Gli scores nel tromboembolismo venoso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli scores nel tromboembolismo venoso"

Transcript

1 Gli scores nel tromboembolismo venoso Fulvio Pomero 1, Attilio Allione 2, Christian Bracco 1, Virna Olocco 1, Luigi Maria Fenoglio 1 1 Dipartimento di Medicina Interna, Ospedale S. Croce e Carle, Cuneo, Italy 2 Dipartimento di Medicina D Urgenza, Ospedale S. Croce e Carle, Cuneo, Italy ABSTRACT Venous thromboembolism (VTE): focus on the scores Venous thromboembolism (VTE) represents an important morbidity and death cause in the Western world. In order to lower the impact of this pathology, it is essential to enforce prophylaxis on the patients at risk, have a prompt diagnosis on patients under clinical suspicion, and apply an adequate therapy on patients with a clear diagnosis. Hereinafter we face these aspects with particular focus on the scores available in literature, aiming to render an organic and methodic approach to VTE. Keywords: Deep Vein Thrombosis, Pulmonary Embolism, Scores Gli scores nella profilassi del tromboembolismo venoso (TEV) nel paziente medico ospedalizzato L ospedalizzazione per patologia medica acuta determina un incremento del rischio trombotico di circa 8 volte ed è responsabile di circa il 25% di tutti gli eventi tromboembolici 1. In ambito ospedaliero più della metà degli episodi di TEV insorgono in Dipartimenti Medici. Una metanalisi eseguita su 9 studi, condotti su pazienti medici acuti, ha dimostrato che la profilassi farmacologica riduce significativamente l insorgenza di embolia polmonare sintomatica (RR 0.43) e di embolia polmonare fatale (RR 0.38) senza incrementare significativamente il rischio di sanguinamento maggiore (RR 1.32) 2. Sulla base di questi dati le linee guida ACCP 3 raccomandano che, in pazienti ospedalizzati per una patologia medica acuta ad aumentato rischio di trombosi, venga eseguita la tromboprofilassi con eparina a basso peso molecolare (LMWH), eparina non frazionata a basso dosaggio (LDUH) o fondaparinux (Grado 1B) e viene suggerito di non estendere la durata della tromboprofilassi oltre il periodo di immobilizzazione del paziente o dopo la degenza ospedaliera (Grado 2B). La stratificazione del rischio trombotico di pazienti medici ospedalizzati risulta spesso complessa a causa della loro eterogeneità per cui non risulta semplice identificare i pazienti da sottoporre a tromboprofilassi. I fattori di rischio includono elementi intrinseci come l età, la storia personale di TEV, la presenza di trombofilia nota, la presenza di patologie concomitanti come le neoplasie, lo scompenso cardiaco, l insufficienza respiratoria associati ad elementi estrinseci come l immobilizzazione per almeno 3 giorni o la terapia ormonale 3. In uno studio prospettico osservazionale condotto su 1180 pazienti ricoverati in ambiente medico è stata valutata l applicazione di uno score di rischio (Padua Prediction Score) che ha preso in considerazione 11 fattori di rischio trombotico e ha classificato i pazienti in basso rischio (< 4 punti; circa 60% dei pazienti) o alto rischio ( 4 punti; circa 40% dei pazienti) in base al punteggio totalizzato. Dopo 3 mesi di follow-up l incidenza di TEV sintomatico in assenza di profilassi nel gruppo a basso rischio era dello 0.3% mentre risultava dell 11% nei pazienti ad alto rischio (rischio relativo = 32) 4 (Tab. 1). In considerazione di questi dati e della necessità di uniformare la stratificazione del rischio in ambiente medico, gli autori della IX edizione delle linee guida ACCP hanno utilizzato il Padua Prediction Score per la definizione del paziente ad aumentato rischio trombotico da sottoporre a tromboprofilassi 3. Sebbene il rischio emorragico attribuito alla tromboprofilassi farmacologica non sia particolarmente elevato, è necessario stratificare il rischio individuale del paziente prima di proce- 74 Decidere in Medicina - Anno XIV n. 6 Dicembre 2014

2 Tab. 1. Score di rischio trombotico nel paziente medico ospedalizzato (Padua Prediction Score). CARATTERISTICHE DEL PAZIENTE PUNTEGGIO Cancro 3 Precedente TEV 3 Ridotta mobilità 3 Trombofilia nota 3 Recente trauma o intervento chirurgico (< 30 gg) 2 Età 70 anni 1 Insufficienza respiratoria o cardiaca 1 Stroke ischemico o infarto miocardico 1 Patologie reumatologiche o infettive acute 1 Obesità 1 Terapia ormonale 1 Score: < 4 basso rischio; 4 rischio elevato dere alla prescrizione. Un recente studio osservazionale multicentrico ha valutato i fattori di rischio di sanguinamento su pazienti medici ospedalizzati 5. L ulcera gastrointestinale attiva, un episodio di sanguinamento negli ultimi 3 mesi ed una conta piastrinica < / mm 3 sono risultati i fattori di rischio maggiormente pericolosi seguiti dall età maggiore di 85 anni, l insufficienza epatica, l insufficienza renale severa (filtrato < 30 ml/min) ed il ricovero in terapia intensiva. Sulla base della forza di associazione tra questi fattori di rischio e gli episodi di sanguinamento, è stato generato uno score che ha permesso di evidenziare che più della metà degli episodi di sanguinamento maggiore avveniva nel 10% dei pazienti che possedeva un valore 7. Le linee guida ACCP hanno utilizzato il l IMPROVE score per la definizione del paziente ad aumentato rischio di sanguinamento in cui valutare molto attentamente il rapporto rischio/ beneficio nell inizio di una tromboprofilassi 3 (Tab. 2). Gli scores nella profilassi del TEV del paziente oncologico ambulatoriale I pazienti con neoplasia hanno un rischio di TEV 6 volte maggiore rispetto alla popolazione generale e lo sviluppo di una trombosi venosa è associata alla riduzione della sopravvivenza in questi pazienti 6. Mentre nel paziente medico ospedalizzato la presenza di cancro è riconosciuta come fattore di rischio importante (3 punti nel Padua Prediction Score) il paziente ambulatoriale con cancro costituisce ancora una sfida nella stratificazione del rischio tromboembolico. In anni recenti sono state forniti numerosi dati che confermano l importante ruolo della neoplasia come fattore di rischio per tromboembolismo venoso anche nel paziente a domicilio. L età, che rappresenta un sicuro fattore di rischio di TEV nel paziente senza neoplasia, sembra invece non essere un elemento significativo nei pazienti neoplastici, come dimostrato nel Vienna Cancer and Thrombosis Study (CATS) 7. Anche il sesso non risulta un importante fattore di rischio in questo contesto ed infatti uomini e donne con neoplasia possiedono lo stesso rischio di sviluppare un TEV. Al contrario, la precarietà delle condizioni generali del paziente aumenta in modo sostanziale il rischio trombotico e la spiegazione potrebbe essere trovata nella maggior frequenza di immobilizzazione e nella presenza di malattia più avanzata. L obesità è stata significativamente associata all aumento del rischio trombotico nel paziente neoplastico da Khorana 8, ma altri autori non hanno confermato questo dato. Il pregresso TEV è fortemente associato allo sviluppo di trombosi nel paziente con neoplasia dove il rischio risulta 8 volte maggiore rispetto a pazienti senza storia di pregressa trombosi 8. Anno XIV n. 6 Dicembre Decidere in Medicina 75

3 Tab. 2. Score di rischio emorragico nel paziente medico ospedalizzato (IMPROVE). FATTORI DI RISCHIO PUNTI Insufficienza renale moderata (GFR vs 60 ml/min) 1 Maschi vs femmine 1 Età aa vs < 40 aa 1.5 Cancro attivo 2 Malattie reumatiche 2 Catetere venoso centrale 2 ICU/CCU 2.5 Insufficienza renale severa (GFR <30 vs 60 ml/min) 2.5 Insufficienza epatica (INR > 1.5) 2.5 Età 85 aa vs < 40 aa 3.5 Conta piastrinica < 50 x 10 9 cell/l 4 Sanguinamento nei 3 mesi precedenti 4 Ulcera gastroduodenale attiva 4.5 Anche le caratteristiche della neoplasia possono condizionare il rischio trombotico ed in particolare pazienti con malattia metastatica dimostrano un rischio maggiore rispetto a pazienti con patologia localizzata. Tra i tumori a maggior rischio trombotico vanno ricordati quello del pancreas, quelli cerebrali, dello stomaco, seguiti da vescica, rene, utero, polmone e colon. Il tumore della prostata e della mammella risultano a minor rischio. Le terapie antitumorali determinano un effetto additivo sul rischio trombotico ed è noto che l utilizzo contemporaneo di chemio e radioterapia condiziona un rischio maggiore rispetto alle terapia utilizzate singolarmente. Anche il trattamento ormonale con tamoxifene e con talidomide/lenalidomide aumenta significativamente il rischio trombotico nel paziente neoplastico. Allo scopo di stratificare il rischio trombotico nel paziente oncologico ambulatoriale è possibile utilizzare lo score di Khorana 9 che prende in considerazione il sito del tumore, la conta piastrinica, il valore di emoglobina, l uso di farmaci stimolanti l eritropoiesi, la conta leucocitaria ed il BMI (Tab. 3). In una coorte di validazione di 1365 pazienti studiati per 2,5 mesi l incidenza di TEV è stata 0,8% in pazienti con score = 0,1.8% con score 1-2 e 7,1% con score 3. Tab. 3. Score di rischio trombotico nel paziente oncologico ambulatoriale in chemioterapia. CARATTERISTICHE DEL PAZIENTE 76 Decidere in Medicina - Anno XIV n. 6 Dicembre 2014 PUNTEGGIO Sede del cancro: stomaco, pancreas 2 Sede del cancro: polmone, linfoma, vescica, testicolo, vie ginecologiche Conta piastrinica > /mm 3 1 Emoglobina < 10 g/dl o uso di eritropoietina 1 Conta leucocitaria > / mm 3 1 Body mass index > 35 1 Score: 0 = basso rischio; 1-2 = rischio intermedio; > 2 = rischio elevato 1

4 Le linee guida ACCP suggeriscono che i pazienti ambulatoriali con tumore solido e fattori di rischio aggiuntivi per TEV con un basso rischio emorragico, devono essere trattati con dosi profilattiche di LMWH o LDUH (Grado 2B) 3. Tra i fattori di rischio aggiuntivo vengono considerati: precedente TEV, immobilizzazione, terapia ormonale, farmaci antiangiogenetici, talidomide o lenalidomide. Viceversa, in pazienti oncologici ambulatoriali portatori di catetere venoso centrale viene raccomandato di non utilizzare in modo routinario la tromboprofilassi con LMWH o LDUH (grado 2 B) o con antagonisti della vitamina K (grado 2 C) 3. Oggi è sempre maggiore il numero di pazienti gestiti a domicilio, sia per il minor ricorso all ospedalizzazione che per la riduzione dei giorni di degenza ospedaliera quando questa si rende necessaria. Risulta quindi sempre più necessario un corretto approccio alla stratificazione del rischio trombotico al fine di eseguire in modo appropriato la profilassi e ridurre l impatto della patologia tromboembolica, senza incrementare in modo inadeguato il rischio emorragico. Gli scores nella diagnosi di trombosi venosa profonda Le presentazione clinica della trombosi venosa profonda (TVP) è notevolmente eterogenea e l esame obiettivo risulta poco sensibile e specifico. Solo nel 20-30% dei pazienti sintomatici infatti viene dimostrata una TVP e, a complicare ulteriormente lo scenario, il 90% dei pazienti con embolia polmonare fatale non presenta sintomi di TVP 10. La presentazione classica della TVP è rappresentata dall edema e dal dolore a carico dell arto inferiore. Il dolore localizzato al polpaccio ha una buona sensibilità, ma è caratterizzato da una specificità molto variabile ed in generale tendenzialmente bassa. L edema a carico del polpaccio ha una sensibilità del 35-97% ed una specificità dell 8-88% 11. In pazienti con TVP, l edema a carico dell arto coinvolto risulta il segno più frequente (90% dei casi). Il dolore, l arrossamento ed il calore cutaneo non si sono dimostrati predittori positivi di TVP mentre la temperatura elevata (> 37.5 C) è risultato un predittore negativo (OR 0.34; p = 0.003) 12. Nel paziente con edemi declivi la probabilità di TVP è influenzata anche da alcuni elementi anamnestici come il cancro (LR=2.71), un precedente episodio di TVP (LR=2.25), la recente immobilizzazione (LR=1.98) o un recente intervento chirurgico (LR=1.76) 13. Poiché nessun elemento, all esame obiettivo o all anamnesi, è in grado di modificare singolarmente e in modo significativo la probabilità di TVP in pazienti con sospetto clinico, da alcuni anni sono stati sviluppati alcuni score clinici che permettono di valutare la probabilità clinica pre-test di avere un evento. Il più utilizzato tra questi è lo score di Wells (Tab. 4), che permette di distinguere in bassa, media o alta (rispettivamente 3%, 16,6% e 75%) la probabilità di dimostrare una trombosi venosa profonda proseguendo l iter diagnostico 14. La positività del d-dimero incrementa la probabilità di TVP in tutte le categorie di rischio clinico senza però permettere di effettuare una diagnosi conclusiva 15. La negatività del d dimero, in pazienti a rischio elevato o intermedio, non esclude la diagnosi di TVP (probabilità: Tab. 4. Score di WELLS per la diagnosi di trombosi venosa profonda. Cancro attivo (trattamento negli ultimi 6 mesi o palliazione) 1 Paralisi, paresi o recente ingessatura arti inferiori 1 Allettamento negli ultimi 4 giorni o chirurgia maggiore nelle ultime 4 settimane 1 Edema dell intero arto 1 Edema polpaccio > 3 cm rispetto all arto controlaterale 1 Edema improntabile 1 Vene collaterali superficiali dilatate (escluse le varici) 1 Diagnosi alternativa probabile - 2 Rischio clinico elevato 3 Rischio clinico medio = 1-2 Rischio clinico basso 0 Anno XIV n. 6 Dicembre Decidere in Medicina 77

5 8,6% e 1% rispettivamente), mentre nei pazienti a basso rischio, permette di concludere l iter diagnostico senza ulteriori indagini 15. Pazienti con probabilità elevata o intermedia devono ricevere l ecografia venosa per compressione (CUS) come primo test diagnostico. Un risultato positivo conferma la diagnosi di TVP mentre un test negativo deve essere seguito dal dosaggio del d-dimero per determinare la necessità di eventuali ulteriori test diagnostici 10. In caso di positività del d-dimero nonostante la negatività dell esame ecografico si impone la ripetizione della CUS entro 3-7 giorni oppure la flebografia 16. Poiché il sospetto clinico di TVP rappresenta una causa frequente di accesso in DEA è sempre più comune che l ecografia compressiva venga eseguita dal personale dell area di emergenza permettendo di ottenere una netta riduzione dei tempi diagnostici. Una revisione sistematica della letteratura 17 ha confrontato la CUS eseguita in DEA con quella specialistica concludendo che la CUS eseguita dai Medici d Urgenza è accurata (sensibilità 96,1%; specificità 96,8%) per la diagnosi della TVP prossimale. Gli scores nell embolia polmonare L embolia polmonare (EP) rappresenta una sfida cruciale per il medico per il suo eterogeneo spettro di presentazione ed evoluzione clinica e rappresenta una patologia in cui il ruolo degli score è stato indagato sia in fase diagnostica che in fase prognostica. Dati epidemiologici italiani mostrano un incidenza di EP pari allo 0,42/1000 pazienti-anno nella popolazione generale del Piemonte. In particolare la diagnosi di EP rappresenta lo 0.72% del numero totale di ospedalizzazioni con una mortalità ospedaliera che raggiunge il 12,8% 18. Embolia polmonare e scores diagnostici L introduzione dell angio-tc del torace multidetettore (MDTC) ha modificato l approccio diagnostico dell EP, acquisendo il ruolo di esame di prima scelta. La facilità di accesso e, in alcuni casi, il timore di omettere una diagnosi di una patologia pericolosa per la vita, ha indotto un aumento delle richieste di questo esame, ma il relativo incremento della esposizione alle radiazioni ionizzanti è oggi fonte di preoccupazione. Le più recenti evidenze scientifiche richiamano l attenzione dei clinici sul problema della sovradiagnosi di EP. Il fatto che i tassi di mortalità per EP restino immodificati, a fronte di un incidenza quasi raddoppiata, induce a ritenere che quasi la metà dei pazienti siano esposti a rischi della terapia in assenza di benefici 19. L iter diagnostico dell EP utilizza, nei primi passaggi, la valutazione clinica che si basa su dati anamnestici e clinici, tesi ad escludere altre possibili diagnosi, e su fattori di rischio che la rendano più probabile. Il work-up dell EP, proposto nelle ultime linee guida ESC, mette al primo posto dell algoritmo diagnostico l assegnazione della corretta probabilità clinica pre-test, quando sintomi o segni clinici indirizzano verso questa ipotesi 20. Malgrado i comuni test ed i singoli segni e sintomi abbiano uno scarso valore diagnostico in termini di specificità e sensibilità, la combinazione di queste variabili, valutata in modo empirico oppure sulla base di criteri predittivi, consente di classificare i pazienti in categorie di probabilità clinica di EP Lo studio PIOPED (Prospective Investigation On Pulmonary Embolism Diagnosis) ha dimostrato l importanza clinica del giudizio clinico empirico 23. Le principali limitazioni del giudizio clinico empirico sono date dalla mancanza di regole standardizzate e dall impossibilità di insegnarlo. In uno studio retrospettivo eseguito su più di 900 pazienti, un appropriato percorso diagnostico si traduceva in un outcome più favorevole nel gruppo che seguiva raccomandazioni standardizzate ed oggettive (1,2% di eventi tromboembolici a 3 mesi nel primo gruppo vs 7,7% nel secondo) 24. A tale scopo negli ultimi anni si sono sviluppati diversi criteri predittivi clinici nell ambito dei quali il più diffuso è il modello canadese di Wells che è composto da 7 variabili 25 (Tab. 5). I pazienti sono classificati in due categorie EP probabile (> 4 punti: rischio 28-52%) o EP improbabile ( 4 punti; rischio 2,3-9,4%) oppure in tre categorie con una probabilità pre-test bassa (< 2 punti; rischio 2,0-5,9%), intermedia (2-6 punti; rischio 17-24%) o elevata ( 7; rischio 54-78%); tale modello è semplice da usare e basato su informazioni facilmente reperibili. Tut- 78 Decidere in Medicina - Anno XIV n. 6 Dicembre 2014

6 Tab. 5. Scores clinici per la diagnosi di Embolia Polmonare (Wells; Geneva). WELLS Score Versione originale Versione semplificata Precedente EP o TVP 1,5 1 Frequenza cardiaca > 100 bpm 1,5 1 Recente chirurgia o immobilizzazione 1,5 1 Emottisi 1 1 Cancro attivo 1 1 Segni clinici di TVP 3 1 Diagnosi alternativa dell EP improbabile 3 1 Probabilità clinica Score a 3 livelli Basso 0-1 Non applicabile Intermedio 2-6 Non applicabile Elevato 7 Non applicabile Score a 2 livelli Basso Elevato 5 2 GENEVA SCORE Modificato Pregressa EP o TVP 3 1 Frequenza cardiaca bpm >95bpm Chirurgia o frattura nell ultimo mese 2 1 Emottisi 2 1 Cancro attivo 2 1 Dolore monolaterale alla gamba 3 1 Dolore alla palpazione di una vena profonda ed edema monolaterale alla gamba 3 5 Anno XIV n. 6 Dicembre Decidere in Medicina Età > 65 anni 1 1 Probabilità clinica Probabilità clinica (3 livelli) Bassa Intermedia Elevata 11 5 Probabilità clinica (2 livelli) EP probabile EP improbabile 6 3

7 tavia la riproducibilità interosservatore risulta variabile per l influenza esercitata da una voce soggettiva inclusa nel modello (diagnosi alternativa all EP). Inoltre, lo studio Christopher ha dimostrato come la combinazione di diagnosi clinica improbabile associata alla negatività del d-dimero esclude la presenza di EP con un bassa incidenza di tromboembolismo a 3 mesi 26. In Europa viene adottato il Geneva score modificato, uno score semplice e standardizzato, interamente basato su variabili cliniche 22 (Tab. 5). È stato validato sia all interno che all esterno dell ospedale, anche se in misura minore rispetto al modello di Wells. A prescindere dal metodo impiegato, la percentuale dei pazienti con EP è di circa il 10% nella categoria a bassa probabilità, del 30% in quelle a probabilità intermedia e del 65% in quelle ad alta probabilità. Lo studio prospettico PROMETEUS condotto in 7 ospedali olandesi ha dimostrato una simile performance nell escludere l EP dei 4 score più utilizzati (Wells, Wells semplificato, Geneva originale e Geneva modificato) in combinazione con un d-dimero negativo. Questo studio indica come anche le forme semplificate degli scores possano essere usate nella pratica clinica 27. Tuttavia, un recente lavoro condotto da Penaloza et al., ha evidenziato come il giudizio clinico sia in grado di selezionare meglio i pazienti a bassa e alta probabilità clinica 28. Questo lavoro sottolinea come gli scores di fatto non siano superiori alla clinical gestalt, anche in considerazione del fatto che, secondo alcuni studi, solamente il 30% dei medici li applica correttamente. Un discorso a parte merita lo score PERC che non viene incluso nelle recenti linee guida ESC Nel 2004, Kline et al. hanno eseguito uno studio prospettico con l obiettivo di evitare inutili test diagnostici nei pazienti afferenti ad un Dipartimento di Emergenza con sospetta EP. Il risultato è stato quello di individuare un gruppo di pazienti a basso probabilità di EP (< 2%) utilizzando 8 semplici variabili applicate a pazienti con basso sospetto clinico (Tab. 6) 29. Uno dei lavori più rigorosi sui test diagnostici nell EP è stato uno studio multicentrico del 2008 che ha reclutato pazienti, con una prevalenza di EP del 5,9% ed un periodo di 45 giorni di follow-up. Un basso sospetto clinico, accompagnato ad un PERC negativo è stato riscontrato in pazienti (20% della popolazione studiata). Al termine del il follow-up, 15 pazienti hanno manifestato EP ed 1 un paziente è morto. Il PERC ha dimostrato una sensibilità del 97,4% ed una specificità del 21,9% 30. Una meta-analisi che include pazienti ha osservato che la frequenza di EP in pazienti con la negatività di tutti gli 8 criteri PERC era di 44/1335 (0,3%) 31. Il PERC deve essere considerato ed utilizzato quando il sospetto clinico è basso ed in questo caso ha un ottima sensibilità nell escludere la diagnosi di malattia e permette di non avviare una diagnostica strumentale. Tab. 6. Score PERC (Pulmonary Embolism Rule-out Criteria). BASSO SOSPETTO CLINICO (CLINICAL GESTALT <15%) + Età <50 anni Frequenza cardiaca < 100 bpm Sat O 2 > 94% No emottisi Non edema monolaterale arto inferiore Non recenti traumi o chirurgia maggiore Non precedente tromboembolismo Non uso di contracettivi 80 Decidere in Medicina - Anno XIV n. 6 Dicembre 2014

8 Embolia polmonare e scores prognostici Una volta diagnostica l EP, la stratificazione del rischio di mortalità è mandatoria al fine di chiarire la prognosi e stabilire il tipo di trattamento da raccomandare 20. Stratificare il rischio permette di individualizzare il percorso del paziente: Ricovero ospedaliero in ambito intensivo, Ricovero in reparto di degenza ordinaria, Follow-up ambulatoriale, indirizzandolo verso le opzioni terapeutiche più appropriate: trattamento anticoagulante, trombolitico, chirurgico, endovascolare. La definizione di rischio clinico di mortalità precoce correlata all EP è riportato nella tabella 7. Tab. 7. Rischio clinico di mortalità precoce correlata all EP. Stratificazione del rischio basata sulla previsione di mortalità precoce correlata all embolia polmonare Rischio di mortalità precoce Shock o ipotensione Parametri di Rischio e score PESI III-IV o spesi 1 (a) Segni strumentali di disfunzione ventricolare dx (b) Elevato + + (d) + (+) (d) Intermedio Basso Intermedio elevato Intermedio basso + + Entrambi positivi Una o nessuna positiva (e) Valutazione opzionale e se effettuata negativa (e) Biomarker miocardici di laboratorio (c) a. La classe PESI III-V e la classe spesi indicano un rischio di mortalità elevata a 30 giorni. b. Criteri Ecocardiografici o angiotc del torace multidetettore (MDTC) di disfunzione ventricolare dx oppure c. Marker di danno miocardico (es troponina) oppure di disfunzione ventricolare destra (ex Peptide natriuretici atriale) incrementati d. Il calcolo dello score PESI o spesi non è necessaria in pazienti con ipotensione o shock e. Pazienti con classe PESI I-II o con classe spesi 0 e con marcatori di danno miocardico o di disfunzione destra sono classificati nel gruppo ad intermedio-basso rischio I pazienti emodinamicamente instabili con shock o ipotensione devono immediatamente essere identificati come pazienti ad elevato rischio e se l EP è confermata, occorre eseguire una terapia trombolitica riperfusiva farmacologica (o, in alternativa, chirurgica o interventistica) senza l utilizzo di score e/o esami di laboratorio specifici. Nei pazienti non ad elevato rischio (cioè senza shock o ipotensione) la stratificazione dovrebbe essere obbligatoria poiché può influenzare la strategia terapeutica e la durata del ricovero. In questi pazienti, la valutazione del rischio dovrebbe cominciare con un punteggio prognostico clinico validato, come Pulmonary Embolism Severity Index (PESI score) o la sua versione semplificata spesi in grado di effettuare una fine stratificazione della prognosi a 30 giorni. (Tab. 8) Anno XIV n. 6 Dicembre Decidere in Medicina 81

9 Tab. 8. Pulmonary Embolism Severity Index e Simplified PESI. PARAMETRO VERSIONE ORIGINALE(PESI) PUNTEGGIO Il PESI è uno score che identifica 5 classi a rischio crescente in base a 11 parametri strettamente clinici. I pazienti in classe I-II sono definiti a basso rischio, i pazienti in classe III-V sono definiti pazienti ad alto rischio. L utilità del PESI è quella di identificare pazienti a basso rischio, potenzialmente candidati a ricevere un trattamento domiciliare o una rapida dimissione ospedaliera. I pazienti a basso rischio PESI (Classe I e II) corrispondono ai pazienti spesi 0. Viceversa pazienti PESI (Classe III-IV-V) hanno una mortalità del 24,5%, mentre quelli con spesi 1 hanno una mortalità del 11% Alla luce di questi dati, nelle nuove linee guida ESC 2014, è stato individuato un gruppo di pazienti normotesi a rischio intermedio. Questo gruppo di pazienti dovrebbe pertanto continuare la stratificazione prognostica focalizzando l attenzione sul sovraccarico pressorio e/o sulla disfunzione del ventricolo dx. Pazienti con evidenza di marker di disfunzione ventricolare dx, dimostrata sia mediante esami strumentali (ecocardiografia o TC) oppure evidenziata da elevati livelli di marcatori di danno miocardico (troponina cardiaca) o di disfunzione ventricolare dx (peptide natriuretico atriale), sono classificati ad intermedio-elevato rischio. In questi pazienti è raccomandato uno stretto monitoraggio per individuare rapidamente una compromissione emodinamica e per instaurare eventualmente una terapia trombolitica di salvataggio Decidere in Medicina - Anno XIV n. 6 Dicembre 2014 VERSIONE SEMPLIFICATA (SPESI) PUNTEGGIO Età in anni 1 punto (se età paziente 80 anni) Sesso maschile + 10 punti - Cancro +30 punti 1 punto Scompenso cardiaco +10 punti 1 punto BPCO +10 punti FC punti 1 punto PA <100 mmhg +30 punti 1 punto FR > 30 atti/minuto +20 punti - Temperatura < punti - Alterazione stato mentale +60 punti - SatO 2 <90% + 20 punti 1 punto Stratificazione rischio di mortalità a 30 giorni in base al punteggio Classe I 65 molto basso (0-1,6%) Classse II basso (1,7-3,5%) Classe III moderato (3,2-7,1%) Classe IV elevato (4,0-11,4%) Classe V > 125 molto elevato (10,0-24,5%) 0 punti: 1% 1 punto:10,9%

10 Tab. 9. Score PREP. Alterato stato di coscienza No Si Shock cardiogeno all ingresso No Si Cancro Si No Peptide Natriuretico (BNP, ng/l) < >1000 Ecocardiogramma: rapporto Ventr Dx/Ventr Sn 0,2-0,49 0,5-0,74 0, >1,25 PUNTEGGIO I pazienti senza disfunzione ventricolare dx sono classificati ad intermedio-basso rischio. Allo stesso modo, pazienti con classe PESI I-II o con spesi 0, ma con segni strumentali o laboratoristici di disfunzione ventricolare dx vengono anche questi classificati come ad intermedio-basso rischio. Altri studi hanno cercato di validare score prognostici, ma, al momento attuale, non sono inclusi nelle recenti linee guida sull embolia polmonare ESC. Un modello clinico prognostico è il Ginevra Prognostic Role (GPR),che sembra essere inferiore in termini di identificazione dei pazienti a basso rischio rispetto al PESI 36. Lo studio PREP, uno studio osservazionale multicentrico prospettico, ha arruolato 570 pazienti con EP ed ha proposto uno score prognostico a 30 giorni (Tab. 9). Esso comprende dati clinici, ecocardiografici e dosaggio del peptide natriuretico atriale. Questo score permette di identificare tre categorie di pazienti ad outcome sfavorevole. Nei pazienti senza stato iniziale di shock, il tasso di eventi avversi (morte, recidiva di shock e/o recidiva di tromboembolismo) è stato del 1,8% nella Classe I ( 6 punti), 11,6% nella classe II (7-17 punti) e 22,2% nella classe III ( a 18) 37. Un altra popolazione ad elevato rischio tromboembolico è costituita da pazienti con neoplasia. Il cancro in fase attiva aumenta il rischio di EP e peggiora la prognosi. Inoltre, durante la stadiazione della neoplasia si può assistere ad un riscontro occasionale di un embolia polmonare incidentale. Nel 2012 Kline et al hanno derivato e validato uno specifico score denominato POMPE-C per pazienti con embolia polmonare e neoplasia in fase attiva che evidenzia 8 predittori clinici di mortalità a 30 giorni 38. Il POMPE-C comprende: calo ponderale del paziente; frequenza cardiaca > 99 battiti per minuto; frequenza respiratoria (aumento della frequenza nelle ultime 6 ore); ridotta SaO 2 %; Anno XIV n. 6 Dicembre Decidere in Medicina 83

11 distress respiratorio (ansia da dispnea o incrementato lavoro respiratorio); alterato stato di coscienza (disorientamento, delirium o confusione); do not resuscitate status (desiderio da parte del paziente di non essere rianimato); edema monolaterale ad un arto inferiore. In questo studio, l accuratezza prognostica dello score POMPE-C era superiore rispetto al PESI, proponendo un utilizzo specifico di questo score in questo peculiare sottogruppo di pazienti affetti da cancro associato ad embolia polmonare. L interesse per l utilizzo degli score nell EP appare un argomento molto attuale, in particolare nelle persone anziane la cui presentazione clinica può essere influenzata dalle comorbidità del paziente. Il Cumulative Illness Rating Scale (CIRS) è uno score semplice ed ampiamente utilizzato in ambiente geriatrico, che fornisce un quadro della fragilità del paziente 39. Il CIRS utilizza una valutazione anatomica (organo per organo) delle differenti patologie valutando la severità delle patologie coesistenti nei 12 principali organi, così come le turbe psichiatriche e del comportamento. Questi domini comprendono le patologie cardiache, vascolari, respiratorie, oculistiche, otorinolaringoiatriche, del tratto digestivo superiore, del tratto digestivo inferiore, epatiche, renali, dell apparato genito-urinario, muscolo-scheletrico, neurologiche, endocrinologiche e psichiatriche. Ogni item viene valutata secondo una scala ordinale con livelli di gravità crescente da 1 (patologia assente) a 5 (patologia molto grave). L indice di comorbidità rappresenta il numero delle categorie con punteggio uguale o superiore a 3. Il massimo punteggio ottenibile è 13. In uno studio italiano che ha valutato 170 pazienti emodinamicamente stabili con embolia polmonare (41 con età < 65 anni e 129 con età> 65 anni) lo score CIRS era significativamente più elevato nei pazienti che non sopravvivevano (p=0,002) e correlava discretamente con il PESI (r=0,54, p< 0,0001). Gli autori concludono che questo score potrebbe essere un valido strumento prognostico alternativo per la mortalità a 30 giorni in pazienti anziani con età maggiore di 65 anni con embolia polmonare 40. Conclusioni e prospettive Numerosi score diagnostici e prognostici di EP sono stati sviluppati durante gli ultimi anni. La valutazione della probabilità clinica è da considerare la pietra angolare di ogni algoritmo diagnostico e l utilizzo di score aiuta a standardizzare l approccio all EP razionalizzando l uso delle risorse diagnostiche permettendone un uso più coerente e ragionato. Gli score prognostici dovrebbero consentire una migliore stratificazione della gravità dell EP permettendo un trattamento individualizzato e per la prima volta le linee guida ESC 2014 inseriscono il PESI e lo spesi nella stratificazione di rischio basata sulla previsione di mortalità precoce correlata all EP. Bibliografia 1. Heit JA, Silverstein MD, Mohr D et al., Risk factors for deep vein thrombosis and pulmonary embolism: a population-based case-control study. Arch Intern Med. 2000; 160: Dentali F, Douketis JD, Gianni M et al., Meta-analysis: anticoagulant prophylaxis to prevent symptomatic venous thromboembolism in hospitalized medical patients. Ann Intern Med. 2007; 146: Kahn SR, Lim W, Dunn AS et al., Prevention of VTE in Nonsurgical Patients Antithrombotic Therapy and Prevention of Thrombosis, 9th ed: American College of Chest Physicians. Evidence-Based Clinical Practice Guidelines. CHEST 2012; 141 (Suppl): e195s e226s. 4. Barbar S, Noventa F, Rossetto V, et al., A risk assessment model for the identification of hospitalized medical patients at risk for venous thromboembolism: the Padua Prediction Score. J Thromb Haemost. 2010; 8: Decousus H, Tapson VF, Bergmann JF, et al., IMPROVE Investigators. Factors at admission associated with bleeding risk in medical patients: findings from the IMPROVE investigators. Chest. 2011; 139: Sørensen HT, Horvath-Puho E, Søgaard KK, et al., Arterial cardiovascular events, statins, low-dose aspirin and subsequent risk of venous thromboembolism: a population-based case-control study. J Thromb Haemost, 2009; 7 ( 4 ): Decidere in Medicina - Anno XIV n. 6 Dicembre 2014

12 7. Blom JW, Doggen CJ, Osanto S et al., Malignancies, prothrombotic mutations and the risk of venous thrombosis, JAMA 2005; 293: Khorana AA, Francis CW, Culakova E et al. Frequency, risk factors and trends for venous thromboembolism among hospitalized cancer patients. Cancer 2007; 110: Khorana AA, Kuderer NM, Culakova E et al., Development and validation of a predictive model for chemotherapy-associated thrombosis. Blood 2008; 111: Wells PS, Hirsh J, Anderson DR, et al. Accuracy of clinical assessment of deep vein thrombosis. Lancet 1995; 345: Tapson VF, Carroll BA, Davidson BL, et al., The diagnostic approach to acute venous thromboembolism. Clinical practice guideline. American Thoracic Society. Am J Respir Crit Care Med 1999; 160: Tan KK, Koh WP, Chao AK, Risk factors and presentation of deep venous thrombosis among Asian patients: a hospital-based case-control study in Singapore. Ann Vasc Surg 2007; 21: Goodacre S, Sutton AJ, Sampson FC, Meta-Analysis: The Value of Clinical Assessment in the Diagnosis of Deep Venous Thrombosis. Ann Intern Med 2005; 143: Wells PS, Anderson DR, Bormanis J, et al, Value of assessment of pretest probability of deep vein thrombosis in clinical management. Lancet 1997; 350: Wells PS, Owen C, Doucette S, Fergusson D, Tran H, Does this patient have deep vein thrombosis? JAMA. 2006; 295: ICSI (Institute for Clinical Systems Improvement), Health Care Guideline: Venous Thromboembolism Diagnosis and Treatment. Eleventh Edition, March Pomero F, Dentali F, Borretta V et al, Accuracy of emergency physician performed ultrasonography in the diagnosis of deep-vein thrombosis: A systematic review and meta-analysis. Thromb Haemost 2013; 109: Pomero F, Fenoglio L, Melchio R et al. Incidence and diagnosis of pulmonary embolism in Northern Italy: A population-based study. Eur J Intern Med. 2013; 24:e Prasad V, Rho J, Cifu A, et al, The diagnosis and treatment of pulmonary embolism a metaphor for medicine in the evidence-based medicine era. Arch Intern Med. 2012; 172: ESC Guidelines on the diagnosis and management of acute pulmonary embolism: The Task Force for the Diagnosis and Management of Acute Pulmonary Embolism of the European Society of Cardiology (ESC) Endorsed by the European Respiratory Society (ERS). Eur Heart J Aug 29. pii: ehu Musset D, Parent F, Meyer G, Maitre S, Girard P, Leroyer C et al. Diagnostic strategy for patients with suspected pulmonary embolism: a prospective multicentre outcome study. Lancet 2002; 360: Le Gal G, Righini M, Roy PM, Sanchez O, Aujeesky D, Bounameux H et al., Prediction of pulmonary embolism in the emergency department: the revise Geneva score. Ann Intern Med 2006; 144: Value of the ventilation/perfusion scan in acute pulmonary embolism. Results of the Prospective Investigation of Pulmonary Embolism Diagnosis (PIOPED). The PIOPED Investigators JAMA 1990; 263: Roy PM, Meyer G, Vielle B, et al., Appropriateness of diagnostic management and outcomes of suspected pulmonary embolism. Ann Intern Med, 2006; 144: Wells PS, Anderson DR, Rodger M, et al. Derivation of a simple clinical model to categorize patients probability of pulmonary embolism: increasing the models utility with the SimpliRED D-dimer. Thromb Haemost 2000; 83: van Belle A, B uller HR, Huisman MV, et al. Effectiveness of managing suspected pulmonary embolism using an algorithm combining clinical probability, D-dimer testing, and computed tomography. JAMA 2006; 295: Douma R, Mos I, Erkens P, et al. Performance of 4 clinical decision rules in the diagnostic management of acute pulmonary embolism: a prospective cohort study Ann Intern Med. 2011;154: Penaloza A, Verschuren F, Meyer G, et al., Comparison of the unstructured clinical gestalt, the Wells score, and the recise Geneva score to estimate Pretest probability for suspected pulmonary embolism, Ann Emerg Med, 2013, 62 (2): Kline JA, Mitchell AM, Kabrhel C, et al., Clinical criteria to prevent unnecessary diagnostic testing in emergency department patients with suspected pulmonary embolism., J Thromb Haemost 2004; 2(8): Kline JA, Courtney DM, Kabrhel C, et al., Prospective multicenter evaluation of the pulmonary embolism rule-out criteria, J Thromb Haemost, 2008; 6(5): Singh B,. Parsaik AK, Agarwal, D, et al., Diagnostic accuracy of pulmonary embolism rule-out criteria: a systematic review and meta-analysis Ann Emerg Med. 2012; 59: Aujesky D, Obrosky DS, Stone RA, Auble TE, Perrier A, Cornuz J, Roy PM, Fine MJ, Derivation and validation of a prognostic model for pulmonary embolism. Am J Respir Crit Care Med 2005; 172: Anno XIV n. 6 Dicembre Decidere in Medicina 85

13 33. Jimenez D, Aujesky D, Moores L, Gomez V, Lobo JL, Uresandi F, Otero R, Monreal M, Muriel A, YusenRD. Simplification of the pulmonary embolism severityindex for prognostication in patients with acute symptomatic pulmonary embolism, Arch Intern Med 2010;170: Meyer G, Vicaut E, DanaysT, et al. Fibrinolysis for patients with intermediate-risk pulmonary embolism, N Engl J Med, 2014; 370: Spirk D, Aujesky D, Husmann M, et al., Cardiac troponin testing and the simplified Pulmonary Embolism Severity Index, The Swiss Venous Thromboembolism Registry (SWIVTER). Thromb Haemost 2011; 106: Wicki J, Perrier A, Perneger TV, et al., Predicting adverse outcome in patients with acute pulmonary embolism: a risk score, Thromb Haemost 2000; 84: Sanchez O, Trinquart L, Caille V, et al. Prognostic factors for pulmonary embolism: the PREP study, a prospective multicenter cohort study. Am J Respir Crit Care Med, 2010; 181: Kline JA, Roy PM, Tham MP, et al. Derivation and validation of a multivariate model to predict mortality from pulmonary embolism with cancer: the POMPE-C tool. Thromb Res 2012; 129: e194-e Miller MD, Paradis CF, Houck PR, et al. Rating chronic medical illness burden in geropsychiatric practice and research: application of the Cumulative Illness Rating Scale. Psychiatry Res 41, Castelli R, Bucciarelli P, Porro F, et al., Pulmonary embolism in elderly patients: prognostic impact of the Cumulative Illness Rating Scale (CIRS) on short-term mortality, Thromb Res 2014;134: Decidere in Medicina - Anno XIV n. 6 Dicembre 2014

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Nicoletta Riva Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie Antitrombotiche Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Dr. Luciano DI Mauro ANGIOLOGIA A.S.P. 3 Catania Corso di formazione ECM Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della relativa scheda di

Dettagli

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.189 relativo a RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO

Dettagli

POLMONARE IN GRAVIDANZA CON INSTABILITÀ EMODINAMICA. dott. Enrico Bernardi

POLMONARE IN GRAVIDANZA CON INSTABILITÀ EMODINAMICA. dott. Enrico Bernardi APPROCCIO ALL EMBOLIA POLMONARE IN GRAVIDANZA CON INSTABILITÀ EMODINAMICA dott. Enrico Bernardi Sommario Ipotesi Diagnosi Terapia Epidemiologia Il TEV (TVP+EP) rappresenta la prima causa di morte materna

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE Pag 1 di 11 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. PERSONALE INTERESSATO... 3 3. PAROLE CHIAVE... 3 4. PROCEDURA OPERATIVA... 3 4.1 PREMESSA... 3 4.2 PROFILASSI MECCANICA... 4 4.2.1 Controindicazioni

Dettagli

DIPARTIMENTO DI EMERGENZA

DIPARTIMENTO DI EMERGENZA DIPARTIMENTO DI EMERGENZA STRUTTURA SEMPLICE DIPARTIMENTALE Accettazione, Pronto Soccorso ed Osservazione Breve Responsabile Dott. Felice ROTA Via Martiri della Liberta - 17014 Cairo Montenotte (SV) Tel

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

Incidenza e patogenesi delle complicanze tromboemboliche

Incidenza e patogenesi delle complicanze tromboemboliche Incidenza e patogenesi delle complicanze tromboemboliche Alessandro Inno Ospedale Sacro Cuore don Calabria Negrar - Verona Trombosi e cancro Armand Trousseau (1801-1867) Patogenesi Donnellan et al, Curr

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna Pavia, Giugno 2012 Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna I principali problemi che vedo e il contributo delle ultime LG ACCP Diagnosi

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

L esclusione della trombosi venosa profonda in Pronto Soccorso: l esperienza di Udine

L esclusione della trombosi venosa profonda in Pronto Soccorso: l esperienza di Udine emergency care journal organizzazione e formazione L esclusione della trombosi venosa profonda in Pronto Soccorso: l esperienza di Udine Barbara Mariotti, Enrico Barboni, Sebastiano Lizzio, Ciro Paolillo,

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico Piera Maria Ferrini Medicina Interna ad indirizzo Angiologico e Coagulativo Centro Emostasi Parma 18/3/2014 AGENDA

Dettagli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli I NUOVI FARMACI ANTICOAGULANTI Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli Verbania NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI FIBRILLAZIONE

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi immunologici ELISA classici ELISA modificati Agglutinazione su vetrino Turbidimetrici/nefelometri Su sangue in toto Fonti di variabilità tra metodi per il dosaggio

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco.

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Heart Failure History Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano e Mondovi (CN) Gheorgiade Comparazione

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI RIVAROXABAN ATC B01AX06 (Xarelto ) Presentata da Componente Commissione PTR In data Dicembre 2009 Per le seguenti motivazioni: Per la prevenzione del tromboembolismo

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Congresso Regionale Congiunto SID - AMD Padova 25 novembre 2006 Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Paolo Spolaore Scenario Contesto demografico crescente invecchiamento della popolazione

Dettagli

Associazione per la terapia delle malattie Metaboliche e Cardiovascolari

Associazione per la terapia delle malattie Metaboliche e Cardiovascolari Associazione per la terapia delle malattie Metaboliche e Cardiovascolari Protocollo di studio TEVere Fattori di rischio e diagnosi di tromboembolismo venoso (TEV). Studio osservazionale nei Reparti di

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

Linkage tra Database Sanitari

Linkage tra Database Sanitari Workshop La Drug Utilization attraverso i Database Amministrativi Linkage tra Database Sanitari Valutare il peso delle comorbilità Verificare l effectiveness dei trattamenti Supportare ipotesi di ricerca

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Il cancro nelle Marche

Il cancro nelle Marche Il cancro nelle Marche La mortalità per tumori nella regione Marche Nelle Marche (1.443.000 abitanti nel periodo 1992-95), secondo i dati ISTAT, ogni anno, muoiono per cancro circa 4.000 persone (2.413

Dettagli

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Walter Ageno Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università dell Insubria Varese ACCP 2012 Treatment of VTE 2012 Real-life treatment

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti REGIONE LAZIO Azienda Sanitaria Locale RIETI Ospedale San Camillo de Lellis Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti Isabella Marchese Serafino Orazi

Dettagli

{ TEV: ASPETTI CLINICI RE ROBERTA MEDICINA INTERNA II NOVARA

{ TEV: ASPETTI CLINICI RE ROBERTA MEDICINA INTERNA II NOVARA { TEV: ASPETTI CLINICI RE ROBERTA MEDICINA INTERNA II NOVARA La sottoscritta Re Roberta ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE NEL PAZIENTE AFFETTO DA NEOPLASIA POLMONARE Guia Castagnini Raffaella Speranza U. CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE A.O. SAN GERARDO MONZA - FINALITA ED OBIETTIVI

Dettagli

Università degli Studi di Trieste. Scuola di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia Direttore: Prof. Gabriele Toigo

Università degli Studi di Trieste. Scuola di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia Direttore: Prof. Gabriele Toigo Università degli Studi di Trieste Scuola di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia Direttore: Prof. Gabriele Toigo Prognostic value of multidimensional prognostic index on long term mortality, discharge

Dettagli

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani Gli indicatori di salute e di performance del sistema sanitario in Italia Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani L. Roti, R. Gini I. Il processo di selezione

Dettagli

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Il British Medical Journal pubblica un articolo non equilibrato riguardante dabigatran Ingelheim, Germany, 23 luglio

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA 1/9 MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA Nome Commerciale XARELTO Principio Attivo Rivaroxaban Ditta Produttrice Bayer S.p.a. ATC B01AF01 Formulazione Compresse rivestite

Dettagli

Gestione del paziente post-trombosi venosa profonda. Anna Maria Cerbone, Antonella Tufano

Gestione del paziente post-trombosi venosa profonda. Anna Maria Cerbone, Antonella Tufano NPT NUOVE PROSPETTIVE IN TERAPIA Comitato Scientifico: Aulisa L, Bizzi B, Caione P, Calisti A, Chiozza ML, Cittadini A, Ferrara P, Formica MM, Ottaviano S, Pignataro L, Pitzus F, Pretolani E, Riccardi

Dettagli

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo XXXVI CONGRESSO ANNUALE AIE Bari, 29-31 ottobre 2012 Sistema

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL D-DIMERO Indicazioni per la richiesta

DETERMINAZIONE DEL D-DIMERO Indicazioni per la richiesta SINOPSI DELLE RACCOMANDAZIONI DETERMINAZIONE DEL D-DIMERO Indicazioni per la richiesta Contesti clinici in cui i è comproata eidenza dell utilità del dosaggio del D-dimero: 1) sospetto di trombosi enosa

Dettagli

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta LA RADIOTERAPIA E un metodo di cura conosciuto da più di 100 anni che prevede l utilizzo di radiazioni

Dettagli

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Valvulopatie Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Stenosi Mitralica:Eziologia Patologia ormai rara nei paesi sviluppati:nella quasi totalità dei casi è di origine reumatica. Predilige il sesso femminile

Dettagli

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Amedeo Avogadro FACOLTA DI MEDICINA, CHIRURGIA E SCIENZE DELLA SALUTE Master universitario di I livello in Management per le funzioni di coordinamento delle

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

CRITERI DI OPERABILITA : Dr. Alessandro Brunelli

CRITERI DI OPERABILITA : Dr. Alessandro Brunelli CRITERI DI OPERABILITA : OVVERO CHI DEVE ESSERE OPERATO DA CHI Dr. Alessandro Brunelli U.O. Chirurgia Toracica AOU Ospedali Riuniti Ancona Abbadia di Fiastra (Macerata) 22 Aprile 2005 ALGORITMO VALUTAZIONE

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO (TEV) IN AREA MEDICA (31.12.2012)

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO (TEV) IN AREA MEDICA (31.12.2012) REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI P.O. S. Camillo De Lellis Rieti Dipartimento di Medicina Direttore Prof. Alessandro Stefanini U.O. C. Medicina Interna 2 U.O.S. Diabetologia Direttore:Dott.

Dettagli

Documento ANMCO su prevenzione del. anticoagulanti orali

Documento ANMCO su prevenzione del. anticoagulanti orali Documento ANMCO su prevenzione del tromboembolismo nella FA e ruolo dei nuovi anticoagulanti orali Paolo Colonna, MD FESC FANMCO Cardiology Hospital, Policlinico of Bari 1. Fisiopatologia del tromboembolismo

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Autrici: Carlesso Giulia, Corso Marilisa 33 Congresso Nazionale ANIARTI 5-7

Dettagli

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference: il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Alessandro Filippi, Pasqualino Sforza, Pier Claudio Barsesco Area Cardiovascolare, SIMG Le patologie croniche saranno

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri CLINICAL RISK MANAGEMENT Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager Azienda Sanitaria Firenze Tutti

Dettagli

La profilassi del TEV nel paziente oncologico nelle nuove Linee Guida ACCP

La profilassi del TEV nel paziente oncologico nelle nuove Linee Guida ACCP La profilassi del TEV nel paziente oncologico nelle nuove Linee Guida ACCP ANDREA FONTANELLA Presidente FADOI Campania Direttore Dipartimento per la Formazione Clinica e l Aggiornamento Fondazione FADOI

Dettagli

Prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso dopo un primo episodio di embolia polmonare

Prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso dopo un primo episodio di embolia polmonare ARTICOLO ORIGINALE Prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso dopo un primo episodio di embolia polmonare M. Campanini Medicina Interna II e d Urgenza, Azienda Ospedaliera Maggiore della Carità,

Dettagli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli Ricercatore presso l Università di Pisa U.O. di Urologia Universitaria Generalità Neoplasia non cutanea più frequente nel maschio Malattia a lenta

Dettagli

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014 Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN MONITORAGGIO REMOTO REMOTO il paziente non deve recarsi in ospedale MONITORAGGIO permette un flusso continuo di informazioni

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco e le Aziende Ospedaliere e IRCCS elencati nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco Dicembre 2011 NB: le seguenti note

Dettagli

La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata

La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata Lara Bettinzoli Recentemente sono stati pubblicati i risultati di uno studio sulla terapia adiuvante del carcinoma mammario nelle pazienti

Dettagli

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone LINEE DI INDIRIZZO SUL RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI (NAO)

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE Mod. DISTRETTO SOCIOSANITARIO UNITÀ DI VALUTAZIONE TERRITORIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE PAZIENTE Cognome e Nome Sesso Luogo di nascita Data di nascita Residente a Via Telefono Codice Fiscale:

Dettagli

Dott.ssa Rita Imeneo 1

Dott.ssa Rita Imeneo 1 Dott.ssa Rita Imeneo 1 INDAGINI 2007 Regione Piemonte Questionario Emergenze Ospedaliere Progetto GCA: indagine delle Direzioni Sanitarie dei Presidi Ospedalieri pemontesi (escluse le aree critiche) Variabile

Dettagli

MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair

MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair Espandi le Tue Opzioni di Trattamento per i Pazienti con Insufficienza Mitralica Espandi le Tue Opzioni di Trattamento per i Pazienti con Insuffi cienza Mitralica

Dettagli

Lo sviluppo di demenza in pazienti anziani con deficit cognitivo e fibrillazione atriale cronica: ruolo della risposta ventricolare.

Lo sviluppo di demenza in pazienti anziani con deficit cognitivo e fibrillazione atriale cronica: ruolo della risposta ventricolare. 57 Congresso MiCo Milano Convention Center 21/11/2012-24/11/2012 Lo sviluppo di demenza in pazienti anziani con deficit cognitivo e fibrillazione atriale cronica: ruolo della risposta ventricolare. Mastrobuoni

Dettagli

S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare. Referente dr. Alessandro Filippi

S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare. Referente dr. Alessandro Filippi S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare Referente dr. Alessandro Filippi Nuovi Anticoagulanti orali per la prevenzione di ictus ed embolia sistemica nella fibrillazione atriale

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea

Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea UOC CHIRURGIA TORACICA Università degli Studi di Padova Ruolo della chirurgia nel PDTA del tumore polmonare DIAGNOSTICO TERAPEUTICO Interventi Diagnostici Se possibile

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Elementi di Epidemiologia Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Elementi di epidemiologia

Dettagli

Epidemiologia dei tumori A. Spitale

Epidemiologia dei tumori A. Spitale Epidemiologia dei tumori A. Spitale 03 aprile 2007 Che cos è l Epidemiologia? Kleinbaum et al. (1982): L Epidemiologia è la scienza che studia lo stato di salute o di malattia nelle popolazioni umane I

Dettagli

l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale

l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale Esperienze di cure primarie l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale Centrale operativa territoriale: strumento di integrazione della filiera assistenziale Bologna, 31 marzo - 1 aprile 2014 Maria

Dettagli

Una scossa al cuore!

Una scossa al cuore! Una scossa al cuore! Aritmie ad alto rischio: il punto di vista del cardiologo intensivista. Cosa è cambiato in Utic. Dott. Antonio Anastasia Aiuto cardiologo Utic Casa di cura Villa Verde Utic Unità

Dettagli

2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE

2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini Corso pratico per Medici di Medicina Generale e Dirigenti Ospedalieri DIAGNOSTICA VASCOLARE ECO(COLOR)DOPPLER Quaderni

Dettagli

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327 C U R R I C U L U M D O T T. S S A E L I S A G R O S S O NATA A CARLOFORTE IL 20/SETTEMBRE/1963 Residente a Quartu Sanr Elena, Viale Colombo, 226 09045 Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel.

Dettagli

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Firenze, 2-3 Dicembre 2011 Aula Magna del Seminario Arcivescovile Maggiore L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Mauro Vannucci Elena Tamburini Il 62% delle visite dal medico danno

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura: perchè? 1. Evoluzione dei bisogni di cura 2. Evoluzione delle tecnologie 3. Multidisciplinarietà 4. Produttività 1. Evoluzione

Dettagli

IV FORUM SULLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA

IV FORUM SULLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA Registro Informatizado de Enfermedad Trombo Embólica (RIETE) IV FORUM SULLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA RIETE ITALIAN INVESTIGATORS MEETING MILAN, NOVEMBER 30th 2013 Registro Informatizado de Enfermedad

Dettagli

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione Anna Maria Marata Area Valutazione del Farmaco ASSR Regione Emilia Romagna 9 Dicembre 2013 October

Dettagli

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 A cura di: Dr.ssa M. Gambino, Dr.ssa Ass. San. L. Balconi, Dr. S. Pisani U. O. S. Sorveglianza

Dettagli

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Antonello Vado Laboratorio di elettrofisiologia Ospedale S.Croce e Carle. Cuneo Dal device management al disease management L effetto cumulativo

Dettagli