RELAZIONE AVV. LUCIANA TULLIA SERTOLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE AVV. LUCIANA TULLIA SERTOLI"

Transcript

1 1 CONVEGNO AIAF LOMBARDIA I FONDAZIONE FORENSE DI MONZA CRITERI DI LETTURA DELLE DICHIARAZIONI DEI REDDITI AI FINI DI UNA CORRETTA VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE DEI CONIUGI 26 MARZO 2012 RELAZIONE AVV. LUCIANA TULLIA SERTOLI Buongiorno a tutti. L'intento che vorrei raggiungere con questa mia relazione è quello di: individuare gli aspetti giuridici e procedurali connessi alla dichiarazione dei redditi, nell'ambito delle separazioni dei coniugi e del divorzio; richiamare le connessioni dell'assegnazione della casa familiare con l'imposizione diretta e l'imposizione ai fini ICI e IMU La lettura della dichiarazione dei redditi quale prova Partiamo dalla dichiarazione dei redditi quale prova nel giudizio di separazione e divorzio. E' doveroso il richiamo alle norme: 1. art. 706 c.p.c., per quanto concerne la separazione personale dei coniugi: il Legislatore ha stabilito che UAI ricorso e alla memoria difensiva sono allegate le ultime dichiarazioni dei redditi presentate" 2. art. 4 Legge n. 898/70 per il divorzio: il Legislatore ha ugualmente stabilito che "al ricorso e alla prima memoria difensiva sono allegate le ultime dichiarazioni dei redditi rispettivamente presentate" 3. e ancora per il divorzio, l'art. 5 della Legge n. 898/70 stabilisce che: "I coniugi devono presentare al/'udienza di comparizione avanti al presidente del tribunale la dichiarazione personale dei redditi e ogni documentazione relativa ai loro redditi e al patrimonio personale e comune. In caso di contestazioni il tribunale dispone indagini sui redditi, sui patrimoni e sull'effettivo tenore di vita, valendosi, se del caso, anche della polizia tributaria".

2 2 Quest'ultima disposizione, espressa nell'ambito della normativa sul divorzio, è applicabile anche ai procedimenti per separazione, per espressa interpretazione giurisprudenziale (Corte di Cassazione, Sezione 1" Civile, 17 maggio 2005, n ). La Suprema Corte, inoltre, sempre nella medesima sentenza citata, chiarisce che: l'esercizio del potere di disporre indagini patrimoniali avvalendosi della polizia tributaria costituisce una deroga alle regole generali sull'onere della prova e rientra nella discrezionalità del giudice di merito e non può essere considerato un dovere imposto sulla base della semplice contestazione delle parti in ordine alle loro rispettive condizioni economiche. Ma tale discrezionalità ha un limite: il giudice, potendosi avvalere di detto potere, non può rigettare le istanze delle parti relative al riconoscimento e determinazione dell'assegno sotto il profilo della mancata dimostrazione degli assunti sui quali si fondano: Il caso di specie meglio chiarisce: dato atto della documentazione prodotta dalla ricorrente e comprovante l'intensa attività lavorativa del coniuge, l'elevato livello professionale e il conseguente presumibile conseguimento di compensi superiori a quelli modesti dichiarati, il giudice deve far uso del potere di disporre indagini di ufficio e non, come ha fatto, limitarsi a dichiarare congruo l'assegno di mantenimento in base alla mancanza di elementi certi di quantificazione del reddito. Chiarito così il punto di vista relativo alla disposizione dell'indagine da parte della polizia tributaria, dobbiamo ora chiarire altri due aspetti: 1. le indagini da parte della polizia tributaria non sono da confondere con la CTU economico patrimoniale, di cui si parlerà nella seconda giornata di questo Convegno. La CTU è svolta, infatti, da un consulente tecnico nominato dal Giudice e tutto il procedimento rimane in un ambito privatistico; 2. le indagini della polizia tributaria, invece, dal punto di vista dei militari verificatori, devono sortire nella determinazione di un maggior reddito non dichiarato.

3 3 Difficilmente la polizia tributaria si muove se non intrawede immediatamente la possibilità di recuperare gettito per l'erario. Torniamo ora alla dichiarazione dei redditi. Parliamo della dichiarazione dei redditi personali, che conterrà eventualmente: la dichiarazione dei redditi di capitale, se il soggetto partecipa ad esempio ad una società di capitale e ha percepito dividendi la dichiarazione del reddito di partecipazione, se il soggetto partecipa ad una società di persone la dichiarazione del reddito d'impresa se il soggetto è imprenditore individuale la dichiarazione del reddito di lavoro autonomo. Ho voluto riassumere molto sinteticamente tale concetto, per evidenziare che è la dichiarazione dei redditi personali che deve essere prodotta in giudizio e non quella dell'eventuale società partecipata. La dichiarazione dei redditi è un documento redatto ai fini dell'imposizione diretta da parte dell'erario. Come ha ben chiarito la relatrice che mi ha preceduto, la determinazione del reddito operata nello schema dichiarativo risponde a precise finalità di: individuazione dell'esatto importo dei ricavi I compensi individuazione dell'esatto importo dei costi inerenti conseguente individuazione del reddito imponibile e degli oneri deduci bili e detrai bili conseguente calcolo dell'imposta dovuta, tenendo conto dell'applicazione di una serie di principi di equità e perequazione sociale che variano a seconda della composizione del nucleo familiare ed anche a seconda delle risultanze dell'omologa/sentenza di separazione e della sentenza di divorzio. Conseguentemente, le dichiarazioni dei redditi, per espresso chiarimento giurisprudenziale "in quanto svolgono una funzione tipicamente fiscale, in una controversia - quale quella di specie - relativa a rapporti estranei al sistema tributario, non rivestono valore vincolante per il Giudice, il

4 4 quale, nella sua valutazione discrezionale, ben può disattenderte, fondando il suo convincimento su altre risultanze probatorie" (Cass., Sezione 1/\ civile, 14 marzo 2066, n. 5521). Nel caso di specie la Suprema Corte aveva evidenziato che i giudici di merito: con argomentazioni logiche ed esaurienti avevano espresso le ragioni che, nell'individuazione del reddito dell'obbligato, li avevano indotti a superare i dati fiscali e determinare in via presuntiva l'entità del reddito, ragioni ricondotte alla natura imprenditoriale dell'attività esercitata e all'importanza economica delle iniziative immobiliari intraprese dai coniugi e dell'accumulo di cospicui risparmi nel corso della convivenza e in assenza di redditi lavorativi della moglie. E' di chiara evidenza il richiamo alla norma di cui all'art. 115 c.p.c: "Salvo i casi previsti dalla legge, il giudice deve porre a fondamento della decisione le prove proposte dalle parti o dal pubblico ministero, nonché i fatti non specificatamente contestati dalla parte costituita. "Il giudice può, tuttavia, senza bisogno di prova, porre a fondamento della decisione le nozioni di fatto che rientrano nella comune esperienza". La giurisprudenza di legittimità, chiarendo il necessario rigore che la deroga al principio dispositivo ed al contraddittorio che il richiamo al fatto notorio comporta, così lo definisce: fatto acquisito alle conoscenze della collettività con tale grado di certezza da apparire indubitabile ed incontestabile (cito una delle ultime decisioni conformi: Casso Civ., Sez. seconda, 31 maggio 2010, n ) cognizioni comuni e generali in possesso della collettività nel tempo e nel luogo della decisione, senza necessità di ricorso a particolari informazioni o giudizi tecnici (Cass. Civo Sez. terza, 21 maggio 2004, n. 9705) E' fatto acquisito alle conoscenza della collettività, senza la necessità di particolari informazioni o giudizi tecnici, che per acquistare beni immobili

5 5 e accumulare risparmi sia necessario aver conseguito un certo reddito. Dall'entità degli investimenti immobiliari e mobiliari è possibile, pertanto, dedurre presuntivamente l'entità del reddito. Esaminiamo ora un'altra norma sulle prove. L'art. 116 c.p.c. al secondo comma stabilisce: "tl giudice può desumere argomenti di prova dalle risposte che le parti gli danno a norma dell'articolo seguente (interrogatorio non formale delle parti), dal loro rifiuto ingiustificato a consentire le ispezioni che egli ha ordinate e, in generale, dal contegno delle parti stesse nel processo". E' chiaro comportamento quello della parte che non produce in giudizio le proprie dichiarazioni dei redditi, pur sussistendo prove circa lo svolgimento di attività, il tenore di vita e la consistenza del patrimonio. Il fatto di non produrre le dichiarazioni dei redditi può, fra virgolette, essere sanzionato dal giudice ex art. 116 c.p.c. Gli studi di settore quale prova Richiamo nuovamente l'art. 5 della Legge n. 898/70 là dove impone che all'udienza di comparizione avanti il presidente del tribunale i coniugi debbano presentare la dichiarazione personale dei redditi e ogni documentazione relativa ai loro redditi. La dichiarazione dei dati ai fini degli studi di settore è indubbiamente un documento relativo ai redditi. La dichiarazione dei redditi è uno dei documenti che formano l'insieme definito Modello Unico. Nella prima pagina del frontespizio del modello unico al primo rigo vengono indicati i documenti allegati: Redditi, IVA... Studi di settore. Pertanto, la dichiarazione ai fini degli studi di settore fa parte del modello unico: è indubbiamente un documento relativo al reddito.

6 6 Può essere opportuno instaurare la prassi di: produrre insieme alla dichiararne dei redditi anche la dichiarazione ai fini degli studi di settore; nel contempo, chiedere al giudice che ordini a controparte la presentazione degli studi di settore, qualora non lo abbia fatto e questo ai sensi proprio dell'art. 5 della La relatrice che mi ha preceduto ci ha spiegato i fatti che emergono da questo documento, fatti che possono, insieme ad altre prove, dimostrare i compensi dichiarati per lo svolgimento che di lavoro autonomo o i ricavi dichiarati per l'attività di impresa sono inferiori a quelli effettivi. Faccio un esempio: se in qualche modo è dimostrato che il soggetto lavora parecchie ore al giorno e dichiara invece di lavorare solo ad esempio 30 ore settimanali, possiamo dedurre che ha esposto questo dato al solo fine di far risultare una congruità del reddito che non risulterebbe indicando le effettive ore di lavoro. L'indicazione delle ore di lavoro e delle settimane lavorative nel corso dell'anno è uno dei dati che, variando, fa variare il risultato sulla congruità del reddito. E' doveroso sottolineare che il meccanismo di calcolo della presunzione di reddito definito "studi di settore" è un mezzo grossolano, perché: in primo luogo, è ben difficile incasellare le modalità di svolgimento dell'attività di lavoro autonomo o di impresa in uno schema che, pur prevedendo una serie di variabili, è pur sempre uno schema, una griglia che limita la visione della singola realtà; in secondo luogo, ancora l'elaborazione del software di applicazione (denominato Gerico) è lontana dalla realtà dei singoli rami di attività. Una delle strade per adattare, detto fra virgolette, lo schema fisso alla realtà consiste nel giocare ad esempio proprio sulle ore di lavoro: lo può fare chi effettivamente dichiara il veritiero reddito percepito e scopre che lo schema non gli corrisponde e lo può fare chi sta occultando reddito (sottolineo che in entrambi i casi si è in presenza di falso).

7 7 Quello che voglio sottolineare che conseguentemente la dichiarazione dei dati ai fini degli studi di settore è un'arma a doppio taglio. Tuttavia, pur tenendo conto di questa caratteristica, sicuramente è un documento che aiuta a meglio capire la situazione reddituale e che è bene che figuri fra le prove che obbligatoriamente i coniugi devono produrre nei giudizi di separazione e divorzio. Considerazioni simili possono essere svolte in relazione al redditometro, mezzo che prescinde dallo svolgimento di attività di lavoro autonomo o di impresa (necessario per gli studi di settore) e prescinde anche da redditi dichiarati. Il redditometro, infatti, misura il reddito presunto sulla base di determinati indizi di ricchezza: auto, aerei, cavalli, soggiorni in alberghi di lusso, ecc. ecc. E' evidente la valenza di prova di tale mezzo. Assegno di mantenimento e assegno di divorzio - imposizione diretta Ai fini fiscali non ha alcuna rilevanza la diversa valenza che assume l'assegno di mantenimento rispetto all'assegno di divorzio: entrambi sottostanno in egual misura alla normativa fiscale. Dal punto di vista dell'erario si applica un principio base: ciascun reddito prodotto deve essere tassato. Il reddito in questo caso è prodotto dal soggetto che deve corrispondere l'assegno; per chi lo percepisce non si può certo parlare tecnicamente di reddito. Tuttavia, la norma prevede che: chi percepisce deve dichiarare quello che viene assimilato ad un reddito di lavoro dipendente, indicando l'importo annuo nella sezione seconda del quadro Re. Se l'importo, sommato agli altri redditi, determina un reddito complessivo superiore ad euro , non spettano le detrazioni per reddito di lavoro dipendente (quadro RN); chi versa l'assegno, deduce l'importo annuo dal reddito, indicandolo negli oneri del quadro RP. Sottolineo che:

8 8 l'assegno di mantenimento dei figli non è deducibile, in quanto si operano le detrazioni d'imposta fisse per i figli; se l'omologa o la sentenza indica un solo importo, comprensivo sia del mantenimento dell'ex coniuge che dei figli, si presume che vada suddiviso al 50% ai figli e 50% al coniuge. Assegno di divorzio una tantum - aspetti fiscali La deduzione dal reddito dell'assegno periodico corrisposto al coniuge è operata ai sensi del comma 1 lettera c) dell'art. 10 del D.P.R. n. 917/86, che recita: Dal reddito complessivo si deducono "gli assegni periodici corrisposti al coniuge". Dalla caratteristica della periodicità discende il diverso trattamento per: l'assegno periodico, deduci bile dal reddito dell'erogante e tassato in capo al percipiente; e l'assegno una tantum che non è tassato in capo al percipiente e non è deducibile dal reddito dell'erogante. L'Agenzia delle Entrate argomenta tale interpretazione, sottolineando che se si consentisse la detrazione dell'assegno una tantum dal reddito dell'erogante, verrebbe a mancare un gettito all'erario, in quanto il percipiente non è tenuto a dichiarare e sottoporre a tassazione il relativo importo. La sentenza della Sezione V tributaria della Cassazione del 6 novembre 2006 n argomenta e avvalora tale interpretazione, sottolineando che: l'assegno periodico viene fissato in base alla situazione esistente al momento della pronuncia e può essere successivamente modificato; l'assegno una tantum è invece un assetto complessivo degli interessi personali, familiari e patrirnoniali dei coniugi, non direttamente correlato al reddito del periodo di imposta. Andrei oltre a suggerirei una ulteriore argomentazione. /I concetto di reddito ai fini dell'imposizione diretta è fissato dal combinato disposto degli artt. 1 e 6 del D.P.R. n. 917/86 in base al quale sono redditi: i redditi fondiari

9 9 i redditi di capitale i redditi di lavoro dipendente i redditi di lavoro autonomo i redditi d'impresa i redditi diversi: tali redditi sono determinati in un elenco tassativo nell'ambito dello stesso D.P.R. e in tale elenco non compare l'assegno erogato dall'ex coniuge. E non compare come reddito, in quanto per avere reddito è necessario (salve le eccezioni previste dal Legislatore) che alla corresponsione in denaro corrisponda o una cessione di un bene o una prestazione di un servizio o di un lavoro, o il fruttificare di un capitale. Per avere reddito è necessario, pertanto, che sussista la presenza di obbligazioni corrispettive. Non rientrano in questo concetto di "corrispettivo", l'assegno di mantenimento e l'assegno di divorzio, che, pertanto, non sono reddito. Tuttavia, il legislatore con una forzatura - e il legislatore tributario attua parecchie forzature - ha assimilato al concetto di reddito l'assegno periodico corrisposto dall'ex coniuge. La norma che opera questa assimilazione è norma eccezionale e non può essere applicata per analogia, ai sensi dell'art. 14 delle Preleggi. Inoltre il principio analogico non può essere applicato in ambito tributario, in quanto ciò rappresenterebbe una lesione della riserva di legge di cui all'art. 23 della Costituzione (nessuna prestazione patrimoniale può essere imposta se non n base alla legge). Quindi: l'assegno di mantenimento e l'assegno da divorzio non sono reddito in capo al percipienti; tuttavia, per una forzatura nel sistema giuridico-tributario, eccezionalmente l'assegno corrisposto periodicamente è assimilato al reddito di lavoro dipendente in capo al perçipiente e proprio, perché così tassato, può essere dedotto dal reddito dell'erogante; l'assegno una tantum non è reddito e quindi non è tassato in capo al percipiente e non è dedotto dal reddito dell'erogante.

10 10 E' chiaro che se ci fermiamo qui, risulta incomprensibile la norma eccezionale sull'assegno periodico: se da un lato è tassato, ma dall'altro è dedotto dal reddito, l'operazione sembra neutra. Ma non è così. Infatti: sommando al reddito complessivo del percipiente l'assegno corrisposto dal coniuge può verificarsi il passaggio ad uno scaglione di aliquota d'imposta superiore sommando l'assegno ad un reddito di lavoro dipendente può verificarsi il superamento del limite oltre il quale non sono ammesse detrazioni per lavoro dipendente e ciò determina una maggiore imposta netta. L'applicazione della norma, pertanto, va comunque a determinare una entrata per l'erario. Aspetti fiscali relativi all'assegnazione della casa familiare 1. ICI E IMU Richiamo qui quanto si è venuto a consolidare in relazione all'ici della casa assegnata al coniuge non proprietario, in relazione al periodo in cui non sussisteva l'esenzione ICI sulla casa d'abitazione. Si può presumere che per la nuova imposta IMU si possano applicare gli stessi principi: vedremo nel corso del tempo. Soggetto passivo dell'lci, così come dell'imu è: il proprietario oppure il titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie. Il coniuge assegnatario della casa familiare non ha un diritto reale, ma è titolare di un atipico diritto personale di godimento e tale diritto personale non rientra fra quelli che ai sensi dell' art. 3 D. Lgs. n. 504/92 determinano la soggettività passiva al tributo. Pertanto, il coniuge assegnatario e non proprietario dell'immobile non doveva pagare l'ici, che rimaneva a carico del coniuge proprietario.

11 11 Il coniuge proprietario: se non è titolare di diritto di proprietà o di diritto reale su altro immobile destinato ad abitazione nello stesso comune ove è ubicata la casa coniugale, determinava l'imposta applicando l'aliquota per l'abitazione principale e applicando le relative detrazioni. 2. IMPOSIZIONE DIRETTA Le medesime argomentazioni svolte per l'ici valgono per la dichiarazione del reddito fondiario relativo alla casa familiare: il coniuge non assegnatario e titolare del diritto di proprietà deve dichiarare quale reddito fondiario la rendita catasta le nella dichiarazione dei redditi e dedurre poi la stessa rendita dal reddito complessivo, arrivando così alla neutralità impositiva. Queste norme sono in vigore per tutto il Dal 2012 la tassazione della casa d'abitazione, anche ai fini IRPEF, è compresa nell'imu. Abbiamo ora il tempo per rispondere a tutte le domande che vorrete porre. Grazie.

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir.

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir. RISOLUZIONE N. 153/E Roma, 11 giugno 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE. 1. Il presente Regolamento integra le norme di legge che disciplinano l'imposta

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE. 1. Il presente Regolamento integra le norme di legge che disciplinano l'imposta REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI CAPO I NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO E SCOPO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento integra le norme di legge che disciplinano

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2007 OGGETTO: Istanza di Interpello. Atto di rinunzia abdicativa. art. 13 della legge n. 383 del 2001 come modificato dall

Dettagli

IMU (Imposta Municipale Propria) 2012

IMU (Imposta Municipale Propria) 2012 Comune di Cisliano IMU (Imposta Municipale Propria) 2012 Dal 1 gennaio 2012 è in vigore l Imposta Municipale Propria (IMU), la cui istituzione è stata anticipata in via sperimentale dal decreto legge n.

Dettagli

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Misura Addebito della separazione Inadempimento dell obbligato e potere di assegnazione Soggetti

Dettagli

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione Assegno Mantenimento Approfondimenti e spiegazioni utili sull assegno di mantenimento: cos è, quando è possibile richiederlo, a chi spetta, come viene quantificato e rivalutato e tanto altro. Assegno di

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Nell ambito del sistema di accertamento nei confronti delle persone fisiche, trovano nuova linfa le disposizioni che definiscono

Dettagli

Comune di Bologna. Regolamento per l'applicazione dell'imposta Comunale sugli Immobili (ICI)

Comune di Bologna. Regolamento per l'applicazione dell'imposta Comunale sugli Immobili (ICI) Comune di Bologna Regolamento per l'applicazione dell'imposta Comunale sugli Immobili (ICI) INDICE: art.1 art.2 art.3 art.4 art.4bis art.5 art.6 art.7 art.7bis art.8 art.8bis art.8ter art.8quater art.9

Dettagli

La Tassazione separata

La Tassazione separata La Tassazione separata Sui redditi di lavoro 1 È una modalità particolare di determinazione dell'irpef dovuta NON è un'imposta sostitutiva NON comporta una diversa determinazione del reddito 2 Per alcune

Dettagli

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006 Risoluzione n. 30/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2006 OGGETTO: Istanza di Interpello. Avv. ALFA. Trattamento fiscale applicabile alle spese sostenute da un professionista

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO TRENTATREESIMA SEZIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO TRENTATREESIMA SEZIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO TRENTATREESIMA SEZIONE riunita con l'intervento dei Signori: Luglio Giuseppe - Presidente Cordola Michele - Relatore

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA

ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA 1. Per la redazione dell elaborato peritale dovrà essere rispettato quanto previsto all art. 195, 3 comma c.p.c. Pertanto all udienza di

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

Indagini bancarie aperte a tutti.

Indagini bancarie aperte a tutti. Indagini bancarie aperte a tutti. Ok all uso della presunzione in generale sull attività di accertamento che, pertanto, valgono per la rettifica dei redditi di qualsiasi contribuente autonomo pensionato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 191/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 23 luglio 2009

RISOLUZIONE N. 191/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 23 luglio 2009 RISOLUZIONE N. 191/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 luglio 2009 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n.212. Assegnazione di beni al socio - Trattamento tributario

Dettagli

Comune di Castel Sant Angelo

Comune di Castel Sant Angelo Comune di Castel Sant Angelo Istruzioni per il pagamento dell IMU Il decreto legge n. 201/2011 Salva Italia, convertito con modificazioni dalla legge n. 214/2011 e s.m. ha anticipato al 1 gennaio 2012

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO E LE CONSEGUENZE SUL PIANO FISCALE. A CURA DELL AVV. RAFFAELLA DE VICO Premessa Diverse sono le questioni di rilevanza fiscale che possono sorgere

Dettagli

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELLÕACCONTO DELLÕIMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELLÕACCONTO DELLÕIMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELLÕACCONTO DELLÕIMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme potrebbero modificare le informazioni contenute Dal 1 gennaio 2012 è in vigore l Imposta Municipale Propria

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 169 Trattamento dei compensi reversibili degli

Dettagli

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179 Quoziente familiare Nel corso dei dibattiti si sente molto spesso parlare di quoziente familiare, ma di cosa si tratta? Con questo termine ci si riferisce a una particolare modalità di tassazione del reddito

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) PER L ANNO 2014 RELATIVE ALLE COMPONENTI I.M.U. E TASI.

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) PER L ANNO 2014 RELATIVE ALLE COMPONENTI I.M.U. E TASI. Deliberazione del Consiglio comunale n. 03 del 18.03.2014. OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) PER L ANNO 2014 RELATIVE ALLE COMPONENTI I.M.U. E TASI. Premesso che: - l

Dettagli

Guida IMU ATTENZIONE. Conseguentemente per determinare il versamento dell'imposta dovuta i contribuenti possono:

Guida IMU ATTENZIONE. Conseguentemente per determinare il versamento dell'imposta dovuta i contribuenti possono: Guida IMU L'IMU è l'imposta municipale propria, la cui istituzione è anticipata in via sperimentale a decorrere dall'anno 2012 e sostituisce l imposta comunale sugli immobili (ICI), l'imposta sul reddito

Dettagli

NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO

NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO - APPROFONDIMENTI- Articolo 38 vecchio e nuovo a confronto Accertamenti relativi ad annualità per le quali il termine di dichiarazione non è ancora decaduto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l entità della quota di compartecipazione degli utenti al costo delle

Dettagli

Studio Associato Renata SELLA & Fausto GALLO

Studio Associato Renata SELLA & Fausto GALLO Belluno, 13 Novembre 2012 Quaderni Bellunesi OGGETTO: acconti scadenti il 30 novembre 2012 dovuti dai contribuenti persone fisiche per IRPEF e cedolare secca anno d'imposta 2012. Termini di versamento

Dettagli

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO DELL I.M.U. IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO DELL I.M.U. IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI SAN CANZIAN D ISONZO AREA ECONOMICO FINANZIARIA UFFICIO TRIBUTI Pieris Largo Garibaldi, 37 34075 SAN CANZIAN D ISONZO (GO) Tel: 0481/472350-369-354 Fax: 0481/472334 e-mail: tributi@comune.sancanziandisonzo.go.it

Dettagli

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA CITTA di UGENTO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme potrebbero modificare le informazioni contenute Dal 1 gennaio 2012 è in vigore

Dettagli

Fiscal News N. 90. Il reato di omessa dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale 25.03.2014

Fiscal News N. 90. Il reato di omessa dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale 25.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 90 25.03.2014 Il reato di omessa dichiarazione Dal 18 settembre 2011 soglia di punibilità più bassa Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE IUC(Imposta Unica Comunale) ANNO 2014 SINTESI DEI PRINCIPI GENERALI DEL NUOVO TRIBUTO

GUIDA ALL APPLICAZIONE IUC(Imposta Unica Comunale) ANNO 2014 SINTESI DEI PRINCIPI GENERALI DEL NUOVO TRIBUTO GUIDA ALL APPLICAZIONE IUC(Imposta Unica Comunale) ANNO 2014 SINTESI DEI PRINCIPI GENERALI DEL NUOVO TRIBUTO NORME DI RIFERIMENTO Dal 1 gennaio 2014 è in vigore l imposta unica comunale (IUC) che si compone

Dettagli

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme e circolari potrebbero modificare le informazioni contenute.

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme e circolari potrebbero modificare le informazioni contenute. COMUNE DI BOMARZO Provincia di Viterbo IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme e circolari potrebbero modificare le informazioni contenute.. Dal 1 gennaio 2012

Dettagli

GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A.

GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A. GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A. 2009-2010 DATI ANAGRAFICI Indicare il proprio nome, cognome e,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento è aggiornato alla data del 31 marzo 2012 Premessa La partecipazione a forme di previdenza complementare può idealmente scindersi, da un punto di vista

Dettagli

Profili fiscali dei rapporti di lavoro all estero

Profili fiscali dei rapporti di lavoro all estero Profili fiscali dei rapporti di lavoro all estero Sonia Tripaldi Bologna, 15 maggio 2014 Indice degli argomenti La residenza fiscale dei lavoratori la disciplina prevista dal TUIR Analisi di alcuni documenti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CASTEL D ARIO Provincia di Mantova REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

GUIDA TASI Comune di San Possidonio

GUIDA TASI Comune di San Possidonio GUIDA TASI Comune di San Possidonio Cos è la TASI (Aggiornata al 15 maggio 2015) La TASI è il nuovo tributo per i servizi indivisibili istituito dalla legge n. 147 del 2013. È in vigore dal 1 gennaio 2014.

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA LE PRINCIPALI NOVITÀ 2013 DELL IMU

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA LE PRINCIPALI NOVITÀ 2013 DELL IMU IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Dal 1 gennaio 2012 è in vigore l Imposta Municipale Propria (IMU), la cui istituzione è stata anticipata in via sperimentale dal decreto legge n. 201/2011 Salva Italia, convertito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

IMU 2014 - COMUNE DI PEVERAGNO

IMU 2014 - COMUNE DI PEVERAGNO IMU 2014 - COMUNE DI PEVERAGNO Imposta Municipale Propria (I.M.U.) - anno 2014 Invitiamo alla consultazione periodica del nostro sito istituzionale, per le eventuali novità apportate in sede normativa.

Dettagli

I Pareri della Fondazione Studi

I Pareri della Fondazione Studi ANNO 2014 NUMERO 4 I Pareri della Fondazione Studi n.4 del 13.10.2014 ACCERTAMENTI BANCARI: I PRELIEVI NON SONO MAGGIOR REDDITO La Consulta mette un freno alle presunzioni di maggior reddito sui prelevamenti

Dettagli

ACCONTO IMU 2014 GUIDA AL CALCOLO

ACCONTO IMU 2014 GUIDA AL CALCOLO ACCONTO IMU 2014 GUIDA AL CALCOLO Scade il 16 giugno 2014 il pagamento dell'acconto IMU E soggetto all IMU chiunque detenga un diritto reale su un immobile: proprietà, usufrutto, uso, abitazione o enfiteusi.

Dettagli

SISTEMA FRIZZERA. Unico 2014 PF - Quadro RN - Calcolo dell'irpef

SISTEMA FRIZZERA. Unico 2014 PF - Quadro RN - Calcolo dell'irpef www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com SISTEMA FRIZZERA Unico 2014 PF - Quadro RN - Calcolo dell'irpef Con la compilazione del quadro RN si giunge alla determinazione del credito o del debito di IRPEF. Il

Dettagli

ISE Indicatore della Situazione Economica

ISE Indicatore della Situazione Economica ISE Indicatore della Situazione Economica L'ISEE, Indicatore della situazione economica equivalente, E uno strumento che permette di misurare la condizione economica delle famiglie nella Repubblica Italiana.

Dettagli

- avverso AVVISO DI ACCERTAMENTO n. (omissis)/2012 IRPEF - ALTRO 2007

- avverso AVVISO DI ACCERTAMENTO n. (omissis)/2012 IRPEF - ALTRO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI MILANO SEZIONE 3 riunita con l'intervento dei Signori: NATOLA LIVIO MICHELE Presidente FUSARO SERGIO Relatore GESUALDI

Dettagli

PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI CAZZAGO BRABBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) SOMMARIO ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 SOGGETTO ATTIVO ART. 3 PRESUPPOSTO

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 20 20.03.2014 Benefici prima casa e separazione dei coniugi I recenti approdi della giurisprudenza di legittimità Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO DELL AMBITO TERRITORIALE N. 12 PER LA DETERMINAZIONE DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI E L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

COMUNE DI CALASCIBETTA I M U IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI CALASCIBETTA I M U IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CALASCIBETTA I M U IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA UNA NUOVA IMPOSTA SUGLI IMMOBILI FONTI decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504 decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 decreto legge 06 dicembre

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.3 L'IVA e le altre imposte indirette

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.3 L'IVA e le altre imposte indirette 106 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.3 L'IVA e le altre imposte indirette L'Imposta sul Valore Aggiunto (IVA), emanata con il D.P.R. 633/72, si qualifica come imposta sugli affari

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Febbraio 2013 FISCALITA DOCUMENTI INTERPRETATIVI L Agenzia delle Entrate pesa la sostenibilità delle liti tributarie L Agenzia delle Entrate ha impartito agli uffici

Dettagli

RISOLUZIONE N. 102/E

RISOLUZIONE N. 102/E RISOLUZIONE N. 102/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA BANCA Regime fiscale

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Testo Unico del 22/12/1986 n. 917 - art. 2 Testo unico delle imposte sui redditi. Soggetti passivi. Testo: in vigore dal 01/01/1999 modificato da: L del 23/12/1998 n. 448 art. 10 1. Soggetti passivi dell'imposta

Dettagli

CORTE DI APPELLO Sezioni Civili. Pensioni Assegno sociale Requisito reddituale Rilevanza reddito occulto Indizi gravi, precisi e concordanti.

CORTE DI APPELLO Sezioni Civili. Pensioni Assegno sociale Requisito reddituale Rilevanza reddito occulto Indizi gravi, precisi e concordanti. CORTE DI APPELLO Sezioni Civili Pensioni Assegno sociale Requisito reddituale Rilevanza reddito occulto Indizi gravi, precisi e concordanti. Corte d Appello di Torino 05.04/21.04.2006, n. 624 Pres. Girolami

Dettagli

AGEVOLAZIONI. Sommario: 1) Agevolazioni prima casa in sede di. acquisto a titolo oneroso; B) Per i trasferimenti

AGEVOLAZIONI. Sommario: 1) Agevolazioni prima casa in sede di. acquisto a titolo oneroso; B) Per i trasferimenti AGEVOLAZIONI Sommario: 1) Agevolazioni prima casa in sede di acquisto a titolo oneroso; B) Per i trasferimenti soggetti ad Imposta sul Valore Aggiunto; imposte ipotecarie e catastali in caso di agevolazioni

Dettagli

Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie. modeste

Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie. modeste Ai gentili clienti Loro sedi Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie Premessa modeste L accertamento bancario, come noto, è la procedura che permette ai verificatori di reperire dati

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE IN ATTUAZIONE DELL I.S.E.E.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE IN ATTUAZIONE DELL I.S.E.E. COMUNE DI SANGIANO Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE IN ATTUAZIONE DELL I.S.E.E. (INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE) (Articolo

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

Risoluzione n. 78/E. Quesito

Risoluzione n. 78/E. Quesito Risoluzione n. 78/E Normativa e Contenzioso Direzione Centrale Roma, 31 marzo 2003 Oggetto: Determinazione della plusvalenza derivante dalla cessione di immobili acquistati per usucapione IRPEF DPR 22

Dettagli

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 ACCERTAMENTO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88 /E

RISOLUZIONE N. 88 /E RISOLUZIONE N. 88 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 ottobre 2015 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Fatturazione e regime fiscale dei compensi da versare ai medici, dipendenti

Dettagli

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi COSTI DEL TRUST Costi una tantum Imposta sulle donazioni (Circolare Agenzia delle Entrate n. 3 28/01/2008)

Dettagli

NOTA INFORMATIVA!!! ATTENZIONE!!!

NOTA INFORMATIVA!!! ATTENZIONE!!! NOTA INFORMATIVA!!! ATTENZIONE!!! Con decreto legge del 17.05.2013 il versamento della prima rata IMU E' SOSPESO per l'abitazione principale e relative pertinenze (esclusi i fabbricati di categoria catastale

Dettagli

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi,

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi, Oggetto: [Darc] Sentenza OMINA sul 156!! CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Bruna Albertini,

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

RICHIESTA DI RIMBORSO DELL IRAP DA PARTE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE. Nota della Commissione Nazionale FIMMG-Fisco

RICHIESTA DI RIMBORSO DELL IRAP DA PARTE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE. Nota della Commissione Nazionale FIMMG-Fisco Roma, 12 giugno 2008 RICHIESTA DI RIMBORSO DELL IRAP DA PARTE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE Nota della Commissione Nazionale FIMMG-Fisco Il 31 luglio, ultima data valida per la presentazione del modello

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (REGOLAMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 30.10.2012 CON DELIBERAZIONE N. 60/121562) INDICE Art. 1 Oggetto..pag. 3 Art. 2 Abitazione

Dettagli

COMUNE DI BRENTA Provincia di Varese

COMUNE DI BRENTA Provincia di Varese COMUNE DI BRENTA Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) Approvato con deliberazione consiliare n. 6 del 05/04/20112, esecutiva a termini di legge, ed inviato

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO Udienza del 26/02/2015 N. 9168/2014 RG REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI MILANO Dr.ssa Eleonora De Carlo quale giudice del lavoro ha pronunciato

Dettagli

4. ESENZIONE PARZIALE PER CONDIZIONE ECONOMICA DAL PAGAMENTO DEI CONTRIBUTI

4. ESENZIONE PARZIALE PER CONDIZIONE ECONOMICA DAL PAGAMENTO DEI CONTRIBUTI 4. ESENZIONE PARZIALE PER CONDIZIONE ECONOMICA DAL PAGAMENTO DEI CONTRIBUTI Lo studente che ritenga di trovarsi nelle condizioni economiche previste per ottenere l esenzione dal pagamento di quote parziali

Dettagli

RICHIESTA DI RIMBORSO DELL IRAP DA PARTE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE

RICHIESTA DI RIMBORSO DELL IRAP DA PARTE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE RICHIESTA DI RIMBORSO DELL IRAP DA PARTE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE Le argomentazioni a sostegno di questa richiesta poggiano sulla considerazione secondo la quale il presupposto del tributo, così

Dettagli

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 Esercizio 1 Il sig. A, senza figli e sposato con la signora B la quale non percepisce alcun tipo

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE A) PREMESSA Il Consiglio Comunale di Lecce con la deliberazione n. 56 del 01 agosto 2012 ha approvato il regolamento per la definizione agevolata della

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO (VE) NOTA INFORMATIVA I.M.U. (la presente informativa è suscettibile di modifiche per la possibile evoluzione normativa della materia) Con la Manovra Monti delineata nel D.L. 201/2011

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI A CURA DEL SUPPORTO NORMATIVO SVILUPPO SOFTWARE WOLTERS KLUWER ITALIA

SCHEDA DI SINTESI A CURA DEL SUPPORTO NORMATIVO SVILUPPO SOFTWARE WOLTERS KLUWER ITALIA SCHEDA DI SINTESI A CURA DEL SUPPORTO NORMATIVO SVILUPPO SOFTWARE WOLTERS KLUWER ITALIA Redditometro 2012 Premessa La rettifica delle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche segue le regole dell

Dettagli

ONERI DEDUCIBILI VARI

ONERI DEDUCIBILI VARI ONERI DEDUCIBILI VARI 1. Contributi obbligatori : Contributo al S.S.N. pagato nelle polizze di assicurazione R.C. veicoli D. Il contributo al Servizio sanitario nazionale che si paga nelle polizze di assicurazione

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare

Dettagli

PREVIMODA. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 117. Sezioni

PREVIMODA. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 117. Sezioni Previmoda Fondo Pensione a capitalizzazione per i lavoratori dell industria tessile-abbigliamento, delle calzature e degli altri settori industriali del sistema moda. Documento PREVIMODA FONDO PENSIONE

Dettagli

Fiscal News N. 298. Locazioni commerciali: canoni non percepiti. La circolare di aggiornamento professionale 23.10.2014

Fiscal News N. 298. Locazioni commerciali: canoni non percepiti. La circolare di aggiornamento professionale 23.10.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 298 23.10.2014 Locazioni commerciali: canoni non percepiti Con la risoluzione del contratto di locazione, cessa l assoggettamento a imposta sui

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Aprile 2013 FISCALITA DOCUMENTI INTERPRETATIVI Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate in merito alla partecipation exemption L Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento

730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 28 28.04.2015 Cessione terreni edificabili UNICO PF 2015 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Persone fisiche Per chi nel 2014 abbia

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà MODELLO GRATUITO QUADRO RN IRPEF Data: 9/0/0 - Ore: 00::0 - Utente: RCAMRC8S07F89D Soggetto: MARCO RACE ( RCAMRC8S07F89D ) Identificativo dichiarazione: 0880-000000 del 9/9/0 PERIODO D IMPOSTA 0 CODICE

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER PREVICOOPER FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NAZIONALE A CAPITALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER Approvato

Dettagli

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE BYBLOS FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLE AZIENDE ESERCENTI L INDUSTRIA DELLA CARTA E DEL CARTONE, DELLE AZIENDE GRAFICHE

Dettagli

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento 27 Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento di Anna Liconti Traccia Tizia si rivolge al suo legale di fiducia manifestando l intenzione di volersi separare dal marito Caio per sopravvenute

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010 FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010 POLIZZE ASSICURATIVE AMMINISTRATORI QUALI SONO ESENTI E DEDUCIBILI IL QUESITO E possibile avere un quadro delle problematiche fiscali

Dettagli

La fiscalità della sanità integrativa

La fiscalità della sanità integrativa La fiscalità della sanità integrativa 1 Il trattamento tributario dei contributi Fonti normative Art. 10, comma 1, lettera e-ter del tuir 917/86(oneri deducibili) Art. 51, comma 2, lettera a) del tuir

Dettagli

Accertamento sintetico e redditometro

Accertamento sintetico e redditometro Accertamento sintetico e redditometro di Leda Rita Corrado (*) L accertamento dei redditi delle persone fisiche: metodo analitico versus metodo sintetico. L accertamento dei redditi delle persone fisiche

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà ORIGINALE CODICE FISCALE PERIODO D IMPOSTA 0 QUADRO RN IRPEF PERSONE FISICHE 0 genzia ntrate REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo

Dettagli

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE RISOLUZIONE N. 106/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22/04/2009 OGGETTO: Richiesta parere su istanza di rimborso ex articolo 38 del DPR 29 settembre 1973, n. 602 - Danno all immagine Articolo

Dettagli

COMUNE DI VERUNO IMPOSTE E TASSE ANNO 2014 - VADEMECUM

COMUNE DI VERUNO IMPOSTE E TASSE ANNO 2014 - VADEMECUM COMUNE DI VERUNO IMPOSTE E TASSE ANNO 2014 - VADEMECUM Il Sindaco Gualtiero Pastore comunica, spiegando, il pagamento imposte e tasse per l anno 2014: Il Consiglio Comunale del 24.9.2014 ha approvato le

Dettagli

Imposta Municipale Unica. Rag. Giorgio Lecis Tributarista

Imposta Municipale Unica. Rag. Giorgio Lecis Tributarista Imposta Municipale Unica Rag. Giorgio Lecis Tributarista Il Decreto Legge Salva Italia convertito nella legge 22 dicembre 2011 n. 214, ha anticipato in via sperimentale l'applicazione di un nuovo tributo

Dettagli