr., 1999, p. 83; A. DI MAJO, La buona fede correttiva di regole contrattuali, in Corr. Giur., 2000, p. 1486; A. DI MAJO, Delle obbligazioni in generale, in Commentario del codice civile Scialoja e Branca (a cura di F. Galgano), sub art. 1175, Bologna-Roma, 1988; ID., Valenti F. Lealtà sportiva 20 La lealtà sportiva, quale clausola generale, ha un contenuto intrinsecamente precettivo, sia pure elastico, duttile e rimesso alla concretizzazione che ne viene operata dall interprete. Essa, nell ordinamento giuridico sportivo, ha una funzione integrativa, in quanto autonoma fonte di obblighi, nonché una funzione valutativa, in quanto impone specifici criteri di valutazione. Pur non avendo una portata definitoria compiuta e precostituita, il principio di lealtà sportiva è proprio la clausola generale che consente al sistema di essere sempre coeso a prescindere dalle peculiarità delle pratiche sportive e dal concreto atteggiarsi delle regole tecniche in ciascuno sport operanti. In tal senso, come è stato evidenziato dalla dottrina relativamente al principio generale della correttezza e della buona fede, con il quale sono evidenti l analogia e l assimilabilità concettuale, può ritenersi che la lealtà sportiva rappresenti una clausola di chiusura del sistema, poiché evita di dover considerare permesso ogni comportamento che nessuna norma vieta e facoltativo ogni comportamento che nessuna norma rende obbligatorio. 30 Obbligazione, I, in Enc. Giur. Treccani, XXI, Roma, 1990, 1-43; E. CORRADI, Il dovere di buona fede, in Contratti Cendon, V, Torino, 2000, p. 1; T. PASQUINO, Correttezza e buona fede oggettiva, in Giur. Sist. Dir. Civ. comm. (fondata da W. Bigiavi), I precedenti (a cura di G. Alpa), tomo I, Torino, 2000, p. 547; G. BERLIOZ, La giustizia e la moralità nei contratti. Le nozioni di buona fede e correttezza, in Foro pad., 1994, II, p. 91; V. CARBONE, La buona fede come regola di governo della discrezionalità contrattuale, in Corr. Giur., 1994, p. 566; M. BESSONE - A. D ANGELO, Buona fede, in Enc. Giur., V, Roma, 1988, ad vocem; L. BIGLIAZZI GERI, Buona fede nel diritto civile, in Dig. Disc. Priv., II, Torino, 1988, ad vocem; C.M. BIANCA, La nozione di buona fede quale regola di comportamento contrattuale, in Riv. Dir. Civ., 1983, I, p. 206; E. DELL AQUILA, La correttezza nel diritto privato, Milano, 1980; AA.VV., Studi sulla buona fede, Milano, 1975; D. CORRADINI, Il criterio della buona fede e la scienza del diritto privato, Milano, 1970; S. RODOTÀ, Appunti sul principio di buona fede, in Foro pad., 1964, p F. GALGANO, Diritto civile e commerciale, II, 1, Padova, 1990, p. 462

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

PRESTIGIOUS VILLAS. 1201 beverly hills - los angeles

PRESTIGIOUS VILLAS. 1201 beverly hills - los angeles OLIVIERI Azienda dinamica giovane, orientata al design metropolitano, da più di 80 anni produce mobili per la zona giorno e notte con cura artigianale. Da sempre i progetti Olivieri nascono dalla volontà

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO VERSO UN CODICE DEONTOLOGICO DEL DOCENTE Paolo Rigo paolo.rigo@istruzione.it ALCUNE SEMPLICI

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

ALLA RICERCA DI UNA DIDATTICA ALTERNATIVA THE SQUARE VISUAL LEARNING PROGETTO VINCITORE LABEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMAZIONE

ALLA RICERCA DI UNA DIDATTICA ALTERNATIVA THE SQUARE VISUAL LEARNING PROGETTO VINCITORE LABEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMAZIONE LL RICERC DI UN DIDTTIC LTERNTIV THE SQURE VISUL LERNING PROGETTO VINCITORE LBEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMZIONE L utilizzo di: mappe concettuali intelligenti evita la frammentazione, gli incastri illogici

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI

VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI MODAL VERBS PROF. COLOMBA LA RAGIONE Indice 1 VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI ----------------------------------------------- 3 2 di 15 1 Verbi modali: aspetti grammaticali e pragmatici

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione LA CALETTA È proprio nell ambito del progetto NetCet che si è deciso di realizzare qui, in uno dei tratti di costa più belli della Riviera del Conero, un area di riabilitazione o pre-rilascio denominata

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Rivista di Diritto ed Economia dello Sport

Rivista di Diritto ed Economia dello Sport ISSN 1825-6678 Rivista di Diritto ed Economia dello Sport RACCOLTA SISTEMATICA SUL DOPING A cura di Paolo Amato - Michele Colucci Francesca D Urzo Impaginazione e realizzazione on line a cura di Antonella

Dettagli

Istruzioni per gli autori

Istruzioni per gli autori Istruzioni per gli autori Informazioni generali LO SCALPELLO OTODI Educational è la rivista ufficiale della Società Italiana degli Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d Italia (OTODI) e pubblica articoli

Dettagli

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale Sheet nr.1 for the Italian tax authorities DOMANDA DI RIMBORSO PARZIALE-APPLICATION FOR PARTIAL REFUND * applicata sui canoni pagati da residenti dell'italia

Dettagli

I CONTROLLI INTERNI EX ANTE ED EX POST: IL RUOLO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA

I CONTROLLI INTERNI EX ANTE ED EX POST: IL RUOLO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA La responsabilità amministrativa delle società e degli enti 127 I CONTROLLI INTERNI EX ANTE ED EX POST: IL RUOLO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA Alessandro De Nicola, Senior Partner, Orrick, Herrington & Sutcliffe

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M

C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M Personal information Name Address E-mail FRANCESCA BIONDI DAL MONTE VIA E. FERMI N. 2-56021 CASCINA (PISA) f.biondi@sssup.it Place and date of birth

Dettagli

Prodotto Isi Web Knowledge

Prodotto Isi Web Knowledge Guida pratica all uso di: Web of Science Prodotto Isi Web Knowledge acura di Liana Taverniti Biblioteca ISG INMP INMP I prodotti ISI Web of Knowledge sono basi di dati di alta qualità di ricerca alle quali

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

MODULO D ISCRIZIONE 2015 41^ EDIZIONE ENTRY FORM LA DUECENTO. Pescaggio/Draft CLASSE

MODULO D ISCRIZIONE 2015 41^ EDIZIONE ENTRY FORM LA DUECENTO. Pescaggio/Draft CLASSE MODULO D ISCRIZIONE 2015 41^ EDIZIONE ENTRY FORM Nome barca/yacht name Cantiere /Shipyard Colore dello scafo/hull color Numero velico/sail number Modello/Model Imbarcazione sponsorizzata/sponsor name Data

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE Externally set task Sample 2016 Note: This Externally set task sample is based on the following content from Unit 3 of the General Year 12 syllabus. Learning contexts

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze dell Istituto di

Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze dell Istituto di Cent anni di scienza del controllo Sergio Bittanti Politecnico di Milano Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

PROVINCIA DI ASTI Sistema Informativo e Statistica Tel 0141.433250 www.provincia.asti.it

PROVINCIA DI ASTI Sistema Informativo e Statistica Tel 0141.433250 www.provincia.asti.it PROVINCIA DI ASTI Sistema Informativo e Statistica Tel 0141.433250 www.provincia.asti.it --==0==-- GNU AFFERO GENERAL PUBLIC LICENSE Version 3, 19 November 2007 Copyright 2007 Free Software Foundation,

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Aspetti critici e rimedi Avv. Giovanni Indirli Senior attorney +32 2 5515961 gindirli@mayerbrown.com 21 Maggio 2010 Mayer Brown is a

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual.

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual. MANUALE GRANDE PUNTO A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even those that range from same brand name

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

trovando in loro, veramente ma non pomposamente, le leggi principali della nostra natura:

trovando in loro, veramente ma non pomposamente, le leggi principali della nostra natura: From : The principal object - To : notions in simple and unelaborated expressions. The principal object, then, proposed in these Poems was to choose incidents L oggetto principale, poi, proposto in queste

Dettagli

Vendita con riserva della proprietà e successione mortis causa del compratore

Vendita con riserva della proprietà e successione mortis causa del compratore Vendita con riserva della proprietà e successione mortis causa del compratore Si pone il problema di individuare con esattezza gli obblighi tributari dei chiamati all eredità del compratore con patto di

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli