Autorità: Data: Classificazioni: Fatto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Autorità: Data: Classificazioni: Fatto"

Transcript

1 Autorità: Cassazione civile sez. II Data: 09/05/2013 n Classificazioni: RESPONSABILITÀ PATRIMONIALE LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. GOLDONI Umberto - Presidente - Dott. BURSESE Gaetano Antonio - Consigliere - Dott. NUZZO Laurenza - Consigliere - Dott. FALASCHI Milena - rel. Consigliere - Dott. SCALISI Antonino - Consigliere - ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso (iscritto al N.R.G. 1700/07) proposto da: Fallimento MA.DI.MA. IMMOBILIARE s.r.l., rappresentato e difeso, in forza di procura speciale a margine del ricorso, dall'avv.to Prof. Grasso Biagio del foro di Napoli ed elettivamente domiciliato presso lo studio dell'avv.to Prof. Di Amato Adolfo in Roma, via Nizza n. 59; - ricorrente - contro P.A., PE.AN. e GENERAL TRADING s.r.l., quest'ultima in persona dell'a.u., rappresentati e difesi dall'avv.to Prof. Martorano Federico del foro di Napoli, in virtù di procura speciale apposta a margine del controricorso, ed elettivamente domiciliati presso lo studio dell'avv.to Prof. Francesco Saverio Martorano in Roma, via Dora n. 2; - controricorrente - avverso la sentenza della Corte d'appello di Napoli n depositata il 6 ottobre 2006; Udita la relazione della causa svolta nell'udienza pubblica del 15 gennaio 2013 dal Consigliere relatore Dott.ssa Milena Falaschi; uditi gli Avv.ti Franca Fimiani (con delega dell'avv.to Biagio Grasso), per parte ricorrente, e Federico Martorano, per parte resistente; udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. FUCCI Costantino, che ha concluso per l'accoglimento del quinto e sesto motivo di ricorso, rigettati i restanti. Fatto SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto di citazione notificato in data 4 febbraio 1995 P. A., PE.An. e la GENERAL TRADING s.r.l. evocavano, dinanzi al Tribunale di Napoli, la MADIMA IMMOBILIARE s.r.l., la MADIMA COMMERCIALE s.a.s. di Gaetano Di Capua e C. e D.G. C. e premesso che nel settembre 1990 il P., esercente - unitamente alla moglie PE. - attività commerciale di ristorazione e vendita bevande e merci varie nel complesso denominato (OMISSIS), tramite la società La Ristoratrice s.a.s., si era rivolto al D.C. per ottenere un prestito, perchè oppresso da un forte indebitamento, offrendo in garanzia - nella circostanza - un insieme di proprietà immobiliari esistenti nel predetto complesso intestati ai coniugi e alla s.a.s., ricorrendo alla stipula di una scrittura di vendita, non sottoposta a registrazione e successiva trascrizione, unitamente alla s.a.s. La Ristoratrice, con la quale i coniugi e la stessa s.a.s. alienavano al D.C., acquirente per sè o per persona da nominare in sede di formalizzazione dell'atto pubblico, diverse unità immobiliari site in (OMISSIS), indicato il corrispettivo in L , da corrispondersi quanto a L con il pagamento di tutte le pendenze gravanti sui venditori verso terzi e precisamente Istituti bancari, creditori privati e fornitori, mentre il residuo prezzo veniva pagato figurativamente all'atto della sottoscrizione della scrittura, mediante due assegni tratti sul Banco di Roma all'ordine dello stesso D.C. per L ciascuno, che venivano immediatamente rigirati e riconsegnati al traente; aggiungevano che alla scrittura veniva apposta una postilla, secondo la quale il D.C. si impegnava a versare ai venditori la differenza di L entro il , di L entro il e di L in sede di stipula dell'atto pubblico; proseguivano affermando che la vendita aveva solo una funzione di garanzia, essendo gli alienanti rimasti nel pieno possesso e godimento dei cespiti, dei quali il P. continuava a provvedere al pagamento degli oneri condominiali e che contestualmente alla stipula della scrittura privata gli alienanti avevano rilasciato al D.C. una procura generale, contenente le più ampie facoltà, che in caso di vendita degli immobili prevedeva la limitazione

2 di un preventivo accordo tra i mandanti e il D. C., che veniva disatteso dall'acquirente, il quale alienava i cespiti alla Madima Immobiliare, della quale egli era socio al 90%, con rogito per notaio Olivieri del , al prezzo complessivo di L , che poi con rogito in pari data venivano trasferiti ad altra società di comodo al lui facente capo, la Madima Commerciale, di cui figurava socio accomandatario, per L , per cui gli attori, appena informati dell'abuso perpetrato dal D.C., provvedevano a revocare le procure rilasciate, e questi, per evitare conseguenze, sottoscriveva il una dichiarazione di intesa con la quale si stabiliva che se entro il si fossero presentati acquirenti, i beni sarebbero stati alienati per un importo non inferiore a L e detratti gli importi anticipati dal D.C., il residuo sarebbe stato versato al P.; continuavano, ancora, gli attori esponendo che il D.C., utilizzando l'avvenuto trasferimento del complesso immobiliare a società di comodo, chiedeva ed otteneva dal Banco di Napoli un mutuo di L , così rientrando in grandissima parte dell'anticipazione fatta, concesso in locazione alla General Trading s.r.l. l'esercizio commerciale, prima della società La Ristoratrice, per un canone annuo di L e nonostante il P., sempre attraverso la General Trading, cercasse di rientrare nella disponibilità del complesso immobiliare, stipulando un preliminare di vendita in data al prezzo di L , sotto la condizione sospensiva dell'intero pagamento del prezzo entro il , ottenendo proroga al con altro preliminare, che però non riuscivano ad onorare. Tanto esposto, gli attori chiedevano dichiararsi la simulazione e quindi la nullità ed inefficacia del trasferimento effettuato dal D.C., in qualità di procuratore del P. e della P., in favore della Madima Immobiliare, di cui all'atto di compravendita per notaio Olivieri del , nonchè dell'ulteriore trasferimento effettuato in qualità di procuratore della s.a.s. La Ristoratrice, sempre in favore della Madima Immobiliare, per atto del notaio Olivieri in pari data, compreso quello dell'esercizio commerciale in (OMISSIS), ubicato nel complesso denominato (OMISSIS); in subordine, dichiarare detti atti nulli ed inefficaci siccome effettuati dal D.C. al di fuori dei limiti dei poteri rappresentativi conferitigli; dichiarare il trasferimento degli immobili e la cessione dell'esercizio commerciale a favore della MADIMA COMMERCIALE apparente, per essere stata effettuata in realtà in favore dello stesso D.C. quali alienazioni a scopo di garanzia a fronte di anticipazioni effettuate da quest'ultimo in favore degli alienanti per L e per l'effetto dichiarare tali anticipazioni coperte dal ricavato del mutuo stipulato con il Banco di Napoli dalla MADIMA IMMOBILIARE; dichiarare la MADIMA IMMOBILIARE s.r.l. e D.C.G., in solido, tenuti a restituire alla GENERAL TRADING s.r.l. la somma di L percepita in misura eccedente rispetto all'importo delle anticipazioni; dichiarare la MADIMA COMMERCIALE s.r.l. tenuta a rimborsare alla GENERAL TRADING s.r.l. la somma di L dalla stessa corrisposto quali canoni di locazione dell'esercizio commerciale facente capo alla s.a.s. La Ristoratrice per le stagioni ; dichiarare la MADIMA IMMOBILIARE tenuta a provvedere al ritiro delle cambiali per L a suo favore rilasciate dalla GENERAL TRADING s.r.l.. Instaurato il contraddittorio, rimasti contumaci i convenuti, il Tribunale adito, in accoglimento della domanda attorea, dichiarava la simulazione e quindi la nullità degli atti di trasferimento dei beni immobili conclusi dal D.C., quale procuratore dei coniugi P. e PE., in favore della Madima Immobiliare s.r.l., nonchè la simulazione del trasferimento immobiliare effettuato dal D.C., quale procuratore della s.a.s. La Ristoratrice in favore della medesima società, oltre alla simulazione assoluta del trasferimento dell'esercizio commerciale fatto dal D.C., quale procuratore di La Ristoratrice, a favore della Madima Commerciale; dichiarava, altresì, intervenute a scopo di garanzia le scritture private concluse dagli attori con il D.C.. In virtù di rituale appello interposto dal Fallimento della MADIMA, con il quale si lamentava, tra l'altro, che essendo gli originari attori parti dei negozi de quibus, avrebbero dovuto provare la simulazione con la controdichiarazione, non ricorrendo, peraltro, i presupposti per dichiarare la nullità dei trasferimenti, improcedibile la condanna della Madima, fallita, al pagamento di somme di denaro proposto appello anche dal D.C., che deduceva l'irregolarità della notificata essendo all'epoca ristretto presso le carceri di (OMISSIS), e dalla Madima Commerciale, la Corte di appello di Napoli, nella resistenza degli appellati, respingeva i gravami e per l'effetto confermava la sentenza impugnata. A sostegno della decisione adottata la corte distrettuale, premessa la regolarità della notifica dell'atto introduttivo del giudizio al D.C. ed alla Madima Commerciale, nella persona del suo legale rappresentante, il D.C., non essendo provato che all'epoca degli adempimenti questi si trovasse ristretto presso le patrie galere, nel merito rilevava che i motivi di gravame attenevano alla inammissibilità nel caso di specie della prova presuntiva, stante l'illiceità del fine che con i contratti collegati le parti intendevano perseguire, non potevano trovare accoglimento, come emergeva dalla lettura degli accordi intercorsi tra le parti e dall'esame delle vicende sottostanti la stipulazione degli stessi, anche con riferimento alle circostanze temporali, che ingeneravano notevoli perplessità circa la reale volontà dei contraenti. Aggiungeva che le risultanze probatorie deponevano nel senso dell'inesistenza della volontà delle parti diretta alla vendita, con conseguente apparenza delle scritture private volte ad assolvere la funzione di garanzia del credito concesso dal D.C., quale la circostanza che gli alienanti erano rimasti nel pieno possesso e godimento dei cespiti, per i quali continuavano a provvedere al pagamento degli oneri condominali, nonchè il rilascio di procure generali con siffata peculiare limitazione quanto alle alienazioni rispetto ai terzi, che mal si conciliavano con la volontà di vendere i cespiti in questione, anche con la

3 clausola che prevedeva preventivamente il prezzo di vendita ad eventuali terzi, trattandosi peraltro di società acquirenti possedute dal D.C. all'epoca per la quasi totalità. Ulteriore conferma della natura fittizia delle traslazioni era desumibile dal tenore delle prove testimoniali, dal rilascio di assegni che non furono realmente incassati dagli apparenti beneficiari e dalla dichiarazione sottoscritta dal D.C., che chiarivano lo scopo di garanzia della vendita. Avverso l'indicata sentenza della Corte di appello di Napoli ha proposto ricorso per cassazione il Fallimento della MA.DI.MA IMMOBILIARE s.r.l., articolato su sei motivi, al quale hanno resistito il P., la PE. e la GENERAL TRAINING s.r.l. con controricorso. Le parti hanno depositato anche memorie illustrative. Diritto MOTIVI DELLA DECISIONE Con il primo motivo il fallimento ricorrente lamenta che la corte distrettuale abbia fatto applicazione del divieto di cui all'art c.c. che, di converso, non dovrebbe scattare quando ricorrono ragioni che lo giustifichino, come nella specie il c.d. patto marciano, con il quale il creditore si sia obbligato a versare al debitore la eventuale differenza tra importo del credito e valore del bene trasferito, da cui deriverebbe che non è sufficiente individuare uno scopo di garanzia a base dell'alienazione per sanzionarne la illiceità, essendo necessario accertare il ricorso della ratio che giustifica l'applicazione del principio codificato nell'art c.c. ovvero se sia realizzato o meno il risultato che il legislatore del 1942 ha voluto vietare con l'introduzione della predetta norma. Prosegue il ricorrente che nella specie tale indagine non sarebbe stata fatta, affermata l'illiceità dell'alienazione in garanzia in ogni caso. Il motivo culmina con il seguente quesito di diritto: "Dica la Corte se la vendita effettuata a scopo di garanzia costituisce sempre una fattispecie illecita ed in particolare se possa, comunque, configurarsi un patto commissorio vietato ai sensi dell'art c.c. in presenza di una dichiarazione del creditore con la quale quest'ultimo si impegni a restituire al debitore la differenza tra il valore del bene trasferito ed il valore del credito vantato". Con il secondo motivo viene denunciato il vizio di carente motivazione per essersi la corte napoletana limitata a confermare la nullità del contratto che, di converso, in primo grado, non era stata pronunciata avendo considerato venuto meno lo scopo di garanzia alla luce del mutuo stipulato con il Banco di Napoli, che copriva le anticipazioni a garanzia delle quali l'alienazione stessa era stata ideata, con conseguente illogicità delle conclusioni della corte distrettuale. Con il terzo motivo il ricorrente lamenta il medesimo vizio di motivazione sotto il profilo del mancato accertamento degli elementi volti a dimostrare la esistenza dello scopo di garanzia nella scrittura privata intercorsa tra i coniugi P. - PE. ed il D.C. essendo apoditticamente sostenuta la tesi della corte di merito, in contrasto con la diversa prospettazione fornita dall'appellante e con le risultante documentali, del tutto ignorate dai giudici di merito, come si evince dalla sentenza n. 5375/1998 del Tribunale di Napoli, confermata dalla decisione n. 2410/2000 della Corte di appello di Napoli, resa nel giudizio instaurato da P. - PE. nei confronti del notaio rogante per la responsabilità professionale che ha escluso l'esistenza dello scopo di garanzia. Prosegue il ricorrente che con nota integrativa alla scrittura privata, documento taciuto dagli originari attori, conclusa successivamente al rilascio delle procure, i mandanti esoneravano il mandatario dall'obbligo di rendere il conto del suo operato, prevedendo che non avrebbero mai eccepito nulla allo stesso per la mancata consegna frazionata del prezzo e del presunto rendiconto delle procure rilasciate a rogito notaio Tommaso Olivieri di Napoli del Le questioni sottoposte all'esame di questa Corte con le doglianze sopra esposte - da trattare congiuntamente, in quanto tutte incentrate sul rapporto tra c.d. patto marciano e alienazione in garanzia integrante patto commissorio - impongono una preliminare ricognizione dei problemi connessi all'individuazione dell'ambito di applicazione del divieto di patto commissorio, sancito dall'ari 2744 c.c.. L'art c.c., compreso nel titolo 3 del libro 6 c.c. (Della responsabilità patrimoniale, delle cause di prelazione e della conservazione della garanzia patrimoniale), dispone quanto segue: "E' nullo il patto con il quale si conviene che, in mancanza del pagamento del credito nel termine fissato, la proprietà della cosa ipotecata o data in pegno passi al creditore. Il patto è nullo anche se posteriore alla costituzione dell'ipoteca o del pegno". Analoga previsione reca l'art c.c. in tema di anticresi. L'espressa comminatoria di nullità avendo, ovviamente, espulso dalla pratica degli affari la realizzazione della fattispecie legale illecita, concernente il patto commissorio aggiunto ad ipoteca, pegno o anticresi, ha fatto sorgere la questione se la nullità riguardasse, o meno, anche il patto commissorio autonomo, e cioè l'operazione contrattuale, di regola integrata da una alienazione in funzione di garanzia, che di per sè preveda che la proprietà della cosa alienata in garanzia passi al creditore in mancanza del pagamento del credito nel termine fissato. E la risposta della giurisprudenza di questa Corte (sent. n. 282 del 1974) e della dottrina è stata concordemente positiva, sul rilievo, tra l'altro, che il risultato giuridico-economico dell'operazione è equivalente a quello espressamente sanzionato. Minor concordia - ed anzi ampia divergenza di opinioni (significativa della loro elevata opinabilità) - ha contrassegnato, come è noto, l'individuazione della ragione giustificatrice della sancita nullità del patto commissorio (sia indiretto sia autonomo). Senza pretesa di completezza, sarà qui sufficiente ricordare che le tesi tradizionali hanno individuato il fondamento del divieto nell'esigenza di tutela dei debitori - esposti, a causa del bisogno, a subire il rischio di un approfittamento da parte dei creditori - ovvero di tutela dei creditori - risultando leso il principio della par condicio -, o di entrambe le categorie. Su un piano diverso, è stato sottolineato il

4 contrasto del potere di autosoddisfacimento del creditore con l'esclusiva statale della funzione esecutiva. Secondo altra tesi, infine, il divieto si giustificherebbe con l'esigenza di evitare che il patto, quale clausola di stile, determini l'instaurarsi di un sistema di garanzia inidoneo ad esprimere un assoggettamento del patrimonio del debitore esattamente adeguato alla funzione di garanzia. A sua volta, la giurisprudenza di questa Corte per lungo tempo ritenne di impostare la soluzione del problema della liceità o illiceità del patto commissorio autonomo, integrato da una alienazione in garanzia, con riferimento alla decorrenza degli effetti del trasferimento della cosa alienata in garanzia. Si affermò, invero, la liceità della vendita fiduciaria a scopo di garanzia, accompagnata da patto di riscatto o di ritrasferimento, caratterizzata da un trasferimento effettivo ed immediato della proprietà al creditore, il quale tuttavia assume l'impegno, in forza di accordo consistente nel patto di riscatto o in quello di retrovendita, di ritrasferire il bene al venditore se questi estinguerà, nel termine previsto, il debito garantito. Per converso, si ritenne nulla, ai sensi dell'art c.c., la vendita dissimulante un mutuo con patto commissorio, ricorrente nell'ipotesi in cui le parti, pur dichiarando formalmente di voler vendere ed acquistare, concordano in sostanza che il creditore acquirente diventerà proprietario soltanto se il debitore ed alienante non estinguerà il debito nel termine pattuito, attuando così una vendita sottoposta a condizione sospensiva (per tutte: Cass. n del 1962 e n. 642 del 1980). Il problema venne posto quindi, per l'ipotesi illecita, in chiave di simulazione, e l'illiceità del contratto dissimulato venne fatta discendere dalla violazione diretta del divieto ex art c.c. (estensivamente interpretato come relativo anche al patto commissorio autonomo). La soluzione adottata fu oggetto di critica e ad essa si contrapposero difformi pronunce (significativo esempio si riscontra in Cass. n del 1983), che abbandonarono il suindicato criterio distintivo, rilevando come anche nella vendita con patto di riscatto o di retrovendita, se conclusa a scopo di garanzia, l'effetto traslativo diviene definitivo ed irrevocabile soltanto a seguito dell'inadempimento del mutuatario. Ne consegue che, ove risulti l'intento primario delle parti di vincolare il bene a garanzia ed in funzione del rapporto di mutuo, la complessa convenzione - in quanto produttiva degli stessi effetti di una alienazione sottoposta a condizione sospensiva e caratterizzata da un nesso teleologia) e strumentale tra i due negozi di mutuo e di compravendita - presenta una causa effettiva divergente da quella tipica della compravendita, ed avente natura di causa illecita, in quanto volta a frodare il divieto del patto commissorio attraverso il ricorso ad un procedimento simulatorio. Il nuovo orientamento venne fatto proprio, con alcune precisazioni, dalle Sezioni Unite, con due sentenze dell'anno 1989 (n e n. 1907). Premesso, in adesione alla tesi tradizionale, che il divieto di patto commissorio è diretto ad impedire al creditore l'esercizio di una coazione morale sul debitore, spesso spinto alla ricerca di un mutuo (o alla richiesta di una dilazione, nel caso di patto commissorio ex intervallo) da ristrettezze finanziarie, con facoltà di far proprio il bene, attraverso un meccanismo che gli consenta di sottrarsi alla regola della par condicio creditorum, hanno affermato le Sezioni Unite che nella vendita con patto di riscatto o di retrovendita a scopo di garanzia questa non costituisce soltanto motivo, ma assurge a causa del contratto, in quanto il trasferimento della proprietà trova obiettiva giustificazione nel fine di garanzia. E tale causa è inconciliabile con quella della vendita, posto che il versamento del denaro non costituisce pagamento del prezzo, ma esecuzione di un mutuo, mentre il trasferimento del bene non integra l'attribuzione al compratore, bensì l'atto costitutivo di una posizione di garanzia innegabilmente provvisoria, in quanto suscettibile di evolversi a seconda che il debitore adempia o meno. Ed è proprio la provvisorietà che costituisce l'elemento rivelatore della causa di garanzia, e quindi della divergenza tra causa tipica del negozio prescelto e determinazione causale concreta, indirizzata alla elusione di una norma imperativa, qual è l'art c.c.: le parti, invero, adottando uno schema negoziale astrattamente lecito per conseguire un risultato vietato dalla legge, realizzano un'ipotesi di contratto in frode alla legge (art c.c.) (in senso conforme si è espressa Cass. n del 1991). In tale quadro, va quindi ribadito che è sanzionatale con la nullità, nei sensi suindicati, la vendita con patto di riscatto (o di retrovendita) che, risultando inserita in una più complessa operazione contrattuale, caratterizzata dalla sussistenza di un rapporto credito-debitorio tra venditore ed acquirente, sia piegata al perseguimento non già di un trasferimento di proprietà, bensì di un rafforzamento, in funzione di subordinazione e di accessorietà rispetto al mutuo, della posizione del creditore, suscettivo di determinare la (definitiva) acquisizione della proprietà del bene in mancanza di pagamento del debito garantito, così realizzando il risultato giuridico ed economico vietato dall'art c.c. (che, sotto tale profilo, integra quindi una norma materiale). Merita per contro un ulteriore approfondimento l'analisi degli elementi sintomatici idonei a denunciare la sussistenza di una operazione fraudolenta del tipo delineato. Al riguardo, più che l'indagine sull'atteggiamento soggettivo delle parti (valorizzata da Cass. n del 1983, non seguita, sul punto, dalle Sezioni Unite), sarà utile l'accertamento di dati obiettivi, quali la presenza di una situazione credito-debitoria (preesistente o contestuale alla vendita), e, soprattutto, la sproporzione tra entità del debito e valore del bene alienato in garanzia, di regola presente nelle fattispecie in esame e costituente significativo segnale di una situazione di approfittamento della debolezza del debitore da parte del creditore, che tende ad acquisire l'eccedenza di valore, così realizzando un abuso che il legislatore ha voluto espressamente sanzionare. A conferma di ciò, deve considerarsi che l'illiceità è invece esclusa, pur in presenza di costituzioni di garanzie che postulano un trasferimento di proprietà, qualora queste siano integrate da schemi negoziali che il menzionato abuso escludono in radice, come avviene nel caso del pegno irregolare (art c.c), del riporto finanziario e

5 del c.d. patto marciano, in virtù del quale al termine del rapporto si procede alla stima, ed il creditore, per acquisire il bene, è tenuto al pagamento dell'importo eccedente l'entità del credito. La ratio del divieto posto dall'art c.c. risulta quindi desumibile argomentando a contrario dalla liceità delle figure ora menzionate. Non vale opporre che sproporzione tra entità del credito e valore del bene, e conseguente abusiva appropriazione dell'eccedenza non sono espressamente richieste dall'art c.c., potendosi replicare che il legislatore, nel formulare un giudizio di disvalore nei riguardi del patto commissorio, ha fondatamente presunto, alla stregua dell'id quod plerumque accidit, che in siffatta convenzione il creditore pretende di regola una garanzia eccedente l'entità del credito. Appare quindi corretto ritenere che la sussistenza di una sproporzione tra valore del bene ed entità del credito possa offrire, in sede di indagine, uno degli indizi di maggior peso (Cass. n. 736 del 1977, in motivazione; Cass. n. 776 del 1960, in motivazione; sembrano invece svalutare tale elemento indiziario altre decisioni: Cass. n e n del 1989 delle Sezioni Unite, che peraltro richiamano proprio Cass. n. 736 del 1977). E non giova argomentare dalla disciplina generale dettata dall'art c.c., per desumerne la sanzionabilità della sproporzione tra prestazioni soltanto mediante l'azione di rescissione, poichè resta da dimostrare la assoluta coerenza del sistema sanzionatorio previsto dal codice civile, nel quale si rinvengono ipotesi di tutela del contraente debole mediante l'irrogazione della nullità (art. 1341, art. 1815, comma 2), e può opporsi che l'art c.c. esprime una specifica valutazione legale di riprovevolezza del patto commissorio, in virtù della sua intrinseca elevata potenzialità - per frequenza di impiego e facilità di realizzazione - a determinare il rischio (presunto) di produrre effetti che l'ordinamento non consente, e che si risolvono, in definitiva, in un eccesso di garanzia per il creditore e di responsabilità patrimoniale per il debitore. Ora, l'impugnata sentenza ha operato una pedissequa trasposizione dei principi affermati dalle menzionate sentenze delle Sezioni Unite n e n del 1989, in relazione alla vendita, accertato lo scopo di garanzia, postulando la contraddizione tra la volontà di cedere la piena proprietà dei beni e la predisposizione di una clausola relativa alla determinazione preventiva del prezzo di rivendita qualora negli alienanti vi fosse stata una volontà di dismettere in modo definitivo la proprietà, ed ha quindi formulato, in linea principale, un giudizio di nullità, ai sensi degli artt e 2744 c.c., del contratto di vendita in quanto tale. Non trascurabile rilievo, ai fini della tipizzazione dello schema, hanno assunto nel convincimento della corte distrettuale, altresì, vari altri elementi, costituiti dalla qualità delle parti contraenti, nella specie il possesso da parte del D.C. delle quote della Madima s.r.l. per il 90%, nonchè la circostanza di essere rimasta invariata la situazione di fatto dei beni nonostante il trasferimento (apparente) degli stessi, caratteristiche integranti la realizzazione del risultato materiale vietato dall'art c.c., avuto riguardo alla ratio del divieto, come sopra precisata, oltre alle difficoltà economiche degli alienanti, legittimanti il sospetto di un approfittamento della loro condizione di debolezza. Del resto anche la concreta valutazione economica dell'affare, in termini di adeguata proporzionalità delle prestazioni corrispettive, condotta avendo riguardo ai criteri adottati per il pagamento degli immobili, accertato il rilascio fittizio degli assegni ai venditori (non incassati dagli apparenti beneficiari), è stata posta dalla corte territoriale a supposto del suo giudizio di nullità del contratto in esame, in quanto, per il suo concreto atteggiarsi, perseguiva uno scopo primario di garanzia, in violazione dell'art c.c.. Nella specie, quindi, ha concluso il giudice del gravame che lo schema del contratto di vendita risultava stravolto, poichè il mancato conseguimento del prezzo pattuito ne aveva vanificato lo scopo, per cui doveva ritenersi che l'operazione economica era da ritenersi effettuata in pregiudizio di un contraente in difficoltà economiche e in violazione del divieto di patto commissorio. Tali conclusioni resistono alle censure loro mosse. Lo stravolgimento della vendita correttamente risulta desunto dalla mancata corresponsione del prezzo, che ha impedito il conseguimento di liquidità perseguito dai venditori, con esaltazione dello scopo di garanzia dell'operazione. D'altronde spetta al giudice del merito, con valutazione da eseguirsi caso per caso, stabilire se la concreta operazione economica si atteggi in modo tale da perseguire un risultato confliggente con il divieto posto dall'ari 2744 c.c., riscontrando la sussistenza di alterazioni dello schema negoziale socialmente tipico. Nè vale opporre che il mutuo stipulato con il Banco di Napoli copriva le anticipazioni a garanzia delle quali l'alienazione era stata ideata, dovendosi avere riguardo al fatto che le somme erogate dall'istituto di credito sono state incassate dal D.C., il quale ha contestualmente rilasciato autorizzazione all'istituto di credito ad iscrivere ipoteca sugli immobili per un pari valore, come in effetti la corte territoriale ha fatto. Per completezza motivazionale va, infine, osservato che nella specie nessun rilievo assume l'esito del giudizio instaurato dai P. - PE. nei confronti del notaio rogante che pur prendendo avvio dalla medesima vicenda, verte su questione affatto diversa (rispetto al patto commissorio), quale la deontologia professionale. Con il quarto motivo viene dedotto lo stesso difetto di omessa motivazione per non avere la corte di merito tenuto in alcun conto, ignorandola completamente in sede di argomentazione della decisione, la controscrittura al preliminare del , nella quale le parti si danno atto che il preliminare era simulato e che, quindi, nessuna somma era stata versata dalla GENERAL TRADING s.r.l. alla MADIMA Immobiliare. Si tratta - ad avviso del ricorrente - di elemento decisivo giacchè se nulla la General Trading aveva versato alla Madima Immobiliare - D.C. in virtù del simulato preliminare, il D.C. non può essere

6 rientrato delle somme anticipate ai coniugi P. - Pe., come invece statuito al punto 7) del dispositivo della sentenza di primo grado. La censura è, per un verso, inammissibile, per altra parte infondata. Il ricorso per cassazione deve contenere, a pena di inammissibilità, i motivi per i quali si richiede la cassazione, aventi i caratteri di specificità, completezza e riferibilità alla decisione impugnata (Cass. 6 giugno 2006 n ; Cass. 15 marzo 2006 n. 5637; Cass. 15 febbraio 2003 n. 2312). Osserva il collegio che il ricorso del Fallimento MA.DI.MA. IMMOBILIARE nel censurare la statuizione relativa alla circostanza della corresponsione del prezzo della compravendita compiuta dal primo giudice nel ritenerlo non versato, ha inammissibilmente rivolto la spiegata doglianza contro la sentenza del Tribunale, anzichè esclusivamente contro quella della Corte d'appello, oggetto della presente impugnazione. Per altro verso, il motivo di ricorso - là dove prospetta l'errore, questa volta anche del giudice d'appello, nell'avere ignorato la controscrittura al preliminare del non coglie la ratio decidendi della sentenza di secondo grado, la quale ha concluso per la individuazione della fattispecie negoziale fraudolenta da una pluralità di elementi, come sopra illustrati, non tutti specificamente impugnati dalla ricorrente; per di più inammissibilmente sollecita una diversa lettura delle risultanze documentali di causa ad opera di questa Corte di legittimità. Con il quinto motivo il ricorrente lamenta la violazione e falsa applicazione degli artt. 1241, 1242 e 1243 c.c. per avere la corte di merito applicato l'istituto della compensazione in assenza dei presupposti richiesti dalle norme citate, le quali prevedono l'esistenza e la reciprocità di crediti e debiti, laddove la retrocessione della proprietà dei beni immobili rende i coniugi P. e PE. solo terzi datori di ipoteca, rimanendo unico soggetto gravato dall'obbligo della restituzione la società mutuataria. Il motivo culmina con il seguente quesito di diritto: "Dica pertanto la Corte se è possibile applicare l'istituto della compensazione, così come ha fatto la Corte di appello, in mancanza dell'esistenza del credito di una delle parti (dei P. e Pe.) e, quindi, della reciprocità di debiti e crediti tra le stesse". Anche detta censura non può trovare ingresso. La corte di appello, contrariamente a quanto sostenuto dal ricorrente, ha fatto riferimento alla "compensazione" utilizzando impropriamente detto termine, non certo per intendere l'istituto di cui all'art c.c. e segg., in difetto dei requisiti di legge (certezza, liquidità ed esigibilità) e tenuto conto che, peraltro, attiene a rapporto con soggetto diverso dal fallimento. Con il sesto motivo viene denunciata la violazione della L. Fall., artt. 52 e 93 per avere la corte di merito rigettato il motivo di gravame avente ad oggetto l'improcedibilità dell'azione di accertamento del credito verso il Fallimento della MADIMA Immobiliare s.r.l. e la consequenziale condanna al pagamento; nè a tal fine potrebbe ritenersi - come sostenuto dal giudice del gravame - che la difesa degli appellati era volta alla sola verifica dell'esistenza del credito e non anche al suo esercizio, in quanto si tradirebbe la finalità della legge e si riserverebbe al giudice delegato una mera presa d'atto dell'esistenza di un credito accertato in altra sede. Il motivo conclude ponendo il seguente quesito di diritto: "Dica la Corte se è legittimo l'accertamento del credito e la condanna al pagamento che la Corte di appello ha compito nei confronti del Fallimento MADIMA, ovvero se lo stesso doveva essere effettuato in sede di accertamento del passivo del Fallimento con le modalità di cui alla L. Fall., artt. 52 e 93?". Il motivo è fondato e va, pertanto, accolto. Il giudice di merito nel respingere l'eccezione di improcedibilità dell'azione di accertamento non ha tenuto in alcun conto la circostanza che al momento della pronuncia la società appellante era fallita. Orbene posto che nel regolare gli effetti del fallimento sui rapporti giuridici preesistenti, la legge fallimentare all'art. 72 e segg. disciplina varie fattispecie contrattuali, le conseguenze derivanti dalla pronuncia adottata circa la validità ed efficacia degli atti di traslazione in contestazione, limitatamente alla posizione del fallimento, dovrà formare oggetto di valutazione del giudice del rinvio. In conclusione, va accolto il sesto motivo di ricorso, rigettati i restanti, e per l'effetto la sentenza cassata in relazione alla predetta censura, con rinvio ad altra sezione della Corte di appello di Napoli, che dovrà decidere sull'eccezione di improcedibilità dell'azione di accertamento valutando lo stato della ricorrente, oltre a regolare anche le spese del giudizio di legittimità. PQM P.Q.M. La Corte, accoglie il sesto motivo del ricorso, rigettati gli altri; cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e rinvia, anche per le spese del giudizio di cassazione, ad altra sezione della Corte di appello di Napoli. Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile, il 15 gennaio Depositato in Cancelleria il 9 maggio 2013

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A SENTENZA N. 1675/2012 DEL 3.2.2012 DELLA CORTE DI CASSAZIONE (SEZIONE II CIVILE) A CURA DI MICHELANGELO PRINCIPE

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A SENTENZA N. 1675/2012 DEL 3.2.2012 DELLA CORTE DI CASSAZIONE (SEZIONE II CIVILE) A CURA DI MICHELANGELO PRINCIPE NOTA A SENTENZA N. 1675/2012 DEL 3.2.2012 DELLA CORTE DI CASSAZIONE (SEZIONE II CIVILE) A CURA DI MICHELANGELO PRINCIPE La questione all esame della Seconda Sezione Civile della Suprema Corte concerneva

Dettagli

Autorità: Cassazione civile sez. III Data: 16 ottobre 1995 Numero: n. 10805

Autorità: Cassazione civile sez. III Data: 16 ottobre 1995 Numero: n. 10805 Autorità: Cassazione civile sez. III Data: 16 ottobre 1995 Numero: n. 10805 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg. Magistrati: Dott. Alberto SCIOLLA LAGRANGE Presidente

Dettagli

Sale and lease back lecito se in concreto ha scopo di leasing e non di garanzia ( Cassazione, sez. III civile, sentenza 21.07.2004 n.

Sale and lease back lecito se in concreto ha scopo di leasing e non di garanzia ( Cassazione, sez. III civile, sentenza 21.07.2004 n. Sale and lease back lecito se in concreto ha scopo di leasing e non di garanzia ( Cassazione, sez. III civile, sentenza 21.07.2004 n. 13580 ) Nel contratto di "sale and lease back", la vendita ha scopo

Dettagli

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO DELLE PARTI CASS. CIV., SEZ. I, 4 NOVEMBRE 2010, N. 22501. In tema di scioglimento del matrimonio, nella disciplina dettata dall'art. 5 l. n. 898/70,

Dettagli

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TRIOLA

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 629/2007 proposto da: FALLIMENTO L.C. S.R.L., in persona

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE II CIVILE. Sentenza 27 gennaio 3 febbraio 2012, n. 1675. (Presidente Rovelli Relatore Giusti) Ritenuto in fatto

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE II CIVILE. Sentenza 27 gennaio 3 febbraio 2012, n. 1675. (Presidente Rovelli Relatore Giusti) Ritenuto in fatto SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE II CIVILE Sentenza 27 gennaio 3 febbraio 2012, n. 1675 (Presidente Rovelli Relatore Giusti) Ritenuto in fatto 1. - Con atto di citazione notificato il 3 gennaio 2001,

Dettagli

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI MAGGIORE ETÀ. CASS. CIV., SEZ. I, 22 NOVEMBRE 2010 N. 23590. Il diritto del coniuge separato di ottenere dall'altro coniuge un assegno per il mantenimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE CIVILE Dott. Giuseppe Salmè - Presidente - Dott. Salvatore Salvago

Dettagli

ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO.

ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO. ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO. CASS. CIVILE, SEZ. I, 25 NOVEMBRE 2010, N. 23968. Non può disporsi la revoca dell'assegno di mantenimento senza la prova del miglioramento del tenore di vita dell'ex moglie

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Dott. Proto Cesare A. - Presidente - Dott. Bernabai Renato - Consigliere - Dott. Schirò Stefano - rel. Consigliere

Dettagli

Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità

Configura un'ipotesi di vendita di aliud pro alio quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità Pagina 1 di 5 Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità La massima La vendita di immobile destinato ad abitazione,

Dettagli

Il contratto di locazione avente ad oggetto un locale commerciale può prevedere aumenti del canone liberi

Il contratto di locazione avente ad oggetto un locale commerciale può prevedere aumenti del canone liberi Il contratto di locazione avente ad oggetto un locale commerciale può prevedere aumenti del canone liberi da parametri legislativi, purché gli stessi risultino inequivocabilmente dal contratto. Corte di

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 8824 Anno 2015 Presidente: BUCCIANTE ETTORE Relatore: SCALISI ANTONINO Data pubblicazione: 30/04/2015 SENTENZA sul ricorso 23330-2009 proposto da: PASCUCCI EMANUELA PSCMNL58S44H501F,

Dettagli

INGIUNZIONE IN MATERIA CIVILE. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ. PROVA

INGIUNZIONE IN MATERIA CIVILE. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ. PROVA INGIUNZIONE IN MATERIA CIVILE. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ. PROVA SCRITTA. CASS. CIV., SEZ. I, 25 NOVEMBRE 2010, N. 23972. Il piano di ammortamento di un contratto di mutuo ha natura di clausola negoziale,

Dettagli

CONDOMINIO (OMISSIS), in persona dell'amministratore pro tempore; avverso la sentenza della Corte d'appello di Trieste, depositata in data (OMISSIS);

CONDOMINIO (OMISSIS), in persona dell'amministratore pro tempore; avverso la sentenza della Corte d'appello di Trieste, depositata in data (OMISSIS); REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 2 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. GOLDONI Umberto - Presidente Dott. PETITTI

Dettagli

Corte di Cassazione Sez. Seconda Civ. - Sent. del 18.09.2012, n. 15640. Presidente Triola - Relatore Falaschi. Svolgimento del processo

Corte di Cassazione Sez. Seconda Civ. - Sent. del 18.09.2012, n. 15640. Presidente Triola - Relatore Falaschi. Svolgimento del processo Corte di Cassazione Sez. Seconda Civ. - Sent. del 18.09.2012, n. 15640 Presidente Triola - Relatore Falaschi Svolgimento del processo Con atto di citazione notificato il 9 luglio 1998 M.M. evocava, dinanzi

Dettagli

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Studio legale law.it La documentazione in possesso della banca può dimostrare il contrario Nel corso di un giudizio

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

Cass. Civ., Sez. I, 02/07/2014, n. 15135 Rel. Cons. Dott. Antonio Didone

Cass. Civ., Sez. I, 02/07/2014, n. 15135 Rel. Cons. Dott. Antonio Didone Cass. Civ., Sez. I, 02/07/2014, n. 15135 Rel. Cons. Dott. Antonio Didone Le SSUU hanno ritenuto «assolutamente arbitrario» sostenere che, nel negare l'esistenza di usi normativi di capitalizzazione trimestrale

Dettagli

SEZIONE TRIBUTARIA. Fallimento Eurogest Forex spa in liquidazione (già Eurogest spa, già Pitsperl srl), in persona del Curatore p.t.

SEZIONE TRIBUTARIA. Fallimento Eurogest Forex spa in liquidazione (già Eurogest spa, già Pitsperl srl), in persona del Curatore p.t. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIO SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: MENTE DA REGISTRAZIONE Al SENSI DEL D.P.R. 26/411986 ' N.I3ITAB.ALLB.-N.5

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Dott. FIORETTI Francesco Maria - Presidente - Dott. SALVAGO Salvatore - Consigliere - Dott. RORDORF Renato

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo

CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo Nel diritto.it MASSIMA Costituisce domanda nuova vietata in appello e anche in primo grado (ancorché,

Dettagli

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Svolgimento del processo ed esposizione dei fatti Con atto di citazione in opposizione datato

Dettagli

ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE.

ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE. ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE. CASS. CIV., SEZ. III, 6 DICEMBRE 2011, N. 26188. L'art. 2947 c.c. deve essere quindi interpretato nel senso che la prescrizione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso 2366-2008 proposto da: M. F. elettivamente domiciliato

Dettagli

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto Diritto e processo.com In tema di responsabilità del mediatore,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SENTENZA AnniBtfro ut*flem 202,1/1 4. 3028/2007 Cron. 2o 2,9 Rep. 263-7 Ud. 12/6/2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 16604/2007 proposto da: D.C. - ricorrente - BANCA -

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO PRIMA SEZIONE CIVILE. Dott. LOREDANA NAllICONE - Rel. Consigliere - SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO PRIMA SEZIONE CIVILE. Dott. LOREDANA NAllICONE - Rel. Consigliere - SENTENZA -691 14 115 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Oggetto Opposizione a dichiarazione di fallimento.

Dettagli

La gratuità è giustificata solo dalla rigorosa dimostrazione di una finalità di carattere solidaristico derivante dalla comunanza di vita e interessi

La gratuità è giustificata solo dalla rigorosa dimostrazione di una finalità di carattere solidaristico derivante dalla comunanza di vita e interessi Cassazione: lavorare per il partner non vuol dire lavorare gratis La gratuità è giustificata solo dalla rigorosa dimostrazione di una finalità di carattere solidaristico derivante dalla comunanza di vita

Dettagli

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30-03-2011, n. 7222

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30-03-2011, n. 7222 Cass. civ. Sez. III, Sent., 30-03-2011, n. 7222 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DI NANNI

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sezione Lavoro - sentenza n. 65 del 3 gennaio 2011

CORTE DI CASSAZIONE - Sezione Lavoro - sentenza n. 65 del 3 gennaio 2011 SENTENZE IN SANITÀ CORTE DI CASSAZIONE CORTE DI CASSAZIONE - Sezione Lavoro - sentenza n. 65 del 3 gennaio 2011 COLLEGATO LAVORO: LIMITI AGLI INDENNIZZI RETROATTIVI Limitata l applicazione retroattiva

Dettagli

Interpretazione del regolamento condominiale (in materia di Bed & Breakfast) Cass. Civ., sez. II, sentenza 20 novembre 2014 n. 24707.

Interpretazione del regolamento condominiale (in materia di Bed & Breakfast) Cass. Civ., sez. II, sentenza 20 novembre 2014 n. 24707. Interpretazione del regolamento condominiale (in materia di Bed & Breakfast) Cass. Civ., sez. II, sentenza 20 novembre 2014 n. 24707. REGOLAMENTO DI CONDOMINIO LIMITAZIONI - INTERPRETAZIONE Le norme contenute

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 6 giugno - 8 settembre 2014, n. 18873 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 6 giugno - 8 settembre 2014, n. 18873 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 6 giugno - 8 settembre 2014, n. 18873 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 12332 Anno 2015 Presidente: ROSELLI FEDERICO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 15/06/2015 SENTENZA sul ricorso 21120-2013 proposto da: - I.N.P.S. - ISTITUTO NAZIONALE

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004 22. Negoziazione fuori sede di obbligazioni argentine - Mancata menzione della facoltà di recesso - Nullità del contratto - Sussistenza. Art. 30 d. lgs. 24-2-1998 n. 58 Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice

Dettagli

101 professionisti.it

101 professionisti.it Gli atti dispositivi del fideiussore successivi all'apertura di credito e alla prestazione della fideiussione sono soggetti ad azione revocatoria in base al solo requisito soggettivo della consapevolezza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Dott. Plenteda Donato - Presidente - Dott. Rordorf Renato -

Dettagli

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO DATA 2005-5-12 ESTREMI Tribunale dl Udine sezione civile SINTESI La certezza del credito deve

Dettagli

Anche nel caso di ricorso al lavoro a termine è ammissibile lo scorrimento a catena di mansioni.

Anche nel caso di ricorso al lavoro a termine è ammissibile lo scorrimento a catena di mansioni. Lavoro a tempo determinato: ammissibile lo scorrimento a catena di mansioni Cassazione, sez. lavoro, sentenza 24.08.2004 n. 16661 Anche nel caso di ricorso al lavoro a termine è ammissibile lo scorrimento

Dettagli

Il D.L. n. 669 del 1996, ha introdotto la possibilità di procedere alla trascrizione anche del comp romesso.

Il D.L. n. 669 del 1996, ha introdotto la possibilità di procedere alla trascrizione anche del comp romesso. Il D.L. n. 669 del 1996, ha introdotto la possibilità di procedere alla trascrizione anche del comp romesso. Il fine è quello di tutelare il contraente debole, ponendolo al riparo da comportamenti scorretti

Dettagli

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VIVALDI Roberta Presidente Dott. ARMANO Uliana rel. Consigliere Dott. FRASCA Raffaele Consigliere Dott. SCARANO Luigi Alessandro Consigliere Dott. D'AMICO

Dettagli

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n.

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. 581 In termini generali la protezione del diritto d autore del software

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA Sezione Civile SENTENZA. promossa da

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA Sezione Civile SENTENZA. promossa da Fallimento Ammissione al passivo: opposizione Domanda riconvenzionale Azione revocatoria in sede di giudizio di opposizione allo stato passivo Medesimo titolo e rapporto giuridico dedotto in giudizio -

Dettagli

IL LEGALE CONTRATTI DI ASSICURAZIONE: ILLEGITTIME LE CLAUSOLE TROPPO GENERICHE LO AFFERMA LA CORTE DI CASSAZIONE IN UNA RECENTE PRONUNCIA Segnaliamo che la Suprema Corte ha dichiarato invalide le clausole

Dettagli

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.)

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.) La banca, al fine di ottenere la condanna al pagamento di un saldo di rapporto di conto corrente, è onerata della produzione non solo di tutti gli estratti conto dall'inizio del rapporto ma anche della

Dettagli

tra XX (avv. D. Bianchini)

tra XX (avv. D. Bianchini) Sentenza n./05 Deciso il 16/12/05 Depositato il 16/12/05 1 Contratti in generale Simulazione - Vendita di immobile Simulazione relativa parziale (proquota) Interposizione fittizia di persona nel contratto

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. Sezione II Civile. Sentenza 9 febbraio 2011, n. 3175. Svolgimento del processo

Suprema Corte di Cassazione. Sezione II Civile. Sentenza 9 febbraio 2011, n. 3175. Svolgimento del processo Pagina 1 di 6 Il "negotium mixtum cum donatione" costituisce una donazione indiretta attuata attraverso l'utilizzazione della compravendita al fine di arricchire il compratore della differenza tra il prezzo

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis. Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato E inammissibile l'intervento del padre naturale nel giudizio di disconoscimento della paternità Cassazione civile sez. I 08 febbraio 2012 n. 1784 La Corte di Cassazione con questa recente sentenza (n.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. Svolgimento del processo

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. Svolgimento del processo Sentenza 6643/2012 Cassazione Civile, Sezione Lavoro, Sentenza 02-05-2012, n. 6643 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Svolgimento del processo

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 www.lex24.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione 1 civile Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 Integrale - Condominio negli edifici - Amministratore - Attribuzioni - Riscossione contributi ed erogazione

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE III^

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE III^ SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE III^ Sezione civile Sentenza n. 22129 Del 20 settembre-24 novembre 2004, n. 22129 Svolgimento del processo L. L. intimò alla Snc xxxxxx sfratto per finita locazione. Espose:

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 03 02 2014 N 2261

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 03 02 2014 N 2261 CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 03 02 2014 N 2261 Imposta di registro acquisto prima casa acquisto avvenuto a seguito di sentenza sostitutiva di contratto non concluso ex art. 2932 C.C. agevolazioni richiesta

Dettagli

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE. in composizione monocratica, in persona del dott. Giuseppe Di Salvo ha pronunciato la seguente SENTENZA

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE. in composizione monocratica, in persona del dott. Giuseppe Di Salvo ha pronunciato la seguente SENTENZA Tribunale di Roma, Sez. Fall., 7 marzo 2012 IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE in composizione monocratica, in persona del dott. Giuseppe Di Salvo ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

Corte di Cassazione, seconda sezione Civile, sentenza 30 aprile 2015, n. 8823

Corte di Cassazione, seconda sezione Civile, sentenza 30 aprile 2015, n. 8823 Corte di Cassazione, seconda sezione Civile, sentenza 30 aprile 2015, n. 8823 Svolgimento del processo S.G., con atto di citazione del 20 giugno 2001, proprietario di una porzione immobiliare facente parte

Dettagli

Le massime estrapolate

Le massime estrapolate Pagina 1 di 7 Condominio. Delibera assembleare che approva il rendiconto annuale dell amministratore, impugnazione ex art. 1137, comma III, solo per ragioni di mera legittimità. Le massime estrapolate

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Ord. Sez. 6 Num. 18573 Anno 2014 Presidente: PETITTI STEFANO Relatore: D'ASCOLA PASQUALE Data pubblicazione: 03/09/2014 ORDINANZA sul ricorso 14690-2012 proposto da: NAPOLITANO PAOLO NPLPLA78L04L259I,

Dettagli

Patto commissorio e lease-back: una disamina sull intersezione tra le due figure *** ** ***

Patto commissorio e lease-back: una disamina sull intersezione tra le due figure *** ** *** Patto commissorio e lease-back: una disamina sull intersezione tra le due figure Il divieto del patto commissorio, sancito dall art. 2744 c.c., si estende a qualsiasi negozio, ancorché di per sé astrattamente

Dettagli

Condizionatori sulla facciata condominiale? La Cassazione salva il decoro

Condizionatori sulla facciata condominiale? La Cassazione salva il decoro Condizionatori sulla facciata condominiale? La Cassazione salva il decoro SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE II CIVILE Sentenza 6 ottobre 2014, n. 20985 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dettagli

Sentenza 51/2012 Cessione del credito Danno da fermo tecnico Cassazione Civile, Sezione III, 10-01-2012, n. 51 sentenza

Sentenza 51/2012 Cessione del credito Danno da fermo tecnico Cassazione Civile, Sezione III, 10-01-2012, n. 51 sentenza Sentenza 51/2012 Cessione del credito Danno da fermo tecnico Il credito al risarcimento di danni patrimoniali da sinistro stradale può costituire oggetto di cessione, non essendo esso di natura strettamente

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 14697 Anno 2015 Presidente: MAZZACANE VINCENZO Relatore: PICARONI ELISA Data pubblicazione: 14/07/2015 SENTENZA sul ricorso 8534-2010 proposto da: BOTTINO ANGELA BTTNGL25A69D969F,

Dettagli

OGGETTO: RICORSO AVVERSO AVVISO DI LIQUIDAZIONE IMPOSTA EMESSO. DALL'AGENZIA ENTRATE NAPOLI. IL del NOTIFICATO

OGGETTO: RICORSO AVVERSO AVVISO DI LIQUIDAZIONE IMPOSTA EMESSO. DALL'AGENZIA ENTRATE NAPOLI. IL del NOTIFICATO ALLA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI NAPOLI ALL'AGENZIA DELLE ENTRATE UFFICIO DI NAPOLI. OGGETTO: RICORSO AVVERSO AVVISO DI LIQUIDAZIONE IMPOSTA EMESSO DALL'AGENZIA ENTRATE NAPOLI. IL del NOTIFICATO

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

E' legittimo il licenziamento dovuto a condanna per concussione

E' legittimo il licenziamento dovuto a condanna per concussione Pagina 1 Dimensione dei caratteri:normal Large ExtraLarge E' legittimo il licenziamento dovuto a condanna per concussione Con sentenza n. 5581 del 6 marzo 2009, la Cassazione ha affermato che è legittimo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE SENTENZA Data 07/02/2013 Ente giudicante Numero 2970 CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE TERZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE ha pronunciato la seguente:

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) SANTONI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 Svolgimento del processo Il giudice del lavoro del Tribunale di Brescia accolse la domanda con la quale G.M. aveva chiesto la dichiarazione di illegittimità

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

Associazione Movimento Imprese

Associazione Movimento Imprese LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg. Magistrati: Dott. Renato SGROI Presidente " Giuseppe BORRÈ Rel. Consigliere " Giovanni OLLA " " Giancarlo BIBOLINI " " Giuseppe

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Sentenza 16 luglio 5 novembre 2015, n. 22627 Svolgimento del processo 1. La Corte d Appello di Milano, con la sentenza n. 1018/14, depositata il 6 novembre 2014,

Dettagli

Il trasportato non deve dimostrare la colpa: nulle le clausole di guida esclusiva

Il trasportato non deve dimostrare la colpa: nulle le clausole di guida esclusiva Il trasportato non deve dimostrare la colpa: nulle le clausole di guida esclusiva Cassazione Civile, sez. III, sentenza 30/07/2015 n 16181 di Carmine Lattarulo Pubblicato il 15/09/2015 Il nuovo Codice

Dettagli

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007)

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) (omissis) tra F.C. (omissis) e G.G. (omissis) ATTORE e Curatela del Fallimento M.C.G.

Dettagli

presso lo studio dell'avvocato GRISANTI FRANCESCO, rappresentata e

presso lo studio dell'avvocato GRISANTI FRANCESCO, rappresentata e LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. ROSELLI Federico - Presidente - Dott. STILE Paolo - Consigliere - Dott. NAPOLETANO Giuseppe - Consigliere -

Dettagli

OBBLIGAZIONI SOLIDALI.

OBBLIGAZIONI SOLIDALI. OBBLIGAZIONI SOLIDALI. CASS. CIV., SEZ. I, 1 DICEMBRE 2010, N. 24389. Nell'ipotesi in cui i coniugi contraggano insieme un mutuo ipotecario per far fronte alle spese di ristrutturazione della casa coniugale,

Dettagli

SERVITÙ - PASSAGGIO COATTIVO.

SERVITÙ - PASSAGGIO COATTIVO. SERVITÙ - PASSAGGIO COATTIVO. CASS. CIV., SEZ. II, 15 GIUGNO 2011, N. 13101. In tema di costituzione di una servitù coattiva di passaggio su una parte comune di un edificio in condominio, la domanda giudiziale

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Sentenza 18 maggio 2015, n. 10173

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Sentenza 18 maggio 2015, n. 10173 Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Sentenza 18 maggio 2015, n. 10173 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 6505 Anno 2015 Presidente: VIRGILIO BIAGIO Relatore: IOFRIDA GIULIA Data pubblicazione: 31/03/2015 SENTENZA sul ricorso proposto da: Agenzia delle Entrate, in persona del Direttore

Dettagli

La Corte Suprema di Cassazione. Sezione II. Sentenza

La Corte Suprema di Cassazione. Sezione II. Sentenza Doppio quorum, deliberativo e costitutivo, per la validita delle assemblee condominiali. Cassazione Civile, Sezione II, Sentenza n. 6625 del 05/04/2004 Assemblea dei condomini - Per la validita delle delibere

Dettagli

Decisione N. 896 del 14 febbraio 2014

Decisione N. 896 del 14 febbraio 2014 IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente del Collegio ABF di Roma Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente del Collegio ABF di Milano Presidente Membro effettivo

Dettagli

LAVORO SUBORDINATO - LAVORATRICI MADRI.

LAVORO SUBORDINATO - LAVORATRICI MADRI. LAVORO SUBORDINATO - LAVORATRICI MADRI. CASS. CIV., SEZ. LAV., 29 SETTEMBRE 2011, N. 19912. Il divieto di licenziamento della lavoratrice madre è reso inoperante quando ricorre una colpa grave da parte

Dettagli

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA Art. 2901 c.c. Condizioni. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE - Sentenza 14 novembre 2005 n. 22913 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Membro designato dalla Banca

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ESENTE DA REGISTRAZIONE Al SENSI DEL D.P.R. 26/411956 N. 131 TAB. ALL. B. - N.5 MATERIA TRIBUTARIA REPUBBLICA ITALIANA 2221. 1 5 Oggetto IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE

Dettagli

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss.

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. 1 RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. Regola: coincidenza tra soggetto (parte) in senso formale (autore dell atto) e soggetto (parte) in senso sostanziale (sulla sfera giuridica del quale si producono

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE. Composta dagli Ill.mi Sigg.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE. Composta dagli Ill.mi Sigg. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. FINOCCHIARO Mario - Presidente - Dott. CARLEO Giovanni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice Unico del Tribunale di Bari, Quarta sezione civile, GOT Dott. Savino Gambatesa, ha pronunciato la seguente SENTENZA Nella causa civile iscritta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO e 15020 5 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Oggetto *TRIBUTI R.G.N. 27415/2009 Cron.ig02q

Dettagli

Risoluzione di un contratto di locazione commerciale: come si valuta la gravità dell'inadempimento

Risoluzione di un contratto di locazione commerciale: come si valuta la gravità dell'inadempimento Risoluzione di un contratto di locazione commerciale: come si valuta la gravità dell'inadempimento Corte d'appello, Napoli, sez. II civile, sentenza 06/05/2015 n 1727 Pubblicato il 09/07/2015 La sentenza

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis..... Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Membro designato dalla Banca d'italia, che svolge le funzioni di

Dettagli

L aspra conflittualità tra i coniugi non impedisce l affidamento condiviso del figlio minore. Cassazione civile, sez. I, sentenza 31.03.2014, n.

L aspra conflittualità tra i coniugi non impedisce l affidamento condiviso del figlio minore. Cassazione civile, sez. I, sentenza 31.03.2014, n. L aspra conflittualità tra i coniugi non impedisce l affidamento condiviso del figlio minore Cassazione civile, sez. I, sentenza 31.03.2014, n. 7477 Il caso è quello di due genitori - in rapporti fortemente

Dettagli