MERCATI FOCUS SU PRODOTTI. 28 dicembre Andamento La gestione del risparmio dopo la crisi. Il nuovo regolamento emittenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MERCATI FOCUS SU PRODOTTI. 28 dicembre 2009. Andamento 2009. La gestione del risparmio dopo la crisi. Il nuovo regolamento emittenti"

Transcript

1 5 28 dicembre 2009 PERIODICO SEMESTRALE DI AGGIORNAMENTO FINANZIARIO MERCATI Andamento 2009 FOCUS SU La gestione del risparmio dopo la crisi PRODOTTI Il nuovo regolamento emittenti

2

3 Gentile Cliente, Le presentiamo il quinto numero di Euromobiliare News all interno del quale potrà trovare un intervista ad Alessandro Fugnoli dove si propone una panoramica sull andamento dei mercati nel 2009 e sulle prospettive macro economiche per i prossimi mesi. In un articolo di Federico Marzi, Direttore Commerciale di Euromobiliare AM Sgr, parliamo di come si sono comportati i risparmiatori durante la crisi e del ritorno agli investimenti. Infine Le presentiamo alcune novità riguardanti i prodotti della nostra gamma che entreranno in vigore dal 1 gennaio Al fine di renderle più agevole la consultazione delle informazioni, troverà uno schema riepilogativo con il dettaglio delle variazioni avvenute. Con i migliori saluti, Euromobiliare AM Sgr

4 4 L ANDAMENTO DEI MERCATI NEL 2009 Intervista ad Alessandro Fugnoli * Iniziamo riepilogando brevemente quanto è successo nel 2009: una forte ripresa dei mercati poco giustificata dall economia reale? La ripresa dei mercati non è priva di ragioni. Agli inizi di marzo le borse e i crediti quotavano economie che stavano inabissandosi e un sistema finanziario a rischio di collasso. Il tempo passa in fretta e altrettanto in fretta ci si dimentica delle cose, ma in quelle settimane i dati macro segnalavano una velocità annualizzata di contrazione del Pil dell ordine del 6 per cento in America e in Europa. La produzione industriale era in caduta libera, così come il commercio internazionale. In alcuni paesi asiatici molto esposti al ciclo internazionale la produzione industriale era in caduta del per cento rispetto all anno precedente. In pratica era successo che le imprese avevano reagito al calo improvviso dei consumi con un taglio ancora più feroce della produzione e con licenziamenti veloci e massicci. In una situazione già molto difficile, infatti, le imprese non potevano fare ricorso alle banche per superare la fase più dura. Le banche, invece di concedere più credito, chiedevano alle imprese di rientrare rapidamente e restituire soldi proprio nel momento più delicato. A livello di sistema finanziario la crisi aveva avuto due momenti di particolare tensione. Il primo era stato nell ottobre del 2008, dopo il fallimento di Lehman Brothers, quando si era evitata per poco una corsa ai depositi che avrebbe comportato fallimenti a catena di banche. Il secondo fu invece in febbraio. La crisi finanziaria dell Europa orientale rischiava di provocare gravi guasti alle banche dell Europa occidentale, mentre le difficoltà di alcuni paesi dell Europa meridionale come Spagna e Grecia, nonché dell Irlanda, sembravano poter compromettere la tenuta stessa dell euro. L intervento dei governi e delle Banche Centrali, tanto in ottobre quanto in febbraio, ha evitato il disastro. Si può discutere sulle responsabilità della crisi e si può imputare ai governi un qualche ritardo nella risposta, ma alla fine questa ha raggiunto la massa critica ed è stata in grado di evitare che il mondo scivolasse in una nuova Grande Depressione. Oggi la crescita delle economie occidentali ha una velocità annualizzata del 2-3 per cento. Non è molto, è vero, ma passare da - 6 a + 2 è comunque un escursione di 8 punti. Per quanto significativa, poi, la riaccelerazione non va vista solo in termini quantitativi. Si tratta infatti della differenza tra la morte e la vita, tra una prognosi infausta molto somigliante agli anni Trenta e l avvio di una guarigione faticosa, ma ormai indiscutibile. La guarigione è faticosa anche perché questa volta non si vuole drogare troppo la domanda, ma si cerca invece di fare riprendere forza al paziente e al tempo Oggi la crescita delle economie occidentali ha una velocità annualizzata del 2-3 per cento. Non è molto, è vero, ma passare da - 6 a + 2 è comunque un escursione di 8 punti. stesso di iniziare a disintossicarlo, riducendo la sua dipendenza strutturale dal debito. La ripresa delle borse e dei crediti appare quindi fino a questo momento giustificata. Certo, c è ancora una situazione diffusa di malessere perché la disoccupazione sta ancora aumentando, anche se sempre più lentamente, e perché il mondo delle piccole e medie imprese è sotto forte pressione perché fatica a ottenere credito. Le grandi imprese, tuttavia, hanno retto alla crisi molto meglio di come si poteva pensare. Per non parlare dello stimolo che continua ad arrivare dall Asia. Che politiche possiamo attenderci dalla Banche Centrali per il 2010? Il costo del denaro continuerà ad essere contenuto per facilitare la ripresa dell economia reale? La paura di un ritorno dell inflazione sembra mal conciliarsi con gli attuali livelli di disoccupazione. La paura dell inflazione nasce da un equivoco. Si pensa che la creazione di base monetaria da parte delle Banche Centrali porterà automaticamente a una pressione dei prezzi, ma in realtà non c è un rapporto meccanico di causa ed effetto. Le Banche Centrali infatti creano dal nulla liquidità, la usano per comperare titoli dalle banche, ma le banche ridepositano questa liquidità presso le Banche Centrali. In pratica la nuova liquidità non esce dal circuito banche-banche Centrali ed è per questo che non si vede nemmeno l ombra dell inflazione. Certo, a un certo punto le banche riprenderanno a erogare credito alle imprese e alle per-

5 sone. Quanto meno, questa è la speranza di tutti. Ma nemmeno in quel momento l inflazione riprenderà necessariamente forza. L inflazione prende slancio quando la domanda supera l offerta disponibile di persone da impiegare e risorse da utilizzare. C è però in giro una quantità così elevata di persone disoccupate e di impianti fermi, che occorreranno anni prima che la domanda riesca a riassorbire tutta l offerta inutilizzata. Per questo le Banche Centrali di Stati Uniti, Eurolandia e Giappone terranno i tassi molto vicini a zero per tutto il 2010 e anche oltre. Non si può naturalmente escludere a priori che a un certo punto ai governi possa venire in mente di provocare a tavolino l inflazione per smaltire una parte del debito pubblico che si è venuto accumulando. Una tale decisione appare al momento poco probabile. I mercati saranno molto attenti a punire i governi che dovessero avviarsi su questa strada. Molti investitori restano prudenti e continuano a preferire le obbligazioni alle azioni. Quali sono le vostre previsioni per i prossimi mesi? In una fase di ripresa, normalmente, le Borse sono l investimento migliore. Seguono i crediti, cioè le obbligazioni societarie, mentre i titoli più difensivi, quelli del debito pubblico, danno meno soddisfazioni. Anche questa volta dovrebbe essere così. La ragione è intuitiva. La ripresa dell economia migliora i margini delle imprese e giustifica sia l aumento del valore delle azioni sia quello delle obbligazioni, che beneficiano del maggiore grado di certezza sulla capacità da parte delle imprese di rimborsare i creditori. I titoli di stato a breve, che sono un ottimo parcheggio in tempi di bufera, sono e saranno ancora penalizzati da rendimenti risibili e inferiori al tasso d inflazione. I titoli di stato lunghi e a tasso fisso, dal canto loro, rendono di più e non daranno particolari problemi nei prossimi mesi. Più avanti, tuttavia, diverranno vulnerabili a un eventuale ripresa dell inflazione. Nella prossima fase sarà quindi meglio prendere qualche rischio di credito (diversificando il più possibile) piuttosto che cercare di aumentare il rendimento allungandosi nelle scadenze. Tra la debolezza del dollaro e i mercati azionari, sostiene l economista Nouriel Roubini, c è una forte correlazione. La speculazione sulle valute, per l economista, gioca un ruolo fondamentale nell andamento dei mercati. Con rischi notevoli. «Quando la discesa del dollaro si fermerà - è convinto Roubini - l inversione di marcia (ma in negativo) si ripercuoterà sui mercati finanziari». Che opinione avete sul mercato valutario? La moneta verde rappresenterà un indicatore utile per i mercati finanziari? Al di là della volatilità spicciola, la tendenza di fondo sarà quella di un dollaro ancora moderatamente debole verso l euro. Da qui in avanti, tuttavia, il compito di rivalutare spetterà principalmente ai Paesi Emergenti. Al momento non si vede una possibilità di forte recupero del dollaro, né c è in fondo da augurarsela. Il dollaro debole, a condizione che si tratti di una debolezza ben controllata, è uno stimolante per l economia mondiale perché induce Europa e Asia a compensare la forza delle loro valute con politiche monetarie più espansive, ovvero con tassi bassi. In ogni caso, anche se si dovesse verificare una brusca inversione di tendenza e un rafforzamento improvviso del dollaro non ci sarebbe da essere troppo preoccupati. Le posizioni speculative finanziate in dollari sono molto più piccole rispetto a due anni fa e se anche dovessero essere improvvisamente chiuse il danno per i mercati sarebbe solo momentaneo. I Paesi Emergenti che ruolo avranno nella ripresa economica del 2010? Rappresenteranno ancora un mercato azionario interessante? I Paesi Emergenti sono stati coinvolti nella crisi per via del calo improvviso del commercio internazionale. Appena l interscambio ha dato cenni di ripresa questi paesi sono tornati a tassi di crescita brillanti. Va ricordato che sono paesi finanziariamente sani che hanno i conti pubblici spesso in ordine e sono generalmente creditori nei confronti dell estero. Rispetto agli anni Ottanta e Novanta il capovolgimento è impressionante. Ora i grandi debitori sono gli Stati Uniti (debito interno e debito estero) nonché Europa e Giappone (che hanno solo debito interno, ma crescente). I Paesi Emergenti sono quindi oggi più che mai un area interessante strategicamente. Bisogna solo ricordare che i loro mercati sono ancora oggi più volatili dei nostri. Sarà bene quindi avere una strategia di un certo respiro distribuita nel corso dei prossimi anni, ovvero alleggerire le borse occidentali nelle fasi di forza e comprare borse emergenti nelle fasi di debolezza. *Alessandro Fugnoli Strategist di Abaxbank, Banca d Investimento del Gruppo Credem 5

6 6 FOCUS SU LA GESTIONE DEL RISPARMIO DOPO LA CRISI Dopo le forti perdite registrate dai listini nel 2008 (quando l indice della Borsa mondiale ha lasciato sul terreno oltre il 40% e Piazza Affari ha perso il 48%) il rimbalzo dei mercati nel 2009 ha riportato i risparmi delle famiglie italiane nelle attività finanziarie sottraendoli da quelle non finanziarie. Abbiamo assistito dunque nel corso dell anno ad un graduale ritorno dell appetito per il rischio degli investitori, che anche nel risparmio gestito hanno consentito al settore di recuperare molto di quanto perso la diversificazione, la trasparenza ed il controllo del rischio rappresentano le basi migliori sulle quali valutare le proprie scelte di portafoglio. nel 2008, prima verso prodotti più difensivi per poi spostarsi gradualmente verso il mondo delle obbligazioni societarie e solo verso gli ultimi mesi dell anno sul mercato azionario (novembre è stato il 6 mese con raccolta positiva sui Fondi Comuni di investimento da inizio anno 1 ). Un ritorno al risparmio per gli investitori italiani che contrasta con il 2008, il vero anno di crisi vissuto nel nostro Paese dove il forte deterioramento della capacità di investire per le famiglie va infatti ascritto alle difficoltà crescenti nella pianificazione economica e nella necessità di essere più liquidi possibile. La possibilità per una parte consistente della popolazione italiana di accantonare risparmi si è dimostrata nuovamente una peculiarità molto positiva, tale da contribuire ad attenuare il senso di crisi nel confronto internazionale. L Italia mantiene un elevato livello di ricchezza privata, cresciuta nel tempo proprio grazie al risparmio delle famiglie che fa da contraltare all elevato livello di debito pubblico. Ricominciare ad investire nei primi mesi del 2009 significava per gli investitori tornare a scegliere tra diverse attività finanziarie, ma un Fondo comune obbligazionario corporate o un comparto dedicato al debito emergente significa soprattutto tor-

7 nare a dare fiducia ai mercati finanziari e soprattutto a quegli strumenti d investimento che anche durante la crisi del 2008 hanno dimostrato come la diversificazione, la trasparenza ed il controllo del rischio rappresentino le basi migliori sulle quali valutare le proprie scelte di portafoglio. Ci sono molti buoni motivi per continuare a dare fiducia ai Fondi comuni di investimento ma per Euromobiliare AM SGR sono soprattutto tre i pilastri per una buona scelta di portafoglio: [1] la Diversificazione: evitare di concentrare tutto il patrimonio su un unico titolo, settore o area geografica permette di ridurre i rischi e dare più stabilità ai rendimenti. I Fondi hanno l obiettivo di costruire portafogli diversificati in modo che l andamento negativo di una particolare classe di investimento possa essere bilan- collegate fra loro tendono ad avere un comportamento simile nelle varie fasi del ciclo economico, ma non si tratta di una correlazione totale. Inoltre, se i periodi particolarmente difficili per i mercati finanziari mettono a dura prova anche le strategie d investimento più accorte, è proprio disponendo di un portafoglio diversificato che è possibile attutire i colpi inferti dalle crisi ed essere pronti a beneficiare dei rialzi al momento della ripresa. [2] La Trasparenza: Ogni giorno il valore della quota di un Fondo, in gergo tecnico NAV (Net Asset Value), viene pubblicato sui principali quotidiani e su Internet, affinché il risparmiatore possa essere sempre aggiornato sull andamento del proprio investimento. Costi e risultati dei Fondi comuni di investimento liare AM SGR ha sempre prestato la massima attenzione all innovazione di prodotto con l obiettivo, da un lato di disporre di una gamma sempre in linea con i bisogni di base dei risparmiatori e, dall altro, di offrire prodotti coerenti in termini di rischiosità attesa e condivisa in fase di sottoscrizione. La diffusione del fenomeno secondo il quale l avversione alle perdite è più forte che non l impulso a cogliere al volo opportunità di guadagno, e questo non solo quando il panico regna sul mercato ma anche in condizioni normali, rende il controllo del rischio dei portafogli un attività strategica, prioritaria e costantemente monitorata all interno del settore del risparmio gestito. Come ribadito anche da un indagine realizzata da Assogestioni su risparmiatori, promotori finanziari e specialisti delle banche, le caratteristiche che contraddistinguono i Fondi comuni e che li rendono uno strumento adatto per chi investe con l obiettivo di consolidare e accrescere un capitale nel tempo, impegnano da un lato i risparmiatori ad incrementare il loro livello di conoscenza dello strumento, e dall altro i gestori ad offrire prodotti più comprensibili e conformi alle necessità di una clientela oggi a volte disorientata e insoddisfatta. 7 Federico Marzi Responsabile Direzione Commerciale Euromobiliare AM SGR ciato dalle performance di altre asset class proprio perché queste tendono a comportarsi in modo differente a seconda del momento. Negli ultimi tempi la correlazione fra mercati è tuttavia aumentata: questo significa che asset class in precedenza poco sono quindi facilmente controllabili da parte degli investitori e le performance rappresentano esattamente il guadagno dell investitore. [3] L Innovazione di Prodotto ed il Controllo del rischio: Euromobi- 1 Fonte Assogestioni

8 8 NUOVO REGOLAMENTO EMITTENTI Delibera Consob n del 19 marzo 2009 Consob, con Delibera n del 19 marzo 2009, ha apportato alcune modifiche al Regolamento Emittenti (n /99), prevedendo, tra l altro, la variazione degli schemi di Prospetto relativi ai Fondi Comuni di Investimento mobiliare aperti di diritto italiano. Il nuovo Regolamento Emittenti, in vigore dal impone agli intermediari di adeguarsi al nuovo schema in occasione del primo aggiornamento utile, che per i Fondi appartenenti al Sistema Euromobiliare è previsto per il Consob, inoltre, ha fornito agli intermediari specifiche istruzioni di carattere metodologico (Comunicazione n del 24 marzo 2009 e Quaderno di Finanza del 6 aprile 2009) per la determinazione dell informativa da riportare sul Prospetto d offerta, con riguardo ai seguenti punti: Orizzonte temporale d investimento consigliato; Grado di rischio connesso all investimento nel Fondo; Grado di scostamento rispetto al benchmark. A seguito dell applicazione di tali metodologie, ai sensi del Regolamento di Banca di Italia del 14 aprile 2005 e del Regolamento Emittenti così come modificato dalla Delibera n /2009 (art. 19 comma 2), il Prospetto d offerta dei Fondi Comuni d investimento Euromobiliare AM SGR, redatto secondo il nuovo schema, prevederà a partire dal , oltre alle modifiche già comunicate con lettera del (operazioni di fusione, variazione benchmark e variazione delle politiche di gestione di alcuni fondi), anche le variazioni riportate nella tabella seguente, che non avranno alcun impatto sulle politiche di investimento adottate.

9 FONDI ORIZZONTE TEMPORALE (1) GRADO DI RISCHIO (2) GRADO DI SCOSTAMENTO RISPETTO AL BENCHMARK (3) fino al dal (4) fino al dal fino al dal Euromobiliare Conservativo 0,5 anni PIC : 2 anni PAC : 2 anni Basso Basso Contenuto Contenuto Euromobiliare Prudente 2/3 anni PIC : 3 anni PAC : 4 anni Medio Basso Medio Basso Contenuto Contenuto Euromobiliare Reddito 2/5 anni PIC : 3 anni PAC : 4 anni Medio Medio Contenuto Contenuto Euromobiliare Emerging Markets Bond 5/10 anni PIC : 3 anni PAC : 4 anni Alto Medio Alto Significativo Rilevante Euromobiliare International Bond 3/7 anni PIC : 3 anni PAC : 4 anni Medio Medio Alto Significativo Significativo Euromobiliare Bilanciato 5/10 anni PIC : 4 anni PAC : 5 anni Medio Alto Medio Alto Significativo Significativo Euromobiliare Moderato 5/7 anni PIC : 4 anni PAC : 4 anni Medio Medio Significativo Rilevante Euromobiliare Dinamico 7/10 anni PIC : 5 anni PAC : 5 anni Alto Alto Significativo Significativo Euromobiliare Azioni Italiane 5/10 anni PIC : 5 anni PAC : 5 anni Alto Alto Significativo Significativo Euromobiliare Azioni Internazionali (ex Euromobiliare Megatrend che dal incorpora Euromobiliare America Equity Fund - Euromobiliare Asian Opportunities - Euromobiliare Global Emerging Markets) 5/10 anni PIC : 5 anni PAC : 5 anni Molto Alto Alto Significativo Significativo Euromobiliare Europe Equity Fund 5/10 anni PIC : 5 anni PAC : 5 anni Alto Alto Significativo Significativo Euromobiliare Real Assets (Non Armonizzato) 3/5 anni PIC : 5 anni PAC : 6 anni Medio Alto Medio Alto Euromobiliare Strategic Flex (ex Euromobiliare Flex Dividend che dal incorpora Euromobiliare Strategic) 2/3 anni PIC : 5 anni PAC : 6 anni Alto Medio Alto Euromobiliare Total Return Flex 2 2 anni PIC : 3 anni PAC : 3 anni Medio Basso Medio Basso Euromobiliare Total Return Flex 3 (Non Armonizzato) (che dal incorpora Euromobiliare Total Return Flex 4 (Non Armonizzato)) 3/5 anni PIC : 4 anni PAC : 6 anni Medio Alto Medio Alto Variazioni apportate in seguito all applicazione delle metodologie Consob. NOTE (1) Orizzonte temporale d investimento consigliato: è determinato in relazione al grado di rischio, alla tipologia di gestione e alla struttura dei costi dell investimento finanziario nel rispetto del principio della neutralità al rischio e viene espresso in termini di anni. (2) Grado di rischio del Fondo: indicatore sintetico qualitativo del profilo di rischio del fondo in termini di grado di variabilità dei rendimenti degli strumenti finanziari in cui è allocato il capitale investito. Il grado di rischio varia in una scala qualitativa tra: basso, medio - basso, medio, medio - alto, alto e molto - alto. (3) Scostamento rispetto al benchmark: il grado di scostamento dal benchmark è misurato come differenza tra la volatilità del fondo e quella del benchmark. In termini descrittivi viene indicato attraverso uno dei seguenti aggettivi: Contenuto, Significativo e Rilevante. (4) PIC: proposta di investimento per la sottoscrizione del Fondo in un unica soluzione. PAC: proposta di investimento per la sottoscrizione del Fondo mediante piano di accumulo.

10 10 SCHEMA RIEPILOGATIVO VARIAZIONI APPORTATE ALLA GAMMA PRODOTTI AL 1º GENNAIO 2010 PRINCIPALI VARIAZIONI ATTUALMENTE COMUNICATE GAMMA PRODOTTI AL 1º GENNAIO 2010 GAMMA PRODOTTI ATTUALE PRINCIPALI VARIAZIONI COMUNICATE IL CATEGORIA ASSOGESTIONI GRADO DI SCOSTAMENTO RISPETTO AL BENCHMARK NOME GRADO DI RISCHIO ORIZZONTE TEMPORALE FONDO SOGGETTO A FUSIONE FONDO INCORPORANTE POLITICA DI GESTIONE BENCHMARK CATEGORIA ASSOGESTIONI NOME NOME FONDI MONETARI Euromobiliare Conservativo F.di Liquidità Area Euro Euromobiliare Conservativo F.di Liquidità Area Euro Euromobiliare Contovivo F.di Liquidità Area Euro FONDI OBBLIGAZIONARI Euromobiliare Prudente Obb. Euro Governativi BT Euromobiliare Prudente Obb. Euro Governativi BT Euromobiliare Reddito Obb. Euro Governativi M/L T Euromobiliare Reddito Obb. Euro Governativi M/L T Euromobiliare Emerging Markets Bond Obb. Paesi Emergenti Euromobiliare Emerging Markets Bond Obb. Paesi Emergenti Euromobiliare International Bond Obb. Internazionale Euromobiliare International Bond Obb. Internazionale Governativo FONDI BILANCIATI Euromobiliare Bilanciato Bilanciati Euromobiliare Bilanciato Bilanciati Euromobiliare Moderato Bilanciato Obbligazionario Euromobiliare Moderato Bilanciato Obbligazionario Euromobiliare Dinamico Bilanciato Azionario Euromobiliare Dinamico Bilanciato Azionario FONDI AZIONARI Euromobiliare Azioni Italiane Azionari Italia Euromobiliare Azioni Italiane Azionari Italia Euromobiliare Megatrend Azionari Internazionali Euromobiliare America Equity Azionari America Euromobiliare Asian Opportunities Azionari Pacifico Euromobiliare Azioni Internazionali Azionari Internazionali Euromobiliare Global Emerging Markets Azionari Paesi Emergenti Euromobiliare Europe Equity Azionari Europa Euromobiliare Europe Equity Azionari Europa FONDI FLESSIBILI Euromobiliare Real Assets Flessibili Euromobiliare Real Assets Flessibili Euromobiliare Flex Dividend Flessibili Euromobiliare Strategic Flessibili Euromobiliare Strategic Flex Flessibili Euromobiliare Total Return Flex 2 Obbligazionari Flessibili Euromobiliare Total Return Flex 2 Obbligazionari Flessibili Euromobiliare Total Return Flex 3 Flessibili Euromobiliare Total Return Flex 4 Flessibili Euromobiliare Total Return Flex 3 Flessibili

11 11 EUROMOBILIARE NEWS PERIODICO SEMESTRALE DI AGGIORNAMENTO FINANZIARIO DI EUROMOBILIARE ASSET MANAGEMENT SGR Anno II 2009 n. 5 Direttore Responsabile Simona Besana Redazione Simona Besana, Cristina Forti Hanno collaborato Clelia Cameroni, Cinzia Chionna, Alessandro Fugnoli, Federico Marzi Editore DM Group Progetto grafico e stampa MIA Mind in Action Srl Via Dario Gaiti, Correggio (RE) Registrazione al Tribunale di Milano n. 18 del 10/01/08 INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL D.LGS N La informiamo che i Suoi dati sono conservati nel data base informatico del titolare e responsabile del trattamento: Euromobiliare Asset Management SGR SpA. I Suoi dati saranno utilizzati dalla nostra società solo per l invio di materiale informativo. Ai sensi dell art. 7 del citato D.Lgs., Lei ha diritto di conoscere, aggiornare, rettificare, cancellare i Suoi dati, nonché di esercitare tutti i restanti diritti ivi previsti, mediante comunicazione scritta a Euromobiliare Asset Management SGR SpA - corso Monforte, Milano.

12 Euromobiliare Asset Management SGR SpA Gruppo Bancario Credito Emiliano - CREDEM Corso Monforte 34, Milano telefono fax cap. soc. euro i.v. R.E.A. Milano Albo Banca d Italia n. 19 Cod. Fisc e Reg. Imp partita IVA Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento (ex art c.c.) da parte di Credito Emiliano SpA

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI 3 MESI. REGOLARMENTE.

CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI 3 MESI. REGOLARMENTE. CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI MESI. REGOLARMENTE. PERCHÉ UN INVESTIMENTO CHE POSSA GENERARE UN FLUSSO CEDOLARE LE SOLUZIONI DI UBI SICAV Nell attuale

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento

Dettagli

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A.

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A. Eurizon Capital SGR S.p.A. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return SISTEMA TOTAL RETURN COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI ai sensi del Provvedimento della Banca

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento

Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento Quando si decide di investire, e non semplicemente di parcheggiare la propria liquidità, bisogna tener presente che non esistono investimenti completamente

Dettagli

ILR con. Posizione. attuale.

ILR con. Posizione. attuale. ILR con il gestore G. Spinola del 16/04/15 Trend vs. Msci World Dal lancio ( 15/02/93 ) al 16/04/15. Posizione attuale. 63% %* in Azioni (profilo di rischio teoricoo del portafoglio mediamente in lineaa

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

COMUN FONDI. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Valore Aggiunto, al Sistema Etico ed al Sistema Profili & Soluzioni

COMUN FONDI. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Valore Aggiunto, al Sistema Etico ed al Sistema Profili & Soluzioni Eurizon Capital SGR S.p.A. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Valore Aggiunto, al Sistema Etico ed al Sistema Profili & Soluzioni FONDI COMUN INVEST MOBIL COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR che permette di definire personalmente, pur nel rispetto dei limiti e criteri indicati nel Contratto, la composizione del

Dettagli

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI 60 Victoria Embankment London EC4Y 0JP ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI Economie divergenti

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

LINEA UP-DOWN FORECAST AZIONARIA ITALIA 5

LINEA UP-DOWN FORECAST AZIONARIA ITALIA 5 LINEA UP-DOWN FORECAST AZIONARIA ITALIA 5 Investimento selettivo in azioni effettuato avvalendosi delle indicazioni di acquisto e vendita fornite dal Sistema Esperto Up-Down Forecast 3.0 (*). In ciascun

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE ALLEGATO B CODICE CONTO NUMERO MANDATO Le caratteristiche della gestione vengono definite, secondo quanto previsto dell art. 38 del Regolamento Consob 16190/07, in funzione

Dettagli

PERIODICO SEMESTRALE DI AGGIORNAMENTO FINANZIARIO. Dicembre 2010

PERIODICO SEMESTRALE DI AGGIORNAMENTO FINANZIARIO. Dicembre 2010 PERIODICO SEMESTRALE DI AGGIORNAMENTO FINANZIARIO Dicembre 2010 7 L alta volatilità dei mercati finanziari, la concorrenza sempre più intensa e la normativa ancora più articolata impongono agli asset

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

Linea di Investimento A1- Alternativa Prudente

Linea di Investimento A1- Alternativa Prudente A1- Alternativa Prudente Produrre rendimenti superiori ai tassi di interesse a breve termine. Proteggere il capitale nelle fasi di mercato avverso e dal deterioramento inflazionistico. Medio - alto Investitori

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Per un allocazione efficiente del risparmio in Italia Progetto Federazione ABI-ANIA e Assogestioni Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Giuseppe Lusignani Università di Bologna

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

Fondi appartenenti al Sistema Fondi Zenit

Fondi appartenenti al Sistema Fondi Zenit COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA DEL 14 APRILE 2005 E VALIDA PER L AGGIORNAMENTO DEL PROSPETTO INFORMATIVO AI SENSI DELL ART.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

Sistema Ducato, Sistema Ducato Etico e Ducato Multimanager

Sistema Ducato, Sistema Ducato Etico e Ducato Multimanager Sistema Ducato, Sistema Ducato Etico e Ducato Multimanager Comunicazione ai Partecipanti ai Fondi/Comparti appartenenti al Sistema Ducato, Sistema Ducato Etico e Ducato Multimanager Gentile Cliente, con

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

FONDI COMUNI D INVESTIMENTO SISTEMA SYMPHONIA

FONDI COMUNI D INVESTIMENTO SISTEMA SYMPHONIA FONDI COMUNI D INVESTIMENTO SISTEMA SYMPHONIA 15 fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE Symphonia Selezione Italia Symphonia Azionario Euro

Dettagli

Il Prospetto d offerta è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto.

Il Prospetto d offerta è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto. EURIZON CAPITAL SGR S.p.A. Società appartenente al Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

Glossario APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA ARCA FORMULA EUROSTOXX 2015

Glossario APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA ARCA FORMULA EUROSTOXX 2015 Glossario APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA ARCA FORMULA EUROSTOXX 2015 Data di deposito in Consob del Glossario: 17/05/2010. Data di validità del Glossario: 01/06/2010.

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato Pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della CONSOB in data 31 gennaio 2012 Società di gestione Collocatore Unico 2/44 Il presente Prospetto Semplificato

Dettagli

Trascrizione Videochat ANIMA del 14 maggio 2015

Trascrizione Videochat ANIMA del 14 maggio 2015 Trascrizione Videochat ANIMA del 14 maggio 2015 Lo strumento che ANIMA utilizza per comunicare con la massima chiarezza e trasparenza ai propri clienti e partner commerciali Partecipano: Armando Carcaterra

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID)

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) : Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non si tratta di un documento

Dettagli

SISTEMA FONDI ZENIT MC

SISTEMA FONDI ZENIT MC GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO SISTEMA FONDI ZENIT MC ZENIT MC BREVE TERMINE ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO ZENIT MC PIANETA ITALIA ZENIT MC MEGATREND ZENIT MC EVOLUZIONE ZENIT MC PARSEC

Dettagli

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA SYMPHONIA GESTITI DA SYMPHONIA SGR validità 1 gennio 2012 TESTO A FRONTE PER CONFRONTO VARIAZIONI REGOLAMENTARI

Dettagli

C come cedola! Allianz Global Investors. III trimestre 2015

C come cedola! Allianz Global Investors. III trimestre 2015 Allianz Global Investors C come cedola! III trimestre Nello scenario di mercato attuale, caratterizzato da crescita economica contenuta, rendimenti nominali bassi e deflazione, l investitore ricerca sempre

Dettagli

PROGRESSIVE PENSION PLAN - PROGRAMMA DINAMICO - FONDO PENSIONE Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

PROGRESSIVE PENSION PLAN - PROGRAMMA DINAMICO - FONDO PENSIONE Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) PROGRESSIVE PENSION PLAN - PROGRAMMA DINAMICO - FONDO PENSIONE Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE ZENIT MC BREVE TERMINE ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO ZENIT MC PIANETA ITALIA ZENIT MC EVOLUZIONE ZENIT MC PARSEC ZENIT MC MEGATREND RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

Dettagli

Q&A: Dachfonds Südtirol

Q&A: Dachfonds Südtirol La soluzione bilanciata flessibile prudente di Raiffeisen Capital Management Pagina 1 di 5 Nel presente documento potrà trovare le risposte alle sue domande relative al nostro fondo bilanciato flessibile

Dettagli

L offerta dei Fondi Comuni si è rinnovata

L offerta dei Fondi Comuni si è rinnovata Gennaio - 2007 Pubblicazione a cura di RAS Asset Management SGR Piazza Velasca 7/9 20122 Milano www.ramsgr.it L offerta dei Fondi Comuni si è rinnovata La notizia è stata pubblicata dai quotidiani Il Sole

Dettagli

Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 85/611/CE gestiti da Anima SGR

Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 85/611/CE gestiti da Anima SGR Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 85/611/CE gestiti da Anima SGR ANIMA LIQUIDITA Fondo Liquidità Area Euro FONDO LIQUIDITA

Dettagli

Offerta al pubblico di UNIBONUS STRATEGY prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RP) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di UNIBONUS STRATEGY prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RP) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di UNIBONUS STRATEGY prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RP) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO CREDITRAS

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico ASSET SG S.p.A. A SOCIO UNICO Via Tre Settembre, 210 47891 Dogana R.S.M.

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 1 gennaio 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Regolamento di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento appartenenti al sistema UBI Pramerica Fondi armonizzati UBI Pramerica

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE BONUS STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RV) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE BONUS STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RV) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE BONUS STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RV) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS F OBBLIGAZIONARIO

Dettagli

Franklin Templeton Investments

Franklin Templeton Investments Franklin Templeton Investments I Portafogli a Cedola Aprile 2014 Le cedole Franklin Templeton «Bilanciamo» i nostri portafogli a cedola La nostra selezione con fondi obbligazionari e bilanciati I nuovi

Dettagli

Trascrizione Videochat ANIMA del 24 settembre 2015

Trascrizione Videochat ANIMA del 24 settembre 2015 Trascrizione Videochat ANIMA del 24 settembre 2015 Lo strumento che ANIMA utilizza per comunicare con la massima chiarezza e trasparenza ai propri clienti e partner commerciali Partecipano: Luca Felli

Dettagli

1 gennaio 2007: la nuova gamma fondi Ducato

1 gennaio 2007: la nuova gamma fondi Ducato 21 settembre 06 Fondi Ducato: la nuova gamma Numero 1 1 gennaio 2007: la nuova gamma fondi Ducato Premessa La scorsa primavera Monte Paschi Asset Management Sgr si è adeguata ai nuovi standard di mercato

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

La gestione patrimoniale che stai cercando.

La gestione patrimoniale che stai cercando. La gestione patrimoniale che stai cercando. Vorrei investire professionalmente i miei risparmi Vorrei avere un referente competente e riservato che sappia ascoltarmi Vorrei scegliere tra prodotti d investimento

Dettagli

FONDI DI INVESTIMENTO E TUTELA DEL RISPARMIO. 5 buoni motivi per scegliere con fiducia i Fondi di Investimento

FONDI DI INVESTIMENTO E TUTELA DEL RISPARMIO. 5 buoni motivi per scegliere con fiducia i Fondi di Investimento FONDI DI INVESTIMENTO E TUTELA DEL RISPARMIO 5 buoni motivi per scegliere con fiducia i Fondi di Investimento Il risparmio gestito gioca una partita fondamentale nel campo della tutela degli investimenti,

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Nel 212 la ricchezza netta delle famiglie, pari alla somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie, si è attestata

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 6 giugno 2011 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia

Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia 1 2 Oggetto: Documento di Informazione relativo all operazione di fusione del fondo Arca Capitale Garantito Giugno 2013 nel fondo Arca

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Parte II del Prospetto Informativo Illustrazione dei dati storici di rischio/rendimento, costi e turnover di portafoglio

Dettagli

Tassi a zero e Azioni: le risposte per il Cliente

Tassi a zero e Azioni: le risposte per il Cliente Tassi a zero e Azioni: le risposte per il Cliente 2 Eurizon Capital: un grande patrimonio di competenza e fiducia 193 miliardi Patrimonio gestito 1,4 milioni di clienti retail (fondi italiani e GP) 15%

Dettagli

Nota Informativa. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 5036

Nota Informativa. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 5036 Nota Informativa PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - PROGRESSIVE PENSION PLAN - PROGRAMMA DINAMICO - FONDO PENSIONE Forma pensionistica complementare individuale attuata mediante contratto

Dettagli

Schroders Obbligazioni convertibili: ecco le opportunità

Schroders Obbligazioni convertibili: ecco le opportunità PER CONSULENTI E INVESTITORI QUALIFICATI Schroders Obbligazioni convertibili: ecco le opportunità Dopo la bufera che ha sconvolto il mercato dei mutui sub-prime e la stretta creditizia che ne è derivata,

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AI FONDI COMUNI RIENTRANTI NEL SISTEMA FONDI APERTI GESTNORD FONDI IN MERITO A

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AI FONDI COMUNI RIENTRANTI NEL SISTEMA FONDI APERTI GESTNORD FONDI IN MERITO A spazio riservato all indirizzo inserito con etichetta Milano, 20 settembre 2007 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AI FONDI COMUNI RIENTRANTI NEL SISTEMA FONDI APERTI GESTNORD FONDI Gentile Cliente, IN MERITO

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Investments Life S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2014) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments Life

Dettagli

POLITICHE DI INVESTIMENTO DEI PRODOTTI

POLITICHE DI INVESTIMENTO DEI PRODOTTI Milano, 28 febbraio 2005 Prot. n. 001407/2005/DG/LB Gentile Sottoscrittore, anche quest anno Zenit SGR S.p.A. invia alla Sua attenzione, quale partecipante ai fondi comuni di investimento gestiti dalla

Dettagli

SISTEMA EUROMOBILIARE

SISTEMA EUROMOBILIARE GRUPPO CREDEM SISTEMA EUROMOBILIARE PARTE I DEL PROSPETTO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE Data di deposito in Consob della Parte I: 24/03/2015 Data di validità della Parte I: 01/04/2015

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

FUTURES. DJStoxx 50 2,937.00 23.00 0.79 FUTURES FTSE 100 5,424.00 45.50 0.85 DAX 30 5,897.50 44.50 0.76 S&P/MIB 23,305.00 150.00 0.

FUTURES. DJStoxx 50 2,937.00 23.00 0.79 FUTURES FTSE 100 5,424.00 45.50 0.85 DAX 30 5,897.50 44.50 0.76 S&P/MIB 23,305.00 150.00 0. 10 EQUITY INDEXES DJStoxx 600 257.74 1.44 0.56 FTSE 100 5,466.04 45.24 0.83 DAX 30 5,895.41 43.88 0.75 CAC 40 3,963.12 34.17 0.87 FTSE MIB 23,324.23 198.21 0.86 EUROPE MOST ACTIVE BY VOLUME PRICE % CHANGE

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIPLAN prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL7RPL)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIPLAN prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL7RPL) Società del gruppo ALLIANZ S.p.A. Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIPLAN prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL7RPL) La presente documentazione si compone delle

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 9 luglio 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi, dopo l introduzione del pacchetto di misure da

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Anno VII - n. 3 di Gennaio 2008 - Semestrale - Prezzo a copia euro 0,635 - Periodico di Edizioni Grafiche Mazzucchelli S.r.l. Registrazione Tribunale di Milano n. 449 del 19/6/2000 Direttore responsabile:

Dettagli

Offerta al pubblico di UNIVALORE STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL13US) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di UNIVALORE STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL13US) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di UNIVALORE STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL13US) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS F INFLAZIONE

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Regolamento dei fondi interni di Veneto Global Profile unit linked, prodotto finanziario assicurativo di tipo unit linked

Regolamento dei fondi interni di Veneto Global Profile unit linked, prodotto finanziario assicurativo di tipo unit linked Skandia Vita S.p.A. Impresa di assicurazione appartenente al Gruppo Skandia Regolamento dei fondi interni di Veneto Global Profile unit linked, prodotto finanziario assicurativo di tipo unit linked Art.

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

scenario 2009 piccole e medie imprese macroeconomia e mercati Vicini a voi.

scenario 2009 piccole e medie imprese macroeconomia e mercati Vicini a voi. scenario 2009 macroeconomia e mercati AGGIORNAMENTO 1 semestre piccole e medie imprese Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal Lettura delle schede Giunta alla sua decima edizione, la Guida permette agli investitori di accedere ad analisi indipendenti e nuovi strumenti per la selezione dei fondi, compresi i Morningstar Analyst

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Gennaio 2015. Stimato Cliente,

Gennaio 2015. Stimato Cliente, Rex House tel +44 (0) 20 7024 6000 10 Regent Street fax +44 (0) 20 7024 6001 London SW1Y 4PE www.russell.com Gennaio 2015 Stimato Cliente, giunti alla fine di un 2014 ricco di eventi, è mio desiderio ringraziarla

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

NOTA TECNICA RELATIVA ALLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE ED ALLE MODIFICHE REGOLAMENTARI

NOTA TECNICA RELATIVA ALLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE ED ALLE MODIFICHE REGOLAMENTARI NOTA TECNICA RELATIVA ALLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE ED ALLE MODIFICHE REGOLAMENTARI dei Fondi Comuni di diritto italiano e dei Fondi appartenenti al Sistema Mediolanum Elite gestiti da Mediolanum Gestione

Dettagli

300 MIGLIORI FONDI. Selezionati tra i : Annuario CFS Rating 2015

300 MIGLIORI FONDI. Selezionati tra i : Annuario CFS Rating 2015 14 Febbraio 2015 Annuario CFS Rating 2015 Selezionati tra i : 300 MIGLIORI FONDI * Fino al 01.02.2015 il Fondo era denominato Euromobiliare Bilanciato e la politica di investimento era diversa 2014- CFS

Dettagli

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile FONDI ARMONIZZATI FONDI LIQUIDITÀ Vegagest Monetario FONDI OBBLIGAZIONARI Vegagest Obb. Euro Breve Termine Vegagest Obb. Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine Vegagest Obb. Internazionale Vegagest Obb.

Dettagli

GPF GESTIONI PATRIMONIALI IN FONDI

GPF GESTIONI PATRIMONIALI IN FONDI AcomeA GPF GESTIONI PATRIMONIALI IN FONDI Allegato 2 Caratteristiche delle Linee di Gestione AcomeA GPF GESTIONI PATRIMONIALI IN FONDI ATTESTAZIONE DI AVVENUTA CONSEGNA Il/i sottoscritto/i - - - - attesta/no

Dettagli

La Parte II del Prospetto, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte II del Prospetto, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE PARTE II DEL PROSPETTO ILLUSTRAZIONE DEI DATI PERIODICI DI RISCHIO-RENDIMENTO E COSTI DEI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA

Dettagli

Offerta al pubblico di UNIVALORE PLUS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL12UD)

Offerta al pubblico di UNIVALORE PLUS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL12UD) Società del gruppo ALLIANZ S.p.A. Offerta al pubblico di UNIVALORE PLUS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL12UD) Si raccomanda la lettura della Parte I (Informazioni

Dettagli

Guida alla classificazione

Guida alla classificazione a s s o c i a z i o n e d e l r i s p a r m i o g e s t i t o Guida alla classificazione A S S O G E S T I O N I La presente pubblicazione illustra i contenuti e le modalità di funzionamento del modello

Dettagli