Software di microbiologia predittiva: bene comune

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Software di microbiologia predittiva: bene comune"

Transcript

1 Software di microbiologia predittiva: bene comune Come e perchè utilizzare i software di microbiologia predittiva disponibili in rete. La validazione dei modelli attraverso challenge test. Elena CoscianiCunico, Elena Dalzini, Paolo Daminelli, Marina Nadia Losio Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna Milano 21 Maggio 2014

2 L arte della predizione La capacità di predire gli eventi è da sempre nel desiderio dell animo umano che sia per motivi religiosi o scientifici Ognuno di noi quotidianamente è a contatto con modelli matematici previsionali

3 La filosofia dei modelli matematici Un modello è utile quando è sufficientemente semplice (altrimenti non è un modello) Quanto dettagliato deve essere un modello per essere efficiente? Quante variabili?

4 Quando posso usare i modelli di microbiologia predittiva? Sicurezza alimentare (RE CE ) Qualità del prodotto (shelf-life) Validazione del processo Analisi del rischio

5 Parametri di crescita batterica ln cell concentration ln(x max ) µ max : maximum specific growth rate ln(x 0 ) h0=lag*μ L: lag time Fig. 1: Rappresentazione del modello Baranyi, modello complesso semi meccanicistico e dinamico (Baranyi and Roberts, 1994) Baranyi József

6 Aumento e decremento del tasso di crescita o morte in funzione della temperatura crescita sp.rate=a * Temp +b Radq tasso Sqr(slope) di crescita Radq tasso di crescita vs temperatura 0.1 Valore b costante (Ratkowsky Ratkowsky) Baranyi József temperature ( C) morte log (D1 / D2) = (T2-T1) / Z Log tempo di riduzione log(slope) decimale Log (D value) vs temperatura II legge di Bigelow temperature ( C)

7 L accuratezza? -1 Ln µ (1/h) NaCl (%) ph Lnµ(1/h) Non sempre generare un modello con un fattore di correlazione più alto Determina una migliore predizione NaCl (%) ph Baranyi József Salmonellae at 15 o C, cubic multivariate polynomial (Gibson et al, 1988)

8 Modello VsAlimento Modello Laboratory system Accuracy 5% Inoculated sterile meat Accuracy 25% Naturally contaminated meat Overall accuracy 50% Dr Jozsef Baranyi, IFR

9 Modelli primari MicroFit, DmFit (Baranyi) Database ComBase, ars-alimentaria Modelli secondari Analalisi della regressione Predizione Validazione del modello Errore e fattore di accuratezza Baranyi József

10

11

12

13 Applicazioni:

14 Modelli Primari:DMfit I dati osservati possono essere elaborati con diversi modelli

15 Challenge test durante la shelf life Documento tecnico di orientamento AFFSA Eucrl 2008 Gorgonzola a spicchi shelf life > 60 gg ph - logc(logufc/g) temp ( C) Caratteristiche ambientali ph costante 6.7 Aw costante Temp costante 8 C time (day) lab logc ph mould log c obs temp 4 LAB logc cost> 10^7 ufc/g mould logc cost> 10^7 ufc/g

16 Validazione modello predittivo µ max = µ max ref ( T ( T ref -T min -T ) min 2 ) 2 Obs max rate logc/h Pred max rate logc/h Modello predittivo cf 0.3 max rate +/- SE maxrate, T min -2 C

17 Modelli Predittivi secondari e parametri Comparare i dati osservati con l andamento predetto

18 Software di Modelli Predittivi Combase-predictor: previsione del tasso di crescita di crescita dei microrganismi in brodi colturali

19 Combase-predictor: previsione dell andamento dei microrganismi in brodi colturali a temp. variabili

20 Combase-predictor:previsioni tasso di morte dei microrganismi in brodi colturali

21 Combase-predictor:previsioni tasso di morte dei microrganismi non Temp dipendente in brodi colturali

22 E. coli VTEC durante caseificazione

23 Effetto della stagionatura: ph <5.2 Modello predittivo validato dalla sperimentazione

24 Perfringens predictor

25 Informazioni rapide!

26 milk L. monocytogenes

27 Effetto delle popolazioni indigene: Co- colture Esistono modelli predittivi che considerano la competizione batterica Temperatura: 20 C ph: 5.5 Inoculuo Lc. lactis :10 3 cfu/g Inoculuo L.monocytogenes:10 3 cfu/g Data from Farkas et al. (2002) Modello secondario validato con dati osservati Yvan Le Marc

28 Co-colture (Le Marc et al., 2002) Output

29 Seafood spoilage and safety predictor»

30 Seafood spoilage and safety Input predictor

31 Seafood spoilage and safety predictor Output

32

33 Salmonella predictions Input Output time temp ph aw 0 4,5 5,63 0,973 0, ,5 13,5 98,5 13, ,5 12,5 5,247 0, ,5 11, , , ,5 10, ,5 5,327 0,97 358,5 10,5 5,543 0, ,5 5,72 0, ,5 6,267 0,947

34 Conclusioni I modelli matematici possono aiutare l analisi quantitativa del rischio anche se fra ambiente controllato e alimenti c è una elevata discrepanza..ma calcolabile I software disponibili in rete sono accessibili a tutti e rappresentano un valido aiuto Modello matematico e software devono essere scelti con giudizio in funzione dei casi specifici

35 GRAZIE A TUTTI PER L ATTENZIONE e a chelab silliker per l invito Elena CoscianiCunico, Elena Dalzini, Paolo Istituto Zooprofilattico Daminelli, Sperimentale Marina della Lombardia Nadia Losio e dell Emilia Romagna

36 Bibiliografia Baranyi J, Roberts TA (1994): A dynamic approach to predicting bacterial growth in food. Int J.Food Microbiol 23: Baranyi J, Pin C, Ross T (1999) Validating and comparing predictive models, Int J Food Microbiol McMeekin, T.A.(2003). An Essay on the Unrealized Potential of Predictive Microbiology. In: McKellar, R.C. and Lu, X (eds): Modelling Microbial responses in Foods. CRC, Boca Raton, Fla. Ross T, McMeekin TA, Baranyi J (2000) Predictive microbiology and food safety, Encyclopedia of food microbiology. Ed. Robinson R.K., Batt C.A., Patel P.D. Academic Press Elena Cosciani Cunico - Paola Monastero - Guido Finazzi - Paolo Daminelli - Paolo Boni - Yvan Le Marc -József Baranyi. Concetti di microbiologia predittiva: sopravvivenza di Salmonella spp. nel salame Industrie Alimentari (44), 443 pag Cosciani Cunico E., Le Marc, Y., Dominelli, P., Boni, P., Baranyi J. Development and Validation of a Model for the Survival of Salmonella spp in Italian Salami. The 20th International ICFMH Symposiumfood safety and food biotechnology: diversity and global impact 29 Aug - 02 Sept 2006 Alma Mater Studiorum, Bologna, Italy Le Marc Y., Baranyi J. & Ross T Modelling Understanding Pathogen Behaviour (Chapter 2) stress responses and resistance Metris A., Le Marc Y., Elfwing A., BalLagi A. & Baranyi J (a) Modelling the variability of Lag times and the first generation times of single cells of E-coli International Journal of Food Microbiology 100 (1-3) Metris A The ComBase database, a platform for predictions CFA day, February 15th 2005 (b), IFR.

NUOVI STRUMENTI Shelf-life sicurezza alimentare

NUOVI STRUMENTI Shelf-life sicurezza alimentare NUOVI STRUMENTI Shelf-life sicurezza alimentare Esperienza sul campo in un azienda della GDO dr. Davide Pessina - RAQ Struttura aziendale punti di di vendita Nessun laboratorio centralizzato piattaforme:

Dettagli

Docente Dr.ssa Raffaella DI CAGNO email: rdicagno@agr.uniba.it Tel. 080 544 2945

Docente Dr.ssa Raffaella DI CAGNO email: rdicagno@agr.uniba.it Tel. 080 544 2945 Corso di Laurea magistrale: Scienze e Tecnologie Alimentari Corso Integrato: Tecniche microbiologiche per la qualità degli alimenti (12 CFU) Modulo: Selezione degli starter e microbiologia predittiva (6

Dettagli

LA VERIFICA ANALITICA TELEMACO CENCI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELL UMBRIA E DELLE MARCHE

LA VERIFICA ANALITICA TELEMACO CENCI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELL UMBRIA E DELLE MARCHE LA VERIFICA ANALITICA TELEMACO CENCI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELL UMBRIA E DELLE MARCHE L AUTORITA DI CONTROLLO DEVE: PREMIARE Competenza e Rigore degli OSA che applicano correttamente prevenzione

Dettagli

Regolamento CE 2073/2005 Criteri di applicazione

Regolamento CE 2073/2005 Criteri di applicazione Regolamento CE 2073/2005 Criteri di applicazione Validazione dei processi di produzione degli alimenti attraverso contaminazioni artificiali in strutture sperimentali Esempi pratici Gianluca Rugna Istituto

Dettagli

Gli step di letalità nel processo di produzione del prosciutto tipico Italiano

Gli step di letalità nel processo di produzione del prosciutto tipico Italiano Governo clinico : Gestione rischio Listeria monocytogenes negli impianti RTE Aggiornamenti alla legislazione USA e Controllo Ufficiale Gli step di letalità nel processo di produzione del prosciutto tipico

Dettagli

Analisi di modelli primari e secondari nella Microbiologia Predittiva: approccio a Reti Neurali

Analisi di modelli primari e secondari nella Microbiologia Predittiva: approccio a Reti Neurali Analisi di modelli primari e secondari nella Microbiologia Predittiva: approccio a Reti Neurali Prof. Crescenzio Gallo, Ing. Michelangelo De Bonis [c.gallo, m.debonis]@ieee.org Laboratorio per l'analisi

Dettagli

3 2073/2005 A. PAPARELLA,

3 2073/2005 A. PAPARELLA, CRITERI COMUNITARI PER LA DETERMINAZIONE DELLA SHELF-LIFE: LIFE: IL CASO DEGLI ALIMENTI PRONTI Prof. Antonello Paparella Microbiologia degli alimenti apaparella@unite.it La normativa europea in materia

Dettagli

Analisi del rischio microbiologico associato al processo di produzione e di conservazione del mascarpone MILANO 16 OTTOBRE 2013

Analisi del rischio microbiologico associato al processo di produzione e di conservazione del mascarpone MILANO 16 OTTOBRE 2013 Analisi del rischio microbiologico associato al processo di produzione e di conservazione del mascarpone MILANO 16 OTTOBRE 2013 pag. 1 di 54 Caratteristiche Bacillus cereus Il Bacillus cereus (B.cereus)

Dettagli

Il Regolamento 2073 CE

Il Regolamento 2073 CE Il Regolamento 2073 CE e la valutazione dei criteri di processo e di sicurezza alimentare attraverso il Challenge test Contributi pratici Mauro Fontana Responsabile Controllo Qualità Stefano Bisotti Direttore

Dettagli

Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo

Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo Prevenire la listeriosi Potenza, 31 ottobre 2013 Dr.ssa Carla Brienza Dr.ssa Nunzia Damiani Nel 2012 sono state 3436 le notifiche

Dettagli

Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio di prodotti tipici

Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio di prodotti tipici Workshop: Focus su Sicurezza d Uso e Nutrizionale degli Alimenti 21-22 Novembre 2005, Istituto Superiore di Sanità, Roma Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio

Dettagli

Il processo di determinazione della Shelf Life degli alimenti. QualyFood Cremona 4 Dicembre 2009 Giuseppe Ciozzani - Nestlè Italiana S.p.

Il processo di determinazione della Shelf Life degli alimenti. QualyFood Cremona 4 Dicembre 2009 Giuseppe Ciozzani - Nestlè Italiana S.p. Il processo di determinazione della Shelf Life degli alimenti QualyFood Cremona 4 Dicembre 2009 Giuseppe Ciozzani - Nestlè Italiana S.p.A La determinazione della Shelf-Life negli alimenti Agenda Fattori

Dettagli

LA DIFFUSIONE DEL SALE E DELL UMIDITA NEI PROCESSI DI ESSICCAZIONE DEI SALUMI

LA DIFFUSIONE DEL SALE E DELL UMIDITA NEI PROCESSI DI ESSICCAZIONE DEI SALUMI LA DIFFUSIONE DEL SALE E DELL UMIDITA NEI PROCESSI DI ESSICCAZIONE DEI SALUMI C. DIAFERIA Seminario: Valorizzazione di prodotti diversi dal Prosciutto - Univ Cattolica PC ESSICCAZIONE Nei prodotti alimentari

Dettagli

PROTOCOLLO TECNICO PER L EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI MICROBIOLOGICI SUGLI ALIMENTI E L INTERPRETAZIONE DEGLI ESITI ANALITICI

PROTOCOLLO TECNICO PER L EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI MICROBIOLOGICI SUGLI ALIMENTI E L INTERPRETAZIONE DEGLI ESITI ANALITICI PROTOCOLLO TECNICO PER L EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI MICROBIOLOGICI SUGLI ALIMENTI E L INTERPRETAZIONE DEGLI ESITI ANALITICI Dario De Medici, Monica Gianfranceschi e il Gruppo di Lavoro IIZZSS Corso di

Dettagli

Analisi dei pericoli nella filiera dei prodotti della pesca trasformati

Analisi dei pericoli nella filiera dei prodotti della pesca trasformati Analisi dei pericoli nella filiera dei prodotti della pesca trasformati Dott. Mino Orlandi Medico veterinario Dipartimento di Prevenzione Azienda ASL 5 Spezzino Imperia 12 giugno 2009 Reg. (CE) N. 178/2002

Dettagli

BOZZA INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PREPARAZIONE DEGLI INOCULI... 4 3. PREPARAZIONE DELLE UNITA DI PROVA E RACCOLTA... 4

BOZZA INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PREPARAZIONE DEGLI INOCULI... 4 3. PREPARAZIONE DELLE UNITA DI PROVA E RACCOLTA... 4 Determinazione dell attività sanificante del sistema SUNOX (Pure Health ) indotta dal TiO 2 su superfici contaminate da Listeria monocytogenes, Staphylococcus aureus e Pseudomonas aeruginosa. RELAZIONE

Dettagli

Metodologie statistiche per l analisi del rischio

Metodologie statistiche per l analisi del rischio Corso di Laurea in Sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti Metodologie statistiche per l analisi del rischio INTRODUZIONE ALL ANALISI QUANTITATIVA DEL RISCHIO PER LA SICUREZZA IGIENICO-SANITARIA DEGLI

Dettagli

MBS HACCP&ACQUE Easy Test Analisi microbiologiche degli alimenti Facili, Rapide ed Affidabili. Prof. Giovanni Antonini, MD, PhD

MBS HACCP&ACQUE Easy Test Analisi microbiologiche degli alimenti Facili, Rapide ed Affidabili. Prof. Giovanni Antonini, MD, PhD MBS HACCP&ACQUE Easy Test Analisi microbiologiche degli alimenti Facili, Rapide ed Affidabili Prof. Giovanni Antonini, MD, PhD MBS Srl Costituita nel 2007 per lo sviluppo industriale del metodo analitico

Dettagli

Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi

Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi Torino, 10-11 Giugno 2013 S.S. Laboratorio Controllo Alimenti fabio.zuccon@izsto.it 1 Aspetti normativi Cosa tratteremo

Dettagli

Sicurezza alimentare e Sicurezza degli alimenti

Sicurezza alimentare e Sicurezza degli alimenti Sicurezza alimentare e Sicurezza degli alimenti Sicurezza alimentare (food security): E l accesso di tutti ed in qualsiasi momento ad un alimentazione sufficiente in termini di qualità, quantità e varietà,

Dettagli

Shelf life e Listeria monocytogenes: aspetti sanitari e regolamentari

Shelf life e Listeria monocytogenes: aspetti sanitari e regolamentari Dipartimento di Scienze e tecnologie alimentari e microbiologiche Shelf life e Listeria monocytogenes: aspetti sanitari e regolamentari Listeria: tassonomia Bastoncini Gram positivi, asporigeni, catalasi

Dettagli

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici "Focus su sicurezza d'uso e nutrizionale degli alimenti" 21-22 Novembre 2005 Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici Simona

Dettagli

Controllo Predittivo (cenni)

Controllo Predittivo (cenni) Controllo Predittivo (cenni) Controllo Digitale - A. Bemporad - A.a. 2007/08 Optimizer Model Predictive Control Plant Reference r(t) Input u(t) Output y(t) Measurements MODEL: è richiesto un modello del

Dettagli

Ecosistemi microbici complessi e loro evoluzione nei prodotti caseari

Ecosistemi microbici complessi e loro evoluzione nei prodotti caseari Ecosistemi microbici complessi e loro evoluzione nei prodotti caseari Monica Gatti Laboratorio Microbiologia degli Alimenti Facoltà di Agraria Università degli Studi di Parma Tranne alcune eccezioni, il

Dettagli

2 - Servizi e risorse delle biblioteche

2 - Servizi e risorse delle biblioteche CAMPUS CESENA-FORLI SETTORE SERVIZI BIBLIOTECARI Formazione Volontari Civili Biblioteche Campus Cesena 2 - Servizi e risorse delle biblioteche Programma e obiettivi - 1 Le risorse delle Biblioteche C O

Dettagli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica Pier Sandro Cocconcelli Istituto di Microbiologia Centro Ricerche Biotecnologiche Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza-Cremona

Dettagli

I punti critici di controllo e i limiti critici. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare

I punti critici di controllo e i limiti critici. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare I punti critici di controllo e i limiti critici Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare I punti critici di controllo (2 principio: individuazione dei CCP) Punto

Dettagli

CIBO SICURO E SICUREZZA DEL CIBO

CIBO SICURO E SICUREZZA DEL CIBO CIBO SICURO E SICUREZZA DEL CIBO La tradizione e l innovazione italiana verso expo 2015 Le nuove sfide del tecnologo alimentare per la sicurezza e la sostenibilità Dott.ssa Anna Amina Ciampella Presidente

Dettagli

LINEA DI RICERCA 2.8: "Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici di lungo termine: produttività e ciclo del carbonio."

LINEA DI RICERCA 2.8: Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici di lungo termine: produttività e ciclo del carbonio. Relazione II anno Climagri - Cambiamenti Climatici e Agricoltura sottoprogetto 2: Agricoltura Italiana e Cambiamenti Climatici LINEA DI RICERCA 2.8: "Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Dott. MONCALVO ALESSANDRO

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Dott. MONCALVO ALESSANDRO CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Dott. MONCALVO ALESSANDRO DATI ANAGRAFICI Nome: Alessandro Cognome: MONCALVO Luogo e data di nascita: Novi Ligure, 23-09-1984 Cittadinanza: italiana Stato civile: celibe Residente

Dettagli

Ottimizzazione di processi industriali

Ottimizzazione di processi industriali Emilio Ghiazza Ottimizzazione di processi industriali L applicazione di modelli matematici rigorosi per la minimizzazione dei costi operativi su impianti di dissalazione di grande capacità Bologna, 3/7

Dettagli

Tecnologie sostenibili per aumentare la sicurezza e la qualità di mele di IV gamma

Tecnologie sostenibili per aumentare la sicurezza e la qualità di mele di IV gamma Sessione L innovazione tecnologica per l estensione della shelf life Tecnologie sostenibili per aumentare la sicurezza e la qualità di mele di IV gamma Lara Manzocco, Alexandra Ignat, Fabio Valoppi, Michela

Dettagli

RETE REGIONALE DELL EMILIA-ROMAGNA DI MONITORAGGIO DELLA MUTAGENICITA DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO URBANO: RIMINI (2000-2001)

RETE REGIONALE DELL EMILIA-ROMAGNA DI MONITORAGGIO DELLA MUTAGENICITA DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO URBANO: RIMINI (2000-2001) Monitoraggio della mutagenicità del particolato atmosferico urbano Rimini (-1): Sezione Provinciale di Parma Via Spalato, 4 43 - Parma Tel. 21/381.111 Fax 21/381.239 E-mail: sez@pr.arpa.emr.it Il Dipartimento

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA Via Cadorna, 8-22100 COMO

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA Via Cadorna, 8-22100 COMO LAB N 1301 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA Via Cadorna, 8-22100 COMO UNI EN ISO 9001:2008 IL DIRETTORE LSP

Dettagli

Le nuove opportunità e limitazioni nel settore dei derivati della carne suina e avicola

Le nuove opportunità e limitazioni nel settore dei derivati della carne suina e avicola Le nuove opportunità e limitazioni nel settore dei derivati della carne suina e avicola Problematiche di export legate alla presenza di batteri patogeni in prodotti a base di carne: effetti della tecnologia

Dettagli

VALIDAZIONE METODI DI PROVA PROVE MICROBIOLOGICHE

VALIDAZIONE METODI DI PROVA PROVE MICROBIOLOGICHE VALIDAZIONE METODI DI PROVA PROVE MICROBIOLOGICHE 1 Il processo di validazione/qualificazione di un metodo microbiologico presuppone che i fattori critici siano adeguatamente disciplinati da indicazioni

Dettagli

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Strategie innovative rispondenti ai bisogni delle imprese nel comparto degli ortofrutticoli della IV gamma STAYFRESH Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Chiara Gorni, Donatella Allemand,

Dettagli

SPERIMENTARE ATTRAVERSO I MODELLI. Un esperienza sull uso di strategie di apprendimento basate sulla simulazione iconica

SPERIMENTARE ATTRAVERSO I MODELLI. Un esperienza sull uso di strategie di apprendimento basate sulla simulazione iconica SPERIMENTARE ATTRAVERSO I MODELLI Un esperienza sull uso di strategie di apprendimento basate sulla simulazione iconica Introduzione Gli esseri umani utilizzano i modelli per svariati scopi: innanzitutto

Dettagli

Studio dei fenomeni di corrosione negli imballaggi metallici mediante misure elettrochimiche. C. Sinagra

Studio dei fenomeni di corrosione negli imballaggi metallici mediante misure elettrochimiche. C. Sinagra Studio dei fenomeni di corrosione negli imballaggi metallici mediante misure elettrochimiche C. Sinagra Applicazioni nel packaging rigido Applicazioni nel packaging semi rigido Applicazioni nel packaging

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

Sistema Bioxigen purifying air innovation RELAZIONI UNIVERSITA'

Sistema Bioxigen purifying air innovation RELAZIONI UNIVERSITA' Sistema Bioxigen purifying air innovation RELAZIONI UNIVERSITA' INDICE Pag. UNIVERSITA DI PADOVA - Medicina Ambientale Relazione sull attività microbicida di ionizzatori dell aria e misura delle emissioni

Dettagli

S. Morabito - A. Benassi. Laboratori di prova per la sicurezza alimentare: esperienze, criticità e prospettive per l'accreditamento.

S. Morabito - A. Benassi. Laboratori di prova per la sicurezza alimentare: esperienze, criticità e prospettive per l'accreditamento. ISO 7218:2007 Microbiology of food and animal feeding stuffs-general requirements and guidance for microbiological examinations. Implicazioni per il laboratorio e per la conduzione degli audit S. Morabito

Dettagli

Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera. L. Trainelli

Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera. L. Trainelli Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera L. Trainelli 1 2 Indice 1 INTRODUZIONE.......................... 3 1.1 Caratteristiche dell atmosfera.................... 3 1.2 Regioni dell atmosfera........................

Dettagli

I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC

I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC G Ital Nefrol 2011; 28 (6): 642-647 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

Dettagli

New Chemicals Program Industrial Chemicals

New Chemicals Program Industrial Chemicals = f ( ) 2 3 4 New Chemicals Program Industrial Chemicals Sezione del TSCA (Toxic Substance Control Act) assegna a US EPA il compito di valutare i nuovi composti: entro 90 giorni attivo da decenni decine

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI AA

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI AA Presentazione e Programma del corso di insegnamento Igiene e Tecnologie Alimentari del corso integrato SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI AA 0-03 docente titolare: prof. Marcello Trevisani INDICE:. Presentazione

Dettagli

SICUREZZA ALIMENTARE IN UN AZIENDA DI CARAMELLE DELLA PROVINCIA DI TERAMO

SICUREZZA ALIMENTARE IN UN AZIENDA DI CARAMELLE DELLA PROVINCIA DI TERAMO FONDAZIONE Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy, Sistema Agroalimentare e Sistema Moda sede principale nella Provincia di Teramo e sede secondaria nella Provincia di Pescara.

Dettagli

Tecnologie fotovoltaiche piane e a concentrazione

Tecnologie fotovoltaiche piane e a concentrazione Vicenza, 26 settembre 2014 Tecnologie fotovoltaiche piane e a concentrazione Davide Del Col Università degli Studi di Padova Dipartimento di Ingegneria Industriale Progetto regione Veneto SMUPR n. 4148

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

Il Building Information Modelling (BIM)

Il Building Information Modelling (BIM) Sede dell'ordine degli Ingegneri di Lecco Lecco,16 aprile 2015 Il Building Information Modelling (BIM) Processi di progettazione e metodi di verifica del progetto: il ruolo del Building Information Modelling,

Dettagli

Regressione Logistica

Regressione Logistica Regressione Logistica Esercizio Data set: Nel data set heart.txt (o heart.sav) sono contenute informazioni riguardo 302 pazienti che hanno avuto infarto e 60 che non hanno avuto infarto in uno studio retrospettivo

Dettagli

Principi di analisi causale Lezione 2

Principi di analisi causale Lezione 2 Anno accademico 2007/08 Principi di analisi causale Lezione 2 Docente: prof. Maurizio Pisati Logica della regressione Nella sua semplicità, l espressione precedente racchiude interamente la logica della

Dettagli

igiene e sicurezza alimenti partnership con laboratorio di analisi microbiologiche

igiene e sicurezza alimenti partnership con laboratorio di analisi microbiologiche index 1998- consulenza per pmi del settore alimentare 2000- implentazione area formazione sicurezza alimentare 2004- costituzione della Food Consulting di Dr. Arturo Caputo igiene e sicurezza alimenti

Dettagli

LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti

LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti Le ultime due stagioni Il modello gestionale in uso LEPRE E ZRC Provenienza

Dettagli

ESAME DI AMMISSIONE AL COLLEGIO INTERNAZIONALE CA FOSCARI PER L ANNO ACCADEMICO 2014/2015 VENEZIA, MERCOLEDÍ 07 MAGGIO 2014 TEST DI ECONOMIA

ESAME DI AMMISSIONE AL COLLEGIO INTERNAZIONALE CA FOSCARI PER L ANNO ACCADEMICO 2014/2015 VENEZIA, MERCOLEDÍ 07 MAGGIO 2014 TEST DI ECONOMIA ESAME DI AMMISSIONE AL COLLEGIO INTERNAZIONALE CA FOSCARI PER L ANNO ACCADEMICO 2014/2015 VENEZIA, MERCOLEDÍ 07 MAGGIO 2014 TEST DI ECONOMIA 1. Se la probabilità di avere la malaria è del 3 per cento,

Dettagli

Research Challenges in Computer Security Dipartimento di Informatica Università di Verona

Research Challenges in Computer Security Dipartimento di Informatica Università di Verona Research Challenges in Computer Security Dipartimento di Informatica Università di Verona GRUPPO DI RICERCA Sicurezza dei Computer Roberto Giacobazzi Isabella Mastroeni Mila Dalla Preda Alessandro Farinelli:

Dettagli

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16 MASTER DEGREE IN MOLECULAR AND MEDICAL BIOTECHNOLOGY AA 2015/16 Classe LM-9 - Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche Come iscriversi Il Corso di Studio è ad accesso non programmato Accesso

Dettagli

GRANDI CARNIVORI IN LOMBARDIA

GRANDI CARNIVORI IN LOMBARDIA GRANDI CARNIVORI IN LOMBARDIA Meriggi A., Milanesi P., Crotti C., Mazzoleni L. Dipartimento di Biologia Animale Università degli Studi Pavia Classe: Mammiferi Ordine: Carnivori Famiglia Canidi Ursidi Felidi

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

Pancetta arrotolata senza cotenna

Pancetta arrotolata senza cotenna Scheda tecnica Pancetta arrotolata senza cotenna Prodotto a marchio: Descrizione prodotto: Salumificio Bonalumi snc Prodotto ottenuto dal pannicolo adiposo della parte ventrale della mezzena suina (pancetta),

Dettagli

Sistemi Esperti Sviluppati da ENDIF-UNIFE e DEIS- UNIBO

Sistemi Esperti Sviluppati da ENDIF-UNIFE e DEIS- UNIBO Sistemi Esperti Sviluppati da ENDIF-UNIFE e DEIS- UNIBO G. Gamberoni, E. Lamma, F. Riguzzi, S. Storari ENDIF Università di Ferrara P. Mello DEIS Università di Bologna Applicazioni i i in campo medico Collaborazione

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Segretariato Nazionale Della Valutazione Del Rischio

Dettagli

CURRICULUM VITAE. - Abilitato all'esercizio della professione di Medico Veterinario con la votazione di 120/120.

CURRICULUM VITAE. - Abilitato all'esercizio della professione di Medico Veterinario con la votazione di 120/120. CURRICULUM VITAE NORMANNO GIOVANNI GIUSEPPE Professore Universitario di seconda fascia SSD VET/04 Ispezione degli alimenti Nato a Foggia il 2/01/1967 Già in servizio presso la facoltà di Medicina Veterinaria

Dettagli

Microrganismi indesiderati

Microrganismi indesiderati GIORNATA DI STUDIO Il controllo microbiologico dei prodotti non obbligatoriamente sterili secondo la nuova monografia armonizzata di EP, USP e JP. Cristina Viganò - Intendis Manufacturing SpA Microrganismi

Dettagli

Parole chiave: latte ovino, caseificio aziendale, formaggio tradizionale. Key words: sheep milk, cheese plant, traditional cheese.

Parole chiave: latte ovino, caseificio aziendale, formaggio tradizionale. Key words: sheep milk, cheese plant, traditional cheese. INDAGINE CONOSCITIVA SU CARATTERISTICHE CHIMICO FISICHE E MICROBIOLOGICHE DI LATTE E FORMAGGI PRODOTTI DA AZIENDE OVINE DELLA PROVINCIA DI ROMA RISULTATI PRELIMINARI PRELIMINARY STUDY OF CHEMICAL FISICAL

Dettagli

UN ESEMPIO CONCRETO DI COME LA TECNOLOGIA MPC PUO CONTRIBUIRE A MIGLIORARE E OTTIMIZZARE LA GESTIONE DI UNA RETE DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE.

UN ESEMPIO CONCRETO DI COME LA TECNOLOGIA MPC PUO CONTRIBUIRE A MIGLIORARE E OTTIMIZZARE LA GESTIONE DI UNA RETE DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. UN ESEMPIO CONCRETO DI COME LA TECNOLOGIA MPC PUO CONTRIBUIRE A MIGLIORARE E OTTIMIZZARE LA GESTIONE DI UNA RETE DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. Alessandro Masiello Rockwell Automation Mission Overview

Dettagli

Osservatorio Credito e Risparmio Adiconsum Tassi Effettivi Globali Medi 1.7.1997-30.9.09

Osservatorio Credito e Risparmio Adiconsum Tassi Effettivi Globali Medi 1.7.1997-30.9.09 Incremento/ Decremento 1.7.2009-30.9.2009 1.7.09-1.4.09 1.4.2009-30.6.2009 1.1.2009-31.12.2009 1.10.2008-31.12.2008 1.7.2008-30.9.2008 11,59 17,385-0,200-0,300 11,79 17,69 12,27 18,41 13,27 19,91 12,97

Dettagli

Statistica multivariata. Statistica multivariata. Analisi multivariata. Dati multivariati. x 11 x 21. x 12 x 22. x 1m x 2m. x nm. x n2.

Statistica multivariata. Statistica multivariata. Analisi multivariata. Dati multivariati. x 11 x 21. x 12 x 22. x 1m x 2m. x nm. x n2. Analisi multivariata Statistica multivariata Quando il numero delle variabili rilevate sullo stesso soggetto aumentano, il problema diventa gestirle tutte e capirne le relazioni. Cercare di capire le relazioni

Dettagli

Validazione dei modelli Strumenti quantitativi per la gestione

Validazione dei modelli Strumenti quantitativi per la gestione Validazione dei modelli Strumenti quantitativi per la gestione Emanuele Taufer Validazione dei modelli Il data set Auto I dati Il problema analizzato Validation set approach Diagramma a dispersione Test

Dettagli

Assobagno Academy - Si può fare! -

Assobagno Academy - Si può fare! - Assobagno Academy - Si può fare! - Dr. Fabrizio Pirovano Trainer & Coach Dr.ssa Deanna Nava Trainer PERCHE QUESTO SEMINARIO? Perchè per fare la differenza bisogna: VALORIZZARE I PUNTI DI FORZA DELL'AZIENDA,

Dettagli

IL PROGETTO TRUEFOOD Innovazione dei prodotti alimentari tradizionali in tempo di crisi

IL PROGETTO TRUEFOOD Innovazione dei prodotti alimentari tradizionali in tempo di crisi Alimentazione e Recessione Mercoledì 29 Aprile 2009-04-03 Camera dei Deputati Palazzo Marini Sala delle Conferenze IL PROGETTO TRUEFOOD Innovazione dei prodotti alimentari tradizionali in tempo di crisi

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

Biolife Italiana S.r.l.

Biolife Italiana S.r.l. N 401605-13 B I-13 04-2010 Pagina 1 di 5 ALOA AGAR LISTERIA ACC. TO OTTAVIANI & AGOSTI ALOA ENRICHMENT-SELECTIVE SUPPLEMENTS Terreno in polvere, supplemento selettivo, arricchimento e piastre pronte all

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

KT2 BUILDING CONSUMER TRUST IN THE FOOD CHAIN MANIFESTAZIONI DI INTERESSE

KT2 BUILDING CONSUMER TRUST IN THE FOOD CHAIN MANIFESTAZIONI DI INTERESSE KT2 BUILDING CONSUMER TRUST IN THE FOOD CHAIN MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1 FOOD CHAIN MANAGEMENT Coordinatore: Roberto Fanfani, 1. Alessandro Banterle Università di Milano Dipartimento di Economia e Politica

Dettagli

LA GESTIONE DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO NEL RASFF IL MODELLO DANESE

LA GESTIONE DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO NEL RASFF IL MODELLO DANESE LA GESTIONE DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO NEL RASFF IL MODELLO DANESE Dott.ssa Veronica Cibin SC8 - Laboratorio di Analisi del Rischio, IZSVE WORKSHOP RASFF PER IL NORDEST 2012_ Montecchio Precalcino 30

Dettagli

Nuovi materiali polimerici per applicazioni biomedicali

Nuovi materiali polimerici per applicazioni biomedicali Nuovi materiali polimerici per applicazioni biomedicali Attraverso l impiego di coating ibridi organici-inorganici Francesco Pilati Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di

Dettagli

NextSnow: stima delle risorse nivali e dei loro cambiamenti sulle Alpi. Umberto Morra di Cella

NextSnow: stima delle risorse nivali e dei loro cambiamenti sulle Alpi. Umberto Morra di Cella NextSnow: stima delle risorse nivali e dei loro cambiamenti sulle Alpi Contributi ARPA Valle d Aosta - E. Cremonese, G. Filippa, F. Diotri, P. Pogliotti Fondazione CIMA - S. Gabellani e R. Rudari CNR -

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Alessandro Massi Pavan SCUOLA ESTIVA SULL ENERGIA GIACOMO CIAMICIAN Sesto Val Pusteria 23-27 giugno 2014 IMPIANTI CONNESSI IN RETE TIPO DISTRIBUITO TIPO CENTRALIZZATO IMPIANTI ISOLATI

Dettagli

Bertasi B, Losio MN, Finazzi G, Tilola M, Maccabiani

Bertasi B, Losio MN, Finazzi G, Tilola M, Maccabiani TAB. 20.3 - RICERCHE EFFETTUATE IGIENE DEGLI ALIMENTI AD USO UMANO Bertasi B, Agnelli E, Pavoni E, Daminelli P, Bo ni P Ricera di Escherichia coli O157:H in alimenti tramite multiplex PCR = Application

Dettagli

Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta PANCETTA PIACENTINA

Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta PANCETTA PIACENTINA Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta PANCETTA PIACENTINA Art.1 Denominazione La Denominazione d'origine Protetta "Pancetta Piacentina" é riservata al prodotto di salumeria

Dettagli

ALLEGATO B MODELLO DI AUTOCERTIFICAZIONE (allegare copia del documento di identità del sottoscrittore)

ALLEGATO B MODELLO DI AUTOCERTIFICAZIONE (allegare copia del documento di identità del sottoscrittore) ALLEGATO B MODELLO DI AUTOCERTIFICAZIONE (allegare copia del documento di identità del sottoscrittore) AVVISO DI SELEZIONE PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI AVVOCATI QUALIFICATI AD ASSUMERE INCARICHI PER

Dettagli

LISTERIA MONOCYTOGENES Dott.ssa Manuela Cagnoli

LISTERIA MONOCYTOGENES Dott.ssa Manuela Cagnoli LA SICUREZZA ALIMENTARE IN GRAVIDANZA E NELLE ALTRE FASCE A RISCHIO: CONSIGLI E PRECAUZIONI LISTERIA MONOCYTOGENES Dott.ssa Manuela Cagnoli Novara, 29 settembre 2012 Borgomanero,, 13 ottobre 2012 1924

Dettagli

Dipartimento di Energia Sezione Elettrica. Grande Capannone 2 Piano Via La Masa 34 20156 Milano Tel: +39.02.2399.8506 Fax: +39.02.2399.

Dipartimento di Energia Sezione Elettrica. Grande Capannone 2 Piano Via La Masa 34 20156 Milano Tel: +39.02.2399.8506 Fax: +39.02.2399. Dipartimento di Energia Sezione Elettrica Grande Capannone 2 Piano Via La Masa 34 20156 Milano Tel: +39.02.2399.8506 Fax: +39.02.2399.8566 CALCOLO DEL PERFORMANCE RATIO E DEL FATTORE DI TRASPOSIZIONE DELL

Dettagli

ASSICURAZIONE QUALITÀ DEI DATI IN MICROBIOLOGIA

ASSICURAZIONE QUALITÀ DEI DATI IN MICROBIOLOGIA IX MEETING DEI RESPONSABILI E TECNICI DI LABORATORIO DEL SETTORE LATTIERO-CASEARIO MontegrottoTerme, 4-5 Dicembre 2008 ASSICURAZIONE QUALITÀ DEI DATI IN MICROBIOLOGIA Giuseppina Pedota Laboratorio APA

Dettagli

Il formaggio Gorgonzola ed il problema Listeria monocytogenes

Il formaggio Gorgonzola ed il problema Listeria monocytogenes Cop Quaderno ricerca ok 26-04-2004 16:45 Pagina 2 Regione Lombardia Agricoltura CONSORZIO TUTELA FORMAGGIO GORGONZOLA ISTITUTO LATTIERO CASEARIO DI LODI Il formaggio Gorgonzola ed il problema Listeria

Dettagli

Valutazioni economiche delle colture oleaginose per la filiera biodiesel

Valutazioni economiche delle colture oleaginose per la filiera biodiesel EIMA International, Bologna 7-11 Novembre 2012 PLF Unità di Ricerca per le Produzioni Legnose fuori Foresta Colture erbacee oleaginose: potenzialità produttive di brassicacee e girasole, meccanizzazione

Dettagli

Status of COSMO-ME-EPS system

Status of COSMO-ME-EPS system Status of COSMO-ME-EPS system Francesca Marcucci, Lucio Torrisi, Stefano Sebastianelli* CNMCA, National Meteorological Center,Italy * ISMAR-CNR, Venice, Italy Outline The COSMO-ME EPS system Evaluation

Dettagli

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Strategie innovative rispondenti ai bisogni delle imprese nel comparto degli ortofrutticoli della IV gamma - STAYFRESH Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Chiara Gorni, Donatella Allemand,

Dettagli

sara.graziano1985@libero.it Assegnista di ricerca Università degli Studi di Parma Dipartimento di Bioscienze

sara.graziano1985@libero.it Assegnista di ricerca Università degli Studi di Parma Dipartimento di Bioscienze Curriculum Vitae SARA GRAZIANO Informazioni personali Cognome Nome Indirizzo Telefono E-mail Cittadinanza Data di nascita Sesso Settore professionale Graziano Sara sara.graziano1985@libero.it Italiana

Dettagli

Verifica del codice con Interpretazione Astratta

Verifica del codice con Interpretazione Astratta Verifica del codice con Interpretazione Astratta Daniele Grasso grasso@dsi.unifi.it grasso.dan@gmail.com Università di Firenze, D.S.I., Firenze, Italy December 15, 2009 D.Grasso (Università di Firenze)

Dettagli

- 15G0078A130 - MODULO USB ISTRUZIONI INTERFACCIA PER ASAC-0/ASAC-1/ASAB

- 15G0078A130 - MODULO USB ISTRUZIONI INTERFACCIA PER ASAC-0/ASAC-1/ASAB - 15G0078A130 - MODULO USB ISTRUZIONI INTERFACCIA PER ASAC-0/ASAC-1/ASAB Emesso il 15/06/2012 R. 01 Il presente manuale costituisce parte integrante ed essenziale del prodotto. Leggere attentamente le

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico Decreto del direttore generale per il personale scolastico n. 82 del 24 settembre 2012: indizione dei concorsi a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente

Dettagli

LE TECNOLOGIE ALIMENTARI PER LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E IL RISPETTO PER L AMBIENTE

LE TECNOLOGIE ALIMENTARI PER LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E IL RISPETTO PER L AMBIENTE LE TECNOLOGIE ALIMENTARI PER LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E IL RISPETTO PER L AMBIENTE Luciano Piergiovanni COSA ABBIAMO NEL PIATTO: TECNOLOGIE, AMBIENTE, EDUCAZIONE, SICUREZZA. Milano, 17 ottobre 2012

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Bologna 31 gennaio 2014. Il progetto data warehouse nazionale screening oncologici. A.Ponti e Gruppo di lavoro DWH

Bologna 31 gennaio 2014. Il progetto data warehouse nazionale screening oncologici. A.Ponti e Gruppo di lavoro DWH Bologna 31 gennaio 2014 Il progetto data warehouse nazionale screening oncologici A.Ponti e Gruppo di lavoro DWH Obbiettivi Il progetto di DataWareHouse (DWH), finanziato dal Ministero della Salute (CCM),

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. GENNAIO 2014 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

Quando la Natura protegge la freschezza. l innovativo imballo alimentare brevettato SCHEDA TECNICA

Quando la Natura protegge la freschezza. l innovativo imballo alimentare brevettato SCHEDA TECNICA Quando la Natura protegge la freschezza. l innovativo imballo alimentare brevettato SCHEDA TECNICA CARATTERISTICHE TECNICHE Descrizione Imballaggio innovativo idoneo al contatto alimentare costituito in

Dettagli

Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta

Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta LE SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER LA CARTA DI MILANO LOTTA ALLE CONTRAFFAZIONI, DIAGNOSTICA PER CONTROLLO

Dettagli