Bilancio Consolidato 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio Consolidato 2010"

Transcript

1 Bilancio Consolidato 2010

2

3 Bilancio Consolidato 2010 Denominazione sociale: Consorzio Ravennate delle Cooperative di Produzione e Lavoro Soc. Coop. p. A. Numero iscrizione albo società cooperative: A Sede legale: Via Teodorico, 15 - Ravenna Iscritto al Registro delle Imprese di Ravenna - n. iscrizione, C.F. e P.Iva: Iscritto al R.E.A. di Ravenna - n Capitale sociale: e ,47 di cui versato e ,63 Stato Patrimoniale Bilancio consolidato al 31/12/2010 ATTIVO 31/12/ /12/2009 PARziali Totali totali A. CREDITI V/SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI A.I. Versamenti non ancora richiamati Totale crediti v/soci per vers. ancora dovuti B. IMMOBILIZZAZIONI B.I. Immobilizzazioni immateriali B.I.1 Costi di impianto e di ampliamento B.I.2 Costi di ricerca, sviluppo, pubblicità B.I.3 Diritto di brevetto industriale e diritti di utilizzazione di opere dell ingegno B.I.4 Concessioni, licenze, marchi e diritti simili 327 B.I.7 Altre immobilizzazioni immateriali B.I.8 Differenza di consolidamento Totale Immobilizzazioni immateriali B.II. Immobilizzazioni materiali B.II.1 Terreni e fabbricati B.II.2 Impianti e macchinario B.II.3 Attrezzature industriali e commerciali B.II.4 Altri beni materiali Totale Immobilizzazioni materiali B.III. Immobilizzazioni finanziarie B.III.1 Partecipazioni B.III.1.a Partecipazioni in imprese controllate B.III.1.b Partecipazioni in imprese collegate B.III.1.d Partecipazioni in altre imprese B.III.2 Crediti B.III.2.b Crediti verso collegate Totale Immobilizzazioni finanziarie Totale immobilizzazioni

4 C. ATTIVO CIRCOLANTE C.I. Rimanenze C.I.2 Prodotti in corso di lavorazione e semilavorati C.I.3 Lavori in corso su ordinazione Totale rimanenze C.II. Crediti che non costituiscono immobilizzazioni C.II.1 Crediti verso clienti esigibili entro l esercizio successivo C.II.2 Crediti verso imprese controllate esigibili entro l esercizio successivo C.II.3 Crediti verso imprese collegate esigibili entro l esercizio successivo C.II.4-bis Crediti tributari esigibili entro l esercizio successivo esigibili oltre l esercizio successivo C.II.4-ter Imposte anticipate esigibili entro l esercizio successivo C.II.5 Crediti verso altri esigibili entro l esercizio successivo Totale crediti che non costituiscono immobilizzazioni C.III. Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni Totale attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni C.IV. Disponibilità liquide C.IV.1 Depositi bancari e postali C.IV.2 Assegni C.IV.3 Denaro e valori in cassa Totale disponibilità liquide TOTALE ATTIVO CIRCOLANTE D. RATEI E RISCONTI ATTIVI D.II. Altri ratei e risconti attivi Totale ratei e risconti attivi TOTALE ATTIVO

5 Bilancio Consolidato 2010 Stato Patrimoniale PASSIVO 31/12/ /12/2009 PARziali Totali totali A. PATRIMONIO NETTO A.I. Capitale A.III. Riserve di rivalutazione A.IV. Riserva legale A.VII. Altre riserve A.VIII. Utile (perdita) riportate a nuovo A.IX. Utile (perdita) dell esercizio TOTALE PATRIMONIO NETTO DEL GRUPPO Risultato dell'esercizio di terzi Quota di patrimonio netto di terzi TOTALE PATRIMONIO NETTO DI TERZI TOTALE PATRIMONIO netto CONSOLIDATO B. FONDI PER RISCHI E ONERI B.2 Per imposte, anche differite B.3 Altri fondi rischi Totale Fondi per rischi e oneri C. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO D. DEBITI D.3 Debiti verso soci per finanziamenti esigibili entro l esercizio successivo esigibili oltre l esercizio successivo D.4 Debiti verso banche esigibili entro l esercizio successivo esigibili oltre l esercizio successivo D.5 Debiti verso altri finanziatori esigibili entro l esercizio successivo D.6 Acconti esigibili entro l esercizio successivo D.7 Debiti verso fornitori esigibili entro l esercizio successivo D.9 Debiti verso imprese controllate esigibili entro l esercizio successivo D.10 Debiti verso imprese collegate esigibili entro l esercizio successivo D.12 Debiti tributari esigibili entro l esercizio successivo esigibili oltre l esercizio successivo 300 D.13 Debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale esigibili entro l esercizio successivo D.14 Altri debiti esigibili entro l esercizio successivo TOTALE DEBITI E. RATEI E RISCONTI E.II. Altri ratei e risconti passivi Totale ratei e risconti passivi TOTALE PASSIVO

6 K. CONTI D'ORDINE K.1.1 Fideiussioni K.1.1d Fideiussioni ad altri K.1.3 Altre garanzie K.1.3 Altre garanzie nell'interesse di altri TOTALE CONTI D ORDINE

7 Bilancio Consolidato 2010 Conto Economico 31/12/ /12/2009 Parziali Totali Totali A. VALORE DELLA PRODUZIONE A.1 Ricavi delle vendite e delle prestazioni A.2 Variazione delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti A.3 Variazione dei lavori in corso su ordinazione A.4 Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni A.5 Altri ricavi e proventi Totale valore della produzione B. COSTI DELLA PRODUZIONE B.6 Costi per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci B.7 Costi per servizi B.8 Costi per godimento di beni di terzi B.9 Costi per il personale B.9.a Salari e stipendi B.9.b Oneri sociali B.9.c Trattamento di fine rapporto B.9.e Altri costi per il personale B.10. Ammortamenti e svalutazioni B.10.a Ammortamento immobilizzazioni immateriali B.10.b Ammortamento immobilizzazioni materiali B.10.d Svalutazione dei crediti compresi nell'attivo circolante e delle disponibilità liquide B.11 Variazioni delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci B.12. Accantonamenti per rischi B.13. Altri accantonamenti B.14 Oneri diversi di gestione Totale costi della produzione Differenza tra valore e costi della produzione C. PROVENTI E ONERI FINANZIARI C.15 Proventi da partecipazioni C.15.a Proventi da partecipazioni in imprese controllate 12 C.15.c Proventi da partecipazioni in altre imprese C.16 Altri proventi finanziari C.16.c Proventi finanziari da titoli diversi da partecipazioni iscritti nell attivo circolante C.16.d Proventi diversi dai precedenti C.16.d.1 Proventi diversi dai precedenti da imprese controllate C.16.d.2 Proventi diversi dai precedenti da imprese collegate 225 C.16.d.4 Proventi diversi dai precedenti da altre imprese C.17 Interessi e altri oneri finanziari C.17.c Interes. pass. e altri oneri finanz. vs. controllanti 1 C.17.d Interessi passivi e altri oneri finanziari vs. altri Totale proventi e oneri finanziari

8 D. RETTIFICHE DI VALORE DI ATTIVITà FINANZIARIE D.18 Rivalutazioni D.18.a Rivalutazioni di partecipazioni D.19 Svalutazioni D.19.a Svalutazioni di partecipazioni Totale rettifiche di valore di attività finanziarie E. PROVENTI E ONERI STRAORDINARI E.20 Proventi straordinari E.20.a Plusvalenze da alienazione 1 E.20.b Altri proventi straordinari E.21 Oneri straordinari E.21.c Altri oneri straordinari Totale proventi e oneri straordinari Risultato prima delle imposte Imposte sul reddito dell esercizio 22.a Imposte correnti b Imposte differite c Imposte anticipate TOTALE IMPOSTE DELL'ESERCIZIO UTILE D'esercizio DEL GRUPPO risultato d'esercizio di terzi UTILE D'ESERCIZIO CONSOLIDATO Il Bilancio sopra riportato è vero e reale e corrisponde alle scritture contabili. 118

9 Nota Integrativa

10

11 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Premessa La redazione del bilancio consolidato al 31 dicembre 2010 del "gruppo CONSORZIO RAVENNATE SOC. COOP. P.A.", di cui questo documento costituisce parte integrante, viene effettuata in ossequio al disposto degli articoli 25 e seguenti del D.Lgs. 127/91 e del Codice Civile. La Capogruppo è un consorzio fra cooperative operante nel mercato nazionale delle costruzioni, la cui attività principale consiste nell acquisizione di lavori da committenti pubblici e privati. Per l esecuzione dei lavori assunti il Consorzio si avvale prevalentemente delle cooperative socie alle quali, a norma di statuto, può affidare la realizzazione delle opere mantenendo la responsabilità della corretta esecuzione delle stesse nei confronti della stazione appaltante. La Capogruppo, dal punto di vista giuridico, è in forma cooperativa a mutualità prevalente e svolge la propria attività prevalentemente a favore dei soci, rispondendo ai requisiti dell art del C.C.. Le società rientranti nell area di consolidamento della Capogruppo operano, come si dirà nel prosieguo, nel settore immobiliare e dei servizi. Il bilancio consolidato dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2010, di cui la presente Nota integrativa costituisce parte integrante ai sensi dell art. 29 D. Lgs. 127/91, corrisponde alle risultanze delle scritture contabili regolarmente tenute ed è redatto nel rispetto del principio della chiarezza e con l obiettivo di rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria, ed il risultato economico dell esercizio del Gruppo. Nella redazione del bilancio consolidato sono stati osservati i seguenti principi generali: la valutazione delle voci è stata fatta secondo prudenza e nella prospettiva della continuazione dell attività, nonché tenendo conto della funzione economica dell attivo o del passivo considerato; sono indicati esclusivamente gli utili realizzati alla data di chiusura dell esercizio; si è tenuto conto dei proventi e degli oneri di competenza dell esercizio, indipendentemente dalla data dell incasso o del pagamento; si è tenuto conto dei rischi e delle perdite di competenza dell esercizio anche se conosciuti dopo la chiusura di questo; non vi sono elementi eterogenei compresi nelle singole voci di bilancio; il bilancio e la nota integrativa sono stati redatti senza cifre decimali, come dettato dalla norma, utilizzando la procedura di arrotondamento dei dati contabili, le eventuali squadrature di bilancio dovute all arrotondamento non avendo alcuna rilevanza contabile sono trattate in via extracontabile nel seguente modo: - squadratura stato patrimoniale esposizione in A VII Altre riserve ; - squadratura in conto economico esposizione alternativamente in E 20 Proventi straordinari oppure in E 21 Oneri straordinari. 121

12 Composizione dell area di consolidamento L area di consolidamento è la seguente: 1. CONSORZIO RAVENNATE SOC. COOP. P.A.: Capogruppo 2. ELENA S.R.L. Società Unipersonale: sede in Via Teodorico, Ravenna Percentuale di possesso delle quote: 100% Capitale sociale: Euro Valore della partecipazione detenuta dalla controllante: Euro Attvità: immobiliare 3. ALISEI S.R.L.: sede in Via Teodorico, Ravenna Percentuale di possesso delle quote: 84% Capitale sociale: Euro Valore della partecipazione detenuta dalla controllante: Euro Attività: immobiliare 4. COOPOLIS S.P.A.: sede in Via Teodorico, Ravenna Percentuale di possesso delle quote: 88,96% Capitale sociale: Euro Valore della partecipazione detenuta dalla controllante: Euro al netto di un fondo svalutazione di Euro Attività: detenzione di partecipazioni, servizi 5. IMMOBILIARE PANORAMA SRL (*): sede in Via Teodorico, Ravenna Percentuale di possesso delle quote: 30% in Elena S.r.l. e 40% in Alisei S.r.l. Capitale sociale: Euro Valore della partecipazione detenuta dalla controllante: Euro in Elena S.r.l. e in Alisei S.r.l. Attività: immobiliare 6. IMMOBILIARE ARGENTARIO SRL (*): sede in Via Teodorico, Ravenna Percentuale di possesso delle quote: 70% in Alisei S.r.l. Capitale sociale: Euro Valore della partecipazione detenuta dalla controllante: Euro in Alisei S.r.l. Attività: immobiliare 7. WAFER SRL (*): sede in Viale della Lirica, Ravenna Percentuale di possesso delle quote: 51% in Coopolis S.p.A. Capitale sociale: Euro Valore della partecipazione detenuta dalla controllante: Euro in Coopolis S.p.A. Attività: internet (*) = CONTROLLATE INDIRETTE Elenco società controllate escluse dall area di consolidamento Nella tabella seguente si evidenziano le società controllate, direttamente ed indirettamente, dalla Capogruppo, che non sono state incluse nell area di consolidamento. I motivi dell esclusione sono i seguenti: alcune partecipazioni di controllo sono assunte per l esecuzione di interventi di finanza strutturata tramite lo strumento della società di progetto nell interesse di cooperative associate e con apporto finanziario da parte delle stesse; altre partecipazioni di controllo sono relative a consorzi e società consortili costituiti per l'esecuzione dei lavori e sono acquisite per conto delle cooperative associate esecutrici, alle quali viene addebitata la quota di partecipazione sottoscritta, non rilevando quindi nei confronti del Consorzio l'esistenza o meno di partecipazioni di collegamento o 122

13 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa di controllo, essendo tutti gli oneri relativi di competenza delle cooperative; sulle consortili che gestiscono lavori diretti del Consorzio, vi sono anche partecipazioni di controllo e di collegamento, i cui effetti economici si esplicano interamente sul bilancio del Consorzio tramite la valutazione dei lavori in corso e dei costi addebitati dalle stesse che funzionano a ribalto, non rientrando quindi nel consolidato di gruppo. CONTROLLATE DEL CRCPL NON CONSOLIDATE DESCRIZIONE VNC % PN frazione PN DELTA nota L.A.M.P.A. soc. cons. a rl - Ravenna , Consorzio E.O.S. srl - Ravenna Global Service Rivoli Scarl Sporting Asti S.S.D. a r.l , CONTROLLATE Da coopolis NON CONSOLIDATE DESCRIZIONE VNC % PN frazione PN DELTA nota Polocem D.O.O Sei srl in liquidazione e in concordato Note: 1 = società consortile; 2 = in procedura; 3 = per conto di cooperative associate Come si dirà nel prosieguo, tali società sono valutate con il metodo del costo. Metodo di consolidamento Il metodo di consolidamento adottato è il metodo integrale. Pertanto le attività, passività, costi e ricavi delle società controllate sono consolidati integralmente, mentre viene data evidenza del patrimonio netto e dell utile di pertinenza dei terzi in apposite voci del Patrimonio Netto. Bilanci utilizzati per la redazione del consolidato I bilanci utilizzati per la redazione del bilancio consolidato sono quelli d'esercizio al 31 dicembre 2010 delle imprese, di cui al paragrafo precedente, ai quali sono state apportate le rettifiche ed eliminazioni di consolidamento previste dall'art. 31 del D.Lgs. 127/91 interpretate ed integrate, laddove necessario, da quanto previsto dai principi contabili di riferimento, dalle indicazioni della prassi e dei principi contabili. I bilanci d esercizio delle società incluse nel consolidamento sono stati redatti sulla base di principi contabili uniformi. Pertanto non si sono rese necessarie rettifiche di consolidamento atte ad ottenere l omogeneità dei criteri di valutazione espressi nei singoli bilanci d esercizio delle società considerate. Le informazioni in merito alle procedure utilizzate per il consolidamento, così come l'evidenza analitica delle eliminazioni e rettifiche apportate, sono fornite nei punti e nelle tabelle che vengono successivamente riportati. Principi di consolidamento Il bilancio delle società controllate comprese nell area di consolidamento sono stati consolidati con i seguenti criteri. a) il valore contabile delle partecipazioni detenute dalla controllante è stato eliminato con le corrispondenti quote di patrimonio netto alla data in cui l impresa è inclusa per la prima volta nel consolidamento, come consentito dall art. 123

14 33 D. Lgs. 127/91, a fronte dell'assunzione delle attività e passività delle partecipate secondo il metodo dell'integrazione globale; la differenza che scaturisce dall'eliminazione suddetta viene imputata ove possibile agli elementi dell attivo e del passivo delle imprese incluse nel consolidamento. L eventuale parte residua, se positiva, viene iscritta in una voce del patrimonio netto denominata Riserva di consolidamento ; se negativa, viene iscritta all attivo nella voce denominata Differenze di consolidamento tra le immobilizzazioni immateriali. b) viene data evidenza della quota di capitale, riserve e risultato d esercizio di competenza dei terzi, in apposita voce del patrimonio netto, in quanto le società consolidate non sono possedute integralmente dalla controllante. Le seguenti tabelle danno conto di quanto esposto ai punti a) e b): Descrizione ELENA S.R.L. Valore della partecipazione elisa Valore del PN contabile (escluso risultato 2010) eliso Capitale e riserve di pertinenza dei terzi 0 Differenza imputabile a specifiche voci dell'attivo o passivo (RIMANENZE) Riserva per utili/perdite a nuovo 944 Differenza di consolidamento iscritta nell'attivo 0 Descrizione ALISEI S.R.L. Valore della partecipazione elisa Valore del PN contabile (escluso risultato 2010) eliso Capitale e riserve di pertinenza dei terzi Differenza imputabile a specifiche voci dell'attivo o passivo 0 Riserva per utili/perdite a nuovo (10.312) Differenza di consolidamento iscritta nell'attivo 0 Descrizione COOPOLIS S.P.A. Valore della partecipazione elisa Valore del PN contabile (escluso risultato 2010) eliso Capitale e riserve di pertinenza dei terzi Differenza imputabile a specifiche voci dell'attivo o passivo 0 Riserva per utili/perdite a nuovo Differenza di consolidamento iscritta nell'attivo 0 Descrizione IMMOBILIARE PANORAMA S.R.L. Valore della partecipazione elisa Valore del PN contabile (escluso risultato 2010) eliso Capitale e riserve di pertinenza dei terzi Differenza imputabile a specifiche voci dell'attivo o passivo 0 Riserva per utili/perdite a nuovo Differenza di consolidamento iscritta nell'attivo 0 Descrizione IMMOBILIARE ARGENTARIO S.R.L. Valore della partecipazione elisa Valore del PN contabile (escluso risultato 2010) eliso Capitale e riserve di pertinenza dei terzi Differenza imputabile a specifiche voci dell'attivo o passivo 0 Riserva per utili/perdite a nuovo Differenza di consolidamento iscritta nell'attivo

15 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Descrizione WAFER S.R.L. Valore della partecipazione elisa Valore del PN contabile (escluso risultato 2010) eliso Capitale e riserve di pertinenza dei terzi Differenza imputabile a specifiche voci dell'attivo o passivo 0 Riserva per utili/perdite a nuovo (22.845) Differenza di consolidamento iscritta nell'attivo 0 Totali totali Valore della partecipazione elisa Valore del PN contabile (escluso risultato 2010) eliso Capitale e riserve di pertinenza dei terzi Differenza imputabile a specifiche voci dell'attivo o passivo Riserva per utili/perdite a nuovo Differenza di consolidamento iscritta nell'attivo c) nello stato patrimoniale e nel conto economico consolidati risultano eliminati i reciproci rapporti, sia in termini di credito/debito che di costo/ricavo, relativi a scambi intercorsi tra le società comprese nel consolidamento; sono stati inoltre eliminati, qualora esistenti, gli utili non ancora realizzati derivanti da operazioni fra la Capogruppo e le società medesime. Evidenza dei rapporti infragruppo che sono stati eliminati Di seguito si evidenziano le elisioni di crediti e debiti e di costi e ricavi intercompany che non hanno determinato impatti sul patrimonio netto consolidato né sul conto economico consolidati: SOCIETÀ CREDITI DEBITI COSTI RICAVI CRCPL ELENA SRL ALISEI SRL COOPOLIS SPA IMMOBILIARE PANORAMA SRL IMMOBILIARE ARGENTARIO SRL WAFER SRL TOTALI Si evidenzia che la maggior parte dei crediti e debiti elisi ha natura finanziaria. In minima parte le transazioni intervenute tra società del gruppo sono relative a prestazioni di servizi, avvenute a condizioni normali di mercato. Criteri di FORMAZIONE Il seguente bilancio è conforme al dettato degli articoli 25 e seguenti del D. Lgs. 127/91, come risulta dalla presente nota integrativa, redatta ai sensi dell'articolo 38 del suddetto decreto, che costituisce, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 29, parte integrante del bilancio d'esercizio. Criteri di valutazione I criteri di valutazione adottati per la redazione del bilancio consolidato del Gruppo CONSORZIO RAVENNATE SOC. COOP. P.A. non si discostano da quelli adottati dalla Capogruppo per la redazione del bilancio d esercizio, in osservanza dell art C.C., tenendo conto anche dei principi contabili predisposti dai Consigli nazionali dei dottori commercialisti e dei ragionieri e riemessi dall OIC Organismo Italiano di Contabilità. 125

16 Immobilizzazioni immateriali Le immobilizzazioni immateriali comprendono costi di utilità pluriennale iscritti in bilancio al costo di acquisto comprensivo degli eventuali oneri accessori. Tale valore non comprende costi di indiretta imputazione in quanto non imputabili secondo un metodo oggettivo e non sono stati aggiunti oneri relativi al finanziamento della fabbricazione interna o presso terzi. Il costo di acquisto viene ammortizzato sistematicamente per il periodo della prevista utilità futura di tali immobilizzazioni. L'iscrizione è concordata con il Collegio Sindacale delle società che rientrano nell area di consolidamento. Più precisamente la voce immobilizzazioni immateriali della Capogruppo comprende un brevetto per un depuratore, l'avviamento derivante dall'acquisizione di un ramo d'azienda comprendente beni mobili e materiali posti in un cantiere di Castiglione d'adda (LO) e software utilizzato in licenza d'uso. Il brevetto è esposto in bilancio al netto dell'ammortamento in quote costanti corrispondenti al 5% del costo di acquisizione e calcolato tenendo conto della durata del contratto. L'avviamento è iscritto in bilancio sulla base di quanto effettivamente pagato, al netto delle relative quote di ammortamento calcolate nella misura del 10% annuo. I costi capitalizzati relativi al software sono evidenziati al netto delle relative quote di ammortamento imputate a conto economico. Le quote, determinate applicando l'aliquota annua del 33%, si ritengono congrue in relazione all'utilità espressa dai programmi stessi. I diritti di utilizzazione sui lavori dell'alta velocità eseguiti dal Consorzio CAVET sono stati interamente ammortizzati e non sono più esposti nella voce delle Immobilizzazioni immateriali. Anche gli oneri pluriennali da ammortizzare relativi ai costi pre-operativi di avviamento e impianto cantiere di commesse ultrannuali assunte in gestione diretta per i quali non erano stati ancora realizzati ricavi nell'esercizio in cui sono stati imputati sono stati interamente ammortizzati in proporzione all'avanzamento dei singoli lavori cui si riferivano. Le immobilizzazioni immateriali delle società consolidate sono relative a costi di impianto e ampliamento e a software ammortizzati in 3/5 anni. La voce Differenza di consolidamento accoglie il maggior valore corrisposto per l acquisto della partecipazione in Immobiliare Argentario rispetto alla corrispondente quota di PN contabile, non attribuibile ad altri elementi dell attivo e del passivo, ed imputabile agli utili attesi dalla realizzazione dell iniziativa immobiliare sottostante. Nel bilancio consolidato al 31 dicembre 2010 tale valore non è stato ammortizzato, in quanto l intervento non ha ancora prodotto ricavi connessi alle vendite. Si ritiene che tale valore sia recuperabile attraverso le marginalità derivanti dalla futura cessione degli immobili in corso di realizzazione. Immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono esposte nel presente bilancio al loro costo di acquisto compresi gli oneri accessori di diretta imputazione, salvo per i cespiti rivalutati ai sensi della legge 72/83 ed ancora presenti nel patrimonio. Tale costo si ritiene non superi in ogni caso il valore corrente di mercato. I valori sono esposti al netto dei relativi fondi di ammortamento. Nel caso in cui, indipendentemente dall'ammortamento già contabilizzato, risulti una perdita durevole di valore, l'immobilizzazione viene corrispondentemente svalutata. Qualora in esercizi successivi vengano meno i presupposti della svalutazione, viene ripristinato il valore originario, rettificato dei soli ammortamenti. Si precisa inoltre che i costi di produzione non comprendono costi di indiretta imputazione in quanto non imputabili secondo un metodo oggettivo ed oneri relativi al finanziamento della fabbricazione, interna o presso terzi. L'ammortamento delle immobilizzazioni materiali è stato calcolato sulla base delle aliquote ritenute congrue rispetto alla vita utile economico-tecnica delle varie categorie di cespiti tenuto conto delle condizioni in cui vengono utilizzati. Più precisamente l'ammortamento è stato operato in conformità al presente piano prestabilito: 126

17 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Descrizione Aliquota/periodo Anni Fabbricati civili 3% 33 Impianti e Macchinari: impianti specifici 15% 7 impianti generici e macchinari 10% 10 Attrezzature industriali e commerciali: attrezzatura varia e minuta 40% 3 mobili e macchine ordinarie ufficio 12% 9 macchine d ufficio elettroniche 40% 3 Altri beni: autovetture 25% 4 autocarri e mezzi di trasporto interni 20% 5 Per le immobilizzazioni acquistate nel corso dell'esercizio le aliquote di ammortamento applicate sono state ridotte alla meta'. L'aliquota di ammortamento applicata per le macchine d'ufficio elettroniche tiene conto del fatto che la categoria comprende beni la cui obsolescenza e quindi vita utile tecnico-economica è molto limitata nel tempo. I costi di manutenzione e riparazione sono addebitati integralmente al conto economico dell'esercizio in cui vengono sostenuti; i costi per gli ammodernamenti e le migliorie che aumentano la capacità di produttività o la vita utile del bene sono imputati al cespite cui si riferiscono ed ammortizzati applicando l'aliquota relativa. Immobilizzazioni finanziarie Tale voce comprende partecipazioni, destinate ad un investimento duraturo, in società di capitali, in società cooperative e in società consortili costituite per l'esecuzione delle opere assunte dal Consorzio. Le quote detenute nelle società di capitali e nelle società consortili sono collocate nelle diverse voci a seconda della percentuale di partecipazione al capitale delle società partecipate e dell'effettivo controllo o collegamento sulle medesime eventualmente esercitato indipendentemente dal capitale detenuto. Le quote detenute nelle società cooperative sono invece classificate nella voce "partecipazioni in altre imprese". Le partecipazioni in imprese controllate non consolidate ed in imprese collegate sono iscritte in bilancio al costo di acquisizione o di sottoscrizione comprensivo degli oneri accessori e rettificato per perdite durevoli di valore. Esse rappresentano un investimento duraturo e strategico per il Gruppo. La valutazione di tali partecipazioni con il metodo del costo non si discosta significativamente dalla valutazione che sarebbe stata effettuata qualora si fosse adottato il metodo del patrimonio netto, prescritto dal D. Lgs. 127/91 e dai principi contabili di riferimento, ad eccezione di due società collegate, Immobiliare Modì Srl ed ERIS srl, per le quali si è appunto adottato il criterio del patrimonio netto. Rimanenze Materie prime Le giacenze di magazzino, rappresentate da materiali acquistati per le commesse in gestione diretta, sono state valutate al minore tra il costo specifico di acquisto ed il corrispondente valore di mercato. Prodotti in corso di lavorazione Le rimanenze per iniziative edilizie in corso di realizzazione della Capogruppo sono rappresentate dall'intervento immobiliare effettuato in Lugo (RA) che il Consorzio gestisce direttamente. La valutazione di tale iniziativa, già realizzata e ultimata alla fine del 2005, è stata eseguita sulla base dei costi diretti sostenuti e/o maturati fino alla data del rappresentati prevalentemente dai costi di costruzione sostenuti e addebitati dalle cooperative che hanno eseguito i lavori, dagli oneri relativi a pratiche catastali e a prestazioni professionali per la progettazione, la commercializzazione degli alloggi costruiti e per la consulenza legale relativa ad alcuni contenziosi aperti con gli acquirenti. La valutazione delle rimanenze è stata effettuata al netto delle vendite definitive realizzate fino al delle unità immobiliari facenti parte del complesso residenziale. La valutazione predetta non comprende costi di indiretta imputazione, in quanto non imputabili secondo un metodo 127

18 oggettivo mentre sono stati aggiunti negli esercizi dal 1995 al 1999 oneri relativi al finanziamento acquisito per la realizzazione dell'iniziativa. I prodotti in corso di lavorazione delle società consolidate sono iscritti al costo di acquisto o di produzione. Il costo di produzione comprende anche i costi di indiretta imputazione, per la quota ragionevolmente imputabile a ciascun bene, relativo al periodo di fabbricazione e fino al momento dal quale il bene può essere utilizzato. Comprende altresì gli oneri relativi al finanziamento della fabbricazione. Trattasi di: Euro 882 migliaia in Elena Srl, pari al costo di acquisto di un area destinata ad attività produttive situata nel comune di Massa Lombarda (RA), comprensivo degli interessi passivi maturati, negli esercizi precedenti, sul finanziamento contratto con il sistema bancario e destinato a sostenere finanziariamente l iniziativa immobiliare, per Euro 27 migliaia. Si evidenzia che il processo di consolidamento di Elena srl ha condotto all iscrizione, alla voce Prodotti in corso di lavorazione, di un ulteriore importo pari a Euro migliaia, attribuibile a maggior valore dell area di proprietà della partecipata riconosciuto dalla Capogruppo al momento dell acquisto della partecipazione; Euro migliaia in Immobiliare Argentario srl, pari ai costi sostenuti per l avvio di una iniziativa immobiliare in Ravenna zona Ex Fornace zona Parco Teodorico, si evidenzia che nel 2010 sono partiti i lavori per la realizzazione della commessa. L importo è comprensivo di oneri finanziari di produzione per Euro 253 migliaia. Si evidenzia altresì che tali rimanenze sono state rivalutate secondo quanto previsto dalla L. 266/2005 in quanto aree edificabili non ancora edificate alla data di effettuazione dell operazione di rivalutazione (bilancio chiuso al 31 dicembre 2005); l ammontare della rivalutazione contabilizzata sull area è di Euro migliaia; Euro 536 migliaia in Immobiliare Panorama srl, pari ai costi sostenuti per l avvio di una iniziativa immobiliare nel Comune di Osimo (Ancona), si evidenzia che nel 2010 sono partiti i lavori per la realizzazione della commessa. L importo è comprensivo di oneri finanziari di produzione per e 14 migliaia. Lavori in corso su ordinazione Le rimanenze per lavori in corso su ordinazione si riferiscono ad opere civili ed industriali per le quali il Consorzio è intervenuto direttamente nell'esecuzione. Si tratta infatti sia di casi in cui le cooperative assegnatarie non sono state in grado di proseguire i lavori assegnati a seguito di sopravvenute difficoltà economiche-finanziarie, liquidazione e/o procedure concorsuali delle stesse e per i quali non è stato possibile riassegnare i lavori ad una nuova cooperativa, sia di casi in cui il Consorzio ha deciso sin dal momento dell'assunzione dell'appalto di eseguire direttamente il lavoro ultrannuale. Il riconoscimento dei ricavi relativi a tali lavori è stato effettuato secondo il criterio della percentuale di completamento, ossia sulla base dei corrispettivi pattuiti maturati con ragionevole certezza con riferimento alla percentuale di avanzamento dei lavori determinata in base alle quantità effettivamente eseguite. Più precisamente nella voce rimanenze lavori in corso su ordinazione sono contabilizzati gli stati di avanzamento lavori emessi, fatturati e non, al ed i lavori eseguiti non coperti da S.A.L. al Limitatamente alla citata attività diretta eseguita dal Consorzio, a fronte di rischi contrattuali riguardanti gli appalti in corso è stato stanziato, nel passivo, un apposito fondo, fondo rischi contrattuali su lavori. Operazioni di locazione finanziaria (leasing) I canoni di leasing, se presenti, sono contabilizzati per competenza in base al periodo di riferimento dei singoli pagamenti. Laddove era previsto un maxicanone iniziale, questo, costituendo un costo comune a tutto il periodo di durata della locazione, è ripartito in funzione del periodo della locazione stessa. La quota di maxicanone rinviata agli esercizi successivi è esposta in bilancio tra i risconti attivi. L effetto di una eventuale applicazione del metodo finanziario, previsto dai principi contabili internazionali (IAS 17), è esposto in allegato alla presente nota integrativa. Crediti I crediti che non costituiscono immobilizzazioni sono esposti al loro valore presunto di realizzo. Fra i crediti verso clienti sono inclusi gli interessi di mora maturati e conteggiati secondo le condizioni contrattualmente previste. Si precisa che la copertura delle stimate perdite su crediti, valutate secondo un principio di prudenza, viene assicurata da due appositi Fondi iscritti in contabilità - Fondo svalutazione crediti e Fondo rischi per interessi di mora - che rettificano direttamente il valore dei crediti espressi nell'attivo patrimoniale in modo che i crediti risultino valorizzati secondo il loro grado di esigibilità. Non esistono crediti espressi in valuta estera, per cui non si è resa necessaria alcuna valutazione al proposito. 128

19 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Disponibilità liquide Le disponibilità liquide sono valutate al valore nominale. Si precisa che le liquidità in essere presso le banche comprendono la quota di interessi attivi maturata alla data di riferimento e contabilizzata secondo competenza. Tale posta comprende, altresì, disponibilità liquide detenute presso consorzi finanziari cooperativi, valutate sempre al valore nominale. Non esistono fondi liquidi e scoperti bancari in valute estere. Ratei e risconti I ratei e i risconti rappresentano rispettivamente quote di costi o ricavi maturati per competenza nell'esercizio anche se non ancora liquidati e quote di costi o ricavi liquidati nell'esercizio ma di competenza dell'esercizio successivo. Tali ratei e risconti sono stati valutati rispettando il criterio della loro competenza economica in relazione al tempo. Fondi per rischi ed oneri Tali Fondi sono stati costituiti al fine di far fronte a perdite o debiti la cui esistenza è certa o probabile di natura determinata e che potrebbero derivare dal verificarsi di eventi negativi di cui al momento attuale non si è in grado di determinare con esattezza la sussistenza dell'an e del quantum. In particolare si fa presente che in tale voce sono compresi il Fondo responsabilità civile ed il Fondo rischi contrattuali su lavori destinati a fare fronte ad eventuali rischi inerenti i lavori eseguiti e gestiti direttamente. Trattamento di fine rapporto Il Fondo riflette l'effettivo debito maturato al nei confronti dei lavoratori dipendenti e dirigenti del Consorzio e delle società consolidate; l'accantonamento è stato determinato in conformità all'art C.C. e del contratto di lavoro vigente. Con la riforma della disciplina delle forme pensionistiche complementari e del T.F.R. avvenuta, con decorrenza , ad opera del D.Lgs. 252/2005, come modificato dalla L. 269/2006 il T.F.R. può: - essere destinato (in tutto o in parte) alla previdenza complementare; - rimanere in azienda (per aziende con meno di 50 dipendenti); - essere trasferito al Fondo Tesoreria presso l'inps (per aziende con almeno 50 dipendenti). Relativamente alle quote di T.F.R. versate alla previdenza complementare il Gruppo non conserva alcuna obbligazione residua nei confronti del dipendente mentre per quanto riguarda le quote maturate di T.F.R. versate al fondo di Tesoreria Inps il datore di lavoro rimane obbligato nei confronti del dipendente e sarà l'azienda a dovere erogare le sue spettanze. Pertanto l'ammontare del fondo dei dipendenti e dirigenti risulta diminuito sia della quota dovuta a titolo di contribuzione al Fondo Tesoreria INPS che della quota, a seguito dell'adesione della Capogruppo al Fondo di pensione integrativa COOPERLAVORO, dovuta a titolo di contribuzione al Fondo di Previdenza Integrativa, sulla base delle scelte esplicite dei dipendenti e dirigenti. Debiti I debiti sono esposti al loro valore nominale e comprendono anche i debiti per costi che al non erano ancora stati fatturati da fornitori e/o prestatori d'opera. Conti d'ordine: impegni e garanzie Gli impegni per fideiussioni o altre garanzie a favore di terzi sono iscritti nei conti d'ordine al valore complessivo dell'impegno contrattualmente assunto. Conto economico - costi e ricavi I costi e i ricavi sono esposti in bilancio secondo i principi della competenza e della prudenza nonché della prevalenza della sostanza sulla forma. Il piano dei conti è articolato in modo da classificare per natura i costi e i ricavi riferiti alle commesse ed ai lavori gestiti direttamente dal Consorzio. 129

20 Imposte sul reddito Le imposte sul reddito si riferiscono all'ires e all'irap e sono state determinate sulla base della vigente normativa fiscale con riferimento al reddito imponibile stimato dell'esercizio e al valore della produzione netta calcolato sulla base della corretta classificazione dei costi e dei ricavi. Tali imposte sono state determinate rispettando il principio della competenza. Infatti si è tenuto conto della stima del costo per le imposte differite passive e della stima del ricavo per le imposte anticipate attive, quindi rispettivamente del costo dell'imposta riferito ai ricavi realizzati nel 2010 ma imponibili fiscalmente negli esercizi successivi e del risparmio di imposte di cui si beneficerà nei prossimi esercizi per effetto di costi imputati a conto economico nell'esercizio 2010 ma deducibili fiscalmente solo negli esercizi successivi. Inoltre il ricavo per imposte anticipate attive risulta diminuito del costo per il rigiro di differenze temporanee relative agli esercizi precedenti ovvero delle imposte riferite a costi imputati nel conto economico degli esercizi precedenti ma deducibili nell'esercizio 2010; mentre il costo per imposte differite passive risulta diminuito dal ricavo per il rigiro di differenze temporanee relative agli esercizi precedenti ovvero delle imposte riferite a ricavi registrati nel conto economico negli esercizi precedenti ma imponibili fiscalmente nell'esercizio Gli effetti inerenti alle imposte anticipate attive e differite passive sono indicati in uno specifico punto della presente Nota Integrativa. Movimenti immobilizzazioni Nei seguenti prospetti, per ciascuna voce delle immobilizzazioni, vengono illustrati i movimenti precedenti all'inizio dell'esercizio, i movimenti dell'esercizio e i movimenti in sede di valutazione di fine esercizio. Movimenti immobilizzazioni immateriali Descrizione Costo storico Precedenti amm.ti Costi di impianto e ampliamento Costi di ricerca, sviluppo e pubblicità Diritti di brevetto ind.le e diritti util. opere ingegno Concessioni, licenze e marchi Consistenza iniziale Acquisti Amm.ti 2010 Operaz. di consolidam. Consistenza finale (15.019) (2.120) (53.397) (1.200) (28.922) (1.808) (8.559) (27) Avviamento (2.772) Altre (software) ( ) (22.884) Differenza di consolidamento Totale ( ) (28.039) I costi di impianto e ampliamento accolgono le spese sostenute per la costituzione delle società rientranti nell area di consolidamento. Le acquisizioni del software si riferiscono sia ad investimenti effettuati per aggiornamenti e implementazioni su MOSAICO, programma in uso dal servizio amministrazione, per nuovi sistemi operativi e relative licenze d'uso, sia agli incrementi rilevati dalla controllata Wafer srl volti ad accrescere il patrimonio tecnologico della società nonché il suo profilo commerciale. La voce Differenza di consolidamento si origina dalla scrittura di eliminazione della partecipazione in Immobiliare Argentario Srl. Esprime il maggior valore corrisposto per l acquisto della quota di PN contabile di spettanza del gruppo, attribuito a utili futuri attesi dall iniziativa immobiliare sottostante. Nel bilancio consolidato al 31 dicembre 2010 tale valore non è stato ammortizzato, in quanto l intervento non ha ancora prodotto ricavi connessi alle vendite. Si ritiene che tale valore sia recuperabile attraverso le marginalità derivanti dalla futura cessione degli immobili in corso di realizzazione. 130

21 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Movimenti immobilizzazioni materiali Descrizione Costo storico Precedenti amm.ti Consistenza iniziale Acquisti Cessioni Amm.ti 2009 Consistenza finale Terreni (341) Fabbricati civili ( ) ( ) (13.351) Impianti specifici (11.870) 0 0 Impianti generici (6.614) (853) Attrezzatura (11.484) (65) (2.559) Macchine d'ufficio ( ) (888) (18.197) Mobili ( ) (1.524) (11.581) Automezzi ( ) (766) (21.024) Totale ( ) ( ) (67.565) Gli immobili di proprietà esistenti al 31/12/2010 sono rappresentati da un garage nei pressi della sede del Consorzio e da un ufficio/negozio sito in Faenza; comprendono altresì l immobile di proprietà di Wafer srl, inclusa nell area di consolidamento. Le alienazioni, per lo più, si riferiscono alle unità immobiliari ad uso ufficio situate nel Comune di Ravenna, in via Teodorico n. 15, utilizzate dal Consorzio per la sede sociale. Più precisamente nell'ambito di un processo di riorganizzazione delle partecipazioni societarie alla fine del 2010 è stata aumentata la quota di partecipazione del Consorzio in Federazione delle Cooperative della Provincia di Ravenna mediante conferimento dei suddetti immobili. Il Consorzio mantiene comunque l utilizzo di tali uffici per la sede sociale in virtù di un contratto di comodato. Il valore di conferimento, pari ad Euro , è stato determinato sulla base di una perizia redatta da un esperto iscritto al Collegio Geometri della Provincia di Ravenna ed asseverata con giuramento presso il Tribunale di Ravenna in data 14/12/2010. Il conferimento degli immobili a tale valore ha generato una plusvalenza di Euro Movimenti immobilizzazioni finanziarie Partecipazioni in imprese controllate (escluse dall area di consolidamento) Imprese controllate (*) Incrementi Decrementi L.A.M.P.A. SOC. CONS. A R.L CONSORZIO E.O.S. SRL GLOBAL SERVICE RIVOLI SCARL SPORTING ASTI S.S.D POLOCEM D.O.O. (**) (1.710) 0 Totale (1.710) (*) = escluse dall area di consolidamento (**) = in Coopolis S.p.A. La società CONSORZIO E.O.S. SRL è stata costituita a giugno 2004 mediante sottoscrizione del capitale sociale da parte di quattro Consorzi; lo scopo di tale società è quello di svolgere attività di manutenzione degli immobili di proprietà di Acer Ravenna e dei Comuni della Provincia di Ravenna, immobili gestiti da Acer Ravenna, attraverso l'acquisizione di una partecipazione nella società di scopo di Acer Ravenna denominata MANUTENZIONI PATRIMONIALI RAVENNA S.r.l.. Tuttavia, a seguito di successive e approfondite verifiche legali, si è riscontrato che il Consorzio E.O.S. non può realizzare attività di manutenzione affidatagli direttamente da M.P.R. S.r.l. e conseguentemente offrire opportunità di lavoro ai propri soci consorziati. Pertanto la società non ha svolto alcuna attività nel corso del La società GLOBAL SERVICE RIVOLI, costituita nel 2006, ha scopo consortile; essa realizza l'organizzazione comune dei soci consorziati per l'esecuzione dell'appalto aggiudicato dal Comune di Rivoli (TO) per la gestione 131

22 integrata di servizi manutentivi e funzionali del patrimonio immobiliare del Comune di Rivoli, nonché di eventuali e relativi atti aggiuntivi/integrativi. All'inizio del 2008 è stata formalizzata la continuazione del servizio per il biennio ; i lavori sono stati terminati in data , così come previsto dalla proroga concessa dall amministrazione comunale. La società Sporting Asti S.S.D. costituita nei primi mesi del 2007 per la costruzione e gestione di un nuovo palazzo dello sport - struttura polifunzionale in concessione dal Comune di Asti ha come oggetto la gestione di centri attrezzati per la pratica di attività sportive dilettantistiche, nonché la promozione e l'organizzazione di gare, tornei, manifestazioni sportive e di attività ricreative in genere, la progettazione, direzione lavori, costruzione, ristrutturazione e gestione di impianti sportivi. Al Consorzio Ravennate, ora socio di maggioranza, è stata affidata l'esecuzione dei lavori di costruzione dell'opera, lavori che il Consorzio ha assegnato alla cooperativa socia ITER a norma di statuto e regolamento. Sono pertanto di competenza della cooperativa tutti i costi e i benefici derivanti dall'assegnazione del lavoro sopraindicato e dalla partecipazione del Consorzio nella società sportiva dilettantistica comprese eventuali riduzioni di valore delle quote detenute conseguenti alla valutazione al patrimonio netto delle stesse. Si precisa che, con riferimento alla esecuzione dei lavori, i termini per l'inizio e la fine lavori previsti nella convenzione stipulata con l'ente Appaltante sono stati oggetto di proroga nel corso del Infatti l'ente comunale preposto ha autorizzato la sospensione dei lavori da agosto fino alla fine dell'anno a seguito di problematiche emerse riguardanti la normativa antisismica, variazione dei confini, distribuzione dei parcheggi e innalzamento della falda sotterranea. I lavori sono ripresi all inizio del 2010 ma in data 22/02/2010 il Comune di Asti ha autorizzato una sospensione lavori fino al 31 marzo 2010 al fine di completare l istruttoria attivata presso un primario istituto di credito per la stipula del finanziamento dell impianto in oggetto. Tale istruttoria è stata completata e approvata dalla BNL. Alla data del 31/08/2010 l intero iter procedurale di costruzione e gestione del nuovo palasport struttura polifunzionale in Asti è pertanto sospesa in attesa di ottenere il rilascio da parte del Comune di Asti delle garanzie previste dalla convenzione e necessarie per perfezionare il finanziamento. I dati richiesti dall art c.c. comma 1 punto 5) in merito alle partecipazioni in imprese controllate, sono forniti in apposita tabella della presente nota integrativa. Partecipazioni in imprese collegate Imprese collegate Incrementi Decrementi Riv./sval CONSORZIO DUCHESSA - TRAPANI META SOC.CONS. A R.L. - ROMA S.I.N. SERVIZI INTEGRATI NICHELINO SCRL - RAVENNA COLLEGA SRL - BOLOGNA CAUDINA SOC.CONS.A R.L. - RA ERIS SOC.CONS.A R.L. - RAVENNA GELA S.C.A.R.L IN LIQUIDAZIONE (3.700) 0 GLOBAL STRADE SOC.CONS. A R.L. IN LIQUIDAZIONE - RA GLOBAL IMMOBILI SOC. CONS. A R.L. - RA LA MARINA DI VIAREGGIO S.P.A. - FI IMMOBILIARE MODI (*) - RAVENNA SVALUTAZIONE IMMOBILIARE MODì (654) 0 0 (11.389) (12.043) TORRICELLI SRL (**) - FORLì HELABORA CONSULTING (**) - RAVENNA SISTEMI GLOBALI SPA (**) - RAVENNA Totale (15.089) (*) = in Alisei Srl; (**) = in Coopolis S.p.A. 132

23 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Si precisa che tutte le partecipazioni in imprese collegate sono state valutate con il metodo del costo, ad eccezione delle partecipazioni detenute in: ERIS soc. cons. a r.l. ; Immobiliare MODI s.r.l., le quali sono state valutate con il metodo del patrimonio netto. I relativi effetti sono esplicitati nella tabella di raccordo tra il patrimonio netto della Capogruppo ed il patrimonio netto consolidato, nonché a commento delle variazioni di conto economico iscritte alla voce D rettifiche di valore di attività finanziarie. La valutazione delle altre partecipazioni in imprese collegate con il metodo del patrimonio netto non si sarebbe discostata significativamente da quella ottenuta con il criterio del costo. Di seguito si forniscono alcune informazioni relativamente alle principali partecipazioni in imprese collegate. Meta Soc. consortile. In data 28/04/2005 tra il Cavet e i soci di Meta Soc. consortile a r.l., società costituita ai fini della realizzazione della progettazione e dei lavori di mitigazione ambientale sulla tratta A.V. Bologna-Firenze, era stata sottoscritta una scrittura privata che prevedeva lo scioglimento consensuale della convenzione-quadro a suo tempo stipulata e conseguentemente il termine delle attività sociali. Successivamente è emerso un contenzioso fra i soci della società e il bilancio d'esercizio 2006 non è stato approvato dal Consorzio Ravennate per dissenso sul modo di operare del Presidente del Consiglio di Amministrazione e in particolare per la valutazione fatta di alcune poste di bilancio non considerata corretta. Non riuscendo a raggiungere un accordo sulle legittime richieste avanzate dal Consorzio, è stata chiesta la convocazione dell'assemblea Straordinaria dei soci per la messa in liquidazione della società consortile per impossibilità a deliberare. L'avvio della procedura di liquidazione è intervenuta in data 17/02/2009 con conseguente nomina di un liquidatore giudiziario. Il Consorzio Ravennate ha inoltre notificato al Presidente della società consortile nonché al socio C.I.S. S.p.A. una citazione in giudizio chiedendo il rimborso delle somme non riconosciute al Consorzio stesso. Collega, società di servizi costituita nel 2002, ha l'obiettivo di fornire servizi di assistenza e consulenza tecnica, commerciale, gestionale e simili, consulenza alla gestione finanziaria, auditing gestionale, finanziaria e contabile nonché formazione e consulenza alla gestione di iniziative di formazione, in particolare rivolti ai soci, alle cooperative aderenti ai Consorzi soci o a loro società controllate nonché a società partecipate o finanziate da Coopfond. Alla fine del 2007 l'assemblea straordinaria dei soci aveva deliberato lo scioglimento anticipato della società ma nel corso del 2008, evidenziando alcune nuove opportunità di sviluppo per la stessa, aveva deliberato la revoca dello stato di liquidazione e ridotto il capitale sociale in parte per copertura perdite ed in parte prevedendo il rimborso pro-quota ai soci. Il Consorzio Ravennate, rimasto socio, insieme a Coopfond, con una quota di capitale pari ad Euro /25 corrispondente alla stessa percentuale di possesso precedentemente detenuta aveva svalutato tale quota per un importo di Euro /25 per tenere conto di perdite subite, considerate durevoli, evidenziate nel bilancio chiuso al 31/12/2008. La quota sociale comprendeva Euro 8.058/25 di credito risultante dalla riduzione del capitale sociale che è stato destinato a riserva del patrimonio netto della società per fare fronte a perdite maturate nel corso dell'anno. Si precisa che anche nell'esercizio 2009 la società evidenzia nel suo bilancio una perdita di esercizio dovuta al fatto che, nonostante le previsioni, non si è realizzato lo sviluppo ed il rilancio della sua attività. A tal fine i soci sono stati invitati nel mese di maggio 2010 a deliberare, oltre che sull'approvazione del bilancio di esercizio, anche sui provvedimenti ai sensi dell'art bis C.C. (riduzione del capitale per perdite) ovvero sulla messa in liquidazione della società. Il Consorzio Ravennate ha ritenuto quindi opportuno procedere alla svalutazione per intero della residua quota capitale sociale. ERIS soc. cons. a r.l.. La società, controllata da Hera S.p.A. tramite la società Hera Comm S.r.l. e costituita a settembre 2004, ha per oggetto sociale l'esercizio delle attività riguardanti il servizio energia, gestione calore 133

24 e attività connesse per clienti speciali, sia enti pubblici che privati, ed in particolare condomini e small business. Global Strade soc. cons. a r.l.. L'assemblea straordinaria dei soci della società consortile in data 28 agosto 2008 ha deliberato lo scioglimento della società per conseguimento dell'oggetto sociale con conseguente nomina del liquidatore. La Marina di Viareggio SpA. La società è stata costituita all'inizio del 2008 in relazione alla gara d'appalto bandita dal Comune di Viareggio per l'individuazione del socio di minoranza della società Viareggio Porto S.p.A. avente come oggetto la realizzazione e gestione del nuovo porto turistico di Viareggio, gara vinta dal Raggruppamento di Imprese a suo tempo costituito da Consorzio Ravennate quale mandataria Capogruppo con altre due società aventi sede in Firenze. La partecipazione nella società La Marina di Viareggio S.p.A. è stata effettuata dal Consorzio in nome proprio ma per conto ed interesse della propria associata Consorzio Etruria con sede in Montelupo Fiorentino (FI). Allo scopo di riequilibrare la situazione economico-patrimoniale della società, evidenziata nella bozza di bilancio 2010, il Consorzio Ravennate ha rinunciato a parte del finanziamento erogato alla stessa, per l importo di Euro /00, destinando tali somme in c/coperture perdite. Si precisa inoltre che nei primi mesi del 2009 si è perfezionata, su richiesta di Consorzio Etruria, la costituzione in pegno di parte delle azioni, corrispondenti a n azioni, della società La Marina di Viareggio a favore di una banca a garanzia del finanziamento che la banca stessa si è dichiarata disponibile a concedere a Consorzio Etruria. Si informa che avverso l'esito della gara è stato promosso ricorso dall'a.t.i. che è risultata seconda in graduatoria. Sul ricorso si è pronunciato il Consiglio di Stato che, con sentenza pubblicata alla fine di ottobre 2009, ha annullato l'aggiudicazione della gara indetta dal Comune di Viareggio; tale annullamento determina in capo a La Marina di Viareggio il diritto alla restituzione di quanto versato in esecuzione dell'aggiudicazione. A seguito di trattative con il Comune, nell aprile 2011 la Giunta Comunale ha deliberato di comporre con transazione tutti i rapporti pendenti con la società derivanti dall annullamento della gara di cui sopra, riconoscendo alla stessa gli importi corrisposti quale prezzo delle azioni, somme accessorie connesse all aggiudicazione della gara annullata ed eventuali interessi legalmente spettanti. Gela s.c.a r.l.. La società, costituita nel 2008, aveva come oggetto sociale l'esecuzione dei lavori di messa in sicurezza permanente del sito della "discarica C.da Cipollina" in Gela (CL). Il Consorzio partecipava direttamente nella società in nome e per conto proprio. In data 22 dicembre 2009 l'assemblea straordinaria dei soci ha deliberato lo scioglimento della società consortile e la nomina del liquidatore. In data 31/12/2010 è stato redatto il bilancio finale di liquidazione con il relativo piano di riparto, depositato presso il Registro delle Imprese di Venezia-Marghera all'inizio del Dal piano di riparto emerge una perdita di liquidazione tra i soci e l azzeramento del fondo consortile per cui nulla residua di patrimonio netto da ripartire tra i soci. Si è provveduto pertanto a rilevare nei costi la svalutazione della quota sociale sottoscritta e versata, pari ad Euro 925/00. Qualora le somme accantonate al fondo spese fossero superiori rispetto alle spese effettivamente sostenute, l eventuale residuo sarà attribuito, a cura del liquidatore, ai soci consorziati in base alle percentuali di partecipazione degli stessi al fondo consortile. Immobiliare Modì S.r.l.. La società si occupa della realizzazione di un intervento di attività immobiliare in Ravenna nell area di Punta Marina terme adiacente al parcheggio di via Trieste. L area è di complessivi 24 ettari e l inizio dell attività è previsto nei prossimi anni. Torricelli S.r.l.. La società si occupa di interventi nel settore della depurazione di acque primarie e secondarie, degli impianti di trattamento rifiuti e nel settore dell energia. Già da alcuni anni la collegata presenta risultati economici positivi, che ne hanno consentito la patrimonializzazione. Anche il 2010 presenta un risultato positivo. Coopolis, detentrice della partecipazione, nel 2010 sentito il parere favorevole del collegio sindacale ha incremen- 134

25 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa tato il valore della partecipazione di Euro. Helabora Consulting S.r.l. è la società di ingegneria attraverso la quale opera il Consorzio. La società ha continuato a sviluppare, oltre ad attività di progettazione, servizi di consulenza nei confronti di enti pubblici e privati, in materia di certificazione di sistemi di gestione qualità, ambiente e sicurezza, nonché di costruzione di sistemi di prevenzione per i reati previsti nel D. Lgs. 231/01. Alla fine del 2010 il Consorzio ha acquistato le quote sociali detenute in Helabora Consulting S.r.l. da Mole Consorzio Società Cooperativa e da Consorzio Cooperative Virgilio per un totale di Euro pari complessivamente al 18,50% del capitale sociale di Euro della società stessa. Sistemi Globali Spa è il principale strumento di intervento del Consorzio nel settore del global service. La produzione ha evidenziato un miglioramento rispetto all esercizio Nella tabella seguente si espongono i dati richiesti dall art c.c. comma 1 punto 5) relativamente alle imprese collegate: Descrizione VNC % PN frazione PN Delta CONSORZIO DUCHESSA - TRAPANI , META SOC.CONS. A R.L. - ROMA , S.I.N. SERVIZI INTEGRATI NICHELINO SCRL - RAVENNA , COLLEGA SRL IN LIQUIDAZIONE - BOLOGNA 0 25, CAUDINA SOC.CONS.A R.L. - RAVENNA , ERIS SOC.CONS.A R.L. - RAVENNA , GLOBAL STRADE SOC.CONS. A R.L. IN LIQUIDAZIONE - RAVENNA , GLOBAL IMMOBILI SOC. CONS. A R.L. - RAVENNA , LA MARINA DI VIAREGGIO S.P.A. - FIRENZE , TORRICELLI SRL - FORLì , HELABORA CONSULTING SRL - RAVENNA , SISTEMI GLOBALI SPA - RAVENNA , IMMOBILIARE MODI SRL - RAVENNA 0 20, Totale

26 Partecipazioni in altre imprese Altre imprese Incrementi Decrementi Riv/sval FEDERAZIONE DELLE COOP.VE PROV. DI RA S.C.P.A AUTONOMIA RAGUSA SOC. COOP. A R.L (20) FEDERCOOP NULLO BALDINI SOC. COOP. - RA CONSORZIO COOP.VO FINANZ. SVILUPPO - RE COOP. SERVIZI E CULTURA - RA COOP. SOLE RAVENNA S.C.C PRISMA SCARL (*) A.C.C. SCARL (*) HIMERA SCARL (*) partecipazioni in società cooperative (20) CRAF - NAPOLI CORED - ROMA L.A.M.P.A Soc. CONS. A R.L. IN LIQUIDAZIONE "DELTA 2000" SOC. CONSORT. - OSTELLATO (FE) CONSORZIO LEONTINOI SOC. CONSORT. A R.L LAMPA 2004 SOC. CONS. A R.L. - RA PARCO COMM.LE DORA SOC. CONS. A R.L. - TO OSPEDALE ENNA S.C. A R.L VILLA CARPANEDA SOC. CONS. A R.L RAVENNA TUNNEL SOC. CONS. P.A PARMA RETI S.C.R.L partecipazioni in società consortili CAIM SRL - NAPOLI CONSORZIO CAVET - BOLOGNA GOLF CLUB MODENA SPA - MODENA I.C.E. SRL - PERUGIA QUASCO SCRL - BOLOGNA FONDAZIONE "DOPO DI NOI" - RAVENNA HERA SPA - RAVENNA BANCA POPOLARE ITALIANA SPA - LODI (LO) TUNNEL GEST SPA ARC SPA - AUTOSTRADA REGIONALE CISPADANA SERMECH SRL (*) UNIFIDI SISTEMI GLOBALI SPA (*) HELABORA CONSULTING Altre (*) (2.000) 400 partecipazioni in altre imprese (2.000) Totale (2.020) (*) = in Coopolis SpA 136

27 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Note alle principali movimentazioni intervenute nell esercizio. L incremento della quota detenuta nella partecipazione Federazione delle Cooperative della Provincia di Ravenna, si riferisce: all aumento gratuito del capitale sociale sottoscritto e versato ai sensi dell art. 7 Legge n. 59/1992 nella misura dello 0,7% per Euro 7.427/14 e al riconoscimento di un dividendo pari al 2,3% della quota sottoscritta e versata per Euro /46 come deliberato dall Assemblea dei Soci di Federazione in sede di approvazione del Bilancio di esercizio 2009 e di destinazione dell utile di esercizio relativo; alla sottoscrizione dell aumento del capitale sociale di Federazione tramite conferimento degli immobili, di proprietà del Consorzio situati in Ravenna e utilizzati per la sede sociale, per un importo di Euro /00. Il conferimento è avvenuto sulla base di una perizia tecnica asseverata con giuramento presso il Tribunale di Ravenna in data 14/12/2010. L operazione è intervenuta nell ambito di un processo di riorganizzazione delle partecipazioni societarie del Consorzio; all acquisto di una quota di partecipazione in Federazione per Euro 2.602/10 dalla società Collega S.r.l. in liquidazione. Acquisizione della partecipazione in Coop Sole, in seguito alla sottoscrizione di una quota, pari ad Euro del capitale sociale variabile di Euro della neo-costituita società cooperativa. La società, disciplinata dai principi della mutualità senza fini di speculazione privata, si propone lo scopo di contribuire a diffondere il risparmio energetico, il miglior e più consapevole sfruttamento delle risorse naturali, la produzione ed utilizzo di energia derivante da fonti rinnovabili. L acquisizione della partecipazione in ARC S.p.A. Autostrada Regionale Cispadana S.p.A. si riferisce alla sottoscrizione di una quota pari allo 0,10% del capitale sociale, di Euro della società. ARC Spa ha per oggetto l affidamento e l esecuzione delle opere e dei servizi previsti dal contratto di concessione avente ad oggetto la progettazione, costruzione e gestione dell Autostrada Regionale Cispadana dal casello di Reggiolo Rolo sulla Autostrada A22 al casello di Ferrara Sud sulla Autostrada A13 affidata tramite procedura di Project Financing dalla Regione Emilia-Romagna. Elenco società controllate non consolidate e società collegate Nei seguenti prospetti sono indicati l'elenco delle partecipazioni in imprese controllate e collegate, nonché le ulteriori indicazioni richieste dalla norma. B.III.1.a Partecipazioni in imprese controllate L.A.M.P.A. SOC. CONS. A R. L. Capitale sociale Via Teodorico, 15 Patrimonio netto RAVENNA Utile/perdita ultimo esercizio - Quota % posseduta direttamente 58,27 Valore iscritto a bilancio CONSORZIO ESPERIENZE Capitale sociale OPERATIVE SPECIALI E.O.S. S.R.L. Patrimonio netto Via Teodorico, 15 Utile/perdita ultimo esercizio RAVENNA Quota % posseduta direttamente 60,00 Valore iscritto a bilancio GLOBAL SERVICE RIVOLI Capitale sociale SOC. CONS. A R. L. Patrimonio netto Via Papa Giovanni XXIII, 6 Utile/perdita ultimo esercizio NICHELINO (TO) Quota % posseduta direttamente 51,00 Valore iscritto a bilancio

28 sporting asti s.s.d. a R.L. Capitale sociale Via Ferrero, 31 Patrimonio netto Fraz. Cascine Vica Utile/perdita ultimo esercizio (44.183) RIVOLI (TO) Quota % posseduta direttamente 59,36 Valore iscritto a bilancio polocem d.o.o. Capitale sociale Patrimonio netto Utile/perdita ultimo esercizio - Quota % posseduta direttamente 60,00 Valore iscritto a bilancio 0 B.III.1.b - Partecipazioni in imprese collegate CONSORZIO DUCHESSA Capitale sociale Consorzio per attività esterna Patrimonio netto Via Degli Elimi, 17 Utile/perdita ultimo esercizio (621) TRAPANI (TP) Quota % posseduta direttamente 33,33 Valore iscritto a bilancio META - Mitigazione Emilia Toscana Capitale sociale Ambiente S.c.a r.l. Patrimonio netto Via Appia Nuova, 1608 Km 16,600 Utile/perdita ultimo esercizio ROMA (RM) Quota % posseduta direttamente 40,00 Valore iscritto a bilancio S.I.N. Servizi Integrati Capitale sociale Nichelino Soc. Cons. a r.l. Patrimonio netto Via Teodorico, 15 Utile/perdita ultimo esercizio RAVENNA (RA) Quota % posseduta direttamente 23,85 Valore iscritto a bilancio COLLEGA S.R.L. IN LIQUIDAZIONE Capitale sociale Via Cairoli, 11 Patrimonio netto BOLOGNA (BO) Utile/perdita ultimo esercizio (22.370) Quota % posseduta direttamente 25,00 Valore iscritto a bilancio 0 ERIS Energia Risorse Sviluppo Capitale sociale Soc. Cons. a r.l. Patrimonio netto Via Romea Nord, 180/182 Utile/perdita ultimo esercizio RAVENNA (RA) Quota % posseduta direttamente 24,00 Valore iscritto a bilancio GLOBAL STRADE Capitale sociale Soc. Cons. a r.l. IN LIQUIDAZIONE Patrimonio netto Via Teodorico, 15 Utile/perdita ultimo esercizio RAVENNA (RA) Quota % posseduta direttamente 35,00 Valore iscritto a bilancio

29 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa CAUDINA Soc. Cons. a r.l. Capitale sociale Via Teodorico, 15 Patrimonio netto RAVENNA (RA) Utile/perdita ultimo esercizio - Quota % posseduta direttamente 50,00 Valore iscritto a bilancio GLOBAL IMMOBILI Soc. Cons. a r.l. Capitale sociale Via Teodorico, 15 Patrimonio netto RAVENNA (RA) Utile/perdita ultimo esercizio - Quota % posseduta direttamente 49,25 Valore iscritto a bilancio LA MARINA DI VIAREGGIO S.P.A. Capitale sociale Via della Colonna, 6 Patrimonio netto FIRENZE (FI) Utile/perdita ultimo esercizio ( ) Quota % posseduta direttamente 50,00 Valore iscritto a bilancio helabora CONSULTING s.r.l. Capitale sociale Via Teodorico, 15 Patrimonio netto Ravenna (RA) Utile/perdita ultimo esercizio Quota % posseduta direttamente 44,00 Valore iscritto a bilancio torricelli s.r.l. Capitale sociale Via A. Masetti, 11/L Patrimonio netto FORLì (FC) Utile/perdita ultimo esercizio Quota % posseduta direttamente 37,749 Valore iscritto a bilancio sistemi globali s.p.a. Capitale sociale Via Teodorico, 17 Patrimonio netto Ravenna (RA) Utile/perdita ultimo esercizio Quota % posseduta direttamente 31,65 Valore iscritto a bilancio immobiliare modì s.r.l. Capitale sociale Via Teodorico, 15 Patrimonio netto Ravenna (RA) Utile/perdita ultimo esercizio (56.945) Quota % posseduta direttamente 20,00 Valore iscritto a bilancio 0 L'indicazione dell'utile o della perdita dell'ultimo esercizio e l'indicazione dell'importo del patrimonio netto si riferiscono ai dati risultanti dall'ultimo bilancio approvato relativo all'esercizio Per la società Meta S.c.a r.l. i dati sono stati rilevati dall'ultimo bilancio disponibile riferito all'esercizio Informazioni relative alle immobilizzazioni finanziarie iscritte ad un valore superiore al fair value Ai sensi dell'art bis, comma 1, punto 2) del Codice Civile si evidenzia che in bilancio non sono iscritte immobilizzazioni finanziarie (partecipazioni in Cooperative e Consorzi, partecipazioni in altre Società, crediti immobilizzati e titoli) per un valore superiore al loro fair value. Laddove ciò si verificava si è provveduto alla riduzione del valore contabile della partecipazione. 139

30 PROSPETTO SINTETICO DI RICONCILIAZIONE DEL PATRIMONIO NETTO CONSOLIDATO DI GRUPPO CON IL PATRIMONIO NETTO DELLA CAPOGRUPPO Capitale Riserve Riserva per utili/ perdite a nuovo da consolidamento ix Utile dell esercizio Capitale e riserve dei terzi Riserva di consolidamento CONTROLLANTE CRCPL Utile e perdite precedenti esercizi riferibili a WAFER Risultato dell esercizio 2010 di WAFER Utile e perdite precedenti esercizi riferibili a COOPOLIS Totali Risultato dell esercizio 2010 di COOPOLIS Utile e perdite precedenti esercizi riferibili a ALISEI Risultato dell esercizio 2010 di ALISEI Utile e perdite precedenti esercizi riferibili a IMMOBILIARE ARGENTARIO Risultato dell esercizio 2010 di IMMOBILIARE ARGENTARIO Utile e perdite precedenti esercizi riferibili a ELENA Risultato dell esercizio 2010 di ELENA 0 0 Utile e perdite precedenti esercizi riferibili a IMMOBILIARE PANORAMA Risultato dell esercizio 2010 di IMMOB. PANORAMA ,711 ELIMINAZIONE MARGINI INFRAGRUPPO Valutazione ERIS collegata con il metodo del PN Valutazione Immobiliare Modì collegata con il metodo del PN PATRIMONIO NETTO DEL GRUPPO PATRIMONIO NETTO DEI TERZI PATRIMONIO NETTO CONSOLIDATO

31 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa COMPOSIZIONE DELLA DIFFERENZA DI CONSOLIDAMENTO AL COMPOSIZIONE DIFFERENZA DI CONSOLIDAMENTO IMPUTATA AD ASSET DELL ATTIVO CONSOLIDATO AL CONSOLIDAMENTO ELENA SRL ) CONSOLIDAMENTO IMMOBILIARE ARGENTARIO SRL ) TOTALE ) Allocato a maggior valore delle rimanenze (VOCE C I 2 - Prodotti in corso di lavorazione) 2) Allocato a Differenza di consolidamento - Immobilizzazioni immateriali Composizione voci costi di impianto e ampliamento, costi di ricerca, sviluppo e pubblicità I costi di impianto e ampliamento sono relativi alle spese societarie di costituzione delle partecipate incluse nell area di consolidamento, e sono ammortizzati in 5 esercizi. Variazione consistenza altre voci CREDITI VERSO SOCI PER CAPITALE SOTTOSCRITTO variazioni Crediti verso soci Sono relativi a crediti verso soci per capitale sottoscritto nell ambito della capogruppo. CREDITI ISCRITTI NELL ATTIVO IMMOBILIZZATO variazioni Crediti iscritti nell'attivo immobilizzato Il saldo ammonta a e 188 migliaia. ed è relativo ad un finanziamento di e 100 migliaia erogato in favore della società collegata Immobiliare Modì srl, da destinarsi a futuro aumento di capitale sociale e 88 migliaia di e conto finanziamento infruttifero da Soci. RIMANENZE Il saldo è composto da: variazioni Prodotti in corso di lavorazione Lavori in corso su ordinazione Totale Il valore dei prodotti in corso di lavorazione al 31/12/2010, comprende i costi sostenuti per l avvio degli interventi gestiti dalle società controllate incluse nell area di consolidamento, il considerevole incremento rispetto al precedente esercizio è riconducibile all avvio dei lavori delle società consolidate Immobiliare Argentario e Panorama. Come già evidenziato in premessa, il saldo è comprensivo, per Euro migliaia, della differenza di consolidamento generatasi contestualmente all elisione della partecipazione in Elena srl, allocata a maggior valore dell area di proprietà di quest ultima. I prodotti in corso di lavorazione comprendono altresì oneri finanziari maturati nel 2010 sui finanziamenti specificamente accesi a fronte degli interventi in corso di realizzazione per circa Euro 103 migliaia. Il valore delle rimanenze sui lavori in corso al 31/12/2010, il cui saldo è diminuito rispetto a quello dell'anno precedente a seguito del collaudo di un importante commessa - Lavori di completamento funzionale della strada a 141

32 scorrimento veloce "Fondo Valle Isclero" in direzione Valle Caudina - S.S. 7 Appia - IV Lotto (Ex VI Lotto) - presenta comunque un saldo abbastanza elevato imputabile alla produzione derivante da una nuova commessa (Ente Appaltante A.T.I.V.A. SpA), da diverse commesse eseguite tramite società consortili e dai lavori dell'alta Velocità, tratta BO-FI per la quota di partecipazione di gestione diretta dello 0,6755%. Si precisa inoltre che le riserve registrate nelle rimanenze nel 2007 riferite ai seguenti lavori in gestione diretta: 1) Ente appaltante: Comune di Viola di Euro su un totale iscritto nella contabilità lavori di Euro , sono state stornate a riduzione delle rimanenze finali nell anno 2010 in base a quanto emerso nel dispositivo di sentenza di primo grado resa dal Tribunale di Mondovì il 1/09/2010 che ha dichiarato inammissibile, per intervenuta decadenza, la domanda proposta dal Consorzio nei confronti del Comune di Viola; 2) Ente Appaltante: Comune di Quinto di Treviso di Euro su un totale iscritto nella contabilità lavori di Euro , nell'anno 2008 è stato girato a ricavo l'importo ridotto di Euro sulla base di quanto emerso dal dispositivo della sentenza di primo grado che ha sostanzialmente ricalcato il giudizio negativo della CTU che la pretesa della parte attrice (Consorzio Ravennate) fosse abnorme rispetto all'effettivo danno. CREDITI ISCRITTI NELL ATTIVO CIRCOLANTE CLIENTI: saldo al pari a Euro L importo comprende: (importi in e/000) variazioni Crediti verso clienti Fatture da emettere a clienti terzi Effetti attivi Note credito da ricevere Fondo svalutazione crediti Fondo svalutazione interessi di mora Fondo svalutazione rischi su crediti verso cooperative in procedura Totale clienti La voce Clienti comprende i seguenti crediti: verso Enti Appaltanti c/ritenute a garanzia da fatturare per Euro/ ; verso Cooperative Associate c/anticipazioni contrattuali per Euro/ ; verso clienti diversi per Euro/ ; verso Enti Appaltanti c/fatture emesse per Euro/ ; verso Cooperative associate c/c di corrispondenza (fatture emesse per contributi consortili, riaddebito costi ed interessi) per Euro/ ; verso Cooperative associate per acquisto crediti dai loro fornitori per Euro/ ; verso Enti Appaltanti c/fatture emesse per interessi di mora per Euro/ L'incremento significativo di questa voce è dovuto essenzialmente all'aumento dei crediti verso Enti Appaltanti per fatture emesse di circa di Euro; tale variazione dipende dalla tempistica di fatturazione dei SAL e dei relativi certificati di pagamento datati 31/12/2010 e pervenuti in tempo utile prima della chiusura del bilancio di esercizio. L'adeguamento del valore nominale dei crediti al valore di presunto realizzo è stato ottenuto mediante appositi fondi per un ammontare complessivo di Euro /40 - Fondo svalutazione crediti, Fondo svalutazione crediti v/ cooperative in procedura e Fondo rischi su crediti per interessi di mora - che hanno subito, nel corso dell'esercizio, le seguenti movimentazioni: 142

33 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Fondo svalutazione crediti verso clienti CONSISTENZA INIZIALE AL 01/01/ Accantonamenti Utilizzi Consistenza finale al 31/12/ Gli incrementi rappresentano l'accantonamento effettuato dalla Capogruppo per adeguare il fondo rischi su crediti in relazione alla stima effettuata al 31/12/2010 dei crediti inesigibili. Nella valutazione degli incrementi del fondo si è tenuto conto di una congrua percentuale di copertura del rischio legato ai crediti verso i soci Consorzio Mole, Imprendo Soc. Coop., Co.ed.ital Soc. Coop. e verso la società in raggruppamento d imprese Torino Scavi Manzone SpA in fallimento. Il fondo rischi svalutazione su crediti è stato utilizzato per alcuni crediti inesigibili verso una cooperativa in liquidazione e un cliente diverso in fallimento per un totale di Euro 7.720/74 mentre è stato liberato parzialmente la parte di fondo rischi su crediti tassato, per Euro /00, corrispondente alle sopravvenienze passive rilevate in contabilità per il recepimento del lodo arbitrale, esecutivo e non definitivo, emanato nel 2010 relativo al contenzioso con il Consorzio Mole. Fondo rischi su crediti v/cooperative in procedura CONSISTENZA INIZIALE AL 01/01/ Consistenza finale al 31/12/ Fondo rischi su crediti per interessi di mora CONSISTENZA INIZIALE AL 01/01/ Decrementi Consistenza finale al 31/12/2010 Il fondo rischi su crediti per interessi di mora è stato interamente utilizzato a copertura di un credito prescritto verso il Comune di Cervia per Euro e liberato per Euro a fronte di un credito verso il Comune di Bisceglie divenuto esigibile in base a quanto disposto da una sentenza del Tribunale di Trani del 19/11/2010 che ha accolto la domanda dell A.T.I. Consorzio Ravennate Impredil S.r.l. per la corresponsione degli interessi di mora per ritardato pagamento dei S.A.L.. CLIENTI CONTROLLATE: saldo al pari a Euro Trattasi dei crediti verso società controllate escluse dall area di consolidamento, il cui dettaglio è di seguito riportato Variazioni GLOBAL SERVICE RIVOLI S.R.L LAMPA SOC.CONS.- RAVENNA GLOBAL SERVICE RIVOLI GLOBAL SERVICE RIVOLI S.R.L LAMPA SOC.CONS.- RAVENNA LAMPA SOC.CONSORT. A R.L GLOBAL SERVICE RIVOLI SPORTING ASTI S.S.D. A R.L POLOCEM D.O.O CREDITI VERSO CONTROLLATE

34 CLIENTI COLLEGATE: saldo al pari a Euro variazioni Crediti verso collegate Tale voce comprende crediti verso le seguenti imprese collegate: v/consorzio Duchessa c/fatture emesse su lavori per Euro 9.496; v/meta Soc. Consortile a r.l. c/crediti su lavori per Euro e c/fatture emesse per prestazioni di servizi e consulenze per Euro ; v/s.i.n. Soc. Consortile a r.l. c/fatture da emettere per servizio di domiciliazione per Euro 10, c/fatture emesse per servizi e consulenze e riaddebito costi per Euro e c/ritenute a garanzia da fatturare per Euro ; v/caudina Soc. Consortile a r.l. c/ fatture emesse per riaddebiti costi per Euro e c/fatture da emettere per riaddebito costi e lavori per Euro 258; v/global Strade Soc. Consortile a r.l. in liquidazione c/fatture da emettere per assistenza tecnica per Euro 1.210, c/fatture emesse per servizi amministrativi, consulenze e per riaddebito costi per Euro e c/ritenute a garanzia da fatturare per Euro 1.924; v/global Immobili Soc. Consortile a r.l. c/fatture emesse per lavori per Euro , c/fatture da emettere per servizio di domiciliazione per Euro 10, c/fatture emesse per servizi amministrativi e per riaddebito costi per Euro e c/ritenute a garanzia da fatturare per Euro ; v/eris Soc. Consortile a r.l. c/fatture emesse su lavori per Euro ; v/la Marina di Viareggio c/prestito infruttifero per Euro CREDITI TRIBUTARI: saldo al pari a Euro variazioni Crediti tributari entro l'esercizio successivo Crediti tributari oltre l'esercizio successivo TOTALE Tale voce comprende i seguenti crediti tributari: Valore 2010 Ritenute d'acconto su interessi Ritenute d'acconto su condomini Ritenute d'acconto spese recupero edilizia Credito iva irap ires Diversi TOTALE L'incremento dei crediti tributari è dovuto principalmente all incremento del credito IVA annuale delle società consolidate: Immobiliare Argentario registra una variazione in aumento di circa 265 e/000 e Immobiliare Panorama di 40 Euro/000. IMPOSTE ANTICIPATE: saldo al pari a Euro variazioni Crediti per imposte anticipate

35 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Gli importi più significativi riguardano l'ires e l'irap sul fondo rischi contrattuale esistente al 31/12/2005 e tassato negli anni successivi per avvenuto collaudo di diverse commesse in corso al 31/12/2005 nonché sugli accantonamenti effettuati al medesimo fondo negli anni 2007 e 2008 non essendo più consentita fiscalmente la deduzione di questi accantonamenti e l'ires sull'accantonamento 2008 al fondo rischi su crediti per la quota eccedente lo 0,50% ammesso dalla normativa fiscale. A partire dall'esercizio 2009 non si è più rilevato il credito per IRES anticipata sull'accantonamento al fondo rischi su crediti eccedente lo 0,50% ammesso dalla normativa fiscale ritenendo molto lontano nel tempo e quindi aleatoria la possibilità di recuperare le imposte anticipate. CREDITI VERSO ALTRI: saldo al pari a Euro variazioni Crediti verso altri Totale La voce comprende: Depositi cauzionali cmb per cavet Istituti previdenziali Anticipi diversi Anticipi in conto spese Verso altri TOTALE Depositi cauzionali per utenze e vari per Euro Crediti per finanziamento verso C.M.B. Soc.Coop. per Euro Trattasi del finanziamento a revoca ricevuto dal Consorzio Cavet e girato alla Capogruppo per intero alla cooperativa assegnataria C.M.B. senza trattenere la propria quota di competenza. L'importo originario del finanziamento è stato oggetto di parziale rimborso tramite compensazione con debiti verso la cooperativa dopo avere eseguito la medesima operazione di rimborso parziale tramite compensazione con crediti dei soci del debito per finanziamento nei confronti del Consorzio Cavet alla fine dell'anno L incremento si riferisce all ulteriore finanziamento erogato alla cooperativa C.M.B. per la quota di sua spettanza di quanto ricevuto dal Consorzio Cavet a titolo di finanziamento fruttifero ai soci in esecuzione della delibera del Consiglio dei Rappresentanti dello stesso in data 23/02/2010. Crediti v/i.n.p.s., I.N.A.I.L. e Cassa edile per Euro Tale voce comprende crediti verso l'l.n.p.s. per indennità malattia, cassa integrazione guadagni per operai, assegni familiari e contributi per solidarietà, crediti verso l'inail e crediti verso la cassa edile. Più nello specifico di seguito sono evidenziati gli importi: crediti verso INAIL per anticipi di Euro 1.561/45, crediti verso INPS per indennità malattia, C.I.G. e assegni familiari per Euro 7.084/89, crediti verso INPS per contributi ammortizzatori sociali per Euro /94; infatti con decorrenza 1 ottobre 2009 è stato stipulato con le OO.SS. un contratto di solidarietà che prevede per tutti i dipendenti la riduzione dell'orario lavorativo a sette ore giornaliere per dodici mesi e con previsione di fasi intermedie di controllo e verifica, accordo maturato a seguito dell'apertura della procedura di mobilità ritenuta necessaria in relazione all'andamento dei primi sei mesi dell'anno e alla proiezione alla fine dell'anno. Tale contratto, visto il persistere delle condizioni aziendali, è stato prorogato per ulteriori dodici mesi con decorrenza 1 ottobre crediti verso la cassa edile per Euro 1.553/67, minore credito v/inps per imposta su rivalutazione T.F.R. per Euro 319/85. Anticipi diversi per Euro Rispetto al precedente esercizio si registra un incremento netto di 446 migliaia di Euro; la variazione è dovuta essenzialmente al ricevimento di nuove fatture da coo- 145

36 perative socie della Capogruppo Consorzio Ravennate per lavori eseguiti in assegnazione prima che il Consorzio abbia emesso ed incassato corrispondente fattura all'ente appaltante e dallo stesso ente. Su tali fatture il Consorzio, a norma di regolamento consortile, può avere erogato un anticipo oppure le cooperative stesse possono aver richiesto ed ottenuto un anticipo dalle loro banche di riferimento, quest'ultimo caso è il più frequente con riferimento alle fatture ricevute ed ancora evidenziate in questo conto al 31/12/2010. Il saldo 2010 comprende anche la somma di Euro che l Ente Appaltante ha pagato direttamente ai subappaltatori della cooperativa assegnataria dei lavori e che si chiude nel 2011 col pagamento alla cooperativa delle somme residue incassate. Anticipi in c/spese (a uffici comm.li dislocati, a dipendenti, professionisti) per Euro Crediti verso altri per Euro : la voce risulta composta principalmente dai seguenti crediti afferenti la capogruppo: a) Crediti v/cavet conto Impresa Federici Spa CONSISTENZA INIZIALE AL 01/01/ Consistenza finale al 31/12/ Nel corso del 1998 il socio Impresa Ing. Fortunato Federici S.p.A. ha ceduto la propria quota di partecipazione nel Consorzio Cavet agli altri soci in proporzione alla percentuale da ciascuno detenuta nel Consorzio. Con la cessione della quota, i soci subentranti hanno acquisito crediti e si sono accollati debiti che l'impresa Ing. Fortunato Federici evidenziava nella sua contabilità, alla data del 31/12/1997, nei confronti del Consorzio Cavet. Pertanto in questa voce sono compresi i crediti ceduti ed acquisiti dal Consorzio Ravennate al netto di eventuali compensazioni. b) Crediti v/liquidatori per società consortili e cooperative cessate CONSISTENZA INIZIALE AL 01/01/ Acquisizioni/incrementi 724 Consistenza finale al 31/12/ c) Crediti verso altri CONSISTENZA INIZIALE AL 01/01/ Acquisizioni/incrementi Alienazioni/decrementi ( ) Consistenza finale al 31/12/ Gli importi più significativi riguardanti tale voce si riferiscono ai seguenti crediti: verso Sistemi Globali S.p.A. per il fondo T.F.R. di un suo dipendente trasferito alla Capogruppo per Euro , verso Italcostruzioni T.A. & G. S.p.A. in fallimento per pagamento diretto di un suo subappaltatore per Euro , verso società di assicurazione per rimborso spese legali per Euro 5.133, verso il Prefetto di Bari per indennità di esproprio e spese tecnico-legali rimborsate a Handlinvest S.r.l., in contenzioso con la Consolidante, come stabilito da una sentenza della Corte di Appello di Lecce per Euro DISPONIBILITÀ LIQUIDE: saldo al pari a Euro variazioni Disponibilità liquide Totale

37 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Il saldo al 31/12/2010 delle disponibilità bancarie è aumentato in modo significativo rispetto a quello risultante alla fine del 2009; questo dato evidenzia un elevata concentrazione delle somme incassate dalla Capogruppo a fine anno relative ai crediti verso enti appaltanti derivanti dai lavori assegnati alle cooperative socie per l'esecuzione. Gli accrediti su banche a favore della Consolidante ordinati dagli enti appaltanti e ricevuti negli ultimi giorni dell'anno sono stati, per la maggior parte, pagati alle cooperative beneficiarie direttamente o tramite società consortili nei primi giorni dell'anno successivo; l'importo di competenza delle cooperative, ad esse girato all'inizio del 2011, è di circa /00. Inoltre si rileva che, a seguito della ridotta attività in gestione diretta del Consorzio, non è più significativa la dilazione normalmente ottenuta sui pagamenti dei debiti verso fornitori riferiti a prestazioni effettuate sui lavori in gestione diretta con scadenza alla fine del mese ed effettuati tramite bonifico bancario. RATEI E RISCONTI ATTIVI: saldo al pari a Euro variazioni Ratei e risconti attivi Totale FONDI PER IMPOSTE DIFFERITE: saldo al pari a Euro variazioni Fondi per imposte differite Totale Il fondo per imposte differite è stato stanziato per l IRES sulla plusvalenza realizzata con il conferimento, da parte della Capogruppo, degli immobili della sede e rateizzata in cinque anni come consentito dalla normativa fiscale e sugli interessi di mora rilevati verso il Comune di Bisceglie ma non ancora incassati. FONDI PER RISCHI ED ONERI: saldo al pari a Euro variazioni Altri fondi per rischi e oneri Totale Il fondo rischi contrattuali su lavori, costituito per fare fronte ad eventuali rischi inerenti i lavori eseguiti e gestiti direttamente, si ritiene congruo in relazione agli eventuali rischi derivanti dalla commessa relativa alla costruzione della tratta ferroviaria Bologna-Firenze eseguita dal Consorzio CAVET. Il Consorzio Cavet infatti ha diversi contenziosi aperti che sono in attesa di definizione. In particolare nei primi mesi dell'anno 2009 il Tribunale di Firenze ha condannato per reati ambientali amministratori e dirigenti del Consorzio Cavet medesimo e ha altresì stabilito il pagamento di provvisionali pari a complessivi 150 milioni di Euro circa di cui 50 milioni di Euro al Ministero dell'ambiente, 50 alla Regione e 50 alla Provincia. Il Consorzio Cavet ha presentato ricorso in sede di appello per una serie di motivate ragioni; in quella sede è stata presentata anche istanza per la sospensione della provvisionale tenendo conto che l'esecutività della provvisionale era subordinata al deposito delle motivazioni della sentenza. La Corte di Appello, in data 26/11/2009, ha accolto tale richiesta di sospensiva della provvisionale disposta dal Tribunale di Firenze. Ogni decisione è quindi rimandata al giudizio di appello; va però sottolineata l'importanza di tale sentenza positiva. Si ricorda che il Consorzio Ravennate partecipa direttamente ai risultati della commessa nella misura dello 0,6755%. 147

38 Si evidenzia che in data 29 ottobre 2010 si è conclusa la verifica fiscale dell Agenzia delle Entrate Ufficio Grandi Contribuenti, svoltasi presso la sede della Consolidante Consorzio Ravennate, che aveva lo scopo di controllare la corretta applicazione della normativa fiscale con riguardo all imposta sul valore aggiunto, alle imposte sui redditi e agli altri tributi erariali relativamente al periodo d imposta 2007 e con riferimento alle operazioni collegate a tale annualità per i possibili riflessi sui periodi d imposta precedenti e successivi. Il processo verbale di constatazione evidenzia alcuni rilievi fiscali che qui di seguito vengono riepilogati: Anno Tipologia Settore impositivo Maggiore imponibile Imposta Definibile ex art. 5-bis D.Lgs 218/ Fondo svalutazione crediti IRES ,84 SI 2007 Sopravvenienze attive per IRES ,76 SI fatture da ricevere da fornitori 2007 Sopravvenienze attive per IRAP ,76 SI fatture da ricevere da fornitori 2007 Costi per personale distaccato IRAP 9.000,00 SI 2007 Errata applicazione aliquota IVA ,80 SI IVA agevolata per manutenzioni ordinarie su fabbricati ERP 2007 Omessa regolarizzazione di fatture d acquisto con applicazione aliquota IVA agevolata per manutenzioni ordinarie su fabbricati ERP SANZIONE ,80 SI Gli Amministratori, avvalendosi della consulenza di esperti fiscali, hanno deciso di attendere la formalizzazione degli avvisi di accertamento per poi proporre ricorso presso la competente Commissione Tributaria; nel presente bilancio è stato prudenzialmente effettuato un accantonamento specifico di Euro /00 che si ritiene congruo in relazione ai rischi correlati in particolare ai rilievi sull errata applicazione dell aliquota IVA. Nello specifico l accantonamento è stato eseguito tenendo conto dell ipotesi d imposta e sanzione ridotta da pagare sui rilievi fatti come evidenziato nella tabella seguente. Si ritiene di potere recuperare parzialmente tali somme dalle cooperative assegnatarie dei lavori in qualità di unici soggetti depositari delle informazioni esatte sulle lavorazioni effettivamente eseguite nel cantiere e comunque sulla base di quanto previsto dal Regolamento vigente della partecipazione alle gare d appalto e dell assegnazione ed esecuzione dei lavori, servizi e forniture tra il Consorzio e le Associate. Rilievi Fondo svalutazione crediti Sopravvenienze attive fatture da ricevere Importo IRES 33% IRAP 4,25% IVA 10% Imposta Sanzione ¼ Sanzione , , , , , , , ,81 Contestazione Costi lavoro personale ,50 382,50 382,50 95,63 distaccato Aliquota IVA errata , , , , ,64 Mancata regolarizzazione ,00 Contestazione principio di legalità Totali , , , , , ,65 Si rende noto, inoltre, che in data 13/12/2010 è stato redatto un processo verbale di constatazione dalla Guardia di Finanza in cui sono state rilevate per il periodo d imposta 2005 violazioni per omessa regolarizzazione di operazioni imponibili per un importo totale di Euro La sanzione ridotta di un quarto, pari ad Euro più le spese di notifica di Euro 5/16, è stata regolarmente versata in data 3/03/2011 sulla base dell avviso di accertamento ricevuto in data 4/01/2011. Tali somme sono state riaddebitate alle cooperative Consorzio Cipea S.c. a r. l. e Coop. Costruzioni di Bologna trattandosi di contestazioni su fatturazioni di lavori eseguiti da queste cooperative; con le 148

39 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa stesse si cercherà un accordo per stabilire come procedere in questi casi al fine di recuperare eventualmente tali somme dagli Enti Appaltanti. Nel corso dei primi mesi del 2011 la Guardia di Finanza ha effettuato un altra verifica che si è conclusa con Processo Verbale di Constatazione in data 18/05/2011. In tale verbale sono state riscontrate violazioni, relative ai periodi d imposta 2006 e 2007, di omessa regolarizzazione di operazioni imponibili, rispettivamente per un importo totale di Euro e di Euro , di infedele fatturazione di operazioni imponibili, imposta non addebitata di Euro e di Euro nonché presentazione della dichiarazione annuale ai fini IVA infedele. Tali contestazioni riguardano la fatturazione di lavori aggiudicati dal Consorzio e assegnati a cooperative socie. Nessun accantonamento specifico è stato effettuato, considerata sia l assenza impositiva del Processo Verbale di Constatazione sia l eventuale possibilità di recuperare parte delle somme con rivalsa sulle cooperative assegnatarie. Trattamento di fine rapporto: saldo al pari a Euro variazioni Trattamento fine rapporto lavoro subordinato Totale I movimenti intervenuti nel corso dell esercizio sono i seguenti: CONSISTENZA INIZIALE AL 01/01/ Incrementi Decrementi Consistenza finale al 31/12/ Gli accantonamenti al T.F.R. comprendono le quote versate al Fondo Tesoreria Inps per un totale di Euro /90 riferite a quei dipendenti che ne hanno fatto richiesta come previsto dal D.Lgs. 252/2005 così come modificato dalla L. 269/2006 e le quote versate al Fondo di previdenza volontaria Cooperlavoro per un totale di Euro /43 riferite a quei dipendenti che hanno richiesto l'adesione al Fondo nonché la rivalutazione del Fondo T.F.R. esistente al 31/12/2009. La voce utilizzi comprende le somme di T.F.R. liquidate ai dipendenti che hanno interrotto il rapporto di lavoro con il Consorzio a seguito di licenziamento o dimissioni per un importo di Euro , l'imposta sostitutiva nella misura dell'11% calcolata sugli ammontari maturati a titolo di rivalutazione del Fondo TFR a partire dal 1/01/2001 (D.Lgs.47/2000 e D.Lgs.168/2001) per un importo di Euro nonché le somme versate al Fondo Tesoreria Inps e al Fondo di previdenza Cooperlavoro per un totale di Euro Debiti verso soci per finanziamenti: saldo al pari a Euro variazioni Debiti verso soci per finanziamenti Totale Trattasi, per lo più, di prestiti infruttiferi e di fondi spese erogati da alcune cooperative socie a favore della Capogruppo per finanziare il versamento relativo alla sottoscrizione di quote sociali in società consortili e di progetto costituite per l'esecuzione di singoli lavori assegnati alle stesse cooperative; il Consorzio effettua tali operazioni in nome proprio ma per conto delle cooperative associate. L'incremento di questa voce è riferito al prestito ricevuto dal socio CIAB Soc. Coop. per finanziare il versamento di un ulteriore quota, pari al 20%, del capitale sociale sottoscritto della società Tunnel Gest S.p.A.. Si evidenzia che il prestito ricevuto dal Consorzio Etruria è stato erogato per Euro /00 per finanziare la sottoscrizione del capitale sociale della società La Marina di Viareggio e per Euro /00 in conto copertura perdite tramite rinuncia del prestito e per l'importo residuo, pari ad Euro /14, per finanziare l'attività della società stessa. 149

40 Debiti verso banche: saldo al pari a Euro variazioni Debiti verso banche entro l'esercizio Debiti verso banche oltre l'esercizio Totale I debiti verso banche entro 12 mesi, pari a Euro sono rappresentati da: C/C passivi per temporanee esigenze di liquidità per Euro : Costituiti per la maggior parte da conti correnti passivi detenuti dalle controllate Alisei (Conti correnti passivi per Euro/ ) e Coopolis (per fido di cassa pari Euro/000 29) Banche conto anticipi per Euro :per la maggior parte attribuibile alla capogruppo che, limitatamente ad alcune fatture emesse verso Enti Appaltanti relative a lavori gestiti direttamente dal Consorzio oppure a lavori assegnati a cooperative socie nel caso in cui il Consorzio abbia erogato un anticipo, a norma di regolamento, sulle corrispondenti fatture ricevute per lavori dalle cooperative stesse, ha fatto ricorso ad operazioni di anticipo su fatture. L operazione in essere al 31/12/2010 è stata effettuata con la Banca Nazionale del Lavoro. Mutuo ipotecario bancario per Euro di durata decennale, del valore originario di Euro assunto con Banca Popolare di Ravenna per l acquisto dell immobile di Viale Della Lirica n. 61 a Ravenna di proprietà di Wafer srl. Il debito è garantito con ipoteca sull immobile stesso. Mutui chirografari bancari per Euro : il saldo al 31/12/2010 dei mutui passivi bancari si riferisce unicamente al debito residuo del finanziamento concesso, sotto forma di mutuo chirografario, dalla Banca Popolare di Ravenna avente scadenza Tale finanziamento erogato alla fine del 2004 aveva un importo originario di Euro ed è stato utilizzato per finanziare parzialmente l'acquisto dell'immobile in Ravenna, via Teodorico n. 15 primo piano, destinato alla sede sociale. Per l'erogazione del mutuo non sono state rilasciate garanzie reali o personali. Debiti verso banche per commissioni, bolli e spese tenuta conto per Euro I debiti verso banche oltre 12 mesi, pari a Euro sono rappresentati da: Fido ipotecario per Euro erogato dalla Cassa di Risparmio di Ravenna, garantito dall area di proprietà della controllata Immobiliare Argentario srl. Finanziamenti a medio/lungo termine per Euro : di cui erogato a fronte della realizzazione di interventi immobiliari nella zona di Ravenna, relativi alla costruzione di otto appartamenti, la restante parte è relativa al debito della controllata Wafer per mutuo chirografario stipulato con Unicredit Banca nel 2010 e avente durata quinquennale. Banche conto anticipazione per Euro concessa da Banca di Romagna a Alisei srl, garantita da fideiussione rilasciata dal Consorzio; Mutuo ipotecario per Euro concesso dalla Banca di Romagna a Elena srl, a fronte di iscrizione di ipoteca di primo grado fino a concorrenza di Euro In data è stata erogata la prima tranche dell importo concesso pari a Euro ; la seconda tranche, ammontante a Euro , verrà erogata a richiesta della società e comunque entro due anni dalla data di stipulazione del contratto di mutuo. L ammortamento del mutuo avverrà in 10 anni, di cui 2 di preammortamento. L'importo delle garanzie ipotecarie è evidenziato nei conti d'ordine in calce allo stato patrimoniale. DEBITI VERSO ALTRI FINANZIATORI: saldo al pari a Euro variazioni Debiti verso altri finanziatori Totale

41 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Trattasi di un finanziamento concesso alla consolidante da Finanza & Lavoro in data 4/08/2010 per un importo complessivo di Euro /00. L erogazione, avvenuta parzialmente nel 2010, è effettuata in corrispondenza della cessione dei crediti vantati dal Consorzio Ravennate verso l ASP Villa Carpaneda di Rodigo (MN). I lavori di costruzione della nuova struttura, definiti nell Atto di Transazione sottoscritto con l Ente nel 2010, sono di competenza del Consorzio Ravennate che ha proceduto a deliberarne l assegnazione alla Cooperativa associata Sermidese per l intero importo. Conseguentemente il Consorzio Ravennate e per esso la associata Coop. Sermidese si farà carico del finanziamento a suo tempo concesso da C.C.F.S. a CSA per un importo di Euro /00 (già contro garantito con fideiussione dal Consorzio Ravennate), finanziamento che sarà emesso a fronte dei lavori già eseguiti. Tale finanziamento viene assorbito da quello accordato dalla società Finanza & Lavoro; il relativo giroconto con addebito sul c/c improprio del Consorzio è stato effettuato nei primi mesi del 2011 ed è stato corrispondentemente aperto un credito verso la Cooperativa Sermidese di pari importo. Anticipi da clienti: saldo al pari a Euro variazioni Anticipi da clienti Totale La voce anticipi da clienti è composta dalle anticipazioni contrattuali erogate dagli Enti Appaltanti sui lavori assegnati, dagli acconti ricevuti dagli Enti Appaltanti sui lavori gestiti direttamente dalla Consolidante e da due acconti pagati da privati, acquirenti di due unità immobiliari dell'iniziativa edilizia agevolata in Lugo (RA). La significativa riduzione di questa voce è dovuta principalmente al collaudo nel 2010 di un importante commessa gestita direttamente dal Consorzio tramite la Società consortile Caudina - Lavori di completamento funzionale della strada a scorrimento veloce "Fondo Valle Isclero" in direzione Valle Caudina - S.S. 7 Appia - IV Lotto (Ex VI Lotto) - per circa Euro compensata parzialmente dall incremento legato alla produzione sia della nuova commessa gestita direttamente a partire dal 2010 (Ente Appaltante A.T.I.V.A. SpA) di circa Euro sia delle commesse in essere al , alcune delle quali eseguite tramite società consortili. Si fa presente comunque che il Consorzio, già a partire dall'anno 2006, ha scelto di ridurre l'acquisizione dei lavori gestiti direttamente. Relativamente all'iniziativa di edilizia agevolata, che riporta un saldo tra gli anticipi di Euro /76, si evidenzia che alla fine del 2004 sono stati ultimati anche i lavori di costruzione dell'edificio residenziale con 12 appartamenti che rientrava nel progetto originario dell'iniziativa edilizia agevolata "Lugo 2000". Sono state altresì perfezionate le vendite delle unità immobiliari con conseguente stipula dell'atto notarile nel corso del 2004 ed in parte nei primi mesi dell'anno 2005, fatta eccezione per due unità immobiliari, sempre riferite al progetto originario di costruzione, la cui vendita definitiva è stata rimandata a causa di un contenzioso in essere con gli acquirenti: la Camera Arbitrale di Ravenna ha emesso un lodo che è stato impugnato e si è provveduto quindi ad agire per vie legali. Il procedimento è tuttora in corso. Negli acconti ricevuti dagli Enti appaltanti è compresa la somma di Euro /95 incassata nel 2002 in esecuzione di una sentenza di primo grado del Tribunale di Catania, dal Comune di Acireale relativa a crediti per interessi di mora ed indennizzi e acquistati dalla cooperativa Iter di Lugo (Ra) nel Sul contenzioso, tuttora in corso, si deve pronunciare nuovamente la Corte di Appello di Catania alla quale la Corte di Cassazione ha rimandato l'esame su alcuni punti della richiesta di risarcimento. La somma registrata negli acconti sarà girata nei ricavi solo quando uscirà la sentenza definitiva e se la stessa risulterà a favore del Consorzio Ravennate. Debiti verso fornitori: saldo al pari a Euro variazioni Debiti verso fornitori Totale

42 La voce comprende: variazioni Fatture da ricevere Fornitori Note credito da emettere Totale FORNITORI Fatture da ricevere da cooperative associate e fornitori terzi per Euro ; Fornitori per Euro , di cui si fornisce il seguente dettaglio: verso Cooperative associate c/fatture ricevute su lavori per Euro ; verso Cooperative associate c/ritenute a garanzia su lavori da fatturare per Euro ; verso Fornitori diversi per Euro ; verso Cooperative associate per debiti diversi Euro ; verso Cooperative associate c/c di corrispondenza per Euro 4.520; verso Cooperative associate per anticipazione contrattuale escussa per Euro Tale debito è stato correttamente riclassificato nella voce debiti v/fornitori anziché a riduzione dei crediti v/clienti. Note credito da emettere per Euro Il saldo è totalmente riferibile alla controllante, il decremento significativo, pari a circa 317 Euro/000, è legato all'emissione nel 2010 di buona parte delle note di credito da emettere registrate nel In particolare si evidenzia che l importo più significativo di questa voce, pari ad Euro , era riferito alle note di credito da emettere al Consorzio Mole a rettifica di fatture emesse allo stesso per ripristini, danni e penali derivanti dallo stato di consistenza relativo ad un lavoro revocato nel Tale storno era stato effettuato poiché sui lavori revocati al Consorzio Mole è in corso un contenzioso e gli Amministratori, già nel bilancio 2008 e successivamente nel bilancio 2009, avevano deciso di adottare una linea prudenziale nella valutazione delle poste interessate dalla procedura arbitrale, prevedendo la fatturazione a Mole dei soli costi, oneri e penali e quant'altro sostenuto al Nel mese di aprile 2010 si è conclusa la procedura arbitrale che ha dichiarato legittime tutte le revoche dei lavori ed ha condannato il Consorzio Mole al pagamento di un indennizzo per danni e oneri sui lavori revocati per Euro , importo corrispondente all'incirca al valore dei costi sostenuti per rifacimenti ed addebitati al socio Consorzio Mole. I crediti e i debiti risultanti dal lodo arbitrale sono stati recepiti in contabilità, si è provveduto pertanto ad emettere le note di credito previste di cui sopra. Il saldo al 31/12/2010 comprende alcune note di credito da emettere su lavori assegnati alle cooperative socie per importi a rettifica di fatture emesse agli Enti appaltanti, che trovano corrispondenza nelle note di credito da ricevere - voce crediti verso clienti per importi a rettifica di fatture ricevute per i medesimi lavori dalle cooperative assegnatarie nonché diverse note di credito da emettere a cooperative socie per conguaglio contributi consortili su lavori assegnati, resosi necessario per quei lavori in cui lo stato finale o il certificato di collaudo evidenzia un ammontare complessivo di lavori eseguiti inferiore rispetto all'importo contrattuale. L'importo più significativo di questa voce, pari ad Euro /00, è riferito ad una nota di credito da emettere alla Cooperativa Sermidese a storno di una fattura emessa nel 2007 per contributi promossi sul lavoro di ristrutturazione e costruzione del nuovo complesso della Casa di Cura Villa Carpaneda Rodigo (MN). E stato infatti sottoscritto nel 2010 un Atto di Transazione con l ente A.S.P. Villa Carpaneda Rodigo (MN) in cui è previsto che l Ente si impegni a pubblicare un nuovo bando per la selezione del concessionario di servizi core e no core mentre l Appaltatore si impegni a riprendere la costruzione della nuova struttura il cui valore complessivo viene determinato nell Atto di Transazione. I lavori di costruzione della nuova struttura definiti nella transazione e quindi ivi compresi i lavori ad oggi già eseguiti, sono di competenza del Consorzio Ravennate che ha quindi proceduto a deliberarne l assegnazione alla associata Cooperativa Sermidese per l intero importo. Conseguentemente il Consorzio ha deliberato di rettificare quanto precedentemente deliberato relativamente al contributo promosso a carico della Coop. Sermidese per i lavori di ristrutturazione e costruzione del nuovo complesso Casa di Cura Villa Carpaneda Rodigo Mantova opere edili e impiantistiche in quanto i lavori vengono eseguiti in assegnazione dal Consorzio Ravennate e viene quindi applicato un ordinario contributo consortile sull importo dell assegnazione. 152

43 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Debiti verso imprese controllate: saldo al pari a Euro variazioni Debiti verso controllate Totale Tale voce comprende debiti verso le seguenti imprese controllate: v/l.a.m.p.a. Soc. Consortile a r.l. c/rimborso spese legali per Euro 4.774/97; v/consorzio EOS S.r.l. c/fatture da ricevere per prestazioni di ribalto costi per Euro 8.554/99; v/global Service Rivoli Soc. Consortile a r.l. c/fatture da ricevere per ribalto costi per Euro /22; v/sporting Asti S.S.D. a r.l. c/versamento 75% capitale sociale per Euro /00. La riduzione di questa voce è dovuta essenzialmente alla diminuzione dei debiti verso la società consortile Global Service Rivoli per ribaltamento costi di circa Euro ed al ripianamento perdite 2009 di Euro /86. Debiti verso imprese collegate: saldo al pari a Euro variazioni Debiti verso collegate Totale Tale voce comprende debiti verso le seguenti imprese collegate: v/consorzio Duchessa c/fatture ricevute per Euro 9.936/76 e c/fatture da ricevere per ribalto costi per Euro 3.944/56; v/meta Soc. Consortile a r.l. c/fatture da ricevere per ribalto costi per Euro 5.274/80; v/s.i.n. Soc. Consortile a r.l. c/fatture da ricevere per ribalto costi per Euro /90 e c/note di credito da emettere per spese bancarie Euro 509/21; v/caudina Soc. Consortile a r.l. c/fatture da ricevere per ribalto costi per Euro /54; v/global Strade Soc. Consortile a r.l. in liquidazione c/fatture ricevute per ribalto costi per Euro 9.474/15 e c/ fatture da ricevere per ribalto costi per Euro 4.648/56; v/global Immobili Soc. Consortile a r.l. c/fatture da ricevere per ribalto costi per Euro /12; v/gela Soc. Consortile a r.l. in liquidazione c/fatture ricevute per ribalto costi per Euro /54. Il notevole decremento di questa voce è imputabile alla diminuzione dei debiti verso alcune società consortili per ribaltamenti costi; in particolare verso le società consortili Caudina e Global Immobili che hanno ultimato i lavori riferiti al contratto di appalto originario nel corso del 2009, nonché verso la società consortile S.I.N. che ha portato a termine i lavori alla fine del Debiti tributari: saldo al pari a Euro variazioni Debiti tributari Totale La voce comprende: Iva esigibilità differita Erario c/liquidazione IVA Erario c/ritenute Imposta sostitutiva rivalutazione TFR 30 TOTALE

44 Debiti verso istituti previdenziali: saldo al pari a Euro variazioni Debiti verso istituti previdenziali Totale La voce Debiti v/istituti di previdenza e di sicurezza sociale comprende i debiti per la quota dovuta a titolo di contribuzione al Fondo di Previdenza Integrativa Cooperlavoro e al Fondo Tesoreria I.N.P.S., i debiti verso l'i.n.p.s. per contributi previdenziali, i debiti verso l I.N.A.I.L. per contributi assicurativi che nel 2010 sono aumentati rispetto a quelli dell esercizio precedente in seguito all intervenuta assunzione di operai all inizio dell anno 2010 e il debito verso la Cassa Edile, non presente tra i debiti al 31/12/2009, sorto con riferimento alle competenze degli operai assunti nel 2010 per gestire direttamente la nuova commessa di A.T.I.V.A. SpA. Debiti verso altri: saldo al pari a Euro variazioni Debiti verso altri Totale La voce comprende: Debiti per finanziamento verso altre partecipate - CONSORZIO CAVET per Euro Trattasi di somme che il Consorzio Cavet ha messo a disposizione dei soci consorziati in proporzione alla quota di partecipazione al capitale consortile. Più precisamente il Cavet ha concesso un finanziamento fruttifero con lettere d'impegno, scadenza a revoca, di Euro /36 il cui ammontare è stato girato per intero alla cooperativa C.M.B. di Carpi (MO), assegnataria della maggior parte del lavoro Cavet Alta Velocità, tratta BO-FI. Alla fine del 2007 il finanziamento è stato parzialmente rimborsato da parte dei soci mediante compensazione con loro crediti verso il Consorzio Cavet come proposto dai soci stessi; l'ammontare rimborsato di competenza del Consorzio Ravennate è stato pari ad Euro /85. Nei primi mesi dell'anno 2010 il Consiglio dei Rappresentanti del Consorzio Cavet ha deliberato di rendere nuovamente disponibile ai soci un finanziamento fruttifero che è stato erogato secondo le rispettive quote di partecipazione al Consorzio stesso e contro rilascio di specifiche lettere di impegno da parte dei soci a favore di Cavet. La quota del Consorzio Ravennate è pari ad Euro /00 di cui /00 di competenza diretta ed Euro /00 di competenza della cooperativa C.M.B.. I crediti per questi finanziamenti erogati alla cooperativa C.M.B. sono evidenziati in una tabella della voce Crediti verso altri. Debiti per costi da liquidare per Euro La voce più rilevante del saldo al 31/12/2010 si riferisce al debito di Euro /00 verso la Lega Provinciale delle Cooperative e Mutue di Ravenna per contributi associativi Debiti verso raggruppati e società consortili per Euro Trattasi di somme incassate da Enti appaltanti alla fine dell'anno 2010 relative a lavori eseguiti e che sono state pagate ai beneficiari all'inizio del Più precisamente tali somme si riferiscono sia a crediti vantati da soggetti in raggruppamento d'impresa per la loro quota di competenza (Torino Scavi Manzone SpA in fallimento, Rillo Costruzioni Srl) sia a crediti vantati da società consortili costituite per l'esecuzione dei lavori da parte dei soggetti che fanno parte dell'a.t.i. (S.I.N., Opera 2, Global Service Rivoli, Fortorina, Arengario e Pentapoli); i crediti di questi soggetti sorgono nel momento in cui il Consorzio Ravennate, in qualità di capogruppo dell'a.t.i., incassa l'intero ammontare dei crediti per lavori. L importo più significativo al 31/12/2010, pari ad Euro /98, si riferisce ai debiti verso la Società Consortile Fortorina costituita per eseguire i lavori di costruzione della variante alla S.S. 212 tra il bivio di Pietrelcina Km e lo svincolo per San Marco dei Cavoti Km della ex S.S Ammodernamento dal bivio di Pietrelcina a San Bartolomeo in Galdo. 154

45 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Con riferimento ai lavori eseguiti dalla società consortile S.I.N. si evidenzia che il saldo al 31/12/2010 di questa voce comprende anche un debito verso alcuni soci e un credito verso altri soci della società consortile S.I.N. generati da una difformità tra le disposizioni contenute nel mandato di pagamento dell'ente appaltante circa l'indicazione dei beneficiari dell'incasso e quelle ricevute dalla società consortile tenuta a ripartire le somme incassate pro-quota ai soci. Le posizioni di debito e di credito originatesi dal diverso comportamento contabile si sono chiuse nell'esercizio 2011 col pagamento del saldo del certificato di pagamento da parte dell'ente Appaltante. servizi interbancari per Euro compensi ai sindaci e amministratori da liquidare per Euro rimborsi della quota sociale alle cooperative escluse o recesse per Euro retribuzioni dei dipendenti relative al mese di dicembre per Euro , importo che comprende anche l'indennità a titolo di incentivazione all esodo riconosciuta ad un dipendente dell area commerciale che ha interrotto il suo rapporto di lavoro dipendente con la capogruppo in data 31/12/2010. verso dipendenti per rimborsi spese piè di lista per Euro ferie maturate non godute al 31/12/2010 per Euro ripianamento del disavanzo di gestione 2009 e 2010 del Consorzio CAVET per la quota di competenza della Controllante rispettivamente di Euro ed Euro versamento 55% del capitale sociale sottoscritto della Tunnel Gest S.p.A. per Euro /00 e versamento del 75% del capitale sociale sottoscritto della Arc S.p.A. per Euro /00. verso il raggruppato Co.ge.fa. SpA e la cooperativa socia Iter per il pagamento di somme incassate dall Università degli studi di Palermo per un totale di Euro creditori diversi per Euro Debiti diversi verso terzi della controllata Argentario per Euro riconducibili per lo più ad anticipi da clienti. Debiti verso società partecipate della società controllata Coopolis per partecipazioni sottoscritte e non ancora versate. RATEI E RISCONTI PASSIVI: saldo al pari a Euro variazioni Ratei e risconti passivi Totale Sono relativi principalmente al rateo per 14ª mensilità maturata in favore dei dipendenti. Comprendono altresì le quote di interessi passivi maturate sui mutui alla data di chiusura dell esercizio. Crediti/debiti Non esistono crediti e debiti di durata residua superiore a cinque anni. Anche i debiti relativi ai mutui passivi bancari sono di durata residua inferiore a cinque anni, ad eccezione del mutuo ipotecario di Euro di durata decennale, di cui si è detto al paragrafo relativo ai debiti bancari oltre 12 mesi. Variazioni nei cambi valutari Il Gruppo, alla data di chiusura dell esercizio, non detiene debiti o crediti in valuta estera. Operazioni con obbligo di retrocessione a termine Il Gruppo nel corso dell'esercizio non ha posto in essere alcuna operazione soggetta all'obbligo di retrocessione a termine. Voci di patrimonio netto Nei seguenti prospetti sono analiticamente indicate le voci di patrimonio netto del Gruppo al , con specificazione della loro origine, possibilità di utilizzazione e distribuibilità, nonché della loro avvenuta utilizzazione nei precedenti esercizi. 155

46 Natura/descrizione Importo Possibilità di utilizzo (*) Quota disponibile Capitale Riserve di rivalutazione B Riserva legale B Altre riserve B Utili/perdite riportate a nuovo B Totale Quota non distribuibile Residua quota distribuibile Utilizzazioni effettuate nei tre esercizi precedenti per copertura perdite per altre ragioni (*) Possibilità di utilizzo A: aumento di capitale; B: copertura perdite; C: distribuzione ai soci Ai sensi della normativa vigente in materia di cooperazione, le riserve esposte in bilancio sono tutte indivisibili ed utilizzabili solo per la copertura di perdite e non possono mai essere distribuite ai soci. Composizione del capitale sociale Saldo finale capitale sociale E Capitale sociale sottoscritto ancorché non versato e Oneri finanziari imputati all'attivo Tutti gli interessi e gli altri oneri finanziari sono stati interamente spesati nell'esercizio, ad eccezione degli oneri finanziari sostenuti in relazione ai finanziamenti specificamente accesi a fronte degli interventi immobiliari in corso di realizzazione, per i quali si rimanda al paragrafo relativo alla voce Rimanenze. Impegni non su Stato Patrimoniale Non esistono impegni che non sia stato possibile far risultare dai conti d'ordine in calce allo stato patrimoniale. Ripartizione dei ricavi e delle vendite A - VALORE DELLA PRODUZIONE Descrizione 31/12/ /12/2009 Ricavi delle Vendite e delle Prestazioni Variazioni rimanenze prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti Variazione dei lavori in corso su ordinazione Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni Altri Ricavi e Proventi Totale valore della produzione Ripartizione dei ricavi e delle vendite Nel seguente prospetto è illustrata la ripartizione dei ricavi delle vendite e delle prestazioni secondo categorie di attività. La ripartizione secondo aree geografiche non è indicata in quanto non ritenuta significativa per la comprensione e il giudizio dei risultati economici. 156

47 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Ripartizione per attività 31/12/ /12/2009 Vendite beni mobili diversi Contributi consortili Ricavi per riaddebiti costi Ricavi per lavori gestione diretta Ricavi per riaddebiti, danni, penali Prestazioni di servizi e ricavi vari Ribassi e abbuoni passivi Ricavi per prestiti di personale Ricavi per lavori attività consortile Totale ricavi delle vendite e delle prestazioni La voce Contributi consortili è composta da tre tipologie di contributi: contributi sui lavori assegnati alle cooperative, contributi sui lavori promossi e ricavi per sponsoraggio da partecipazione in A.T.I. (Associazione Temporanea di Imprese). I contributi consortili sono complessivamente aumentati di Euro ; l incremento ha però riguardato i contributi sui lavori promossi e i ricavi per sponsoraggio A.T.I. mentre i contributi per acquisizioni lavori hanno subito un riduzione di Euro A tale proposito si rileva che negli ultimi esercizi sono stati acquisiti importanti e complessi lavori infrastrutturali il cui inizio è slittato per motivi tecnici e/o burocratici. I ricavi per sponsoraggio A.T.I., che derivano dalla funzione di Capogruppo svolta dal Consorzio nelle Associazioni Temporanee di Imprese, sono passati da Euro /17 ad Euro /39. Il dato positivo del 2010 è legato alla politica commerciale rivolta all'acquisizione di lavori complessi di lunga durata ed importi elevati che richiede spesso la costituzione di A.T.I. per l'esecuzione degli stessi. I ricavi per contributi su lavori promossi, che derivano dall'attività di promozione commerciale svolta dal Consorzio sui lavori assunti direttamente dalle cooperative socie, sono anch'essi aumentati in modo significativo passando da Euro /05 ad Euro /28. Questa voce, il cui dato conferma la politica aziendale di continuare a sviluppare l'attività sui lavori promossi, comprende Euro di contributi da fatturare alla cooperativa C.M.C. per i lavori di realizzazione di uno stabilimento industriale per la produzione di biodiesel ed energia elettrica da oli vegetali, Ente Appaltante Carburanti Candiano S.p.A., ed Euro di contributi da fatturare alla cooperativa A.C.C. per i lavori di costruzione di un immobile ad uso direzionale e commerciale in Ravenna, Ente Appaltante Immobiliare Argentario S.r.l.. Fra gli importi più rilevanti dei contributi consortili su acquisizione lavori si evidenziano i seguenti: Euro i contributi dovuti dai consorzi AR.CO. Lavori, C.E.I.R. e C.E.A.R. di Ravenna per i lavori di esecuzione e gestione sistemica delle manutenzioni agli immobili e loro pertinenze in uso o di proprietà dell'azienda U.S.L. di Ravenna, attuata con processo informatizzato C.M.M.S. - Global Service - CUP J CIG D2, Euro i contributi dovuti dalle Cooperative Braccianti Riminese, C.M.C. di Ravenna ed A.C.C. di Cervia per i lavori di opere prefabbricate ed opere edili in genere, nonché progettazione esecutiva delle opere strutturali, relativamente ai lavori di nuova costruzione del Centro Commerciale sito in Via Berlinguer in Comune di Riccione, Euro i contributi dovuti dalle Cooperative CPL Concordia, AR.CO. Lavori, Nuova Arti Unite, Coopmoviter e la società Orioninfrastrutture SpA, per i lavori di manutenzione reti acqua, gas, teleriscaldamento, fognature, polifore elettriche, nuovi estendimenti, allacciamenti, pronto intervento in provincia di Parma. La voce Ricavi per lavori gestione diretta comprende i ricavi complessivi delle commesse ultrannuali gestite direttamente dal Consorzio ultimate e collaudate nell esercizio 2010; in particolare il saldo al si riferisce per l importo di Euro al collaudo di un importante commessa avente per oggetto i lavori di completamento funzionale della strada a scorrimento veloce "Fondo Valle Isclero" in direzione Valle Caudina - S.S. 7 Appia - IV Lotto (Ex VI Lotto) eseguiti tramite la società consortile Caudina. 157

48 L'importo della voce dei ricavi per riaddebiti, danni e penali, che ha mantenuto un importo significativo nel 2010, comprende ricavi per ripristini fatturati al Consorzio Mole come previsto nel Lodo arbitrale per un importo totale di Euro e ricavi per fatture da emettere per ripristini e completamenti eseguiti dal Consorzio Ravennate relativi alla quota di competenza di Torino Scavi Manzone SpA in fallimento e di Consorzio Mole fino al momento della revoca dei lavori di costruzione della variante alla S.S. 24 Circonvallazione di Pianezza e Alpignano (Ente appaltante A.T.I.V.A. SpA) per un totale di Euro oltre a ricavi per ripristini e oneri di collaudo fatturati ad alcune cooperative a seguito della revoca di lavori loro assegnati per un importo di Euro Relativamente alle fatture emesse nel 2010 per riaddebiti, ripristini, danni e penali gli Amministratori, hanno apportato prudenzialmente le dovute svalutazioni anche considerando la possibilità di effettuare compensazioni con partite di debito, ove ammesso legalmente. Si precisa che con il Consorzio Mole è in corso una procedura arbitrale, che il lodo è uscito ad aprile 2010, che a marzo 2011 il Consorzio Mole ha presentato opposizione a tale decisione e si rimanda alla relazione sulla gestione per le valutazioni complessive operate sul bilancio di esercizio L'importo della voce prestazioni di servizi e ricavi vari, che comprende prestazioni e consulenze tecnico-commerciali, prestazioni amministrative e altri ricavi diversi per recupero spese, è diminuito passando da Euro /37 ad Euro /37 per effetto di un decremento generale di tutte le tipologie di prestazioni. L'importo dei ricavi riferiti ai prestiti di personale è sostanzialmente rimasto invariato passando da Euro /60 ad Euro /57. Circa 298 mila Euro derivano dal consolidamento della controllata Wafer srl. Essi risultano essere relativi a consulenze informatiche e produzione web, ricavi da servizi di Hosting, produzione sito webmatic, adversiting su siti e su forliarport. I ricavi derivanti dal consolidamento di Coopolis pari a circa 548 mila Euro riguardano principalmente attività di progettazione e distacco di personale. Le rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti comprendono: Euro ricavi derivanti dalla variazione delle rimanenze della consolidata Immobiliare Argentario, derivanti dalla capitalizzazione dei costi sull intervento in corso di realizzazione, Euro ricavi derivanti dalla variazione delle rimanenze della consolidata Immobiliare Panorama, derivanti dalla capitalizzazione dei costi sull intervento in corso di realizzazione. Le rimanenze dei lavori in corso su ordinazione comprendono i ricavi delle commesse ultrannuali gestite direttamente dal Consorzio che sono ancora in corso di esecuzione e non sono state collaudate. L'importo di tali rimanenze ha subito un decremento a seguito della diminuzione significativa della produzione eseguita per lavori in gestione diretta soprattutto di quella eseguita tramite le società consortili. La voce altri ricavi e proventi comprende ricavi per sopravvenienze attive ordinarie per Euro /08, altri ricavi e proventi comprendenti rimborsi per spese legali e per sinistri per Euro /50 e plusvalenze da alienazione cespiti per Euro 1.163/09. L'importo della voce altri ricavi e proventi è aumentato in modo significativo rispetto a quello dell'esercizio precedente passando da Euro /05 ad Euro /67 nel 2010 e tale variazione è legata esclusivamente all incremento delle sopravvenienze attive. I ricavi per sopravvenienze attive ordinarie rappresentano in gran parte minori costi realizzati su lavori assegnati alle cooperative per rettifiche dei S.A.L. passivi rilevate nei certificati di collaudo, negli stati di consistenza o in transazioni con gli enti appaltanti e le cooperative. Queste rettifiche sono evidenziate per lo stesso importo nei costi per sopravvenienze passive ordinarie risultanti dai S.A.L. attivi emessi dall'ente appaltante. Nello specifico il saldo al comprende Euro per rettifiche di debiti verso Consorzio Mole in quanto non riconosciuti dal Lodo arbitrale, recepito in contabilità, Euro per fattura emessa a Consorzio Mole per servizi di assistenza tecnica sempre riconosciuti dal Lodo arbitrale, Euro per liberazione del 158

49 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa fondo rischi su crediti a fronte delle sopravvenienze passive (nette) risultanti sempre dal recepimento del Lodo arbitrale Mole, Euro per maggiori lavori e relativi interessi riconosciuti nell atto di transazione con il Comune di Modugno (il medesimo importo è evidenziato nelle sopravvenienze passive per il debito verso la cooperativa assegnataria del lavoro), Euro per prescrizione debito verso una cooperativa socia per interessi di mora relativo ad un lavoro con il Comune di Cervia (il corrispondente costo per prescrizione del credito verso l ente appaltante è evidenziato nelle sopravvenienze passive ordinarie), Euro ricevuti da compagnie assicurative per rimborso spese legali sostenute dal Consorzio per propri dipendenti, Euro per liberazione del fondo rischi su crediti per interessi di mora a fronte di interessi verso il Comune di Bisceglie divenuti esigibili, Euro per rettifiche di S.A.L. passivi da certificati di collaudo o atti di transazione con gli Enti Appaltanti (il corrispondente costo di pari importo per rettifiche di S.A.L. attivi è evidenziato nelle sopravvenienze passive ordinarie), Euro per prescrizioni di debiti e conguagli consumi per utenze. Le altre informazioni rilevanti riguardo ai ricavi delle vendite e delle prestazioni sono commentate e illustrate nella relazione sulla gestione. Per ulteriore informativa si forniscono di seguito il dettaglio delle voci dei costi per acquisto di materie prime, sussidiarie e di consumo, dei costi per servizi, dei costi per godimento di beni di terzi, dei costi per il personale, degli ammortamenti e svalutazioni e degli oneri diversi di gestione nonché alcune spiegazioni sulle variazioni più significative intervenute sui saldi di tali costi nell'esercizio 2010 rispetto al saldo risultante nel Bilancio di esercizio B.6 - Costi per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci 31/12/ /12/2009 Materiali di consumo Cancelleria e stampati Materie prime, sussidiarie e di consumo Carburanti autovetture Altri Totale Il notevole incremento di questa voce (B.6) è legato esclusivamente all aumento del costo per acquisto di Materie prime e di Materiali diversi per forniture relative ai lavori gestiti direttamente dal Consorzio; in particolare le forniture si riferiscono a due commesse nuove gestite direttamente dall anno 2010: 1. lavori di costruzione della variante alla S.S. 24 Circonvallazione di Pianezza e Alpignano (Ente Appaltante A.T.I.V.A. SpA), 2. lavori occorrenti per la costruzione del sottopassaggio pedonale in stazione di Centallo al Km della linea Fossano-Cuneo, e di un nuovo marciapiede a servizio della stazione, in dipendenza del raddoppio della linea (Ente Appaltante Rete Ferroviaria Italiana SpA). I costi derivanti dal consolidamento di Immobiliare Argentario e di Immobiliare Panorama pari rispettivamente a 26 e 16 mila Euro riguardano principalmente costi per acquisto materie per la realizzazione della commessa. 159

50 B.7 - Costi per servizi a) Attività consortile 31/12/ /12/2009 Costi per lavori eseguiti dalle cooperative Consulenze legali, amministrative, commerciali e tecniche Spese autovetture Utenze telefoniche, energia elettrica, gas, acqua Spese di pubblicità, rappresentanza, ristorazione e alberghi Spese di spedizione e fattorinaggio, postali Manutenzioni varie e assistenza programmi Prestiti di personale Compensi organi di controllo e amministratori Rimborsi spese, indennità chilometriche, corsi aggiornamento, servizio mensa Pulizie uffici Costi partecipazione gare Oneri fideiussioni bancarie e assicurative, commissioni bancarie, spese di incasso e pagamento Premi di assicurazione diversi Altri costi per servizi Abbuoni attivi Totale b) Attività diretta 31/12/ /12/2009 Ribalto costi società consortili Subappalti Forniture con posa in opera Prestazioni varie di terzi Costi diretti iniziativa Lugo Consulenze e prestazioni tecniche, legali ed amministrative Spese di trasporto Utenze telefoniche, energia elettrica, gas, acqua Premi di assicurazione diversi Rimborsi spese, indennità chilometriche, costi per la sicurezza sul lavoro, servizio mensa Costi per ripristini, danni e penali Altri costi Totale TOTALE COMPLESSIVO L'importo complessivo dei costi per servizi (B.7) ha subito un incremento significativo rispetto all'anno precedente. Esaminando nel dettaglio le singole voci che lo compongono si evidenzia un notevole incremento, pari a circa di Euro, dei costi per servizi inerenti l'attività consortile ossia dei costi per la produzione dei lavori assegnati alle Cooperative associate (c.d. attività consortile), un aumento dei costi per compensi agli organi di controllo e Amministratori mentre tutti gli altri costi sono sostanzialmente rimasti invariati. Relativamente ai costi sostenuti per i lavori in gestione diretta si nota sul totale un dato sostanzialmente invariato; nello specifico però a fronte di una notevole riduzione dei costi di ribaltamento delle società consortili poiché i lavori gestiti direttamente per il loro tramite sono in fase finale ed alcuni di essi si sono conclusi nel corso del 2010, c è un notevole incremento dei costi per subappalti, prestazioni di terzi, forniture con posa in opera e per consulenze tecniche legati alle due nuove commesse gestite direttamente dal Consorzio nel 2010 evidenziate nel paragrafo precedente. 160

51 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Si rileva inoltre un notevole incremento dei costi sostenuti per prestazioni di terzi, la variazione è per lo più riconducibile alla capitalizzazione dei costi sostenuti per l avvio degli interventi gestiti dalle società controllate Immobiliare Argentario e Immobiliare Panorama per un totale di circa migliaia di Euro. B.8 - Costi per godimento di beni di terzi 31/12/ /12/2009 Canoni di leasing finanziario immobile Torino Affitti passivi e spese condominiali Noleggio beni mobili Noleggio mezzi e attrezzature di cantiere Noleggio mezzi di cantiere con operatore Altri Totale I costi per godimento di beni di terzi (B.8) sono aumentati significativamente; la variazione riguarda in particolare il costo per noleggio mezzi, attrezzature di cantiere e mezzi di cantiere con operatore, costi sostenuti per i lavori gestiti direttamente nel La riduzione del costo per affitti passivi e spese condominiali è legata essenzialmente al fatto che si sono risolti anticipatamente in data 30/04/2010 e 30/06/2010 due contratti di locazione degli uffici, ad uso unità locali della controllante, situati rispettivamente a Parma e a Milano. B.9 - Costi per il personale 31/12/ /12/2009 Salari e stipendi Oneri sociali Trattamento di fine rapporto Altri costi per il personale Totale La voce altri costi per il personale comprende, oltre ai costi per polizze assicurative infortuni professionale ed extraprofessionale e per responsabilità civile amministratori e sindaci, un indennità di Euro riconosciuta ad un dipendente dell area commerciale che ha risolto il suo rapporto di lavoro con la consolidante Consorzio Ravennate in data 31/12/2010 quale incentivo all esodo come previsto nel verbale di conciliazione in sede sindacale sottoscritto alla fine del La stessa voce riferita all anno 2009 comprende un indennità di Euro riconosciuta al dirigente Trebbi Massimo che ha risolto il suo rapporto di lavoro con il Consorzio Ravennate in data 30/06/2009 quale incentivo all esodo così come stabilito nel verbale di conciliazione in sede sindacale sottoscritto nel B.10 - Ammortamenti e svalutazioni B.10.a Ammortamento delle immobilizzazioni immateriali 31/12/ /12/2009 Ammortamento spese di costituzione Ammortamento Software Ammortamento brevetti e opere dell'ingegno Ammortamento spese di ricerca, sviluppo e pubblicità Ammortamento altre immobilizzazioni immateriali Totale

52 B.10.b Ammortamento delle immobilizzazioni materiali 31/12/ /12/2009 Fabbricati civili Impianti specifici Impianti generici Attrezzatura Macchine d'ufficio Mobili Automezzi Totale In data 20/12/2010 sono stati ceduti gli immobili ad uso uffici della sede della Controllante tramite conferimento in natura per aumento quota capitale sociale in Federazione delle Cooperative della Provincia di Ravenna determinando così una riduzione della quota di ammortamento relativa ai fabbricati. B.10.d Svalutazioni dei crediti compresi nell attivo circolante e delle disponibilità liquide 31/12/ /12/2009 Accantonamento al fondo rischi su crediti Totale Tutti relativi ad accantonamenti effettuati nell esercizio dalla Controllante. B.12.d Accantonamenti per rischi 31/12/ /12/2009 Accantonamento al fondo rischi contenzioso tributario Totale Tutti relativi ad accantonamenti effettuati nell esercizio dalla Controllante. B.14 Oneri diversi di gestione 31/12/ /12/2009 Adempimenti legali e notarili Valori bollati Contributi associativi Periodici e pubblicazioni Imposte e tasse Sopravvenienze passive ordinarie Oneri di utilità sociale ed erogazioni liberali Costi da riaddebitare Altri oneri: spese contrattuali, costi per ripristini, danni e penali, concessioni governative, sanzioni Minusvalenze patrimoniali Altri oneri diversi Totale Il totale degli oneri diversi di gestione al 31/12/2010 (B.14) è sostanzialmente rimasto invariato rispetto a quello dell anno precedente; nel dettaglio però è evidente una significativa riduzione dei costi da riaddebitare compensata quasi interamente dall aumento delle sopravvenienze passive ordinarie. I costi da riaddebitare sono costi sostenuti dalla Consolidante ma di competenza di soggetti terzi, diversi dalle cooperative, coi quali il Consorzio intrattiene rapporti contrattuali legati ai lavori assunti, nonché costi derivanti dalle fatture ricevute dai mandanti, per la loro quota di lavori, di alcuni Raggruppamenti nei quali il Consorzio è capogruppo 162

53 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa e fattura l'intero importo del S.A.L. all'ente Appaltante. Tali costi trovano corrispondenza, con lo stesso ammontare, nei ricavi per riaddebiti costi che sono evidenziati in bilancio nella voce A.1 Ricavi delle vendite e delle prestazioni. Le sopravvenienze passive ordinarie si riferiscono a costi che riguardano generalmente minori ricavi realizzati su lavori assegnati alle cooperative per rettifiche dei S.A.L. attivi rilevate nei certificati di collaudo, negli stati di consistenza o in transazioni con gli Enti Appaltanti e le cooperative, a minori ricavi per rettifiche su contributi acquisizioni lavori per scostamento dell'importo eseguito rispetto a quello contrattuale nonché a costi per crediti prescritti. In particolare il saldo al 31/12/2010 comprende Euro per rettifiche di crediti verso Consorzio Mole in quanto non riconosciuti dal Lodo arbitrale, recepito nella contabilità del Consorzio Ravennate, Euro per maggiori lavori e relativi interessi riconosciuti alla cooperativa L Internazionale, assegnataria dei lavori, nell atto di transazione con il Comune di Modugno (il medesimo importo è evidenziato nelle sopravvenienze attive per il credito verso l Ente Appaltante), Euro per prescrizione credito per interessi di mora verso il Comune di Cervia (il corrispondente ricavo per prescrizione del debito verso la cooperativa assegnataria dei lavori è evidenziato nelle sopravvenienze attive ordinarie), Euro per rettifiche di S.A.L. attivi da certificati di collaudo o atti di transazione con gli Enti Appaltanti (il corrispondente ricavo di pari importo per rettifiche di S.A.L. passivi è evidenziato nelle sopravvenienze attive ordinarie), Euro per rettifica interessi di mora attivi verso il Comune di Nichelino come previsto nella scrittura privata di transazione del 14/12/2010, Euro per rettifica contributi promossi fatturati nel 2007 a Coop. Sermidese sui lavori dell ASP Villa Carpaneda come deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 30/07/2010 in conseguenza di quanto stabilito nell Atto di Transazione sottoscritto con l Ente A.S.P. Villa Carpaneda in data 20/07/2010, Euro per rettifiche su contributi consortili e riaddebito spese ed Euro 830 per prescrizioni di crediti e conguagli su utenze. Gli altri oneri diversi si riferiscono per Euro alla somma pagata in esecuzione di una scrittura privata di transazione alla Città di Torino per i danni patrimoniali e non patrimoniali dovuti dal dipendente Aldo Puttin derivati da tutti i fatti di reato oggetto di contestazione nel procedimento penale conclusosi nel 2010 con la sentenza della Corte di Appello di Torino Sezione III Penale ora passata in giudicato e per Euro alle spese processuali rimborsate al Comune di Viola in esecuzione di una sentenza con esito negativo per il Consorzio Ravennate notificata unitamente all atto di precetto in data 3/12/2010. I costi derivanti dal consolidamento di Coopolis pari a circa 32 mila Euro riguardano principalmente perdite su crediti per 23 mila Euro, 4 mila Euro per perdite su partecipazioni, 3 mila Euro per sanzioni e mille Euro per contributi a Legacoop. Proventi da partecipazioni Nel seguente prospetto sono indicati l'ammontare e la specie dei proventi da partecipazioni di cui all'art. 2425, n. 15, C.C. compresi i dividendi. Descrizione 31/12/ /12/2009 Dividendi da Hera S.p.A Dividendi da C.C.F.S. Consorzio Cooperativo Finanziario per lo Sviluppo Soc. Coop. 32 Aumento gratuito capitale sociale Federazione delle Cooperative della Provincia di Ravenna S.C.p.A Azioni gratuite e ristorno C.C.F.S. Consorzio Cooperativo Finanziario per lo Sviluppo Soc.Coop Dividendi da Federcoop Nullo Baldini Soc.Coop. 797 Dividendi da Federazione delle Cooperative della Provincia di Ravenna S.C.p.A Altre 448 Totale Altri proventi finanziari Nel seguente prospetto sono indicati l'ammontare e la specie dei proventi finanziari di cui all'art n.16 C.C.. 163

54 Descrizione 31/12/ /12/2009 Cedole interessi su Obbligazioni Telecom Argentina Proventi su rimborso polizza assicurazione Unipol Totale proventi finanziari da titoli diversi da partecipazioni iscritti nell'attivo circolante Descrizione 31/12/ /12/2009 Interessi su crediti verso Imprese controllate Totale proventi diversi dai precedenti da imprese controllate Descrizione 31/12/ /12/2009 Interessi su crediti verso SIN Soc Cons. a r.l Totale proventi diversi dai precedenti da imprese collegate Descrizione 31/12/ /12/2009 Interessi verso cooperative/clienti diversi Interessi attivi su c/c bancari Interessi di mora Interessi attivi su rimborsi d'imposta Interessi attivi su depositi postali cauzionale Altri proventi Totale proventi diversi dai precedenti da altre imprese Totale ALTRI PROVENTI FINANZIARI Suddivisione oneri finanziari Nel seguente prospetto gli interessi e altri oneri finanziari di cui all'art. 2425, n. 17 C.C. sono suddivisi tra quelli relativi a debiti verso banche e ad altri debiti. Descrizione 31/12/ /12/2009 Interessi passivi bancari (mutui, anticipazioni, affidamenti) Interessi passivi verso cooperative associate Oneri finanziari bancari: commissione massimo scoperto, spese fidi Interessi su altri debiti Interessi su ritardati pagamenti utenze Telecom Italia S.p.A., ENEL Servizio Elettrico S.p.A. ed erariali IVA 0 3 ENEL Servizio Elettrico S.p.A. ed erariali IVA 3 23 Totale interessi ed altri oneri finanziari Rettifiche di valore di attività finanziarie D.18.a Rivalutazione di partecipazioni Rivalutazione partecipazione ERIS Soc. cons. valutata con il metodo del PN Rivalutazione partecipazione Torricelli Srl Rivalutazione partecipazione Federcoop 5 D.19.a Svalutazione di partecipazioni Svalutazione partecipazione Polocem per perdite permanenti di valore Svalutazione partecipazione Gela Srl per perdite permanenti di valore 925 Svalutazione altre partecipazioni per perdite durevoli di valore Svalutazione partecipazione Immob. Modì Srl valutata con il metodo del PN

55 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Composizione dei proventi e degli oneri straordinari La composizione dei proventi e degli oneri straordinari è indicata nei seguenti prospetti: Descrizione 31/12/ /12/2009 Sopravvenienze attive su minore IRAP Sopravvenienza attiva su N/C da ricevere Sopravvenienza attiva su FT da ricevere Altre diverse Sopravvenienze attive per prescrizione debiti e fatture da ricevere Maggiore crediti IRES ed IRAP periodo di imposta Plusvalenza da conferimento immobili sede sociale Totale altri proventi straordinari Descrizione 31/12/ /12/2009 Arrotondamenti da conversione in unità di Euro 3 Altri oneri per nostra quota disavanzo di gestione Consorzio Cavet Sopravvenienze passive per fatture ricevute non stimate: comandi personale, omaggi, prestazioni Altri oneri su partecipazione società consortile Gela Sopravvenienze passive per IRES ed IRAP 2003 oggetto di accertamento e relativi interessi Sopravvenienze passive per fatture ricevute non stimate: fornitura e posa in opera, ribalto costi Sopravvenienze passive per note di credito emesse a storno contributi promossi, sponsoraggio, interessi Sopravvenienza passiva per errata contabilizzazione SAL Sopravvenienze passive varie: crediti prescritti, Iva non recuperabile, deposito cauzionale, spese gara Sopravvenienza passiva per storno riaddebito costi a cooperativa socia Sopravvenienze passive varie: imposta di registro, bolli su E.C. bancari, sanzioni amministrative, indennità chilometriche Altre sopravvenienze passive Totale altri oneri straordinari Imposte correnti, anticipate e differite L'onere previsto per le imposte correnti sul reddito dell'esercizio, determinato sulla base della normativa fiscale vigente, è di Euro per IRES e di Euro per IRAP. Tale costo, nel rispetto del principio di competenza economica e conformemente a quanto previsto dal Documento Contabile n. 25 O.I.C., viene rettificato in più o in meno per effetto delle imposte anticipate o differite rilevate nell'esercizio. Nel prospetto che segue sono analiticamente descritte le differenze temporanee che hanno comportato la rilevazione di imposte differite e anticipate, specificando l'aliquota applicata e le variazioni rispetto all'esercizio precedente, gli importi accreditati o addebitati a conto economico. Le imposte anticipate e differite sono state calcolate applicando l'aliquota del 27,5% per l'ires e del 3,90% per l'irap, aliquote modificate dalla Legge Finanziaria 2008 (L.244/2007). 165

56 Descrizione Es Es Es Oltre Totale Differenze temporanee imponibili Plusvalenza rateizzata immobile Interessi di mora da incassare Totale differenze temp. imponibili IRES differita IRAP differita Imposte differite totali Differenze temporanee deducibili Spese di rappresentanza Contributi associativi non pagati Accantonamento al Fondo rischi su crediti oltre 0,5% Fondo rischi contrattuali su lavori 2010 Fondo rischi contrattuali su lavori e accantonamenti anni precedenti Ammortamento eccedente macchine elettroniche 2009 Ammortamento eccedente macchine elettroniche Totale differenze temp. deducibili IRES anticipata IRAP anticipata Imposte anticipate totali Descrizione Esercizio 2010 Esercizio 2009 Ammontare delle differenze temporanee Effetto fiscale Imposte differite Reversal imposte differite anni precedenti Ammontare delle differenze temporanee Effetto fiscale Imposte anticipate Reversal imposte anticipate anni precedenti Imposte differite (anticipate) nette

57 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Il costo per imposte differite per ricavi realizzati nell esercizio (plusvalenza rateizzata da conferimento immobili e interessi di mora da incassare) ma imponibili fiscalmente in esercizi successivi è di Euro /86 per IRES. Il ricavo per imposte anticipate per costi sostenuti nell'esercizio (contributi associativi non pagati, fondo rischi contrattuali su lavori, ammortamento eccedente macchine elettroniche anno 2010) ma deducibili fiscalmente in esercizi successivi è di Euro /50 (Euro /57 per IRES ed Euro 492/93 per IRAP). Il costo per il rigiro di imposte anticipate per costi sostenuti in esercizi precedenti (spese di rappresentanza , contributi associativi 2009 pagati, reversal ammortamento eccedente macchine elettroniche anni e reversal fondo rischi su crediti tassato) ma deducibili nell'esercizio corrente è di Euro /11 (Euro /39 per IRES ed Euro 533/73 per IRAP). Numero medio dipendenti Nel seguente prospetto è indicato il numero dei dipendenti del Gruppo, ripartito per categoria: Numero dirigenti 6,00 Numero quadri 7,25 Numero impiegati 37,42 Numero operai 15,10 Compensi amministratori e sindaci Si precisa che al Presidente del Consiglio di Amministrazione, Ciani Giancarlo, per l'attività svolta a favore del Consorzio spetta un compenso di Euro 3.333/33 lordi mensili in base a quanto deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 27/07/2009 e fino al 30/04/2010. Tale compenso è stato infatti rideterminato con delibera del Consiglio di Amministrazione in data 17/05/2010 nella misura di Euro 6.666/67 lordi mensili con decorrenza 1/05/2010 e fino alla scadenza del mandato: giugno Conseguentemente la somma complessiva di competenza dell'intero anno 2010 risulta essere di Euro /68. Il Consiglio di Amministrazione del 27/07/2009 ha deliberato di attribuire un compenso anche al Vice-Presidente più anziano di nomina, Capucci Giovanni, per l'attività svolta a favore del Consorzio nella misura di Euro 833/33 lordi mensili con riferimento al mandato luglio 2009-giugno 2012 e al Consigliere Vittorio Morigi per un importo di Euro 5.000/00 lordi mensili per la durata dell'incarico luglio 2009-giugno 2012 relativo alla cura e implementazione dei rapporti con le più significative realtà imprenditoriali e consortili del settore di riferimento. Conseguentemente la somma di competenza dell'intero anno 2010 per il Vice-Presidente e il Consigliere delegato risulta essere rispettivamente di Euro 9.999/96 e di Euro /00 relativa al periodo di durata effettiva della carica. L'ammontare dei compensi complessivamente spettanti al Collegio Sindacale per l'anno 2010 è di Euro 8.750/00 così come deliberato dall'assemblea dei soci del 17/06/2010; tale assemblea ha eletto il Collegio Sindacale per il triennio Compensi organo di revisione legale dei conti I corrispettivi spettanti alla società di revisione legale dei conti annuali sono i seguenti: Euro 5.645/00 per lo svolgimento delle funzioni di controllo contabile ai sensi degli artt bis septies del c.c.; Euro /00 per l'attività di revisione contabile e certificazione del bilancio di esercizio e del bilancio consolidato al 31/12/2010 ai sensi della Legge 59/92; Euro 5.000/00 per attività di organizzazione contabile; Euro 7.000/00 per l attività di revisione contabile limitata della situazione patrimoniale riferita al periodo 1 gennaio 31 luglio 2010; Euro /00 per lo svolgimento di altre prestazioni. Numero e valore azioni della società Il capitale consortile della Capogruppo è composto da quote variabili. Nel corso dell'esercizio 2010 sono state ammesse a socio due nuove cooperative mentre sono state escluse due cooperative e si è verificato un recesso. 167

58 Azioni di godimento, obbligazioni emesse dalla società ed altri titoli Il capitale sociale è suddiviso in quote variabili ed il Consorzio non ha emesso prestiti obbligazionari. Il Consorzio pertanto non ha emesso azioni di godimento e obbligazioni convertibili in azioni, né titoli o valori similari. Altri strumenti finanziari emessi dalla società Il Consorzio non ha emesso altri strumenti finanziari di cui al n. 19 del 1 comma dell'art del Codice Civile. Finanziamenti dei soci alla società Nel seguente prospetto sono indicati i finanziamenti dei soci al Consorzio. Si tratta di finanziamenti infruttiferi e senza clausola di postergazione rispetto agli altri creditori, erogati da alcuni soci per consentire al Consorzio di acquistare partecipazioni in società consortili e di progetto costituite per l'esecuzione di singoli lavori assegnati alle stesse cooperative socie. Descrizione Importo entro l'esercizio successivo Importo oltre l'esercizio successivo Importo totale Iter c/fondo spese Consorzio C.G.L , ,71 Mucafer c/fondo spese Consorzio C.G.L , ,71 C.M.B. c/consorzio Cavet , ,88 Iter c/sporting Asti S.S.D , ,00 Consorzio Etruria c/la Marina di Viareggio , ,14 Ciab c/tunnel Gest S.p.A , ,00 totale , ,44 di cui postergati Informazioni relative ai patrimoni destinati Si attesta che alla data di chiusura del bilancio non sussistono patrimoni destinati ad uno specifico affare di cui al n. 20 del 1 comma dell'art del Codice Civile. Informazioni relative ai finanziamenti destinati Si attesta che alla data di chiusura del bilancio non sussistono finanziamenti destinati ad uno specifico affare di cui al n. 21 del 1 comma dell'art del Codice Civile. Operazioni di locazione finanziaria La Capogruppo ha sottoscritto in data 06/12/2004 un contratto di locazione finanziaria immobiliare con la società P.I.CO. Leasing S.p.A. - Reggio Emilia della durata di anni dodici per un immobile ad uso uffici situato in Torino, Via Treviso n.12, che viene utilizzato per l'unità locale in Piemonte. Il contratto, che scade il 30/09/2017, ha decorrenza dal 03/10/2005, data in cui è stato consegnato l'immobile ultimato; il maxi-canone, addebitato dalla società di leasing al momento della stipula del contratto, è stato registrato nei risconti attivi diversi ed è stato girato nei costi 2010 sulla base della sua competenza economica in relazione al tempo. Nel prospetto che segue si forniscono informazioni relative a questa operazione di locazione finanziaria. Contratto di locazione finanziaria n. 204/0001AB del 6/12/04 immobile Torino via Treviso, 12 Costo storico Fondo ammortamento Valore iscrizione teorico Onere finanziario relativo all esercizio Ammortamento Valore attuale delle rate non scadute

59 Bilancio Consolidato 2010 Nota Integrativa Informazioni sugli strumenti finanziari emessi Il Gruppo non ha emesso strumenti finanziari. Informazioni relative al fair value degli strumenti finanziari derivati Ai sensi dell'art bis comma 1, punto 1) del Codice Civile si comunica che al 31 dicembre 2010 non sussistono strumenti finanziari derivati posti in essere dal Gruppo, né per essere utilizzati con finalità di copertura di perdite, né per essere utilizzati con finalità speculative. Rivalutazioni monetarie Nel successivo prospetto si precisa, ai sensi e per gli effetti dell'art.10 della legge 19 Marzo 1983, n. 72, così come anche richiamato dalle successive leggi di rivalutazione monetaria, per quali beni in patrimonio è stata eseguita rivalutazione monetaria e per quale ammontare. Sempre ai sensi dell'art. 10 di cui sopra si precisa, inoltre, che per i beni tuttora esistenti in patrimonio non si è mai derogato ai criteri legali di valutazione. Terreno Brindisi Rivalutazioni: Legge n. 72/ Costo storico beni rivalutati Situazione e movimentazioni delle azioni proprie Si precisa che il Gruppo, alla data di chiusura dell esercizio, non possedeva azioni proprie. Situazione e movimentazioni azioni o quote della controllante Ai sensi dell'art bis e art. 2428, comma 3 nn. 3 e 4 del Codice Civile, si precisa che il Consorzio non ha posseduto, nel corso dell'esercizio, azioni o quote di società controllante in quanto tale situazione non è applicabile alle società cooperative. Considerazioni finali Si ritiene che non ci siano ulteriori informazioni da fornire, oltre a quelle richieste da specifiche disposizioni di legge, al fine di dare una rappresentazione veritiera e corretta della situazione patrimoniale e finanziaria del Gruppo e del risultato economico dell'esercizio. Il presente bilancio, composto da Stato patrimoniale, Conto economico e Nota integrativa rappresenta in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria nonché il risultato economico dell'esercizio del Gruppo e corrisponde alle risultanze delle scritture contabili. 169

60

61 Relazione del Collegio Sindacale sul Bilancio Consolidato 2010

62

63 Bilancio Consolidato 2010 Relazione Collegio Sindacale Al Consiglio di Sorveglianza della Società Consorzio Cooperative Costruzioni CCC Società Cooperativa Signori Consiglieri, nell adempimento dei compiti imposti a questo Collegio, Vi formalizziamo le considerazioni che seguono. Il Collegio ha accertato: la correttezza delle modalità seguite nell individuazione dell area di consolidamento; l adeguatezza dell organizzazione presso la capogruppo per quanto riguarda l afflusso delle informazioni e le procedure di consolidamento; la rispondenza alla normativa vigente dei principi contabili così come dei criteri di valutazione adottati nella redazione del Bilancio consolidato; il rispetto dei principi di consolidamento relativamente all eliminazione dei proventi e degli oneri così come dei crediti e dei debiti reciproci relativi a società consolidate; il rispetto - relativamente alla relazione sulla gestione - delle previsioni contenute nell art. 40 del D.Lgs. 9 aprile 1991, n Sulla base dei controlli effettuati, il Collegio Sindacale ritiene che la relazione sulla gestione sia corretta e risulti coerente con il Bilancio consolidato. Il Collegio intende, inoltre, darvi atto di aver incontrato i rappresentanti della Società di Revisione Uniaudit S.p.a., e di avere ricevuto informazione che, dai controlli eseguiti sul Bilancio consolidato, non sono emerse anomalie, dati ed informazioni che debbano essere evidenziati nella relazione al Bilancio consolidato della società di Revisione. Ci hanno altresì informato circa l osservanza delle norme di Legge inerenti il processo di formazione e di impostazione del Bilancio consolidato così come della relazione sulla gestione e conseguentemente non abbiamo rilievi da segnalare nella presente relazione. Il Collegio infine prende atto e sottolinea quanto evidenziato nella relazione al bilancio consolidato al 31/12/2010 da parte della Società incaricata della revisione legale dei conti Uniaudit S.p.A. - in merito agli aspetti di loro competenza. In particolare ci si riferisce a quanto riportato al paragrafo n. 3 di detta relazione a titolo di eccezione di seguito esposto: «Nel bilancio consolidato al 31 dicembre 2010 sono iscritti, nella voce crediti verso clienti, crediti per lavori eseguiti in esercizi precedenti vantati nei confronti della società Pianimpianti S.p.A., per un importo pari a circa migliaia di Euro, che per buona parte risultano anticipati, a norma di regolamento consortile, alla Cooperativa Edile La Sicilia esecutrice del lavoro. I lavori eseguiti erano funzionali alle attività che la Pianimpianti S.p.A. doveva realizzare al fine della fornitura di un termovalorizzatore previsto nel c.d. Piano per l emergenza rifiuti in Sicilia, in seguito a specifici accordi sottoscritti con il consorzio di imprese appositamente creato dalle società affidatarie in regime di concessione. In seguito al pronunciamento della Corte di Giustizia Europea, che ha rilevato vizi procedurali nell affidamento in concessione, le precedenti concessioni sono state revocate e la società debitrice Pianimpianti S.p.A. non ha potuto effettuare gran parte dei pagamenti per le opere eseguite e regolarmente certificate. Nel corso del 2009 la Regione Sicilia ha indetto nuove gare, il cui bando prevedeva che l aggiudicatario dovesse riconoscere gli oneri sostenuti dal precedente concessionario, così garantendo, implicitamente, la recuperabilità del credito del Consorzio Ravennate Coop. P.L. Soc. Coop. p.a.. Tali gare sono andate deserte ed i bandi non sono più stati riproposti. Gli amministratori, certi del proprio diritto al risarcimento, al fine di tutelare le proprie ragioni di credito hanno promosso un azione legale nei confronti di tutte le imprese del consorzio concessionario in virtù della responsabilità solidale in capo alle società facenti parte di un raggruppamento, che si è conclusa in data 9 ottobre 2010 con l ottenimento, da parte del Tribunale di Ravenna, di un decreto ingiuntivo per migliaia di Euro, avente immediata esecutorietà nei confronti della sola Pianimpianti S.p.A.. Tutte le imprese ingiunte, ad eccezione di Pianimpianti S.p.A. hanno fatto opposizione al decreto ingiuntivo e le cause sono attualmente pendenti innanzi al Tribunale di Ravenna. Nel contempo, il Consorzio sta valutando l ipotesi d intervento volontario nella causa civile promossa presso il Tribunale di Milano dai componenti della Società di Progetto nei confronti della Regione Sicilia, finalizzata al riconoscimento dei danni conseguenti all interruzione della commessa, compreso il recupero dei corrispettivi delle opere già eseguite prima della risoluzione del rapporto concessorio. Pertanto allo stato attuale il recupero appare incerto e subordinato all esito positivo delle azioni a tutela delle ragioni di credito. Conseguentemente, in accordo con i principi di revisione di riferimento, non siamo in grado di esprimere 173

64 un giudizio in merito alla corretta valutazione del soprammenzionato credito pari a circa migliaia di Euro. e di quanto riportato al paragrafo n. 5 della medesima a titolo di richiamo di informativa di seguito esposto: a) la nota integrativa e la relazione sulla gestione descrivono i principali rischi a cui il Consorzio è esposto; in particolare gli amministratori informano: sull evoluzione della situazione in merito ai contenziosi di natura civile e penale promossi da Consorzio Mole in seguito alla revoca di alcuni lavori e dei relativi effetti contabili evidenziati nel bilancio d esercizio al 31 dicembre 2010; sui rischi relativi alla commessa C.A.V.E.T.». sui rischi connessi all esito della verifica fiscale generale per il periodo d imposta 2007, per la quale è stato emesso un Processo Verbale di Constatazione di data 29 ottobre 2010 e sui rischi legati alla verifica fiscale per il periodo d imposta 2006 e 2007 avviata dalla Guardia di Finanza, nei primi mesi dell esercizio 2011, a conclusione della quale è stato emesso un Processo Verbale di Constatazione in data 18 maggio b) In data 23 marzo 2011 l assemblea dei soci del Consorzio ha deliberato la fusione per incorporazione con il Consorzio Cooperative Costruzioni CCC Società cooperativa. Il collegio sindacale, esaminati i criteri applicati nella redazione del bilancio e verificata l area di consolidamento, tenuto conto anche delle risultanze dell attività svolta dal soggetto incaricato della revisione legale dei conti, che pur in presenza di una incertezza espressa al paragrafo n. 3 della propria relazione ha comunque emesso il giudizio sul bilancio al 31/12/2010, ritiene che il Bilancio consolidato, esprima in modo corretto la situazione patrimoniale, finanziaria ed il risultato economico del gruppo per l esercizio chiuso al 31 dicembre Ravenna, 27 maggio 2011 Il Collegio Sindacale Zoffoli Stefano Berini Augusto Sabbatini Mauro 174

65 Certificazione del Bilancio Consolidato 2010

66

67

68

69

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Pratica: 1266018 Evasione: 2 giorni Fonti Banche dati Camere di Commercio Italiane Banche dati Atti Pregiudizievoli di Conservatoria Controllo operatori Reports Aggiornamento

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Sezione IX Del bilancio Art. 2423. Redazione del bilancio. Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Documento N. 23 della Commissione per la Statuizione dei Principi Contabili SOMMARIO: SCOPO E CONTENUTO DI QUESTO DOCUMENTO. LA CONTABILIZZAZIONE DEI LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI OIC 16: Immobilizzazioni materiali OIC 24: Immobilizzazioni immateriali OIC 9: Svalutazioni per perdite

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli