PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO (TEV) IN AREA MEDICA ( )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO (TEV) IN AREA MEDICA (31.12.2012)"

Transcript

1 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI P.O. S. Camillo De Lellis Rieti Dipartimento di Medicina Direttore Prof. Alessandro Stefanini U.O. C. Medicina Interna 2 U.O.S. Diabetologia Direttore:Dott. Basilio Battisti Percorso Clinico: PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO (TEV) IN AREA MEDICA ( )

2 Il presente percorso clinico, obiettivo di budget del Dipartimento di Medicina, è redatto su mandato dell Azienda che pone anche l obiettivo di estenderne l applicazione a tutta l Area Medica e di creare, in una fase successiva, un raccordo/integrazione con le procedure di profilassi dell area chirurgica. Per tale motivo si richiedono la consultazione, condivisione ed eventuale validazione a tutti i Responsabili delle UOC con degenza. INDICE Definizione di TEV e Codifica pag.3 Fisopatologia e Profilassi...pag. 4 Percorso clinico...pag. 5 Flow-chart.pag. 6 Legenda pag. 7 Indicatori di percorso e Criticità..pag. 9 Allegati..pag. 10 Bibliografia....pag. 15 Redazione, Integrazioni, Verifica e Consenso.pag. 16 LEGENDA EBPM: Eparine a Basso Peso Molecolare ENF: Eparina Non Frazionata EP: Embolia Polmonare HIT: Heparin-Induced Thrombocytopenia LG: Linee Guida PF4-Hep: Fattore Piastrinico4 Eparina TEV: Trombo Embolismo Venoso TVP: Trombosi Venosa Profonda 2

3 DEFINIZIONE DI TEV Si definisce Tromboembolismo Venoso (TEV) una condizione patologica che comprende due quadri clinici : la Trombosi del Sistema Venoso Profondo (TVP) e l'embolia Polmonare (EP). Si tratta di due manifestazioni della stessa malattia in quanto nel 70% delle EP (anche se subclinica) si rileva una TVP, ed il 30-50% dei casi di TVP si complicano con una EP. CODIFICA Cuore polmonare acuto Embolia polmonare e infarto polmonare iatrogeni Altre forme di embolia polmonare e infarto polmonare Ipertensione polmonare primitiva Altre forme di malattia cardiopolmonare Malattia cardiopolmonare cronica Flebite e tromboflebite dei vasi superficiali delle estremità inferiori Flebite e tromboflebite della vena femorale (profonda) (superficiale) Flebite e tromboflebite di altre vene arti inferiori specificate Flebite e tromboflebite delle estremità inferiori, non specificate Flebite e tromboflebite della vena iliaca Flebite e tromboflebite delle vene superficiali delle estremità superiori Flebite e tromboflebite delle vene profonde delle estremità superiori Flebite e tromboflebite non specificate delle estremità superiori Flebite e tromboflebite di altre sedi Flebite e tromboflebite di sedi non specificate 452 Trombosi della vena porta Sindrome di Budd-Chiari Tromboflebite migrante Embolia e trombosi della vena cava Embolia e trombosi della vena renale Embolia e trombosi di altre vene specificate Embolia e trombosi di sede non specificata EPIDEMIOLOGIA L'incidenza del TEV nella popolazione generale è di circa 1-2 casi per 1000, anche se si ritiene che solo 1/3 di essi sia diagnosticato Nei pazienti ospedalizzati la prevalenza è del 25% circa e, di questi, la metà è ricoverato presso reparti di Area Medica, con conseguente aumento della morbilità e mortalità. Si tratta di soggetti con patologie acute i quali presentano, proprio a causa delle affezioni delle quali sono portatori, un forte rischio di TEV. Il % circa dei pazienti ricoverati in medicina interna ha il rischio di sviluppare una TVP, oppure una EP, quest ultima è una delle principali cause di mortalità (l EP è fatale nel 10 % dei casi nei pazienti ospedalizzati ) 1 ed è di frequente riscontro all esame autoptico di pazienti medici deceduti in ospedale. Solo il 25 % delle morti ospedaliere per EP è da causa chirurgica. Nonostante questo, nella maggior parte dei pazienti, la diagnosi di TEV non viene neppure sospettata sia per la rapidità di comparsa ed evoluzione del quadro clinico sia perché i sintomi sono spesso sfumati o addirittura assenti (70 % dei casi), per cui la manifestazione primaria può essere una EP massiva con esito fatale. 2 E ormai universalmente acquisito che non solo nei pazienti chirurgici, ma anche e soprattutto nei pazienti di tipo medico, ricoverati per patologia acuta, è necessario valutare il rischio di TEV e mettere in atto un appropriata e tempestiva strategia preventiva e terapeutica. 3

4 FISIOPATOLOGIA Il rischio di TEV è correlato a specifici fattori (Tabella n 1) ed è tanto maggiore quanto più numerosi essi sono presenti nello stesso paziente. 3 Tabella n 1: FATTORI DI RISCHIO DI TEV NEI PAZIENTI OSPEDALIZZATI PATOLOGIA CARATTERISTICHE CLINICHE Infezione Acuta Pregresso TEV Scompenso Cardiaco III / IV NYHA Età 75 anni IMA Chirurgia recente o Trauma Patologia respiratoria Acuta Immobilità o paresi Ictus Obesità (BMI > 30) Malattia Reumatica CVC Malattia Infiammatoria Intestinale Trombofilia Congenita o Acquisita Tumore in fase attiva o Chemioterapia Terapia con estrogeni Questi fattori, attivando uno o più meccanismi di quelli alla base della patogenesi (Triade di Wirchow: Stasi, Ipercoagulabilità, Danno Endoteliale), favoriscono la comparsa della trombosi venosa con le sue complicanze. TVP ed EP si possono sviluppare nel % dei casi se non viene applicata la tromboprofilassi, che, viceversa, in medicina può ridurre significativamente il rischio di TEV nei soggetti con anamnesi positiva per le condizioni riportate in tabella. 1 PROFILASSI Nonostante sia raccomandata una tromboprofilassi nei pazienti a rischio, e questo in campo chirurgico ha trovato ampia applicazione riducendo la mortalità, in medicina essa non è stata sempre attuata in modo sistematico, per la scarsa percezione del problema, la mancanza di consenso sui pazienti da trattare e l incertezza sulla stratificazione dei soggetti a rischio ( carenza di protocolli di screening). Un interessante metodo di screening è stato attuato inserendo i fattori di rischio maggiori, insieme con altre condizioni predisponenti, in un modello di valutazione utilizzato per identificare i soggetti da sottoporre a tromboprofilassi (TEV ALERT). 4-5 Tale modello, applicato in un reparto ove vengono ricoverati frequentemente soggetti portatori di uno o più fattori maggiori di rischio, ha permesso sia un trattamento appropriato, visto che è stato stimato che siano trattati adeguatamente solo il % dei pazienti di medicina interna 6, che la riduzione del rischio di TEV, mortalità o complicanze associate. Attualmente, però, alla luce delle conoscenze acquisite, pur permanendo alcune incertezze, molte delle problematiche che hanno ostacolato un sistematico approccio preventivo a questa patologia sono state chiarite e superate ed abbiamo a disposizione strumenti che consentono una valutazione del rischio di TEV. Inoltre è documentata l utilità della valutazione effettuata in tutti i pazienti al momento del ricovero ed anche durante l ospedalizzazione, in caso di trasferimento in un reparto di terapia intensiva o di intervento chirurgico. Sono disponibili diverse Linee Guida che indicano come individuare i soggetti a rischio e come effettuare la profilassi con strumenti sia non farmacologici che con farmaci. Diversi studi hanno infatti dimostrato l efficacia di farmaci anticoagulanti quali Eparina non Frazionata, Eparine a Basso Peso Molecolare e Fondaparinux, utilizzati nella profilassi del TEV in pazienti ospedalizzati per patologie acute di tipo medico ad alto rischio. I dati sui quali si basano le Linee Guida attuali, relativamente alla prevenzione del TEV in medicina, sono stati forniti in particolare da tre studi clinici effettuati su larga scala, randomizzati, controllati con placebo ed in doppio cieco: - Lo studio MEDENOX (Profhylaxis in Medical Patients with Enoxaparin) 2 - Lo studio PREVENT (Prospective Evaluetionof Dalteparin Efficacy for Prevention of VTE in Immobilized Patients Trial). 7 - Lo studio ARTEMIS (Arixstrafor Thromboembolism Preventionina Medical Indication Study). 8 4

5 IL PERCORSO CLINICO Come metodologia, in prima istanza, sono state valutate le Linee Guida attualmente disponibili e quanto la letteratura recente ha ampiamente esaminato e documentato, circa le condizioni cliniche associate al rischio di TEV, le modalità operative di screening e la profilassi in termini di benefici e rischi. Permangono però alcune situazioni cliniche e terapeutiche non ancora definite dagli studi disponibili (valutazione rischio emorragico, dosaggio dei farmaci in caso di rischio emorragico intermedio, nuovi antitrombotici ) per le quali saranno necessari ulteriori studi. Relativamente a questi aspetti, pertanto, restano fondamentali la caratterizzazione del paziente, la valutazione del singolo caso da parte dell equipe ed il supporto di altri specialisti. Delle LG disponibili sono state selezionate quelle riportate nella Tabella n 2 che trattano in modo specifico le problematiche del paziente medico e sulla base di esse, oltre che della letteratura, è stato elaborato il presente Percorso Clinico Aziendale, la cui applicazione si intende proporre, come detto in premessa, a tutte le UOC con degenza dell Area Medica, anche non afferenti al Dipartimento di Medicina, con l obiettivo di individuare e trattare i pazienti ospedalizzati per malattie acute a rischio di TEV al fine di ridurne l incidenza e migliorare l esito del ricovero in soggetti degenti per varie patologie in ambito medico. Tabella n 2: LINEE GUIDA PREVENZIONE TEV ACCP, 2012 : American College of Chest Physicians NICE, 2010: National Institute for Health and Clinical Excellence ASCO, 2007: American Society of Clinical Oncology SPREAD, : Stroke Prevention And Educational Awareness Diffusion NCCN, 2012 SISET, : Società Italiana per lo Studio dell Emostasi e Trombosi 5

6 SCREENING DEI SOGGETTI RICOVERATI IN AREA MEDICA A RISCHIO DI TEV Ricovero Area Medica Visita E1 Rischio TEV S1 NO Uscita U1 SI Padua Score E2 4 S2 NO Uscita U2 Non Validato SI Rischio Emorragico E3 Prosegue X 3 Mesi E9 RISCHIO ELEVATO S3 SI PROFILASSI MECCANICA E3a SI NO 3 S7 NO P : egfr INR > 1.5 S4 SI Korana Score E7 SI NO EBPM Fondaparinux E4 1/2 : EBPM / Fondaparinux E5 Oncologico in CT S6 NO DIMISSIONE: Prosegue x 14 gg complessivi E6 Eff. Coll. S5 NO SI 6

7 LEGENDA PERCORSO TEV PREVENZIONE E1: Al momento del ricovero il paziente viene sottoposto a visita (Anamnesi, Esame Obiettivo) effettuata dal medico di turno, come di prassi ed ad eventuali esami di laboratorio se necessari (Emocromo, Creatininemia, Quadro Emocoagulativo). S1: Esclusa la presenza di elementi diagnostici compatibili con TEV sospetta o in fase acuta (in questo caso il paziente seguirà altro percorso) si ricercano eventuali fattori di rischio per TEV (Tabella n 1; Allegato n 1) U1: Se non sono presenti fattori di rischio, il paziente esce dalla successiva valutazione In quanto non necessita di valutazione del rischio TEV non presentando fattori di rischio. E2:Nel caso in cui sia presente almeno un fattore di rischio al paziente viene somministrato lo score Padua/Barbar che, in relazione alle LG ACCP 2012, è stato validato come test di screening per i soggetti ricoverati in area medica per patologia acuta. Lo score Padua/Barbar, con la relativa interpretazione dei risultati, è riportato nell Allegato n 2. Il medico che visita il paziente oppure il medico di reparto, entro 24 ore dall ingresso, raccoglie gli elementi richiesti dallo score. S2: Lo score consente di selezionare due tipologie di pazienti: Soggetti con score < a 4 e soggetti con score 4 U2: Per uno score < 4 il paziente non verrà sottoposto ad ulteriori valutazioni (Uscita), a meno che durante la degenza cambino le condizioni cliniche, in questo caso si effettuerà una rivalutazione. E3:Per uno score 4, poiché il paziente è candidato a possibile trattamento anticoagulante preventivo, si procederà a valutazione del rischio emorragico (Allegato n 3). Al momento attuale non esistono strumenti validati dalle varie LG per la valutazione del rischio emorragico. In riferimento al Data Base Internazionale IMPROVE ed ai dati della letteratura si prendono in considerazione gli elementi riportati nell Allegato n 3 e si classificano, in questo percorso, in fattori di rischio come maggiori o di grado intermedio. S3: Valutazione della presenza di fattori di rischio emorragico maggiori: - Recente Sanguinamento con trasfusione di almeno due unità di GR concentrati - Ulcera Gastroduodenale in fase attiva - Piastrine < Insufficienza renale grave: egfr< 30 ml/m /m 2 - PA > 230/120 mmhg E3a : il paziente, se non sono presenti controindicazioni a tale trattamento, quali: Arteriopatia obliterante grave Neuropatia Ulcere TVP in atto 7

8 può essere avviato a trattamento non farmacologico che peraltro può anche essere utilizzato in aggiunta al trattamento farmacologico in caso di rischio molto alto di TEV: ELASTOCOMPRESSIONE e/o COMPRESSIONE PNEUMATICA INTERMITTENTE POMPA VENOSA PLANTARE E4: Se il paziente non rientra in nessuna delle categorie di rischio emorragico verrà sottoposto a trattamento standard utilizzando, a dose preventiva, uno dei farmaci con indicazione specifica alla prevenzione farmacologica in paziente medico allettato a rischio di TEV: - ENOXAPARINA alla dose di 40 mg / die - FONDAPARINUX alla dose di 2,5 mg / die La Daltaparina ha prove di efficacia ma non l indicazione (Studio PREVENT). L Eparina Non Frazionata (ENF) è genericamente indicata nel Tromboembolismo arterioso e venoso. E5: Nel caso in cui sia presente almeno un fattore di rischio emorragico intermedio, si procederà ad un trattamento anticoagulate a dose ridotta (giudizio clinico complessivo). S5: Nel corso del trattamento si monitorizzerà il paziente relativamente ad eventuali effetti collaterali( Emorragie, Piastrinopenia indotta da Eparina: HIT) da trattamento anticoagulante eseguendo, nei primi 15gg di trattamento, l es. emocromocitometrico per l individuazione precoce dell eventuale HIT, qualora ci siano elementi di sospetto clinico o da indicazione dello score specifico per HIT (Allegato n 5 ). In presenza di effetti collaterali, se persiste la positività del Padua Score, il paziente interromperà il trattamento farmacologico e si passerà a trattamento non farmacologico (E3a). S6: Prima della dimissione è necessario valutare se al paziente è stata diagnosticata una neoplasia maligna. E6: Il paziente NON oncologico, in assenza di effetti collaterali, proseguirà il trattamento farmacologico per complessivi 14 giorni o per il tempo di persistenza delle condizioni di rischio (rivalutazione con Padua Score). Al momento attuale non ci sono evidenze validate circa l utilità di un trattamento preventivo prolungato. S6: Se al paziente è stato diagnosticato un Mieloma oppure un tumore solido ed ha intrapreso o sta per intraprendere un trattamento chemioterapico od ormonale, anche ambulatoriale, con farmaci favorenti la trombosi :Talidomide, Lenalitomide, Bevacizumab si si può utilizzare lo Score di Korana (Allegato n 5 ) E6:Sore di Korana < 3 il trattamento e follow-up saranno simili a quelli del paziente non oncologico. E7: Per uno score 3 si proporrà un trattamento per almeno tre mesi(trattamento da condividere con l Oncologo) 8

9 INDICATORI DI PERCORSO: 1. Presenza in cartella dello Score Padua, compilato entro 24 ore dall ingresso del paziente in area medica con patologia acuta. 2. Controllo emocromo, creatininemia, quadro emocoagulativo prima dell inizio della terapia farmacologica. 3. Controllo emocromo entro i primi 14 gg di trattamento 4. Casi di TVP o EP in corso di ricovero 5. Pazienti ricovero con diagnosi di TEV entro un mese dalla precedente dimissione da reparto dell area medica CRITICITA In generale, come detto nella premessa, le criticità riguardano ildi trattamento dei pazienti con rischio emorragico intermedio (le LG rimandano sostanzialmente alla decisione del clinico), e la non concordanza tra le LG sulla valutazione e trattamento del paziente oncologico ambulatoriale ed, infine, la prova dell efficacia delle misure alternative al trattamento farmacologico. Solo nell ictus acuto è stata documentata l inefficaciaia di tale trattamento. 12 La criticità specifica della nostra ASL è sostanzialmente rappresentata dalla scarsa esperienza nell uso della profilassi meccanica e l indisponibilità degli strumenti per attuarla. 9

10 ALLEGATO N 1 : FATTORI DI RISCHIO di TEV PREGRESSA TVP : Evidenza nella storia clinica di precedenti episodi di TVP ETA > 60 ANNI TROMBOFILIA: Disordini del sistema emostatico congeniti o acquisiti che comportano amentato rischio di trombosi quali: o Deficit Antitrombina III o Resistanza alla protein C attivata o Deficit di proteina C o Deficit proteina S o Mutazione del Gene della Protrombina o Fattore V Leiden o Sindrome da Ab anti-fosfolipidi. CANCRO ATTIVO: evidenza di tumore maligno attivo (trattato o non trattato) nei sei mesi precedenti. IMMOBILIZZAZIONE MALATTIA ACUTA IN ATTO 10

11 ALLEGATO N 2: (scheda da allegare alla cartella clinica) PADUA / BARBAR SCORE Barbar S et al. J ThrombHaemost Nov; 8 (11); Sig nato il Letto n VALUTAZIONERISCHIOTEV secondo PADUA PREDICTION SCORE (LG ACCP, 2012) FATTORE DI RISCHIO PUNTEGGIO Cancro attivo* 3 TEV precedente** 3 Ipomobilità*** 3 Trombofilia nota**** 3 Trauma e/o chirurgia recente (< 1 mese) 2 ETA ³ 70 anni 1 Insufficienza Cardiaca e/o Respiratoria 1 IMA o Stroke 1 Infezione acuta e/o Patologia Reumatica 1 Obesità (BMI ³ 30) 1 Trattamento ormonale in atto 1 SCORE TOTALE <4 BASSO RISCHIO DI TEV 4 ALTO RISCHIO DI TEV * metastasi locali o distanti e/o CT o RT effettuata negli ultimi 6 mesi ** escluse le trombosi venose superficiali *** allettamento o possibilità di accedere solo al bagno (sia per le limitazioni dovute alla patologia che per ordine medico) per almeno 3 giorni **** difetti di AT, Proteina C o S, FV Leiden, Variante protrombinica 20210, LAC/APA Rieti. Dati rilevati da NOTA: Cerchiare il valore rilevato 11

12 ALLEGATO N 3 : FATTORI DI RISCHIO EMORRAGICO Relativamente al rischio emorragico un ruolo importante riveste l International Medical PreventionRegistry on Venous Thromboembolism (IMPROVE). E undata base internazionale di osservazione relativo agli esiti di pazienti ricoverati in per una malattia acuta. Coinvolge 52 ospedali in 12 paesi, ha arruolato pazienti ed elaborato un modello di Calcolo del Rischio Emorragico (non ancora validato dalle LG ) che comunque fornisce elementi importanti per la valutazione del paziente da sottoporre a tromboprofilassi. Lo score è disponibile on-line al sito: come: Bleeding Risk Calculator In relazione ai dati complessivi di IMPROVE e da quelli desunti dalla letteratura sull argomento si possono considerare : FATTORI DI RISCHIO EMORRAGICO MAGGIORI ULCERA GASTRODUODENALE ATTIVA SANGUINAMENTO NEI PRECEDENTI TRE MESI PIASTRINE,al momento del ricovero,< egfr< 30 ml/m/1,75 m 2 PA 230 /120 mmhg FATTORI DI RISCHIO INTERMEDIO EMORRAGICO: INSUFFICIENZA EPATICA ( INR > 1.5) RICOVERO IN UTIC O TERAPIA INTENSIVA CATETERE VENOSO CENTRALE MALATTIA REUMATICA ( es. Artrite Reumatoide) CANCRO ATTIVO (evidenza tumore maligno attivo, trattato o no, negli ultimi sei mesi) ETA 85 egfr: ml/m/1,75 m 2 Bibliografia IMPROVE 1. Tapson VF, Decousus H, Pini M, Chong BH, Froehlich JB, Monreal M, Spyropoulos AC, Merli GJ, Zotz RB, Bergmann JF, Pavanello R, Turpie AG, Nakamura M, Piovella F, Kakkar AK, Spencer FA, Fitzgerald G, Anderson FA Jr, for the IMPROVE Investigators. Venousthromboembolismprophylaxis in acutelyillhospitalizedmedicalpatients: findings from the internationalmedicalpreventionregistryonvenousthromboembolism. Chest, 2007 Sep;132(3): Decousus H, Tapson VF, Bergmann JF, Chong BH, Froehlich JB, Kakkar AJ, Merli GJ, Monreal M, Nakamura M, Pavanello R, Pini M, Piovella F, Spencer FA, Spyropoulos AC, Turpie AGG, Zotz RB, FitzGerald G, Anderson FA Jr, for the IMPROVE Investigators. FactorsatAdmissionAssociated With BleedingRisk in MedicalPatients: Findings from the IMPROVE Investigators. Chest 2011 Jan;139(1): Spyropoulos AC, Anderson FA Jr, FitzGerald G, Decousus H, Pini M, Chong BH, Zotz RB, Bergmann JF, Tapson V, Froehlich JB, Monreal M, Merli GJ, Pavanello R, Turpie AG, Nakamura M, Piovella F, Kakkar AK, Spencer FA; for the IMPROVE (International MedicalPreventionRegistryonVenousThromboembolism) Investigators. Predictive and Associative Models to IdentifyHospitalizedMedicalPatientsatRisk for VenousThromboembolism. Chest 2011 Epub Mar

13 ALLEGATO N 4 SCORE DI KORANA Predictive Model for Cheotherapy-associated VTE Korana AA et Al, Blood My 15; 111 (10): , Epub 2008 Jan23 CARATTERISTICHE DEL PAZIENTE SCORE Tumore Stomaco, Pancreas 2 Tumore Polmone, Linfoma, Ginecologico, Vescica Testicolo 1 Piastrine> /mm 3 1 Hb< 10gr/dl oppure Terapia con Eritropoietina 1 Conta Leucocitaria > / mm 3 1 BMI > 35 1 BASSO RISCHIO= 0 RISCHIO INTERMEDIO: 1 2 ALTO RISCHIO: 3 13

14 ALLEGATO n 5: TROMBOCITOPENIA INDOTTA DA EPARINA 13 SISET 2007: Diagnosi e terapia della trombocitopenia eparina-indotta La Trombocitopenia è un evento avverso che si può verificare in corso di terapia con Eparina e, raramente, anche con Fondaparinux. Si può osservare una forma transitoria, non immunologica, reversibile che si caratterizza per una riduzione della conta piastrinica (non inferiore a mm 3 ). Più rara è la forma immunomediata (HIT), potenzialmente fatale, che si associa nel % dei casi ad eventi trombotici arteriosi e/o venosi ed è legata alla formazione di Ab IgG diretti contro il complesso eparina-pf4. Può comparire tra il 5 ed il 10 giorno di trattamento, in alcuni casi anche dopo alcuni giorni dalla sospensione della terapia. Questa complicanza è indotta dall alterazione che l anticorpo induce sulla superfice piastrinica innescando la cascata coagulativa con iperproduzione di Trombina. La sua prevalenza, che si riduce dopo il 14 giorno di terapia, è maggiore ( da 3 a 5 volte) nei pazienti chirurgici rispetto ai pazienti medici, con ENF rispetto alle EBPM, con dose terapeutica rispetto alla profilattica. Il sospetto clinico di HIT si pone quando un paziente presenta piastrinopenia (< mm 3 o calo delle PLT di almeno il 50% rispetto al conteggio basale) in corso di trattamento eparinico da almeno 5 giorni (o meno se è già stato esposto a eparina negli ultimi 100 giorni), in assenza di altre cause di piastrinopenia. Il conteggio piastrinico per sospetto di HIT va effettuato in pazienti in trattamento con eparina da almeno 5 giorni che sviluppino un improvvisa complicanza tromboembolica oppure una necrosi!"#$ %&'(#")&$ %&$ *+,$!"#-./0'1'$ 0.%&'#1.$!&1"-23"/&0.1/&'$ $!"# $%&'((%# )# cutanea nel sito di iniezione. *+"+#,-.+,$%$-#-#/,-$',-#0-#%**'1"%2-+"'#0'1(-#*/+,'3#0%(#(%4+,+#0-#5+#6#.7&&(-/%$+# La trombosi può comparire anche prima della piastrinopenia; in questo caso è molto pericoloso aumentare il dosaggio dell eparina. # E possibile stratificare il rischio di HIT con 4TScore (Trombocitopenia, Tempo di comparsa, presenza di Trombosi, altre cause di Trombocitopenia) # Lo GK et al, J Thromb Haemost 2006 # #!"#$%&'" ("#$%&)" *"#$%&'" # " " " +,)-.)/'&)#0%'1" /%07$%#D#E?F3## /%07$%#K?GE?F3# /%07$%#L)?F# # +#"%0-,#>?G)??H)? GI J(# +#"%0-,#)?G)IH)? GI J(# +#"%0-,#L)?H)? GI J(# +'-'%2" #'13&,'%)#0%'1" EG)?#113#+#M)1#*'# N)?#113#+#M)1#*'#'.%,-"%# '.%,-"%#"'-#.,'/'0'"$-#"'-#.,'/'0'"$-#K?G)??#11# K?#11# M)1-+,"+# A"+#'.%,-"%B# +,)-.)3'")"14&,0" :,+<&+*-3#"'/,+*-# :,+<&+*-#%*-"$+<%$-/%3# "+# /)-#4'/1%50" /7$%"'%3#,'%2-+"'#,-/+,,'"$'3#.,+1,'**-4%C# # *-*$'<-/%#.+*$G&+(+# 5'*-+"-#',-$'<%$+*'# 64&,0"/1$30"7'" +,)-.)/'&)#0%'1" O*/(7*'#.+**-&-(-# 0'9-"-$'# " - Score < 3: HIT improbabile 8'12%)3'"7'"9:+;"+03&"7'"41.),1&),')" - Score tra 4-6: possibile - Score 6 : altamente probabile O*-*$+"+#07'#1,7..-#0-#$'*$#0-#(%&+,%$+,-+#.',#(%#0-%1"+*-#0'((%#$,+<&+/-$+.'"-%# 0%# O.%,-"%P# -# $'*$# 0-# $-.+# -<<7"+(+1-/+# *+"+# 7$-(-# %# 0'$',<-"%,'# (%#.,'*'"2%# 0'1(-# %"$-/+,.-# %"$-# O.%,-"%GQRST# <'"$,'# -# $'*$# 97"2-+"%(-# *+"+# -"# 1,%0+# 0-# Per gli altri elementi diagnostici e terapeutici si rimanda alle LG specifiche. 4%(7$%,'#(%#97"2-+"%(-$U#0-#$%(-#%"$-/+,.-# -"#4-$,+#/+"#(V7*+#0-#.-%*$,-"'#*%"'#0%# 0+"%$+,-C# 14 18

15 Bibliografia 1 - Alikhan R. et alt.: Prevention of venous thromboembolism in medical patients with enoxaparin: a subgroup MEDENOX study. Blood CoagulFibrinolysis 2003; 14: Samama MM et alt. for the prophylaxis in Medical Patients With Enoxaparin Study Group N Engl Med, 1999; 341: Francis CW, N Engl Med, 2007; 356: Alexander T. Cohen et alt. : Valutazione del rischio di TEV e beneficio della tromboprofilazzi in pazienti non chirurgici Throb and Haemostasis, 2005, Vol 94, n 4: Nils Kucher et Alt.: Electronic Alerts to prevent venous thromboembolism among hospitalized patients,, NEJM, March 10,2005, Vol 352: Anderson FA Jr et alt.: Physician practices in the prevention of venous thrombormbolism Ann Int Med. 1991; 115: Leizorovicz A et al; PREVENT Medical Thromboprofhylaxis Study Group Circualtion 2004; 110 (7): Cohen AT et al ; ARTEMIS Investigators. BMJ 2006; 332 (7537): The Joanna Briggs Institute for Evidence Based Nursing and Midwifey Graduated Compression -Stockings for the prevention of Post-operative venous thromboembolism. Evidence Based Practice Information Sheets for Health Professionals volume 5, issue 2,2001 ISSN Amaragiri SV, Lees TA; Elastic compression stockings for prevention of deep vein thrombosis (Cochrane Review). In: The Cochrane Library, Issue 3. Oxford: Update Software; Wells PS, Lensing AW, Hirsh J.; Graduated compression stockings in the prevention of postopertive venous thromboembolism. A metaanalysis. Archives of Internal Medicine 1994; 154: The CLOTS Trial Collaboration, Lancet 2009; 373: Warkentin TE. Heparin induced thrombocytopenia: pathogenesis and management. Br J Haematol. 2003; 121:

16 REDAZIONE PERCORSO CLINICO Dott. Basilio Battisti VERIFICA, INTEGRAZIONE E CONSENSO UOC MEDICINA INTERNA 2 Dott.Sergio Guglielmi Dott. Paolo Scapato Dott.ssa Anna Rita Aleandri Dott.ssa Cristina Lovello Dott.ssa Cristina Cordoni Dott.ssa Giovanna Giacchetti Dott.ssa Ylenia Tari Dott.ssa Paola Cerroni Dott.ssa Valeria Cornacchiola CONSENSO ED INTEGRAZIONI Prof. Alessandro Stefanini UOC Neurologia, Direttore Dipartimento di Medicina Dott. ssa Anna Vigilante UOC Medicina Interna 1 Dott. Giorgio Amedoro UOC Geriatria Dott. Serafino Orazi UOC Cardiologia / UTIC.. Dott. Walter Valentini UOC Nefrologia.. Dott Stefano Previtera UOC Medicina Interna Amatrice. Dott. Antonio Pascalizi UOC Pediatria Dott.ssa Rita Le Donne UOC Pneumologia.. Dott. Mauro Tosoni UOC Gastroenterologia Dott. Maro Pulcini UOC FKT. Lorenzo Di Blasio UOC Rianimazione Dott. Vincenzo Capparella Dott. Gian Paolo Natalini UOC Oncologia Medica UOC Malattie Infettive.. Dott. Flavio Mancini UOC PS / OBI / MUrg. 16

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69 -ALLEGATO 1 Eparine a Basso Peso Molecolare: prodotti in distribuzione e prodotti sostituiti. PROFILASSI TVP IN CHIRURGIA: dosi equipotenti da scheda tecnica Dalteparina PRODOTTO FORNITO SOLO QUANDO NON

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

Valutazione clinica del rischio tromboembolico

Valutazione clinica del rischio tromboembolico Valutazione clinica del rischio tromboembolico Caterina Trischitta Direttore UOC di Medicina Interna P.O. Gravina di Caltagirone ASP Catania Il tromboembolismo venoso (TEV) Definizione La malattia tromboembolica

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.189 relativo a RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO

Dettagli

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo T.E.V. E CHEMIOTERAPIA Dott. Pietro Masullo I MECCANISMI SONO MOLTEPLICI, SPESSO PRESENTI CONTEMPORANEAMENTE E NON ANCORA DEL TUTTO CHIARI LA CHEMIOTERAPIA PU0 AUMENTARE IL RISCHIO TEV ATTRAVERSO

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE Pag 1 di 11 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. PERSONALE INTERESSATO... 3 3. PAROLE CHIAVE... 3 4. PROCEDURA OPERATIVA... 3 4.1 PREMESSA... 3 4.2 PROFILASSI MECCANICA... 4 4.2.1 Controindicazioni

Dettagli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli I NUOVI FARMACI ANTICOAGULANTI Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli Verbania NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI FIBRILLAZIONE

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA ARCISPEDALE S.ANNA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA SEZIONE DI EMATOLOGIA Centro per lo Studio dell Emostasi e della Trombosi Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Dettagli

Associazione per la terapia delle malattie Metaboliche e Cardiovascolari

Associazione per la terapia delle malattie Metaboliche e Cardiovascolari Associazione per la terapia delle malattie Metaboliche e Cardiovascolari Protocollo di studio TEVere Fattori di rischio e diagnosi di tromboembolismo venoso (TEV). Studio osservazionale nei Reparti di

Dettagli

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde Fiumicino, 19 dicembre 2015 Parte terza Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde www.cos.it/mediter Trombosi venosa profonda Ricerca Dynamed: Deep vein Thrombosis (DVT) Tipi

Dettagli

Protocollo di studio osservazionale

Protocollo di studio osservazionale Metab oliche E Card i ov as co l ari - AMEC m al atti e Ass oci azi one l e per l a te rap i a d el Associazione per la terapia delle malattie Metaboliche e Cardiovascolari Protocollo di studio osservazionale

Dettagli

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Prof. Valerio De Stefano Dott. Antonio Oliverio Roma 12 aprile 2014 Dott. Antonio Oliverio MMG Roma 12 aprile 2014 screening indagine sanitaria

Dettagli

TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA

TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA Divisione di Ostetricia e Ginecologia Ospedale V. Cervello Palermo Direttore Dott. Desiderio Gueli Alletti TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA I Corso di Aggiornamento su Trombofilia e Complicanze

Dettagli

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza CENNI DI ANATOMIA Il sistema venoso Superficiale Profondo Perforanti DEFINIZIONE

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Dr. Luciano DI Mauro ANGIOLOGIA A.S.P. 3 Catania Corso di formazione ECM Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della relativa scheda di

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA. PORDENONE, 20 Aprile 2001

EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA. PORDENONE, 20 Aprile 2001 EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA P.F. Tropeano Pronto soccorso e Medicina d Urgenza Azienda Ospedaliera S.M. degli Angeli Pordenone PORDENONE, 20 Aprile 2001

Dettagli

Commissione per il Buon Uso del Farmaco INDICAZIONI ALL USO APPROPRIATO DELLE EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (EBPM)

Commissione per il Buon Uso del Farmaco INDICAZIONI ALL USO APPROPRIATO DELLE EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (EBPM) Commissione per il Buon Uso del Farmaco INDICAZIONI ALL USO APPROPRIATO DELLE EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (EBPM) Le EBPM e il Fondaparinux sono stati approvati inizialmente per la prevenzione del

Dettagli

TVP: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Valter Camesasca

TVP: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Valter Camesasca TVP: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Valter Camesasca SOSPETTO di TVP EDEMA A RAPIDA INSORGENZA DOLORE IMPOTENZA FUNZIONALE Incidenza annua: 1-2 ogni 1000 abitanti DIAGNOSI TVP Score di Wells EcoColordoppler

Dettagli

INQUADRAMENTO DEL PAZIENTE CON SOSPETTO DI TROMBOSI VENOSA: GESTIONE OSPEDALIERA O AMBULATORIALE

INQUADRAMENTO DEL PAZIENTE CON SOSPETTO DI TROMBOSI VENOSA: GESTIONE OSPEDALIERA O AMBULATORIALE Modulo di Diagnostica Vascolare Azienda Ospedaliera - Universitaria Arcispedale S. Anna CONA - FERRARA - INQUADRAMENTO DEL PAZIENTE CON SOSPETTO DI TROMBOSI VENOSA: GESTIONE OSPEDALIERA O AMBULATORIALE

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE INTRODUZIONE Questo documento nasce dall esigenza di dotare i Colleghi Medici Ospedalieri, e in una fase successiva anche quelli del Territorio,

Dettagli

Caso clinico. Consigli per i viaggiatori. Maurizio D Urso Presidente Provinciale SNAMID

Caso clinico. Consigli per i viaggiatori. Maurizio D Urso Presidente Provinciale SNAMID Caso clinico Consigli per i viaggiatori Maurizio D Urso Presidente Provinciale SNAMID Una delle cose belle della professione medica è la relazione che, si stabilisce con i pazienti: si diventa un po parte

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico Piera Maria Ferrini Medicina Interna ad indirizzo Angiologico e Coagulativo Centro Emostasi Parma 18/3/2014 AGENDA

Dettagli

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA 1/9 MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA Nome Commerciale XARELTO Principio Attivo Rivaroxaban Ditta Produttrice Bayer S.p.a. ATC B01AF01 Formulazione Compresse rivestite

Dettagli

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Nicoletta Riva Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie Antitrombotiche Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBO EMBOLISMO VENOSO

PREVENZIONE DEL TROMBO EMBOLISMO VENOSO PREVENZIONE DEL TROMBO EMBOLISMO VENOSO IN PAZIENTI NON CHIRURGICI La prevenzione del Trombo Embolismo Venoso (TEV) è ben codificata in ambito chirurgico. Evidenze definite di un favorevole rapporto beneficio-rischio

Dettagli

Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici. Walter Bertolino

Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici. Walter Bertolino Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici Walter Bertolino Patologie ostetriche che si associano alle 3 mutazioni più frequenti Tipo di deficit Patologia gravidica associata Iperomocisteinemia In omozigosi

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

ICTUS CEREBRALE E RISCHIO EMORRAGICO

ICTUS CEREBRALE E RISCHIO EMORRAGICO GESTIONE DEI FARMACI ANTIAGGREGANTI E ANTICOAGULANTI IN SPECIFICI CONTESTI CLINICI Rimini 15 marzo 2011 Dipartimento Malattie Cardiovascolari U.O. Medicina Interna - Angiologia ICTUS CEREBRALE E RISCHIO

Dettagli

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania ASP-CT Corso di Formazione Aziendale Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della scheda di valutazione: integrazione Ospedale-Territorio INDAGINI DI LABORATORIO NEL RISCHIO TROMBOEMBOLICO Carmelita

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROBERTO CASTELLI AZIENDA OSPEDALIERA L SACCO POLO UNIVERSITARIO Telefono 02/39041 Fax E-mail Castelli.roberto@hsacco.it

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER LA SITUAZIONE ATTUALE IN ITALIA La formazione specialistica nell ambito delle malattie emorragiche e tromboemboliche

Dettagli

CURRICULUM VITAE di. Davide IMBERTI. Indirizzo di casa Via Beverora 18/b 29121 Piacenza, Italy

CURRICULUM VITAE di. Davide IMBERTI. Indirizzo di casa Via Beverora 18/b 29121 Piacenza, Italy CURRICULUM VITAE di Davide IMBERTI Indirizzo di casa Via Beverora 18/b 29121 Piacenza, Italy Indirizzo lavorativo Posizione attuale Dipartimento di Medicina Interna Azienda Ospedaliera Piacenza Via Taverna

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI RIVAROXABAN ATC B01AX06 (Xarelto ) Presentata da Componente Commissione PTR In data Dicembre 2009 Per le seguenti motivazioni: Per la prevenzione del tromboembolismo

Dettagli

Trombosi venosa profonda

Trombosi venosa profonda La trombosi venosa profonda è un occlusione trombotica parziale o completa, confermata con diagnosi ultrasonografica, a livello delle vene profonde degli arti inferiori, tale da provocare dolore o gonfiore.

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Progetto regionale: Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Risultati La validazione e stime di occorrenza Il campione selezionato Totale SDO sospette Totale SDO campionate

Dettagli

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi Le varici in gravidanza: gestione della paziente Le varici in gravidanza sono un evenienza tutt altro che rara. Possiamo ritenerle quasi la regola. Poiché oltre il 70% delle donne durante la gravidanza

Dettagli

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag.

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag. CAPITOLO 1 indice le neoplasie nell anziano pag. 5 Valutazione del paziente anziano pag. 7 Aspetti generali del trattamento pag. 10 Tumori del colon-retto pag. 11 Tumori della mammella pag. 13 Tumori del

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini Un patrimonio da difendere e sviluppare L AOU San Luigi per la sua collocazione geografica svolge

Dettagli

LA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA: stato dell arte LA GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA

LA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA: stato dell arte LA GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA LA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA: stato dell arte LA GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA Pietro F. Tropeano Ambulatorio di Emostasi e Trombosi, Dipartimento di Medicina

Dettagli

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Dire8ore Prof. Massimo Volpe Facoltà di Medicina e Psicologia, Università di Roma Sapienza Anno Accademico 2013-2014 Dr. Simone Burocchi

Dettagli

Profilassi TVP Linee Guida Aziendali per la Profilassi della Malattia Tromboembolica Venosa

Profilassi TVP Linee Guida Aziendali per la Profilassi della Malattia Tromboembolica Venosa AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO Profilassi TVP Linee Guida Aziendali per la Profilassi della Malattia Tromboembolica Venosa Aggiornamento Marzo 2008 AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome COLOMBO Nome GIOVANNI Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale Giovanni.colombo2@crs.lombardia.it telefono 029682495 TITOLI DI

Dettagli

CASO CLINICO EMBOLIA POLMONARE. Dr. Ermanno Angelini

CASO CLINICO EMBOLIA POLMONARE. Dr. Ermanno Angelini CASO CLINICO Dr. Ermanno Angelini ANAMNESI PZ. ANNI 78,SESSO FEMMINILE. FUMATRICE(20 SIGARETTE AL GIORNO). IPERTESA (ENALAPRIL 20mg/die). NO INTERVENTI CHIRURGICI. VITA SEDENTARIA PER MOLTE ORE DEL GIORNO.

Dettagli

Gli esami e la contraccezione

Gli esami e la contraccezione Gli esami e la contraccezione 1 Ottobre 2011 dott.ssa Sara Mazzoldi Dottore, che esami devo fare per la pillola? ü Proteina C ü Proteina S ü Fattore di Leiden/APC resistance ü Antitrombina III ü PT ü PTT

Dettagli

Protocollo regionale per la prevenzione del tromboembolismo venoso in ortopedia e traumatologia

Protocollo regionale per la prevenzione del tromboembolismo venoso in ortopedia e traumatologia Protocollo regionale per la prevenzione del tromboembolismo venoso in ortopedia e traumatologia Protocollo regionale per la prevenzione del tromboembolismo venoso in ortopedia e traumatologia Il testo

Dettagli

La profilassi del TEV nel paziente oncologico nelle nuove Linee Guida ACCP

La profilassi del TEV nel paziente oncologico nelle nuove Linee Guida ACCP La profilassi del TEV nel paziente oncologico nelle nuove Linee Guida ACCP ANDREA FONTANELLA Presidente FADOI Campania Direttore Dipartimento per la Formazione Clinica e l Aggiornamento Fondazione FADOI

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA

ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA D. Arduini, H. Valensise ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA II edizione riveduta ed ampliata Volume cartonato di 382 pagine f.to cm 21x29 70,00 per acquisti online www.gruppocic.com Giorn. It. Ost. Gin.

Dettagli

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Riflessioni etiche e professionali Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Progressi nella scienza e ricerca miglior cura delle malattie allungamento della vita miglioramento qualità

Dettagli

O GG E TTO : Individuazione Centri idonei alla prescrizione del medicinale Xarelto. LA GIUNTA REGIONALE

O GG E TTO : Individuazione Centri idonei alla prescrizione del medicinale Xarelto. LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Individuazione Centri idonei alla prescrizione del medicinale Xarelto. N. 1210 IN 04/10/2013 VISTI: LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA la legge 24 dicembre 1993 n. 537 concernente

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide)

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) Brescia, 3 giugno 2009 Circ. n. 169 INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009 Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) La Regione Lombardia,

Dettagli

Scheda Valutativa Tirocinio. Formativo

Scheda Valutativa Tirocinio. Formativo Scheda Valutativa Tirocinio Formativo PER STUDENTI ISCRITTI AL 5 ANNO CdL in MEDICINA E CHIRURGIA Data inizio tirocinio: Data conclusione tirocinio:.. Studente Tutor clinico (nome e cognome) (qualifica

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEL DECORSO POST-OPERATORIO NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO A CHIRURGIA PROTESICA DI ANCA E GINOCCHIO

GESTIONE DEL RISCHIO NEL DECORSO POST-OPERATORIO NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO A CHIRURGIA PROTESICA DI ANCA E GINOCCHIO Grazie ad un contributo educazionale GESTIONE DEL RISCHIO NEL DECORSO POST-OPERATORIO NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO A CHIRURGIA PROTESICA DI ANCA E GINOCCHIO Autore: Dr.ssa Anna Sponton, Coordinatore Didattico

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Firenze, 2-3 Dicembre 2011 Aula Magna del Seminario Arcivescovile Maggiore L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Mauro Vannucci Elena Tamburini Il 62% delle visite dal medico danno

Dettagli

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone LINEE DI INDIRIZZO SUL RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI (NAO)

Dettagli

Progetto Nazionale di Ricerca sugli Eventi Avversi Presentazione dei risultati dell ACO San Filippo Neri

Progetto Nazionale di Ricerca sugli Eventi Avversi Presentazione dei risultati dell ACO San Filippo Neri Progetto Nazionale di Ricerca sugli Eventi Avversi Presentazione dei risultati dell ACO San Filippo Neri Lorenzo Sommella Silvana Cinalli - Amalia Biasco Luigi Pinnarelli Maria Maddalena Sanna Studio dell

Dettagli

PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA

PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA 1 PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA A cura

Dettagli

Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se

Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se Territorio Pronto soccorso S. Marcello P.se U.O. Medicina III S. Marcello P.se Riferimento alle Linee guida ESC, adattando i percorsi al nostro territorio

Dettagli

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Studio clinico randomizzato, con gruppo di controllo, sull Agopuntura Tradizionale Cinese come Terapia di Supporto in pazienti sottoposti a trattamento Chemioterapico

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

NUOVE STRATEGIE PER COMBATTERE LA MALNUTRIZIONE OSPEDALIERA: L ESPERIENZA DELL OSPEDALE L. SACCO DI MILANO

NUOVE STRATEGIE PER COMBATTERE LA MALNUTRIZIONE OSPEDALIERA: L ESPERIENZA DELL OSPEDALE L. SACCO DI MILANO NUOVE STRATEGIE PER COMBATTERE LA MALNUTRIZIONE OSPEDALIERA: L ESPERIENZA DELL OSPEDALE L. SACCO DI MILANO Fulvio Muzio Servizio di Dietologia e Nutrizione Clinica A.O. Polo Universitario L. Sacco - Milano

Dettagli

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti REGIONE LAZIO Azienda Sanitaria Locale RIETI Ospedale San Camillo de Lellis Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti Isabella Marchese Serafino Orazi

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con Il sottoscritto BERTOLIN ANNALISA ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara X che negli ultimi due anni NON

Dettagli

CANCRO DELLA PROSTATA Corso di formazione specifica in Medicina Generale

CANCRO DELLA PROSTATA Corso di formazione specifica in Medicina Generale CANCRO DELLA PROSTATA Corso di formazione specifica in Medicina Generale Dr. Giuseppe Ruoppo Urologia ASMN RE Reggio Emilia 15/10/2014 ARGOMENTI PARTE I Epidemiologia e Screening Diagnosi e stadiazione

Dettagli

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione Il ruolo del chirurgo generale in chirurgia oncologica dell'adolescente

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

Profilassi della trombosi venosa profonda

Profilassi della trombosi venosa profonda Profilassi della trombosi venosa profonda Che cos è la trombosi venosa profonda (tvp)?...2 Chi sono i pazienti a rischio?...4 Come si può prevenire la trombosi venosa profonda?...6 Per quali pazienti è

Dettagli

#$%&'()&&& Approvato da: DDCG Data 24/11/2010 Firma: Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: )+) " # $% & % '! !"# $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$

#$%&'()&&& Approvato da: DDCG Data 24/11/2010 Firma: Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: )+)  # $% & % '! !# $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$ ()%*'$ Approvato da: DDCG Data 24/11/2010 Firma: Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: )+)! " # $% & % '!! # $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$ Gruppo di lavoro: ()'*'$ Firma Dr. Carmelo Guccione Dr. Diego Cognolato

Dettagli

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell Introduzione Il diabete mellito di tipo 2 rappresenta un problema medico estremamente rilevante per l ampia diffusione della patologia e per la morbilità a essa associata. Mentre si è affermata la necessità

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

TROMBOFILIA definizione

TROMBOFILIA definizione 17 novembre 2012 1 TROMBOFILIA definizione 2 i difetti trombofilici non sono malattie 3 TROMBOFILIA 4 TROMBOFILIA EREDITARIA 5 TROMBOFILIA ACQUISITA 6 Negli ultimi anni si è osservata una maggior sensibilità

Dettagli

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro Emicrania e trombofilie C. Cavestro Perché porsi il problema L emicrania comporta un aumentato rischio di malattie vascolari, in particolare l emicrania con aura 2/3 degli emicranici sono donne, categoria

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo Allegato III Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo 39 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 40 Paragrafo 4.1. Indicazioni terapeutiche

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

{ TEV: ASPETTI CLINICI RE ROBERTA MEDICINA INTERNA II NOVARA

{ TEV: ASPETTI CLINICI RE ROBERTA MEDICINA INTERNA II NOVARA { TEV: ASPETTI CLINICI RE ROBERTA MEDICINA INTERNA II NOVARA La sottoscritta Re Roberta ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione XXXIX Corso di aggiornamento Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione Focus su: Gravidanza e Trombosi Promosso da FONDAZIONE INTERNAZIONALE MENARINI PROGRAMMA, 21-22 novembre 2013 Aula Magna

Dettagli

PANCREATITE ACUTA, TROMBOSI VENOSA PROFONDA EMBOLIA POLMONARE,

PANCREATITE ACUTA, TROMBOSI VENOSA PROFONDA EMBOLIA POLMONARE, Medicina d urgenza Prof. G. Vendemiale PANCREATITE ACUTA, TROMBOSI VENOSA PROFONDA EMBOLIA POLMONARE, Dott. G. Serviddio Medicina Interna Universitaria Secrezione pancreatica Il pancreas esocrino produce

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli

trombosi antitrombotici

trombosi antitrombotici trombosi e antitrombotici La medicina è una scienza sociale e la politica non è altro che medicina su larga scala 4000 la lista della spesa 3500 3000 2500 2000 1500 1000 500 0 a b c d e f g h i j k

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli