Camera di Commercio Italo-Araba

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Camera di Commercio Italo-Araba"

Transcript

1

2 Camera di Commercio Italo-Araba Creata nel 1972 per iniziativa congiunta dell Unione Generale delle Camere di commercio e industria dei paesi arabi e del mondo economico italiano, la Camera di Commercio Italo-Araba è una associazione senza scopo di lucro che si fonda sulla completa parità tra le due parti e ha la finalità principale di promuovere la cooperazione economica e le relazioni commerciali con i paesi arabi. La Camera è l unico organismo italiano ufficialmente riconosciuto e partecipato dalla Lega degli Stati Arabi e da tutti i paesi ad essa aderenti: ALGERIA, ARABIA SAUDITA, BAHREIN, COMORE, EGITTO, EMIRATI ARABI UNITI, GIBUTI, GIORDANIA, IRAQ, KUWAIT, LIBANO, LIBIA, MAROCCO, MAURITANIA, OMAN, PALESTINA, QATAR, SIRIA, SOMALIA, SUDAN, TUNISIA, YEMEN. Il Consiglio dei ministri economici degli stati arabi ha conferito alla Camera una delega esclusiva per la vidimazione dei documenti di accompagnamento delle esportazioni italiane in tutti i paesi ove essa è richiesta. L Unione generale e le Federazioni delle Camere di commercio dei paesi arabi partecipano al Consiglio di Amministrazione e intrattengono rapporti di collaborazione istituzionale con la Camera. In Italia, la Camera collabora con i Ministeri degli Affari Esteri e dello Sviluppo Economico, con ICE, Simest, Invitalia, Confindustria (e le altre associazioni di categoria) e con il sistema delle Camere di commercio. Alla Camera sono associate grandi imprese, del settore pubblico e privato, medie e piccole aziende, banche, Camere di commercio, enti e associazioni. Il sito web offre informazioni e banche dati, soprattutto orientate a favorire i contatti e lo sviluppo dell interscambio e della cooperazione economica tra l Italia e i Paesi arabi. Le attività della Camera e i servizi ai soci si fondano su un ampio quadro informativo gestito dal centro di documentazione e sulle relazioni con il mondo economico dei paesi arabi, curate attraverso le loro Camere di commercio ed istituzioni, oltre che mediante referenti diretti. CENTRO DI DOCUMENTAZIONE Per ogni paese arabo vengono costantemente aggiornate ed elaborate informazioni relative a: Ordinamento dello Stato, quadro politico e sociale Politica economica, bilancio dello Stato, bilancia dei pagamenti, privatizzazioni Struttura produttiva: risorse minerarie, agricoltura, industria manifatturiera e suoi principali comparti, costruzioni, elettricità, acqua, commercio, turismo, telecomunicazioni e trasporti, settore finanziario Commercio con l estero (composizione, destinazione e provenienza delle merci) Interscambio con l Italia Rischio paese, assicurazione del credito, finanziamenti Disciplina del commercio estero e interno (rapporti di agenzia e distribuzione, sponsorship, normative tecniche, dazi, dogane, imposte, proprietà intellettuale, marchi, brevetti) Normativa sugli investimenti, normativa societaria, normativa tributaria, normativa del lavoro. RELAZIONI NEI PAESI ARABI La presenza della Camera nei paesi arabi si basa sulla rete di rapporti istituzionali con l Unioncamere araba e con le Camere di commercio e industria di ciascuno di essi, cui si affianca l attività dei 22 consiglieri di amministrazione di parte araba e dei consulenti in loco, che collaborano alle diverse attività di promozione dell esportazione di prodotti, lavori e servizi e alla creazione di società miste. ACCORDI DI COLLABORAZIONE Oltre a quelli con le Camere di commercio arabe, al Forum d affari italo-algerino (gestito dalla Camera per incarico del Governo italiano) e ai joint business council costituiti, si segnalano gli accordi con SIMEST e INVITALIA. L accordo con Simest si propone di diffondere presso la realtà imprenditoriale italiana e dei paesi arabi sia le opportunità derivanti dall attività di Simest che i servizi di assistenza e orientamento sui mercati arabi offerti dalla Camera, fondandosi su un metodo di lavoro condiviso per l individuazione di iniziative progettuali di aziende italiane che possono avvalersi della comune assistenza e dei finanziamenti erogati da Simest. L accordo con Invitalia prevede una cooperazione per la promozione dello sviluppo industriale, in particolare delle regioni del Mezzogiorno, attivando finanziamenti dai paesi arabi.

3 SERVIZI AI SOCI Orientamento ai mercati arabi Analisi dei mercati e valutazione delle opportunità di export dei diversi prodotti/servizi Approccio al singolo mercato Assistenza alla strategia di internazionalizzazione dell azienda Informazione su finanziamenti e agevolazioni, italiane e locali, relative all export, alla promozione commerciale e agli investimenti diretti Incontri tematici e aggiornamenti su evoluzione dei mercati, congiuntura, previsioni economiche, piani di sviluppo, opportunità, criticità, normative, usi del commercio. Promozione commerciale Missioni nei paesi arabi Organizzate con il concorso delle Camere di commercio arabe e con consulenti del paese, esse prevedono contatti con le Amministrazioni e con gli imprenditori locali, realizzati mediante incontri B to B e visite aziendali, definiti preventivamente in base alle richieste delle aziende italiane partecipanti. Le missioni sono normalmente multisettoriali. Missioni di settore o area sono organizzate su richiesta di associazioni imprenditoriali, Camere di commercio, consorzi, distretti industriali o nell ambito di programmi regionali di internazionalizzazione. La Camera può organizzare incontri programmati con operatori esteri preventivamente selezionati anche per singole imprese. Delegazioni di operatori economici arabi Sono organizzate dalla Camera su richiesta delle Camere di commercio arabe o di organizzazioni italiane, in questo secondo caso, con accurata selezione degli operatori arabi. Per le delegazioni sono normalmente previsti incontri diretti tra operatori, visite alle aziende italiane e a fiere specializzate. Fiere Organizzazione della partecipazione alle fiere arabe, con agevolazioni sui costi e programmazione di workshop e di eventi collaterali. Organizzazione della partecipazione di imprenditori arabi alle fiere italiane con modalità analoghe. Assistenza operativa Segnalazione di esportatori italiani mediante il Portale delle aziende italiane che esportano nei paesi arabi ( nominativi) pubblicato nel sito web della Camera e diffuso attraverso i siti delle CCI arabe. Il Portale, consultabile in quattro lingue, permette un agevole ricerca dei prodotti e dei produttori italiani, di cui può ospitare pubblicità e cataloghi. corrispondendo alle molteplici richieste che le pervengono da società arabe, la Camera fornisce elenchi di produttori italiani. Segnalazione di importatori arabi e creazione di contatti Mediante la propria banca dati (oltre aziende classificate per settore di attività) e i repertori delle CCI arabe, la Camera fornisce elenchi ragionati di importatori e provvede a stabilire contatti tra le due parti. Segnalazione di richieste merci Richieste commerciali dei paesi arabi sono inviate settimanalmente ai soci. Servizi commerciali Ricerche di mercato, campagne promozionali, organizzazione di convegni e fiere sono effettuate al costo in relazione alle disponibilità operative. Pubblicazioni periodiche Paesi arabi, notizie economiche e commerciali mensile di aggiornamento sull evoluzione dell economia, della legislazione, dei programmi di investimento e dei progetti. Mercati arabi settimanale con annunci di aste, appalti e richieste di merci e collaborazioni. Al Dalil bimestrale in lingua araba. Altre pubblicazioni Profili paese monografie di ciascun paese arabo ( pagg.), con organica trattazione degli aspetti rilevanti per gli esportatori e gli investitori italiani. Guida agli investimenti esteri Guida all esportazione Banca e finanza islamica Annuario Vidimazione documenti I Soci beneficiano di una tariffa preferenziale per la vidimazione dei documenti di accompagnamento delle esportazioni nei paesi arabi. Tale attività viene svolta in Italia, per delega della Lega degli Stati Arabi, unicamente dalla Camera di commercio Italo- Araba che vi provvede con due sportelli aperti dal lunedì al venerdì: Roma, via Monti Parioli 48, ore Milano, via F. De Lemene 24, ore 9-13 e

4 Il mercato dei Paesi arabi I Paesi arabi sono il primo partner extracomunitario dell Italia. Negli ultimi dieci anni il commercio e, in particolare, le esportazioni italiane segnano un aumento forte e progressivo, molto superiore a quello ottenuto nelle altre aree del mondo. L indice di specializzazione dell Italia verso i Paesi arabi è in assoluto il più elevato; a titolo d esempio, esso è quadruplo di quello della Germania, primo esportatore mondiale. Le ragioni dello sviluppo dell interscambio sono molteplici, ma certamente interdipendenza, caratteristiche del mercato e prossimità geografica sono alla base del successo raggiunto da molte PMI italiane. L analisi comparata delle importazioni per prodotto dei diversi paesi arabi e delle prestazioni della concorrenza estera dimostra tuttavia l esistenza di ampi spazi scoperti e, dunque, di crescita, ottenibile attraverso un azione di marketing meno casuale, fondata su una migliore conoscenza della domanda, delle regole interne e degli operatori locali. A questo scopo la Camera ha messo a punto Un nuovo strumento per i soci Esso affianca a una banca dati sulle importazioni dei paesi arabi un programma di gestione utile a individuare le opportunità di sviluppo dell export di ciascun prodotto in ciascun paese arabo e, quindi, utile ad orientare correttamente le scelte di marketing dell impresa. La banca dati, ripartita in 99 capitoli e in sottocapitoli, considera per ciascuno di essi e per un periodo di 5 anni, le importazioni in valore effettuate da ogni paese arabo indicando le quote dei primi 15 fornitori internazionali. Il programma di gestione, attraverso un complesso di elaborazioni (serie storiche, medie mobili, serie relative ad aggregazioni geografiche, confronti e scostamenti di flussi e provenienze delle importazioni, forme, tendenza e dinamica del mercato, tipologia dei fornitori, specializzazione e concorrenzialità), definisce alcuni indicatori sintetici in base ai quali orientare più correttamente le scelte da parte dell imprenditore. Evoluzione del mercato La creazione di nuovi flussi, ma anche il mantenimento e rafforzamento degli attuali, richiede un attento e reale adeguamento all evoluzione dei singoli mercati arabi, dove molte opportunità derivano dalla progressiva sostituzione delle importazioni con produzioni locali. Partecipare a questo processo mediante investimenti diretti rappresenta la prospettiva più interessante, non solo in termini di acquisizione di maggiori quote di mercato, ma anche di parallelo sviluppo delle esportazioni dall Italia (marchi, brevetti, design, tecnologia e suo rinnovo, management, servizi, semilavorati, etc.). Non cogliere questa opportunità, che i paesi concorrenti perseguono attivamente, comporterebbe in una prospettiva non lontana una nostra inevitabile marginalizzazione. E peraltro evidente come la piccola impresa incontri al riguardo una difficoltà rilevante, in particolare per quanto attiene a finanziamento e garanzie correlate. Per superare il problema la Camera ha predisposto uno schema di Incrocio di partecipazioni Il modello, schematicamente illustrato nell immagine è stato presentato con successo in alcuni paesi arabi. E stato inserito nel verbale dell ultima Commissione mista Italo-Saudita. Con Simest è in corso la promozione di un fondo di investimento arabo ad hoc. nuovi strumenti nuove opportunità

5 Camera di Commercio Italo-Araba Estratto dallo Statuto ART. 1 (costituzione) E costituita una associazione senza fini di lucro, retta dal presente Statuto e dalle norme vigenti in Italia. ART. 3 (finalità) La CAMERA DI COMMERCIO ITALO ARABA ha per fine di consolidare ed accrescere la conoscenza e l amicizia e di favorire e sviluppare le relazioni economiche tra l Italia e i Paesi Arabi. Per conseguire tale obiettivo la Camera può: a) Intraprendere, organizzare, patrocinare e favorire ogni attività di carattere culturale, sociale e scientifico, volta ad approfondire la conoscenza reciproca e a stabilire legami di amicizia tra l Italia e i Paesi Arabi. b) Organizzare riunioni, conferenze e altre manifestazioni; promuovere studi e ricerche di mercato; stimolare la partecipazione degli operatori economici a fiere ed esposizioni; organizzare missioni di operatori da e per i Paesi Arabi; e sviluppare ogni altra azione tesa a incrementare le relazioni economiche italo arabe, a diffondere la conoscenza reciproca delle caratteristiche dei settori industriale, agricolo, commerciale e turistico, a favorire il trasferimento di tecnologie e lo scambio di beni e servizi, a promuovere la costituzione di società miste. c) Sottoporre alle autorità competenti e, in particolare, alle Autorità diplomatiche e consolari dei paesi interessati iniziative che possano favorire lo sviluppo delle relazioni economiche tra l Italia e ciascun Paese Arabo. d) Estendere ogni possibile assistenza per la definizione di controversie tra soggetti italiani ed arabi, in particolare nell ambito del Sistema di Conciliazione, Arbitrato e Perizia delle Camere di Commercio Euro Arabe. e) Partecipare all attività comune delle Camere di Commercio Euro Arabe, predisponendo, in particolare, il servizio di verifica sui documenti relativi all interscambio italo-arabo in base alla delega espressa dalle Autorità Arabe competenti. f) Creare un centro di documentazione che possa rilevare e diffondere le leggi e i regolamenti in vigore in Italia e nei Paesi Arabi e tutti i dati e le notizie, in particolare di carattere economico, finanziario e commerciale, che abbiano riferimento con lo scopo della Camera. g) Promuovere iniziative editoriali per la pubblicazione di periodici, monografie, annuari della Camera o relativi alle relazioni italo arabe. h) Compiere ogni altra attività che gli Organi sociali considerino utile ed opportuna ovvero strumentale al perseguimento delle finalità e allo sviluppo dell Associazione. ART. 6 (soci ordinari) Può essere socio della Camera ogni società, istituzione e persona fisica o giuridica che abbia sede o residenza in Italia o in un Paese Arabo. La qualità di socio si acquisisce con l accettazione della domanda di ammissione da parte del Consiglio, che decide insindacabilmente e senza obbligo di motivazione. Il Presidente ed il Segretario Generale, congiuntamente ed in via provvisoria, possono ammettere a partecipare alla Camera e così a fruire delle attività e dei servizi di questa, nonché ad esercitare tutti i diritti degli associati, chi ne abbia fatto richiesta ed abbia nazionalità italiana o araba. Tale ammissione è soggetta a ratifica del Consiglio da deliberare nella prima riunione successiva. ART. 10 (organi sociali) Sono organi dell Associazione: l Assemblea dei Soci, il Consiglio di Amministrazione, l Ufficio di Presidenza, il Presidente, il Segretario Generale, il Comitato di Controllo amministrativo. ART. 19 (formazione del consiglio di amministrazione) La Camera di Commercio è amministrata da un Consiglio di Amministrazione paritetico che è composto da componenti metà di nazionalità italiana e metà di nazionalità araba, in numero compreso fra trenta e cinquanta, determinato dall Assemblea su proposta del Consiglio uscente. Il Consiglio dura in carica quattro anni. I componenti del Consiglio possono essere rieletti. Essi decadono automaticamente dalla carica ove non partecipino, direttamente o per delega, a tre riunioni consecutive del Consiglio. I componenti del Consiglio sono persone fisiche anche non socie, proposte dagli associati ed elette dall Assemblea per l intera durata del Consiglio. Per associarsi alla Camera Il modulo di domanda è ottenibile attraverso il sito web o richiedendolo alla Camera Camera di Commercio Italo-Araba Via dei Monti Parioli Roma Tel Fax Sito web:

6

7 Promozione di prodotti, servizi, tecnologie Individuazione/selezione dei mercati Analisi e ricerche di mercato, fattibilità tecnico-economica Strutturazione del servizio export Funzione commerciale estera (outsourcing) Individuazione clienti e partner, selezione agenti e sponsor Accordi commerciali, reti di vendita, franchising Società di servizi della Camera di Commercio Italo-Araba North Africa and Middle East consulting s.r.l. è stata costituita dalla Camera di Commercio Italo-Araba per affiancare alle proprie attività d istituto una capacità operativa, specializzata e individualizzata per la singola impresa che intende esportare e investire nei Paesi Arabi. Alla funzionalità ed efficacia di NAME consulting, che si avvale di un ampia rete commerciale e di consulenti specializzati, concorre l estesa rete di relazioni della Camera di Commercio Italo- Araba, unitamente a specifici accordi di collaborazione con SIMEST, INVITALIA, banche ed organizzazioni arabe e italiane. La struttura di NAME, articolata nelle Regioni italiane e nei principali mercati arabi, corrisponde a una pluralità di esigenze della piccola, media e grande impresa: Investimenti diretti esteri, joint venture Contratti, schemi BOT, BOO, BOOT Valutazione e copertura del rischio Strutturazione e ottimizzazione della finanza di progetto Cessione di aziende, o di quote di aziende, italiane a investitori arabi Consulenza amministrativa e legale nei paesi arabi Dalla selezione dei mercati più ricettivi alla definizione di una strategia di marketing che ottimizzi il rapporto costi/benefici, dalla programmazione alla realizzazione dell azione imprenditoriale, dal reperimento di clienti e partner alla creazione di accordi, reti di vendita, joint-venture, dalla consulenza e assistenza legale, amministrativa e contrattuale all accesso alle facilitazioni e al montaggio finanziario, NAME consulting, attraverso la propria rete commerciale e i propri esperti e consulenti nei paesi arabi e in Italia, mette a disposizione delle imprese un servizio personalizzato per le diverse esigenze.

8 SERVIZI ALLE IMPRESE Orientamento all export Valutazione del potenziale di esportazione dei prodotti / servizi dell impresa e definizione di un primo orientamento dell attività di export in relazione a obiettivi e potenzialità aziendali. Individuazione dei mercati di esportazione più ricettivi in base a un analisi comparata delle importazioni del/i prodotto/i da parte di ciascun paese arabo, alla specializzazione dell Italia, alla tipologia della concorrenza e alla forma del mercato. Analisi di mercato e di settore più specifiche e approfondite per il lancio di prodotti su larga scala e per progetti che prevedano investimenti consistenti. Commercio Identificazione e segnalazione di opportunità di affari di interesse delle aziende da parte della rete commerciale di NAME consulting nei paesi arabi attraverso il collegamento con i buyer e tramite il servizio aste, appalti e richieste merci. Promozione di prodotti/servizi, tecnologie dell azienda, mediante eventi, campagne pubblicitarie, presentazione a organizzazioni e gruppi di clienti potenziali, presenza sui media, partecipazione a fiere specializzate. Ricerca di agenti e partner locali selezionati in base ad affidabilità, capacità, specializzazione settoriale. Creazione di reti vendita sia dirette che attraverso mandati di agenzia, accordi con operatori e reti esistenti, contratti di franchising. Reperimento di clienti pubblici e privati attraverso l attivazione della rete commerciale di NAME consulting e mediante azioni promozionali specifiche. Reperimento di fornitori dei paesi arabi di materie prime, semilavorati, prodotti di interesse dell azienda italiana. Servizio integrale per le PMI Assistenza completa alla piccola impresa con outsourcing di tutte o parte delle funzioni di Ufficio estero (prospezione, promozione commerciale, negoziazione, ordini, contratti, facilitazioni, finanziamenti, assicurazione, certificazioni, pratiche doganali, trasporti, etc.) o affiancamento temporaneo e formazione di quadri. Lavori Individuazione di richieste e di opportunità attraverso la rete commerciale, i partner di NAME consulting, il monitoraggio dei programmi pubblici e degli avvisi di prequalificazione e di gara. Assistenza nella partecipazione ad appalti con supporti informativi, tecnici, normativi, procedurali. Reperimento di partner per la partecipazione a tender aperti alla concorrenza internazionale. Definizione di accordi con imprese locali per appalti ad esse riservati e per contratti di subappalto. Investimenti diretti e joint venture Analisi comparata per la scelta del mercato di destinazione ricerche di mercato e di settore, costo dei fattori di produzione, business plan, fattibilità tecnico-economica. Segnalazione di richieste e opportunità rilevate dalle reti commerciali della Camera e di Name nei 22 paesi arabi. Ricerca e selezione di partner locali e di investitori interessati ad acquisire quote di partecipazione nell impresa italiana. Ricerca di investitori di paesi arabi per investimenti diretti, acquisizione di aziende, partnership. Negoziazione e contrattualistica Assistenza alla trattativa commerciale con apporto dei necessari supporti informativi e di esperti qualificati. Predisposizione di contratti per fornitura di beni e servizi, mandati di agenzia, cessione di know-how, marchi e licenze, accordi di franchising, formazione di società miste, crossinvestment, schemi BOO, BOT, BOOT, etc., con professionisti di elevata qualificazione e specifica conoscenza ed esperienza sia tematica che della normativa locale.

9 NAME consulting Risk assessment Analisi del rischio paese e del rischio connesso allo specifico progetto. Informazioni commerciali relative all affidabilità di partner, clienti, agenti, sponsor. Agevolazioni, finanziamenti, assicurazioni Individuazione e accesso alle agevolazioni disponibili in Italia (partecipazione al capitale in imprese italiane all estero, fondi di venture capital, finanziamento di studi di fattibilità, programmi di penetrazione commerciale, partecipazione a gare internazionali), nei singoli paesi arabi e presso organizzazioni arabe ed internazionali. Montaggio finanziario strutturazione e ottimizzazione della finanza di progetto, del finanziamento di investimenti diretti esteri, del credito all export. Assicurazioni consulenza e assistenza per l individuazione e l ottenimento della copertura assicurativa più vantaggiosa delle diverse attività internazionali. ALTRE ATTIVITA NAME consulting svolge inoltre una serie di attività e servizi destinati ad enti, organizzazioni, agenzie pubbliche italiane e dei paesi arabi. Camera di Commercio Italo-Araba Via dei Monti Parioli, Roma Tel.: Fax: Sito web: NAME consulting Via dei Monti Parioli, Roma Tel.: Sito web:

10

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso. n. 2/2012. ABC dell import-export

UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso. n. 2/2012. ABC dell import-export UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso n. 2/2012 ABC dell import-export Unioncamere Piemonte Alps - Enterprise Europe Network Via Cavour, 17 10123 Torino 011 5669222-34 011 5119144 www.pie.camcom.it alps-europa@pie.camcom.it

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli