Proprietà e controllo: dual class, patti parasociali e gruppi piramidali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Proprietà e controllo: dual class, patti parasociali e gruppi piramidali"

Transcript

1 Carmelo Intrisano FINANZA CONDIZIONATA E TEORIA DEL VALORE Volume XIV Proprietà e controllo: dual class, patti parasociali e gruppi piramidali Un analisi sulle società italiane quotate in borsa

2 Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: dicembre 2009

3 A mia figlia Giulia

4

5 Indice Presentazione... 9 Introduzione Proprietà e controllo Premessa Proprietà e controllo nella letteratura Valore, proprietà, controllo e contendibilità Metodi di stima del controllo Il trasferimento del controllo La struttura proprietaria delle società quotate italiane Appendice Bibliografia Il modello dual class Premessa La letteratura Modello di Grossman e Hart Le leve nelle società dual class Il modello dual class nelle società quotate italiane Appendice Bibliografia I patti parasociali Premessa La letteratura

6 Indice 3.3. I patti parasociali nelle società quotate italiane Appendice Appendice Bibliografia Il modello piramidale Premessa La letteratura I gruppi societari La leva azionaria I gruppi piramidali nel mercato azionario italiano Appendice Appendice Bibliografia

7 Presentazione In coerenza con suoi precedenti studi di Market Finance, e con riferimento concreto al periodo , l Autore pone all attenzione della comunità scientifica un interessante saggio sul rapporto tra proprietà e controllo nelle società italiane quotate, con particolare riguardo al modello dual class, alle situazioni nascenti da patti parasociali ed all esistenza di gruppi piramidali. Il lavoro si articola in quattro parti: - la prima affronta il tema della proprietà e del controllo nell ottica aziendale del valore e della contendibilità, analizza la problematica del potere societario, del trasferimento del controllo e fornisce infine una visione della struttura proprietaria delle imprese italiane quotate; - la seconda sviluppa un attenta analisi del modello dual class, sulla base di un ampia disamina della letteratura sull argomento, con particolare riguardo alla concezione competitiva di Grossman e Hart basata sul rapporto tra voting rights e cash flow rights, in tutte le diverse classi di azioni, e sul conflitto tra il management in carica (incumbent) e quello potenzialmente alternativo (rival); con riferimento alla leva di potere nelle società dual class, pari al prodotto tra quella generata dalla quota di controllo e quella originata dalle azioni prive di diritto di voto, si nota che l importo di capitale controllato per unità di capitale investito diminuisce all aumentare della quota di controllo ed al diminuire dell incidenza delle azioni prive di voto; infine, sulla base del verificarsi di almeno una delle tre modalità di separazione tra proprietà e controllo (gruppi piramidali, patti parasociali e azioni prive del diritto di voto), si rileva come in Italia il fenomeno, già considerevole in passato, sia oggi notevolmente ridimensionato, sia per la maggiore tutela legale delle minoranze azionarie che per il mutato comportamento degli azionisti di comando; - la terza parte è dedicata ai patti parasociali, visti nel rilievo che assumono in letteratura ed osservati poi nel contesto delle società 9

8 Presentazione - italiane quotate, che sembrano ricorrere tanto più a tali accordi quanto maggiore risulti la loro capitalizzazione borsistica; - la quarta parte, occupandosi dei gruppi piramidali, li studia nel quadro della dottrina e nella realtà del mercato dei capitali italiano, mostrando come il fenomeno sia andato diminuendo di oltre 1/3; di particolare interesse è il paragrafo relativo alla leva azionaria, quale meccanismo di espansione del capitale di controllo nei gruppi piramidali. Il lavoro, condotto con dovizia di rilevazioni empiriche, risulta anche fortemente integrato ai principali apporti della letteratura finanziaria internazionale ed opportunamente arricchito di contributi originali, sia sul piano della sistemazione teorica che sotto l aspetto d una migliore classificazione dei fenomeni e delle fattispecie osservate. Esso si colloca, dunque, tra i contributi italiani più stimolanti in materia di proprietà e controllo. FRANCESCO COLOMBI Ordinario di Finanza Aziendale nell Università La Sapienza di Roma 10

9 Introduzione Negli ultimi anni il mito della creazione di valore per gli azionisti, che per decenni ha ispirato pagine e pagine di ricerca in campo economico, sembra sempre di più soccombere, soprattutto nelle società quotate, alla prassi ampiamente diffusa della creazione di valore per il singolo azionista. La dicotomia non riguarda più tanto il rapporto tra l insieme degli shareholders, da una parte, e l insieme degli stakeholders, dall altra, ma piuttosto attiene alla relazione tra la proprietà nel suo complesso e l azionista che, esasperando la dissociazione fra voting rights e cash flow rights, arriva ad assumere il pieno controllo della società. Per alcuni versi, ciò può essere inteso come la dimostrazione più chiara ed evidente del rapido processo di deterioramento che sta interessando già da alcuni anni il capitalismo moderno, con azionisti che legano la loro posizione di comando non già al capitale investito ma alla loro capacità di sfruttare il più possibile il capitale di altri azionisti, limitare l impegno finanziario associato al controllo e mantenere inalterati i benefici privati estraibili dalle società. A sua volta, la possibilità di assumere il controllo con un impegno di risorse non proporzionato può spingere l azionista di controllo verso scelte strategiche poco orientate al valore, poiché comportanti rischi eccessivi rispetto a quelli derivanti dalla normale gestione d impresa. In effetti, il semplice fatto di non subire le conseguenze delle proprie scelte, in quanto trasferite ad altri soggetti, come appunto gli azionisti di minoranza, può indurre l azionista di maggioranza a decisioni non pesate per il rischio. Questa possibilità cresce in presenza di patti parasociali, azioni prive del diritto di voto e piramidi societarie, nel qual caso la dissociazione fra proprietà e controllo giunge spesso ad un livello tale da alimentare vere e proprie forme di tunneling e di espropriazione degli azionisti di minoranza. Azioni prive del diritto di voto, patti parasociali e strutture piramidali, sono, infatti, gli strumenti più adatti che gli azionisti hanno a 11

10 Introduzione disposizione per separare i diritti di voto dai diritti patrimoniali, rafforzando il potere decisionale e di controllo nelle mani di pochi, a nocumento degli interessi della moltitudine di investitori che diventano, di fatto, titolari soltanto di un diritto formale di voto, non in grado di incidere sul reale governo societario. Detti strumenti, consentendo agli azionisti maggiori di assurgere alla posizione di comando, pur detenendo quote contenute di partecipazione al capitale sociale, limita il fabbisogno di equity e relega, così, il mercato azionario ad un ruolo marginale nel finanziamento delle imprese. Il mercato azionario viene, quindi, visto, non come opzione per ottimizzare la struttura finanziaria dell impresa, ma come opportunità per accedere agli strumenti di separazione fra proprietà e controllo, in quanto più tipici delle società listed. Nel nostro paese, il fenomeno ha raggiunto, soprattutto nel passato, livelli straordinariamente intensi, con la maggior parte delle imprese contraddistinta da assetti proprietari concentrati e da un particolare ricorso alle diverse modalità di dissociazione del control dall ownership. Da qui l idea di dedicare il presente lavoro all analisi delle tre distinte modalità di separazione, rappresentate, come detto, dalla struttura azionaria dual class, dalla catena piramidale e dai patti parasociali, indagandone l intensità assunta nelle società italiane. A riguardo, la ricerca ha dimostrato valori particolarmente elevati sia della leva sul controllo che della leva sui diritti di voto, ovviamente più consistenti nelle piramidi societarie, soprattutto quando sono presenti nel gruppo anche strutture azionarie dual class e patti parasociali che moltiplicano l effetto proprio delle partecipazioni a cascata. I risultati raggiunti evidenziano, inoltre, che l intensità delle leve è più alta nelle società a maggiore capitalizzazione, a prescindere dalla modalità impiegata per separare i diritti di voto dai diritti patrimoniali. E indubbio, infatti, che quando l impegno finanziario associato al controllo raggiunge, a causa delle dimensioni aziendali, livelli consistenti, cresce anche il grado di attrattività esercitato nei confronti dell azionista di comando da parte dei diversi strumenti in grado di ottimizzare il rapporto diritti di voto/capitale investito. Il lavoro è articolato in quattro capitoli. 12

11 Introduzione Il primo, contenente tra l altro l analisi dei principali contributi forniti in letteratura, assume una valenza introduttiva, volta ad inquadrare la disproporzionalità fra cash flow rights e voting rights nell ambito del tema generale inerente la relazione fra proprietà e controllo, considerate anche le implicazioni sotto il profilo della contendibilità e del potere di voto degli azionisti. I successivi tre capitoli sviluppano più propriamente l oggetto del lavoro, analizzando distintamente le tre modalità di separazione tra diritti di voto e diritti patrimoniali, previa rassegna della letteratura di riferimento. Per ciascuna modalità, così come per la dinamica della struttura proprietaria contenuta nel primo capitolo, si è proceduto con apposita indagine sull universo delle società quotate italiane, impiegando le metodologie maggiormente condivise in dottrina ed opportunamente adattate, in modo da addivenire ad un quadro di insieme delle reali manifestazioni del fenomeno. La scelta del periodo è caduta sull arco temporale tra il 1999 ed il 2007, onde basare la ricerca su un quadro di riferimento il più possibile omogeneo sotto il profilo legislativo e normativo, considerato che l adozione del testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria (D.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58) ha, come noto, profondamente innovato le regole di governo delle società quotate, introducendo modifiche alla disciplina sulle offerte pubbliche di acquisto ed appositi vincoli di informazione e trasparenza, nell ottica di un miglioramento nella tutela delle minoranze. In particolare: il secondo capitolo è dedicato al modello dual class, in quanto forma di struttura azionaria che consente all azionista di maggioranza di rafforzare la posizione di controllo, mantenendo inalterata la partecipazione al capitale votante della società; il terzo sposta l attenzione sui patti parasociali, rappresentando lo strumento con cui multiple shareholders riescono ad acquisire e mantenere, generalmente in maniera condivisa, il controllo societario; il quarto, infine, prende in esame il modello piramidale, poiché forma di dissociazione tra proprietà e controllo particolarmente lesiva degli azionisti di minoranza, soprattutto quando la catena piramidale è concepita dall azionista di comando non per ottimizzare il valore del gruppo aziendale, ma per minimizzare, come detto, l impegno 13

12 Introduzione finanziario legato al controllo ed estrarre benefici privati di particolare rilevanza. 14

13 1. Proprietà e controllo 1.1. Premessa A differenza degli altri stakeholders aziendali, gli azionisti, detentori della proprietà del capitale di rischio, sono esposti all alea della gestione, poiché si rendono disponibili ad essere remunerati in maniera residuale e si spossessano, così, di qualsiasi diritto sul capitale, che viene trasferito nella piena utilizzabilità da parte dell azienda. Trattasi di una condizione di particolare sfavore, rispetto agli altri fornitori di fattori produttivi, compensata dalla specifica riserva riconosciuta nel governo economico dell impresa e nell assunzione delle decisioni funzionali a tale governo. Tuttavia, il controllo è soltanto formalmente di spettanza della proprietà nel suo insieme poiché di fatto viene esercitato dagli azionisti che, in base alle regole deliberative della società, sono in grado di prendere le decisioni anche per conto degli altri componenti della compagine proprietaria. Da qui la separazione che nelle società ad azionariato concentrato si configura fra il capitale di controllo, da cui dipende il governo societario ed il capitale controllato, praticamente escluso dal processo decisionale della società. A differenza, quindi, delle public companies, in cui la separazione fra proprietà e controllo è strettamente connessa alla contrapposizione tra azionisti e management, nelle altre forme proprietarie, più vicine alla realtà delle società quotate italiane, la dicotomia fra il soggetto che detiene la proprietà dell impresa e chi effettivamente esercita il controllo interessa esclusivamente gli azionisti. Da una parte, infatti, gli insiders, in ragione della partecipazione detenuta, e/o delle diverse forme di dissociazione fra diritti di voto e diritti patrimoniali presenti nella struttura azionaria, precostituiscono la maggioranza assembleare richiesta per le decisioni societarie; 15

14 Capitolo 1 dall altra gli outsiders, non essendo nella condizione di esprimere maggioranze alternative, sono chiamati semplicemente a subire le conseguenze o a godere dei benefici di tali scelte. Sennonché le decisioni prese dagli insiders rischiano talvolta di andare in direzione opposta all efficienza e al valore aziendale, stante il maggior incentivo degli azionisti di comando a perseguire benefici privati piuttosto che benefici pubblici da condividere con gli azionisti di minoranza Proprietà e controllo nella letteratura La prima trattazione ed indagine sulla relazione proprietà-controllo risale a Berle e Means (1932) che, nel lavoro The modern corporation and private property, dopo avere analizzato, sotto il profilo giuridico ed economico, il sistema societario americano, giungono alla constatazione di una separazione tra proprietà e controllo, più o meno intensa, in gran parte delle società osservate. Secondo i due autori, l affermazione della società giuridica a responsabilità limitata, quale forma legale di gestione delle relazioni economiche, porta alla differenziazione tra proprietà passiva, tipica degli azionisti privi di responsabilità e proprietà attiva, peculiare di coloro che, detenendo i residual control rights, effettivamente esercitano il controllo sull impresa. Considerato che le decisioni aziendali in grado di influenzare l attività aziendale competono sostanzialmente al Consiglio di Amministrazione, il controllo viene ad essere esercitato di fatto da quella parte della compagine societaria che, grazie alla partecipazione detenuta, esprime la maggioranza dei consiglieri. Ma la modern corporation di Berle e Means comporta anche cambiamenti sotto il profilo dei rapporti tra gli azionisti ed i manager, atteso che, nella nuova società, il capitale è così frammentato da compromettere l effettivo controllo da parte della proprietà e la quota detenuta dal primo azionista è talmente bassa da privarlo di qualsiasi possibilità di controllo attivo sul management. Le conclusioni cui pervengono i due autori americani trovano conferma nell indagine di Gordon (1938), basata su un campione di 16

15 Proprietà e controllo 107 società quotate nel mercato azionario di New York. Nello specifico, da tale analisi emerge la ridotta dimensione delle partecipazioni detenute dai soggetti preposti alla gestione e al controllo, tanto più contenute quanto maggiori sono le dimensioni aziendali: nelle società minori le partecipazioni possedute dal management, infatti, rappresentano in media il per cento del capitale, al contrario delle società maggiori, con capitale tra i 25 ed i 100 milioni di dollari, ove dette partecipazioni scendono ad un valore compreso tra il 5 ed il 10 per cento. Ciò, quindi, proverebbe, secondo Gordon, la correlazione positiva, già affermata da Berle e Means, tra dimensioni aziendali, da un lato, e separazione tra proprietà e controllo, dall altro. Quanto sopra rappresenta un anticipazione, in nuce, delle teorie manageriali sviluppatesi tra gli anni Cinquanta e Settanta che, partendo dal riconoscimento degli obiettivi propri dei managers, arrivano a rigettare il principale assunto delle teorie classiche e neoclassiche, secondo cui l impresa viene gestita dall imprenditore in ragione della propria funzione di utilità, volta unicamente alla massimizzazione del profitto. Il tema ownership and control cattura, così, l interesse di diversi studiosi, ciascuno dei quali fornisce un quadro interpretativo proprio della relazione tra proprietà e controllo. Ricordiamo la chiave di lettura fornita da Marris (1963) che, sulla base dei diversi sistemi di utilità e delle differenti funzioni obiettivo del management, ne riconosce un interesse specifico e, per alcuni versi, opposto all interesse della proprietà. A differenza di quest ultima, il cui fine ultimo è comunque il profitto, l obiettivo dei manager sarebbe, infatti, prevalentemente orientato alla crescita aziendale, in quanto garantirebbe stabilità della posizione di controllo detenuta, limitando le possibilità di takeover da parte di altre società. Una particolare qualificazione del controllo è suggerita, invece, da Manne (1965), secondo il quale il control è da intendere come un vero e proprio asset, avente un proprio mercato. Più specificamente, i differenziali tra i valori di mercato delle azioni sarebbero da ascrivere ai diversi gradi di efficienza gestionale, data la correlazione positiva tra prezzo e performance manageriale. 17

16 Capitolo 1 Il mercato del controllo, così inteso, assumerebbe, dunque, un importanza in sé, non già soltanto per le opportunità di disinvestimento offerte all azionista ma anche, e soprattutto, perché verrebbe a costituire una sorta di supervisione sull operato degli amministratori, posto che una gestione inefficiente si ripercuoterebbe negativamente sul corso azionario, generando pressioni sul prezzo del titolo, fino al punto in cui la quotazione diventerebbe così bassa da aprire la strada ad acquisizioni ostili e, quindi, alla sostituzione del management. La disomogeneità tra le funzioni obiettivo dei proprietari e le funzioni obiettivo di coloro che, invece, realmente esercitano il controllo sull impresa, viene ripresa e ampiamente sviluppata nell agency theory di Jensen e Meckling (1976), per spiegare la relazione di agenzia tra gli azionisti, in qualità di principal ed i managers, in qualità di agents. A riguardo, Fama (1980) ne sottolinea l indispensabilità, soprattutto nella large corporation, in cui il livello di complessità è tale da richiedere forte specializzazione e alta divisione del lavoro, rispettivamente tra gli azionisti che, in quanto assuntori del rischio, sono chiamati ad esercitare il controllo sull impresa e sui managers, la cui competenza specifica attiene, invero, alla gestione. Per quanto riguarda gli elementi che influenzano la struttura proprietaria Demsetz e Lehn (1985) individuano nel value-maximizing size, nel control potential e nel systematic regulation, le forze in grado di incidere sulla ownership. In particolare, la crescita delle dimensioni aziendali, imposta dalla dinamica competitiva, è generalmente associata ad un incremento del valore di mercato del capitale e, quindi, ad una minore concentrazione della proprietà. I maggiori prezzi di mercato della singola frazione di capitale e la ridotta partecipazione, necessaria per l acquisizione del controllo, disincentivano l accumulazione di quote societarie da parte del controlling shareholder ed alimentano la diffusione della proprietà tra tanti piccoli investitori. Parimenti, l instabilità dell ambiente incoraggia la concentrazione proprietaria, poiché, amplificando la complessità del contesto di riferimento, determina un aumento dei costi di monitoraggio delle performance dei dirigenti, data la difficoltà di controllare il comportamento manageriale in ambiti di mercato 18

17 Proprietà e controllo fortemente variabili. Al contrario, della regolamentazione che, limitando le opzioni disponibili per i proprietari e facilitando l attività di monitoring, frena la concentrazione. In Grossman e Hart (1986) e Hart e Moore (1990) controllo e proprietà anziché essere distinti vengono concepiti con un nesso di complementarietà, laddove la proprietà è intesa come il diritto residuale ad esercitare il controllo ed assumere le relative decisioni in presenza di accadimenti non disciplinati contrattualmente. I contratti, infatti, scontano sempre un certo grado di incompletezza, dovuto al fatto che essi, per quanto completi siano nelle intenzioni dei contraenti, non pervengono mai alla previsione e alla specificazione del comportamento delle parti in tutte le eventuali contingenze che, per ogni stato della natura, possono concretamente presentarsi. D altra parte, anche se esistessero contratti in grado di disciplinare ogni possibile evenienza, la loro redazione e gestione sarebbe talmente complessa da comportare costi sproporzionati, rispetto all alternativa, come detto, di attribuire alla proprietà il potere di assumere le decisioni nel caso di avvenimenti imprevisti. A conclusione diverse giungono, invero, La Porta et al. (1999), nella loro analisi volta a verificare l attualità delle affermazioni di Berle e Means, circa la prevalenza della public company sulle altre strutture proprietarie. La loro indagine empirica, basata su un campione di imprese appartenenti a 27 paesi, evidenzia che, relativamente alle grandi imprese, la struttura proprietaria diffusa è il modello dominante soltanto in Gran Bretagna, Giappone e Stati Uniti, mentre negli altri paesi ricorre un alta incidenza di strutture proprietarie con forte presenza di azionisti di riferimento. Più esattamente, emerge che le società ad azionariato diffuso rappresentano il 36 per cento del campione analizzato, contro il 30 delle società a controllo familiare, il 18 delle società a capitale pubblico ed il 15 per cento delle altre strutture proprietarie. In dettaglio, l elevata percentuale della struttura proprietaria pubblica sarebbe da spiegare, secondo gli autori, in ragione del fatto che il processo di privatizzazione nei diversi paesi non è giunto, al momento dell indagine, ancora alla sua conclusione. A sua volta l incidenza delle società ad azionariato diffuso diminuisce, a favore delle imprese a controllo familiare, mano a mano che si 19

18 Capitolo 1 riduce la dimensione aziendale. La presenza di family ownership nelle medie imprese cresce, infatti, al 45 per cento diventando così il modello dominante. La Porta et al. ascrivono tali differenze di struttura proprietaria tra paese e paese alla forza della legislazione in materia di protezione degli investitori, in quanto condizionante la presenza di controlling shareholders. Altri autori studiano la struttura proprietaria sotto il profilo dei benefici privati estraibili dall azionista di maggioranza. Secondo Bebchuk (1999) la struttura proprietaria è fortemente influenzata dai benefici privati che l azionista di maggioranza si attende di conseguire dalla partecipazione societaria. In particolare, nel decidere la struttura proprietaria da adottare per la quotazione, la scelta ricade sul mantenimento di un lock sul controllo se i benefici privati sono significativi, sia per evitare tentavi di impossessarsi del controllo da parte di altri investitori, attratti dai consistenti benefici, sia per consentire all azionista di catturare larga parte del valore generato dall eventuale trasferimento del controllo. Ma Bebchuk (1994) ha affrontato il tema specifico del control altresì dalla visuale dell efficienza associata ai trasferimenti del controllo, analizzando le transazioni sale-of-control, confrontando la market rule degli Stati Uniti con la equal opportunity rule degli altri paesi e arrivando, quindi, a distinguere le condizioni in cui l una risulta oggettivamente più efficiente dell altra. Anche Kahan (1993) si è occupato dei trasferimenti del controllo, concentrando, tuttavia, l attenzione sulla distinzione tra negoziazione privata ed offerta pubblica, onde indirizzare il suo lavoro alla ricerca di eventuali elementi legati alla dimensione del pacchetto azionario da trasferire che porterebbero a preferire una modalità tra le due. La distinzione tra negoziazione privata ed offerta pubblica viene ripresa da Burkart et al. (2000), tuttavia da una visuale propria, tesa a dimostrare la corrispondenza tra processo di estrazione dei benefici privati e modalità di trasferimento del controllo, analizzando gli effetti che le diverse modalità di control change sono in grado di esercitare sulla concentrazione proprietaria e, di riflesso, sullo stimolo dell azionista di controllo a massimizzare il valore aziendale. A differenza della negoziazione privata, l offerta pubblica, obbligando il 20

19 Proprietà e controllo buyer ad acquisire una maggiore partecipazione societaria, tende ad allineare i voting rights ai cash flow rights, con la conseguenza che le decisioni dell azionista di maggioranza risultano più orientate all efficienza e al valore aziendale che alla massimizzazione di benefici privati. Belcredi e Rigamonti (2008), infine, analizzando le modalità e l intensità con cui ownership e board structure influenzano il valore, dopo averne constatato la scarsa sensività rispetto alla struttura del Consiglio di Amministrazione e/o degli altri organi di governo societario, rilevano una forte correlazione della Q di Tobin con le caratteristiche della società e, in particolare, con la struttura societaria, inclusa la sua eventuale configurazione piramidale Valore, proprietà, controllo e contendibilità. L efficienza aziendale è fortemente influenzata dalla struttura proprietaria, laddove questa consenta di assumere decisioni rilevanti per l efficienza stessa. In linea generale, gli obiettivi della proprietà dovrebbero essere perfettamente coerenti con l efficienza, considerato che la creazione di valore dell impresa si traduce comunque in maggior valore per la proprietà. Non ci sarebbe, infatti, alcun motivo che potrebbe spingere l azionista a prendere decisioni lesive del valore dell impresa e, in quanto tali, pregiudizievoli dei suoi stessi interessi. D altra parte la creazione di valore dovrebbe presupporre, a differenza della creazione di ricchezza, una rete di interessi economici tra i diversi stakeholders, chiamati a condividere le scelte della proprietà nonché a compartecipare al rischio aziendale e al valore così creato (Colombi, 2003). Nella realtà questa convergenza tra interessi degli shareholders, interessi degli altri stakeholders, efficienza e valore non sempre trova riscontro, soprattutto quando le decisioni vengono assunte da soggetti diversi dalla proprietà, nel qual caso non si può escludere un disallineamento di obiettivi tra decisore e impresa, che intacchi e comprometta l efficienza ed il valore dell azienda nel suo insieme. 21

20 Capitolo 1 Il processo decisionale, infatti, porta spesso a distribuzioni asimmetriche tra interessi dell agent e interessi del principal, la cui risoluzione comporta costi aggiuntivi (agency costs) che, in quanto tali, finiscono anch essi per incidere sul valore. Alla luce di ciò, la struttura proprietaria ottimale dovrebbe essere l impresa individuale, atteso che l imprenditore, detentore dell intero equity, non ha alcun motivo di indirizzare l azienda verso finalità divergenti con i suoi obiettivi. Gli utili dell impresa comportano anche remunerazione del proprietario e l efficienza massimizza sia i risultati aziendali che i ritorni per l imprenditore. Sennonché, nella realtà, l impresa individuale non sempre si dimostra la forma organizzativa più efficiente, soprattutto quando la forte competizione sui mercati impone un fabbisogno di capitale di rischio talmente elevato che solo una compagine di più proprietari è in grado di garantire. In questi casi, la struttura societaria, nonostante gli eventuali costi di agenzia ad essa associati, può comportare benefici superiori agli stessi costi (Caprio, 1998). L efficienza, perciò, non è né una caratteristica riservata alle imprese individuali, né tanto meno una prerogativa delle società, dipendendo da svariati elementi che vanno oltre il controllo e la proprietà. Così condizioni di inefficienza sono ravvisabili sia in società contendibili che in società non contendibili, intendendo per: società non contendibili le società in cui è presente un azionista di maggioranza o un gruppo di azionisti che, in ragione delle quote di partecipazione, dei diritti di voto posseduti e degli eventuali accordi, riescono ad imporre le proprie decisioni e precludere qualsiasi possibilità di acquisizione ostile del controllo da parte di terzi; società contendibili le società in cui l assetto azionario rende possibili acquisizioni del controllo da parte di investitori esterni, senza il consenso dell azionista di maggioranza 1. 1 L accezione di contendibilità qui adottata è più estensiva di quella affermata da diversi studiosi i quali, ricollegandosi unicamente al soggetto detentore del controllo, definiscono contendibili le società il cui controllo viene esercitato sostanzialmente dagli amministratori e non contendibili le società il cui controllo è esercitato dalla struttura proprietaria, data la presenza di un azionista di 22

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

Fabrizio Rossi. Strutture proprietarie e benefici privati di controllo

Fabrizio Rossi. Strutture proprietarie e benefici privati di controllo A13 108 Fabrizio Rossi Strutture proprietarie e benefici privati di controllo Copyright MMV ARACNE EDITRICE S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it 00173 Roma via Raffaele Garofalo, 133/A-B

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Simona Catuogno I piani di stock option. Governance, valuation e accounting

Simona Catuogno I piani di stock option. Governance, valuation e accounting A13 492 Simona Catuogno I piani di stock option Governance, valuation e accounting Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173

Dettagli

Direttori. Sapienza Università di Roma. Sapienza Università di Roma. Sapienza Università di Roma

Direttori. Sapienza Università di Roma. Sapienza Università di Roma. Sapienza Università di Roma DIRITTO DI STAMPA 25 Direttori Giuseppe BONCORI Sapienza Università di Roma Nicola SICILIANI DE CUMIS Sapienza Università di Roma Maria Serena VEGGETTI Sapienza Università di Roma Alessia Teichner Assetti

Dettagli

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi A12 407 Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Gli attori che presidiano la control governance Copyright MMXII ARACNE editrice

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria. A.a. 2008/2009. Assetti proprietari e costo del capitale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria. A.a. 2008/2009. Assetti proprietari e costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Analisi Finanziaria A.a. 2008/2009 Assetti proprietari e costo del capitale Gian Marco Chiesi Marco Tronchetti Provera GPI 60% (60%) [60%] Catena di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Analisi Finanziaria A.a. 2008/2009 Assetti proprietari e costo del capitale Gian Marco Chiesi Marco Tronchetti Provera GPI 60% (60%) [60%] Catena di

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Determinanti dell innovazione: Corporate governance SCHEMA DELLA LEZIONE Perché la corporate

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez2 Nuove teorie dell impresa La teoria manageriale Quali problemi fondamentali delle moderne organizzazioni delle imprese non sono stati

Dettagli

Come si giudica la governance?

Come si giudica la governance? Corso di Governance e Gestione del Rischio Modulo II Il mercato per il controllo: l OPA Come si giudica la governance? Un sistema di CG potrebbe essere giudicato in base a 3 elementi (Macey): La capacità

Dettagli

Introduzione. di Daniel Pittino, Riccardo Vigan, Alessandro Zattoni. Introduzione

Introduzione. di Daniel Pittino, Riccardo Vigan, Alessandro Zattoni. Introduzione di Daniel Pittino, Riccardo Vigan, Alessandro Zattoni Introduzione I compensi dei top manager costituiscono da tempo oggetto di dibattito da parte di addetti ai lavori e opinione pubblica, sia in Europa

Dettagli

UNIVERSITA DI BOLOGNA CLAMFIM- EPELM 2012/2013 CORPORATE GOVERNANCE

UNIVERSITA DI BOLOGNA CLAMFIM- EPELM 2012/2013 CORPORATE GOVERNANCE UNIVERSITA DI BOLOGNA CLAMFIM- EPELM 2012/2013 CORPORATE GOVERNANCE Esame a libri chiusi. Si può usare una calcolatrice.tempo a disposizione: 1 ora Nome: ID: Data: 9 Aprile 2013 MULTIPLE CHOICES (1 Punto

Dettagli

Antonella Laino Il monopolio naturale

Antonella Laino Il monopolio naturale A13 477 Antonella Laino Il monopolio naturale Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-4809-2

Dettagli

Il rosa e il grigio. MILENA VIASSONE Ricercatore di Economia e gestione delle imprese Università di Torino SEDE DI CUNEO

Il rosa e il grigio. MILENA VIASSONE Ricercatore di Economia e gestione delle imprese Università di Torino SEDE DI CUNEO Il rosa e il grigio GOVERNANCE AZIENDALE E PROCESSI DECISIONALI: QUALE POSTO PER LE DONNE? I RISCHI DELLE DISCREZIONALITÀ MANAGERIALE E GLI STRUMENTI DI CORPORATE GOVERNANCE MILENA VIASSONE Ricercatore

Dettagli

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione CIRPA / 10 Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione Master di II livello in Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni Sanitarie DAOSan

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE DISPENSA 5 Economia ed Organizzazione Aziendale INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE 1 LA CRESCITA DELLE ORGANIZZAZIONI La teoria economica tradizionale: la teoria dei mercati la mano invisibile

Dettagli

Finanza Aziendale. Corporate Governance & Finanza Aziendale

Finanza Aziendale. Corporate Governance & Finanza Aziendale Finanza Aziendale Corporate Governance & Finanza Aziendale BMAS Capitolo 11 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti trattati Introduzione al problema della governance Il processo di

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Governo e management dell impresa

Governo e management dell impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Governo e management dell impresa Governance e management Decisioni strategiche e tattiche Soggetto giuridico e soggetto economico

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

Beatrice Orlando Slack organizzativo e shadow options

Beatrice Orlando Slack organizzativo e shadow options A13 Beatrice Orlando Slack organizzativo e shadow options L influenza della path dependency sulle potenzialità di sviluppo Prefazione di Antonio Renzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Introduzione al management in sanità

Introduzione al management in sanità A13 373 Marco Pauletto Franco Tartaglia Introduzione al management in sanità Organizzazione aziendale e psicologia del lavoro Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 3 Corporate Governance. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 3 Corporate Governance. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Marketing e Direzione d Impresa Lezione 3 Corporate Governance Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 La struttura piramidale 20% A B C D E 51% 51% 51% 51% A possiede indirettamente

Dettagli

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA a cura di Roberto Cafferata Saggi di Gianpaolo Abatecola, Alessandro Giosi, Sara Poggesi, Francesco Scafarto, Silvia Testarmata ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice

Dettagli

Parte prima 3. Gli assetti proprietari delle imprese italiane

Parte prima 3. Gli assetti proprietari delle imprese italiane Parte prima 3. Gli assetti proprietari delle imprese italiane 3.1. I modelli capitalistici diffusi nel contesto internazionale 3.2. Il modello di capitalismo italiano 3.1 I modelli capitalistici diffusi

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 13 Come già ampiamente illustrato in occasione dell assemblea di approvazione del bilancio 2000,

Dettagli

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende A13 Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

Quaderni del Dipartimento di Scienze Giuridiche LUISS Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli A12 226/6

Quaderni del Dipartimento di Scienze Giuridiche LUISS Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli A12 226/6 Quaderni del Dipartimento di Scienze Giuridiche LUISS Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli 6 A12 226/6 Studi sull effettività delle regole societarie a cura di Gian Domenico

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Capitolo 19 Indice degli argomenti 1. Condizioni per un sano sviluppo

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 8. SEPARAZIONE TRA PROPRIETA E CONTROLLO 2 9. BANZA E MERCATO: QUALI CONTROLLORI? (ovvero: chi controlla i controllori?) 3 Summary Questa lezione

Dettagli

Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione

Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione di Massimo Buongiorno docente di Finanza Aziendale, Università Bocconi, Milano

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 6 Direttore Roberto Chionne Professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Lingua e Cultura Italiana Università per Stranieri di Perugia Comitato

Dettagli

LA FINANZIARIZZAZIONE

LA FINANZIARIZZAZIONE http://www.sinedi.com ARTICOLO 70 SETTEMBRE/ OTTOBRE 2014 LA FINANZIARIZZAZIONE INFLUENZA DEL SETTORE FINANZIARIO SULLE IMPRESE Negli ultimi anni il settore finanziario ha ricoperto un ruolo sempre più

Dettagli

Economia aziendale. Cap. 2 Soggetto economico e modelli di governance

Economia aziendale. Cap. 2 Soggetto economico e modelli di governance Economia aziendale Cap. 2 Soggetto economico e modelli di governance DEFINIZIONI DI AZIENDA Definizione tradizionale: Sistema di operazioni economiche finalizzate all acquisizione,produzione ed erogazione

Dettagli

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Riforma dei servizi pubblici locali. I nodi da risolvere

Riforma dei servizi pubblici locali. I nodi da risolvere Riforma dei servizi pubblici locali. I nodi da risolvere di Stefano Pozzoli Professore Ordinario di Ragioneria delle Amministrazioni Pubbliche Locali, Università di Napoli Parthenope La riforma dei servizi

Dettagli

Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda

Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda Roberto Candiotto Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE Progetto di ricerca Premessa La diversificazione rappresenta, ormai da qualche anno, uno dei temi verso i quali esperti e studiosi di finanza e di management rivolgono grande

Dettagli

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali A13 494 Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali Stato dell arte e problematiche aperte verso il federalismo fiscale Copyright MMXII

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

BETA1 ETFUND P.L.C. Fondo comune di investimento multicomparto di diritto irlandese PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO

BETA1 ETFUND P.L.C. Fondo comune di investimento multicomparto di diritto irlandese PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO BETA1 ETFUND P.L.C. Fondo comune di investimento multicomparto di diritto irlandese PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO 19 Febbraio 2004 Il presente Supplemento costituisce parte integrante del Prospetto modificato

Dettagli

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Volterra, 19.6.2014 Prof. Roberto Barontini Istituto di Management Scuola Superiore Sant Anna E-mail r.barontini@sssup.it Matematica Statistica Storia

Dettagli

Manuela Massari Deborah Mola Valeria Roncone Il crowdfunding, i finanziamenti viaggiano in rete. Un modo innovativo per finanziare progetti e imprese

Manuela Massari Deborah Mola Valeria Roncone Il crowdfunding, i finanziamenti viaggiano in rete. Un modo innovativo per finanziare progetti e imprese A13 Manuela Massari Deborah Mola Valeria Roncone Il crowdfunding, i finanziamenti viaggiano in rete Un modo innovativo per finanziare progetti e imprese Copyright MMXIV Aracne editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Francesco Ranalli Il bilancio di esercizio

Francesco Ranalli Il bilancio di esercizio Francesco Ranalli Il bilancio di esercizio Il modello del reddito realizzato Copyright MMV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173 Roma

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 326/E

RISOLUZIONE N. 326/E RISOLUZIONE N. 326/E Roma, 30 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello n. - Art. 11, legge 27/7/2000, n. 212 Istante: ALFA Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR),

Dettagli

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Dott. Alfredo Imparato Milano, 23 ottobre 2014 AGENDA Le PMI italiane, lo

Dettagli

Mergers & Acquisitions

Mergers & Acquisitions A12 343 Maurizio d Albora Ezio Tartaglia M&A Mergers & Acquisitions fusioni & acquisizioni a cura dello Studio Carnelutti Napoli Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

AZIONI SVILUPPO. infografica by 1

AZIONI SVILUPPO. infografica by 1 AZIONI SVILUPPO Ottobre 2007 infografica by 1 IL MOTIVO DELLE AZIONI SVILUPPO infografica by 2 IL MOTIVO 1 2 Dove siamo? Sistema Italia Tessuto industriale ricco di imprese a BMC (Bassa e Media Capitalizzazione,

Dettagli

Il caso del Passante di Mestre

Il caso del Passante di Mestre A13 Luciano Bologna Schemi interpretativi per calmierare l entropia nel sistema di realizzazione delle opere pubbliche alla luce delle odierne tendenze di esternalizzazione Il caso del Passante di Mestre

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

Teoriq della Finanza Aziendale. Prof. Arturo Capasso. L oggetto di studio della finanza. Argomenti

Teoriq della Finanza Aziendale. Prof. Arturo Capasso. L oggetto di studio della finanza. Argomenti Teoriq della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso 1 L oggetto di studio della finanza A. Argomenti Teoria della finanza e finanza aziendale Finanza aziendale e (é?) funzione finanziaria Dinamica finanziaria

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

Il mercato azionazio ed effetto sulle società per azioni

Il mercato azionazio ed effetto sulle società per azioni Il mercato azionazio ed effetto sulle società per azioni Il mercato azionario è quel luogo in cui avviene la compravendita dei titoli mobiliari, composti sia da titoli azionari che da obbligazioni. Originariamente

Dettagli

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017 Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL OGGI (1/2) First Capital è un operatore italiano specializzato in Private Investment in Public Equity (

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno Caleffi S.p.A. Via Belfiore, 24-46019 Viadana (MN) Capitale Sociale Euro 6.500.000 interamente versato Registro Imprese Mantova n. 00154130207 C.F. e P.IVA IT 00154130207 Sito internet www.caleffionline.it

Dettagli

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale - Valore: Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti Esame preliminare

Dettagli

L impresa. a) Cosa è un impresa? b) Comportamento. c) La diversità delle imprese. a1) confini dell impresa a2) contratti

L impresa. a) Cosa è un impresa? b) Comportamento. c) La diversità delle imprese. a1) confini dell impresa a2) contratti L impresa a) Cosa è un impresa? a1) confini dell impresa a2) contratti b) Comportamento c) La diversità delle imprese (a) Impresa e costi di transazione Contrapposizione impresa-mercato (Coase): se i mercati

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Prof. Giovanni Pitruzzella nell ambito dell istruttoria legislativa sul disegno di legge C.2844, di conversione in legge del

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

AMPLIFON S.P.A. PIANO DI PERFORMANCE STOCK GRANT

AMPLIFON S.P.A. PIANO DI PERFORMANCE STOCK GRANT AMPLIFON S.P.A. PIANO DI PERFORMANCE STOCK GRANT Documento informativo relativo al piano di azionariato ( Performance Stock Grant ) per i dipendenti di Amplifon S.p.A. redatto ai sensi dell art. 114-bis

Dettagli

Andrea Grippa Reti Intranet

Andrea Grippa Reti Intranet Andrea Grippa Reti Intranet Piccola guida per la comprensione dell evoluzione di alcuni modelli e delle loro applicazioni Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico DIRITTO DI STAMPA 61 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

PINGONO SPINGONO ALLA CREAZIONE

PINGONO SPINGONO ALLA CREAZIONE LE MOTIVAZIONI CHE SPINGONO ALLA CREAZIONE DEI GRUPPI AZIENDALI INDICE Premessa Le categorie di motivazioni Le motivazioni economiche Le motivazioni extraeconomiche Gli svantaggi connessi alla struttura

Dettagli

Shareholder Value Theory e Corporate Social Responsibility. Docente: Michela Pellicelli

Shareholder Value Theory e Corporate Social Responsibility. Docente: Michela Pellicelli Shareholder Value Theory e Corporate Social Responsibility. Docente: Michela Pellicelli La funzione e il fine delle imprese Alcune definizioni Gino Zappa (1927) proponeva che la funzione principale delle

Dettagli

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CARISMI CONVEGNI L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CENTRO STUDI I CAPPUCCINI 28 Marzo 2013 LA SOLUZIONE DELLE CRISI DI IMPRESA DOPO IL DECRETO SVILUPPO

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, 101 Raccomandazione della Commissione 15 febbraio 2005, n. 2005/162/Ce, sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza delle società quotate e sui comitati

Dettagli

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme VA &PARTNERS L attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio Con il termine investimento istituzionale nel capitale di rischio si intende

Dettagli

Delibera COVIP del 16 marzo 2012 Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento

Delibera COVIP del 16 marzo 2012 Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 16 marzo 2012 (G.U. 29 marzo 2012 n. 75) Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento LA COMMISSIONE DI VIGILANZA

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ ABSTRACT QUOTATE ITALIANE SERGIO CARBONARA

PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ ABSTRACT QUOTATE ITALIANE SERGIO CARBONARA PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ QUOTATE ITALIANE ABSTRACT SERGIO CARBONARA Scopo e metodologia Lo studio sulle remunerazioni 2012 parte dalla constatazione che la gestione

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

L esperienza di UniCredit Corporate Banking nelle azioni di risanamento e restructuring della propria clientela

L esperienza di UniCredit Corporate Banking nelle azioni di risanamento e restructuring della propria clientela L esperienza di UniCredit Corporate Banking nelle azioni di risanamento e restructuring della propria clientela Tiziano Piemontesi Responsabile Area Restructuring & Monitoraggio Portafoglio Problematico

Dettagli

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo Indice 1. Premessa 3 2. Il sistema di misurazione e valutazione delle performance 4 3. Criteri per la

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa A13 Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli