Direttori. Direttore Responsabile A. OLIARO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttori. Direttore Responsabile A. OLIARO"

Transcript

1 MEDICINA DELLO SPORT Rivista trimestrale della Federazione Medico-Sportiva Italiana. Continuazione di: Studi di Medicina e Chirurgia dello Sport, Medicina Sportiva Direttori G. SANTILLI - M. CASASCO Comitato Editoriale N. BACHL (Vienna) - F. BENAZZO (Pavia) - A. BIFFI (Roma) - M. BONIFAZI (Siena) - F. BOTRE (Roma) E. CASTELLACCI (Lucca) - P. CERRETELLI (Milano) - G. CERULLI (Perugia) - L. COIANA (Cagliari) - D. CORRADO (Padova) J. M. CUMMISKEY (Dublino) - A. DAL MONTE (Roma) - F. DE FERRARI (Brescia) - E. H. DE ROSE (Porto Alegre) H. H. DICKHUTH (Freiburg) - L. DI LUIGI (Roma) - P. E. DI PRAMPERO (Udine) - M. FAINA (Roma) - G. FANO (Chieti) C. FOTI (Roma) - S. GIANNINI (Roma) - C. G. GRIBAUDO (Torino) - G. LETIZIA MAURO (Palermo) L. MAGAUDDA (Messina) - P. P. MARIANI (Roma) - G. MASSAZZA (Torino) - L. MICHELI (Boston) - P. PARISI (Roma) S. PECORELLI (Brescia) - A. PELLICCIA (Roma) - F. PIGOZZI (Roma) - C. G. ROLF (Sheffield) - P. ROCHECONGARD (Renne) E. ROVELLI (Milano) - R. SALLIS ( Rancho Cucamonga, CA - USA) - F. SCHENA (Verona) - A. TODARO (Roma) G. C. TOPI (Roma) - C. TRANQUILLI (Roma) - A.G. UGAZIO (Roma) - A. VEICSTEINAS (Milano) - A. VIRU (Tartu) P. VOLPI (Milano) - P. ZEPPILLI (Roma) Comitato di Redazione A. BONETTI - E. DRAGO - S. DRAGONI - G. FRANCAVILLA Direttore Responsabile A. OLIARO This journal is PEER REVIEWED and is quoted in: Focus On: Sports Science & Medicine (ISI) - SPORT Database, SPORT Discus - BIOSIS La Rivista è citata nel Journal Citation Reports (ISI) con Impact Factor Direzione e Redazione: Federazione Medico-Sportiva Italiana - Viale Tiziano Roma. Ufficio grafico, ufficio pubblicità, fotocomposizione, amministrazione - Edizioni Minerva Medica - Corso Bramante Torino - Tel. (011) Fax (011) Web Site: Stampa - Edizioni Minerva Medica - Tipografia di Saluzzo - Corso IV Novembre Saluzzo (CN) - Tel. (0175) Fax (0175) Abbonamento annuo: Italia - Individuale: Cartaceo 82,00, Cartaceo+Online 86,00; Istituzionale: Cartaceo 115,00, Online (Small 216,00, Medium 247,00, Large 288,00, Extra Large 300,00), Cartaceo+Online (Small 227,00, Medium 272,00, Large 317,00, Extra Large 330,00); il fascicolo 30,00. Unione Europea - Individuale: Cartaceo 140,00, Cartaceo+Online 147,00; Istituzionale: Cartaceo 215,00, Online (Small 216,00, Medium 247,00, Large 288,00, Extra Large 300,00), Cartaceo+Online (Small 227,00, Medium 272,00, Large 317,00, Extra Large 330,00); il fascicolo 55,00. Paesi extraeuropei - Individuale: Cartaceo 153,00, Cartaceo+Online 160,00; Istituzionale: Cartaceo 237,00, Online (Small 238,00, Medium 272,00, Large 317,00, Extra Large 330,00), Cartaceo+Online (Small 249,00, Medium 299,00, Large 349,00, Extra Large 360,00); il fascicolo 60,00. Per il pagamento: 1) gli abbonati possono utilizzare le seguenti forme a) conto corrente postale intestato a Edizioni Minerva Medica, Corso Bramante 83-85, Torino; b) assegno bancario; c) carte di credito Diners Club International, Master Card, VISA, American Express; 2) i soci devono contattare direttamente la Segreteria della Federazione I cambi di indirizzo vanno segnalati tempestivamente inviando nuovo e vecchio indirizzo e una targhetta di spedizione I reclami per i fascicoli mancanti devono pervenire entro 6 mesi - I fascicoli e le annate arretrati vengono maggiorati del 50% Edizioni Minerva Medica - Torino 2009 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa e memorizzata in qualsiasi forma e con qualsiasi forma e con qualsiasi mezzo Pubblicazione trimestrale. Autorizzazione del Tribunale di Torino n del Iscrizione nel registro nazionale della stampa di cui alla legge n. 416 art. 11 con il numero vol. 2 foglio 377 in data Pubblicazione periodica trimestrale - Poste Italiane S.p.A. - Sped. in a.p. - D. L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 N 46) art. 1, comma 1, DCB/CN

2 MEDICINA DELLO SPORT Vol. 62 Settembre 2009 Numero 3 INDICE 247 EDITORIALE L attività fisica nel bambino ed adolescente affetto da patologia cronica Ugazio A. G. 251 AREA VALUTAZIONE FUNZIONALE Profili di fitness di judoka d elite di sesso femminile della squadra nazionale della Serbia Drid P., Maksimovic N., Matic R., Obradovic B., Milosevic Z., Ostojic S. M. 285 Utilizzo della coronaro-tc 64 in soggetti sottoposti a visita per idoneità sportiva agonistica Guiducci V., Tortorella G., Manari A. 299 Effetti di un programma di allenamento ad intensità moderata della durata di 12 settimane in soggetti sopra i 60 anni di età affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva Averna T., Brunelli S., Delussu A. S., Porcacchia P., Lucarelli E., Polidori L., Traballesi M. 265 Correlazione della capacità di salto verticale in giovani calciatori Siahkouhian M., Faramoushi M., Hedayatnejad M. 315 Effetti antidiabetici dell attività fisica e della supplementazione di fenugreek in soggetti di sesso maschile affetti da NIDDM Karim A., Siroosce C., Jabrayel P. J. 273 AREA MEDICA Studio pilota della Carta del benessere. Parte II. Discipline sportive e obesità giovanile Silvestrini B., Arpino M., Ferrante M., Musicco M., Santilli G. 325 AREA ORTOPEDICA La sindrome compartimentale cronica della gamba nei giovani atleti: la nostra esperienza Bottiglia Amici-Grossi P. F., Ferrua P., Ometti M., Mondini A., Di Luca G. Vol. 62, N. 3 MEDICINA DELLO SPORT XI

3 INDICE 335 LA MEDICINA DELLO SPORT PER SPORT Gli sport natatori Bonifazi M., Marugo L., Armentano N., Camillieri G., Colombo G., Crescenzi S., Felici A., Mattiotti S., Melchiorri G., Giombini A., Sardella F., Benelli P., Gatta G., Zamparo P., Saini G. 379 LA MEDICINA DELLO SPORT... PER SPORT NEI FASCICOLI 382 NOTIZIARIO FEDERALE 384 CONGRESSI XII MEDICINA DELLO SPORT Settembre 2009

4 MEDICINA DELLO SPORT Vol. 62 September 2009 No. 3 CONTENTS 247 EDITORIAL Physical activity in children and adolescents with chronic pathologies Ugazio A. G. 285 Usefulness of 64-multislice computed tomography coronary angiography in physical fitness examination Guiducci V., Tortorella G., Manari A. 251 FUNCTIONAL ASSESSMENT AREA Fitness profiles of elite female judokas of the Serbian national team Drid P., Maksimovic N., Matic R., Obradovic B., Milosevic Z., Ostojic S. M. 299 Effects of a moderately intensive, 12-week training program on participants over 60 years of age with chronic obstructive pulmonary disease Averna T., Brunelli S., Delussu A. S., Porcacchia P., Lucarelli E., Polidori L., Traballesi M. 265 Correlation of vertical jump performance with flexibility in young soccer players Siahkouhian M., Faramoushi M., Hedayatnejad M. 315 Antidiabetic effects of exercise and fenugreek supplementation in males with NIDDM Karim A., Siroosce C., Jabrayel P. J. 273 MEDICAL AREA Healthy Growth Chart Project. Part 2. A pilot study on sports and juvenile obesity Silvestrini B., Arpino M., Ferrante M., Musicco M., Santilli G. 325 ORTHOPEDIC AREA Chronic exertional compartment syndrome of the leg in young athletes: authors experience Bottiglia Amici-Grossi P. F., Ferrua P., Ometti M., Mondini A., Di Luca G. Vol. 62, N. 3 MEDICINA DELLO SPORT XIII

5 CONTENTS 335 SPORT MEDICINE FOR SPORT Swimming Bonifazi M., Marugo L., Armentano N., Camillieri G., Colombo G., Crescenzi S., Felici A., Mattiotti S., Melchiorri G., Giombini A., Sardella F., Benelli P., Gatta G., Zamparo P., Saini G. 379 SPORT MEDICINE... FOR SPORT IN PAST ISSUES 382 NEWS 384 CONGRESSES XIV MEDICINA DELLO SPORT Settembre 2009

6 Editorial Editoriale MED SPORT 2009;62: Physical activity in children and adolescents with chronic diseases L attività fisica nel bambino ed adolescente affetto da patologia cronica A. G. UGAZIO Dipartimento di Medicina Pediatrica IRCCS Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Roma Over the course of the last century, Paediatrics has made a decisive contribution to promoting the health of children and adolescents. Eloquent witness to this can be found in the sharp drop in infant mortality in Italy which even as late as the beginning of the 20th century was only slightly less than 20%. Then after mid-century it fell rapidly to the point where in recent years it has settled below 5. At the end of this pioneering stage, resulting essentially from our success in diagnosing and treating infectious diseases, Paediatrics has found itself addressing three main causes of morbility and mortality: multiple traumas due to road accidents (which remain the principal cause of mortality from the age of 5 upwards in all industrialised countries), single-gene and multifactorial genetic diseases, and severe prematurity. Advances have been impressive in these areas too. Today most preterm newborns survive, whereas some time ago they would not have lasted into the first hours or the very first days of life. Children with congenital cardiopathies, cystic fibrosis, congenital immune deficiencies, insulin-dependent diabetes etc. also survive and more often than not become adults. And most children who have suffered severe traumas also survive. Survival, however, does not mean cure. Contemporary medicine is rarely able to cure these conditions: it has transformed them from rapidly fatal into chronic diseases. The seriously ill pre-term child, for example, may survive but will frequently do so in the company of N el corso dello scorso secolo, la Pediatria ha contribuito in misura determinante alla promozione della salute del bambino e dell adolescente. Ne è testimonianza eloquente il crollo della mortalità infantile nel nostro Paese che, ancora agli inizi del 900 era di poco inferiore al 20% e che andò poi rapidamente calando, soprattutto dopo la metà dello scorso secolo fino a scendere in questi ultimi anni sotto il 5. Esaurita questa fase pionieristica, frutto essenzialmente del successo nella diagnosi e nella terapia delle malattie infettive, la Pediatria si è trovata ad affrontare tre cause principali di morbilità e mortalità: i politraumatismi da incidenti stradali (che rimangono a tutt oggi la principale causa di mortalità dall età di 5 anni in poi in tutti i Paesi industrializzati), le malattie genetiche ad ereditarietà semplice e multifattoriale e la grave prematurità. Anche in questi campi i progressi sono stati impressionanti. Oggi sopravvive la maggior parte dei nati pretermine che un tempo non superavano le prime ore o i primissimi giorni di vita. Sopravvivono anche - e sempre più spesso diventano adulti - i bambini con cardiopatie congenite, con fibrosi cistica, con deficit congeniti dell immunità, con diabete insulino-dipendente E sopravvive la stragrande maggioranza dei bambini che ha subito gravi politraumatismi. Sopravvivenza, tuttavia, non significa guarigione. La medicina contemporanea non é (quasi) mai in grado di guarire queste condizioni: le ha trasformate da malattie rapidamente mortali in malattie croniche. Il grave pretermine, ad esempio, sopravviverà, ma avrà Vol. 62, N. 3 MEDICINA DELLO SPORT 247

7 UGAZIO PHYSICAL ACTIVITY IN CHILDREN AND ADOLESCENTS WITH CHRONIC PATHOLOGIES more or less major neurological problems for the rest of his life; the child with cystic fibrosis may become an adult but only provided the prevention and treatment of his recurrent pulmonary infections and his many other endocrinological, nutritional, reproductive problems and so on are never abandoned; the polytraumatised child will have to live with disabilities that are not always minor. As a consequence, paediatrics today is less and less concerned with children with simple acute diseases, which can almost always be diagnosed and treated with comparative ease and without requiring hospitalisation. Our speciality is increasingly involved with offering integrated multispecialistic social and medical assistance to an increasing number of children and adolescents with complex chronic diseases. This is an authentic challenge that creates problems of enormous social impact: for the National Health Service, which has to deal with chronic diseases and disabilities growing resources which it finds more and more difficult to rise; for the job market, to which patients with physical or neuropsychic problems are introduced on a routine basis in the hope of offering them a better quality of life; for society as a whole, which finds itself having to address problems of introducing such patients into the world of school and work, socialisation and quality of life which, alone, neither the paediatrician nor the family of the child or adolescent with chronic diseases are able to resolve. In today s social and cultural context, the sports activities of children and adolescents with chronic diseases have assumed an increasingly important role as an effective instrument that is readily accepted for the achievement of higher levels of physical and psycho-social wellbeing. Moreover, sporting activity on the part of children and adolescents with chronic diseases poses tricky new problems both for the paediatrician and the Sports Medicine sector. When to recommend and permit sporting activity in the case of a child who cannot be described as of healthy and robust constitution as we used to say in the past? What sport to recommend? How do we control the impact of sporting activity? And let s not forget the problems of certification. Given that everyone must be allowed to take part in physical activity depending on his functional ability, it is the duty of the health care professional to do everything in his power to offer the person concerned every opportunity, nothing excluded. a che fare molto spesso per tutta la vita con problemi neurologici dal più al meno rilevanti; il bambino con fibrosi cistica diventerà adulto ma a patto di non abbandonare mai la prevenzione e la cura delle infezioni polmonari ricorrenti e di molti altri problemi endocrinologici, nutrizionali, riproduttivi ; il politraumatizzato dovrà convivere con handicap che non sempre sono di lieve entità. Di conseguenza la pediatria attuale ha sempre meno a che fare con bambini che soffrono di malattie acute semplici, quasi sempre diagnosticabili e curabili con relativa semplicità e senza ricorrere all ospedalizzazione. E sempre più impegnata, invece, ad offrire un assistenza socio-sanitaria multispecialistica integrata ad un numero crescente di bambini e di ragazzi con malattie croniche complesse. E una vera e propria sfida che crea problemi di enorme impatto sociale: al Sistema Sanitario Nazionale, il quale deve dedicare alle malattie croniche e all handicap risorse crescenti e sempre più difficilmente sostenibili; al mondo del lavoro, nel quale vengono inseriti, ormai di routine, pazienti con handicap fisico o neuro-psichico, con la speranza di poter offrire loro una migliore qualità di vita; alla società nel suo insieme che si trova ad affrontare nella loro globalità problemi di inserimento nel mondo della scuola e del lavoro, di socializzazione e di qualità di vita che, da soli, né il Pediatra né la famiglia del bambino e del ragazzo con malattia cronica sono in grado di risolvere. Nell attuale contesto sociale e culturale, la pratica sportiva dei bambini e dei ragazzi con malattia cronica è andata assumendo un ruolo sempre più rilevante come strumento efficace e meglio accettato per il raggiungimento di livelli sempre più elevati di salute fisica e psico-sociale. Peraltro, la pratica dello sport da parte di bambini e ragazzi con malattie croniche pone problemi nuovi e tutt altro che semplici sia al Pediatra che al Medico dello Sport. Quando consigliare e consentire l attività sportiva ad un bambino che rifacendosi a formule dei tempi passati non è certo di sana e robusta costituzione? Quali sport consigliare? Come controllare l impatto dell attività sportiva? E non possiamo certo trascurare i problemi della certificazione. Premesso che a tutti deve essere consentito praticare l attività fisica a seconda della propria capacità funzionale, è dovere dell operatore sanitario agire al meglio per poter offrire all interessato tutte le opportunità senza precludere nulla a priori. La Legge sulla Tutela Sanitaria dell attività spor- 248 MEDICINA DELLO SPORT Settembre 2009

8 PHYSICAL ACTIVITY IN CHILDREN AND ADOLESCENTS WITH CHRONIC PATHOLOGIES UGAZIO The Law on the Medical Protection of sporting activity is very severe in Italy. It lays down stringent controls with specific periodicity for every type of event and above all attributes personal responsibility to the physician who certifies fitness to carry out a physical activity and gives his consent to the patient to carry it out. As fully demonstrated in population studies, this law has greatly reduced the incidence of sudden death and is today being looked at by legislators in numerous other countries. So, physical activity for all in accordance with individual psycho-physical possibilities but only after severe controls. We must never forget the distinction between competitive activity and play: but nor must we use the decision to deny a certificate of fitness for competitive activity to prevent a patient with chronic pathology from engaging in normal play. In this case too, unfortunately, for the fear of professional risks, there is a strong temptation to confine ourselves to not recommending physical activity for children with chronic diseases when the situation should be looked at from two points of view: first carry out a meticulous cardiorespiratory functional assessment and then complete it with the assessment of the specialist who has the child in his care. Just as an example, a boy who has been off therapy for at least 6 months for acute lymphoid leukaemia who wants to engage in physical activity is subjected to a functional evaluation protocol consisting of a cardiological examination; measurement of arterial pressure; exercise test on a treadmill; spirographic examination; mono and 2D Color Doppler echocardiogram. The haematologist performs the most appropriate tests and gives his assessment of the patient s haematological situation. Only taken together all these parameters can provide a real picture of the patient s physical situation and permit the patient s physician or the sports doctor to draft a fitness for physical activity certificate, including competitive activity (sports doctor). It is clear that annual checks are necessary to renew the certificate. Only in this fashion, appropriately extended to all pathologies and with obvious protocol differences for each of them, is it possible to reach a correct judgment to protect the patient and, with him, the certifying physician. In our opinion, one of the thorniest problems to be solved in daily practice is that of persuading parents, and often our colleagues, that the ongoing pathology does not allow the patient to tiva è, nel nostro Paese, molto severa perché impone controlli accurati, con periodicità specifica per ogni singola disciplina e soprattutto rende responsabile in prima persona il medico che certifica l idoneità alla pratica di una attività fisica ed avvia il paziente a praticarla. Questa legge, come ampiamente dimostrato da rigorosi studi di popolazione, ha notevolmente ridotto l incidenza della morte improvvisa ed è oggi allo studio dei legislatori di numerosi altri Paesi. Dunque, attività fisica per tutti, secondo le proprie possibilità psico-fisiche, previo accurato controllo. Non dobbiamo dimenticare la distinzione che esiste tra attività agonistica ed attività ludica; ma non dobbiamo trincerarci dietro la negazione di una idoneità all attività agonistica, per non permettere ad un paziente con patologia cronica di praticare una normale attività ludica. Anche in questo caso, purtroppo, per il timore di rischi professionali, è forte la tentazione di limitarsi a sconsigliare l attività fisica ai bambini con malattie croniche quando invece occorre inquadrare la situazione da due punti di vista: eseguire anzitutto una accurata valutazione funzionale cardiorespiratoria e, successivamente, integrarla con la valutazione dello specialista che segue il bambino per la sua specifica patologia. Un esempio concreto: un ragazzo off-therapy da almeno 6 mesi per una leucemia linfoide acuta che vuole praticare attività fisica viene sottoposto ad un protocollo di valutazione funzionale consistente in visita cardiologica; misurazione della pressione arteriosa; prova da sforzo al tappeto rotante; esame spirografico; ecocardiogramma mono 2D Color Doppler. L ematologo curante esegue gli accertamenti più opportuni ed esprime una valutazione sulla situazione ematologica del paziente. Soltanto l insieme di tutti questi parametri può fornire un quadro reale della situazione fisica del paziente e può consentire al medico curante o al Medico dello Sport di stilare un certificato di idoneità all attività fisica, anche agonistica (Medico dello Sport). E evidente che sono necessari controlli annuali per rinnovare l idoneità alla pratica dell attività fisica. Solo in questo modo, opportunamente esteso a tutte le patologie e con ovvie differenze di protocollo per ognuna di esse, è possibile esprimere un giudizio corretto che tuteli il paziente e, con lui, anche il medico certificatore. A nostro avviso, uno dei problemi più spinosi da risolvere nella pratica quotidiana è quello di far capire ai genitori, e spesso anche ai Colleghi, che la patologia in atto non consente di praticare determinate discipline sportive che possono arrecare più Vol. 62, N. 3 MEDICINA DELLO SPORT 249

9 UGAZIO PHYSICAL ACTIVITY IN CHILDREN AND ADOLESCENTS WITH CHRONIC PATHOLOGIES practice a particular sport, which can cause more damage than benefits; for a person working in the sector it would be unforgivable to underestimate this latter aspect since, in these cases, physical activity must be understood as an integral part of treatment. A typical example: in an adolescent suffering from bicuspid aorta with dilation of the aortic root and valve insufficiency (however slight), how can we be sure that physical activity involving high cardiovascular commitment (e.g. football, the most practiced sport in Italy by male children and adolescents) might not aggravate a precariously balanced situation? All this to underline that it is totally mistaken to confine ourselves to negating a physical activity which at that moment appears to be the only desirable one for the patient in question. It is essential to propose options, open up a constructive, explanatory dialogue with the child (or adolescent) and his family so as to explain the situation and direct their choice towards an activity suited to the clinical situation and correctly practiced. When we speak of chronic pathology, the problems that may emerge from the cardiovascular system, particularly the heart, are noteworthy. The functional delicacy of this organ demands even greater attention in the application of functional assessment protocols, but not a word of what we have stated above needs to be changed. An autistic adolescent who runs, a diabetic who regularly takes part in competitive activities, are for goals that a few years ago would have seemed impossible to achieve for Sports Medicine. It is necessary to continue along this path with discipline and strong ethical inspiration and acquire new knowledge in this enormous field with a view to offering less fortunate children and adolescents a brighter future. danno che beneficio; per un operatore del settore sarebbe imperdonabile sottovalutare quest ultimo aspetto dal momento che, in questi casi, l attività fisica deve essere intesa come parte integrante della terapia. Anche in questo caso un esempio su tutti: in un ragazzo portatore di aorta bicuspide con dilatazione della radice aortica ed insufficienza (anche lieve) della valvola, come si può essere certi che l attività fisica ad impegno cardiovascolare elevato (es. il calcio, lo sport più praticato in Italia da bambini ed adolescenti di sesso maschile) non possa peggiorare una situazione in equilibrio precario? Tutto questo per sottolineare che è profondamente sbagliato limitarsi a negare l attività fisica che in quel momento per l interessato sembra l unica desiderabile. E essenziale proporre opzioni alternative, aprire un dialogo costruttivo e chiarificatore con il bambino (o il ragazzo) e la sua famiglia per spiegare la situazione ed indirizzare la scelta verso una attività fisica adatta alla situazione clinica e corretta anche nella modalità di esecuzione. Si rimane impressionati, quando si parla di patologia cronica, dai problemi che può riservare l apparato cardiovascolare ed in particolare il cuore. La delicatezza della funzione di questo organo impone ancor maggior attenzione nell applicazione dei protocolli di valutazione funzionale, ma non sposta di una virgola quanto affermato in precedenza. Un ragazzo affetto da autismo che pratica la corsa, un diabetico che pratica regolarmente attività fisica anche agonistica, sono per la Medicina dello Sport traguardi che alcuni anni or sono sembravano impossibili da raggiungere. È necessario proseguire nel cammino intrapreso con rigore e forte ispirazione etica e acquisire nuove conoscenze in questo campo così vasto, al fine di poter offrire ai bambini e ai ragazzi meno fortunati un futuro migliore. 250 MEDICINA DELLO SPORT Settembre 2009

10 Functional evaluation area Area valutazione funzionale MED SPORT 2009;62: Fitness profiles of elite female judokas of the Serbian national team Profili di fitness di judoka d elite di sesso femminile della squadra nazionale della Serbia P. DRID 1, N. MAKSIMOVIC 1, R. MATIC 1, B. OBRADOVIC 1, Z. MILOSEVIC 1, S. M. OSTOJIC 2 1 Faculty of Sport and Physical Education, University of Novi Sad, Novi Sad, Serbia 2 Faculty of Sport and Tourism, Novi Sad Metropolitan University, Novi Sad, Serbia SUMMARY Aim. The purpose of this study was to determine fitness profiles of top-level female judokas of the Serbian national team and to find which physical and physiological characteristics separate the more successful from less successful athletes. Methods. Sixteen elite female judokas of the Serbian national team (weight categories from kg) took part in the study. The participants were allocated in two experimental groups (Group A and Group B) according to their achievements in previous international competitions. Group A (top-quality performers) consisted of eight judokas who won at least one or more individual medals in international competitions in the last five years. Group B (sub-elite athletes) consisted of eight athletes who had not won any individual medals internationally. Anthropometric and physical fitness values (including body fat, muscle strength, aerobic and anaerobic fitness) were measured in all subjects. Results. Group A had significantly lower fat mass as compared to group B (P<0.05). The differences between the two groups for aerobic fitness were non-significant after normalizing maximal oxygen uptake (V. O 2max ) for lean body mass (P>0.05). The differences between two groups were significant for bench press and seated-row pull with superior results recorded for elite athletes as compared to sub-elite counterparts (P<0.05). Significant differences between groups were found in number of throws during specific judo fitness test (SJFT) and lactate concentrations 5 minutes post-exercise (La 5) (P<0.05). Conclusion. The present study indicates that a strong relationship exists between body fat, strength and performance level in elite female judo. KEY WORDS: Muscle strength - Exercise test - Martial arts. RIASSUNTO Obiettivo. L obiettivo di questo studio era di determinare I profili di fitness di judoka di sesso femminile di massimo livello della squadra nazionale della Serbia e di individuare quali caratteristiche fisiche e fisiologiche permettano di distinguere le atlete di maggior successo da quelle di livello inferiore. Metodi. Sedici judoka d elite di sesso femminile della squadra nazionale della Serbia (categorie di peso da kg) hanno preso parte allo studio. Le partecipanti sono state suddivise in due gruppi sperimentali (Gruppo A e Gruppo B) in base ai loro risultati conseguiti nelle precedenti competizioni internazionali. Risultati. Il Gruppo A (atlete di massimo livello) era costituito da otto judoka che avevano vinto almeno una o più medaglie individuali in competizioni internazionali negli ultimi cinque anni. Il Gruppo B (atlete di sub-elite ) era costituito da otto atlete che non avevano precedentemente vinto alcuna medaglia individuale in campo internazionale. I valori di fitness antropometrici e fisici (tra cui, il grasso corporeo, la forza muscolare, la fitness aerobica ed anaerobica) sono Vol. 62, N. 3 MEDICINA DELLO SPORT 251

11 DRID PROFILES OF ELITE FEMALE JUDOKAS stati misurati in tutti i soggetti. Il Gruppo A aveva una significativamente minor massa grassa rispetto al gruppo B (P<0,05). Le differenze tra i due gruppi in termini di fitness aerobica non erano statisticamente significative dopo aver normalizzato l uptake massimale di ossigeno (V. O 2max ) per la massa magra corporea (P> 0,05). Le differenze tra i due gruppi erano statisticamente significative per quanto riguarda il test della panca e il seated-row pull con risultati migliori registrati per le atlete d elite rispetto alla controparte di sub-elite (P< 0,05). Differenze significative tra i due gruppi sono state riscontrate nel numero di lanci durante lo specifico judo fitness test (SJFT) e nelle concentrazioni di lattato 5 minuti dopo l esercizio (La 5) (P< 0,05). Conclusioni. Il presente studio conclude che esiste una forte relazione tra il grasso corporeo, la forza e il livello di performance nel judo femminile d elite. PAROLE CHIAVE: Forza muscolare - Test di valutazione - Arti marziali. The uniqueness of judo is reflected, among other things, in specific throws and control techniques. Its movement patterns are considered to be highly demanding for most major muscle groups. 1, 2 Anaerobic system is responsible for brief, rapid and explosive bursts of strength during a match, whereas the aerobic system contributes to a judoist s ability to sustain maximal effort throughout, as well as during periods of recovery or low-intensity effort. 3, 4 In sport selection for judo, it is necessary to focus on the characteristics and abilities that are the most influential for athletic performance but also on those primarily dispositioned by hereditary factors. 5 In an evaluation of a training process, indicators of fitness levels were used to observe the variables most susceptible to changes induced by training, those with the greatest influence on athletic performance. 5-7 Although it is necessary to determine both general and specific fitness profiles of judokas for optimal selection and evaluation of the training process, the fitness profile of top-level female judokas are less adequately analyzed. Therefore, the purpose of this study was to determine: 1) fitness profiles of sixteen elite female judokas of the Serbian national team, and, 2) which anthropometric characteristics, motor and physiological abilities separate the more successful from less successful athletes. Considering that a judo match is a physical activity that include intervals of all-out, explosive efforts, interrupted with brief periods of rest (breaks between mate and hajime ), 8 we hypothesized that explosive power and anaerobic exercise program may be the most relevant predictors of sport success. Materials and methods Subjects Sixteen (N.=16) elite female judokas of the Serbian national team (weight categories from L unicità del judo risiede, tra l altro, in specifiche tecniche di lancio e controllo. I suoi pattern di movimento sono considerati molto impegnativi per la maggior parte dei gruppi di muscoli maggiori 1, 2. Il sistema anaerobico è responsabile di brevi, rapide e esplosive liberazioni di forza durante un match, mentre il sistema aerobico contribuisce alla capacità del judoista di sostenere uno sforzo massimale in ogni situazione, come durante periodi di recupero o sforzo di bassa intensità 3, 4. Nella selezione del judo tra gli sport, è necessario concentrarsi non solo sulle caratteristiche e sulle capacità che hanno la massima influenza sulla performance atletica ma anche su quelle determinate geneticamente 5. Nella valutazione di un processo di training, venivano utilizzati degli indicatori di livelli di fitness per individuare le variabili più suscettibili ai cambiamenti indotti dal training stesso, quelle con la massima influenza sulla performance atletica 5-7. Sebbene sia necessario determinare sia i profili di fitness generali sia quelli specifici dei judoka per la selezione e valutazione ottimale del processo di allenamento, i profili di fitness di judoka di sesso femminile di massimo livello sono stati analizzati in maniera meno approfondita. Pertanto, l obiettivo di questo studio era di determinare: 1) profili di fitness di sedici judoka d elite di sesso femminile della squadra nazionale della Serbia, e 2) quali caratteristiche antropometriche, capacità motorie e fisiologiche separino le atlete di maggior successo da quelle di livello inferiore. Considerando che un match di judo costituisce un attività fisica che prevede intervalli di violenti sforzi esplosivi, interrotti da brevi periodi di riposo (pause tra mate e hajime) 8, gli autori hanno ipotizzato che la potenza esplosiva e il programma di esercizio anaerobico possano essere i fattori predittivi più rilevanti del successo sportivo. Materiali e metodi Soggetti Sedici (N.=16) judoka di sesso femminile d elite della squadra nazionale della Serbia (categorie di 252 MEDICINA DELLO SPORT Settembre 2009

12 PROFILES OF ELITE FEMALE JUDOKAS DRID kg) took part in the study. All subjects gave their informed consent and volunteered to participate in the study with the approval of the University s Ethical Advisory Commission. The participants were allocated in two experimental groups (Group A and Group B) according to their achievements in previous international competitions. Group A (top-quality performers) consisted of eight judokas who won at least one or more individual medals in international competitions in the last five years. Group B (sub-elite athletes) consisted of eight athletes who had not won any individual medals internationally. Training experience of all participants ranged from 7-20 years. All subjects were in good health (i.e. free from endocrine and cardiovascular disease, musculoskeletal dysfunction, cancer and smoking), participating in consistent judo training. Practices were held for two hours per day, five times per week. Throughout the years, apart from judo practices, all participants were involved in additional sessions of strength training and conditioning, both pre-season and during the competitive season (at least 4 hours per week). We presume that both groups had been exposed to similar training regimens at least in the past two years. Subjects were already familiar with testing procedures, as they had been a part of their regular training process. The study was conducted at the beginning of training program for the 2007 Balkan Championships in Greece. Experimental design Testing took place over four days. Subjects reported to the testing field at 10 a.m. after a rest of between 10 and 12 h. The first session (Day 1) included assessments of anthropometric indices and muscle strength. On the second day (Day 2), anaerobic power was assessed while aerobic fitness was estimated during the third session (Day 3); specific work ability was assessed on the last session (Day 4). The warm-up for each session was similar, consisting of 5 min of light jogging, a standard set of warm-up exercises (10 squats, 10 heel-lifts standing on tiptoes, 10 situps and 10 back extensions off the floor), followed by 2 min of active stretching (about 15 sec for each major muscle group). In the 24-h before the experiment participants were instructed to refrain from any strenuous exercise, and to maintain their nutritional habits prior to and during testing. They all consumed light breakfast peso da kg) hanno preso parte allo studio. Tutti i soggetti hanno fornito il consenso informato e hanno partecipato in maniera volontaria allo studio, dopo approvazione del Comitato Etico dell Università. Le partecipanti sono state suddivise in due gruppi sperimentali (Gruppo A e Gruppo B) in base ai loro risultati conseguiti nelle precedenti competizioni internazionali. Il Gruppo A (atlete di massimo livello) era costituito da otto judoka che avevano vinto almeno una o più medaglie individuali in competizioni internazionali negli ultimi cinque anni. Il Gruppo B (atlete di sub-elite ) era costituito da otto atlete che non avevano precedentemente vinto alcuna medaglia individuale in campo internazionale. L esperienza di training di tutte le partecipanti era compresa tra 7 e 20 anni. Tutte le atlete godevano di buona salute (in particolare, erano esenti da patologie endocrinologiche e cardiovascolari, disfunzioni muscolo-scheletriche, malattie neoplastiche e fumo), e prendevano parte a costante allenamento di judo. Gli esercizi venivano svolti per due ore al giorno, cinque volte alla settimana. Negli anni, oltre agli esercizi di judo, tutte le partecipanti erano coinvolte in ulteriori sessioni di allenamento e condizionamento della forza, sia nella pre-season sia durante la stagione delle competizioni (almeno 4 ore alla settimana). È stato supposto che entrambi i gruppi siano stati esposti a regimi di allenamento simili almeno negli ultimi due anni. I soggetti erano ben addestrati alle diverse procedure di test, facendo esse parte del regolare programma di allenamento. Lo studio era stato condotto all inizio del programma di allenamento per i Campionati dei Balcani in Grecia nel Disegno sperimentale I test sono durati per quattro giorni. Le atlete raggiungevano il campo di allenamento alle ore 10 del mattino dopo un periodo di riposo di ore. La prima sessione (Giorno 1) prevedeva la valutazione degli indici antropometrici e della forza muscolare. Nel secondo giorno (Giorno 2), è stata valutata la potenza anaerobica, mentre la fitness aerobica è stata valutata durante la terza sessione (Giorno 3); la capacità di lavoro specifico era stata valutata nell ultima sessione (Giorno 4). Il riscaldamento in previsione di ciascuna sessione era simile, e consisteva in 5 min di jogging leggero, un set standardizzato di esercizi di riscaldamento (10 accosciate, 10 cicli di andature sulle punte dei piedi, 10 sit-up e 10 estensioni del dorso sul pavimento), seguiti da 2 min di stretching attivo (circa 15 sec ciascun gruppo di muscoli maggiori). Nelle 24 ore prima dell esperimento, le partecipanti dovevano astenersi da qualsiasi esercizio estenuante, e mantenere le proprie abitudini nutrizionali prima e durante il test. Tutte hanno consumando una leggera colazione (500 kcal) al mattino, e non stava- Vol. 62, N. 3 MEDICINA DELLO SPORT 253

13 DRID PROFILES OF ELITE FEMALE JUDOKAS (500 kcal) in the morning, and were not taking any medications or supplements prior to and during the study. The following anthropometric measures were taken: body mass, height, skinfold thickness at ten sites (triceps, biceps, subscapular, pectoral, medium axillar, iliac crest, supra-spinal, abdominal, front thigh, and medial calf), limb circumferences (thorax, relaxed arm, flexed arm, forearm, wrist, waist, gluteus, and leg), and bone diameters (humeral and femoral epicondyle and wrist styloid process). Body mass was obtained to the nearest 0.1 kg using a balance beam scale (Avery Ltd., Model 3306 ABV) while height was measured using a stadiometer (Holtain Ltd., UK) to the nearest 0.5 cm. Skinfold thicknesses were obtained using a Harpenden caliper (British Indicators Ltd., St. Albans, UK). Limb circumferences were measured using a Gulick anthropometric tape (Creative Health Products, Plymouth, USA) while bone diameters were messured with anthropometer (Lafayette Co., USA). The landmarks were identified and measured according to Wilmore and Behnke 9 with the median of three measurements used to represent skinfold thickness. Measurements were done by the same trained technician on all subjects. Fat percentage was determined according to Jackson and Pollock. 10 Percentage of muscle mass was estimated according to anthropometric protocol of Martin et al. 11 and bone mass was estimated according to Cattrysse et al. 12 All the data were used to calculate anthropometric indexes. After these preliminary measurements were taken, one maximum repetition (1-RM) benchpress and squat exercise were performed using free weights. Bench-press testing was performed in the standard supine position. The subject lowered an Olympic weightlifting bar to mid-chest, and then pressed the weight until her arms were fully extended. The squat exercise required the subject to rest an Olympic bar across trapezius. The squat exercise was performed to the parallel position. This was achieved when the greater trochanter was lowered to the same level as the knee. The subject then lifted the weight until the knees were extended. Also, 1-RM seated-row exercise was performed using the rowing machine. The subject assumed a seated position facing a chest pad on the machine, with her feet placed on the foot supports, while grasping the no assumendo alcun farmaco o supplemento prima e durante lo studio. Sono state rilevate le seguenti misure antropometriche: massa corporea, altezza, spessore della plica cutanea in dieci punti (tricipite, bicipite, sottoscapolare, pettorale, medio ascellare, cresta iliaca, sopra-spinoso, addominale, coscia anteriore, e polpaccio mediale), circonferenze di diversi settori corporei (torace, braccio rilassato, braccio flesso, avambraccio, polso, vita, gluteo, e gamba) e diametri ossei (epicondilo omerale e femorale e processo stiloideo del gomito). La massa corporea è stata approssimata allo 0.1 kg più vicino, utilizzando una bilancia (Avery Ltd., Model 3306 ABV), mentre l altezza veniva misurata con uno stadiometro (Holtain Ltd., Gran Bretagna) agli 0,5 cm più vicini. Gli spessori della plica cutanea venivano misurati utilizzando un calibro Harpenden (British Indicators Ltd., St. Albans, Gran Bretagna). Le circonferenze venivano, invece, misurate utilizzando un nastro antropometrico di Gulick (Creative Health Products, Plymouth, USA), mentre i diametri ossei sono stati misurati con un antropometro (Lafayette Co., USA). I valori di riferimento sono stati identificati e misurati in accordo a Wilmore and Behnke 9, utilizzando la mediana di tre misurazioni per l indicazione dello spessore della plica cutanea. Le misurazioni sono state ottenute, in tutte le partecipanti, da uno stesso tecnico esperto. La percentuale di grasso è stata determinata secondo Jackson and Pollock 10. La percentuale di massa muscolare è stata stimata in base al protocollo antropometrico di Martin et al. 11, mentre la massa muscolare è stata misurata secondo Cattrysse et al. 12. Tutti i dati sono stati utilizzati per calcolare gli indici antropometrici. Dopo queste misurazioni preliminari, una ripetizione del test della panca con il massimo carico possibile (1-RM) e l esercizio della accosciata sono stati condotti utilizzando pesi liberi. Il test della panca è stato effettuato nella posizione supina standard. L atleta appoggiava un bilanciere olimpico sul torace medio, e quindi spingeva la sbarra verso l alto fino ad estendere completamente le braccia. L esercizio dell accosciata richiedeva che l atleta appoggiasse una sbarra olimpica sui muscoli trapezi. L esercizio dell accosciata veniva effettuato in posizione parallela. Ciò veniva ottenuto quando il grande trocantere veniva abbassato allo stesso livello del ginocchio. L atleta quindi sollevava i pesi fino ad estendere le ginocchia. Inoltre, 1-RM dell esercizio di seated-row veniva effettuata utilizzando un vogatore. L atleta assumeva una posizione seduta appoggiando il torace ad un supporto dell attrezzo, con i piedi appoggiati su di una specifica pedana, afferrando il manubrio con un impugnatura chiusa, pronata. L esercizio richiedeva che l atleta tirasse a sè il manubrio verso il torace il più possibile, mantenendo i gomiti adesi alle coste. Questo 254 MEDICINA DELLO SPORT Settembre 2009

14 PROFILES OF ELITE FEMALE JUDOKAS DRID handles with a closed, pronated grip. The exercise required the subject to pull the handles toward the chest as far as possible while keeping the elbows tight to the ribs. This exercise evaluates the strength of the upper-back muscles. The same testing procedure was conducted for all three exercises. After a warm-up using light weights, the subject selected a weight and attempted a single repetition. If the lift was successful, a threeminute rest was given, weight was added and another single repetition lift was attempted. 1-RM was considered to be the highest weight lifted successfully, and was usually achieved in four to seven attempts. Aerobic fitness was determined using maximal multistage 20-m shuttle-run test. 13 Multistage 20-m shuttle-run test does not allow for direct measurement of maximal oxygen uptake (V. O 2max ) but only for extrapolating its value (extrapolation to time zero of recovery of the exponential least squares regression of the first four 20-s recovery V. O 2 values). 13 Subjects were required to run back and forth on a 20-m course and be on the 20-m line at the same time a beep is emitted from a tape. The frequency of sound signal increases in such a way that running speed starts at 8.5 km/h and is increased by 0.5 km/h each minute. When subjects can no longer follow the pace, the stage the subjects were able to run for was recorded and used to calculate V. O 2max. This test has shown to be valid and reliable for the prediction of the V. O 2max in elite athletes Additionally, heart rate (HR) was recorded after the test at 1 and 3 minutes of recovery (HR1 and HR3, respectively). Running-based anaerobic sprint test (RAST) was used to determine anaerobic power and capacity. 17 Two photocell gates (Newtest Powertimer Testing System, Finland) were placed at the distance of 35 meters away from each other on the field. Subjects started out to run with the maximum sprint from a start point 70 cm behind the first photocell gate. When they passed the first photocell gate, a digital timer started and when they crossed the second gate, the timer stopped. Subjects returned the start point during the 10 seconds and this procedure repeated 6 times. Data were calculated for each sprint using the following equations: power = body mass (kg) distance (m) 2 time (s) 3 ; maximum power = the highest value; minimum power = the lowest value; average power = sum of all six values 6; fatigue index = (maximum power - minimum power) total time for the 6 sprints. Several studesercizio permette di valutare la forza dei muscoli della porzione superiore del dorso. La medesima procedura è stata condotta per tutti e tre gli esercizi. Dopo un riscaldamento utilizzando pesi leggeri, l atleta selezionava un peso e iniziava una singola ripetizione. Se il sollevamento veniva completato con successo, dopo un riposo di tre minuti, venivano aggiunti dei pesi e veniva tentata un altra singla ripetizione. La 1-RM era considerata il massimo peso sollevato con successo, e veniva solitamente raggiunta dopo 4-7 tentativi. La fitness aerobica veniva determinata utilizzando un multistage 20- m shuttle-run test massimale 13. Il Multistage 20-m shuttle-run test non consente la misurazione diretta dell uptake massimale di ossigeno (V. O 2max ), ma soltanto di estrapolare il suo valore 13. In questo test, le atlete dovevano correre a spola tra due segnali posti a 20 m di distanza tra loro ed essere sulla linea dei 20 metri allo stesso momento in cui veniva emesso il segnale sonoro da parte di un registratore. La frequenza del segnale sonoro aumentava, con la velocità di corsa di partenza di 8,5 km/h, e con un incremento della stessa di 0,5 km/h ogni minuto. Quando le atlete non riuscivano più a tenere il passo, veniva registrato lo livello raggiunto, successivamente utilizzato per calcolare il V. O 2max. Questo test si è dimostrato valido ed attendibile nella predizione del V. O 2max in atleti di elite Inoltre, la frequenza cardiaca (FC) è stata registrata dopo il test a 1 e 3 minuti di recupero (FC1 e FC3, rispettivamente). Il Running-based anaerobic sprint test (RAST) è stato impiegato per determinare la potenza e la capacità anaerobica 17. Due fotocellule (Newtest Powertimer Testing System, Finland) erano situate alla distanza di 35 metri una dall altra sul terreno. Le atlete iniziavano a correre con la massima velocità da un punto di partenza sito 70 cm dietro la prima fotocellula. Quando esse passavano la prima fotocellula, un cronometro digitale si azionava fino a che le atlete non superavano la seconda fotocellula, momento in cui si fermava. Le atlete raggiungevano il punto di partenza in 10 secondi e questa procedura veniva ripetuta 6 volte. I dati venivano calcolati per ciascuno sprint utilizzando le seguenti equazioni: potenza = massa corporea (kg) distanza (m) 2 tempo (s) 3 ; potenza massima = il valore più alto; potenza minima = il valore più basso; potenza media = somma dei sei valori 6; indice di affaticamento = (potenza massima potenza minima) tempo totale per i 6 sprints. Diversi studi hanno concluso che RAST sia valido e riproducibile, e che possa essere impiegato per misurare la potenza anaerobica nella corsa e predire la performance sulla breve distanza La capacità di lavoro specifica è stata valutata con lo specific judo fitness test (SJFT) 20. Il test viene eseguito sul tatami; sono necessari tre judoisti della stessa categoria di peso per le misurazioni. L atleta che deve essere valutato è situato tra gli altri due atleti, Vol. 62, N. 3 MEDICINA DELLO SPORT 255

15 DRID PROFILES OF ELITE FEMALE JUDOKAS Uke 1 Tori Uke 2 3 m 3 m Figure 1. Specific judo fitness test (SJFT). Figura 1. Specific judo fitness test (SJFT). ies concluded that RAST is valid and reproducible, and can be used to measure running anaerobic power and predict short-distance performance Specific work capacity was assessed by the specific judo fitness test (SJFT). 20 The test is performed on the tatami; three judoists of the same weight category are needed for the measurements. The athlete who is being tested stands in between the other two athletes, who are positioned 3 m apart from the tested subject on opposite ends (Figure 1). At the hajime command, the subject begins throwing the two assistants by Ipon-seoinage (Figure 1) in three separate series: Series 1 lasts 15 sec., while series 2 and 3 last 30 sec. each. There are two 10-sec. breaks between the series. The throws need to be technically sound, and performed at maximum speed. Heart rate is recorded during, immediately following (P1), and 1 min. after the test (P2). These measurements are used to calculate the index presented in the equation: Index = (P1 + P2)/N; where N is the total number of test subjects. From this equation it is obvious that the score is inversely related to the index, ie. the lower the index, the better the score. After the test was completed, the blood was drawn from the fingertip and analyzed immediately for lactate by the procedures of reflectance photometry (Accutrend, USA; CV = 18.4). The level of blood lactate measured in the third minute after the test was recorded as La3, and the level of lactate measured 5 minutes after the test was recorded as La5. posizionati a 3 m di distanza dal soggetto testato su lati opposti (Figura 1). Al comando hajime, il soggetto inizia a lanciare i due assistenti secondo la tecnica del Ipon-seoi-nage (Figura 1) in tre serie separate: la serie 1 dura 15 s, mentre la serie 2 e 3 durano 30 s ciascuna. Tra le serie, vi sono due intervalli di 10 s. I lanci devono essere effettuati correttamente dal punto di vista tecnico, ed eseguiti alla massima velocità. La frequenza cardiaca viene registrata durante, immediatamente dopo (P1), e 1 min dopo il test (P2). Queste misurazioni vengono utilizzate per calcolare l indice della seguente equazione: Indice = (P1 + P2)/N; dove N rappresenta il numero totale di test. Da questa equazione, risulta ovvio che il punteggio è inversamente proporzionale all indice, per cui minore è l indice, migliore sarà lo score. A test completato, veniva fatto un prelievo di sangue dalla punta del dito ed analizzato immediatamente per il dosaggio del lattato, mediante procedure di fotometria di riflettanza (Accutrend, USA; CV = 18.4). Il livello di lattato ematico misurato al terzo minuto dopo il test veniva registrato come La3, mentre il livello di lattato misurato 5 minuti dopo il test veniva registrato come La5. Programma di allenamento settimanale durante il periodo di studio Tutti i soggetti hanno praticato il loro usuale regime di allenamento settimanale durante il periodo dello studio, sotto il controllo di un allenatore, dopo esser stati a riposo nelle 2 settimane precedenti. La Tabella I mostra il regime settimanale nel dettaglio. Esso consiste in 6 giorni di esercizi, alternando corsa (sulla distanza e allo sprint) e allenamento con i pesi al mattino, pratica di judo nel pomeriggio, 256 MEDICINA DELLO SPORT Settembre 2009

16 PROFILES OF ELITE FEMALE JUDOKAS DRID Weekly training program during the study All subjects performed their ussual weekly practice regimen during the research period controlled by certified strength and conditioning coach, after having rested for 2 weeks beforehand. Table I shows the weekly regimen in detail. It consisted of 6 days of exercise, alternating running (distance and sprinting) and weight training in the morning, judo practice in the afternoon, followed by day of rest. The two hours of judo practice, which may be classified as an intermittent anaerobic exercise, consisted of a warm-up (stretching) for 15 min; uchikomi (the same technique practiced repeatedly, such as throwdown, push-down and hook-down for 20 min; randori (exercise training in the form of minimatches) for 100 min; and cool-down for 15 min. Statistical analysis All statistical analyses were performed by the SPSS 15.0 software (SPSS Inc., USA). Results are presented as means with standard deviation (mean±sd). Student t-test for small independent samples was applied to determine between-group differences in fitness indicators. Differences between groups were also analyzed by the canonic discriminative analysis. Finally, in aim to evaluate the validity of SJFT in anaerobic assessment, correlation between anaerobic indices from SJFT and RAST were calculated by the Pierson correlation coefficient. Differences were considered statistically significant at P<0.05. Results Table II displays the subjects physical and physiological characteristics. Group A had significantly lower fat mass as compared to group B (P<0.05) with significantly lower body mass index and body surface area in group A (P<0.05). There were significant differences in V. O 2max estimated by multi stage shuttle-run test for group A as compared to group B for both relative and absolute values (P< 0.05). However, the differences between the two groups for aerobic fitness were non-significant after normalizing V. O 2max for lean body mass (P>0.05). Moreover, the differences between two groups were statistically significant (P<0.05) for bench press, as TABLE I. Weekly training program during the study. TABELLA I. Programma di allenamento settimanale durante lo studio. Day Training schedule 08:30-09:30 11:00-13:00 19:30-21:00 Monday Training A Rest Training D Tuesday Training B Rest Training D Wednesday Training C Rest Training D Thursday Training A Rest Training D Friday Training B Training D Training D Saturday Rest Training D Rest Sunday Rest Rest Rest Training A - interval training consisting of sprint running (30 sec 100% maximal heart rate, 30 sec 50% maximal heart rate) and jogging; Training B - weight training; Training C - distance running for 30 min and short sprint running (repeated 30 m/50 m sprint running); Training D - judo training practice; Rest - take a rest or attend lectures. seguiti da una giornata di riposo. Le due ore di pratica di judo, che può essere classificato come un esercizio anaerobico intermittente, consistevano in una fase di riscaldamento (stretching) della durata di 15 min; uchikomi (la stessa tecnica praticata in modo ripetuto, con throw-down, push-down e hook-down per 20 min; randori (pratica di allenamento sotto forma di mini-matches) per 100 min e il cool-down per 15 min. Analisi statistica Tutte le analisi statistiche sono state condotte con il software SPSS 15.0 (SPSS Inc., USA). I risultati sono riportati come medie e deviazioni standard (media ± SD). È stato applicato il test t di Student per piccoli campioni indipendenti per determinare differenze in termini di indicatori di fitness tra i gruppi. Le differenze tra i gruppi sono state anche analizzate con la canonica analisi discriminativa. Infine, con il fine di valutare la validità dello SJFT in condizioni anaerobiche, sono state analizzate le correlazioni tra gli indici anaerobi derivanti da SJFT e RAST tramite il coefficiente di correlazione di Pierson. Le differenze sono state considerate statisticamente significative ad un livello di P<0,05. Risultati La Tabella II riporta le caratteristiche fisiche e fisiologiche dei soggetti in studio. Il Gruppo A aveva una significativamente minor massa grassa rispetto al gruppo B (P<0,05), con un significativamente minor indice di massa corporea e area di superficie corporea nel gruppo A (P<0,05). Vi erano differente statisticamente significative in termini di V. O 2max Vol. 62, N. 3 MEDICINA DELLO SPORT 257

17 DRID PROFILES OF ELITE FEMALE JUDOKAS TABLE II. Morphological and functional characteristics of Serbian female judokas (mean±sd). TABELLA II. Caratteristiche morfologiche e funzionali di judoka di sesso femminile della Serbia (media±sd). Variable Total Group A Group B (N.=16) (N.=8) (N.=8) P Age (years) 20.4± ± ± Body mass (kg) 60.6± ± ± Height (cm) 165.6± ± ± Fat mass (%) 14.1± ± ± Muscle mass (%) 46.9± ± ± Bone mass (%) 13.5± ± ± Body mass index (kg/m 2 ) 21.8± ± ± Body surface (m 2 ) 1.6± ± ± Brachial index (cm/cm) 82.5± ± ± Crural index (cm/cm) 104.0± ± ± Waist-to-hip ratio (cm/cm) 0.7± ± ± V. O 2max (ml/kg/min) 45.8± ± ± V. O 2max (L/min) 2.78± ± ± V. O 2max (ml/kglbm/min) 51.8± ± ± HR at 1 min recovery (beats/min) 155±13 157±12 153± HR at 3 min recovery (beats/min) 114±13 117±12 111± Half-squat (kg) 143.1± ± ± Bench press (kg) 56.1± ± ± Seated-row pull (kg) 73.3± ± ± RAST peak power (W) 244.7± ± ± RAST relative peak power (W/kg) 4.1± ± ± RAST average power (W) 204.5± ± ± RAST fatigue index 1.7± ± ± V. O 2max : maximal oxygen uptake; LBM: lean body mass; HR: heart rate; RAST: running anaerobic sprint test; power was calculated according to following equation: power (W) = body mass (kg) distance (m) 2 time (s) 3. TABLE III. Specific judo fitness test (SJFT) data of Serbian female judokas (mean±sd). TABELLA III. Dati dello specific judo fitness test (SJFT) di judoka di sesso femminile della Serbia (media± SD). Variable Total Group A Group B P No. of throws 28.1± ± ± P1 (beats/min) 183±6 184±5 182± P2 (beats/min) 149±13 150±14 148± La3 (mmlo/l) 6.0± ± ± La5 (mmlo/l) 7.7± ± ± SJFT Index 11.9± ± ± P1 heart rate immediately following the test; P2 - heart rate 1 min after the test; La3 blood lactate level 3 min post-exercise; La5 blood lactate level 5 min post-exercise. well as seated-row pull, with better results recorded for group A as compared to Group B (P<0.05). Group A performed better than their counterparts in half-squat but differences were not statistically significant. Statistical analysis of the athletes anaerobic power showed virtually no differences between groups. After analysis of SJFT data (Table III) significant differences between groups were found in number of throws and lactate concentrations 5 min after exercise (La 5) stimato con il multi stage shuttle-run test tra gruppo A e gruppo B, sia quanto riguarda i valori relativi che quelli assoluti (P<0,05). Tuttavia, le differenze tra i due gruppi in termini di fitness aerobica non erano significative dopo aver normalizzato il V. O 2max per la massa magra corporea (P>0,05). Inoltre, le differenze tra i due gruppi erano statisticamente significative (P<0,05) per quanto riguardava il test della panca, come pure il seated-row pull, con risultati migliori registranti nel gruppo A rispetto al Gruppo B (P<0,05). Le atlete del Gruppo A hanno raggiunto risultati migliori nell half-squat, rispetto alla con- 258 MEDICINA DELLO SPORT Settembre 2009

18 PROFILES OF ELITE FEMALE JUDOKAS DRID TABELLA IV. Correlation between RAST and SJFT. Tabella IV. Correlazione tra RAST and SJFT. Peak power Peak relative power Average Fatigue N. of power index throws P1 P2 La3 La5 Peak power 1 Peak relative power Average power Fatigue index N. of throws P P La La P1 heart rate immediately following the test; P2 - heart rate 1 min after the test; La3 blood lactate level 3 min post-exercise; La5 blood lactate level 5 min post-exercise. (P<0.05). There were no between-group differences in other variables (lactate concentrations 3 min post-exercise; heart rate immediately following the test; heart rate 1 min post-exercise). Finally, Table IV shows the correlations between the RAST and SJFD variables. We found statistically significant positive correlation between number of throws on SJFT and average power on RAST (P<0.05). There was also a significant negative correlation between RAST average power and lactate concentrations 3 min. post-exercise on SJFT (P<0.05). Discussion To our knowledge, this study provides the most comprehensive comparison between elite and sub-elite female judokas up to date. The present study indicates that a strong relationship exists between body fat, strength and performance level in elite female judo. According to the results of the present study, body fatness seems to be one of the key discriminative factors for judo performance. Lower skinfold thickness (on most sites) was found in elite female judokas as compared to their sub-elite counterparts with body fat percentage lower in group A. Previously, it has been proposed that more favourable anthropometric measurements (e.g. high percentage of fat-free mass and bone diameters, particularly in the upper body) may positively affect judo performance. 2, 21, 22 Nakajima et al. 7 found negative effect of excess fat mass on isometric strength, flexibility, baltroparte, ma le differenze non sono risultate statisticamente significative. L analisi statistica della potenza anaerobica delle atlete non ha evidenziato alcuna differenza significativa tra i gruppi. Dall analisi dei dati SJFT (Tabella III), sono emerse differenze statisticamente significative tra i gruppi per quanto riguardava il numero di tiri e le concentrazioni di lattato 5 min dopo l esercizio (La 5) (P<0,05). Non vi erano differenze inter-gruppo per quanto riguarda le altre variabili (concentrazioni di lattato 3 min dopo l esercizio; la frequenza cardiaca immediatamente dopo il test; la frequenza cardiaca 1 min dopo l esercizio). Infine, la Tabella IV riporta le correlazioni tra le variabili RAST e SJFD. Abbiamo riscontrato una correlazione positiva statisticamente significativa tra il numero di lanci durante SJFT e la potenza media durante RAST (P<0,05). Vi era inoltre una significativa correlazione negativa tra la potenza media RAST e le concentrazioni di lattato 3 min dopo esercizio con SJFT (P<0,05). Discussione A nostra conoscenza, questo studio fornisce la comparazione fino ad ora più ampia tra judoka di sesso femminile di elite e sub-elite. Il presente studio dimostra l esistenza di una forte relazione tra il grasso corporeo, la forza e il livello di performance in atlete di judo d elite. In base ai risultati del presente studio, l adiposità corporea sembrerebbe essere uno dei fattori chiave nel determinare la performance del judoka. Un minor spessore della plica cutanea (nella maggior parte dei siti) è stata riscontrata nelle judoka d elite, rispetto alle loro controparti, con una minor percentuale di grasso corporeo nel gruppo A. Precedentemente, era stato proposto il concetto che misurazioni antropometriche più favorevoli (un e- Vol. 62, N. 3 MEDICINA DELLO SPORT 259

19 DRID PROFILES OF ELITE FEMALE JUDOKAS ance and aerobic capacity in female judokas. In another study, elite judokas were found to have greater limb circumferences (i.e. flexed arm, forearm, wrist and calf) and bone diameters in comparison with sub-elite judokas. 2 Furthermore, Kubo et al. 22 demonstrated greater circumferences of elbow flexors in international judo athletes compared to those competing at the university level, and of both flexors and extensors compared to the non-competing university-level judokas. In the same study, there were no differences in circumferences between the competing vs. non-competing judokas. It seems that a particular body size may be an advantage in certain match-play situations, when compete at elite level. In the last 20 years research related to strength abilities has been almost exclusively done on male judokas 1, 23 with little research to date has examined the relation between muscle strength and performance in elite female judokas. We found that top-level female judokas were able to demonstrate significantly greater strength of arm extensors and flexors compared to sub-elite athletes. Fighting in a classical judo guard, and maintaining the body position during a match, has a great stimulating effect on arm strength, hence it is not difficult to understand the importance of arm strength in judo. It is precisely this variable, determined by bench press and seatedrow pull, for which between-group differences were the most convincing statistically. Elite judokas also had better results, although not statistically significant, for half-squat. Sbriccoli et al. 8 recorded outstanding strength parameters in elite Italian female judokas, which is in accordance with the demand for a high-power performance required in a judo combat. There were significant differences between Finnish international, national and recreational judokas in the strength-velocity curve during 1RM and squat, but not in bench-press. 24 Therefore, our data may suggest that strength in general is indeed a discriminative factor in female judokas for competitive success at the international and national levels. When it comes to aerobic capacity, some studies 2, 25 did not find any differences in V. O 2max between elite and sub-elite judokas, whereas others have demonstrated a positive influence of aerobic capacity on high-intensity, intermittent exercise. 26, 27 Previous studies have shown levata percentuale di massa magra e diametri ossei, particolarmente nella metà superiore dell organismo) possano influenzare in modo positivo la performance del judo 2, 21, 22. Nakajima et al. 7 avevano dimostrato un effetto negativo di un eccesso di massa grassa sulla forza isometrica, sulla flessibilità, sull equilibrio e sulla capacità aerobica in judoka di sesso femminile. In un altro studio, era stato dimostrato che judoka di elite presentavano circonferenze maggiori in diversi distretti (braccio flesso, avambraccio, polso e polpaccio) e diametri ossei rispetto a judoka di sub-elite 2. Inoltre, Kubo et al. 22 avevano dimostrato circonferenze maggiori dei flessori del gomito in atleti di judo di livello internazionale, rispetto a quelli che gareggiavano a livello universitario, e sia dei flessori che degli estensori rispetto a judoka amatoriali non competitivi di livello universitario. Nello stesso studio, non erano state riscontrate differenze in termini di circonferenze tra judoka competitivi e non competitivi. Una particolare dimensione corporea sembrerebbe costituire un vantaggio di determinate situazioni durante l incontro di judo, a livello di elite. Negli ultimi 20 anni, gli studi relative alle capacità di forza sono stati condotti pressochè esclusivamente in judoka di sesso maschile 1, 23, mentre attualmente sono disponibili scarsi dati relativi alla relazione esistente tra forza muscolare e performance in judoka di sesso femminile d elite. Nella nostra ricerca, abbiamo dimostrato che judoka di sesso femminile di massimo livello erano in grado di sviluppare una forza significativamente maggiore a livello dei muscoli estensori e flessori del braccio rispetto alle atlete di sub-elite. Il combattimento con la classica attrezzatura di judo, e il mantenimento della posizione corporea durante un incontro rappresentano un importante effetto stimolante sulla forza del braccio, per cui non è difficile comprendere l importanza della forza delle braccia nel judo. È, in particolare, questa variabile, determinata dal test della panca e dal seated-row pull, che ha presentato le maggiori differenze statisticamente significative. Le judoka di elite, inoltre, avevano riportato migliori risultati, sebbene non statisticamente significativi, nell half-squat. Sbricoli et al. 8 hanno riportato parametri di forza eccezionali in judoka di sesso femminile d elite in Italia, in accordo con la richiesta di una performance di elevata potenza in un combattimento di judo. Vi erano differenze statisticamente significative tra judoka finlandesi di livello internazionale, nazionale ed amatoriale nella curva forza-velocità durante 1RM e nell accosciata, ma non nel test della panca 24. Pertanto, i nostri dati potrebbero indicare che la forza in generale rappresenta davvero un fattore discriminante in judoka di sesso femminile per il successo in competizioni a livello internazionale e nazionale. Quando si analizza la capacità aerobica, alcuni studi 2, 25 non hanno riscontrato alcuna differenza 260 MEDICINA DELLO SPORT Settembre 2009

20 PROFILES OF ELITE FEMALE JUDOKAS DRID relatively high V. O 2max values for judokas, but virtually no such differences in similarly matched judo subjects. 2 In the present study we found significant difference for relative V. O 2max in group A vs. group B, suggesting that elite female judokas may have greater aerobic power than their subelite counterparts. When we compare V. O 2max in absolute values (L/min) between the groups, elite athletes are still superior as compared to their sub-elite counterparts (3.02±0.24 vs. 2.53±0.18 L/min; P<0.05). Yet, since sub-elite athletes had a higher fat mass value than elite judokas, the differences between the two groups were cancelled after normalizing V. O 2max for lean body mass (53.8±7.5 vs. 49.8±8.1 ml/kg of lean body mass/min; P>0.05). Therefore, it seems that the most important factor distinguishing between the level of excellence is not aerobic power (when corrected for lean body mass) but other indicators of fitness. Future studies should measure V. O 2max by direct methods (i.e. collection of gasexchange data throughout the exercise test using a breath-by-breath respiromonitor system) and analyze relation between different variables of aerobic fitness in elite and sub-elite judokas. Hence, even though aerobic power may not be a critical predictor of judo performance, it is still a valuable characteristic. Gariod et al. 26 found an accelerated recovery in judokas with higher V. O 2max in comparison with those with lower V. O 2max, a finding potentially of great importance considering the structure of a judo combat. It has been speculated 27, 28 that judo competitors with higher V. O 2max will have an advantage over competitors with lower V. O 2max values in matches with maximal duration (5 min), due to a lower relative intensity at the same absolute sub-maximal workload. In our study, discriminative analysis showed statistically significant between-group differences in functional abilities, including the faster removal of lactate (La 5) during recovery for group A vs. group B, probably as a result of a higher aerobic power. High levels of aerobic power, anaerobic power and capacity, as well as superior strength parameters, are all necessary for top performance. 1, 29 Anaerobic capacity assessment has been a standard procedure in judokas testing, while most studies employed the Wingate test for this purpose. 8, 30, 31 Although it is considered the most common test of anaerobic fitness, questions concerning muscle and activity pattern specificity in termini di V. O 2max tra judoka di elite e di subelite, mentre altri hanno dimostrato un influenza positiva della capacità aerobica sull esercizio di elevata intensità, intermittente 26, 27. Precedenti studi avevano dimostrato valori relativamente elevati di V. O 2max in judoka, in assenza di tali differenze in soggetti dediti al judo confrontati in maniera simile 2. Nel presente studio, è stata riscontrata una differenza significativa per quanto riguarda il V. O 2max relativo nel gruppo A vs. gruppo B, suggerendo il fatto che judoka d elite di sesso femminile avrebbero una maggior potenza aerobica rispetto alla loro controparte di sub-elite. Quando viene confrontato il V. O 2max nei suoi valori assoluti (l/min) tra i due gruppi, le atlete di elite sono ancora superiori rispetto alla loro controparte di sub-elite (3,02±0,24 vs. 2,53±0,18 L/min; P<0,05). Tuttavia, poichè le atlete di sub-elite avevano un più elevato valore di massa grassa rispetto alle judoka di elite, le differenze tra i due gruppi sparivano dopo aver normalizzato il V. O 2max per la massa magra corporea (53,8±7,5 vs. 49,8±8,1 ml/kg di massa corporea magra/min; P> 0,05). Pertanto, il fattore più importante discriminante tra livello di eccellenza e livello inferiore non sarebbe costituito dalla potenza aerobica (quando corretta per la massa magra corporea), bensì da altri indicatori di fitness. Ulteriori futuri studi dovranno misurare il V. O 2max con metodi diretti (raccolta dei dati sullo scambio dei gas durante tutto l esercizio del test utilizzando un sistema di monitoraggio respiro-perrespiro) e analizzare la relazione esistente tra differenti variabili di fitness aerobica in judoka di elite e sub-elite. Pertanto, sebbene la potenza aerobica possa non rappresentare un fattore predittivo critico di performance del judo, essa costituisce ancora una caratteristica importante. Gariod et al. 26 hanno dimostrato un recupero accelerato nei judoka con valori superiori di V. O 2max rispetto a quelli con valori inferiori di V. O 2max, dato potenzialmente di notevole importanza considerando la struttura di una lotta di judo. Si è inoltre speculato 27, 28 che i lottatori di judo con maggior V. O 2max avrebbero un vantaggio sui lottatori con valori inferiori di V. O 2max in incontri di durata massima (5 min), a causa di una relativa minor intensità al medesimo carico di lavoro assoluto sub-massimale. In questo studio, l analisi discriminative ha dimostrato differenze statisticamente significative tra i gruppi in termini di capacità funzionali, tra cui una più rapida rimozione dei lattati (La 5) durante la fase di recupero nel gruppo A vs. gruppo B, probabilmente come risultato di una maggior potenza aerobica. Elevati livelli di potenza aerobica, potenza e capacità anaerobica, come pure parametri di forza superiori, sono tutti necessari per performance di massimo livello 1, 29. La valutazione della capacità anaerobica è diventata una procedura standardizzata nel controllo del judoka, sebbene la maggior parte degli studi abbia applicato il Wingate test a tale scopo 8, 30, 31. Vol. 62, N. 3 MEDICINA DELLO SPORT 261

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Delta. Centro di progettazione e sviluppo. Research & Development Department. Controllo resistenza alla corrosione Corrosion resistance testing.

Delta. Centro di progettazione e sviluppo. Research & Development Department. Controllo resistenza alla corrosione Corrosion resistance testing. Delta PATENT PENDING Sistema di apertura per ante a ribalta senza alcun ingombro all interno del mobile. Lift system for doors with vertical opening: cabinet interior completely fittingless. Delta Centro

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni:

Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni: premium access user guide powwownow per ogni occasione Making a Call Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni: 1. Tell your fellow conference call participants what

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCO PROF SE 2 SeccoProf, SeccoProf EL, SeccoUltra, SeccoMust Tolgono l umidità dappertutto Removing humidity everywhere Un intera gamma professionale

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni Cenƒsthesis... dalla Ricerca Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni A. Luciano, G. Zoppi, F. Bressani I Cattedra di Pediatria Università di Verona 8 Più di 40.000 soggetti sono

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli