Claudio Iovino Centro Studi Unirec

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Claudio Iovino Centro Studi Unirec"

Transcript

1 Claudio Iovino Centro Studi Unirec

2 Grazie a tutte le Società Associate U.N.I.R.E.C. che hanno contribuito alla realizzazione di questo Rapporto

3 A.C.M. CONSULTING SRL, ABBREVIA SRL, ADVANCING TRADE SPA, AGECREDIT SRL, AGENZIA AFI SRL, ALFA RECUPERO CREDITI SRL, ARCOBALENO MANAGEMENT SRL, ARES SRL, ARGO GE.RE.CRE. SRL, ASC SRL, AXIST CREDIT SRL, C.E.C. SNC DI CARMINE BONATO E SALVATORE SALINAS, C.I.R. SRL, C.R. RECUPERO CREDITI SRL, C.R. SERVICE SRL, CE.S.E.C. SRL, CENTRALE ATTIVITA^ FINANZIARIE SPA, CERTA CREDITA SRL, CIEFFE GESTIONE CREDITI SRL, CITY RECUPERO CREDITI SRL, CNR CREDIT SRL, COLLECTION PROJECT SERVICE SRL, COMAS SRL, COMP.GEST. SRL, CONSULENZE FINANZIARIE E GENERALI SRL, CONSULFIN SRL, CONSULGEST ITALIA SRL, CONSULTING CREDIT SRL, COSMOREC SRL, CR GEST SRL, CREARCI SRL, CREDECO SRL, CREDEN SPA, CREDIGER SRL, CREDIREC ITALIA SRL, CREDIRES SRL, CREDIT CONSULTING SRL, CREDIT SERVICE&COMPANY SPA, CREDIT&SERVICE SOC. COOP., CREDITECH SPA, CREDITGEST SRL, CRIBIS TELESERVICE SRL, CROMA SRL, CROMA GEST SRL SOCIO UNICO, CSS SPA, D.G. DI DORE GIACOMO&C. SAS, DATAFIN SRL, DB MEC SRL, DELTA CREDIT VENETO DI MARIANO CANCIANI, DUE EFFE SRL, E.N.I. A RL - ESAZIONE NAZIONALE ITALIANA, ECR SPA, EFFEPI CREDIT SRL, EGERIA SERVICES SAS, ESACONSULT SRL, EULER HERMES COLLECTIONS SPZOO, EURISKO ITALIA SRL, EURO EXECUTIVE SRL, EURO LEGAL SERVICE SRL, EUROCOLLECTION SRL, EUROSERVICE SRL, EURO SERVICE SPA, EUROSTUDIO SAS, F.G. GROUP SRL, FIDES SPA, FINARC SRL, FINEOS SRL, FIRE SPA, FIREC SRL, FREE CAR SRL, G.B. PARTNER SRL A SOCIO UNICO, G.R. GESTIONE RECUPERO SAS, GANDOLFI SAS, GE.O.S. SAS, GE.RE.C SRL, GE.RI. GESTIONE RISCHI SRL, GE.RI.C.O. SRL, GENAFIN SRL, GESTI.CONSULT SRL, GEXTRA SRL, GI. & BI. MULTISERVICE SRL, GIANNELLA SAVINO SAS, GISERVICE SRL, GLS SRL, GUBER SPA, HAMILTON SRL, I.NA.GE.C. SRL, I.R.S. SRL, IEN SAS, INTELLCREDIT SPA, INTRUM JUSTITIA SPA, ITALIAN CREDIT SRL, ITALY RECOVER SRL, KEY PEOPLE SRL, KREOS SRL, MAGIREK SRL, MARAN CREDIT SOLUTION SPA, MCM SERVICES SAS, MG STUDIO PROFESSIONALE SRL, MIFIDO SRL, MIRO' S.R.L., NATIONAL SERVICE SAS, NATIONALCREDIT.IT SRL, NCP SRL, NEW CREDIT SOLUTIONS SRL, NIVI CREDIT SRL, ONE SRL, ORMCA SRL, OSIRC SPA, PHOENIX ITALIA SRL, PHONIKA SRL, PRIMEFIN SRL, R.C. COLLECTION SRL, RASKA SERVICE SRL, RBS RETAIL BANKING SRL, REAL CREDIT SAS, RECREDIT SERVICE SRL, RECREFIN SERVICE SRL, RECUS SPA, REGIE SRL, RELEASE SRL, RINALDO VAIRA - STUDIO EUROPEO GESTIONE INSOLUTI SRL, RS SERVIZI SRL, S.I.R. SAS, SARDA RECUPERI SRL, SC CREDITH SRL, SERCOM SRL, SERFIN 97 SRL, SERVICE CREDIT SRL, SERVICE LINES SRL, SI COLLECTION SPA, SICUR CREDIT SRL, SIGGER CONSULTING SRL, SO.CA. SERVICE SRL, SOLUZIONI TECNOLOGY RECOVERY SYSTEM SRL, SOREC SRL, ST.ING. SPA, STAR CREDIT SRL, STUDIO 2B SRL, STUDIO BONDI' SRL, STUDIO CO.GE.FIN. SRL, STUDIO LUZZI&ASSOCIATI SRL, STUDIO SPADINI SRL, STUDIO UNO SAS, STUDIO VESCOVI SRL, SUD CREDIT SRL, SYSTEM HOUSE SRL, TEAM COMPANY SRL, TELKOM SPA, TESEO SRL, TOTAL COLLECTION SRL, TRANSCOM WORLDWIDE SPA, TRC SPA, UEN SRL, UNO SERVIZI SRL, VIREC MANAGEMENT SRL, WINSERVICE SNC, WORK CREDIT DI VINCENZO SCORDO.

4 Unirec in lettere DEONTOLOGIA E TRASPARENZA UNIREC GARANTISCE PROFESSIONALITÀ, CORRETTEZZA E TRASPARENZA A BENEFICIO DELLE COMMITTENTI E DEI CLIENTI DEBITORI FORMAZIONE E PROFESSIONALITÀ UNIREC PROMUOVE L'ECCELLENZA DEI SERVIZI E LA CRESCITA PROFESSIONALE ATTRAVERSO LA FORMAZIONE CONTINUA BUONE PRASSI UNIREC ASSICURA DA SEMPRE BUONE PRASSI DI RECUPERO CONDIVISE CON LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI E CON LE COMMITTENTI

5 Unirec in numeri 200 IMPRESE ASSOCIATE ADDETTI ORE DI FORMAZIONE PRATICHE AMMINISTRATE EURO GESTITI

6 Unirec in numeri > > PRATICHE RISOLTE IN VIA STRAGIUDIZIALE EURO INCASSATI EURO DI RICAVI DA RECUPERO CREDITI EURO FATTURATO COMPLESSIVO

7 Unirec in numeri Associate: 2011: n : n : n. 192

8 Flash sullo scenario socio-economico in Italia nel 2013 Ritardi pag.ti Inadempienze Insolvenze Crisi finanziaria Crisi economica Riduzione reddito: Famiglie Imprese Licenziamenti Precarietà Disoccup.ne "Credit Crunch": Riduzione credito a Imprese e Famiglie No liquidità: Ritardi Default Fallimenti

9 Crisi economico/finanziaria DETERIORAMENTO DELLA SITUAZIONE GENERALE: INSTABILITÀ, CALO CONSUMI, AUMENTO INSOLVENZE, RIDUZIONE REDDITI, AUMENTO DELLE SOFFERENZE BANCARIE Crisi finanziaria Crisi economica 5,0% 4,5% 4,0% 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 1,5% 1,0% 0,5% 0,0% I T II III IV I T '00 T T T '01 '00 '00 '00 II T '01 III T '01 TASSO DI INGRESSO A SOFFERENZA IV T '01 FAMIGLIE I T II III IV I T II III IV I T II III IV I T II III IV I T II III IV I T II III IV I T II III IV I T II III IV I T II '02 T T T '03 T T T '04 T T T '05 T T T '06 T T T '07 T T T '08 T T T '09 T T T '10 T '02 '02 '02 '03 '03 '03 '04 '04 '04 '05 '05 '05 '06 '06 '06 '07 '07 '07 '08 '08 '08 '09 '09 '09 '10 TOTALE III T '10 IV I T T '11 '10 II T '11 III T '11 IMPRESE IV I T T '12 '11 II T '12 III T '12 IV I T T '13 '12 II T '13 famiglie consumatrici imprese totale economia

10 Indice di erogazione di credito NEL 2013 È PROSEGUITA LA DIMINUZIONE DI CREDITO SIA ALLE FAMIGLIE CHE ALLE IMPRESE "Credit Crunch": Riduzione credito a Imprese e Famiglie 10% 8% 6% 4% 2% CREDITO ALLE FAMIGLIE MUTUI 0% -2% -4% gen 2010 apr 2010 lug 2010 ott 2010 gen 2011 apr 2011 lug 2011 ott 2011 gen 2012 apr 2012 lug 2012 ott 2012 gen 2013 apr 2013 lug % -8% CREDITO ALLE IMPRESE famiglie società non finanziarie mutui alle famiglie per l'acquisto di abitazioni

11 Crisi Imprese HANNO CHIUSO I BATTENTI N. 111 MILA IMPRESE: + 7,3%. MAGGIOR NUMERO DI CHIUSURE IN: LOMBARDIA +21%, EMILIA +13%, CAMPANIA +12%, VENETO +11%, LAZIO + 5%, TOSCANA +5%, SICILIA +5%, PUGLIA +5% E PIEMONTE +2,5% TAA MOL CAL UMB SAR BAS MAR LAZ FVG LOM CAM EMI VEN ABR TOS PUG PIE SIC LIG VAO Imprese Attive (scala di sinistra) Imprese Cessate (scala di sinistra) Rapporto Cessate/Attive (scala di destra) 12% 10% 8% 6% 4% 2% 0% No liquidità: Ritardi Default Fallimenti

12 Disoccupazione A DICEMBRE, DISOCCUPATI A 3,3 MILIONI. TASSO DI DISOCCUPAZIONE RECORD A 12,7% (ISTAT) 25% 20% SUD + ISOLE 20,5% 15% ITALIA 12,7% 10% Licenziamenti Precarietà Disoccup.ne 5% 0% I T '10 II T '10 III T '10 IV T '10 I T '11 II T '11 III T '11 IV T '11 I T '12 II T '12 III T '12 ITALIA NORD CENTRO SUD + ISOLE NORD 9% IV T '12 I T '13 II T '13 CENTRO 11,2% III T '13 IV T '13

13 Reddito lordo disponibile delle Famiglie in termini reali Riduzione reddito: Famiglie Imprese IL REDDITO DISPONIBILE DELLE FAMIGLIE È DIMINUITO DELL 1,1% (ISTAT) I T '08 II T '08 III T '08 IV T '08 I T '09 II T '09 III T '09 IV T '09 I T '10 II T '10 III T '10 IV T '10 I T '11 II T '11 III T '11 IV T '11 I T '12 II T '12 III T '12 IV T '12 I T '13 II T '13 III T '13 IV T '13

14 Ritardi di pagamento e sofferenze Ritardi pag.ti Inadempienze Insolvenze È AUMENTATO IL NUMERO DI FAMIGLIE E DI IMPRESE CHE NON SONO RIUSCITE AD ONORARE I DEBITI PER BOLLETTE ENERGETICHE E TELEFONICHE, MA SOPRATTUTTO PER PRESTITI BANCARI E MUTUI. A FINE ANNO, SOFFERENZE BANCARIE CRESCIUTE DEL 25%, A SOMMA RECORD DI CIRCA 156 MILIARDI DI EURO ,2 107,6 113,1 117, ,5 155, IV T '11 I T '12 II T '12 III T '12 IV T '12 I T '13 II T '13 III T '13 IV T '13

15 Unirec 2013 Quadro d insieme Pratiche (mln) +12% ,0% ,3% ,1% ,8% 44,1% 43,8% % 70% 60% 50% 40% 30% Importi (mld) +13% 31,3% 28,6% ,3% 31 26,1% 38 24,1% ,6% 21,5% 19,6% 60% 50% 40% 30% 20% % 10% ,0 5,6 8,0 8,0 9,1 9,3 9,5 9, % 0% n. Pratiche affidate N. Pratiche Recuperate Performance (%) Importi Affidati Importi Recuperati Performance (%)

16 Unirec Pratiche affidate e recuperate % Affidate: 39 mln 6% 4% 14% % % 70% 60% % ,0% 53,3% 52,1% PRF: 43,8% 44,1% 43,8% 50% 40% % % 32% 10% Recuperate: 17 mln 30% 20% n. Pratiche affidate N. Pratiche Recuperate Performance (%) 10%

17 Unirec Importi affidati e recuperati Affidati: 49 mld 22% 14% % % 50% % % % ,3% ,6% 28% ,3% 26,1% 24,1% PRF: 19,6% 21,5% 19,6% 30% 20% % % 2% 2,7% 43% 1% Recuperati: 9,5 mld Importi Affidati Importi Recuperati Performance (%) 10% 0%

18 Unirec Crediti affidati per regione Prt 45% 22% 50% IN 4 REGIONI Prt 48% 26% Prt 38% 16% 19,6% Performance media nazionale Prt 40% 17%

19 Debiti non pagati nel 2013 per ogni soggetto residente tra 18 e 65 anni (euro) SICILIA PUGLIA CALABRIA ABRUZZO CAMPANIA PIEMONTE MOLISE LOMBARDIA LIGURIA MARCHE UMBRIA VENETO 986 SARDEGNA FRIULI 830 BASILICATA EMILIA 762 TOSCANA V. D AOSTA 663 LAZIO TRENTINO 336

20 Unirec Ripartizione per Settore (Importi) BANCARIO/ FINANZIARIO PRF: 15% 58% LEASING PRF: 38% 2% ALTRI SETTORI 3% 37% UTILITY/ TLC PRF: 20% PRF: 26%

21 Unirec Ripartizione per Settore SETTORE ECONOMICO Crediti Affidati Prt (%) Importi (%) Ticket medio Performance Prt (%) Importi (%) Bancario Finanziario Leasing Utility e TLC Altro (P.A. Comm.le, ) Totale ,8 19,6

22 Unirec Ripartizione per Settore SETTORE Bancario Finanziario Tm Utility/TLC Tm 942 Pratiche milioni 17,126 (44%) 19,072 (49%) Affidati Importi miliardi 28,186 (58%) 17,980 (37%) Pratiche milioni Recuperati Importi miliardi % N./mln %/T. % /mld %/T. 51% 8,720 52% 15% 4,208 44% 39% 7,417 43% 26% 4,645 49% Leasing Tm ,390 0,972 51% 0,193 1% 38% 0,365 4% Altro Tm 624 2,335 1,458 30% 0,700 4% 20% 0,292 3% TOTALE 38,923 48,596 43,8% 17, % 19,6% 9, %

23 Unirec Focus su Settore Bancario/Finanziario PRATICHE IMPORTI PRF 61% PRF 4% PRE- DBT 73% POST- DBT 27% PRF 25% POST- DBT 70% PRE- DBT 30% PRF 40%

24 Unirec Focus su Settore Bancario/Finanziario AGING Crediti Affidati Prt (%) Importi (%) Ticket medio Performance Prt (%) Importi (%) PRE-DBT POST-DBT TOTALE

25 Unirec Focus su Settore Utility/TLC PRATICHE IMPORTI PRF 68% PRF 65% ATTIVI 45% CESSATI 55% ATTIVI 25% CESSATI 75% PRF 16% PRF 12%

26 Unirec Focus su Settore Utility/TLC AGING Crediti Affidati Prt (%) Importi (%) Ticket medio Performance Prt (%) Importi (%) ATTIVI CESSATI TOTALE

27 Unirec Focus su Tipologia Debitore PRATICHE IMPORTI PRF 31% PRF 18% 86% BTC 82% PRF 45% 14% BTB 18% PRF 28%

28 Unirec Focus su Tipologia Debitore TIPOLOGIA Crediti Affidati Performance DEBITORE Prt (%) Importi (%) Ticket medio Prt (%) Importi (%) BTB BTC TOTALE ,8 19,6

29 Unirec Focus su Attività di Recupero PRATICHE IMPORTI PRF 31% PRF 14% HOME 37% HOME PHONE PHONE 52% 48% 63% PRF 49% PRF 26%

30 Unirec Focus su Attività di Recupero ATTIVITÀ DI Crediti Affidati Performance RECUPERO Prt (%) Importi (%) Ticket medio Prt (%) Importi (%) PHONE HOME TOTALE ,8 19,6

31 Unirec Provvigione media 10,0% 9,0% 8,0% 7,0% 6,0% 5,0% 6,32% 5,27% 5,60% 5,52% 5,95% 5,90% 4,0% 3,0% 2,0%

32 Unirec Fatturato Imprese Unirec Impresa 2011 % % 2012 % % 2013 % % S.p.A Srl Altre Unirec

33 Utili 2013 Associate Unirec 2011 % 2012 % 2013 % Totale utili ( /mln) Utile medio ( /000) Utili /Ricavi da recupero 27,7-10% 25,6-7% 23,8-7% % % 125-9% 5,5% -18% 4,6% -16% 4,2% -9%

34 Unirec Ricavi e utili per addetto N. medio Addetti/Associata Ricavi per Addetto ( /000) 31,3 30,5 31,7 Utili per Addetto % -24%

35 Previsione per il 2014 Pratiche affidate +7% / 8% Importi affidati +8% / 11% Performance -1%

36 Previsioni delle Imprese Associate Unirec VOLUMI CREDITI AFFIDATI 35% 30% 25% 20% 15% 10% forte calo 7% calo 28% stabili 25% leggero aum.to 29% forte aum.to 11% 5% 0% in forte calo in calo stabili in leggero aumento in forte aumento

37 Previsioni delle Imprese Associate Unirec 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% forte calo 19% RICAVI PER RECUPERO CREDITI calo 32% stabile 22% leggero aum.to 22% forte aum.to 5% 0% in forte calo in calo stabile in leggero aumento in forte aumento

38 Previsioni delle Imprese Associate Unirec UTILI DI BILANCIO 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% forte calo 21% calo 26% stabili 27% leggero aum.to 25% forte aum.to 1% in forte calo in calo stabili in leggero aumento in forte aumento

39 Conclusioni 1/3 Dal IV Rapporto si evince che, anche nel 2013, le diverse dinamiche hanno inciso negativamente sulla redditività, e sull equilibrio finanziario, degli operatori della Tutela del Credito. I quali hanno sopportato un altra erosione degli utili di circa il 7% medio, che si somma alla pari diminuzione del 7% già registrata nel 2012 ed a quella del 10% accusata nel A conferma che l attività di Tutela del Credito per conto terzi è contestualmente ciclica e anticiclica.

40 Conclusioni 2/3 Infatti, se da una parte la crisi - unita alla maggior propensione all esternalizzazione - ha portato un notevole incremento di volumi di lavoro, dall altra, come emerge dai numeri del Rapporto, ha reso più difficoltosa e, conseguentemente più costosa, l attività di recupero, a fronte di provvigioni flat e/o in calo. Ciò, sommato ai maggiori costi di compliance ed all aumento del costo del lavoro (il più impattante per questa attività), ha ridotto, svilendola, ulteriormente la marginalità.

41 Conclusioni 3/3 Per il futuro, se non interverranno cambiamenti significativi, soprattutto in termini di continuità di commesse, riconoscimento del ruolo svolto e di una adeguata remunerazione dei servizi prestati dagli Operatori del Recupero Crediti, il comparto rischia di implodere, con danno per tutti. In tal senso sarebbe utile una riflessione da parte di tutti gli stakeholders.

Terzo Rapporto Annuale sui Servizi a Tutela del Credito

Terzo Rapporto Annuale sui Servizi a Tutela del Credito Terzo Rapporto Annuale sui Servizi a Tutela del Credito Claudio Iovino Consigliere Unirec 24 maggio 2013 Auditorium Antonianum Roma Grazie alle Imprese Unirec che hanno inviato i dati 2 Abbrevia Srl, Acm

Dettagli

Tutela del Credito: IV Rapporto Annuale - 2013 CENTRO STUDI UNIREC. In collaborazione con

Tutela del Credito: IV Rapporto Annuale - 2013 CENTRO STUDI UNIREC. In collaborazione con Tutela del Credito: IV Rapporto Annuale - 2013 CENTRO STUDI UNIREC In collaborazione con Maggio 2014 Tutela del Credito: il ruolo economico e sociale del comparto IV Rapporto Annuale (anno 2013) CENTRO

Dettagli

Terzo Rapporto Annuale sui Servizi a Tutela del Credito (anno 2012)

Terzo Rapporto Annuale sui Servizi a Tutela del Credito (anno 2012) Terzo Rapporto Annuale sui Servizi a Tutela del Credito (anno 2012) Ufficio Studi In collaborazione con maggio 2013 Ringraziamenti Un doveroso ringraziamento è dovuto alle Società Associate ad Unirec

Dettagli

Servizi a Tutela del Credito V Rapporto

Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Servizi a Tutela del Credito V Rapporto (Anno 2014) CENTRO STUDI UNIREC in collaborazione con maggio 2015 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Annuale (Anno 2014) CENTRO STUDI UNIREC Maggio 2015 Indice

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

PRIMO RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI PER LA TUTELA DEL CREDITO. Centro studi associativo

PRIMO RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI PER LA TUTELA DEL CREDITO. Centro studi associativo PRIMO RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI PER LA TUTELA DEL CREDITO. Centro studi associativo Roma, 20 maggio 2011 IN COLLABORAZIONE CON 1 INTRODUZIONE Sin dalla sua costituzione UNIREC ha periodicamente analizzato

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Debito pubblico ed effetti delle manovre finanziarie sulle Amministrazioni locali Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto

Debito pubblico ed effetti delle manovre finanziarie sulle Amministrazioni locali Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Debito pubblico ed effetti delle manovre finanziarie sulle Amministrazioni locali Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Venezia, 19 marzo 2014 Il debito pubblico e l economia sommersa

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

CooperfidiSicilia. Servizio Gestione Crediti. www.cooperfidisicilia.it CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI

CooperfidiSicilia. Servizio Gestione Crediti. www.cooperfidisicilia.it CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI CooperfidiSicilia CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI 1 Servizio Gestione Crediti www.cooperfidisicilia.it La gestione dei crediti commerciali. Perché esternalizzare la gestione Aziende di diversi

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

Fallimenti delle aziende in Italia Dati aggiornati a settembre 2014

Fallimenti delle aziende in Italia Dati aggiornati a settembre 2014 Fallimenti delle aziende in Italia Dati aggiornati a settembre 2014 Marketing CRIBIS D&B Agenda Analisi dei Fallimenti in Italia Company Profile Gli Strumenti Utilizzati e Metodologia 2 Tipologia di analisi

Dettagli

ANALISI DELL IMPATTO DELLA CRISI SULLE ECONOMIE REGIONALI. Ufficio Studi Divisione Retail. Bologna, 24 Agosto 2009

ANALISI DELL IMPATTO DELLA CRISI SULLE ECONOMIE REGIONALI. Ufficio Studi Divisione Retail. Bologna, 24 Agosto 2009 ANALISI DELL IMPATTO DELLA CRISI SULLE ECONOMIE REGIONALI Ufficio Studi Divisione Retail Bologna, 24 Agosto 2009 Indice 1. Quadro congiunturale 2. Eterogeneità dei cicli economici a livello regionale 3.

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

Rapporto PMI Mezzogiorno 2015

Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Il Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Gli effetti della crisi sulle PMI meridionali Il rischio delle PMI meridionali Le prospettive e le misure necessarie per favorire la ripresa

Dettagli

PICCOLE IMPRESE: CON MENO CREDITO E IN AUMENTO LA PIAGA DELL USURA

PICCOLE IMPRESE: CON MENO CREDITO E IN AUMENTO LA PIAGA DELL USURA PICCOLE IMPRESE: CON MENO CREDITO E IN AUMENTO LA PIAGA DELL USURA Con la forte contrazione dei prestiti bancari avvenuta in questi ultimi anni, soprattutto nei confronti delle imprese di piccola dimensione,

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

Fallimenti delle aziende in Italia

Fallimenti delle aziende in Italia Fallimenti delle aziende in Italia Dati aggiornati al Terzo Trimestre 2012 Marketing CRIBIS D&B Agenda Company Profile Gli Strumenti Utilizzati e Metodologia Analisi dei Fallimenti in Italia 2 Agenda Company

Dettagli

Allegato C Elenco dei soggetti ai quali i dati possono essere comunicati

Allegato C Elenco dei soggetti ai quali i dati possono essere comunicati Allegato C Elenco dei soggetti ai quali i dati possono essere comunicati ABI ACCENTO ITALIA S.R.L. AGE CREDIT SRL AGENZIA DELLE ENTRATE ALFA SISTEMI ALMAVIVA ALTAMIRA S.R.L. ANDROMEDA DIGITALE SRL AON

Dettagli

Studio Pagamenti 2012

Studio Pagamenti 2012 Studio Pagamenti 2012 EMILIA ROMAGNA Dati aggiornati a Settembre 2012 Marketing CRIBIS D&B Agenda Company Profile Gli Strumenti Utilizzati e Metodologia Analisi delle Abitudini di Pagamento in Emilia Romagna

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

Riorganizzazione Trenitalia. 14 luglio 2005

Riorganizzazione Trenitalia. 14 luglio 2005 Riorganizzazione Trenitalia 14 luglio 2005 2 Riorganizzazione processi di manutenzione Strutture centrali Pianificazione industriale (Nuova) Ingegneria degli impianti e della manutenzione (riorganizz.

Dettagli

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno NOTA PER LA STAMPA Roma, 17 aprile 2009 CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno Le imprese italiane pagano un prezzo sempre più alto per la crisi del credito:

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010 Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO La ricerca sviluppata ha preso in esame tutte le segnalazioni pervenute al Centro Operativo Nazionale del

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Modulo Raccolta Dati Dati dell Azienda e della sua Attività

Modulo Raccolta Dati Dati dell Azienda e della sua Attività Modulo Raccolta Dati Dati dell Azienda e della sua Attività 1 Dati dell Azienda Ragione e forma sociale Codice Nace Sede Legale: Via/Piazza Stato/Città C.A.P. Sede Operativa: Via/Piazza Stato/Città C.A.P.

Dettagli

L impresa veneta e le conseguenze del Veneto (federato o indipendente) nel contesto europeo

L impresa veneta e le conseguenze del Veneto (federato o indipendente) nel contesto europeo L impresa veneta e le conseguenze del Veneto (federato o indipendente) nel contesto europeo Gian Angelo Bellati Segretario Generale Eurosportello Veneto EEN network Convegno «Autodeterminazione: la via

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

Workshop Trade Finance 27 maggio 2014

Workshop Trade Finance 27 maggio 2014 Workshop Trade Finance 27 maggio 2014 1 1 Euler Hermes: Overview del Gruppo 2 Lo scenario economico: le insolvenze aziendali 3 La Partnership Euler Hermes Crédit Agricole 4 Le nostre offerte di prodotti

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO. Dopo 25 anni di graduale riduzione del divario

IL QUADRO MACROECONOMICO. Dopo 25 anni di graduale riduzione del divario Il Mezzogiorno: quadro macroeconomico, servizi pubblici, finanza pubblica Nel Mezzogiorno risiede un terzo della popolazione italiana; vi si produce un quarto del PIL complessivo e un quinto del PIL del

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Allegato C Elenco dei soggetti ai quali i dati possono essere comunicati

Allegato C Elenco dei soggetti ai quali i dati possono essere comunicati Allegato C Elenco dei soggetti ai quali i dati possono essere comunicati ABI ACCENTO ITALIA S.R.L. AGE CREDIT SRL AGENZIA DELLE ENTRATE AKTUARIA ALFA SISTEMI ALMAVIVA ALMAVIVA FINANCE ALTAMIRA S.R.L. ANDROMEDA

Dettagli

Studio Pagamenti 2014

Studio Pagamenti 2014 Studio Pagamenti 2014 ITALIA Dati aggiornati a Marzo 2014 Marketing CRIBIS D&B Agenda Analisi delle Abitudini di Pagamento in Italia: IQ 2014 Company Profile Gli Strumenti Utilizzati 2 Abitudini di Pagamento,

Dettagli

L attrazione di investimenti nei servizi di CRM: l assistenza di Sviluppo Italia nel caso Transcom

L attrazione di investimenti nei servizi di CRM: l assistenza di Sviluppo Italia nel caso Transcom L attrazione di investimenti nei servizi di CRM: l assistenza di Sviluppo Italia nel caso Transcom Roma, 23 aprile 2004 Michele Resta Area Attrazione Investimenti Sviluppo Italia: una mission, tre linee

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Salvio CAPASSO Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e del Territorio Napoli, 12 maggio 2015 Agenda

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

OBIETTIVI DI SERVIZIO NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Oriana Cuccu Francesca Matalucci Unità di Valutazione degli investimenti pubblici

OBIETTIVI DI SERVIZIO NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Oriana Cuccu Francesca Matalucci Unità di Valutazione degli investimenti pubblici OBIETTIVI DI SERVIZIO NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Oriana Cuccu Francesca Matalucci Unità di Valutazione degli investimenti pubblici Rapporto Rifiuti Urbani 2009 Roma, 28 aprile 2010 COSA SONO GLI

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015. Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015. Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015 a cura della Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci 112 110 108 106 104 102 100 Roma 15 giugno 2015

Dettagli

Nei mesi scorsi e particolarmente negli ultimi tre del 2011 le tensioni sul mercato dei titoli di Stato e la conseguente incertezza

Nei mesi scorsi e particolarmente negli ultimi tre del 2011 le tensioni sul mercato dei titoli di Stato e la conseguente incertezza gen 9 feb 9 mar 9 apr 9 mag 9 giu 9 lug 9 ago 9 set 9 ott 9 nov 9 dic 9 gen 1 feb 1 mar 1 apr 1 mag 1 giu 1 lug 1 ago 1 set 1 ott 1 nov 1 dic 1 gen 11 feb 11 mar 11 apr 11 mag 11 giu 11 lug 11 ago 11 set

Dettagli

FAC-SIMILE. (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano ai quantitativi di Gas prelevati dal Cliente.

FAC-SIMILE. (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano ai quantitativi di Gas prelevati dal Cliente. Modulo offerta economica validità dell offerta fino al 31/05/2013, prezzi fissi per 12 mesi della data di attivazione della fornitura. HOME ENERGY GAS WEB (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015 Il mercato delle case per vacanza Roma, 29 luglio 2015 Previsioni di crescita del PIL (variazioni %) 2013 2014 2015 2016 Mondo 3,3 3,3 3,1 3,8 STATI UNITI

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

MISSION PERCHE CREDIT SOFT COME OPERIAMO NEL VOSTRO INTERESSE VANTAGGI RISULTATI OTTENUTI GAMMA SERVIZI

MISSION PERCHE CREDIT SOFT COME OPERIAMO NEL VOSTRO INTERESSE VANTAGGI RISULTATI OTTENUTI GAMMA SERVIZI MISSION PERCHE CREDIT SOFT COME OPERIAMO NEL VOSTRO INTERESSE VANTAGGI RISULTATI OTTENUTI GAMMA SERVIZI Credit Soft fa di competenza professionale ed efficacia dei risultati gli obiettivi MISSION primari,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale VI Workshop UniCredit RegiosS Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali. I fattori di competitività territoriale La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014 Novara, 11 giugno 2014 "Il Nuovo SET (Servizio Emergenze Trasporti), uno strumento operativo per la gestione delle emergenze a supporto delle Autorità Pubbliche e delle Imprese". Francesca Belinghieri

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Il Report sui Mancati Pagamenti delle Imprese italiane: obiettivo e contenuto Nel contesto attuale caratterizzato

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

Presentazione del progetto di ricerca

Presentazione del progetto di ricerca Roma, 16/01/2012 Codice ricerca: 2011-203fo 2011203fo1 Osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese italiane 2012 Presentazione del progetto di ricerca Agenda 1 Scheda

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Calabria e Crotone maglia nera per il lavoro irregolare Primato positivo per Emilia Romagna e Bolzano L economia sommersa arruola un

Dettagli

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Roma, marzo 2007 Codice Ricerca: 2007-033bf www.formatresearch.com PREMESSA E NOTA METODOLOGICA Soggetto che ha realizzato

Dettagli

La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca

La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca 4 aprile 2014 i 100 anni Maserati Da dove veniamo? Declino & trasformazione 1974 1975

Dettagli

4 Convegno Nazionale I Confidi a sostegno del credito alle PMI

4 Convegno Nazionale I Confidi a sostegno del credito alle PMI 4 Convegno Nazionale I Confidi a sostegno del credito alle PMI Le politiche regionali e il Fondo Centrale di Garanzia Marco Nicolai i 18 febbraio 2010 1 Gli operatori finanziari in Italia e in Lombardia

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Indagine sull esattore medio italiano

Indagine sull esattore medio italiano Indagine sull esattore medio italiano Per iniziativa di Delta Credit Veneto In collaborazione con: (in ordine alfabetico) Age Credit Srl nella persona del Dr. Marco Pasini Creditech Spa nella persona del

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane Indicatori di indebitamento, Dicembre 2010 n. 3 Ufficio Analisi Economiche Lista degli indicatori 2 Sommario e conclusioni Indicatori di indebitamento A.1 - Incidenza del debito A.2 - Dinamica dei mutui

Dettagli

MARIELLA VOLPE. Responsabile Sistema CPT Unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici (UVAL) DPS - MISE

MARIELLA VOLPE. Responsabile Sistema CPT Unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici (UVAL) DPS - MISE I CONTI PUBBLICI TERRITORIALI A SUPPORTO DELLA VALUTAZIONE E DELLA PROGRAMMAZIONE REGIONALE Il caso del Servizio Idrico Integrato e della Gestione dei Rifiuti Urbani MARIELLA VOLPE Responsabile Sistema

Dettagli

Indagine KPMG sulla home collection e gestione degli NPL Matteo Frigerio, Senior Manager KPMG Advisory Il mercato delle cessioni di portafogli

Indagine KPMG sulla home collection e gestione degli NPL Matteo Frigerio, Senior Manager KPMG Advisory Il mercato delle cessioni di portafogli Indagine KPMG sulla home collection e gestione degli NPL Matteo Frigerio, Senior Manager KPMG Advisory Il mercato delle cessioni di portafogli crediti nel Consumer Finance in Italia Domenico Torini, Director

Dettagli

MOVIMPRESE RISTORAZIONE

MOVIMPRESE RISTORAZIONE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro MOVIMPRESE RISTORAZIONE Anno 2011 Ufficio studi A cura di L. Sbraga e G. Erba MOVIMPRESE RISTORAZIONE A dicembre del 2011 negli archivi delle Camere

Dettagli

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris. 2015 MARZO Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.it L opinione degli italiani: L UTILIZZO DEL TRASPORTO PUBBLICO IL CAMPIONE

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI IN ITALIA IL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI IN ITALIA Estratto dall'osservatorio Congiunturale sull'industria delle Costruzioni a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Novembre 21 Continua

Dettagli

I consumi alimentari delle famiglie (valori in Mld. di euro correnti anno 2012)

I consumi alimentari delle famiglie (valori in Mld. di euro correnti anno 2012) Milano, 15 ottobre 2013 I consumi alimentari delle famiglie (valori in Mld. di euro correnti anno 2012) Totale* 211,7 In casa 138,8 * escluse bevande alcoliche Fuori casa 72,9 Fonte: elaboraz. C.S. Fipe

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Sesto. Quadro Regionale di Valutazione dell'innovazione Innovation Scoreboard Regione Lazio. Filas. Finanziaria laziale di sviluppo

Sesto. Quadro Regionale di Valutazione dell'innovazione Innovation Scoreboard Regione Lazio. Filas. Finanziaria laziale di sviluppo Sesto Quadro Regionale di Valutazione dell'innovazione Innovation Scoreboard Regione Lazio 2008 Filas Finanziaria laziale di sviluppo 2 Filas Osservatorio Filas Coordinatrice Laura Tassinari Esperti Maria

Dettagli

RAPPORTO MET 2008. estratto da BOZZA: Le politiche per le imprese nelle regioni italiane

RAPPORTO MET 2008. estratto da BOZZA: Le politiche per le imprese nelle regioni italiane MET RAPPORTO MET 2008 estratto da BOZZA: Le politiche per le imprese nelle regioni italiane Lavoro coordinato da R. Brancati: Il gruppo di lavoro: G. Aquilina, P. Ascani, C. A. Bollino, C. Borzaga, R.

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio Fisica Sanitaria Roma, 17 Febbraio 2012 Michele Belluscio Fisica Sanitaria: Attività La Fisica Sanitaria svolge attività connesse, in modi e misure diverse, con: -Radioterapia oncologica -Medicina nucleare

Dettagli

II FORUM GREEN ENERGY

II FORUM GREEN ENERGY II FORUM GREEN ENERGY OSSERVATORIO RINNOVABILI Prime evidenze della Rilevazione «Il ruolo delle banche nello sviluppo delle green energy» Francesca Rosati Senior Research Analyst ABI Lab Marco Marino Ufficio

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DAL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL

SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DAL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO L SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE.

Dettagli

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori)

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori) Consumo annuo (kwh) Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di energia elettrica Corrispettivi previsti dall offerta free di eni alla data del 01/02/2011, valida fino alla data del 15/04/2011

Dettagli

Dossier rincari ferroviari

Dossier rincari ferroviari Nel 2007 i pendolari in Italia hanno superato i 13 milioni (pari al 22% della popolazione) con un incremento del 18% rispetto al 2005. La vita quotidiana è quindi sempre più caratterizzata dalla mobilità,

Dettagli

Banca dati per il monitoraggio dei consumi e degli acquisti L esperienza della Regione Emilia Romagna

Banca dati per il monitoraggio dei consumi e degli acquisti L esperienza della Regione Emilia Romagna Banca dati per il monitoraggio dei consumi e degli acquisti L esperienza della Regione Emilia Romagna Daniela Carati Servizio Politica del Farmaco Assessorato alla Sanità e Politiche Sociali 1 Il sistema

Dettagli