Repertorio delle imprese innovative delle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Repertorio delle imprese innovative delle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli"

Transcript

1 Repertorio delle imprese innovative delle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli

2

3 Repertorio delle imprese innovative delle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli

4

5 È noto come l innovazione sia un driver fondamentale di sviluppo economico: tentare una prima misurazione del fenomeno risulta, dunque, particolarmente rilevante in un momento, come quello attuale, caratterizzato da una marcata instabilità dello scenario economico internazionale. Ci si è proposti in questa sede di monitorare il complesso fenomeno dell innovazione in Piemonte, partendo dall individuazione degli attori del processo, ossia le imprese locali caratterizzate da elevate capacità innovative. Il primo Repertorio delle imprese innovative delle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Verbano Cusio Ossola e Vercelli nasce da tali presupposti. La ricerca si sviluppa all interno del progetto Innovazione e sviluppo sostenibile: la chiave per la competitività e la crescita delle Pmi, sostenuto dal sistema camerale piemontese e inserito all interno del Fondo di perequazione di Unioncamere italiana. Il repertorio nasce con l intento di estendere la mappatura, già realizzata per la provincia di Torino da parte della propria Camera di commercio, all intero territorio piemontese. Oltre a delineare i contorni del fenomeno dell innovazione in Piemonte, il repertorio consente di potenziare la banca dati delle imprese piemontesi coinvolte in processi di innovazione, in modo da poter fornire loro in maniera puntuale i servizi di cui necessitano, promuovendone adeguatamente le capacità. L innovazione rappresenta uno dei principali motori dell auspicato consolidamento della ripresa mondiale e della futura crescita economica: puntare su di essa appare, quindi, imprescindibile, affinché il sistema economico piemontese intraprenda un virtuoso cammino di sviluppo economico e sociale. Il Presidente Unioncamere Piemonte Ferruccio Dardanello

6 Repertorio delle imprese innovative delle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Verbano Cusio Ossola e Vercelli Indice Nota metodologica 5 Schede delle imprese partecipanti 13 Elenco delle imprese che hanno partecipato al Repertorio delle imprese innovative per livello innovativo 49 per provincia 53 per settore di attività 59 Elenco delle imprese incluse nel dataset inziale 65 Pubblicazione a cura di Unioncamere Piemonte Via Cavour, Torino Tel Fax Coordinamento metodologico ed elaborazione dati Elena Porta Roberto Strocco Ufficio Studi e Statistica Unioncamere Piemonte Coordinamento editoriale Grace De Girolamo Alessandra Turco Ufficio Relazioni Esterne e Pubblicazioni Hanno collaborato Ufficio Studi e Statistica Unioncamere Piemonte Uffici Studi delle Camere di commercio piemontesi Progetto grafico, impaginazione e stampa Creativa Impresa di Comunicazione Srl Finito di stampare nel mese di settembre

7 Nota metodologica 5

8 Repertorio delle imprese innovative delle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Verbano Cusio Ossola e Vercelli NOTA METODOLOGICA La realizzazione del Repertorio delle imprese innovative delle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Verbano Cusio Ossola e Vercelli si inserisce all interno del più ampio progetto Innovazione e sviluppo sostenibile: la chiave per la competitività e la crescita delle PMI, presentato con successo da Unioncamere Piemonte nell ambito del Fondo di perequazione Il progetto, che vede la collaborazione sinergica di tutto il sistema camerale piemontese, integra al proprio interno vari ambiti di intervento ed è finalizzato ad accrescere la competitività delle imprese attraverso l innovazione, sulla base di diverse finalità tra loro complementari. In particolare prevede, attraverso il Repertorio, la realizzazione di una prima mappatura di tutte le aziende locali caratterizzate da elevate capacità innovative, al fine di potenziare la banca dati delle imprese coinvolte in processi di innovazione tecnologica, promuoverne le capacità e fornire loro i servizi di cui necessitano. La ricerca ha adottato la metodologia già utilizzata dalla Fondazione Rosselli che, per conto della Camera di commercio di Torino 1 e tramite il supporto scientifico di docenti e ricercatori del Politecnico di Torino, ha condotto le medesime rilevazioni in provincia di Torino per gli anni 2009 e Questa pubblicazione rappresenta, quindi, l integrazione di quanto realizzato dalla Fondazione Rosselli al fine di giungere ad una mappatura dell innovazione per l intero territorio regionale. 1 Il procedimento utilizzato ha come presupposto l individuazione di un modello che tenga conto di tutti i diversi aspetti del processo innovativo con il superamento del tradizionale approccio di interpretazione spesso eccessivamente polarizzato in favore dell innovazione di prodotto, manifatturiera ed in-house. Lo schema proposto dalla Fondazione Rosselli articola il processo in differenti fasi: esso ha origine dalle diverse fonti da cui scaturisce l impulso a condurre l attività di innovazione da parte delle imprese; è indissolubilmente legato alla disponibilità di risorse finanziarie, indispensabili per trasformare le idee innovative in applicazioni con un potenziale commerciale; si sviluppa nella realizzazione delle diverse tipologie di innovazione e si conclude con l adozione di un sistema di protezione del valore dell innovazione. Il modello individuato, inoltre, estende l analisi ai soggetti esterni all impresa con cui essa interagisce nel perseguire le proprie traiettorie di innovazione. La realizzazione del Repertorio delle imprese innovative si è articolata su tre fasi. 6

9 Prima fase Definizione del dataset iniziale di imprese È stato creato un dataset iniziale volto ad individuare tutte le imprese aventi sede legale nelle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Verbano C.O. e Vercelli e dotate di elevate capacità innovative. Tale strumento è stato costruito attraverso la consultazione di banche dati, prevalentemente pubbliche, sulla base dei criteri di inclusione che seguono. Insediamento all interno di incubatori d impresa, parchi scientifici e tecnologici e poli di innovazione: le informazioni rilevanti sono state ricavate sia attraverso le anagrafiche d impresa fornite direttamente dagli enti gestori degli incubatori d impresa, parchi scientifici e tecnologici e poli di innovazione, sia attraverso le anagrafiche disponibili sui loro siti internet. Realizzazione di progetti finanziati da misure comunitarie, nazionali e regionali: a) Partecipazione a progetti di ricerca finanziati in ambito europeo, a partire dal 6 programma quadro dell Unione europea. Le informazioni sono state ricavate attraverso la consultazione dei database del CORDIS, il portale europeo per le attività di ricerca e sviluppo. b) Partecipazione a progetti non strettamente di ricerca, ma comunque inerenti temi tecnologici finanziati in ambito europeo, a partire dal 6 programma quadro. Anche in questo caso i dati sono stati ottenuti dal database del CORDIS. c) Partecipazione a progetti nazionali iniziati sulle seguenti misure: > Legge 297 > Legge 488 > Legge 46. Le informazioni sono state ricavate dal database ARIANNA Anagrafe Nazionale delle Ricerche del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. d) Partecipazione a bandi di finanziamento regionali: > Servizi informatici innovativi Sezione A Innovazione POR-FESR Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Asse 1 Attività I.1.3 Innovazione e PMI > Servizi informatici innovativi Sezione B Sviluppo sperimentale POR-FESR Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Asse 1 Attività I.1.3 Innovazione e PMI > I.3.2 Adozione TIC POR-FESR Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Asse 1 Attività I.1.3 Innovazione e PMI. Le informazioni sono state ottenute attraverso la consultazione dei documenti della Regione Piemonte. Inoltre, sono state incluse tutte le imprese che hanno partecipato ai progetti finanziati dal bando Piattaforma Agroalimentare della Regione Piemonte. Attività brevettuale: imprese titolari di almeno un brevetto nazionale e/o europeo, rilasciato non prima del 2005 e sino al 30 settembre Le informazioni rilevanti sono state estratte e rielaborate sia attraverso le anagrafiche di impresa fornite dal centro PATLIB della Camera di commercio di Torino, sia attraverso la consultazione del database europeo EPO (European Patent Office). Attività di ricerca avanzata: a) Presenza all interno dell impresa di un laboratorio accreditato dal Ministero per l Università e la Ricerca. b) Partecipazione a progetti finanziati FIRB (Finanziamento alla Ricerca di Base) e PRIN (Progetti di Ricerca di Interesse Nazionale). Le informazioni rilevanti sono state estratte da database pubblici del MIUR (Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca). Progetti Speciali coordinati dalle Camere di commercio piemontesi: a) TPA Torino Piemonte Aerospace (CCIAA Torino) b) FCTC From Concept to Car (CCIAA Torino) c) Think up ICT (CCIAA Torino) d) InContract (Unioncamere Piemonte). Si è scelto, inoltre, di includere le aziende che hanno partecipato all evento di informazione e promozione sul Venture Capital organizzato il 30 novembre 2010 da Unioncamere Piemonte con il supporto di Unicredit, Abi, Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Ivrea-Pinerolo-Torino e con la collaborazione di Torino Wireless e Comitato Torino Finanza, oltre a quelle coinvolte nella ricerca Strategie territoriali e innovazione organizzativa nelle PMI. Una ricerca nel settore agroalimentare della provincia di Cuneo, realizzata dal Laboratorio Frame del COREP, in collaborazione con la Camera di commercio di Cuneo e finanziata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo. NOTA METODOLOGICA 7

10 Repertorio delle imprese innovative delle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Verbano Cusio Ossola e Vercelli Appartenenza a settori innovativi: al fine di garantire una copertura anche su settori altamente innovativi, ma poco rappresentati attraverso gli indicatori tecnologici tradizionali si è scelto di includere nel dataset le imprese del settore design, multimedia, software ed engineering con almeno 25 addetti nel 2008, con sede legale nelle province di interesse. Le informazioni rilevanti sono state estratte attraverso le anagrafiche di impresa contenute nell Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia, Istat). Grandi imprese: al fine di rappresentare nel campione anche un certo numero di grandi imprese, si è scelto di includere nel dataset tutte le aziende dei comparti manifatturieri e dei servizi avanzati con almeno 100 addetti nel 2008 e con sede legale nelle province di interesse (Classificazione Eurostat/Ocse dei settori per rispettivo contenuto tecnologico e di conoscenza). Le informazioni sono state estratte attraverso le anagrafiche di impresa contenute nell Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia, Istat). NOTA METODOLOGICA Spesa in R&S: società di capitale che si siano distinte, tra il 2005 e il 2008, per valori particolarmente elevati di spese in ricerca. Per valutare la propensione ad investire in ricerca è stato calcolato un indice di spesa in ricerca, ottenuto a partire dai bilanci delle società di capitale presenti nella banca dati AIDA del Bureau van Dijk. L indice è stato ottenuto rapportando le immobilizzazioni immateriali relative all innovazione al totale del fatturato, attraverso la seguente formula: Le voci delle immobilizzazioni considerate come spese in ricerca sono: a) Costi di ricerca, sviluppo e pubblicità b) Diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno c) Concessione, licenze, marchi e brevetti. Sono state incluse nell elenco iniziale le società di capitale con valore dell indice pari o superiore al 10%. Segnalazioni da parte delle associazioni di categoria datoriali: imprese segnalate dalle associazioni di categoria datoriali che si sono distinte sotto il profilo innovativo. A partire dai parametri descritti è stato ottenuto un database costituito complessivamente da imprese, così suddivise sulla base dei criteri considerati: Criterio di inclusione (a) Insediamento all interno di incubatori d impresa, parchi scientifici e tecnologici, poli di innovazione N. imprese Realizzazione di progetti di ricerca finanziati da misure comunitarie, nazionali e regionali 187 Attività brevettuale 474 Attività di ricerca avanzata 16 Progetti Speciali coordinati dalle Camere di commercio piemontesi 92 Appartenenza a settori innovativi 17 Grandi imprese 58 Spesa in R&S 266 Segnalazioni da parte delle associazioni di categoria datoriali (a) È possibile che una stessa impresa possegga più di uno dei criteri riportati nella tabella

11 Si riporta di seguito la suddivisione delle imprese incluse nel dataset 2 iniziale per provincia della sede legale. Imprese incluse nel dataset iniziale per provincia della sede legale Verbano Cusio Ossola 77 6% Novara % Vercelli 97 7% Alessandria % Asti 108 8% Seconda fase Indagine sul campo Alle imprese selezionate sono state fornite le credenziali (login e password) utili per la compilazione on-line del questionario di approfondimento 3. Il questionario, articolato in poco più di 30 domande, è stato rivolto alle sole imprese che nel periodo hanno realizzato almeno una tra le seguenti iniziative di innovazione: Progetti di ricerca di base o applicata in un particolare ambito tecnologico/scientifico. Progetti di sviluppo di nuovi prodotti/servizi. Progetti di miglioramento di prodotti/servizi già esistenti (es. aggiunta nuove funzionalità, miglioramento delle prestazioni del prodotto, introduzione di nuove tecnologie e materiali). Progetti di ri-organizzazione di uno o più processi aziendali tramite l introduzione di nuove tecnologie e/o la ridefinizione di ruoli e alcune mansioni affidate ai dipendenti. Il questionario analizza in primo luogo le strategie e i modelli di innovazione dell azienda, quindi le fonti dell innovazione interne e/o esterne all impresa, vale a dire le modalità e i canali da cui scaturiscono le conoscenze innovative incorporate nei nuovi prodotti e/o servizi dell azienda e da cui deriva l impulso a condurre l attività di innovazione da parte dell impresa. Le domande sono volte anche ad esaminare gli strumenti e le decisioni di gestione dell innovazione, le modalità di finanziamento a sostegno degli investimenti in innovazione realizzati dall azienda e la dotazione infrastrutturale aziendale per l innovazione. Un ulteriore sezione è stata dedicata ai sistemi di protezione del valore dell innovazione. L indagine ha avuto luogo nei mesi di marzo e aprile 2011 e ha visto la partecipazione di 200 imprese. 3 il questionario è consultabile all'indirizzo NOTA METODOLOGICA Biella % Cuneo % 2 a pagina 65 si riporta l'elenco di tutte le aziende incluse nel dataset iniziale 9

12 Repertorio delle imprese innovative delle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Verbano Cusio Ossola e Vercelli Terza fase Calcolo del rating innovativo Le riposte fornite al questionario sono state riaggregate ed elaborate al fine di valutare l attività di innovazione delle imprese, attraverso il calcolo di un indice aggregato. Si sottolinea, quindi, come tale modello si basi essenzialmente su una autovalutazione delle imprese coinvolte nella ricerca. Seguendo la metodologia utilizzata dalla Fondazione Rosselli per conto della Camera di commercio di Torino si è operata, in primo luogo, una suddivisione delle imprese in tre macroaree di attività, vale a dire: Il punteggio sintetico attribuito a ciascuna azienda permette di ottenere un posizionamento relativo tra imprese afferenti ad una stessa macroarea settoriale. Lo score su ciascuna delle cinque dimensioni elencate in precedenza è dato dal rapporto tra il valore complessivo ottenuto dall impresa e il massimo score riportato nella macroarea di appartenenza dell impresa. Tale score ha pertanto valore massimo pari a 1. Per ciascuna delle cinque dimensioni, lo score della i-esima impresa è calcolato in base alla seguente formula: NOTA METODOLOGICA Manifatturiero: 101 imprese (50,5%) ICT: 23 imprese (11,5%) Servizi e altro: 76 imprese (38,0%) L indice aggregato si compone di cinque dimensioni, che connotano le principali caratteristiche della performance innovativa: intensità dell attività innovativa investimenti in R&S e modalità di finanziamento capacità di interazione con soggetti esterni all impresa sistemi di management dell innovazione intellectual property rights. Per ciascuna dimensione sono state individuate, a partire dal questionario, alcune variabili rilevanti, selezionate in modo da minimizzare gli effetti di soggettività dell autovalutazione espressa dalle imprese. Nel processo di aggregazione, ad ogni variabile è stato assegnato un peso differente (compreso tra 1 e 3) oltre ad un livello di rilevanza, che varia in base alla macroarea di attività dell impresa (Alta rilevanza = 1; Media rilevanza = 0,6; Bassa Rilevanza = 0,3). La combinazione del peso e della rilevanza consente di limitare l impatto sul rating finale delle specificità settoriali. Dove: e è il punteggio massimo ottenuto per ognuna delle cinque dimensioni tra tutte le imprese posizionate nella stessa macroarea di riferimento dell impresa i-esima. L indice aggregato di innovazione è dato dalla sommatoria degli score ottenuti su ognuna delle cinque dimensioni. I livelli dello score sono stati successivamente riaggregati in 4 classi, dalla classe alla classe A. Si riporta di seguito l elenco delle variabili utilizzate per il calcolo dell indice complessivo, con i relativi pesi e rilevanze per ciascuna delle cinque dimensioni. Dimensione 1 - Intensità dell attività innovativa Macroarea Variabile Rilevanza Peso Innovazione di prodotto A 3 Innovazione di processo A 3 Manifatturiero Innovazione organizzativa M 1 Introduzione di nuovi sistemi informativi M 1 Posizionamento tecnologico A 2 Innovazione di prodotto A 3 Innovazione di processo M 3 ICT Innovazione organizzativa M 1 Introduzione di nuovi sistemi informativi A 1 Posizionamento tecnologico A 2 Innovazione di prodotto A 3 Innovazione di processo M 3 Servizi e altro Innovazione organizzativa A 1 Introduzione di nuovi sistemi informativi A 1 Posizionamento tecnologico M 2 10

13 Dimensione 2 - Investimenti in R&S e finanziamento Macroarea Variabile Rilevanza Peso Spese in R&S A 3 Investimenti in R&S Manifatturiero che non hanno ancora prodotto risultati A 2 Finanziamenti pubblici nazionali M 2 Finanziamenti EU A 3 Spese in R&S M 3 Investimenti in R&S ICT che non hanno ancora prodotto risultati M 2 Finanziamenti pubblici nazionali M 2 Finanziamenti EU M 3 Spese in R&S A 3 Investimenti in R&S Servizi e altro che non hanno ancora prodotto risultati A 2 Finanziamenti pubblici nazionali M 2 Finanziamenti EU M 2 Dimensione 3 - Capacità di interazione con soggetti esterni all impresa Macroarea Variabile Rilevanza Peso Manifatturiero ICT Servizi e altro Accordi R&S A 3 Interazione clienti guida M 2 Interazione Università A 2 Interazione concorrenti M 2 Pubblicazioni tecniche M 2 Partner internazionali A 3 Clienti internazionali A 3 Università internazionali A 3 Accordi R&S A 3 Interazione clienti guida A 2 Interazione Università M 2 Interazione concorrenti M 2 Pubblicazioni tecniche M 2 Partner internazionali A 3 Clienti internazionali A 3 Università internazionali A 3 Accordi R&S A 3 Interazione clienti guida M 2 Interazione Università A 2 Interazione concorrenti M 2 Pubblicazioni tecniche M 2 Partner internazionali A 3 Clienti internazionali A 3 Università internazionali A 3 NOTA METODOLOGICA 11

14 Repertorio delle imprese innovative delle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Verbano Cusio Ossola e Vercelli Dimensione 4 - Sistemi di management dell innovazione Macroarea Variabile Rilevanza Peso Manifatturiero ICT Servizi e altro Sistemi project management A 2 Metodi stage gate per product development A 2 Sistemi project management A 2 Metodi stage gate per product development A 2 Sistemi project management M 2 Metodi stage gate per product development M 2 NOTA METODOLOGICA Dimensione 5 - Intellectual property rights Macroarea Variabile Rilevanza Peso Manifatturiero ICT Servizi e altro Licensing out A 3 Brevetti nazionali A 2 Brevetti internazionali A 3 Licensing out M 3 Brevetti nazionali B 2 Brevetti internazionali B 3 Licensing out B 3 Brevetti nazionali M 2 Brevetti internazionali M 3 Le risposte al questionario fornite dalle 200 imprese che hanno partecipato al Repertorio e il rating innovativo assegnato ad ognuna sono stati inseriti in altrettante schede che ne riassumono le caratteristiche dell attività innovativa. Per facilitare la consultazione delle schede si riportano, subito dopo, gli elenchi delle 200 imprese raggruppate per livello innovativo, per provincia della sede legale e per settore di attività economica (classificazione Istat Ateco 2007). Per completezza si riporta, infine, l elenco delle aziende individuate come potenzialmente innovative sulla base dei criteri di inclusione descritti in precedenza e incluse nel dataset iniziale, raggruppate per provincia della sede legale. 12

15 Schede delle imprese partecipanti 13

16 Legenda A. Water SYSTEMS Srl SCHEDE Innovazione di prodotto Innovazione nei processi di produzione e/o introduzione di nuove tecnologie di produzione Attività di ricerca e sviluppo Addetti dedicati a ricerca e sviluppo Assegnatario di brevetti nazionali e/o internazionali Partecipazione a progetti europei Scheda n. 2 Scheda n. 1 CORSO PIAVE ALBA (CUNEO) Classe addetti Piccola impresa Anno di fondazione: 2005 FABBRICAZIONE DI MACCHINE PER L INDUSTRIA ALIMENTARE, DELLE BEVANDE E DEL TABACCO A.S.T.R.A. REFRIGERANTI Spa VIA CURETTA PIETRA MARAZZI (ALESSANDRIA) Classe addetti Media impresa Anno di fondazione: 1948 FABBRICAZIONE DI ATTREZZATURE DI USO NON DOMESTICO PER LA REFRIGERAZIONE E LA VENTILAZIONE Partecipazione a progetti di ricerca finanziati a livello regionale e/o nazionale A.T.O.M. Srl VIA MARZALESCO CUREGGIO (NOVARA) Insediamento presso un incubatore di imprese e/o un PST e/o un polo di innovazione Livello innovativo dell Impresa* Scheda n. 3 Classe addetti Piccola impresa Anno di fondazione: 1948 LAVORI DI MECCANICA GENERALE 14 *Il livello innovativo è un indicatore sintetico basato sulle informazioni fornite dall impresa attraverso il questionario

17 ABI.SYS DI BURDISSO RICCARDO & C. Snc ACERBI VEICOLI INDUSTRIALI Spa FR. ISOLA BENE VAGIENNA (CUNEO) STRADA PER PONTECURONE CASTELNUOVO SCRIVIA (ALESSANDRIA) Scheda n. 4 Scheda n. 5 Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 1995 Settore di attività (classificazione Istat Ateco 2007) RIPARAZIONE DI COMPUTER E PERIFERICHE ABRIGO Spa VIA ALBA CORTEMILIA DIANO D ALBA (CUNEO) Classe addetti Piccola impresa Anno di fondazione: 1979 LAVORI DI MECCANICA GENERALE Scheda n. 8 Scheda n. 7 Classe addetti Media impresa Anno di fondazione: 1960 FABBRICAZIONE DI CARROZZERIE PER AUTOVEICOLI, RIMORCHI E SEMIRIMORCHI AGRIMAT DI PIERO MORINI S.S. PER VOGHERA 97/ TORTONA (ALESSANDRIA) Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 1978 FABBRICAZIONE DI MACCHINE PER L AGRICOLTURA E LA SILVICOLTURA ABTECHNO Srl AGRINDUSTRIA DI TECCO P.A. GIUSEPPE & C. Snc VIA VALCOSSERA ASTI (ASTI) VIA VALLE PO CUNEO (CUNEO) Scheda n. 6 Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 2005 FABBRICAZIONE DI MACCHINE PER L INDUSTRIA ALIMENTARE, DELLE BEVANDE E DEL TABACCO Scheda n. 9 Classe addetti Piccola impresa Anno di fondazione: 1985 PULITURA E CERNITA DI SEMI E GRANAGLIE 15

18 AIRSTAR AVIATION Srl ALPIFLOR Srl SS REGIONE PIANE MOTTALCIATA (BIELLA) VIA DONATORI DI SANGUE PIASCO (CUNEO) Scheda n. 10 Scheda n. 11 Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 2005 ATTIVITÀ DI RIPRESE AEREE NEL CAMPO DELLA FOTOGRAFIA AL.MI. Srl VIA G. MAZZINI NOVI LIGURE (ALESSANDRIA) Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 1987 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MATERIALE PER OTTICA E FOTOGRAFIA Scheda n. 14 Scheda n. 13 Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 1984 Settore di attività (classificazione Istat Ateco 2007) FABBRICAZIONE DI MEDICINALI ED ALTRI PREPARATI FARMACEUTICI ANTHEA Srl C.SO RISORGIMENTO 13 BIS BIELLA (BIELLA) Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 1991 COMMERCIO ALL INGROSSO DI TESSUTI ALCHERINGA Srl APHARM Srl VIA DEL CIMITERO CUNEO (CUNEO) VIA ROMA ARONA (NOVARA) Scheda n. 12 Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 2007 COMMERCIO ALL INGROSSO DI CARTA DA PARATI, COLORI E VERNICI Scheda n. 15 Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 2005 COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI FARMACEUTICI 16

19 ARDEA SEAL Srl ARTIMPIANTI Snc DI GENRE WALTER E BOTTA ALBERTO STRADA COMUNALE SAVONESA TORTONA (ALESSANDRIA) VIA BUSCA COSTIGLIOLE SALUZZO (CUNEO) Scheda n. 16 Scheda n. 17 Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 2010 FABBRICAZIONE DI IMBALLAGGI IN MATERIE PLASTICHE ARES Srl CORSO INDIPENDENZA CASALE MONFERRATO (ALESSANDRIA) Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 1998 ALTRE ATTIVITÀ DI CONSULENZA IMPRENDITORIALE E ALTRA CONSULENZA AMMINISTRATIVO-GESTIONALE E PIANIFICAZIONE AZIENDALE Scheda n. 20 Scheda n. 19 Classe addetti Piccola impresa Anno di fondazione: 1984 INSTALLAZIONE DI IMPIANTI ELETTRICI, IDRAULICI ED ALTRI LAVORI DI COSTRUZIONE E INSTALLAZIONE AURILIS GROUP ITALIA Srl VIA MARENE FOSSANO (CUNEO) Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 2004 ATTIVITÀ DEGLI STUDI DI ARCHITETTURA, INGEGNERIA ED ALTRI STUDI TECNICI ARTIMESTIERI Scarl AUTOCARROZZERIA MODERNA Srl VIA SAN MAURO BOVES (CUNEO) VIA GIOVANNI E LUIGI CERUTTI 2/A CASALE MONFERRATO (ALESSANDRIA) Scheda n. 18 Classe addetti Piccola impresa Anno di fondazione: 1989 CORSI DI FORMAZIONE E CORSI DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Scheda n. 21 Classe addetti Piccola impresa Anno di fondazione: 1992 FABBRICAZIONE DI VEICOLI PER INVALIDI (INCLUSE PARTI E ACCESSORI) 17

20 AVIOPROP Srl AZIENDA AGRICOLA SELEZIONE TEO COSTA-GIOBBE DI COSTA ROBERTO E MARCO VIA PAPA GIOVANNI XXIII CAMERI (NOVARA) VIA SAN SALVARIO CASTELLINALDO (CUNEO) Scheda n. 22 Scheda n. 23 Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 2004 FUSIONE DI METALLI LEGGERI AX CONSULTING Srl VIA P. GOBETTI BIELLA (BIELLA) Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 2008 CONSULENZA NEL SETTORE DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMATICA Scheda n. 26 Scheda n. 25 Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 1996 COLTIVAZIONE DI UVA B.C.E. Srl CORSO ALESANDRIA TORTONA (ALESSANDRIA) Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 2008 ALTRE ATTIVITÀ DI CONSULENZA IMPRENDITORIALE E ALTRA CONSULENZA AMMINISTRATIVO-GESTIONALE E PIANIFICAZIONE AZIENDALE AZIENDA AGRICOLA LA FREIDIO DI ROVERA PAOLO ALPI MARITTIME CREDITO COOPERATIVO CARRÙ Soc. Coop. per Azioni VIA NAZIONALE STROPPO (CUNEO) VIA STAZIONE CARRÙ (CUNEO) Scheda n. 24 Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 1997 COLTIVAZIONE DI PIANTE DA FORAGGIO E DI ALTRE COLTURE NON PERMANENTI Scheda n. 27 Classe addetti Media impresa Anno di fondazione: 1899 INTERMEDIAZIONE MONETARIA DI ISTITUTI MONETARI DIVERSE DALLE BANCHE CENTRALI 18

21 BARRA&BARRA Srl BIESSE SISTEMI Srl VIA VITTORIO VENETO CENTALLO (CUNEO) PIAZZA GARIBALDI NIZZA MONFERRATO (ASTI) Scheda n. 28 Scheda n. 29 Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 2008 COSTRUZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI E NON RESIDENZIALI BENE BANCA CREDITO COOPERATIVO DI BENE VAGIENNA Soc. Coop. PIAZZA BOTERO BENE VAGIENNA (CUNEO) Classe addetti Media impresa Anno di fondazione: 1897 INTERMEDIAZIONE MONETARIA DI ISTITUTI MONETARI DIVERSE DALLE BANCHE CENTRALI Scheda n. 32 Scheda n. 31 Classe addetti Piccola impresa Anno di fondazione: 1990 INSTALLAZIONE DI IMPIANTI ELETTRONICI (INCLUSA MANUTENZIONE E RIPARAZIONE) BIOGEST Srl VIA SAN GIOVANNI BOSCO 179/A NOVI LIGURE (ALESSANDRIA) Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 2003 COLLAUDI ED ANALISI TECNICHE DI PRODOTTI BERTOLOTTOPORTE Spa BISTEFANI GRUPPO DOLCIARIO Spa VIA CIRCONVALLAZIONE GIOLITTI 43/ TORRE SAN GIORGIO (CUNEO) VIA OLIVIERO CAPELLO CASALE MONFERRATO (ALESSANDRIA) Scheda n. 30 Classe addetti Media impresa Anno di fondazione: 2000 FABBRICAZIONE DI PORTE E FINESTRE IN LEGNO (ESCLUSE PORTE BLINDATE) Scheda n. 33 Classe addetti Media impresa Anno di fondazione: 1959 PRODUZIONE DI FETTE BISCOTTATE E DI BISCOTTI; PRODUZIONE DI PRODOTTI DI PASTICCERIA CONSERVATI 19

22 BOCCIOLONE ANTINCENDIO Spa BP AUTOMATION DI G. PIETROBON & C. Sas VIA INDREN VARALLO (VERCELLI) STRADA DELLA MANDRIA 22/B CAVAGLIÀ (BIELLA) Scheda n. 34 Scheda n. 35 Classe addetti Piccola impresa Anno di fondazione: 1998 FABBRICAZIONE DI ALTRO MATERIALE MECCANICO E DI ALTRE MACCHINE DI IMPIEGO GENERALE NCA BORGNA ALESSANDRO FRAZIONE NASAGÒ ORMEA (CUNEO) Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 2004 COSTRUZIONE DI OPERE DI PUBBLICA UTILITÀ PER IL TRASPORTO DI FLUIDI Scheda n. 38 Scheda n. 37 Classe addetti Piccola impresa Anno di fondazione: 1981 INSTALLAZIONE DI IMPIANTI ELETTRICI IN EDIFICI O IN ALTRE OPERE DI COSTRUZIONE (INCLUSA MANUTENZIONE E RIPARAZIONE) BRA SERVIZI GROUP Srl CORSO MONVISO BRA (CUNEO) Classe addetti Piccola impresa Anno di fondazione: 2008 SERVIZI INTEGRATI DI SUPPORTO PER LE FUNZIONI D UFFICIO BORGNA GLASS Srl BRATOS Srl STRADA PROVINCIALE CERVASCA (CUNEO) VIA ROVERETO TORTONA (ALESSANDRIA) Scheda n. 36 Classe addetti Piccola impresa Anno di fondazione: 2002 LAVORAZIONE E TRASFORMAZIONE DEL VETRO PIANO Scheda n. 39 Classe addetti Micro impresa Anno di fondazione: 2007 FABBRICAZIONE DI MACCHINE PER L INDUSTRIA ALIMENTARE, DELLE BEVANDE E DEL TABACCO 20

I mercatini dell antiquariato in Piemonte

I mercatini dell antiquariato in Piemonte I mercatini dell antiquariato in Piemonte BIELLESE Mercatino dell antiquariato minore Biella (ultima domenica di marzo, giugno e settembre) Mercatino dell antiquariato Cossato (primo sabato del mese) CANAVESE

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989 Giugno 2014 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie Il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani: sfide locali e globali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - La Regione Piemonte e la politica europea:

Dettagli

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema I CAS DELLE AZIENDE OSPEDALIERE DOTT. A. CAPALDI I.R.C.C.s Candiolo Regione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

PROFILO AZIENDALE. Dal 1995 Lips Vago conferisce l incarico in esclusiva anche per la regione Marche.

PROFILO AZIENDALE. Dal 1995 Lips Vago conferisce l incarico in esclusiva anche per la regione Marche. ARCAE s.a.s. di Galli Patrizio & C. - Viale A. Silvani, 10/G - 40122 BOLOGNA Tel. 051 55 44 50 - Fax 051 52 02 54 E - mail: info@arcae.it - Internet: www.arcae.it Partita IVA: 04169300375 - C.C.I.A.A.

Dettagli

COMUNE di CELLE LIGURE (Provincia di Savona) via S. Bagno 11 telefono 019 99801 telefax 019 993599 telex... e-mail lavoripubb@comunecelle.

COMUNE di CELLE LIGURE (Provincia di Savona) via S. Bagno 11 telefono 019 99801 telefax 019 993599 telex... e-mail lavoripubb@comunecelle. allegato alla determinazione del responsabile dell ufficio tecnico n. del COMUNE di CELLE LIGURE (Provincia di Savona) via S. Bagno 11 telefono 019 99801 telefax 019 993599 telex... e-mail lavoripubb@comunecelle.it

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano mi chiamo Marco Girardello lavoro per la Fondazione Casa di Carità dal 2001 allor quando le azioni in carcere erano promosse dal C.F.P.P. Casa di Carità Onlus provengo da un background di studi giuridici

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Giornata dell Economia 2004

Giornata dell Economia 2004 Giornata dell Economia 2004 Premio Camera di Commercio Comunicato stampa n. 22 del 13 luglio 2004 La società ha bisogno oggi più che mai, dinanzi ad una congiuntura sfavorevole e all insicurezza determinata

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Nuova scadenza presentazione domande di contributo: martedì 30 giugno 2015, ore 12.00

Nuova scadenza presentazione domande di contributo: martedì 30 giugno 2015, ore 12.00 Bando per la concessione di contributi a fondo perduto alle imprese del commercio e del turismo del Distretto ValleLambro - Distretto dell attrattività territoriale integrata turistica e commerciale per

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE DEL MONDO RURALE E DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA COMPETITIVITÀ PER LO SVILUPPO RURALE Prot. 7399

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

La center multi service srl è una società europea che dal 1998 opera nel settore dei meetings e congressi, nella comunicazione integrata e nei

La center multi service srl è una società europea che dal 1998 opera nel settore dei meetings e congressi, nella comunicazione integrata e nei La center multi service srl è una società europea che dal 1998 opera nel settore dei meetings e congressi, nella comunicazione integrata e nei rapporti business to business. I settori di azione spaziano

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze.

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. CURRICULUM VITAE Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. Titolo di Studio: Laurea Economia e Commercio conseguita il 17.04.1973 presso l Università

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi)

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) Autorizzazione/Atto Contenuto Destinatario Documentazione ANNA MARCHI MAZZINI Autorizzazione

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT 31 Professioni tecniche in campo scientifico, ingegneristico e della produzione 311 Tecnici delle scienze quantitative, fisiche e chimiche 3111. Tecnici fisici e geologici Rilevatore geologico Tecnico

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate AP AU nr. 11/2015 AVVISO AGLI UTENTI Data emissione 21 Gennaio 2015 Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate Si informa la Gentile Clientela che a partire

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI

ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI Per individuare correttamente il tipo di corso a cui iscrivere i propri lavoratori occorre applicare quanto stabilito dall Accordo Stato

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta N. ORDINE 1 Commessa 110110-19 (A1) MILANO - NAPOLI Tratto Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 Ditta BONCOMPAGNI Giuseppe n. a Citerna il 07.01.1952 propr. per 1/2;BONCOMPAGNI Luigi n. a Citerna

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli