R E P U B BLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO L A CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE S E ZIONE PRIMA CIVILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "R E P U B BLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO L A CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE S E ZIONE PRIMA CIVILE"

Transcript

1 S E N TENZA N AN N O 2008 R E P U B BLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO L A CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE S E ZIONE PRIMA CIVILE C o mposta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: D o tt. CRISCUOLO Alessandro - Presidente D o tt. LUCCIOLI Maria Gabriella - Consigliere D o tt. BONOMO Massimo - rel. Consigliere D o tt. SALME' Giuseppe - Consigliere D o tt. FITTIPALDI Onofrio - Consigliere h a pronunciato la seguente: sul ricorso proposto da: sentenza I.P., elettivamente d o miciliato i n R o ma, V ia Tacito 90, p resso l'avv. Miuccio Giuseppe, che lo rappresenta e d i fende giusta p rocura a margine del ricorso; - ricorrente - contro D.M.R., elettivamente d o miciliata i n Roma, V iale Giuseppe Mazzini 25, p resso l'avv. Felicetti S ilvia, che l a rappresenta e difende g iusta p rocura speciale p e r scrittura p rivata a u tenticata d a l N o taio E d mondo Maria Capecelatro in data rep ; - controricorrente - a vverso l e sentenze della Corte d ' A ppello d i R o ma n /03, d e positata i l 9 maggio 2 003, e n /01, d epositata i l 16 febbraio ; 1

2 u dita l a relazione della causa svolta n e lla pubblica udienza del dal Consigliere Dott. BONOMO Massimo; u dito l ' A vv. Miuccio per l a p a rte ricorrente, che h a chiesto l ' a ccoglimento del ricorso; u dito l'avv. Felicetti per la parte controricorrente, che ha chiesto il rigetto del ricorso; u dito il P.M. in p e rsona d e l S o stituto P rocuratore Generale Dott. C aliendo Giacomo, che ha concluso per il rigetto del ricorso. S vo lgimento del processo C on ricorso d e positato il 1 2 a g o sto 1998 I.P. p roponeva d o manda di cessazione degli effetti civili del matrimonio contratto con D.M.R., dalla q u ale si e r a separato, e chiedeva che gli venisse a ssegnata l a casa coniugale - a vendo il figlio C., n a to i l (OMISSIS), deciso di vivere con l ui - e che egli fosse e sonerato d a ll'obbligo di mantenimento n ei confronti della convenuta, ormai titolare di reddito. L a D., c o stituendosi, a d e riva alla domanda di d i vorzio ma contestava o g ni altra richiesta del ricorrente. Il Tribunale d i Roma, con s e n tenza d epositata il 1 0 marzo 2000, p ronunciava la cessazione degli effetti civili del matrimonio, assegnava l a casa coniugale a llo I., mentre riteneva p recluso ogni e same delle q u e stioni economiche in mancanza di domanda di assegno divorzile. L a C o rte d 'appello d i Roma, con sentenza non d e finitiva n. 536/01, d e positata il 1 6 febbraio 2 001, p ronunciando sull'impugnazione della D., confermava l ' a ssegnazione della casa coniugale allo I. e n on condivideva la p ronuncia n egatoria di carattere p rocessuale e messa i n p rimo g rado, ritenendo che fosse stata formulata una d o manda d i a ttribuzione dell'assegno divorzile, sicchè l a causa doveva proseguire p e r lo svolgimento della necessaria attività istruttoria. C on o rdinanza d e positata i n p a ri data, la Corte d'appello ammetteva la p rova p roposta d all'appellato e, p rovvedendo sull'istanza e x a rt. 700 c.p.c., d ella D., poneva p rovvisoriamente a carico dello I. un a ssegno d i d i vorzio di L , mensili (pari a ll'ammontare d e ll'assegno stabilito in sede di separazione), a d e correre d a lla p resentazione d ell'istanza. C on sentenza d e finitiva n. 2229/03, depositata i l 9 marzo , la C o rte d ' appello a ttribuiva alla D. u n a ssegno divorzile di E u ro 4 00,00, mensili, a decorrere dalla data d e lla sentenza e da rivalutarsi a n nualmente. A vverso entrambe le sentenze I. h a proposto ricorso p e r cassazione sulla base di quattro motivi. 2

3 D.M.R. ha resistito con controricorso. A l l 'udienza del 27 febbraio 2008 ha partecipato per la D. un n u o vo d i fensore, munito d i p rocura speciale conferita con scrittura privata a u tenticata. Motivi della decisione 1. L a controricorrente e ccepisce l ' inammissibilità d el ricorso p e r nullità d ella procura, apposta a margine del ricorso per cassazione, la q uale manca dell'indicazione d e l potere di rappresentanza e difesa d i nanzi a lla C o rte d i C assazione, facendo e ssa, riferimento solo a l p resente g iudizio e all'eventuale successivo di esecuzione o di appello. 2. L'eccezione n on è fondata, in quanto trattasi di p rocura apposta a margine del ricorso per cassazione. D e ve, infatti, ritenersi che il mandato apposto in calce o a margine del ricorso p e r cassazione rispetta p e r sua natura i l requisito della specialità, senza che occorra p e r l a sua validità alcuno specifico riferimento a l g i udizio i n corso ed a lla sentenza contro l a q u ale si rivolge, a tteso che i l rispetto di quel requisito è con certezza d e ducibile p e r il fatto che i l mandato forma materialmente corpo con il ricorso od il controricorso, di modo che risulta i rrilevante l 'uso d i formule normalmente adottate per il g iudizio di merito e p e r i l conferimento a l d i fensore d i p o teri per tutti i g radi d e l p rocedimento (sulla b a se d i tale principio la Corte di C a ssazione, con sentenza n del 9 marzo 2005, ha ritenuto valida la procura apposta a margine d el ricorso a n corchè e ssa risultasse conferita " nel presente giudizio ed e ventualmente i n quelli di a ppello"; in senso conforme C a ss. S e z. Un. 2 4 /11/2004 n , C a ss. 1 4 /3/2006 n. 5481, Cass. 21/5/2007 n ). 3. C on i l p r i mo mezzo d'impugnazione il ricorrente lamenta violazione d ell'art. 345 c.p.c., e della L. n. 898 del 1970, art. 4. L a Corte d 'appello a veva erroneamente consentito alla D. d i p roporre i n appello, per l a p rima volta, l a richiesta d i versamento d i u n a ssegno d i vorzile che, e ssendo una domanda n uova, d o veva e ssere d ' u fficio d i chiarata inammissibile. N è a ssumeva rilievo a l riguardo, contrariamente a q u anto ritenuto d a l Giud?ce d i appello, il ricorso e x a rt. 700 c.p.c., notificato il 20 l uglio C o n i l secondo motivo i l ricorrente d enuncia contraddittoria motivazione circa u n p u n to decisivo d ella controversia. L a sentenza parziale a veva a ffermato che l 'attribuzione d e ll'assegno d i vorzile e sulava dai p o teri del g i udice e p resupponeva u n a domanda d ella p a rte, che a ssume la forma della riconvenzionale, con tutte l e p reclusioni e d e cadenze d i rito, se l a p ropone la parte convenuta, 3

4 mentre poi la Corte d ' appello a veva concluso i n difformità d a q u e sto p rincipio. C onsiderata l'autonomia d ella d o manda p rincipale e d i quella riconvenzionale, n o n basta contestare, sottolinea i l ricorrente, l ' a tto d ell'attore p e r ritenere che, così facendo, il convenuto abbia voluto i n trodurre u n a domanda riconvenzionale, d o vendo q u e st'ultima e ssere p roposta con motivazioni, titoli, pretese giuridiche d i stinte d a quelle d ella domanda principale. 5. I d u e motivi, congiuntamente e saminabili p e r ragioni di connessione, sono infondati. D e ve anzitutto e scludersi l a sussistenza di u n a violazione dell'art c.p.c., che vieta la p roposizione di domande n uove in a ppello, p e rchè l a C orte territoriale, con l a sentenza n on definitiva, contro l a quale è stata formulata riserva di impugnazione, non h a ritenuto a mmissibile u n a tale domanda n el g iudizio di secondo grado, ma h a invece ritenuto che l a domanda di a ssegno di d i vorzio fosse stata formulata dalla D. g ià in primo grado. V a poi rilevato che questa C o rte h a a vuto modo d i a ffermare che n e l p rocedimento di divorzio trovano a pplicazione i p rincipi d e lla d o manda e del contraddittorio e l'attribuzione dell'assegno d i vorzile è subordinata, p e rtanto, a lla d o manda d i p a rte; p e raltro, tale domanda n o n n e cessita d i formule particolari e p u ò e ssere a n che i mplicita n o n chè ravvisabile in d e duzioni inequivocamente rivolte al conseguimento dell'assegno medesimo; per accertare se sia stata o meno p roposta, il Giudice di merito d e ve a vere riguardo al contenuto sostanziale della p retesa fatta valere con riguardo alle finalità che la p a rte i n tende p e rseguire, con la conseguenza che un'istanza non e spressamente e formalmente p roposta p uò ritenersi i mplicitamente i n trodotta e virtualmente contenuta nella d o manda d e dotta in giudizio q u ando si trovi in rapporto di connessione necessaria con il "petitum" e l a "causa p e tendi" formulati sia dalla p a rte stessa, che dalla controparte, senza perciò i n trodurre u n n u o vo " thema d e cidendum" (Cass. 5 l u glio n. 9058; vedi anche, più i n generale, Cass. 9 a p rile 2004 n. 6972, Cass. 28 aprile 2004 n. 8128). N ella specie, la Corte d ' appello è p e rvenuta a lla conclusione che la D. a vesse chiesto l ' a ssegno già in p rimo g rado in base a ll'interpretazione d elle deduzioni contenute nella comparsa di risposta della D. dinanzi al Tribunale, i mprontata alla contestazione dell'assunto del ricorrente circa l a sua condizione e conomica ed a ll'affermazione del p roprio stato d i b isogno, tale da giustificare il p e rpetuarsi d ell'obbligo d i mantenimento da p a rte d e llo I.. A fronte d i tale univoca volontà - p rosegue il Giudice di secondo g rado - a ppare irrilevante la mancanza sia della esplicita formulazione della domanda, sussunta n ella richiesta 4

5 d i rigetto dell'istanza di e sonero (dall'assegno di mantenimento d i sposto in sede di separazione) formulata dal ricorrente, sia della d e terminazione d el quantum d ell'assegno, p e raltro specificato con l ' i stanza e x art. 700 c.p.c., in corso d i giudizio, sia a n cora l'imperfetta q u alificazione dell'assegno come di mantenimento. A g giunge poi l a C orte territoriale che giovava alla D. a n che il comportamento p rocessuale d ello I. rivolto all'accettazione del contraddittorio sulla questione di merito dell'assegno. Osserva l a C o rte che la decisione d el Giud?ce di secondo grado è coerente con i p rincipi sopra e nunciati, tenuto a n che conto, da u n lato, che è i rrilevante, ai fini d ell'accertamento della p roposizione di u na d o manda d i a ssegno da parte di u n coniuge i n sede d i d i vorzio, che i l contributo sia e rroneamente q ualificato come assegno di mantenimento a n zichè come a ssegno divorzile L. n. 898 del 1970, e x a rt. 5, e, d all'altro, che l a richiesta d ella I. a ffinchè n on fosse modificato il regime e conomico i n a tto implicava che l 'assegno d i d i vorzio dovesse e ssere erogato in misura pari a quello di separazione. 6. Il terzo motivo e sprime u n a doglianza d i violazione della L. n. 898 d el 1970, artt. 5 e 10. Il carattere assistenziale dell'assegno di d i vorzio determina l ' insorgenza del relativo diritto solo in p resenza di u na situazione p a trimoniale e reddituale tale da n on consentire la conservazione di u n tenore d i vita a n alogo a quello mantenuto i n costanza d i matrimonio e l ' onere della prova grava sul coniuge richiedente. Il ricorrente sostiene che l a D. n eanche n el ricorso i n appello a veva p roposto l 'indicazione specifica dei mezzi d i p rova, nè si era p reoccupata di indicare d o cumenti, n è a veva d i mostrato che non a veva mezzi a deguati o, comunque, n o n p o teva procurarseli p e r ragioni o g gettive. 7. C on i l q u a rto motivo il ricorrente lamenta violazione d ell'art c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5, in relazione agli artt. 115 e 116 c.p.c.. L o I., d o po a ver sottolineato che la D. convive va con persona munita d i redditi e che la medesima lavorava come commessa, p recisa che l a sentenza d e finitiva impugnata a veva d a to a tto di tali circostanze, ma sostiene che la decisione finale e quelle precedenti "hanno vulnerato le n o rme i n vocate, con conseguente n ullità d e lle stesse" e che " pur nella riduzione d ell'assegno concesso come divorzile in E u ro 400,00 mensili, i l vizio o riginale denunciato a ffiora n e ll'epilogo, d e terminando l ' inutilità d elle pronunce". 8. Nemmeno i l terzo e d il quarto motivo d i ricorso, p u re congiuntamente e saminabili per ragioni d i connessione, sono fondati. 5

6 D e ve i n primo luogo e scludersi l a sussistenza d ella dedotta violazione d ella L. n del 1 970, a rt. 5, nella parte in cui condiziona i l d i ritto a ll'assegno d i d i vorzio a ll'assenza d i mezzi adeguati, e cioè tali d a consentire la conservazione di u n tenore di vita a n alogo a q uello mantenuto i n costanza di matrimonio (Cass. 2 8 febbraio 2007 n. 4764, C a ss. 17 n o vembre 2006 n , C a ss. 6 o ttobre n ), e d ell'impossibilità di procurarseli per ragioni oggettive. L ' a spetto d e l tenore di vita p regresso d ella coppia è stato e spressamente p reso in considerazione d alla C o rte territoriale, l a q u ale n e h a sottolineato l a solida agiatezza, i mprontato come e ra a i consistenti emolumenti p e rcepiti d a llo I. n ella sua q ualità d i docente u niversitario (mentre non risultava che la moglie a vesse svolto alcuna a ttività lavorativa). I mezzi di cui disponeva la D. (capacità lavorativa come commessa, pur se allo stato priva di stabile occupazione, e l a convivenza con u n a l tro u o mo, con cui divideva l e s p e se di mantenimento) n o n sono stati considerati d al Giudice di merito - il cui a pprezzamento non è censurabile i n sede di legittimità, se congruamente motivato - come sufficienti a consentirle di mantenere il tenore di vita di cui e lla a veva g o duto durante l a convi venza matrimoniale, con i l conseguente riconoscimento, i n coerenza con la regola stabilita dal citato a rt. 5, del d i ritto all'assegno d i d i vorzio (essendo i mplicita l'impossibilità per l a D., per ragioni o g gettive, d i p rocurarsi redditi a deguati, d a ta l a sua condizione lavorativa). L'assegno d i d i vorzio è stato p oi q u antificato d alla C o rte d 'appello tenendo conto n on solo d elle condizioni e conomiche delle par?i, ma a n che del contributo della D. alla cura d ella famiglia e all'allevamento del figlio n e i 1 5 anni d i durata d ell'unione matrimoniale, e cioè d el p a rametro, p u re i n dicato dal citato a rt. 5, d e l contributo p e rsonale dato da ciascun coniuge alla conduzione familiare. L a valutazione dei suddetti elementi d i fatto e l a conseguente q u antificazione d ell'assegno d i divorzio nella misura d i E u ro 400,00, mensili appaiono sorrette d a motivazione sufficiente ed e senti d a vizi l ogici, mentre i l i miti del g iudizio di cassazione n on ne consentono u n n u o vo, diverso apprezzamento. 9. Il ricorso deve essere, pertanto, rigettato. L e spese dei g iudizio di cassazione, l iquidate come nel d i spositivo, vanno poste a carico del ricorrente in ragione della soccombenza. P.Q.M. 6

7 L a C o rte r igetta il ricorso e condanna il ricorrente al rimborso delle spese d e l g i udizio d i cassazione, l iquidate in E u ro ,00, per o n o rari ed E u ro 2 0 0,00, per e sborsi, o l tre a l le spese g enerali e d a ccessori di legge. C o sì deciso in Roma, il 27 febbraio D epositato in Cancelleria il 28 aprile

h a pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso proposto da:

h a pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso proposto da: C ass. civ. Sez. III, 06-06-2008, n. 15030 R E P U B BLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO L A CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE S E ZIONE TERZA CIVILE C o mposta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: D o tt.

Dettagli

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO DELLE PARTI CASS. CIV., SEZ. I, 4 NOVEMBRE 2010, N. 22501. In tema di scioglimento del matrimonio, nella disciplina dettata dall'art. 5 l. n. 898/70,

Dettagli

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI MAGGIORE ETÀ. CASS. CIV., SEZ. I, 22 NOVEMBRE 2010 N. 23590. Il diritto del coniuge separato di ottenere dall'altro coniuge un assegno per il mantenimento

Dettagli

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato E inammissibile l'intervento del padre naturale nel giudizio di disconoscimento della paternità Cassazione civile sez. I 08 febbraio 2012 n. 1784 La Corte di Cassazione con questa recente sentenza (n.

Dettagli

ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO.

ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO. ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO. CASS. CIVILE, SEZ. I, 25 NOVEMBRE 2010, N. 23968. Non può disporsi la revoca dell'assegno di mantenimento senza la prova del miglioramento del tenore di vita dell'ex moglie

Dettagli

PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI. ASSEGNO DI MANTENIMENTO.

PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI. ASSEGNO DI MANTENIMENTO. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI. ASSEGNO DI MANTENIMENTO. CASS. CIV., SEZ. I, 3 GENNAIO 2011, N. 18. L'assegno di mantenimento in favore del figlio va versato anche quando l'attività di lavoro precaria

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. LUCCIOLI Maria Gabriella - Presidente - Dott. SALVAGO Salvatore - Consigliere - Dott. GIANCOLA Maria Cristina -

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 www.lex24.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione 1 civile Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 Integrale - Condominio negli edifici - Amministratore - Attribuzioni - Riscossione contributi ed erogazione

Dettagli

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TRIOLA

Dettagli

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30-03-2011, n. 7222

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30-03-2011, n. 7222 Cass. civ. Sez. III, Sent., 30-03-2011, n. 7222 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DI NANNI

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 6 giugno - 8 settembre 2014, n. 18873 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 6 giugno - 8 settembre 2014, n. 18873 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 6 giugno - 8 settembre 2014, n. 18873 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Dott. Proto Cesare A. - Presidente - Dott. Bernabai Renato - Consigliere - Dott. Schirò Stefano - rel. Consigliere

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO PRIMA SEZIONE CIVILE. Dott. LOREDANA NAllICONE - Rel. Consigliere - SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO PRIMA SEZIONE CIVILE. Dott. LOREDANA NAllICONE - Rel. Consigliere - SENTENZA -691 14 115 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Oggetto Opposizione a dichiarazione di fallimento.

Dettagli

Condizionatori sulla facciata condominiale? La Cassazione salva il decoro

Condizionatori sulla facciata condominiale? La Cassazione salva il decoro Condizionatori sulla facciata condominiale? La Cassazione salva il decoro SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE II CIVILE Sentenza 6 ottobre 2014, n. 20985 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

OBBLIGAZIONI SOLIDALI.

OBBLIGAZIONI SOLIDALI. OBBLIGAZIONI SOLIDALI. CASS. CIV., SEZ. I, 1 DICEMBRE 2010, N. 24389. Nell'ipotesi in cui i coniugi contraggano insieme un mutuo ipotecario per far fronte alle spese di ristrutturazione della casa coniugale,

Dettagli

presso lo studio dell'avvocato GRISANTI FRANCESCO, rappresentata e

presso lo studio dell'avvocato GRISANTI FRANCESCO, rappresentata e LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. ROSELLI Federico - Presidente - Dott. STILE Paolo - Consigliere - Dott. NAPOLETANO Giuseppe - Consigliere -

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA. domiciliato in ROMA, VIALE MAZZINI 11 PAL H-3, presso

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA. domiciliato in ROMA, VIALE MAZZINI 11 PAL H-3, presso -6901/2015 1 ORIGINALE i REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE Oggetto Danno anibientale - Prescrizione R.G.N. 18598/2011 Composta dagli Ill.mi

Dettagli

Il contratto di locazione avente ad oggetto un locale commerciale può prevedere aumenti del canone liberi

Il contratto di locazione avente ad oggetto un locale commerciale può prevedere aumenti del canone liberi Il contratto di locazione avente ad oggetto un locale commerciale può prevedere aumenti del canone liberi da parametri legislativi, purché gli stessi risultino inequivocabilmente dal contratto. Corte di

Dettagli

E' legittimo il licenziamento dovuto a condanna per concussione

E' legittimo il licenziamento dovuto a condanna per concussione Pagina 1 Dimensione dei caratteri:normal Large ExtraLarge E' legittimo il licenziamento dovuto a condanna per concussione Con sentenza n. 5581 del 6 marzo 2009, la Cassazione ha affermato che è legittimo

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ESENTE DA REGISTRAZIONE Al SENSI DEL D.P.R. 26/411956 N. 131 TAB. ALL. B. - N.5 MATERIA TRIBUTARIA REPUBBLICA ITALIANA 2221. 1 5 Oggetto IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail:collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot. n

Dettagli

ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE.

ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE. ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE. CASS. CIV., SEZ. III, 6 DICEMBRE 2011, N. 26188. L'art. 2947 c.c. deve essere quindi interpretato nel senso che la prescrizione

Dettagli

LAVORO SUBORDINATO - LAVORATRICI MADRI.

LAVORO SUBORDINATO - LAVORATRICI MADRI. LAVORO SUBORDINATO - LAVORATRICI MADRI. CASS. CIV., SEZ. LAV., 29 SETTEMBRE 2011, N. 19912. Il divieto di licenziamento della lavoratrice madre è reso inoperante quando ricorre una colpa grave da parte

Dettagli

INGIUNZIONE IN MATERIA CIVILE. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ. PROVA

INGIUNZIONE IN MATERIA CIVILE. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ. PROVA INGIUNZIONE IN MATERIA CIVILE. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ. PROVA SCRITTA. CASS. CIV., SEZ. I, 25 NOVEMBRE 2010, N. 23972. Il piano di ammortamento di un contratto di mutuo ha natura di clausola negoziale,

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 27730 Anno 2013 Presidente: VITRONE UGO Relatore: GIANCOLA MARIA CRISTINA Data pubblicazione: 11/12/2013 SENTENZA sul ricorso 11293-2009 proposto da: B.L. (C. F. on~ D, elettivamente

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Sentenza 18 maggio 2015, n. 10173

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Sentenza 18 maggio 2015, n. 10173 Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Sentenza 18 maggio 2015, n. 10173 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 17433 Anno 2015 Presidente: ROSELLI FEDERICO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 02/09/2015 SENTENZA sul ricorso 30301-2011 proposto da: VASQUEZ SANTOS DAYELIN C.F. VZQDLN75T70Z504W,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE. sentenza Pagina 1 di 6 Cass. civ. Sez. II, 27-07-2007, n. 16658 Fatto Diritto P.Q.M. AVVOCATO E PROCURATORE Responsabilità professionale PRESCRIZIONE E DECADENZA CIVILE Decorrenza del termine di prescrizione REPUBBLICA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SECONDA SEZIONE CIVILE. Dott. MARIA ROSARIA SAN GIORGIO - Consigliere -

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SECONDA SEZIONE CIVILE. Dott. MARIA ROSARIA SAN GIORGIO - Consigliere - REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SECONDA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. FRANCESCO FELICETTI - Presidente - Oggetto DIRITTI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 16604/2007 proposto da: D.C. - ricorrente - BANCA -

Dettagli

101 professionisti.it

101 professionisti.it Gli atti dispositivi del fideiussore successivi all'apertura di credito e alla prestazione della fideiussione sono soggetti ad azione revocatoria in base al solo requisito soggettivo della consapevolezza

Dettagli

TRIBUNALE DI... Memoria di Costituzione. Rg. n.. Dott.ssa. Udienza. Sig.ra XXX, nata a., il e residente a..., Via

TRIBUNALE DI... Memoria di Costituzione. Rg. n.. Dott.ssa. Udienza. Sig.ra XXX, nata a., il e residente a..., Via TRIBUNALE DI... Memoria di Costituzione Rg. n.. Dott.ssa Udienza. Nell'interesse della Sig.ra XXX, nata a., il e residente a..., Via, n.... c.f.:, rappresentata e difesa dall Avv... del Foro di... ed elettivamente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE SENTENZA 27377/2013

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE SENTENZA 27377/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE SENTENZA 27377/2013 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VITRONE Ugo - Presidente Dott. RAGONESI

Dettagli

DANNI - VALUTAZIONE E LIQUIDAZIONE: INVALIDITÀ PERMANENTE E TEMPORANEA PERMANENTE.

DANNI - VALUTAZIONE E LIQUIDAZIONE: INVALIDITÀ PERMANENTE E TEMPORANEA PERMANENTE. DANNI - VALUTAZIONE E LIQUIDAZIONE: INVALIDITÀ PERMANENTE E TEMPORANEA PERMANENTE. CASS. CIV., SEZ. III, 6 MARZO 2012, N. 3447. In tema di determinazione del reddito da considerare ai fini del risarcimento

Dettagli

La misura dell'assegno divorzile per il coniuge economicamente svantaggiato tiene conto della possibilità di reperire un'occupazione lavorativa

La misura dell'assegno divorzile per il coniuge economicamente svantaggiato tiene conto della possibilità di reperire un'occupazione lavorativa La misura dell'assegno divorzile per il coniuge economicamente svantaggiato tiene conto della possibilità di reperire un'occupazione lavorativa Cassazione civile, sez. I, sentenza 05.02.2014, n. 2546 Il

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SENTENZA AnniBtfro ut*flem 202,1/1 4. 3028/2007 Cron. 2o 2,9 Rep. 263-7 Ud. 12/6/2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Ud. 23/05/12 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO R.G.N. 19531/2010 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.

REPUBBLICA ITALIANA Ud. 23/05/12 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO R.G.N. 19531/2010 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill. REPUBBLICA ITALIANA Ud. 23/05/12 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO R.G.N. 19531/2010 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DE RENZIS Alessandro - Presidente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE SENT. N. 1197

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE SENT. N. 1197 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. Giovanni Losavio - Presidente Dott. Ugo Vitrone - Consigliere Dott. Salvatore Salvago - Consigliere Dott. Luciano Panzani - Consigliere Dott. Alberto Giusti

Dettagli

3s-1. Corte di Cassazione - copia non ufficiale

3s-1. Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 469 Anno 2015 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: DE RENZIS ALESSANDRO Data pubblicazione: 14/01/2015 sul ricorso proposto SENTENZA DA POZONE MARIA FLAVIA, elettivamente domiciliata

Dettagli

L'assegno di mantenimento non può comprendere anche le spese straordinarie (Cass. n. 18869/2014)

L'assegno di mantenimento non può comprendere anche le spese straordinarie (Cass. n. 18869/2014) L'assegno di mantenimento non può comprendere anche le spese straordinarie (Cass. n. 18869/2014) Corte di Cassazione Civile n. 18869/2014 sez. I del 8/9/2014 Presidente: Luccioli Ritenuto in fatto 1. -

Dettagli

nella causa civile iscritta al n. 324/2002 R.G. affari contenziosi, vertente

nella causa civile iscritta al n. 324/2002 R.G. affari contenziosi, vertente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRlBUNALE DI BRINDISI - Sezione civile - composto dai seguenti magistrati: ha emesso la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta al n. 324/2002 R.G.

Dettagli

SEPARAZIONE DEI CONIUGI - ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO - NATURA E CRITERI DI DETERMINAZIONE.

SEPARAZIONE DEI CONIUGI - ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO - NATURA E CRITERI DI DETERMINAZIONE. SEPARAZIONE DEI CONIUGI - ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO - NATURA E CRITERI DI DETERMINAZIONE. CASS. CIV., SEZ. I, 23 OTTOBRE 2012, N. 18175. Condizione essenziale per il sorgere del diritto al mantenimento

Dettagli

Cass. civ. Sez. lavoro, Sent., 16-03-2012, n. 4258 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

Cass. civ. Sez. lavoro, Sent., 16-03-2012, n. 4258 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Cass. civ. Sez. lavoro, Sent., 16-03-2012, n. 4258 Fatto Diritto P.Q.M. LAVORO (RAPPORTO DI) Licenziamento disciplinare REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 Svolgimento del processo Il giudice del lavoro del Tribunale di Brescia accolse la domanda con la quale G.M. aveva chiesto la dichiarazione di illegittimità

Dettagli

Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo

Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo Cataldi.it Il giudice del lavoro adito con impugnativa

Dettagli

Sentenza n. 2740/2008

Sentenza n. 2740/2008 Corte Suprema di Cassazione - Civile Sezione I Civile Sentenza n. 2740/2008 deposito del 05 febbraio 2008 Svolgimento del processo Con ricorso depositato l'8.10.1999, M. B. chiedeva al Tribunale di Torino

Dettagli

Assegno mantenimento figli maggiorenni - CORTE DI CASSAZIONE Sezione I Civile - Sentenza n. 1830-26 gennaio 2011

Assegno mantenimento figli maggiorenni - CORTE DI CASSAZIONE Sezione I Civile - Sentenza n. 1830-26 gennaio 2011 Assegno mantenimento figli maggiorenni - CORTE DI CASSAZIONE Sezione I Civile - Sentenza n. 1830-26 gennaio 2011 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Dott. Plenteda Donato - Presidente - Dott. Rordorf Renato -

Dettagli

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VIVALDI Roberta Presidente Dott. ARMANO Uliana rel. Consigliere Dott. FRASCA Raffaele Consigliere Dott. SCARANO Luigi Alessandro Consigliere Dott. D'AMICO

Dettagli

L aspra conflittualità tra i coniugi non impedisce l affidamento condiviso del figlio minore. Cassazione civile, sez. I, sentenza 31.03.2014, n.

L aspra conflittualità tra i coniugi non impedisce l affidamento condiviso del figlio minore. Cassazione civile, sez. I, sentenza 31.03.2014, n. L aspra conflittualità tra i coniugi non impedisce l affidamento condiviso del figlio minore Cassazione civile, sez. I, sentenza 31.03.2014, n. 7477 Il caso è quello di due genitori - in rapporti fortemente

Dettagli

MATRIMONIO. OBBLIGO DI FEDELTÀ.

MATRIMONIO. OBBLIGO DI FEDELTÀ. MATRIMONIO. OBBLIGO DI FEDELTÀ. CASS. CIV., SEZ. I, 14 OTTOBRE 2010, N. 21245. La violazione dell'obbligo di fedeltà coniugale, particolarmente grave in quanto di regola rende intollerabile la prosecuzione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso 2366-2008 proposto da: M. F. elettivamente domiciliato

Dettagli

Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale

Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale Non è più soggetta ad autorizzazione la installazione del singolo impianto che produce emissione in atmosfera,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE /h (I 373 96 /14 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VINCENZO ROMIS Dott. GIACOMO FOTI Dott.

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19150 Anno 2015 Presidente: COLETTI DE CESARE GABRIELLA Relatore: BALESTRIERI FEDERICO Data pubblicazione: 28/09/2015 SENTENZA sul ricorso 23633-2009 proposto da: - I.N.P.S. -

Dettagli

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine dell'unione tra P.M. e Pa.Mi., il Tribunale di Milano

Dettagli

SERVITÙ - PASSAGGIO COATTIVO.

SERVITÙ - PASSAGGIO COATTIVO. SERVITÙ - PASSAGGIO COATTIVO. CASS. CIV., SEZ. II, 15 GIUGNO 2011, N. 13101. In tema di costituzione di una servitù coattiva di passaggio su una parte comune di un edificio in condominio, la domanda giudiziale

Dettagli

ius canonicum.it-- il sito web del diritto canonico

ius canonicum.it-- il sito web del diritto canonico Corte di Cassazione, I Sezione civile Sentenza 18 settembre 2013, n. 21331 Matrimonio concordatario: delibazione della pronuncia ecclesiastica dichiarativa della nullità e richiesta di revisione dell assegno

Dettagli

«La presunzione di non colpevolezza ex art. 27 Cost. non si applica all ipotesi di. licenziamento per giusta causa»

«La presunzione di non colpevolezza ex art. 27 Cost. non si applica all ipotesi di. licenziamento per giusta causa» «La presunzione di non colpevolezza ex art. 27 Cost. non si applica all ipotesi di licenziamento per giusta causa» (Cassazione civile sez. lav., 30 settembre 2014, n. 20602) lavoro subordinato (rapporto

Dettagli

RE PUBBLICA ITA LIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE SUP REMA DI CAS SAZIONE R.G.N. 9250/2014 SEZIONE LAVORO SENTENZA.

RE PUBBLICA ITA LIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE SUP REMA DI CAS SAZIONE R.G.N. 9250/2014 SEZIONE LAVORO SENTENZA. -, -- ------------ ---- AULA 'A' 12 3 40 1 5 GIU. 2015 RE PUBBLICA ITA LIANA Oggetto IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE SUP REMA DI CAS SAZIONE R.G.N. 9250/2014 SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

Cassazione civile, sez. I 20/06/2011 n. 13447

Cassazione civile, sez. I 20/06/2011 n. 13447 Cassazione civile, sez. I 20/06/2011 n. 13447 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. PLENTEDA Donato - Presidente - Dott. ZANICHELLI Vittorio

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Assegno di divorzio determinazione rilevanza della convivenza more uxorio del coniuge separato

Assegno di divorzio determinazione rilevanza della convivenza more uxorio del coniuge separato SENTENZA 13060 Del 9 settembre 2002 Assegno di divorzio determinazione rilevanza della convivenza more uxorio del coniuge separato Massima: una convivenza di tipo coniugale di lunghissima durata, pari

Dettagli

Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto

Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto 1 of 5 19/04/11 16.47 Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Affido condiviso va negato se genitore minaccia di portare

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE Lavoro Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. SCIARELLI Guglielmo - Presidente Dott. DE RENZIS Alessandro

Dettagli

SENTENZE IN SANITÀ CORTE DI CASSAZIONE. Cassazione civile - Sezione III sentenza n. 9331 dell 8 maggio 2015

SENTENZE IN SANITÀ CORTE DI CASSAZIONE. Cassazione civile - Sezione III sentenza n. 9331 dell 8 maggio 2015 SENTENZE IN SANITÀ CORTE DI CASSAZIONE Cassazione civile - Sezione III sentenza n. 9331 dell 8 maggio 2015 QUANDO IL DANNO È PROCURATO DA ATTO NECESSARIO SENZA CONSENSO In presenza di un atto terapeutico

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Ord. Sez. 6 Num. 18573 Anno 2014 Presidente: PETITTI STEFANO Relatore: D'ASCOLA PASQUALE Data pubblicazione: 03/09/2014 ORDINANZA sul ricorso 14690-2012 proposto da: NAPOLITANO PAOLO NPLPLA78L04L259I,

Dettagli

SENTENZA N. 20256 DEL 19/09/2006

SENTENZA N. 20256 DEL 19/09/2006 SENTENZA N. 20256 DEL 19/09/2006 Famiglia Separazione personale dei coniugi comportamento successivo alla separazione (nella specie, esercizio della prostituzione da parte della moglie separata) limitata

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 8824 Anno 2015 Presidente: BUCCIANTE ETTORE Relatore: SCALISI ANTONINO Data pubblicazione: 30/04/2015 SENTENZA sul ricorso 23330-2009 proposto da: PASCUCCI EMANUELA PSCMNL58S44H501F,

Dettagli

Il genitore convivente con il figlio maggiorenne non autosufficiente economicamente può pretendere l'assegno di mantenimento.

Il genitore convivente con il figlio maggiorenne non autosufficiente economicamente può pretendere l'assegno di mantenimento. Il genitore convivente con il figlio maggiorenne non autosufficiente economicamente può pretendere l'assegno di mantenimento. Cassazione civile, sez. I, sentenza 10.01.2014, n. 359 Il caso è quello di

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Dott. FIORETTI Francesco Maria - Presidente - Dott. SALVAGO Salvatore - Consigliere - Dott. RORDORF Renato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA SEZIONE PRIMA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA SEZIONE PRIMA CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA SEZIONE PRIMA CIVILE così composto: dott. Alberto BUCCI presidente dott. Massimo CORRIAS giudice dott. Franca MANGANO giudice

Dettagli

Giurisprudenza di legittimità CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. III, 19 febbraio 2013, n. 4021

Giurisprudenza di legittimità CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. III, 19 febbraio 2013, n. 4021 Giurisprudenza di legittimità CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. III, 19 febbraio 2013, n. 4021 Distanza di sicurezza Tamponamento A catena Veicoli in movimento Presunzione di colpa a carico dei conducenti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Ud. 30/09/08 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO R.G.N. 5130/2005 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE 8481/2005 SEZIONE LAVORO Composta dagli

REPUBBLICA ITALIANA Ud. 30/09/08 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO R.G.N. 5130/2005 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE 8481/2005 SEZIONE LAVORO Composta dagli REPUBBLICA ITALIANA Ud. 30/09/08 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO R.G.N. 5130/2005 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE 8481/2005 SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. MERCURIO Ettore Presidente

Dettagli

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE Con ricorso, depositato in data 3.2.2012, C chiedeva a questo Tribunale di dichiarare la cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario contratto

Dettagli

CONDOMINIO (OMISSIS), in persona dell'amministratore pro tempore; avverso la sentenza della Corte d'appello di Trieste, depositata in data (OMISSIS);

CONDOMINIO (OMISSIS), in persona dell'amministratore pro tempore; avverso la sentenza della Corte d'appello di Trieste, depositata in data (OMISSIS); REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 2 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. GOLDONI Umberto - Presidente Dott. PETITTI

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE -1 ORDINANZA

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE -1 ORDINANZA LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE 20393 /14 SESTA SEZIONE CIVILE -1 Composta dagli Ill.mi Siggii Magistrati: Dott. SALVATORE DI PALMA - Presidente - et) e e t Oggetto *FALLIMENTO E ISTITUTI AFFINI Dott. VITTORIO

Dettagli

LA CORTE DI CASSAZIONE CONFERMA IL DIRITTO DEI MALATI CRONICI ALLE CURE SANITARIE

LA CORTE DI CASSAZIONE CONFERMA IL DIRITTO DEI MALATI CRONICI ALLE CURE SANITARIE LA CORTE DI CASSAZIONE CONFERMA IL DIRITTO DEI MALATI CRONICI ALLE CURE SANITARIE La prima Sezione civile della Corte di Cassazione ha emesso in data 16 gennaio 1996 (il deposito in Cancelleria è avvenuto

Dettagli

Le massime estrapolate

Le massime estrapolate Pagina 1 di 7 Condominio. Delibera assembleare che approva il rendiconto annuale dell amministratore, impugnazione ex art. 1137, comma III, solo per ragioni di mera legittimità. Le massime estrapolate

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PIUMA SEZIONE CIVILE. Composta dagli Ill.mi Sigg.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PIUMA SEZIONE CIVILE. Composta dagli Ill.mi Sigg. ESENTE 16 57/14 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PIUMA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. MARIA GABRIELLA LUCCIOLI - Presidente

Dettagli

ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE: CIRCOLAZIONE STRADALE - GESTIONE DELLA LITE.

ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE: CIRCOLAZIONE STRADALE - GESTIONE DELLA LITE. ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE: CIRCOLAZIONE STRADALE - GESTIONE DELLA LITE. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9426. In applicazione del disposto di cui

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA SEZIONE PERSONA E FAMIGLIA composta dai magistrati: Enrica Maria Mazzacane -

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA SEZIONE PERSONA E FAMIGLIA composta dai magistrati: Enrica Maria Mazzacane - REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA SEZIONE PERSONA E FAMIGLIA composta dai magistrati: Enrica Maria Mazzacane - Presidente - Mariagiulia De Marco - Consigliere rel.

Dettagli

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n.

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. 581 In termini generali la protezione del diritto d autore del software

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 Lavoro - Mobbing - Pagamento del premio di rendimento - Note di qualifica del datore - Valutazione mediocre del dipendente Svolgimento del processo

Dettagli

2 2 1 5 0 / 5 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE LAVORO SENTENZA. rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata

2 2 1 5 0 / 5 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE LAVORO SENTENZA. rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata AULA 'A' 29 OTT. 2015 2 2 1 5 0 / 5 REPUBBLICA ITALIANA OggetLo IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: R.G.N. 17608/2010 C.ron.

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

La gratuità è giustificata solo dalla rigorosa dimostrazione di una finalità di carattere solidaristico derivante dalla comunanza di vita e interessi

La gratuità è giustificata solo dalla rigorosa dimostrazione di una finalità di carattere solidaristico derivante dalla comunanza di vita e interessi Cassazione: lavorare per il partner non vuol dire lavorare gratis La gratuità è giustificata solo dalla rigorosa dimostrazione di una finalità di carattere solidaristico derivante dalla comunanza di vita

Dettagli

RETRIBUZIONI MINIME INDIPENDENTI DA ISCRIZIONE DATORE AL SINDACATO

RETRIBUZIONI MINIME INDIPENDENTI DA ISCRIZIONE DATORE AL SINDACATO RETRIBUZIONI MINIME INDIPENDENTI DA ISCRIZIONE DATORE AL SINDACATO Ud. 07/04/10 R.G.N. 26789/2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE CIVILE Dott. Giuseppe Salmè - Presidente - Dott. Salvatore Salvago

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

*** SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE. Sentenza 7 novembre 2014, n. 23791 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

*** SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE. Sentenza 7 novembre 2014, n. 23791 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO «E risarcibile il danno da perdita di chances lavorative anche per il disoccupato» (Cass. civ., sez. III, sent. 7 novembre 2014, n. 23791) Danno da perdità di chances capacità lavorativa risarcibilità

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, 12 NOVEMBRE 2013 N. 25410 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, 12 NOVEMBRE 2013 N. 25410 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, 12 NOVEMBRE 2013 N. 25410 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. SEGRETO Antonio - Presidente - Dott.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLOITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLOITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO COMUNITA' EUROPEA - DANNI IN MATERIA CIVo E PEN. Casso civo Sez. lavoro, 03-06-2009, n. 12814 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLOITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli

Dettagli