Prospettive dei Titoli Bancari e Assicurativi in Italia e In Europa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prospettive dei Titoli Bancari e Assicurativi in Italia e In Europa"

Transcript

1 1 From Technical Analysis To Technical Forecasting Prospettive dei Titoli Bancari e Assicurativi in Italia e In Europa E preferibile investire sui singoli titoli Italiani o su ETF degli Indici Europei? Di Corrado M. Cantore Fondatore e Managing Director di TK Trading Knowledge s.r.l. Figura 1) Indice Comit, Indice Comit Bancari, Indice Comit Industriali e Indice Dow Jones Premesse. Come è ben noto a tutti gli operatori di borsa, dal 2007 in avanti sistematicamente il mercato azionario italiano registra performance mediamente inferiori rispetto alle performance degli altri mercati azionari europei con i quali si confronta. La ragione comunemente attribuita a questa prestazione assai poco lusinghiera del mercato italiano è dovuta al peso esercitato dai titoli bancari i quali da quella data in avanti continuano a presentare anno dopo anno delle performance sostanzialmente negative.

2 2 Tabella 1) Variazione Indici nell ultima settimana per mercati di area Euro In tabella 1 si evidenzia la situazione dell'ultimo anno di questo comportamento poco soddisfacente del mercato azionario italiano laddove si osserva come da inizio 2013 a fronte di una performance positiva media dell'ordine di un 13-16% dei mercati azionari mondiali così come espressi dagli indice M.S.C.I. il nostro mercato espresso dall'indice FTSE MIB presenti una flessione superiore al 5%. Spostando l analisi sugli ultimi 12 mesi ad oggi in si osserva anche qui una performance modesta che, seppur positiva in ragione di un 12,5% è comunque inferiore di almeno un 10 punti percentuali rispetto la performance media registrata nel contempo ancora dagli indici M.S.C.I. siano essi in valuta di origine che in dollari. Stante questa situazione di fatto, nel presente lavoro si tende a verificare se sussistano delle ragionevoli condizioni per confidare su una modifica strutturale di questo trend che caratterizza il mercato italiano o non piuttosto sussistano ragionevoli probabilità di sua prosecuzione nel tempo e, se sì, valutare se possa essere opportuno spostare il focus di investimenti da titoli bancari a titoli gli altri settori. Si legge infatti nella parte inferiore della tabella come da inizio anno il comparto bancario qui misurato dall'indice Comit bancari registri una flessione del 6% mentre altri settori presentano variazioni positive o prossime allo zero quale il comparto industriale e come tali meritevoli di interesse in prospettive di un potenziale investimento. La situazione osservata sul comportamento particolarmente pesante del comparto bancario a livello italiano lo si riscontra anche sul fronte del mercato europeo e in questo contesto emerge un comportamento dei titoli bancari europei mediamente inferiore rispetto al comportamento dei titoli di carattere industriali componenti gli indici Stoxx 600 In prospettiva infine anche di un incremento dei tassi di interesse sui mercati finanziari europei che come tale dovrebbero non certo favorire una ripresa del comparto bancario, come conclusione del lavoro emerge l'opportunità di sotto pesare in maniera significativa gli investimenti sul mercato dei titoli bancari a favore viceversa di un maggior sovrappeso del comparto industriale. Anche in termini di collegamenti di queste attese con la realtà economica sottostante si può ritenere che in futuro i titoli del comparto industriale potranno trarre benefici da un trend in via di miglioramento sul fronte delle economia reale mentre saranno meno rilevanti i contenuti positivi che potranno emergere sui titoli bancari da misure di politica monetaria generosa così come si sta provvedendo ormai da anni sul fronte del mercato americano per via delle politiche monetarie cosiddette di Quantitative Easing. 1) Posizionamento relativo dei titoli Bancari e Assicurativi italiani ed europei verso indici Internazionali di riferimento Riprendendo le considerazioni introduttive svolte in premessa voglio qui portare all attenzione del lettore alcune considerazioni di fondo che aiutano a contestualizzare la situazione effettiva del comparto bancario e di altri comparti in relazione ad altri indici di riferimento. Al riguardo ritengo interessante prendere atto del fatto che proprio in questi giorni in termini di valore assoluto dell'indice si assiste ad una sostanziale equivalenza del livello dell'indice Dow Jones e dell'indice FTSE MIB entrambi i quali quotano grosso modo punti.

3 3 È tuttavia interessante il contenuto segnaletico che possiamo leggere in figura 1/1 e in figura 1/2 laddove si osserva la forte flessione registrata dal massimo del 2007 ad oggi del mercato italiano in presenza viceversa di una crescita del mercato azionario americano. Il nostro mercato espresso dall Indice FTSE MIB ha infatti ceduto il 65% mentre in questi sei anni circa la crescita del mercato azionario americano si è attestata prossima al 18%. Figura 1/1) Indice Dow Jones e Indice Sole 24 Figura 1/2) Indice Dow Jones e Indice Sole 24 (Per correttezza occorrerebbe dire che i due indici non sono totalmente confrontabili per via della modalità di capitalizzazione dei dividendi, presente sull'indice Dow Jones e non sull'indice FTSE MIB. Considerando una incidenza dei dividendi dell'ordine di un 3% circa per ogni anno nel periodo l'incidenza complessiva dei dividendi potrebbe ammontare a circa un 20% e quindi in luogo di considerare le nostre quotazioni a potremmo considerare prossime a ma nondimeno le considerazioni di fondo che non muterebbero in maniera rilevante da quanto andiamo esponendo). La lettura di quanto esposto il figura 1/1 ci porterebbe a ritenere che la dinamica assai negativa del mercato italiano sia ascrivibile all'eccesso di correzione prodottasi dal 2007 al 2009 rispetto altri mercati azionari. Purtroppo la situazione non è questa (solo) ma piuttosto, come si legge in figura 1/2 occorre prendere atto del fatto che dai minimi del 2009 ad oggi il

4 4 mercato azionario italiano sia cresciuto solamente di un 22% contro una crescita del 110% espressa dall'indice Dow Jones. Detto in termini diversi dobbiamo quindi preoccuparci non tanto di ciò che era accaduto negli anni di forte flessione quanto piuttosto sulla situazione di difficoltà al recupero che stiamo tuttora vivendo e che vede una efficace rappresentazione del movimento in atto in figura 1/3 laddove si evidenzia il posizionamento dell'indice FTSE MIB all'interno di un canale parabolico moderatamente orientato al ribasso. Figura 1/3) Indice FTSE MIB In figura 1/3 è interessante osservare il forte strappo registrato nei mesi intercorrenti tra Marzo e Ottobre 2009 durante i quali il nostro mercato ha recupero circa un 93% come reazione alla fase di fortissima flessione prodottasi dal 2007 al 2009 e ben descritta dal canale parabolico di sinistra. L'interrogativo di fondo che ci si pone in questo momento e comunque in questo lavoro è di valutare la sussistenza o meno di elementi che possano rendere ragionevole assistere ad un nuovo strappo positivo sul nostro mercato seppur non nella misura così rilevante come visto nel lontano 2009 onde attuare investimenti di Asset Allocation sul nostro mercato o non piuttosto ricercare opportunità su altri mercati (anche europei). La risposta che emerge da quanto qui esposto è purtroppo negativa e si deve infatti ritenere che la evolvente parabolica superiore azzurra componente il canale parabolico nel quale l'indice è attualmente inserito continuerà ad esercitare la sua azione di resistenza impedendo crescite particolarmente rilevanti al nostro indice. È ben evidente che la sussistenza di situazioni di resistenza così estese nel tempo fornirebbe un segnale totalmente opposto in caso di loro superamento ma questo evento non è allo stato delle cose da porre in preventivo (e comunque subordinare su questi la costruzione di Portafogli di Asset Allocation di medio periodo). Tentando di fare una considerazione congiunta tra quanto emerge sul nostro mercato e quanto è atteso (da parte mia ovviamente) sul fronte del mercato azionario americano sì può ritenere che l'eventuale raggiungimento dell obiettivo posto a riguardo dell'indice SP 500 dapprima in zona e più in là (inizio 2014) in zona punti potrebbero favorire il raggiungimento da parte dell'indice FTSE MIB di questa evolvente parabolica superiore di resistenza transitante ora in zona e quindi distante un 9% sopra livello attuale ma, stante queste considerazioni, è difficile al momento ipotizzare un suo superamento con apertura di uno scenario particolarmente positivo.

5 5 Figura 1/4) Indice FTSE MIB Al momento l'indice FTSE MIB riconosce con elevata efficacia il livello di supporto posto a 15,000 punti laddove ha sostanzialmente formato un triplo minimo ben leggibile in figura 1/4. Il quadro generale del mercato internazionale depone a favore di una difesa di questo livello ma non di meno può essere utile fin da ora segnalare il fatto che da un punto di vista meramente di analisi grafica così come rappresentato in figura 1/3 l'eventuale cedimento di questo livello di supporto potrebbe aprire la strada ad una flessione volta alla visitazione delle evolvente parabolica rossa componente il canale parabolico indicato e transitante ora in zona punti pari a un 7,5% sotto i livelli attuali. L'indicazione di questo possibile livello di flessione (di larga massima) del nostro mercato lo presento esclusivamente come una annotazione di carattere grafico ma non costituisce al momento nessuna mia previsione al riguardo. Più in generale sono viceversa importanti i livelli posti in zona e punti all'interno del quale l indice sta oscillando da alcune settimane e potrebbe proseguire nella sua oscillazione ancora per diversi giorni. Seguiremo certamente il giorno dopo giorno l evoluzione dell'indice in questo contesto ma torniamo ora all'argomento di fondo del tema osservando in figura 1/5 quella che può apparire come effettiva distorsione vista in passato circa il comportamento dei titoli bancari rispetto l'evoluzione ordinata del mercato azionario italiano nel suo insieme. Figura 1/5) Indici FTSE MIB e Comit e Indici Comit Bancari e Assicurativi

6 6 In figura 1/5 sono sovrapposti gli andamenti dal 2006 ad oggi dell indice FTSE MIB e dell'indice Comit con gli indici settoriali del comparto bancario e di quello assicurativo avendo cura di porre il valore della sovrapposizione pari 1 le quotazioni attuali del 16 Luglio 2012, data di redazione della presente. Il posizionamento del mercato dei titoli bancari rappresentato in blu ben documenta la rilevantissima flessione che ha interessato il comparto bancario dal 2007 al 2009 ma anche la successiva nuova rilevante flessione prodottasi da Ottobre del 2009 ad oggi e da ultimo la rilevanza del movimento di recupero prodottosi nei sei mesi intercorrenti tra Marzo e Ottobre del Ci troviamo in sostanza in presenza di un andamento del comparto bancario totalmente disallineato dagli altri comparti del mercato italiano e una situazione sostanzialmente simile la si può osservare anche in termini di comportamento degli indici europei bancari rispetto gli altri indici settoriali. Figura 1/6) Indice Dow Jones con Indice FTSE MIB e Indice Comit Abbandonando momentaneamente l'esame del comparto dei titoli bancari è interessante prendere atto in figura 1/6 del disallineamento visto dal 2006 ad oggi del mercato italiano rispetto il mercato azionario americano rappresentato in azzurro dall'indice Dow Jones. Negli anni la flessione del nostro mercato è stata decisamente superiore rispetto quella americana ma, occorre dire, il nostro mercato giungeva da una crescita degli anni superiore rispetto alla crescita del mercato americano. Dal 2009 al 2011 sostanzialmente il mercato italiano e il mercato americano hanno ripreso a crescere in maniera più o meno costante ma con un movimento di crescita nel corso del 2009 da parte del mercato italiano ben superiore rispetto la crescita degli altri mercati azionario occidentali e del Dow Jones in particolare. Come si ricorderà, con la diffusioni di rumors riguardanti la possibile interruzione delle politiche di Quantitative Easing da parte della Fed nell'estate del 2011 si assistette ad una azione correttiva generalizzata che tuttavia sul mercato italiano è stata più rilevante rispetto quella vista sul mercato americano. Da quella data in avanti mentre il mercato americano è ritornato nel suo movimento di regolare crescita, il mercato azionario italiano sia espresso dall'indice FTSE MIB che dell'indice Comit è rimasto sostanzialmente stazionario e di questa stazionarietà dobbiamo prenderne atto nella individuazione di possibili operazioni di investimento per i mesi entranti.

7 7 Figura 1/7) Indice Comit, Indice Comit Bancari, Indice Comit Assicurativi e Indice Dow Jones Un'altra interessante lettura della situazione del nostro mercato ancora posto a confronto con il mercato azionario americano espresso dall'indice Dow Jones si legge in figura 1/7 laddove si osserva una sorta di "volatilità di lungo periodo" del nostro mercato ben superiore rispetto quella riscontrabile sul mercato americano. 1) Dal 2007 al 2009 il nostro mercato ha infatti registrato una flessione ben superiore, 2) nei sei mesi intercorrenti da Marzo a Ottobre 2009 ha registrato una crescita molto più rilevante del mercato americano 3) dall Ottobre del 2009 in presenza di una crescita del mercato americano il nostro mercato ha registrato dapprima una rilevante azione correttiva culminata negli ultimi due anni in una fase sostanzialmente di stabile movimento laterale tuttora in essere e posta tra i livelli di e dell indice SE MIB. Figura 1/8) Indice Comit, Indice Comit Bancari, Indice Comit Industriali e Indice Dow Jones Proprio questa fase apparentemente di stabile movimento laterale registrato dal mercato azionario italiano costituisce la base sulla quale si tenta l'individuazione di trend per prossimi mesi futuri sui quali impostare delle operazioni di Asset Allocation di medio periodo. Una prima utile indicazione emerge in figura 1/8 laddove si osserva che sovrapponendo i diversi indici rappresentati sul minimo del Marzo del 2009, oggi il trend dei titoli bancari è fortemente debole e si pone ben sotto l'indice generale Comit del mercato italiano mentre invece l'indice Comit dei titoli industriali rappresentato

8 8 in nero sostanzialmente dal 2011 in avanti segue il movimento positivo che registra il mercato azionario americano qui rappresentato a dalla Dow Jones. Credo sia questa una prima importante considerazioni sulla quale porre attenzione poiché nulla obbliga di seguire titoli con un andamento di estrema debolezza quali quelli bancari quando invece anche sul nostro mercato sono presenti titoli con trend decisamente più interessanti quali i titoli componenti l'indice settoriale dei titoli industriali. Figura 1/9) Indice Stoxx 600, Indice Stoxx Bancari, Indice Stoxx Assicurativi, Indice Stoxx Industriali e Indice Dow Jones La trasposizione di queste considerazioni relative agli andamenti di mercato dal 2011 dal mercato azionario italiano a quello europeo evidenzia una tendenza dei diversi indici europei a seguire il trend di fondo espresso dall'indice Stoxx 600 il quale a sua volta tende a replicare l'andamento dell'indice Dow Jones. Figura 1/10) Indice Stoxx 600, Indice Comit e Indice Dow Jones In figura 1/10 si pone a confronto l'andamento blandamente laterale del mercato azionario italiano qui espresso dall'indice Comit dal 2011 in avanti con un andamento decisamente in crescita sia delle indice Dow Jones sia del mercato azionario europeo nel suo insieme rappresentato in figura dall'indice Stoxx 600. Il prendere atto di una tendenza alla crescita in questi ultimi due anni grosso modo dello stesso tenore da parte dei due indici qui considerati impone l esigenza non solo di valutare eventuali switch sul mercato italiano da

9 9 titoli bancari a titoli di altri comparti ma anche di valutare switch più radicali che prevedano l uscita dal mercato azionario italiano con investimenti sul fronte del mercato azionario europeo che, da quanto espresso in figura, esprime una tendenza ad una evoluzione negli ultimi due anni sostanzialmente omogenea con quella registrata dall'indice Dow Jones. Figura 1/11) Indice Stoxx 600, Indice Comit, Indice Stoxx Bancari e Indice Comit Bancari In queste ultime tre figure di questa prima sezione evidenzio il trend di fondo del comparto bancario, assicurativo e industriale a livello italiano espresso dai relativi indici settoriali Comit posto a confronto con i trend di fondo degli stessi indici settoriali a livello europeo. Quanto ai comparti azionari descritti in figura 1/11 si osserva la formazione di un movimento laterale per il comparto bancario dal inizio anno e questo comportamento interessa sia i titoli bancari italiani sia i titoli bancari a livello europeo. Un tentativo di traduzione in termini operativi di questa considerazione porta quindi a dire che un eventuale switch da titoli bancari italiani ad E.T.F. su titoli bancari europei non dovrebbe produrre particolari effetti positivi poiché tutti quanti i titoli bancari europei sono tuttora da considerare all'interno di un movimento laterale che verosimilmente proseguirà nei mesi entranti per via di un effetto non positivo che si potrà venire a determinare per via di un innalzamento dei tassi di interesse generalizzato. Figura 1/12) Indice Stoxx 600, Indice Comit, Indice Stoxx Assicurativi e Indice Comit Assicurativi

10 10 Una situazione decisamente diversa da quella vista per il comparto bancario è presente sul fronte dei titoli di assicurativi i quali sia a livello italiano che a livello europeo presentano i relativi indici settoriali bene inseriti in canali fortemente orientati al rialzo. Confrontando anzi il canale lineare delimitante il tasso di crescita delle indice settoriale Comit dei titoli assicurativi con l'indice stoxx assicurativi si osserva una maggior pendenza del primo sul secondo ad indicare una tendenza alla maggior crescita da parte dei titoli assicurativi italiani rispetto la generalità dei titoli assicurativi europei. Stante questa situazione non si era vede quindi alcuna opportunità di fare degli switch da titoli azionari assicurativi italiani verso E.T.F. sull'indice stoxx assicurativi. Sì può viceversa prendere atto della situazione di rilevante differenza tra il mercato dei titoli assicurativi a livello europeo con quelli bancari sempre a livello europeo per eventualmente fare uno switch da investimenti su E.T.F. dei titoli bancari Stoxx verso un E.T.F. sui titoli assicurativi europei. Credo che il trend di robusta crescita di questo comparto potrà proseguire nel futuro ed inoltre è interessante prendere atto della regolarità di formazione di questo trend poiché in presenza di una netta violazione della trend line inferiore si riceverà una indicazione dai contenuti ribassista assai chiara e assai tempestiva che al momento è da considerare come una sorta di Stop Loss. Figura 1/13) Indice Stoxx 600, Indice Comit, Indice Stoxx Industriali e Indice Comit Industriali Figura 1/14) Indice Stoxx 600, Indice Comit, Indice Stoxx Bancari e Indice Stoxx Assicurativi

11 11 L'ultima considerazione qui da fare su questi temi riguarda l'indice del comparto industriali il quale manifesta una tendenza alla crescita di medio periodo lievemente superiore a livello europeo rispetto all'indice Comit industriali e che solo recentemente ha avuto un movimento di sbando con abbandono del trend lineare di crescita che tuttavia dovrebbe continuare a guidare al rialzo questo indice settoriale. L'aspetto che tuttavia merita una ulteriore specifica riflessione riguarda il fatto che sia a livello di mercato azionario italiano sia a livello di mercato azionario europeo le performance del comparto bancario sono deludenti sui due fronti e conseguentemente non può che emergere una indicazione di massima volta ad operare una sotto pesatura dei titoli bancari sia nelle operazioni di breve per il mercato italiano sia nelle operazioni di Asset Allocation di medio periodo ricorrendo ad eventuali E.T.F. del mercato azionario europeo. Il comparto bancario è da considerarsi quindi come un comparto saturo che non presenta rilevanti spazi di ulteriore crescita per i mesi a venire e come tale destinato a sottoperformare le prestazioni sia della l'indice Stoxx 600 e sia anche del già fortemente deludente indice Comit. (Se poi ci sbagliamo saremo ben lieti di rimediare aprendo posizioni long - ) Quanto qui rappresentato costituisce la prima parte di un lavoro assai più articolato suddiviso sui seguenti 10 temi (per complessive 50 pagine) volti sempre a individuare le migliori opportunità di costruzioni di strutture di asset allocation di breve periodo: Premesse. 1) Posizionamento relativo dei titoli Bancari e Assicurativi italiani ed europei verso indici Internazionali di riferimento 2) Indici Generali del Mercato Italiano: Struttura tecnica degli Indici FTSE MIB e Comit 3) Indici Generali del Mercato Europeo: Struttura tecnica degli Indici Eurostoxx 50 e Stoxx 600 4) I comparti Bancari e Assicurativi dell Indice Comit versus il comparto Industriali 5) I comparto Bancari e Assicurativi dell Indice Stoxx 600 versus il comparto Industriali 6) Possibili effetti sui titoli a Reddito Fisso Europei dal Tapering del Quantitative Easing 7) Situazioni e prospettive degli Indici americani Bancari e Assicurativi 8) Situazioni e prospettive di alcuni Titoli Azionari Italiani Bancari e Assicurativi 9) Relazione tra Indice Sox Semiconductor e Indice Stoxx Tecnologici 10) Situazioni e prospettive degli ETF Europei su indici Bancari e Assicurativi Appendice: Accesso ad altri articoli pubblicati e condizioni di fruizione del lavoro previsionale di Cantore Potete accedere alla consultazione dell intero lavoro cliccando su questo link: Assicurativi.pdf Per via del periodo agostano la pubblicazione di altri lavoro monografici tipo il presente e tipo altri fatti in passato si interrompe per alcune settimane e riprenderà il 10 Settembre e si protrarrà fino a fine anno in ragione di un articolo ogni due settimane. In appendice all articolo completo trovate le modalità di Accesso ad altri articoli pubblicati e condizioni di fruizione del lavoro previsionale di Cantore Buone vacanze Puntaldia OT(16 Luglio 2013)

La delicata situazione tecnica del mercato azionario americano

La delicata situazione tecnica del mercato azionario americano From Technical Analysis To Technical Forecasting Segnali che potrebbero portare alla chiusura di posizioni su Fondi di Investimento USA Al 27 Gennaio 2014 Di Corrado M. Cantore corrado.cantore@tk-it.it

Dettagli

Cambio Euro - Dollaro e Indice Assoluto del Dollaro. Ricerca delle sinergie utili alla formulazione di previsioni sul mercato valutario

Cambio Euro - Dollaro e Indice Assoluto del Dollaro. Ricerca delle sinergie utili alla formulazione di previsioni sul mercato valutario 1 From Technical Analysis To Technical Forecasting Ricerca delle sinergie utili alla formulazione di previsioni sul mercato valutario Di Corrado M. Cantore Fondatore e Managing Director di TK Trading Knowledge

Dettagli

TK's Articoli pubblicati nel 2013 su Finanza e Diritto On Line e sulle sue Newsletter (alla data del 17 Dicembre 2013)

TK's Articoli pubblicati nel 2013 su Finanza e Diritto On Line e sulle sue Newsletter (alla data del 17 Dicembre 2013) 1 From Technical Analysis To Technical Forecasting TK's Articoli pubblicati nel 2013 su Finanza e Diritto On Line e sulle sue Newsletter (alla data del 17 Dicembre 2013) Dal 2010 il sottoscritto Corrado

Dettagli

Ipotesi di evoluzione dell'indice DAX al raggiungimento dei massimi del 2000 e del 2007

Ipotesi di evoluzione dell'indice DAX al raggiungimento dei massimi del 2000 e del 2007 From Technical Analysis To Technical Forecasting Ricerca dei segnali di direzionalità, individuazione obiettivi di prezzo e conseguenti interventi operativi. Addendum al TK s Sentiment Outlook 24 del 15

Dettagli

Per non sbagliare compra Fiat e Generali Parte 2

Per non sbagliare compra Fiat e Generali Parte 2 1 From Technical Analysis To Technical Forecasting Per non sbagliare compra Fiat e Generali Parte 2 E ancora valido oggi il proverbio degli anni 80 che nelle fasi di crescita suggeriva l acquisto di Fiat

Dettagli

Con lo SP 500 e il DAX sui massimi assoluti, cosa può succedere ora?

Con lo SP 500 e il DAX sui massimi assoluti, cosa può succedere ora? 1 From Technical Analysis To Technical Forecasting Doverosa ricerca di doverosi segnali a protezione di posizioni doverosamente long - Al Di Corrado M. Cantore corrado.cantore@tk-it.it Fondatore e Managing

Dettagli

Previsioni formulate nel TK s Sentiment Outlook numero 2 del 11 Gennaio 2014

Previsioni formulate nel TK s Sentiment Outlook numero 2 del 11 Gennaio 2014 From Technical Analysis To Technical Forecasting Previsioni formulate nel numero 2 del 11 Gennaio 2014 Segnali di Analisi Chartistico Algoritmica di saturazione del movimento positivo del mercato italiano

Dettagli

Gli indici generali del mercato azionario Italiano

Gli indici generali del mercato azionario Italiano 1 From Technical Analysis To Technical Forecasting Contenuti segnaletici dei diversi indici generali; FTSE MIB, Comit, Il Sole 24 Ore, M.S.C.I. Italy, Mediobanca Di Corrado M. Cantore corrado.cantore@tk-it.it

Dettagli

Attese sulla evoluzione dell Oro e di altri Metalli Preziosi. L Oro a 1200 Dollari l Oncia è da vendere o da comprare? Di Corrado M.

Attese sulla evoluzione dell Oro e di altri Metalli Preziosi. L Oro a 1200 Dollari l Oncia è da vendere o da comprare? Di Corrado M. 1 From Technical Analysis To Technical Forecasting e di altri Metalli Preziosi L Oro a 1200 Dollari l Oncia è da vendere o da comprare? Di Corrado M. Cantore Fondatore e Managing Director di TK Trading

Dettagli

Mercato Azionario Giapponese - Correzione elevata ma puntuale

Mercato Azionario Giapponese - Correzione elevata ma puntuale 1 From Technical Analysis To Technical Forecasting Mercato Azionario Giapponese - Correzione elevata ma puntuale La analisi della flessione di Maggio Giugno 2013 fornisce interessanti spunti per nuovi

Dettagli

Investimento su Titolo Telecom Italia Cosa fare ora?

Investimento su Titolo Telecom Italia Cosa fare ora? 1 From Technical Analysis To Technical Forecasting Dopo il perfetto raggiungimento dell obiettivo di due settimane fa posto a 0.75 Euro cosa attenderci ora? Alla data del 21 Ottobre 2013 Di Corrado M.

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

Per non sbagliare compra Fiat e Generali.

Per non sbagliare compra Fiat e Generali. 1 From Technical Analysis To Technical Forecasting Per non sbagliare compra Fiat e Generali. E ancora valido oggi il proverbio degli anni 80 che nelle fasi di crescita suggeriva l acquisto di Fiat e Generali?

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 4 aprile A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

TK s Software Velum Software di Analisi Tecnica Discrezionale

TK s Software Velum Software di Analisi Tecnica Discrezionale From Technical Analysis To Technical Forecasting Modalità di Installazione di: TK s Software Velum Software di Analisi Tecnica Discrezionale Premessa sulle modalità di Installazione di Velum 1) Installazione

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

Analisi redatta dall'analista Finanziario FILIPPO RAMIGNI, 15/06/2016

Analisi redatta dall'analista Finanziario FILIPPO RAMIGNI, 15/06/2016 FTSE MIB ANALYSIS Analisi redatta dall'analista Finanziario FILIPPO RAMIGNI, 15/06/2016 La paura della Brexit ha fatto precipitare le quotazione del Ftse mib che in cinque sedute è passato da 18.000 a

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Comitato Investimenti 11.1.2016

Comitato Investimenti 11.1.2016 Comitato Investimenti 11.1.2016 1 SNAPSHOT Il 2016 non dovrebbe presentare delle sorprese nell'euro-zona, con ciò il Comitato Investimenti intende un rialzo dei rendimenti, perché l'inflazione è modesta

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Prospettive di evoluzione delle commodity a fine 2013

Prospettive di evoluzione delle commodity a fine 2013 10 Settembre 2013 1 From Technical Analysis To Technical Forecasting Considerazione preparatorie e metodologiche per operazioni di Asset Allocation su E.T.C. Di Corrado M. Cantore corrado.cantore@tk-it.it

Dettagli

Euro Stoxx 50 (indice)

Euro Stoxx 50 (indice) Euro Stoxx 50 (indice) AGGIORNAMENTO del 13 novembre 2011 Trimestrale Vedi aggiornamenti precedenti Mensile Nel corso della settimana è stato testato il supporto in area 2200 ed il buon rimbalzo ha fatto

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859 Vediamo di aggiornare l Etf Portfolio in ottica di Investimento, che avevo introdotto a fine gennaio 2009. (a fondo articolo metto anche un portafoglio per chi inizia adesso, chiaramente con differenti

Dettagli

Analisi dell oro. Dal 1980 al 2008

Analisi dell oro. Dal 1980 al 2008 Analisi dell oro Dal 1980 al 2008 La fase discendente dei prezzi dell oro iniziata nel 1979 si conclude nell agosto del 1999, dopo 20 anni quando tocca il suo minimo ventennale a quota 252. Dopo un tentativo

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda. Email: info@uptrend.it

Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda. Email: info@uptrend.it Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio 2012 Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Giuseppe Di Vittorio Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 29//29 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e

Dettagli

Estoxx50. 4-May-11 8-May-11

Estoxx50. 4-May-11 8-May-11 Iniziamo con l aggiornamento del ciclo mensile sull Eurostoxx che come tempi è esemplificativo di tutti gli altri mercati (indici azionari), visto che tutti i mercati sono in fase fra di loro (ovvero hanno

Dettagli

REPORT DI ANALISI INTEGRATA 28 SETTEMBRE 2015

REPORT DI ANALISI INTEGRATA 28 SETTEMBRE 2015 REPORT DI ANALISI INTEGRATA 28 SETTEMBRE 2015 IL LIMBO DEI MERCATI...pag. 3 Focus sul FTSE MIB...pag. 4 Note...pag. 6 Per vedere cosa c è sotto il proprio naso occorre un grande sforzo OSCAR WILDE 2 IL

Dettagli

DOW JONES grafico daily. Aggiornamento del 17/03/13

DOW JONES grafico daily. Aggiornamento del 17/03/13 DOW JONES grafico daily Se per S&P500 la correzione è stata breve quella sul Dow Jones è stata inesistente, un consolidamento sui massimi è stato sufficiente per assorbire le prese di beneficio e riprendere

Dettagli

Osservare il Giappone

Osservare il Giappone Osservare il Giappone Troppo scontato parlare di Renzi e della politica italiana. Cerco di guardare più avanti. Parliamo quindi di Giappone. Qualcosa nel Sol Levante non sta funzionando. L Abenomics al

Dettagli

TK s Software Velum Software di Analisi Tecnica Discrezionale

TK s Software Velum Software di Analisi Tecnica Discrezionale TK s Velum From Technical Analysis To Technical Forecasting TK s Software Velum Software di Analisi Tecnica Discrezionale PRESENTAZIONE DI VELUM, Cosa è, cosa fa e come si presenta Velum. Primi Passi:

Dettagli

Figura 1) petrolio Brent in Dollari al barile dal 1998: Evoluzione all intermo di un canale parabolico formato da due evolventi paraboliche.

Figura 1) petrolio Brent in Dollari al barile dal 1998: Evoluzione all intermo di un canale parabolico formato da due evolventi paraboliche. 1 From Technical Analysis To Technical Forecasting LA ANALISI CHARTISTICA NON LINEARE CONDOTTA CON LE EVOLVENTI PARABOLICHE ATTRAVERSO 30 PRINCIPI DI TRADING APPLICATI AI MERCATI AZIONARI e 10 Bonus di

Dettagli

Technical View (01/10/2015)

Technical View (01/10/2015) Technical View (01/10/2015) 1 Indice azionario Europa (STOXX600) Lo STOXX600 è tornato a ritestare la trend line dinamica che passa a 330/340 punti disegnando una sorta di doppio minimo. Crediamo che da

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE Per puntare sul recupero del dollaro, o per difendere investimenti in valuta da un ulteriore allungo dell euro, i risparmiatori italiani possono

Dettagli

Ambrosetti Am riduce l'azionario in portafoglio

Ambrosetti Am riduce l'azionario in portafoglio 07/12/2015 Ambrosetti Am riduce l'azionario in portafoglio L'analisi dei mercati a cura dell'ad Allegri. A dicembre meno esposizione al rischio, mentre aumenta la selezione settoriale www.finanzareport.it

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

COMMENTO AI MERCATI. Pertanto è lecito attendersi una apertura debole dei listini, visto che i futures Usa sono in calo e così pure Euro Yen.

COMMENTO AI MERCATI. Pertanto è lecito attendersi una apertura debole dei listini, visto che i futures Usa sono in calo e così pure Euro Yen. Data :26/11/2008 Buongiorno a tutti. COMMENTO AI MERCATI Dalle indicazioni del commento di preapertura ai mercati di oggi : Fitch abbassa il rating di Toyota. Di conseguenza il Nikkei storna con maggiore

Dettagli

Report settimanale. 3-7 marzo 2014. by David Carli

Report settimanale. 3-7 marzo 2014. by David Carli Report settimanale 3-7 marzo 2014 by David Carli Faccio una breve introduzione a quello che potrebbe accadere nel mercato forex e, purtroppo, non solo. I venti di guerra di Crimea (mi sembra di essere

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati L Andamento dei mercati Azionari La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati che aveva interessato gli ultimi mesi del 2 è proseguita per tutto il 21.

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 3 marzo A cura dell

Dettagli

ILR con. Posizione. attuale.

ILR con. Posizione. attuale. ILR con il gestore G. Spinola del 16/04/15 Trend vs. Msci World Dal lancio ( 15/02/93 ) al 16/04/15. Posizione attuale. 63% %* in Azioni (profilo di rischio teoricoo del portafoglio mediamente in lineaa

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 52 del 7 luglio 2014 Il tentativo di recupero del Ftse Mib si è fermato a ridosso della resistenza a 21900 punti e ha configurato tre massimi relativi decrescenti. Possibile un ulteriore

Dettagli

Analisi settimanale N5 Settimana 22-26 Ottobre

Analisi settimanale N5 Settimana 22-26 Ottobre Analisi settimanale N5 Settimana 22-26 Ottobre MERCATO AZIONARIO- SP500 La settimana appena trascorsa è stata caratterizzata da un rally che una volta raggiunta la circonferenza tracciata sul grafico weekly

Dettagli

TURBO Certificate Long & Short

TURBO Certificate Long & Short TURBO Certificate Long & Short Fai scattare la leva dei tuoi investimenti x NEGOZIABILI SUL MERCATO SEDEX DI BORSA ITALIANA Investi a Leva su indici e azioni! Scopri i vantaggi dei TURBO Long e Short Certificate

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 30/0/2009 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

Analisi tecnica di base: La teoria di DOW

Analisi tecnica di base: La teoria di DOW Analisi tecnica di base: La teoria di DOW Italian Trading Forum 2011 Analisi tecnica e teoria di Dow Tutta l analisi tecnica si basa sul principio che i prezzi scontano tutto e che le aspettative degli

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

Relatore: Pietro Paciello. Email: info@uptrend.it. Rimini, 17 Maggio 2012

Relatore: Pietro Paciello. Email: info@uptrend.it. Rimini, 17 Maggio 2012 Relatore: Pietro Paciello Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio 2012 Supertrend Il concetto di supporto e resistenza costituisce uno dei principi più importanti in assoluto per l'analisi tecnica e

Dettagli

Asset allocation in Etf: quattro modelli

Asset allocation in Etf: quattro modelli in Etf: quattro modelli Come battere il mercato con pochi strumenti e dati mensili Di seguito sono proposti i risultati di quattro semplici asset allocation gestite attraverso l utilizzo di pochi Etf,

Dettagli

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

Benchmark FTSE/MIB leva 3 e 5 di UniCredit.

Benchmark FTSE/MIB leva 3 e 5 di UniCredit. Codice ISIN: IT0006724766 Codice Negoziazione: UMIB3L Codice ISIN: IT0006724782 Codice Negoziazione: UMIB5L Benchmark FTSE/MIB leva 3 e 5 di UniCredit. Puoi replicare, moltiplicando x3 e x5 la performance

Dettagli

Report settimanale. 24-28 marzo 2014. by David Carli

Report settimanale. 24-28 marzo 2014. by David Carli Report settimanale 24-28 marzo 2014 by David Carli Dopo due settimane riprendo il mio consueto report. Purtroppo un guasto al mio notebook mi ha appiedato e non ho potuto realizzare il report e seguire

Dettagli

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2014 (VS ESERCIZIO 2013)*: RICAVI NETTI: 426,1 MILIONI DI

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Intervento del Prof. Massimo Angrisani in merito alla Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti.

Intervento del Prof. Massimo Angrisani in merito alla Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Intervento del Prof. Massimo Angrisani in merito alla Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. 1 ANGRISANI: Grazie, Presidente. Innanzi tutto vorrei rivolgere un saluto all Assemblea dei Delegati,

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

Ed eccoci all aggiornamento per stamattina.

Ed eccoci all aggiornamento per stamattina. Ed eccoci all aggiornamento per stamattina. La Fed ieri ha tranquillizzato i mercato dicendo che terrà i tassi bassi fino al 2013. La conseguenza è stata che il T-note è schizzato a 131 il suo massimo

Dettagli

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014 Gruppi assicurativi quotati in borsa Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014 Elaborazioni dai comunicati stampa, dai bilanci consolidati, dalle presentazioni dei gruppi assicurativi quotati, da Borsa

Dettagli

3 Gennaio 2014 ANNO I N. 1

3 Gennaio 2014 ANNO I N. 1 3 Gennaio 2014 ANNO I N. 1 Aggregato Chiusura del Chiusura del Variazione 03/01/2014 30/12/2013 FTMIB Future 19145 19025 +0,63 FTSE MIB 19113 18967 +0,77 FTSE All Share 20272 20203 +0,34 FTSE Mid Cap 26629

Dettagli

SEGUICI SU http://www.parisfx.wordpress.com EUR/USD USD/JPY EUR/JPY GBP/USD. www.optionsxo.com CESARE@OPTIONSXO.COM

SEGUICI SU http://www.parisfx.wordpress.com EUR/USD USD/JPY EUR/JPY GBP/USD. www.optionsxo.com CESARE@OPTIONSXO.COM SEGUICI SU http://www.parisfx.wordpress.com EUR/USD dopo i nuovi minimi in area 1.28 ¼ il mercato ha messo a segno dei rimbalzi correttivi durante la notte, giunti ora ad un ritracciamento pari al 38.2%

Dettagli

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF Barometro CRIF della domanda di credito da parte delle famiglie: a ottobre ancora vivace la domanda di mutui (+42,5%) e prestiti finalizzati (+17,8%). In controtendenza, si consolida la flessione dei prestiti

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 3// Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e riflette

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

17 maggio 2013 Roberto Russo

17 maggio 2013 Roberto Russo Comprare Italia! 17 maggio 2013 Roberto Russo www.assitecasim.it Una delle massime di Warren Buffett, riferita agli investitori, recita: Guarda avanti e non attraverso lo specchietto retrovisore. Tale

Dettagli

LYXOR UCITS ETF IBOXX $ TREASURIES 1-3Y

LYXOR UCITS ETF IBOXX $ TREASURIES 1-3Y Verso fine gennaio 2009 avevo introdotto un Portafoglio in Etf. Ricordo che questo portafoglio, è stato concepito per essere tenuto fino alla completa uscita dalla crisi. Introdurrò in questo report un

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 1 Gennaio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Considerazioni riassuntive degli indicatori analizzati

Dettagli

L oro : Grafico 1: oro in $ dal 2007

L oro : Grafico 1: oro in $ dal 2007 Commentto merrccatti i Cffi i Advissorrss dell 2 lugll lio 2011,, a ccurra dii Ida I I. Pagnottttel lla IN I QUESTO NUMERO:: LL ORO :: NON SI COMPRA SE SI CREDE CHE TUTTO ANDRA BENE ALLA FINE! MOLTI INVESTITORI

Dettagli

Sella Advice Trading

Sella Advice Trading Le pagine che si aprono cliccando su manuale e track record dovrebbero comparire in una nuova pagina del browser; Sella Advice Trading MANUALE Segnali Titoli Italia All interno: 1 Destinatari del servizio...pag

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Data Pubblicazione 04/06/2015 Sito Web www.impresamia.com MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Commento mensile di Giugno 2015 a firma di Alessandro

Dettagli

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA MERCATO MONETARIO E MERCATO OBBLIGAZIONARIO La scorsa settimana ha visto un andamento differenziato dei tassi tra area euro ed area dollaro: se infatti quelli

Dettagli