PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli"

Transcript

1 PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli RELAZIONE ILLUSTRATIVA Secondo le rilevazioni statistiche, la rottura dei legami familiari è un fenomeno sociale che riguarda un numero sempre maggiore di famiglie e i primi ad esserne coinvolti, oltre alla coppia, sono i figli, in particolare quelli minorenni. L ultima rilevazione nazionale ISTAT del 27 maggio 2013 riferita all anno 2011, vede in continua crescita i tassi di separazione dei coniugi che da 158 separazioni e 80 divorzi ogni matrimoni nel 1995 sono passati a 311 separazioni e 182 divorzi nel Solo nel 2011 le separazioni sono state pari a e i divorzi a , per un numero complessivo pari a Il 72% delle separazioni e il 62,7% dei divorzi hanno riguardato coppie con figli avuti durante il matrimonio. Il 90,3% delle separazioni di coppie e il 77,6% dei divorzi con figli è avvenuto in regime di affido condiviso, modalità ampiamente prevalente dopo l introduzione della Legge 54/2006. Secondo la Legge 54/2006 entrambi i genitori esercitano la potestà genitoriale e devono provvedere al sostentamento economico dei figli in misura proporzionale al reddito, mentre è facoltà del giudice stabilire un assegno periodico a favore dei figli. Quest ultimo è corrisposto, nel 96% dei casi, dal genitore che non vive stabilmente con i figli (generalmente il padre) per un importo medio, nel nord del paese, di circa 652 mensili contro la media nazionale di 529. Con riferimento a quanto sopra esposto e al fine di completare l esposizione dello scenario economico, va aggiunto che nel 57,6% delle separazioni la casa è assegnata in godimento a un solo coniuge mentre l altro (sempre generalmente il padre), anche se proprietario o comproprietario della casa, è costretto a ricercare una nuova soluzione abitativa, con un onere economico che, a titolo esemplificativo a Milano è stimato in 158 al mq per anno (Fonte CCIAA Milano sul primo semestre 2012). A detta spesa si aggiungono, in diverse circostanze, sia gli impegni di natura finanziaria prima contratti per l acquisto della casa familiare (oramai non più usufruita) per un importo medio di 700 mensili e una durata di 23 anni e 5 mesi (Fonte Rapporto Immobiliare 2012 dell Agenzia del Territorio e ABI) sia gli oneri legali richiesti dalla procedura di separazione/divorzio

2 ( per separazioni consensuali o divorzi congiunti / per separazioni o divorzi giudiziali Fonte Borsa Italiana S.p.A. Marzo 2013). Per il genitore non assegnatario della casa familiare, le risorse economiche restano generalmente le stesse di cui disponeva prima della separazione, mentre dopo, le spese aumentano in misura esponenziale (assegno periodico + canone d affitto + impegni finanziari per acquisto casa familiare + oneri legali). Non sono poche le situazioni in cui si vede costretto ad essere ospitato dalla famiglia d origine, parenti, amici, colleghi o, in altre circostanze, da Enti caritatevoli perché impossibilitato a sostenere il carico economico per una nuova abitazione da destinare alle frequentazioni con i figli. Le problematiche di ordine economico hanno una forte rilevanza, ma ancora più evidenti sono i cambiamenti che coinvolgono la sfera relazionale. La non coabitazione con i figli e l assenza di una casa, alterano, nella quotidianità, i rapporti genitoriali e fanno emergere grosse difficoltà nel mantenimento di rapporti equilibrati e sereni tra genitori e figli. In Regione Lombardia, i dati Istat 2011, fotografano in il numero di separazioni e divorzi con figli e in il numero di figli minori coinvolti. La percentuale di affidi condivisi (ad entrambi i genitori), sempre in Regione Lombardia, è pari al 91,5% nelle separazioni e al 77,6% nei divorzi. Nel periodo , sempre sul territorio lombardo vi sono stati tra separazioni e divorzi e minori coinvolti nel fenomeno della disgregazione della propria famiglia. Dall ultimo report dell Osservatorio Minori Regione Lombardia del febbraio 2011, ogni anno aumentano le coppie che divorziano. Sull intero territorio nazionale, il numero di divorzi concessi ha fatto registrare un incremento del 35% tra il 2000 e il 2007 mentre solo in Lombardia la crescita, analizzata nello stesso periodo, è salita al 42,5%. Sempre dal report dell Osservatorio Minori Regione Lombardia, si evince che <<il divorzio dei genitori può causare una riduzione delle risorse economiche disponibili per la famiglia e per il minorenne che ne fa parte>>. Le stime fotografate, mostrano che i figli coinvolti nei procedimenti di separazione dei genitori vivono in nuclei monogenitoriali che, mediamente, hanno a disposizione un reddito più basso rispetto alle altre famiglie. Tutto questo incide sulla capacità di spesa riguardante voci fondamentali come: salute, istruzione, alimentazione, abbigliamento, pagamento delle tasse Tra i profili familiari a maggior rischio, la mono-genitorialità è associata ad un rischio di povertà.

3 Nel complesso il disagio economico accusato da entrambi i genitori e dai loro figli, quale conseguenza della disgregazione familiare, in molte circostanze, diventa causa di esclusione sociale come indicato nel Quarto Rapporto ORES 2011 Pubblicazione Febbraio 2013 L esclusione sociale in Lombardia che evidenzia come la separazione e il divorzio sono quasi sempre evento primo a seguito del quale emergono altre problematiche come l insufficienza del reddito, la perdita del lavoro, il peggioramento dello stato di salute psico-fisico, l abbandono scolastico, la disoccupazione e il disorientamento giovanile. In Lombardia, come riportato nell all.to A della Deliberazione di Giunta X/144 del Determinazione per l attuazione d interventi e misure a favore dei genitori separati con figli minori con particolare riferimento alle situazioni di fragilità, vi sono ,00 famiglie separate o divorziate di cui circa il 60% con figli, quindi oltre di genitori, i cui problemi ricadono sulle spalle di nonni, altri familiari, nuovi partner e di Enti caritatevoli. La finalità che il presente Progetto di Legge intende perseguire è quella di promuovere azioni dirette a garantire la piena espressione del ruolo genitoriale, la prosecuzione di un esistenza dignitosa ed il recupero dell autonomia abitativa in caso di separazione o divorzio, il tutto nell esclusivo interesse dei figli salvaguardando il loro diritto a conservare significative relazioni con entrambi i genitori e sottraendoli al rischio di esclusione sociale.

4 Progetto di Legge Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli Art. 1 Finalità 1. Regione Lombardia, ai sensi dell art. 1 comma 1 della legge 8 febbraio 2006 n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli, della legge regionale 6 dicembre 1999 n. 23 Politiche regionali per la famiglia, riconosce i diritti del minore e l importanza del ruolo genitoriale nelle diverse fasi della sua crescita fisica e psicofisica. 2. La Regione intende promuovere azioni specifiche, in favore dei genitori separati/divorziati, finalizzate a garantire la centralità del loro ruolo nella vita dei figli, la prosecuzione di un esistenza dignitosa e il recupero dell autonomia abitativa. Art. 2 Destinatari 1. I destinatari di tale legge sono i coniugi con figli separati/divorziati in situazione di difficoltà economica, cittadini italiani residenti in Lombardia da almeno 5 anni, che contribuiscono al mantenimento dei figli non ancora economicamente indipendenti e comunque non oltre i 25 anni di età. 2. Restano esclusi dai benefici di cui alla presente legge i genitori che: a) non esercitano la propria funzione genitoriale ed educativa nei confronti dei figli; b) non adempiono ai propri doveri di cura e di mantenimento nei riguardi dei figli, violando i provvedimenti dell autorità giudiziaria, fatto salvo per coloro ai quali sia accertato e appositamente documentato che le prescrizioni giudiziarie di carattere economico, determinino una disponibilità reddituale residua pari o inferiore all importo stabilito per l Assegno Sociale Minimo. Art. 3 Patto per la bi-genitorialità 1. La Regione Lombardia promuove il coinvolgimento e la collaborazione tra Asl, Enti Locali, Istituzioni pubbliche e private, Associazioni regolarmente iscritte al registro del volontariato regionale e provinciale, per la realizzazione d interventi integrati sul territorio.

5 2. Il Patto per la bi-genitorialità è lo strumento attraverso il quale Regione Lombardia, con delibera della Giunta regionale n. X/144 del , ha definito le modalità, le azioni, i soggetti da coinvolgere, le procedure per la sua sottoscrizione e le modalità applicative dello stesso per il raggiungimento delle finalità della presente legge. Art. 4 Competenze della Regione 1. Regione Lombardia promuove presso le Istituzioni Scolastiche, le Aziende Sanitarie, gli Ordini professionali e gli Enti Locali, la comunicazione, a entrambi i genitori non più conviventi, delle informazioni riguardanti l istruzione, la salute e la residenza dei figli minori, mediante: a) la previsione di strumenti che assicurino l informazione e il coinvolgimento di entrambi i genitori alla vita scolastica del figlio; b) l attività di formazione, riguardante le problematiche relative al disagio dei minori conseguente alla separazione dei genitori; c) il coordinamento delle Istituzioni pubbliche finalizzato ad accertare la condivisione di entrambi i genitori, su ogni decisione riguardante la residenza del minore; d) la comunicazione, a entrambi i genitori, delle informazioni riguardanti la salute dei figli minori, promuovendo le attività connesse degli Ordini professionali sanitari (medici e psicologi) e dei loro iscritti. Art. 5 Centri di Assistenza e Centri Mediazione Familiari 1. Regione Lombardia persegue politiche di prevenzione, protezione a sostegno della famiglia e del ruolo genitoriale, organizzando, presso consultori pubblici e privati, Centri di Assistenza e Centri di Mediazione Familiare. 2. I servizi di cui al comma precedente sono destinati, oltre che ai beneficiari dell art. 2 della presente Legge, al genitore che dimostra di trovarsi in fase di separazione o divorzio. 3. I Centri di Assistenza propongono percorsi diretti al superamento delle difficoltà, al recupero della propria autonomia e al mantenimento del ruolo genitoriale. Offrono servizi informativi di consulenza legale, psicologica, sociale, genitoriale con particolare attenzione alle situazioni di fragilità e conflitto familiare nonché di orientamento ai Centri di Mediazione.

6 4. I Centri di Mediazione Familiare sostengono la coppia genitoriale nella realizzazione di un Progetto Educativo finalizzato alla riduzione del conflitto e a un rapporto equilibrato e continuativo dei figli con entrambi i genitori e ciascun ramo parentale. 5. Per attuare le finalità del presente articolo, Regione Lombardia: a) organizza all interno dei consultori, spazi ben visibili e identificabili, dedicati alle relazioni familiari; b) promuove, nell ambito degli spazi di cui alla lettera a), iniziative volte a favorire l auto-mutuo-aiuto tra gruppi di genitori, anche attraverso il coinvolgimento delle Associazioni di genitori separati iscritte al registro del volontariato della Regione o della Provincia; c) attiva un centralino telefonico con numero verde, attraverso il quale accogliere, orientare e informare i cittadini. Art. 6 Interventi di Sostegno abitativo 1. Regione Lombardia sostiene il diritto all abitazione del genitore che non usufruisce dell assegnazione dell abitazione familiare, anche se di proprietà, attraverso: a) l attribuzione, nell ambito dell accesso alle graduatorie per l assegnazione di alloggi di edilizia sociale o convenzionata, di uno specifico punteggio premiale equiparato a quello riconosciuto per gli sfratti esecutivi; b) la promozione di protocolli d intesa con gli Enti Locali, le Istituzioni pubbliche e private per la concessione ai destinatari della presente legge, di alloggi a un canone agevolato nel contesto abitativo del minore o comunque nelle sue immediate vicinanze, al fine di facilitare la relazione genitore-figlio. c) l assegnazione di alloggi in deroga per i beneficiari della presente Legge di cui all art.2) per un periodo massimo di 36 mesi. Art. 7 Interventi di sostegno economico 1. Regione Lombardia promuove e sostiene economicamente i beneficiari della presente Legge di cui all art.2) che si trovano in situazione di grave e comprovato disagio economico, attraverso l individuazione d interventi e criteri di concessione temporanea di contributi

7 finalizzati al recupero e alla conservazione dell autonomia e di un esistenza dignitosa, in particolare attraverso le seguenti modalità: a) sostegno al reddito, per un massimo di 18 mesi, destinato al genitore che non usufruisce dell assegnazione dell abitazione familiare, al fine di supportare il canone di affitto qualora non siano stati effettuati a suo favore gli interventi di cui all art. 6; b) sostengo al reddito, per un massimo di 18 mesi, destinato al genitore convivente con i figli, nel caso il genitore tenuto al versamento dell assegno di mantenimento abbia perso il lavoro, si trovi in cassa integrazione o in mobilità o sia impossibilitato a mantenere i figli, qualora venga accertato e documentato che le prescrizioni di carattere economico derivanti dai provvedimenti dell autorità giudiziaria, determinino una disponibilità reddituale residua pari o inferiore all importo stabilito per l Assegno Sociale Minimo. Art. 8 Credito Agevolato 1. La Regione promuove protocolli tra le Istituzioni pubbliche e private per facilitare l accesso al credito. Art. 9 Modalità attuative 1. Al fine del presente provvedimento concorreranno nel calcolo dell ISEE, per misurare lo stato di disagio economico dei destinatari di cui all art. 2, l ammontare dell assegno di mantenimento e l assegnazione della casa, anche se di proprietà di uno o entrambi i coniugi. Art. 10 Monitoraggio e valutazione 1. La Regione svolge un azione puntuale di monitoraggio delle risorse erogate e dei dati raccolti tramite l Osservatorio Regionale sui Minori e l Osservatorio Regionale sull Esclusione Sociale. 2. Entro sei mesi dall entrata in vigore della presente Legge, la Regione, in accordo con gli Osservatori di cui al comma precedente e coinvolgendo le Associazioni di genitori separati/divorziati iscritte al registro del volontariato regionale o provinciale, regolamenta e

8 istituisce un Tavolo per la Bi-genitorialità che analizza i dati e i risultati delle misure adottate ai fini del presente testo normativo. 3. Il Tavolo per la Bi-genitorialità è costituito da rappresentanti istituzionali e delle Associazioni di cui al comma precedente e riferisce annualmente sulla attività espletata alla Commissione consiliare competente. Art. 11 Contrattazione collettiva del lavoro 1. La Regione, al fine di agevolare le necessità di cura e i tempi di frequentazione dei genitori con i figli, come stabilito dai provvedimenti giudiziari, promuove protocolli d intesa tra Enti locali, Istituzioni pubbliche e private e ogni altro soggetto interessato per l attivazione, nell ambito della contrattazione collettiva decentrata, di strumenti di flessibilità degli orari di lavoro. Art. 12 Divulgazione 1. Gli interventi, i servizi alla persona e alla coppia genitoriale di cui alla presente Legge e il numero verde di cui all articolo 5, comma 5 punto c), sono pubblicizzati e divulgati presso gli Enti territoriali di Regione Lombardia. Art. 13 Norma finanziaria 1. Per l anno 2013 lo stanziamento di competenza per l attuazione degli oneri derivanti dalla presente legge di cui all art. 7 - Interventi di sostegno economico - è individuato in ,00 (unmilione/00) a cui si provvede con le risorse stanziate alla Missione 12, Programma 5, del bilancio di previsione Per gli anni successivi gli oneri derivanti dall attuazione della presente Legge si provvede con risorse annualmente stanziate alla Missione 12 (Diritti sociali Politiche per la famiglia) Programma 5 (Interventi per le famiglie).

9 Art. 14 Entrata in vigore 1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo alla data di pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia. 2. La Giunta regionale ai sensi dell art. 5 definisce le modalità operative e individua i necessari adempimenti istruttori per l attuazione degli interventi di cui agli artt. 6, 7 e 8. I consiglieri: Antonio SAGGESE (Maroni Presidente) Silvana SANTISI SAITA (Lega Nord) Fabio Rolfi (Lega Nord)

Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015

Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015 Allegato A Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015 1. Premessa Con la D.g.r. 2513 del 17/10/2014 si è data una prima attuazione alla legge regionale n. 18 del 24 giugno 2014 Norme a tutela

Dettagli

AVVISO PUBBLICO AI SENSI DELLA DGR 10/4/2015 N

AVVISO PUBBLICO AI SENSI DELLA DGR 10/4/2015 N ALLEGATO alla Delibera ASL n. 190 del 29/4/2015 AVVISO PUBBLICO AI SENSI DELLA DGR 10/4/2015 N. 3384 PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO A TUTELA DEI CONIUGI SEPARATI O DIVORZIATI, IN CONDIZIONE

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. L.R. 6 dicembre 1999, n. 23 "Politiche regionali per la famiglia" ed in particolare:

LA GIUNTA REGIONALE. L.R. 6 dicembre 1999, n. 23 Politiche regionali per la famiglia ed in particolare: Deliberazione Giunta Regionale 17 maggio 2013 n. 10/144 Determinazioni per l'attuazione di interventi e misure a favore dei genitori separati con figli minori, con particolare riferimento alle situazioni

Dettagli

ALL. 1. (DGR n. 3384 del 10/4/2015) INDICE:

ALL. 1. (DGR n. 3384 del 10/4/2015) INDICE: ALL. 1 AVVISO PUBBLICO CON SCADENZA 0 MAGGIO 2015 PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 24 GIUGNO 2014 Norme a tutela dei coniugi separati o divorziati

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 116 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Lazzarini, Finco, Cenci, Cappon, Caner, Baggio, Corazzari, Furlanetto, Bozza, Possamai,

Dettagli

3. Requisiti di accesso L accesso alla misura è vincolato alla contestuale presenza dei seguenti requisiti alla data di presentazione

3. Requisiti di accesso L accesso alla misura è vincolato alla contestuale presenza dei seguenti requisiti alla data di presentazione Allegato 1 Avviso pubblico per l assegnazione del contributo ai sensi della LR 18/2014 Norme a tutela dei coniugi separati o divorziati in condizioni, in condizione di disagio, in particolare con figli

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA

INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA Allegato parte integrante ALLEGATO A) - Disciplina ICEF INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA VALUTAZIONE DELLA CONDIZIONE ECONOMICA FAMILIARE, AI FINI DELL AMMISSIONE AGLI ASSEGNI

Dettagli

Bando per la presentazione delle domande di finanziamento di progetti a sostegno della genitorialità ai sensi della LR 18/2014

Bando per la presentazione delle domande di finanziamento di progetti a sostegno della genitorialità ai sensi della LR 18/2014 Bando per la presentazione delle domande di finanziamento di progetti a sostegno della genitorialità ai sensi della LR 18/2014 1. Premessa Con la legge regionale n. 18 del 24 giugno 2014 Norme a tutela

Dettagli

Terza Commissione. Relatore: NAZZARENO SALERNO

Terza Commissione. Relatore: NAZZARENO SALERNO PROPOSTA Di legge n. 341/9^Di Iniziativa dei consiglieri REGIONALI bruni, dattolo, gallo, recante: Norme per il sostegno del coniuge separato o divorziato in situazione di difficoltà. Relatore: NAZZARENO

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

Al Signor Presidente della Giunta. Regionale della Campania. Via S. Lucia, n. Si NAPOLI. Al Presidente della VI Commissione.

Al Signor Presidente della Giunta. Regionale della Campania. Via S. Lucia, n. Si NAPOLI. Al Presidente della VI Commissione. NAPOLI Via S. Lucia, n. Si Regionale della Campania Al Signor Presidente della Giunta Prot.n. 1234 i/a IL PRSmENTE NipOll, L. / Le stesse si esprimeranno nei modi e termini previsti dal Regoiamen II Commissione

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

La Legge n. 54/2006 ha disposto che, in caso di separazione o divorzio, il giudice disponga, come regola generale, l AFFIDAMENTO CONDIVISO

La Legge n. 54/2006 ha disposto che, in caso di separazione o divorzio, il giudice disponga, come regola generale, l AFFIDAMENTO CONDIVISO La Legge n. 54/2006 ha disposto che, in caso di separazione o divorzio, il giudice disponga, come regola generale, l AFFIDAMENTO CONDIVISO in base al quale i figli restano affidati ad entrambi i genitori

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART.

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. 1 (OGGETTO) L Amministrazione Comunale di Casina condividendo le finalità

Dettagli

Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE)

Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE) REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE) (Seduta del 20 settembre 2012)

Dettagli

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa Regolamento per l Affidamento familiare dei minori Premessa L Affido familiare è regolamentato dalla Legge 4 maggio 1983n.184 Disciplina dell Adozione e dell Affidamento dei Minori, modificata dalla Legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI ECONOMICI A SOSTEGNO DELLA MATERNITA E A FAMIGLIE ECONOMICAMENTE DISAGIATE CON MINORI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI ECONOMICI A SOSTEGNO DELLA MATERNITA E A FAMIGLIE ECONOMICAMENTE DISAGIATE CON MINORI COMUNE DI CANINO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI ECONOMICI A SOSTEGNO DELLA MATERNITA E A FAMIGLIE ECONOMICAMENTE DISAGIATE CON MINORI ART. 1 Oggetto, finalità ed elementi

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 113

PROPOSTA DI LEGGE N. 113 presentata dai consiglieri Piccin, Violino 1, Barillari 2 il 17 settembre 2015 1

Dettagli

Allegato n. 1 alla Delibera del Direttore Generale n. 387 del 31/10/2014

Allegato n. 1 alla Delibera del Direttore Generale n. 387 del 31/10/2014 Allegato n. 1 alla Delibera del Direttore Generale n. 387 del 31/10/2014 Avviso Pubblico in attuazione della D.G.R. n. X/2513 DEL 17/10/2014 finalizzato alla creazione di una graduatoria di ammissione

Dettagli

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE 42 CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 220/I0093427 P.G. NELLA SEDUTA DEL 20/12/2004 A RIFERIMENTI NORMATIVI L. 285/1997, art. 4 La L. 285/1997

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

3. DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA ESPERTO ICEF

3. DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA ESPERTO ICEF 3. DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA ESPERTO ICEF Le borse di studio ed i prestiti d onore del Fondo giovani sono concessi a soggetti la cui condizione economica familiare rientra nei limiti stabiliti

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

Al Signor Presidente della Giunta. Regionale della Campania. Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI. Al Presidente della VI Commissione.

Al Signor Presidente della Giunta. Regionale della Campania. Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI. Al Presidente della VI Commissione. NAPOLI Via S. Lucia, n. 81 Regionale della Campania Al Signor Presidente della Giunta ProLn. 12341/A IL PRJSIDENTE \Japoli Le stesse si esprimeranno nei modi e termini previsti dal Regolamento_ II Commissione

Dettagli

COMUNE DI ROVIANO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEL COMUNE ALLA SPESA PER IL RICOVERO IN RSA DI PERSONE INDIGENTI

COMUNE DI ROVIANO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEL COMUNE ALLA SPESA PER IL RICOVERO IN RSA DI PERSONE INDIGENTI REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEL COMUNE ALLA SPESA PER IL RICOVERO IN RSA DI PERSONE INDIGENTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 08/04/2014 Articolo 1 Campo di intervento

Dettagli

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI ALLOGGI IN CONVENZIONE CON IL COMUNE DI VENEZIA E ALTRI ALLOGGI PER INTERVENTI DI ASSISTENZA

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU44 31/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 10-6456 Art.6 comma 8 L.184/83: approvazione criteri in materia di interventi a sostegno delle adozioni di minori

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4240 PROGETTO DI LEGGE N. 0089. di iniziativa dei Consiglieri regionale:

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4240 PROGETTO DI LEGGE N. 0089. di iniziativa dei Consiglieri regionale: REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4240 PROGETTO DI LEGGE N. 0089 di iniziativa dei Consiglieri regionale: Barboni, Girelli, Valmaggi, Alfieri, Borghetti, Gaffuri, Alloni, Brambilla,

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO 10405 10/11/2014 Identificativo Atto n. 552 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DETERMINAZIONI RELATIVE ALL ATTUAZIONE DELLA DGR 2513 DEL 17/10/2014 PRIMA ATTUA- ZIONE DELLA

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE DELIBERA

LA GIUNTA REGIONALE DELIBERA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - Serie Generale - n. 42 del 3 settembre 2014 11 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 4 agosto 2014, n. 1038. L.R. 28 novembre 2003, n. 23 e succ. mod.

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per l affidamento familiare dei minori Adottato con deliberazione consiliare n 41 del 16/03/2000 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale in data 19/12/2001

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO E indetto il bando di cui alla D.G.C. n. 91 del 07/11/2014

Dettagli

SI PREGA DI PRENDERE APPUNTAMENTO PRIMA DEL 25 NOVEMBRE 2011 AL N. 0465/339512

SI PREGA DI PRENDERE APPUNTAMENTO PRIMA DEL 25 NOVEMBRE 2011 AL N. 0465/339512 MODULO RACCOLTA DATI PER LA REDAZIONE DELLA DOMANDA DI ASSEGNO DI STUDIO - ANNO SCOLASTICO 2011/2012 COGNOME E NOME DEL SOGGETTO RICHIEDENTE (il genitore o colui che ha l esercizio della potestà o lo studente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI.

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l inserimento di anziani non autosufficienti in strutture protette

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ; DELIBERAZIONE N.1177 DEL 23/12/2005 Oggetto: L.r. 7 dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia. Individuazione degli interventi prioritari, nonché delle modalità e dei criteri di riparto

Dettagli

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Interventi di sostegno finanziario in favore delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Pubblicata

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE: A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO

PROPOSTA DI LEGGE: A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO PROPOSTA DI LEGGE: ISTITUZIONE DEL FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO SOCIO-EDUCATIVO, SCOLASTICO E FORMATIVO DEI FIGLI DELLE VITTIME D'INCIDENTI MORTALI SUL LAVORO A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME Approvato con

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova Piazza Vittorio Emanuele 46040 Monzambano tel. 0376800502 fax 0376809348 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

14 Bollettino Ufficiale

14 Bollettino Ufficiale 14 Bollettino Ufficiale D.g.r. 17 ottobre 2014 - n. X/2513 Prima attuazione della l.r. 24 giugno 2014, n. 18 «Norme a tutela dei coniugi separati o divorziati, in condizione di disagio, in particolare

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 5 13.01.2015 Bonus bebè 2015 e dichiarazione ISEE: chiarimenti sulla domanda La domanda di ammissione al bonus bebè 2015 può

Dettagli

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA A decorrere dal 1 gennaio 2007 le deduzioni per oneri di famiglia previste dall art. 12 del TUIR sono sostituite dalle detrazioni per carichi di famiglia (art. 1, co.

Dettagli

Comune di Sassari Settore Coesione sociale e Pari Opportunità

Comune di Sassari Settore Coesione sociale e Pari Opportunità CONTRIBUTI E SOSTEGNO ECONOMICO A PERSONE IN SITUAZIONE DI POVERTA' E DISAGIO PROGRAMMA REGIONALE DI CUI ALLA DGR n. 48/7 del 02/10/2015 SCHEDA INFORMATIVA CHE COS'È Il Programma Regionale prevede un sostegno

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2 4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45 famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Interventi di sostegno finanziario

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias)

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) BANDO PUBBLICO PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTA - Linea di intervento 3 - CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1501 Seduta del 13/03/2014

DELIBERAZIONE N X / 1501 Seduta del 13/03/2014 DELIBERAZIONE N X / 1501 Seduta del 13/03/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell A.G.C. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI 2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI I benefici che seguono sono continuativi. Potrebbero però modificarsi di anno in anno parte dei requisiti di accesso, periodo di raccolta delle domande e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1- Oggetto Oggetto del presente regolamento sono le modalità di accesso e i criteri di

Dettagli

COMUNE DI TAGLIACOZZO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA EX E.C.A.

COMUNE DI TAGLIACOZZO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA EX E.C.A. COMUNE DI TAGLIACOZZO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA EX E.C.A. COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA EX E.C.A. (Approvato

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A TITOLO DI PRESTITO D ONORE

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A TITOLO DI PRESTITO D ONORE COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A TITOLO DI PRESTITO D ONORE Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del /29.11.2013 INDICE GENERALE

Dettagli

Comune di Poggio a Caiano Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO E PER L EMERGENZA ABITATIVA.

Comune di Poggio a Caiano Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO E PER L EMERGENZA ABITATIVA. Comune di Poggio a Caiano Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO E PER L EMERGENZA ABITATIVA. Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 15 del 07.04.2014

Dettagli

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni:

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni: CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PONZANO VENETO E GLI ISTITUTI DI CREDITO RIGUARDANTE LE MODALITA RELATIVE ALLA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER L ACQUISTO, LA COSTRUZIONE

Dettagli

DISCIPLINARE COMUNALE

DISCIPLINARE COMUNALE COMUNE DI GESICO GESTIONE DEL PROGRAMMA REGIONALE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA LINEA D INTERVENTO 3 CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO CIVICO DISCIPLINARE COMUNALE Programma anno

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO 3478 23/04/2014 Identificativo Atto n. 214 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE MODALITA DI EROGAZIONE DELLE RISORSE RELATIVE ALL INIZIATIVA GENITORI

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) Servizio Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO

C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) Servizio Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) PIAZZA DEL COMUNE PADRIA TEL. 079/807018 FAX 079/807323 - E MAIL :SOCIALE@COMUNE.PADRIA.SS.IT Servizio Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO BANDO: PROGRAMMA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

Al Signor Presidente della Giunta. Regionale della Campania. Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI. Al Presidente della VI Commissione.

Al Signor Presidente della Giunta. Regionale della Campania. Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI. Al Presidente della VI Commissione. Regionale della Campania Al Signor Presidente della Giunta Consiqlio Regiona Ic della Ca inpan ia IL PR4S1DENTE Napoli, 1 [1 Le stesse si esprirneranno nei modi e termini previsti dal Regolamento_ II Commissione

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

COMUNE DI OBČINA MONRUPINO - REPENTABOR

COMUNE DI OBČINA MONRUPINO - REPENTABOR BANDO PER LA CORRESPONSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE DI IMMOBILI ADIBITI AD USO ABITATIVO, AI SENSI DELL ART. 11 DELLA L. 431/1998 E DELL ART. 6 DELLA L.R. 6/2003. Art.

Dettagli

PROGRAMMA EDILIZIO 3.000 CASE PER L AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETÀ

PROGRAMMA EDILIZIO 3.000 CASE PER L AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETÀ PROGRAMMA EDILIZIO 3.000 CASE PER L AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETÀ I locatari o assegnatari in godimento a termine e permanente e gli acquirenti e assegnatari in proprietà degli alloggi devono essere

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

Regolamento per l'erogazione di sussidi economici a sostegno della maternità e a famiglie economicamente disagiate con minori

Regolamento per l'erogazione di sussidi economici a sostegno della maternità e a famiglie economicamente disagiate con minori 1 ODG/PRG: 101 PG: 45008/2001 Data Seduta: 07/05/01 Data inizio vigore: 17/05/01 Regolamento per l'erogazione di sussidi economici a sostegno della maternità e a famiglie economicamente disagiate con minori

Dettagli

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF Allegato A) alla deliberazione del Comitato Esecutivo n. *** dd. **.11.2015 DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

di individuare l Az. ULSS 18 quale destinataria del contributo regionale per tutti i Comuni sottoscrittori.

di individuare l Az. ULSS 18 quale destinataria del contributo regionale per tutti i Comuni sottoscrittori. ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI DELL ULSS N 18 PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI ECONOMICI LEGATI ALLA TUTELA DEI MINORI (rette per inserimento in struttura di minori e contributi per le famiglie

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA

PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA COMUNE DI DOLO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA Approvato con delibera C.C. n. 77 del 22.11.2012 Modificato con

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE LECCE 1

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE LECCE 1 AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 1 ARNEO CAVALLINO LEQUILE LIZZANELLO MONTERONI CESARIO AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DELL ASSEGNO DI CURA A PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Finalità Rimuovere ovvero ridurre

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEL BUONO CASA PER LE GIOVANI COPPIE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEL BUONO CASA PER LE GIOVANI COPPIE COMUNE DI CAGLIARI Assessorato delle Politiche Sociali Area dei Servizi al cittadino Servizi Socio Assistenziali ed Asili Nido BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEL BUONO CASA PER LE GIOVANI COPPIE Ai sensi di

Dettagli

BANDO CONTRIBUTO COMUNALE PER AFFITTO ANNO 2015

BANDO CONTRIBUTO COMUNALE PER AFFITTO ANNO 2015 COMUNE DI CORTE FRANCA (Provincia di Brescia) BANDO CONTRIBUTO COMUNALE PER AFFITTO ANNO 2015 In esecuzione della Deliberazione di Giunta Comunale n. 187 del 15/12/2015 è indetto nel limite di spesa per

Dettagli

Entrata in vigore. Art. 2

Entrata in vigore. Art. 2 Regolamento per la determinazione dei criteri di riparto, della misura, delle modalità e dei criteri per la concessione dei benefici da destinare al sostegno delle famiglie per adozioni e affidamento familiare

Dettagli

AFFIDO CONDIVISO Diversamente genitori. Avvocato Cristina Ceci 1

AFFIDO CONDIVISO Diversamente genitori. Avvocato Cristina Ceci 1 AFFIDO CONDIVISO Diversamente genitori 1 Legge n. 54 del 2006 Diritto alla bigenitorialità Tipi di affidamento Esercizio della potestà I tempi dei figli Assegnazione della casa familiare Assegno di mantenimento

Dettagli

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI DI TIPO SOCIO-ASSISTENZIALE AI CITTADINI E ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO ART. 1- OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

U N I O N E C O M U N I D O G L I A S T R A ( O G )

U N I O N E C O M U N I D O G L I A S T R A ( O G ) U N I O N E C O M U N I D O G L I A S T R A ( O G ) COMUNE DI ELINI COMUNE DI ARZANA COMUNE DI LANUSEI COMUNE DI LOCERI COMUNE DI BARI SARDO COMUNE DI ILBONO PROGETTO SPERIMENTALE CONTRO LE POVERTÀ ESTREME

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE Ascolto, attenzione, accompagnamento verso il bisogno primario della casa. Questo è l impegno costante che Regione Lombardia garantisce alle giovani

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ********** Allegato sub A alla deliberazione C.C. n. 70 del 26 maggio 2003 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI NEL CAMPO DEI SERVIZI SOCIALI Premessa

Dettagli

ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE

ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE Approvato con D.C.C. n. 169 del 09.11.1995 e D.C.C. n. 6 del 13.02.1996 esecutive FINALITÀ Art. 1 1. La legge 142/90 e lo Statuto Comunale pongono a carico delle

Dettagli

DGR 2889 DD. 26.9.2003

DGR 2889 DD. 26.9.2003 DGR 2889 DD. 26.9.2003 VISTO il documento di indirizzo programmatico per l anno 2003 predisposto, ai sensi dell art. 6 della L.R. 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni, dalla

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO _Alonte, Asigliano Veneto, Orgiano, Pojana Maggiore_ REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 39

Dettagli

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI RESPONSABILITA FAMILIARI Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Annamaria Neri - Giovanna Canfora - Raffaella Scotto Di Ciccariello Franco Napolitano

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NELLE FASCE CONTRIBUTIVE A.A. 2012-2013 ART.1- DESTINATARI

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NELLE FASCE CONTRIBUTIVE A.A. 2012-2013 ART.1- DESTINATARI REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NELLE FASCE CONTRIBUTIVE A.A. 2012-2013 ART.1- DESTINATARI Gli studenti iscritti ad un corso di laurea di primo livello o ad un corso di laurea specialistica/magistrale o

Dettagli