Prospettive dei Titoli Bancari e Assicurativi in Italia e In Europa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prospettive dei Titoli Bancari e Assicurativi in Italia e In Europa"

Transcript

1 1 From Technical Analysis To Technical Forecasting Prospettive dei Titoli Bancari e Assicurativi in Italia e In Europa E preferibile investire sui singoli titoli Italiani o su ETF degli Indici Europei? Di Corrado M. Cantore Fondatore e Managing Director di TK Trading Knowledge s.r.l. Figura 1) Indice Comit, Indice Comit Bancari, Indice Comit Industriali e Indice Dow Jones Premesse. Come è ben noto a tutti gli operatori di borsa, dal 2007 in avanti sistematicamente il mercato azionario italiano registra performance mediamente inferiori rispetto alle performance degli altri mercati azionari europei con i quali si confronta. La ragione comunemente attribuita a questa prestazione assai poco lusinghiera del mercato italiano è dovuta al peso esercitato dai titoli bancari i quali da quella data in avanti continuano a presentare anno dopo anno delle performance sostanzialmente negative.

2 2 Tabella 1) Variazione Indici nell ultima settimana per mercati di area Euro In tabella 1 si evidenzia la situazione dell'ultimo anno di questo comportamento poco soddisfacente del mercato azionario italiano laddove si osserva come da inizio 2013 a fronte di una performance positiva media dell'ordine di un 13-16% dei mercati azionari mondiali così come espressi dagli indice M.S.C.I. il nostro mercato espresso dall'indice FTSE MIB presenti una flessione superiore al 5%. Spostando l analisi sugli ultimi 12 mesi ad oggi in si osserva anche qui una performance modesta che, seppur positiva in ragione di un 12,5% è comunque inferiore di almeno un 10 punti percentuali rispetto la performance media registrata nel contempo ancora dagli indici M.S.C.I. siano essi in valuta di origine che in dollari. Stante questa situazione di fatto, nel presente lavoro si tende a verificare se sussistano delle ragionevoli condizioni per confidare su una modifica strutturale di questo trend che caratterizza il mercato italiano o non piuttosto sussistano ragionevoli probabilità di sua prosecuzione nel tempo e, se sì, valutare se possa essere opportuno spostare il focus di investimenti da titoli bancari a titoli gli altri settori. Si legge infatti nella parte inferiore della tabella come da inizio anno il comparto bancario qui misurato dall'indice Comit bancari registri una flessione del 6% mentre altri settori presentano variazioni positive o prossime allo zero quale il comparto industriale e come tali meritevoli di interesse in prospettive di un potenziale investimento. La situazione osservata sul comportamento particolarmente pesante del comparto bancario a livello italiano lo si riscontra anche sul fronte del mercato europeo e in questo contesto emerge un comportamento dei titoli bancari europei mediamente inferiore rispetto al comportamento dei titoli di carattere industriali componenti gli indici Stoxx 600 In prospettiva infine anche di un incremento dei tassi di interesse sui mercati finanziari europei che come tale dovrebbero non certo favorire una ripresa del comparto bancario, come conclusione del lavoro emerge l'opportunità di sotto pesare in maniera significativa gli investimenti sul mercato dei titoli bancari a favore viceversa di un maggior sovrappeso del comparto industriale. Anche in termini di collegamenti di queste attese con la realtà economica sottostante si può ritenere che in futuro i titoli del comparto industriale potranno trarre benefici da un trend in via di miglioramento sul fronte delle economia reale mentre saranno meno rilevanti i contenuti positivi che potranno emergere sui titoli bancari da misure di politica monetaria generosa così come si sta provvedendo ormai da anni sul fronte del mercato americano per via delle politiche monetarie cosiddette di Quantitative Easing. 1) Posizionamento relativo dei titoli Bancari e Assicurativi italiani ed europei verso indici Internazionali di riferimento Riprendendo le considerazioni introduttive svolte in premessa voglio qui portare all attenzione del lettore alcune considerazioni di fondo che aiutano a contestualizzare la situazione effettiva del comparto bancario e di altri comparti in relazione ad altri indici di riferimento. Al riguardo ritengo interessante prendere atto del fatto che proprio in questi giorni in termini di valore assoluto dell'indice si assiste ad una sostanziale equivalenza del livello dell'indice Dow Jones e dell'indice FTSE MIB entrambi i quali quotano grosso modo punti.

3 3 È tuttavia interessante il contenuto segnaletico che possiamo leggere in figura 1/1 e in figura 1/2 laddove si osserva la forte flessione registrata dal massimo del 2007 ad oggi del mercato italiano in presenza viceversa di una crescita del mercato azionario americano. Il nostro mercato espresso dall Indice FTSE MIB ha infatti ceduto il 65% mentre in questi sei anni circa la crescita del mercato azionario americano si è attestata prossima al 18%. Figura 1/1) Indice Dow Jones e Indice Sole 24 Figura 1/2) Indice Dow Jones e Indice Sole 24 (Per correttezza occorrerebbe dire che i due indici non sono totalmente confrontabili per via della modalità di capitalizzazione dei dividendi, presente sull'indice Dow Jones e non sull'indice FTSE MIB. Considerando una incidenza dei dividendi dell'ordine di un 3% circa per ogni anno nel periodo l'incidenza complessiva dei dividendi potrebbe ammontare a circa un 20% e quindi in luogo di considerare le nostre quotazioni a potremmo considerare prossime a ma nondimeno le considerazioni di fondo che non muterebbero in maniera rilevante da quanto andiamo esponendo). La lettura di quanto esposto il figura 1/1 ci porterebbe a ritenere che la dinamica assai negativa del mercato italiano sia ascrivibile all'eccesso di correzione prodottasi dal 2007 al 2009 rispetto altri mercati azionari. Purtroppo la situazione non è questa (solo) ma piuttosto, come si legge in figura 1/2 occorre prendere atto del fatto che dai minimi del 2009 ad oggi il

4 4 mercato azionario italiano sia cresciuto solamente di un 22% contro una crescita del 110% espressa dall'indice Dow Jones. Detto in termini diversi dobbiamo quindi preoccuparci non tanto di ciò che era accaduto negli anni di forte flessione quanto piuttosto sulla situazione di difficoltà al recupero che stiamo tuttora vivendo e che vede una efficace rappresentazione del movimento in atto in figura 1/3 laddove si evidenzia il posizionamento dell'indice FTSE MIB all'interno di un canale parabolico moderatamente orientato al ribasso. Figura 1/3) Indice FTSE MIB In figura 1/3 è interessante osservare il forte strappo registrato nei mesi intercorrenti tra Marzo e Ottobre 2009 durante i quali il nostro mercato ha recupero circa un 93% come reazione alla fase di fortissima flessione prodottasi dal 2007 al 2009 e ben descritta dal canale parabolico di sinistra. L'interrogativo di fondo che ci si pone in questo momento e comunque in questo lavoro è di valutare la sussistenza o meno di elementi che possano rendere ragionevole assistere ad un nuovo strappo positivo sul nostro mercato seppur non nella misura così rilevante come visto nel lontano 2009 onde attuare investimenti di Asset Allocation sul nostro mercato o non piuttosto ricercare opportunità su altri mercati (anche europei). La risposta che emerge da quanto qui esposto è purtroppo negativa e si deve infatti ritenere che la evolvente parabolica superiore azzurra componente il canale parabolico nel quale l'indice è attualmente inserito continuerà ad esercitare la sua azione di resistenza impedendo crescite particolarmente rilevanti al nostro indice. È ben evidente che la sussistenza di situazioni di resistenza così estese nel tempo fornirebbe un segnale totalmente opposto in caso di loro superamento ma questo evento non è allo stato delle cose da porre in preventivo (e comunque subordinare su questi la costruzione di Portafogli di Asset Allocation di medio periodo). Tentando di fare una considerazione congiunta tra quanto emerge sul nostro mercato e quanto è atteso (da parte mia ovviamente) sul fronte del mercato azionario americano sì può ritenere che l'eventuale raggiungimento dell obiettivo posto a riguardo dell'indice SP 500 dapprima in zona e più in là (inizio 2014) in zona punti potrebbero favorire il raggiungimento da parte dell'indice FTSE MIB di questa evolvente parabolica superiore di resistenza transitante ora in zona e quindi distante un 9% sopra livello attuale ma, stante queste considerazioni, è difficile al momento ipotizzare un suo superamento con apertura di uno scenario particolarmente positivo.

5 5 Figura 1/4) Indice FTSE MIB Al momento l'indice FTSE MIB riconosce con elevata efficacia il livello di supporto posto a 15,000 punti laddove ha sostanzialmente formato un triplo minimo ben leggibile in figura 1/4. Il quadro generale del mercato internazionale depone a favore di una difesa di questo livello ma non di meno può essere utile fin da ora segnalare il fatto che da un punto di vista meramente di analisi grafica così come rappresentato in figura 1/3 l'eventuale cedimento di questo livello di supporto potrebbe aprire la strada ad una flessione volta alla visitazione delle evolvente parabolica rossa componente il canale parabolico indicato e transitante ora in zona punti pari a un 7,5% sotto i livelli attuali. L'indicazione di questo possibile livello di flessione (di larga massima) del nostro mercato lo presento esclusivamente come una annotazione di carattere grafico ma non costituisce al momento nessuna mia previsione al riguardo. Più in generale sono viceversa importanti i livelli posti in zona e punti all'interno del quale l indice sta oscillando da alcune settimane e potrebbe proseguire nella sua oscillazione ancora per diversi giorni. Seguiremo certamente il giorno dopo giorno l evoluzione dell'indice in questo contesto ma torniamo ora all'argomento di fondo del tema osservando in figura 1/5 quella che può apparire come effettiva distorsione vista in passato circa il comportamento dei titoli bancari rispetto l'evoluzione ordinata del mercato azionario italiano nel suo insieme. Figura 1/5) Indici FTSE MIB e Comit e Indici Comit Bancari e Assicurativi

6 6 In figura 1/5 sono sovrapposti gli andamenti dal 2006 ad oggi dell indice FTSE MIB e dell'indice Comit con gli indici settoriali del comparto bancario e di quello assicurativo avendo cura di porre il valore della sovrapposizione pari 1 le quotazioni attuali del 16 Luglio 2012, data di redazione della presente. Il posizionamento del mercato dei titoli bancari rappresentato in blu ben documenta la rilevantissima flessione che ha interessato il comparto bancario dal 2007 al 2009 ma anche la successiva nuova rilevante flessione prodottasi da Ottobre del 2009 ad oggi e da ultimo la rilevanza del movimento di recupero prodottosi nei sei mesi intercorrenti tra Marzo e Ottobre del Ci troviamo in sostanza in presenza di un andamento del comparto bancario totalmente disallineato dagli altri comparti del mercato italiano e una situazione sostanzialmente simile la si può osservare anche in termini di comportamento degli indici europei bancari rispetto gli altri indici settoriali. Figura 1/6) Indice Dow Jones con Indice FTSE MIB e Indice Comit Abbandonando momentaneamente l'esame del comparto dei titoli bancari è interessante prendere atto in figura 1/6 del disallineamento visto dal 2006 ad oggi del mercato italiano rispetto il mercato azionario americano rappresentato in azzurro dall'indice Dow Jones. Negli anni la flessione del nostro mercato è stata decisamente superiore rispetto quella americana ma, occorre dire, il nostro mercato giungeva da una crescita degli anni superiore rispetto alla crescita del mercato americano. Dal 2009 al 2011 sostanzialmente il mercato italiano e il mercato americano hanno ripreso a crescere in maniera più o meno costante ma con un movimento di crescita nel corso del 2009 da parte del mercato italiano ben superiore rispetto la crescita degli altri mercati azionario occidentali e del Dow Jones in particolare. Come si ricorderà, con la diffusioni di rumors riguardanti la possibile interruzione delle politiche di Quantitative Easing da parte della Fed nell'estate del 2011 si assistette ad una azione correttiva generalizzata che tuttavia sul mercato italiano è stata più rilevante rispetto quella vista sul mercato americano. Da quella data in avanti mentre il mercato americano è ritornato nel suo movimento di regolare crescita, il mercato azionario italiano sia espresso dall'indice FTSE MIB che dell'indice Comit è rimasto sostanzialmente stazionario e di questa stazionarietà dobbiamo prenderne atto nella individuazione di possibili operazioni di investimento per i mesi entranti.

7 7 Figura 1/7) Indice Comit, Indice Comit Bancari, Indice Comit Assicurativi e Indice Dow Jones Un'altra interessante lettura della situazione del nostro mercato ancora posto a confronto con il mercato azionario americano espresso dall'indice Dow Jones si legge in figura 1/7 laddove si osserva una sorta di "volatilità di lungo periodo" del nostro mercato ben superiore rispetto quella riscontrabile sul mercato americano. 1) Dal 2007 al 2009 il nostro mercato ha infatti registrato una flessione ben superiore, 2) nei sei mesi intercorrenti da Marzo a Ottobre 2009 ha registrato una crescita molto più rilevante del mercato americano 3) dall Ottobre del 2009 in presenza di una crescita del mercato americano il nostro mercato ha registrato dapprima una rilevante azione correttiva culminata negli ultimi due anni in una fase sostanzialmente di stabile movimento laterale tuttora in essere e posta tra i livelli di e dell indice SE MIB. Figura 1/8) Indice Comit, Indice Comit Bancari, Indice Comit Industriali e Indice Dow Jones Proprio questa fase apparentemente di stabile movimento laterale registrato dal mercato azionario italiano costituisce la base sulla quale si tenta l'individuazione di trend per prossimi mesi futuri sui quali impostare delle operazioni di Asset Allocation di medio periodo. Una prima utile indicazione emerge in figura 1/8 laddove si osserva che sovrapponendo i diversi indici rappresentati sul minimo del Marzo del 2009, oggi il trend dei titoli bancari è fortemente debole e si pone ben sotto l'indice generale Comit del mercato italiano mentre invece l'indice Comit dei titoli industriali rappresentato

8 8 in nero sostanzialmente dal 2011 in avanti segue il movimento positivo che registra il mercato azionario americano qui rappresentato a dalla Dow Jones. Credo sia questa una prima importante considerazioni sulla quale porre attenzione poiché nulla obbliga di seguire titoli con un andamento di estrema debolezza quali quelli bancari quando invece anche sul nostro mercato sono presenti titoli con trend decisamente più interessanti quali i titoli componenti l'indice settoriale dei titoli industriali. Figura 1/9) Indice Stoxx 600, Indice Stoxx Bancari, Indice Stoxx Assicurativi, Indice Stoxx Industriali e Indice Dow Jones La trasposizione di queste considerazioni relative agli andamenti di mercato dal 2011 dal mercato azionario italiano a quello europeo evidenzia una tendenza dei diversi indici europei a seguire il trend di fondo espresso dall'indice Stoxx 600 il quale a sua volta tende a replicare l'andamento dell'indice Dow Jones. Figura 1/10) Indice Stoxx 600, Indice Comit e Indice Dow Jones In figura 1/10 si pone a confronto l'andamento blandamente laterale del mercato azionario italiano qui espresso dall'indice Comit dal 2011 in avanti con un andamento decisamente in crescita sia delle indice Dow Jones sia del mercato azionario europeo nel suo insieme rappresentato in figura dall'indice Stoxx 600. Il prendere atto di una tendenza alla crescita in questi ultimi due anni grosso modo dello stesso tenore da parte dei due indici qui considerati impone l esigenza non solo di valutare eventuali switch sul mercato italiano da

9 9 titoli bancari a titoli di altri comparti ma anche di valutare switch più radicali che prevedano l uscita dal mercato azionario italiano con investimenti sul fronte del mercato azionario europeo che, da quanto espresso in figura, esprime una tendenza ad una evoluzione negli ultimi due anni sostanzialmente omogenea con quella registrata dall'indice Dow Jones. Figura 1/11) Indice Stoxx 600, Indice Comit, Indice Stoxx Bancari e Indice Comit Bancari In queste ultime tre figure di questa prima sezione evidenzio il trend di fondo del comparto bancario, assicurativo e industriale a livello italiano espresso dai relativi indici settoriali Comit posto a confronto con i trend di fondo degli stessi indici settoriali a livello europeo. Quanto ai comparti azionari descritti in figura 1/11 si osserva la formazione di un movimento laterale per il comparto bancario dal inizio anno e questo comportamento interessa sia i titoli bancari italiani sia i titoli bancari a livello europeo. Un tentativo di traduzione in termini operativi di questa considerazione porta quindi a dire che un eventuale switch da titoli bancari italiani ad E.T.F. su titoli bancari europei non dovrebbe produrre particolari effetti positivi poiché tutti quanti i titoli bancari europei sono tuttora da considerare all'interno di un movimento laterale che verosimilmente proseguirà nei mesi entranti per via di un effetto non positivo che si potrà venire a determinare per via di un innalzamento dei tassi di interesse generalizzato. Figura 1/12) Indice Stoxx 600, Indice Comit, Indice Stoxx Assicurativi e Indice Comit Assicurativi

10 10 Una situazione decisamente diversa da quella vista per il comparto bancario è presente sul fronte dei titoli di assicurativi i quali sia a livello italiano che a livello europeo presentano i relativi indici settoriali bene inseriti in canali fortemente orientati al rialzo. Confrontando anzi il canale lineare delimitante il tasso di crescita delle indice settoriale Comit dei titoli assicurativi con l'indice stoxx assicurativi si osserva una maggior pendenza del primo sul secondo ad indicare una tendenza alla maggior crescita da parte dei titoli assicurativi italiani rispetto la generalità dei titoli assicurativi europei. Stante questa situazione non si era vede quindi alcuna opportunità di fare degli switch da titoli azionari assicurativi italiani verso E.T.F. sull'indice stoxx assicurativi. Sì può viceversa prendere atto della situazione di rilevante differenza tra il mercato dei titoli assicurativi a livello europeo con quelli bancari sempre a livello europeo per eventualmente fare uno switch da investimenti su E.T.F. dei titoli bancari Stoxx verso un E.T.F. sui titoli assicurativi europei. Credo che il trend di robusta crescita di questo comparto potrà proseguire nel futuro ed inoltre è interessante prendere atto della regolarità di formazione di questo trend poiché in presenza di una netta violazione della trend line inferiore si riceverà una indicazione dai contenuti ribassista assai chiara e assai tempestiva che al momento è da considerare come una sorta di Stop Loss. Figura 1/13) Indice Stoxx 600, Indice Comit, Indice Stoxx Industriali e Indice Comit Industriali Figura 1/14) Indice Stoxx 600, Indice Comit, Indice Stoxx Bancari e Indice Stoxx Assicurativi

11 11 L'ultima considerazione qui da fare su questi temi riguarda l'indice del comparto industriali il quale manifesta una tendenza alla crescita di medio periodo lievemente superiore a livello europeo rispetto all'indice Comit industriali e che solo recentemente ha avuto un movimento di sbando con abbandono del trend lineare di crescita che tuttavia dovrebbe continuare a guidare al rialzo questo indice settoriale. L'aspetto che tuttavia merita una ulteriore specifica riflessione riguarda il fatto che sia a livello di mercato azionario italiano sia a livello di mercato azionario europeo le performance del comparto bancario sono deludenti sui due fronti e conseguentemente non può che emergere una indicazione di massima volta ad operare una sotto pesatura dei titoli bancari sia nelle operazioni di breve per il mercato italiano sia nelle operazioni di Asset Allocation di medio periodo ricorrendo ad eventuali E.T.F. del mercato azionario europeo. Il comparto bancario è da considerarsi quindi come un comparto saturo che non presenta rilevanti spazi di ulteriore crescita per i mesi a venire e come tale destinato a sottoperformare le prestazioni sia della l'indice Stoxx 600 e sia anche del già fortemente deludente indice Comit. (Se poi ci sbagliamo saremo ben lieti di rimediare aprendo posizioni long - ) Quanto qui rappresentato costituisce la prima parte di un lavoro assai più articolato suddiviso sui seguenti 10 temi (per complessive 50 pagine) volti sempre a individuare le migliori opportunità di costruzioni di strutture di asset allocation di breve periodo: Premesse. 1) Posizionamento relativo dei titoli Bancari e Assicurativi italiani ed europei verso indici Internazionali di riferimento 2) Indici Generali del Mercato Italiano: Struttura tecnica degli Indici FTSE MIB e Comit 3) Indici Generali del Mercato Europeo: Struttura tecnica degli Indici Eurostoxx 50 e Stoxx 600 4) I comparti Bancari e Assicurativi dell Indice Comit versus il comparto Industriali 5) I comparto Bancari e Assicurativi dell Indice Stoxx 600 versus il comparto Industriali 6) Possibili effetti sui titoli a Reddito Fisso Europei dal Tapering del Quantitative Easing 7) Situazioni e prospettive degli Indici americani Bancari e Assicurativi 8) Situazioni e prospettive di alcuni Titoli Azionari Italiani Bancari e Assicurativi 9) Relazione tra Indice Sox Semiconductor e Indice Stoxx Tecnologici 10) Situazioni e prospettive degli ETF Europei su indici Bancari e Assicurativi Appendice: Accesso ad altri articoli pubblicati e condizioni di fruizione del lavoro previsionale di Cantore Potete accedere alla consultazione dell intero lavoro cliccando su questo link: Assicurativi.pdf Per via del periodo agostano la pubblicazione di altri lavoro monografici tipo il presente e tipo altri fatti in passato si interrompe per alcune settimane e riprenderà il 10 Settembre e si protrarrà fino a fine anno in ragione di un articolo ogni due settimane. In appendice all articolo completo trovate le modalità di Accesso ad altri articoli pubblicati e condizioni di fruizione del lavoro previsionale di Cantore Buone vacanze Puntaldia OT(16 Luglio 2013)

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO GOLD 2.0 NEWSLETTER OPERATIVA SUL MERCATO AZIONARIO a cura di Pierluigi Gerbino ISTRUZIONI PER L USO Quelle che seguono sono le istruzioni ufficiali per il corretto utilizzo operativo della newsletter

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX DailyFX Strategies Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini INTRO Dopo anni di ricerca

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Da oggi i Certificates si sottoscrivono anche online!

Da oggi i Certificates si sottoscrivono anche online! un All interno intervista esclusiva a Pietro Poletto di Borsa Italiana 44 GENNAIO 12 GENNAIO 12 CERTIFICATES BNP PARIBAS Investire con un click Innovative soluzioni di investimento per cogliere le opportunità

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX DailyFX Strategies Breakout e medie mobili Davide Marone, Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Breakout e medie mobili Davide Marone INTRO Prima di costruire una qualsiasi

Dettagli

Collective2: un confronto sorprendente su scala mondiale

Collective2: un confronto sorprendente su scala mondiale Collective2: un confronto sorprendente su scala mondiale Collective2 è un sito web americano che accoglie 20800 trading systems e pubblica le relative descrizioni, i dati più significativi dell andamento

Dettagli

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Salvatore Gaziano & Francesco Pilotti I 3 PASSI PER GUADAGNARE AL RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Le basi, le strategie e la psicologia giusta per affrontare con successo il trading online sui

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana ***

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana *** LA BORSA ITALIANA DAL 1928 Indice annuale dei corsi della Borsa italiana La serie storica dell indice di borsa dal 2 gennaio 1928 al 3 giugno 213 è stata elaborata a puro titolo indicativo. Essa è stata

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Manuale operativo. Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. Copyright 2015 Scalping Futures

Manuale operativo. Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. Copyright 2015 Scalping Futures Manuale operativo Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. MERCATO REGOLAMENTATO DEI FUTURES O FOREX? Vediamo qual è la differenza tra questi due mercati e soprattutto

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Rischio e Volatilità

Rischio e Volatilità 2 Meeting annuale SellaAdvice Trading Rho,, 20 novembre 2004 Rischio e Volatilità Relatore: Maurizio Milano Da dove deve partire un analisi tecnica operativa a supporto di un attività di trading? L elemento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING Integrazione Webank-WeTrade NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING La fusione tra Webank e WeTrade, avvenuta lo scorso 18 dicembre, ha comportato alcune novità nella tua operatività di trading. Te li riassumiamo

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

guida giocare in borsa

guida giocare in borsa guida giocare in borsa Dedicato a chi vuole imparare a giocare in borsa da casa e guadagnare soldi velocemente. Consigli per sfruttare l'andamento dei mercati finanziari investendo tramite internet. Guida

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

HANSARD EUROPE LIMITED PROSPETTO - PARTE II

HANSARD EUROPE LIMITED PROSPETTO - PARTE II HANSARD EUROPE LIMITED PROSPETTO - PARTE II Hansard PARTE II DEL PROSPETTO D OFFERTA ILLUSTRAZIONE DEI DATI PERIODICI DI RISCHIO-RENDIMENTO E COSTI EFFETTIVI DELL INVESTIMENTO La Parte II del Prospetto

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli