Il mantenimento dei figli maggiorenni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il mantenimento dei figli maggiorenni"

Transcript

1 Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio [ ] e che la legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima. L obbligo del mantenimento dei figli però non dura in eterno, ha una scadenza che si fonda su limiti e condizioni ben precise, a cui si aggiungono le specificità di ogni singolo caso. Il quadro normativo Secondo quanto stabilisce il codice civile il matrimonio impone ad ambedue i coniugi l obbligo di mantenere, istruire ed educare la prole tenendo conto delle capacità, dell inclinazione naturale e delle aspirazioni dei figli (articolo 147) e che i due coniugi devono provvedere a tutto questo in proporzione alle rispettive sostanze e secondo la loro capacità di lavoro professionale o casalingo (art. 148). In caso i genitori non abbiano mezzi sufficienti si legge ancora nell art. 148 del codice civile - sono gli altri ascendenti legittimi o naturali a dover fornire ai genitori stessi gli strumenti per adempiere i loro doveri nei confronti dei figli. Qualora questo non avvenisse il tribunale può stabilire con decreto che una quota dei redditi dell obbligato sia versata all altro coniuge o a chi si fa carico delle spese per il mantenimento, l istruzione e l educazione dei figli. Ma cosa succede quando i due genitori si separano? La legge n. 54 dell 8 febbraio 2006 recante Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli (G.U. n. 50 del 01/03/2006) sostituisce ed

2 integra le disposizioni contenute nell articolo 155 del codice civile, regolando la materia del mantenimento dei figli nel caso specifico di due genitori separati. In particolare la norma interviene per tutelare anzitutto il diritto del minore di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori e ricevere da loro cura, educazione e istruzione. A questo fine il giudice valuta l affidamento in base all'interesse morale e materiale dei figli (se i minori vengano affidati a entrambi o meno, i tempi e le modalità della presenza presso ciascun genitore), e fissa la misura e il modo con cui ciascun genitore deve contribuire al mantenimento, alla cura, all'istruzione e all'educazione dei figli. Secondo l articolo 155 del codice civile inoltre salvo accordi diversi liberamente sottoscritti dalle parti, ciascuno dei genitori provvede al mantenimento dei figli in misura proporzionale al proprio reddito; il giudice stabilisce, ove necessario, la corresponsione di un assegno periodico al fine di realizzare il principio di proporzionalità, da determinare considerando: 1) le attuali esigenze del figlio; 2) il tenore di vita goduto dal figlio in costanza di convivenza con entrambi i genitori; 3) i tempi di permanenza presso ciascun genitore; 4) le risorse economiche di entrambi i genitori; 5) la valenza economica dei compiti domestici e di cura assunti da ciascun genitore. I figli maggiorenni Quanto detto finora regolamenta il mantenimento dei figli minori, ma cosa succede quando i figli compiono 18 anni? Di fatto i doveri dei genitori non cambiano e il parametro della maggiore età non costituisce affatto uno spartiacque. L obbligo del mantenimento continua infatti fino a quando i figli stessi non siano in grado di raggiungere un autosufficienza/indipendenza economica tale da provvedere autonomamente alle proprie esigenze di vita; se però il

3 maggiorenne, pur essendo stato messo nella condizione di farlo, non ha saputo o non ha voluto per scelta o per colpa (dovuta a pigrizia, scarsa volontà di applicarsi o a causa di proprie condotte irresponsabili sul piano professionale o personale) raggiungere l autonomia economica dai genitori, questi ultimi sono esonerati dall obbligo. In definitiva quindi non c è un limite di tempo sancito per legge, ma si valuta caso per caso il raggiungimento di questa condizione. Secondo quanto stabilito dalla sentenza del tribunale di Novara n.238/2011, infatti, il dovere dei genitori ha una durata mutevole, senza rigida predeterminazione di tempo, che è soggetta alle circostanze del singolo caso. Altri interventi della giurisprudenza hanno definito più precisamente i limiti del concetto di indipendenza economica del figlio maggiorenne. Ad esempio la sentenza della Cassazione n del 28 agosto 2008 ha stabilito che lo status di indipendenza del figlio può non coincidere con l instaurazione effettiva di un rapporto di lavoro: c è bisogno che il maggiorenne raggiunga un livello di autosufficienza economica tale da consentirgli un reddito corrispondente alla sua professionalità e a un appropriata collocazione nel contesto sociale. Già precedentemente la Cassazione (sentenza n. 4765/2002) aveva stabilito che affinché venga meno l obbligo dei genitori di mantenere il figlio, è necessario che l impiego trovato sia adeguato alle sue attitudini e aspirazioni della persona e possa consentire un effettiva indipendenza nell ambito del contesto economico-sociale di riferimento. (vedi anche Sent. Cass. N del 27/06/2011 e n del 08/02/2012) Pertanto non qualsiasi impiego e qualsiasi reddito fanno venire meno l obbligo del mantenimento. Un impiego precario, per esempio, non giustifica lo scioglimento del dovere del genitore (Sentenza Cassazione n.18 del 3 gennaio 2011). Nel caso in cui il figlio maggiorenne decide di frequentare l università, avrà diritto ad essere mantenuto per un periodo di tempo più lungo rispetto a quello che decide di entrare

4 da subito nel mondo del lavoro. Questo periodo deve avere però una durata ragionevole in cui lo studente deve dimostrare di ottenere risultati e avanzare nel percorso universitario, senza restare in una colpevole inerzia che sarebbe causa di una sospensione dell assegno di mantenimento. L onere della prova Certificare il raggiungimento dell indipendenza economica non spetta al figlio maggiorenne, ma al genitore, a cui compete il cosiddetto onere della prova. E il genitore infatti che può contestare davanti al giudice il sussistere del proprio obbligo nei confronti dei figli, come conferma ad esempio la sentenza della Cassazione n /2009, per cui il semplice raggiungimento della maggiore età non viene ad esonerare il genitore dall obbligo di contribuire al suo mantenimento, fino a quando il genitore stesso non fornisca la prova che il figlio è divenuto autosufficiente, ovvero che il mancato svolgimento di attività lavorativa sia a quest ultimo imputabile (o anche sentenza Cass. civ., n. 2289/2001). Può succedere inoltre che il maggiorenne trovi per un periodo un impiego stabile che gli permetta di raggiungere la piena autosufficienza economica, ma che dopo qualche tempo questo lavoro venga meno. In questa circostanza la giurisprudenza si divide. Alcuni pronunciamenti (Cass. n /2010, Cass. n. 1773/2012, Cass. n. 2171/2012; Cass. n. 5174/2012) ad esempio sanciscono che il genitore non deve più provvedere al mantenimento, perché tale obbligo si è estinto definitivamente con il raggiungimento dell indipendenza economica del figlio. Se sussistono le condizioni di un reale stato di bisogno però, il figlio può chiedere la corresponsione degli alimenti, una sorta di mantenimento in misura ridotta per avere quanto necessario per vivere.

5 Con la più recente sentenza n del 26/09/2011 però la Cassazione ha stabilito che lo stato di disoccupazione del figlio non costituisce parametro deduttivo per stabilire implicitamente una maturata indipendenza economica dello stesso, o comunque la prova di una capacità di reperimento dell occupazione, in quanto ciò non soddisfa assolutamente il requisito imprescindibile della stabilità economica del figlio, tutt altro, ne prova la precarietà. In base a tale pronuncia quindi i genitori hanno l obbligo di mantenimento dei figli finché non vengano dimostrate dal genitore stesso l inizio dell attività economica (o dell occupazione) del figlio ed eventualmente che il successivo stato di disoccupazione sia dipeso da un comportamento colpevole attribuibile allo stesso figlio. Se il figlio maggiorenne si sposa l obbligo di mantenimento per il genitore cessa, perché con il matrimonio si è creato un nuovo nucleo familiare. A meno che (Cass. sent. n del 26 gennaio 2011) non persista per il figlio lo stato di bisogno e la necessità di mezzi di sostegno per vivere. La legge n.54/2006 introduce nel codice civile anche l articolo 155 quinquies, che modifica il regime delle separazioni e dei divorzi, immettendo una norma in favore dei figli maggiorenni, che potranno avere così diritto a percepire direttamente dal genitore obbligato un assegno in proprio favore. Nel dettaglio, secondo tale articolo, il giudice, valutate le circostanze, può disporre in favore dei figli maggiorenni non indipendenti economicamente il pagamento di un assegno periodico. Tale assegno, salvo diversa determinazione del giudice, è versato direttamente all avente diritto. Interessante nello specificare le caratteristiche che deve avere l assegno di mantenimento in termini di entità della somma, è la sentenza della Corte di Cassazione n del 23/10/2007. Tale assegno, secondo il pronunciamento, deve essere adeguato, oltre che alla differenza di reddito dei due coniugi separati o divorziati, anche al reddito percepito dai

6 figli stessi come corrispettivo dell attività lavorativa svolta, che diminuisce o aumenta a seconda del grado di indipendenza economica raggiunta dai figli maggiorenni. Per liberare il genitore dall onere del mantenimento (in caso di separazione o divorzio) non è sufficiente solo la maggiore età o un acquisita indipendenza economica, ma è necessario un provvedimento del giudice (Cass. Sent. n del 16/06/2011 e Trib. Modena, sent. del 23/02/2011). Qualora il genitore, pur sussistendo l obbligo a fornire l assegno di mantenimento, non provveda a farlo, il figlio maggiorenne può agire in giudizio. Può farlo anche l altro genitore se questi è l affidatario e provvede al mantenimento del figlio e quest ultimo non ha abbandonato la casa di famiglia (Cass. sent. n. 2934/1999) Se però (Trib. Trani, sent. n. 440/2008.) il figlio non convive più con il genitore, è lui l unico creditore dell assegno, e quindi l unico legittimato ad agire per ottenerlo. E comunque compito del giudice stabilire se il genitore che ha l onere del mantenimento versi direttamente l assegno al figlio o all altro genitore che convive con questo. Copyright Dott. A. Giuffrè Editore Spa 2013

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

Paolo Richter Mapelli Mozzi

Paolo Richter Mapelli Mozzi Paolo Richter Mapelli Mozzi Il requisito dell assenza di figli maggiorenni economicamente non autosufficienti nel procedimento di separazione e divorzio consensuali avanti all Ufficiale di stato civile.

Dettagli

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione Assegno Mantenimento Approfondimenti e spiegazioni utili sull assegno di mantenimento: cos è, quando è possibile richiederlo, a chi spetta, come viene quantificato e rivalutato e tanto altro. Assegno di

Dettagli

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it Affido condiviso di Maria Elena Bagnato Altalex.it In virtù dell istituto dell affidamento condiviso la potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori che assumono, di comune accordo, le decisioni

Dettagli

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi?

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi? D.- In caso di separazione, in assenza dei figli, può essere disposta dal giudice l assegnazione della casa coniugale? R.- Ove non vi sia prole convivente, questo tipo di tutela non ha più ragione di sussistere

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli.

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli. L. 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 1 marzo 2006, n. 50) Art.1 Modifiche al codice civile. 1. L'articolo

Dettagli

Articoli tratti dalla newsletter Studio Cataldi - Quotidiano Giuridico, Studio Cataldi, Ascoli Piceno http://www.studiocataldi.it

Articoli tratti dalla newsletter Studio Cataldi - Quotidiano Giuridico, Studio Cataldi, Ascoli Piceno http://www.studiocataldi.it 13/10/2014 L'assegno di mantenimento piccola guida Il dovere di assistenza morale e materiale e l'obbligo di mantenimento del coniuge separato Prima di affrontare il tema della determinazione e della corresponsione

Dettagli

Art. 150. Separazione personale.

Art. 150. Separazione personale. CODICE CIVILE Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo VI Del matrimonio Capo V Dello scioglimento del matrimonio e della separazione dei coniugi Art. 149. Scioglimento del matrimonio. Il matrimonio

Dettagli

Assegno mantenimento figli maggiorenni - CORTE DI CASSAZIONE Sezione I Civile - Sentenza n. 1830-26 gennaio 2011

Assegno mantenimento figli maggiorenni - CORTE DI CASSAZIONE Sezione I Civile - Sentenza n. 1830-26 gennaio 2011 Assegno mantenimento figli maggiorenni - CORTE DI CASSAZIONE Sezione I Civile - Sentenza n. 1830-26 gennaio 2011 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dettagli

La Legge n. 54/2006 ha disposto che, in caso di separazione o divorzio, il giudice disponga, come regola generale, l AFFIDAMENTO CONDIVISO

La Legge n. 54/2006 ha disposto che, in caso di separazione o divorzio, il giudice disponga, come regola generale, l AFFIDAMENTO CONDIVISO La Legge n. 54/2006 ha disposto che, in caso di separazione o divorzio, il giudice disponga, come regola generale, l AFFIDAMENTO CONDIVISO in base al quale i figli restano affidati ad entrambi i genitori

Dettagli

Tribunale di Novara, sez. Civile, decreto 1 giugno Presidente Quatraro - Relatore Pascale

Tribunale di Novara, sez. Civile, decreto 1 giugno Presidente Quatraro - Relatore Pascale Tribunale di Novara, sez. Civile, decreto 1 giugno Presidente Quatraro - Relatore Pascale Fatto e diritto - che il sig. S. R. ha adito l'intestato Tribunale con ricorso ex art. 710 cpc per ottenere la

Dettagli

L AFFIDAMENTO CONDIVISO L ESERCIZIO DELLA POTESTA E I RAPPORTI TRA GENITORI E FIGLI

L AFFIDAMENTO CONDIVISO L ESERCIZIO DELLA POTESTA E I RAPPORTI TRA GENITORI E FIGLI L AFFIDAMENTO CONDIVISO L ESERCIZIO DELLA POTESTA E I RAPPORTI TRA GENITORI E FIGLI L età dei figli La distanza tra le abitazione dei genitori Il tenore dei loro rapporti non rilevano ai fini del rispetto

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601 MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601 Famiglia - Figli Genitori gay Affido Possibile Sì all affido di un figlio minore ad una coppia omosessuale composta da

Dettagli

LA SEPARAZIONE CONSENSUALE ALLA LUCE DELLA LEGGE DI RIFORMA N. 54 DELL 8/02/2006

LA SEPARAZIONE CONSENSUALE ALLA LUCE DELLA LEGGE DI RIFORMA N. 54 DELL 8/02/2006 LA SEPARAZIONE CONSENSUALE ALLA LUCE DELLA LEGGE DI RIFORMA N. 54 DELL 8/02/2006 La separazione personale dei coniugi è un istituto regolamentato dalle norme del codice civile (artt. 150 e ss.), dal codice

Dettagli

AFFIDO CONDIVISO Diversamente genitori. Avvocato Cristina Ceci 1

AFFIDO CONDIVISO Diversamente genitori. Avvocato Cristina Ceci 1 AFFIDO CONDIVISO Diversamente genitori 1 Legge n. 54 del 2006 Diritto alla bigenitorialità Tipi di affidamento Esercizio della potestà I tempi dei figli Assegnazione della casa familiare Assegno di mantenimento

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli"

Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli LEGGE 8 febbraio 2006, n.54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 La Camera dei deputati ed il

Dettagli

Formulazione attuale Modifica Costantini Commento. Articolo 1. (Modifiche al codice civile)

Formulazione attuale Modifica Costantini Commento. Articolo 1. (Modifiche al codice civile) Formulazione attuale Modifica Costantini Commento «Art. 155. (Provvedimenti riguardo ai figli) Anche in caso di separazione personale dei genitori il figlio minore ha il diritto di mantenere un rapporto

Dettagli

L uguaglianza giuridica tra figli legittimi e naturali

L uguaglianza giuridica tra figli legittimi e naturali L uguaglianza giuridica tra figli legittimi e naturali di Germano Palmieri I figli sono figli e basta : si potrebbe sintetizzare così lo spirito della L. 10/12/2012, n. 219, intitolata Disposizioni in

Dettagli

LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il

LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv.

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv. Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014 Laura Landi Il testo approvato definitivamente dalla Camera il 27 NOVEMBRE 2012 È

Dettagli

CAPITOLO III CAPITOLO IV

CAPITOLO III CAPITOLO IV CAPITOLO I GLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO 1. Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio.... 2 2. La relazione con il c.d. regime primario della famiglia.... 5

Dettagli

CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO: DIRITTI E DOVERI. In tema di cessazione del matrimonio, l elevato numero di separazioni e

CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO: DIRITTI E DOVERI. In tema di cessazione del matrimonio, l elevato numero di separazioni e CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO: DIRITTI E DOVERI In tema di cessazione del matrimonio, l elevato numero di separazioni e divorzi che si registrano nel nostro Paese ogni anno, considerando

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres. Vitrone; Rel. Didone) Famiglia Matrimonio Cessazione degli effetti civili del matrimonio- Assegno divorzile Quantum

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte I IL QUADRO NORMATIVO E L INTERPRETAZIONE GIURISPRUDENZIALE di Silvia Governatori. Capitolo 1 INTRODUZIONE

INDICE-SOMMARIO. Parte I IL QUADRO NORMATIVO E L INTERPRETAZIONE GIURISPRUDENZIALE di Silvia Governatori. Capitolo 1 INTRODUZIONE INDICE-SOMMARIO Prefazione... xiii Parte I IL QUADRO NORMATIVO E L INTERPRETAZIONE GIURISPRUDENZIALE di Silvia Governatori Capitolo 1 INTRODUZIONE 1.1. L imprevedibilita` delledecisionigiudiziarie... 3

Dettagli

marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal

marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal LA GRIGLIA NORMATIVA RICHIAMATA DALLA FATTISPECIE Le norme di diritto sostanziale Art. 143 Codice Civile: Diritti e doveri reciproci dei coniugi. Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli

Dettagli

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Così composto: dott. M.F.Pricoco Presidente dott. U. Zingales Giudice est. dott. L. Di Natale Componente privato dott. G. Armenia Componente privato riunito in camera

Dettagli

Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A

Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A 1 2 3 4 Salerno, 17 ottobre 2014 Tavola rotonda Dalla potestà alla responsabilità genitoriale : diritti e doveri di figli e genitori L influenza del sistema familiare

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Di Palma; Rel. Acierno) Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della separazione Ripresa della convivenza

Dettagli

IL mantenimento della prole e l assegnazione

IL mantenimento della prole e l assegnazione Capitolo 3 IL mantenimento della prole e l assegnazione della casa coniugale Caso 3.1 Come si configurava, prima della riforma della materia, l istituto del mantenimento della prole? Come è noto il matrimonio

Dettagli

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica)

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica) Agata Christie Investigation Sas Via Luigi Razza 4 20124 Milano Milano Tel. 02 344223 Fax 02 344189 E-mail: max@agatachristie.it website: http://www.agatachristie.it Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano

Dettagli

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento 27 Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento di Anna Liconti Traccia Tizia si rivolge al suo legale di fiducia manifestando l intenzione di volersi separare dal marito Caio per sopravvenute

Dettagli

Codice Civile. Libro I Delle persone e della famiglia. Titolo IX Della responsabilità genitoriale e dei diritti e doveri del figlio

Codice Civile. Libro I Delle persone e della famiglia. Titolo IX Della responsabilità genitoriale e dei diritti e doveri del figlio Codice Civile Libro I Delle persone e della famiglia Titolo IX Della responsabilità genitoriale e dei diritti e doveri del figlio Capo I Dei diritti e doveri del figlio Art. 316. Responsabilità genitoriale.

Dettagli

FILIAZIONE LE FONTI: Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA

FILIAZIONE LE FONTI: Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA Avv. Emanuella Uberti FILIAZIONE LE FONTI: Costituzione 1948 RD 262/42 (C.C.) libro I L. 151

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2011, n 29468 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2011, n 29468 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2011, n 29468 (Pres. M. Finocchiaro; Rel. R. Lanzillo) Assegnazione della casa familiare Box auto Assenza del vincolo pertinenziale-

Dettagli

DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 18 Novembre 2013, n 25843 (Pres. C.

DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 18 Novembre 2013, n 25843 (Pres. C. DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 18 Novembre 2013, n 25843 (Pres. C. Carnevale; Rel. M. Dogliotti) Famiglia Matrimonio Cessazione degli effetti civili del matrimonio- Diagnosi di shopping

Dettagli

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap)

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap) Pensione di reversibilità ENPAM INPS ( ex-inpdap) La pensione di reversibilità, anche conosciuta come pensione ai superstiti, è una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei superstiti La

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO 28 dicembre 2013, n. 154. Revisione delle disposizioni vigenti in materia di filiazione, a norma dell articolo 2 della legge 10 dicembre 2012, n. 219.

Dettagli

TRIBUNALE DI MESSINA SEZIONE PRIMA CIVILE. Decreto 26 aprile - 5 maggio 2006 Presidente Amato Relatore Russo

TRIBUNALE DI MESSINA SEZIONE PRIMA CIVILE. Decreto 26 aprile - 5 maggio 2006 Presidente Amato Relatore Russo TRIBUNALE DI MESSINA SEZIONE PRIMA CIVILE Decreto 26 aprile - 5 maggio 2006 Presidente Amato Relatore Russo D.P. M., separata consensualmente dal coniuge C. G. con decreto del 2 ottobre 1990, chiede ex

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. Luccioli; Rel. Mercolino) Famiglia Fecondazione artificiale eterologa Morte del coniuge prima della nascita Disconoscimento

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909 Svolgimento del processo Il Tribunale di Benevento con sentenza del 15 settembre 2004 condannava i coniugi

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA )

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) DUE TIPI DI PENSIONE La pensione ai superstiti può essere: 1) DI REVERSIBILITA' : se il defunto è già titolare di pensione diretta (vecchiaia, inabilità, anzianità).

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d'iniziativa dei deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d'iniziativa dei deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 66 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei deputati TARDITI, AMATO, ARNOLDI, BAIAMONTE, EMERENZIO BARBIERI, BLASI, CAMMARATA, COSENTINO, DEODATO, DI TEODORO, FALLICA, FILIPPO MANCUSO,

Dettagli

REVISIONE DELL ASSEGNO DI DIVORZIO

REVISIONE DELL ASSEGNO DI DIVORZIO 22 REVISIONE DELL ASSEGNO DI DIVORZIO Mevio e Mevia, coniugi senza figli, decidono di divorziare in seguito ad una separazione consensuale omologata. In sede di giudizio, viene disposto in favore della

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME INDICE SOMMARIO DEL VOLUME Indice per articoli... pag. VII Indice bibliografico...» XIII LILIANA ROSSI CARLEO INTRODUZIONE...» 1 TITOLO VI. DEL MATRIMONIO CAPO V. DELLO SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO E DELLA

Dettagli

8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile

8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile 220 Alberto Figone 8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile Molto si è discusso sui rapporti tra Tribunale ordinario e minorile nell assunzione dei provvedimenti a vario modo incidenti sulla potestà,

Dettagli

Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico

Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico Mauro Maltagliati Gianni Marliani Firenze, 19 gennaio 2009 Dipartimento di Statistica Università di

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

PREMESSA ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE

PREMESSA ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE Allegato alla deliberazione di Assemblea Consortile n 10 del 29/11/2012 REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEI GENITORI AL PAGAMENTO DELLE RETTE DEI MINORI INSERITI IN STRUTTURE RESIDENZIALI O IN PARTICOLARI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GEBHARD, ALFREIDER, PLANGGER, SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GEBHARD, ALFREIDER, PLANGGER, SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 60 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GEBHARD, ALFREIDER, PLANGGER, SCHULLIAN Disposizioni concernenti l erogazione anticipata dell

Dettagli

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli)

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) COPIA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 37 del 02.04.2013 OGGETTO : Approvazione disciplinare per la compartecipazione dei genitori al pagamento

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Elenco delle principali abbreviazioni... XXIII CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Guida bibliografica... 3 Profili generali................ 7 1.1. Le questioni da affrontare..........

Dettagli

Il genitore convivente con il figlio maggiorenne non autosufficiente economicamente può pretendere l'assegno di mantenimento.

Il genitore convivente con il figlio maggiorenne non autosufficiente economicamente può pretendere l'assegno di mantenimento. Il genitore convivente con il figlio maggiorenne non autosufficiente economicamente può pretendere l'assegno di mantenimento. Cassazione civile, sez. I, sentenza 10.01.2014, n. 359 Il caso è quello di

Dettagli

DIRITTO DI FAMIGLIA, L AFFIDO CONDIVISO DIVENTA LEGGE

DIRITTO DI FAMIGLIA, L AFFIDO CONDIVISO DIVENTA LEGGE DIRITTO DI FAMIGLIA, L AFFIDO CONDIVISO DIVENTA LEGGE Con l approvazione della legge n. 54/2006 si favorisce il modello della bigenitorialità: all affidamento in via esclusiva a uno solo dei genitori,

Dettagli

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS CIRCOLARE A.F. N. 95 del 22 giugno 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

Testamento e condizione di matrimonio

Testamento e condizione di matrimonio Testamento e condizione di matrimonio Quesito n. 15 Tizio, con testamento olografo, istituisce eredi universali i due figli, Caio e Sempronia, e assegna loro, con due legati, un immobile ciascuno. Il testamento

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 27 Novembre 2013, n 26491 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 27 Novembre 2013, n 26491 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 27 Novembre 2013, n 26491 (Pres. Salmè; Re. Camaprile) Famiglia Matrimonio Cessazione degli effetti civili Assegno divorzile Condizioni Secondo

Dettagli

a cura di Laura Gaiotti e Monica Terzago

a cura di Laura Gaiotti e Monica Terzago COORDINAMENTO DEGLI OPERATORI DEI SERVIZI DI MEDIAZIONE FAMILIARE - 21 MARZO 2006 - OSSERVAZIONI 1 SULLA NUOVA LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento

Dettagli

Modifica delle condizioni di separazione modifica delle condizioni economiche della coppia - art. 156 c.c. - art. 710 c.p.c.

Modifica delle condizioni di separazione modifica delle condizioni economiche della coppia - art. 156 c.c. - art. 710 c.p.c. Modifica delle condizioni di separazione modifica delle condizioni economiche della coppia - art. 156 c.c. - art. 710 c.p.c. TIPOLOGIA: PARERI AREA DI INTERESSE: PERSONE E FAMIGLIA ARGOMENTO: SEPARAZIONE

Dettagli

La struttura della legge 219 del dicembre del 2012. (avv. Guerci)

La struttura della legge 219 del dicembre del 2012. (avv. Guerci) 14 FEBBRAIO 2014 FORMAZIONE PERMANTENTE ORDINE AVVOCATI BIELLA LA RIFORMA DELLA FILIAZIONE A SEGUITO DELLA l. 219 DEL 2012 E DEL D.L. 154 DEL 2013. -Novità e (soprattutto) ulteriori problemi nel diritto

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto

Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto 1 of 5 19/04/11 16.47 Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Affido condiviso va negato se genitore minaccia di portare

Dettagli

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir.

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir. RISOLUZIONE N. 153/E Roma, 11 giugno 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1,

Dettagli

AFFIDO CONDIVISO DEI FIGLI LE REGOLE E LE SENTENZE

AFFIDO CONDIVISO DEI FIGLI LE REGOLE E LE SENTENZE AFFIDO CONDIVISO DEI FIGLI LE REGOLE E LE SENTENZE SOMMARIO Testi di Laura Logli Avvocato divorzista Padre e madre senza mezzi, i nonni devono intervenire 22 Introduzione Una bussola per orientarsi tra

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA LA PENSIONE DI REVERSIBILITA La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl.n. 636) spetta a: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità Superstiti dell assicurato

Dettagli

VERBALE. dell INCONTRO tra le rappresentanti dell OSSERVATORIO. NAZIONALE DUL DIRITTO DI FAMIGLIA e i GIUDICI competenti

VERBALE. dell INCONTRO tra le rappresentanti dell OSSERVATORIO. NAZIONALE DUL DIRITTO DI FAMIGLIA e i GIUDICI competenti VERBALE dell INCONTRO tra le rappresentanti dell OSSERVATORIO NAZIONALE DUL DIRITTO DI FAMIGLIA e i GIUDICI competenti del TRIBUNALE ORDINARIO e del TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL 25.02.2010 Presenti: Dr.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 197. Modifica al codice civile in materia di disciplina del patto di convivenza

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 197. Modifica al codice civile in materia di disciplina del patto di convivenza Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 197 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori ALBERTI CASELLATI, BONFRISCO, CARIDI e D ASCOLA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 15 MARZO 2013 Modifica al codice

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MORANI, D ALESSANDRO. Modifiche al codice civile e altre disposizioni in materia di accordi prematrimoniali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MORANI, D ALESSANDRO. Modifiche al codice civile e altre disposizioni in materia di accordi prematrimoniali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2669 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MORANI, D ALESSANDRO Modifiche al codice civile e altre disposizioni in materia di accordi

Dettagli

Associazione C rescere

Associazione C rescere Organizzazione di Volontariato Associazione C rescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Via Massarenti 11-40138 Bologna presso la Clinica Pediatrica

Dettagli

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA Perché si parla di libera circolazione dei lavoratori e delle persone? Sono due aspetti distinti? Al momento della sua nascita,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE 957/2008 - AFFIDO CONDIVISO BIS

DISEGNO DI LEGGE 957/2008 - AFFIDO CONDIVISO BIS Art. 1. 1. All articolo 155 del codice civile sono apportate le seguenti modificazioni: a) al primo comma, dopo le parole: «di ricevere cura, educazione e istruzione da entrambi» sono inserite le seguenti:

Dettagli

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO E LE CONSEGUENZE SUL PIANO FISCALE. A CURA DELL AVV. RAFFAELLA DE VICO Premessa Diverse sono le questioni di rilevanza fiscale che possono sorgere

Dettagli

[2] DOCUMENTO. Testo vigente Proposte di modifica (disegno di legge 957) Art. 1-5

[2] DOCUMENTO. Testo vigente Proposte di modifica (disegno di legge 957) Art. 1-5 DOCUMENTO DELL OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DIRITTO DI FAMIGLIA SULLE PROPOSTE DI MODIFICA DELL AFFIDAMENTO CONDIVISO Premessa Dal febbraio 2011 è in discussione nella Commissione Giustizia del Senato il

Dettagli

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti L ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI MINORI Relatore: dott. Antonino Luigi SCARPULLA pretore della Pretura circondariale di Palermo Premessa. I. Nel nostro ordinamento giuridico non esiste una

Dettagli

DELLA PROLE E DEI FIGLI MAGGIORENNI PROF. MAURO PALADINI

DELLA PROLE E DEI FIGLI MAGGIORENNI PROF. MAURO PALADINI MANTENIMENTO DIRETTO E INDIRETTO DELLA PROLE E DEI FIGLI MAGGIORENNI PROF. MAURO PALADINI SOMMARIO: 1. Sulla necessità della previsione di un assegno anche nel regime di affidamento condiviso. 2. La misura

Dettagli

dalla richiesta declaratoria di addebitabilità che si dovrebbe evitare proprio per non rendere intollerabile anche la prosecuzione della vita di

dalla richiesta declaratoria di addebitabilità che si dovrebbe evitare proprio per non rendere intollerabile anche la prosecuzione della vita di La tutela del bene della vita nell evento separativo-divorzile Dott.ssa Margherita Marzario Abstract: L Autrice propone una breve rassegna di principi riguardanti gli eventi separazione e divorzio prendendo

Dettagli

4. Forme di soggiorno.

4. Forme di soggiorno. 473 cittadini comunitari presenti in uno degli Stati membri, anche in questo caso troviamo la necessità di motivazioni concrete ed attuali e, quel che più conta, il divieto di automatismi unitamente ad

Dettagli

In un primo caso GB si occupa da solo di FAB e riceve da GA una somma pari a 3

In un primo caso GB si occupa da solo di FAB e riceve da GA una somma pari a 3 locazione della prima casa non legati a nessun indice rivalutativo; così come per il valore assunto per i lavoratori autonomi nel regime dei minimi al netto dei contributi; o di come i soggetti con redditi

Dettagli

OGGETTO: RICORSO AVVERSO AVVISO DI LIQUIDAZIONE IMPOSTA EMESSO. DALL'AGENZIA ENTRATE NAPOLI. IL del NOTIFICATO

OGGETTO: RICORSO AVVERSO AVVISO DI LIQUIDAZIONE IMPOSTA EMESSO. DALL'AGENZIA ENTRATE NAPOLI. IL del NOTIFICATO ALLA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI NAPOLI ALL'AGENZIA DELLE ENTRATE UFFICIO DI NAPOLI. OGGETTO: RICORSO AVVERSO AVVISO DI LIQUIDAZIONE IMPOSTA EMESSO DALL'AGENZIA ENTRATE NAPOLI. IL del NOTIFICATO

Dettagli

Nonni e nipoti: quali diritti e doveri?

Nonni e nipoti: quali diritti e doveri? Nonni e nipoti: quali diritti e doveri? L argomento in sé ha una rilevanza sociale ancor prima che giuridica: è di questi ultimi giorni la notizia emersa dagli archivi dell Associazione Matrimonialisti

Dettagli

Legge 10 dicembre 2012, n. 219 (1). Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali.

Legge 10 dicembre 2012, n. 219 (1). Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. Legge 10 dicembre 2012, n. 219 (1). Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 17 dicembre 2012, n. 293. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

L affidamento familiare e la filiazione adottiva

L affidamento familiare e la filiazione adottiva L affidamento familiare e la filiazione adottiva D ANGIO G., RECCO A., OTTOBRE P., LEGA G. L affidamento familiare L affidamento familiare, così come l adozione, è un istituto disciplinato dalla legge

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario...

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario... INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario...» XIII CAPITOLO I DALLA RIFORMA DEL 1987 ALLA RIFORMA DEL 2006 1. Breve

Dettagli

Quesiti frequenti sulle successioni

Quesiti frequenti sulle successioni Quesiti frequenti sulle successioni Le successioni ereditarie comportano questioni delicate e talvolta difficili da risolvere. Rivolgetevi ad un nostro sportello per ricevere informazioni dettagliate relative

Dettagli

D.L. 12 settembre 204 n. 132 convertito in Legge 10 novembre 2014 n. 162 ( in vigore dall 11 novembre 2014)

D.L. 12 settembre 204 n. 132 convertito in Legge 10 novembre 2014 n. 162 ( in vigore dall 11 novembre 2014) Il ruolo del Notaio D.L. 12 settembre 204 n. 132 convertito in Legge 10 novembre 2014 n. 162 ( in vigore dall 11 novembre 2014) Art. 2 : CONVENZIONE DI NEGOZIAZIONE ASSISTITA È l accordo mediante il quale

Dettagli

CAPITOLO IV -------------------------------------------------------- LA FAMIGLIA

CAPITOLO IV -------------------------------------------------------- LA FAMIGLIA CAPITOLO IV -------------------------------------------------------- LA FAMIGLIA SEZIONE I FAMIGLIA LEGITTIMA E FAMIGLIA DI FATTO SOMMARIO: 1. Nozione di famiglia. 2. Il fondamento costituzionale della

Dettagli

Relazione tenuta al convegno dell associazione SINTONIE il 10 GIUGNO 2014. Il ruolo dei nonni nel conflitto genitoriale

Relazione tenuta al convegno dell associazione SINTONIE il 10 GIUGNO 2014. Il ruolo dei nonni nel conflitto genitoriale Relazione tenuta al convegno dell associazione SINTONIE il 10 GIUGNO 2014 Il ruolo dei nonni nel conflitto genitoriale Quando si parla di nonni, il primo pensiero che balza alla mente è quello della possibilità

Dettagli

Capitolo 7 Il rapporto tra genitori e figli

Capitolo 7 Il rapporto tra genitori e figli Edizioni Simone - vol. 5/4 Compendio di diritto di famiglia Capitolo 7 Il rapporto tra genitori e figli Sommario 1. Premessa. - 2. I doveri dei genitori. - 3. I doveri del figlio. - 4. La responsabilità

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I I MUTAMENTI DELLA FAMIGLIA E L OBBLIGO DI MANTENIMENTO DEL CONIUGE E DEI FIGLI

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I I MUTAMENTI DELLA FAMIGLIA E L OBBLIGO DI MANTENIMENTO DEL CONIUGE E DEI FIGLI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. VII Introduzione...» XI In memoria del compianto Bruno Schettini...» XIV Prefazione: Primo commento alle modifiche apportate dalla legge n. 219 del 10

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

TRATTAMENTO ECONOMICO DEI SUPERSTITI (art. 85 DPR 1124/1965)

TRATTAMENTO ECONOMICO DEI SUPERSTITI (art. 85 DPR 1124/1965) Avv. Santo Spagnolo* - Dott. Rosalia Calandrino* * SPAGNOLO & ASSOCIATI STUDIO LEGALE TRATTAMENTO ECONOMICO DEI SUPERSTITI (art. 85 DPR 1124/1965) Nell eventualità in cui all infortunio in itinere (o più

Dettagli

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE Gli effetti di una rottura coniugale, come è noto, sono numerosi e coinvolgono questioni psicologiche, affettive, mutamenti di stile, di vita, limitazioni

Dettagli

La normativa di riferimento sul divorzio

La normativa di riferimento sul divorzio Modulo 1 > DOCUMENTI 1 La normativa di riferimento sul divorzio Legge 1 dicembre 1970, n. 898 (in Gazz. Uff., 3 dicembre, n. 306) Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio Articolo 1. 1. Il giudice

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE Istruzioni e appunti per l uso L ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE : ANF L assegno al nucleo familiare è una prestazione a sostegno del reddito istituita per sostenere le famiglie

Dettagli