LIFE 09 NAT/IT/000160

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIFE 09 NAT/IT/000160"

Transcript

1 LIFE 09 NAT/IT/ Arctos Conservazione dell orso bruno: azioni coordinate per l areale alpino e appenninico Azione E5 Valutazione dell efficacia degli strumenti di prevenzione del danno Massimiliano Di Vittorio, Pietrantonio Costrini, Massimiliano Rocco E.A.I. Ecologia Applicata Italia WWF Italia Dicembre

2 Premessa Nella gestione del conflitto tra grandi carnivori e attività antropiche, nell ambito di strategie e programmi di conservazione delle specie selvatiche interessate e maggiormente a rischio, come l orso e il lupo, risulta essere dirimente la partecipazione ed il coinvolgimento dei diversi attori economici e sociali interessati dal conflitto e presenti sul territorio. La sfida della conservazione dei grandi carnivori in un ambiente sempre più antropizzato e modellato sulle necessità umane passa necessariamente attraverso la accettazione sociale ed economica di questi potenziali competitori, in caso contrario non vi è possibilità alcuna nel lungo tempo, a meno che non si mettano in campo risorse economiche e sforzi umani esorbitanti, di potere continuare a mantenere popolazioni vitali di tali specie in ambienti sempre più antropizzati. Spesso le legittime aspirazioni ad una migliore qualità della vita da parte delle popolazioni umane presenti in contesti difficili come quelli rurali montani vedono, anche per una atavica errata assimilazione dei grandi carnivori ai veri competitori, un forte contrasto con queste specie non riuscendo a cogliere nel breve tempo come invece siano le politiche economiche e agricole ad avere inciso sensibilmente sule loro aspettative mentre. Un altro passaggio importante ma spesso dimenticato è come l assenza di condivisione delle strategie, programmi o singoli progetti da parte delle popolazioni residenti nei territori interessati e la loro integrazione nel contesto sociale ed economico locale abbia spesso prodotto effetti limitati alla durata della singola specifica azione, intervenendo essenzialmente sugli effetti e trascurando le cause, non riuscendo così a permeare culturalmente le attività e abitudini agrosilvopastorali. Nella ricerca della riduzione del conflitto e nella promozione di politiche tese a ciò l importanza della condivisione e della partecipazione degli attori sociali ed economici (stakeholders) nella definizione di programmi di conservazione della biodiversità non è mai adeguatamente considerata mentre la accettazione di tali attività che portano dicoem conseguenza una maggiore armonia nella condivisione della quotidianità con i grandi carnivori è la vera sfida da vincere. Introduzione In linea con gli scopi dell azione E5 del progetto LIFE NAT/IT/160 Arctos, tale rapporto cerca di verificare partendo dalla componente del conflitto relativa ai danni, così come registrati dagli Enti territorialmente competenti e dove insistono le popolazioni oggetto di studio, di verificare se le azioni di prevenzione promosse con lo strumento delle recinzioni elettrificate, sia mobili sia fisse, metodologia condivisa con le realtà locali e messa in maniera anche massiccia in atto, abbia avuto 2

3 un effetto nella riduzione del danno e se abbia significativamente dimostrato la sua efficacia per raggiungere l obiettivo, anche di accettazione sociale, che si era individuato, arrivando a potere essere definito un utile mezzo per partecipare alla conservazione dell orso. Con lo sviluppo delle Azioni A3 e C5 del LIFE Arctos si è cercata la condivisione, la partecipazione e la promozione insieme alle comunità locali delle attività e delle azioni più adatte a fargli accettare eventuali modifiche del loro approccio ai grandi carnivori e la introduzioni di comportamenti innovativi che potessero aiutarli nel favorire la convivenza con l orso. Ciò è stato ricercato perché un concreto ed efficace programma di conservazione efficace nel medio e lungo termine non può prescindere dalla partecipazione dei diversi attori sociali ed economici direttamente interessati ed influenzati dalle azioni programmate e che sono in primo luogo coloro che dovranno farsi promotori dello sviluppo di queste nel lungo tempo. Questo è stato ancora di più voluto e ricercato perché è dalle conoscenze condivise a tutti sempre più evidente come la presenza di una specie selvatica come l orso determina inesorabilmente un conflitto diretto con alcune specifiche attività antropiche, ed il conflitto stesso diventa la causa diretta di minaccia alla conservazione della specie e ne può determinare la definitiva estinzione. La efficacia di questo approccio è evidente nei risultati raggiunti, nella progressiva e sempre più massiccia accettazione da parte della comunità locale delle pratiche di prevenzione promosse e nel cominciare a considerare come l uso abituale, anche se non ancora permeante, degli strumenti offerti dal LIFE Arctos fossero una opportunità nonché un concreto mezzo utile a sostenere e garantire le proprie attività. La scelta di favorire l uso di questo strumento è stata accompagnata dalle attività di partecipazione condivisione delle scelte con i diversi attori territoriali e la continua presenza sul campo degli operatori del progetto ha favorito il quotidiano confronto e la amichevole condivisione di problemi e soluzioni. Il processo di integrazione nelle attività locali dell uso delle recinzioni elettrificate come strumento di prevenzione è andato rafforzandosi nel tempo ed è diventato nei 4 anni di progetto un uso massiccio e condiviso (Allegato 1) premiato dalle scelte partecipate e condivise con gli attori sociali ed economici del territorio attraverso il lavoro promosso a diversi livelli dai partner del LIFE Arctos. 3

4 1 Metodologie 1.1 Distribuzione delle recinzioni in Appennino Sulla base delle richieste avanzate da Aziende o singole persone giuridiche, nel corso dell intera durata del progetto sono state distribuite recinzioni elettrificate di diverse tipologie (tipo amovibili o fisse) e caratteristiche, con una netta prevalenza nel territorio del PNALM e sua ZPE, ma si sono installate recinzioni anche in diverse altre aree di presenza della specie o di passaggio. Le forniture sono state effettuate tenendo conto di diversi parametri all atto dell analisi delle richieste pervenute: innanzi tutto è stata operata una sovrapposizione tra le aree maggiormente colpite da danni e le richieste di recinti pervenute, in modo da vere la certezza di agire nelle aree realmente colpite da danni cospicui e quindi rendere potenzialmente alta l efficacia del mezzo di prevenzione. A tal fine si è proceduto all analisi dei database dei danni liquidati nel periodo ed alla georeferenziazione degli stessi. Sono quindi state analizzate le richieste di recinti elettrificati e verificate quante di queste cadessero all interno di aree caratterizzate da danni cospicui. Sono stati contattati telefonicamente tutti gli utenti che hanno avanzato le richieste e verificate le reali necessità della cessione eventuale del mezzo di prevenzione (danni continuati nel tempo, osservazioni recenti di orsi etc). Si è quindi proceduto ad un analisi di campo, prioritariamente interessando le richieste risultate prioritarie dalla precedente analisi, in modo da verificare le condizioni per il conferimento del recinto e per la scelta degli apparati più idonei alle diverse condizioni ambientali ( perimetro dell area da proteggere, pendenza, presenza di cespugli e roveti etc). Tutte queste informazioni si sono rese necessarie per gestire la scelta della tipologia di apparecchio da affidare all utente: a rete elettrica, a pannello solare con capacità energetica diversa ( tipo B100 B300). A ciascun utente selezionato secondo i criteri descritti sopra, sulla base delle caratteristiche orografiche e territoriali riscontrate, nonché sulla base della tipologia del bene da proteggere (allevamento, orticoltura o frutteti, apiari etc) sono stati consegnati, oltre che l elettrificatore più idoneo alle caratteristiche riscontrate, un numero di pali di materiale plastico o ligneo (in base alla tipologia di recinzione da realizzare) sufficiente a ricoprire la superficie da tutelare e una quantità lineare di fettuccia elettrica sufficiente a realizzare da tre a cinque fasce complete sul perimetro da sottoporre a protezione. Al momento della consegna, anche all atto dei precedenti incontri preliminari, ciascun utente è stato correttamente formato ed istruito circa le corrette modalità di installazione del materiale elettrico, evidenziando eventuali tipologie di malfunzionamenti ricorrenti e le relative pratiche di 4

5 rapida risoluzione degli stessi, e rifornito di materiale informativo illustrato sulle diverse modalità di intervento manutentivo indispensabile al corretto funzionamento degli apparati forniti. Si è proceduto, per ogni consegna, alla compilazione di un modulo apposito, contenente tutte le informazioni anagrafiche e fiscali delle utenze, controfirmata dall intestatario dell apparato consegnato. Per ogni stagione sono state verificate le condizione di corretto funzionamento degli apparati forniti nei precedenti periodi e ritirati, al fine di conferirli a nuove utenze quelli che nella ultima stagione non erano stati messi in funzione o erano smontati e ritirati, al fine di sostituirli, i recinti parzialmente inutilizzabili o quelli che presentavano componenti irrimediabilmente deteriorate. 1.2 Controlli telefonici Per disporre di dati costantemente aggiornati sullo stato di funzionamento ed efficacia degli apparati forniti è stata, per tutto il periodo della durata del progetto, sviluppata una azione di monitoraggio attraverso controlli telefonici di ogni utenza (aziende e singole figure giuridiche) che hanno ricevuto il mezzo di prevenzione a partire dal 2010 interessando però nella attività di gestione ordinaria dei mezzi presenti sul territorio anche recinzioni che erano state consegnate in precedenti progetti promossi dal WWF o da altri partner anche intervenendo con eventuale sostituzione o inserimento di nuovo materiale utile a riattivare tali strumenti se ancora in uso. Qualora le condizioni riscontrate telefonicamente lo rendessero necessario, si è proceduto ad un approfondimento attraverso sopralluoghi sul posto (malfunzionamento grave, errata ed inefficace collocazione dei recinti, recinti non montati o spostati dal luogo di montaggio originale etc). Questa azione, il cui scopo era quello di verificare la corretta messa in opera degli elettrificatori, nonché la effettiva funzionalità degli stessi, ha permesso di realizzare, come verrà trattato avanti, una elevatissima efficacia dei mezzi di prevenzione, poiché ha permesso di assicurare un numero elevato (sul totale dei recinti forniti) di recinti contemporaneamente funzionanti e di verificare, laddove fossero giunte delle richieste di indennizzo da parte di utenze in possesso dei recinti ceduti in comodato, la reale efficacia dei mezzi di prevenzione, permettendo, ad esempio, di stabilire che la quasi totalità di danni denunciati presso utenze in possesso di recinti sono avvenute on in aree esterne ai recinti stessi o in condizioni di non funzionamento dei recinti non comunicati tempestivamente al personale incaricato della manutenzione e riparazione dei recinti stessi. Infatti, durante i controlli telefonici, l utente veniva interrogato circa la normale e reale funzionalità del recinto, circa eventuali malfunzionamenti o comunque anomalie di funzionamento, eventuali 5

6 anomalie della batteria o eventuali danneggiamenti del perimetro recintato (pali danneggiati da frane etc). Grazie a questa attività di costante monitoraggio degli apparati si è provveduto, in tempi brevi, a riprendere in consegna eventuali apparati irrimediabilmente usurati ed effettuata la dismissione degli stessi, al ritiro di recinti non più necessari alle utenze affidatarie (per cessata attività economica, spostamento degli allevamenti o delle arnie in altre aree etc) ed alla sostituzione, qualora si è reso necessario, di apparecchi con efficienza energetica differente e più idonea alle condizioni operative, in particolar modo sostituzioni di modelli B300 con Modelli B100, più idonei per aree più contenute ed ad efficienza energetica inferiore.. Attraverso questi controlli ogni criticità e problematica rilevata è stata prontamente risolta o comunque affrontate, ottenendo peraltro l effetto di testimoniare in modo inequivocabile e costante la presenza del progetto nel territorio. Ciò ha consentito di risolvere problematiche connesse alla corretta funzionalità dei recinti ed a evidenziare, in alcuni casi, il cattivo funzionamento degli stessi causato dall incuria degli affidatari. L esecuzione di questa azione nel modo sopradescritto ha consentito, come in seguito trattato, di poter valutare con esattezza l efficacia del mezzo di prevenzione, escludendo dal database di calcolo quei danni, interessanti utenze affidatarie di recinti, avvenuti dopo la consegna dei recinti stessi, ma effettivamente non computabili nei calcoli in quanto causati non da inefficacia del mezzo di prevenzione (orso che riesce a penetrare in un allevamento nonostante la presenza di un recinto elettrificato correttamente istallato) ma da cattivo funzionamento dello stesso causato da non perfetta gestione e manutenzione da parte degli affidatari o interessanti danni avvenuti esternamente ai recinti stessi (ad esempio bestiame al pascolo). Questa tipologia di danni è stata comunque registrata ed evidenziata, ma la loro esclusione dai database di calcolo dell efficacia dei recinti ha permesso, come già citato, di calcolare con esattezza la reale efficacia dei mezzi di prevenzione e di considerare il loro effetto fortemente positivo come mezzo di prevenzione dei danni da orso e lupo. 6

7 PROGETTO LIFE ARCTOS SCHEDA MONITORAGGIO RECINZIONI ELETTRIFICATE Nome operatore: Pietrantonio Costrini Visita sul campo? Contatto telefonico? Data : _03/09/2012 Anagrafica allevatore e descrizione allevamento Nome e cognome allevatore: Franco Troiani Residente in: Pescina (AQ) via: Località Ponte S. Valentino_ Recapito telefonico: Tipologia allevamento: apicoltura Numero capi/arnie: 60 Comune nel quale è localizzata la struttura: Collarmele Località: Arnicola Coordinate: N E Data installazione recinzione: 15/07/2012 Tipologia recinzione attualmente installata Perimetro complessivo stimato: 300m Elettrificatore modello/potenza: Plus b300 Pannello solare modello/potenza: 25 W Batteria modello/potenza: vipiemme 80A - 12V Numero file fettuccia: 5 ; Numero prese di terra installate: 1 ; Numero cancelli: 2 Funzionalità recinzione Verifica funzionalità recinzione con voltmetro. Esito: Verifica stato collegamenti tra elettrificatore e conduttore/prese di terra: Verifica livello liquidi batteria: Verifica stato manto erboso sottostante: nessun contatto Verifica eventuale presenza di rami a contatto: nessuno contatto Numero e tipo di danni registrati prima dell'installazione recinzione: Anno Esempio di scheda di verifica dei recinti elettrificati 7

8 1.3 Verifiche con scheda di sopralluogo Durante la stagione di avvenuta consegna e nelle stagioni successive alla stessa, sono state effettuate numerose verifiche di campo su recinti elettrici installati per verificarne il corretto funzionamento e il rispetto delle corrette modalità di gestione manutenzione da parte degli affidatari. I controlli sono stati intensificati per tutte le utenze che comunicavano una errata o non idonea funzionalità degli apparecchi (rilevata attraverso misurazioni periodiche effettuate con un apposito strumento amperometro fornito loro all atto della consegna del recinto) o difficoltà di gestione degli apparati per motivi ambientali e climatici. Le verifiche di campo hanno consentito di aggiornare costantemente e verificare la completezza del database relativo al materiale consegnato nel corso del progetto (attraverso il rilevamento dei codici identificativi dei singoli apparecchi, delle coordinate geografiche dei recinti etc). Durante ogni controllo si è altrèsì proceduto alla compilazione delle schede di valutazione generale dello stato funzionale del recinto. Ogni scheda è stata organizzata e strutturata in modo da riportare le generalità dell utente, valutazione tecnica sulle modalità di costruzione del recinto e scelta dell idoneo strumento elettrificatore e strumentazione ad esso connessa e complementare (numero di fettucce, numero di cancelli, numero di prese di terra, modello di elettrificatore/pannello solare etc), esiti di funzionalità ed eventuali malfunzionamenti. Inoltre ogni scheda ha previsto la registrazione degli eventi di predazione (ed il relativo numero di capi predati, ad esempio, o arnie danneggiate) nel periodo precedente alla consegna del recinto ed eventualmente posteriore all installazione del dispositivo elettrico, con eventuali note sul funzionamento regolare del recinto stesso o su una sua avaria, o se i danni hanno interessato beni (allevamento, agricoli etc) posti all interno o all esterno del perimetro protetto dai recinti. Inoltre, ad ogni sopralluogo, sono state eseguite le misurazioni relative al potenziale elettrico in uscita dall elettrificatore ed il potenziale di messa a terra, al fine di verificare il corretto stato di funzionamento o identificare eventuali guasti/malfunzionamenti attribuibili all usura dell apparecchio usato o ad una scarsa manutenzione della recinzione. Parametri considerati: corretta installazione: riguarda le recinzioni predisposte come da protocollo standard, ovvero cinque ordini di fettuccia, cinque mollettoni nei cancelli ed una corretta gestione del sistema di messa a terra. 8

9 Funzionalità del recinto: viene ritenuto funzionale se si registra il superamento del valore di 4 kv al momento della misurazione. Tale soglia è necessaria per avere un efficace azione dissuasiva nei confronti dell orso. Giudizio: indica lo stato di soddisfazione o meno da parte delle utenze dello strumento ceduto in comodato e delle azioni di manutenzione da parte del personale Arctos. L elaborazione delle informazioni raccolte hanno consentito una gestione del database accurata, rendendo possibile la tracciabilità di ogni apparato consegnato, rubato, danneggiato etc. 2 Risultati 2.1 Recinti ceduti in comodato d uso Sono state avanzate, nel periodo compreso tra l inizio del progetto Arctos ed il 2014, richieste per recinti da 208 diverse utenze, di cui l 82,22% sono state evase (vedi tabella sotto), con la consegna di almeno un recinto elettrificato, ma in diversi casi aziende o in particolare modo alcuni apicoltori molto presenti sul territorio hanno richiesto l uso di più strumenti di prevenzione. A chiusura progetto l 82,40% risultavano in uso e funzionanti, 8 recinti risultano danneggiati in modo irreversibile e quindi non utilizzabili, mentre 12 sono stati rubati, e 9 in giacenza, per un totale complessivo di 245 recinti consegnati di diverse marche e modelli. Comune Richieste % evase Scanno 70 85,71 Ortona dei Marsi 23 73,91 Pescasseroli 14 71,43 S. Donato V.C ,00 Opi 9 77,78 Alvito 6 83,33 Pettorano Sul Gizio 6 100,00 Villalago 6 83,33 Alfedena 5 80,00 Bisegna 5 100,00 Villetta Barrea 5 80,00 Campoli Appennino 4 50,00 Scontrone 4 75,00 Barrea 3 100,00 9

10 Castel San Vincenzo 3 66,67 Bugnara 2 100,00 Castel di Sangro 2 100,00 Cocullo 2 50,00 Pescina 2 100,00 Picinisco 2 0,00 Pizzone 2 50,00 Rocca Pia 2 50,00 Sulmona 2 100,00 Villavallelonga 2 100,00 Anversa degli Abruzzi 1 100,00 Carrito di Ortona dei M ,00 Casoli di Atri (TE) 1 100,00 Castel S. Vincenzo 1 100,00 Civitella Alfadena 1 100,00 Civitella Roveto 1 100,00 Frattura di Scanno 1 100,00 Gioia dei Marsi 1 100,00 Introdacqua 1 100,00 Isola del Liri 1 100,00 Montenero Valc ,00 Notaresco (TE) 1 100,00 Pescosolido 1 100,00 Pratola Peligna 1 100,00 Scapoli 1 100,00 Villa Scontrone 1 0,00 10

11 Recinto in un area del PNALM 11

12 2.2 Analisi dei danni Nel contesto appenninico, al fine di procedere nel lavoro di analisi dell efficacia con l uso di adeguate metodiche statistiche, si è proceduto a ripetere anche nel 2014 l analisi dei danni registrati nei database forniti dal PNALM e relativi alle richieste di indennizzo dei danni durante l arco temporale Ciò è stato necessario per evitare eventuali errori di conteggio e analisi, perché lo stesso personale veterinario del PNALM aveva rappresentato che alcune pratiche precedentemente in attesa di risoluzione, quindi in sospeso, potevano essersi definitivamente concluse. Nell analisi statistica si sono dovuti anche escludere quei file che non presentavano una uniformità o la maggiore parte dei dati utile al lavoro da svolgersi. Questa fase è stata importante in quanto ha consentito di disporre, alla fine, di un database coerente e utilizzabile per le successive fasi di analisi. La seconda fase dell analisi ha riguardato la georeferenziazione dei danni liquidati. Anche in questo caso si è proceduto alla omologazione delle informazioni geografiche in un sistema di riferimento cartografico coerente (a causa del fatto che i dati presenti nei database non risultavano afferenti a sistemi di riferimento non sempre omogenei) ed alla eliminazione, dal database da utilizzare per le analisi, delle informazioni incongruenti o problematiche (ossia quelle per cui è stato impossibile ricavare una informazione geografica certa). In ultima fase i dati sono stati assemblati per singola azienda o persona giuridica e per anno. Alla fine è stato ottenuto un database relativo ai danni completo e utilizzabile, in quanto standardizzato, per le effettive analisi relative ai danni, alla loro distribuzione spazio-temporale, ed alla efficacia dei recinti consegnati. Infine i dati sono stati georiferiti in ambiente GIS (Geographic Information Sistem) e proiettati nella cartografia relativa all area di studio nel sistema unico WGS_1984_UTM_Zone_33N. 12

13 Fig. 1 : Distribuzione dei danni nell area di studio. Globalmente, dal 2005 al 2013, sono stati indennizzati ,21, per un totale di 5054 richieste di indennizzo evase, con una media di circa ,00 euro l anno. L analisi condotta ha constatato che il 65,45% di questi danni erano comunque riferibili al lupo, mentre solo il 28,1% ad orso. La restante aliquota è relativa ad altre specie (volpi, mustelidi, uccelli rapaci etc). 13

14 L analisi preliminare del database relativo ai danni ha consentito di evidenziare, in termini di percentuale, i comuni più colpiti, nell arco di tempo considerato, dai danni (Tab. 2 e Grafico 1). Comune % Lecce dei Marsi 11,09724 Picinisco 10,97752 Pescasseroli 7, Gioia dei Marsi 6, Pescosolido 5, Montenero Val Cocchiara 4, San Biagio Saracinisco 4, Scanno 4, Ortucchio 3,92838 Barrea 3, Opi 3, Vallerotonda 3, Campoli Appennino 3,18104 Ortona dei Marsi 2, Settefrati 2, Alfedena 2, Trasacco 1,

15 Bisegna 1,6437 San Donato Val di Comino 1, Collelongo 1, Rocchetta a Volturno 1, Civitella Alfedena 1, Balsorano 1, Villavallelonga 1, Alvito 1, Villetta Barrea 0, Scontrone 0,92541 Castel San Vincenzo 0, Villalago 0, Pizzone 0, Filignano 0, Cassino 0,40885 San Vincenzo Valle Roveto 0, Venafro 0, Scapoli 0, Anversa degli Abruzzi 0, Civita d'antino 0, Pescina 0,09679 Pizzoferrato 0, Luco dei Marsi 0, Colli a Volturno 0, Monte San Biagio 0, Sezze 0, Sora 0, Cocullo 0, Mignano Montelungo 0, Torremaggiore 0, Cerro al Volturno 0, Castel di Sangro 0,01906 Guidonia 0, Introdacqua 0, Tab. 2: analisi percentuale, in ordine di di indennizzi, dei comuni interessati dai danni 15

16 Grafico 1: analisi percentuale, in ordine di di indennizzi, dei comuni interessati dai danni È possibile evidenziare (Tab. 3), riguardo il comparto economicamente più cospicuo, ossia quello dell allevamento, in termini di numero di capi uccisi, che nell arco di tempo considerato le specie più colpite siano piccoli animali da aia (polli e conigli) e ovini, che costituiscono circa il 50% dei capi. Pertanto si è confermato che i piccoli animali da aia sono quelli che incidono maggiormente sul totale dei danni causati da predatori selvatici. Specie colpite Bovini Caprini Equini Ovini Suini Piccoli animali % Globale 8,28 8,95 5,13 30,34 0,16 47,14 Tab. 3: % delle specie interessate dai danni Il grafico 2 mostra gli andamenti temporali dei danni in termini di capi uccisi nel periodo

17 Grafico 2: andamento temporale dei danni in termini di capi uccisi Recinto elettrificato a protezione di un allevamento presso Scanno 17

18 2.3 Efficacia del mezzo di prevenzione La banca dati del PNALM relativa ai danni causati da fauna selvatica, rimodulata come descritto nei precedenti paragrafi, è stata utilizzata per verificare a livello di aree geografiche, comuni, singole aziende i danni subiti ed estrapolare, per effettuare le analisi sull efficacia dei mezzi di prevenzione, i danni interessanti le aziende o singole persone giuridiche beneficiarie, nel corso del progetto, di recinti in comodato d uso. Sono quindi stati correlati i periodi di accadimento dei danni con le date di cessione dei recinti, in modo da poter effettuare un analisi comparativa dei danni subiti dalle aziende beneficiarie del mezzo di prevenzione prima e dopo la cessione dei recinti stessi e poter, in tal modo, poter effettuare un analisi attendibile sull efficacia dei mezzi di prevenzione. I danni verificatisi durante lo svolgimento del progetto che hanno interessato aziende o persone giuridiche cui erano stati affidati recinti sono stati verificati attraverso un preliminare contatto telefonico ed un successivo sopralluogo sul campo. A fronte di 720 aziende o personalità giuridiche che hanno avanzato richieste di risarcimento danni, nel periodo , successivamente evase, sono stati consegnati recinti elettrificati a 147 aziende o persone giuridiche, di cui 98 interessate da danni nei periodi precedenti la consegna del recinto. L attività ha quindi interessato il 13,7% delle aziende o persone giuridiche che hanno ricevuto indennizzi per danni da fauna selvatica elargiti dal PNALM. Per valutare l efficacia dei recinti forniti sono stati analizzati, come prima accennato, i danni che hanno interessato le aziende e le persone giuridiche che hanno ricevuto il mezzo di prevenzione, prima e dopo la messa in funzione del mezzo di prevenzione stesso. La differenza nella distribuzione dei danni tra i due periodi, ossia prima e dopo il conferimento dei recinti, è stata testata con l ausilio del Wilcoxon marche pairs test in cui la statistica Z calcolata corrisponde ad un test di differenze nelle mediane osservate. La significatività del test è stata posta a p=0,05. 18

19 Fig. 2: distribuzione delle recinzioni elettrificate totalmente conferite nel periodo del Progetto Suddividendo le richieste per comune (Tab. 1), appare evidente che le richieste maggiori sono relative a comuni interessati da danni cospicui (Tab. 2), ma che non sia possibile evidenziare una precisa corrispondenza tra numero di richieste per comune e comuni colpiti dai danni, se non in termini indicativi. Ad esempio dal Comune di Lecce dei Marsi, che dalle tabelle precedenti è il più colpito da danni, non emerge alcuna richiesta di recinti mentre soltanto una richiesta per il comune di Picinisco, comune nel quale complessivamente sono stati liquidati più del 10% degli indennizzi totali. Considerando i danni che hanno colpito aziende cui sono stati affidati recinti (120 aziende con danni nel comparto agricolo, dell allevamento e dell apicoltura), è possibile suddividere i danni e l efficacia per territorio comunale (Tab. 4). Nel complesso è emerso che i danni che hanno interessato i 26 comuni all interno dei quali insistono le aziende o i privati a cui sono stati dati in cessione i recinti arrivano a sommare un totale di ,7. 19

20 I comuni nei quali sono in funzione i recinti elettrificati percentualmente più interessati da danni sono, Pescasseroli, Scanno, Ortona dei Marsi, Opi, Rocchetta a Volturno e Barrea. Come indicato nella sezione metodi, per evidenziare la reale efficacia degli strumenti di prevenzione, sono stati analizzati i danni e la spesa relativa agli indennizzi avvenuti prima dell intervento di prevenzione (consegna del recinto elettrificato) e i danni e le relative spese avvenute nel periodo successivo al conferimento e alla messa in funzione del mezzo di prevenzione stesso, verificando caso per caso il corretto funzionamento dei sistemi di prevenzione nel periodo di monitoraggio.. Comune indennizzi Prima indennizzi dopo Danni reali % Efficacia Pescasseroli 57721, ,00 336,00 99,42 Scanno 40179, ,40 699,00 98,26 Ortona dei Marsi 31493, ,00 100,00 99,68 Opi 19062, ,90 195,00 98,98 Rocchetta a Volturno 12910, ,00 180,00 98,61 Barrea 11887, , ,00 79,48 Campoli appennino 11837,00 845,00 0,00 100,00 Scontrone 8360,00 665,00 0,00 100,00 Alvito 7615,90 539,00 0,00 100,00 Scapoli 6668, , ,00 76,68 Castel San Vincenzo 5903,20 0,00 0,00 100,00 Lecce dei Marsi 5502,00 0,00 0,00 100,00 Alfadena 4339,00 0,00 0,00 100,00 Anversa degli Abruzzi 4255,00 0,00 0,00 100,00 Pizzone 3618, ,60 632,00 82,53 Villavallelonga 3014,00 0,00 0,00 100,00 Roma 2785,00 0,00 0,00 100,00 Villalago 1575,90 0,00 0,00 100,00 Montenero Val Cocchiara 1400,00 0,00 0,00 100,00 Civitella Alfedena 946,00 0,00 0,00 100,00 Bisegna 855,00 0,00 0,00 100,00 Avezzano 250,00 0,00 0,00 100,00 Montesilvano 208,00 300,00 0,00 100,00 San Vincenzo Valle Roveto 50,00 0,00 0,00 100,00 San Donato Val di Comino 0,00 562,80 0,00 100,00 20

21 Tab. 4: efficacia del mezzo di prevenzione nei vari comuni del PNALM Grafico 3: danni in termini di risarcimento nell arco di tempo considerato. Globalmente, considerando l ammontare dei danni nei vari comuni prima e dopo il conferimento dei recinti, si evidenzia un efficacia media dell 83,35% (±34,87%). Al fine di potere avere un dato inconfutabile e che escludesse errori di analisi e pertanto potesse inficiarne lo stesso sviluppo, si sono esclusi quei casi di danni registrati ma verificatisi in occasione del mancato uso o messa in funzione del sistema di prevenzione. Per potere arrivare ad escludere tali errori di verifica ci si è preoccupati costantemente nel corso del lavoro al monitoraggio delle condizioni generali delle utenze dei recinti in maniera costante e routinaria, al fine di verificare e garantire il reale utilizzo e funzionamento dei recinti e potere così realisticamente valutare la loro efficacia, come già citato in precedenza. Si è proceduto,infatti, nell arco del periodo di utilizzo dei recinti, al monitoraggio delle condizioni generali dei recinti, al fine di verificare il reale utilizzo (montaggio effettivo) e corretto funzionamento dei recinti e la loro efficienza, come già citato in precedenza, per poter valutare in modo preciso e oggettivo la loro efficacia. Considerando pertanto in questo modo solo i danni reali, ossia elidendo i danni causati da mancato utilizzo del mezzo di prevenzione (malfunzionamento per cattiva manutenzione, batterie esaurite, apiari o bestiame colpito da danni al di fuori dei recinti etc), sono apprezzabili differenze altamente significative nei danni prima e dopo il conferimento dei recinti (Wilcoxon matched pairs test: Z (25), = 4,29; p<0,0000) e si evidenzia un efficacia media del 97,35% (±6,77%). 21

22 L efficacia dei recinti è evidenziata nella Tab. 4 e nel Grafico Grafico 4: andamenti dei danni espressi globalmente e prima e dopo il conferimento dei recinti elettrificati. 2.4 Comparto allevamento Considerando il comparto dell allevamento, 74 aziende colpite da danni (per un totale di ,71) hanno ricevuto recinti elettrificati. Considerando l ammontare dei danni prima e dopo l affidamento dei recinti, si evidenzia un efficacia elevata, con una riduzione dei danni globale dell 84,60 % e un efficacia media annua del 65,35%. 22

23 Grafico 5: andamenti dei danni interessanti il comparto allevamento Tuttavia, considerando i danni reali, ossia togliendo dal computo quei danni causati da gestione non oculata dei recinti (es fettuccie montate male, recinti non montati, danni inerenti animali al pascolo all esterno dei recinti), si ottiene una differenza altamente significativa nei danni prima e dopo il conferimento dei recinti (Wilcoxon matched pairs test: Z (72), = 7,11; p<0,0000) e un efficacia del 98,03% ed una efficacia media annua (calcolata considerando il danno globale/numero di anni analizzati) del 95,56%. Considerando, come indicatore, il numero di allevatori per anno che hanno subito i danni prima e dopo la consegna dei recinti elettrificati (Grafico 6), è possibile evidenziare un ulteriore fattore di efficacia del mezzo di pevenzione, in quanto è evidente un progressivo decremento degli allevatori che hanno subito danni contestualemte alla consegna dei recinti. 23

24 Grafico 6: numero aziende colpite da danni nel periodo analizzato Il grafico rende evidente che dal 2009, anno di inizio dell utilizzo dei recinti, il numero di allevatori con danni decresce, con una caduta massima tra 2012 e 2013, in cui è stata intensificata l azione di consegna e monitoraggio dei recinti elettrificati in seno al progetto ARCTOS. Si evidenzia infatti nel 2009 un calo degli allevatori che hanno subito danni del 24,42%, e del 90,47% tra il 2012 ed il

25 2.5 Comparto apicoltori Un totale di 16 aziende colpite da danni (per un totale di risarciti) hanno ricevuto i recinti elettrificati. L analisi dei danni prima e dopo il conferimento dei recinti (Grafico 7) evidenzia una efficacia globale dell 84,79% ed un efficacia media annua del 78,91%. Grafico 7: andamento dei danni relativi al comparto apicoltori Tuttavia, considerando i danni reali, ossia togliendo dal computo quei danni causati da gestione non oculata dei recinti (es fettuccie montate male, recinti non montati) e i danni relativi ad arnie poste al di fuori dei recinti, si ottiene una differenza altamente significativa tra il prima ed il dopo la consegna dei recinti (Wilcoxon matched pairs test: Z (16), = 3,40; p<0,0006) e si evidenzia un efficacia globale del 100% ed una efficacia media annua (calcolata considerando il danno globale/numero di anni analizzati) del 100%. Considerando, anche in questo come indicatore, il numero di apicoltori per anno che hanno subito i danni prima e dopo la consegna dei recinti elettrificati, è possibile evidenziare (Grafico 8) anche in questo caso l efficacia del mezzo di pevenzione, in quanto è evidente un progressivo decremento degli apicoltori che hanno subito danni contestualemte alla consegna dei recinti. 25

26 Grafico 8: numero aziende colpite da danni nel periodo analizzato Il picco relativo al 2011 nel grafico sopraindicato, maggiore del 2010, è relativo ad apicoltori che negli anni passati non avevano subito danni (n=3) e che hanno avanzato richiesta del mezzo di prevenzione soltanto dopo aver subito il danno. In questo caso tra il 2012 èd il 2013, hanno di massimo sforzo di consegna del mezzo di prevenzione e di monitoraggio del progetto Arctos, si evidenzia una riduzione degli apicoltori con danni del 100%. Recinto elettrificato a protezione di arnie 26

27 2.6 Comparto agricolo Un totale di 31 aziende colpite da danni (per un totale di 10206,00) sono state dotate di recinti elettrificatori. Considerando i danni prima e dopo l affidamento dei recinti, l analisi evidenzia un efficacia globale dell 84,97% ed un efficacia media annua del 77,90%. Tuttavia, considerando i danni reali (Grafico 9), ossia togliendo dal computo quei danni causati da gestione non oculata dei recinti (es fettuccie montate male, recinti non montati o con insufficiente manutenzione) si ottiene una differenza altamente significativa nei danni prima e dopo il conferimento dei recinti (Wilcoxon matched pairs test: Z (37), = 5,11; T (37), = 3,00; p<0,0006) ed un efficacia globale del 97,87% ed una efficacia media annua (calcolata considerando il danno globale/numero di anni analizzati) del 97,22%. Grafico 9: andamento dei danni relativi al comparto agricolo Considerando, anche per il comparto agricolo il numero di operatori per anno che hanno subito i danni prima e dopo la consegna dei recinti elettrificati (Grafico 10), è possibile evidenziare anche in questo caso l efficacia del mezzo di pevenzione, in quanto è evidente un progressivo decremento degli agricoltori che hanno subito danni contestualemte alla consegna dei recinti. Tra il 2012 ed il 27

28 2013, massimo sforzo del progetto Arctos, è possibile evidenziare il totale abbattimento delle richieste di indennizzo. Grafico 10: numero aziende colpite da danni nel periodo analizzato Recinto elettrificato a protezione di un frutteto 28

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Dipartimento di Scienze Veterinarie TESI DI LAUREA IN AGR/19 ZOOTECNIA

Dettagli

ENTE REGIONALE RISERVA NATURALE LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE

ENTE REGIONALE RISERVA NATURALE LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE ENTE REGIONALE RISERVA NATURALE LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE OGGETTO: REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA E RINSELVATICHITA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE. Art. 1 All interno del

Dettagli

Gli impianti eolici abruzzesi

Gli impianti eolici abruzzesi Capitolo 4 Gli impianti eolici abruzzesi Pagina 4.1 4. Gli impianti eolici abruzzesi. 4.1 Introduzione. Per la stesura di Linee Guida che consentano un corretto inserimento ambientale degli impianti di

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

(Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive modificazioni)

(Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive modificazioni) AMBITO TERRITORIALE CACCIA ANCONA 2 REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI ARRECATI ALLA PRODUZIONE AGRICOLA DALLA FAUNA SELVATICA (Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive

Dettagli

OPERATIVITA SISTEMA SISTRI

OPERATIVITA SISTEMA SISTRI Camera dei Deputati OPERATIVITA SISTEMA SISTRI Audizione VIII Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici Roma, 29 settembre 2011 1 Le organizzazioni di Rete impresa Italia già nel 2009 in occasione

Dettagli

La relazione presenta quanto emerso dalla prima indagine condotta sugli utenti della Biblioteca Isimbardi.

La relazione presenta quanto emerso dalla prima indagine condotta sugli utenti della Biblioteca Isimbardi. INTRODUZIONE La relazione presenta quanto emerso dalla prima indagine condotta sugli utenti della Biblioteca Isimbardi. Nel corso di alcuni mesi del 2008 sono state distribuite delle schede anonime, da

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI

D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI E PROGRAMMA DI AZIONE P E R L A R E A L I Z Z A Z I O N E D I A T T I V I T À F I N A L I Z Z A T E A L L A C O N S E R V A Z I O N E D I O R S O L U P O L I N C E (Ursus

Dettagli

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE IL PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI La normativa vigente riconosce l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

Ldp studio. Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata

Ldp studio. Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata Per il piano regolatore di Siena lo studio LdP ha sviluppato un progetto per la diffusione via Internet della banca dati

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Problematiche sulla valutazione delle riserve sinistri r.c. auto

Problematiche sulla valutazione delle riserve sinistri r.c. auto PARTE 13 RIUNIONE DI LAVORO ATTUARI INCARICATI R.C.AUTO Problematiche sulla valutazione delle riserve sinistri r.c. auto Roma 27 ottobre 2010 Marina Mieli - ISVAP 1 Indice 1) Il nuovo sistema di risarcimento

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 35/08 APPROFONDIMENTI FINALI SULLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 17 dicembre 2008 Pagina 1 di 12 Premessa

Dettagli

Le principali evidenze empiriche

Le principali evidenze empiriche SINTESI Questo documento analizza e compara il costo di cittadinanza tra le 14 aree metropolitane individuate nel nostro paese. L obiettivo preliminare della ricerca è stato quello di dare una definizione

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA ANNO SCOLASTICO 212/213 Il percorso di autovalutazione dei risultati di apprendimento dell Istituto Comprensivo Nettuno I ha lo scopo di : Scuola dell

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM.

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. La sfida Certificare il corretto montaggio dell impianto elettrico, escludendo la presenza di cortocircuiti

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE TITOLO I PRESUPPOSTI DEL SISTEMA Oggetto Il Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance dell ASL di Lucca ha la finalità complessiva di

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

LA SCATOLA NERA LA SCATOLA NERA

LA SCATOLA NERA LA SCATOLA NERA LA SCATOLA NERA LA SCATOLA NERA perchè deve coinvolgere le carrozzerie.. E IL CARROZZIERE LA SCATOLA NERA perchè deve coinvolgere le carrrozzerie.. 1. Perché per il carrozziere significa canalizzare il

Dettagli

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web A.T.C. FO-5 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE MODALITA DI FUNZIONAMENTO DEI FONDI DESTINATI AI CONTRIBUTI PER L INDENNIZZO DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA E ALL ACQUISTO DEI MEZZI DI PREVENZIONE DA DARE

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini)

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione significa determinare il miglior sistema di gestione delle fasi che compongono tale processo, vale a dire trovare il giusto

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

La consulenza nel campo assicurativo

La consulenza nel campo assicurativo La consulenza nel campo assicurativo inizio Perché i delfini? Perché ci somigliano: intelligenti, abili, veloci, si muovono esperti nel loro vasto blu. Su di loro si può sempre contare. inizio Studi recenti

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

Galileo Assistenza & Post Vendita

Galileo Assistenza & Post Vendita Galileo Assistenza & Post Vendita SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 AREE DI INTERESSE... 2 PUNTI DI FORZA... 2 Caratteristiche... 3 Funzioni Svolte... 4 ESEMPI.7-1 - PRESENTAZIONE Sempre più spesso ci si riferisce

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA...

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... INDICE 1) SOMMARIO... 1 2) PRIMO AVVIO... 1 3) BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... 2 4) DATI AZIENDALI... 3 5) CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA... 4 6) ARCHIVIO CLIENTI E FORNITORI... 5 7) CREAZIONE PREVENTIVO...

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2009/10 nell ambito del Servizio

Dettagli

FLSS Flatmates life support system. Report Usability Test. Chiara Frantini Sara Minoli Matteo Vacca

FLSS Flatmates life support system. Report Usability Test. Chiara Frantini Sara Minoli Matteo Vacca FLSS Flatmates life support system Report Usability Test Chiara Frantini Sara Minoli Matteo Vacca INDICE 1. Campione 2. Analisi dei risultati 2.1 Task analysis 2.2 Valutazioni soggettive 3. Errori 4. Possibili

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura e l uso l delle terre della Regione Piemonte Relatore: : Stefania Crotta - Regione Piemonte Sommario obiettivi progetto prototipo

Dettagli

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI ***

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** 1. Soggetti Promotori Dipartimento di Scienze Ambientali e Facoltà di Scienze e Tecnologie dell Università di Camerino (UNICAM-DSA e UNICAM-FST)

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE Azioni correttive e preventive 1 10/01/08 1 9 INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 4.

Dettagli

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Invita a presentare iniziative di Sostegno a Programmi e reti di volontariato nelle Regioni del Sud Italia Sommario Sezione

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008)

REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008) COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008) Art. 1 Oggetto

Dettagli

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA Pagina: 1 di 9 Registro delle modifiche Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 11/03/2010 Emissione formale A ALLEGATI: ---- DISTRIBUZIONE DEL DOCUMENTO: Direttore Generale Dott.

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI Il sistema premiante introdotto dal CCNL 31 marzo 1999 e dal CCNL 1 aprile 1999

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

Manuale Utente SIRECO

Manuale Utente SIRECO Corte Dei Conti Manuale Utente SIRECO Guida alle funzioni del modulo Redattore 1 di 157 Corte Dei Conti Indice dei contenuti 1. Obiettivo del documento... 5 1.1 Acronimi, abbreviazioni, e concetti di base...

Dettagli

IL QUADRO DERIVANTE DAI DATI CONCLUSIVI DEL PROGETTO DI MONITORAGGIO SULL APPLICAZIONE DEL D.L.GS 626/94 NELLA REGIONE MARCHE

IL QUADRO DERIVANTE DAI DATI CONCLUSIVI DEL PROGETTO DI MONITORAGGIO SULL APPLICAZIONE DEL D.L.GS 626/94 NELLA REGIONE MARCHE IL QUADRO DERIVANTE DAI DATI CONCLUSIVI DEL PROGETTO DI MONITORAGGIO SULL APPLICAZIONE DEL D.L.GS 626/94 NELLA REGIONE MARCHE Relazione di: Catia Pieroni Iesi 26 febbraio 2004 Alla fine del 2002 si è concluso

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI ART. 1 FINALITA E OBIETTIVI Il Comune di Santadi con le seguenti modalità gestionali intende riconoscere

Dettagli

Manutenzione industriale

Manutenzione industriale industriale Evoluzione della cultura della manutenzione PRIMA Non fermare gli impianti (fino a che riescono a marciare). Intervenire solo per riparazione. Accettare carenze qualitative, amplificazione

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

CONTENUTO DELL OFFERTA TECNICA E CRITERI DI VALUTAZIONE

CONTENUTO DELL OFFERTA TECNICA E CRITERI DI VALUTAZIONE ALLEGATO 2 CONTENUTO DELL OFFERTA TECNICA E CRITERI DI VALUTAZIONE La Società dovrà fornire nell offerta tecnica le informazioni di seguito precisate utilizzando la scheda di offerta tecnica di cui all

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE D INTERVENTO PER LA CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO MARSICANO Riduzione degli impatti legati alle attività antropiche (rif. azioni A1, A3, A4 e A5 del PATOM)

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO L indagine si è svolta nel periodo dal 26 agosto al 16 settembre 2014 con l obiettivo di conoscere l opinione dei residenti

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Approvazione Linee guida per la predisposizione dei Piani triennali di ambito sociale obiettivi 2005-2007 LA VISTO il documento istruttorio, riportato in calce alla presente deliberazione, predisposto

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Modifiche alla fascicolazione tecnica: Come noto la fascicolazione tecnica di un dispositivo medico su misura, che

Dettagli

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories)

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA VALUTAZIONE

Dettagli

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti *

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti * Gennaio 2013, anno VII N. 1 La formazione aziendale nell ambito del benessere organizzativo Un caso di percorso integrato di formazione sulla gestione del rischio stress lavoro correlato di Renato Mastrosanti

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. 1. OGGETTO Le presenti condizioni generali di vendita regolano e disciplinano in via esclusiva i rapporti commerciali di compravendita tra SATI S.r.l. e i propri

Dettagli

Roma, 23-09-2015. Messaggio n. 5864. 1. Premessa

Roma, 23-09-2015. Messaggio n. 5864. 1. Premessa Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 23-09-2015 Messaggio n. 5864 OGGETTO: Controlli sulle Dichiarazioni sostitutive uniche trasmesse

Dettagli

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati 1/14 Premessa Il questionario di valutazione ex post è stato somministrato ai soggetti attuatori dei progetti partecipanti al Piano Sicurezza

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

HEALTH SEARCH: INTERVENTI

HEALTH SEARCH: INTERVENTI Health Search HEALTH SEARCH: INTERVENTI MOTIVAZIONALI E PROCEDURE DI QUALITÀ FABIO SAMANI, GIUSEPPE VENTRIGLIA, ROBERTO NARDI, CARLO NICCOLAI, GIORGIO CARLO MONTI Il consolidamento delle attività di Health

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Sistema di valutazione permanente del personale

Sistema di valutazione permanente del personale Premessa Il sistema di valutazione permanente, previsto dall art. 6 del CCNL 1/4/1999, intende promuovere, da un lato, il miglioramento della qualità delle prestazioni dei servizi resi e, dall altro, la

Dettagli