MECHANICHAL CHARACTERIZATION OF SOME ROMAN ADOBE MASONRIES AT THE ARCHAEOLOGICAL SITE OF SUASA (AN)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MECHANICHAL CHARACTERIZATION OF SOME ROMAN ADOBE MASONRIES AT THE ARCHAEOLOGICAL SITE OF SUASA (AN)"

Transcript

1 Stefano Lenci Enrico Quagliarini 1. Introduction The adobe constructive technique has undoubted advantages with respect to other modern constructive techniques, as comfort for the living spaces and the respect of the external environment. In terms of thermal performances [1-4] the adobe technique allows good thermal insulation capacities of the buildings. Some studies have investigated also the choice of the optimal type of clay for adobe bricks with or without the use of stabilizers [5-6]. These can be natural or artificial [7-9] and they influence the technological and mechanical properties. Recent studies [10-13] on the mechanical performances of the earthen bricks have mainly focused their investigations on the influence of the quantity and type of constituents on these properties. In [10] it is shown that the utilization of plastic fibres increases the compressive strength in comparison to the use of straw fibres. Some researches highlighted that the increase of straw fibres decrease the compressive strength [11-12] and the weight of the specimens, but the strain capacity raises. Another study [13] showed that the compressive strength raises with the decrement of the aspect ratio, namely, the ratio between the height and the thickness of the sample. The determination of the mechanical behaviour of the adobe constructive system is also at the base of the preservation and of the repair of the cultural heritage that is made by this constructive technique. In this paper we summarize the researches which we have been done on this subject. More details are reported in [14, 15]. 2. Object, aims, materials and methods 2.1 Object and aims In the context of the cultural heritage it has been of great importance the recent discovery in the archaeological site of Suasa (AN) (Fig. 1a) of a house of Republican age with Roman adobe walls [14, 15]. In fact, while it has been accepted that such techniques have been widely used in Roman times [16], the current archaeological evidences of a their use are today very scarce. The average dimensions of the original blocks are 0.31 m of thickness, 0.46 m of length and 0.13 m of height (Fig. 1b). To understand the influence of the quantity of constituents on the mechanical properties of the earthen specimens, a parametric analysis starting from the results obtained by compression tests has been performed. Also shear tests have been executed. MECHANICHAL CHARACTERIZATION OF SOME ROMAN ADOBE MASONRIES AT THE ARCHAEOLOGICAL SITE OF SUASA (AN) Fig. 1 - The archaeological site of Suasa (a) and the Roman adobe walls (b). Others goals of the research have been to support the archaeological hypotheses of reconstruction of the ancient structures, and the improvement of the knowledge on adobe masonries. 2.2 Materials The materials used to build the earthen specimens for the present experimental campaign [14-15] have been clay, coarse sand and straw fibre. The clay has been analyzed from the point of view of dimensional distribution of particles according to the ASTM D2487, and it is found to belong to the group of lean clay with sand (CL) (Table 1). The coarse sand used as a stabilizer belongs to the group of well graded sand with gravel (SW), according to the ASTM D2487 (Table 1). Straw fibres reduce the effect of the thermo- hygrometric shrinkage. Tab. 1 - Dimensional distribution of the grain of the clay and of the coarse sand. 2.3 Methods Manufacturing process It has been considered a local constructive technique in adobe used in the Roman age, and in the manufacturing process the earth coming from the neighbourhoods of the archaeological site has been used. A mechanical mixer has been used to obtain ten different mixtures (Tab. 2) considered in the parametric analysis, which is aimed at evaluating the workability and, mainly, the influence of the constituents. The mixtures have been compacted by hands within the formworks; 72 earthen blocks (31x46x13) cm of different compositions have been made (Fig. 2). The earthen blocks have been put in a seasoning place with a temperature of 26 C and an average relative humidity of 47% [14, 15]. Tab. 2 - Volume fractions of the constituents of the considered mixtures. Volume fraction of earth (C E), straw fibres (C S) and coarse sand (C C). Mixture of earth is called (E) Compression tests on blocks 012

2 The blocks (15x23x13)cm have been obtained by dividing in four parts the bricks (Fig. 3a); 80 blocks have been tested [14]. A layer of sand has been put on the lower steel plate in order to lay samples flat; a transparent film has been put on the sand. After block positioning, it has been put a transparent film over it and a sand layer again. An hydraulic press has been used for compression tests on blocks. This machine permits to apply the displacement and, with the use of a load cell, to measure the vertical force Compression tests on bricks Another hydraulic press has been utilized to apply the compressive force and the values of the imposed vertical force and the resulting displacements have been recorded up to the breaking. The preparation of each brick (31x46x13)cm inside the press has been similar to that of compression tests for blocks. Two tests have been considered for each composition for a total of 20 bricks Compression tests on adobe walls Two walls of composition (E+C+0.5S), denominated wall 1 and wall 2, have been tested by monotonic compressive tests [15]. The average size of each wall was about (31x69 39)cm. Each wall was placed on the chassis used for the test. A metal plate has been positioned on the top of each wall sample to uniformly distribute the vertical force. Four hydraulic jacks of a maximum load of 500 KN each were arranged to give the vertical load (Fig. 4). Four vertical transducers were placed on the first upper steel plate to detect vertical displacements [15] Shear tests on adobe walls Two walls [15] of composition (E+C+0.5S), denominated wall 3 and wall 4, of dimensions (31x69 39)cm have been submitted to the shear test (Fig. 5). It was decided to use a constant compression value equal to 0.2 MPa for the first shear test (wall 3), while for the second shear test (wall 4) it was decided to use a double value equal to 0.4 MPa, to evaluate a first relation between vertical compression and tangential strength of the sample Considered predictive models The earthen specimens have been considered as a composite material made of three phases: earth, coarse sand and straw fibre. The mechanical models [17] utilized for the prediction of elastic properties of materials of different compositions Fig. 4 - An adobe brick (31x46x13)cm after the moulding process. Contrarily to the model of Voigt, the model of Reuss (1929) [17] assumes that the phases of composite material are subjected to an uniform stress, σ (composite) = σ (earth) = σ (c.sand ) = σ (straw) (4) It follows that the compliance tensor S = C- 1 of the composite material is: S = cearth S (earth) + cc.sand S (c.sand ) + cstraw S (straw) (5) where ci and S(i) are the volume fractions and the compliance tensors of the i- phase, respectively. In particular, from the previous relation the Fig. 2 - An adobe brick (31x46x13)cm after the moulding process. Fig. 3 - Some blocks (15x23x13)cm (a) and a compression test on a block (b). have been those proposed by Voigt, Reuss and Hill. The model of Voigt has been introduced in 1889 [17] to the estimate the elastic properties of polycrystalline materials. It assumes that the strain is constant in the specimen, namely: ε (composite) = ε (earth) = ε (c.sand ) = ε (straw) (1) It follows that the elasticity tensor C of the composite material is: C = cearth C (earth) + cc.sand C (c.sand ) + cstraw C (straw) (2) where ci and C(i) are the volume fractions and the elasticity tensors of the i- phase, respectively. In particular, from the previous relation the predicted elastic modulus E of the composite is: E = cearth E (earth) + cc.sand E (c.sand ) + cstraw E (straw) (3) Fig. 5 - A shear test on an adobe wall predicted elastic modulus E of the composite is: 1 / E = cearth / E (earth) + cc.sand / E (c.sand ) + cstraw / E (straw) (6) Based on this consideration, Hill s model [17] suggests to consider the average value of the Voigt and the Reuss models as a good estimation of the elastic modulus of the composite material (Fig. 6) Assessment of the mechanical properties of adobe walls Starting from the Hill s elastic modulus, the stress of first cracking of blocks has been calculated with the help of the corresponding average experimental strain, through the Hooke s Law: σ el = EH εel (7) This choice is motivated by the fact, contrarily to stresses, the average strains at the end of the elastic behaviour seem to not depend on the type Fig. 6 - The elastic modulus of the Voigt, Hill and Reuss models in a generic composite material with an unique type of inclusions. c i = volume fraction of inclusions (fibres); E m = elastic modulus of the matrix; E f = elastic modulus of the fibres. 013

3 Tab. 3 - Mechanical properties of the blocks (15x23x13)cm values within each composition (Tab. 3). The water content has been equal to 2%- 3% by weight. The average compressive strength has been equal to 2.56 MPa; similar values of compressive strength are showed in literature [10, 12]. The average value of the strain corresponding to the end of the elastic behaviour (σel), considering all the specimens, has been equal to The average stress at the end of the elastic behaviour (σel) has been equal to 1.12 MPa. The content of the coarse sand mainly affects the value of the elastic modulus, while the content of the straw fibres mainly affects the strain performances (Tab. 3). 3.2 Tests on bricks The failure mode of the bricks (31x46x13)cm has been similar to that of the blocks (15x23x13)cm. The mechanical properties of bricks are shown in Tab. 4. The water content has been similar to that of blocks. The average compressive strength has been equal to 6.61 MPa and the average Young s modulus has been equal to 71 MPa. It is worth to note that both for blocks and for bricks the largest elastic modulus has been that of earth (E). The elastic modulus significantly depends on the content of coarse sand (Tab. 4). 3.3 Tests on adobe walls The way of breaking of these walls [15] has been characterized by the detachment of each lateral external side (Fig. 8). The average value of the first cracking tension (σfirst cracking) has been observed to be equal to MPa and the average value of the compressive strength (σmax) has been calculated to be equal to about 1 MPa, a value similar to those reported in literature [18]. Considering the average first cracking tension, the scale factors between the blocks and the walls has been: (s. f.) = σ el / σ el W = / (9) Tab. 4 - Average mechanical properties of the earth bricks (31x46x13)cm. of the mixture: the different compositions have similar values of, as can be seen in Tab. 6. It has been assumed that the adobe buildings did not reach the first cracking threshold in static operative conditions. To determine the first cracking tensions of adobe walls made of different compositions, the experimental scale factor 3. Compression tests 3.1 Tests on blocks The failure mode of the blocks (15x23x13 cm) has been characterized by the detachment of the external faces and by a less damaged internal core (Fig. 7), a consequence of the manual compaction. To compare the mechanical properties of the blocks has been necessary to define a nominal (s. f.) = σ el / σ el W (8) With the increment of the aspect ratio the compressive strength and the average strain performances decrease, as it has been highlighted in [13], because the influence of the friction is less relevant than the case with low value of aspect ratio. 4. Shear tests The wall samples subjected to shear tests have been characterized (Fig. 9) by a first phase in which the horizontal force has been transferred only by friction, a second step in which the first cracks appeared and a last phase with the complete rupture of the wall [15]. The compression stress applied to the wall samples has been equal to 0.20 MPa for the wall 3 and equal to 0.40 MPa for the wall 4. The shear strength of the first wall has been equal to 0.14 MPa and it has been equal to 0.26 MPa for the second one; so a proportional law seems to regulate the relation between the maximum value of the mean tangential tensions and the compression tension, according to a frictional type law of resistance. Tab. 5 - Theoretical and experimental values of Young s modulus of the blocks has been used. It has been determined experimentally for the unique composition with which we made a wall, and this value is assumed to the valid for the other compositions. 014 ultimate strain, called εc and corresponding to the strain where the stress in the softening branch is 82% of the maximum stress [14]. The values of the mechanical properties have been calculated as average values, starting from the experimental 5. Use of predictive models To verify the applicability of the predictive models to the considered material, a comparison between the experimental elastic modulus of the blocks and their theoretical values has been done. The values of,and have been selected as those which

4 minimize the error between the experimental elastic modulus and the Hill s prediction: The experimental values of Young s modulus (Tab. 5 and Fig. 10) showed a very good agreement with the theoretically predicted Hill s values. The elastic modulus calculated by the Hill s model (EH) has been used to compute the stress at the end of the elastic behaviour of generic blocks (see eq. (7)). Then, the scale factor (9) has been used to compute the σel- W of the adobe walls made of the corresponding composition (Tab. 6). 6. Supporting the archaeological hypotheses To support the archaeological hypotheses of reconstruction of the ancient Roman structures, it has been necessary to establish a realistic technological- constructive system [15]. If we consider, for example, the 1/6- depth eccentricity of the floor s and roof s loads, the stress at the basis will be equal to 0.29 MPa in the worst situation (Tab. 7). It is less than the experimental first cracking stress, equal to MPa, so that it has been possible to assert that a two- storey configuration of the Republican domus of Suasa is certainly statically admissible [15]. 7. Conclusions The mechanical properties of the earthen specimens of different dimensions and various compositions have been investigated. The experimental compression strength raises with the reduction of the aspect ratio of the specimens. A general conclusion is that the increment of the volume fraction of coarse sand causes an increment of the Young s modulus and the straw fibres content is relevant for the strain performances. It has been possible to determine a proportional (frictional type) law that seems to regulate the relation between the maximum value of the mean tangential tensions and the vertical stress applied to the wall samples. The applicability of some predictive models, developed for the modern composite materials, to the earth with straw has been an another important goal of the research. The use of the considered theoretical models allowed to extend the experimental data. By a combined approach based on technological considerations, experimental data and theoretical results, it has been validated by the structural point of view the existence of a two- level configuration of a Roman adobe domus. The proposed results improve the knowledge on the mechanical behaviour of the adobe walls; the considered methodology could be the starting point for further deepening studies. ACKNOWLEDGEMENTS Authors wish to thank the technicians A. Conti, F. Rinaldi, U. Taddei of the Laboratory of the Department of Architecture, Buildings and Structures and R. Mancini of FIMeT s Laboratory (Polytechnic University of Marche) for the experimental campaign. Tab. 6 - Experimental elastic strain (εel), Hill s modulus (EH) and relative first cracking tension (σ el) for each type of quarter blocks. First cracking tension (σ el-w) for different types of adobe walls Tab. 7 - Analysis of the maximum compression stress at the base of the wall considering a twostorey structure. Third and fifth column: the load of the floor and the load of the roof are considered at the edge of the middle third. Fig. 8 - The breaking manner of an earthen wall at the end of the compression test. Frontal (a) and transversal view (b). Fig. 7 - The breaking manner of an earthen block REFERENCES [1] H. Binici, O. Aksogan, M. Nuri Bodur, E. Akca, S. Kapur, Thermal isolation and mechanical properties of fibre reinforced mud bricks as wall materials, Constr. Build. Mater. 2007, 21, [2] S. Goodhew, R. Griffiths, Sustainable earth Fig. 9 - The breaking manner of an earthen wall at the end of the shear test. walls to meet the building regulations, Energy and Buildings 2005, 37, [3] E.A. Adam, P.J. Jones, Thermophysical properties of stabilized soil building blocks, Building and Environment 1995, 30, [4] M.L. Parra- Saldivar, W. Batty, Thermal behaviour of adobe constructions, 015

5 Building and Environment 2006, 41, [5] M.C. Jiménez Delgado, I. Cañas Guerrero, The selection of soils for unstablised earth building: a normative review, Construction and Building Materials 2007, 21, [6] A.J. Bryan, Criteria for the suitability of soil for cement stabilization, Building and Environment 1988, 23, [7] N. Degirmenci, The using of waste phosphogypsum and natural gypsum in adobe stabilization, Construction and Building Materials 2008, 22, [8] C. Galán- Marín, C. Rivera- Gómez, J. Petric, Clay- based composite stabilized with natural polymer and fibre, Construction and Building Materials 2010, 24, [9] A. Guettala, A. Abibsi, H. Houari, Durability study of stabilized earth concrete under both laboratory and climatic conditions exposure, Construction and Building Materials 2006, 20, [10] H. Binici, O. Aksogan, T. Shah, Investigation of fibre reinforced mud brick as a building material, Construction and Building Materials 2005, 19, [11] S. Yetgin, O. Çavdar, A. Çavdar, The effects of the fibre contents on the mechanic properties of the adobes, Construction and Building Materials 2008, 22, [12] M. Bouhicha, F. Aouissi, S. Kenai, Performance of composite soil reinforced with barley straw, Cement and Concrete Composites 2005, 27, [13] J.C. Morel, A. Pkla, P. Walker, Compressive strength testing of compressed earth blocks, Construction and Building Materials 2007, 21, [14] E. Quagliarini, S. Lenci, The influence of natural stabilizers and natural fibres on the mechanical properties of ancient Roman adobe bricks, Journal of Cultural Heritage, 2010, 11, [15] E. Quagliarini, S. Lenci, M. Iorio, Mechanical properties of adobe walls in a Roman Republican domus at Suasa, Journal of Cultural Heritage, 2010, 11, [16] D. Barbaro, Lucio Vitruvio Pollione. I dieci libri dell'architettura, Il Polifilo, [17] J. Aboudi, Mechanics of composite materials A unified micromechanical approach, Studies in Applied Mechanics, Elsevier Science Publ. Co. Inc., Amsterdam, Netherlands, 1991, pp [18] H. Houben, H. Guillaud, Earth construction: a comprehensive guide, IT Publications, London, UK, CARATTERIZZAZIONE MECCANICHE DI ALCUNE MURATURE DI ADOBE NEL SITO ARCHEOLOGICO DI SUASA (AN) 1. Introduzione La tecnica costruttiva dell adobe ha indubbi vantaggi rispetto ad altre tecniche moderne, come il comfort interno e la sostenibilità. In termini di prestazioni termiche [1-4] la tecnica dell adobe permette una buona capacità di isolamento termico degli edifici. Alcuni studi hanno indagato anche la scelta del tipo ottimale di argilla per mattoni crudi con o senza l'uso di stabilizzatori [5-6]. Questi possono essere naturali o artificiali [7-9], e modificano le proprietà tecnologiche e meccaniche. Recenti studi [10-13] sulle prestazioni meccaniche dei 016 Fig Comparison between experimental and theoretical values of the Young s modulus. mattoni di terra hanno principalmente focalizzato le loro indagini sul modo con cui quantità e il tipo di componenti influenzano queste proprietà. In [10] si dimostra che l'utilizzo di fibre di plastica aumenta la resistenza alla compressione rispetto all'uso di fibre di paglia. Alcune ricerche hanno evidenziato che l'aumento di fibre di paglia diminuisce la resistenza a compressione [11-12] e il peso dei campioni, ma ne aumenta la deformazione. Un altro studio [13] ha mostrato che la resistenza a compressione aumenta al diminuire del rapporto tra l'altezza e lo spessore del campione. La conoscenza del comportamento meccanico del sistema costruttivo in adobe è anche necessaria per garantire la conservazione e il restauro dei beni culturali realizzati con questa tecnica. In questo articolo riassumiamo le ricerche condotte su questo argomento. Maggiori dettagli sono riportati in [14, 15]. 2. Oggetto, obiettivi, materiali e metodi 2.1 Oggetto e obiettivi La recente scoperta nel sito archeologico di Suasa (AN) (Fig. 1a) di una casa di età repubblicana con muri di mattoni romani [14, 15] è stata di grande importanza per il patrimonio culturale italiano. Infatti, nonostante sia stato accettato che tali tecniche sono state ampiamente utilizzate in epoca romana [16], le attuali evidenze archeologiche di un loro uso sono oggi molto scarse. Le dimensioni medie dei blocchi originali sono 0,31 m di spessore, 0,46 m di lunghezza e 0,13 m di altezza (Fig. 1b). Sono state quindi eseguite prove di compressione e di taglio per comprendere l'influenza della quantità dei costituenti sulle proprietà meccaniche dei campioni di terra. La ricerca ha anche perseguito gli obiettivi di supportare il restauro archeologico delle strutture antiche, e di migliorarne la conoscenza. 2.2 Materiali I materiali utilizzati per costruire i campioni di terra utilizzati nella campagna di sperimentazione [14-15] sono stati argilla, sabbia grossolana e fibra di paglia. L'argilla è stata analizzata dal punto di vista della distribuzione dimensionale delle particelle secondo la norma ASTM D2487, e fa parte del gruppo di "argilla magra con sabbia (CL)" (Tabella 1). La sabbia grossolana utilizzata come stabilizzatore appartiene al gruppo di "sabbie ben graduate con ghiaia (SW)", secondo la norma ASTM D2487 (Tabella 1). Le fibre di paglia riducono l'effetto del ritiro termoigrometrico. 2.3 Metodi Processo costruttivo Nella preparazione dei provini è stata utilizzata una tecnica costruttiva locale usata in epoca romana, e nel processo di fabbricazione è stato impiegata terra proveniente dalle vicinanze del sito archeologico. Sono state quindi realizzate, utilizzando un agitatore meccanico, dieci miscele diverse (Tab.2) allo scopo di analizzarle parametricamente, valutandone la lavorabilità e soprattutto l influenza dei componenti sulle proprietà del prodotto finale. Gli impasti sono stati compattati a mano all interno di casseforme; sono stati realizzati così 72 blocchi di terra (31x46x13) cm di composizioni diverse (Fig. 2). I blocchi di terra sono stati messi ad essiccare ad una temperatura di 26 C e umidità relativa media del 47% [14, 15] Prova di compressione sui blocchi I blocchi (15x23x13) cm sono stati ottenuti dividendo in quattro parti i mattoni (Fig 3a.), ottenendo 80 provini [14]. Il piatto inferiore in acciaio della macchina è stato cosparso di sabbia, sul quale è stato aggiunto un film trasparente. Dopo il posizionamento del blocco, è stata posizionata nuovamente una pellicola trasparente su di esso, e quindi uno strato di sabbia. La prova di compressione è stata quindi eseguita utilizzando una pressa idraulica. Questa macchina permette di applicare uno spostamento e di misurarne la forza verticale applicata al provino Prova di compressione sui mattoni Sempre impiegando una pressa idraulica, è stata applicata una forza di compressione sui provini, registrando l entità del carico e la deformazione risultante, fino alla rottura. La preparazione di ogni mattone (31x46x13cm) all interno della pressa è stata la stessa della prova sui blocchi precedentemente descritta. Ogni miscela è stata provata utilizzando due mattoni, per un totale di 20 provini Prova di compressione sui muri in adobe Anche due muri di composizione (E+C+0.5S), denominati wall 1 e wall 2, sono stati sottoposti ad una prova di compressone monoassiale [15]. La dimensione media dei muri è di circa (31x69x39)cm. Ogni muro è stato

6 posizionato su un chassis per eseguire il test. Su ogni muro è stato posizionato un piatto di metallo allo scopo di distribuire uniformemente la forza verticale. Il carico verticale è stato ottenuto utilizzando quattro martinetti idraulici da 500 KN ciascuno (Fig. 4). Gli spostamenti verticali sono stati individuati utilizzando quattro trasduttori posizionati sul piatto metallico superiore [15] Prova di taglio sui muri in adobe Due muri di composizione (E+C+0.5S), denominati wall 3 e wall 4, delle dimensioni di (31x69x39)cm sono stati sottoposti ad una prova di taglio (Fig. 5). Per la prima prova di taglio è stata applicata una forza di compressione costante di 0.2 MPa (wall 3), mentre per la seconda (wall 4) è stato utilizzato un valore doppio, pari a 0.4 MPa, per valutare la relazione esistente tra la compressione verticale e la forza tangenziale sul provino Modelli teorici considerati I campioni di terra sono stati considerati come un materiale composito costituito da tre fasi: terra, sabbia grossolana e fibra di paglia. I modelli meccanici [17] utilizzati per la predizione delle proprietà elastiche dei materiali di composizioni diverse sono stati quelli proposti da Voigt, Reuss e Hill. Il modello di Voigt è stato introdotto nel 1889 [17] per la ε (composite) = ε (earth) = ε (c.sand ) = ε (straw) (1) stima delle proprietà elastiche dei materiali policristallini. Si presuppone che la deformazione nel campione sia C = c earth C (earth) + c c.sand C (c.sand ) + c straw C (straw) (2) costante, e cioè: Ne consegue che il tensore di elasticità C del materiale composito sia: Dove ci e C (i) sono le frazione di volume e il tensore di E = c earth E (earth) + c c.sand E (c.sand ) + c straw E (straw) (3) elasticità della fase i- esima, rispettivamente. In particolare, dalla precedente relazione il modulo di elasticità E previsto per il composito sarà: σ (composite) = σ (earth) = σ (c.sand ) = σ (straw) (4) Contrariamente al modello di Voight, il modello di Reuss (1929) [17] assume che la fase del materiale composito è S = c earth S (earth) + c c.sand S (c.sand ) + c straw S (straw) (5) soggetta ad una tensione uniforme: Ne consegue che il tensore di cedevolezza S = C - 1 del materiale composito è: 1/ E = c earth / E (earth) + c c.sand / E (c.sand ) + c straw / E (straw) (6) dove ci e S (i) sono il volume della frazione e il tensore di cedevolezza della fase i-esima, rispettivamente. In particolare, dalla precedente relazione il modulo di elasticità E previsto per il composito sarà: Sulla scorta di queste considerazioni, il modello di Hill [17] suggerisce di considerare il valore medio dei modelli di Voigt e di Reuss come la migliore stima dei moduli elastici dei materiali compositi (Fig. 6) Valutazione delle proprietà meccaniche dei muri in adobe Partendo dal σ modulo elastico di Hill (EH), la el = E H ε el (7) tensione di prima frattura dei blocchi è stata calcolata con l aiuto delle corrispondenti deformazioni medie, grazie alla legge di Hooke: Questa scelta è motivata dal fatto che, contrariamente alle tensioni, le medie delle deformazioni al termine del comportamento elastico non dipendono dal timo di miscela: differenti composizioni hanno valori simili di, come mostrato nella Tab. 6. È stato assunto che costruzioni in adobe non raggiungono la soglia della prima frattura in condizioni operative statiche, per determinare la tensione di prima frattura per i muri in adobe realizzati in differenti composizioni, è stato usato il fattore di scala sperimentale: Questo fattore è stato determinato sperimentalmente per una particolare miscela con la quale è stato realizzato un muro, per poi considerarla valida per tutte le altre composizioni. 3. Prova di compressione (s. f.) = σ el /σ el W (8) 3.1 Prova sui blocchi Il collasso dei blocchi (15x23x13)cm è stato caratterizzato da un distaccamento della parte esterna e da un più piccolo danneggiamento alla parte interna (Fig. 7), conseguenza della compattazione manuale. Per comparare le proprietà meccaniche dei blocchi è necessario definire la deformazione ultima, detta εc, equivalente alla deformazione corrispondente alla tensione pari all 82% della massima osservabile [14]. I valori delle proprietà meccaniche sono stati calcolati come quelli medi, partendo dai dati sperimentali per ogni composizione (Tab. 3). Il contenuto di acqua è pari a 2%- 3% del peso totale. La resistenza media a compressione è pari a 2.56 MPa, valore molto simile a quanto si rileva in letteratura [10, 12]. Il valore medio della tensione corrispondente al termine del comportamento elastico (σel), considerando tutti i provini, è di La tensione media al termine del comportamento elastico (σel) è pari a 1.12 MPa. Il contenuto della sabbia grossa influenza principalmente il valore del modulo elastico, mentre il contenuto di fibre di paglia modifica principalmente le prestazioni di deformazione (Tab. 3). 3.2 Prove sui mattoni Il collasso dei mattoni (31x46x13)cm è simile a quello dei blocchi (15x23x13)cm. Le proprietà meccaniche dei mattoni sono illustrate nella Tab. 4. La quantità di acqua contenuta è simile a quella dei mattoni. La resistenza media a compressione è pari a 6,61 MPa e il modulo di Young medio è pari a 71 MPa. Occorre notare che sia per i blocchi che per i mattoni il modulo elastico ottenuto è stato quello di terra (E); questo modulo dipende in modo significativo dal contenuto di sabbia grossa (Tab. 4). 3.3 Prove sui muri in adobe La rottura dei muri [15] è stata caratterizzata dal distaccamento laterale dei lati esterni (Fig. 8). La media osservata delle tensioni di prima frattura (σfirst cracking) è pari a MPa e la media del valore della tensione di compressione (σmax) è stato calcolato essere pari a circa 1 MPa, valore simile a quanto riportato in letteratura [18]. Considerando la media delle tensioni di prima frattura, il fattore di scala tra i blocchi e i muri è pari a: (s. f.) = σ el /σ el W =1.120 / (9) Con l aumentare del rapporto di scala, la prestazione tra la tensione di compressione e deformazione decresce, come evidenziato in [13], perché l influenza dell attrito è meno rilevante quando il rapporto di scala è basso. 4. Prova di taglio I muri soggetti alla prova di taglio sono stati caratterizzati (fig.9) da una prima fase nella quale la forza orizzontale è stata trasferita solo per attrito, ed un secondo passaggio nel quale sono comparse le prime fratture, ed un ultima fase dove il muro si è completamente fratturato [15]. La tensione di compressione applicata ai provini è stata pari a 0.20 MPa per il wall3 e di 0.40 MPa per il wall 4. La tensione di taglio sul primo muro è stata pari a 0.14 MPa, e per il secondo () è stata di 0.26 MPa; sembra quindi sussistere una legge di proporzionalità tra le massime tensioni tangenziale e di compressione, in accordo con la legge di resistenza per attrito. 5. Uso di modelli teorici Per verificare l applicabilità dei modelli previsionali al materiale considerato, è stata elaborata una comparazione tra i moduli elastici dei blocchi ottenuti per via sperimentale ed i valori teorici calcolati. I valori di,andsono stati scelti tra quelli che minimizzano l errore osservato tra i moduli elastici sperimentali e quelli predetti dal modello di Hill: I valori sperimentali del modulo di Young (Tab.5 e Fig.10) mostrano un buon accordo con quelli teoricamente predetti dal modello di Hill. I moduli di elasticità calcolati con il modello di Hill (EH) sono stati utilizzati per valutare la tensione al termine del comportamento elastico di un generico blocco (vedi eq. (7)). Quindi, è stato utilizzato il fattore di scala (9) per stimare la tensione σel- W di un muro in adobe della corrispondente composizione (Tab.6). 6. Supporto alle ipotesi archeologiche Per supportare le ipotesi archeologiche per il restauro delle antiche strutture romane, è stato necessario stabilire un sistema tecnologico- costruttivo realistico [15]. Se si considera, per esempio, un eccentricità pari a 1/6 dello spessore tra i carichi al pavimento e quelli al tetto, la tensione alla base sarà nella peggiore situazione pari a 0.29 MPa (Tab.7). Questo valore è inferiore alla tensione sperimentale di prima frattura, uguale a MPa; così è possibile asserire che una costruzione a due piani come quella della domus Repubblicana di Suasa è certamente staticamente ammissibile [15]. 7. Conclusioni La ricerca ha studiato le proprietà meccaniche dei provini in terra di differenti dimensioni e diverse composizioni. Le tensioni di compressione sperimentali aumentano con la riduzione del rapporto di forma dei campioni. Generalmente, l incremento del volume di sabbia grossa causa un aumento del modulo di Young, e le fibre di paglia hanno influenza rilevante sulla deformabilità. È anche possibile stabilire una legge di proporzionalità (a causa dell attrito) che relazione il valore massimo della tensione tangenziale con la compressione applicata ai muri provinati. Un altro risultato della ricerca è l applicabilità di alcuni modelli previsionali, sviluppati per i moderni materiali compositi, alla terra cruda miscelata alla paglia. L uso di questi modelli teorici permette di estendere i dati sperimentali. Combinando considerazioni tecnologiche, dati sperimentali e risultati teorici, è stato possibile validare l esistenza dal punto di vista strutturale di una casa romana a due livelli realizzata in adobe. I risultati proposti migliorano le conoscenze sul comportamento meccanico delle pareti di mattoni crudi; la metodologia considerata potrebbe essere il punto di partenza per ulteriori studi di approfondimento. Ringraziamenti Gli autori desiderano ringraziare i tecnici A. Conti, F. Rinaldi, U. Taddei del laboratorio del Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture e R. Mancini del Laboratorio FIMeT (Università Politecnica delle Marche) per la campagna sperimentale. 017

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica Via privata Ragni 13/15 28062 Cameri (NO) Tel.: 0321-51.05.78 fax: 0321-51.79.37 e-mail: qualital@qualital.org - web-site: www.qualital.org ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE INDUSTRIALE DELL ALLUMINIO N 1 M a

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

FLORIM CERAMICHE SPA Via Canaletto, 24 41042 Fiorano Modenese (MO)

FLORIM CERAMICHE SPA Via Canaletto, 24 41042 Fiorano Modenese (MO) FOOD PACKAGING MATERIALS MATERIALI 0077\FPM\MATs\14 07/02/2014 1 TEST SYSTEM SLIM/4+ ( MULTILAYER WITH FINISH OF CERAMIC PORCELAIN GRESS + FLEXIBLE FOAM FLESSIBILE BASED ON A CLOSED CELL POLYETHYLENE )

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Qualità e sicurezza delle costruzioni leggere

Qualità e sicurezza delle costruzioni leggere Qualità e sicurezza delle costruzioni leggere prof. dr. eng. Ario Ceccotti Istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree CNR IVALSA Il LEGNO è la sola risorsa fondamentale rinnovabile

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

STIMA DELLA PROBABILITÀ DI DEGRADO BIOLOGICO SU CAPPOTTI

STIMA DELLA PROBABILITÀ DI DEGRADO BIOLOGICO SU CAPPOTTI POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Edile - Architettura Corso di laurea magistrale in Ingegneria dei Sistemi Edilizi STIMA DELLA PROBABILITÀ DI DEGRADO BIOLOGICO SU CAPPOTTI PROPOSTA DI UN METODO

Dettagli

Misure di.. FORZA. P = F v

Misure di.. FORZA. P = F v Misure di.. FORZA In FISICA prodotto di una massa per una F = m a accelerazione In FISIOLOGIA capacità di vincere una resistenza o di opporsi ad essa attraverso una contrazione muscolare POTENZA P = F

Dettagli

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for via di Marmiceto, 6/C-56016 Ospeetto PISA P.IVA 01115340505 CCIAA Pi 101169 Report n 2050451/5 UNI EN ISO 12944-6 Corrosion protection of steel structures by protective paint systems Laboratory performance

Dettagli

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no.

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. 327/2011 In base alla direttiva ErP e al regolamento UE n. 327/2011, si impone

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

AZULEJ. textures colours sizes technical features packing

AZULEJ. textures colours sizes technical features packing AZULEJ textures colours sizes technical features packing Azulej è una collezione completa che può essere impiegata per la creazione di ambienti molto decorati, ma anche minimal. E composta da tre colori

Dettagli

AT/ATM TRANSMISSION SHAFTS ALBERI DI TRASMISSIONE L1 L3 L4 L2 L5

AT/ATM TRANSMISSION SHAFTS ALBERI DI TRASMISSIONE L1 L3 L4 L2 L5 ALBERI DI TRASMISSIONE Grazie all utilizzo di giunti a morsetto, gli alberi di collegamento ATM possono essere montati dopo l applicazione ed il fissaggio del martinetto. Posizionare l albero di collegamento

Dettagli

componenti per Magazzini dinamici components for Material handling

componenti per Magazzini dinamici components for Material handling componenti per Magazzini dinamici components for Material handling Dispositivo separatore Separator System 294-295 296-298 Ruote deceleranti Brake wheels 300-303 Rulli deceleranti tipo 80 Type 80 brake

Dettagli

FOTOVOLTAICO E INCOMBUSTIBILITA : PANNELLI ZEROKLASS ROOF

FOTOVOLTAICO E INCOMBUSTIBILITA : PANNELLI ZEROKLASS ROOF FOTOVOLTAICO E INCOMBUSTIBILITA : PANNELLI ZEROKLASS ROOF I recenti DPR 151/11 Regolamento di semplificazione dei procedimenti di prevenzione incendi e Circolare 1324 del 07/02/2012 Guida per l installazione

Dettagli

Dry clutch for automated manual transmissions. University of Salerno Department of Industrial Engineering. Mechanical Engineering

Dry clutch for automated manual transmissions. University of Salerno Department of Industrial Engineering. Mechanical Engineering European Union University of Salerno University of Salerno Department of Industrial Engineering Ph.D. Thesis in Mechanical Engineering Cycle XII (2011-2013) Dry clutch for automated manual transmissions

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors Censimento e monitoraggio dei consumi energetici e comportamento dei cittadini Controllo Energetico dei Consumi degli Edifici Monitoraggio

Dettagli

M/S CERAMICA SCARABEO Località Pian del Trullo 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. C. A. Sig.

M/S CERAMICA SCARABEO Località Pian del Trullo 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. C. A. Sig. M/S C. A. Sig. Calisti Giampaolo RAPPORTO DI PROVA del LABORATORIO TECNOLOGICO N 65d/2013 in accordo con la norma UNI EN 14688 sul lavabo LUNA TECHNOLOGIAL LABORATORY TEST REPORT N 65d/2013 in compliance

Dettagli

Dichotomy Works nasce nel 2015 a Milano come collaborazione creativa tra l architetto Adolfo Martinez e l artista grafica Ivana Serizier Moleiro.

Dichotomy Works nasce nel 2015 a Milano come collaborazione creativa tra l architetto Adolfo Martinez e l artista grafica Ivana Serizier Moleiro. -1- SCHEDA DI PRESENTAZIONE Nome e cognome / Nome del gruppo Adolfo Martinez, Ivana Serizier Moleiro / Dichotomy Works Città Milano Provincia MI Biografia Dichotomy Works nasce nel 2015 a Milano come collaborazione

Dettagli

ADEGUAMENTO SISMICO DELLE MURATURE STORICHE

ADEGUAMENTO SISMICO DELLE MURATURE STORICHE ADEGUAMENTO SISMICO DELLE MURATURE STORICHE SEISMIC ADJUSTMENT OF HISTORIC MASONRY IL CONSOLIDAMENTO MURARIO MASONRY CONSOLIDATION Relatore/Speaker: Ing. Dalpiaz Michele Responsabile del Laboratorio Ricerca

Dettagli

SCATTER Caratteristiche generali General features

SCATTER Caratteristiche generali General features 141 Caratteristiche generali General features I destratificatori elicoidali serie scatter, sono adatti a distribuire, nella stagione invernale, volumi d aria in medi e grandi ambienti, come capannoni,

Dettagli

Name on a passport, HANGTAG

Name on a passport, HANGTAG recagroup design architecture art cinema travel music food Name on a passport, HANGTAG A quick look at printing techniques for hangtags RECA GROUP The hangtag of a garment is its ID card, its passport,

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

Il primo edificio. G. Della Corte UNIVERSITA di NAPOLI FEDERICO II

Il primo edificio. G. Della Corte UNIVERSITA di NAPOLI FEDERICO II AGE Conference MESSINA 100 ANNI DOPO 24-28 28 Novembre 2008 - Messina Consolidamentosismico sismico i di edifici i intelaiati in c.a.: risultati di prove sperimentali in scala reale Gaetano Della Corte

Dettagli

Novità versione 10 News release 10

Novità versione 10 News release 10 Novità versione 10 News release 10 Contenuto/Content Novità generali introdotte con la release 10...3 Novità ambiente CAD...4 Novità ambiente CAM...5 Novità moduli opzionali...6 General changes introduced

Dettagli

COMMERCIAL TIGNÉ POINT SHOPPING CENTRE CENTRO COMMERCIALE TIGNÉ POINT

COMMERCIAL TIGNÉ POINT SHOPPING CENTRE CENTRO COMMERCIALE TIGNÉ POINT TIGNÉ POINT SHOPPING CENTRE CENTRO E TIGNÉ POINT The project is related to a roofed area of 50,000 m², with approximately 100,000 m³ of retail space, a supermarket, a football court on the roof terrace

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

INFLUENZA DEL SISTEMA DI RINFORZO SU COMPORTAMENTO MECCANICO DI TRAVI IN C.A. RINFORZATE CON NASTRI FRP (FIBER REINFORCED POLYMERS)

INFLUENZA DEL SISTEMA DI RINFORZO SU COMPORTAMENTO MECCANICO DI TRAVI IN C.A. RINFORZATE CON NASTRI FRP (FIBER REINFORCED POLYMERS) Estratto dagli atti del 15 Congresso C.T.E. Bari, 4-5-6 novembre 2004 INFLUENZA DEL SISTEMA DI RINFORZO SU COMPORTAMENTO MECCANICO DI TRAVI IN C.A. RINFORZATE CON NASTRI FRP (FIBER REINFORCED POLYMERS)

Dettagli

Appendice E - Appendix E PANNELLI FOTOVOLTAICI - PHOTOVOLTAIC PANELS

Appendice E - Appendix E PANNELLI FOTOVOLTAICI - PHOTOVOLTAIC PANELS Appendice E - Appendix E PANNELLI FOTOVOLTAICI - PHOTOVOLTAIC PANELS I sistemi mod. i-léd SOLAR permettono di alimentare un carico sia in bassa tensione 12-24V DC, sia a 230v AC, tramite alimentazione

Dettagli

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives Dr Mila Milani Comparatives and Superlatives Comparatives are particular forms of some adjectives and adverbs, used when making a comparison between two elements: Learning Spanish is easier than learning

Dettagli

d) Età e) Codice Fiscale Fiscal Code

d) Età e) Codice Fiscale Fiscal Code PRIMA DI RISPONDERE A UNA QUALUNQUE DI QUESTE DOMANDE, LEGGETE ATTENTAMENTE LA DICHIARAZIONE IN CALCE ALLA PROPOSTA CHE SIETE TENUTI A FIRMARE. RISPONDERE IN MODO ESAURIENTE A TUTTE LE DOMANDE. BEFORE

Dettagli

La revisione delle NTC08 proposte per una progettazione sismica sostenibile

La revisione delle NTC08 proposte per una progettazione sismica sostenibile La revisione delle NTC08 proposte per una progettazione sismica sostenibile Giuseppe Scarpelli 23 Maggio 2013 GES Geotechnical Engineering Services S.r.l. Academic spin off UNIVERSITA POLITECNICA DELLE

Dettagli

Descrizione tecnica. Lega EN AW-6060 (Al MgSi) Composizione chimica percentuale. Si Fe Cu Mn Mg Cr Zn Ti Altri elementi Al

Descrizione tecnica. Lega EN AW-6060 (Al MgSi) Composizione chimica percentuale. Si Fe Cu Mn Mg Cr Zn Ti Altri elementi Al CATALOGO GENERALE Catallogo profiillii standard Descrizione tecnica I profili prodotti dal Gruppo Profilati (Profilati S.p.A. e Trafilerie Emiliane Sud S.p.A.) sono estrusi in lega di alluminio EN AW-6060

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

Painting with the palette knife

Painting with the palette knife T h e O r i g i n a l P a i n t i n g K n i v e s Dipingere con la spatola Painting with the palette knife Made in Italy I t a l i a n M a n u f a c t u r e r La ditta RGM prende il nome dal fondatore

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

RI BLOCK AL CENTRO DELLA BIOARCHITETTURA SOSTENIBILE AT THE CENTRE OF SUSTAINABLE BIOARCHITECTURE. www.ri-block.it

RI BLOCK AL CENTRO DELLA BIOARCHITETTURA SOSTENIBILE AT THE CENTRE OF SUSTAINABLE BIOARCHITECTURE. www.ri-block.it EDILIZIA INNOVATIVA AL CENTRO DELLA BIOARCHITETTURA SOSTENIBILE Ri-Block è progetto / prodotto che risponde in modo ottimale alle attuali necessità della ricostruzione edilizia. Si parte dalla demolizione

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

LABORATORIO ELETTROFISICO YOUR MAGNETIC PARTNER SINCE 1959

LABORATORIO ELETTROFISICO YOUR MAGNETIC PARTNER SINCE 1959 FINITE ELEMENT ANALYSIS (F.E.A.) IN THE DESIGN OF MAGNETIZING COILS How does it works? the Customer s samples are needed! (0 days time) FEA calculation the Customer s drawings are of great help! (3 days

Dettagli

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II MASTER di II livello - PIANOFORTE // 2nd level Master - PIANO ACCESSO: possesso del diploma accademico di II livello o titolo corrispondente DURATA: 2 ANNI NUMERO ESAMI: 8 (escluso l esame di ammissione)

Dettagli

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION PAGINA 1 DI 7 SPECIFICATION Customer : ELCART Applied To : Product Name : Piezo Buzzer Model Name : : Compliance with ROHS PAGINA 2 DI 7 2/7 CONTENTS 1. Scope 2. General 3. Maximum Rating 4. Electrical

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

Unbounce Optimization

Unbounce Optimization Unbounce Optimization Alberto Mucignat Milano, 01 dicembre 2015 Doralab - Experience Design Company User Intelligence User Experience Design Business value 2 3 Full stack UX design Architettura dell informazione

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO DISS. ETH NO. 19321 DISCRETE DYNAMIC EVENT TREE MODELING AND ANALYSIS OF NUCLEAR POWER PLANT CREWS FOR SAFETY ASSESSMENT A dissertation submitted to ETH ZURICH for the degree of Doctor of Sciences presented

Dettagli

RAPPORTO TECNICO ANALISI FINITURA SUPERFICIALE IMPIANTO IN TITANIO IMPIANTO con Lotto 002520 CON TRATTAMENTO SUPERFICIALE SL TECOM IMPLANTOLOGY

RAPPORTO TECNICO ANALISI FINITURA SUPERFICIALE IMPIANTO IN TITANIO IMPIANTO con Lotto 002520 CON TRATTAMENTO SUPERFICIALE SL TECOM IMPLANTOLOGY REPORT TECNICO Pagina 1 di 8 RAPPORTO TECNICO ANALISI FINITURA SUPERFICIALE IMPIANTO IN TITANIO IMPIANTO con Lotto 002520 CON TRATTAMENTO SUPERFICIALE SL TECOM IMPLANTOLOGY TECHNICAL REPORT ROUGHNESS ANALYSIS

Dettagli

Alimentatori per LED di segnalazione (MINILED) Power supply units for Signal LEDs (MINILED)

Alimentatori per LED di segnalazione (MINILED) Power supply units for Signal LEDs (MINILED) Alimentatori per LED di segnalazione (MINILED) Power supply units for Signal LEDs (MINILED) Alimentatori elettronici con tensione di uscita stabilizzata per moduli LED di segnalazione. Led driver with

Dettagli

GstarCAD 2010 Features

GstarCAD 2010 Features GstarCAD 2010 Features Unrivaled Compatibility with AutoCAD-Without data loss&re-learning cost Support AutoCAD R2.5~2010 GstarCAD 2010 uses the latest ODA library and can open AutoCAD R2.5~2010 DWG file.

Dettagli

C.B.Ferrari Via Stazione, 116-21020 Mornago (VA) Tel. 0331 903524 Fax. 0331 903642 e-mail cbferrari@cbferrari.com 1. Cause di squilibrio a) Asimmetrie di carattere geometrico per necessità di progetto

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

LO LH BUSREP. 1 2 3 Jp2. Jp1 BUSREP. Ripetitore di linea seriale RS 485 Manuale d installazione RS 485 Serial Line Repeater Instruction Manual

LO LH BUSREP. 1 2 3 Jp2. Jp1 BUSREP. Ripetitore di linea seriale RS 485 Manuale d installazione RS 485 Serial Line Repeater Instruction Manual Jp MS 4 LINEA 4 MS MS LINEA LINEA Tx4 Tx Tx Tx BUSREP S Jp Jp LINEA GND +,8 Jp4 BUSREP Ripetitore di linea seriale RS 485 Manuale d installazione RS 485 Serial Line Repeater Instruction Manual Edizione/Edition.

Dettagli

Joining in Car Body Engineering 2012

Joining in Car Body Engineering 2012 Joining in Car Body Engineering 2012 Optimization of dimensional quality in adhesivebonded joints along manufacturing process chain Antonio Annicchiarico Manuel Lai Rosanna Brun 20 Novembre, 2010 Fiat

Dettagli

ESTAPROP - Flame retardant

ESTAPROP - Flame retardant ESTAPROP Flame retardant Cossa Polimeri srl: Via dei Brughiroli, 6 21050 Gorla Maggiore (VA) Tel.+39.0331.607811 Fax +39.0331.607801 www.cossapolimeri.it cossapolimeri@cossapolimeri.it NEW Prodotti a ritardata

Dettagli

Ino-x. design Romano Adolini

Ino-x. design Romano Adolini Ino-x design Romano Adolini Nuovo programma placche Ino-x design Romano Adolini OLI, importante azienda nel panorama nella produzione di cassette di risciacquamento, apre al mondo del Design. Dalla collaborazione

Dettagli

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT Titolo (Title): VIBRATION TEST ON FRIGOBOX T0056 Richiedente (Customer): Ente/Società (Dept./Firm): Sig. (Mr.): Indirizzo (Address): EUROENGEL S.R.L. C. SCAMARDELLA Via Ferrini,

Dettagli

Pannello Lexan BIPV. 14 Gennaio 2013

Pannello Lexan BIPV. 14 Gennaio 2013 Pannello Lexan BIPV 14 Gennaio 2013 PANELLO LEXAN* BIPV Il pannello Lexan BIPV (Building Integrated Photovoltaic panel) è la combinazione di una lastra in policarbonato Lexan* con un pannello fotovoltaico

Dettagli

Pezzi da ritagliare, modellare e incollare nell ordine numerico indicato.

Pezzi da ritagliare, modellare e incollare nell ordine numerico indicato. La nuova Treddì Paper è un prodotto assolutamente innovativo rispetto ai classici Kit per il découpage 3D. Mentre i classici prodotti in commercio sono realizzati in cartoncino, la Treddì è in carta di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Didactic offer Incoming students 2014/2015 can take exams of courses scheduled in the a.y. 2014/2015 and offered by the Department

Dettagli

La sabbia si disponeva infatti in corrispondenza delle zone in cui la forma d onda risultante aveva uno zero (linee nodali).

La sabbia si disponeva infatti in corrispondenza delle zone in cui la forma d onda risultante aveva uno zero (linee nodali). Lucia Simonetto Marta Iannello La forma del suono Introduzione Questa esperienza vuole essere una riproduzione degli sperimenti effettuati dal fisico tedesco Ernst Chladni (Wittemberg 1756 Berlino 1824)

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT. KONTROLDRY mod. 20. KONTROLDRY mod. 20

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT. KONTROLDRY mod. 20. KONTROLDRY mod. 20 RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT Verifica dei campi magnetici ed elettrici non ionizzanti su KONTROLDRY mod. 20 EMF tests on KONTROLDRY mod. 20 Richiedente (Customer): - Ente/Società (Dept./Firm): S.K.M.

Dettagli

UTILIZZO DELLA TECNICA GEORADAR PER LA RICERCA DELLE STRUTTURE IN LEGNO NEGLI EDIFICI STORICI

UTILIZZO DELLA TECNICA GEORADAR PER LA RICERCA DELLE STRUTTURE IN LEGNO NEGLI EDIFICI STORICI M. Lualdi Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Politecnico di Milano UTILIZZO DELLA TECNICA GEORADAR PER LA RICERCA DELLE STRUTTURE IN LEGNO NEGLI EDIFICI STORICI Riassunto. Le indagini Georadar sono

Dettagli

NOBILITATI MELAMINE. Nobilitati standard. Standard melamines. Nobilitati speciali. Special melamines. Nobilitati speciali. Special melamines.

NOBILITATI MELAMINE. Nobilitati standard. Standard melamines. Nobilitati speciali. Special melamines. Nobilitati speciali. Special melamines. NOBILITATI MELAMINE SHELLS Nobilitati standard. Standard melamines. SHELLS AND SHELLS AND Nobilitati speciali. Special melamines. Nobilitati speciali. Special melamines. LACQUERED FINISHES SHELLS AND MATT

Dettagli

CERTIFICATO CE DI CONFORMITÀ < PRODOTTO(I) (2) >

CERTIFICATO CE DI CONFORMITÀ < PRODOTTO(I) (2) > Allegato 1: Facsimile di Certificato per s.a.c. 1+ < Logo dell Organismo di certificazione > > CERTIFICATO CE DI CONFORMITÀ In conformità alla Direttiva

Dettagli

Sensori di deformazione (e forza)

Sensori di deformazione (e forza) Sensori di deformazione (e forza) Sforzo e deformazione D F L Sforzo (stress) Si ha uno sforzo ogni qualvolta che si applica una forza ad un corpo. Deformazione (strain) È il rapporto fra l incremento

Dettagli

Macchine ad Impatto Impact machines

Macchine ad Impatto Impact machines Macchine ad Impatto Impact machines Macchine ad impatto S6 S5 S4 Queste macchine sono idonee per marcare, rivettare, ribadire, cianfrinare, numerare, fustellare, tranciare ecc. ed in tutte quelle operazioni

Dettagli

Simulazione crash di modelli full-scale con componenti in composito a partire dalla caratterizzazione dei materiali

Simulazione crash di modelli full-scale con componenti in composito a partire dalla caratterizzazione dei materiali CompositiExpo ModenaFiere 14-15 ottobre 2009 Simulazione crash di modelli full-scale con componenti in composito a partire dalla caratterizzazione dei materiali Ing. L. Ferrero 1. Introduzione alle problematiche

Dettagli

ISA ti proietta nel futuro!

ISA ti proietta nel futuro! Design evolution L evoluzione della specie. Non è importante dove siamo arrivati, quello che conta è riuscire a spingersi oltre. Dalla normalità all avanguardia, da materiali esclusivi ed ecologici alla

Dettagli

MONTEFIORI s.n.c - COSTRUZIONE MECC. METALLURGICA E COMMERCIO di Montefiori Gino & C.

MONTEFIORI s.n.c - COSTRUZIONE MECC. METALLURGICA E COMMERCIO di Montefiori Gino & C. Towed grader mod. MONTEFIORI ROMA 700 for horse power tractors from 350 to 600 HP ALSO TRACKED OR ARTICULATED VEHICLES CHASSIS PLANNED, BUILT E CALCULATED UNTIL 700 HP General information: Towed grader

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

La determinazione sperimentale della tenacità alla frattura di un materiale richiede

La determinazione sperimentale della tenacità alla frattura di un materiale richiede Costruzione di Macchine Prof. Nicola Bonora AA 2009/2010 Lezione 13 MFLE5 Determinazione della tenacità a frattura In condizioni ideali di applicazione della MFLE la propagazione instabile del difetto

Dettagli

Sacca di Goro case study

Sacca di Goro case study Sacca di Goro case study Risposte alle domande presentate all incontro di Parigi (almeno è un tentativo ) Meeting Locale, Goro 15-16/10/2010, In English? 1.What is the origin of the algae bloom? Would

Dettagli

MOTORI COPPIA TORQUE MOTORS. Motori sincroni 3-fase raffreddati a liquido. 3-phase synchronous liquid cooled motors. Serie LTS

MOTORI COPPIA TORQUE MOTORS. Motori sincroni 3-fase raffreddati a liquido. 3-phase synchronous liquid cooled motors. Serie LTS MOTORI COPPIA Motori sincroni 3-fase raffreddati a liquido TORQUE MOTORS 3-phase synchronous liquid cooled motors Serie LTS I NUOVI MOTORI SINCRONI a magneti permanenti della serie LTS SINCROVERT, sono

Dettagli

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA CIVILE PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO X Ciclo - Nuova Serie (2008-2011) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO LA SIMULAZIONE NUMERICA

Dettagli

UNI EN ISO 354 :2003 UNI EN ISO 11654 :1998

UNI EN ISO 354 :2003 UNI EN ISO 11654 :1998 COSTRUZIONI FISICA TECNICA/ACUSTICA 1/6 ECOstrong Slalom Via Ernesto Rossi, 69 20862 Arcore (MB) UNI EN ISO 354 :2003 UNI EN ISO 11654 :1998 Slalom Capo Laboratorio Laboratory Head 2/6 DATI GENERALI /

Dettagli

CONTROTELAI E SOLUZIONI PER PORTE PERSIANE E GRATE SCORREVOLI A SCOMPARSA SLIDING SOLUTION FOR DOORS,SHUTTERS AND GRATINGS TO DISAPPEAR

CONTROTELAI E SOLUZIONI PER PORTE PERSIANE E GRATE SCORREVOLI A SCOMPARSA SLIDING SOLUTION FOR DOORS,SHUTTERS AND GRATINGS TO DISAPPEAR Mito s.r.l. Tavullia (PU) TEL. +39 07.47630 FAX +39 07.476408 www.mito.it mito@mito.it CONTROTELAI E SOLUZIONI PER PORTE PERSIANE E GRATE SCORREVOLI A SCOMPARSA SLIDING SOLUTION FOR DOORS,SHUTTERS AND

Dettagli

Rapporto di prova n. / Test report n. 48SO00022. FOUR-EMME di BESENZONI MASSIMO & C. SNC Via Donizetti, 2-24067 Sarnico (BG) - Italy

Rapporto di prova n. / Test report n. 48SO00022. FOUR-EMME di BESENZONI MASSIMO & C. SNC Via Donizetti, 2-24067 Sarnico (BG) - Italy Rapporto di prova n. / Test report n. 48SO00022 Prodotto Product Guarnizioni elastomeriche Elastomeric seals Rif. di tipo Type ref. Richiedente Applicant SILICONE SH 55/60 T220 FOUR-EMME di BESENZONI MASSIMO

Dettagli

LE SOLLECITAZIONI INDOTTE DAGLI ELEMENTI DIVISORI INTERNI

LE SOLLECITAZIONI INDOTTE DAGLI ELEMENTI DIVISORI INTERNI Estratto dagli atti del 16 Congresso C.T.E. Parma, 9-10-11 novembre 2006 LE SOLLECITAZIONI INDOTTE DAGLI ELEMENTI DIVISORI INTERNI LUISA PANI, Università di Cagliari ANTONIO NURCHI, Funzionario VV.F. ZAIRA

Dettagli

TUBO PIUMA 100 Presa d aria silenziata per fori di ventilazione nelle facciate degli edifici Air intake silencer for air intakes of building façades

TUBO PIUMA 100 Presa d aria silenziata per fori di ventilazione nelle facciate degli edifici Air intake silencer for air intakes of building façades ISOLAMENTI ACUSTICI DEI SILENZIATORI ACUSTICI DI FACCIATA PER ENTRATA ED ESPULSIONE ARIA CERTIFICATI DAL CSI Modello: TUBO PIUMA 100 L = 300 mm L = 400 mm Dn,e,w = 41 db Dn,e,w = 47 db L Passaggio aria

Dettagli

RDQ / I / 10.99 / I-UK DIFFUSORI QUADRATI E RETTANGOLARI IN ALLUMINIO SQUARE AND RECTANGULAR ALUMINIUM DIFFUSERS

RDQ / I / 10.99 / I-UK DIFFUSORI QUADRATI E RETTANGOLARI IN ALLUMINIO SQUARE AND RECTANGULAR ALUMINIUM DIFFUSERS DIFFUSORI QUADRATI E RETTANGOLARI IN ALLUMINIO Caratteristiche costruttive Diffusore a soffitto da una a quattro direzioni di lancio, in esecuzione quadrata o rettangolare ad alette fisse a profilo aerodinamico

Dettagli

flexstore s magazzino automatico per sezionatrici automatic storage system for beam saws

flexstore s magazzino automatico per sezionatrici automatic storage system for beam saws magazzino automatico per sezionatrici automatic storage system for beam saws magazzino automatico per sezionatrici automatic storage system for beam saws Il magazzino facile da usare che garantisce l ottimizzazione

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

electric lifting trolley Dimensioni 220 cm 42 (183) cm 72 cm Portata 175 kg Art. -CEAC041 Carrello elevatore Con rulli Altre VerSIONI OTHER VERSIONS

electric lifting trolley Dimensioni 220 cm 42 (183) cm 72 cm Portata 175 kg Art. -CEAC041 Carrello elevatore Con rulli Altre VerSIONI OTHER VERSIONS Elevatore elettrico electric lifting trolley 175 kg Art. -CEAC041 Lifting trolley with rolls Il carrello elevatore elettrico viene utilizzato sia per il trasporto delle salme su barelle, sia in abbinamento

Dettagli

NEW. e p. Water Less Cooled Plate RHVT Piatto raffreddato ad aria RHVT

NEW. e p. Water Less Cooled Plate RHVT Piatto raffreddato ad aria RHVT pe NEW v re o Euro nding B Pe an Patent e p RHVT Piatto raffreddato ad aria RHVT etto Euro NO WATER NO ACQUA NO MECHANICAL PARTS IN MOVEMENT NESSUNA PARTE MECCANICA IN MOVIMENTO ONLY COMPRESSED AIR SOLO

Dettagli

WITTUR SPA LIST OF POSSIBLE CONFIGURATIONS FOR REFURBISHMENTS ELENCO DELLE CONFIGURAZIONI DISPONIBILI PER LE MODERNIZZAZIONI / / / / / / / / / / / / /

WITTUR SPA LIST OF POSSIBLE CONFIGURATIONS FOR REFURBISHMENTS ELENCO DELLE CONFIGURAZIONI DISPONIBILI PER LE MODERNIZZAZIONI / / / / / / / / / / / / / LIST OF POSSIBLE CONFIGURATIONS FOR REFURBISHMENTS ELENCO DELLE CONFIGURAZIONI DISPONIBILI PER LE MODERNIZZAZIONI Landing entrances replaceable parts Porte di piano parti sostituibili Car doors replaceable

Dettagli

ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride.

ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride. 5 12 ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride. UN BAMBINO/ONE CHILD Su questo gioco può salire al massimo un bambino.

Dettagli

ARIA & ACQUA - AIR & WATER

ARIA & ACQUA - AIR & WATER DROP-STOP ECOPLAST 23 DROP-STOP è un prodotto in moduli componibili aventi differenti dimensioni e materiali: POLIPROPILENE LUNGHEZZA = 215 MM LARGHEZZA = 205 MM ALTEZZA = 198 MM SUPERFICIE UTILE = 0,043

Dettagli

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Economic Evaluation of Upstream Technology Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Massimo Antonelli Alberto F. Marsala Nicola De Blasio Giorgio Vicini Vincenzo Di Giulio Paolo Boi Dean Cecil Bahr Lorenzo

Dettagli

Sistema AluK SPV STRUTTURA DI SUPPORTO PER PANNELLI FOTOVOLTAICI MANUALE TECNICO

Sistema AluK SPV STRUTTURA DI SUPPORTO PER PANNELLI FOTOVOLTAICI MANUALE TECNICO Sistema AluK SPV STRUTTURA DI SUPPORTO PER PANNELLI FOTOVOLTAICI MANUALE TECNICO SISTEMA SPV SPV SYSTEM REVISIONE DESCRIZIONE E SPECIFICHE... 1.01 FEB 11 ACCESSORI... 2.01 FEB 11 PROFILI....3.01 FEB 11

Dettagli

On Line Press Agency - Price List 2014

On Line Press Agency - Price List 2014 On Line Press Agency - Price List Partnerships with Il Sole 24 Ore Guida Viaggi, under the brand GVBusiness, is the official publishing contents supplier of Il Sole 24 Ore - Viaggi 24 web edition, more

Dettagli

Vertical Splice Closure AO-VFC01

Vertical Splice Closure AO-VFC01 AO-VFC01 La muffola verticale utilizza materiali di alta qualità resistenti alle condizioni e sollecitazioni più estreme come vibrazioni, cadute, tensione, forti variazioni di temperatura, ecc. Costruita

Dettagli