TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO"

Transcript

1 Sentenza n. 2051/05 Pronunziata il Depositata il Matrimonio e divorzio Divorzio: assegno di mantenimento dei figli Figlio maggiorenne Lavoro temporaneo Attualità o reviviscenza dell obbligo al mantenimento Esclusione Matrimonio e divorzio Divorzio: procedimenti Mantenimento del figlio Titolo nella sentenza di separazione Attinenza del rito divorzile a domande con efficacia ex nunc Procedimento di modifica delle condizioni di separazione Prevalenza Abitazione in comproprietà tra i coniugi e casa coniugale Domande reciproche di rivalsa economica Improponibilità Rif.Leg. art.433 cc;artt.3,4 L.898/70;artt.31,32,34,35,36,40,187,189,710 cpc; TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Modena II Sezione Civile, riunito in Camera di Consiglio in persona dei sigg.ri 1) - dr. GUIDO STANZANI - Presidente 2) - dr. ALBERTO ROVATTI - Giudice 3) - dr. MICHELE CIFARELLI - Giudice rel. ha emesso la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta col n 3080/93 al Ruolo Generale e vertente TRA XX, [rectius: coniuge separato (marito) e affidatario, NdR] elettivamente domiciliato in Modena presso lo studio dell avv. Mirella Guicciardi, che lo rappresenta e difende in virtù di mandato a margine del ricorso introduttivo; -ATTORE- E YY, [rectius: coniuge separato (moglie) e affidatario, NdR] elettivamente domiciliata in Modena presso lo studio dell avv. Michelangelo Strammiello, che la rappresenta e difende in virtù di mandato a margine della comparsa di costituzione -CONVENUTA- con l intervento del P.M. in sede oggetto: scioglimento di matrimonio civile

2 CONCLUSIONI DELLE PARTI: riportate nello svolgimento del processo 2 Il P.M. conclude perché venga dichiarata la cessazione degli effetti civili del matrimonio celebrato fra le parti. SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con ricorso depositato l 8 luglio 2003 XX [rectius: coniuge separato (marito) e affidatario, NdR], chiedeva al Tribunale la pronuncia di cessazione degli effetti civili del matrimonio celebrato in (omissis) (Mn) il 3 marzo 1977 fra esso ricorrente e YY [rectius: coniuge separato (moglie) e affidatario, NdR], dando atto che dall unione erano nati i figli Lavinia (in data 3 agosto 1978) e Sempronio (in data 3 marzo 1983), e che essi coniugi si erano separati in forza di sentenza del Tribunale di Modena n 385 del 14 marzo Rappresentava, inoltre, il mutamento della situazione di fatto apprezzata in detta sentenza, poiché anche Lavinia, precariamente occupata, era venuta a convivere con esso ricorrente e con Sempronio ancora studente. In relazione a ciò, chiedeva che il Tribunale ponesse a carico della moglie un contributo al mantenimento di Sempronio, in ragione di.300,00 mensili +istat a decorrere dal maggio 2000, oltre alla metà delle spese straordinarie, nonché pari contributo al mantenimento di Lavinia, nell ipotesi di sua sopravvenuta disoccupazione. Chiedeva, infine, l assegnazione della casa coniugale in sentenza di separazione assegnata alla moglie in ragione della convivenza con Lavinia, non più attuale, o comunque la sua liberazione da parte della moglie, ovvero in subordine la condanna di costei al pagamento di un canone di locazione in ragione di.300,00 mensili. YY, [rectius: coniuge separato (moglie) e affidatario, NdR], costituta già nella fase presidenziale, non si opponeva alla richiesta di scioglimento del vincolo; chiedeva invece il rigetto delle ulteriori avverse richieste, rappresentando che la figlia Lavinia era da considerarsi economicamente indipendente, e che la casa coniugale era già stata rilasciata in esito a procedura di sfratto intentata nei suoi confronti dal marito. Nell ipotesi di determinazione di un suo concorso al mantenimento dei figli, chiedeva in via riconvenzionale il pagamento di un importo di a titolo di omesso godimento per gli anni dell appartamento in comproprietà occupato in via esclusiva dal marito. Chiedeva, infine, il rimborso della somma di.2.582, indebitamente corrisposta al marito quale canone di occupazione della casa coniugale ricevuta in assegnazione. Il Presidente del Tribunale fissava l'udienza in camera di consiglio per la comparizione dei coniugi all'esito della quale, non andato a buon fine il tentativo di conciliazione, fissava l'udienza di comparizione delle parti dinanzi al giudice istruttore, senza adottare alcun provvedimento temporaneo ed urgente. Con atto introduttivo della fase contenziosa, il ricorrente riproponeva le originarie richieste, tranne quella di assegnazione o liberazione della casa coniugale, chiedendo inoltre la condanna di controparte al pagamento di un canone locatizio di.300 mensili dall aprile 2003 fino alla liberazione della casa coniugale, avvenuta nel novembre Chiedeva inoltre il rigetto delle avverse domande riconvenzionali. YY, [rectius: coniuge separato (moglie) e affidatario, NdR], costituitasi in giudizio, riproponeva le difese e domande originarie.

3 Nel corso della fase istruttoria: -in data 16 febbraio 2004 il G.I. disponeva a carico della convenuta di contribuire per il futuro al mantenimento del figlio Sempronio in ragione di.300 mensili + Istat, nonché mediante assunzione del 50% delle spese straordinarie, purché previamente concordate fra i genitori, rigettando contestualmente analoga istanza relativa alla figlia Lavinia; -in data 18 maggio 2004, in sede di udienza ex 183 c.p.c., le parti sottoscrivevano un accordo che prevedeva il concorso della convenuta al mantenimento del figlio Sempronio in ragione di.400 mensili +istat, oltre al 50% delle spese straordinarie intendendosi per esse soltanto quelle imprevedibili, con rinuncia ad ogni altra istanza e spese di causa compensate, sicché il G.I., adottato tale accordo quale nuovo provvedimento temporaneo, fissava udienza di precisazione delle conclusioni. In detta udienza richiesto dal P.M., intervenuto, lo scioglimento del vincolo la convenuta revocava il proprio consenso all accordo precedente, ed il ricorrente allora chiedeva l immediata pronuncia di sentenza sullo stato. Le parti, pertanto, concludevano come da rispettive istanze originarie, e la causa, scaduti in data 18 ottobre 2004 i termini concessi ex art.190 c.p.c., veniva rimessa al collegio per la decisione. MOTIVI DELLA DECISIONE 1) Va premesso che, nonostante il sistematico riferimento delle parti a matrimonio concordatario, esse si sono unite in vincolo con rito civile come attestato dalla certificazione in atti ad esso relativa, sicché la pronuncia da rendersi è di scioglimento di matrimonio civile e non di cessazione degli effetti civili di matrimonio religioso. Ciò posto, ricorrono i presupposti di detta pronuncia, ex art. 3 n 2 lett. B) della legge 1 dicembre 1970 n 898, in quanto: -le parti si sono giudizialmente separate con sentenza di questo Tribunale in data 14 marzo 1998, pacificamente passata in giudicato; -dall avvenuta anteriore comparizione delle parti dinanzi al Presidente in detta procedura, cui è conseguita la separazione, sono trascorsi ben più di tre anni e, in assenza di eccezioni, deve ritenersi che detta separazione sia ininterrottamente proseguita fino ad oggi, senza soluzione di continuità. 2) Quanto al resto, va preliminarmente precisato in diritto che il collegio, pur investito della sola decisione anticipata sul divorzio, ex art.4, comma 9, della legge n 898/70, legittimamente può decidere l intera causa, ove ritenga inutile ogni ulteriore approfondimento istruttorio, in quanto, per regola generale fissata dall art.189, comma 2, c.p.c., in relazione (tra l altro) all ipotesi di cui all art.187, comma 2, c.p.c. di cui la fattispecie regolata dell art.4, comma 9, cit. costituisce una speciale articolazione la rimessione investe il collegio di tutta la causa. 3) Le domande della convenuta, volte alla condanna dell attore al pagamento di a titolo di omesso godimento per gli anni dell appartamento in comproprietà occupato in via esclusiva dal marito, nonché al rimborso della somma di.2.582, indebitamente corrisposta al marito quale canone di occupazione della casa coniugale, così come la domanda dell attore, volta ad ottenere la condanna di controparte al pagamento di un canone locatizio relativo alla casa coniugale, siccome astrattamente assoggettate a rito ordinario (o speciale locatizio), vanno 3

4 dichiarate improponibili nell ambito del presente giudizio divorzile, che è procedimento soggetto al rito speciale previsto dall art.4 della legge n 898/70 caratterizzato da una iniziale fase pre-contenziosa e dal rito camerale in sede di gravame, ad oggetto vincolato e limitato alla decisione sul divorzio e sulle questioni connesse, in quanto il cumulo di domande soggette a riti diversi in unico processo è dall art.40, comma 3, c.p.c. (nonché dall art.40 comma 4, c.p.c., che fa evidentemente riferimento alla connessione individuata dal comma precedente) consentito soltanto in caso di connessione qualificata (artt.31, 32, 34, 35 e 36 cpc) e non anche nell ipotesi di semplice connessione soggettiva di cui all art.104 c.p.c., unica nella specie ricorrente, essendo evidente che fra le domande suddette e quella di divorzio l unica interrelazione è costituita dall identità delle parti in causa, essendo le rispettive causae petendi del tutto diverse, autonome e distinte (vedi, in casi analoghi, Cass. civ., sez.i, sentt. n 266 del 12 gennaio 2000 e n 6660 del 15 maggio 2001). 4) La domanda dell attore volta ad ottenere il concorso della convenuta al mantenimento della figlia Lavinia nell ipotesi in cui la stessa, maggiorenne e già occupata con successivi contratti a tempo determinato a partire dal maggio 2000, non riuscisse in futuro a trovare altra occupazione, non merita accoglimento. Invero, come già evidenziato dal G.I. nel suo provvedimento in data 16 febbraio 2004, allorché il figlio maggiorenne abbia, come nella specie, iniziato con carattere di stabilità un'attività lavorativa conforme alla professionalità acquisita, traendone il relativo reddito, viene meno l'obbligo di mantenimento per entrambi i genitori, e quindi anche il diritto del genitore con il quale il figlio convive di percepire dall'altro il contributo al suo mantenimento (così Cass., sez.i, sent. n 2392 del 4 marzo 1998; conforme Cass., sez.i, sent. n 496 del 23 gennaio 1996), senza alcuna possibilità di sua reviviscenza per effetto di successive vicende della storia lavorativa del figlio. In effetti, ogni genitore ha il dovere di assicurare ai figli un'istruzione ed una formazione professionale rapportate alle loro capacità (oltre che alle condizioni economiche e sociali dei genitori medesimi), fornendo a tal fine gli aiuti economici necessari, onde consentirne il compiuto inserimento nel consesso sociale adulto attraverso l acquisizione di una attività lavorativa coerente con dette capacità e condizioni, tale da determinare il raggiungimento dello status di autosufficienza economica. Una volta, però, che ciò si verifichi, il definitivo ingresso del figlio nel modo del lavoro determina la cessazione di ogni obbligo civilistico dei genitori in quanto tali nei suoi confronti, dovendo a detto momento considerarsi esaurita la loro funzione di sostegno materiale della prole per raggiungimento dello scopo. Se, per vicende successive, il figlio perda quell indipendenza economica ormai acquisita, tale fatto non determina la reviviscenza dell obbligo di mantenimento a carico dei ganitori, atteso l irreversibile effetto liberatorio suddetto; la sua situazione sarà invece quella di un qualunque adulto disoccupato, che può, in caso di bisogno e nella ricorrenza degli altri presupposti di legge, invocare il diverso diritto agli alimenti (artt.433 ss c.c.), che compete a chiunque nei confronti di parenti ed affini prossimi. A ciò consegue il rigetto della domanda, siccome proposta dal XX, [rectius: coniuge separato (marito) e affidatario, NdR], genitore convivente, in relazione ad una situazione di raggiunta indipendenza economica della figlia Lavinia (come da costei 4

5 dichiarato per iscritto: v. doc.13 dell attore), che ha fatto, definitivamente e senza possibilità di reviviscenza, venir meno ogni obbligo di mantenimento in capo ad essi genitori e quindi, alla madre convenuta. 5) La domanda dell attore volta ad ottenere il concorso della convenuta al mantenimento dell altro figlio Sempronio, che convive con lui ed è maggiorenne ma ancora studente, può anch essa essere decisa senza necessità di approfondimenti istruttori. Tale domanda, peraltro, risulta articolata dall attore che, oltre all ordinaria istanza di mantenimento ontologicamente proiettata nel futuro, a partire dalla domanda giudiziale ha altresì richiesto il mantenimento ante-causam, ordinario e straordinario, a partire dal maggio 2000 (ovvero a partire dall epoca in cui l altra figlia Lavinia ha trovato per la prima volta un occupazione retribuita), evidentemente ritenendo da detta epoca dovuta la contribuzione materna in favore di Sempronio precedentemente compensata nell ambito di uno stato di fatto, certificato nella sentenza di separazione, che vedeva ciascuno dei due figli, non autonomi, convivere con uno dei due genitori ed a suo integrale carico per effetto del venir meno del suo dovere di mantenimento di Lavinia. Per tale parte, però, la domanda non può essere accolta in quanto, se per un verso costituisce principio acquisito in giurisprudenza che la domanda di mantenimento dei figli proposta in sede (di separazione o) di divorzio, in mancanza di espresse limitazioni, deve essere accolta dalla data della sua proposizione e non da quella della sentenza (Cass. n 21087/04, n 317/98, n 3050/94), per altro verso è altrettanto certo che, ove gli obblighi di mantenimento trovino titolo nella sentenza di separazione, essi non vengono meno ex lege per effetto del mutamento sostanziale della situazione di fatto apprezzata in sentenza, ma soltanto ex nunc attraverso la rimozione o modificazione del titolo, attraverso il procedimento speciale previsto dall art.710 c.p.c., che regola ogni tipo di modificazione delle statuizioni contenute nelle sentenze di separazione (vedi, ex multis, Cass n 8235/00). Ne consegue che l attore, per conseguire l immediato concorso dell altro coniuge al mantenimento del figlio Sempronio, a fronte di una sentenza di separazione che stabiliva il suo obbligo al mantenimento integrale, speculare all altrui obbligo al mantenimento integrale dell altra figlia Lavinia, avrebbe dovuto promuovere per tempo procedimento di modifica delle condizioni di separazione, ex art.710 c.p.c., deducendo in quella sede la cessazione dell obbligo altrui nei confronti di Lavinia e la conseguente necessità di introduzione dell altrui concorso al mantenimento di Sempronio. Tale domanda, siccome invece proposta per la prima volta con il ricorso divorzile, non può in questa sede apprezzarsi che per la sua naturale attitudine a regolare i rapporti a partire dalla sua proposizione. 5.1) Così delimitato l ambito temporale di valutazione della domanda, essa risulta all evidenza meritevole di accoglimento: essendo il figlio Sempronio, convivente col padre, pur maggiorenne, non ancora autosufficiente, risulta doveroso il concorso al suo mantenimento dell altro genitore, che non versa in condizioni economicopatrimoniali tali da giustificarne l esonero. In ordine alla quantificazione di tale concorso: a) quanto al futuro contributo ordinario, si ritiene corretta la valutazione comparativa delle condizioni economico-patrimoniali delle parti a suo tempo 5

6 operata dal G.I. Pertanto, all attualità, l entità del contributo viene determinata in.320,00 mensili; b) quanto al contributo omesso per sette mesi, dalla domanda (luglio 2003) al febbraio 2004, epoca in cui l obbligo è stato introdotto senza soluzione di continuità fino ad oggi, pare equo determinarne l entità (tenuto conto del suo valore reale, del ritardo nella corresponsione e del fatto che il contributo è stato poi consensualmente determinato in misura superiore a quella attuale) nella somma omnicomprensiva di.2000,00; c) quanto all ulteriore contribuzione che, visto il conflitto fra le parti, è il caso di determinare analiticamente pare il caso di porre a carico della YY, [rectius: coniuge separato (moglie) e originariamente affidatario, NdR],: -il 50% delle spese di istruzione relative al figlio, comprensive di tasse universitarie, libri di testo e spese di viaggio relative; -il 50% delle spese mediche ed odontoiatriche concernenti il figlio, unitariamente eccedenti l importo di.50,00; -il 50% delle spese voluttuarie, preventivamente concordate fra essi genitori. Detta contribuzione, per il futuro, avverrà mediante anticipazione o rimborso al XX [rectius: coniuge separato (marito) e affidatario, NdR], dietro semplice presentazione dei documenti giustificativi, al più tardi all epoca di pagamento della rata di contribuzione ordinaria in scadenza immediatamente successiva; intendendosi ogni altra spesa come sopra non individuata ricompresa nella contribuzione ordinaria della madre, e quindi a totale carico del padre convivente; d) muovendosi in tale ottica, il rimborso dovuto dalla YY [rectius: coniuge separato (moglie) e originariamente affidatario, NdR], per le spese della specie indicata sostenute dal XX [rectius: coniuge separato (marito) e affidatario, NdR], in pendenza della presente controversia relative all iscrizione universitaria, ai costi di viaggio ed all acquisto di un computer portatile (che si stima necessario complemento di ogni studente universitario) per il figlio Sempronio si determina forfettariamente nella somma omnicomprensiva di.1000,00. In tal senso si provvede in dispositivo. 6) La situazione di reciproca soccombenza determinata dall accoglimento di una delle due domande di mantenimento proposte dall attore, e dalla pronuncia di inammissibilità delle altre contrapposte domande delle parti giustifica l integrale compensazione delle spese di giudizio. P.Q.M. Il Tribunale di Modena, definitivamente pronunziando nel giudizio introdotto da XX [rectius: coniuge separato (marito) e affidatario, NdR], nei confronti di YY [rectius: coniuge separato (moglie) e originariamente affidatario, NdR], con ricorso depositato il 8 luglio 2003, in cui è intervenuto il P.M., ogni altra istanza rigettata o ritenuta improponibile, come da motivazione, così provvede: 1) DICHIARA lo scioglimento del matrimonio civile contratto in (omissis) (Mn) il 3 marzo 1977 da XX, nato a (omissis) (Mo) il (omissis) 1947 e YY, nata ad (omissis) (Mn) il (omissis) 1945 ed iscritto nei registri dello stato civile dello stesso comune al n 1, parte prima, dell anno 1977; DISPONE che la presente sentenza sia trasmessa, in copia autentica, a cura della 6

7 cancelleria di questo Tribunale, all ufficiale dello stato civile del comune di (omissis) (Mn) per le annotazioni e le ulteriori incombenze di cui al al DPR 3 novembre 2000 n 396 (nuovo ordinamento dello Stato Civile); 2) PONE A CARICO di YY [rectius: ex moglie, NdR] l obbligo di contribuire al mantenimento del figlio Sempronio mediante: a) corresponsione a XX [rectius: ex marito, NdR], entro il giorno dieci di ogni mese, della somma mensile di.320,00, soggetta a futura rivalutazione annuale secondo indici nazionali FOI dell Istat a partire dal gennaio 2007, con primo riferimento a gennaio 2006; b) accollo del 50% delle spese: b1) di istruzione, comprensive di tasse universitarie, libri di testo e spese di viaggio relative; b2) mediche ed odontoiatriche, unitariamente eccedenti l importo di.50,00; b3) voluttuarie, preventivamente concordate fra essi genitori; attraverso anticipazione o rimborso al XX [rectius: ex marito, NdR], dietro semplice presentazione dei documenti giustificativi, al più tardi all epoca di pagamento della rata di contribuzione ordinaria in scadenza immediatamente successiva; 3) CONDANNA la medesima al pagamento, in favore di controparte, a titolo di contribuzione ordinaria e straordinaria concernente il figlio Sempronio relativa al periodo ricompreso fra la domanda giudiziale e l epoca di introduzione temporanea ed urgente dell obbligo, dell importo complessivo di.3.000,00; 4) DICHIARA le spese di giudizio integralmente compensate fra le parti. Così deciso nella camera di consiglio del Tribunale di Modena il 7 marzo 2005 IL PRESIDENTE -Guido Stanzani- IL GIUDICE ESTENSORE -Michele Cifarelli- 7 Depositato in Cancelleria il 01 dicembre 2005

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Filiazione naturale Riconoscimento del figlio naturale: impugnazione Convivenza more uxorio Impotentia generandi al tempo del concepimento Qualificazione dell azione: a) disconoscimento di paternità esclusione

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO CARLO GUGLIELMO IZZO con la collaborazione di ADRIANO IZZO, ANDREA FALZONE, VALERIO CIONI SEPARAZIONE E DIVORZIO Cacucci Editore - Bari 2009 INDICE Capitolo Primo Il procedimento di separazione giudiziale

Dettagli

N.1670/07 Reg. Ricorsi Civili N. Cron. Il Tribunale per i Minorenni di Bari, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori:

N.1670/07 Reg. Ricorsi Civili N. Cron. Il Tribunale per i Minorenni di Bari, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori: Mod. 6 TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BARI N.1670/07 Reg. Ricorsi Civili N. Cron. Il Tribunale per i Minorenni di Bari, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori: 1) Dr. Valeria Montaruli

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. SENTENZA 11 gennaio 2007, n. 407. (Presidente Luccioli Relatore Giuliani) Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. SENTENZA 11 gennaio 2007, n. 407. (Presidente Luccioli Relatore Giuliani) Svolgimento del processo Mantenimento del figlio maggiorenne in presenza di contratto di apprendistato Cassazione, sez. I civile, sentenza 11.01.2007 n. 407 (Federica Malagesi) L obbligo dei genitori di concorrere tra loro, secondo

Dettagli

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE Con ricorso, depositato in data 3.2.2012, C chiedeva a questo Tribunale di dichiarare la cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario contratto

Dettagli

TRIBUNALE DI RICORSO PER LA PRONUNCIA DI CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO. il Sig. XXX, nato il..,residente in.

TRIBUNALE DI RICORSO PER LA PRONUNCIA DI CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO. il Sig. XXX, nato il..,residente in. TRIBUNALE DI RICORSO PER LA PRONUNCIA DI CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO Ill.mo Sig. Presidente, il Sig. XXX, nato il..,residente in., via, n., c.f.:., rappresentato e difeso, come da procura

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni N. 826/07R. R. Vol. G. CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia La Corte, riunita in camera di consiglio nelle persone dei signori Dott.ssa Anna Maria Paganoni Dott.

Dettagli

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA riunita in Camera di Consiglio, e composta dai seguenti magistrati : Dott. ROSA CASABUR I PRESIDENTE Dott. FAUSTA PALAZZO CONSIGLIERE Dott. MAURIZIO PETRELLI

Dettagli

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI MAGGIORE ETÀ. CASS. CIV., SEZ. I, 22 NOVEMBRE 2010 N. 23590. Il diritto del coniuge separato di ottenere dall'altro coniuge un assegno per il mantenimento

Dettagli

nella causa civile iscritta al n. 324/2002 R.G. affari contenziosi, vertente

nella causa civile iscritta al n. 324/2002 R.G. affari contenziosi, vertente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRlBUNALE DI BRINDISI - Sezione civile - composto dai seguenti magistrati: ha emesso la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta al n. 324/2002 R.G.

Dettagli

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Così composto: dott. M.F.Pricoco Presidente dott. U. Zingales Giudice est. dott. L. Di Natale Componente privato dott. G. Armenia Componente privato riunito in camera

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

TRIBUNALE DI... Ricorso per la modificazione delle condizioni di separazione ex. art. 155ter c.c.

TRIBUNALE DI... Ricorso per la modificazione delle condizioni di separazione ex. art. 155ter c.c. TRIBUNALE DI... Ricorso per la modificazione delle condizioni di separazione ex art. 155ter c.c. Il sig.... nato a... il... e residente in... Via... n.... è rappresentato e difeso per mandato a margine

Dettagli

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati Conto corrente cointestato tra coniugi e disciplina della comunione de residuo TRIBUNALE DI BARI - Sentenza del 23 ottobre 2013 - e massima a cura dell Avv. Daniela Angelini Sono esclusi dalla comunione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE CIVILE SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE CIVILE SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE CIVILE composto dai signori dr. Calogero Domenico Cammarata Presidente dr. Gaetano Sole Giudice dr. Andrea Giuseppe

Dettagli

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO Tomo II La normativa processuale A cura di Michele Angelo Lupoi Indice Capitolo I Separazione e divorzio: quale modello procedimentale? di Michele Angelo Lupoi 1.

Dettagli

Cassazione civile, Sez.VI, 13 ottobre 2014, n. 21598

Cassazione civile, Sez.VI, 13 ottobre 2014, n. 21598 La morte di una parte nel corso del processo di divorzio dopo il giudicato sullo status non determina la cessazione della materia del contendere ove residui un interesse alla prosecuzione finalizzato all

Dettagli

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 SOMMARIO SOMMARIO Prefazione... XVII CAP. 1 INVALIDITA` E IRREGOLARITA` MATRIMONIALI Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 F001 Formula per far dichiarare nullo il matrimonio

Dettagli

Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto

Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto 1 of 5 19/04/11 16.47 Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Affido condiviso va negato se genitore minaccia di portare

Dettagli

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Renato Amoroso, Giuseppe Buffone, Giuseppe Cernuto, Fippo D Aquino, Fabrizio D Arcangelo, Francesca Fiecconi, Maria Grazia Fiori, Federico Vincenzo Amedeo

Dettagli

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO A001031, 1 A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Importante sentenza della Corte di cassazione, con cui la

Dettagli

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO DELLE PARTI CASS. CIV., SEZ. I, 4 NOVEMBRE 2010, N. 22501. In tema di scioglimento del matrimonio, nella disciplina dettata dall'art. 5 l. n. 898/70,

Dettagli

=================== IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

=================== IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Il presente provvedimento costituisce una delle prime decisioni da parte di un tribunale per i minorenni sulle questioni economiche relativamente ai figli di genitori non coniugati dopo la nota ordinanza

Dettagli

Repubblica Italiana. In nome del popolo italiano. Il Tribunale Ordinario di Venezia, Sezione III^ Civile, riunito in camera di SENTENZA

Repubblica Italiana. In nome del popolo italiano. Il Tribunale Ordinario di Venezia, Sezione III^ Civile, riunito in camera di SENTENZA Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il Tribunale Ordinario di Venezia, Sezione III^ Civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei seguenti magistrati: dott. Maurizio GIONFRIDA Presidente

Dettagli

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata.

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata. Il decreto del Tribunale per i minorenni che provvede sul mantenimento dei figli naturali è titolo per iscrivere ipoteca. Commento al Decreto del Tribunale di Bologna del 29 giugno 2012. La legge n. 54/20006

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

2006; Pres. NUZZI ; Rel. SANTANI ELLO, B. R. c. B.M..

2006; Pres. NUZZI ; Rel. SANTANI ELLO, B. R. c. B.M.. &257( ' $33(//2 ', 75(172 ordinanza 24 agosto 2006; Pres. NUZZI ; Rel. SANTANI ELLO, B. R. c. B.M.. &RQIHUPD7ULE7UHQWRRUGLQDQ]DDJRVWR. 6HSDUD]LRQH SHUVRQDOH ± 2UGLQDQ]D SUHVLGHQ]LDOH ± 5HFODPR ± /LPLWL

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag.

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag. INDICE-SOMMARIO Indice sommario... pag. V Premessa alla prima edizione... pag. XIX Premessa alla seconda edizione... pag. XXIII CAPITOLO I IL MATRIMONIO 1. Cenni storici... pag. 1 2. Teorie sulla natura

Dettagli

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione Assegno Mantenimento Approfondimenti e spiegazioni utili sull assegno di mantenimento: cos è, quando è possibile richiederlo, a chi spetta, come viene quantificato e rivalutato e tanto altro. Assegno di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Testo vigente Testo in vigore dal 1 marzo 2006 Art. 706. Forma della domanda. La domanda di separazione

Dettagli

Oggetto: Patrocinio a spese dello Stato nel processo civile. Recupero delle spese nelle ipotesi previste dall art. 134 del D.P.R. n. 115/2002.

Oggetto: Patrocinio a spese dello Stato nel processo civile. Recupero delle spese nelle ipotesi previste dall art. 134 del D.P.R. n. 115/2002. Al Sig. Presidente del Tribunale di Patti Oggetto: Patrocinio a spese dello Stato nel processo civile. Recupero delle spese nelle ipotesi previste dall art. 134 del D.P.R. n. 115/2002. I seguenti quesiti,

Dettagli

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi,

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi, Oggetto: [Darc] Sentenza OMINA sul 156!! CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Bruna Albertini,

Dettagli

A T T E N Z I O N E I testi e gli schemi hanno carattere provvisorio, in attesa della pubblicazione del testo definitivo ufficiale in Gazzetta.

A T T E N Z I O N E I testi e gli schemi hanno carattere provvisorio, in attesa della pubblicazione del testo definitivo ufficiale in Gazzetta. DDL APPROVATO DEFINITIVAMENTE IN DATA 22 APRILE 2015 Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione tra i coniugi (GU: non ancora pubblicato)

Dettagli

21. RICORSO PER SEPARAZIONE PERSONALE GIUDIZIALE

21. RICORSO PER SEPARAZIONE PERSONALE GIUDIZIALE Parte Terza. La separazione personale dei coniugi 21. RICORSO PER SEPARAZIONE PERSONALE GIUDIZIALE TRIBUNALE DI... (1) Ricorso per separazione giudiziale dei coniugi PER..., nata a... (...), il... cod.

Dettagli

GIOVANNA SPIRITO FORMULARIO DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO

GIOVANNA SPIRITO FORMULARIO DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO GIOVANNA SPIRITO FORMULARIO DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO con CD-rom allegato SOMMARIO PARTE PRIMA - DISCIPLINA GENERALE LA PROCURA ALLE LITI E LE NOTIFICAZIONI 3 1. ATTO DI CONFERIMENTO DELLA PROCURA

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO IL GIUDIZIO DI COGNIZIONE: 1) L AVVIO DEL PROCEDIMENTO PER CONVALIDA DI SFRATTO LA FASE SOMMARIA

Dettagli

CAPITOLO III CAPITOLO IV

CAPITOLO III CAPITOLO IV CAPITOLO I GLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO 1. Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio.... 2 2. La relazione con il c.d. regime primario della famiglia.... 5

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO II I PRESUPPOSTI PROCESSUALI E LA FASE PRESIDENZIALE. Sezione I Giurisdizione e competenza

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO II I PRESUPPOSTI PROCESSUALI E LA FASE PRESIDENZIALE. Sezione I Giurisdizione e competenza CAPITOLO I SEPARAZIONE E DIVORZIO: UN MODELLO PROCESSUALE UNITARIO 1. Premessa. Le ragioni di una scelta....................... 1 2. Matrimonio, separazione, divorzio: il legame tra società e diritto,

Dettagli

La Corte d appello di Bari ha affrontato due questioni interpretative, Sotto il primo profilo, ha affermato che il reclamo alla Corte

La Corte d appello di Bari ha affrontato due questioni interpretative, Sotto il primo profilo, ha affermato che il reclamo alla Corte La Corte d appello di Bari ha affrontato due questioni interpretative, l una processuale e l altra sostanziale. Sotto il primo profilo, ha affermato che il reclamo alla Corte d appello avverso le ordinanze

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO Udienza del 26/02/2015 N. 9168/2014 RG REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI MILANO Dr.ssa Eleonora De Carlo quale giudice del lavoro ha pronunciato

Dettagli

Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione tra i coniugi

Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione tra i coniugi LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55 Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione tra i coniugi (G.U. 11 maggio 2015 n. 107) Entrata in vigore: 26

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE SEPARAZIONE DEI CONIUGI - CASA CONIUGALE. CASS. CIV., SEZ. I, 24 LUGLIO 2012, N. 12977. Può farsi luogo ad assegnazione della casa coniugale ad uno dei coniugi, nell'interesse preminente dei figli minori

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA Prima Sezione Civile. Il Tribunale, riunito in camera di consiglio e composto dai magistrati. dr Giovanni Dipietro

TRIBUNALE DI CATANIA Prima Sezione Civile. Il Tribunale, riunito in camera di consiglio e composto dai magistrati. dr Giovanni Dipietro TRIBUNALE DI CATANIA Prima Sezione Civile Il Tribunale, riunito in camera di consiglio e composto dai magistrati dr Elio Morgia Presidente dr Giovanni Dipietro Giudice dr Massimo Escher Giudice rel. letti

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Elenco delle principali abbreviazioni... XXIII CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Guida bibliografica... 3 Profili generali................ 7 1.1. Le questioni da affrontare..........

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909 Svolgimento del processo Il Tribunale di Benevento con sentenza del 15 settembre 2004 condannava i coniugi

Dettagli

parte convenuta avente ad oggetto: pagamento somma

parte convenuta avente ad oggetto: pagamento somma Sentenza n.1941/05 Pronunziata il 11.11.2005 Depositata il 17.11.2005 Successioni Legittime Immobile ad uso abitativo Comunione ereditaria Uso esclusivo da parte di un coerede Diritto del coerede comproprietario

Dettagli

IL TRIBUNALE DI BOLOGNA PRIMA SEZIONE CIVILE composto dai magistrati

IL TRIBUNALE DI BOLOGNA PRIMA SEZIONE CIVILE composto dai magistrati IL TRIBUNALE DI BOLOGNA PRIMA SEZIONE CIVILE composto dai magistrati Dr. Rosario Ziniti presidente Dr. Antonio Costanzo giudice rel. Dr. Cinzia Gamberini giudice ha pronunciato il seguente DECRETO nel

Dettagli

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale INDICE SOMMARIO Premessa... 5 CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Separazione giudiziale 1. Ricorso per separazione giudiziale senza richiesta di dichiarazione di addebito e senza provvedimenti

Dettagli

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento di Pierluigi Rausei * La Sezione III del Capo III del DDL, contenente gli artt. da 16 a 21 del DDL, è interamente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA SEZIONE PERSONA E FAMIGLIA composta dai magistrati: Enrica Maria Mazzacane -

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA SEZIONE PERSONA E FAMIGLIA composta dai magistrati: Enrica Maria Mazzacane - REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA SEZIONE PERSONA E FAMIGLIA composta dai magistrati: Enrica Maria Mazzacane - Presidente - Mariagiulia De Marco - Consigliere rel.

Dettagli

TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Così composto: dott. E. Geraci dott. M.F. Pricoco dott S. Coco Presidente Giudice Comp. priv. dott. R. Savoca visti gli atti relativi alla procedura ex art. 317 bis

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. Luccioli; Rel. Mercolino) Famiglia Fecondazione artificiale eterologa Morte del coniuge prima della nascita Disconoscimento

Dettagli

ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO.

ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO. ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO. CASS. CIVILE, SEZ. I, 25 NOVEMBRE 2010, N. 23968. Non può disporsi la revoca dell'assegno di mantenimento senza la prova del miglioramento del tenore di vita dell'ex moglie

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^ TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^ Il Tribunale di Catania, riunito in Camera di Consiglio, composto dai seguenti Magistrati: Dr. Antonio Maiorana Dr. Giovanni Dipietro Dr. Concetta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA SEZIONE PRIMA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA SEZIONE PRIMA CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA SEZIONE PRIMA CIVILE così composto: dott. Alberto BUCCI presidente dott. Massimo CORRIAS giudice dott. Franca MANGANO giudice

Dettagli

--www.minoriefamiglia.it -

--www.minoriefamiglia.it - &RUWHGLFDVVD]LRQHSULPDVH]LRQHFLYLOHVHQWHQ]DQGHOO 6YROJLPHQWRGHOSURFHVVR P.G. in data 27 settembre 2000, con il consenso della moglie, chiese al Tribunale per i minorenni di Roma l autorizzazione ad inserire

Dettagli

LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55. Divorzio. breve

LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55. Divorzio. breve LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55 Divorzio breve ENTRATA IN VIGORE: 26 MAGGIO 2015 Legge 55 del 2015 Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione

Dettagli

ASPETTI PATRIMONIALI ED ASPETTI RELAZIONALI NELLA LORO INTERSEZIONE (Relazione tenuta dall Avv. Vincenzo Teresi in occasione del Convegno Separazione

ASPETTI PATRIMONIALI ED ASPETTI RELAZIONALI NELLA LORO INTERSEZIONE (Relazione tenuta dall Avv. Vincenzo Teresi in occasione del Convegno Separazione ASPETTI PATRIMONIALI ED ASPETTI RELAZIONALI NELLA LORO INTERSEZIONE (Relazione tenuta dall Avv. Vincenzo Teresi in occasione del Convegno Separazione e Divorzio, organizzato dall Associazione DueCon, tenutosi

Dettagli

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato E inammissibile l'intervento del padre naturale nel giudizio di disconoscimento della paternità Cassazione civile sez. I 08 febbraio 2012 n. 1784 La Corte di Cassazione con questa recente sentenza (n.

Dettagli

Circolare Ministero dell'interno, Uffici Demografici, 28 novembre 2014, n. 19

Circolare Ministero dell'interno, Uffici Demografici, 28 novembre 2014, n. 19 Circolare Ministero dell'interno, Uffici Demografici, 28 novembre 2014, n. 19 OGGETTO: Adempimenti degli ufficiali dello stato civile ai sensi degli articoli 6 e 12 del decreto-legge 12 settembre 2014,

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 429 comma 1 c.p.c., la seguente

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO SEPARAZIONE E DIVORZIO Prefazione... XIII I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI 1 SEPARAZIONE CONSENSUALE E CONIUGI ECONOMICAMENTE AUTONOMI La questione... 3 Analisi dello scenario... 3 Inquadramento strategico...

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^ Con la pronuncia in esame, il Tribunale di Catania propone una lettura interpretativa del disposto di cui all art. 155-quinquies, comma 1, cod. civ., del tutto condivisibile, poiché, da un lato, afferma

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Sent/Ord. 865/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Rappresentata ai sensi dell art.5 della legge 21 luglio2000 n. 205 dal

Dettagli

Causa trattenuta in decisione all'udienza del (Omissis) sulle seguenti

Causa trattenuta in decisione all'udienza del (Omissis) sulle seguenti REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ANCONA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Ancona, in composizione collegiale, riunito in camera di consiglio e composto da: Dr. Francesca Miconi

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI PRATO Ricorso congiunto per la cessazione degli effetti civili del matrimonio Nell interesse della Sig.ra YYY, nata a..., il...

TRIBUNALE CIVILE DI PRATO Ricorso congiunto per la cessazione degli effetti civili del matrimonio Nell interesse della Sig.ra YYY, nata a..., il... TRIBUNALE CIVILE DI PRATO Ricorso congiunto per la cessazione degli effetti civili del matrimonio Nell interesse della Sig.ra YYY, nata a..., il... e residente a Prato, Via... n..., C.F...., del Sig. XXX,

Dettagli

La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati

La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati -dott. Ettore NESTI -dott. Rocco PAVESE -dott.

Dettagli

Fatto Diritto P.Q.M. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

Fatto Diritto P.Q.M. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Cass. civ. Sez. I, Sent., 20-08-2014, n. 18076 MATRIMONIO E DIVORZIO Coniugi (diritti e doveri) in genere SEPARAZIONE DEI CONIUGI Alimenti e mantenimento Alloggio Separazione in genere (addebitabilità)

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^ IL GIUDICE DESIGNATO

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^ IL GIUDICE DESIGNATO TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^ IL GIUDICE DESIGNATO Dr.ssa Concetta Pappalardo, Esaminati gli atti del procedimento iscritto al n. /2011 R.G., avente ad oggetto ricorso, proposto

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO 1 [APP Giud Pace] Professioni intellettuali Compensi ed onorari Compensi professionali ingiunti Geometra - Parcella opinata da Consiglio dell Ordine Rilevanza ai fini del decreto ingiuntivo Irrilevanza

Dettagli

====================== TRIBUNALE PER I MINORENNI DI NAPOLI In nome del popolo italiano

====================== TRIBUNALE PER I MINORENNI DI NAPOLI In nome del popolo italiano /RUGLQDQ]DVHQWHQ]DODSULPDGHO7ULEXQDOHSHULPLQRUHQQLGL1DSROLFKHDIIURQWDLOSUREOHPDGHOOD FRPSHQ]D GHO JLXGLFH PLQRULOH LQ WHPD GL DIILGR FRQGLYLVR q VWDWD UHGDWWD GDO 3UHVLGHQWH 9LFDULR GU 6HUHQD %DWWLPHOOLHG

Dettagli

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi CONNESSIONE cosa è? obiettivo Relazione tra rapporti giuridici oggetto di domande diverse Elemento in comune persone petitum causa petendi Non vi è identità, neppure parziale assicurare il simultaneus

Dettagli

TRIBUNALE DI. Sezione RICORSO CONGIUNTO PER LA DICHIARAZIONE DI SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO CIVILE/ DELLA CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL

TRIBUNALE DI. Sezione RICORSO CONGIUNTO PER LA DICHIARAZIONE DI SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO CIVILE/ DELLA CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL TRIBUNALE DI Sezione RICORSO CONGIUNTO PER LA DICHIARAZIONE DI SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO CIVILE/ DELLA CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO PER \\server\data\sito studio\formule\ricorso per

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. 487 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 Tribunale di Milano Sezione V Civile Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE V CIVILE In persona del Giudice Istruttore, in funzione

Dettagli

Nelle premesse, infatti, si parla giustamente di competenza giurisdizionale punto (6).

Nelle premesse, infatti, si parla giustamente di competenza giurisdizionale punto (6). IL REGOLAMENTO EUROPEO RELATIVO ALLE DECISIONI IN MATERIA MATRIMONIALE E DI POTESTA DEI GENITORI N 1347/2000, del 29 maggio 2000 in vigore dal 1 marzo 2001 1. LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE Quando il regolamento

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Sentenza 11 dicembre 2013, n. 27651 Integrale Lavoro ed occupazione - licenziamento - individuale REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA

Dettagli

OGGETTO: attribuzione punteggio, valutazione servizio militare

OGGETTO: attribuzione punteggio, valutazione servizio militare TRIBUNALE DI SALUZZO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Saluzzo nella persona della dott.ssa Natalia Giubilei, quale Giudice del Lavoro, all udienza del 12.09.2012, richiamato

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO Tomo III Formulario A cura di Michele Angelo Lupoi Con la collaborazione di Carmen Spadea e Silvia Ballestrazzi Indice F01. Modello procura con informativa sulla privacy...

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 7347/2014. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 7347/2014. tra N. R.G. 7347/2014 TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 7347/2014 F.S. C.B. M.M. M. tra e ATTORE CONVENUTI Oggi 24 giugno 2015 innanzi al dott. Gianluigi

Dettagli

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine dell'unione tra P.M. e Pa.Mi., il Tribunale di Milano

Dettagli

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica)

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica) Agata Christie Investigation Sas Via Luigi Razza 4 20124 Milano Milano Tel. 02 344223 Fax 02 344189 E-mail: max@agatachristie.it website: http://www.agatachristie.it Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano

Dettagli

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori 2 luglio 2004, divorzi e affidamento dei minori Anno 2002 Ogni anno l Istat conduce un indagine sulle separazioni e una sui divorzi rilevando, presso le cancellerie dei 165 tribunali civili, i dati relativi

Dettagli

INDICE SISTEMATICO. Introduzione... PARTE PRIMA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI CAPITOLO I NORME SOSTANZIALI

INDICE SISTEMATICO. Introduzione... PARTE PRIMA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI CAPITOLO I NORME SOSTANZIALI INDICE SISTEMATICO Introduzione... pag. V PARTE PRIMA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI CAPITOLO I NORME SOSTANZIALI 1. Separazione giudiziale. Presupposti. In genere Intollerabilità della convivenza.

Dettagli

TRIBUNALE DI S. MARIA C.V. RICORSO PER SEPARAZIONE CONSENSUALE EX ART. 711 C.P.C.

TRIBUNALE DI S. MARIA C.V. RICORSO PER SEPARAZIONE CONSENSUALE EX ART. 711 C.P.C. P R O C U R A Avv. TRIBUNALE DI S. MARIA C.V. RICORSO PER SEPARAZIONE CONSENSUALE EX ART. 711 C.P.C. I sottoscritti coniugi nato a il, di professione (C.F. ) e, nata a il di professione (C.F. ), entrambi

Dettagli

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e possibilità per il submittente di far valere in via diretta verso il sub trasportatore la responsabilità risarcitoria del vettore Tribunale

Dettagli

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TRIOLA

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e disgiuntamente dall Avv. ********* e dall Avv. ************** ed elettivamente

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

Trib. Milano, sez. IX, sentenza 4 11 dicembre 2013 (Pres. Ortolan, rel. Buffone)

Trib. Milano, sez. IX, sentenza 4 11 dicembre 2013 (Pres. Ortolan, rel. Buffone) Trib. Milano, sez. IX, sentenza 4 11 dicembre 2013 (Pres. Ortolan, rel. Buffone) Pagina 1 RIPARTO DI COMPETENZA TRA TRIBUNALE ORDINARIO E TRIBUNALE MINORILE LIMITAZIONI DELLA RESPONSABILITÀ GENITORIALE

Dettagli

Svolgimento del processo

Svolgimento del processo Suprema Corte di Cassazione I^ Sezione civile Sentenza n. 285 Del 27 settembre 2004 10 gennaio 2005 Svolgimento del processo M. M. convenne in giudizio innanzi al Tribunale di Latina G. I., lo Scau e l

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima) SENTENZA N. 00376/2014 REG.PROV.COLL. N. 00440/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli