MERCATI FOCUS SU PRODOTTI. 28 dicembre Andamento La gestione del risparmio dopo la crisi. Il nuovo regolamento emittenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MERCATI FOCUS SU PRODOTTI. 28 dicembre 2009. Andamento 2009. La gestione del risparmio dopo la crisi. Il nuovo regolamento emittenti"

Transcript

1 5 28 dicembre 2009 PERIODICO SEMESTRALE DI AGGIORNAMENTO FINANZIARIO MERCATI Andamento 2009 FOCUS SU La gestione del risparmio dopo la crisi PRODOTTI Il nuovo regolamento emittenti

2

3 Gentile Cliente, Le presentiamo il quinto numero di Euromobiliare News all interno del quale potrà trovare un intervista ad Alessandro Fugnoli dove si propone una panoramica sull andamento dei mercati nel 2009 e sulle prospettive macro economiche per i prossimi mesi. In un articolo di Federico Marzi, Direttore Commerciale di Euromobiliare AM Sgr, parliamo di come si sono comportati i risparmiatori durante la crisi e del ritorno agli investimenti. Infine Le presentiamo alcune novità riguardanti i prodotti della nostra gamma che entreranno in vigore dal 1 gennaio Al fine di renderle più agevole la consultazione delle informazioni, troverà uno schema riepilogativo con il dettaglio delle variazioni avvenute. Con i migliori saluti, Euromobiliare AM Sgr

4 4 L ANDAMENTO DEI MERCATI NEL 2009 Intervista ad Alessandro Fugnoli * Iniziamo riepilogando brevemente quanto è successo nel 2009: una forte ripresa dei mercati poco giustificata dall economia reale? La ripresa dei mercati non è priva di ragioni. Agli inizi di marzo le borse e i crediti quotavano economie che stavano inabissandosi e un sistema finanziario a rischio di collasso. Il tempo passa in fretta e altrettanto in fretta ci si dimentica delle cose, ma in quelle settimane i dati macro segnalavano una velocità annualizzata di contrazione del Pil dell ordine del 6 per cento in America e in Europa. La produzione industriale era in caduta libera, così come il commercio internazionale. In alcuni paesi asiatici molto esposti al ciclo internazionale la produzione industriale era in caduta del per cento rispetto all anno precedente. In pratica era successo che le imprese avevano reagito al calo improvviso dei consumi con un taglio ancora più feroce della produzione e con licenziamenti veloci e massicci. In una situazione già molto difficile, infatti, le imprese non potevano fare ricorso alle banche per superare la fase più dura. Le banche, invece di concedere più credito, chiedevano alle imprese di rientrare rapidamente e restituire soldi proprio nel momento più delicato. A livello di sistema finanziario la crisi aveva avuto due momenti di particolare tensione. Il primo era stato nell ottobre del 2008, dopo il fallimento di Lehman Brothers, quando si era evitata per poco una corsa ai depositi che avrebbe comportato fallimenti a catena di banche. Il secondo fu invece in febbraio. La crisi finanziaria dell Europa orientale rischiava di provocare gravi guasti alle banche dell Europa occidentale, mentre le difficoltà di alcuni paesi dell Europa meridionale come Spagna e Grecia, nonché dell Irlanda, sembravano poter compromettere la tenuta stessa dell euro. L intervento dei governi e delle Banche Centrali, tanto in ottobre quanto in febbraio, ha evitato il disastro. Si può discutere sulle responsabilità della crisi e si può imputare ai governi un qualche ritardo nella risposta, ma alla fine questa ha raggiunto la massa critica ed è stata in grado di evitare che il mondo scivolasse in una nuova Grande Depressione. Oggi la crescita delle economie occidentali ha una velocità annualizzata del 2-3 per cento. Non è molto, è vero, ma passare da - 6 a + 2 è comunque un escursione di 8 punti. Per quanto significativa, poi, la riaccelerazione non va vista solo in termini quantitativi. Si tratta infatti della differenza tra la morte e la vita, tra una prognosi infausta molto somigliante agli anni Trenta e l avvio di una guarigione faticosa, ma ormai indiscutibile. La guarigione è faticosa anche perché questa volta non si vuole drogare troppo la domanda, ma si cerca invece di fare riprendere forza al paziente e al tempo Oggi la crescita delle economie occidentali ha una velocità annualizzata del 2-3 per cento. Non è molto, è vero, ma passare da - 6 a + 2 è comunque un escursione di 8 punti. stesso di iniziare a disintossicarlo, riducendo la sua dipendenza strutturale dal debito. La ripresa delle borse e dei crediti appare quindi fino a questo momento giustificata. Certo, c è ancora una situazione diffusa di malessere perché la disoccupazione sta ancora aumentando, anche se sempre più lentamente, e perché il mondo delle piccole e medie imprese è sotto forte pressione perché fatica a ottenere credito. Le grandi imprese, tuttavia, hanno retto alla crisi molto meglio di come si poteva pensare. Per non parlare dello stimolo che continua ad arrivare dall Asia. Che politiche possiamo attenderci dalla Banche Centrali per il 2010? Il costo del denaro continuerà ad essere contenuto per facilitare la ripresa dell economia reale? La paura di un ritorno dell inflazione sembra mal conciliarsi con gli attuali livelli di disoccupazione. La paura dell inflazione nasce da un equivoco. Si pensa che la creazione di base monetaria da parte delle Banche Centrali porterà automaticamente a una pressione dei prezzi, ma in realtà non c è un rapporto meccanico di causa ed effetto. Le Banche Centrali infatti creano dal nulla liquidità, la usano per comperare titoli dalle banche, ma le banche ridepositano questa liquidità presso le Banche Centrali. In pratica la nuova liquidità non esce dal circuito banche-banche Centrali ed è per questo che non si vede nemmeno l ombra dell inflazione. Certo, a un certo punto le banche riprenderanno a erogare credito alle imprese e alle per-

5 sone. Quanto meno, questa è la speranza di tutti. Ma nemmeno in quel momento l inflazione riprenderà necessariamente forza. L inflazione prende slancio quando la domanda supera l offerta disponibile di persone da impiegare e risorse da utilizzare. C è però in giro una quantità così elevata di persone disoccupate e di impianti fermi, che occorreranno anni prima che la domanda riesca a riassorbire tutta l offerta inutilizzata. Per questo le Banche Centrali di Stati Uniti, Eurolandia e Giappone terranno i tassi molto vicini a zero per tutto il 2010 e anche oltre. Non si può naturalmente escludere a priori che a un certo punto ai governi possa venire in mente di provocare a tavolino l inflazione per smaltire una parte del debito pubblico che si è venuto accumulando. Una tale decisione appare al momento poco probabile. I mercati saranno molto attenti a punire i governi che dovessero avviarsi su questa strada. Molti investitori restano prudenti e continuano a preferire le obbligazioni alle azioni. Quali sono le vostre previsioni per i prossimi mesi? In una fase di ripresa, normalmente, le Borse sono l investimento migliore. Seguono i crediti, cioè le obbligazioni societarie, mentre i titoli più difensivi, quelli del debito pubblico, danno meno soddisfazioni. Anche questa volta dovrebbe essere così. La ragione è intuitiva. La ripresa dell economia migliora i margini delle imprese e giustifica sia l aumento del valore delle azioni sia quello delle obbligazioni, che beneficiano del maggiore grado di certezza sulla capacità da parte delle imprese di rimborsare i creditori. I titoli di stato a breve, che sono un ottimo parcheggio in tempi di bufera, sono e saranno ancora penalizzati da rendimenti risibili e inferiori al tasso d inflazione. I titoli di stato lunghi e a tasso fisso, dal canto loro, rendono di più e non daranno particolari problemi nei prossimi mesi. Più avanti, tuttavia, diverranno vulnerabili a un eventuale ripresa dell inflazione. Nella prossima fase sarà quindi meglio prendere qualche rischio di credito (diversificando il più possibile) piuttosto che cercare di aumentare il rendimento allungandosi nelle scadenze. Tra la debolezza del dollaro e i mercati azionari, sostiene l economista Nouriel Roubini, c è una forte correlazione. La speculazione sulle valute, per l economista, gioca un ruolo fondamentale nell andamento dei mercati. Con rischi notevoli. «Quando la discesa del dollaro si fermerà - è convinto Roubini - l inversione di marcia (ma in negativo) si ripercuoterà sui mercati finanziari». Che opinione avete sul mercato valutario? La moneta verde rappresenterà un indicatore utile per i mercati finanziari? Al di là della volatilità spicciola, la tendenza di fondo sarà quella di un dollaro ancora moderatamente debole verso l euro. Da qui in avanti, tuttavia, il compito di rivalutare spetterà principalmente ai Paesi Emergenti. Al momento non si vede una possibilità di forte recupero del dollaro, né c è in fondo da augurarsela. Il dollaro debole, a condizione che si tratti di una debolezza ben controllata, è uno stimolante per l economia mondiale perché induce Europa e Asia a compensare la forza delle loro valute con politiche monetarie più espansive, ovvero con tassi bassi. In ogni caso, anche se si dovesse verificare una brusca inversione di tendenza e un rafforzamento improvviso del dollaro non ci sarebbe da essere troppo preoccupati. Le posizioni speculative finanziate in dollari sono molto più piccole rispetto a due anni fa e se anche dovessero essere improvvisamente chiuse il danno per i mercati sarebbe solo momentaneo. I Paesi Emergenti che ruolo avranno nella ripresa economica del 2010? Rappresenteranno ancora un mercato azionario interessante? I Paesi Emergenti sono stati coinvolti nella crisi per via del calo improvviso del commercio internazionale. Appena l interscambio ha dato cenni di ripresa questi paesi sono tornati a tassi di crescita brillanti. Va ricordato che sono paesi finanziariamente sani che hanno i conti pubblici spesso in ordine e sono generalmente creditori nei confronti dell estero. Rispetto agli anni Ottanta e Novanta il capovolgimento è impressionante. Ora i grandi debitori sono gli Stati Uniti (debito interno e debito estero) nonché Europa e Giappone (che hanno solo debito interno, ma crescente). I Paesi Emergenti sono quindi oggi più che mai un area interessante strategicamente. Bisogna solo ricordare che i loro mercati sono ancora oggi più volatili dei nostri. Sarà bene quindi avere una strategia di un certo respiro distribuita nel corso dei prossimi anni, ovvero alleggerire le borse occidentali nelle fasi di forza e comprare borse emergenti nelle fasi di debolezza. *Alessandro Fugnoli Strategist di Abaxbank, Banca d Investimento del Gruppo Credem 5

6 6 FOCUS SU LA GESTIONE DEL RISPARMIO DOPO LA CRISI Dopo le forti perdite registrate dai listini nel 2008 (quando l indice della Borsa mondiale ha lasciato sul terreno oltre il 40% e Piazza Affari ha perso il 48%) il rimbalzo dei mercati nel 2009 ha riportato i risparmi delle famiglie italiane nelle attività finanziarie sottraendoli da quelle non finanziarie. Abbiamo assistito dunque nel corso dell anno ad un graduale ritorno dell appetito per il rischio degli investitori, che anche nel risparmio gestito hanno consentito al settore di recuperare molto di quanto perso la diversificazione, la trasparenza ed il controllo del rischio rappresentano le basi migliori sulle quali valutare le proprie scelte di portafoglio. nel 2008, prima verso prodotti più difensivi per poi spostarsi gradualmente verso il mondo delle obbligazioni societarie e solo verso gli ultimi mesi dell anno sul mercato azionario (novembre è stato il 6 mese con raccolta positiva sui Fondi Comuni di investimento da inizio anno 1 ). Un ritorno al risparmio per gli investitori italiani che contrasta con il 2008, il vero anno di crisi vissuto nel nostro Paese dove il forte deterioramento della capacità di investire per le famiglie va infatti ascritto alle difficoltà crescenti nella pianificazione economica e nella necessità di essere più liquidi possibile. La possibilità per una parte consistente della popolazione italiana di accantonare risparmi si è dimostrata nuovamente una peculiarità molto positiva, tale da contribuire ad attenuare il senso di crisi nel confronto internazionale. L Italia mantiene un elevato livello di ricchezza privata, cresciuta nel tempo proprio grazie al risparmio delle famiglie che fa da contraltare all elevato livello di debito pubblico. Ricominciare ad investire nei primi mesi del 2009 significava per gli investitori tornare a scegliere tra diverse attività finanziarie, ma un Fondo comune obbligazionario corporate o un comparto dedicato al debito emergente significa soprattutto tor-

7 nare a dare fiducia ai mercati finanziari e soprattutto a quegli strumenti d investimento che anche durante la crisi del 2008 hanno dimostrato come la diversificazione, la trasparenza ed il controllo del rischio rappresentino le basi migliori sulle quali valutare le proprie scelte di portafoglio. Ci sono molti buoni motivi per continuare a dare fiducia ai Fondi comuni di investimento ma per Euromobiliare AM SGR sono soprattutto tre i pilastri per una buona scelta di portafoglio: [1] la Diversificazione: evitare di concentrare tutto il patrimonio su un unico titolo, settore o area geografica permette di ridurre i rischi e dare più stabilità ai rendimenti. I Fondi hanno l obiettivo di costruire portafogli diversificati in modo che l andamento negativo di una particolare classe di investimento possa essere bilan- collegate fra loro tendono ad avere un comportamento simile nelle varie fasi del ciclo economico, ma non si tratta di una correlazione totale. Inoltre, se i periodi particolarmente difficili per i mercati finanziari mettono a dura prova anche le strategie d investimento più accorte, è proprio disponendo di un portafoglio diversificato che è possibile attutire i colpi inferti dalle crisi ed essere pronti a beneficiare dei rialzi al momento della ripresa. [2] La Trasparenza: Ogni giorno il valore della quota di un Fondo, in gergo tecnico NAV (Net Asset Value), viene pubblicato sui principali quotidiani e su Internet, affinché il risparmiatore possa essere sempre aggiornato sull andamento del proprio investimento. Costi e risultati dei Fondi comuni di investimento liare AM SGR ha sempre prestato la massima attenzione all innovazione di prodotto con l obiettivo, da un lato di disporre di una gamma sempre in linea con i bisogni di base dei risparmiatori e, dall altro, di offrire prodotti coerenti in termini di rischiosità attesa e condivisa in fase di sottoscrizione. La diffusione del fenomeno secondo il quale l avversione alle perdite è più forte che non l impulso a cogliere al volo opportunità di guadagno, e questo non solo quando il panico regna sul mercato ma anche in condizioni normali, rende il controllo del rischio dei portafogli un attività strategica, prioritaria e costantemente monitorata all interno del settore del risparmio gestito. Come ribadito anche da un indagine realizzata da Assogestioni su risparmiatori, promotori finanziari e specialisti delle banche, le caratteristiche che contraddistinguono i Fondi comuni e che li rendono uno strumento adatto per chi investe con l obiettivo di consolidare e accrescere un capitale nel tempo, impegnano da un lato i risparmiatori ad incrementare il loro livello di conoscenza dello strumento, e dall altro i gestori ad offrire prodotti più comprensibili e conformi alle necessità di una clientela oggi a volte disorientata e insoddisfatta. 7 Federico Marzi Responsabile Direzione Commerciale Euromobiliare AM SGR ciato dalle performance di altre asset class proprio perché queste tendono a comportarsi in modo differente a seconda del momento. Negli ultimi tempi la correlazione fra mercati è tuttavia aumentata: questo significa che asset class in precedenza poco sono quindi facilmente controllabili da parte degli investitori e le performance rappresentano esattamente il guadagno dell investitore. [3] L Innovazione di Prodotto ed il Controllo del rischio: Euromobi- 1 Fonte Assogestioni

8 8 NUOVO REGOLAMENTO EMITTENTI Delibera Consob n del 19 marzo 2009 Consob, con Delibera n del 19 marzo 2009, ha apportato alcune modifiche al Regolamento Emittenti (n /99), prevedendo, tra l altro, la variazione degli schemi di Prospetto relativi ai Fondi Comuni di Investimento mobiliare aperti di diritto italiano. Il nuovo Regolamento Emittenti, in vigore dal impone agli intermediari di adeguarsi al nuovo schema in occasione del primo aggiornamento utile, che per i Fondi appartenenti al Sistema Euromobiliare è previsto per il Consob, inoltre, ha fornito agli intermediari specifiche istruzioni di carattere metodologico (Comunicazione n del 24 marzo 2009 e Quaderno di Finanza del 6 aprile 2009) per la determinazione dell informativa da riportare sul Prospetto d offerta, con riguardo ai seguenti punti: Orizzonte temporale d investimento consigliato; Grado di rischio connesso all investimento nel Fondo; Grado di scostamento rispetto al benchmark. A seguito dell applicazione di tali metodologie, ai sensi del Regolamento di Banca di Italia del 14 aprile 2005 e del Regolamento Emittenti così come modificato dalla Delibera n /2009 (art. 19 comma 2), il Prospetto d offerta dei Fondi Comuni d investimento Euromobiliare AM SGR, redatto secondo il nuovo schema, prevederà a partire dal , oltre alle modifiche già comunicate con lettera del (operazioni di fusione, variazione benchmark e variazione delle politiche di gestione di alcuni fondi), anche le variazioni riportate nella tabella seguente, che non avranno alcun impatto sulle politiche di investimento adottate.

9 FONDI ORIZZONTE TEMPORALE (1) GRADO DI RISCHIO (2) GRADO DI SCOSTAMENTO RISPETTO AL BENCHMARK (3) fino al dal (4) fino al dal fino al dal Euromobiliare Conservativo 0,5 anni PIC : 2 anni PAC : 2 anni Basso Basso Contenuto Contenuto Euromobiliare Prudente 2/3 anni PIC : 3 anni PAC : 4 anni Medio Basso Medio Basso Contenuto Contenuto Euromobiliare Reddito 2/5 anni PIC : 3 anni PAC : 4 anni Medio Medio Contenuto Contenuto Euromobiliare Emerging Markets Bond 5/10 anni PIC : 3 anni PAC : 4 anni Alto Medio Alto Significativo Rilevante Euromobiliare International Bond 3/7 anni PIC : 3 anni PAC : 4 anni Medio Medio Alto Significativo Significativo Euromobiliare Bilanciato 5/10 anni PIC : 4 anni PAC : 5 anni Medio Alto Medio Alto Significativo Significativo Euromobiliare Moderato 5/7 anni PIC : 4 anni PAC : 4 anni Medio Medio Significativo Rilevante Euromobiliare Dinamico 7/10 anni PIC : 5 anni PAC : 5 anni Alto Alto Significativo Significativo Euromobiliare Azioni Italiane 5/10 anni PIC : 5 anni PAC : 5 anni Alto Alto Significativo Significativo Euromobiliare Azioni Internazionali (ex Euromobiliare Megatrend che dal incorpora Euromobiliare America Equity Fund - Euromobiliare Asian Opportunities - Euromobiliare Global Emerging Markets) 5/10 anni PIC : 5 anni PAC : 5 anni Molto Alto Alto Significativo Significativo Euromobiliare Europe Equity Fund 5/10 anni PIC : 5 anni PAC : 5 anni Alto Alto Significativo Significativo Euromobiliare Real Assets (Non Armonizzato) 3/5 anni PIC : 5 anni PAC : 6 anni Medio Alto Medio Alto Euromobiliare Strategic Flex (ex Euromobiliare Flex Dividend che dal incorpora Euromobiliare Strategic) 2/3 anni PIC : 5 anni PAC : 6 anni Alto Medio Alto Euromobiliare Total Return Flex 2 2 anni PIC : 3 anni PAC : 3 anni Medio Basso Medio Basso Euromobiliare Total Return Flex 3 (Non Armonizzato) (che dal incorpora Euromobiliare Total Return Flex 4 (Non Armonizzato)) 3/5 anni PIC : 4 anni PAC : 6 anni Medio Alto Medio Alto Variazioni apportate in seguito all applicazione delle metodologie Consob. NOTE (1) Orizzonte temporale d investimento consigliato: è determinato in relazione al grado di rischio, alla tipologia di gestione e alla struttura dei costi dell investimento finanziario nel rispetto del principio della neutralità al rischio e viene espresso in termini di anni. (2) Grado di rischio del Fondo: indicatore sintetico qualitativo del profilo di rischio del fondo in termini di grado di variabilità dei rendimenti degli strumenti finanziari in cui è allocato il capitale investito. Il grado di rischio varia in una scala qualitativa tra: basso, medio - basso, medio, medio - alto, alto e molto - alto. (3) Scostamento rispetto al benchmark: il grado di scostamento dal benchmark è misurato come differenza tra la volatilità del fondo e quella del benchmark. In termini descrittivi viene indicato attraverso uno dei seguenti aggettivi: Contenuto, Significativo e Rilevante. (4) PIC: proposta di investimento per la sottoscrizione del Fondo in un unica soluzione. PAC: proposta di investimento per la sottoscrizione del Fondo mediante piano di accumulo.

10 10 SCHEMA RIEPILOGATIVO VARIAZIONI APPORTATE ALLA GAMMA PRODOTTI AL 1º GENNAIO 2010 PRINCIPALI VARIAZIONI ATTUALMENTE COMUNICATE GAMMA PRODOTTI AL 1º GENNAIO 2010 GAMMA PRODOTTI ATTUALE PRINCIPALI VARIAZIONI COMUNICATE IL CATEGORIA ASSOGESTIONI GRADO DI SCOSTAMENTO RISPETTO AL BENCHMARK NOME GRADO DI RISCHIO ORIZZONTE TEMPORALE FONDO SOGGETTO A FUSIONE FONDO INCORPORANTE POLITICA DI GESTIONE BENCHMARK CATEGORIA ASSOGESTIONI NOME NOME FONDI MONETARI Euromobiliare Conservativo F.di Liquidità Area Euro Euromobiliare Conservativo F.di Liquidità Area Euro Euromobiliare Contovivo F.di Liquidità Area Euro FONDI OBBLIGAZIONARI Euromobiliare Prudente Obb. Euro Governativi BT Euromobiliare Prudente Obb. Euro Governativi BT Euromobiliare Reddito Obb. Euro Governativi M/L T Euromobiliare Reddito Obb. Euro Governativi M/L T Euromobiliare Emerging Markets Bond Obb. Paesi Emergenti Euromobiliare Emerging Markets Bond Obb. Paesi Emergenti Euromobiliare International Bond Obb. Internazionale Euromobiliare International Bond Obb. Internazionale Governativo FONDI BILANCIATI Euromobiliare Bilanciato Bilanciati Euromobiliare Bilanciato Bilanciati Euromobiliare Moderato Bilanciato Obbligazionario Euromobiliare Moderato Bilanciato Obbligazionario Euromobiliare Dinamico Bilanciato Azionario Euromobiliare Dinamico Bilanciato Azionario FONDI AZIONARI Euromobiliare Azioni Italiane Azionari Italia Euromobiliare Azioni Italiane Azionari Italia Euromobiliare Megatrend Azionari Internazionali Euromobiliare America Equity Azionari America Euromobiliare Asian Opportunities Azionari Pacifico Euromobiliare Azioni Internazionali Azionari Internazionali Euromobiliare Global Emerging Markets Azionari Paesi Emergenti Euromobiliare Europe Equity Azionari Europa Euromobiliare Europe Equity Azionari Europa FONDI FLESSIBILI Euromobiliare Real Assets Flessibili Euromobiliare Real Assets Flessibili Euromobiliare Flex Dividend Flessibili Euromobiliare Strategic Flessibili Euromobiliare Strategic Flex Flessibili Euromobiliare Total Return Flex 2 Obbligazionari Flessibili Euromobiliare Total Return Flex 2 Obbligazionari Flessibili Euromobiliare Total Return Flex 3 Flessibili Euromobiliare Total Return Flex 4 Flessibili Euromobiliare Total Return Flex 3 Flessibili

11 11 EUROMOBILIARE NEWS PERIODICO SEMESTRALE DI AGGIORNAMENTO FINANZIARIO DI EUROMOBILIARE ASSET MANAGEMENT SGR Anno II 2009 n. 5 Direttore Responsabile Simona Besana Redazione Simona Besana, Cristina Forti Hanno collaborato Clelia Cameroni, Cinzia Chionna, Alessandro Fugnoli, Federico Marzi Editore DM Group Progetto grafico e stampa MIA Mind in Action Srl Via Dario Gaiti, Correggio (RE) Registrazione al Tribunale di Milano n. 18 del 10/01/08 INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL D.LGS N La informiamo che i Suoi dati sono conservati nel data base informatico del titolare e responsabile del trattamento: Euromobiliare Asset Management SGR SpA. I Suoi dati saranno utilizzati dalla nostra società solo per l invio di materiale informativo. Ai sensi dell art. 7 del citato D.Lgs., Lei ha diritto di conoscere, aggiornare, rettificare, cancellare i Suoi dati, nonché di esercitare tutti i restanti diritti ivi previsti, mediante comunicazione scritta a Euromobiliare Asset Management SGR SpA - corso Monforte, Milano.

12 Euromobiliare Asset Management SGR SpA Gruppo Bancario Credito Emiliano - CREDEM Corso Monforte 34, Milano telefono fax cap. soc. euro i.v. R.E.A. Milano Albo Banca d Italia n. 19 Cod. Fisc e Reg. Imp partita IVA Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento (ex art c.c.) da parte di Credito Emiliano SpA

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

L asset management di Banca Fideuram

L asset management di Banca Fideuram L asset management di Banca Fideuram 1 LA SOCIETA 2 La struttura societaria Banca Fideuram 3 Italia 99.5% Irlanda 100% Lussemburgo 99.94% Fideuram Investimenti SGR Gestioni Patrimoniali Fondi Comuni di

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 13 di Aprile 2015 MMM00589 04/2015 Pag. 1 di 34 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA...

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari 4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari Marco Liera Il semestre del silenzio-assenso sul TFR (ossia la prima metà del 2007) doveva rappresentare un occasione non solo

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli