LIFE 09 NAT/IT/000160

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIFE 09 NAT/IT/000160"

Transcript

1 LIFE 09 NAT/IT/ Arctos Conservazione dell orso bruno: azioni coordinate per l areale alpino e appenninico Azione E5 Valutazione dell efficacia degli strumenti di prevenzione del danno Massimiliano Di Vittorio, Pietrantonio Costrini, Massimiliano Rocco E.A.I. Ecologia Applicata Italia WWF Italia Dicembre

2 Premessa Nella gestione del conflitto tra grandi carnivori e attività antropiche, nell ambito di strategie e programmi di conservazione delle specie selvatiche interessate e maggiormente a rischio, come l orso e il lupo, risulta essere dirimente la partecipazione ed il coinvolgimento dei diversi attori economici e sociali interessati dal conflitto e presenti sul territorio. La sfida della conservazione dei grandi carnivori in un ambiente sempre più antropizzato e modellato sulle necessità umane passa necessariamente attraverso la accettazione sociale ed economica di questi potenziali competitori, in caso contrario non vi è possibilità alcuna nel lungo tempo, a meno che non si mettano in campo risorse economiche e sforzi umani esorbitanti, di potere continuare a mantenere popolazioni vitali di tali specie in ambienti sempre più antropizzati. Spesso le legittime aspirazioni ad una migliore qualità della vita da parte delle popolazioni umane presenti in contesti difficili come quelli rurali montani vedono, anche per una atavica errata assimilazione dei grandi carnivori ai veri competitori, un forte contrasto con queste specie non riuscendo a cogliere nel breve tempo come invece siano le politiche economiche e agricole ad avere inciso sensibilmente sule loro aspettative mentre. Un altro passaggio importante ma spesso dimenticato è come l assenza di condivisione delle strategie, programmi o singoli progetti da parte delle popolazioni residenti nei territori interessati e la loro integrazione nel contesto sociale ed economico locale abbia spesso prodotto effetti limitati alla durata della singola specifica azione, intervenendo essenzialmente sugli effetti e trascurando le cause, non riuscendo così a permeare culturalmente le attività e abitudini agrosilvopastorali. Nella ricerca della riduzione del conflitto e nella promozione di politiche tese a ciò l importanza della condivisione e della partecipazione degli attori sociali ed economici (stakeholders) nella definizione di programmi di conservazione della biodiversità non è mai adeguatamente considerata mentre la accettazione di tali attività che portano dicoem conseguenza una maggiore armonia nella condivisione della quotidianità con i grandi carnivori è la vera sfida da vincere. Introduzione In linea con gli scopi dell azione E5 del progetto LIFE NAT/IT/160 Arctos, tale rapporto cerca di verificare partendo dalla componente del conflitto relativa ai danni, così come registrati dagli Enti territorialmente competenti e dove insistono le popolazioni oggetto di studio, di verificare se le azioni di prevenzione promosse con lo strumento delle recinzioni elettrificate, sia mobili sia fisse, metodologia condivisa con le realtà locali e messa in maniera anche massiccia in atto, abbia avuto 2

3 un effetto nella riduzione del danno e se abbia significativamente dimostrato la sua efficacia per raggiungere l obiettivo, anche di accettazione sociale, che si era individuato, arrivando a potere essere definito un utile mezzo per partecipare alla conservazione dell orso. Con lo sviluppo delle Azioni A3 e C5 del LIFE Arctos si è cercata la condivisione, la partecipazione e la promozione insieme alle comunità locali delle attività e delle azioni più adatte a fargli accettare eventuali modifiche del loro approccio ai grandi carnivori e la introduzioni di comportamenti innovativi che potessero aiutarli nel favorire la convivenza con l orso. Ciò è stato ricercato perché un concreto ed efficace programma di conservazione efficace nel medio e lungo termine non può prescindere dalla partecipazione dei diversi attori sociali ed economici direttamente interessati ed influenzati dalle azioni programmate e che sono in primo luogo coloro che dovranno farsi promotori dello sviluppo di queste nel lungo tempo. Questo è stato ancora di più voluto e ricercato perché è dalle conoscenze condivise a tutti sempre più evidente come la presenza di una specie selvatica come l orso determina inesorabilmente un conflitto diretto con alcune specifiche attività antropiche, ed il conflitto stesso diventa la causa diretta di minaccia alla conservazione della specie e ne può determinare la definitiva estinzione. La efficacia di questo approccio è evidente nei risultati raggiunti, nella progressiva e sempre più massiccia accettazione da parte della comunità locale delle pratiche di prevenzione promosse e nel cominciare a considerare come l uso abituale, anche se non ancora permeante, degli strumenti offerti dal LIFE Arctos fossero una opportunità nonché un concreto mezzo utile a sostenere e garantire le proprie attività. La scelta di favorire l uso di questo strumento è stata accompagnata dalle attività di partecipazione condivisione delle scelte con i diversi attori territoriali e la continua presenza sul campo degli operatori del progetto ha favorito il quotidiano confronto e la amichevole condivisione di problemi e soluzioni. Il processo di integrazione nelle attività locali dell uso delle recinzioni elettrificate come strumento di prevenzione è andato rafforzandosi nel tempo ed è diventato nei 4 anni di progetto un uso massiccio e condiviso (Allegato 1) premiato dalle scelte partecipate e condivise con gli attori sociali ed economici del territorio attraverso il lavoro promosso a diversi livelli dai partner del LIFE Arctos. 3

4 1 Metodologie 1.1 Distribuzione delle recinzioni in Appennino Sulla base delle richieste avanzate da Aziende o singole persone giuridiche, nel corso dell intera durata del progetto sono state distribuite recinzioni elettrificate di diverse tipologie (tipo amovibili o fisse) e caratteristiche, con una netta prevalenza nel territorio del PNALM e sua ZPE, ma si sono installate recinzioni anche in diverse altre aree di presenza della specie o di passaggio. Le forniture sono state effettuate tenendo conto di diversi parametri all atto dell analisi delle richieste pervenute: innanzi tutto è stata operata una sovrapposizione tra le aree maggiormente colpite da danni e le richieste di recinti pervenute, in modo da vere la certezza di agire nelle aree realmente colpite da danni cospicui e quindi rendere potenzialmente alta l efficacia del mezzo di prevenzione. A tal fine si è proceduto all analisi dei database dei danni liquidati nel periodo ed alla georeferenziazione degli stessi. Sono quindi state analizzate le richieste di recinti elettrificati e verificate quante di queste cadessero all interno di aree caratterizzate da danni cospicui. Sono stati contattati telefonicamente tutti gli utenti che hanno avanzato le richieste e verificate le reali necessità della cessione eventuale del mezzo di prevenzione (danni continuati nel tempo, osservazioni recenti di orsi etc). Si è quindi proceduto ad un analisi di campo, prioritariamente interessando le richieste risultate prioritarie dalla precedente analisi, in modo da verificare le condizioni per il conferimento del recinto e per la scelta degli apparati più idonei alle diverse condizioni ambientali ( perimetro dell area da proteggere, pendenza, presenza di cespugli e roveti etc). Tutte queste informazioni si sono rese necessarie per gestire la scelta della tipologia di apparecchio da affidare all utente: a rete elettrica, a pannello solare con capacità energetica diversa ( tipo B100 B300). A ciascun utente selezionato secondo i criteri descritti sopra, sulla base delle caratteristiche orografiche e territoriali riscontrate, nonché sulla base della tipologia del bene da proteggere (allevamento, orticoltura o frutteti, apiari etc) sono stati consegnati, oltre che l elettrificatore più idoneo alle caratteristiche riscontrate, un numero di pali di materiale plastico o ligneo (in base alla tipologia di recinzione da realizzare) sufficiente a ricoprire la superficie da tutelare e una quantità lineare di fettuccia elettrica sufficiente a realizzare da tre a cinque fasce complete sul perimetro da sottoporre a protezione. Al momento della consegna, anche all atto dei precedenti incontri preliminari, ciascun utente è stato correttamente formato ed istruito circa le corrette modalità di installazione del materiale elettrico, evidenziando eventuali tipologie di malfunzionamenti ricorrenti e le relative pratiche di 4

5 rapida risoluzione degli stessi, e rifornito di materiale informativo illustrato sulle diverse modalità di intervento manutentivo indispensabile al corretto funzionamento degli apparati forniti. Si è proceduto, per ogni consegna, alla compilazione di un modulo apposito, contenente tutte le informazioni anagrafiche e fiscali delle utenze, controfirmata dall intestatario dell apparato consegnato. Per ogni stagione sono state verificate le condizione di corretto funzionamento degli apparati forniti nei precedenti periodi e ritirati, al fine di conferirli a nuove utenze quelli che nella ultima stagione non erano stati messi in funzione o erano smontati e ritirati, al fine di sostituirli, i recinti parzialmente inutilizzabili o quelli che presentavano componenti irrimediabilmente deteriorate. 1.2 Controlli telefonici Per disporre di dati costantemente aggiornati sullo stato di funzionamento ed efficacia degli apparati forniti è stata, per tutto il periodo della durata del progetto, sviluppata una azione di monitoraggio attraverso controlli telefonici di ogni utenza (aziende e singole figure giuridiche) che hanno ricevuto il mezzo di prevenzione a partire dal 2010 interessando però nella attività di gestione ordinaria dei mezzi presenti sul territorio anche recinzioni che erano state consegnate in precedenti progetti promossi dal WWF o da altri partner anche intervenendo con eventuale sostituzione o inserimento di nuovo materiale utile a riattivare tali strumenti se ancora in uso. Qualora le condizioni riscontrate telefonicamente lo rendessero necessario, si è proceduto ad un approfondimento attraverso sopralluoghi sul posto (malfunzionamento grave, errata ed inefficace collocazione dei recinti, recinti non montati o spostati dal luogo di montaggio originale etc). Questa azione, il cui scopo era quello di verificare la corretta messa in opera degli elettrificatori, nonché la effettiva funzionalità degli stessi, ha permesso di realizzare, come verrà trattato avanti, una elevatissima efficacia dei mezzi di prevenzione, poiché ha permesso di assicurare un numero elevato (sul totale dei recinti forniti) di recinti contemporaneamente funzionanti e di verificare, laddove fossero giunte delle richieste di indennizzo da parte di utenze in possesso dei recinti ceduti in comodato, la reale efficacia dei mezzi di prevenzione, permettendo, ad esempio, di stabilire che la quasi totalità di danni denunciati presso utenze in possesso di recinti sono avvenute on in aree esterne ai recinti stessi o in condizioni di non funzionamento dei recinti non comunicati tempestivamente al personale incaricato della manutenzione e riparazione dei recinti stessi. Infatti, durante i controlli telefonici, l utente veniva interrogato circa la normale e reale funzionalità del recinto, circa eventuali malfunzionamenti o comunque anomalie di funzionamento, eventuali 5

6 anomalie della batteria o eventuali danneggiamenti del perimetro recintato (pali danneggiati da frane etc). Grazie a questa attività di costante monitoraggio degli apparati si è provveduto, in tempi brevi, a riprendere in consegna eventuali apparati irrimediabilmente usurati ed effettuata la dismissione degli stessi, al ritiro di recinti non più necessari alle utenze affidatarie (per cessata attività economica, spostamento degli allevamenti o delle arnie in altre aree etc) ed alla sostituzione, qualora si è reso necessario, di apparecchi con efficienza energetica differente e più idonea alle condizioni operative, in particolar modo sostituzioni di modelli B300 con Modelli B100, più idonei per aree più contenute ed ad efficienza energetica inferiore.. Attraverso questi controlli ogni criticità e problematica rilevata è stata prontamente risolta o comunque affrontate, ottenendo peraltro l effetto di testimoniare in modo inequivocabile e costante la presenza del progetto nel territorio. Ciò ha consentito di risolvere problematiche connesse alla corretta funzionalità dei recinti ed a evidenziare, in alcuni casi, il cattivo funzionamento degli stessi causato dall incuria degli affidatari. L esecuzione di questa azione nel modo sopradescritto ha consentito, come in seguito trattato, di poter valutare con esattezza l efficacia del mezzo di prevenzione, escludendo dal database di calcolo quei danni, interessanti utenze affidatarie di recinti, avvenuti dopo la consegna dei recinti stessi, ma effettivamente non computabili nei calcoli in quanto causati non da inefficacia del mezzo di prevenzione (orso che riesce a penetrare in un allevamento nonostante la presenza di un recinto elettrificato correttamente istallato) ma da cattivo funzionamento dello stesso causato da non perfetta gestione e manutenzione da parte degli affidatari o interessanti danni avvenuti esternamente ai recinti stessi (ad esempio bestiame al pascolo). Questa tipologia di danni è stata comunque registrata ed evidenziata, ma la loro esclusione dai database di calcolo dell efficacia dei recinti ha permesso, come già citato, di calcolare con esattezza la reale efficacia dei mezzi di prevenzione e di considerare il loro effetto fortemente positivo come mezzo di prevenzione dei danni da orso e lupo. 6

7 PROGETTO LIFE ARCTOS SCHEDA MONITORAGGIO RECINZIONI ELETTRIFICATE Nome operatore: Pietrantonio Costrini Visita sul campo? Contatto telefonico? Data : _03/09/2012 Anagrafica allevatore e descrizione allevamento Nome e cognome allevatore: Franco Troiani Residente in: Pescina (AQ) via: Località Ponte S. Valentino_ Recapito telefonico: Tipologia allevamento: apicoltura Numero capi/arnie: 60 Comune nel quale è localizzata la struttura: Collarmele Località: Arnicola Coordinate: N E Data installazione recinzione: 15/07/2012 Tipologia recinzione attualmente installata Perimetro complessivo stimato: 300m Elettrificatore modello/potenza: Plus b300 Pannello solare modello/potenza: 25 W Batteria modello/potenza: vipiemme 80A - 12V Numero file fettuccia: 5 ; Numero prese di terra installate: 1 ; Numero cancelli: 2 Funzionalità recinzione Verifica funzionalità recinzione con voltmetro. Esito: Verifica stato collegamenti tra elettrificatore e conduttore/prese di terra: Verifica livello liquidi batteria: Verifica stato manto erboso sottostante: nessun contatto Verifica eventuale presenza di rami a contatto: nessuno contatto Numero e tipo di danni registrati prima dell'installazione recinzione: Anno Esempio di scheda di verifica dei recinti elettrificati 7

8 1.3 Verifiche con scheda di sopralluogo Durante la stagione di avvenuta consegna e nelle stagioni successive alla stessa, sono state effettuate numerose verifiche di campo su recinti elettrici installati per verificarne il corretto funzionamento e il rispetto delle corrette modalità di gestione manutenzione da parte degli affidatari. I controlli sono stati intensificati per tutte le utenze che comunicavano una errata o non idonea funzionalità degli apparecchi (rilevata attraverso misurazioni periodiche effettuate con un apposito strumento amperometro fornito loro all atto della consegna del recinto) o difficoltà di gestione degli apparati per motivi ambientali e climatici. Le verifiche di campo hanno consentito di aggiornare costantemente e verificare la completezza del database relativo al materiale consegnato nel corso del progetto (attraverso il rilevamento dei codici identificativi dei singoli apparecchi, delle coordinate geografiche dei recinti etc). Durante ogni controllo si è altrèsì proceduto alla compilazione delle schede di valutazione generale dello stato funzionale del recinto. Ogni scheda è stata organizzata e strutturata in modo da riportare le generalità dell utente, valutazione tecnica sulle modalità di costruzione del recinto e scelta dell idoneo strumento elettrificatore e strumentazione ad esso connessa e complementare (numero di fettucce, numero di cancelli, numero di prese di terra, modello di elettrificatore/pannello solare etc), esiti di funzionalità ed eventuali malfunzionamenti. Inoltre ogni scheda ha previsto la registrazione degli eventi di predazione (ed il relativo numero di capi predati, ad esempio, o arnie danneggiate) nel periodo precedente alla consegna del recinto ed eventualmente posteriore all installazione del dispositivo elettrico, con eventuali note sul funzionamento regolare del recinto stesso o su una sua avaria, o se i danni hanno interessato beni (allevamento, agricoli etc) posti all interno o all esterno del perimetro protetto dai recinti. Inoltre, ad ogni sopralluogo, sono state eseguite le misurazioni relative al potenziale elettrico in uscita dall elettrificatore ed il potenziale di messa a terra, al fine di verificare il corretto stato di funzionamento o identificare eventuali guasti/malfunzionamenti attribuibili all usura dell apparecchio usato o ad una scarsa manutenzione della recinzione. Parametri considerati: corretta installazione: riguarda le recinzioni predisposte come da protocollo standard, ovvero cinque ordini di fettuccia, cinque mollettoni nei cancelli ed una corretta gestione del sistema di messa a terra. 8

9 Funzionalità del recinto: viene ritenuto funzionale se si registra il superamento del valore di 4 kv al momento della misurazione. Tale soglia è necessaria per avere un efficace azione dissuasiva nei confronti dell orso. Giudizio: indica lo stato di soddisfazione o meno da parte delle utenze dello strumento ceduto in comodato e delle azioni di manutenzione da parte del personale Arctos. L elaborazione delle informazioni raccolte hanno consentito una gestione del database accurata, rendendo possibile la tracciabilità di ogni apparato consegnato, rubato, danneggiato etc. 2 Risultati 2.1 Recinti ceduti in comodato d uso Sono state avanzate, nel periodo compreso tra l inizio del progetto Arctos ed il 2014, richieste per recinti da 208 diverse utenze, di cui l 82,22% sono state evase (vedi tabella sotto), con la consegna di almeno un recinto elettrificato, ma in diversi casi aziende o in particolare modo alcuni apicoltori molto presenti sul territorio hanno richiesto l uso di più strumenti di prevenzione. A chiusura progetto l 82,40% risultavano in uso e funzionanti, 8 recinti risultano danneggiati in modo irreversibile e quindi non utilizzabili, mentre 12 sono stati rubati, e 9 in giacenza, per un totale complessivo di 245 recinti consegnati di diverse marche e modelli. Comune Richieste % evase Scanno 70 85,71 Ortona dei Marsi 23 73,91 Pescasseroli 14 71,43 S. Donato V.C ,00 Opi 9 77,78 Alvito 6 83,33 Pettorano Sul Gizio 6 100,00 Villalago 6 83,33 Alfedena 5 80,00 Bisegna 5 100,00 Villetta Barrea 5 80,00 Campoli Appennino 4 50,00 Scontrone 4 75,00 Barrea 3 100,00 9

10 Castel San Vincenzo 3 66,67 Bugnara 2 100,00 Castel di Sangro 2 100,00 Cocullo 2 50,00 Pescina 2 100,00 Picinisco 2 0,00 Pizzone 2 50,00 Rocca Pia 2 50,00 Sulmona 2 100,00 Villavallelonga 2 100,00 Anversa degli Abruzzi 1 100,00 Carrito di Ortona dei M ,00 Casoli di Atri (TE) 1 100,00 Castel S. Vincenzo 1 100,00 Civitella Alfadena 1 100,00 Civitella Roveto 1 100,00 Frattura di Scanno 1 100,00 Gioia dei Marsi 1 100,00 Introdacqua 1 100,00 Isola del Liri 1 100,00 Montenero Valc ,00 Notaresco (TE) 1 100,00 Pescosolido 1 100,00 Pratola Peligna 1 100,00 Scapoli 1 100,00 Villa Scontrone 1 0,00 10

11 Recinto in un area del PNALM 11

12 2.2 Analisi dei danni Nel contesto appenninico, al fine di procedere nel lavoro di analisi dell efficacia con l uso di adeguate metodiche statistiche, si è proceduto a ripetere anche nel 2014 l analisi dei danni registrati nei database forniti dal PNALM e relativi alle richieste di indennizzo dei danni durante l arco temporale Ciò è stato necessario per evitare eventuali errori di conteggio e analisi, perché lo stesso personale veterinario del PNALM aveva rappresentato che alcune pratiche precedentemente in attesa di risoluzione, quindi in sospeso, potevano essersi definitivamente concluse. Nell analisi statistica si sono dovuti anche escludere quei file che non presentavano una uniformità o la maggiore parte dei dati utile al lavoro da svolgersi. Questa fase è stata importante in quanto ha consentito di disporre, alla fine, di un database coerente e utilizzabile per le successive fasi di analisi. La seconda fase dell analisi ha riguardato la georeferenziazione dei danni liquidati. Anche in questo caso si è proceduto alla omologazione delle informazioni geografiche in un sistema di riferimento cartografico coerente (a causa del fatto che i dati presenti nei database non risultavano afferenti a sistemi di riferimento non sempre omogenei) ed alla eliminazione, dal database da utilizzare per le analisi, delle informazioni incongruenti o problematiche (ossia quelle per cui è stato impossibile ricavare una informazione geografica certa). In ultima fase i dati sono stati assemblati per singola azienda o persona giuridica e per anno. Alla fine è stato ottenuto un database relativo ai danni completo e utilizzabile, in quanto standardizzato, per le effettive analisi relative ai danni, alla loro distribuzione spazio-temporale, ed alla efficacia dei recinti consegnati. Infine i dati sono stati georiferiti in ambiente GIS (Geographic Information Sistem) e proiettati nella cartografia relativa all area di studio nel sistema unico WGS_1984_UTM_Zone_33N. 12

13 Fig. 1 : Distribuzione dei danni nell area di studio. Globalmente, dal 2005 al 2013, sono stati indennizzati ,21, per un totale di 5054 richieste di indennizzo evase, con una media di circa ,00 euro l anno. L analisi condotta ha constatato che il 65,45% di questi danni erano comunque riferibili al lupo, mentre solo il 28,1% ad orso. La restante aliquota è relativa ad altre specie (volpi, mustelidi, uccelli rapaci etc). 13

14 L analisi preliminare del database relativo ai danni ha consentito di evidenziare, in termini di percentuale, i comuni più colpiti, nell arco di tempo considerato, dai danni (Tab. 2 e Grafico 1). Comune % Lecce dei Marsi 11,09724 Picinisco 10,97752 Pescasseroli 7, Gioia dei Marsi 6, Pescosolido 5, Montenero Val Cocchiara 4, San Biagio Saracinisco 4, Scanno 4, Ortucchio 3,92838 Barrea 3, Opi 3, Vallerotonda 3, Campoli Appennino 3,18104 Ortona dei Marsi 2, Settefrati 2, Alfedena 2, Trasacco 1,

15 Bisegna 1,6437 San Donato Val di Comino 1, Collelongo 1, Rocchetta a Volturno 1, Civitella Alfedena 1, Balsorano 1, Villavallelonga 1, Alvito 1, Villetta Barrea 0, Scontrone 0,92541 Castel San Vincenzo 0, Villalago 0, Pizzone 0, Filignano 0, Cassino 0,40885 San Vincenzo Valle Roveto 0, Venafro 0, Scapoli 0, Anversa degli Abruzzi 0, Civita d'antino 0, Pescina 0,09679 Pizzoferrato 0, Luco dei Marsi 0, Colli a Volturno 0, Monte San Biagio 0, Sezze 0, Sora 0, Cocullo 0, Mignano Montelungo 0, Torremaggiore 0, Cerro al Volturno 0, Castel di Sangro 0,01906 Guidonia 0, Introdacqua 0, Tab. 2: analisi percentuale, in ordine di di indennizzi, dei comuni interessati dai danni 15

16 Grafico 1: analisi percentuale, in ordine di di indennizzi, dei comuni interessati dai danni È possibile evidenziare (Tab. 3), riguardo il comparto economicamente più cospicuo, ossia quello dell allevamento, in termini di numero di capi uccisi, che nell arco di tempo considerato le specie più colpite siano piccoli animali da aia (polli e conigli) e ovini, che costituiscono circa il 50% dei capi. Pertanto si è confermato che i piccoli animali da aia sono quelli che incidono maggiormente sul totale dei danni causati da predatori selvatici. Specie colpite Bovini Caprini Equini Ovini Suini Piccoli animali % Globale 8,28 8,95 5,13 30,34 0,16 47,14 Tab. 3: % delle specie interessate dai danni Il grafico 2 mostra gli andamenti temporali dei danni in termini di capi uccisi nel periodo

17 Grafico 2: andamento temporale dei danni in termini di capi uccisi Recinto elettrificato a protezione di un allevamento presso Scanno 17

18 2.3 Efficacia del mezzo di prevenzione La banca dati del PNALM relativa ai danni causati da fauna selvatica, rimodulata come descritto nei precedenti paragrafi, è stata utilizzata per verificare a livello di aree geografiche, comuni, singole aziende i danni subiti ed estrapolare, per effettuare le analisi sull efficacia dei mezzi di prevenzione, i danni interessanti le aziende o singole persone giuridiche beneficiarie, nel corso del progetto, di recinti in comodato d uso. Sono quindi stati correlati i periodi di accadimento dei danni con le date di cessione dei recinti, in modo da poter effettuare un analisi comparativa dei danni subiti dalle aziende beneficiarie del mezzo di prevenzione prima e dopo la cessione dei recinti stessi e poter, in tal modo, poter effettuare un analisi attendibile sull efficacia dei mezzi di prevenzione. I danni verificatisi durante lo svolgimento del progetto che hanno interessato aziende o persone giuridiche cui erano stati affidati recinti sono stati verificati attraverso un preliminare contatto telefonico ed un successivo sopralluogo sul campo. A fronte di 720 aziende o personalità giuridiche che hanno avanzato richieste di risarcimento danni, nel periodo , successivamente evase, sono stati consegnati recinti elettrificati a 147 aziende o persone giuridiche, di cui 98 interessate da danni nei periodi precedenti la consegna del recinto. L attività ha quindi interessato il 13,7% delle aziende o persone giuridiche che hanno ricevuto indennizzi per danni da fauna selvatica elargiti dal PNALM. Per valutare l efficacia dei recinti forniti sono stati analizzati, come prima accennato, i danni che hanno interessato le aziende e le persone giuridiche che hanno ricevuto il mezzo di prevenzione, prima e dopo la messa in funzione del mezzo di prevenzione stesso. La differenza nella distribuzione dei danni tra i due periodi, ossia prima e dopo il conferimento dei recinti, è stata testata con l ausilio del Wilcoxon marche pairs test in cui la statistica Z calcolata corrisponde ad un test di differenze nelle mediane osservate. La significatività del test è stata posta a p=0,05. 18

19 Fig. 2: distribuzione delle recinzioni elettrificate totalmente conferite nel periodo del Progetto Suddividendo le richieste per comune (Tab. 1), appare evidente che le richieste maggiori sono relative a comuni interessati da danni cospicui (Tab. 2), ma che non sia possibile evidenziare una precisa corrispondenza tra numero di richieste per comune e comuni colpiti dai danni, se non in termini indicativi. Ad esempio dal Comune di Lecce dei Marsi, che dalle tabelle precedenti è il più colpito da danni, non emerge alcuna richiesta di recinti mentre soltanto una richiesta per il comune di Picinisco, comune nel quale complessivamente sono stati liquidati più del 10% degli indennizzi totali. Considerando i danni che hanno colpito aziende cui sono stati affidati recinti (120 aziende con danni nel comparto agricolo, dell allevamento e dell apicoltura), è possibile suddividere i danni e l efficacia per territorio comunale (Tab. 4). Nel complesso è emerso che i danni che hanno interessato i 26 comuni all interno dei quali insistono le aziende o i privati a cui sono stati dati in cessione i recinti arrivano a sommare un totale di ,7. 19

20 I comuni nei quali sono in funzione i recinti elettrificati percentualmente più interessati da danni sono, Pescasseroli, Scanno, Ortona dei Marsi, Opi, Rocchetta a Volturno e Barrea. Come indicato nella sezione metodi, per evidenziare la reale efficacia degli strumenti di prevenzione, sono stati analizzati i danni e la spesa relativa agli indennizzi avvenuti prima dell intervento di prevenzione (consegna del recinto elettrificato) e i danni e le relative spese avvenute nel periodo successivo al conferimento e alla messa in funzione del mezzo di prevenzione stesso, verificando caso per caso il corretto funzionamento dei sistemi di prevenzione nel periodo di monitoraggio.. Comune indennizzi Prima indennizzi dopo Danni reali % Efficacia Pescasseroli 57721, ,00 336,00 99,42 Scanno 40179, ,40 699,00 98,26 Ortona dei Marsi 31493, ,00 100,00 99,68 Opi 19062, ,90 195,00 98,98 Rocchetta a Volturno 12910, ,00 180,00 98,61 Barrea 11887, , ,00 79,48 Campoli appennino 11837,00 845,00 0,00 100,00 Scontrone 8360,00 665,00 0,00 100,00 Alvito 7615,90 539,00 0,00 100,00 Scapoli 6668, , ,00 76,68 Castel San Vincenzo 5903,20 0,00 0,00 100,00 Lecce dei Marsi 5502,00 0,00 0,00 100,00 Alfadena 4339,00 0,00 0,00 100,00 Anversa degli Abruzzi 4255,00 0,00 0,00 100,00 Pizzone 3618, ,60 632,00 82,53 Villavallelonga 3014,00 0,00 0,00 100,00 Roma 2785,00 0,00 0,00 100,00 Villalago 1575,90 0,00 0,00 100,00 Montenero Val Cocchiara 1400,00 0,00 0,00 100,00 Civitella Alfedena 946,00 0,00 0,00 100,00 Bisegna 855,00 0,00 0,00 100,00 Avezzano 250,00 0,00 0,00 100,00 Montesilvano 208,00 300,00 0,00 100,00 San Vincenzo Valle Roveto 50,00 0,00 0,00 100,00 San Donato Val di Comino 0,00 562,80 0,00 100,00 20

21 Tab. 4: efficacia del mezzo di prevenzione nei vari comuni del PNALM Grafico 3: danni in termini di risarcimento nell arco di tempo considerato. Globalmente, considerando l ammontare dei danni nei vari comuni prima e dopo il conferimento dei recinti, si evidenzia un efficacia media dell 83,35% (±34,87%). Al fine di potere avere un dato inconfutabile e che escludesse errori di analisi e pertanto potesse inficiarne lo stesso sviluppo, si sono esclusi quei casi di danni registrati ma verificatisi in occasione del mancato uso o messa in funzione del sistema di prevenzione. Per potere arrivare ad escludere tali errori di verifica ci si è preoccupati costantemente nel corso del lavoro al monitoraggio delle condizioni generali delle utenze dei recinti in maniera costante e routinaria, al fine di verificare e garantire il reale utilizzo e funzionamento dei recinti e potere così realisticamente valutare la loro efficacia, come già citato in precedenza. Si è proceduto,infatti, nell arco del periodo di utilizzo dei recinti, al monitoraggio delle condizioni generali dei recinti, al fine di verificare il reale utilizzo (montaggio effettivo) e corretto funzionamento dei recinti e la loro efficienza, come già citato in precedenza, per poter valutare in modo preciso e oggettivo la loro efficacia. Considerando pertanto in questo modo solo i danni reali, ossia elidendo i danni causati da mancato utilizzo del mezzo di prevenzione (malfunzionamento per cattiva manutenzione, batterie esaurite, apiari o bestiame colpito da danni al di fuori dei recinti etc), sono apprezzabili differenze altamente significative nei danni prima e dopo il conferimento dei recinti (Wilcoxon matched pairs test: Z (25), = 4,29; p<0,0000) e si evidenzia un efficacia media del 97,35% (±6,77%). 21

22 L efficacia dei recinti è evidenziata nella Tab. 4 e nel Grafico Grafico 4: andamenti dei danni espressi globalmente e prima e dopo il conferimento dei recinti elettrificati. 2.4 Comparto allevamento Considerando il comparto dell allevamento, 74 aziende colpite da danni (per un totale di ,71) hanno ricevuto recinti elettrificati. Considerando l ammontare dei danni prima e dopo l affidamento dei recinti, si evidenzia un efficacia elevata, con una riduzione dei danni globale dell 84,60 % e un efficacia media annua del 65,35%. 22

23 Grafico 5: andamenti dei danni interessanti il comparto allevamento Tuttavia, considerando i danni reali, ossia togliendo dal computo quei danni causati da gestione non oculata dei recinti (es fettuccie montate male, recinti non montati, danni inerenti animali al pascolo all esterno dei recinti), si ottiene una differenza altamente significativa nei danni prima e dopo il conferimento dei recinti (Wilcoxon matched pairs test: Z (72), = 7,11; p<0,0000) e un efficacia del 98,03% ed una efficacia media annua (calcolata considerando il danno globale/numero di anni analizzati) del 95,56%. Considerando, come indicatore, il numero di allevatori per anno che hanno subito i danni prima e dopo la consegna dei recinti elettrificati (Grafico 6), è possibile evidenziare un ulteriore fattore di efficacia del mezzo di pevenzione, in quanto è evidente un progressivo decremento degli allevatori che hanno subito danni contestualemte alla consegna dei recinti. 23

24 Grafico 6: numero aziende colpite da danni nel periodo analizzato Il grafico rende evidente che dal 2009, anno di inizio dell utilizzo dei recinti, il numero di allevatori con danni decresce, con una caduta massima tra 2012 e 2013, in cui è stata intensificata l azione di consegna e monitoraggio dei recinti elettrificati in seno al progetto ARCTOS. Si evidenzia infatti nel 2009 un calo degli allevatori che hanno subito danni del 24,42%, e del 90,47% tra il 2012 ed il

25 2.5 Comparto apicoltori Un totale di 16 aziende colpite da danni (per un totale di risarciti) hanno ricevuto i recinti elettrificati. L analisi dei danni prima e dopo il conferimento dei recinti (Grafico 7) evidenzia una efficacia globale dell 84,79% ed un efficacia media annua del 78,91%. Grafico 7: andamento dei danni relativi al comparto apicoltori Tuttavia, considerando i danni reali, ossia togliendo dal computo quei danni causati da gestione non oculata dei recinti (es fettuccie montate male, recinti non montati) e i danni relativi ad arnie poste al di fuori dei recinti, si ottiene una differenza altamente significativa tra il prima ed il dopo la consegna dei recinti (Wilcoxon matched pairs test: Z (16), = 3,40; p<0,0006) e si evidenzia un efficacia globale del 100% ed una efficacia media annua (calcolata considerando il danno globale/numero di anni analizzati) del 100%. Considerando, anche in questo come indicatore, il numero di apicoltori per anno che hanno subito i danni prima e dopo la consegna dei recinti elettrificati, è possibile evidenziare (Grafico 8) anche in questo caso l efficacia del mezzo di pevenzione, in quanto è evidente un progressivo decremento degli apicoltori che hanno subito danni contestualemte alla consegna dei recinti. 25

26 Grafico 8: numero aziende colpite da danni nel periodo analizzato Il picco relativo al 2011 nel grafico sopraindicato, maggiore del 2010, è relativo ad apicoltori che negli anni passati non avevano subito danni (n=3) e che hanno avanzato richiesta del mezzo di prevenzione soltanto dopo aver subito il danno. In questo caso tra il 2012 èd il 2013, hanno di massimo sforzo di consegna del mezzo di prevenzione e di monitoraggio del progetto Arctos, si evidenzia una riduzione degli apicoltori con danni del 100%. Recinto elettrificato a protezione di arnie 26

27 2.6 Comparto agricolo Un totale di 31 aziende colpite da danni (per un totale di 10206,00) sono state dotate di recinti elettrificatori. Considerando i danni prima e dopo l affidamento dei recinti, l analisi evidenzia un efficacia globale dell 84,97% ed un efficacia media annua del 77,90%. Tuttavia, considerando i danni reali (Grafico 9), ossia togliendo dal computo quei danni causati da gestione non oculata dei recinti (es fettuccie montate male, recinti non montati o con insufficiente manutenzione) si ottiene una differenza altamente significativa nei danni prima e dopo il conferimento dei recinti (Wilcoxon matched pairs test: Z (37), = 5,11; T (37), = 3,00; p<0,0006) ed un efficacia globale del 97,87% ed una efficacia media annua (calcolata considerando il danno globale/numero di anni analizzati) del 97,22%. Grafico 9: andamento dei danni relativi al comparto agricolo Considerando, anche per il comparto agricolo il numero di operatori per anno che hanno subito i danni prima e dopo la consegna dei recinti elettrificati (Grafico 10), è possibile evidenziare anche in questo caso l efficacia del mezzo di pevenzione, in quanto è evidente un progressivo decremento degli agricoltori che hanno subito danni contestualemte alla consegna dei recinti. Tra il 2012 ed il 27

28 2013, massimo sforzo del progetto Arctos, è possibile evidenziare il totale abbattimento delle richieste di indennizzo. Grafico 10: numero aziende colpite da danni nel periodo analizzato Recinto elettrificato a protezione di un frutteto 28

15 01 01 Imballaggi in carta e cartone. La raccolta della carta in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DELLA CARTA IN PROVINCIA DELL'AQUILA

15 01 01 Imballaggi in carta e cartone. La raccolta della carta in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DELLA CARTA IN PROVINCIA DELL'AQUILA CARTA E CARTONE CODICI CER DESCRIZIONE 15 01 01 Imballaggi in carta e cartone 20 01 01 Carta e cartone La raccolta della carta in Provincia dell'aquila 160.000 148.984,12 134.369,82 120.000 80.000 40.000

Dettagli

Dipartimento Ambiente

Dipartimento Ambiente Dipartimento Ambiente Arenzano, 20 marzo2015 Così come altrove, il ritorno del lupo in Liguria ha suscitato opinioni e sentimenti contrastanti. Da un lato soddisfazione e dall altro preoccupazione degli

Dettagli

cognome nome nato a il / / residente a CAP indirizzo n. civico tel. fax. indirizzo di posta elettronica/posta elettronica certificata (PEC)

cognome nome nato a il / / residente a CAP indirizzo n. civico tel. fax. indirizzo di posta elettronica/posta elettronica certificata (PEC) Modulo in carta libera Alla PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Foreste e Fauna Ufficio Faunistico Via G.B. Trener, 3 38121 Trento PEC: serv.foreste@pec.provincia.tn.it DOMANDA DI INDENNIZZO DEI DANNI

Dettagli

Analisi del fenomeno predatorio nel pnalm. Report finale del Progetto: Randagismo Canino e Predazione nel Parco Nazionale d Abruzzo Lazio e Molise

Analisi del fenomeno predatorio nel pnalm. Report finale del Progetto: Randagismo Canino e Predazione nel Parco Nazionale d Abruzzo Lazio e Molise Predazione e randagismo Report Finale.doc- Pagina 1 di 22 Analisi del fenomeno predatorio nel pnalm. Report finale del Progetto: Randagismo Canino e Predazione nel Parco Nazionale d Abruzzo Lazio e Molise

Dettagli

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati 1/14 Premessa Il questionario di valutazione ex post è stato somministrato ai soggetti attuatori dei progetti partecipanti al Piano Sicurezza

Dettagli

GRANDI CARNIVORI IN LOMBARDIA

GRANDI CARNIVORI IN LOMBARDIA GRANDI CARNIVORI IN LOMBARDIA Meriggi A., Milanesi P., Crotti C., Mazzoleni L. Dipartimento di Biologia Animale Università degli Studi Pavia Classe: Mammiferi Ordine: Carnivori Famiglia Canidi Ursidi Felidi

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

Gli impianti eolici abruzzesi

Gli impianti eolici abruzzesi Capitolo 4 Gli impianti eolici abruzzesi Pagina 4.1 4. Gli impianti eolici abruzzesi. 4.1 Introduzione. Per la stesura di Linee Guida che consentano un corretto inserimento ambientale degli impianti di

Dettagli

Batterie ed Accumulatori

Batterie ed Accumulatori 107 Visualizza la tabella dei Comuni della Provincia dell Aquila 108 CODICI CER BATTERIE ED ACCUMULATORI DESCRIZIONE 20 01 33* batterie e di cui alle voci 16 06 01, 16 06 02 e 16 06 03 nonché batterie

Dettagli

ENTE REGIONALE RISERVA NATURALE LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE

ENTE REGIONALE RISERVA NATURALE LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE ENTE REGIONALE RISERVA NATURALE LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE OGGETTO: REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA E RINSELVATICHITA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE. Art. 1 All interno del

Dettagli

INDENNIZZO DANNI DA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRICOLE - Anno 2012

INDENNIZZO DANNI DA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRICOLE - Anno 2012 Parco nazionale/cta N. di pratiche svolte Specie in % a cui è stato attribuito il danno Superficie interessata (ha) Ammontare complessivo del danno P.N. DELLA VAL GRANDE 1 1% cinghiale,56 257,7 P.N. DELLO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 20-08-1996 REGIONE UMBRIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 20-08-1996 REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 20-08-1996 REGIONE UMBRIA Norme per l' attuazione del Fondo regionale per la prevenzione ed il risarcimento dei danni arrecati alla produzione agricola dalla fauna selvatica ed

Dettagli

Misure urgenti per la lotta al randagismo canino nel territorio del Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise - Protocollo operativo

Misure urgenti per la lotta al randagismo canino nel territorio del Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise - Protocollo operativo Misure urgenti per la lotta al randagismo canino nel territorio del Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise - Protocollo operativo Premessa La conservazione delle popolazioni di selvatici, alcuni dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE E FORESTALI ED AL PATRIMONIO ZOOTECNICO NEL TERRITORIO

REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE E FORESTALI ED AL PATRIMONIO ZOOTECNICO NEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE E FORESTALI ED AL PATRIMONIO ZOOTECNICO NEL TERRITORIO DEL PARCO INDICE Art. 1 Oggetto pag. 1 Art. 2 Ambito

Dettagli

REGOLAMENTO 1. Art. 5 - Danni ammessi ad indennizzo per le opere approntate sui terreni

REGOLAMENTO 1. Art. 5 - Danni ammessi ad indennizzo per le opere approntate sui terreni All. alla del. N 12/2012 TESTO COORDINATO REGOLAMENTO 1 Regolamento per le procedure relative all indennizzo dei danni da fauna selvatica alle colture agro-forestali ed al patrimonio zootecniche ricadenti

Dettagli

(Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive modificazioni)

(Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive modificazioni) AMBITO TERRITORIALE CACCIA ANCONA 2 REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI ARRECATI ALLA PRODUZIONE AGRICOLA DALLA FAUNA SELVATICA (Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive

Dettagli

PROGETTO AGENDA 21 LOCALE DEL PARCO NAZIONALE D ABRUZZO, LAZIO E MOLISE (P.A.P.A.)

PROGETTO AGENDA 21 LOCALE DEL PARCO NAZIONALE D ABRUZZO, LAZIO E MOLISE (P.A.P.A.) AGENDA 21 per il PARCO PARCO NAZIONALE D'ABRUZZO, LAZIO E MOLISE PROGETTO AGENDA 21 LOCALE DEL PARCO NAZIONALE D ABRUZZO, LAZIO E MOLISE (P.A.P.A.) RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE 2003 Agenda 21 Locale

Dettagli

D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI

D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI E PROGRAMMA DI AZIONE P E R L A R E A L I Z Z A Z I O N E D I A T T I V I T À F I N A L I Z Z A T E A L L A C O N S E R V A Z I O N E D I O R S O L U P O L I N C E (Ursus

Dettagli

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Dipartimento di Scienze Veterinarie TESI DI LAUREA IN AGR/19 ZOOTECNIA

Dettagli

Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI. una prima riflessione

Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI. una prima riflessione Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI una prima riflessione Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Un work in progress Gli indicatori

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento. Provincia Autonoma di Bolzano ISTITUTO NAZIONALE PER LA FAUNA SELVATICA

Provincia Autonoma di Trento. Provincia Autonoma di Bolzano ISTITUTO NAZIONALE PER LA FAUNA SELVATICA Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Bolzano ISTITUTO NAZIONALE PER LA FAUNA SELVATICA II PIANO D AZIONE INTERREGIONALE PER LA CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO SULLE ALPI CENTROORIENTALI (PACOBACE

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Il PSR Marche e le aree Natura 2000 Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Workshop provinciale - 16 aprile 2013 Sede Provincia di Macerata - Sala Convegni Località Piediripa

Dettagli

programma di gestione sanitaria del bestiame domestico.

programma di gestione sanitaria del bestiame domestico. LIFE 09 NAT / IT / 000160 - ARCTOS Conservazione dell orso bruno: azioni coordinate per l areale alpino e appenninico Azione C2 :Implementazione del programma di gestione sanitaria i del bestiame domestico.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PREVENZIONE E L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA

REGOLAMENTO PER LA PREVENZIONE E L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA REGOLAMENTO PER LA PREVENZIONE E L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA Articolo 1 Principi a) Nel territorio della Riserva Naturale Pian di Spagna e Lago di Mezzola l indennizzo per i danni

Dettagli

Processo di elaborazione

Processo di elaborazione Processo di elaborazione Questionario Esterno QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE DELL UTENTE/VISITATORE Gruppo operativo 2.1.2. Performance 1. Nunzia Pandolfi 2. Simona Saltarelli 3. Annalina Notarantonio 4.

Dettagli

LEGGE 266/97 ART.14-INTERVENTI PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE IN AREE DI DEGRADO URBANO

LEGGE 266/97 ART.14-INTERVENTI PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE IN AREE DI DEGRADO URBANO Rete delle Città IPI Istituto per la Promozione Industriale LEGGE 266/97 ART.14-INTERVENTI PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE IN AREE DI DEGRADO URBANO 1 REPORT DI MONITORAGGIO ED ANALISI DEL PROCESSO DI

Dettagli

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI PROVINCIA DI PRATO Campi Bisenzio - FIRENZE 16 Dicembre 2013 Pagina 1 di 25 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. INTRODUZIONE...

Dettagli

Dossier Lupi. 1. Sito Internet : http://www.pandatribe.it/client/render.aspx?root=1541& Adotta un lupo. Forum Stampa Invia ad un amico

Dossier Lupi. 1. Sito Internet : http://www.pandatribe.it/client/render.aspx?root=1541& Adotta un lupo. Forum Stampa Invia ad un amico Dossier Lupi 1. Sito Internet : http://www.pandatribe.it/client/render.aspx?root=1541& Adotta un lupo Forum Stampa Invia ad un amico Adotta Francesco Francesco è un lupo e poco tempo fa è stato trovato

Dettagli

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web A.T.C. FO-5 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE MODALITA DI FUNZIONAMENTO DEI FONDI DESTINATI AI CONTRIBUTI PER L INDENNIZZO DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA E ALL ACQUISTO DEI MEZZI DI PREVENZIONE DA DARE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UK24U

STUDIO DI SETTORE UK24U A L L E G AT O 6 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UK24U C O N S U L E N Z A A G R A R I A F O R N I T A D A A G R O T E C N I C I E P E R I T I A G R A R I CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO

Dettagli

Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci

Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci Presidente: Giovanni Ialongo Direttore: Giuseppe Marzano Responsabile del Servizio Naturalistico, studi e ricerche e tutela della biodiversità: Lucio De Filippis

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

Allegato B CRITERI PER IL RISARCIMENTO DEI DANNI DA PREDAZIONE AL BESTIAME DOMESTICO AD OPERA DI CANIDI PER L ANNO 2010

Allegato B CRITERI PER IL RISARCIMENTO DEI DANNI DA PREDAZIONE AL BESTIAME DOMESTICO AD OPERA DI CANIDI PER L ANNO 2010 AllegatoB CRITERIPERILRISARCIMENTODEIDANNIDAPREDAZIONEALBESTIAME DOMESTICOADOPERADICANIDIPERL ANNO2010 1) La monticazione degli animali in alpeggio rappresenta una risorsa fondamentale per l economiamontanaeperilmantenimentodelletradizionistoricoculturali,erappresenta

Dettagli

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI XXXIII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI Marina BERTOLLINI 1, Antonietta ZULLO 2, SOMMARIO Il largo impiego delle informazioni geografiche

Dettagli

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE D INTERVENTO PER LA CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO MARSICANO Riduzione degli impatti legati alle attività antropiche (rif. azioni A1, A3, A4 e A5 del PATOM)

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

Misura 3.1. Tutela delle risorse ambientali - Azione 3.1.2 Gestione dei rifiuti - Intervento, 1a) GRADUATORIA. Titolo progetto

Misura 3.1. Tutela delle risorse ambientali - Azione 3.1.2 Gestione dei rifiuti - Intervento, 1a) GRADUATORIA. Titolo progetto REGIONE ABRUZZO Misura 3.1. Tutela delle risorse ambientali - Azione 3.1.2 Gestione dei rifiuti - Intervento, 1a) GRADUATORIA ALL.3 N progr. N ente Prov richiesto assegnato 1 53 Comune di San Demetrio

Dettagli

La Toscana al 6 Censimento Generale

La Toscana al 6 Censimento Generale na regione Toscana ilità diritti Valori innovazione sostenibilità La Toscana al 6 Censimento Generale dell Agricoltura Risultati Provvisori La Toscana al 6 Censimento Generale dell Agricoltura Risultati

Dettagli

Disciplinare Ecologico per ESERCIZIO CONSIGLIATO DEL PARCO

Disciplinare Ecologico per ESERCIZIO CONSIGLIATO DEL PARCO Disciplinare Ecologico per ESERCIZIO CONSIGLIATO DEL PARCO Copia assegnata a: NOTA: Il presente disciplinare è di proprietà dell Ente Parco Regionale della Maremma ed è assegnato agli aderenti al progetto

Dettagli

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura e l uso l delle terre della Regione Piemonte Relatore: : Stefania Crotta - Regione Piemonte Sommario obiettivi progetto prototipo

Dettagli

RASSEGNA STAMPA PARCO NAZIONALE D ABRUZZO, LAZIO E MOLISE SABATO 3 DOMENICA 4 - LUNEDÌ 5 MARTEDÌ 6 - DICEMBRE - 2011

RASSEGNA STAMPA PARCO NAZIONALE D ABRUZZO, LAZIO E MOLISE SABATO 3 DOMENICA 4 - LUNEDÌ 5 MARTEDÌ 6 - DICEMBRE - 2011 RASSEGNA STAMPA PARCO NAZIONALE D ABRUZZO, LAZIO E MOLISE SABATO 3 DOMENICA 4 - LUNEDÌ 5 MARTEDÌ 6 - DICEMBRE - 2011 FONTE. ABRUZZOTVNEWS 350mila euro dal Parco d Abruzzo per indennizzi alle aziende zootecniche

Dettagli

IL LUPO NELLE MARCHE ieri, oggi... e domani? Ancona, 21 gennaio 2013

IL LUPO NELLE MARCHE ieri, oggi... e domani? Ancona, 21 gennaio 2013 Progetti pilota per la prevenzione dei danni agli allevatori Dr. Ugo Testa testa_ugo@assam.marche.it Tel. 071.808258 Ancona, 21 gennaio 2013 La DGR 434 del 4 aprile 2011, ai sensi dei commi 1 e 5 dell

Dettagli

Premessa. Titolo I. Modalità per l accertamento, la stima e l indennizzo dei danni da fauna selvatica. Art. 1 Ambito di applicazione

Premessa. Titolo I. Modalità per l accertamento, la stima e l indennizzo dei danni da fauna selvatica. Art. 1 Ambito di applicazione Regolamento per l'indennizzo e la prevenzionedei danni causati alle produzioni agricole e al patrimonio zootecnico dalla fauna selvatica nel territorio del Parco. Regolamento per l indennizzo e la prevenzione

Dettagli

III. La percezione dei cittadini europei e italiani sull ambiente

III. La percezione dei cittadini europei e italiani sull ambiente in generale, sui cambiamenti climatici, sulla gestione dei rifiuti e sull efficienza delle risorse Premessa L informazione e la comunicazione ambientale, oggi, rappresentano per decisori politici, operatori

Dettagli

ORDINANZA CONTINGIBILE ED URGENTE RIGUARDANTE LO SMALTIMENTO DELLE CARCASSE DI ANIMALI MORTI NELLE AZIENDE ZOOTECNICHE. IL SINDACO

ORDINANZA CONTINGIBILE ED URGENTE RIGUARDANTE LO SMALTIMENTO DELLE CARCASSE DI ANIMALI MORTI NELLE AZIENDE ZOOTECNICHE. IL SINDACO COMUNE DI BALLAO Piazza E. Lussu n.3 ~ 09040 Ballao (Cagliari) ~ Tel.070/957319 ~ Fax 070/957187 C.F. n.80001950924 ~ P.IVA n.00540180924 ~ c/c p. n.16649097 Ordinanza n.18 del 27/08/2013 OGGETTO: ORDINANZA

Dettagli

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI ***

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** 1. Soggetti Promotori Dipartimento di Scienze Ambientali e Facoltà di Scienze e Tecnologie dell Università di Camerino (UNICAM-DSA e UNICAM-FST)

Dettagli

Grandi Carnivori e Zootecnia tra conflitto e coesistenza

Grandi Carnivori e Zootecnia tra conflitto e coesistenza BIOLOGIA E CONSERVAZIONE DELLA FAUNA Volume 115 Anno 2005 A CURA DI PAOLO CIUCCI, CORRADO TEOFILI, LUIGI BOITANI Grandi Carnivori e Zootecnia tra conflitto e coesistenza ATTI DEL CONVEGNO PESCASSEROLI,

Dettagli

Incidenza della profilassi e controllo della varroasi sul costo di produzione del miele

Incidenza della profilassi e controllo della varroasi sul costo di produzione del miele Incidenza della profilassi e controllo della varroasi sul costo di produzione del miele Belletti PierAntonio, Università degli Studi di Udine Franco Rosa, Università Studi di Udine Andrea Chicco, Tecnico

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UK25U

STUDIO DI SETTORE UK25U A L L E G AT O 7 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UK25U C O N S U L E N Z A A G R A R I A F O R N I T A D A A G R O N O M I CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'obiettivo dell'applicazione

Dettagli

Appalti pubblici: qualificazione SOA della subentrante in gara.

Appalti pubblici: qualificazione SOA della subentrante in gara. NEWS N.60/ 3 giugno 2015 Appalti pubblici: qualificazione SOA della subentrante in gara. E possibile sottoscrivere un contratto di appalto anche quando sia cambiata l ausiliaria dell aggiudicataria a seguito

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

OPERATIVITA SISTEMA SISTRI

OPERATIVITA SISTEMA SISTRI Camera dei Deputati OPERATIVITA SISTEMA SISTRI Audizione VIII Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici Roma, 29 settembre 2011 1 Le organizzazioni di Rete impresa Italia già nel 2009 in occasione

Dettagli

TITOLO I FINALITA E ASPETTI GENERALI. Art. 1 - Obiettivi

TITOLO I FINALITA E ASPETTI GENERALI. Art. 1 - Obiettivi TITOLO I FINALITA E ASPETTI GENERALI Art. 1 - Obiettivi 1. Il presente Regolamento è finalizzato a definire nel Territorio della Riserva Naturale Statale Gola del Furlo (denominata in seguito Riserva)

Dettagli

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI Riferimenti normativi e tecnici. Gli INDIRIZZI REGIONALI PER LA PIANIFICAZIONE FAUNISTICO VENATORIA PROVINCIALE (allegato 6 INDIRIZZI PER LA GESTIONE

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C. PROVINCIA DI FOGGIA

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C. PROVINCIA DI FOGGIA AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C. PROVINCIA DI FOGGIA (Approvato con deliberazione del Comitato di Gestione n. 66/12 del 22 giugno 2012 e successive modiche ed integrazioni effettuate in data 30/01/2014

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

Geoportale Provincia di Brescia Report degli accessi e delle attività

Geoportale Provincia di Brescia Report degli accessi e delle attività Geoportale Provincia di Brescia Report degli accessi e delle attività L esame delle attività registrate nel mese di settembre scorso mette in evidenza l utilizzo del Geoportale mediamente da parte di circa

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Le risorse forestali nazionali e i servizi eco-sistemici Il ruolo delle istituzioni ROMA - 6 dicembre 2011 Il ruolo delle foreste nella Strategia

Dettagli

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta dal 6 marzo l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

SERVIZI ECOSISTEMICI E TERRITORI AGROFORESTALI

SERVIZI ECOSISTEMICI E TERRITORI AGROFORESTALI SERVIZI ECOSISTEMICI E TERRITORI AGROFORESTALI Pierluca GAGLIOPPA 1 Rossella GUADAGNO 2 SUNTO I territori agricoli e forestali hanno un indiscutibile valore per quanto producono in termini di biomasse

Dettagli

GAL GRUPPO DI AZIONE LOCALE VERSANTE LAZIALE DEL PARCO NAZIONALE D ABRUZZO. P.zza G. Marconi, 3-03041 Alvito (FR) C.F. 91008470600

GAL GRUPPO DI AZIONE LOCALE VERSANTE LAZIALE DEL PARCO NAZIONALE D ABRUZZO. P.zza G. Marconi, 3-03041 Alvito (FR) C.F. 91008470600 Progetto WBGAL Copertura territoriale per Internet e Servizi innovativi in Banda Larga senza fili per il territorio dei 25 Comuni soci Gennaio 2007 1 1. CONTESTO E AREA DEL PROGETTO Il GAL Gruppo di Azione

Dettagli

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI DEGLI INTERVENTI FORMATIVI ATTUATI DALL AGENZIA DEL LAVORO 1

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI DEGLI INTERVENTI FORMATIVI ATTUATI DALL AGENZIA DEL LAVORO 1 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI DEGLI INTERVENTI FORMATIVI ATTUATI DALL AGENZIA DEL LAVORO 1 Premessa L Agenzia del Lavoro della Provincia autonoma di Trento (PaT), presso cui si incardina

Dettagli

92 14.12.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DELIBERAZIONE 5 dicembre 2011, n. 1075

92 14.12.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DELIBERAZIONE 5 dicembre 2011, n. 1075 92 14.12.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DELIBERAZIONE 5 dicembre 2011, n. 1075 Strategia nazionale per la biodiversità. Approvazione e sottoscrizione del protocollo di intesa

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE Progetto Ideazione e realizzazione di un modello di gestione integrata delle acque dei bacini Lago di Varese, Lago di Comabbio e Palude Brabbia QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE La

Dettagli

Regolamento di Mediazione

Regolamento di Mediazione Regolamento di Mediazione www.amar-conciliazione.it Iscritta al n. 98 del registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione istituito presso il Ministero della Giustizia Indice art.

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI SI.VA.DI.S. IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI Criteri generali CRITERI GENERALI PER LA COSTRUZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI (SI.VA.DI.S.) 1. Sistema

Dettagli

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 REGIONE VENETO Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 TITOLO DEL PROGETTO Elaborazione di un protocollo condiviso di gestione dei pazienti esterni con dolore toracico in regime di consulenza cardiologica

Dettagli

Società agraria di Lombardia. Contributo al tema dell Expo. Contributo n 116

Società agraria di Lombardia. Contributo al tema dell Expo. Contributo n 116 Società agraria di Lombardia Contributo al tema dell Expo Contributo n 116 COMUNICATO Contributo al tema dell EXPO Il Consiglio Direttivo della Società Agraria di Lombardia, congiuntamente ad un gruppo

Dettagli

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 (Fondo FESR) MISURE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE DEL POR (ai sensi degli

Dettagli

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione Il contesto di riferimento Le Fondazioni di origine bancaria possono svolgere oggi un ruolo fondamentale per la costruzione del nuovo welfare di comunità, un modello

Dettagli

Settore Agricoltura Beni culturali e ambientali Turismo. X Gestione del territorio

Settore Agricoltura Beni culturali e ambientali Turismo. X Gestione del territorio REGIONANDO 2001 REGIONE LIGURIA Settore Assetto del territorio e Controllo Tecnico ATTIVITÀ REGIONALI PER LA QUALIFICAZIONE E SOSTEGNO DEGLI ENTI LOCALI LIGURI NELLA DIFESA DEL SUOLO E NELLA TUTELA DELLA

Dettagli

La normativa per la lavorazione delle carni di selvaggina della Regione Toscana

La normativa per la lavorazione delle carni di selvaggina della Regione Toscana La carne degli ungulati selvatici: elementi per le buone metodologie di conservazione e lavorazione La normativa per la lavorazione delle carni di selvaggina della Regione Toscana A cura di: Sandro Nicoloso

Dettagli

Venerdì 25 GIUGNO 2010

Venerdì 25 GIUGNO 2010 di Antonello Cedrone Consulente in Risorse Energetiche e Ambientali Venerdì 25 GIUGNO 2010 Conferenze dedicate alla biodivertità al fine di individuare misure di tutela e conservazione INDICE Il presente

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. per la gestione della ANAGRAFE APISTICA NAZIONALE

MANUALE OPERATIVO. per la gestione della ANAGRAFE APISTICA NAZIONALE MANUALE OPERATIVO per la gestione della ANAGRAFE APISTICA NAZIONALE (procedure di attuazione del DM 04.12.2009 - Disposizioni per l anagrafe apistica nazionale) Pagina 1 di 16 SOMMARIO 1 Obiettivi... 3

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

Le norme ISO 9000 e l agroalimentare

Le norme ISO 9000 e l agroalimentare Le norme ISO 9000 e l agroalimentare a cura del CENTRO ITALIANO SERVIZI DALLA TERRA ALLA TAVOLA, Parma Come deve agire un azienda per soddisfare i propri clienti? Sicuramente deve evitare di disattendere

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELL'ENTE PARCO NAZIONALE DEL VESUVIO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE D.LGS.

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELL'ENTE PARCO NAZIONALE DEL VESUVIO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE D.LGS. PREMESSA Il presente documento è redatto dall Organismo Indipendente di Valutazione dell'ente Parco Nazionale del Vesuvio ai sensi dell articolo 7, comma 2, e dell articolo 30, comma 3, del decreto legislativo

Dettagli

LE RECINZIONI. elettrificate. Per la protezione di bestiame, apiari e colture. Componenti Installazione Manutenzione.

LE RECINZIONI. elettrificate. Per la protezione di bestiame, apiari e colture. Componenti Installazione Manutenzione. LE RECINZIONI elettrificate Per la protezione di bestiame, apiari e colture Componenti Installazione Manutenzione 38 Vademecum tecnico Principio di funzionamento Una recinzione elettrificata non è altro

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE III.3.1. Progetti di reinserimento sociale III.3.1.1 Strategie e programmazione di interventi di reinserimento sociale III.3.2. Misure alternative

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale del tavolo Energia e agricoltura Istituto G. Fauser Novara, 19 aprile

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Giugno 2007 Indice Indagine sul consenso sociale dell energia eolica in Italia

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento - Servizio Statistica

Provincia Autonoma di Trento - Servizio Statistica Provincia Autonoma di Trento - Servizio Statistica Il Servizio Statistica della Provincia Autonoma di Trento autorizza la riproduzione parziale o totale del presente volume con la citazione della fonte.

Dettagli

CRITERI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTENIMENTO DEI DANNI DA CINGHIALE (art. 18 comma 2 L. R. 26/2012 e s.m.i.)

CRITERI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTENIMENTO DEI DANNI DA CINGHIALE (art. 18 comma 2 L. R. 26/2012 e s.m.i.) CRITERI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTENIMENTO DEI DANNI DA CINGHIALE (art. 18 comma 2 L. R. 26/2012 e s.m.i.) Negli ultimi anni la presenza di cinghiali nel territorio regionale è notevolmente aumentata.

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000

Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000 Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida Attività Area Natura 2000 e Osservatorio

Dettagli

Una Carta storica per le Valanghe

Una Carta storica per le Valanghe Una Carta storica per le Valanghe Il rischio valanghe è un fenomeno che interessa tutti i Paesi in cui esista una combinazione di rilievi montuosi e precipitazioni nevose. Si calcola, infatti, che annualmente,

Dettagli

E N T E P AR C O REGION AL E G AL L I P OLI COGNATO - PICCOLE DOLOMITI LUCANE CONDIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO

E N T E P AR C O REGION AL E G AL L I P OLI COGNATO - PICCOLE DOLOMITI LUCANE CONDIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO E N T E P AR C O REGION AL E G AL L I P OLI COGNATO - PICCOLE DOLOMITI LUCANE CONDIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO Allegato alla D.C.D. 47 del 19/5/2010 CONDIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO

Dettagli

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Nucleo di Valutazione Comune di Siena DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Proposta del Nucleo di Valutazione 1 INDICE 1. I SOGGETTI DELLA VALUTAZIONE...3 2. LA

Dettagli

5.2. L ESPERIENZA DELL OSSERVATORIO REGIONALE SUI LAVORI PUBBLICI

5.2. L ESPERIENZA DELL OSSERVATORIO REGIONALE SUI LAVORI PUBBLICI 71 5. ITER PROCEDURALE, TEMPI E COSTI DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI: CONFRONTO TRA LE RISULTANZE DELL OSSERVATORIO REGIONALE DEI LAVORI PUBBLICI E DEL MONITORAGGIO DEGLI APQ 5.1 INTRODUZIONE Nei capitoli

Dettagli