METODI PER LA STIMA DEI FLUSSI SUOLO-ATMOSFERA NELLE PIROCLASTITI LIMOSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METODI PER LA STIMA DEI FLUSSI SUOLO-ATMOSFERA NELLE PIROCLASTITI LIMOSE"

Transcript

1 METODI PER LA STIMA DEI FLUSSI SUOLO-ATMOSFERA NELLE PIROCLASTITI LIMOSE Luca Pagano Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Università degli Studi di Napoli Federico II Alfredo Reder Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Università degli Studi di Napoli Federico II Guido Rianna Divisione di Ricerca Impatti al Suolo e sulle Coste Centro Euromediterraneo sui Cambiamenti Climatici via Maiorise, Capua (CE) Sommario L articolo mostra i risultati di uno studio teso a comprendere se alcuni dei metodi più utilizzati in letteratura per la stima dei flussi evaporativi e di infiltrazione siano applicabili o meno alle piroclastiti limose. A tal fine, i parametri dei modelli utilizzati sono stati opportunamente calibrati sulla base delle misure eseguite su di un volume di terreno, ricostituito strumentato ed esposto all atmosfera per un periodo di oltre tre anni. 1. Introduzione Le coperture piroclastiche presenti in Campania sono state recentemente interessate da numerosi fenomeni meteoindotti di frana a cinematica rapida (De Riso et al., 2005), che hanno causato vittime ed ingenti danni a manufatti ed infrastrutture. Nei confronti di tali fenomeni la mitigazione del rischio viene spesso perseguita da parte delle autorità competenti attraverso il ricorso ad approcci non strutturali (sistemi di allarme), basati sulla previsione dell istante d innesco con un anticipo di alcune ore. Alcuni studi (Pagano et al., 2010; Frattini et al., 2004; Rianna et al., 2014b) hanno evidenziato come modelli di previsione basati su approcci eccessivamente semplici, quali ad esempio le soglie Intensità-Durata (Caine, 1980; Guzzetti et al.,2005) possano risultare inaccurati in quanto tralasciano l influenza esercitata da alcuni fattori rilevanti, quali l evoluzione del potenziale d infiltrazione e l effetto delle precipitazioni antecedenti. Altri lavori (Rianna et al., 2014 a,b) hanno mostrato inoltre la notevole influenza dei flussi evaporativi, quasi sempre trascurati, nel bilancio idrico della coltre e nelle conseguenti evoluzioni di suzione, associabili alle evoluzioni delle condizioni di stabilità. L accuratezza fornita da un modello nella previsione dell istante d innesco dipende sostanzialmente dalla capacità del modello stesso di stimare correttamente, istante per istante, i flussi in ingresso o in uscita dalla coltre e, come risultato integrale su di un arco temporale di alcuni mesi, il bilancio idrico, che quantifica i volumi d acqua immagazzinati all interno della coltre stessa. L utilizzo nel bilancio dei soli valori della precipitazione totale cumulata si è spesso rivelato inefficace

2 indipendentemente dal tipo di terreno (Crozier 1999) in quanto vengono tralasciati fattori importanti quali lo spessore della coltre, le proprietà idrauliche del terreno e i flussi evaporativi. Per tale motivo sono stati proposti indicatori più articolati che quantificano i volumi d acqua immagazzinati attraverso bilanci idrici semplificati, nei quali rientrano anche i flussi evaporativi (Ponziani et al., 2012; Godt et al. 2006; Baum and Godt 2010; Segoni et al. 2010). Tali approcci restano tuttavia fortemente ancorati alle proprietà idrauliche dei terreni per i quali sono stati sviluppati e calibrati. La letteratura di settore non consegna metodi semplificati sviluppati e calibrati ad hoc per la stima del bilancio idrico nelle coltri piroclastiche limose, bilancio che, come mostrato in alcuni lavori recenti (Rianna et al., 2014; Pagano et al., 2014), risulta fortemente condizionato dall evoluzione del contenuto d acqua superficiale e dall influenza che esso esercita sul rapporto tra flussi reali (infiltrazione ed evaporazione reale) e flussi potenziali (precipitazione e domanda evaporativa atmosferica). Tale lacuna, probabilmente riconducibile alla limitata diffusione di tali terreni a scala mondiale, rappresenta la motivazione principale del presente lavoro. Esso si propone di colmarla attraverso la validazione di un modello semplificato per la stima della componente evaporativa (FAO dual approach; FAO n 56; Allen et al., 1998) e di due modelli semplificati per la stima dell infiltrazione (SCS-CN, USDA-SCS, 1986; Philip modificato, Philip, 1957). Nelle fasi di calibrazione e previsione sono utilizzate le misure di volume d acqua immagazzinato misurate su di uno strato di terreno limoso piroclastico non plastico, di circa 1 metro cubo (spessore 0.75m, sezione orizzontale 1.15x1.15m) contenuto in un cassone ed esposto all atmosfera (Figura 1a). Fig 1. Il modello fisico (a); la granulometria del terreno piroclastico considerato (b); la curva caratteristica acqua-terreno (c) e la funzione di permeabilità (d)ritrovate tramite prove di laboratorio (Nicotera et al., 2010). La curva granulometrica e le proprietà idrauliche del mezzo sono riportate in Figura 1. Il volume d acqua immagazzinato è stato ricavato pesando costantemente il cassone attraverso tre celle di carico su cui il cassone stesso poggia. Le forzanti atmosferiche cui lo strato è sottoposto sono state monitorate attraverso una stazione meteorologica che misura grandezze convenzionali, quali le precipitazioni, l umidità relativa, la temperatura la velocità del vento, la pressione, e misure meno convenzionali, quali la radiazione netta, la radiazione solare, il flusso di calore attraverso la superficie dello strato.

3 Tale superficie è stata mantenuta nuda durante l esperimento. 2. Gli approcci di letteratura per la stima dei flussi all interfaccia suolo-atmosfera 2.1 L approccio FAO per la stima dei flussi evaporativi Le linee guida FAO assumono che il flusso evaporativo reale E a sia esprimibile come prodotto di tre componenti: E a = k r k c E r (1) Nella (1) E r rappresenta la cosiddetta evaporazione di riferimento, ovvero quella che si avrebbe calcolata tramite se il calcolo fosse condotto attraverso l approccio di Penman-Monteith (1965) per uno strato in grado di soddisfare appieno alla richiesta idrica dell atmosfera e ricoperto da una superficie di riferimento, rappresentata da un manto erboso di altezza 12 cm; tale quantità, funzione delle sole forzanti atmosferiche, ha essenzialmente lo scopo di rendere confrontabili le stime riferite a zone diverse caratterizzate da coperture di tipo diverso. Il coefficiente k c è noto come coefficiente di copertura in quanto porta in conto gli effetti indotti dalle caratteristiche effettive (rugosità e albedo) della superficie considerata; in sostanza tale coefficiente trasforma l evaporazione di riferimento in evaporazione potenziale. Il coefficiente k r è un fattore variabile tra zero e uno che taglia l evaporazione potenziale e la trasforma in evaporazione reale. Il taglio porta in conto la reale disponibilità d acqua in corrispondenza della superficie dello strato. Nelle linee guida FAO, tale taglio dipende dal volume d acqua w assorbito dallo strato superficiale secondo una legge bilatera: partendo dalla condizione di completa disponibilità di acqua si assume (k r = 1) che il terreno sostenga completamente la domanda evaporativa fino ad una soglia w 1 (soglia indicata anche con l acronimo REW: Readily Evaporable Water); a partire dall istante di approccio a w 1 si assume che l evaporazione reale cominci a discostarsi da quella potenziale, con k r che assume valori via via sempre più piccoli fino ad annullarsi in corrispondenza di una seconda soglia w 2 (soglia indicata anche con l acronimo TEW: Total Evaporable Water). L andamento di k r tra w 1 e w 2 viene assunto lineare decrescente. In virtù di quanto detto, i parametri richiesti da tale approccio sono tre: il coefficiente k r e le due soglie, w 1 (TEW) e w 2 (REW). 2.2 Stima dell infiltrazione attraverso approccio SCS-CN (Soil Conservation Service-Curve Number approach) L approccio SCS-CN è stato originariamente sviluppato per stimare la componente di ruscellamento del volume precipitato a scala di bacino. In linea di principio il riferimento a scale puntuali richiederebbe la verifica che i flussi laterali e subsuperficiali possano essere trascurati e che possa assumersi a priori un meccanismo di ruscellamento di tipo hortoniano, legato cioè a precipitazioni che eccedono il potenziale d infiltrazione del terreno (Garen e Moore, 2005). In tale metodo si considera una risoluzione temporale giornaliera per quantificare il ruscellamento indotto da un evento di precipitazione. Si assume che il terreno durante l evento assorba interamente il volume precipitato fino ad un valore Iα. Una volta superata la soglia Iα si assume che al generico i- stante t il rapporto tra volume infiltrato F e di ruscellamento Q sia pari al rapporto tra infiltrazione potenziale S e precipitazione totale Pt al netto dell aliquota Iα. S si assume funzione inversa di un parametro, CN, il quale porta in conto l effetto della permeabilità del terreno e della copertura superficiale. CN varia anche in funzione della precipitazione cumulata nei 5 giorni precedenti (P5), così da portare in conto l evoluzione dell infiltrazione potenziale al variare del quantitativo d acqua medio assorbito dallo strato superficiale. Iα si assume pari a λs. Il modello SCS-CN richiede in sintesi la quantificazione di 4 parametri: λ, il valore di base di CN in condizioni medie di umidità della coltre e gli estremi dell intervallo di P5 per i quali è necessario va-

4 riare il valore di CN. Nel seguito la legge di trasformazione di CN è stata assunta costante, conformemente a come si opera di solito. 2.2 L approccio Philip modificato per la stima dell infiltrazione Il metodo di Philip è di tipo semiempirico; tramite la soluzione analitica sotto ipotesi semplificate dell equazione di Richards (1931), esso restituisce una stima dell infiltrazione potenziale S per una durata parziale t dell evento di pioggia: S t = Bt At (2) Il massimo flusso entrante per un evento di pioggia di durata t è dunque pari alla somma di un aliquota (primo termine della (2)) che porta in conto gli effetti dei gradienti di pressione e di un aliquota gravitazionale (A), che viene relazionata alla permeabilità satura del terreno (k s ). Seguendo l approccio proposto da Youngs (1964), il parametro B (sorptività) può essere espresso in funzione delle proprietà di stato del terreno (porosità del terreno n) e delle condizioni medie di umidità al tempo 0 (contenuto volumetrico d acqua, permeabilità k( ) e coefficiente di umidificazione di Green-Ampt S f (Caruso e Jommi, 2011)). Il campo di variabilità di A è 0,33-1 k s. Al fine di svincolare il modello da un applicazione basata su risoluzione oraria e automatizzare la procedura di calcolo, si assume che i parametri che regolano la sorptività siano funzione del solo contenuto d acqua medio dello spessore significativo (nei calcoli riportati in seguito tale spessore lo si è identificato con quello dell intero strato contenuto nel cassone) e che il primo termine della (2) sia calcolato utilizzando intervalli di tempo giornalieri. Assumendo anche in questo caso che il ruscellamento sia dovuto semplicemente a meccanismi di tipo hortoniano, è possibile confrontare su base giornaliera precipitazione totale e infiltrazione potenziale per ricavare il volume d acqua immagazzinato. 3. Risultati La Figura 2a diagramma l evoluzione del quantitativo d acqua immagazzinato osservato nello strato e rapportato al volume dello strato stesso (contenuto d acqua medio) nel corso dei tre anni di monitoraggio. Lo stessa figura riporta le previsioni condotte con i metodi sopra esposti. E possibile osservare che entrambi i metodi utilizzati per calcolare l infiltrazione, combinati con il metodo FAO per la stima dei flussi evaporativi, consentono di stimare previsioni del contenuto d acqua pienamente congruenti con gli andamenti osservati.

5 Fig 2. Le variazioni di contenuto d acqua osservate e simulate utilizzando per la stima della componente evaporativa il modello FAO e per la stima dell infiltrato i modelli SCS e Philip (a); precipitazione osservata ed aliquota assorbita misurata tramite le celle di carico (b); evaporazione di riferimento stimata tramite la relazione di Penman-Monteith (c). Bibliografia Allen R G, Pereira L S, Raes D, Smith M (1998). FAO Irrigation and Drainage Paper No. 56: Crop evapotranspiration (guidelines for computing crop water requirements). ISBN Baum R L, Godt J W (2010). Early warning of rainfall-induced shallow landslides and debris flows in the USA, Landslides, 7, Caine N (1980). The rainfall intensity-duration control of shallow landslides and debris flow, Geografiska Annaler, 62A(1 2), Caruso M, Jommi C (2011). Infiltration and evaporation from bare soil: a comparison between experimental data and predictive models. 5th Asia-Pacific Conf. on Unsaturated Soils (AP-UNSAT 2011), Crozier M J (1999). Prediction of rainfall triggered landslides: a test of the antecedent water status model. E- arth Surf Processes Landf, 24, de Riso R, Budetta P, Calcaterra D, Santo A, Del Prete S, De Luca C, et al. (2004). Fenomeni di instabilità dei Monti Lattari e nell'area Flegrea(Campania): scenari di suscettibilità da frana in aree campione, Quaderni di Geologia Applicata, 11, Frattini P, Crosta G B, Fusi N, Dal Negro P (2004). Shallow landslides in pyroclastic soils: adistributed modelling approach for hazard assessment. Engineering Geology, 73, Garen D C, Moore D S (2005). Curve number hydrology in water quality modeling: uses, abuses, and future directions. JAWRA, 41(2), Godt J W, Baum R L., Chelbroad A F (2006). Rainfall characteristics for shallow landsliding in Seattle, Washington, USA, Earth Surf Processes Landf, 31, Guzzetti F, Peruccacci S, Rossi M (2005). Definition of critical thresholds for different scenarios, RISK- Advanced Weather forecast system to Advise on Risk Events and Management. Monteith J L (1965). Evaporation and Environment. In: The state and movement of water in living organism. 19th Symp. Soc. Exptl. Biol. P, Nicotera M V, Papa R, Urciuoli G (2010). An experimental technique for determining the hydraulic properties of

6 unsaturated pyroclastic soils, Geotech. Testing J., 33 (4), Pagano L, Picarelli L, Rianna G, Urciuoli G (2010). A simple numerical procedure for timely prediction of precipitation-induced landslides in unsaturated pyroclastic soils, Landslides, 7, (2014). Processi di infiltrazione ed evaporazione nei terreni piroclastici illustrati attraverso la selezione di alcuni eventi rappresentativi. Rivista Italiana Geotecnica (RIG), 1, 62:76. Penman H L (1948). Natural evaporation from open water, bare soil and grass. Proceedings of the Royal Society of London. Series A, Mathematical and Physical Sciences, 193(1032), Philip J R (1957). The theory of infiltration: 4. Sorptivity and algebraic infiltration equations. Soil Sci., 84, Ponziani F, Pandolfo C, Stelluti M, Berni N, Brocca L, Moramarco T (2012). Assessment of rainfall thresholds and soil moisture modeling for operational hydrogeological risk prevention in the Umbria region (central Italy). Landslides, 9, Rianna G, Pagano L, Urciuoli G (2014a). Investigation of soil-atmosphere interaction in pyroclastic soils. Journal of hydrology, 510, Rianna G, Pagano L, Urciuoli G (2014b). Rainfall patterns triggering flowslides in pyroclastic soils. Engineering Geology, 174, Segoni S, Leoni L, Benedetti AI, Catani F, Righini G, Falorni G, Gabellani S, Rudari R, Silvestro F, Rebora N (2010). Towards a definition of a real-time forecasting network for rainfall induced shallow landslides. Natural Hazards and Earth System Sciences, 9: USDA-SCS (1986). Urban hydrology for small watersheds. Technical Release No. 55, U.S. Government Printing Office, Washington, D.C. Youngs E G (1964). An Infiltration Method of Measuring the Hydraulic Conductivity of Unsaturated Porous Materials. Soil Sci., 97,

Leopardi, 192 isolato 34, 80125 Napoli (NA) (Italia) 0815934608 3934718878 guidorianna@fastwebnet.it

Leopardi, 192 isolato 34, 80125 Napoli (NA) (Italia) 0815934608 3934718878 guidorianna@fastwebnet.it Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Guido Rianna Leopardi, 192 isolato 34, 80125 Napoli (NA) (Italia) 0815934608 3934718878 guidorianna@fastwebnet.it Sesso Maschile Data di nascita 26 dicembre 1980

Dettagli

STUDIO SPERIMENTALE DEL COMPORTAMENTO IDRAULICO DEGLI ARGINI DEL MEDIO CORSO DEL PO.

STUDIO SPERIMENTALE DEL COMPORTAMENTO IDRAULICO DEGLI ARGINI DEL MEDIO CORSO DEL PO. STUDIO SPERIMENTALE DEL COMPORTAMENTO IDRAULICO DEGLI ARGINI DEL MEDIO CORSO DEL PO. Luca Pagano, DICEA, Università di Napoli Federico II luca.pagano@unina.it Alessandra Nocilla DICATAM, Università di

Dettagli

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree Specialistiche in Ingegneria per l Ambiente

Dettagli

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Perché risparmiare acqua in agricoltura? Non è un bene infinito Riduzione riserva terrestre acqua dolce Scioglimento dei ghiacci competizione utilizzatori (aumento

Dettagli

Determinazione di soglie pluviometriche per l innesco di frane in Emilia - Romagna

Determinazione di soglie pluviometriche per l innesco di frane in Emilia - Romagna Determinazione di soglie pluviometriche per l innesco di frane in Emilia - Romagna Marco Pizziolo*, Lorenzo Del Maschio**, Giampiero Gozza*, Sara Pignone*** * Regione Emilia - Romagna - Servizio geologico,

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII F. Aloi Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Università degli Studi di Napoli Federico II ferdinando.aloi@unina.it

Dettagli

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni:

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni: 1 2 Una breve descrizione del network dei Centri Funzionali: nei confronti del rischio idrogeologico, il sistema di allerta nazionale è assicurato dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile (DPCN),

Dettagli

INDICATORI DI FUNZIONAMENTO DI SISTEMI DI ALLERTA PER FRANE PLUVIO-INDOTTE A SCALA REGIONALE

INDICATORI DI FUNZIONAMENTO DI SISTEMI DI ALLERTA PER FRANE PLUVIO-INDOTTE A SCALA REGIONALE INDICATORI DI FUNZIONAMENTO DI SISTEMI DI ALLERTA PER FRANE PLUVIO-INDOTTE A SCALA REGIONALE Luca Piciullo, Michele Calvello, Rosa Mari Dipartimento di Ingegneria Civile - DICIV, Università degli studi

Dettagli

RESISTENZA A TAGLIO DI TERRENI PIROCLASTICI STABILIZZATI A CALCE

RESISTENZA A TAGLIO DI TERRENI PIROCLASTICI STABILIZZATI A CALCE RESISTENZA A TAGLIO DI TERRENI PIROCLASTICI STABILIZZATI A CALCE Andrea Ferretti Università degli Studi di Perugia andreaferretti84@gmail.com Manuela Cecconi Università degli Studi di Perugia ceccon@unipg.it

Dettagli

P.U.A. n 3 Via Leopardi

P.U.A. n 3 Via Leopardi P.U.A. n 3 Via Leopardi REGIONE VENETO provincia di Padova comune di Galliera Veneta Relazione idraulica Il committente Comune di Galliera Veneta Via Roma 174 Il progettista Arch. Sara Favotto STUDIO NOVE

Dettagli

Esame di Idrologia - 1 Gennaio 1111 Saranno assegnati tre punti per ciascuna risposta corretta. Utilizzare 4 cifre significative per le risposte.

Esame di Idrologia - 1 Gennaio 1111 Saranno assegnati tre punti per ciascuna risposta corretta. Utilizzare 4 cifre significative per le risposte. Studente 1: nome 1 1. In un bacino idrografico di dominio 707 km 2 è stata misurata una altezza di afflusso meteorico pari a 195.1 mm in un mese di 31 giorni. Calcolare la portata media mensile del deflusso

Dettagli

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE L applicazione realizzata si propone la stima dei consumi idrici delle colture attraverso l integrazioni di più moduli

Dettagli

LA VALIDAZIONE AUTOMATICA DEI DATI METEOROLOGICI Maria Elena Nicolella CSI (Consorzio Sistemi Informativi) Piemonte

LA VALIDAZIONE AUTOMATICA DEI DATI METEOROLOGICI Maria Elena Nicolella CSI (Consorzio Sistemi Informativi) Piemonte 42 L VLIDZIONE UTOMTI DEI DTI METEOROLOGII Maria Elena Nicolella SI (onsorzio Sistemi Informativi) Piemonte Riassunto L obiettivo del lavoro è quello di descrivere una procedura per il controllo di qualità

Dettagli

CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING

CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING Vitale Enza Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale e.vitale@unicas.it

Dettagli

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI Eolo-CISMA è un sistema di previsioni meteorologiche messo a punto da CISMA srl che ci permette di disporre di previsioni del potenziale eolico di un sito

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

STABILIZZAZIONE A CALCE PER REIMPIEGO DI SEDIMENTI MARINI DI DRAGAGGIO

STABILIZZAZIONE A CALCE PER REIMPIEGO DI SEDIMENTI MARINI DI DRAGAGGIO STABILIZZAZIONE A CALCE PER REIMPIEGO DI SEDIMENTI MARINI DI DRAGAGGIO Anastasia Capotosto a.capotosto@unicas.it Paolo Croce croce@unicas.it Giuseppe Modoni modoni@unicas.it Giacomo Russo giarusso@unicas.it

Dettagli

Prospettive sulla modellistica atmosferica a medio termine

Prospettive sulla modellistica atmosferica a medio termine Copertina Prospettive sulla modellistica atmosferica a medio termine ARPA FVG Palmanova 04 dicembre 2014 D. B. Giaiotti ARPA FVG, Centro Regionale di Modellistica Ambientale Sommario La risoluzione spaziale

Dettagli

LA STIMA QUANTITATIVA DEL RISCHIO DA FRANA (QRA): IL CASO DI STUDIO DI MONTE ALBINO (NOCERA INFERIORE)

LA STIMA QUANTITATIVA DEL RISCHIO DA FRANA (QRA): IL CASO DI STUDIO DI MONTE ALBINO (NOCERA INFERIORE) LA STIMA QUANTITATIVA DEL RISCHIO DA FRANA (QRA): IL CASO DI STUDIO DI MONTE ALBINO (NOCERA INFERIORE) Leonardo Cascini, Settimio Ferlisi, Giovanna De Chiara, Sabrina Mastroianni Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

CURRICULUM VITAE DEL PROF. ING. VINCENZO SIMEONE

CURRICULUM VITAE DEL PROF. ING. VINCENZO SIMEONE Prof. Ing. Vincenzo SIMEONE, PhD Ingegnere e Geologo Professore Ordinario di Geologia Applicata nel Politecnico di Bari Dottore di ricerca in ingegneria geotecnica Già Funzionario del Consiglio Superiore

Dettagli

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI G. Papadakis, P. Tsamis, S. Kyritsis Department of Agricultural Engineering, Agricultural University of Athens, Greece Data: 13 gennaio

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.11 ANALISI DELLE POTENZIALITA DI SVILUPPO DI PRODUZIONE EOLICA Riferimento al capitolo 3.3 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura

Dettagli

dilenab@arssa-mail.it

dilenab@arssa-mail.it dilenab@arssa-mail.it Introduzione L Aridità è una caratteristica climatica determinata dalla contemporanea scarsità di piogge e dalla forte evaporazione che sottrae umidità al terreno (UNEP 1997- http://www.unep.org/geo/geo1/ch/toc.htm)

Dettagli

Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi

Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi Saie Built Academy: scienze e tecnologie per costruire città e territorio Bologna 22 Ottobre 2014 Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi Matteo Berti Dipartimento BIGEA -

Dettagli

ESERCIZI RISOLTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA E GEOLOGIA APPLICATA

ESERCIZI RISOLTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA E GEOLOGIA APPLICATA P E R L A P R O G E T T A Z I O N E ESERCIZI RISOLTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA E GEOLOGIA APPLICATA Tensioni nel sottosuolo, capacità portante e cedimenti delle fondazioni, geofisica ed idrologia. Concetti

Dettagli

STABILIZZAZIONE DI TERRENI ARGILLOSI SOGGETTI A FENOMENI DI RITIRO E RIGONFIAMENTO

STABILIZZAZIONE DI TERRENI ARGILLOSI SOGGETTI A FENOMENI DI RITIRO E RIGONFIAMENTO Corso Specialistico di Formazione Professionale sul Recupero di Edifici Esistenti in Muratura Bologna, 11 marzo 2011 STABILIZZAZIONE DI TERRENI ARGILLOSI SOGGETTI A FENOMENI DI RITIRO E RIGONFIAMENTO (CON

Dettagli

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali.

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali. 74 LA RETE AGROMETEOROLOGICA NAZIONALE DEL MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Maria Carmen Beltrano Ufficio Centrale di Ecologia Agraria - Roma Riassunto L intervento mira a descrivere la

Dettagli

Politecnico di Milano. MOPI-Centro Epson Meteo. M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani, L. Boscarello, G.

Politecnico di Milano. MOPI-Centro Epson Meteo. M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani, L. Boscarello, G. Previsione meteo idrologica per la gestione irrigua Pre.G.I. Politecnico di Milano Alessandro Ceppi MOPI-Centro Epson Meteo Raffaele Salerno M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani,

Dettagli

LA DIFFUSIONE DEL SALE E DELL UMIDITA NEI PROCESSI DI ESSICCAZIONE DEI SALUMI

LA DIFFUSIONE DEL SALE E DELL UMIDITA NEI PROCESSI DI ESSICCAZIONE DEI SALUMI LA DIFFUSIONE DEL SALE E DELL UMIDITA NEI PROCESSI DI ESSICCAZIONE DEI SALUMI C. DIAFERIA Seminario: Valorizzazione di prodotti diversi dal Prosciutto - Univ Cattolica PC ESSICCAZIONE Nei prodotti alimentari

Dettagli

Applicazione di modelli per l analisi di scenari di mitigazione

Applicazione di modelli per l analisi di scenari di mitigazione Applicazione di modelli per l analisi di scenari di mitigazione Stefano Zauli Sajani, Stefano Marchesi Centro Tematico Regionale Ambiente e Salute ARPA Emilia- Romagna Applicazione di modelli Nell ambito

Dettagli

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani REGIONE MARCHE Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile Centro Funzionale per la Meteorologia, l Idrologia e la Sismologia Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi

Dettagli

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Legambiente Rischio Idrogeologico: Un problema nazionale

Dettagli

Evapotraspirazione potenziale ETP

Evapotraspirazione potenziale ETP Evapotraspirazione potenziale ETP Modello - calcolo dell evapotraspirazione Pagina 1 Calcolo dell'evapotraspirazione potenziale Il concetto di evapotraspirazione potenziale (ETP) espresso intorno al 1950

Dettagli

I principali codici di cui dispone M 3 E sono:

I principali codici di cui dispone M 3 E sono: M 3 E S.r.l. è una società all avanguardia nello studio e simulazione numerica della geomeccanica di giacimento in problemi di sfruttamento o stoccaggio di risorse sotterranee, come acqua, gas o petrolio.

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

Misura del vento: la velocità

Misura del vento: la velocità Il vento Il vento si origina in seguito a differenze di pressione, che ne rappresentano la forza motrice, a loro volta derivanti principalmente da differenze di temperatura tra masse di aria. Il vento

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 08 METEOROLOGIA NELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

EVAPOTRASPIRAZIONE. Marco Acutis. Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde

EVAPOTRASPIRAZIONE. Marco Acutis. Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde EVAPOTRASPIRAZIONE Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L evapotraspirazione EVAPOTRASPIRAZIONE = CONSUMI IDRICI DI UNA COLTURA EVAPORAZIONE DAL SUOLO

Dettagli

Previsione e mitigazione del rischio

Previsione e mitigazione del rischio Il rischio idraulico in Italia Maurizio Giugni Quasi il 10% del territorio nazionale presenta aree ad elevata criticità idrogeologica. Tra le cause amplificanti il rischio il mutamento climatico il cui

Dettagli

PRATI ARMATI Srl SOCIETA DI RICERCA BIOINGEGNERIA TECNOLOGIE AMBIENTALI

PRATI ARMATI Srl SOCIETA DI RICERCA BIOINGEGNERIA TECNOLOGIE AMBIENTALI PRATI ARMATI Srl SOCIETA DI RICERCA BIOINGEGNERIA TECNOLOGIE AMBIENTALI Rinforzo meccanico dei terreni con il VETIVER e calcolo del fattore di sicurezza Scopo dell intervento La tecnologia del VETIVER

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Laboratorio di Progettazione 3M prof. Giovanni Longobardi DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE prof. Marco Frascarolo Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Architettura A.A. 2010-2011

Dettagli

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi

Dettagli

Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA. Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15 Arzignano. Data: 20 giugno 2014

Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA. Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15 Arzignano. Data: 20 giugno 2014 Progetto: MODELLAZIONE PROGNOSTICA DEL TRASPORTO AEREO E DISPERSIONE INQUINANTI DALLE EMISSIONI Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15

Dettagli

PERCEZIONE DEL RISCHIO DA FRANA: UNO STUDIO PRELIMINARE NEL COMUNE DI SARNO (SA)

PERCEZIONE DEL RISCHIO DA FRANA: UNO STUDIO PRELIMINARE NEL COMUNE DI SARNO (SA) PERCEZIONE DEL RISCHIO DA FRANA: UNO STUDIO PRELIMARE NEL COMUNE DI SARNO (SA) Michele CALVELLO, Maria Nicolina PAPA, Maria NACCHIA CRESCENZO Dipartimento di Ingegneria Civile - DICIV, Università di Salerno

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II

Università degli studi di Napoli Federico II Università degli studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle scienze di base Corso di Laurea Triennale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed

Dettagli

Corso di Geologia Applicata

Corso di Geologia Applicata Scienze e Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Geologia Applicata Dott. Maria Chiara Turrini Ripartizione degli sforzi fra fase solida e fase liquida Poiché il terreno è un sistema multifase, il carico

Dettagli

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ Giovanni Dalerci, Rossella Bovolenta Università degli Studi di Genova Dipartimento

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Carlo Gregoretti Corso di Idraulica ed Idrologia Elementi di statist. per Idrolog.-7//4 ELEMETI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Introduzione Una variabile si dice casuale quando assume valori che dipendono

Dettagli

Tecnica GPS RTK Multi-Reference Station: Sperimentazione sulla rete test Campania GPS Network

Tecnica GPS RTK Multi-Reference Station: Sperimentazione sulla rete test Campania GPS Network Tecnica GPS RTK Multi-Reference Station: Sperimentazione sulla rete test Campania GPS Network Giovanni PUGLIANO (*), M. Elizabeth CANNON (**), Gérard LACHAPELLE (**) (*) Università degli Studi di Napoli

Dettagli

CONSIDERAZIONI SUI PROBLEMI LEGATI AI TERRENI DI FONDAZIONE COSTITUITI DA ARGILLE RIGONFIANTI

CONSIDERAZIONI SUI PROBLEMI LEGATI AI TERRENI DI FONDAZIONE COSTITUITI DA ARGILLE RIGONFIANTI Dott. ANGELO ANGELI geologo - Studio Geologia Tecnica Impresa Geotecnica Via Padre Genocchi n.222-angolo-via Dossetti 47521 CESENA Tel.0547-27682 Fax. 21128 P.IVA: 00163540404 - C.F.: NGL NGL 34D13 F139U

Dettagli

MODELLAZIONE 3D DEL SUBSTRATO ROCCIOSO E DEL LIVELLO DI FALDA MEDIANTE INTERPOLAZIONE DI PUNTI

MODELLAZIONE 3D DEL SUBSTRATO ROCCIOSO E DEL LIVELLO DI FALDA MEDIANTE INTERPOLAZIONE DI PUNTI MODELLAZIONE 3D DEL SUBSTRATO ROCCIOSO E DEL LIVELLO DI FALDA MEDIANTE INTERPOLAZIONE DI PUNTI XIV Meeting degli utenti italiani GRASS e GFOSS Genova 6 9 Febbraio 2013 Scuola Politecnica dell Università

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INTRODUZIONE... 2 3. DESCRIZIONE DEL SITO... 3 4. MISURA DEL VENTO... 4 5. CARATTERISTICA DELLA STATISTICA METEO...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INTRODUZIONE... 2 3. DESCRIZIONE DEL SITO... 3 4. MISURA DEL VENTO... 4 5. CARATTERISTICA DELLA STATISTICA METEO... Regione Basilicata Provincia di Potenza Comune di Melfi PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PARCO EOLICO NEL COMUNE DI MELFI PROGETTO DEFINITIVO 4 3 2 1 0 Settembre 2011 Em./Rev. Data Red./Dis. Verificato

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

RUWA acqua territorio energia

RUWA acqua territorio energia RUWA acqua territorio energia Modellistica Idrologica e Idraulica Programma di formazione software HEC Corsi in aula a Lecce (dal 04 al 07 Febbraio 2014) e Foggia (dal 18 al 21 Febbraio 2014) I Semestre

Dettagli

FRANE SUPERFICIALI INDOTTE DA PRECIPITAZIONI

FRANE SUPERFICIALI INDOTTE DA PRECIPITAZIONI FRANE SUPERFICIALI INDOTTE DA PRECIPITAZIONI UNA POSSIBILE METODOLOGIA PER LA MAPPATURA DELLE AREE SUSCETTIBILI AL FRANAMENTO Autore: Dott. Ing. Cristiano Lanni, PhD e-mail: cristiano.lanni@ingena.info

Dettagli

Dedicated switch 1Gbit

Dedicated switch 1Gbit Internet Fews Clients Gateway/Firewall Dedicated switch 1Gbit Master000 Master controller FEWS Condor Master FSS000 FSS001 FSS002 FSS003 FSS007 FSS008 FSS014 Forecasting Shell Severs Condor Cluster 16

Dettagli

GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA

GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA Giulio Riga GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA ESERCIZI SVOLTI GIULIO RIGA GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA ISBN 978-88-579-0019-3 2010 by Dario Flaccovio Editore s.r.l. - tel. 0916700686

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

EVAPOTRASPIRAZIONE DA SPECCHIO LIQUIDO E VEGETAZIONE E BILANCIO RADIATIVO ALLA SUPERFICIE TERRESTRE

EVAPOTRASPIRAZIONE DA SPECCHIO LIQUIDO E VEGETAZIONE E BILANCIO RADIATIVO ALLA SUPERFICIE TERRESTRE EVAPOTRASPIRAZIONE DA SPECCHIO LIQUIDO E VEGETAZIONE E BILANCIO RADIATIVO ALLA SUPERFICIE TERRESTRE A cura di Pierluigi Claps e Paola Allamano Politecnico di Torino Ver. 1.. Ott 011 Basato su: Handbook

Dettagli

Il vento nei modelli di clima

Il vento nei modelli di clima Il vento nei modelli di clima Alessandro Dell Aquila Sandro Calmanti ENEA UTMEA-CLIM Unità Tecnica Modellistica Energetica Ambientale Laboratorio Modellistica Climatica ed Impatti CNMCA Giovedì 29 Aprile

Dettagli

INFLUENZA DELLA CHIMICA DELL ACQUA DI POROSITA SULLE CARATTERISTICHE FISICHE DEI TERRENI TRATTATI A CALCE

INFLUENZA DELLA CHIMICA DELL ACQUA DI POROSITA SULLE CARATTERISTICHE FISICHE DEI TERRENI TRATTATI A CALCE INFLUENZA DELLA CHIMICA DELL ACQUA DI POROSITA SULLE CARATTERISTICHE FISICHE DEI TERRENI TRATTATI A CALCE Enza Vitale Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Università degli Studi di Cassino e del

Dettagli

M. Conte 1,2 D. Contini 1, A. Donateo 1, A. Dinoi 1, F. Belosi 3. 100 o Congresso Nazionale SIF, Pisa, 22-26 settembre 2014

M. Conte 1,2 D. Contini 1, A. Donateo 1, A. Dinoi 1, F. Belosi 3. 100 o Congresso Nazionale SIF, Pisa, 22-26 settembre 2014 Analisi dei flussi di particolato atmosferico ultrafine e della sua distribuzione dimensionale durante eventi di formazione e crescita di nuove particelle M. Conte 1,2 D. Contini 1, A. Donateo 1, A. Dinoi

Dettagli

Figura 1. Approccio sistemico per l applicazione modellistica. Inquadramento Socio-economico. Caratterizzazione orografica

Figura 1. Approccio sistemico per l applicazione modellistica. Inquadramento Socio-economico. Caratterizzazione orografica APPLICAZIONE DI UN MODELLO GAUSSIANO IBRIDO AD UN SITO INDUSTRIALE CARATTERIZZATO DA OROGRAFIA COMPLESSA. Bruno Bove, Anna Maria Crisci, Lucia Mangiamele, Mario Scarciolla, Lucilla Ticconi Italia Agenzia

Dettagli

2014 Bentley Systems, Incorporated. La calibrazione dei modelli per la gestione efficiente della rete idrica

2014 Bentley Systems, Incorporated. La calibrazione dei modelli per la gestione efficiente della rete idrica 2014 Bentley Systems, Incorporated La calibrazione dei modelli per la gestione efficiente della rete idrica 2 WWW.BENTLEY.COM 2014 Bentley Systems, Incorporated Soluzioni per le reti idriche Pianificazione

Dettagli

Soluzioni per l isolamento termico di edifici esistenti

Soluzioni per l isolamento termico di edifici esistenti Soluzioni per l isolamento termico di edifici esistenti Esempi di analisi termica e verifica igrometrica delle pareti Nel Cd-Rom allegato schede di valutazione termica di un ampia casistica di strutture

Dettagli

Marchetto Claudio Analisi infiltrazioni Via Nitti 12 Tel +39 338 7851657 10137 Torino (TO) Fax +39 011 9953403

Marchetto Claudio Analisi infiltrazioni Via Nitti 12 Tel +39 338 7851657 10137 Torino (TO) Fax +39 011 9953403 p.1/16 INDICE 1. PREMESSA...3 2. DEFINIZIONI...4 2.1. T.E.R.P....4 3. STRUMENTI UTILIZZATI...5 4. SOFTWARE...6 5. RIFERIMENTI A NORMATIVE...7 6. GRADO DI CONFIDENZA... ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO.

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

Progettazione e calcolo di

Progettazione e calcolo di Nicola Taraschi Progettazione e calcolo di * Calcolo delle reti aerauliche con il software CANALI * Le trasformazioni dell aria umida ed il software PSICRO * I ventilatori * Le batterie alettate ed il

Dettagli

ST-WMO ST-BASE ST-M36 STP

ST-WMO ST-BASE ST-M36 STP WEATHER STATION ST-WMO ST-BASE ST-M36 STP WEATHER STATIONS Cosa sono? Le stazioni sono realizzate conformemente alla direttiva mondiale WMO (World Meteorological Organization), Annex n.8, e sono utilizzate

Dettagli

PROFESSIONE EOLOGO. Notiziario dell Ordine dei Geologi del Lazio. Professione Geologo n.33

PROFESSIONE EOLOGO. Notiziario dell Ordine dei Geologi del Lazio. Professione Geologo n.33 PROFESSIONE EOLOGO Notiziario dell Ordine dei Geologi del Lazio Gottobre 2012 numero 33 Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (cov. in L27/02/2004 n. 46) art. 1, comma

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

III Le esperienze nei piani provinciali e comunali

III Le esperienze nei piani provinciali e comunali III Le esperienze nei piani provinciali e comunali 2 PARTE III L invarianza idraulica delle trasformazioni urbanistiche nel contesto della VAS di Davide Broccoli, Leonardo Giorgi, Paolo Mazzoli e Alberto

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale Il trasporto di materia Principi di Ingegneria Chimica Ambientale 1 Considerazioni preliminari Il nostro studio sarà limitato a: miscele binarie miscele diluite (ossia in cui la frazione molare di uno

Dettagli

LA PRESTAZIONE ENERGETICA DI FACCIATE E COPERTURE VERDI: PARAMETRI CARATTERIZZANTI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO

LA PRESTAZIONE ENERGETICA DI FACCIATE E COPERTURE VERDI: PARAMETRI CARATTERIZZANTI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO LA PRESTAZIONE ENERGETICA DI FACCIATE E COPERTURE VERDI: PARAMETRI CARATTERIZZANTI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO Valentina Serra Politecnico di Torino Dipartimento di Energetica, TEBE Research Group

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

esercizio e le verifiche di durabilità.

esercizio e le verifiche di durabilità. Normativa: aspetti generali e di dettaglio FONDAZIONI PER EDIFICI Le scelte progettuali per le opere di fondazione devono essere effettuate t contestualmente e congruentemente con quelle delle strutture

Dettagli

La ricarica artificiale delle falde

La ricarica artificiale delle falde Gestione integrata delle risorse idriche sotterranee e ricarica artificiale delle falde CORSO di FORMAZIONE Centro Idrico di Novoledo, Via Andrea Palladio 128, Villaverla (VI) La ricarica artificiale delle

Dettagli

SOIL MIXING CONFRONTI APPLICATIVI TRA MISCELAZIONE IN LABORATORIO E IN SITO

SOIL MIXING CONFRONTI APPLICATIVI TRA MISCELAZIONE IN LABORATORIO E IN SITO SOIL MIXING CONFRONTI APPLICATIVI TRA MISCELAZIONE IN LABORATORIO E IN SITO M. Grisolia, I. P. Marzano Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale, Sapienza Università di Roma massimo.grisolia@uniroma1.it;

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DEI METEO PLOTTER F.I.V.L.

GUIDA ALLA LETTURA DEI METEO PLOTTER F.I.V.L. GUIDA ALLA LETTURA DEI METEO PLOTTER F.I.V.L. (a cura di Deivi Gavriil e Damiano Zanocco) I modelli sono l'eta2006 e 2007 che si sono rivelati mediamente buoni sia in presenza di alta pressione e stabilità,

Dettagli

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE RILEVAZIONE DEI FATTORI METEO-CLIMATICI E IDROLOGICI PER IL CALCOLO DEL BILANCIO IDRICO DEGLI ACQUIFERI PREMESSA Con riferimento a quanto indicato

Dettagli

Modellazione distribuita dei franamenti superficiali innescati da eventi meteorici intensi nella zona della Val di Sole (Trentino-A.A.

Modellazione distribuita dei franamenti superficiali innescati da eventi meteorici intensi nella zona della Val di Sole (Trentino-A.A. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali Corso di laurea in Tecnologie Forestali e Ambientali Modellazione distribuita dei franamenti superficiali innescati da

Dettagli

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Corso di Perfezionamento Tutela e gestione del suolo e delle acque nella pianificazione di bacino Venezia 20 aprile 2012 INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Prof.

Dettagli

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Docente: Prof. Santo Marcello Zimbone Collaboratori: Dott. Giuseppe Bombino - Ing. Demetrio Zema Lezione n. 14: Ciclo e bilancio idrologico Anno Accademico 2008-2009

Dettagli

Convegno CIFI Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani

Convegno CIFI Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani Convegno CIFI Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani Sorrento 16-17 Ottobre 2015 Un modello di supporto alle strategie di manutenzione dell infrastruttura ferroviaria A. Collina, G. Della Vecchia, C. Di

Dettagli

Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia

Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia Sottotitolo: Il contributo degli accumuli per aumentare la quota di autoconsumo dei consumatori con impianto di generazione FV Autori: Renato Urban,

Dettagli

MESSA A PUNTO DI UN PROGRAMMA DI ANALISI DEI DATI STORICI DI FUNZIONAMENTO DI UNA CENTRALE TERMOELETTRICA DI COGENERAZIONE. (riassunto) Luca Bianchini

MESSA A PUNTO DI UN PROGRAMMA DI ANALISI DEI DATI STORICI DI FUNZIONAMENTO DI UNA CENTRALE TERMOELETTRICA DI COGENERAZIONE. (riassunto) Luca Bianchini MESSA A PUNTO DI UN PROGRAMMA DI ANALISI DEI DATI STORICI DI FUNZIONAMENTO DI UNA CENTRALE TERMOELETTRICA DI COGENERAZIONE (riassunto) Luca Bianchini SOMMARIO In questo lavoro di tesi presento un applicazione

Dettagli

Impatti su ciclo idrologico e risorse idriche

Impatti su ciclo idrologico e risorse idriche Impatti su ciclo idrologico e risorse idriche Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, Università di Trento Alcune domande Che effetto avranno le variazioni climatiche sulla disponibilita futura

Dettagli

Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale. Metodi ingegneristici

Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale. Metodi ingegneristici A09 162 Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale Metodi ingegneristici Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173

Dettagli

Selezione Materiale per Copertura Giornaliera per i Benefici di una Barriera Migliore

Selezione Materiale per Copertura Giornaliera per i Benefici di una Barriera Migliore Selezione Materiale per Copertura Giornaliera per i Benefici di una Barriera Migliore benefici che includono - Migliorato Controllo degli Odori e Soppressione della Formazione di Percolato Di: Cadwallader

Dettagli

Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011

Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011 30 convegno Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011 F. Sansivero, G. Vilardo, P. De Martino, G. Chiodini

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

Elementi di calcolo per lo smaltimento dei reflui nella pratica professionale

Elementi di calcolo per lo smaltimento dei reflui nella pratica professionale TECNICHE E NORMATIVE PER LO SMALTIMENTO DELLE ACQUE ASI BRINDISI - 23 Maggio 2013 Elementi di calcolo per lo smaltimento dei reflui nella pratica professionale dott. geol. Antonio Di Fazio 1 Oggetto della

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

I modelli di preannuncio nell idrologia

I modelli di preannuncio nell idrologia Workshop nazionale sull idrologiaoperativa operativa Roma, 9 10 luglio 2015 Ricerca finalizzata: l approfondimento della dll conoscenza e lo sviluppo dell innovazione per i servizi di idrologia operativa

Dettagli