Natale 2009: un azione di giustizia con LVIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Natale 2009: un azione di giustizia con LVIA"

Transcript

1 Natale 2009: un azione di giustizia con LVIA Siccità in Kenia: l acqua oltre l emergenza Notiziario Volontari LVIA - Anno XXXVI - Numero 2 - Novembre 2009 Spedizione in abbonamento postale DI 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1 comma 1, dcb CN

2 indice pag. 3 pag. 4 pag. 5 pag. 6 pag. 7 pag. 8 pag. 10 pag. 12 pag. 14 pag. 15 Editoriale Un appello ai cittadini Caritas in Veritate: una bussola per il bene comune L Africa compatta verso Copenaghen Siccità in Kenya: l acqua oltre l emergenza Ambiente e sviluppo. L esperienza della Città di Joal-Fadiouth e della LVIA in Senegal Natale 2009: le proposte solidali LVIA Iniziative solidali dall Italia Solo Affitti con LVIA per l acqua in Burkina Faso La nuova Campagna Molla la plastica! Notiziario Volontari Lvia - n. 2 - novembre 2009 Direttore responsabile: Aldo Benevelli Redazione: Sandro Bobba, Gianfranco Cattai, Lia Curcio, Ezio Elia, Monica Macciotta Hanno collaborato a questo numero: Marco Alban, Giovanni Armando, Enrico Gorfer, Daniela Gulino, Maurizio Mazzari, Italo Rizzi, Raffaele Vinai. foto di copertina: Luigi Scotti Proprietà di: LVIA Associazione Volontari Laici Corso IV Novembre Cuneo tel fax CCP Registrazione tribunale di Cuneo n. 245 del 8/10/1970 Grafica: zazì - Torino Stampa: AGAM Madonna dell Olmo (CN) Associato all USPI Unione Stampa Periodici Italiani Stampato in carta riciclata LVIA Sede centrale Corso IV Novembre, Cuneo tel fax Ufficio comunicazione, raccolta fondi e programmi sul territorio Via Borgosesia, Torino tel fax LVIA Biella c/o ACSV Centro Servizi per il Volontariato Via Tripoli, Biella tel LVIA Forlì Corso Diaz, Forlì tel. e fax LVIA Lombardia Barbara Aiolfi Via Orfane, Lodi tel LVIA Palermo Vito Restivo Via A. Poliziano, Palermo cel LVIA Piossasco Daniele Luconi Via Aleardi, 17/b Piossasco (TO) cel Daniele Luconi cel Adriano Andruetto LVIA Roma Massimo Pallottino Via Bracciano, Roma tel Federica Cerulli Irelli Via Dell Acqua Traversa, 255 int.b Roma tel LVIA Toscana Alessandro Bellini Via A. Francini, Marradi (FI) tel. e fax LVIA Verona Via dell Artigliere, Verona tel ALTRI RIFERIMENTI Asti Stefano e Claudia Pozzetti Vicolo Monticone, Asti tel Foligno (PG) Giovanni e M.Concetta Serafini Via I. Nievo, 34A Sant'Eraclio (PG) tel Genova Istituto S. Caterina Via Cairoli 1int Genova tel. e fax: Novara Federico Rizzi Novara Center Largo Puccini, Novara tel fax Olbia (SS) Marianna e Oreste Morano Via Talenti, Olbia (SS) tel Sondrio Lilli Luzzi Via Stelvio, Talamona (SO) tel NEL MONDO LVIA Albania Scutari Lagja: Tom Kola Rruga: Lin Delia 36 tel +355 (0) tel e fax +355 (0) Arsa Kacurri LVIA Burkina Faso 01 B.P. 783 Ouagadougou 01 - BF tel. e fax Altra sede: B.P. 25 Tenkodogo (Nouhao) tel fax: Mario Civettini Marco Alban Chiara Cattai Cristina Daniele Fabrizio De Georgio Ferrari Trecate Francesca Peri Giorgia Mei (Servizio Civile) Ermanno Panta (Servizio Civile) LVIA Burundi Avenue Ngozi B.P. 198 Bujumbura tel fax Altre sedi: Ruyigi: tel Marco Croce Diletta Ciolina Giuseppe Marando Simone Tretola LVIA Etiopia P.O.Box Addis Abeba tel fax Altre sedi: P.O. Box 18 Shashamane tel P.O. Box 46 Moyale tel fax Stefano Stirpe Francesca Bernabini Luca Davini Emanuele Gualazzi Valentina Iadarola Italo Rizzi Massimiliano Rossi Stefano Mandelli (Servizio Civile) LVIA Guinea Bissau Praça Titina Silla, 34 Bissau tel C.P. 585 Bissau Altre sedi: Strada di Bairro di St.Luzia Bissorã tel Strada di Bairro Alto Buba tel Barbara Frattaruolo Luca Guerretta Matteo Saraceno Giacomo Tedesco LVIA Guinea Conakry Quartier Almamya B.P.46 Mamou tel tel Olivier Bouron LVIA Kenya P.O. Box Meru tel. e fax +254 (0) Enrico Gorfer Davide Zambellini (Servizio Civile) LVIA Mali Quartier Chateau-Rue 321 Porte 136 B.P.187 Gao tel Altra sede: Quartier Korofina Sud Rue 96, Porte 149 BP E954 Bamako tel. e fax Anne Boscher Helen Dardanelli (Servizio Civile) LVIA Mauritania Tevragh Zeina ILOT K37 Nouakchott (RIM) cell Altra sede: Embarka - Omara Atar cell Marco Sanguineti LVIA Mozambico c/o Caritas Moçambique Rua da Resistencia 1175 Maputo tel fax Katia Ferrari Alberto Maria Rigon Elisabetta Tonin Francesco Laserpe (Servizio Civile) LVIA Senegal R.te de Khombole B.P. 262 A Thiès tel. e fax Altra sede: Rue de Tambacounda, Point E Dakar Ugo Puccio Elisa Marzano (Servizio Civile) LVIA Tanzania P.O.Box 160 Kongwa tel (0) Altra sede: A. H. Mwinyi Road, plot. 14 P.O. Box Dar es Salaam tel. e fax +255 (0) Paolo Ronco Valentina Torresani Cecilia Balletta (Servizio Civile) Gianluca Bertola (Servizio Civile)

3 editoriale Una nuova indilazionabile preziosa opportunità Forse i lettori di queste righe hanno avuto notizia di due eventi di fortissima rilevanza etico-cristiana: l ultima Enciclica Caritas in Veritate di Benedetto XVI ed il II Sinodo dei Vescovi africani, due prodotti della Chiesa Cattolica che faranno storia! Sono tuttora sottoposti alla attenzione del mondo intiero, ma soprattutto, mi pare, coinvolgono chi opera per giustizia, riconciliazione, pace, cioè i cristiani, servitori dal giorno del battesimo che li introduce nella Società nuova o regno della Buona Notizia. Società che si realizza quando prende sul serio la Carta del Suo Fondatore o Capo: la Carta delle Beatitudini. (rileggi Matteo Cap. 5) Il titolo stesso proclama già la principale forza propulsiva per il vero sviluppo di ogni persona e dell umanità intiera. Chi ha fatto autentica cooperazione, e l ha fatta come autentico volontario cristiano trova nella Enciclica uno straordinario manuale per ricavarne un aggiornamento quotidiano, un recupero ed un ritorno alle radici di Amore e di Verità, due Valori fondanti del nostro Movimento che ne trasse conferma e illuminazione per il suo decollo. I primi passi furono tonificati dalla Populorum Progressio di Paolo VI (1967) cui oggi l Enciclica di Benedetto viene incontro con nuove sottolineature ed energici richiami correttivi delle cadute culturali contemporanee. Ne cito due tra le più allarmanti: Il Papa denuncia: gli sviamenti e gli svuotamenti di senso a cui la Carità è andata e va incontro, con il conseguente rischio di fraintenderla, di estrometterla dal vissuto etico e, in ogni caso, di impedirne la corretta valorizzazione. Di qui il bisogno di coniugare la Carità con la Verità. Solo nella Verità la Carità può essere autenticamente vissuta Capitoli 2 e 3. Al 36 un severo monito: La solidarietà è anzitutto sentirsi tutti responsabili di tutti, quindi non può essere solo allo Stato!...Inoltre oggi bisogna dire che senza la gratuità non si riesce a realizzare nemmeno la giustizia. Lo spazio è ristretto; ma sono convinto che questi brevi cenni ci obbligheranno a riprendere regolari, costanti appuntamenti per approfondire il vecchio e nuovo fecondo patrimonio della dottrina sociale cristiana (oggi tempestivamente aggiornata) che ci fece scoprire fin dagli anni 60 la vocazione del laicato cristiano alla cooperazione a misura d uomo. Il contenuto del Messaggio al popolo di Dio da parte della II Assemblea Speciale del Sinodo dei Vescovi Africani se da un lato ci invita a prendere atto dei volenterosi passi avviati e dal Continente e dalla Chiesa locale che si sono messi in moto, dall altro denuncia le pesanti barriere d inciampo che ostacolano il superamento dei tanti problemi. Il documento, in termini disinibiti, distribuisce nel suo testo colpe e complicità di responsabili locali ed internazionali: corruzione di politici, fanatismo religioso, privilegi e vendette tribali, sfruttamento delle multinazionali, regole estere di mercato, esportazione armamenti, ecc. ecc. Non a caso un missionario scrive un suo allarme: Salviamo l Africa dall Occidente!. In particolare, restringendo il discorso alla comunità occidentale impegnata nelle varie cooperazioni, la Chiesa africana chiede rispetto e dignità dai potenti del mondo, interesse per il bene comune, spazio per respirare, crescere, prosperare. L appello - approvato in Aula, 23 ottobre 2009 in Vaticano registra il risultato d una autoanalisi coscienziosa d una chiesa in non facile crescita che assume su di sé le proprie responsabilità per rimuovere squilibri, egoismi che rallentano il cammino in corso sulla via della giustizia, della riconciliazione, della pace e dignitosamente chiede alla Comunità Internazionale di condividere le fatiche e le speranze. Don Aldo Benevelli, fondatore LVIA Nuovi organi associativi LVIA Il 13 e il 14 giugno La LVIA ha eletto i nuovi organi associativi. Il nuovo assetto, votato dall Assemblea, rispecchia il profilo di un associazione che è cresciuta sul territorio nazionale: oggi la LVIA conta 25 realtà strutturate dal Piemonte alla Sicilia, che trovano espressione nei neoletti organi associativi. Consiglio: Marco Alban (Ouagadougou - Burkina Faso); Emanuele Banfi (Rho - MI); Alessandro Bellini (Marradi - FI); Alessandro Bobba (Caraglio - CN); Riccardo Botta (Scarnafigi CN); Giuseppe Cravero (Torino); Federico De Lotto (Boca NO); Pierpaolo Eramo (Parma); Vanni Fabbri (Forlì); Carlo Lopatriello (San Rocco Castagnaretta - CN); Massimo Pallottino (Roma); Vito Restivo (Palermo). Presidenza: Alessandro Bobba; Riccardo Botta; Ezio Elia; Federico De Lotto; Massimo Pallottino. Probiviri: Eugenio Chiotti; Stefano Pozzetti; Bartolomeo Sola. Revisori: Valter Franco; Piergiuseppe Michelis; Giovanni Mana. 3

4 quadrante Un appello ai cittadini Sandro Bobba - presidente LVIA Cistiamo ormai avviando verso la fine di questo 2009, che indubbiamente è stato un anno molto complesso e difficile. La crisi economica mondiale ha avuto ed avrà nel prossimo futuro delle forti ripercussioni sulla nostra vita quotidiana se, come affermano le recenti statistiche diffuse da Federconsumatori, è in bilico il potere d acquisto di 24 milioni di famiglie italiane. Come conseguenza immediata le istituzioni hanno scelto la strada più semplice, iniziando a tagliare drasticamente il budget riservato alle attività di cooperazione internazionale con il Sud del mondo. Mi pare però, che questa soluzione un po troppo semplicistica non vada ad affrontare le vere cause della crisi. Come afferma il prof. Zamagni, i fattori che hanno reso la crisi tanto drammatica risiedono proprio nell aver ignorato, nell elaborazione delle politiche, nei comportamenti economici, nei nostri stessi comportamenti in quanto consumatori, il concetto di bene comune. Sarebbe interessante cercare di approfondire come e quanto questa crisi economica, che le nostre famiglie del Nord stanno pagando in termini di minori risorse economiche a disposizione, tagli di posti di lavoro, forte senso di insicurezza sul domani, influisce invece sulle popolazioni povere dei Paesi del Sud del mondo che con questi problemi ci convivono praticamente da sempre e che sono ormai costrette spesso a vivere di speranze e non di programmi, ma questo è un tema che richiederebbe maggiore approfondimento e spazio a disposizione. Mi limito quindi a qualche riflessione su un ambito molto più interno. Il 2009 è stato un anno molto complesso e ricco di eventi e novità anche per la nostra Associazione ed un aspetto che senz altro ci ha colpito profondamente e duramente, riguarda l improvviso calo delle donazioni. Ed è proprio in questo particolare momento di crisi che vogliamo riproporci con forza ai cittadini, alle istituzioni, alle imprese, per riscoprire insieme il valore di reti sociali e di relazioni solidali, per costruire un sistema del bene comune che la smetta di sacrificare i più deboli, nel Nord come nel Sud del mondo. Questo difficile momento, se non gestito con grande prudenza ed attenzione, rischia di portarci a conseguenze difficilmente recuperabili per quanto riguarda la continuità delle attività in Africa e in Italia. La situazione contingente ci ha già portati ad assumere una serie di misure volte a migliorarci, ad aumentare la nostra efficienza, riducendo i costi ove possibile ed ottimizzando le risorse umane e finanziarie a disposizione e ponendo contemporaneamente la massima attenzione a non perdere di vista la nostra mission, che da oltre quarant anni ci guida nella realizzazione di azioni concrete di giustizia e solidarietà. Credo, però, che questa forte attenzione da parte di chi ha la responsabilità diretta della gestione associativa non sia sufficiente e che necessiti di un ambito di corresponsabilità molto più vasto da parte di quanti, con modalità e pesi diversi, hanno contribuito e stanno tuttora contribuendo a far sì che LVIA continui ad essere sinonimo di giustizia, solidarietà, fraternità, attraverso le azioni che realizza al Nord come al Sud del mondo ed attraverso il messaggio culturale di reale e concreta solidarietà e cooperazione che diffonde attraverso i suoi aderenti. Anche nel corso dell assemblea dello scorso giugno che ha eletto, secondo le regole del nuovo statuto, i 12 membri del Consiglio e mi ha riconfermato nella carica di Presidente per il prossimo triennio, ho voluto sintetizzare in alcuni punti quelle che secondo me sono oggi le priorità per la nostra Associazione e che ritengo quindi debbano diventare gli obiettivi del prossimo mandato triennale: Un ampliamento della base associativa, attraverso l inserimento di nuovi soggetti che aderiscano ai valori enunciati nei primi articoli dello statuto, con un impegno da parte nostra a fornire sempre nuove opportunità di coinvolgimento e strumenti alle tante persone che oggi sostengono le nostre azioni, per creare un movimento attivo e militante, capace di esprimere una chiara ed incisiva cultura di giustizia e solidarietà al Nord come al Sud del mondo. Una moltiplicazione della presenza territoriale, attraverso la creazione di nuovi gruppi LVIA sul territorio nazionale, che siano il frutto di una attiva mobilitazione e di un forte impegno personale dei soci e degli aderenti nel promuovere le attività che l Associazione realizza da oltre quarant anni. La soluzione della situazione di crisi finanziaria dell Associazione, proseguendo nel processo di miglioramento continuo della nostra efficienza, consolidando la base di persone che ci sostengono in maniera continuativa, ma soprattutto raggiungendo e coinvolgendo nuove realtà che accettino di scommettere insieme a noi su un futuro veramente solidale. È per questo motivo che mi sento in dovere, in virtù del mandato che mi è stato riconfermato pochi mesi fa, di lanciare un appello rivolto anche a tutti coloro che ci seguono attraverso le pagine di Volontari, affinché questo senso di corresponsabilità nei confronti delle azioni di giustizia promosse dalla LVIA si trasformi in azione concreta di Solidarietà, dandoci così l opportunità di continuare a costruire un mondo più giusto. 4

5 attualità CARITAS IN VERITATE: una bussola per il bene comune pubblicazione dell Enciclica Caritas Lain Veritate è un evento che ha una portata rivoluzionaria non solo per i cristiani, ma per l intera società civile. Fra i tanti temi importanti e rilevanti dell Enciclica ne sottolineiamo alcuni, che più riguardano la mission LVIA. Nel secondo capitolo dell enciclica, il Papa affronta il tema dello sviluppo umano. Il punto di partenza è l analisi delle attuali distorsioni dello sviluppo, come la corruzione generalizzata, presente nei Paesi ricchi come nei Paesi poveri, la violazione dei diritti dei lavoratori, la predominante logica del profitto che impera nei rapporti fra i popoli, lo sfruttamento sregolato delle risorse della terra, il dramma dei flussi migratori provocati, mal gestiti o sfruttati per logiche economiche e politiche di parte. Di fronte a questi problemi così gravi, il Papa ci esorta a riconsiderare e a riprogettare il nostro cammino di sviluppo (21). Sulla base di un rinnovato impegno ad evitare ogni forma di appiattimento culturale e di omologazione degli stili di vita (26) il Papa richiede una forte determinazione da parte dei governanti a salvaguardare e valorizzare l uomo, la persona nella sua integrità (25). Il sottosviluppo ha una causa importante: la mancanza di fraternità tra gli uomini. La società sempre più globalizzata ci rende vicini, ma non fratelli (19). Queste analisi e riflessioni sono strettamente collegate alle tematiche sviluppate nel capitolo successivo e, in qualche modo, ne costituiscono la premessa. Questo terzo capitolo, dal titolo Fraternità, sviluppo economico e società civile, si apre con un elogio dell esperienza del dono, spesso non riconosciuta a causa di una visione puramente utilitaristica dell esistenza (34). Qui il Papa si sofferma a riflettere sul valore delle leggi economiche, sottolineando che il mercato non è negativo di per sé, ma deve attingere energie morali da altri soggetti ; non deve diventare luogo della sopraffazione del forte sul debole e non deve considerare i poveri come un peso, ma come una risorsa. La conclusione è che il mercato, come la politica, necessita di persone aperte al dono reciproco (35-39). L economia ha bisogno dell etica per il suo funzionamento collettivo, ma non di un etica qualunque, bensì di un etica amica della persona (IV 47). Un economia nuova fondata sulla fraternità e sul dono, possibile profilo di nuove forme di impresa che abbiano la disponibilità a concepire il profitto come uno strumento per raggiungere finalità di umanizzazione del mercato e della società (IV 46). Nel quarto capitolo, il Papa sollecita una riflessione su come i diritti presuppongano doveri, senza i quali si trasformano in arbitrio (43) giungendo ad evidenziare come la condivisione dei doveri reciproci mobilita assai più della sola rivendicazione dei diritti. Nel quinto capitolo, intitolato La collaborazione della famiglia umana il Papa parte con l identificare nella solitudine una delle più profonde povertà che l uomo può sperimentare. E aggiunge A ben vedere anche le altre povertà, comprese quelle materiali, nascono dall isolamento, dal non essere amati o dalla difficoltà di amare (53). Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di tutte le persone e di tutti i popoli nell unica comunità della famiglia umana, che si costruisce nella solidarietà sulla base dei fondamentali valori della giustizia e della pace (54). Manifestazione particolare della carità e criterio guida per la collaborazione fraterna di credenti e non credenti è il principio di sussidiarietà qui esteso, rispetto alla sua definizione classica, anche ad enti sovranazionali e che si riferisce alla necessità che nessuna autorità sovraordinata (a partire dallo Stato) annulli o assorba i membri del corpo sociale organizzati in società minori, a cominciare dalla famiglia. Questo principio di sussidiarietà rispetta la dignità della persona, nella quale vede un soggetto sempre capace di dare qualcosa agli altri. Monica Macciotta Riconoscendo nella reciprocità l intima costituzione dell essere umano, la sussidiarietà è, dice il Papa, l antidoto più efficace contro ogni forma di assistenzialismo paternalista (57). Ma la sussidiarietà va mantenuta strettamente connessa con la solidarietà, e viceversa, perché se la sussidiarietà senza la solidarietà scade nel particolarismo sociale, è altrettanto vero che la solidarietà senza la sussidiarietà scade nell assistenzialismo che umilia il portatore di bisogno. Questi principi, secondo il Papa, vanno adottati anche in caso di aiuti internazionali, onde evitare situazioni di dominio e di sfruttamento (58). La cooperazione allo sviluppo, però, non è presentata dal Papa nella sola dimensione economica, giacché essa deve diventare una grande occasione di incontro culturale ed umano (59) e necessita di persone che condividano il processo di sviluppo economico e umano, mediante la solidarietà della presenza, dell accompagnamento, della formazione e del rispetto (47). È a questo proposito che il Papa affronta il problema epocale delle migrazioni, fenomeno impressionante per la quantità di persone coinvolte, per le problematiche sociali, economiche, politiche, culturali e religiose che solleva, per le sfide drammatiche che pone alle comunità nazionali e a quella internazionale (62). La preghiera finale del Papa diventi la nostra, per poter avere la forza, la speranza e la gioia necessarie per continuare a dedicarci con generosità all impegno di realizzare lo sviluppo di tutto l uomo e di tutti gli uomini. 5

6 attualità L Africa compatta verso Copenaghen Lo sviluppo sostenibile per l Africa, l Africa per lo sviluppo sostenibile Marco Alban 6 del Burkina Faso, in collaborazione con le Nazioni Unite e l Unione ilgoverno Africana, ha organizzato il Summit Mondiale dello Sviluppo Sostenibile Cambiamenti Climatici: quali opportunità per uno sviluppo sostenibile svoltosi a Ouagadougou dal 9 all 11 ottobre Il Forum ha accolto partecipanti da tutto il mondo: Capi di Stato, rappresentanti delle Nazioni Unite e delle organizzazioni regionali africane, ONG, imprese, delegati della società civile, istituzioni, centri di formazione e ricerca e personalità di fama internazionale. Una moltitudine di esperti, a dimostrazione che le questioni ambientali devono interessare tutti e non solo le alte sfere decisionali. Obiettivo primario del forum è stato di identificare nuove opportunità di crescita legate ai cambiamenti climatici. Opportunità che passano attraverso la revisione delle politiche di sviluppo di un Africa a bassa emissione di anidride carbonica. Sappiamo infatti che l Africa è il continente che emette meno gas serra e che sarà invece quello che pagherà maggiormente gli effetti nefasti dei cambiamenti climatici. L aspettativa quindi è stata quella di consolidare un consenso, definire una posizione africana condivisa, da sostenere alla Conferenza della Convenzione delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici, che si terrà a Copenaghen nel dicembre prossimo e dalla quale, si spera, emergeranno nuove direttive di protezione ambientale post-kyoto. Durante la conferenza, sono emersi aspetti particolarmente significativi: Stretta interconnessione tra cambiamenti climatici ed emigrazione. Senza sviluppo sostenibile, la popolazione africana continuerà ad emigrare. I pescatori del Senegal, ad esempio, sempre più cercano la fuga in Europa perché fortemente danneggiati dalla riduzione della fauna marina. Differenziare la cooperazione Nord-Sud mettendo l accento sullo sviluppo sostenibile. Antoine Doly, del Ministero Affari Esteri francese, ha citato la cooperazione decentrata tra le città di Bordeaux e Bamako e tra la regione Piemonte e l area del Sahel, in particolare il gemellaggio tra Torino e Ouagadougou, come buone pratiche di cooperazione su tematiche ambientali e di gestione del territorio. La Coope - razione Decentrata, per le sue modalità di relazione, permette di agire su problemi comuni. E a dimostrazione che l ambiente è una tematica di interesse globale, basti pensare alle recenti inondazioni che hanno colpito Messina e diverse città del Sahel. La stabilità socio-economica come condizione essenziale per lo sviluppo sostenibile. Si è sottolineata l importanza di un modello di governance partecipato e condiviso localmente (a livello dei singoli stati), regionalmente (a livello di regioni economiche) e internazionalmente (a livello continentale). L affermazione del concetto di ecologia senza frontiere nel rispetto delle tradizioni locali, senza pretese di esportare modelli e compatibile con i principi di un economia solidale. Un ecologia capace di promuovere l economia. L affermazione del concetto di New Green Deal per l Africa incentrato sul ruolo delle collettività territoriali che oggi, in particolare in Africa, dispongono di scarsissimi strumenti di gestione del territorio quando, in realtà, sono le prime istituzioni a dover rispondere al cittadino. L affermazione di un sistema mondiale sostenibile dal punto di vista ambientale, efficace economicamente e socialmente equo. ALCUNI DATI Nel 2020 la popolazione africana rappresenterà un quarto di quella mondiale. Entro il 2020, in alcuni paesi la produzione agricola potrà ridursi del 50%. Entro il 2080, le terre aride aumenteranno del 5-8%. Nel 2002 l OMS stimava che, ogni anno, persone morivano a causa dei cambiamenti climatici. È evidente che questo trend, in continuo peggioramento, non può lasciare indifferente il continente africano, che oggi chiede con forza, dimostrando determinazione, di partecipare alla governance mondale. L Africa è consapevole di aver bisogno di sviluppo sostenibile e al contempo è cosciente di poter portare un valido contributo allo sviluppo sostenibile del mondo. Se l ecologia e il rispetto dell ambiente nel mondo sviluppato vengono talvolta considerati come dei concetti di lusso, per il continente africano costituiscono condizioni essenziali e strettamente legate alla proprie capacità di sviluppo. Senza entrare nel merito delle 26 risoluzioni che costituiscono la Dichiarazione di Ouagadougou, atto finale del forum firmato dai Capi di Stato, si può affermare che l Africa, all Assemblea dell ONU, metterà l accento sulle istanze seguenti: Introduzione del concetto di cambiamento climatico nelle politiche settoriali e di governance, locali e regionali. Rafforzamento delle politiche di gestione del territorio nel rispetto delle priorità ambientali e della salvaguardia delle risorse naturali. Mobilitazione di fondi da parte della comunità internazionale per sostenere il New Green Deal africano, anche con l istituzione di finanziamenti dedicati. Partecipazione ad istanze e meccanismi internazionali di controllo, pianificazione e monitoraggio delle risorse naturali e delle emissioni di gas serra. La speranza è che le raccomandazioni del continente africano, unito nelle sue posizioni, siano prese in considerazione alla conferenza di Copenaghen e rispettate dalle grandi potenze mondiali. L Africa esce da questo forum con la consapevolezza di poter giocare un ruolo importante, se non determinante, nella costruzione di un nuovo sistema mondiale sostenibile, equo, solidale e rispettoso delle esigenze climatiche ed ecologiche globali. Il forum si è concluso con uno slogan osannato all unisono: Lo sviluppo sostenibile per l Africa, l Africa per lo sviluppo sostenibile.

7 le nostre afriche: Kenia Allarme siccità in Kenya LVIA: l acqua oltre l emergenza Lia Curcio N egli ultimi tre mesi, una terribile ondata di siccità ha colpito il Kenya. Secondo i dati del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, un keniano su dieci ha bisogno di assistenza. L intervento dell agenzia dell ONU nel paese prevede aiuti per 3,8 milioni di persone. La LVIA è presente in Kenya dal Enrico Gorfer, rappresentante della LVIA a Meru, nella parte nord-orientale del paese, testimonia: «La situazione è drammatica e la siccità si è manifestata in tutta la sua gravità, soprattutto nelle aree ad alto rischio ambientale, come il Tharaka, dove il governo e la diocesi hanno già distribuito aiuti alimentari. In parte, le cause dell emergenza sono strutturali: mancano le infrastrutture in grado di assicurare l approvvigionamento idrico per dodici mesi l anno. L agricoltura e i pascoli ne risentono e la popolazione è costretta ad abbandonare queste terre sempre più aride. Da qualche giorno sono ricominciate le piogge, ma i primi raccolti non si vedranno che tra qualche mese. Nel frattempo, le persone soffrono la fame». In queste zone, la LVIA sta portando avanti un progetto per garantire a persone la possibilità di avere accesso all acqua nel proprio villaggio. Le attività prevedono la realizzazione di una rete idrica attraverso il prolungamento di due acquedotti, ma anche la costruzione di serbatoi per la raccolta dell acqua piovana e piccoli bacini in grado di raccogliere e riutilizzare l acqua che scorre a bordo strada durante la stagione delle piogge. Il progetto, che ha ricevuto un cofinanziamento dell Unione Europea, vede la collaborazione di due partner locali: il Water Program Coordination Office della Diocesi di Meru, ente che si occupa della gestione delle risorse idriche nella regione, e l ong locale Resource Project Kenya. Spiega Enrico Gorfer: «Questi interventi sono finalizzati a portare acqua pulita ad una distanza massima di 1 chilometro dai villaggi di intervento. Con l acqua, le condizioni di vita migliorano nell immediato, si possono avviare coltivazioni, il bestiame si può abbeverare, diminuisce la mortalità, soprattutto infantile. Affinché ciò sia possibile, è necessario fornire alle comunità gli strumenti per gestire autonomamente le proprie risorse idriche che, appunto perché scarse, necessitano di una gestione razionale e sostenibile. Continueremo quindi a lavorare con le comunità locali, su piccola scala perché crediamo che sia importante, oltre l emergenza, fornire ad ogni villaggio la formazione necessaria all auto-gestione delle strutture idriche». Kennedy Njenga, coordinatore dell ong locale Resource Project Kenya Resource Project Kenya è una ong keniota nata nel 1995 e formalmente riconosciuta dal Governo. È partner della LVIA nel progetto Accesso all acqua potabile e gestione sostenibile delle risorse idriche nelle regioni aride in tre distretti della regione di Meru. Abbiamo intervistato il coordinatore Kennedy Njenga. Di cosa si occupa l ong e come partecipa al progetto? «Abbiamo iniziato ad operare nella regione orientale del Samburu in progetti di tutela ambientale, soprattutto per la conservazione delle foreste. Ci siamo poi spostati all ovest, con un progetto di sicurezza alimentare in cui ci siamo occupati di supportare i contadini, soprattutto nella formazione alle tecniche di miglioramento delle coltivazioni e della fertilità del suolo, e di conservazione dell acqua. Nel 2005 abbiamo iniziato a lavorare nel Meru, nell ambito del Meru Dryland Farming Project contro la desertificazione e poi nell attuale progetto con la LVIA e il Water Program Coordination Office della Diocesi di Meru. In questo progetto siamo stati coinvolti fin dall inizio, dalla identificazione dei villaggi di intervento all elaborazione delle azioni specifiche in ambito idrico e sanitario. Il nostro compito è quello di sensibilizzare e mobilitare le comunità dei villaggi dove si vanno a realizzare le opere idriche. Le comunità locali partecipano sempre a tutte le fasi della realizzazione: si occupano di lavori come lo scavo delle trincee e la posa dei tubi, per poi occuparsi successivamente della gestione dei punti d acqua. Voi fate un lavoro sul campo, siete vicini alla gente. Quali ripercussioni sta avendo la siccità sulla vita delle persone? «Quest anno la siccità è durata molto di più rispetto agli altri anni. Le sementi non hanno dato frutto e la gente non ha da mangiare. Noi siamo sul terreno, ogni giorno, vediamo le condizioni difficili in cui si vive. La gente ha perso il bestiame, stremato dalla fame e dalla sete, sono aumentati i conflitti tra le etnie per l accesso alle risorse. La popolazione sta diventando sempre più povera. Quando va bene, nelle famiglie si mangia una volta al giorno». Cosa state facendo per arginare gli effetti di questa drammatica situazione? «Stiamo lavorando sull approvvigionamento dell acqua, che è fondamentale! Con questo progetto, ad esempio, insegniamo come preservare l acqua nei campi utilizzando dei terrazzamenti capaci di trattenere l acqua piovana e permetterne l infiltrazione nel suolo, evitando che scorra via. Sono già visibili dei primi miglioramenti e si spera in buoni raccolti». Cosa vorrebbe dire ai grandi che si riuniranno al Vertice di Copenaghen sui cambiamenti climatici? «L Africa non è la causa dei cambiamenti climatici, ma ne è la prima vittima. È necessario che la comunità internazionale si assuma delle responsabilità e agisca, anche con dei finanziamenti ulteriori per permetterci di Puoi versare un contributo c/o: far fronte a situazioni come questa. Anche il nostro Banca Alpi Marittime governo dovrebbe investire di più nelle zone aride, per IBAN: IT61 E migliorarle. Intestazione: LVIA Contribuisci anche tu a portare l acqua in Kenia Causale: Natale 2009/Kenia 7

8 le nostre afriche: Senegal Ambiente: le basi per lo sviluppo delle città L esperienza della Città di Joal-Fadiouth e della LVIA in Senegal Lia Curcio Dakar, Bamako, Ouagadougou, Niamey sono grandi città africane. Popolose, colorate, piene di sabbia, di smog, di motociclette e di suoni. Le città del Sahel presentano scenari simili: sono tutte protagoniste di un rapido processo di urbanizzazione difficilmente gestibile e controllabile. Si prevede che la popolazione del Sahel raddoppierà nel giro di vent anni e che nel 2020 conterà più di 100 milioni di abitanti, di cui il 50 per cento risiederà in aree urbane e suburbane, aggravando le precarie condizioni di vita delle città, dove interi quartieri stanno crescendo in maniera irregolare privi dei servizi di base. Molte municipalità, responsabili delle condizioni di vita dei propri cittadini, si stanno impegnando nella predisposizione di piani di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti: ambito identificato come una delle massime priorità per migliorare la governance locale e arginare le condizioni di degrado e povertà urbana. Joal-Fadiouth è una cittadina di abitanti a 100 km a sud di Dakar, rinomata per essere la città natale di Leopold Sedar Senghor, illustre poeta e primo presidente del Senegal indipendente. Città di mare, da qualche anno è il punto di arrivo di consistenti flussi migratori che da qui si imbarcano per l Europa. Le prime conseguenze negative del sovraffollamento della città si notano nella diffusione delle tante discariche abusive e nella dispersione dei rifiuti nell ambiente. Pierre Dioh, Vicesindaco di Joal- Fadiouth, è convinto che la priorità politica sia l ambiente. Nel corso dell atelier internazionale Rifiuti e governance delle città. Esperienze piemontesi e africane a confronto (Torino, 27 ottobre 2009), ha sottolineato: «Risanare e ripulire l ambiente significa assicurare le basi per lo sviluppo della città. Basti pensare che le malattie prevalenti sono legate all ambiente insano; i rifiuti che finiscono in mare, soprattutto la plastica, danneggiano la fauna marina e la nostra economia, in cui la pesca riveste ruolo fondamentale. Abbiamo, inoltre, il dovere di tutelare la ricca biodiversità dell area e l opportunità di valorizzarla per attirare il turismo che negli ultimi anni ha registrato dei trend negativi a causa del degra- do dell ambiente cittadino». Il forte impegno della comunità senegalese ha portato all avvio di un sistema di trattamento dei rifiuti organici con la collaborazione del Peace Corp, e dal 2008 all avvio di un progetto di cooperazione decentrata sulla valorizzazione dei rifiuti plastici che vede impegnati, al fianco della municipalità di Joal- Fadiouth, il comune piemontese di Fossano, la LVIA e la Regione Piemonte con il suo Programma di sicurezza alimentare e lotta alla povertà in Africa Subsahariana. Continua il Vicesindaco: «Abbiamo fatto della gestione dei rifiuti una questione comunitaria, coinvolgendo e responsabilizzando la popolazione». Il grosso del lavoro è svolto dai Comitati di Salubrità, volontari eletti dalle persone del quartiere per occuparsi degli aspetti inerenti la gestione dei rifiuti: frequenza della raccolta, pagamento degli operatori e gestione dei guadagni derivanti dalla raccolta dei rifiuti domestici. È iniziata la raccolta differenziata porta a porta, svolta da dipendenti comunali con il supporto di carretti trainati da asini. Si sta inoltre avviando la costruzione del magazzino per lo stoccaggio della plastica e sono iniziati percorsi di sensibilizzazione nei quartieri e con gli insegnanti che si occuperanno dell educazione ambientale nelle proprie classi. Atelier Rifiuti e governance delle città. Esperienze piemontesi e africane a confronto (Torino, 27 ottobre 2009). Da sinistra: Gianfranco Cattai, LVIA; Samba Cheick Cissé, Presidente Consiglio Regionale di Louga Senegal; Pierre Dioh, Vicesindaco Joal Fadiouth Senegal; Seyni Sido, Sindaco Comune 1 di Niamey Niger. Tra gli ospiti africani, presente anche Mohammed Sidi Cissé, direttore Servizio pulizia e raccolta rifiuti del Comune di Ouagadougou Burkina Faso. 8

9 le nostre afriche: Senegal La LVIA è stata interpellata dalla Municipalità di Joal-Fadiouth sulla base dell esperienza nel settore, maturata in Senegal dal 1999 e che ha visto, tra l altro, la realizzazione di due Centri di valorizzazione della plastica nelle città di Thiès e Kaolack. Mohammed Gueye, responsabile del settore ambiente della LVIA in Senegal, ci parla delle strategie future per incrementare le attività dei Centri e sottolinea quattro punti: Energie rinnovabili L installazione di pannelli solari ci permetterà di abbassare i costi di produzione e diminuire l impatto ambientale. Certificazione del prodotto plastico Sottoporre il granulato di plastica riciclata prodotto nel Centro, al controllo governativo per l ottenimento della certificazione di qualità, significa fornire precise garanzie alle imprese che acquistano questo granulato per la produzione di oggetti finiti. Produzione di cestini per i Comuni Stiamo pensando di installare nel Centro un unità di produzione per la realizzazione di oggetti finiti in plastica riciclata, in particolare per la produzione di cestini. L Agenzia nazionale per la nettezza urbana sta implementando un programma ambientale e oggi acquista cestini in plastica vergine. I cestini in plastica riciclata rappresenterebbero un prodotto etico e sostenibile per l ambiente. Bilancio d impatto socio-ambientale È necessario attrezzarci per elaborare un bilancio d impatto socio-ambientale che ci permetta di usufruire dei crediti che, sulla base del Protocollo di Kyoto, sono corrisposti per ogni emissione di anidride carbonica evitata, come già accaduto nel 2008 al Centro Propast di Thiès. Il 27 ottobre 2009 a Torino si è svolto l atelier internazionale Rifiuti e governance delle città. Esperienze piemontesi e africane a confronto organizzato dalla Regio ne Piemonte in collaborazione con le Ong piemontesi LVIA, CISV e RETE. Sul sito è possibile consultare le due pubblicazioni presentate: Per richiedere le pubblicazioni: 9

10 proposte solidali Natale con LVIA MOZAMBICO Accompagniamo a scuola i bambini della discarica BURUNDI Miglioriamo la produzione agricola ETIOPIA Dotiamo le case di energia con il biogas 15 euro per aiutare una famiglia a pagare la retta scolastica per un anno 30 euro per acquistare 50 kg di sementi di riso per una famiglia di agricoltori 40 euro per acquistare un kit bruciatore e una lampada per una famiglia 10 Puoi offrire ai bambini del quartiere di Hulene B a Maputo, un opportunità di formazione, per vincere la discriminazione e l emarginazione sociale di cui sono vittime per il solo fatto di vivere nei pressi della discarica. Qui sorgono due aule frequentate quotidianamente da 200 bambini. La LVIA si occupa di accompagnarli in attività ludiche ed educative: un alternativa alla discarica e un modo per riavvicinarli alla scuola pubblica. La maggior parte delle famiglie del quartiere vive in condizioni estremamente disagiate e non ha la possibilità di pagare la retta scolastica per i propri bambini, così costretti ad abbandonare gli studi. Puoi contribuire a migliorare le condizioni di vita delle popolazioni più povere della provincia di Mwaro, che basano la propria sussistenza sull agricoltura. Qui la LVIA supporta le cooperative agricole affinché riescano a migliorare la filiera dei propri prodotti, dalla coltivazione alla commercializzazione. Sicurezza alimentare e lotta alla povertà vanno di pari passo. La LVIA fornisce alle famiglie sementi e altri input agricoli e offre assistenza tecnica per migliorare le tecniche di produzione e di conservazione delle derrate alimentari. Sono soprattutto le donne a partecipare a queste attività, essendo prevalentemente loro a lavorare nei campi. Tu puoi fare la differenza Scegli uno dei progetti che ti proponiamo o impegnati con una donazione fissa, annua o mensile, garantendo una continuità per noi preziosa. Puoi portare energia alle popolazioni rurali della regione Oromia, rendendo possibile la conservazione del cibo, l uso della luce e il risparmio di tempo e di fatica, soprattutto delle donne, nella raccolta della legna per cucinare. La LVIA promuove l utilizzo del biogas, una tecnologia ad uso domestico e a basso costo. Il digestore necessita giornalmente di due soli secchi d acqua e letame, scarti agricoli o rifiuti organici, per produrre 1 m 3 di biogas: abbastanza da soddisfare il 75% del fabbisogno termico giornaliero di una famiglia e utilizzabile con un fornello o una lampada. I fanghi di risulta, inoltre, sono un ottimo concime naturale. INOLTRE, TI INFORMIAMO CHE: con 300 euro possiamo realizzare uno schema biogas completo di digestore, linea di trasmissione del gas, serbatoio, bruciatore e lampada.

11 Per un azione di giustizia con l Africa KENYA Portiamo l acqua nella regione arida del Meru SENEGAL Portiamo i servizi igienici nelle case GUINEA BISSAU Assicuriamo l acqua alle scuole 460 euro per costruire un serbatoio in ferro-cemento per la raccolta dell acqua 200 euro per aiutare una famiglia ad acquistare una fossa biologica in plastica riciclata 500 euro Per contribuire all acquisto e all installazione di una pompa manuale Puoi aiutare una famiglia a dotarsi di una cisterna per la raccolta e la conservazione dell acqua piovana. Il Meru è tra le aree più aride del paese. L accesso sicuro ad una fonte d acqua migliora istantaneamente le condizioni di vita delle popolazioni rurali più povere, e le donne e le bambine dedite alla raccolta dell acqua, attività che le occupa per circa 4 ore al giorno, possono più facilmente, grazie al risparmio di tempo, frequentare la scuola La LVIA si propone di costruire 400 serbatoi, con capacità di litri, per la raccolta di acqua piovana destinati ad altrettante famiglie. INOLTRE, TI INFORMIAMO CHE: con 170 euro possiamo costruire una latrina per una famiglia Puoi contribuire a risolvere una delle situazioni più drammatiche vissute in molte città del Senegal: la mancanza di reti fognarie. Le acque reflue si riversano sulle strade, contaminando cibi e acqua e portando terribili malattie che sono tra le principali cause di morte nel paese, come il colera e la diarrea. La LVIA promuove la costruzione di fosse biologiche in plastica riciclata e aiuta le famiglie più povere delle città di Thiès e Kaolack, nell acquisto e nell installazione di queste nelle proprie case. Il progetto fa parte del programma di trattamento e valorizzazione dei rifiuti plastici avviato nel Puoi aiutare le scuole della regione Cacheu a dotarsi di pompe manuali per l approvvigionamento dell acqua. La pompa viene installata su un pozzo, precedentemente costruito. Nella regione, la LVIA lavora per garantire un accesso continuativo all acqua pulita. Dotare una scuola di un punto d acqua contribuisce anche ad arginare il rischio di contaminazione in caso di epidemie di colera, ancora molto diffuse nel paese. Più dai meno versi! Le donazioni alla LVIA sono deducibili dalla dichiarazione dei redditi: basta conservare la ricevuta del versamento. (D.lgs 35/05 convertito in legge 80/05). Per contribuire: Banca Alpi Marittime IBAN: IT61 E Intestazione: LVIA Oppure con bollettino postale: c/c Intestazione: LVIA - Associazione Internazionale Volontari Laici - Corso IV Novembre, Cuneo - Causale: Natale 2009/. (nome paese) 11

12 italia solidale Cuneo. Lo yogurt Famù sostiene i progetti LVIA in Africa Famù, lo yogurt di Cuneo, aderisce alla Campagna Molla la Plastica! e sostiene i progetti per la tutela ambientale e la lotta alla povertà realizzati dalla LVIA in Africa. Facendo propria una tra le proposte della Campagna, l azienda ha scelto di personalizzare la shopper Molla la plastica e di utilizzarla per la distribuzione dello yogurt Famù. Prodotto a km zero, preparato esclusivamente con latte cuneese, Famù è distribuito dalla Sabaco d Oc, piccola azienda locale fondata da Marco Andreis e Paolo Lopatriello. Oggi il prodotto è in vendita, oltre che nei migliori negozi della provincia, anche a Eataly, il Salone del Gusto di Torino. Spiega Lopatriello: «Oggi il problema ambientale sta causando nuove povertà nel mondo ed è sempre più urgente agire, in quanto produttori e consumatori, in maniera responsabile. La produzione di uno yogurt a chilometri zero risponde a questa filosofia e questo è anche il motivo che ci ha portato ad aderire alla Campagna delle LVIA». Info: Educazione allo sviluppo nelle scuole di Forlì vuol dire toccare la corda che vibra! E come siamo stupidi quando pensiamo che ci sia gente che non ha neanche una corda capace di vibrare!. Don Milani esprime mirabilmente l aspirazione massima di ogni educatore: riuscire a stimolare l interesse e il coinvolgimento nel bambino o nel giovane di fronte alla grande disparità di opportunità tra gli abitanti del Sud e del Nord del mondo. Questa è la grossa scommessa che abbiamo fatto anche qui a Forlì, trovando grande apertura, attenzione e coinvolgimento tra i docenti e gli alunni. Nell ultimo anno abbiamo realizzato 165 incontri in 55 classi di Forlì e provincia, soprattutto di Scuole Primarie ma anche di Scuole Secondarie di Primo e Secondo grado, con tematiche legate ai diritti umani fondamentali, all acqua, al cibo, ai giochi, all ambiente, all Africa, alla cartografia. Bambini e giovani si mostrano sempre molto sensibili e disponibili ad affrontare questi temi Questa è una delle motivazioni che ci muovono e che ci danno la speranza, e anche la fiducia, di poter continuare a far vibrare diverse corde. I 10 percorsi didattici sono consultabili sul sito LVIA sezione LVIA Forlì Per informazioni: Sostegno a distanza: cerchiamo padrini e madrine in Senegal e Tanzania. Contattaci: tel. 0171/ Maggiori informazioni sul sito LVIA: La Bre Banca Lannutti Cuneo promuove il progetto LVIA Acqua per il Kenya La Bre Banca Lannutti Cuneo, squadra maschile di volley che milita nel campionato nazionale di pallavolo Serie A1, diventa portatore d acqua con la LVIA. Nel corso della partita contro la Tonno Callipo Vibo Valentia, disputata domenica 15 novembre nel Palasport di Cuneo, i giocatori hanno indossato la maglietta di Acqua è vita, la Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi lanciata dalla LVIA per portare acqua in Africa. Coinvolgendo il pubblico, la LVIA ha lanciato un appello a farsi portatrice d acqua sostenendo il progetto Acqua per il Kenya. Il paese è colpito da una gravissima siccità, tanto che l ONU prevede di inviare aiuti ulteriori per 3,8 milioni di persone. La LVIA, presente in Kenya dal 1967, sta attualmente portando avanti un progetto per garantire a persone la possibilità di avere accesso all acqua nel proprio villaggio. Le attività prevedono la realizzazione di una rete idrica attraverso il prolungamento di due acquedotti, la costruzione di serbatoi e di piccoli bacini. Anche alcuni campioni olimpici sostengono l azione della LVIA per l acqua in Africa: Stefania Belmondo testimonial Acqua è vita - la giovane cuneese Elisa Rigaudo, Josefa Idem e i fratelli Damilano. foto di Gianmario Cerato.

13 italia solidale LVIA porta in Italia RUN FOR WATER l iniziativa globale per contribuire a risolvere la crisi idrica mondiale Una corsa per l acqua: da Milano a Buenos Aires, da Città del Capo a Los Angeles, da Hong Kong a Londra. Sono solo alcune delle città che, nei cinque continenti, ospiteranno l evento Dow Live Earth Run for Water, un progetto lanciato da Live Earth, la società fondata dal produttore e vincitore del premio Emmy Award Kevin Wall, in collaborazione con l'ex Vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore, per realizzare la più vasta iniziativa mai registrata prima, a livello mondiale, finalizzata a combattere la crisi idrica globale. L annuncio è stato fatto il 13 ottobre 2009 a New York: una coalizione di 20 organizzazioni non governative - tra cui la LVIA è l unica italiana - sostenute da celebrità di fama internazionale, si occuperà dell organizzazione dell evento, fissato per il 18 aprile 2010, che consisterà in una serie di corse di 6 km - ovvero il tragitto che in molti paesi africani compiono donne e bambine, ogni giorno, a piedi, per procurarsi dell'acqua - e si protrarrà per un arco di 24 ore con concerti e attività educative sul tema dell'acqua, finalizzati a mobilitare la società civile sui temi della crisi idrica. Sandro Bobba, Presidente LVIA spiega: «L acqua è il primo dei diritti umani. Questo è anche il primo settore in cui la LVIA si è adoperata fin dall inizio in Africa e con le popolazioni africane, dal La crisi idrica è una questione globale la cui risoluzione non può essere solo delegata ad altri. Dipende da ognuno di noi». Nel mondo, una persona su otto non ha accesso ad acqua potabile, igienicamente sicura e pulita. L'88% dei casi di diarrea in tutto il mondo è connesso alle condizioni dell'acqua insufficienti e non igieniche. Tali casi hanno come conseguenza morti ogni anno, in gran parte bambini sotto i cinque anni di età. Sandro Bobba sottolinea: «La LVIA insieme a Live Earth esorta i cittadini italiani ad iniziare a risolvere il problema oggi, a correre nella corsa per l acqua a Milano, ad adottare pratiche di consumo responsabile, a donare fondi per sostenere progetti idrici in Africa e a prendere posizione firmando la petizione di Live Earth perché l'acqua venga inclusa tra i diritti fondamentali dell'uomo». Corri con la LVIA a Milano! Ti aspettiamo il 18 aprile. Le iscrizioni alla corsa per il Dow Live Earth for Water sono aperte, attraverso l'indirizzo web Il 10% di tutte le quote di iscrizione in Italia va a sostenere il progetto LVIA Acqua per il Kenya per garantire a persone la possibilità di avere accesso all acqua pulita e potabile nel proprio villaggio. Il progetto, che vede la collaborazione del Water Program Coordination Office della Diocesi di Meru, ha ricevuto un cofinanziamento dell Unione Europea. Ora, per continuare i lavori, sono necessari ulteriori fondi e contributi L ANPAS di Carpi porta l acqua in un villaggio del Mali AVIS e AIDO con Acqua è vita per i bambini del Mali Nasce una nuova collaborazione con AVIS e AIDO. Le sezioni di Nichelino delle due associazioni hanno deciso di sostenere l impegno della LVIA per garantire alla popolazione del nord del Mali l accesso all acqua potabile nel proprio villaggio. A questo scopo, sabato 5 dicembre alle al Teatro Superga a Nichelino, AVIS e AIDO, con la collaborazione della LVIA, del gruppo teatrale Patch Adams del CRAL ASL TO2 ed il patrocinio della Città di Nichelino, presentano Una giornata complessa in un ambulatorio di diabetologia, commedia in due atti scritta e diretta da Salvatore Bennati. L importo della serata sarà devoluto al progetto avviato dalla LVIA Acqua è vita per i bambini del Mali. I volontari LVIA illustreranno il progetto. L Anpas di Carpi ha devoluto euro per la realizzazione di un opera idrica nel villaggio di Koukorou, nel nord del Mali. L opera è stata realizzata nell ambito del progetto avviato dalla LVIA in collaborazione con l Ong locale Tassaght Niger chiama Po per il Diritto all Acqua in Mali che prevede l istituzione di un Fondo per il Diritto all Acqua pari a euro, da gestire localmente, per la costruzione di pozzi e pompe a mano e la diffusione di knowhow tramite la formazione di tecnici e cooperative di gestione dei servizi idrici. Complessivamente, si riusciranno a garantire 25 litri al giorno di acqua potabile a persone e si metteranno le basi per l autonomia nella gestione delle risorse idriche. Il contributo dell Anpas di Carpi si aggiunge alle offerte delle pubbliche assistenze Volontari del Soccorso Cusio Sud Ovest, Croce Bianca di Genova Bolzaneto e Pubblica assistenza di San Maurizio d Opaglio. La collaborazione tra ANPAS e LVIA è nata con l iniziativa Finché c è acqua c è speranza. Una discesa sul Po per il Mali, l avventura della Panda anfibia Terramare che dal 18 al 27 maggio 2007 ha percorso il più lungo fiume d Italia sostenendo con la LVIA il diritto all acqua delle popolazioni del Mali. 13

14 acqua è vita acqua per la vita case per vivere con LVIA per l acqua in Burkina Faso 14 Si chiama Acqua per la vita. Case per vivere l iniziativa di solidarietà ideata da Solo Affitti, franchising leader in Italia con oltre 230 agenzie presenti sul territorio nazionale, lanciata il 9 luglio 2009 presso il Golf Club di Milano Marittima. L iniziativa promuove una raccolta fondi tra gli affiliati Solo Affitti per contribuire a migliorare le condizioni di vita delle popolazioni della Valle della Nouhao, in Burkina Faso. Gli obiettivi sono realizzare opere idriche che garantiranno l accesso permanente all acqua potabile in uno o più villaggi, e fornire adeguata formazione alla popolazione e ai tecnici locali. Le Agenzie Solo Affitti stanno organizzando delle cene solidali in varie città italiane: entro la fine dell anno sono in programma cene a Pistoia, Moncalieri e Padova e per i primi mesi del 2010 a Ciriè, Grosseto, San Donà di Piave, Melzo, Milano, Ravenna, Sanremo e Bastia Umbra. Silvia Spronelli, Presidente di Solo Affitti, afferma: «Siamo orgogliosi di poter collaborare ad un progetto che ha obiettivi solidali e non di solo profitto, riuscendo a guardare anche oltre la realtà economica di casa nostra. La collaborazione con LVIA ci permetterà di salvare la vita di numerosi bambini altrimenti costretti a bere acqua insalubre, causa di malattie che causano un elevatissima mortalità infantile nei paesi subsahariani». Qualcuno sostiene che la felicità porta fortuna! Noi ci crediamo e vorremmo che il nostro successo e l entusiasmo con cui ci occupiamo di questo lavoro possano essere contagiosi e portare buoni risultati anche in realtà del tutto diverse e lontane dalle nostre. Staff Solo Affitti Il progetto In passato, gli abitanti della Valle della Nouhao, regione nel sud-est del Burkina Faso, sono stati costetti a fuggire dalle proprie abitazioni a causa di una terribile epidemia: l oncocercosi, meglio conosciuta come cecità fluviale. Negli anni Ottanta, dopo lunghi anni di abbandono, un intervento congiunto del Governo del Burkina Faso e dell OMS ha debellato la malattia e gli abitanti della Valle, agricoltori e allevatori, stanno tornando a popolare i propri villaggi. Tuttavia, molte difficoltà permangono nell area: le condizioni di vita restano al di sotto della media nazionale e uno dei fattori più gravi è la mancanza acqua potabile: uomini, donne e bambini sono costretti a bere acqua infetta e la poca acqua disponibile è contesa tra agricoltori e allevatori per le proprie attività. L acqua è una delle risposte: fonte di vita, sviluppo e formazione. Una speranza per persone La LVIA, presente in Burkina Faso dal 1972, opera nella Valle della Nouhao con un programma promosso dal Ministero Affari Esteri Italiano e in collaborazione con il Ministero della Risorse Animali del Burkina Faso per sperimentare una gestione del territorio capace di lanciare un processo di investimenti, incrementare le produzioni agro-pastorali e rafforzare l economia rurale. Una parte delle azioni è finalizzata ad interventi idrici, basilari per avviare i processi di sviluppo, in base ai quali attraverso la trivellazione di nuovi forages, l installazione di pompe e la riabilitazione di punti d acqua, persone avranno accesso all acqua potabile nel proprio villaggio. Con euro sarà possibile: costruire 1 punto acqua (trivellazione ed equipaggiamento di superficie) in un villaggio, capace di servire 500 persone; costituire e formare il Comitato di gestione, che garantirà l utilizzo corretto e sostenibile dell opera idrica supervisionando il prelievo dell acqua e gestendo le spese di manutenzione. I membri, scelti dagli abitanti del villaggio, riceveranno una formazione specifica; svolgere attività di sensibilizzazione: incontri con le popolazioni dei villaggi relativamente a modalità di gestione duratura dell infrastruttura idrica. L augurio è che l acqua arrivi in tanti villaggi della Valle! Il batik Acqua per la vita case per vivere Per contribuire all iniziativa Acqua per la vita, Case per vivere, tramite il versamento di 23 euro su c/c o attraverso il sito internet tutti possono acquistare un batik, delle dimensioni 80 x 40 cm, realizzato dall artista burkinabé Zoungrana Ernest Cos è un batik Il batik è realizzato su tela di cotone. Dopo la preparazione del disegno, l artista applica della cera sciolta sulle parti che non vuole colorare: questa, impermeabilizzando il tessuto, impedisce al colore di aderirvi. Quando la cera è asciutta si procede alla tintura, immergendo il tessuto in una vasca con il bagno di tintura. Seguono il risciacquo e l asciugatura. Poi la cera viene eliminata mettendo il tessuto tra strati di carta e passando un ferro caldo: la cera viene sciolta e assorbita dalla carta. Solitamente i batik africani raffigurano scene di vita quotidiana. L autore Zoungrana Ernest, detto Mingo (ZEM) è un artista burkinabé che opera a Ouaga - dou gou dal Oggi è considerato un ambasciatore dell arte africana. Crede che solo il lavoro e l impegno possano rendere l uomo libero e garantirgli dignità di vita. I numerosi premi vinti in differenti competizioni artistico-culturali, testimoniano la sua carriera.

15 azioni locali per diritti globali Una Campagna che ti chiede di diventare protagonista di cambiamento e di giustizia! LaCampagna Molla la plastica! Azioni locali per diritti globali è promossa dalla LVIA in collaborazione con il Museo A come Ambiente, la Compagnia teatrale ITINERARIA e l Asso cia zione ReAcademy Foundation. Sindaco di un comune o preside di una scuola, studente o insegnante, membro di un'associazione o di un gruppo sportivo, libero professionista, prete, imam, bancario, operaio, industriale o pensionato, ti chiediamo di fare qualcosa per l'ambiente in cui vivi, per migliorarlo, renderlo più pulito, per liberarlo dalla plastica. Oggi subiamo le conseguenze di modelli di produzione e consumo insostenibili: il riscaldamento globale, la crisi energetica, l emergenza-rifiuti sono alcune di queste. Il cambiamento climatico sta trascinando sempre più persone sotto la soglia di povertà: le società rurali, le popolazioni più povere, sono più vulnerabili alla desertificazione, alla scarsità idrica e ai disastri naturali. La LVIA ha imparato dall'africa, dove ogni oggetto è riutilizzato e trasformato, e proprio a partire dall Africa ti proponiamo di agire con azioni concrete. Ognuno di noi è chiamato a diventare protagonista di cambiamento e di giustizia! Cosa ti proponiamo: PER DIFFONDERE UNA CULTURA RISPETTOSA DELL'AMBIENTE OSPITA Q.B. Quanto Basta. Stili di vita per un futuro equo: lo spettacolo della compagnia teatrale ITINERARIA. PROMUOVI i percorsi didattici Ambiente e solidarietà. Un kit di righelli per conoscere il Burkina Faso. ORGANIZZA un incontro di sensibilizzazione con la cittadinanza. PER AIUTARE L'AFRICA "RICICLANDO" Fai un'azione per l'ambiente e sostieni i progetti di valorizzazione dei rifiuti plastici promossi dalla LVIA in Africa ACQUISTA un kit didattico (composto da righello, squadretta, goniometro, normografo) prodotto in Burkina Faso e promuovi i kit nelle scuole della tua città MOLLA i tappi di plastica negli appostiti container e promuovi la raccolta tappi tra i tuoi amici. PER ESERCITARE LA CITTADINANZA ATTIVA FONDA un Club Molla la plastica! e fatti promotore di uno sviluppo sostenibile. UTILIZZA la shopper Molla la plastica! e portala con te quando vai a fare la spesa. RIDUCI gli imballaggi utilizzando i prodotti sfusi. RICICLA con Mr-PET: il contenitore interattivo promosso da Re-Academy che puoi trovare nei supermercati CREA UN CLIMA DI GIUSTIZIA : firma l appello della Campagna internazionale promossa da Volontari nel mondo - FOCSIV sul sito Gli strumenti che la LVIA ti mette a disposizione K Mostra e video "Ambiente e solidarietà. Un kit di righelli per conoscere il Burkina Faso" K Libretto per le scuole "A lezione di plastica con Salimata" K Video "Yel Kabeyè. Donne e futuro a Ouagadougou" prodotto da FOCSIV e Segretariato Sociale Rai K Pubblicazione "Proteggere l'ambiente valorizzando i rifiuti. La gestione dei rifiuti plastici nelle città africane" K Kit didattico in plastica riciclata (righello, squadretta, goniometro, normografo) prodotto in Burkina Faso K Shopper in tnt "Molla la plastica!" (dimensioni 36x33 cm), con possibilità di personalizzazione 15

16 Se vuoi condividere con amici e parenti un messaggio di solidarietà... Se vuoi che ogni giorno rappresenti un opportunità di impegno... La LVIA ti propone un calendario da tavolo e un biglietto augurale Se vuoi che il Natale diventi un occasione per fare un regalo solidale agli amici e ai famigliari scegli uno dei progetti che ti proponiamo a pagina 10 o richiedi i gadget delle nostre Campagne: calendario da tavolo formato 19x14,5 cm contributo richiesto 5,00 euro biglietto augurale formato 15x10,5 cm contributo richiesto 1,20 euro batik formato 80x40 cm contributo richiesto 23,00 euro shopper formato 36x33 cm contributo richiesto 3,00 euro kit didattico in plastica riciclata: contributo richiesto 5,00 euro magliette verrà la pace e acqua è vita (disponibile nelle differenti taglie) contributo richiesto 12,00 euro 2006/12 I fondi raccolti saranno destinati ai progetti che LVIA realizza per garantire acqua, cibo, salute, istruzione e pari opportunità a uomini, donne e bambini del Sud del mondo. (escluse le spese di spedizione) Per informazioni contatta la sede LVIA: 0171/

Una scelta di responsabilità sociale. Una PARTNERSHIP di VALORE. Porsi al servizio del Bene Comune. Benedetto XVI (Caritas in Veritate)

Una scelta di responsabilità sociale. Una PARTNERSHIP di VALORE. Porsi al servizio del Bene Comune. Benedetto XVI (Caritas in Veritate) Una scelta di responsabilità sociale Una PARTNERSHIP di VALORE Porsi al servizio del Bene Comune Benedetto XVI (Caritas in Veritate) In una società confusa che non riesce a superare l individualismo, la

Dettagli

Il centro di valorizzazione della plastica

Il centro di valorizzazione della plastica Il centro di valorizzazione della plastica Nel Centro di valorizzazione la plastica è pesata e acquistata dalle donne che, grazie alla formazione inizialmente dispensata dalla LVIA, sono in grado di selezionarla

Dettagli

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo Orti comunitari di N Ganon e Nangounkaha, Costa d Avorio Foto Archivio Slow Food Progetto Slow Food

Dettagli

PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU

PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU 1 PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU Buongiorno, oggi siamo qui riuniti in questo Centro Congressi appartenente al Vaticano per discutere la tutela dell'ambiente, in uno dei suoi molti rami, l

Dettagli

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011 Mani Unite Unite Onlus Presentiamo anche quest anno, come doverosa consuetudine, la sintesi delle attività realizzate nel corso del 2011 a favore dei bambini che soffrono ingiustizie, fame e carenze non

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11

Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11 Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11 DC.DP.00.33 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE aiutare i bambini ONLUS "aiutare i bambini" è una fondazione italiana, laica e indipendente, nata

Dettagli

«L'acqua é vita» Dei pozzi per il Burkina Faso. Nelle regioni rurali, 1 persona su 2 non ha accesso à l acqua potabile

«L'acqua é vita» Dei pozzi per il Burkina Faso. Nelle regioni rurali, 1 persona su 2 non ha accesso à l acqua potabile «L'acqua é vita» Dei pozzi per il Burkina Faso Nelle regioni rurali, 1 persona su 2 non ha accesso à l acqua potabile Miglioriamo insieme le condizioni di vita costruendo loro dei pozzi Il costo finanziario

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

La Casa delle donne Benin

La Casa delle donne Benin La Casa delle donne Benin Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, di garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona LA FONDAZIONE AVSI La Fondazione AVSI è un organizzazione non governativa, ONLUS, nata nel 1972 e impegnata con oltre 100 progetti di cooperazione allo sviluppo in 37 paesi del mondo di Africa, America

Dettagli

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI MODENA, GIUGNO 2006 Pagina 1 di 6 Premessa Questo documento nasce dalla volontà di formalizzare l avvio di una rete di soggetti operanti, a vario titolo,

Dettagli

Programma di adozioni a distanza

Programma di adozioni a distanza Programma di adozioni a distanza Tutti noi siamo stati bambini, certamente più fortunati di molti altri perchè abbiamo avuto chi ci ha seguito e ci ha consentito di diventare adulti. Ma in tutto il mondo

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

Prot. 262/09. Venezia, 18 dicembre 2009

Prot. 262/09. Venezia, 18 dicembre 2009 Prot. 262/09 Venezia, 18 dicembre 2009 Ogg.: Presentazione del Progetto Europeo Sensibilizzazione ed educazione allo sviluppo in Europa anno 2010-2011 Egregi Signori/Direttori scolastici, siamo lieti di

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia Obiettivi della serata Presentazione del contesto in cui si inserisce il percorso «Famiglie

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Durante il viaggio in Guatemala del 2008 abbiamo conosciuto padre Clemente Peneleu, prete cattolico di etnia maya, cittadino guatemalteco in servizio

Durante il viaggio in Guatemala del 2008 abbiamo conosciuto padre Clemente Peneleu, prete cattolico di etnia maya, cittadino guatemalteco in servizio Durante il viaggio in Guatemala del 2008 abbiamo conosciuto padre Clemente Peneleu, prete cattolico di etnia maya, cittadino guatemalteco in servizio pastorale nella regione del Quiche. Padre Clemente

Dettagli

AFGHANISTAN: Programma di aiuti alimentari nella Provincia di Jawzjan. Rapporto Finale per:

AFGHANISTAN: Programma di aiuti alimentari nella Provincia di Jawzjan. Rapporto Finale per: AFGHANISTAN: Programma di aiuti alimentari nella Provincia di Jawzjan Rapporto Finale per: ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2040 GRUPPO MI 4 ANNO 2008/2009 Progetto Obiettivo del progetto Beneficiari diretti

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015

Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015 Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015 E indubbio che dobbiamo fare molto di più in favore della donna, se vogliamo ridare più

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA CHIESA E CRISI ECONOMICA: PRESTITO DELLA SPERANZA GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA PRESTITO DELLA SPERANZA Il Prestito della Speranza è una iniziativa della Chiesa Cattolica

Dettagli

COSA NE SAPPIAMO DEL SAHEL? QUIZ SICUREZZA ALIMENTARE

COSA NE SAPPIAMO DEL SAHEL? QUIZ SICUREZZA ALIMENTARE Tipo di attività/strumento Quiz a risposta multipla Spunti didattici COSA NE SAPPIAMO DEL SAHEL? QUIZ SICUREZZA ALIMENTARE Conoscenza e approfondimento dei concetti di sicurezza e sovranità alimentare.

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

LAUDATO SI : un canto coraggioso e profetico

LAUDATO SI : un canto coraggioso e profetico 43 ECCLESIA LAUDATO SI : un canto coraggioso e profetico dottrinale astratto» e che siano «destinati» a tutti e non solo «ad alcuni specialisti»: l enciclica è un e- sempio di quell intenzione di offrire

Dettagli

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare.

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare. FONDAZIONE GEDAMA onlus organizzazione non lucrativa di utilità sociale - Iscritta nel Registro Prefettizio delle Persone Giuridiche della Prefettura di Bergamo al n. 17 della parte 1^ ( parte generale)

Dettagli

IFAD e l Italia: un partenariato per sconfiggere la fame e la povertà

IFAD e l Italia: un partenariato per sconfiggere la fame e la povertà IFAD e l Italia: un partenariato per sconfiggere la fame e la povertà IFAD/GMB Akash L IFAD aiuta le popolazioni indigene e altri gruppi emarginati a migliorare le proprie condizioni di vita. Filippine

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus

Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus Rovereto, 20 aprile 2012 RELAZIONE PRESIDENTE Cari amici, grazie per la vostra presenza alla nostra assemblea che quest anno abbiamo programmato in un giorno settimanale,

Dettagli

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION La VER è un azione volontaria che ha lo scopo di ridurre la propria impronta di carbonio (CO2), principale causa dell effetto serra. La VER viene attivata da Aziende sensibili

Dettagli

Concorso Una ricetta da 1 euro

Concorso Una ricetta da 1 euro Progetto educativo per una cultura del dono Concorso Una ricetta da 1 euro Como aprile 2007 1. Introduzione Il presente progetto prende le mosse da una considerazione tanto semplice quanto oggi rimossa:

Dettagli

PASSO DOPO PASSO ALTRE TRE SCUOLE IN KARAMOJA

PASSO DOPO PASSO ALTRE TRE SCUOLE IN KARAMOJA PROGETTO 10.1 maggio 2013 maggio 2014 36.278 euro Uganda PROGETTO In Karamoja, nel distretto di Moroto la percentuale di alfabetizzazione è al 13%. Sull 80% dei bambini iscritti alla scuola primaria,

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia Master progettazione urbana sostenibile L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia - Cooperativa e sostenibilità - Risorse umane e Coop casa Brescia Il bilancio sociale e il processo

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

Centro Missionario Diocesano - Trento. Alla ricerca del bene comune. Crescere insieme oltre le visioni parziali. I.R.

Centro Missionario Diocesano - Trento. Alla ricerca del bene comune. Crescere insieme oltre le visioni parziali. I.R. Centro Missionario Diocesano - Trento I.R. Alla ricerca del bene comune. Crescere insieme oltre le visioni parziali. Progetto Anno Pastorale 2008/2009 ALLA RICERCA DEL BENE COMUNE! Ma cos è questo bene

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome.

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome. Realizzazione di un Laboratorio di Diagnostica avanzata nella città di Nampula in Mozambico nel quadro di un Programma di prevenzione e lotta all AIDS PROGETTO - NOTIZIE - COME ADERIRE E RIFERIMENTI PER

Dettagli

LA DECRESCITA FELICE Viaggio alla ricerca del vivere a misura d uomo.

LA DECRESCITA FELICE Viaggio alla ricerca del vivere a misura d uomo. Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau LA DECRESCITA FELICE Viaggio alla ricerca del vivere a misura d uomo. Con la compartecipazione della Provincia di Bologna, Tavolo Provinciale per la Pace.

Dettagli

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione PREMESSA La rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione Bhalobasa. Nel perseguire questo nucleo di valori, la Carta individua le responsabilità e ispira i comportamenti

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

Si conclude all Expo Milano il progetto della Libertas sport - cibo - salute 2015

Si conclude all Expo Milano il progetto della Libertas sport - cibo - salute 2015 ! 1 ottobre 2015 - Padiglione 73 - G17 Intesa Sanpaolo Si conclude all Expo Milano il progetto della Libertas sport - cibo - salute 2015 Enrico Fora direttore responsabile Libertas Sprint Si conclude nella

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

AMBIENTE RAPPORTO CUNEO 2008. I comuni cuneesi "ricloni" BRA DOGLIANI MARENE VILLANOVA MONDOVI' FARIGLIANO RACCONIGI MAGLIANO ALPI VERDUNO

AMBIENTE RAPPORTO CUNEO 2008. I comuni cuneesi ricloni BRA DOGLIANI MARENE VILLANOVA MONDOVI' FARIGLIANO RACCONIGI MAGLIANO ALPI VERDUNO RAPPORTO CUNEO 2008 AMBIENTE Produzione pro-capite di rifiuti urbani (in Kg) - anni 2004-2006 ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO VERBANO-CUSIO-OSSOLA VERCELLI 2004 2005 2006 I comuni cuneesi "ricloni"

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI La tutela e la promozione dei diritti dei minori nel mondo sono la strada obbligata per la crescita dei Paesi in Via di Sviluppo e

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

Progetto Scuole Catalogo proposte 2012/2013

Progetto Scuole Catalogo proposte 2012/2013 Progetto Scuole Catalogo proposte 2012/2013 DC.DP.00.42 Fondazione aiutare i bambini Onlus Via Ronchi, 17-20134 Milano - Tel. 02 70.60.35.30 Email: info@aiutareibambini.it - www.aiutareibambini.it Fondazione

Dettagli

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Giugno 2007 Indice Indagine sul consenso sociale dell energia eolica in Italia

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

H2On Scuola di formazione musicale Comunità di Guerin- Haiti

H2On Scuola di formazione musicale Comunità di Guerin- Haiti H2On Scuola di formazione musicale Comunità di Guerin- Haiti I Promotori di Progetto Geologos sin Fronteras nasce in Spagna nel 2005 da un idea di alcuni Geologi di grande esperienza internazionale. Nel

Dettagli

Entra nella mia vita.

Entra nella mia vita. Entra nella mia vita. Cambiala. Il diritto di essere bambini. Perché tutti i bambini abbiano salute, istruzione e amore. Ogni giorno. Una campagna promossa da 2 Da quando siamo nati abbiamo imparato tante

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale. Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano

Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale. Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano Land Grabbing Un attività ambigua: Consiste in acquisizioni

Dettagli

Il cartone vince sul degrado

Il cartone vince sul degrado 1. Il cartone vince sul degrado inshare Il cartone vince sul degrado di Sergio Ferraris Al Rione Sanità ogni giorno si raccolgono 2,3 tonnellate di cartone. Un risultato eccellente dovuto non solo alla

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Viaggio in Senegal. 1 13 Gennaio 2006

Viaggio in Senegal. 1 13 Gennaio 2006 Viaggio in Senegal 1 13 Gennaio 2006 I volontari di SOS Diritti Umani Energia per i Diritti Umani onlus si sono recati in Senegal dal 1 al 13 gennaio 2006. Attività svolte 1. Campagna di Sostegno a distanza.

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Alcune domande Quanti siamo? Quanti poveri ci sono? Tra questi ultimi, quanti

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

I numeri della felicità

I numeri della felicità I numeri della felicità Donato Speroni Istituto per la Formazione al Giornalismo Università di Urbino Cerchiamo di rispondere a queste domande 1 La felicità si può misurare? 2 La misura della felicità

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Tre PROGETTI per HAITI

Tre PROGETTI per HAITI Tre PROGETTI per HAITI EMERGENZA HAITI p. 2 SAINT CHARLE A CROIX DES BOUQUES PROGETTO SOSTEGNO SCUOLA PRIMARIA p. 3 DAJABON PROGETTO CASA FAMIGLIA PER BAMBINI ORFANI p. 4 LÉ0GANE PROGETTO RICOSTRUZIONE

Dettagli

CAMPI DI VOLONTARIATO 2012

CAMPI DI VOLONTARIATO 2012 CAMPI DI VOLONTARIATO 2012 SOLIDARIETA ANCHE IN VACANZA! I campi estivi di Mani Tese sono un modo alternativo di trascorrere le vacanze estive. Sono una sperimentazione di stili di vita sostenibili, un

Dettagli

AMREF PORTA L ACQUA. Hotel Milano Scala

AMREF PORTA L ACQUA. Hotel Milano Scala AMREF PORTA L ACQUA Pozzo finanziato grazie a Hotel Milano Scala Paese: Kenya Distretto di Kitui AREA D INTERVENTO Mutethya, questo è il nome che la comunità ha dato al pozzo, si trova in Kenya, nel villaggio

Dettagli

Rete solidale per il co-sviluppo

Rete solidale per il co-sviluppo Laboratorio per il Co-sviluppo Circolo di Abbiategrasso Rete solidale per il co-sviluppo Cinque progetti per il territorio 1 Cari amici, dopo un anno dall inizio dei nostri primi incontri, possiamo affermare

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Parlamento dei giovani per l acqua Torino, 10 dicembre 2007

Parlamento dei giovani per l acqua Torino, 10 dicembre 2007 Parlamento dei giovani per l acqua Torino, 10 dicembre 2007 Classe III A Istituto Professionale per l agricoltura e l ambiente sede associata dell IIS B.Vittone di Chieri Siamo la classe III A dell Istituto

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA

PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2100 CLUB DI LOCRI 1961 PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA Lo scopo di questo Piano Strategico consiste nel fornire una guida e linee di indirizzo per il Presidente

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute Adelaide (Australia), 5-9 aprile 1988 Conferenza Internazionale Le Raccomandazioni di Adelaide The Adelaide Recommendations 2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute L adozione della Dichiarazione

Dettagli

Training Local Leaders Progetto di educazione alimentare a Itabo, Cuba

Training Local Leaders Progetto di educazione alimentare a Itabo, Cuba Training Local Leaders Progetto di educazione alimentare a Itabo, Cuba Un progetto per rafforzare la produzione agricola locale organizzato dalla comunità di Terra Madre Proyecto Comunitario Conservación

Dettagli

Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro

Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro A partire dalle numerose esperienze sbocciate in alcune diocesi nel campo del microcredito a sostegno delle imprese nate dal Progetto Policoro

Dettagli

DAL SENEGAL AL BURKINA FASO, DA 4 A 25 INSIEME PER UN UNICO OBIETTIVO. Capitalizzare le esperienze

DAL SENEGAL AL BURKINA FASO, DA 4 A 25 INSIEME PER UN UNICO OBIETTIVO. Capitalizzare le esperienze Capitalizzare le esperienze DAL SENEGAL AL BURKINA FASO, DA 4 A 25 Nel 2007 quattro tra le principali Fondazioni di origine bancaria italiane, Compagnia di San Paolo, Fondazione Cariparma, Fondazione Cariplo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO PROVINCIALE DI COOPERAZIONE DECENTRATA NEL BACINO DEL FIUME CONGO

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO PROVINCIALE DI COOPERAZIONE DECENTRATA NEL BACINO DEL FIUME CONGO PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO PROVINCIALE DI COOPERAZIONE DECENTRATA NEL BACINO DEL FIUME CONGO Premesso che: la Repubblica Democratica del Congo e la Repubblica del Congo (nota anche

Dettagli

SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE

SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE Verso la costruzione della SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE Insieme possiamo porre fine alla fame e alla malnutrizione José Graziano da Silva, Direttore Generale della FAO UNA VISIONE COMUNE L Organizzazione

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà

La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà COpertina Esempio:Layout 1 30-04-2009 13:04 Pagina 1 La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà Bastioni di Porta Volta, 7 20121 Milano Tel.: 02/29003018 Fax: 02/29003396 Viale Pasteur, 10 00144 Roma Tel.: 06/5919131

Dettagli

PERU, HOGAR REBUSCHINI

PERU, HOGAR REBUSCHINI OTTOBRE MISSIONARIO 2014 PERU, HOGAR REBUSCHINI Mortalità infantile sotto i 5 anni per ogni 1000 nati vivi (2012) Persone affette da HIV (migliaia) (stima 2012) accesso all acqua potabile accesso ad impianti

Dettagli

Diversi modi di cooperare Documento per l insegnante. Autore: Patrick Gilliard (Con la collaborazione di Lucy Clavel Raemy)

Diversi modi di cooperare Documento per l insegnante. Autore: Patrick Gilliard (Con la collaborazione di Lucy Clavel Raemy) Diversi modi di cooperare Documento per l insegnante Autore: Patrick Gilliard (Con la collaborazione di Lucy Clavel Raemy) 1 «Se date un pesce a un povero mangerà un giorno, ma se gli insegnate a pescare,

Dettagli

KAIRUNE CENTRO DI RECUPERO DEI BAMBINI DEL MERU KENYA

KAIRUNE CENTRO DI RECUPERO DEI BAMBINI DEL MERU KENYA KAIRUNE CENTRO DI RECUPERO DEI BAMBINI DEL MERU KENYA Il centro di recupero dei bambini del Meru Kenya fu fondato verso la fine degli anni ottanta del precedente secolo da un missionario cuneese, di origini

Dettagli

ITINERARI DI EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE A BRESCIA SCHEDA SVI-BRESCIA. Volontari richiesti: 2

ITINERARI DI EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE A BRESCIA SCHEDA SVI-BRESCIA. Volontari richiesti: 2 ITINERARI DI EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE A BRESCIA SCHEDA SVI-BRESCIA Volontari richiesti: 2 SEDE DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: Brescia Descrizione del contesto territoriale:

Dettagli

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese I prezzi non dovrebbero essere fissati al livello più basso possibile, ma a quello sufficiente per fornire ai produttori degli standard adeguati

Dettagli