VEI CAPITAL. Relazione e Bilancio dell eserci

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VEI CAPITAL. Relazione e Bilancio dell eserci"

Transcript

1 VEI CAPITAL 2014 Relazione e Bilancio dell eserci

2

3 Relazione e Bilancio dell esercizio 2014 VENICE EUROPEAN INVESTMENT CAPITAL S.p.A. Strada Statale Padana verso Verona Vicenza Capitale sociale Euro i.v. Codice fiscale n REA /Vicenza 3

4 4

5 SOMMARIO Struttura del Gruppo pag. 7 Cariche Sociali pag. 11 Relazione e Bilancio Civilistico dell esercizio 2014 Relazione sulla gestione pag. 17 Prospetti di bilancio e Nota Integrativa - Stato Patrimoniale pag Conto Economico pag Nota Integrativa pag. 43 Relazione del Collegio Sindacale pag. 69 Relazione della Società di Revisione pag. 73 5

6 6

7 Struttura del Gruppo 7

8 8

9 VENICE EUROPEAN INVESTMENT CAPITAL SPA 99,999% GLOBAL WIN SRL 50,00% Global Games Spa 67,19% Snai Spa 0,0003% Global Entertainment Sa 48,31% NAUS SPA 16,039% Fila Spa 38,24% EW HOLDING SRL 100,00% ELEVENTY WORLD SRL 50,00% GAMP SRL 100,00% GRF RETAIL SRL 100,00% VEI GREEN SRL 100,00% SETTEVENTI SRL 100,00% SUN & SOIL 2 SRL 100,00% HELIOS POWER 1 SRL 99,00% BALSORANO ENERGIA SRL 100,00% PUGLIA 1 SRL 100,00% ENS SOLAR FIVE SRL 100,00% PUGLIASOLAR HOLDING SRL 100,00% PUGLIASOLAR SRL 100,00% ELETTRA SRL 52,00% FORVEI SRL 100,00% RIBAFORADA 2 SRL 100,00% RIBAFORADA 8 SRL 100,00% RIBAFORADA 9 SRL 100,00% RIBAFORADA 1 SRL 100,00% GENAPIE 3 SRL 100,00% SR05 SRL 100,00% LONGIANO SOLAR SRL 100,00% CALABRIA SOLAR SRL 9 100,00% FORVEI SOLAR 9 SRL

10 10

11 Cariche sociali 11

12 12

13 CARICHE SOCIALI Consiglio di Amministrazione Roberto Ruozi Roberto Meneguzzo Giorgio Drago Sergio Ravagli Maurizio Casubolo Enrico Orsenigo Marco Cerrina-Feroni Antonio Spillere Bruno Sollazzo Presidente Consigliere Consigliere e Amministratore Delegato Consigliere e Amministratore Delegato Consigliere e Amministratore Delegato Consigliere e Amministratore Delegato Consigliere Consigliere Consigliere Collegio Sindacale Aldo Laghi Renato Furlani Roberto Lonzar Oliver Boccia Silvio Genito Presidente Sindaco Effettivo Sindaco Effettivo Sindaco Supplente Sindaco Supplente Società di Revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A. 13

14 14

15 Relazione e Bilancio Civilistico dell esercizio

16 16

17 Relazione sulla gestione 17

18 18

19 Relazione sulla Gestione Il bilancio al 31 dicembre 2014 della Società presenta una perdita di Euro La perdita d esercizio è pressoché ascrivibile alla svalutazione della partecipazione in Vei Green per Euro 8,45 milioni e ai costi operativi per Euro 7,37 milioni. Scomponendo i dati si osserva principalmente quanto segue: i) costi della produzione per Euro 7,37 milioni, rappresentati dai costi di struttura; ii) svalutazione della partecipazione in Vei Green per Euro 8,45 milioni al fine di riflettere il rischio di perdita durevole di valore, determinato dal cosiddetto decreto spalma incentivi ; iii) proventi finanziari derivanti principalmente dagli interessi attivi sui finanziamenti alle partecipate per Euro 0,48 milioni e dai dividendi distribuiti dalle partecipate per Euro 0,29 milioni; iv) proventi da consolidato fiscale per Euro 1,01 milioni. Al 31 dicembre i mezzi propri, compreso il risultato dell esercizio, ammontano a Euro 240,77 milioni. In particolare, nel 2014 si rilevano i seguenti fatti gestione: i) aumento del capitale sociale e degli strumenti finanziari rispettivamente di Euro 0,75 milioni e di Euro 0,30 milioni, con la conseguente costituzione di riserve sovrapprezzo di emissione per complessivi Euro 19,72 milioni; ii) completamento del processo di dismissione di Savina Holding; iii) acquisizione del 48,31% delle quote di Naus, con un investimento totale di Euro 12,81 milioni; iv) acquisizione del 38,24% di EW Holding, con un investimento pari a Euro 6,52 milioni. Società partecipate Con riguardo all attività svolta da Vei Capital, di seguito vengono commentati gli andamenti delle partecipazioni più significative. 19

20 SNAI (33,6%) Quotato alla Borsa di Milano, SNAI è il terzo operatore nel mercato italiano dei giochi pubblici e il leader nel settore delle scommesse ippiche e sportive attraverso un network di circa 600 agenzie e corner diffusi su tutto il territorio nazionale. SNAI vanta inoltre un importante posizionamento in altri settori del mercato dei giochi pubblici essendo fra i principali operatori nella gestione degli apparecchi da intrattenimento e negli online skill games. La Società è anche proprietaria di tre ippodromi, due a Milano e uno a Montecatini. Acquisto della Partecipazione di Maggioranza In data 29 marzo 2011 Global Games, società partecipata pariteticamente da Global Win (controllata da VEI Capital) e da Global Entertainment (controllata da Investindustrial IV L.P.), ha acquistato da SNAI Servizi complessivamente n azioni ordinarie SNAI, rappresentative di una partecipazione pari al 50,68% del capitale sociale ( Partecipazione di Maggioranza ), al prezzo di Euro 2,3646 per azione (il Prezzo Base ) e quindi complessivamente Euro 140 milioni, oltre a un eventuale integrazione di prezzo che, ove dovuta, sarà pari ad una percentuale del 9,75% dei proventi relativi a ciascuna azione costituente la Partecipazione di Maggioranza al netto delle imposte, nonché, nell ipotesi di vendita, di tutti i costi diretti del disinvestimento e del pro-quota delle somme che potrebbero venire vincolate a favore dell acquirente, a fronte degli eventuali obblighi di indennizzo connessi alla vendita ( Integrazione di Prezzo ). Il 19 giugno 2012 Global Games e SNAI Servizi hanno sottoscritto un accordo transattivo al fine di porre termine alle controversie derivanti dalle richieste di indennizzo avanzate da Global Games nei confronti di SNAI Servizi ai sensi del contratto di acquisto della Partecipazione di Maggioranza. In particolare, tale accordo prevede la rinuncia da parte di Global Games (i) alle richieste di indennizzo già avanzate nei confronti di Snai Servizi, nonché (ii) ad avvalersi dei diritti di indennizzo previsti, a fronte (a) del riconoscimento da parte di Snai Servizi del pagamento di un importo a titolo di riduzione del prezzo di compravendita delle azioni SNAI e (b) della rinuncia da parte di SNAI Servizi al pagamento di una parte dell Integrazione del Prezzo, ove dovessero verificarsi i presupposti previsti per detto pagamento. Esito dell OPA In data 16 giugno 2011 si è concluso il periodo di adesione all offerta pubblica di acquisto obbligatoria ( OPA ) promossa da Global Games: sono risultate apportate all offerta n azioni, pari al 16,508% del capitale sociale sottoscritto e versato di SNAI e pari al 33,471% delle azioni oggetto dell OPA, per un controvalore complessivo di Euro 46,85 milioni. Gli azionisti potevano scegliere tra un prezzo come quello della Partecipazione di Maggioranza e quindi di Euro 2,3646 per azione oltre all Integrazione Prezzo qualora dovuta, 20

21 oppure un pagamento All Cash di Euro 2,45 per azione. Il Prezzo Base e il Corrispettivo All Cash sono stati pagati agli aderenti, a seconda della scelta fatta da ciascuno di essi, in data 23 giugno Sommando le azioni portate in adesione all OPA a quelle già possedute, Global Games detiene n azioni, pari al 67,188% del capitale sociale sottoscritto e versato di SNAI. Accordi parasociali Gli accordi di coinvestimento raggiunti dai soci di Global Games contemplano un patto parasociale che è stato sottoscritto contestualmente all acquisto della Partecipazione di Maggioranza che prevede, tra l altro: - vincoli di inalienabilità delle partecipazioni da essi detenute, direttamente o indirettamente, in Global Games; - il divieto di acquisto di azioni SNAI da parte degli Investitori se non per il tramite di Global Games; - la disciplina della nomina del consiglio di amministrazione e del collegio sindacale di SNAI; - diritti ed obblighi di vendita congiunta delle partecipazioni detenute dagli Investitori in Global Games o da quest ultima in SNAI in un arco temporale di medio periodo e, più in particolare, una procedura di vendita congiunta a decorrere dal terzo anno dall investimento. Tali accordi, della durata di 3 anni, si sono automaticamente rinnovati. Contratto di finanziamento In data 8 marzo 2011 SNAI S.p.A. aveva sottoscritto un contratto relativo ad un operazione di finanziamento avente ad oggetto la messa a disposizione a favore della società da parte di Unicredit, Banca Imi e Deutsche Bank in qualità di mandated lead arrangers, di un finanziamento a medio-lungo termine, articolato in diverse tranche, per un ammontare iniziale massimo complessivo pari a Euro 490 milioni; la maggior parte dell importo era stato utilizzato per rifinanziare il debito esistente. Nel mese di novembre 2012 era stata estinta la linea di credito acquisition facility pari a Euro 60 milioni in quanto non utilizzata entro i termini stabiliti. In data 4 dicembre 2013, SNAI ha emesso un prestito Obbligazionario per complessivi Euro 480 milioni con le seguenti caratteristiche: (i) Euro 320 milioni remunerati al 7,625% e denominati come Senior Secured Notes aventi scadenza il 15 giugno 2018; (ii) Euro 160 milioni remunerati al 12% e denominati Senior Subordinated Notes aventi scadenza il 15 dicembre

22 I proventi delle Obbligazioni sono stati utilizzati dalla Società per (i) rifinanziare una parte dell indebitamento bancario esistente mediante rimborso del finanziamento a medio-lungo termine concesso alla Società da un pool di banche nel 2011 e di alcuni relativi strumenti derivati di copertura, (ii) rimborsare le Obbligazioni di Serie A emesse dalla Società in data 8 novembre In data 27 novembre 2013 SNAI ha sottoscritto, in qualità di prenditrice, un contratto di finanziamento revolving per Euro 30 milioni. Tale finanziamento senior revolving non è utilizzato dalla Società alla data del 31 dicembre Risultati 2014 L esercizio 2014 ha visto la concretizzazione di una serie di attività: (i) il payout delle scommesse sportive è risultato pari a 79,1%, migliore della media degli altri operatori; (ii) sono state portate a regime le scommesse sugli eventi virtuali con ottimi risultati in termini di raccolta e margini, (iii) è stata significativamente ampliata l offerta on line e live ed è iniziata la raccolta di scommesse sul palinsesto complementare, (iv) è stato completato il previsto piano di ricollocazione di circa apparecchi VLT in locali più performanti, cui è seguita una successiva e addizionale fase per ulteriori 450 apparecchi, (v) sono continuate le azioni di ottimizzazione dei costi. I ricavi del Gruppo mostrano un incremento di circa il 10,2%, passando da Euro 478,8 milioni del 2013 a Euro 527,5 milioni del 2014, da attribuirsi principalmente all effetto combinato dei significativi ricavi derivanti dalle scommesse su eventi virtuali e dell aumento di quelli derivanti dalle VLTs, a cui si contrappone una diminuzione del movimento lordo delle scommesse ippiche e sportive. I ricavi delle VLTs incrementano grazie al maggior numero medio di macchine installate. Alla fine di dicembre 2014 erano presenti sul territorio macchine certificate. I rimanenti diritti risultavano in fase di riallocazione in locali più performanti come già previsto dalla seconda fase del piano di efficientamento. I ricavi delle scommesse sportive sono diminuiti rispetto all esercizio precedente sia per effetto di un payout più elevato (si è attestato al 79,1% contro il 78,9% nel 2013) che di una minore raccolta, nonostante il mondiale di calcio. Il volume globale di raccolta del marchio SNAI nei giochi a base sport al 31 dicembre 2014 si è attestato infatti a Euro 990 milioni rispetto a Euro milioni dell anno precedente (-9,9%). Di questi, Euro 139 milioni (14% del totale) derivano dal canale on-line. La diminuzione è correlata principalmente al significativo aumento, a livello globale di mercato, del numero di punti vendita operativi sul territorio a seguito dell aggiudicazione delle nuove concessioni attribuite nel 2013, nonché alla sempre più diffusa ed aggressiva presenza dei CTD. 22

23 L EBITDA di Gruppo alla fine dell esercizio ha registrato un +14,4% rispetto all esercizio precedente, passando da Euro 92,6 milioni del 2013 a Euro 105,9 milioni del I costi non ricorrenti ammontano a Euro 12,2 milioni nel 2014 contro Euro 77,5 milioni dell anno precedente. Fatti di rilievo La legge di Stabilità approvata dal Parlamento alla fine del mese di dicembre 2014, prevede, fra le altre, una misura che pone a carico della filiera distributiva degli apparecchi da intrattenimento (sia AWP che VLT) la somma complessiva di Euro 500 milioni. Tale somma è ripartita in ragione del numero di macchine riferibili a ciascun concessionario così come quantificate da un decreto emesso da ADM in data 15 gennaio Sulla base di tale decreto la somma relativa alla filiera distributiva per le macchine riferibili a SNAI è pari a Euro 37,8 milioni. SNAI ha proposto ricorso dinanzi al TAR del Lazio per denunciare i concorrenti profili d illegittimità costituzionale ed europea delle disposizioni di cui all art. 1, comma 649, L. n. 190/2014, nella parte in cui introducono un prelievo forzoso di Euro 500 milioni dal margine di corrispettivo dell intera filiera della raccolta di gioco mediante ADI, attribuendone l onere di versamento in capo ai soggetti Concessionari. F.I.L.A. (16,04%) VEI Capital ha acquisito una quota di minoranza del 16,04% (17,74% fully diluted) di F.I.L.A. nel novembre 2013 investendo complessivamente Euro 29 milioni. F.I.L.A. è un'azienda di origini fiorentine, capogruppo di diverse società che producono, a marchio proprio, articoli per il disegno, le arti visive, la modellazione e la creatività. Il gruppo possiede attualmente un portafoglio di marchi icona (e.g. Giotto, Ticonderoga, Tratto, Lyra, Das, Pongo, Vinci, ecc.), 9 impianti produttivi (oltre 1 piantagione) e una presenza diretta tramite proprie filiali (ca. 20) in 4 continenti. Nel corso dell esercizio il gruppo ha completato l acquisizione del 51% della società Maimeri, storico marchio italiano del settore delle belle arti. Con questa acquisizione F.I.L.A. prosegue la propria crescita strategica in un mercato, quello dei prodotti artistici, contiguo e sinergico rispetto al core business dei prodotti per l educazione artistica e la scuola. Nel 2014 il fatturato ha raggiunto Euro 228 milioni in quattro continenti. A gennaio 2015 F.I.L.A. ha annunciato l operazione di fusione con la società Space, una spac quotata nel segmento SIV del mercato MIV di Borsa Italiana. Per il tramite di questa integrazione F.I.L.A. potrà quotare il proprio capitale azionario in borsa. Il progetto prevede come atto finale la migrazione al segmento MTA. La fusione con Space si articolerà nei seguenti passaggi chiave: 23

24 acquisizione da parte di Space del 15,49% del capitale sociale di F.I.L.A. rappresentativo dell 11,73% dei diritti di voto, dai Soci Intesa Sanpaolo e VEI Capital per un corrispettivo di Euro 39 milioni sulla base di una valutazione del 100% del capitale sociale di F.I.L.A. pari a Euro 228 milioni; VEI Capital, che venderà il 4% di F.I.L.A. per ca. Euro 9 milioni, rimarrà nella compagine azionaria con una partecipazione del 10,38% del capitale sociale della società post fusione (calcolata sulla base della distribuzione massima di riserve); annullamento delle azioni proprie detenute da F.I.L.A.; fusione per incorporazione di F.I.L.A. in Space, sulla base della medesima valutazione del 100% del capitale sociale di F.I.L.A. (Euro 228 milioni) e un prezzo per azione Space pari a Euro 10; distribuzione di riserve da parte di Space a favore di coloro che alla data di efficacia della fusione siano titolari di azioni ordinarie di Space (ma diversi dagli azionisti ex F.I.L.A.) ovvero titolari di azioni speciali Space per un importo di Euro 26,9 milioni (corrispondenti a Euro 2 per azione) meno l esborso eventualmente sostenuto da Space per l acquisto delle azioni a seguito di esercizio dei diritti di recesso da parte dei titolari di azioni non favorevoli all operazione. Tenuto conto dell esborso sostenuto da Space per la distribuzione di riserve e/o il pagamento del corrispettivo agli azionisti che abbiano esercitato la facoltà di recesso, si stima che Space conferisca un ammontare di capitali in fusione compreso tra circa Euro 50 e 65 milioni. Tali risorse saranno destinate al supporto dei piani di sviluppo del business di F.I.L.A. e, in particolar modo, al rafforzamento nelle aree già presidiate, alla crescita nel settore delle belle arti e alla espansione nei mercati emergenti, anche attraverso l esercizio dell opzione per l acquisizione di un ulteriore quota nel capitale della società partecipata indiana Writefine Products Private Limited, che consentirà a F.I.L.A. di raggiungere il 50% del capitale di quest ultima. NAUS (48,31%) Nel mese di giugno 2014 VEI Capital è entrata nel capitale di Rina ( Rina ), società holding dell omonimo Gruppo leader in Italia nelle attività di E-TIC rivolte principalmente ai settori marittimo, industria, energia, trasporti e infrastrutture (T&I) e ambiente. Il Gruppo, operativo in 57 Paesi con una rete di 167 uffici, persone e un fatturato superiore a Euro 300 milioni, fornisce storicamente servizi di Testing, Inspection, Certification nell ambito marine e si è progressivamente diversificato in settori adiacenti, quali la certificazione di prodotto e di processo, aggiungendo recentemente i servizi di consulting engineering in ambito energy e T&I. Il Gruppo nasce dallo scorporo delle attività svolte in precedenza dal Registro Italiano Navale (il primo e unico istituto italiano di certificazione navale costituito a Genova nel 1861) 24

25 ed è composto da oltre 80 società che fanno capo a RINA Services per l attività di TIC e D Appolonia per l attività di consulting engineering. L ingresso nel capitale di Rina, avvenuto in partnership paritetica con IMI Investimenti, è stato finalizzato per mezzo di un aumento di capitale in una società di nuova costituzione ( Naus ), attraverso la quale è stato sottoscritto un aumento di capitale in Rina (pari al 10% dell importo complessivo) e un prestito obbligazionario (90%) per complessivi Euro 25 milioni (Euro 12,5 quale quota di VEI Capital). In virtù di questa operazione Naus risulta essere ad oggi titolare di una partecipazione in Rina pari al 1% circa, corrispondente - post conversione del prestito obbligazionario a una quota pari al 9% circa. L ammontare investito potrebbe successivamente crescere fino a complessivi Euro 100 milioni, e dunque con ulteriore investimento di Euro 75 milioni (Euro 37,5 milioni quale quota di VEI Capital), in ragione di successivi aumenti di capitale a supporto di eventuali acquisizioni, ovvero fino ad una quota del 30% circa. A oggi, la maggioranza del capitale sociale di Rina fa capo al Registro Italiano Navale, ente di diritto privato senza scopo di lucro che opera per la salvaguardia dell uomo in mare. Il restante capitale sociale è rappresentato in parte da azioni proprie e in parte da azioni di categoria B - a cui sono legati particolari diritti e obblighi - in capo al management team (circa 85 dirigenti). L operazione rappresenta l opportunità di entrare nel capitale di una società storica del panorama italiano, già leader nazionale della classificazione navale, che ha dimostrato negli anni la capacità di crescere, divenendo un punto di riferimento nel mercato interno anche nell ambito della certificazione e della consulenza ingegneristica. Le risorse finanziarie apportate hanno l obiettivo di supportare e accelerare il processo di crescita e internazionalizzazione avviato negli ultimi anni dalla società, in particolare con l acquisizione di D Appolonia. ELEVENTY WORLD (38,24%) Nel mese di dicembre 2014 VEI Capital ha concluso l operazione di acquisizione di una quota del 38,2% di EW Holding attraverso la compravendita delle azioni detenute dai soci fondatori Marco Baldassari, Paolo Zuntini e Andrea Scuderi e la sottoscrizione di un aumento di capitale riservato. L investimento complessivo è stato di circa Euro 6,5 milioni. EW Holding è un veicolo di investimento che detiene il 100% del capitale sociale di Eleventy World, società attiva nella ideazione, produzione e commercializzazione di capi di abbigliamento e accessori, per l uomo e per la donna, a marchio Eleventy. Il mercato di riferimento nel quale si colloca Eleventy è quello del lusso accessibile e i suoi prodotti sono di elevata qualità, 100% made in Italy. La distribuzione avviene sia attraverso il canale di vendita di negozi mono-marca ad insegna Eleventy, sia attraverso il canale wholesale. Si tratta di un azienda con buone prospettive di crescita e ciò è dovuto principalmente a una forte domanda finale, soprattutto nei mercati esteri (in particolare USA, Corea, Cina e Giappone). In pochi anni 25

26 dalla sua fondazione (avvenuta nel 2007), Eleventy ha registrato degli importanti tassi di crescita arrivando a registrare, nel 2014, un fatturato stimato di circa Euro 12 milioni. L operazione di investimento prevede la possibilità per VEI di incrementare la propria partecipazione sino al 55,32% del capitale tramite la sottoscrizione di ulteriori aumenti di capitale (fino ad un ammontare massimo di Euro 6,5 milioni) finalizzati a dotare la società delle risorse finanziarie per sostenere il piano di sviluppo definito in sede di acquisizione. VEI GREEN (100%) Fondata nel 2012, VEI Green è il veicolo d investimento nel quale Palladio Finanziaria ha concentrato gli investimenti nel settore della produzione di energia di fonti rinnovabili. La società detiene al 31 dicembre 2014, direttamente o indirettamente, un portafoglio di 42 impianti per una potenza installata complessiva pari a 124 MWp, di cui 100 MWp da fonte fotovoltaica e 24 MWp da fonte eolica. La seguente tabella riepiloga gli investimenti effettuati da VEI Green al 31 dicembre 2014 (in milioni di Euro): Progetti Potenza Settore Ammontare % Installata MWp Attività Investito HeliosPower 1 5 Fotovoltaico 100% 11,4 ForVEI 60 Fotovoltaico 52% 24,4 Sun & Soil 2 5 Fotovoltaico 100% 21,1 Puglia 1 5 Fotovoltaico 100% 12,9 Setteventi 24 Eolico 100% 18,9 Balsorano Energia 2 Fotovoltaico 99% 6,8 ENS Solar Five 15 Fotovoltaico 100% 15,0 PugliaSolar 6 Fotovoltaico 100% 5,4 Elettra 2 Fotovoltaico 100% 1,0 TOTALE ,9 In data 21 agosto 2014 è entrato in vigore l articolo 26 del Decreto-Legge n. 91/2014 convertito con modificazioni nella Legge n. 116 dell 11 agosto 2014, noto anche come spalma incentivi. Il decreto impone ai produttori di impianti fotovoltaici la scelta tra tre diverse opzioni di rimodulazione della tariffa incentivante, come di seguito descritte: - opzione A: riduzione della tariffa incentivante e contestuale estensione del periodo di incentivazione da 20 a 24 anni; - opzione B: periodo di incentivazione diviso in due fasi ciascuna delle quali con tariffe differenti. L attuale periodo di incentivazione di 20 anni rimane inalterato, ma la tariffa incentivante verrà ridotta di una percentuale in una fase e aumentata in egual misura nel periodo successivo; 26

27 - opzione C: riduzione secca della tariffa incentivante. L attuale periodo di incentivazione di 20 anni resta inalterato ma la tariffa incentivante viene ridotta di una percentuale fissa. Per effetto di tale decreto entro il 30 novembre 2014 tutti i produttori di energia da fonte rinnovabile fotovoltaica hanno dovuto operare la loro scelta in merito alle tre opzioni proposte. A valle della valutazione economica e finanziaria sui business plan delle singole partecipate è stata scelta l opzione C per i progetti finanziati in leasing di ForVEI, mentre l opzione B è stata adottata per tutti gli altri casi. Nel corso del 2014 il trend di diminuzione dei prezzi di vendita dell energia elettrica ha messo sotto pressione la performance reddituale di molti progetti, anche di quelli che da un punto di vista strettamente operativo hanno fatto registrare livelli di produzione costantemente sopra le attese; per questo motivo, in aggiunta alla difficile gestione della nuova normativa in termini di sbilanciamento, alcune delle partecipate hanno optato per la vendita diretta dell energia in base ad un contratto di somministrazione di breve periodo, assistito da garanzia bancaria a prima richiesta, dove viene corrisposto in ogni caso il prezzo zonale (in taluni casi con un piccolo premio) e in ogni caso al netto di oneri accessori. SUN & SOIL 2 (100%) I tre impianti fotovoltaici ubicati in Sicilia hanno una capacità installata di complessivi 5,2 MWp; durante la prima metà dell anno tutti gli impianti hanno affrontato e superato con successo il test di accettazione definitiva. Nel corso della seconda metà dell esercizio è stata portata a termine la rinegoziazione del contratto pluriennale di operation & maintenance con Juwi, ottenendo una significativa riduzione dei costi a parità di servizio erogato. A seguito della sostituzione dell asset manager, la performance operativa dell impianto è risultata particolarmente brillante nel 2014, anche se il calo del prezzo di vendita dell energia elettrica registrato anche in Sicilia ha interamente assorbito tale effetto positivo. FORVEI (52%) Forvei è una joint venture costituita nel 2011 con il gruppo Foresight e, nel 2012, allargata a CDC Infrastructure. Nessuna nuova acquisizione è stata portata a termine durante l esercizio trascorso e pertanto anche al 31 dicembre 2014 la joint venture detiene il 100% del capitale sociale di nove società di scopo, ognuna rispettivamente titolare di un impianto fotovoltaico, per una potenza complessiva pari a 59,8 MWp, di cui 38,7 MWp fissi a terra e 21,1 MWp su tracker monoassiale. Tutti gli impianti sono operativi e finanziati su base project leasing o project finance. 27

28 Le attività di asset management relative agli impianti in portafoglio sono affidate, in base ad un contratto di durata biennale, tacitamente rinnovabile, a Foresight Group LLP, società di gestione con sede nel Regno Unito di comprovata esperienza nel settore, operante anche attraverso la propria controllata italiana Foresight Group. La produzione registrata nel 2014 per gli impianti in portafoglio è stata in linea con le attese, malgrado la combinazione di un irraggiamento minore del previsto e la conferma del decremento dei prezzi di vendita dell energia elettrica ha lievemente incrinato la performance reddituale aggregata. PUGLIA 1 (100%) Da un punto di vista strettamente tecnico e operativo i 5 impianti di Puglia 1 continuano a registrare livelli di produzione in linea o superiori a quelli di budget, nonostante le impreviste interruzioni di rete e i frequenti episodi di furto verificatisi su taluni siti. Riteniamo che alcuni di questi episodi possano essere ridotti in maniera apprezzabile grazie ad una maggiore incisività dell azione dell asset manager, il cui contratto è stato rivisto con questo fine. HELIOSPOWER 1 (100%) La società detiene un solo impianto, localizzato in Sicilia e della potenza installata di 5 MWp. Nel corso del 2014 la performance tecnica dell impianto è risultata molto positiva, generalmente superiore alle previsioni di circa il 10%; tuttavia i ricavi sono ancora inferiori al budget (seppur superiori rispetto all anno precedente), principalmente a causa del minore irraggiamento e della riduzione dei prezzi di vendita dell energia elettrica. BALSORANO ENERGIA (99%) L impianto, della potenza installata di 2 MWp, è stato allacciato alla rete elettrica nel mese di gennaio 2013; la realizzazione dell impianto è stata finanziata interamente con mezzi propri e per il momento non si prevede di stipulare un contratto di finanziamento. La produzione risulta soddisfacente e lievemente superiore rispetto al budget, mentre la performance reddituale ha sofferto degli effetti della mancata produzione dovuta ad un furto di pannelli subito a luglio del ENS SOLAR FIVE (100%) Tutti gli impianti presentano una perfomance operativa al di sopra delle attese. Nel corso dei primi mesi del 2014 gli impianti sono stati oggetto di alcune investigazioni dal parte della Guardia di Finanza, volte ad accertare le caratteristiche tecniche dei pannelli fotovoltaici installati. Al fine di tutelare gli interessi della società, è stato conferito mandato ad 28

29 un consulente tecnico per un supplemento di analisi sui pannelli installati e allo stesso tempo sono stati nominati opportuni consulenti legali per la gestione della situazione. Nel mese di luglio le investigazioni sopracitate hanno dato luogo ad un provvedimento di custodia cautelare a carico di alcuni rappresentanti del Gruppo Avelar, che aveva fornito i pannelli fotovoltaici, realizzato il parco e venduto l impianto una volta completato; in conseguenza di ciò, il GSE ha disposto la sospensione provvisoria degli incentivi a ENS Solar Five. Al fine di assicurare la copertura dei costi operativi della società, si è optato per la vendita diretta dell energia in base ad un contratto di somministrazione annuale, assistito da garanzia bancaria a prima richiesta. Al momento la società dispone di fondi per assicurare la continuità aziendale dei prossimi 18 mesi anche assumendo che i finanziatori continuino a richiedere il pagamento di capitale ed interessi dovuti contrattualmente. SETTEVENTI (100%) Il parco eolico ha una potenza installata di 24 MWp e consta di otto aerogeneratori V90 della potenza di 3 MWp ciascuno. Vestas, fornitore degli aerogeneratori, svolge anche le attività di O&M. Successivamente all acquisizione gran parte dei contratti di progetto sono stati oggetto di rinegoziazione, con un impatto positivo sui costi operativi; nel corso del 2014 sono state completate le attività di ristrutturazione contrattuale, i cui effetti sono attesi nei mesi a venire. Anche il 2014 non è stato un anno particolarmente ventoso, e pertanto la produzione dell impianto si è assestata a circa 50 GWh. PUGLIASOLAR (100%) Dopo l acquisizione del portafoglio nel 2013, si è dato inizio ad una profonda rivisitazione della struttura contrattuale del progetto, sostituendo l O&M operator e ottimizzando tutti gli altri contratti di gestione allo scopo di ridurre al minimo i costi operativi e liberare tutte le sinergie identificate durante il processo di due diligence. La performance degli impianti si conferma solidamente al di sopra delle previsioni al punto di controbilanciare l effetto negativo del calo di prezzo di vendita di energia e del generale minore irraggiamento nel corso dell anno. ELETTRA (100%) Elettra è proprietaria di un impianto fotovoltaico della potenza di 2 MWp installato sui tetti di un allevamento suinicolo ubicato in provincia di Palermo, finanziato su base non recourse e allacciato alla rete nel L esercizio 2014 è stato funestato da una serie di eventi metereologici estremi che ne hanno pregiudicato la produzione; durante il mese di ottobre, 29

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli