PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO (TEV) IN AREA MEDICA ( )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO (TEV) IN AREA MEDICA (31.12.2012)"

Transcript

1 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI P.O. S. Camillo De Lellis Rieti Dipartimento di Medicina Direttore Prof. Alessandro Stefanini U.O. C. Medicina Interna 2 U.O.S. Diabetologia Direttore:Dott. Basilio Battisti Percorso Clinico: PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO (TEV) IN AREA MEDICA ( )

2 Il presente percorso clinico, obiettivo di budget del Dipartimento di Medicina, è redatto su mandato dell Azienda che pone anche l obiettivo di estenderne l applicazione a tutta l Area Medica e di creare, in una fase successiva, un raccordo/integrazione con le procedure di profilassi dell area chirurgica. Per tale motivo si richiedono la consultazione, condivisione ed eventuale validazione a tutti i Responsabili delle UOC con degenza. INDICE Definizione di TEV e Codifica pag.3 Fisopatologia e Profilassi...pag. 4 Percorso clinico...pag. 5 Flow-chart.pag. 6 Legenda pag. 7 Indicatori di percorso e Criticità..pag. 9 Allegati..pag. 10 Bibliografia....pag. 15 Redazione, Integrazioni, Verifica e Consenso.pag. 16 LEGENDA EBPM: Eparine a Basso Peso Molecolare ENF: Eparina Non Frazionata EP: Embolia Polmonare HIT: Heparin-Induced Thrombocytopenia LG: Linee Guida PF4-Hep: Fattore Piastrinico4 Eparina TEV: Trombo Embolismo Venoso TVP: Trombosi Venosa Profonda 2

3 DEFINIZIONE DI TEV Si definisce Tromboembolismo Venoso (TEV) una condizione patologica che comprende due quadri clinici : la Trombosi del Sistema Venoso Profondo (TVP) e l'embolia Polmonare (EP). Si tratta di due manifestazioni della stessa malattia in quanto nel 70% delle EP (anche se subclinica) si rileva una TVP, ed il 30-50% dei casi di TVP si complicano con una EP. CODIFICA Cuore polmonare acuto Embolia polmonare e infarto polmonare iatrogeni Altre forme di embolia polmonare e infarto polmonare Ipertensione polmonare primitiva Altre forme di malattia cardiopolmonare Malattia cardiopolmonare cronica Flebite e tromboflebite dei vasi superficiali delle estremità inferiori Flebite e tromboflebite della vena femorale (profonda) (superficiale) Flebite e tromboflebite di altre vene arti inferiori specificate Flebite e tromboflebite delle estremità inferiori, non specificate Flebite e tromboflebite della vena iliaca Flebite e tromboflebite delle vene superficiali delle estremità superiori Flebite e tromboflebite delle vene profonde delle estremità superiori Flebite e tromboflebite non specificate delle estremità superiori Flebite e tromboflebite di altre sedi Flebite e tromboflebite di sedi non specificate 452 Trombosi della vena porta Sindrome di Budd-Chiari Tromboflebite migrante Embolia e trombosi della vena cava Embolia e trombosi della vena renale Embolia e trombosi di altre vene specificate Embolia e trombosi di sede non specificata EPIDEMIOLOGIA L'incidenza del TEV nella popolazione generale è di circa 1-2 casi per 1000, anche se si ritiene che solo 1/3 di essi sia diagnosticato Nei pazienti ospedalizzati la prevalenza è del 25% circa e, di questi, la metà è ricoverato presso reparti di Area Medica, con conseguente aumento della morbilità e mortalità. Si tratta di soggetti con patologie acute i quali presentano, proprio a causa delle affezioni delle quali sono portatori, un forte rischio di TEV. Il % circa dei pazienti ricoverati in medicina interna ha il rischio di sviluppare una TVP, oppure una EP, quest ultima è una delle principali cause di mortalità (l EP è fatale nel 10 % dei casi nei pazienti ospedalizzati ) 1 ed è di frequente riscontro all esame autoptico di pazienti medici deceduti in ospedale. Solo il 25 % delle morti ospedaliere per EP è da causa chirurgica. Nonostante questo, nella maggior parte dei pazienti, la diagnosi di TEV non viene neppure sospettata sia per la rapidità di comparsa ed evoluzione del quadro clinico sia perché i sintomi sono spesso sfumati o addirittura assenti (70 % dei casi), per cui la manifestazione primaria può essere una EP massiva con esito fatale. 2 E ormai universalmente acquisito che non solo nei pazienti chirurgici, ma anche e soprattutto nei pazienti di tipo medico, ricoverati per patologia acuta, è necessario valutare il rischio di TEV e mettere in atto un appropriata e tempestiva strategia preventiva e terapeutica. 3

4 FISIOPATOLOGIA Il rischio di TEV è correlato a specifici fattori (Tabella n 1) ed è tanto maggiore quanto più numerosi essi sono presenti nello stesso paziente. 3 Tabella n 1: FATTORI DI RISCHIO DI TEV NEI PAZIENTI OSPEDALIZZATI PATOLOGIA CARATTERISTICHE CLINICHE Infezione Acuta Pregresso TEV Scompenso Cardiaco III / IV NYHA Età 75 anni IMA Chirurgia recente o Trauma Patologia respiratoria Acuta Immobilità o paresi Ictus Obesità (BMI > 30) Malattia Reumatica CVC Malattia Infiammatoria Intestinale Trombofilia Congenita o Acquisita Tumore in fase attiva o Chemioterapia Terapia con estrogeni Questi fattori, attivando uno o più meccanismi di quelli alla base della patogenesi (Triade di Wirchow: Stasi, Ipercoagulabilità, Danno Endoteliale), favoriscono la comparsa della trombosi venosa con le sue complicanze. TVP ed EP si possono sviluppare nel % dei casi se non viene applicata la tromboprofilassi, che, viceversa, in medicina può ridurre significativamente il rischio di TEV nei soggetti con anamnesi positiva per le condizioni riportate in tabella. 1 PROFILASSI Nonostante sia raccomandata una tromboprofilassi nei pazienti a rischio, e questo in campo chirurgico ha trovato ampia applicazione riducendo la mortalità, in medicina essa non è stata sempre attuata in modo sistematico, per la scarsa percezione del problema, la mancanza di consenso sui pazienti da trattare e l incertezza sulla stratificazione dei soggetti a rischio ( carenza di protocolli di screening). Un interessante metodo di screening è stato attuato inserendo i fattori di rischio maggiori, insieme con altre condizioni predisponenti, in un modello di valutazione utilizzato per identificare i soggetti da sottoporre a tromboprofilassi (TEV ALERT). 4-5 Tale modello, applicato in un reparto ove vengono ricoverati frequentemente soggetti portatori di uno o più fattori maggiori di rischio, ha permesso sia un trattamento appropriato, visto che è stato stimato che siano trattati adeguatamente solo il % dei pazienti di medicina interna 6, che la riduzione del rischio di TEV, mortalità o complicanze associate. Attualmente, però, alla luce delle conoscenze acquisite, pur permanendo alcune incertezze, molte delle problematiche che hanno ostacolato un sistematico approccio preventivo a questa patologia sono state chiarite e superate ed abbiamo a disposizione strumenti che consentono una valutazione del rischio di TEV. Inoltre è documentata l utilità della valutazione effettuata in tutti i pazienti al momento del ricovero ed anche durante l ospedalizzazione, in caso di trasferimento in un reparto di terapia intensiva o di intervento chirurgico. Sono disponibili diverse Linee Guida che indicano come individuare i soggetti a rischio e come effettuare la profilassi con strumenti sia non farmacologici che con farmaci. Diversi studi hanno infatti dimostrato l efficacia di farmaci anticoagulanti quali Eparina non Frazionata, Eparine a Basso Peso Molecolare e Fondaparinux, utilizzati nella profilassi del TEV in pazienti ospedalizzati per patologie acute di tipo medico ad alto rischio. I dati sui quali si basano le Linee Guida attuali, relativamente alla prevenzione del TEV in medicina, sono stati forniti in particolare da tre studi clinici effettuati su larga scala, randomizzati, controllati con placebo ed in doppio cieco: - Lo studio MEDENOX (Profhylaxis in Medical Patients with Enoxaparin) 2 - Lo studio PREVENT (Prospective Evaluetionof Dalteparin Efficacy for Prevention of VTE in Immobilized Patients Trial). 7 - Lo studio ARTEMIS (Arixstrafor Thromboembolism Preventionina Medical Indication Study). 8 4

5 IL PERCORSO CLINICO Come metodologia, in prima istanza, sono state valutate le Linee Guida attualmente disponibili e quanto la letteratura recente ha ampiamente esaminato e documentato, circa le condizioni cliniche associate al rischio di TEV, le modalità operative di screening e la profilassi in termini di benefici e rischi. Permangono però alcune situazioni cliniche e terapeutiche non ancora definite dagli studi disponibili (valutazione rischio emorragico, dosaggio dei farmaci in caso di rischio emorragico intermedio, nuovi antitrombotici ) per le quali saranno necessari ulteriori studi. Relativamente a questi aspetti, pertanto, restano fondamentali la caratterizzazione del paziente, la valutazione del singolo caso da parte dell equipe ed il supporto di altri specialisti. Delle LG disponibili sono state selezionate quelle riportate nella Tabella n 2 che trattano in modo specifico le problematiche del paziente medico e sulla base di esse, oltre che della letteratura, è stato elaborato il presente Percorso Clinico Aziendale, la cui applicazione si intende proporre, come detto in premessa, a tutte le UOC con degenza dell Area Medica, anche non afferenti al Dipartimento di Medicina, con l obiettivo di individuare e trattare i pazienti ospedalizzati per malattie acute a rischio di TEV al fine di ridurne l incidenza e migliorare l esito del ricovero in soggetti degenti per varie patologie in ambito medico. Tabella n 2: LINEE GUIDA PREVENZIONE TEV ACCP, 2012 : American College of Chest Physicians NICE, 2010: National Institute for Health and Clinical Excellence ASCO, 2007: American Society of Clinical Oncology SPREAD, : Stroke Prevention And Educational Awareness Diffusion NCCN, 2012 SISET, : Società Italiana per lo Studio dell Emostasi e Trombosi 5

6 SCREENING DEI SOGGETTI RICOVERATI IN AREA MEDICA A RISCHIO DI TEV Ricovero Area Medica Visita E1 Rischio TEV S1 NO Uscita U1 SI Padua Score E2 4 S2 NO Uscita U2 Non Validato SI Rischio Emorragico E3 Prosegue X 3 Mesi E9 RISCHIO ELEVATO S3 SI PROFILASSI MECCANICA E3a SI NO 3 S7 NO P : egfr INR > 1.5 S4 SI Korana Score E7 SI NO EBPM Fondaparinux E4 1/2 : EBPM / Fondaparinux E5 Oncologico in CT S6 NO DIMISSIONE: Prosegue x 14 gg complessivi E6 Eff. Coll. S5 NO SI 6

7 LEGENDA PERCORSO TEV PREVENZIONE E1: Al momento del ricovero il paziente viene sottoposto a visita (Anamnesi, Esame Obiettivo) effettuata dal medico di turno, come di prassi ed ad eventuali esami di laboratorio se necessari (Emocromo, Creatininemia, Quadro Emocoagulativo). S1: Esclusa la presenza di elementi diagnostici compatibili con TEV sospetta o in fase acuta (in questo caso il paziente seguirà altro percorso) si ricercano eventuali fattori di rischio per TEV (Tabella n 1; Allegato n 1) U1: Se non sono presenti fattori di rischio, il paziente esce dalla successiva valutazione In quanto non necessita di valutazione del rischio TEV non presentando fattori di rischio. E2:Nel caso in cui sia presente almeno un fattore di rischio al paziente viene somministrato lo score Padua/Barbar che, in relazione alle LG ACCP 2012, è stato validato come test di screening per i soggetti ricoverati in area medica per patologia acuta. Lo score Padua/Barbar, con la relativa interpretazione dei risultati, è riportato nell Allegato n 2. Il medico che visita il paziente oppure il medico di reparto, entro 24 ore dall ingresso, raccoglie gli elementi richiesti dallo score. S2: Lo score consente di selezionare due tipologie di pazienti: Soggetti con score < a 4 e soggetti con score 4 U2: Per uno score < 4 il paziente non verrà sottoposto ad ulteriori valutazioni (Uscita), a meno che durante la degenza cambino le condizioni cliniche, in questo caso si effettuerà una rivalutazione. E3:Per uno score 4, poiché il paziente è candidato a possibile trattamento anticoagulante preventivo, si procederà a valutazione del rischio emorragico (Allegato n 3). Al momento attuale non esistono strumenti validati dalle varie LG per la valutazione del rischio emorragico. In riferimento al Data Base Internazionale IMPROVE ed ai dati della letteratura si prendono in considerazione gli elementi riportati nell Allegato n 3 e si classificano, in questo percorso, in fattori di rischio come maggiori o di grado intermedio. S3: Valutazione della presenza di fattori di rischio emorragico maggiori: - Recente Sanguinamento con trasfusione di almeno due unità di GR concentrati - Ulcera Gastroduodenale in fase attiva - Piastrine < Insufficienza renale grave: egfr< 30 ml/m /m 2 - PA > 230/120 mmhg E3a : il paziente, se non sono presenti controindicazioni a tale trattamento, quali: Arteriopatia obliterante grave Neuropatia Ulcere TVP in atto 7

8 può essere avviato a trattamento non farmacologico che peraltro può anche essere utilizzato in aggiunta al trattamento farmacologico in caso di rischio molto alto di TEV: ELASTOCOMPRESSIONE e/o COMPRESSIONE PNEUMATICA INTERMITTENTE POMPA VENOSA PLANTARE E4: Se il paziente non rientra in nessuna delle categorie di rischio emorragico verrà sottoposto a trattamento standard utilizzando, a dose preventiva, uno dei farmaci con indicazione specifica alla prevenzione farmacologica in paziente medico allettato a rischio di TEV: - ENOXAPARINA alla dose di 40 mg / die - FONDAPARINUX alla dose di 2,5 mg / die La Daltaparina ha prove di efficacia ma non l indicazione (Studio PREVENT). L Eparina Non Frazionata (ENF) è genericamente indicata nel Tromboembolismo arterioso e venoso. E5: Nel caso in cui sia presente almeno un fattore di rischio emorragico intermedio, si procederà ad un trattamento anticoagulate a dose ridotta (giudizio clinico complessivo). S5: Nel corso del trattamento si monitorizzerà il paziente relativamente ad eventuali effetti collaterali( Emorragie, Piastrinopenia indotta da Eparina: HIT) da trattamento anticoagulante eseguendo, nei primi 15gg di trattamento, l es. emocromocitometrico per l individuazione precoce dell eventuale HIT, qualora ci siano elementi di sospetto clinico o da indicazione dello score specifico per HIT (Allegato n 5 ). In presenza di effetti collaterali, se persiste la positività del Padua Score, il paziente interromperà il trattamento farmacologico e si passerà a trattamento non farmacologico (E3a). S6: Prima della dimissione è necessario valutare se al paziente è stata diagnosticata una neoplasia maligna. E6: Il paziente NON oncologico, in assenza di effetti collaterali, proseguirà il trattamento farmacologico per complessivi 14 giorni o per il tempo di persistenza delle condizioni di rischio (rivalutazione con Padua Score). Al momento attuale non ci sono evidenze validate circa l utilità di un trattamento preventivo prolungato. S6: Se al paziente è stato diagnosticato un Mieloma oppure un tumore solido ed ha intrapreso o sta per intraprendere un trattamento chemioterapico od ormonale, anche ambulatoriale, con farmaci favorenti la trombosi :Talidomide, Lenalitomide, Bevacizumab si si può utilizzare lo Score di Korana (Allegato n 5 ) E6:Sore di Korana < 3 il trattamento e follow-up saranno simili a quelli del paziente non oncologico. E7: Per uno score 3 si proporrà un trattamento per almeno tre mesi(trattamento da condividere con l Oncologo) 8

9 INDICATORI DI PERCORSO: 1. Presenza in cartella dello Score Padua, compilato entro 24 ore dall ingresso del paziente in area medica con patologia acuta. 2. Controllo emocromo, creatininemia, quadro emocoagulativo prima dell inizio della terapia farmacologica. 3. Controllo emocromo entro i primi 14 gg di trattamento 4. Casi di TVP o EP in corso di ricovero 5. Pazienti ricovero con diagnosi di TEV entro un mese dalla precedente dimissione da reparto dell area medica CRITICITA In generale, come detto nella premessa, le criticità riguardano ildi trattamento dei pazienti con rischio emorragico intermedio (le LG rimandano sostanzialmente alla decisione del clinico), e la non concordanza tra le LG sulla valutazione e trattamento del paziente oncologico ambulatoriale ed, infine, la prova dell efficacia delle misure alternative al trattamento farmacologico. Solo nell ictus acuto è stata documentata l inefficaciaia di tale trattamento. 12 La criticità specifica della nostra ASL è sostanzialmente rappresentata dalla scarsa esperienza nell uso della profilassi meccanica e l indisponibilità degli strumenti per attuarla. 9

10 ALLEGATO N 1 : FATTORI DI RISCHIO di TEV PREGRESSA TVP : Evidenza nella storia clinica di precedenti episodi di TVP ETA > 60 ANNI TROMBOFILIA: Disordini del sistema emostatico congeniti o acquisiti che comportano amentato rischio di trombosi quali: o Deficit Antitrombina III o Resistanza alla protein C attivata o Deficit di proteina C o Deficit proteina S o Mutazione del Gene della Protrombina o Fattore V Leiden o Sindrome da Ab anti-fosfolipidi. CANCRO ATTIVO: evidenza di tumore maligno attivo (trattato o non trattato) nei sei mesi precedenti. IMMOBILIZZAZIONE MALATTIA ACUTA IN ATTO 10

11 ALLEGATO N 2: (scheda da allegare alla cartella clinica) PADUA / BARBAR SCORE Barbar S et al. J ThrombHaemost Nov; 8 (11); Sig nato il Letto n VALUTAZIONERISCHIOTEV secondo PADUA PREDICTION SCORE (LG ACCP, 2012) FATTORE DI RISCHIO PUNTEGGIO Cancro attivo* 3 TEV precedente** 3 Ipomobilità*** 3 Trombofilia nota**** 3 Trauma e/o chirurgia recente (< 1 mese) 2 ETA ³ 70 anni 1 Insufficienza Cardiaca e/o Respiratoria 1 IMA o Stroke 1 Infezione acuta e/o Patologia Reumatica 1 Obesità (BMI ³ 30) 1 Trattamento ormonale in atto 1 SCORE TOTALE <4 BASSO RISCHIO DI TEV 4 ALTO RISCHIO DI TEV * metastasi locali o distanti e/o CT o RT effettuata negli ultimi 6 mesi ** escluse le trombosi venose superficiali *** allettamento o possibilità di accedere solo al bagno (sia per le limitazioni dovute alla patologia che per ordine medico) per almeno 3 giorni **** difetti di AT, Proteina C o S, FV Leiden, Variante protrombinica 20210, LAC/APA Rieti. Dati rilevati da NOTA: Cerchiare il valore rilevato 11

12 ALLEGATO N 3 : FATTORI DI RISCHIO EMORRAGICO Relativamente al rischio emorragico un ruolo importante riveste l International Medical PreventionRegistry on Venous Thromboembolism (IMPROVE). E undata base internazionale di osservazione relativo agli esiti di pazienti ricoverati in per una malattia acuta. Coinvolge 52 ospedali in 12 paesi, ha arruolato pazienti ed elaborato un modello di Calcolo del Rischio Emorragico (non ancora validato dalle LG ) che comunque fornisce elementi importanti per la valutazione del paziente da sottoporre a tromboprofilassi. Lo score è disponibile on-line al sito: come: Bleeding Risk Calculator In relazione ai dati complessivi di IMPROVE e da quelli desunti dalla letteratura sull argomento si possono considerare : FATTORI DI RISCHIO EMORRAGICO MAGGIORI ULCERA GASTRODUODENALE ATTIVA SANGUINAMENTO NEI PRECEDENTI TRE MESI PIASTRINE,al momento del ricovero,< egfr< 30 ml/m/1,75 m 2 PA 230 /120 mmhg FATTORI DI RISCHIO INTERMEDIO EMORRAGICO: INSUFFICIENZA EPATICA ( INR > 1.5) RICOVERO IN UTIC O TERAPIA INTENSIVA CATETERE VENOSO CENTRALE MALATTIA REUMATICA ( es. Artrite Reumatoide) CANCRO ATTIVO (evidenza tumore maligno attivo, trattato o no, negli ultimi sei mesi) ETA 85 egfr: ml/m/1,75 m 2 Bibliografia IMPROVE 1. Tapson VF, Decousus H, Pini M, Chong BH, Froehlich JB, Monreal M, Spyropoulos AC, Merli GJ, Zotz RB, Bergmann JF, Pavanello R, Turpie AG, Nakamura M, Piovella F, Kakkar AK, Spencer FA, Fitzgerald G, Anderson FA Jr, for the IMPROVE Investigators. Venousthromboembolismprophylaxis in acutelyillhospitalizedmedicalpatients: findings from the internationalmedicalpreventionregistryonvenousthromboembolism. Chest, 2007 Sep;132(3): Decousus H, Tapson VF, Bergmann JF, Chong BH, Froehlich JB, Kakkar AJ, Merli GJ, Monreal M, Nakamura M, Pavanello R, Pini M, Piovella F, Spencer FA, Spyropoulos AC, Turpie AGG, Zotz RB, FitzGerald G, Anderson FA Jr, for the IMPROVE Investigators. FactorsatAdmissionAssociated With BleedingRisk in MedicalPatients: Findings from the IMPROVE Investigators. Chest 2011 Jan;139(1): Spyropoulos AC, Anderson FA Jr, FitzGerald G, Decousus H, Pini M, Chong BH, Zotz RB, Bergmann JF, Tapson V, Froehlich JB, Monreal M, Merli GJ, Pavanello R, Turpie AG, Nakamura M, Piovella F, Kakkar AK, Spencer FA; for the IMPROVE (International MedicalPreventionRegistryonVenousThromboembolism) Investigators. Predictive and Associative Models to IdentifyHospitalizedMedicalPatientsatRisk for VenousThromboembolism. Chest 2011 Epub Mar

13 ALLEGATO N 4 SCORE DI KORANA Predictive Model for Cheotherapy-associated VTE Korana AA et Al, Blood My 15; 111 (10): , Epub 2008 Jan23 CARATTERISTICHE DEL PAZIENTE SCORE Tumore Stomaco, Pancreas 2 Tumore Polmone, Linfoma, Ginecologico, Vescica Testicolo 1 Piastrine> /mm 3 1 Hb< 10gr/dl oppure Terapia con Eritropoietina 1 Conta Leucocitaria > / mm 3 1 BMI > 35 1 BASSO RISCHIO= 0 RISCHIO INTERMEDIO: 1 2 ALTO RISCHIO: 3 13

14 ALLEGATO n 5: TROMBOCITOPENIA INDOTTA DA EPARINA 13 SISET 2007: Diagnosi e terapia della trombocitopenia eparina-indotta La Trombocitopenia è un evento avverso che si può verificare in corso di terapia con Eparina e, raramente, anche con Fondaparinux. Si può osservare una forma transitoria, non immunologica, reversibile che si caratterizza per una riduzione della conta piastrinica (non inferiore a mm 3 ). Più rara è la forma immunomediata (HIT), potenzialmente fatale, che si associa nel % dei casi ad eventi trombotici arteriosi e/o venosi ed è legata alla formazione di Ab IgG diretti contro il complesso eparina-pf4. Può comparire tra il 5 ed il 10 giorno di trattamento, in alcuni casi anche dopo alcuni giorni dalla sospensione della terapia. Questa complicanza è indotta dall alterazione che l anticorpo induce sulla superfice piastrinica innescando la cascata coagulativa con iperproduzione di Trombina. La sua prevalenza, che si riduce dopo il 14 giorno di terapia, è maggiore ( da 3 a 5 volte) nei pazienti chirurgici rispetto ai pazienti medici, con ENF rispetto alle EBPM, con dose terapeutica rispetto alla profilattica. Il sospetto clinico di HIT si pone quando un paziente presenta piastrinopenia (< mm 3 o calo delle PLT di almeno il 50% rispetto al conteggio basale) in corso di trattamento eparinico da almeno 5 giorni (o meno se è già stato esposto a eparina negli ultimi 100 giorni), in assenza di altre cause di piastrinopenia. Il conteggio piastrinico per sospetto di HIT va effettuato in pazienti in trattamento con eparina da almeno 5 giorni che sviluppino un improvvisa complicanza tromboembolica oppure una necrosi!"#$ %&'(#")&$ %&$ *+,$!"#-./0'1'$ 0.%&'#1.$!&1"-23"/&0.1/&'$ $!"# $%&'((%# )# cutanea nel sito di iniezione. *+"+#,-.+,$%$-#-#/,-$',-#0-#%**'1"%2-+"'#0'1(-#*/+,'3#0%(#(%4+,+#0-#5+#6#.7&&(-/%$+# La trombosi può comparire anche prima della piastrinopenia; in questo caso è molto pericoloso aumentare il dosaggio dell eparina. # E possibile stratificare il rischio di HIT con 4TScore (Trombocitopenia, Tempo di comparsa, presenza di Trombosi, altre cause di Trombocitopenia) # Lo GK et al, J Thromb Haemost 2006 # #!"#$%&'" ("#$%&)" *"#$%&'" # " " " +,)-.)/'&)#0%'1" /%07$%#D#E?F3## /%07$%#K?GE?F3# /%07$%#L)?F# # +#"%0-,#>?G)??H)? GI J(# +#"%0-,#)?G)IH)? GI J(# +#"%0-,#L)?H)? GI J(# +'-'%2" #'13&,'%)#0%'1" EG)?#113#+#M)1#*'# N)?#113#+#M)1#*'#'.%,-"%# '.%,-"%#"'-#.,'/'0'"$-#"'-#.,'/'0'"$-#K?G)??#11# K?#11# M)1-+,"+# A"+#'.%,-"%B# +,)-.)3'")"14&,0" :,+<&+*-3#"'/,+*-# :,+<&+*-#%*-"$+<%$-/%3# "+# /)-#4'/1%50" /7$%"'%3#,'%2-+"'#,-/+,,'"$'3#.,+1,'**-4%C# # *-*$'<-/%#.+*$G&+(+# 5'*-+"-#',-$'<%$+*'# 64&,0"/1$30"7'" +,)-.)/'&)#0%'1" O*/(7*'#.+**-&-(-# 0'9-"-$'# " - Score < 3: HIT improbabile 8'12%)3'"7'"9:+;"+03&"7'"41.),1&),')" - Score tra 4-6: possibile - Score 6 : altamente probabile O*-*$+"+#07'#1,7..-#0-#$'*$#0-#(%&+,%$+,-+#.',#(%#0-%1"+*-#0'((%#$,+<&+/-$+.'"-%# 0%# O.%,-"%P# -# $'*$# 0-# $-.+# -<<7"+(+1-/+# *+"+# 7$-(-# %# 0'$',<-"%,'# (%#.,'*'"2%# 0'1(-# %"$-/+,.-# %"$-# O.%,-"%GQRST# <'"$,'# -# $'*$# 97"2-+"%(-# *+"+# -"# 1,%0+# 0-# Per gli altri elementi diagnostici e terapeutici si rimanda alle LG specifiche. 4%(7$%,'#(%#97"2-+"%(-$U#0-#$%(-#%"$-/+,.-# -"#4-$,+#/+"#(V7*+#0-#.-%*$,-"'#*%"'#0%# 0+"%$+,-C# 14 18

15 Bibliografia 1 - Alikhan R. et alt.: Prevention of venous thromboembolism in medical patients with enoxaparin: a subgroup MEDENOX study. Blood CoagulFibrinolysis 2003; 14: Samama MM et alt. for the prophylaxis in Medical Patients With Enoxaparin Study Group N Engl Med, 1999; 341: Francis CW, N Engl Med, 2007; 356: Alexander T. Cohen et alt. : Valutazione del rischio di TEV e beneficio della tromboprofilazzi in pazienti non chirurgici Throb and Haemostasis, 2005, Vol 94, n 4: Nils Kucher et Alt.: Electronic Alerts to prevent venous thromboembolism among hospitalized patients,, NEJM, March 10,2005, Vol 352: Anderson FA Jr et alt.: Physician practices in the prevention of venous thrombormbolism Ann Int Med. 1991; 115: Leizorovicz A et al; PREVENT Medical Thromboprofhylaxis Study Group Circualtion 2004; 110 (7): Cohen AT et al ; ARTEMIS Investigators. BMJ 2006; 332 (7537): The Joanna Briggs Institute for Evidence Based Nursing and Midwifey Graduated Compression -Stockings for the prevention of Post-operative venous thromboembolism. Evidence Based Practice Information Sheets for Health Professionals volume 5, issue 2,2001 ISSN Amaragiri SV, Lees TA; Elastic compression stockings for prevention of deep vein thrombosis (Cochrane Review). In: The Cochrane Library, Issue 3. Oxford: Update Software; Wells PS, Lensing AW, Hirsh J.; Graduated compression stockings in the prevention of postopertive venous thromboembolism. A metaanalysis. Archives of Internal Medicine 1994; 154: The CLOTS Trial Collaboration, Lancet 2009; 373: Warkentin TE. Heparin induced thrombocytopenia: pathogenesis and management. Br J Haematol. 2003; 121:

16 REDAZIONE PERCORSO CLINICO Dott. Basilio Battisti VERIFICA, INTEGRAZIONE E CONSENSO UOC MEDICINA INTERNA 2 Dott.Sergio Guglielmi Dott. Paolo Scapato Dott.ssa Anna Rita Aleandri Dott.ssa Cristina Lovello Dott.ssa Cristina Cordoni Dott.ssa Giovanna Giacchetti Dott.ssa Ylenia Tari Dott.ssa Paola Cerroni Dott.ssa Valeria Cornacchiola CONSENSO ED INTEGRAZIONI Prof. Alessandro Stefanini UOC Neurologia, Direttore Dipartimento di Medicina Dott. ssa Anna Vigilante UOC Medicina Interna 1 Dott. Giorgio Amedoro UOC Geriatria Dott. Serafino Orazi UOC Cardiologia / UTIC.. Dott. Walter Valentini UOC Nefrologia.. Dott Stefano Previtera UOC Medicina Interna Amatrice. Dott. Antonio Pascalizi UOC Pediatria Dott.ssa Rita Le Donne UOC Pneumologia.. Dott. Mauro Tosoni UOC Gastroenterologia Dott. Maro Pulcini UOC FKT. Lorenzo Di Blasio UOC Rianimazione Dott. Vincenzo Capparella Dott. Gian Paolo Natalini UOC Oncologia Medica UOC Malattie Infettive.. Dott. Flavio Mancini UOC PS / OBI / MUrg. 16

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO TROMBOEMBOLISMO VENOSO 343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO tromboembolismo venoso Il Tromboembolismo Venoso (TEV) rappresenta una delle principali cause di morbilità e mortalità ospedaliera, anche se la sua incidenza

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia Camminiamo insieme Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia 1 A cura di: Prof. Valerio De Stefano Professore Ordinario Istituto di Ematologia Università Cattolica di Roma - Policlinico Agostino Gemelli

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma:

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: !"# Approvato da: DDCG Data 24/11/2010 Firma: Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: $ % &'( ')*! " # $% & % '!!!"# $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$ Gruppo di lavoro: "!"# Firma Dr. Carmelo Guccione Dr. Diego

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013 N Nuum meerroo 11 22001144 IIN NFFO OR RM MA AZ ZIIO ON NEE IIN ND DIIP PEEN ND DEEN NTTEE EE A AG GG GIIO OR RN NA AM MEEN NTTO O SSA AN NIITTA AR RIIO O EDITORIALE. Missing, proprio missing FORUM CLINICO

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Cardioaritmologia nel Lazio

Cardioaritmologia nel Lazio Cardioaritmologia nel Lazio Regione Lazio Roma, 27-28 marzo 2015 Ergife Palace Hotel PROGRAMMA AVANZATO Con il Patrocinio di ANCE Cardiologia Italiana del Territorio Sezione Regionale Lazio Coordinatori:

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli